Nippon Kaigi: il culto occulto che vuole dirigere il Giappone

Jake Adelstein, Fascinant JaponAbe_i_OkabeLa Nippon Kaigi è un piccolo movimento cultista che comprende alcune delle persone più potenti del Paese che mirano a ripristinare la “gloria” del Giappone imperiale di prima la seconda guerra mondiale. Nella terra del Sol Levante, un culto scintoista conservatore fondato nel 1970, che vede tra i suoi membri il Primo ministro giapponese Shinzo Abe e molti altri del suo gabinetto, è stato finalmente portato alla ribalta. Il gruppo si chiama Nippon Kaigi (Conferenza del Giappone) ed è guidato da Tadae Takubo, ex-giornalista divenuto analista politico. Ha solo 38000 membri, ma da club esclusivo, o setta, esercita un’enorme influenza politica. In generale, lo Shintoismo è una religione politeista nativa e animistica del Giappone. Lo shintoismo di Stato, nel frattempo, fu imposto prima e durante la Seconda guerra mondiale, elevando l’imperatore allo status divino e insistendo sul fatto che i giapponesi erano una razza divina, la Yamato, e le altre razze ben inteso da considerare inferiori. La Nippon Kaigi fu fondata nel 1970 da un gruppo progressista shintoita noto come Seicho No Ie. Nel 1974, una sezione uscì dal gruppo fondendosi con il Nippon o Mamoru Kai, un’organizzazione per la rinascita del patriottismo che sosteneva lo shintosimo di Stato e il ritorno al culto imperiale. Il gruppo attuale fu ufficialmente costituito nel maggio 1997, quando Nippon o Mamoru Kai e un gruppo d’intellettuali di destra unirono le forze. Gli obiettivi del culto sono l’abolizione della costituzione pacifista del Giappone, la fine della parità di genere, l’espulsione degli stranieri, la cancellazione delle fastidiose leggi sui “diritti umani” e il ritorno del Giappone alla gloria imperiale. Con le elezioni parlamentari del Giappone del 10 luglio, il culto ha ora la possibilità di dominare completamente la politica giapponese. Se la coalizione di governo vince abbastanza seggi, si apre la via alla modifica della Costituzione del Giappone, sacra e inviolabile dal 1947. In effetti, per il Giappone, queste elezioni saranno una sorta di Brexit: se il Paese prosegue come democrazia o letteralmente torna indietro, al periodo Meiji, quando l’imperatore regnava e la libertà di espressione era subordinata agli interessi dello Stato. L’influenza della Nippon Kaigi può essere difficile da comprendere per uno straniero, ma immaginate se “il futuro presidente del mondo” Donald Trump appartenesse a un gruppo della destra evangelica, chiamiamola “Conferenza degli Stati Uniti”, che auspica il ritorno alla monarchia, l’espulsione degli immigrati, la revoca del parità di diritti alle donne, le restrizioni alla libertà di espressione e la maggior parte dei politici nominati appartenga allo stesso gruppo. Sembra incredibile… In ogni caso, preoccuperebbe molta gente. Questo è l’equivalente di ciò che è già accaduto in Giappone con il Primo ministro Shinzo Abe e il suo gabinetto.
1025775685 Abe è un politico di terza generazione essendo il nipote di Nobusuke Kishi, il ministro delle Munizioni giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale. Fu imprigionato da sospetto criminale di guerra di classe A nel 1945 (ma non fu mai processato dal tribunale di Tokyo), prima di diventare primo ministro nel 1950. Abe è un vero nazionalista e revisionista, fu anche Primo ministro nel 2006-2007 prima di dimettersi bruscamente. I suoi legami con l’organizzazione Nippon Kaigi risalgono agli anni ’90. Come gli altri membri del culto imperiale, Abe ha detto che la revisione della Costituzione è il suo obiettivo principale. In un’intervista alla Nikkei Asian Review del febbraio 2014 Abe disse: “Il mio partito, il Partito LiberalDemocratico (LDP), sostiene il cambio della nostra costituzione sin dagli inizi, quasi 60 anni fa“. Così ora Abe e il suo partito, come le fazioni estremiste, sono sulla buona strada per raggiungere tale obiettivo. Il Parlamento giapponese, noto anche come Dieta, è costituito da una Camera superiore e una inferiore. La sezione 96 della Costituzione stabilisce che modifiche possono essere apportate alla Costituzione se approvate dalla maggioranza qualificata dei due terzi di entrambe le camere della dieta o con la maggioranza semplice in un referendum. Allo stato attuale, l’LDP e i suoi partner della coalizione hanno solo una maggioranza dei due terzi nella camera bassa e una semplice nella alta. Sperano di avere la maggioranza dei due terzi della Camera alta, dopo le elezioni di luglio. L’Asahi Shimbun e la stampa indipendente giapponese hanno chiamato la campagna di quest’anno “elezioni dagli scopi occulti”. I media locali hanno riferito che l’LDP e i suoi partner politici avevano indicato ai candidati di evitare di menzionare la revisione costituzionale nei loro discorsi. La posizione ufficiale della coalizione di governo è parlare solo di un argomento: l’abenomics. Ma l’abenomics cos’è?
L’abenomics è la politica economica che il Primo Ministro Abe promise di attuare nel 2012. Si basa sulle “tre frecce” dello stimolo fiscale, dell’allentamento monetario e delle riforme strutturali. Doveva rivitalizzare la stagnante economia giapponese. La terza “freccia” non fu scoccata, ma il 20 giugno il Fondo Monetario Internazionale ha sostanzialmente detto che l’abenomics è un fallimento suggerendo al Giappone di aumentare i salari. Il partito al potere si è concentrato nei discorsi su economia e speranza che infine l’abenomics cammini, mentre i partiti di opposizione, riuniti dal Partito democratico del Giappone (DPJ), presentavano un unico candidato in zone del Giappone dove avevano buone possibilità di vincere, sottolineando l’importanza di bloccare la revisione costituzionale. Il leader del DPJ, Katsuya Okada, avvertiva, “sotto l’amministrazione Abe i diritti fondamentali come libertà di espressione e diritto al libero accesso alle informazioni (riguardo il governo) sono minacciati… il pacifismo sancito dalla costituzione sarà distrutto“. La pressione interna all’LDP per rimuovere qualsiasi menzione alla revisione costituzionale è comprensibile, dice Koichi Nakano, professore ed esperto di politica giapponese della Sophia University.L’abenomics è semplicemente un modo per presentare il nazionalismo di Abe come qualcosa di attraente per farlo mantenere al potere“, ha detto Nakano, osservando che l’opinione pubblica si oppone in gran parte alla revisione della Costituzione. “Dal 2012, Abe usa la stessa tattica delle due precedenti elezioni, insistendo che il voto riguarda solo l’economia e, una volta che le elezioni sono passate, attua il vero piano. L’ha fatto con l’adozione delle leggi sui segreti di Stato, e poi con le leggi sulla sicurezza nel 2015 dopo le elezioni anticipate nel dicembre 2014, che avevano suscitato una forte opposizione. Segue probabilmente il consiglio del viceprimo ministro che aveva già notato che l’LDP dovrebbe imparare dai nazisti su come cambiare agevolmente la Costituzione“. La costituzione proposta dall’LDP, fortemente influenzata dai membri della Nippon Kaigi, secondo le indagini della Asahi Shimbun e altri media, abolisce l’articolo 9 che vieta al Giappone di ricorrere alla guerra come mezzo per risolvere i conflitti internazionali. Inoltre limita fortemente la libertà di espressione e toglie il diritto di parlare su questioni “contrarie al pubblico interesse”. Possiamo ovviamente dare per scontato che sarà il governo a decidere ciò che è “interesse pubblico”. Verrebbero anche eliminate le parole “diritti fondamentali” dalle sezioni chiave della Costituzione, secondo gli esperti costituzionali. L’LDP ha sostenuto che la revisione è necessaria per un Giappone moderno che deve affrontare la minaccia della Cina e liberarsi “dal regime del dopoguerra“.

Katsuya Okada

Katsuya Okada

nippon-kaigi-no-kenkyuL’ideologia del Primo Ministro Abe e del suo gabinetto era poco seguita dai media ufficiali giapponesi fino a maggio. Tutto è cambiato con la pubblicazione a sorpresa del best seller Nippon Kaigi No Kenkyu (Indagine sulla Conferenza del Giappone) del giornalista Tamotsu Sugano, il 30 aprile. L’esperto costituzionale Setsu Kobayashi, che è anche ex-membro della Nippon Kaigi, ha detto che il gruppo “ha difficoltà ad accettare la realtà che il Giappone abbia perso la guerra” e che vuole ripristinare la costituzione Meiji, osservando che alcuni membri sono discendenti di persone responsabili della guerra. Kobayashi è stato così attaccato dai suoi ex-soci, che a maggio ha fondato il nuovo partito Kokumin-Ikari no Koe (Voce arrabbiata dei cittadini), per promuovere e proteggere i diritti costituzionali. Nonostante il numero limitato di membri della Nippon Kaigi, la metà del gabinetto Abe appartiene all’Associazione Nazionale Legislatori Amici della Nippon Kaigi, un ramo del gruppo politico. Il Primo ministro Abe ne è il Consigliere speciale. L’ex ministro della Difesa, Yuriko Koike, che concorre alla carica di governatore di Tokyo, è un altro membro di spicco. Il Sankei Shinbun e altri hanno riferito che la Nippon Kaigi fece pressioni, il 28 aprile, sull’editore Fusosha per impedire la pubblicazione del libro. La lettera di protesta fu sorprendentemente inviata al direttore non dal presidente Tadae Takubo, ma dal segretario generale del gruppo Yuzo Kabushima. Kabushima è un adoratore dell’imperatore ed era un membro chiave del movimento studentesco Seicho No Ie. Sugano dice nel suo libro che Kabushima è la persona che realmente guida l’organizzazione. Nonostante il tono minaccioso della lettera, l’editore non sospese la pubblicazione. La prima edizione del libro ebbe solo 8000 copie. Ora è alla quarta edizione con oltre 126000 copie vendute. Cinque altri libri sono stati pubblicati in relazione e riviste appaiono con in prima pagina storie sull’argomento. Improvvisamente, la Nippon Kaigi è divenuta molto visibile.
Sugano è sorpreso e sollevato che la Nippon Kaigi e la sua influenza sulla politica nazionale, infine, ricevano attenzione. Lui stesso è un conservatore, laureato in scienze politiche all’Università del Texas. Mentre viveva in Texas, notò come il movimento cristiano evangelico costruisse la propria influenza politica vedendovi un parallelo nei metodi della Nippon Kaigi. Sugano era ancora un “Salaryman” quando seppe dell’esistenza della Nippon Kaigi. Nel 2008 Sugano ricorda il cambio di atmosfera per le strade. “I nerd cominciavano a parlare“, ha detto. Le proteste di gruppi come lo Zaitokukai e l’odio contro gli stranieri divenne più evidente, vidi l’escalation delle loro attività ogni giorno. Trovavo tale inondazione di odio preoccupante e m’infiltrai nelle loro proteste e a documentarle. Per capire la motivazione di membri e sostenitori spulciai le pubblicazioni conservatrici cui spesso facevano riferimento nei commenti on-line. Gli autori di tali pubblicazioni m’incuriosivano. Molti erano esperti del campo, giornalisti, accademici, ma scrivevano di argomenti estranei alle loro competenze. Poi mi resi conto che tutti sembravano aderire alla stessa organizzazione. Ciò mi fece scoprire il meraviglioso mondo della revisionista Nippon Kaigi. Sottolineò che la Nippon Kaigi utilizza i Neto Uyo (estremisti di destra che trolleggiano in rete chi scrive negativamente del Giappone), intellettuali, politici e altri sostenitori sui media mainstream per influenzare notevolmente politica ed opinione pubblica. Una diretta conseguenza fu il restauro da parte del governo giapponese del calendario imperiale vietato dalle forze di occupazione degli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale. E’ il 2016 in occidente, ma nel calendario imperiale, che si basa sull’imperatore regnante, è l’anno 28 dell’era Heisei. Il sistema è così complicato che molti giornalisti in Giappone si portano sempre con sé una tabella di corrispondenza tra i due calendari. Sugano attribuisce alla Nippon Kaigi anche alla resurrezione politica del Primo ministro Shinzo Abe, la cui carriera politica era considerata finita dopo le brusche dimissioni da premier nel 2007. Ritiene inoltre che uno dei loro obiettivi sia cambiare radicalmente le parti della Costituzione che definiscono matrimonio e diritti delle donne, per “fare del Giappone un Paese gradito a vecchi scontrosi, come loro“.

Tadae Takubo

Tadae Takubo

The Daily Beast ha contattato Nippon Kaigi via e-mail, fax e telefono e ha chiesto chiarimenti su quanto è stato scritto sul gruppo e le loro obiezioni al libro di Sugano, ma non ha ricevuto risposta.
Mentre molti libri e articoli pubblicati di recente danno l’immagine di un’organizzazione machiavellica che ha aggirato la legge per evitare di essere classificata gruppo politico, Sugano crede che siano per lo più reazionari senza una chiara idea di cosa fare una volta raggiunti i loro obiettivi. “Hanno lavorato costantemente e discretamente con politici locali e lobby politiche per opporsi a cose come la parità di genere, il riconoscimento dei crimini di guerra e delle donne di conforto (schiave sessuali durante la Seconda Guerra Mondiale), le donne che usano il loro nome da nubile dopo il matrimonio, ecc. Sono anti-questo e anti-quello ma non hanno alcuna visione“. Altri ricercatori hanno notato le posizioni del gruppo contro la parità di genere, ma sottolineano che il Primo ministro Abe sembra essere sincero sul tema della promozione delle donne sul posto di lavoro e che il gruppo ha anche donne deputate nei suoi ranghi. Sugano non ne è sorpreso. “Il Primo ministro Abe parla molto di Womenomics (affermare il ruolo della donna nel mondo degli affari), ma è blabla. È come un razzista del Texas che dice: “Ho un amico nero, quindi non sono razzista”. Il fatto che ci siano delle donne in politica sostenute dal gruppo rientra nella stessa logica. Ci sono sempre minoranze nella minoranza che considerano la discriminazione accettabile“. Il professor Jeff Kingston, storico del Giappone moderno, ha osservato che sebbene Abe abbia detto tutte le cose che deve dire, di nascosto ha ridotto la percentuale di donne nelle posizioni dirigenti dal 30 al 15%, e in pratica le sue scarne azioni sono solo “un cenno alla realtà patriarcale che dimostra come la Womenomics di Abe sia una farsa“. Sugano insiste dicendo che le “realtà patriarcale” del Giappone è una delle ragioni dell’autocensura dei media sotto l’amministrazione Abe e il motivo per cui hanno a lungo evitato di fare riferimento alla Nippon Kaigi. Sostiene che i media tradizionali giapponesi sono gestiti da vecchi misogini le cui opinioni si allineano alle idee sessiste della Nippon Kaigi, ed essendo d’accordo con i loro principi, non hanno alcun motivo per fare luce sull’organizzazione reazionaria. “Non è autocensura. È omertà“, ha detto. L’atteggiamento sprezzante della Nippon Kaigi contro donne e bambini spiega anche l’ovvia opposizione alla Convenzione internazionale dei diritti dei bambini delle Nazioni Unite (CRC). Hideaki Kase, membro di spicco della Nippon Kaigi e prolifico scrittore revisionista, è anche il presidente dell’associazione per le punizioni corporali del Giappone, che sostiene che picchiare “giudiziosamente” i bambini sia un modo per educarli e renderli forti. Se si chiede il motivo per cui le elezioni del 10 luglio erano importanti, Sugano dice che “LDP, Abe e Nippon Kaigi hanno lo stesso scopo. Ciò mi fa terribilmente temere che non siano mai stati più vicini a realizzare i loro sogni: modificare la Costituzione per portare il Paese sotto una società feudale militarista in cui le donne, i bambini, i giovani e gli stranieri, tra cui i giapponesi di origine coreana, non abbiano diritti. Ne avranno uno solo: di tenere chiusa la bocca“.japan-1(Dopo le elezioni del 10 luglio 2016, Shinzo Abe e i suoi alleati hanno la maggioranza dei due terzi nella Camera bassa e nella Camera alta per modificare la Costituzione giapponese).

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Brexit spezza l’asse franco-tedesco

Finian Cunningham, Strategic Culture Foundation 28/07/2016ADAMS20160721-large_trans++uQQdgZTh0ln6MqH4Nw1VP2ymwfxgHQuryvrYAjO8QpYBerlino e Parigi sono da tempo visti quali principali fautori dell’Unione europea. Quando la Gran Bretagna votò l’uscita dal blocco dei 28 membri, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande rafforzarono il loro ruolo di leadership indicando l’allineamento all’“Europa unita” e a difendere il concetto di base dell’UE. Tuttavia, tale ricompattamento delle due prime nazioni dell’UE è soggetta alla debilitante competizione degli interessi nazionali, che tendono a divergere minando l’unità tanto annunciata tra Berlino e Parigi. Ciò che si attende dalla Brexit è l’aumento delle tensioni tra Germania e Francia che potrebbe comportare un’ulteriore frattura nell’UE. Già una divergenza notevole di posizioni è emersa. Quando la nuova prima ministra conservatrice inglese Theresa May ha intrapreso la prima visita all’estero avrebbe dovuto incontrare la cancelliera Merkel a Berlino, e il giorno dopo il presidente Hollande al Palazzo dell’Eliseo, a Parigi. May ha dovuto aspettare fino a sera del secondo giorno per essere ricevuta da Hollande, che lo stesso giorno si era recato in visita ufficiale nella Repubblica d’Irlanda. La strana assenza di Hollande sembrava un affronto sornione alla leader inglese. Più sostanziale è il contrasto di posizioni tedesche e francesi sulla Brexit. La premier inglese aveva annunciato che non ci sarebbe stato l’avvio formale dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea fino all’inizio del prossimo anno. La Gran Bretagna, ha detto May, doveva formulare condizioni economiche adeguate con l’UE prima di firmare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona del 2007, innescando così il processo di uscita. Su questa uscita ritardata dall’UE della Gran Bretagna, la cancelliera tedesca sembrava essere d’accordo con l’omologa inglese. Merkel disse che capiva l’importanza per la Gran Bretagna di sistemare le questioni economiche. Al contrario, Hollande avrebbe adottato un atteggiamento molto più irritato, chiedendo che “al più presto possibile” la Gran Bretagna lasci l’UE. Mentre il presidente francese è apparso ammorbidirsi incontrando May, continuava comunque ad esprimere la frustrazione del suo governo con la Gran Bretagna. Parlando a fianco della leader inglese, Hollande ha detto che la Gran Bretagna non può continuare ad avvalersi del mercato unico pur imponendo restrizioni alla libertà di movimento.
La posizione diversa tra Berlino e Parigi verso la Brexit era evidente subito dopo il risultato del referendum inglese. I francesi puntano di più a por termine bruscamente all’adesione della Gran Bretagna all’UE che non i tedeschi. La divergenza tradisce gli interessi nazionali tra Germania e Francia. Per la Germania, il problema è l’economia. La Gran Bretagna in questi ultimi anni è emersa come partner commerciale globale chiave per le esportazioni tedesche. Il mercato inglese dei prodotti tedeschi è quasi il doppio di quello della Francia. Il surplus commerciale annuale della Germania con la Gran Bretagna avrebbe raggiunto circa 48 miliardi di euro, il 25 per cento del surplus totale commerciale della Germania con il resto del mondo. Data l’importanza strategica della crescita economica trainata dalle esportazioni, per il governo tedesco, la Gran Bretagna rappresenta quindi un partner vitale e non va maltrattata. Non stupisce quindi che Merkel mostri comprensione verso la contrattazione di Londra sul piano economico. La cancelliera sa che un rapporto irritato con la Gran Bretagna potrebbe affliggere le esportazioni con tariffe commerciali punitive. E si sa che la Gran Bretagna è ben consapevole della forza contrattuale verso gli interessi di Berlino. Ciò fu accennato dal ministro degli Esteri inglese Boris Johnson quando commentò a New York che la dipendenza economica significa che è “chiaramente nell’interesse dei nostri amici (dell’Unione) continuare un buon rapporto”.
JS95409696 Anche per la Francia, la Gran Bretagna è, ovviamente, un importante partner commerciale. Nelle classifiche mondiali, sono in quinta posizione per esportazioni ed importazioni. Mentre per Germania e Gran Bretagna tali posizioni sulle mutue esportazioni ed importazioni sono seconda e terza. Cioè, per Germania e Gran Bretagna l’economia domina, come riportava il Wall Street Journal. Ciò che sembra più urgente per la Francia è la ripercussione politica della Brexit. il governo nominalmente socialista di Hollande affronterà impegnative elezioni presidenziali e parlamentari all’inizio del prossimo anno. Ciò che interessa ai socialisti in carica e ai rivali di centro-destra di Nicolas Sarkozy è l’ascesa del Fronte Nazionale guidato da Marine Le Pen. Il partito di Le Pen è nettamente anti-UE e si batteva per la Brexit per colpire il “totalitarismo” di Bruxelles. Come il Financial Times riferì poco dopo il referendum inglese: “il partito anti-euro ed anti-immigrazione francese ha sempre attirato la quota maggiore di voti al primo turno delle elezioni locali ed europee negli ultimi due anni. La leader Marine Le Pen, che potrebbe passare al secondo turno delle elezioni presidenziali del prossimo anno, ha già avviato la campagna per invocare un referendum sull’adesione francese, se vincesse”. Ciò che teme la dirigenza francese è il “contagio” della Brexit infervorarsi nei prossimi mesi fino alle elezioni nazionali. Tale è il malcontento popolare verso l’establishment politico, non solo in Francia ma in tutta l’UE, per l’austerità economica, i problemi dell’immigrazione, il terrorismo, le sanzioni inutili e le tensioni con la Russia, e il servilismo verso la politica estera di Washington, che il Fronte Nazionale di Le Pen ha una buona probabilità di ricevere un voto di protesta enorme. Tanto più che la debacle della Brexit porta acqua al mulino di Le Pen, così come ad altri partiti anti-europei in ascesa nei Paesi Bassi, Italia, Danimarca e Germania. Con il Fronte Nazionale francese che ottiene notevoli guadagni elettorali negli ultimi anni, l’ultima cosa che le autorità di Parigi vogliono vedere è Le Pen ricavare ulteriore impulso dalla Brexit. Se la Gran Bretagna esce dall’UE facendo dispute sui termini del divorzio, il pericolo è che ciò rafforzi la piattaforma politica anti-UE di Le Pen e incoraggi gli elettori francesi a seguire il Fronte Nazionale.
Nel frattempo, in Germania, il partito anti-UE Alternative fur Deutschland (AFD) ancora non costituisce una minaccia elettorale seria per la CDU di Merkel e i partner della coalizione, i socialdemocratici. La prima preoccupazione della Germania è concedere alla Gran Bretagna un pacchetto economico tale da mantenere forte l’economia basata sull’export. Ma così la posizione morbida di Berlino verso Londra irriterà Parigi, dove una Brexit ritardata e favorevole sarà vista come una spinta elettorale del Fronte Nazionale. Così la Brexit spinge Berlino e Parigi in due direzioni opposte che inevitabilmente affliggeranno le relazioni tra i due pilastri dell’UE. La turboeconomia guidata dalle esportazioni della Germania e la sua austerità fiscale furono la fonte di recriminazioni tra Berlino e Parigi e altri Stati dell’Europa meridionale. Berlino è accusata di egoismo e di perseguire spietatamente i propri interessi economici nazionali a danno dell’interesse collettivo dell’UE. Ad esempio, la Germania fu chiamata a stimolare l’importazione dalle deboli economie europee, concedendo il sostegno di cui hanno molto bisogno. D’altra parte, Berlino vede Parigi come trasgressore cronico del deficit commerciale e di bilancio. Le posizioni contrastanti sulla Brexit di sicuro accentueranno tali vecchie tensioni tra Berlino e Parigi. Ciò illustra il limite della presunta unità europea. Mentre i sostenitori dell’Unione europea come Merkel e Hollande invocano “solidarietà e forza collettiva”, appare ovvio che quando si punta sul serio, ogni Stato membro persegua i propri interessi nazionali, anche a scapito degli altri membri.7e6780f16ba44109bddf351ac4f58796-593x443La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’apatia elettorale del Giappone: Abe ottiene un mandato dalla scarsa affluenza alle urne

Kanako Itamae e Lee Jay Walker Modern Tokyo Times, 11/7/2016

shinzo-abeIl Primo ministro del Giappone Shinzo Abe sostiene di aver avuto un nuovo mandato dall’elettorato dopo i risultati positivi annunciati nelle elezioni del Senato. Tuttavia, ciò è in parte falso perché l’affluenza è stata di un mero 54,7 per cento. Infatti, in alcune parti del Giappone la maggioranza delle persone non s’é presa la briga di votare e questo vale per Hiroshima, Kochi, e Tokushima. Soprattutto, il principale partito di opposizione è incatenato all’assenza di coesione. Pertanto, nonostante Abe esca rafforzato dall’elezione, la verità è che il 45 per cento della popolazione si sente tradita e sfiduciata verso i politici della nazione. Allo stesso tempo, le élite liberali e i mass media che si oppongono ad Abe sono ugualmente al di fuori della realtà del Giappone moderno. In altre parole, le immagini di manifestanti anti-nucleari, professori anti-Abe ed organizzazioni che attaccano le modifiche costituzionali, e altre cose, semplicemente non s’accordano con l’elettorato. Ciò significa che Abe si rafforza grazie alla bassa affluenza elettorale e alla popolazione che non si fida dell’opposizione. Purtroppo, ne conseguirà maggiore debito mentre gli ultra-ricchi guadagneranno ancor di più dalle mega-iniziative di stimolo economico che di solito non producono nulla. I contribuenti in Giappone saranno testimoni di grandi aziende, istituti finanziari e ricchi azionisti trarre profitto dalle nuove iniziative economiche del governo. Tuttavia, se il passato s’è vista poca concretezza, nel lungo termine il debito pubblico crescerà. Allarmante, se il tasso di natalità è un problema reale per il popolo giapponese, sembra che Abe si volgerà all’immigrazione per puntellare la nazione. Eppure, un vero aiuto è necessario per i cittadini giapponesi con figli, affinché ricevano un sostegno sociale vero e proprio, un ambiente di lavoro mutato, mutui e altre politiche necessarie. Invece, sembra che Abe si concentri sulla manodopera straniera, sperperando il denaro dei contribuenti nell’assistenza economica estera, nonostante la necessità di concentrarsi nel rilanciare le regioni del Paese, e sulle ambizioni geopolitiche.
La CNN riporta “Abe ha detto che userà la vittoria per far avanzare il programma di riforma economica conosciuto anche come abenomics, oltre ad ulteriori modifiche nella diplomazia… Insieme ai revisionisti costituzionali, la sua coalizione ha avuto la maggioranza di due terzi sui 121 seggi del Senato“. Modern Tokyo Times in passato sottolineò che, “i cambiamenti economici recenti basati sulla familiare teoria di affidarsi all’esportazione per uscire dalla crisi, indebolendo lo yen, sembra deragliare ancora una volta. Pur di raggiungere tale obiettivo, il governo del Primo ministro Abe ha attuato una politica monetaria ultra-aggressiva. Tuttavia, fin dall’inizio, tale politica è apparsa miope e incapace di rompere il ciclo della deflazione“. È stato riferito che un’eventuale nuova iniziativa di stimoli, nonostante il fallimento delle precedenti, sarà di quasi 200 miliardi di dollari (20 trilioni di yen). In altre parole, i problemi reali da affrontare saranno messi da parte in favore “della teoria del rivolo dagli ultra-ricchi” che prosciuga ulteriormente la fede della popolazione nella democrazia giapponese. Perciò diverse prefetture registrano meno del 50 per cento di votanti, una triste realtà per il Giappone moderno. Tuttavia, è una realtà che sembra sfuggire ad Abe, proprio come alla sinistra e all’opposizione liberale, ugualmente fuori dal mondo.

La teoria del rivolo dagli ultra-ricchi

La teoria del rivolo dagli ultra-ricchi

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il collasso accelerato degli Stati Uniti

Entrefilets 9 luglio 2016maxresdefaultAbbiamo sempre pensato che l’implosione degli Stati Uniti avrebbe segnato l’inizio del collasso finale del sistema atlantista neoliberista. Ma oggi, c’è più dei pixel della narrazione hollywoodiana ancora utilizzati per nascondere la realtà di un impero in rapido sfaldamento. E le cose accelerano a un ritmo fenomenale. Di fronte alla prospettiva di una vittoria probabile di Trump su una politicamente già morta Clinton, la mafia washingtoniana è nel panico e cerca di avviare il controtiro ovunque possa, nel tentativo di provocare una guerra civile razziale, nel Paese, e accelerando il confronto diretto con la Russia (1), fuori. Con risultati incerti in diversi Stati, come Texas e California, che già preparano la loro versione locale della “brexit” per sfuggire all’incendio che minaccia di far sparire questo falso Paese (2).

Kiev a Dallas
gunman dallas_0 I dirigenti occulti dello Stato profondo degli Stati Uniti sembrano aver finalmente risolto la questione delle elezioni presidenziali. Hillary è finita. Anche se sfugge, per ora, all’indagine sul cosiddetto emailgate, Clinton è un cadavere politico che si auto-pratica la respirazione artificiale e nessuno sembra volerci scommettere. Niente potrà salvarla e, addirittura se dovesse andare al potere ripetendo la truffa che portò Doobleyou due volte alla presidenza, non potrà governare. Troppi intrallazzi, troppi scheletri negli armadi. Ed ora è anche sospettata di opportunismo, mentre alla Casa Bianca raccoglie enormi quantità di denaro per la sua fondazione in cambio di contratti per armamenti (3). Questo è, a nostro avviso, la luce sotto cui va visto l’evento di Dallas dove i piani di guerra civile razziali avviati nel 2014 (4) a Fergusson, hanno solo subito una clamorosa spinta. Le immagini di RT mostrano uno dei tiratori in azione, ed è assolutamente chiaro che fosse un perfetto professionista, un ex-marine “squilibrato” possibilmente telecomandato e/o arruolato dalla CIA (5). Ricordiamo che nel 2015 le polizie degli Stati Uniti hanno ucciso oltre 1100 civili, tra cui la metà “non bianchi”. Il 40% delle vittime erano neri disarmati. A questo punto non si tratta di errori, ma di una lunga strategia. Disordini sociali significativi potrebbero effettivamente, se necessario, essere usati da cortina fumogena per ogni operazione per sospendere le elezioni a causa di emergenze, come l’omicidio di Trump, per capirsi.
Sul fronte aperta contro la Russia in Europa grazie al colpo di Stato di Majdan (6), non c’è bisogno di tornarci avendo già ampiamente esposto le manovre statunitensi che mirano a rendere il Vecchio Continente (ora trasformato in una caserma della NATO) nel teatro di una possibile guerra futura (7). Ma nel momento in cui la NATO ha deliberatamente scelto di tenere l’ultimo vertice alle porte della Russia per irritare ulteriormente Mosca, conficcheremo ancora più il chiodo denunciando ancora una volta il grado di sottomissione assolutamente scandaloso dei merdia occidentali, che continuano a spacciare la narrazione statunitense della minaccia russa. Si tratta dei “collaborazionisti” zelanti dei guerrafondai che minacciano d’inghiottire il mondo in una nuova macelleria, e prima o poi tutti dovranno risponderne.

Un falso Paese profondamente diviso
6600cd6ac9477221372450d17e3e1cbf Ma, come si suol dire, al peggio non c’è mai fine. Tornando al nostro argomento, ora tutto indica che il 2016 sarà l’anno del definitivo tracollo degli Stati Uniti. La prospettiva è sicuramente da mozzafiato, perfino incredibile. Per misurarne la probabilità, dobbiamo strappare, letteralmente, la narrazione hollywoodiana per capire che gli Stati Uniti di fatto non hanno alcun cemento reale che possa consentirgli di superare l’immensità della crisi terminale che li corrode da quasi un decennio. Citando la possibile dissoluzione degli Stati Uniti fin dal marzo 2009 (8), indicammo un testo di Philippe Grasset, editore del sublime sito Dedefensa.org, che riassume molto bene la fragilità intrinseca del falso Paese che sono gli Stati Uniti: “Gli Stati Uniti non sono, a nostro avviso, una nazione nel termine necessariamente eroico (la storia), ma un sistema di utilità. (…) Questo è intelligente, ben distribuito nella gestione degli interessi dalla virtù estremamente notevole del negoziante sempre e comunque alla base, non c’è dubbio. Ma non c’è alcun legame con la storia, non quella trascendenza particolare stabilita dalla virtù dell’eroismo (o “sacrificio dell’interesse particolare per il bene generale”). L’interesse speciale ha trovato un buon investimento nell’associazione e nell’organizzazione generali, giustamente chiamate “interesse generale”; non si tratta affatto del “bene pubblico” nel senso classico della disponibilità a tutti in generale, come comunità storica in riferimento alla nozione di trascendenza. I cittadini degli Stati Uniti sono gli azionisti dell'”interesse generale” e regolarmente chiedono di renderne conto, naturalmente, con i più scaltri che vincono la scommessa. Tutto ciò funziona bene come affare ben gestito, dove la redditività per gli azionisti è il riferimento supremo. Il risultato è un insieme artificiale profondamente diviso (con) tensioni permanenti tra le diverse regioni e comunità“. E ricordate che tale sistema fu assemblato con la violenza armata della guerra civile e che “Lincoln e Grant sapevano cosa stavano facendo quando ordinarono a Sherman di distruggere tutta la cultura del Sud, la “nazione del Sud”, nella sua famosa “passeggiata in Georgia” nel 1864, perché sapevano che il sistema non può accettare alcuna diversità autentica“.
Poi aggiungiamo a tale quadro “che le stesse circostanze della creazione del Paese lo privano della naturale connessione con la terra che occupa, essendo stato costruito su un territorio rubato dopo il genocidio delle nazioni indiane. La legittimità del legame con la terra, principale riferimento, è la base organica della costituzione di una vera e propria nazione, e qui manca ancora. In questo, gli Stati Uniti sono quindi (un sistema opportunistico) che “galleggia” sulla superficie della terra rubata“. Di conseguenza, i movimenti secessionisti che vanno affermandosi in California (il 41% dei californiani ritiene che il loro Stato dovrebbe essere indipendente, secondo un sondaggio su quasi 9000 persone) e in Texas, dovrebbero essere considerati seriamente. Il panico crescente in cui la mafia washingtoniana procede nella gestione della crisi è un sintomo altrettanto indicativo della fragilità di tale falso Stato. E se le sue manovre falliscono, il suo collasso potrebbe essere molto più rapido del previsto, lasciando l’Europa turbata probabilmente per qualche tempo, ma finalmente libera.Homecoming Rodeo action at Mayfest Hill Park - Terry  Hagerty phNote
1 La posta elettronica piratata conferma la spinta della NATO a provocare il conflitto con la Russia
2 California Dreaming: ‘il movimento dei separatisti aumenta’
3 Maledette e-mail!
4 Perché l’amministrazione Obama si ostina ad iniziare una guerra razziale
5 Sparatoria a Dallas: uomo spara a distanza ravvicinata su agenti di polizia
6 Ucraina-Russia: quando l’impero getta la maschera
7 L’UE è diventata la caserma della NATO
8 L’ipotesi della dissoluzione degli Stati Uniti

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Italia, crisi in arrivo

Jacques Sapir, Russeurope 8 luglio 2016Germany ItalyLa situazione delle banche italiane è ormai critica. La questione della loro ricapitalizzazione occuperà gran parte dell’estate, coinvolgendo direttamente le regole dell’Unione bancaria in vigore dal 1° gennaio 2016. L’incapacità del governo italiano di rispettare le regole dell’Unione bancaria mette in evidenza le disfunzioni sempre più gravi della zona euro. La quota dei prestiti denominati “non performing” nel bilancio delle banche ha ormai raggiunto il 18%, secondo uno studio del FMI [1]. A parte la Grecia, dove il tasso era oltre il 34%, il tasso più alto nella zona euro, il Portogallo segue tale tendenza, ma a un livello di molto inferiore, poiché la percentuale di debito cattivo è “solo” il 12%. In sintesi, si stima che il volume totale sia di 360-400 miliardi di euro, con 70-100 miliardi da coprire da parte dello Stato o con altri meccanismi.

A-01-Bad-loans-1-500x315Quota di crediti “non performing” nei bilanci delle banche

Va notato che il movimento dei “crediti inesigibili” può essere correlato a diverse cause. In Irlanda e in Spagna è stata la speculazione immobiliare a causarlo. Niente come nel caso dell’Italia, e questo è ciò che rende la progressione dei debiti inesigibili ben più grave. Tali problemi sono i prestiti delle banche regionali a piccole e medie imprese. In realtà, è la stagnazione economica degli ultimi anni causa dell’attuale crisi bancaria in Italia. L’evoluzione dei dati macroeconomici dell’economia italiana mostra l’estensione della crisi, in particolare dimostra che la sua causa è chiaramente l’introduzione dell’euro. Se calcoliamo l’evoluzione dell’economia italiana dal 1990, tenendo conto del decennio precedente l’introduzione dell’euro, le modifiche sono molto marcate e importanti.

A-01-Italie-500x306Evoluzione di PIL, investimenti e risparmio in Italia dal 1990
Fonte: dati del FMI, Dati del rapporto economico mondiale, aprile 2016

Roma-incontro-al-vertice-fra-Angela-Merkel-e-Matteo-RenziLa crescita del PIL, relativamente forte nel decennio 1990-2000, è disastrosa negli anni successivi all’introduzione dell’euro. L’Italia inoltre è tornata al PIL precedente la crisi del 2007. In effetti, il PIL del 2015 è il 116% di quello del 1990, ma era il 127% nel 2007. Se l’Italia avesse continuato a crescere al ritmo degli anni 1993 – 1999, nel 2015 avrebbe avuto un indice da 2015; cioè l’euro è costato il 34% del PIL nel 2015. Il PIL pro capite, dimensione in linea con l’evoluzione della ricchezza della popolazione, assumendo che la distribuzione interna della ricchezza resta invariata, ha un indice solo del 108% rispetto al 1990. In altre parole, in 25 anni, la crescita pro capite è stata di solo l’8%. Ma l’evoluzione degli investimenti (pubblici e privati) è ancora più preoccupante. Il forte calo degli investimenti nei primi anni ’90, crollo necessario per ridimensionare il deficit di bilancio, fu successivamente corretto, e gli investimenti salirono all’indice del 125% nel 2007. Ma da allora è calato a un indice dell’87%. In altre parole, l’Italia investe il 13% in meno nel 2015 di quanto investiva nel 1990. Non c’è quindi da stupirsi se la produttività del lavoro sia in declino in questo Paese, e che la qualità delle infrastrutture pubbliche, nazionali o locali, si degrada assai rapidamente. Tale situazione di crisi economica generale quindi è riflessa nei bilanci delle banche dalla crescita dei “crediti inesigibili”. Ma qui c’è il problema delle regole imposte dall’Unione bancaria. Questa chiede che le banche siano ricapitalizzate dai loro azionisti e risparmiatori. Ma gli azionisti sono i nuclei familiari che hanno acquistato i titoli di debito delle banche. Ora, queste famiglie hanno acquistato tali titoli in una situazione in cui il rischio fallimento veniva superato dalla possibilità di un “bail-out” (salvataggio) dallo Stato italiano. Le famiglie sono in gran parte pensionati e persone modeste, ora intrappolati dalle nuove regole dell’Unione bancaria che impongono un “bail-in”, cioè riporre la maggior parte del rischio bancario su azionariato e clienti. Una prima ricapitalizzazione delle banche, nel novembre 2015, ha provocato la spoliazione parziale dei risparmiatori.
Il governo italiano, indebolito dai risultati delle elezioni comunali del giugno 2016, che hanno visto il successo del M5S a Roma e Torino, non ha intenzione di causare una gravissima crisi sociale il prossimo anno. Pertanto, vuole imporre alle autorità europee il “bail-out”, cioè la socializzazione delle perdite. Ma ciò è rifiutato dalla Germania, rifiuto non solo dettato da considerazioni di natura finanziaria, ma soprattutto perché significherebbe il fallimento dell’Unione bancaria, dopo meno di un anno dall’entrata in vigore. Nella prova di forza che contrappone il governo italiano e il governo tedesco ci saranno solo perdenti. Se la Germania impone la sua idea, l’impatto sociale della crisi bancaria metterà l’Italia a ferro e fuoco, causando il crollo dei partiti tradizionali (PD e Forza Italia), sempre più coinvolti in casi di collusione e corruzione coi direttori di banca. Se il governo italiano ignora l’opposizione tedesca e decide di optare per un “bail-out”, la somma richiesta (almeno 70 miliardi di euro, pari al 4,4% del PIL) si tradurrà in un forte aumento del deficit di bilancio e ridurrà a zero la credibilità delle istituzioni della zona euro.

A-01-pPub-Italie-500x302Stato delle finanze pubbliche in Italia
Souce: Stesso Tabella 2.

La crisi bancaria italiana certamente occuperà gran parte dell’estate e dell’autunno. Tuttavia, si sia consapevoli che tale crisi si snoderà mentre la situazione della Deutsche Bank in Germania è molto preoccupante, e che le entrate del bilancio in Grecia crollano, in particolare con la caduta media del 20% delle entrate dall’IVA per via dello “sciopero fiscale” che avanza in quel Paese. Tutto sarà pagato, un giorno o l’altro. Dopo aver rifiutato il principio di solidarietà nella zona euro, la Germania ha imposto la sua visione delle regole; ma oggi si rende conto che tale punto di vista è insostenibile per i Paesi dell’Europa meridionale, incuneandosi tra il perseguimento di una politica suicida che non funziona e il riconoscimento degli errori passati. Ciò che rende più grave il problema è che il peso dell’Italia è assai maggiore di quello della Grecia. Tutti capiscono che l’uscita dell’Italia dall’euro certificherà la morte della moneta unica. La crisi greca del 2015 fu l’antipasto estivo; la crisi italiana è la crisi della zona euro.Italian Prime Minister Renzi gestures to German Chancellor Merkel during a news conference at the Chancellery in Berlin[1] Dati FMI sugli indicatori di solidità finanziaria.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.293 follower