Attentato in Tunisia: connessioni CIA-Mossad-MI5

AanirfanCIcjqxuUcAAkKXAIn Tunisia i poliziotti permisero ad uomini armati di massacrare liberamente turisti inglesi per più di mezz’ora, secondo testimoni. La polizia arrivò sulla scena dopo vari minuti. Attacco in Tunisia: la polizia lascia liberi uomini armati impazziti per mezz’ora, dice un testimone. Negli attentati in Norvegia era chiaro che ‘polizia e militari norvegesi aiutavano i tiratori’. Attentati in Norvegia, operazione interna

Abu Qatada

Abu Qatada

Sayfadin Yaqubi era collegato al MI5. Il Daily Mail collega Sayfadin Yaqubi a un alto agente del MI5. Costui era un informatore del MI5 ed era protetto da polizia e MI5 inglesi. L’agente del MI5 è Abu Qatada. TIME magazine cita “funzionari dell’intelligence europea” rivelare che Qatada fu “nascosto in una casa sicura” dove lui e la famiglia erano “curati, nutriti e vestiti dai servizi d’intelligence inglesi“. Sayfadin era probabilmente un capro espiatorio innocente. I veri assassini erano di una squadra che opera per i servizi di sicurezza. La CIA avrebbe una prigione segreta vicino a Biserta, 65km a nord di Tunisi. Base della CIA in Tunisia

2ramzi-prisonsNel 2002, 14 turisti tedeschi, 5 tunisini e 2 cittadini francesi furono uccisi sull’isola di Djarba, in Tunisia. CIA e Mossad furono sospettati dell’attentato di Djarba.

Habib al-Sid

Habib al-Sid

Il primo ministro della Tunisia Habib al-Sid. I servizi di sicurezza della Tunisia sono controllati da CIA e Mossad. Habib al-Sid, nato a Susa, si laureò presso l’Università del Minnesota negli Stati Uniti. Al-Sid è stato un alto funzionario del ministero degli Interni sotto il governo di Ben Ali. Ben Ali fu rovesciato da CIA e traditori nel suo governo e tra i militari. Dopo la rivoluzione della CIA nel 2011 che rovesciò Ben Ali, al-Sid fu consigliere per la sicurezza al primo ministro Hamadi Jabali, del partito islamista della Tunisia al-Nahda. In altre parole, al-Sid ha legami con gli islamisti della CIA.KasabSosia di Ajmal Kasab. Sayfadin Yaqubi è un capro espiatorio innocente come Ajmal Kasab. Kasab fu impiccato per gli attentati di Mumbai del 2008. Nel caso di Mumbai, dissero che 8 uomini armati furono arrestati e poi che fu arrestato solo Ajmal Kasab. Dissero che gli uomini armati presso la stazione ferroviaria e altrove erano bianchi. In un momento dissero che Kasab soggiornò per diversi giorni presso l’Hotel Taj; poi dissero che era appena sbarcato quando iniziarono gli omicidi. Ci furono segnalazioni che Kasab avesse ferite da proiettili e rapporti secondo cui non era ferito. Vi furono segnalazioni che uno dei complici di Kasab era stato arrestato all’ospedale Cana e rapporti che suggeriscono che nessuno vi fu arrestato. Kasab è innocente

Ajmal_Kasab_3Il vero Ajmal Kasab. Ajmal Kasab disse che fu incastrato dagli israeliani e dal servizio segreto dell’India (RAW). Ajmal Kasab afferma che il video registrato dal canale pakistano GeoTV (mostrato in una corte speciale) “fu creato da agenti del RAW e israeliani“. Kasab disse che l’aveva saputo da alcuni funzionari della polizia criminale. Kasab ora sostiene che il RAW l’accusa di spionaggio. Il 25 dicembre 2010 The Washington Post riferiva che il sospettato di Mumbai Ajmal Kasab “ha detto al giudice che si era recato a Mumbai come turista e fu arrestato 20 giorni prima dell’assalto. Il giorno degli attentati, Kasab disse che la polizia lo prese dalla cella perché assomigliava a uno degli attentatori. Poi lo filmarono per far sembrare che fosse coinvolto negli attacchi e riarrestato…Il tiratore di Mumbai invoca la Corte internazionale
Ajmal Kasab affermò che il servizio segreto indiano, RAW, lo prese in custodia il 6 novembre 2008 e poi lo consegnò alla polizia di Mumbai. Gli attacchi di Mumbai avvennero il 26 novembre 2008. Kasab parla della custodia del RAW. Kasab ora sostiene che il RAW l’accusa di spionaggio
Le indagini del Daily Mail indicano che il RAW negli ultimi anni segue i criteri dell’agenzia d’intelligence israeliana Mossad… il Mossad è riuscito a creare molti falsi terroristi tra i palestinesi innocenti facendogli confessare crimini che non hanno mai commesso. Le scoperte del Daily Mail indicano che tale tattica fu adottata dal RAW alla fine degli anni ’90 quando improvvisamente il numero di pakistani arrestati in India con l’accusa di terrorismo aumentò drammaticamente, e di cui Ajmal Kasab è l’ultimo“. The Daily Mail – Dal Pakistan

David Headley

David Headley

Lo statunitense David Headley organizzò gli attentati di Mumbai ed ammise che lavorava per la CIA. Ajmal Kasab disse che lo statunitense David Headley, che sarebbe l’agente della CIA che organizzò gli attentati di Mumbai, l’interrogò con altri quattro bianchi nella cella di custodia della polizia di Mumbai, dopo la sua cattura. Il sospettato dell’attentato di Mumbai Kasab ritratta la confessione, sostenendo di aver incontro un sospetto terrorista degli USA. Kasab afferma che fu interrogato da agenti dell’FBI e che David Headley era uno di loro. Processo sul 26/11: Kasab fu interrogato da HeadleyHeadleyTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Tunisia, attentato sotto falsa bandiera a Port al-Qantawi

Aanirfan 27 giugno 2015ISIS-flag-jpgIl 26 giugno 2015 c’è stato l’attentato sotto falsa bandiera a Port al-Qantawi, presso Susa in Tunisia. Tunisia
Il 26 giugno 2015, testimoni oculari riferirono che cinque terroristi sbarcarono per attaccare strutture vicino Susa. Testimoni oculari dicono che furono utilizzate due barche. AljaridahAzuRq2TMqNel 1987 il Mossad attaccò la Tunisia. L’operazione “coinvolse circa 30 agenti che raggiunsero la costa tunisina su piccole imbarcazioni. Alcuni di loro si fingevano turisti… Altri presero posizione indossando uniformi dell’esercito tunisino”. Turisti con licenza di uccidere
Il 26 giugno 2015, un uomo armato “ridendo e scherzando come un ragazzo normale’, secondo un testimone. ‘Decise di sparare. Ad alcune persone diceva ‘andate via’. ‘Sceglieva turisti inglesi e francesi’“. Dailymail
L’uomo armato parlava inglese o francese? Quando fui a Susa scoprì che praticamente nessun tunisino sapeva l’inglese. Vi sono islamisti a Qayruan in Tunisia. Ma nessun pazzo islamista ride e scherza come un ragazzo qualsiasi. Il video del presunto killer Sayif Razgui.

ISIS _L’uomo armato era un israeliano che opera in combutta con poliziotti e militari corrotti a Susa. Israele ha una storia di omicidi di inglesi e tunisini. Il tuo vero nemico è Israele
Il SIIL controllato dal Mossad e armato dal Pentagono ha rivendicato l’attacco. Il SIIL è controllato da Simon Elliot del Mossad
Il Mossad ha una base importante a Susa. Nel 2012, il Mossad rafforzò le attività a Susa e nel maggio 2015 numerosi ebrei si recarono in Tunisia. 300 mercenari del Mossad operano in Tunisia
L’attacco alle strutture appare una sofisticata operazione di certi servizi di sicurezza, piuttosto che l’attacco di uno studente musulmano pazzo. “Gli amici hanno detto a Sky News che due giorni prima dell’attacco, Yaqubi non mostrava segni di radicalizzazione visitando un caffè e passeggiando“. La breakdance del terrorista tunisino Sayfadin Yaqubi

Sousse shooter___Il ‘tiratore’ viene chiamato Sayfadin Yaqubi e Sayfadin Razgui, aggiungendo confusione. “Media locali affermano che uno degli aggressori indossava l’uniforme della polizia“. Tunisia Live
Polizia e militari hanno aiutano gli attentatori? Predrag Marjanovic, 55enne di Belgrado soggiornante presso il Palm Marina, ha detto: “Non ho visto poliziotti o militari sulla spiaggia. L’attacco è avvenuto dalla spiaggia e non c’era nessuno a proteggere. Mi sarei aspettato di vedere l’esercito, o almeno la polizia. Non abbiamo visto la polizia. Nell’hotel non ho visto un poliziotto armato darci sicurezza, comfort o come volete chiamarlo“. Nel frattempo Glen Evans, turista inglese dello Yorkshire ha anche criticato la gestione della polizia dell’attentato. “Il mio maggior  problema è il motivo per cui c’è voluta quasi un’ora prima che un elicottero apparisse“, ha detto. Gli esperti sostengono che il governo tunisino ha ignorato Susatunisia-sousse-gun_3356689bSecondo quanto riferito questo sarebbe ‘Sayfadin’ sulla spiaggia prima della sparatoria. La pagina facebook di Sayfadin posta musica rap, Real Madrid e le possibilità della Tunisia per la Coppa d’Africa. E’ improbabile che Sayfadin fosse uno dei tiratori. L’inglese Tom Richards si trovò faccia a faccia con l’uomo armato ed ha detto che “aveva lunghi capelli neri e la barba“. The Guardian


Nel 2011 due cecchini svedesi dai nomi ebraici furono arrestati. I cecchini avrebbero sparato ai  tunisini dai tetti (nell’ambito del piano della NATO per screditare il presidente Ben Ali). Il politico tunisino Muhamad Munsif Marzuqi liberò i cecchini. Marzuqi è accusato di essere un agente della CIA.

Munsif Marzuqi

Munsif Marzuqi

Secondo quanto riferito, almeno 30 persone sono state uccise. Ai primi di maggio 2015 ci fu un afflusso di ebrei in Tunisia. La ragione ufficiale era il pellegrinaggio in una sinagoga in Tunisia. “Circa 500 erano attesi a Djerba per due giorni di festa religiosa da Francia, Israele, Italia e Gran Bretagna, secondo gli organizzatori“. La Tunisia ospita un pellegrinaggio ebraico. Il Mossad ha uffici a Susa, Djerba e Tunisi. Il Mossad rafforza l’attività in Tunisia

Tunisia-attack-mapA Port al-Qantawi, i terroristi giunsero in spiaggia su un gommone. Gli assalitori aprirono il fuoco sui turisti sulla spiaggia e poi entrarono nell’Imperial Marhaba Hotel sparando con la mitragliatrice che nascondevano in un portaombrellone. Inoltre lanciarono granate, secondo i testimoni. Anche il Riu Bellevue Park sarebbe stato attaccato. Secondo quanto riferito, un uomo armato è stato ucciso. Gli attentati in Francia e Tunisia potrebbero indicare il tentativo di USA e alleati di plasmare l’opinione pubblica prima di lanciare l’invasione della Siria.

Jacob Welles e Baji al-Sabsi

Jacob Welles e Baji al-Sabsi

Il 20 febbraio 2015, “l’ambasciatore degli Stati Uniti in Tunisia veniva cacciato dal palazzo presidenziale“. Secondo quanto riferito, l’ambasciatore statunitense Jacob Walles fece infuriare il presidente tunisino Beji al-Sabsi quando provò a fargli pressioni per accettare una base militare statunitense in Tunisia. Secondo quanto riferito, il presidente al-Sabsi non solo espulse Walles dalla sua residenza, ma si rifiutò di avere una conversazione telefonica con il presidente Obama. Tunisia: ambasciatore statunitense espulso dal palazzo presidenziale/Massacro a Tunisi

vlcsnap-2015-03-20-16h45m34s98_risultatoIl 18 marzo 2015, turisti in Tunisia furono colpiti da un gruppo che si ritiene lavorasse per CIA e Mossad. Spari in Tunisia: almeno 17 morti al Museo del Bardo di Tunisi
Nel 2010 prevedemmo un colpo di Stato in Tunisia, ma fummo ignorati dai grandi blogger. Il colpo della CIA in Tunisia aiutato da Wikileaks?
Nel 2002, CIA e amici avrebbero effettuato un attacco sotto falsa bandiera su Djerba in Tunisia. CIA, Mossad e il bombardamento di Djerba

b061116sIl Generale Rashid Amar (Capo dell’esercito della Tunisia) stringe la mano al generale Raymond Henault (presidente del Comitato militare della NATO). Secondo quanto riferito la CIA ha molti agenti nelle forze armate di Tunisia ed Egitto. Nel 2010 la CIA rovesciò il leader moderato tunisino Ben Ali. False Flag. La falsa storia che avviò il golpe della CIA
Nel 2010, l’operazione false flag di CIA/NATO/Mossad in Tunisia avviò la primavera araba. La storia ufficiale della morte di Mohamed Bouazizi, il venditore ambulante, è una finzione. La CIA ha portato al potere gli islamisti. Gli islamisti poi diedero alla CIA i combattenti per il SIIL nella guerra della CIA contro Assad in Siria. La Tunisia ha fornito il più grande contingente di combattenti, oltre 3000, al SIIL. I reclutatori della CIA pagano tra 1000 e 3000 dollari ogni combattente, una somma enorme per un tunisino disoccupato. Gli islamisti hanno permesso al Mossad d’incrementare la propria attività in diverse città tunisine. Il Mossad rafforza l’attività in Tunisia

La-justice-n-oublie-pas-Ben-AliLa Tunisia del presidente Ben Ali aveva una storia di successo musulmana. Era liberale, gestita da tecnocrati e relativamente prospera. Nel dicembre 2014 gli ex-ministri di Ben Ali hanno vinto le elezioni in Tunisia e sono tornati al potere! Ora CIA e Mossad sembrano colpire i moderati, ancora una volta. “Media locali affermano che uno degli aggressori indossava l’uniforme della polizia“. Tunisia Live
I media riferiscono che l’uomo fosse uno degli armati di Port al-Qantawi, ed era giunto a Susa! Tempo prima dell’attacco, viaggiamo da Port al-Qantawi a Susa; ci vollero 25 minuti in taxi. Notammo che la strada era sorvegliata da auto e da un posto di blocco della polizia. Port al-Qantawi e Susa avevano una grande presenza della polizia. Quindi, come ha potuto così facilmente l’uomo armato raggiungere Susa?

gunmanSopra, il cadavere del bandito che si crede fosse il 23enne Sayfadin Yacubi. Ha gambe bianchissime. “Arma in mano, si aggirava per le strade di Susa“. Secondo quanto riferito, questo è Sayfadin Yacubi. Tweets dei deputati – Euwatch.eu

0e95a80374d46d74602a556d51b357ec8f20d68650568689ce0aa617c09514fdL’assassino depravato, ritenuto il 23enne Sayfadin Yacubi, è stato ucciso dalla polizia mentre passeggiava per le strade di Susa con un AK47 dopo aver massacrato decine di persone sulla spiaggia” Il Mail dice: “La maggior parte dei testimoni ha parlato di un tiratore solitario poi ucciso dalle forze di sicurezza tunisine“. (Dailymail)
Relazioni precedenti parlano di più di un uomo armato. Tunisia attacco terroristico: Uomini armati hanno usato un gommone
Testimoni hanno detto che i terroristi a Susa hanno usato una moto d’acqua e una barca per accedere alla spiaggia, nascondevano le armi negli ombrelloni e vestivano abiti occidentali. Il corpo di un uomo armato si trovava sulla scena con un kalashnikov, dopo essere stato colpito in uno scontro a fuoco con la polizia. Un secondo sospetto è stato poi arrestato nei pressi dell’autostrada“.

18557498384_1c198b30b5_zLa foto (sopra) lo mostra picchiato da una donna furiosa mentre viene portato per la città dalla polizia“. (Dailymail)
L’uomo appare un capro espiatorio innocente? Un impiegato dell’hotel ha detto: ‘Ha aperto il fuoco con un Kalashnikov. Era un ragazzo con pantaloncini corti, come se fosse un turista‘. Testimoni oculari hanno descritto come il killer depravato ‘ridesse e scherzasse’ con i turisti sulla spiaggia tunisina prima che senza pietà aprisse il fuoco su di loro. I media tunisini hanno detto che il terrorista ucciso era Sayfadin Yacubi, 23enne studente di aviazione di Qayruan, a un’ora di auto da Susa. (Dailymail)
Il bandito appariva vestito come un turista e aveva capelli lunghi.

83881367_france_attack_260615v3Il 26 giugno 2015, un attentato sotto falsa bandiera, in stile Operazione Gladio della CIA, ha avuto luogo presso una fabbrica statunitense nei pressi di Lione, in Francia. Perché la Francia? I legislatori francesi sostengono la mozione che riconosce lo Stato palestinese. Secondo quanto riferito, l’attacco ha coinvolto:
Due uomini su un’auto.
Una testa decapitata, ‘coperta da scritte arabe’ e appesa sulla recinzione.
Piccole esplosioni che ferivano degli operai.
Un uomo ‘noto ai servizi di sicurezza”, arrestato sulla scena che dice agli agenti di essere del SIIL.
Il SIIL sarebbe controllato dalla CIA e alleati. L’attacco ha avuto luogo presso la sede dell’Air Products, di proprietà statunitense, a Saint-Quentin-Fallavier, nei pressi di Lione. Due uomini furono visti arrivare al cancello subito dopo le 10:00, prima di girare intorno gettando bombole di gas sul cortile. I testimoni dicono che gli uomini avevano bandiere islamiche. Uno degli uomini saltò dall’auto, secondo “fonti inquirenti locali”, e poi ‘decapitò un uomo’. (Dailymail)

Rifaat al-Assad e François de Grossouvre

Rifaat al-Assad e François de Grossouvre

Nel 1947, il ministro dell’Interno della Francia Edouard Depreux rivelò l’esistenza di un esercito segreto in Francia dal nome in codice “Plan Bleu“. Lo scopo di tale esercito era effettuare operazioni sotto falsa bandiera per promuovere l’agenda delle élite. Nel 1949 la NATO aveva vari eserciti segreti, tutti parte dell’Operazione Gladio della CIA. L’ex-direttore dei servizi di spionaggio francesi DGSE, l’ammiraglio Pierre Lacoste, disse in un’intervista del 1992 a The Nation che alcuni elementi della rete furono coinvolti in attività terroristiche contro de Gaulle. François de Grossouvre era a capo di Gladio per la regione di Lione in Francia fino al suo presunto suicidio, il 7 aprile 1994.

François Mitterand e François

François Mitterand e François de Grossouvre

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

In vista della controffensiva siriano-irachena

Alessandro Lattanzio, 3/6/2015FGi2ngELe forze alleate dell’asse Iran-Iraq-Siria-Hezbollah si riorganizzano preparando le operazioni per contrastare l’offensiva islamo-atlantista cogestita da Turchia (fazione Erdoghan) e Arabia Saudita, sostenitori di Jabhat al-Nusra (al-Qaida), e da NATO, Israele e Turchia (fazione Gulen), sostenitori dello Stato Islamico (Gladio-B). Le operazioni anti-terroriste organizzate dalle forze armate iraniane e siriane, e dalle milizie popolari irachene e libanesi riguarderanno probabilmente almeno due offensive coordinate tra esse sul fronte siriano (probabilmente Tadmur) e sul fronte iracheno (Ramadi), per ridurre l’aggressività dello Stato islamico, ultimamente celebrato e propagandato quale organizzazione taqfirita invincibile da al-Jazeera e dai media sauditi ed occidentali. Propaganda che, anche nel caso di ‘vittorie’ sul campo, non corrisponde quasi mai alla realtà dei fatti (si veda il caso della Jamahiriya Libica).

iraq-tikrit_customL’operazione per la liberazione di Ramadi, capitale della provincia di Anbar, in Iraq occidentale, è stata battezzata dalle Hashid al-Shabi (Forze popolari), “Operazione Labaiq Ya Iraq” (Siamo al servizio dell’Iraq). Il Pentagono esprimeva delusione per la prevalenza delle milizie sciite irachene in un’operazione nel cuore sunnita dell’Iraq. Con incredibile ipocrisia, il portavoce del Pentagono, colonnello Steven Warren, aveva detto che “la chiave della vittoria, il tasto per espellere il SIIL dall’Iraq è un Iraq unificato. Un Iraq unificato senza divisioni settarie, unito contro questa comune minaccia operando per espellere il SIIL dall’Iraq. La soluzione è un governo iracheno unito“. Gli statunitensi erano riluttanti ad inviare le milizie sciite nell’Anbar, una provincia prevalentemente sunnita, ma la presa di Ramadi infliggeva un duro colpo alla coalizione guidata dagli USA spingendo Baghdad ad approvava l’immediato invio delle milizie popolari, di cui Washington diffidava, “Molte milizie non sono sotto il controllo del governo centrale” iracheno, diceva Warren. Infatti Obama aveva suggerito al governo iracheno di attivare le milizie tribale sunnite per contrastare, con il sostegno dell’Aeronautica degli Stati Uniti, l’assalto del SIIL. Ma Baghdad invece inviava 25000 miliziani delle Brigate Hezbollah, Imam Ali e Badr, e la 30.ma Brigata meccanizzata dell’8.va Divisione dell’esercito iracheno nella base militare di Habaniyah, in vista della controffensiva contro il SIIL.
Per occupare Ramadi, presidiata ca circa 7000 soldati iracheni, lo Stato islamico aveva utilizzato almeno 30 autobombe, di cui 10 camion-bomba del tipo utilizzato nell’attentato di Oklahoma City nel 1995, rivelando una mano molto nordamericana in tale tipo di operazioni terroristiche. In precedenza, il 18 maggio, il ministro della Difesa iraniano Generale Hossein Dehqan e il ministro della Difesa iracheno, Qalid al-Ubaydi, s’incontravano a Baghdad per organizzare la difesa contro il SIIL, mentre aerei da trasporto iracheni C-130J Hercules si recavano a Teheran per trasportare i rifornimenti militari iraniani.
Tra la fine di maggio e l’inizio di giugno 2015, tramite un accordo siriano-iraniano-iracheno oltre 20000 soldati iraniani, iracheni e libanesi sarebbero stati inviati nella zona di Idlib. Secondo il quotidiano libanese al-Safir, “La mobilitazione nel nord della Siria non ha precedenti dallo scoppio della guerra quattro anni fa. Una mobilitazione di tali dimensioni interrompe la tacita comprensione turco-iraniana per evitare il confronto diretto sulla Siria“. Il comandante della Forza al-Quds delle Guardie Rivoluzionarie iraniane, Generale Qasim Sulaymani, si era recato sul fronte di Jurin, dove le forze siriane si preparano ad affrontare l’assalto islamista-atlantista, promettendo “sorprese” per la NATO e gli USA. “Il mondo sarà sorpreso da ciò che noi e la leadership militare siriana prepariamo per i prossimi giorni“. Il comandante iraniano aveva incontrato il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito arabo siriano e i comandanti di Hezbollah durante la visita segreta in Siria.
CE5DsudUIAAZzHI Infatti, il ripiegamento delle forze siriane nella provincia di Idlib e da Tadmur rientra in un cambio di strategia di Damasco che prevede di rafforzare la presenza militare siriana nelle aree principali governative, da Lataqia ad Aleppo, da Homs a Damasco. Difatti, come dimostra il sito filo-islamo-atlantista Oryx, le truppe siriane avevano lasciato Tadmur dopo aver ritirato il grosso del materiale bellico; difatti nella base aerea di Tadmur i terroristi del SIIL poterono catturare solo 5 pezzi di artiglieria, qualche arma antiaerea e mezza dozzina di veicoli siriani inutilizzabili, oltre che 5/6 radar risalenti agli anni ’60/’70 e delle carcasse di 2 elicotteri distrutti. In realtà Tadmur è in pieno deserto, l’intenzione dello Stato islamico sarebbe stata quella di collegare il ‘califfato’ dal Mosul ad Homs; ma più probabilmente era distrarre risorse e mezzi dal fronte del Qalamun, dove il SIIL ha subito una pesante sconfitta; così come nei fronti ancora aperti, come Dayr al-Zur, Aleppo oppure Hasaqah, dove ha perso il controllo su oltre un 100 di villaggi. Invece di seguire una strategia, accumulando uomini e mezzi su tali ultimi fronti, lo Stato islamcio aveve deciso di lanciarsi al centro della Siria, allungando le linee di rifornimento nel deserto, e questo mentre a Ramadi incominciano a incontrare la resistenza delle forze irachene. Tutto ciò nella speranza che occupando o facendo credere di occupare Tadmur, Damasco di distraesse dai fronti del Qalamun e di Idlib, dove il SIIL e le altre organizzazioni terroristiche subiscono sconfitte o sono bloccate, disperdendo mezzi e uomini preziosi per la difesa della frontiera con Libano, Israele e Giordania, da cui tagliare i rifornimenti per le organizzazioni terroristiche attive in Siria. “Gli accuratamente selezionati resoconti dei media occidentali continuano a presentare lo Stato islamico quale fattore nella regione settentrionale dell’Afghanistan al confine con l’Asia centrale. Radio Free Europe e Radio Liberty, collegate all’intelligence degli Stati Uniti e che svolsero un ruolo chiave nella Guerra Fredda, la scorsa settimana avevano diffuso un pezzo inquietante sullo Stato islamico, praticamente dandogli un peso in Afghanistan assai lontano dalla realtà sul campo”. Va ricordato che Radio Free Europe e Radio Liberty sono emittenti della CIA finanziate da Soros, completamente gestite da neonazisti dichiarati e dedite alla propaganda anti-siriana, anti-iraniana e anti-russa. Il pubblico di queste radio è composto da nazisti fanatici e da nostalgici delle junte militari latinoamericane; basta fare un giro sulle loro pagine facebook per incontrarvi solo tale feccia. Inoltre, al quadro si aggiunge la propaganda filo-islamista e anti-sciita di Human Rights Watch, ONG finanziata dal governo statunitense, che accusa le milizie popolari irachene di rappresaglie e saccheggi contro i civili sunniti; lo scopo ultimo di tale propaganda è giustificare l’invio di truppe statunitensi in Iraq, invocato dal senatore statunitense John McCain, presidente del Comitato forze armate del Senato, e da Frederick Kagan, artefice della “Spinta” militare del 2007 in Iraq, e che dichiara che la caduta di Ramadi “sabota completamente” i piani per liberare Mosul, “Credo che la battaglia per Ramadi sarà abbastanza difficile“. L’ex-generale dei marines Gregory Newbold, consigliere di Obama nel 2008, disapprovava la strategia statunitense in Iraq, invocando l”escalation della campagna aerea e delle forza di terra statunitensi. “Quello che dobbiamo fare… dev’essere così decisivo ed avere un effetto tale che lo Stati islamico ne esca umiliato, come ideologia e come forza”.
Ma la ‘strategia’ statunitense in realtà ha sempre favorito la sua creatura, il ramo mediorientale di Gladio, ovvero Gladio-B, pubblicamente presentato dai media islamo-atlantisti come ‘Stato islamico’. A ribadirlo era la dichiarazione del primo ministro iracheno Haydar al-Abadi, che ammetteva che il SIIL a Mosul, nel giugno 2014, aveva catturato 2300 autoveicoli Humvee, 40 carri armati M1A1, un centinaio di blindati, 52 obici M198 e 74000 fucili d’assalto e armi automatiche. Un arsenale di fatto ceduto ai terroristi taqfiri dagli statunitensi e dai loro alleati ex-baathisti della fazione Husayn, presenti nell’amministrazione e nelle forze armate irachene. Intanto, presso Mosul, a conferma del coinvolgimento di Gladio nelle operazioni terroristiche in Medio Oriente, un agente dei servizi segreti turchi (MIT) operativo nel SIIL veniva catturato dai peshmerga, durante i combattimenti del 24 maggio nel villaggio di Sehelil, presso Mosul, che avevano lasciato 17 peshmerga e 35 terroristi morti. L’agente del MIT proveniva dalla provincia di Erzurum dove fu arrestato in Turchia per omicidio e condannato a 30 anni di carcere, poi rilasciato solo per aderire al SIIL come agente dei servizi segreti turchi. L’agente turco veniva consegnato al comando centrale dell’intelligence curda di Zerevani.

L'agente dell'intelligence turca dello Stato islamico catturato dalla mizlia curda

L’agente dell’intelligence turca dello Stato islamico catturato dalla milizia curda


Terroristi dello Stato islamico catturati dalle forze irachene

Riferimenti:
Analisi Militares
Anfenglish
Cassad
Mondialisation
NEO
RussiaToday
StopWar
Uskowi on Iran
Uskowi on Iran
Uskowi on Iran
Zerohedge

In Iraq, le forze iraniane schierano un nuovo sistema lanciarazzi multiplo (MLRS)

In Iraq, le forze iraniane schierano un nuovo sistema lanciarazzi multiplo (MLRS)

Chi è Joel Harding, il capo della propaganda della junta di Kiev?

Alessandro Lattanzio, 31/5/2015

nato_20io_20isafJoel Harding è un ex-ufficiale dell’intelligence militare statunitense che oggi dirige le Operazioni per Informare e Influenzare (IIO) del regime golpista ucraino. Si ricordi che le “Operazioni per Informare e Influenzare” non hanno per scopo creare opinioni o tracciare una politica, ma strappare all’opinione pubblica il sostegno agli obiettivi perseguiti dalle operazioni tramite tecniche di gestione della percezione rivolte al pubbliche manipolandone emozioni, motivazioni e ragionamenti.
Joel Harding (F-off@email.ru), prima di diventare il ‘re dei troll’ ucronazisti, fu per 26 anni Berretto Verde e contribuì a pianificare l’invasione di Haiti, Iraq e Afghanistan. Ha fatto parte dello Stato Maggiore per le operazioni speciali J2 dell’US Army. Era il collegamento del J2 per le Information Operations (le operazioni psicologiche e di disinformazione militari) con CIA, DIA, NSA, DISA e varie agenzie di Washington. Ha contribuito a sviluppare diverse metodologie spionistiche utilizzate da NSA, CIA e Pentagono poi svelate da Edward Snowden. Joel Harding, una volta andato in congedo, è divenuto direttore dell’(Old Crows) Information Operations Institute, dopo aver studiato programmi hacker informatici sponsorizzati dal governo ed esser stato analista presso la SAIC, impresa che sviluppa applicazioni informatiche per le agenzie militari e d’intelligence. Harding creò anche un comitato consultivo per le IO formato da 20 esperti di IO aziendali, governativi, militari e accademici inglesi e statunitensi, ed infine scrisse un libro bianco sulle IO utilizzato dal segretario della Difesa degli USA. Nel 2008 Harding e il suo istituto parteciparono all’elaborazione delle strategie per l’US Cyber Command, con una nuova definizione di Operazioni d’Informazione e delineando le nuove prospettive della guerra elettronica e cibernetica. Infatti, già nel 1997 Harding svolse un lavoro pionieristico nel software spionistico utilizzato da governo e aziende per sorvegliare le reti sociali, influenzarle e tracciarne gli utenti.
Il 28 febbraio 2014 Harding fu nominato direttore del Centro Informazione Strategica NSE, “che sviluppa programmi nel campo delle operazioni d’informazione, psicologiche, della diplomazia publica e dell’influenza strategica”, e subito il 1° marzo stipulava il primo contratto con la junta golpista di Kiev. Il 3 marzo, appena arrivato a Kiev, Harding fece una proposta ai golpisti majdanisti: “Ora un pensiero rimbalza nella testa, ed effettivamente ha senso ma le cui ripercussioni sono selvagge, inaudite, sanguinose da poter distruggere la nazione… Se si guarda al grafico dei gasdotti che attraversano l’Ucraina, si potrebbero chiudere le valvole in una di tali condotte, chiudendo una parte importante delle esportazioni della Russia e, di conseguenza, una fonte di denaro e potere che Putin deve comprendere veramente. Se fa questo passo, fa saltare in aria quelle condotte, anche se così si creasse un casino. Ciò si tradurrebbe nell’invasione russa. Fine della storia? No. Immaginate di provare a difendere migliaia di miglia di condotte. Gli insorti ucraini costringerebbero la Russia a dedicarvi decine di divisioni…” Al momento Victoria Nuland corteggiava Pravij Sektor offrendogli legittimità, denaro e sostegno. Lo stesso giorno Harding notava, “Improvvisamente ho 510 persone in Ucraina che seguono il mio blog. Vediamo, 510 diviso per quattro, moltiplicato per 100 fa il 12,750 per cento in un solo giorno. Cacchio mi chiedo perché!?” E infatti, il 16 marzo 2014 Dimitrij Jarosh, ducetto di Pravij Sektor, minacciava i gasdotti dell’Ucraina. Il consiglio di Harding minacciava una delle ultime fonti di reddito della junta di Kiev. Da quel momento Harding iniziava a fornire consigli su azioni militari, mediatiche, tattiche cibernetiche per le IO, manuali militari, psy-op e per una grande copertura mediatica internazionale, spingendo per la creazione del nuovo Ministero della politica dell’informazione, di una strategia nazionale dell’informazione, di un centro di propaganda unificato a Kiev e di un cyberesercito al servizio dei golpisti di Gladio ucraini.
Le fotografie possono essere ritoccate, come i video. I testimoni oculari sono sospetti. I reportage non sono affidabili. Anche se è la persona più affidabile al mondo a dire qualcosa, si può sempre bollarla come speculazione, faziosa o agente pagato dai russi… Che cosa faremo? Sradicare, rifiutare, corrompere, ingannare, usurpare o distruggere le informazioni. Le informazioni, non va dimenticato, sono l’obiettivo finale della cyberguerra per aver un impatto diretto sul processo decisionale dei leader avversari“. Così Harding ha sviluppato una strategia di contenimento informatico dei media russi, mentre barriere vengono erette per controllare l’informazione ucraina. In quest’ambito, a Kiev, grazie ad Harding e alla NATO, è stato creato il cyberesercito per le IIO ucraine da utilizzare a livello mondiale. “Ho discusso sul possibile uso delle informazioni nei social media come arma. Coloro con cui parlavo hanno uno strumento che rastrella i social media, ne calibra i sentimenti e fornisce all’utente la possibilità di generare automaticamente una risposta convincente. Tale strumento si chiama “Social Networking Influence Engine”… lo si può classificare come munizione? Pare di no, ma le implicazioni sembrano ampie per l’ambiente delle informazioni, oltre al dipartimento della Difesa. Le persone che possiedono questo strumento sono civili e lontani dall’industria della difesa, quindi avere l’approvazione del dipartimento di Stato potrebbe anche non essere necessario“, affermava Harding.
Uno sei social media utilizzati da Harding per le sue operazioni IIO è Wikipedia. Dal giugno 2014 c’è stato un forte aumento delle IIO su Wikipedia riguardo l’Ucraina. Gli operativi di Harding si occupano di continuo di redigere un dato argomento, modificando eventi e dati a favore della junta di Kiev e relativi sostenitori. Sugli eventi di Majdan, il massacro di Odessa e l’abbattimento del volo MH17, il pensiero di Harding si riassume in questa sua frase, “La guerra d’informazione per l’Ucraina ha assunto un nuovo aspetto. La Russia va abbattuta. Deve soffocare, sentire un dolore oltre ogni limite accettabile. Deve pagare. La Russia deve soffrire”.
Pic7 Harding dirige la propaganda filo-golpista ucraina presso i media occidentali, coordinandoli nell’ambito delle sue IIO; quindi ha pianificato e unificato la disinformazione e la propaganda del regime golpista ucraino e dei media occidentali sulla guerra contro la Novorossija, e come visto, manipolando od oscurando l’informazione su eventi come il massacro di Odessa o l’abbattimento del volo MH17, o spacciando di continuo la propaganda menzognera sull’“invasione russa” dell’Ucraina. Harding, che ha contribuito a creare il ministero dell’Informazione ucraino, dirige anche la campagna per denigrare ed eliminare giornalisti e attivisti critici verso la junta di Kiev, etichettandoli come “agenti russi”, indicando ai suoi adepti quale metodi usare al riguardo. Ad esempio, Harding si presentò come ufficiale russo, con tanto di email presso l’“Ambasciata russa” di Washington, all’attivista pacifista statunitense David Swanson per chiedergli di pubblicare articoli di “propaganda russa”. Swanson lo smascherò e lo denunciò. Harding, inoltre, ha delineato l’infoguerra ucraina ricorrendo alla repressione armata del giornalismo ucraino. E’ in quest’operazione che rientra il sito nazigolpista Peacekeeper, che indica gli oppositori e i giornalisti critici verso il regime nazi-atlantista da “neutralizzare” (tra cui lo scrittore Oles Buzin). Il sito Peacekeeper è ospitato sul server della NATO in Lettonia, nell’ambito del Strategic Communications Centre of Excellence (StratComCOE) della NATO a Riga, Lettonia. In sostanza, StratComCOE e Harding dirigono l’omicidio di giornalisti e politici ucraini a Kiev, oltre l’infoguerra e la disinformazione mediatica occidentale sull’Ucraina.
Il sociopatico e megalomane Joel Harding ha probabilmente reclutato anche degli italiani, fantocci degli ucronazisti come Mauro Voerzio, Fabio Prevdello, Massimiliano di Pasquale, il nazipiddino Matteo Cazzulani o la spia nazistoide travestita da reporter Cosimo Attanasio, il quale ha illustrato le tecniche esposte dal suddetto mentore della CIA dei golpisti di Kiev, denigrando le proteste per il massacro di Odessa come assalto di teppisti contro la polizia ucraina, o facendo credere che i civili russofoni assassinati dai nazisti e dai golpisti, in realtà fossero una messinscena di agenti russi che uccidevano civili per denigrare il nuovo governo ‘democratico’ di Kiev.

2nd_information_operations_btn_dui_n14103Riferimenti:
Fort Russ
Oped News
Prisonplanet

La guerra speciale che infuria in Novorossija

L’esito della guerra in Ucraina sarà deciso delle forze per operazioni speciali, non ucraine
Sergej Ishenko, Svpressa.ru, 29 maggio 2015 – Fort Russ

C1igSyUNZSwWiki: Operazioni speciali (S.O.) sono operazioni militari considerate “speciali” (cioè, non convenzionali) solitamente effettuate da unità dedicate. Le operazioni speciali vengono eseguite in modo indipendente o combinato con operazioni militari convenzionali. L’obiettivo primario è realizzare un obiettivo politico o militare, laddove non esistono forze convenzionalo che possano influenzare negativamente il risultato strategico generale. Le operazioni speciali sono solitamente condotte occultamente sfruttando vantaggi come velocità, sorpresa e violenza dell’azione contro un bersaglio ignaro. Le operazioni speciali in genere sono effettuate con un numero limitato di effettivi altamente qualificati capaci di operare in tutti gli ambienti, grazie a fiducia in se stessi, facile adattamento nel superare gli ostacoli e uso di abilità ed equipaggiamenti nei combattimenti non convenzionali per raggiungere gli obiettivi. Le operazioni speciali sono solitamente implementate con intelligence specifica. Nel 2003-2012 si è vista la strategia della sicurezza nazionale degli Stati Uniti basarsi sulle operazioni speciali a livelli inauditi. Identificare, cacciare ed uccidere i terroristi è diventato il compito centrale nella Guerra globale al terrorismo (GWOT). Linda Robinson, assistente per la sicurezza nazionale e la politica estera presso il Consiglio per le relazioni estere degli Stati Uniti, ha sostenuto che la struttura organizzativa sia divenuta più orizzontale e la cooperazione con la Comunità dell’intelligence più forte, consentendo alle operazioni speciali di passare alla “velocità di guerra”. Gli stanziamenti per le operazioni speciali sono costosi: il bilancio è passato da 2,3 miliardi nel 2001 a 10,5 miliardi di dollari nel 2012. Alcuni esperti sostengono che l’investimento è stato utile, indicando il raid nel maggio 2011 che uccise Usama bin Ladin ad Abbottabad, Pakistan. Altri sostengono che l’enfasi sulle operazioni speciali crea l’equivoco che sostituisca il conflitto prolungato. “Incursioni e attacchi dei droni sono tattiche raramente decisive e spesso comportano notevoli costi politici e diplomatici per gli Stati Uniti. Anche se incursioni e attacchi dei droni sono necessari per distruggere minacce terribili e imminenti… i capi delle operazioni speciali ammettono che non dovrebbero essere il pilastro centrale della strategia militare degli Stati Uniti“. Invece, i comandanti delle operazioni speciali dichiarano che la grande strategia dovrebbe includere l'”approccio indiretto”, cioè collaborare con partner non-USA negli obiettivi per la sicurezza. “Le forze per operazioni speciali forgiano relazioni decennali con vari gruppi tramite addestramento, consulenza, informazioni ed operazioni al fianco di forze armate, polizia, tribù, milizie o altri gruppi di altri Paesi“. (Come nel caso di Settore destro e dei nazibattaglioni, le cui risorse sono invidiate dai militari, alla luce delle recenti rivelazioni secondo cui Kolomojskij è semplicemente una facciata per i finanziamenti degli Stati Uniti? – KR)TKpN3ydTOzwI recenti avvenimenti nel Donbass meritano uno sguardo più attento. La cronaca inquietante è questa:
1. Il 22 maggio, alle ore 13:00, dal quartiere Kambrod di Lugansk la polizia riceveva una telefonata da residenti locali su un gruppo di sospetti elementi armati e in tuta mimetica che si definivano della milizia. Poiché gli sconosciuti chiedevano la posizione delle basi militari, i cittadini s’insospettirono. A Kambrod fu inviata una squadra di risposta rapida del Ministero degli Interni della RPL contro cui ebbero uno scontro a fuoco. Nei combattimenti alcuni degli stranieri furono uccisi e uno arrestato. Costui aveva una mimetica occidentale, una maschera e un elenco di numeri di telefono non identificati. Lugansk controlla i passaporti per identificare coloro che risiedono illegalmente nella città.
2. Il 23 maggio alle 17:40 sul territorio di Donetsk, tra i checkpoint “Gorlovka” (controllato dalla milizia della RPD) e “Majorsk” (delle forze armate ucraine) un’auto del Centro congiunto di controllo e coordinamento (SCCC) fu oggetto del tiro di armi automatiche. Nell’auto vi era il capo dell’ufficio russo presso il SCCC, Colonnello-Generale Aleksandr Lentsov e altri ufficiali che rientravano da Shirokino, dove vi sono continui scontri e bombardamenti. L’attacco all’auto di Lentsov era fallito.
3. Lo stesso giorno alle 18:50, vicino al villaggio Mikhajlovka, un convoglio di tre auto finiva su una mina antiuomo (secondo altre fonti era una mina MON-50) e sotto il tiro di armi automatiche. A bordo vi era il popolare comandante del Battaglione ‘Prizrak‘ dell’esercito della RPL Aleksej Mozgovoj, che venne ucciso insieme ad altre quattro persone.
Tralasciando le aspre dispute scoppiate immediatamente su chi abbia effettivamente ucciso Mozgovoj, se (come argomentato da Kiev), “partigiani ucraini” del gruppo “Ombre” (come insiste il suo capo Aleksandr Gladkij) o qualche assai professionale gruppo sovversivo appositamente inviato nella RPL per eliminare Mozgovoj. Qualcos’altro è più importante. Gli eventi degli ultimi giorni, a mio parere, dimostrano che una guerra sovversiva va acutamente intensificandosi in Novorossija. Da chi, è una questione a parte. Se ne parla qui di seguito. Per ora facciamo un’altra ipotesi. Tutti gli analisti militari di entrambi i lati del fronte ci fornivano previsioni: quando la neve si scioglierà la guerra per il Donbas s’infiammerà con forza rinnovata. E quindi? La neve è scomparsa da tempo e la terra s’è prosciugata da un mese, ma nessuno è all’offensiva, le parti si limitano solo a tiri con armi di tutti i calibri. Il problema è che la natura della guerra civile in Ucraina è cambiata drammaticamente. Vladimir Putin ha già chiaramente affermato che non permetterà a nessuno di distruggere le repubbliche popolari del Donbas. Petro Poroshenko non solo non può fermare i militari, ma neanche ammorbidire la retorica aggressiva a Kiev. In questo caso, il presidente semplicemente soffocherebbe nel fumo dei pneumatici che bruciano. Così per tutto autunno e inverno entrambi i lati hanno scavato trincee e bunker, costruito campi minati, rifornito, addestrato ed equipaggiato le unità da combattimento. Questo lavoro gigantesco ha prodotto un risultato. Al fronte c’è una sorta di parità militare quando ogni tentativo di avanzare causa alte perdite e non garantisce alcun risultato ragionevole. Quale sarebbe l’obiettivo di un’offensiva oggi, per la milizia e per i militari ucraini? La milizia ha deciso di non attaccare Kiev l’anno scorso, non prese Mariupol anche se era a due passi. A sua volta, l’esercito e i nazibattaglioni ucraini combatterono inutilmente e in modo incompetente per il minuscolo (anche per la scala di questa guerra) aeroporto di Donetsk. Come poteva tale esercito provare a prendere seriamente il controllo di una metropoli di 1 milione di persone? Sì, nelle strade dell’ostile Donetsk i 60mila militari della cosiddetta operazione ATO di Kiev sarebbero stati dissolti e sconfitti dai cittadini arrabbiati. E ci sono ancora Lugansk, Gorlovka, ecc. Come i militari ucraini possono imporre così tanti presidi?
Quindi c’è il cosiddetto conflitto congelato nel Donbas, come in Transnistria? Se non c’era nessuno dietro il regime di Poroshenko, sarebbe probabilmente successo. Ma lontano dai confini dell’Ucraina vi sono molte forze che vogliono la guerra infinita da queste parti. Togliamo i politici e prendiamo i militari, più schietti e “militarmente” diretti. Ad esempio, il tenente-generale statunitense John Mulholland, dal gennaio 2015 vicedirettore della CIA per gli affari militari. In un recente incontro con dei politici a Washington, ha dichiarato che “tutto va fatto per trascinare la Russia in una guerra con l’Ucraina”. Come il generale Mulholland agisce in questo affare difficile e rischioso? Oh, ne ha la competenza. In passato l’attuale vicedirettore della CIA era vicecomandante delle operazioni speciali delle forze delle forze armate degli Stati Uniti. Cioè Mulholland per quattro anni supervisionava spie e sabotatori professionisti. Stranamente, dopo l’assunzione nella CIA, le forze per operazioni speciali oggi sopportano il peso dei combattimenti nel Donbas. Se è così, non si tratta certamente di forze speciali ucraine ma di gruppi sovversivi nel Donbas che di ucraino hanno solo la facciata, dato che Kiev ha appena iniziato a creare proprie unità speciali di questo tipo (“SP” ne ha scritto in dettaglio ad aprile).
Tuttavia, lo Stato Maggiore ucraino per diversi mesi aveva un direttorato per le operazioni speciali, il cui comandante è il colonnello Sergej Krivonos. Ma è solo all’inizio. Ad aprile Krivonos aveva detto: “Abbiamo una scadenza, così dobbiamo iniziare a creare le forze per operazioni speciali al più presto, non parlare ma agire concretamente“. Che chi combatte al posto di Krivonos, che ha una scadenza? Guardiamo i vecchi dossier. Ad esempio, un rapporto del luglio del 2014, quando in estrema segretezza 180 commando-istruttori giunsero a Kiev dalla base per operazioni speciali degli USA di Fort Benning (GA). Tutti parlavano russo fluentemente e furono subito trasferiti a Marjupol, dove iniziavano l’addestramento degli ucraini. Organizzano corsi speciali solo teorici? O con pratica sul campo? E se sì, gli ospiti dagli Stati Uniti vi partecipano?
In secondo luogo. Vi sono molte informazioni sulle forze georgiane, istruite a Fort Benning ed efferate nel Donbas. Ad esempio, si vedano i fatti del 16 maggio, quando vicino Shastje furono feriti e catturati due combattenti ex o attuali operativi delle operazioni speciali russe della 3.za Brigata del GRU dello Stato Maggiore Generale delle Forze armate russe: il capitano Evgenij Erofeev e il sergente Aleksandr Aleksandrov. In Ucraina infuria il dibattito: li hanno presi i nostri militari? Chi dovrebbe ricevere la medaglia? La 92.ma brigata meccanizzata delle forze armate o il 24.mo nazibattaglione Ajdar? O il controspionaggio militare del SBU? Tuttavia, ecco un commento del vicecomandante del Ministero della Difesa della RPD Eduard Basurin: “C’è una ragione per la confusione a Kiev su chi esattamente abbia sequestrato i combattenti: i soldati della 92.ma brigata delle forze armate ucraine o gli aguzzini di Ajdar o SBU. Secondo informazioni dalla nostra intelligence, quel giorno nella zona c’era un gruppo sovversivo di spetsnaz georgiani“. Basurin ha detto che la base degli spetsnaz georgiani opera sotto la copertura di centro di addestramento della guardia nazionale ucraina nel distretto di Severodonetsk, la cui esistenza era nota solo al SBU. Né la 92.ma brigata, né “Ajdar” lo sapevano che, avendo partecipato alla guerra, credono che quando gridano a Kiev “Gloria agli eroi!” si pensi a loro, e solo a loro. Si noti che rapporti sulla partecipazione di commando georgiani avevano già violato la segretezza militare. Fu riportato dalla stampa che Alexander Grigolashvili, morto nel Donbas il 18 dicembre 2014, operava nelle forze speciali del ministero della Difesa della Georgia. Anche prima, nella battaglia per l’aeroporto di Donetsk, fu ucciso l’ex o attuale commando georgiano Tamaz Sukhiashvili. (È interessante notare che il famoso comandante novorusso Givi è un georgiano cresciuto nel Donbas, dato che molti nell’Unione Sovietica viaggiavano liberamente stabilendosi fuori dalle loro repubbliche di origine, KR).
Vi sono ulteriori prove della partecipazione nei combattimenti nel sud-est dell’Ucraina di forze speciali polacche. Così, l’8 dicembre 2014, la radio intelligence della milizia intercettava conversazioni del nemico in polacco e dopo poche ore, la notte del 9 dicembre, a 11 chilometri da Nikishino, vi fu uno scontro con un gruppo sovversivo di otto persone, tutte eliminate. Una volta esaminate fu scoperta una fascia del reggimento delle forze speciali “Jednostka Wojskowa Komandosów” delle forze armate della Polonia. Il 26 giugno 2014, vicino Saur-Mogila, fu ucciso un cecchino polacco armato con un avanzato fucile di grosso calibro statunitense. Tali armi sono utilizzate solo dagli spetsnaz. Prima, il 16 giugno 2014, sul luogo dello schianto dell’aereo da trasporto militare Il-76 ucraino abbattuto dalla milizia, furono trovati molti documenti carbonizzati in polacco. Se fossero spetsnaz o mercenari stranieri è impossibile concluderlo. Tuttavia, è possibile. Secondo l’intelligence della milizia vi sono diciannove gruppi sovversivi operanti con il nemico e formati da commandos stranieri. È ovvio che nei prossimi mesi non permetteranno che la guerra per il Donbas finisca, non importa ciò che dicono i politici.10385485Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.903 follower