Gli USA stentano a mantenere l’Asia nell’arretratezza

Tony Cartalucci New Eastern Outlook 03/11/2014

myanmarI giornali finanziati dagli USA promuovono ONG finanziate dagli Stati Uniti nel tentativo di fermare i progetti infrastrutturali che consentano di ridurre le inondazioni, produrre energia pulita e rinnovabile, e dare posti di lavoro e sviluppo a milioni di persone. “The Irrawaddy“, che pretende di essere “una delle principali fonti di notizie attendibili, informazioni e analisi su Birmania/Myanmar e regione del sud-est asiatico“, ha ostinatamente seguito gli sforzi di cosiddetti “attivisti” per impedire la costruzione di dighe nel Sud-Est asiatico, dal Myanmar (ancora chiamato con il nome imperiale inglese “Birmania” dai media occidentali), a Thailandia e Laos. L’ultimo articolo “Azienda tailandese usa attiche del business per indebolire le leggi in Birmania“, è una rappresentazione tipica di tali sforzi. Segnala che: “Uno dei principali finanziatori delle dighe idroelettriche progettate sul fiume Salween della Birmania, è accusato d’investire in Paesi in cui vi è “oppressione e poca trasparenza”, per raggiungere i suoi obiettivi. Dopo essere stato limitato nelle attività nazionali, l’Ente per l’Energia Elettrica della Thailandia (EGAT) vuole fare di Birmania e Laos fornitori di energia elettrica tramite dighe fluviali, dannose per l’ambiente, afferma l’ONG statunitense International Rivers a The Irrawaddy”. Le dighe sono senza dubbio dannose per l’ambiente circostante e sicuramente governi e interessi particolari eludono regolarmente le proprie responsabilità nel perseguire con la costruzione della diga risultati equi per la popolazione umana e la fauna circostanti. Tuttavia, opporsi totalmente alla loro costruzione è regressivo, si tratta di un’agenda politicamente motivata spacciata da alcuni interessi particolari sociopoliticamente ed ambientalmente tra i più distruttivi sulla Terra. Per capirlo, si deve sapere cosa The Irrawaddy e International Rivers hanno in comune, e in particolare perché il loro ordine del giorno s’intreccia nella battaglia contro lo sviluppo autentico dell’Asia sudorientale.

“Giornali” e “attivisti” finanziati dagli Stati Uniti
The Irrawaddy e International Rivers sono creazioni ed emanazioni del dipartimento di Stato degli Stati Uniti e di diversi fondazioni finanziate dall’aziendale-finanziario Fortune 500. Tra cui fondazioni che rappresentano gli interessi di imprese come Exxon, Chevron, British Petroleum (BP) e Total, così come grande finanza e Banca Mondiale. Già dovrebbe essere facile capire perché i giganti energetici e finanziari occidentali siano interessati ad arrestare lo sviluppo dell’indipendenza energetica sostenibile del Sud-Est asiatico. The Irrawaddy è letteralmente una creazione del dipartimento di Stato degli Stati Uniti tramite il suo National Endowment for Democracy (NED). Lo rivela in un rapporto del 2006 dal titolo “In assenza del popolo birmano? Un invito alla revisione della politica DFID in Birmania“, pubblicato da Burma Campaign UK. In esso, si afferma in particolare: “Anche il programma di sub-concessione del NED ha favorito lo sviluppo di tre ben note organizzazioni mediatiche birmane. New Era Journal, The Irrawaddy e la radio Democratic Voice of Burma (DVB) divenute fonti critiche di informazioni e notizie indipendenti sulla lotta per la democrazia in Birmania”. Il NED, con la pretesa di essere “una fondazione privata senza scopo di lucro dedita alla crescita e rafforzamento delle istituzioni democratiche nel mondo”, ha nel suo consiglio di amministrazione (passati e presente) una sgradevole collezione di rappresentanti di Fortune 500, neoconservatori guerrafondai e politici legati ad alcune delle agende globali più regressive, come Goldman Sachs, Boeing, Exxon, Brookings Institution e molti altri. E’ chiaro che tale insieme di interessi particolari non bada all’impatto umano e ambientale della produzione di energia idroelettrica, considerando che molti sovrintendono direttamente al racket del petrolio mondiale. Invece si tratta del desiderio di eliminare potenziali concorrenti e qualsiasi parvenza d’indipendenza geopolitica nelle regioni del pianeta su cui cercano di proiettare il loro potere. Con think tank come il Brookings che elaborano piani di battaglia, dalle invasioni di Afghanistan ed Iraq, alle loro occupazioni decennali alle guerre per procura contro Siria e Iran, non è difficile capire che sono forme secondarie di proiezione di potenza, tramite ONG cooptate e camuffate con il pretesto dell'”ambientalismo” e dell'”attivismo sociale”, di cui sono gli strumenti. International Rivers, negli anni, è stato finanziato da Sigrid Rausing Trust, Tides Foundation, Google, Open Society, Ford Foundation, per citarne alcuni. Molti di coloro che finanziano International Rivers, sono a loro volta creazioni di interessi corporativi-finanziari. Sponsor diretti come Sigrid Rausing Trust, Ford Foundation e Open Society, sono coinvolti nel finanziamento di think tank come la Brookings Institution, favorevole alla guerra e pro-aziendale, in cui Sigrid Rausing Trust appare tra i donatori (.pdf) assieme ad imperi bancari come JP Morgan, Bank of America e Barclays Bank, a giganti petroliferi come Exxon, Chevron, Shell e Statoil e aziende belliche come Boeing, Northrop Grumman e Raytheon. In realtà, International Rivers espone un punto molto interessante che inquadra perfettamente la guerra alle dighe asiatiche. In “Banche e costruttori di dighe” dice: “Tradizionalmente, il gruppo della Banca mondiale è stato il maggiore finanziatore di grandi dighe. Per decenni, la Banca Mondiale ha finanziato la costruzione di mega-dighe nel mondo. Negli ultimi anni, tuttavia, le istituzioni finanziarie cinesi hanno assunto questo ruolo, innescando un nuovo boom globale nella costruzione di dighe. Altre banche nazionali pubbliche, come le banche brasiliane, tailandesi e indiane, ne finanziano una quota sempre più importante”. In ciò risiede uno dei tanti problemi di Wall Street e Londra e della loro “Banca Mondiale” con le dighe di Asia: non hanno le mani in pasta in una regione che apertamente cercano di influenzare, manipolare e persino utilizzare come fantoccio collettivo contro la Cina.

mekong-river-giant-fish-threatened-dam_33707_600x450Il fiume scorre
Come si demonizza la produzione di energia rinnovabile sostenibile, che funge anche da strumento di gestione delle alluvioni e navigazione fluviale? International Rivers e i ben intenzionati attivisti creduloni diffondono la loro agenda regressiva ai diversi angoli del mondo demonizzando l’energia idroelettrica, passando dal plausibile all’assolutamente ridicolo. Sul sito di International Rivers archiviato come “Il nostro lavoro”, si trova forse la scusa più ridicola di International Rivers per cui una nazione non dovrebbe costruire dighe; in “Cambiamenti climatici e fiumi”, citando un oscuro studio sulla produzione di metano dei batteri che si trovano in tutti gli specchi d’acqua dolce permanenti, dagli stagni ai laghi e tutto il resto, International Rivers sostiene che dighe e bacini contribuiscono al “riscaldamento globale” e pertanto non dovrebbero essere costruiti. Sulla pagina “International Rivers Mekong Mainstream Dams” si afferma, oltre alle varie scuse usate per ostacolare i progetti di dighe per produrre energia elettrica per infrastrutture moderne, industria e altre necessità per creare lavoro e una migliore qualità della vita, c’è la difesa delle popolazioni indigene e la loro pesca non sostenibile per la diminuzione dei pesci in diversi fiumi. In realtà, la costruzione di una diga fornirebbe i mezzi a molte comunità di pescatori per passare ad occupazioni più produttive che permettano alle popolazioni ittiche sia di riprendersi che di trasferirsi in zone da poter gestire con attenzione, ritornando di nuovo a livelli sani. “La rinascita dei piani per costruire una serie di dighe sul fiume Mekong in Cambogia, Laos e Thailandia, rappresenta una grave minaccia per l’ecologia del fiume e mette a rischio il benessere di milioni di persone che dipendono dal fiume per cibo, reddito, trasporti e diversi altri bisogni”. Solo che le persone dedite alla pesca vivono lungo il fiumi in condizione di povertà assoluta, e sono intrappolate nel ciclo della scarsa istruzione, del lavoro servile, dello sfruttamento e della diminuzione di risorse naturali, sempre più oberate proprio perché il Mekong non è stato sviluppato in modo programmato, dopo che il progetto è stato “accantonato”, come International Rivers ammette con orgoglio, a causa del suo lavorio regressivo. Le risorse della pesca sono saccheggiate da persone che non possono condurre un’altra vita, ancora una volta proprio per l’assenza di un reale tangibile sviluppo delle infrastrutture sul Mekong.

Problemi reali, soluzioni reali
Questo non vuol dire che non ci siano problemi reali dar discutere nella costruzione delle dighe. Governi ed investitori che cercano di costruire tali progetti hanno la responsabilità su popolazioni e ambiente circostanti al fine di garantire che la frattura inevitabile e lo spostamento siano debitamente compensati e che i benefici della diga prevalgano sugli inconvenienti provocati dalla costruzione. La gestione di inondazioni, i trasporti ed altri benefici forniti da una costruzione ben pianificata delle dighe hanno tolto milioni di persone dalla povertà letteralmente illuminatogli la vita in tutto il pianeta, dal sud rurale degli Stati Uniti, durante la Grande Depressione, all’Europa per generazioni e alla Cina di oggi. Interessi particolari occidentali, dopo aver costruito dighe godendosi i frutti di infrastrutture ben sviluppate e dell’industrializzazione, sfruttano la disparità di tale sviluppo verso le impoverite nazioni in via di sviluppo che rilanciano i tentativi di recuperare il ritardo, almeno finché ciò non avviene con aziende, banche e altri monopoli occidentali. Una via di mezzo deve essere trovata tra coloro che cercano di costruire dighe e coloro che ne saranno interessati. Disposizioni per la tutela o anche l’espansione della pesca dopo che una diga è completata, utilizzando il bacino che si forma, sono un modo per ottenerla. Garantirsi che l’energia prodotta dalla diga porti all’industrializzazione e allo sviluppo locale, potendo dare condizioni di lavoro e opportunità migliori alle comunità locali, è un altro. La creazione di moderni mezzi per aggirare le dighe migliorando la navigazione fluviale, è un altro modo dimostrabile con cui le dighe possono migliorare la vita delle comunità e attività locali. Quando un progetto per grandi infrastrutture è pronto a passare dal tavolo da disegno al terreno, c’è molto da discutere e anche possibilmente di protestare sul modo con cui viene costruito il progetto, da chi e a vantaggio di chi. Tuttavia, l’argomento di per sé non è tangibile, la costruzione delle infrastrutture non dovrebbe mai essere messa in discussione. E’ diritto naturale di tutti andare avanti e verso l’alto. Coloro che irrazionalmente protestano contro ogni progetto infrastrutturale, di qualsiasi tipo, sulla base di argomenti pretestuosi come violare l’ambiente o pratiche non sostenibili, adottati da popoli disperatamente poveri che hanno bisogno di tali progetti per prosperare, sono i veri nemici del progresso, dell’ambiente e infine delle stesse persone che pretendono di aiutare. Gli attivisti locali ingannati da menzogna e propaganda, possono essere perdonati, ma dovrebbero lavorare per svolgere un vero controllo dello sviluppo delle infrastrutture, ma non come licenza perpetua d’ostruzione irrazionale. Organizzazioni come International Rivers, tuttavia, non possono essere perdonate. Affiliate ai peggiori criminali socioeconomici e ambientali del pianeta, gli attivisti nel mondo dovrebbero ostracizzare ed evitarli, per non essere contaminati anche dall’agenda regressiva dagli interessi particolari.

lower_mekong_dams_mapTony Cartalucci, ricercatore e scrittore di geopolitica di Bangkok, per la rivista on-line “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perle e diamanti dell’Oceano Indiano

MK Bhadrakumar, 26 ottobre 201410481477La visita nel porto di Hai Phong, Vietnam, il 5 agosto della INS Shivalik, l’avanzata fregata lanciamissili della Marina indiana, era davvero una spettacolare proiezione di forza dell’India nel suo “estero vicino”, oltre lo Stretto di Malacca. Delhi ha detto che “migliorare l’interoperabilità” con la marina vietnamita è una delle missioni principali della Shivalik. In effetti, la Shivalik è un fiore all’occhiello della Marina indiana, una nave da 4600 tonnellate di una classe di tre navi da guerra commissionate dall’India tra il 2010 e il 2012 dotata della cosiddetta tecnologia “stealth”, ridotte superficie radar e firma infrarossi della sovrastruttura. Orgogliosamente propagandata dalla Marina indiana come “piattaforma di comando e controllo multiruolo in grado di operare in un ambiente multi-minacce networkcentrico”. Non sorprende che la presenza della Shivalik nelle acque agitate del Mar Cinese Meridionale abbia crucciato ben lungi dalle coste dell’India. IHS Jane’s Navy International ha così commentato: “L’ultimo tentativo della Marina indiana di rafforzare le relazioni operative con i vietnamiti potrebbe essere una manifestazione dell’approccio della ‘collana di diamanti’ indiana, una strategia che forgia alleanze su sicurezza e difesa con vari Paesi asiatici, in particolare con coloro in rapporti non facili con Pechino, per la posizione strategica assertiva della Cina nel proiettare le proprie capacità navali… Nel dicembre 2013, l’India ha annunciato l’addestramento di 500 sommergibilisti vietnamiti per migliorare le capacità sottomarine della PAVN nell’ambito dei legami strategici e di difesa ampliati tra i due Paesi” (qui)).
Ritorniamo a “una domenica mattina” dello scorso dicembre, quando Pechino rivelò che uno dei suoi sottomarini d’attacco a propulsione nucleare aveva attraversato lo Stretto di Malacca. E due giorni dopo riemergere nei pressi di Sri Lanka e Golfo Persico, per poi riattraversare lo stretto e rientrare alla base in Cina tre mesi dopo, a febbraio. La proiezione di potenza della Shivalik ad agosto è presumibilmente la risposta indiana. Ora, avanti a fine settembre. Secondo un affascinante articolo del Wall Street Journal, “Il ministero della Difesa (di Pechino) convocava un addetto (navale estero) per ancora una volta rivelare un altro dispiegamento cinese nell’Oceano Indiano a settembre, questa volta un sottomarino diesel al largo dello Sri Lanka“. Il sottomarino cinese nello Sri Lanka ha scioccato Delhi, essendo successo durante la forte “correzione di rotta” del governo di Narendra Modi in Sri Lanka, con la politica discreta dell’India sul problema tamil, nell’ambito di una comprensione strategica che renderebbe i due Paesi più attenti ai reciproci interessi fondamentali. L’accordo offerto da Delhi era che la politica Dravida nel Tamil Nadu non avrebbe più permesso di gettare ombre sulla politica verso lo Sri Lanka dell’India. Il governo del Bharatiya Janata aveva adottato questa storica “correzione di rotta”, pilotata personalmente dal temibile Dr. Subramianian Swamy. Il presupposto era costringere Colombo all’amicizia irresistibile dell’India. Evidentemente, il successivo periodo “buonista” s’è dissipato in una notte. Delhi ha fatto marcia indietro mostrando disappunto per la presenza del sottomarino cinese nelle acque dello Sri Lanka. Forse, Delhi ha anche segnalato a Colombo che l’India potrebbe sempre avere la possibilità di scaricare senza tanti complimenti la “linea Swamy” e passare alla tradizionale politica verso lo Sri Lanka, che da il primato al problema tamil. In termini strategici, ciò diventa la storia del “filo di perle” della Cina contro la “collana di diamanti” dell’India. La Cina rinuncia alla necessità tattica di solcare i mari dell’Oceano Indiano attraversati dalla maggior parte dei propri flussi commerciali? L’India avanzerà la prerogativa del diritto internazionale di transitare sulle acque contese del Mar Cinese Meridionale e perforarvi pozzi di petrolio, se se lo ritiene, e a procedere a testare l'”interoperabilità” militare con il Vietnam? A dire il vero, un forte braccio di ferro si crea. Ma altre domande sorgono qui. In primo luogo, la spinta della protesta diplomatica di Delhi con Colombo non è nota. Spera faccia in modo che Colombo sicuramente risenta dell’indicazione che lo Sri Lanka rientra nella “sfera di influenza” dell’India.

2ur9o49
La visita del sottomarino cinese a settembre, dimostra che Colombo afferma la propria sovranità e non ritiene necessario chiedere il previo consenso di Delhi. In secondo luogo, è evidente che l’offensiva del fascino dei leader del BJP su Colombo è fallita miseramente. Colombo afferma che avrà legami strategici con Cina e India, e che non sarà un gioco a somma zero. Gettando sale sulla ferita, ironia della sorte, Colombo ha anche ospitato una delegazione della Difesa indiana (e Swamy stesso) per una conferenza a settembre. In terzo luogo, tutto ciò dimostra che i piccoli vicini degli indiani hanno imparato l’arte di giocare l’India contro la Cina nel mondo multipolare. Colombo può ora dettare non solo la politica dello Sri Lanka all’India, ma garantirsi che Delhi agisca in modo coerente ed efficace, cioè arretrando sulla questione tamil e smettendo di interferire sui diritti sovrani dello Sri Lanka. Oggi è lo Sri Lanka, domani potrebbe anche essere che il Bangladesh ad ospitare un sottomarino cinese, o il Myanmar o le Maldive. È interessante notare che il premier Modi si concentri sul Myanmar per una visita all’inizio di novembre. In effetti, perché non Dacca, e Colombo sì? La questione chiave è, fino a che punto l’India può affermare il proprio dominio sui Paesi della regione, tutte democrazie vivaci con opinioni pubbliche forti che non solo non sono ben disposte verso l’India, ma vedono le intenzioni indiane come “egemoniche”. Di recente, l’ascesa dello stridente nazionalismo indù in India li preoccupa in modo infernale. Nel frattempo, i venti della globalizzazione hanno raggiunto i nostri vicini e la leva economica dell’India non è così notevole da portarli nell’arena politica. Tutto sommato, il nocciolo della questione è che la dottrina indiana della “sfera d’influenza” è fuori moda. A pensarci bene, la dottrina non ha mai funzionato, se non in Bhutan e in una certa misura in Nepal.
Alla fine, l’India deve seriamente ripensare l’arte di conquistarsi gli amici nella regione. I risultati dei 5 mesi del nuovo governo sono irregolari. Un meraviglioso patrimonio lasciato in eredità dal precedente governo UPA, un decennio relativamente privo di tensioni nelle relazioni con il Pakistan, è stato sprecato. L’iniziativa di invitare i leader del SAARC a Delhi, a maggio, per la cerimonia inaugurale del Primo ministro, è stato un buon esercizio di pubbliche relazioni. Ma è giunto il momento d’iniettare un vero contenuto duraturo in ciò che altrimenti sarebbe vuota retorica. Infine, vale davvero la pena inseguire i sottomarini cinesi che trafficheranno nell’Oceano Indiano con maggiore frequenza? L’India ha seri limiti laddove anche una superpotenza come gli Stati Uniti è impegnata duramente ad affrontare gravi considerazioni di bilancio. In altre parole, l’India non deve pensare affatto a tale stravagante forza di proiezione nel Mar Cinese Meridionale? Certo, non può poiché India e Vietnam si preparano congiuntamente ad affrontare la Cina. Il problema è che con tali protagonismi, a volte anche innocui, previsti senza malizia, potrebbero generare gravi incomprensioni. Il punto è che la Cina rafforza la cooperazione militare con i vicini dell’India, proprio come fa l’India con i vicini della Cina, e l’India dovrebbe accettarlo come realtà geopolitica emergente o, in alternativa, parlarne silenziosamente con la Cina, in futuro, come sorta di modus vivendi, invece di farne un problema nei rapporti dell’India con i propri vicini. Anche in questo caso, lo Sri Lanka non è l’unico Paese nella regione che la Cina coltiva. In realtà, Cina e Iran accelerano visibilmente la cooperazione marittima e i rapporti globali nella difesa, come è evidente dalla visita del comandante della marina iraniana in Cina e la presenza, per la prima volta, di navi militari cinesi a Bandar Abbas, a due passi da Mumbai.
Basti dire che è importante analizzare con calma e razionalmente le motivazioni della Cina nella situazione internazionale prevalente e, in particolare, in relazione alla strategia degli Stati Uniti del ‘”pivot” in Asia, invece di riprendere le fantasiose ipotesi provenienti dagli Stati Uniti, di volta in volta, sul “filo di perle” ed altro, proponendo di prescrivere “linee rosse” ai nostri vicini che non possiamo imporre in ogni caso.

indian-oceanTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Giappone guarda ancora all’Oceano Indiano

Vladimir Terehov New Eastern Outlook 20/09/2014

Modi-AbeUno dei segnali che indicano la continua evoluzione nel processo di “normalizzazione” del Giappone è l’espansione delle proprie aree d’interesse politico. La geografia di tale spazio è determinata dalla necessità di risolvere due problemi sostanzialmente interconnessi e vitali per il Giappone. Il primo è garantirsi l’accesso alle risorse energetiche del Golfo Persico, così come il loro transito sicuro ai porti giapponesi. Il secondo, non ufficializzato ma abbastanza evidente, deriva dalla trasformazione della Cina in potenza globale, percepita come principale minaccia agli interessi nazionali e alla sicurezza del Giappone. Poiché la Cina “ricambia” con la propria valutazione del processo di “normalizzazione” giapponese, le relazioni tra questi due importanti Paesi asiatici sullo spazio politico globale sembrano sempre più seguire la “marcatura” tra due calciatori avversari durante la partita. La strategia attuata da entrambe le “squadre” inizia a svilupparsi in tutte le regioni del mondo, ma è particolarmente evidente nell’area della rotta che si estende attraverso Oceano Indiano, Stretto di Malacca e Mar Cinese Meridionale, terminando nei porti di Cina, Taiwan, Corea del Sud e Giappone.
Da quando è salito al potere alla fine del 2012, l’attenzione del primo ministro giapponese Shinzo Abe si è concentrata sulla crescente presenza giapponese nel Mar Cinese Meridionale e nello Stretto di Malacca. Il premier e i suoi ministri chiave hanno compiuto il maggior numero di visite nei Paesi del sud-est asiatico che circondano lo stretto. E’ importante notare che nelle visite e trattative con gli omologhi di questi Paesi, assieme all’uso del tradizionale strumento economico della politica estera del Giappone, l’aspetto militare e tecnico della cooperazione del Paese diventa sempre più importante. Ciò è fortemente incoraggiato dai Paesi del sudest asiatico per ragioni abbastanza ovvie. Va notato che i segnali che indicano il rinnovato interesse del Giappone per la regione dell’Oceano Indiano, ben evidente nelle due guerre mondiali, s’è già manifestato nel primo mandato di Shinzo Abe, nel 2006-2007, con la sua visita in India nel 2007, formulando il concetto di “arco d’instabilità”. Come notato dagli analisti, “con strana coincidenza”, l’arco si sovrappone alla suddetta vitale rotta per il Giappone. Nell’estate 2011, il Giappone aprì la sua prima base militare estera dal dopoguerra, dopo aver affittato dei terreni a Gibuti, nell’estremità occidentale della rotta di fondamentale importanza, per combattere i “pirati somali”, che sarebbero stati creati se non esistessero. Per inciso, per sopprimere la “minaccia dei pirati”, anche la Cina ha firmato un accordo con Gibuti per costruire una propria base militare all’inizio del 2013. Tuttavia, navi e aerei militari dei principali attori regionali da tempo pattugliano l’acceso al Golfo Persico.
La prova della nuova fase della politica attiva del Giappone nella regione dell’Oceano Indiano s’è avuta con i negoziati tra Shinzo Abe e il nuovo premier indiano Narendra Modi, durante la visita di quest’ultimo in Giappone all’inizio di settembre e il successivo tour asiatico del premier giapponese con soste in Bangladesh e Sri Lanka. Tuttavia, la nuova fase dei rinnovati interessi giapponesi nell’Oceano Indiano, forse iniziò nel maggio 2013 quando, in un altro tour nei Paesi del sudest asiatico, il premier giapponese si fermò anche in Myanmar. È un fatto che il Myanmar colleghi geograficamente le regioni dell’Oceano Indiano e del Sud-Est asiatico. Perciò la lotta per il controllo del suo territorio accelera nel gioco che si dispiega tra i protagonisti dello spazio circostante i bacini degli oceani Indiano e Pacifico. Nel viaggio in Giappone di Modi, gli analisti notarono subito che era il primo Paese visitato nei suoi tanti viaggi all’estero. La ragione principale di ciò è il consolidato rispetto di Modi per il Giappone e personalmente il suo attuale premier. Sebbene le foto delle agenzie di stampa delle riunioni bilaterali dimostrano tali sentimenti meglio di ogni parola. Il nuovo premier indiano prosegue sulla via di più stretti legami politici con il Giappone, come deciso dai suoi predecessori. Anche se il volume commerciale indiano con la Cina è di un ordine di grandezza maggiore di quello con il Giappone, la Cina è sempre più vista come un avversario geopolitico, mentre il Giappone come principale potenziale alleato politico dell’India. Quindi, sembra che con “gelosia” evidente la Cina abbia visto il viaggio di Modi in Giappone. I commenti della stampa cinese possono essere riassunti: “è meglio per l’India essere nostra amica” (vedasi: Modi sa che le relazioni con la Cina sono più importanti nel lungo periodo, di Liu Zongyi, Global Times). La stessa argomentazione “cinese” era presente nei commenti sulla visita di Abe in Bangladesh e Sri Lanka. Avviando le discussioni sulla proverbiale strategia del “filo di perle” che si suppone perseguita dalla Cina nel sud-est asiatico in generale e in India in particolare. Vi è anche l’ipotesi secondo cui il Giappone intende creare un proprio “filo di perle” nel sud-est asiatico, una rete di basi militari nello spazio tra Gibuti e lo Stretto di Malacca. Tuttavia, queste sono attualmente solo speculazioni e si può solo attendere per vedere come il gioco tra le nazioni leader regionali si svolge.
I prossimi eventi che meritano particolare attenzione saranno la visita del presidente cinese Xi Jinping in India e il successivo viaggio di Modi per la sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, dove ha in programma d’incontrare il presidente degli USA Barack Obama. Il secondo evento è particolarmente interessante perché, fino alla fine dello scorso anno, quando il Bharatiya Janata Party vinse le elezioni parlamentari, Modi era bandito dal suolo statunitense. Tuttavia, ora Modi è praticamente l’ospite più atteso dell’amministrazione statunitense, ed è abbastanza evidente perché.

l2014083056190Vladimir Terekhov, ricercatore presso il Centro per gli studi asiatici e del Medio Oriente dell’Istituto di ricerca strategica russo, per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’influenza combinata di India e Russia si accresce nell’Asia-Pacifico

Debidatta Aurobinda Mahapatra, RIR, 19 settembre 2014

La regione, attualmente trascurata per le in Medio Oriente e Ucraina, è un potenziale focolaio di conflitti geopolitici nei prossimi anni.15modi-xi2Una pacifica, stabile ed economicamente vivace regione Asia-Pacifico sarebbe di buon auspicio per gli interessi russi e indiani. Quando si tratta delle differenze tra la Cina e i suoi vicini sulle isole nel Mar Cinese Meridionale, India e Russia preferirebbero una soluzione pacifica delle controversie, e un’evoluzione nel quadro multilaterale con la Cina attore chiave nella risoluzione dei conflitti. Nuova Delhi e Mosca appoggerebbero la buona volontà dei Paesi regionali. Paesi che temono minacce all’integrità territoriale e alla sovranità ne cercano la cooperazione. Vietnam e Indonesia hanno espresso interesse ad acquistare il missile BrahMos sviluppato congiuntamente, rafforzando le proprie difese. La Russia è un fornitore chiave dei sistemi della difesa nella regione, laddove l’India ha recentemente aumentato la cooperazione nella difesa. Indiani e vietnamiti hanno firmato un accordo per l’esplorazione petrolifera nel 2013, e in seguito, durante la recente visita, il Presidente Pranab Mukherjee ha firmato una lettera di intenti per l’esplorazione petrolifera in un altro luogo. L’India può beneficiare dell’esperienza della Russia nell’esplorazione petrolifera nella regione.
Nel mondo globalizzato e multipolare le vecchie nozioni di rivalità diventano dura valutazione pragmatica dei costi e benefici di una particolare mossa. Mentre la Cina è il principale partner commerciale dell’India, con prospettive di un incremento con la visita del presidente cinese Xi Jinping in India, la cooperazione nella Difesa dell’India con il Vietnam e la fornitura della Russia di sottomarini classe Kilo, non necessariamente scompenserebbero l’equilibrio delle relazioni tra i tre Paesi. Come la stretta collaborazione della Cina con il Pakistan non ha ostacolato lo sviluppo di relazioni più strette con l’India, rivale del Pakistan, allo stesso modo la stretta cooperazione di India e Russia con il Vietnam e altri Paesi dell’Asia-Pacifico non squilibrerebbe le loro relazioni con la Cina. Questo è ciò che l’equilibrio di potere nella teoria politica internazionale suggerisce: le nazioni bilanciano reciprocamente le ambizioni geopolitiche sia singole che di gruppo, evitando la guerra e promuovendo interessi. India e Russia, partner strategici, possono bilanciare le ambizioni geopolitiche di altre potenze dominanti nella regione Asia-Pacifico. Con la cooperazione dell’India con la Cina pur tra differenze, e le crescenti relazioni della Russia con la Cina e altri Paesi nella regione Asia-Pacifico, i relativi problemi possono esser meglio affrontati congiuntamente da India e Russia piuttosto che separatamente.
Oltre alla Cina, l’altra potenza geopolitica ambiziosa nella regione Asia-Pacifico sono gli Stati Uniti Negli ultimi anni, Washington ha espresso il desiderio di giocare un ruolo più importante, forse per contrastare le crescenti aspirazioni della Cina. E una delle mosse recentemente teorizzate in questa direzione è corteggiare l’India. Le relazioni indo-statunitensi non sono state molto incoraggianti negli ultimi mesi. Gli USA devono fare i conti con un leader cui negano il visto da circa dieci anni. I rapporti non facili si riflettono anche nel fatto che non ci sia un ambasciatore statunitense in India da marzo. Circolano idee su come migliorare le relazioni, tra cui invitare l’India alla Trans-Pacific Partnership, in cui Stati Uniti, Australia e altri Paesi dell’Asia-Pacifico sono membri. Sovrapponendo l’invito a India e Cina a svolgere un ruolo più grande nell’Asia Pacific Economic Cooperation, in cui la Russia è membro. Le strette relazioni della Cina con India e Russia, e l’incremento della cooperazione economica tra i tre, possono svilupparsi bilanciando le manovre geopolitiche degli Stati Uniti, che potrebbero non coincidere sempre con gli interessi di questi Paesi.
Durante la Conferenza sull’interazione e la costruzione della fiducia in Asia a maggio, il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato la necessità di una architettura di sicurezza in Asia-Pacifico. Secondo lui, “La regione richiede un’architettura di sicurezza che garantisca parità d’interazione, vero equilibrio di forze e armonia di interessi”. Putin ha anche proposto l’idea di ‘sicurezza indivisibile’ implicando che la sicurezza non può più essere definita negli interessi di una particolare nazione o di un gruppo di nazioni. L’insicurezza di una parte del mondo colpisce le altre parti del mondo. Gli elementi di questa architettura dettati da Putin sono: armonia di interessi, parità d’interazione ed equilibrio di forze. L’India nella sua politica estera ha sottolineato questi elementi. I principi della coesistenza pacifica, o Panchsheel, adottati dall’India riflettono questi elementi. Putin durante il suo intervento ha sottolineato che il futuro della regione Asia-Pacifico dipenderà dall’equilibrio dei meccanismi della diplomazia bilaterale e multilaterale. Nel contesto della diplomazia multilaterale, India e Russia sono già coinvolti in molti forum multilaterali come RIC, BRICS e G20. L’inclusione dell’India all’APEC rafforzerà ulteriormente la diplomazia multilaterale. La Russia supporta la candidatura dell’India, e recentemente la Cina ha espresso disponibilità a prenderne in considerazione la candidatura. Il primo ministro indiano Narendra Modi molto probabilmente parteciperà al summit APEC di novembre. Appare incongruente che l’India non faccia parte di questo organismo multilaterale di 21 aderenti, tra cui Paesi lontani come il Perù e piccoli come il Brunei. L’India è la terza economia in Asia e una delle economie in rapida crescita. L’inclusione dell’India rafforzerà il multilateralismo, e bilancerà le ambizioni geopolitiche promuovendo diplomazia multilaterale ed armonia degli interessi.
Negli ultimi anni, India e Russia hanno sempre messo in gioco le loro richieste in Asia Pacifico. A luglio, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha dichiarato: “La regione Asia-Pacifico è tra le priorità della politica estera della Russia”. Il ministro degli Esteri dell’India Sushma Swaraj ha sottolineato, nel contesto della politica dell’India verso Est, “Agire, non basta guardare ad Est“. India e Russia possono bilanciare la regione Asia-Pacifico. L’India di Modi non nasconde l’ambizione di svolgere un ruolo maggiore in Asia-Pacifico. Le superiori capacità militari della Russia e la sua partnership strategica possono aiutare l’India a promuovere gli interessi bilaterali e conciliare le ambizioni di altre potenze in un quadro multilaterale.

Dr. Debidatta Aurobinda Mahapatra è un commentatore indiano che si occupa di conflitti, terrorismo, pace e sviluppo in Asia meridionale, ed aspetti strategici della politica eurasiatica.

18-xi-modi9
Cina e India firmano accordi in vista della cooperazione nucleare
The BRICS Post 18 settembre 2014

201112290908087654406Cina e India hanno firmato un gran numero di accordi economici e commerciali durante la visita del Presidente Xi Jinping a Nuova Delhi mentre Pechino ne valuta il peso finanziario. I due membri dei BRICS hanno anche detto che avrebbero presto avviato i colloqui sulla “cooperazione per l’energia civile nucleare rafforzando l’ampia cooperazione sulla sicurezza energetica“. Xi e il primo ministro indiano hanno assistito alla firma di 12 accordi di cooperazione, tra cui la costruzione di due parchi industriali cinesi in India e l’impegno di circa 20 miliardi di investimenti cinesi in India per cinque anni. Le due nazioni hanno anche firmato un patto per la cooperazione ferroviaria e un gemellaggio tra gli hub commerciali di Shanghai e Mumbai. Xi è stato accolto dal primo ministro indiano Narendra Modi ad Ahmedabad, capitale dello stato occidentale indiano del Gujarat, il secondo incontro tra i due leader da quando il nuovo governo indiano ha prestato giuramento. Xi aveva incontrato Modi al 6° vertice dei BRICS in Brasile a luglio. Il Primo Ministro indiano ha inoltre sottolineato il maggiore accesso al mercato cinese delle merci indiane. “Ho esortato le nostre aziende all’opportunità di accedere più facilmente al mercato e agli investimenti in Cina“, ha detto Modi dopo i colloqui con Xi. Incontrando il suo omologo indiano Pranab Mukherjee a Nuova Delhi, Xi detto che Cina e India devono coordinarsi sulle questioni internazionali. “Siamo anche due importanti forze in un mondo sempre più multipolare. Pertanto, la nostra relazione ha un significato strategico e globale“, ha detto Xi.
Pechino e New Delhi hanno fissato come obiettivo rapporti commerciali per 100 miliardi dollari entro il 2015. Il portavoce del ministero degli Esteri indiano Syed Akbaruddin ha detto che Xi e Modi hanno discusso “tutte le questioni sensibili d’interesse, a lungo” a Nuova Delhi, riferendosi alle notizie della stampa indiana sulla presunta “incursione” di truppe cinesi in territorio indiano questa settimana. “Dovremmo anche cercare una tempestiva soluzione alla questione dei confini“, ha detto il primo ministro indiano, dopo i colloqui con Xi. La breve guerra di confine nel 1962 interruppe i legami tra i due vicini. Le due parti hanno firmato un accordo di base sul confine lo scorso anno. Cina e India condividono 2000 km di confine mai formalmente delineati. I due Paesi hanno iniziato a discutere della questione del confine nel 1980. I media cinesi hanno detto che i due Paesi hanno compiuto “grandi sforzi per garantire che la cooperazione globale non sia sviata dalle dispute sul confine“. “Cina e India sono membri dei BRICS e possono cooperare e coordinarsi strettamente nell’ambito del quadro regionale accelerando lo sviluppo economico e migliorando la vita dei propri popoli“, affermava un editoriale di Xinhua.
La Cina soppianta gli Stati Uniti come grande potenza dalla maggiore influenza nel continente asiatico. L’impennata economica della Cina trascina blocchi come ASEAN, SCO e la regione dell’Asia centrale nell’orbita di Pechino. La Cina ha anche detto che vorrebbe che l’India partecipi al piano della Cintura economica della Via della Seta della Cina. “La Via della Seta vanta una popolazione di 3 miliardi di abitanti e un mercato senza eguali per dimensioni e potenzialità“, ha detto Xi nel settembre dello scorso anno. Una nuova mappa svelata da Xinhua riporta i piani cinesi per la Via della Seta che passando dal nord del Xinjiang, attraverso l’Asia centrale, in Kazakistan e passando per Iraq, Iran, Siria e Istanbul, in Turchia, arrivi in Europa diretto a Germania, Paesi Bassi e Italia. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha detto l’anno scorso che Cina, India e Russia possono “svolgere un ruolo importante nella costruzione del Corridoio economico della Via della Seta“. La proposta del Presidente Xi Jinping d’integrare il corridoio Bangladesh-Cina-India-Myanmar (BCIM) alla grande cintura economica della Via della Seta mira a promuovere le opportunità d’investimento per la Cina. La Cina ha aumentato il commercio bilaterale con il Bangladesh a circa 10,3 miliardi di dollari, e con il Myanmar a 6 miliardi nel 2013.
La Cina è il principale partner commerciale dell’India, mentre l’India è il maggiore della Cina in Asia meridionale, con il commercio bilaterale che raggiungeva i 65,4 miliardi dollari nel 2013. Cina e India, assieme ad altri due vicini asiatici, hanno già istituito un organismo intergovernativo lo scorso dicembre per costruire il corridoio economico Cina-India-Birmania Bangladesh. Quest’anno ricorre anche il 60° anniversario dell’accordo firmato nei primi giorni della Guerra Fredda sul crescente impegno della Cina per la pace. Nel 1954, Cina, India e Myanmar firmarono i cinque principi della coesistenza pacifica, promettendo mutua non aggressione e non-ingerenza negli affari interni, ideali adottati dal Movimento dei Paesi Non-Allineati per non scegliere tra Stati Uniti ed Unione Sovietica.

Narendra Modi greets Xi JinpingTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rangoon Realpolitik: Russia e India corteggiano il Myanmar

Rakesh Krishnan Simha RIR 31 gennaio 2014

L’asse strategico che minacciava di svilupparsi tra Myanmar, Cina e Pakistan è stato cassato dai crescenti legami del Paese del sud-est asiatico con la Russia e l’India.

Myanmar's commander-in-chief of Defence Services General Min Aung Hlaing shakes hands with India's Chief of Naval Staff Admiral Verma during his ceremonial reception in New DelhiUna miniversione del Grande Gioco si svolge in Asia, e il premio è il Myanmar che si affaccia strategicamente sulla principale rotta che collega l’Oceano Indiano e il Pacifico. A lungo boicottata e dimenticata da gran parte del mondo, la giunta militare del Paese buddista, forse involontariamente,  aveva sviluppato forti legami militari e commerciali con la Cina e il Pakistan. Parte della colpa dell’inclinazione del Myanmar verso la Cina e il Pakistan è dell’India. Mostrando completa mancanza di realpolitik, Nuova Delhi aveva evitato i governanti militari myanmaresi mentre sosteneva apertamente la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi. La giunta, senza amici, optò per gli ‘amici’ disponibili. Un tempo il Myanmar chiamava la Cina “paukphaw“, in myanmarese fratello. La relazione strategica e militare tra i due portò alla vendita di aerei da combattimento, carri armati e missili cinesi al Myanmar. Consiglieri militari fecero subito seguito ed esercito, aviazione e marina furono addestrati da ufficiali cinesi. In cambio la Cina ebbe accesso ai porti del Myanmar, dando a Pechino influenza strategica nel Golfo del Bengala, nell’Oceano Indiano e nel Sud-Est asiatico. Preoccupante per l’India, la Cina ha costruito un’enorme base d’intelligence sull’isola Gran Coco, a soli 18 km dalle Andamane e Nicobare indiane, permettendo alla Cina di monitorare le attività militari indiane nella zona, compresi i test missilistici. Il Pakistan seguì la Cina; nel 2001 tre navi della marina pakistana, un sottomarino, una nave cisterna e un cacciatorpediniere, visitarono il porto di Yangon. Fu un evento senza precedenti, perché fino ad allora il Myanmar aveva sostenuto che non avrebbe permesso a marine straniere di visitare il Paese.

Arriva Mosca
Nonostante i profondi legami nella difesa, i myanmaresi erano restii a fare affidamento a soli due Paesi, soprattutto quando uno di essi è un noto paria internazionale. Il Myanmar non aveva mai del tutto dimenticato che, nel 1963, Mosca aveva fornito al governo militare appena insediatosi, tre elicotteri. La Russia, dopo aver perso terreno nelle ex-roccaforti Iraq, Libia e Siria, vide un’apertura in un mercato in crescita. Nel 2009 Mosca incrinò quel mercato vendendo alla Myanmar Air Force 20 MiG-29 per 570 milioni dollari, escludendo i cinesi che avevano offerto i loro caccia vetusti. La MiG Corp. russa ne approfittò contribuendo anche a migliorare le principali basi militari del Myanmar. Inoltre la Russia ha venduto al Myanmar elicotteri d’attacco Mi-35, velivoli d’addestramento, pezzi d’artiglieria, sistemi di difesa aerea, carri armati, radar e apparecchiature per comunicazioni. Secondo Wikileaks, i diplomatici russi poterono contattare segretamente i generali myanmaresi. “La Russia ha accesso eccezionale presso Naypyidaw (la capitale), anche tra i massimi leader militari, e (l’ambasciatore russo) è il difensore più esplicito delle politiche del regime, anche sulla situazione dei diritti umani, nelle sessioni di lavoro dei funzionari delle Nazioni Unite“, si legge nel cablo trapelato. I generali myanmaresi erano contenti di aver fatto gli acquisti giusti. Il cablo mostra che gli elicotteri russi furono usati con successo contro i ribelli kachin.

Il reset con l’India
Allarmata dalle basi militari e d’intelligence cinesi in Myanmar, l’India adottò in ritardo una svolta politica. Le forniture militari indiane ora arrivano nel Paese, tra cui velivoli da pattugliamento marittimo, cannoniere, artiglieria leggera da 105mm, mortai, lanciagranate e fucili. L’India avrebbe  accolto la richiesta del Myanmar di assistenza per la costruzione di pattugliatori d’altura (OPV). Ancora più importante, ha accettato la richiesta di raddoppiare il numero di ufficiali e marinai della marina myanmarese da addestrare, dagli attuali 50. L’India addestrerà anche i piloti degli elicotteri russi Mi-35 del Myanmar. Secondo The Diplomat, il Myanmar è attualmente impegnato in una corsa navale con il Bangladesh, tanto più che la situazione di stallo marittimo tra le due marine, nel 2008, non ritrasse le capacità navali myanmaresi sotto una luce particolarmente buona. E’ in tale contesto che il Myanmar ha chiesto altro all’India, nuovi radar, sensori e sonar per le sue fregate e corvette. Segnalando come l’India abbia abbandonato la reticenza gandhiana sulle esportazioni militari, il sonar montato su scafo (HUMSA) della Defences Research & Development Organisation, progettato per fregate leggere, corvette e OPV, viene esportato alla marina del Myanmar. I sonar sono anche parte di una più ampia catena di sensori navali forniti al Myanmar, che in passato inclusero il radar di ricerca 2D RAWL-02 Mk III in banda L della BEL, e radar di navigazione commerciali, utilizzati dalle navi della marina del Myanmar, riporta The Diplomat. La principale arma offensiva di queste navi è il missile antinave russo Kh-35 Uran.
Mentre l’India vorrebbe giocare un ruolo più importante in Myanmar, in particolare nel processo di democratizzazione, la giunta non ha alcun fretta di percorrere tale strada. Invece trova la scuola della democrazia di Vladimir Putin più adatta alle esigenze di un Paese in via di sviluppo che  annaspa tra i movimenti separatisti. Secondo Asia Times, il Myanmar sembra cercare altrove  ispirazioni e idee. Nel luglio del 2013, una delegazione parlamentare dal Myanmar guidata dallo speaker Shwe Mann visitò la Russia nell’ambito di una “missione di indagine” sul modello di democrazia della Russia. “Data la loro diffidenza per la democrazia, in primo luogo, e in particolare per quella polemica e rumorosa della vicina India, i governanti del Myanmar, che spesso hanno parlato in favore di una ‘democrazia disciplinata’, cercano in Russia delle idee…“, dice il report. Considerando lo stato della democrazia in India, non si possono criticare i myanmaresi per guardare altrove. Fintanto che il Myanmar non avrà a che fare con Pechino e Islamabad, Nuova Delhi dovrebbe benedire ciò.

557910_481800755217848_161325639_nTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 466 follower