La Cina liquida i buoni del Tesoro USA, avvertendo Washington

Tyler Durden Zerohedge 27/08/2015

ChinaUSTHoldingsCi siamo chiesti cosa accadrebbe se i mercati emergenti della Cina si sbarazzassero dei buoni del Tesoro statunitensi. Per mesi abbiamo documentato la liquidazione della PBoC della gran quantità di carta degli Stati Uniti. A luglio, per esempio, notammo che la Cina aveva scaricato ben 143 miliardi di dollari in buoni del Tesoro USA in tre mesi via Belgio, lasciando la Goldman senza parole per una volta. Abbiamo seguito tutto ciò, questa settimana, osservando che grazie al nuovo regime FX (che, in ogni caso in teoria, avrebbe dovuto richiedere minor intervento), la Cina ha probabilmente venduto da qualche parte circa 100 miliardi di buoni del Tesoro USA nelle ultime due settimane, e solo come operazioni FX aperte per stabilizzare lo yuan. In parole povere, con la svalutazione della Cina e i successivi tentativi di contenerla, la Cina s’è liberata di una quantità epica di buoni del Tesoro USA. Ma anche con il gatto fuori dal sacco per i lettori di Zerohedge e anche, mescolando metafore varie, il genio uscito dalla bottiglia da metà agosto, la Cina, grazie al rifiuto netto di far galleggiare lo yuan, continuerà a vendere lentinaia di miliardi di USTS, e il mondo lentamente si sveglia su cosa in realtà implichino gli interventi FX della Cina, quando accadono due cose: i) Bloomberg, citando l’ufficio dei redditi FIX di New York, ha osservato una “pressione alla vendita sostanziale” degli USTS a lungo termine proveniente dall'”estremo oriente”, e ii) Bill Gross s’è chiesto, in un tweet, se la Cina vende buoni del Tesoro. Con certezza, abbiamo avuto la conferma di ciò che abbiamo descritto in modo esauriente per mesi. Ecco Bloomberg: “La Cina ha ridotto le sue dotazioni di titoli del Tesoro USA questo mese raccogliendo i dollari necessari per sostenere lo yuan dopo la svalutazione di due settimane fa, secondo persone vicine alla vicenda. Canali per tali operazioni di vendita diretta della Cina, sono agenti in Belgio e in Svizzera, ha detto una fonte anonima, poiché l’informazione non è pubblica. La Cina ha comunicato alle autorità statunitensi le vendite, ha detto un’altra fonte. Non hanno rivelato le dimensioni delle disposizioni. Gli ultimi dati disponibili del Tesoro e stime strategiche suggeriscono che la Cina controlla 1480 miliardi di dollari di debito pubblico degli Stati Uniti, secondo i dati compilati da Bloomberg. Compresi 200 miliardi di dollari detenuti tramite il Belgio, che Nomura Holdings Inc. dice sia la patria dei conti protetti cinesi. La PBoC ha venduto almeno 106 miliardi di attività di riserva nelle ultime due settimane, buoni compresi, secondo una stima della Société Generale SA. La cifra si basa sul calcolo della banca sulla liquidità aggiunta al sistema finanziario cinese dalla riduzione dei tassi d’interesse e dai requisiti di riserva richiesti ai creditori. Il presupposto è che la banca centrale si propone di ricostituire i fondi drenati quando comprava yuan per stabilizzarli”. Ora che ciò che è lampante da almeno sei mesi, è l’approvazione ufficiale basata sui fatti, e cosa esattamente significa il via libera alla speculazione dilagante per la politica monetaria degli USA. Ecco di nuovo Bloomberg: “La Cina vende titoli del Tesoro “non è una sorpresa, ma forse non è pienamente valutata”, ha detto Owen Callan, stratega FIX a Dublino presso Cantor Fitzgerald LP. “Cambierebbe la prospettiva sui buoni un bel po’, se iniziano a scontare abbastanza sulla liquidazione delle riserve nei prossimi sei mesi, o sulle intenzioni di come gestiranno lo yuan a qualsiasi livello”. “Con la vendita di titoli del Tesoro a difesa del renminbi, impediscono il ribasso dei rendimenti del Tesoro, nonostante il forte calo del mercato azionario“, ha detto a Bloomberg Television David Woo, a capo della Ricerca tassi globali e valute della Bank of America Corp. “La Cina impatta direttamente sui mercati globali tramite i tassi statunitensi“. Come avevamo detto, se facciamo una revisione della letteratura accademica esistente, come intrapresa da Citi, si ha idea di cosa significhi la liquidazione della riserva estera FX per i buoni del Tesoro USA (USTS). “Supponiamo che EM e Paesi in via di sviluppo, che detengono 5491 miliardi di riserve, riducano le partecipazioni del 10% in un anno, ciò equivale a 3,07% del PIL degli Stati Uniti e a un’ascesa decennale dei tassi del Tesoro per l’enorme cifra di 108 miliardi“, secondo Citi, in una nota d’inizio settimana. In altre parole, per ogni 500 miliardi di riserve valutarie cinesi liquidate, corrispondono 108 miliardi di pressione al rialzo decennale. Ricordate che, grazie alla minaccia dell’incombente aumento dei tassi della FED, e altri fattori tra cui il precipitare dei prezzi delle materie prime e rischi politici idiosincratici, le valute dei mercati emergenti sono in caduta libera, il che significa che non è solo la Cina a liquidare beni in dollari USA.
E’ chiaro che ci sia notevole pressione al rialzo dei rendimenti dei buoni del tesoro USA e che sia una situazione decisamente indesiderabile per la FED, che dovrà affrontarla a settembre. Avevamo riassunto la situazione così: “uno dei catalizzatori dei deflussi EM è l’incombente balzo della FED che, assieme a quanto sopra, indica che se il FOMC alza i tassi, quasi sicuramente accelererà la pressione sugli EM, innescando ulteriore uso degli FX di riserva (cioè svendita di buoni del tesoro USA), con conseguente notevole pressione sul rialzo dei rendimenti e un’inversione politica immediata, forse anche un QE4“. Bene, ora che la Cina liquida con frenesia i buoni del Tesoro USA, a un ritmo tale da non poterlo nascondere o minimizzare come irrilevante, e ora che Bill Dudley ha ufficialmente aperto la porta a un “ulteriore allentamento quantitativo“, sembrerebbe che l’unico modo per evitare che Cina ed EM liquidino i buoni del Tesoro USA, come indica Citi, “sia soffocare il mercato immobiliare degli USA” ed imporre una restrizione, tramite il canale di emissione degli UST, del FOMC avviando il QE4.20150826_EMFXTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il gigante bancario Citigroup trasferisce le riserve auree in Russia

What Does It Mean 25 agosto 2015

Sanford Weil, Rupert Murdoch, Valdimir Putin, Robert Kraft

Sanford Weil, Rupert Murdoch, Valdimir Putin, Robert Kraft

Un curioso rapporto del Ministero delle Finanze che circola al Cremlino riferisce che la Banca Centrale della Russia (CBR) ha “accettato di proteggere” 3 milioni di once d’oro del valore di oltre 3,5 miliardi di dollari del gigante dei servizi bancari e finanziari statunitense Citigroup, con inoltre quasi 100 miliardi di dollari liquidi. Secondo il rapporto, 1,4 milioni di once di oro ora protetti nelle casseforti della CBR, sono stati spediti direttamente dal Venezuela dopo un complesso accordo ad aprile tra la nazione sudamericana e Citigroup, e altri 1,6 milioni di once provenienti da vari Paesi con cui il colosso dei servizi bancari e finanziari ha rotto i legami nell’ultimo anno e mezzo, 11 nazioni, tra cui il Giappone, con cui Citigroup ha rotto, spiega il rapporto, perché anche di fronte le sanzioni occidentali Citigroup ha rifiutato di rompere con la Federazione (russa), e il direttore finanziario John Gerspach ha semplicemente detto al regime di Obama che “Non lasceremo la Russia”. Citigroup sulla sua pagina web, come questa relazione rileva, spiega ulteriormente il rapporto con la Federazione, affermando: “La storia di Citi in Russia è iniziata quasi 100 anni fa ed è strettamente legata alle vicende drammatiche svoltesi in quel periodo nel Paese. Citi ha sempre agito da collegamento tra l’economia russa e le altre economie mondiali e ha giocato un ruolo importante nello sviluppo commerciale e delle relazioni economiche estere del Paese. Citi arrivò in Russia alla vigilia della Rivoluzione. Nel 1916, Citi, allora chiamata National City Bank (NCB), sottoscrisse obbligazioni a sostegno del governo dell’Impero russo mentre la prima guerra mondiale riscuoteva il pedaggio sulle risorse del Paese“. Dei 100 miliardi di dollari in contanti della Citigroup “accettati per essere protetti” dalla CBR, la presente relazione continua, sono stati trasportati a Mosca da Cairo la scorsa settimana, prima dell’odierna decisione della Banca centrale d’Egitto che approva la vendita dei beni del gigante bancario nel Paese all‘International Commercial Bank (ICB), come aveva annunciato a giugno. Quanto al motivo per cui Citigroup trasferisce in segreto 100 miliardi in contanti dalle filiali egiziane, il rapporto non dice nulla, ma il Ministero delle Finanze nota che oro e denaro della Citigroup “accettati per essere protetti” dalla CBR, ora sono sottoposti alle leggi della Federazione e non sono soggetti a reclami di qualsiasi soggetto estero, compresi gli Stati Uniti. Quanto al motivo per cui Citigroup ha bisogno di tale straordinaria protezione dei propri beni, gli esperti del MoF nella relazione spiegano che va imputata all’implacabile assalto del regime di Obama, tra cui una multa di 700 milioni per “Pratiche sleali e ingannevoli” di un paio di settimane prima e un’indagine sui prestiti agli studenti che il colosso bancario teme possa comportare altre sanzioni finanziarie… oltre ai 7 miliardi di dollari che è stato costretto a pagare lo scorso anno per le pratiche sui prestiti ipotecari. Ancora più importante da notare, questi esperti dicono nel rapporto che la leadership della Citigroup è “molto preoccupata” dall’economia statunitense in via di collasso, come è stato evidenziato negli Stati Uniti dal lunedì nero che ha visto più di 1,8 miliardi di dollari svanire sui stimati 24,1 miliardi di dollari detenuti dal pubblico statunitense.
Anche se la Cina ha ridotto il tasso a fronte del peggiore crollo del mercato nazionale in 20 anni, per il momento l’ha disaccoppiato dal resto dei mercati mondiali creando un’illusoria momentanea stabilità, avverte la relazione, e le vendite del 24 agosto non furono causate dai cinesi, ma dalla confusione globale totale… con il peggio che deve venire nelle prossime settimane. È fondamentale notare che questa terribile valutazione del MoF è sostenuta da Damian McBride, consigliere dell’ex-primo ministro inglese Gordon Brown, che cupamente ha dichiarato: “Consigli per il crollo incombente, No.1: mettete il denaro in un posto sicuro; non pensate che banche e sportelli bancomat (ATM) restino aperti, o che le carte di credito funzionino. No.2: Avete abbastanza acqua in bottiglia, scatolame e altri beni essenziali a casa per un mese? In caso contrario, fate la spesa. No.3: decidete un punto in cui riunirvi con i vostri cari in caso di interruzione di trasporti e comunicazioni; da dove potete recarvi da qualche parte“.
Mentre sempre più forze nucleari statunitensi e russe convergono sul fronte occidentale, la relazione conclude tristemente con i consigli al regime di Obama di uno dei suoi migliori consiglieri economici, Paul Krugman, secondo cui una guerra mondiale o contro gli alieni è necessaria per sistemare l’economia; si vede facilmente dove tutto questo porta… più prima che poi. E anche se Citigroup ora protegge se stessa, ci si può solo chiedere quanti altri ce ne siano. Ma non importa cosa succede, anche il peggio, nessuno potrà dire che non è stato avvertito… solo che non ascoltano.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La svalutazione dello yuan testa l’ascesa della Cina a potenza mondiale

Ariel Noyola Rodriguez* RussiaToday
*Laurea in Economia e Commercio presso l’Università Nazionale Autonoma del Messico.scmp_22jan15_bz_xiaominote6Dopo la svalutazione dello yuan, i mercati finanziari internazionali iniziano a tremare. Washington ha accusato Pechino di concorrenza sleale. Mentre la Cina vuole che lo yuan abbia diritti speciali di prelievo, non è opportuno estenderne la svalutazione. Inoltre, se una guerra valutaria esplode, il governo cinese rischierebbe di aumentare le tensioni economiche e geopolitiche tra i Paesi dell’Asia-Pacifico. Pertanto, gli Stati Uniti ne smantellerebbero le iniziative per la cooperazione regionale, minando quindi l’ascesa della Cina a potenza mondiale. Le 3 svalutazioni dello yuan, tra il 10 e il 12 agosto, hanno implicazioni importanti per l’economia mondiale e l’equilibrio geopolitico dell’Asia-Pacifico (1). Il surplus commerciale “relativamente grande” mantiene “relativamente forte” un cambio efficace che, però, non è “del tutto coerente con le aspettative del mercato“, afferma la Banca popolare di Cina in una dichiarazione. C’è panico tra gli investitori nei mercati finanziari negli ultimi giorni. Il cambio arriva a 6,3306 yuan per dollaro, una svalutazione non oltre il 5%. Comunque la Cina mostra interesse a far aderire lo yuan ai diritti speciali di prelievo (2), il paniere di valute lanciato dal Fondo monetario internazionale (FMI) nel 1969, ed è chiaro che il valore della moneta dovrebbe rimanere stabile, essendo uno dei requisiti che le valute di riserva globale devono soddisfare (non nel caso del dollaro sceso dal 70 al 60% in proporzione alle riserve valutarie delle banche centrali, tra il 1999 e il 2014) (3).

La campagna mediatica contro lo yuan
Tuttavia, gran parte della stampa occidentale non ha esitato a sostenere che la svalutazione della “moneta del popolo” (‘RMB’) miri a sostenere l’economia d’esportazione in modo brusco. Donald Trump, candidato presidenziale del partito repubblicano, s’è lanciato contro le misure adottate dalla banca centrale: un tentativo cinese di “distruggere” le industrie degli USA. Tale campagna mediatica contro la Cina non è nuova. Per anni Washington ha accusato Pechino di manipolare il tasso di cambio. Tuttavia, la verità è che lo yuan non s’è deprezzato in modo “artificiale”, ma piuttosto s’è apprezzato nei confronti della valuta statunitense. Dal 2005 (quando il regime di cambio era più flessibile) ad oggi, la valuta cinese s’è apprezzata di circa il 30% nei confronti del dollaro, quindi è solamente esagerato sostenere che la svalutazione dello yuan, del 4,6%, nella seconda settimana agosto sia il principale responsabile del crollo dell’economia degli Stati Uniti. E’ vero che merci a basso costo prodotte in Cina sono vendute agli statunitensi come mai prima. Tuttavia, dato che posti di lavoro ben retribuiti non esistono negli Stati Uniti da decenni, famiglie e imprese sono più preoccupate a risolvere i loro debiti che a porsi domande sull’origine dei prodotti a basso costo che acquistano quotidianamente nei supermercati. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti insiste nel screditare le politiche della Banca di Cina. Niente di strano, le banche centrali non sono note per i compromessi. La storia dimostra che in tempi di crisi e recessione globale, le istituzioni responsabili della politica monetaria agiscono unilateralmente per sostenere le proprie economie. La Federal Reserve degli Stati Uniti è di gran lunga il caso più illustre. Senza consultarsi con altre banche centrali, senza assoggettarsi alla volontà del Congresso, l’ex-presidente Ben S. Bernanke annunciò nel dicembre 2013 la riduzione del programma d’iniezione di liquidità (‘quantitative easing’). La mossa precipitò il crollo dei mercati azionari e dei tassi di cambio delle economie emergenti. Un anno dopo, la nuova presidentessa della Federal Reserve Janet Yellen annunciava la decisione di aumentare il tasso d’interesse dei fondi federali per il 2015. Anche se Yellen non contrasse il credito (‘tightening’), le valute di tutto il mondo accelerarono la debacle degli ultimi mesi. Tale situazione ha indotto Banca centrale europea (BCE), Banca d’Inghilterra e Banca del Giappone a lanciare programmi d’iniezione simili a quelli della Federal Reserve, con l’obiettivo di limitare l’aumento del dollaro verso la loro valute. Invece, la Banca popolare di Cina non fece alcuna azione straordinaria lasciando lo yuan molto stabile. Perché? In pratica, la valuta cinese resta in gran parte legata alle quotazioni del dollaro. Così, mentre tra la metà del 2014 e l’inizio del 2015 il dollaro si è apprezzato del 15-20% sulle valute più scambiate al mondo (euro, sterlina, yen, ecc), solo lo 0,6% fu osservato con lo yuan (4).

Il gioco cinese con diverse palle
Tuttavia, gli ostacoli che la Cina deve superare non sono pochi (5). Per diversi anni il governo cinese ha attuato una serie di “riforme strutturali” affinché l’economia passasse dal modello di accumulazione massiccia a uno che favorisce l’espansione degli investimenti sul mercato interno. L’obiettivo a lungo termine del Partito comunista cinese è aumentare il consumo degli abitanti (crescente potere d’acquisto attraverso i salari) e diminuire la centralità del risparmio. Questo spostamento è diventato più urgente che mai con la contrazione degli investimenti d’impresa e il crollo della domanda estera. Il mese scorso le esportazioni della Cina si sono ridotte dell’8,3% in termini annui, mentre le importazioni dell’8,1%. Mantenendo l’involuzione in sincronia con l’estrema debolezza del commercio mondiale, il cui tasso di crescita è al livello minimo degli ultimi 20 anni (6). “Nonostante un tasso ancora più elevato, la crescita del PIL della Cina è rallentata; la svalutazione, anche se non può essere definita radicale, invertirebbe tale tendenza“, ha detto Paulo Nogueira Batista, Vicepresidente della banca di sviluppo BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa), in un’intervista con l’agenzia Sputnik (7). Tuttavia, va notato che le società cinesi hanno esportato quasi il 60% della produzione verso i Paesi industrializzati, secondo le stime di Jonathan Anderson, dell’Emerging Advisors Group (8). Dato che i Paesi del G7 (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito) sono quasi immersi da stagnazione e deflazione (diminuzione dei prezzi), rivitalizzare l’economia cinese tramite l’esportazione sarà molto complicato. D’altra parte, il settore immobiliare comincia a risentire degli effetti del sovrainvestimento. Le agenzie immobiliari non trovano più abbastanza clienti nel mercato cinese. Il calo delle vendite non può aumentare gli investimenti. Di conseguenza, le aziende impegnate nella produzione di materiali da costruzione (acciaio, cemento, legno, vetro, ecc.) ne sono anche gravemente danneggiate, a causa degli stretti legami con il settore immobiliare (9). Le azioni della banca centrale per gestire il rallentamento dell’economia sono molteplici e non limitate alla svalutazione della moneta. Durante l’ultimo anno, la Banca popolare di Cina ha abbassato il tasso d’interesse di riferimento e i requisiti patrimoniali del sistema bancario in modo da rilanciare i prestiti alle attività produttive. La Cina ha anche lanciato un piano di stimolo fiscale i cui costi sono stimati il 12% del PIL. Il governo cinese gioca con più palle (10). I cinesi cercando di passare da un’economia focalizzata sui massicci investimenti a una trainata dai consumi senza sacrificare la crescita economica; cercano di frenare la speculazione nel settore immobiliare e sui titoli azionari (azioni, materie prime, ecc), ma senza tagliare il credito all’industria; aspirano alla leadership nel settore finanziario, ma sono preoccupati dalla volatilità finanziaria imposta dal mercato globale dei capitali. Il governo cinese saprà adempiere a questa impresa?

Il rischio di deflazione globale
La sfida non è da poco. Le autorità di Pechino appaiono sempre più preoccupate dalle prospettive globali. L’economia mondiale accelera la transizione verso la deflazione (caduta dei prezzi). Non si tratta più solo della debolezza dei prezzi delle materie prime (‘commodities’) e della stagnazione economica deflazionistica in Paesi come il Giappone, che ne soffre dal 1990. La crisi deflazionistica in Grecia s’è consolidata e minaccia di diffondersi in gran parte delle economie della periferia europea. Secondo i dati pubblicati da ELSTAT, l’inflazione in Grecia è scesa al 2,2% annuo, il mese scorso. Così, la deflazione si è accumulata per 29 mesi consecutivi nella nazione ellenica (11). Dopo che la troika (composta da Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e Commissione europea) ha imposto ad Atene un nuovo piano di salvataggio che promuove la politiche di austerità, è chiaro che la deflazione avrà alla fine maggiore slancio e, quindi, diverrà una minaccia letale per la Germania, il socio commerciale della Cina. In breve, Pechino non risparmia sforzi per ricacciare le tendenze recessive che si avvicinano poco a poco alla propria economia, e che tra l’altro colgono di sorpresa sempre più Paesi: da Germania, Francia e Regno Unito, a Canada, Messico e Sud America (Argentina, Brasile, Venezuela, ecc).

Washington punta i missili su Pechino
Il contesto economico regionale non è esente da focolai deflazionistici (12). L’indebolimento dello yuan non è ben visto dai Paesi limitrofi della Cina (13). Le valute di Corea del Sud, Indonesia, Malesia, Singapore e Thailandia hanno toccato i minimi storici dopo la svalutazione del ‘renminbi’, e allo stesso tempo le borse hanno chiuso con perdite comprese tra 0,5 e 1,5%. Se le banche centrali dell’Asia-Pacifico sono tentate dall’intraprendere la corsa alla svalutazione, volta ad “impoverire il vicino” (“beggar-they-neighbor‘) (14), i riusciti appelli della Cina per attivare Banca Asiatica per gli Investimenti Infrastrutturali (‘Infrastrutture Asian Investment Bank‘), Fondo per la Via della Seta (‘Silk Road Fund’) e Zona di libero scambio del Pacifico (‘Area di libero scambio dell’Asia-Pacifico’) sarebbero gravemente minacciati. Al contrario, le società statunitensi non perdono occasione per cercare il sostegno da diversi leader asiatici per ampliare l’adozione dell’accordo di Partnership Trans-Pacifica (15). Il Pentagono, nel frattempo, si propone di rilanciare la dottrina del perno contro la Cina, con il sostegno militare del Giappone. Non c’è dubbio che sia un piano astuto degli Stati Uniti minare la crescente influenza della Cina nella regione Asia-Pacifico. Nell’offensiva imperiale statunitense, il governo cinese deve rimanere vigile e soprattutto tener conto delle lezioni del Generale Sun Tzu (autore de “L’arte della guerra’): per sconfiggere il nemico senza combattere. La svalutazione dello yuan ha evidenziato che i prossimi mesi saranno decisivi nel consolidare la crescita della Cina a potenza mondiale. Solo il tempo potrà infine rivelare se sia possibile risolvere le contraddizioni economiche interne senza mettere a repentaglio la coesione regionale. La moneta cinese è nell’aria…image-from-foreign-exchange-2013-renminbi-trading-1403500475Note
1 “Un mapa muestra el impacto global de la devaluación del yuan“, Russia Today, 18 agosto 2015
2 “El desafío de China ante el FMI: incorporar el yuan a los Derechos Especiales de Giro“, Ariel Noyola Rodríguez, Russia Today, 31 marzo 2015.
3 “Get ready for yuan in IMF basket“, Mike Bastin, China Daily, 17 agosto 2015
4 “China’s exchange-rate policy: Currency peace“, The Economist, 21 febbraio 2015.
5 “Five reasons to be worried about the Chinese economy“, Larry Elliott, The Guardian, 14 agosto 2015.
6 “World shipping slump deepens as China retreats“, Ambrose Evans-Pritchard, The Telegraph, 17 agosto 2015.
7 “Devaluación del yuan puede acelerar economía china, dice funcionario del BRICS“, Sputnik Mundo, 12 agosto 2015.
8 “China, the Fed and emerging markets: Yuan thing after another“, The Economist, 13 agosto 2015.
9 “Devaluation Hints at China’s Rising Distress Over Economy “, Neil Gough, The New York Times, 12 agosto 2015.
10 “Markets and economics: The curious case of China’s currency“, The Economist, 11 agosto 2015.
11 “Greek deflation steady in July, prices fall for 29th month“, Reuters, 7 agosto 2015.
12 “China’s currency devaluation could spark ‘tidal wave of deflation‘”, Heather Stewart, The Guardian, 12 agosto 2015.
13 “Renminbi fallout threatens Asian neighbours“, Steve Johnson, The Financial Times, 14 agosto 2015.
14 “China’s Renminbi Devaluation May Initiate New Phase in Global Currency War“, Peter Eavis, The New York Times, 13 agosto 2015.
15 “Currency Devaluation Shows the High Cost of China’s Soft Power“, David Francis, Foreign Policy, 11 agosto 2015.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La politica del petrolio saudita: brillante strategia o suicidio nazionale?

La rischiosa mossa sul prezzo del petrolio dell’Arabia Saudita ha ridotto il reddito nazionale della metà e teso seriamente politica interna ed estera del Regno
Dalan McEndree, Oil Price 13 agosto 2015 – Russia InsiderInvestors talk as they monitor screens displaying stock information at the Saudi Stock Exchange in RiyadhNell’ultimo trimestre del 2014, a fronte di un possibile eccesso di offerta, l’Arabia Saudita abbandonava il tradizionale ruolo di produttore bilanciato del mercato mondiale del petrolio e quindi il ruolo non ufficiale di garante dei prezzi esistenti (oltre 100 dollari al barile). A ottobre, fonti saudite preparavano il mercato con dichiarazioni sul Paese che accettava prezzi petroliferi da 80 dollari al barile in su per “un anno o due”. Nella riunione di novembre dell’OPEC, il ministro del petrolio saudita Ali al-Naymi annunciava che l’Arabia Saudita avrebbe permesso alle forze del mercato di fissare i prezzi, sostenendo che la rapida crescita della produzione al di fuori dell’OPEC rendeva lo status quo impraticabile, e che i prezzi più bassi nel breve termine sarebbero aumentati a lungo termine riducendo gli investimenti, infine, a beneficio di tutti i membri dell’OPEC. Parallelamente funzionari sauditi espressero fiducia nei mezzi finanziari del proprio Paese nel sopportare le ripercussioni dei prezzi del petrolio più bassi.

I sauditi si aspettavano un buco, non un pozzo senza fondo
I sauditi ovviamente calcolarono male l’impatto negativo dei prezzi del petrolio. Il prezzo medio del Brent, punto di riferimento globale, scese al di sotto degli 80 dollari del piano saudita, a novembre, a 62,34 dollari a dicembre per poi cadere sotto i 50 a febbraio. I prezzi rimbalzarono a 60 per un paio di mesi prima di cadere ancora una volta al di sotto dei 50 dollari. Il crollo dei prezzi del petrolio ha sostanzialmente ridotto i ricavi sauditi. Con i prezzi del Brent in media a circa 100 dollari al barile nel 2014, le esportazioni di petrolio saudita erano di 6310000 barili al giorno, generando circa 631 milioni di ricavi al giorno. Nel primo trimestre, con i prezzi del Brent a 53,92 dollari la stessa produzione avrebbe generato circa 340 milioni di dollari al giorno, 291 milioni in meno. I sauditi hanno tentato di mitigare il crollo degli introiti attraverso l’aumento della produzione, passando da 9,6 milioni di barili al giorno nel quarto trimestre del 2014 agli incredibili 10,5 milioni di barili al giorno a giugno. Le entrate derivanti dall’aumento della produzione, tuttavia, sono sopraffatte dal crollo dei prezzi creando un sostanzioso buco nel bilancio saudita. Nel dicembre 2014, il governo saudita approvò una spesa di 229 miliardi di dollari per il 2015, con un conseguente deficit stimato a 39 miliardi di dollari, il 5 per cento del PIL. Verso metà 2015, il FMI ha stimato un deficit pari a circa il 20 per cento del PIL saudita. Il Financial Times ha citato analisti stimare il deficit di bilancio saudita nel 2015 a 130 miliardi di dollari. Anche con un massiccio deficit spending, la crescita del PIL stimata dal FMI sarebbe rallentata dal 3,6 per cento nel 2014 al 3,3 per cento nel 2015, e quindi al 2,7 per cento nel 2016.

Verso il barile a zero dollari
arabia+oil+fields+image L’errore di calcolo saudita ha diverse ragioni. Uno è l’anello della retroazione negativa tra produzione di olio, PIL e bilanci nazionali che affligge molti produttori di petrolio non occidentali. I loro PIL e bilanci nazionali dipendono notevolmente dai ricavi dalle esportazioni di petrolio. Perciò, le minori entrate l’incentivano a produrre più petrolio possibile per mitigare il deficit. Secondo l’IEA, la produzione giornaliera nel giugno 2015 è aumentata di 3,1 milioni di barili dal 2014, con il 60 per cento (1,8 milioni di barili) dell’OPEC. Con 31,7 milioni di barili al giorno, la produzione dell’OPEC ha raggiunto il picco in tre anni. Tale incremento della produzione avviene nel contesto della riduzione della domanda globale. La crescita della domanda nel 2015, che l’AIE prevedeva in media di circa 1,4 milioni di barili al giorno, avviene principalmente in Asia e Nord America. Negli altri principali mercati d’esportazione, la domanda è stagnante. Quindi i Paesi esportatori di petrolio, compresi OPEC, Russia ed altri, concentrano le vendite in Asia, in particolare Cina. La domanda in Nord America è in crescita, ora che i prezzi del petrolio sono bassi, ma a causa degli alti livelli della produzione nazionale, gli Stati Uniti non sono più un mercato in crescita per gli esportatori di petrolio. Ciascun produttore, quindi, è incentivato a eliminare gli altri produttori direttamente (prezzo al barile) o indirettamente (assorbendo costo dei trasporti o rischio delle spedizioni) per strappare le vendite in Asia (o dislocare gli attuali operatori su altri importanti mercati). I produttori di petrolio nazionali scaricano il costo dei prezzi abbassati su altri settori dell’economia. Gli Emirati Arabi Uniti, per esempio, hanno tolto i sussidi sul carburante, in sostanza aumentando le entrate del bilancio, mentre l’Arabia Saudita ha recentemente emesso un’offerta obbligazionaria nazionale da 4 miliardi per contribuire a finanziare il bilancio. I clienti asiatici ne approfittano, riducendo la quota dei contratti a lungo termine a favore degli acquisti mirati. Ad esempio, come il Wall Street Journal ha riportato, alcuni raffinatori giapponesi riducono la percentuale di petrolio acquistato con contratti a lungo termine a circa il 70 per cento da più 90 per cento, mentre alcuni raffinatori sudcoreani la riducono dal 75 al 50 per cento. Inoltre, diverse compagnie petrolifere nazionali, anche del Venezuela, costruiscono raffinerie con i partner asiatici che useranno il loro greggio. Dato il contesto, non sorprende che l’elasticità delle entrate della produzione sia molto sensibile e negativa. L’Arabia Saudita ha aumentato la produzione del 6,8 per cento nel primo trimestre del 2015, ma ha visto i proventi delle esportazioni ridursi del 42 per cento.

Ogni vittoria saudita sarà di Pirro
La fiducia saudita nei propri mezzi finanziari si dimostra fuori luogo. Il fabbisogno delle entrate s’intensifica anziché moderare. Combattono guerre su più fronti con l’Iran direttamente (Yemen) e indirettamente (Siria, Libano e Iraq). SIIL, al-Qaida e gli sciiti scontenti rappresentano una significativa minaccia alla sicurezza interna. Contrastare le minacce estere e interne richiede l’aumento della spesa (tra cui, forse, un futuro e assai costoso programma di armi nucleari) placando la rapida crescita demografica, che richiede una spesa sostanziale per istruzione, formazione, occupazione e sostegno. Da qui il deficit di bilancio pari al 20 per cento del PIL. L’aumento della produzione non offre una soluzione. L’Arabia Saudita non può aumentare la produzione in misura sufficiente per ridurre significativamente il deficit in qualsiasi momento. Attualmente non ha una riserva per compensare i 291 milioni di export quotidiano perso nel 1° trimestre; con 5,4 milioni in più di barili al giorno, sarebbero necessari 53,92 dollari al barile. Prezzi che, naturalmente, un drastico aumento della produzione ridurrebbe ancora più. È dubbio che possano aumentare sensibilmente la capacità anche nel medio-lungo termine. Non potranno spendere molto più delle altre grandi compagnie petrolifere nazionali. In primo luogo, i prezzi bassi riducono il flusso di cassa dell’Aramco e quindi la capacità di finanziare gli investimenti. In secondo luogo, il governo saudita probabilmente aumenterà l’estrazione da tale flusso di cassa per finanziare ancor più priorità ed esigenze della sicurezza nazionale. In terzo luogo, il rifiuto saudita di agire da garante dei prezzi mina la fiducia estera sulla necessità d’investire o fare prestiti sui progetti petroliferi. Ciò sarebbe attraente a 75 dollari al barile, ma non a 50 dollari, e ancora meno se il prezzo del petrolio resta imprevedibile. In quarto luogo, in termini di rischio politico, Arabia Saudita ed alleati del Golfo, Iran, Iraq e Medio Oriente in generale, sono l’epicentro della tensione, agitazione e tumulti globali. In quinto luogo, la sua influenza nell’OPEC, e quindi la capacità di gestire produzione e prezzi dell’OPEC, è diminuita. La sottostima dell’impatto del cambio della politica dei prezzi, l’indifferenza verso i danni finanziari agli altri membri dell’OPEC e la volontà di sottrarre quote di mercato a scapito degli altri membri dell’OPEC, ne riducono la credibilità (tanto più che deriva dalla volontà saudita di tutelare gli interessi di tutti i membri, e talvolta di sopportare in modo sproporzionato). Se le riserve finanziarie saudite sono sostanziose (circa 672 miliardi a maggio), il piano è poco più di una misura tampone. Se i principali concorrenti (Russia, Iraq, Iran e Nord America) mantengono o addirittura aumentano la produzione (e hanno l’incentivo per farlo), i prezzi potrebbero rimanere bassi molto più a lungo di quanto previsto dai sauditi. La riserve saudite sono diminuite a 650 miliardi da quando i prezzi scendono (da novembre), con un tasso annuale di 100/130 miliardi. Più bassi rimangono i prezzi, più velocemente le riserve decadono e, mentre precipitano, maggiore sarà la pressione per dare priorità alla spesa a danno di certi sauditi.

L’Arabia Saudita causa il problema, ma può risolverlo?
Funzionari sauditi a quanto pare avevano detto che 90 o anche 80 dollari al barile per “uno o due anni” erano equanimi. Possono mantenere la compostezza che hanno mostrato finora, incorrendo in un solo anno nella perdita delle entrate che si aspettavano di avere in quattro anni (90 dollari) o due (80 dollari)? E non possono, e sicuramente non possono anche se sono restii ad ammetterlo, architettare l’aumento durevole dei prezzi, cioè, ridurre in modo durevole la produzione? A prima vista sembra impossibile. La produzione giornaliera saudita (10,5 milioni) e degli alleati Emirati Arabi Uniti (2,87), Quwayt (2,8) e Qatar (0,67) è pari a circa alla produzione giornaliera dei Paesi con cui sono in conflitto, direttamente o indirettamente, Russia (11,2), Iran (2,88) e Iraq (3,75) che hanno l’incentivo a trarre vantaggio da qualsiasi concessione unilaterale saudita Eppure, in effetti, questi Paesi sono impegnati nell’equivalente petrolifero della mutua distruzione assicurata. Il forte calo dei proventi del petrolio danneggia economicamente e finanziariamente ciascuno di essi, mentre le guerre dirette e indirette contro gli altri drena risorse dai programmi nazionali vitali. Tuttavia, data la sensibilità dei prezzi alle variazioni del volume è possibile, se non probabile, che mantenere la produzione saudita stabile o ridurla, potrebbe generare un aumento assoluto dei ricavi per tutti.8f0f_pipesTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il valore dell’oro cresce giorno dopo giorno

F. William Engdahl New Eastern Outlook 12/08/2015mao-gold-china-graft-4Il valore dell’oro mondiale cresce di giorno in giorno. Parrebbe un paradosso, ma non lo è. Il valore dell’oro non è fissato dalla borsa Comex, o da Londra o Zurigo. È vero, la maggior parte del commercio pubblico d’oro prende spunto oggi dai futures sul prezzo dell’oro Comex del CME in cui il valore del lingotto d’oro non sembra crescere. Ma perché possiamo parlare di valore dell’oro in aumento? Il prezzo dei futures sull’oro Comex è passato da 1896 dollari dell’agosto 2011 al minimo attuale di 1099, visto l’ultima volta sei anni fa, con tendenza al ribasso. Qui veniamo alla fallacia della composizione estrapolando un particolare dall’universale, assumendo che sia vero il tutto solo perché ne è vera una parte. Il mercato dei futures sull’oro Comex di New York e il commercio Over-the-Counter (OTC) attraverso la London Bullion Market Association fissano i prezzi seguiti ampiamente nel mondo. Sono anche mercati dominati da una manciata di grandi attori, le sei banche di compensazione dell’oro della London Bullion Market Association, la corrotta JP MorganChase; la banca degli scandali UBS di Zurigo; la Bank of Nova Scotia – ScotiaMocatta, la banca dell’oro più antica del mondo, nata come banca della Compagnia delle Indie orientali inglese, che guidò le guerre dell’oppio in Cina; la Deutsche Bank degli scandali; le Barclays Bank di Londra a capo di altri scandali; HSBC di Londra, la banca dei narcocartelli messicani; e la fraudolenta Societé Generale di Parigi. La principali banche centrali, in particolare Federal Reserve e Banca d’Inghilterra, furono accusate di collusione con le principali banche di compensazione per distruggere artificialmente i prezzi dell’oro quando, come nel 2011, l’oro minacciò di andare fuori controllo e mettere in pericolo il ruolo del dollaro quale prima valuta di riserva mondiale. Le organizzazioni che rappresentano gli investitori dell’oro, come GATA, documentarono per anni come le manipolazioni del prezzo dell’oro furono effettuate. In breve, acquisto e vendita di oro a Londra e New York sono in mani discutibili. Ci sono anche voci su alcuni nomi importanti nel commercio dell’oro coinvolti nella grande frode criminale della placcatura in oro di barre di tungsteno fatte circolare come lingotti d’oro fasulli. La conferma è naturalmente molto difficile, ma un’avvertenza ragionevole potrebbe essere praticare un piccolo foro nei prossimi lingotti d’oro da acquistare, prima di pagarli. Le banche occidentali dell’oro tardi hanno anche creato ETF o exchange-traded funds, fondi derivati e garantiti dall’oro, ma non pagati in oro. Lo scambio dei cosiddetti futures dell’oro in carta e altre forme di contratti speculativi, dove non c’è scambio di oro fisico, se una volta era legato rozzamente ad acquisto e vendita dell’oro nel mondo, oggi ne è scollegato. E’ un casinò beatamente libero di decidere il prezzo dell’oro. Siamo partiti con un mercato dell’oro in cui il prezzo viene manipolato, come il petrolio, dalle grandi banche e banche centrali occidentali che decidono il prezzo finale.

Costruire un nuovo mercato dell’oro
china-russiaQuesta disconnessione chiaramente non piace ai grandi compratori di oro come Cina, Russia e altri. Invece di urlare e piagnucolare sulla “frode” dei proprietari del COMEX/CME o dei Big Six della London Bullion Market Association, questi Paesi hanno fatto la mossa geniale creando un mercato dell’oro completamente diverso, dove JP MorganChase o HSBC o Deutsche Bank non hanno alcun controllo, ma dove Cina, Russia e altri supervisionano, adattandosi perfettamente alla recente creazione della Nuova Banca dello Sviluppo dei Paesi BRICS e della Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali asiatica di Shanghai (AIIB). Lo scorso maggio, la Cina annunciava l’istituzione di un fondo d’investimento in oro statale. L’obiettivo è creare, inizialmente per 16 miliardi di dollari, il maggiore fondo dell’oro fisico del mondo per sostenere i progetti di estrazione dell’oro lungo le nuove linee ferroviarie ad alta velocità della Fascia Economica della Nuova Via della Seta del Presidente Xi, come viene chiamata. Mentre la Cina ha detto che lo scopo è permettere ai Paesi eurasiatici lungo la Via della Seta di aumentare la base d’oro delle relative valute. E’ un chiaro pensiero e i governi lungimiranti pensano di creare un gruppo stabile di valute basate sull’oro facilitando un commercio ordinato libero dalle guerre valutarie Washington. I Paesi lungo la Via della Seta e i BRICS ospitano la maggior parte della popolazione mondiale ed hanno risorse naturali e umane che li rendono del tutto indipendenti da qualsiasi pretesa occidentale. A fine maggio la Shanghai Gold Exchange della Cina istituiva formalmente il “Fondo dell’Oro della Via della Seta”. Ad oggi i due principali investitori del nuovo fondo sono le due maggiori società aurifere della Cina, la Shandong Gold Group che ha comprato il 35% delle azioni, e Shaanxi Gold Group con il 25%. Il fondo investirà nei progetti auriferi lungo la ferrovia eurasiatica della Via della Seta, comprese vaste regioni inesplorate della Federazione russa. La cooperazione aurifera della Cina si estende alla Russia, partner più vicino alla Cina dato che le stolte sanzioni economiche di Stati Uniti e dell’Unione europea hanno costretto al cambio strategico definitivo della Russia, passando dall’ammissione quale rispettato partner a pieno titolo dell’occidente, ricercata dalla presidenza Medvedev, alla cooperazione strategica globale con la Cina e i partner eurasiatici della Shanghai Cooperation Organization, e con Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa dei BRICS. L’11 maggio, poco prima della creazione del nuovo fondo dell’oro della Cina, la China National Gold Group Corporation, siglava un accordo con il gruppo aurifero russo Poljus Gold, il maggiore gruppo aurifero della Russia e uno dei primi dieci al mondo. Le due società esploreranno le risorse aurifere in ciò che oggi è il più grande giacimento d’oro della Russia presso Natalka, nella parte orientale del distretto di Kolyma, Magadan. La Russia incrementa vigorosamente le riserve auree della banca centrale negli ultimi anni. Durante l’era Eltsin, ai primi anni ’90, la mafia di Eltsin derubò lo Stato di quasi tutte le riserve auree. Durante l’epoca sovietica, il sostegno dell’oro al rublo era considerato superfluo nell’economia di comando della pianificazione statale centrale. Secondo le statistiche ufficiali, le riserve auree ufficiali della Russia erano pari a 1250,9 tonnellate a giugno. Nei primi cinque mesi del 2015 la Russia ha aumentato la produzione aurifera nazionale per più di sei volte. L’oro è sempre di grande interesse per il Presidente Putin e la leadership russa. Alcuni credono che un rublo d’oro non sia lontano e chiaramente la Cina, sostenendo un renminbi accettabile come valuta di riserva mondiale, sosterrà la sua moneta con l’oro, molto oro, per farne un’alternativa credibile ai discussi dollaro ed euro. La grande Siberia orientale della Russia contiene enormi riserve aurifere non sfruttate. La Russia è oggi il terzo produttore di oro al mondo con circa 245 tonnellate prodotte nel 2014. La Cina, con oltre 450 tonnellate l’anno, è il più grande produttore mondiale di oro. Il Sud Africa, membro dei BRICS con Cina e Russia, aggiungerà nuova energia alla rinascita dell’oro come base solida delle valute che sostituiranno lo svalutato sistema del dollaro. Il Sud Africa, che fino al 2006 era il maggiore produttore di oro al mondo, oggi è il settimo con 150 tonnellate e l’Uzbekistan, membro della Shanghai Cooperation Organization, è l’ottavo maggiore produttore di oro del mondo nel 2014 con 102 tonnellate. Il 4 maggio l’ambasciatore cinese in Uzbekistan annunciava che il Paese veniva incluso nel progetto “Cintura economica della Via della Seta” della Cina.
Lentamente e molto sistematicamente emergono i contorni della nuova alternativa basata sull’oro al sistema del dollaro gonfiato o dell’euro indebitato. La Nuova Via della Seta Economica, integrata dai nuovi Paesi membri dell’Unione economica eurasiatica della Russia, ed altri, è molto più di una semplice ferrovia. Diventa il sistema nervoso centrale di ciò che in tre-cinque anni, al ritmo attuale, sarà il più grande spazio economico in maggiore crescita sulla Terra. In combinazione con l’iniziativa delle infrastrutture ferroviarie cinesi della Via della Seta e il nuovo fondo dell’oro cinese da 16 miliardi di dollari per sostenere i progetti di estrazione dell’oro lungo la Via della Seta, l’Eurasia, guidata da Cina e Russia, sottrarrà dalla presa anglo-statunitense l’oro, cui ha imposto prezzi di mercato artificialmente manipolati e depressi per decenni, di fatto bloccando il flusso naturale dell’oro nell’economia mondiale. Mentre gli sguardi fissano COMEX o London Bullion Market Association, che decidono quotidianamente il prezzo dell’oro, il valore reale dell’oro come moneta di riserva e indice di solidità monetaria cresce di giorno in giorno. Senza dubbio ciò addolora di molto la gente del Tesoro USA, della Federal Reserve e di Wall Street.FtZclCSb6hcbsQr912u2P9PpQbAYyaroF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.988 follower