Russia e India verso un’importante svolta commerciale

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 15.04.2018Russia ed India sono partner di lunga data con una ricca storia di cooperazione reciprocamente vantaggiosa. I due Paesi hanno un grande potenziale commerciale. Tuttavia, commercio e cooperazione economica russo-indiani non possono ancora essere definiti molto attivi. Questa situazione non è accettabile ed ora Russia ed India lavorano per sviluppare le relazioni economiche. Per molti anni i due Paesi hanno collaborato in settori cruciali come Industria della Difesa, energia nucleare e tecnologie spaziali. Tuttavia, gli scambi sono ancora relativamente piccoli. Inoltre, negli ultimi anni, il volume degli scambi ha iniziato a diminuire, costringendo la leadership di Russia e India a prestare particolare attenzione al problema. Grazie agli sforzi congiunti nel 2017, una crescita costante è finalmente iniziata. Nel periodo gennaio-novembre 2017, il commercio russo-indiano superava gli 8 miliardi di dollari, oltre il 21% in più degli scambi dello stesso periodo del 2016. Anche il 2018 è iniziato con successo: gli scambi nel gennaio 2018 superavano gli indicatori simili del 2017 del 55 percento. Si prevede che la crescita continui e che nel 2018 il commercio russo-indiano superi i 10 miliardi di dollari. Tuttavia, secondo gli esperti russi e indiani, queste cifre potrebbero essere molto più alte se il potenziale commerciale russo-indiano fosse pienamente realizzato. Nel marzo 2018, i media riferivano dell’incontro tra il Ministro dello Sviluppo Economico russo Maksim Oreshkin e il Ministro del Commercio e dell’Industria indiano Suresh Prabhu. Durante i colloqui, i ministri discussero dei vari ostacoli alla cooperazione economica tra Russia e India. Tali ostacoli furono riscontrati nella sfera finanziaria, nella legislazione doganale e in vari altri settori. Di conseguenza, fu adottato un piano per rimuoverli; col successo dell’attuazione del piano, il commercio russo-indiano potrebbe raggiungere i 30 miliardi di dollari entro il 2025.
Un altro passo importante nello sviluppo delle relazioni commerciali tra Russia e India potrebbe essere la creazione di una zona di libero scambio tra India ed Unione economica eurasiatica (UEE), in cui la Russia svolge un ruolo di primo piano. Nel gennaio 2018 si svolsero consultazioni preliminari tra i rappresentanti dell’UEE e la leadership indiana a Nuova Delhi. Si prevede che entro la fine del 2018 le parti procederanno a negoziati a tutti gli effetti. Mentre la cooperazione su vasta scala su vari beni e servizi tra Russia e India va ancora raggiunta, da tempo è ad alto livello in settori come la tecnologia militare. L’India è da tempo un importante acquirente di equipaggiamento militare russo. Il progetto missilistico russo-indiano BrahMos è un successo. Tra le ultime notizie sulla cooperazione tecnico-militare tra i due Paesi, va notato il desiderio dell’India di acquisire sistemi di difesa aerea russi S-400 Triumf. Si prevede che il contratto sarà firmato entro la fine del 2018. L’India è anche interessata alle tecnologie russe per scopi pacifici. Ad esempio, nel febbraio 2018 fu firmato un memorandum per la cooperazione tra United Shipbuilding Corporation (USC, RF) e la più grande società di costruzioni navali indiane, la Cochin Shipyard Limited. Conformemente al documento, le parti intendono progettare e costruire insieme navi moderne per la navigazione interna e costiera. L’elenco delle navi che le compagnie russe e indiane costruiranno congiuntamente comprende petroliere, navi da carico secco, navi passeggeri e hovercraft. Inoltre, l’USC prenderà parte alla costruzione di infrastrutture per le costruzioni e riparazioni navali nello stato indiano dell’Andhra Pradesh. Inoltre, Russia e India considerano molti altri progetti congiunti relativi ad industria petrolifera, aeronautica, elettronica, farmaceutica e informatica. Una task force sui progetti d’investimento prioritari, creata dalla commissione intergovernativa russo-indiana diversi anni fa, ne discute. La riunione programmata del gruppo si tenne nel settembre 2017. Tra le questioni discusse c’era l’imminente apertura del Centro per la formazione di specialisti nei settori dell’energia e dell’ingegneria pesante, che inizierà i lavori in India nel 2018. La creazione del centro è il risultato del lavoro congiunto tra associazione scientifica e produttiva russa TsNIITMASH e società indiana Heavy Engineering Corporation Ltd. Oltre alla task force per i progetti d’investimento, ci sono anche task force russo-indiani per scienza e tecnologia, prodotti farmaceutici, turismo e cultura, energia, promozione dei pagamenti in valute nazionali e così via.
Nonostante il lavoro dei funzionari, il miglioramento della legislazione e l’impegno degli ambienti economici, il principale problema che ostacola il commercio russo-indiano è il fattore geografico. Russia e India non confinano e tra esse si trovano le distese di Cina ed Asia centrale. La maggior parte (oltre l’80%) del traffico tra i due Paesi avviene lungo la rotta marittima da San Pietroburgo che attraversa il Canale di Suez. È una rotta lunga e difficile che difficilmente permetterà il pieno potenziale commerciale russo-indiano, indipendentemente dalle condizioni favorevoli che i due Paesi creano. Pertanto, un importante passo verso la cooperazione commerciale su vasta scala tra India e Russia include l’istituzione di un corridoio per il trasporto internazionale (ITC) chiamato “Nord-Sud”, sul quale operano Federazione Russa, India, Iran e Azerbaigian. Il progetto ITC prevede la creazione di una vasta rete di strade e ferrovie che collega Russia e Iran. Un ramo va dalla Russia all’Iran attraverso l’Azerbaijan; l’altro termina nel Mar Caspio, nel porto di Astrakhan. Lì, il carico passa al trasporto marittimo seguendo le coste iraniane e quindi continuando su ferrovia. Il terzo ramo passa da Kazakistan, Uzbekistan e Turkmenistan. Passando per l’Iran, queste strade dovrebbero finire sulle rive del Golfo Persico, nel porto di Bandar Abbas, da dove possono raggiungere il più grande porto indiano, Mumbai. Pertanto, l’ITC “Nord-Sud” dovrebbe ridurre al minimo il segmento marittimo della rotta tra Russia e India. Il lavoro sul progetto è già al primo decennio; l’interesse per l’ITC si attenuò e poi riapparve. Ma alla fine, negli ultimi anni, i Paesi partecipanti intensificano gli sforzi e il progetto “Nord-Sud” inizia rapidamente ad avvicinarsi alla realizzazione. Va completandosi il ramo più conveniente dell’ITC dal punto di vista logistico, che attraversa l’Azerbaigian. Dopo il completamento dei restanti 180 km di ferrovia tra Iran e Azerbaigian, sarà istituito un servizio ferroviario diretto tra questi Paesi e la Russia. Ciò significa che le comunicazioni tra Russia e India aumenteranno significativamente.
Si può concludere che Russia e India lavorano seriamente sullo sviluppo della cooperazione economica. Dato l’enorme potenziale per entrambi i Paesi, ci si può aspettare che i lavori portino presto risultati molto tangibili.Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

L’imbarazzante difesa antimissili degli USA

Moon of Alabama, 26 marzo 2018Nel nuovo budget della difesa da 700 miliardi di dollari, il Congresso degli Stati Uniti ha stanziato altri soldi per la difesa missilistica degli Stati Uniti: “Il Pentagono avrebbe speso un altro miliardo di dollari su due sistemi di difesa missilistica della Lockheed, portando gli stanziamenti per l’Agenzia di difesa missilistica a 11,5 miliardi di dollari”. Altro denaro dei contribuenti degli Stati Uniti sarà dato anche agli appaltatori della difesa missilistica d’Israele: “Il Congresso ha aumentato drasticamente il budget per i programmi di difesa missilistica israeliana di 148 milioni dollari includendo lo sviluppo di Iron Dome e Arrow 3”. “Sono lieto ed entusiasta di annunciare che il Congresso degli Stati Uniti ha approvato la somma record per il programma di difesa missilistica israeliano: 705 milioni di dollari nel 2018!” Annunciava il ministro della Difesa Avigdor Liberman.
Due incidenti la scorsa notte dimotrano ancora una volta che la difesa missilistica è uno spreco di denaro. Non funziona quasi mai. La difesa missilistica strategica, che gli Stati Uniti costruiscono per abbattere i missili intercontinentali, non proteggerà dalle nuove armi che la Russia e altri sviluppano. L’esercito statunitense lo riconosce. Dopo che Putin annunciava i nuovi sistemi d’arma, l’amministrazione Trump alzò bandiera bianca, improvvisamente chiedendo nuovi colloqui sul controllo delle armi.
La scorsa notte l’esercito yemenita lanciava sette missili balistici contro l’Arabia Saudita. Tre sulla capitale Riyadh, e quattro su obiettivi militari e infrastrutturali. A Riyadh le forze saudite hanno sparato numerosi missili terra-aria Patriot affermando di aver intercettato i missili yemeniti. Il sistema Patriot Advanced Capabilities-2 (PAC-2) saudita è prodotto dalla società statunitense Raytheon che assume anche ex-militari statunitensi come “Patriot Battery Systems Technician Field Engineers” per gestire i sistemi sauditi. Le precedenti rivendicazioni saudite su intercettazioni riuscite si sono rivelate false. Le piccole testate dei missili yemeniti si separano dal corpo e sono difficili da rilevare. Gli Stati Uniti hanno fornito sistemi che mirano sul corpo vuoto del missile. Questa volta vari video da Riyadh mostrano che almeno sette intercettori furono lanciati contro i tre missili in arrivo. Almeno due intercettori fallivano in modo catastrofico. Gli altri cinque sembravano autodistruggersi in volo. Non vi è alcun segno di alcuna intercettazione. Uno degli intercettori Patriot esplose prematuramente durante il decollo. I rottami in fiamme coprirono il terreno.

Un altro intercettatore Patriot virava colpendo il terreno a qualche centinaio di metri di distanza dagli spettatori:

Inevitabilmente sono seguiti alcuni commenti irridenti :
Jeffrey Lewis @ArmsControlWonk
Quando il tuo PAC2 si radicalizza e ti accende…

Haykal Bafana @BaFana3
Persino i missili Patriot sauditi sanno chi è il vero nemico: tornano a terra bombardando l’Arabia Saudita.

agitpapa @agitpapa
Come dovrebbe funzionare un vero patriota, uccidere i tizi responsabili dell’11 settembre invece di servirli.

Gli altri missili della difesa sembravano essersi auto-distrutti presumibilmente dopo aver perso il contatto col bersaglio. Ciascuno di tali missili MIM-104C Patriot costava circa 2-3 milioni di dollari. I sauditi dicono che un uomo rimase ucciso e due feriti nell’attacco yemenita. È più probabile che fossero vittime della difesa missilistica.
In un’altra notte, l’incidente missilistico israeliano con il lancio di una ventina degli intercettatori dell’Iron Dome pagato dagli statunitensi contro presunti missili lanciati dalla striscia di Gaza: “Lo scudo antimissile israeliano Iron Dome intercettò un certo numero di razzi lanciati dalla Striscia di Gaza, secondo i media israeliani, dopo che le sirene avvertivano dal territorio palestinese controllato da Hamas”.

Tale rapporto si rivelò essere falso. Diversi video mostrano i missili della difesa esplodere in un lampo in aria. Tali esplosioni furono interpretate come intercettazioni riuscite, ma di solito si tratta dell’auto-distruzione programmata che impedisce ai rottami dei missili di cadere sulla gente sotto. In effetti alcun missile sparato dall’esercito israeliano ha distrutto bersagli, in quanto non ce n’erano: “Multipli falsi allarmi esplosero nei consigli regionali di Hof Ashkelon e Sha’ar HaNegev e nella città meridionale di Sderot, domenica sera, mentre la difesa missilistica Iron Dome scambiava proiettili dalla Striscia di Gaza per una salva di missili. I consigli regionali originariamente riferirono che il sistema anti-missile Iron Dome avrebbe intercettato ogni razzo. Tuttavia, le IDF confermarono che nessuna salva era stata sparata contro Israele. Nessuna salva fu sparata sul territorio dello Stato di Israele. La situazione a Gaza è normale. Le intercettazioni del sistema Iron Dome si attivarono a causa di alcuni proiettili dalla striscia. Niente era caduto nel territorio israeliano. Controllava anche se mortai o razzi fossero stati sparati“, si legge nella dichiarazione. Prima del chiarimento dell’IDF, i consigli regionali dissero ai residenti di rimanere al riparo. Ogni missile dell’Iron Dome costa almeno 50000 dollari. L’IDF aveva appena speso 1000000 di dollari dei contribuenti statunitensi perché un sistema “ipersensibile” aveva scambiato il tiro di un fucile casuale per dei razzi su Israele.
La difesa missilistica strategica degli Stati Uniti è contro i missili a lungo raggio. I sistemi Patriot in Arabia Saudita dovrebbero difendere dai missili balistici a medio raggio. I sistemi israeliani Iron Dome dovrebbero difendere dagli attacchi missilistici a corto raggio. I tre sistemi sono ovviamente incapaci di adempiere al loro compito, dimostrando che la difesa missilistica è proibitivamente costosa. Il costo di ciascun intercettore della difesa missilistica è diverse volte il costo del missile attaccante. Il numero di intercettori è limitato e i sistemi possono essere esauriti e sopraffatti da salve di finti razzi dal basso costo e seguiti da un attacco reale. L’anno scorso i sauditi furono spinti dall’amministrazione Trump ad acquistare il nuovo sistema di difesa antimissile d’aerea ad alta quota (THAAD): “Il pacchetto siglato includerebbe 44 lanciatori THAAD, 360 intercettori, 16 gruppi tattici mobuli di controllo tiro e comunicazioni e 7 radar AN/TPY-2 , insieme alle relative attrezzature di supporto e addestramento”. Questo nuovo sistema dovrebbe difendere l’Arabia Saudita dai missili balistici iraniani. Ma secondo un’analisi sudcoreana, il sistema di difesa missilistico THAAD ha lo stesso problema del Patriot. Può essere facilmente ingannato da inganni economici e tende a colpire il corpo del missile mancando la testata separatasi che semplicemente continua il volo sul bersaglio. Quando il principe-buffone saudita visitò Washington, la settimana scorsa, il presidente degli Stati Uniti diede uno spettacolo imbarazzante su tali vendite. I sauditi dovranno pagare circa $ 15 miliardi per il fondamentalmente inutile sistema THAAD. “Questo è uno scherzo per voi” disse Trump. Ma i cittadini sauditi potrebbero non essere d’accordo con tali scherzi. Apparentemente, il principe-pagliaccio non ne era divertito. Ma cosa fare? Se smette di comprare le inutili armi statunitensi, il borg di Washington lo “cambierebbe” in pochissimo tempo.
L’attuale difesa missilistica non è economicamente sostenibile. I limiti della fisica lo rendono facile da violare. Ma i sistemi hanno ancora un loro scopo. Per i politici statunitensi sono un modo facile di dare i soldi dei contribuenti ai proprietari dell’industria della difesa. Per il governo israeliano sono uno strumento psicologico (pagato dagli Stati Uniti) per impedire al proprio popolo di protestare contro le conseguenze della rapina sionista. I sauditi li vedono come un inevitabile pizzo. I fallimenti pubblici della difesa missilistica mettono in pericolo tali scopi. Se il pubblico crede che la difesa missilistica non funziona, la truffa decade. Qualsiasi futura vendita va quindi condizionata dalla promessa di non utilizzare mai il sistema acquistato.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Sette ragioni per respingere la tesi dei missili “iraniani” agli yemeniti

Filip Vuković, Balkans Post 15 dicembreNikki Haley, l’ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, mostrava “prove concrete” che l’Iran viola le risoluzioni delle Nazioni Unite fornendo armi alle forze di Ansarullah, gruppo ribelle nello Yemen. “In questo magazzino ci sono prove concrete della proliferazione illegale di armi iraniane, raccolte dagli attacchi diretti ai partner della regione“, ha detto di fronte ai resti di un missile balistico delle dimensioni di un’automobile, durante la conferenza stampa presso la Base Anacostia-Bolling di Washington, DC. Gesticolando col missile dietro, invocava sanzioni internazionali maggiori contro l’Iran. Prima di Haley, i funzionari sauditi avevano mostrato i resti del missile in TV, nel tentativo di convincere gli spettatori che fosse stato effettivamente abbattuto. “Questi sono i pezzi recuperati di un missile sparato dai miliziani huthi dallo Yemen all’Arabia Saudita“, aveva detto Haley. “L’obiettivo dal missile era un aeroporto civile di Riyadh dove transitano ogni giorno decine di migliaia di passeggeri: immaginate se questo missile fosse stato lanciato sull’aeroporto Dulles o JFK o di Parigi, Londra o Berlino. La lotta all’aggressione iraniana è la lotta del mondo“, aggiungeva. Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti hanno dato al Pentagono le parti recuperate dei missili. Un frammento includerebbe il marchio del Gruppo Industriale Shahid Bagheri (SBIG), produttore di missili iraniani. “Questi sono iraniani, sono stati inviati e consegnati dagli iraniani“, aveva detto. L’Esercito yemenita, appoggiato da Ansarullah, il 5 novembre dichiarava che un missile balistico a medio raggio Burqan-2 (Vulcano-2) aveva centrato l’aeroporto internazionale Re Qalid, 35 chilometri a nord della capitale saudita Riyadh. I funzionari sauditi inizialmente negarono che il missile avesse colpito l’aeroporto, sostenendo che fu abbattuto dai sistemi missilistici Patriot di fabbricazione statunitense e progettati per contrastare le minacce missilistiche. Tuttavia, una squadra di esperti statunitensi utilizzando immagini satellitari, foto e spiegazioni scientifiche, dimostrava che il missile era effettivamente caduto vicino a una delle piste dell’aeroporto.

Risposte internazionali
Smentendo le dichiarazioni degli Stati Uniti secondo cui l’Iran invia missili balistici, il movimento huthi dello Yemen sostiene che le accuse servono a distrarre dal riconoscimento del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di Gerusalemme capitale d’Israele. Abdalmaliq al-Ajri, alto funzionario huthi, dichiarava che lo Yemen lancia missili in Arabia Saudita contro l’aggressione del regno allo Yemen iniziata nel 2015. “Dopo tre anni di guerra, gli USA trovano improvvisamente prove che l’Iran sostiene gli huthi“, scriveva su twitter. “Gli USA non hanno trovato alcuna prova nei missili sparati dallo Yemen finora. La storia è chiara: vogliono dare ai sauditi una storia per distogliere l’attenzione da Gerusalemme, invece di arrabbiarsi con Israele, sventolano lo spauracchio iraniano“, aggiungeva. La missione dell’Iran alle Nazioni Unite respinse categoricamente l’affermazione di Nikki Haley secondo cui il missile sparato in Arabia Saudita dallo Yemen sarebbe stato fornito dall’Iran, descrivendone le affermazioni come infondate. In una dichiarazione rilasciata lo stesso giorno, la missione denunciava le accuse statunitensi come “irresponsabili, provocatorie e distruttive“, affermando che “tale presunta prova… è fabbricata tanto quanto quelle presentate in altre occasioni“. Nella dichiarazione, i diplomatici iraniani rispondono che “tali accuse cercano anche di coprire i crimini di guerra sauditi nello Yemen, con la complicità statunitense, e distolgono l’attenzione internazionale e regionale dalla guerra d’aggressione agli yemeniti in stallo che finora ha ucciso otre 10000 civili, creato tre milioni di sfollati, paralizzato le infrastrutture e il sistema sanitario dello Yemen e spinto il Paese sull’orlo della peggiore carestia che il mondo abbia visto in decenni, come l’ONU avvertiva“. “Mentre l’Iran non ha fornito missili allo Yemen, tali iperboli servono le altre agende statunitensi in Medio Oriente, come coprire l’avventurismo nella regione e il supporto sfrenato al regime israeliano“, si legge nella dichiarazione, che sottolineava inoltre “il diritto degli yemeniti all’autodifesa” e ribadiva che il conflitto nel Paese non aveva una soluzione militare. Anche Gholam-Ali Khoshrou, l’ambasciatore iraniano all’ONU, ha respinto le affermazioni dell’omologa statunitense e affermava che lo “show” di Haley era semplicemente volto a coprire le armi di Washington al regime saudita, che hanno ucciso donne e bambini yemeniti. Mohammad Javad Zarif, ministro degli Esteri iraniano, ha anche confrontato le accuse di Haley all’Iran a quelle di Colin Powell che nel 2003 sostenne che l’Iraq nascondesse armi di distruzione di massa per giustificarne l’attacco. Farhan Haq, viceportavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite, aveva messo in dubbio le affermazioni di Arabia Saudita e Stati Uniti, affermando che persino l’ONU non poteva confermare l’origine dei missili.

Le affermazioni del Pentagono
Il Pentagono ha mostrato rottami di ciò che i funzionari definivano missili balistici Qiam iraniani lanciati dallo Yemen, il 22 luglio e il 4 novembre, sull’aeroporto internazionale Re Qalid vicino Riyadh. I funzionari spiegavano perché il Pentagono credeva che provenissero dall’Iran, indicando la “sigla dello SBIG” e “disegni unici” delle armi iraniane. “Il punto di tale dimostrazione è che solo l’Iran realizza questo missile, ma non l’ha ceduto a nessun altro“, dichiarava Laura Seal, portavoce del Pentagono. Seal aveva detto che gli USA non sapevano quando il missile fu esportato dall’Iran, aumentando la possibilità che fosse stato trasferito agli huthi prima della risoluzione ONU del 2015 che sanciva l’accordo nucleare tra Iran e potenze mondiali, come gli Stati Uniti. Un allegato alla risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite invita tutti i Paesi ad impedire “fornitura, vendita o trasferimento di armi o materiale connesso dall’Iran con navi o aeromobili di bandiera e indipendentemente che provenissero o meno dall’Iran“, fino al 2020. Ciò ha esteso l’attuale divieto di esportazione di armi in vigore dal 2007.

Analisi
Il missile in questione non è un Qiam o altro missile iraniano per i seguenti motivi:

1. Missile balistico Qiam
Il Qiam è un missile balistico a corto raggio (SRBM) iraniano originariamente testato nell’agosto 2010. È una versione modernizzata dell’iraniano Shahab-2, copia del nordcoreano Hwasong-6, derivato dal missile sovietico Scud-C. Un missile a due stadi, progettato per ridurre notevolmente i tempi di preparazione al lancio rispetto ai modelli precedenti con propellenti liquidi, e senza pinne alla base del primo stadio. Il Qiam ha una gittata di 750 km, una lunghezza di 11,5 metri, un diametro di 0,855 metri e un peso di 6155 chilogrammi. Le dimensioni del Shahab-2 sono quasi identiche. Ora, perché il Pentagono afferma di aver mostrato un Qiam, non uno Shahab-2? La risoluzione 1747 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, approvata il 24 marzo 2007, impose l’embargo sulle armi all’Iran. Considerando che il Qiam è entrato in servizio nel 2010, ciò implicherebbe che la presunta esportazione nello Yemen violasse la risoluzione ONU (periodo post-2007), dato che lo Shahab-2 è entrato in servizio nei primi anni ’90, sarebbe difficile dimostrare che l’Iran non l’avesse esportarlo tra il 1990 e il 2007.

2. Prova numerica
Un elemento cilindrico dei resti mostra i segni numerici (4-9) attorno ai piccoli fori del serbatoio del carburante e dell’ossidante (con i tubi del carburante e sfiati ossidanti), e se si confrontano con quelli del Qiam visualizzati nella base missilistica sotterranea iraniana nel 2015, sembrano adattarsi perfettamente. Tuttavia, si adattani perfettamente anche alla maggior parte dei modelli derivati dallo Scud perché la parte centrale è identica. Le testate e le pinne variano in dimensioni e forma, ma non sopravvivono al volo.3. Design iraniano “unico”
Come già accennato, il Qiam si basa fondamentalmente sul missile Scud sovietico, gli altri derivati sono gli iraniani Shahab-1 e Shahab-2, i nordcoreani Hwasong-5, Hwasong-6 e Hwasong-9, gli iracheni al-Husayn, al-Hijarah e al-Abas e infine gli yemeniti Burqan (Vulcano). Hanno tutti qualcosa in comune: un diametro di 0,855 metri e una disposizione dei fori (numerati). Qiam infatti ha un design unico per la testata a quattro coni e un corpo senza pinne, ma il Pentagono non ha mostrato alcuna di tali caratteristiche uniche, solo un serbatoio tipico della famiglia di missili.

4. Sigla “Shahid Bagheri
Secondo tutti i rapporti disponibili riguardanti il programma missilistico iraniano pubblicati negli ultimi venti anni da IISS, CSIS, FAS e Jane, lo Shahid Bagheri Industrial Group (SBIG) è responsabile solo della produzione di missili a propellente solido, a partire dagli Oghab e Fajr-3 di metà anni ’80. D’altra parte, i progetti di missili a combustibili liquidi iraniani sono responsabilità di un’altra società, lo Shahid Hemmat Industrial Group (SHIG). Dato che il Qiam è senza dubbio un missile con primo stadio a propellente liquido (presumibilmente noto al Pentagono), sicuramente non ha nulla a che fare col gruppo Shahid Bagheri.

5. Trasferimento in “piccoli pezzi”
Questa affermazione è di Adil al-Jubayr secondo cui “il missile era stato contrabbandato nello Yemen in parti e assemblato dagli agenti iraniani“. Il ministro degli Esteri saudita ritiene quindi che i missili balistici siano dei giocattoli Lego, che possono essere facilmente smontati in centinaia di piccoli pezzi e poi assemblati con un buon manuale in persiano. Nella realtà, la costruzione del corpo del missile è estremamente sensibile e come prodotto finito viene trasferito lentmente. Lo stadio più grande del Qiam (o Shahab-2) ha una lunghezza di nove metri e un peso di qualche tonnellata, quindi contrabbandarlo in un Paese sotto blocco navale e aereo appare una fantasia. Prima che l’Iran costruisse il principale centro spaziale con un grande edificio per l’assemblaggio orizzontale, in precedenza radunava i missili a Teheran e li portava a 200 km, nella Provincia di Semnan, per il lancio. Lo Yemen non ha tali strutture, generalmente grandi, esposte e vulnerabili, specialmente agli attacchi aerei. Questo è il tipico trasferimento di Scud:Il primo stadio di uno Scud portato in Russia

6. Vera origine dei missili yemeniti
Sia i funzionari iraniani che quelli yemeniti smentivano il trasferimento del Qiam o di qualsiasi altro missile balistico iraniano nello Yemen, e prima di qualche giorno fa, non c’era un solo rapporto sul trasferimento di Qiam o Shahab-2 nello Yemen. Inoltre, l’Esercito yemenita pubblica le foto dei suoi missili balistici a corto raggio (in deposito e al lancio), ed è chiaro che hanno le pinne (cioè non sono Qiam). I Burqan non sono missili yemeniti, ma furono importati e rinominati, ma non dall’Iran o dall’Iraq. I primi missili Scud giunsero nello Yemen direttamente dall’Unione Sovietica nel 1979, che in seguito ne ricevette anche dalla Corea democratica. Nel 2002, i marines spagnoli salirono a bordo della nave coreana “So San” nel Mar Arabico, che trasportava 15 missili Scud (Hwasong-5) per lo Yemen. Il sensazionale assalto delle unità navali spagnole fu inizialmente celebrato dai media occidentali, dato che Washington pensava fosse destinato all’Iraq, ma presto divenne un imbarazzante incidente politico. Il ministro degli Esteri yemenita inviò una lettera molto dura all’ambasciatore statunitense, spiegando che i missili erano destinati all’esercito yemenita e dovevano essere immediatamente inviati nello Yemen perché la vendita dei missili Scud non era proibita dal diritto internazionale. Lo Yemen era autorizzato a riceverli e non fu accusato della transazione.

7. Affermazioni saudite simili
Prima degli Stati Uniti, i sauditi fecero molte affermazioni ugualmente incoerenti e illogiche sui missili yemeniti e “iraniani”. Nell’ottobre 2016 affermarono che “gli huthi presero di mira la Mecca“, un misero tentativo di avere il sostegno dei musulmani da tutto il mondo, e anche di demonizzare due Paesi a maggioranza sciita. In questo caso specifico, affermarono anche che la difesa aerea saudita aveva intercettato il missile “iraniano”, e come prova ne mostrarono il primo stadio (nemmeno colpito); semplicemente lo prelevarono nel deserto. Tuttavia, i video degli esperti statunitensi confermavano che il missile aveva colpito la pista dell’aeroporto. Tali affermazioni possono alzare il morale della popolazione saudita analfabeta, ma gli esperti possono solo riderne. Le accuse ufficiali statunitensi non ne sono lontane.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La Russia ha un nuovo gigantesco missile antibalistico (e funziona)

Lukas Andriukaitis Medium 14 dicembre 2017

Gli Stati Uniti ci spendono tonnellate di denaro, ma sembra in realtà che la Russia, con la sua vasta esperienza nella costruzione di grandi difese aeree, sia avanti. Anche se non c’illudiamo, questa tecnologia è ancora agli inizi e non si può averne sicurezza.Il 24 novembre, un missile intercettore russo di recente introduzione colpiva con successo un bersaglio. DFRLab aveva riferito che la Russia mostra le sue capacità nucleari offensive, questa volta i miglioramenti sono difensivi. Il missile intercettore PRS-1M è l’ultimo aggiornamento del sistema missilistico antibalistico A-135 (nome in codice NATO: ABM-3) a guardia di Mosca. @DFRLab da uno sguardo approfondito al nuovo missile russo e alle sue capacità. Il Ministero della Difesa russo riferiva del test del nuovo missile il 24 novembre dal sito ufficiale. Il post includeva video del test missilistico, dando uno sguardo ai poligoni in cui si svolgono questi test. Il post del Ministero della Difesa russo menzionava il test effettuato presso il poligono di Sary-Shagan nella Repubblica del Kazakistan. Il video del MoD conferma le affermazioni. Sary-Shagan è uno dei pochi siti militari (Sary-Shagan, poligono Emba e il 929.mo Centro Test di Volo) che il Kazakistan affitta alla Russia. Il sito di Sary-Shagan fu creato nel 1956 per testare i sistemi missilistici antibalistici (ABM) sparati dal sito di Kapustin Jar.
Il veicolo che trasporta il missile appare presso l’aeroporto militare della base di Sary-Shagan, manovrando verso ovest, all’interno del poligono.
Il video ufficiale non fornisce informazioni che confermino l’esatta posizione del lancio. Tuttavia, la struttura del sito di lancio a nord-ovest dal luogo in cui il veicolo manovra, è probabilmente quello che si vede nel video.Possibile sito di lancio.
Il lancio del missile intercettore PRS-1M
Ecco le località individuate sulla mappa.
Il Vicecomandante dell’unità delle Forze Aerospaziali, Colonnello Andrej Prihodko, dichiarava: “Il missile antibalistico ha seguito il piano di volo e ha colpito con successo il bersaglio”. Il nuovo missile è una variante modernizzata del 53T6/PRS-1 (nome in codice NATO Gazelle) e può essere schierato in un silo missilistico rinforzato o su un lanciatore mobile. Il missile intercettore aggiornato ha un nuovo fuso con scudo termico in materiale composito e motore più potente. Secondo quanto riferito, l’intercettore PRS-1M può distruggere bersagli a una distanza di 350 chilometri e ad una quota, secondo varie stime, tra 40000 e 50000 metri. I missili a lungo raggio presumibilmente saranno equipaggiati con testate nucleari. La versione precedente 53T6/PRS-1 poteva distruggere bersagli solo entro 80-100 chilometri e ad una quota di 30000 metri. Il sistema A135 è il complesso dispiegato intorno a Mosca per contrastare i missili nemici diretti sulla città e le aree circostanti. È operativo dal 1995 ed è considerato un sistema unico nel suo genere, difendendo Mosca con missili a testata nucleare. L’introduzione dei missili intercettori PRS-1M amplierà la zona protetta attorno Mosca, probabilmente anche da minacce nucleari.Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito

Lo Yemen s’impone su Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti

Ibrahim Saraji, Yemen Press 12 dicembre 2017Non è possibile limitare le ripercussioni negative per le forze dell’aggressione saudita-statunitense sullo sfondo dell’eliminazione della sovversione a Sana’a e altre province a tempo di record; perché tale scommessa era l’ultima, arrivata alla resa dei conti eliminando ogni speranza per l’aggressione, oggi più che mai fallita. Nel momento in cui questi Paesi, in particolare Arabia Saudita ed Emirati Arabi, scoprono molto sugli “scudi” difensivi che dovrebbero affrontare i missili balistici o il nuovo missile da crociera che ha colpito gli Emirati Arabi Uniti, secondo il New York Times. Negli ultimi giorni, diversi giornali importanti riferendosi ai governanti dell’Arabia Saudita e alla loro assoluta fiducia nel passaggio ai successori, indicano che l’instabilità nello Yemen significa stabilità di Arabia Saudita e Stati del Golfo, e crescenti attacchi dell’esercito e delle commissioni popolari, compresi i missili contro Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti; e la stabilità dello Yemen controllato da esercito e comitati popolari, costituisce una minaccia alla loro stabilità, innescando così la sovversione a Sana e in altre province, il cui obiettivo principale era portare il caos in queste aree, in modo che divenissero difficili o danneggiassero le operazioni dell’esercito, dei comitati popolari e della forza missilistica yemeniti. Con l’improvviso fallimento della sedizione, il tentativo si ritorse nel contrario, stabilizzando Sana, e un missile da crociera colpiva Abu Dhabi per la prima volta dopo un lancio di prova. Quindi il leader della rivoluzione, Abdulmaliq al-Huthi, apparve in seguito al crolla della sedizione parlando di tradimento. Per qualsiasi Paese, ad eccezione di Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, completamente entro la gittata dei missili yemeniti, questa è una nuova situazione che danneggia i governanti del regime saudita, poiché Arabia Saudita ed EAU non saranno stabili finché continuano l’aggressione allo Yemen. La stabilità dello Yemen in cambio della stabilità di Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, e stabilità nella capitale Sana, in cambio della stabilità a Riyadh e Abu Dhabi.

Missili rilevatori
Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, insieme agli Stati Uniti, incontreranno altri disastri collegati al crollo del muro difensivo di Riyadh e Abu Dhabi e alla fine del mito dei sistemi di difesa degli Stati Uniti, che sponsorizzano l’aggressione allo Yemen. In tale contesto, quando la forza missilistica yemenita lanciò il missile da crociera sulla centrale nucleare di Abu Baqra ad Abu Dhabi, svelò il primo obiettivo nella capitale dell’aggressione e il sistema missilistico da crociera che si univa a quelli balistici. Da qui, le fonti confermano che il missile colpì il bersaglio con precisione. Il regime degli EAU, pur di non riconoscere la sconfitta strategica, affermava che alcun missile aveva raggiunto la sua capitale, sottolineando che la centrale nucleare era protetta da sistemi difensivi; affermazioni “inavvertitamente” smentite dalla Casa Bianca. Il missile da crociera yemenita colpiva una serie di obiettivi, danneggiando la centrale degli Emirati. L’obiettivo strategico era privare la capitale dell’aggressione della stabilità e quindi minacciarne economia ed investimenti, riflesso dai timori degli investitori. La Casa Bianca, nel contesto della “rabbia” derivante dal fallimento dell’ultima trama dell’aggressione, con la fine delle milizie della sedizione, dichiarava di condannarne l’uccisione dei capi; chiara condanna del fallimento della sedizione su cui aveva scommesso per salvare l’aggressione dalla sconfitta che subisce da tre anni, e allo stesso tempo chiedere una soluzione politica, frase disfattista comunemente usata dalla Casa Bianca e dal Consiglio di sicurezza. La dichiarazione della Casa Bianca condannava anche ciò che definiva “sconsiderati attacchi missilistici degli huthi” contro Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. La condanna delle forze armate e delle commissioni popolari non manca, ma succede che così i funzionari della Casa Bianca svelano che i loro sistemi di difesa negli Emirati Arabi Uniti sono stati violati da un missile yemenita, e quindi la dichiarazione dimostrava che il missile da crociera yemenita ha adempiuto alla propria missione.

Il Burqan pone fine al Patriot
Nel contesto dei disastri racimolati dalle forze dell’aggressione, c’è il disastro che terrorizza gli Stati Uniti d’America e getta dubbi sui loro alleati nel mondo che puntano alla loro protezione. Gli importanti esperti militari che lavorano nel dipartimento investigativo militare del New York Times rivelavano che il Patriot Pack 3 degli Stati Uniti non intercettò il missile balistico Burqan-2H che era riuscito a colpire l’aeroporto Re Qalid nella capitale saudita Riyadh, anche se il sistema di difesa impiegò cinque missili inutilmente. Sulla base dei risultati, il quotidiano statunitense pubblicava un articolo tradotto dal collega Ahmad Abdurahman dal titolo “Le difese missilistiche statunitensi hanno fallito in Arabia Saudita?”, con disegni dettagliati, videoclip e immagini dell’aeroporto Re Qalid, dei missili intercettori e delle colonne di fumo innalzarsi dall’aeroporto. “Il nostro sistema di difesa missilistica è partito“, diceva il giornale, “Ma l’analisi delle immagini e dei video pubblicati sui vari media indica che è falso. In contrasto con quanto detto, le prove analizzate da un gruppo di esperti missilistici dimostrano che la testata del missile non fu intercettata dalle difese saudite prima dell’obiettivo, spaventando i passeggeri nella sala d’aspetto”. I funzionari sauditi si sono rifiutati di rispondere alle domande e i funzionari statunitensi “hanno messo in dubbio che i sauditi fossero effettivamente riusciti a colpire qualsiasi componente del missile, dicendo che non ci sono prove“. Secondo il giornale, gli esperti conclusero che i cosiddetti “huthi” sono “riusciti a sviluppare abbastanza forze per colpire obiettivi importanti in Arabia Saudita“. “Il governo ci mente sull’efficacia di questi sistemi, o sono state fornite informazioni false e fuorvianti“, secondo Jeffrey Lewis, l’esperto che ha guidato la ricerca. “Dobbiamo essere molto, molto preoccupati“. “Mantenendo il missile in rotta per quasi 600 miglia, è stato certamente progettato per dividersi in due quando è vicino al bersaglio. Il missile percorse la maggior parte della rotta e la testata esplosiva continuò verso l’obiettivo evitando i missili della difesa“. Gli Stati Uniti dovrebbero preoccuparsi molto del fallimento dell’avanzato sistema di difesa antimissile Patriot Pack 3 perché significa “che pone fine alla sua vita operativa“, secondo gli esperti. “Potete immaginare il lancio di cinque missili difensivi contro questo missile,  fallendo tutti“, affermava uno dei quattro esperti. “Questo è scioccante. Questo è terribile perché questo sistema missilistico dovrebbe riuscirci“.

Lo Yemen impone le sue regole
Sauditi ed emirati sapevano più di altri che il Patriot non riuscì ad intercettare il Burqan che colpì l’aeroporto Re Qalid e che il missile da crociera aveva colpito l’obiettivo ad Abu Dhabi nonostante i falsi resoconti forniti sui due sistemi. Tuttavia, gli attacchi coincidono con la scommessa sul successo della sovversione programmata a Sana, che al culmine fece sperare ai regimi di poter evitare i missili yemeniti. Col più espressivo fatto compiuto, il segretario di Stato degli USA Rex Tillerson affermava che l’amministrazione statunitense aveve detto all’alleato saudita di cambiare la sconsiderata politica nella regione, in particolare su Yemen e Libano, e di attenuarla prima di prendere misure, nella prima acuta critica statunitense all’alleato saudita dell’era Trump. Alla luce di questi cambiamenti, appare chiaro che lo Yemen, rappresentato dalle forze armate, dai Comitati popolari, dalla forza missilistica, dal popolo e dalle tribù, impone le proprie regole alle forze dell’aggressione, sotto la guida del leader della rivoluzione Abdulmaliq al-Huthi.Traduzione di Alessandro Lattanzio