Il nuovo Medio Oriente: Cina, Iran, Egitto

La nuova Via della Seta immunizzerà l’Iran dalle sanzioni occidentali
Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 16/12/2016135039034_14535770532791nNel gennaio 2016 assistemmo al ritiro parziale delle sanzioni alla Repubblica islamica dell’Iran. Va notato che l’introduzione fu legata al programma nucleare iraniano, che preoccupava Stati Uniti ed alleati, i Paesi occidentali, responsabili dell’introduzione delle sanzioni, allo scopo di aumentare la pressione sull’Iran risalente agli anni ’70. Nel luglio 2015, dopo lunghe trattative, fu raggiunto un compromesso: l’Iran e il gruppo dei sei (i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Gran Bretagna, Cina, Russia, Stati Uniti, Francia e la Germania) firmarono l’accordo che permette il graduale ritiro delle sanzioni. Secondo l’accordo, l’Iran permette l’accesso agli impianti nucleari agli esperti dell’AIEA in modo che si assicurino che l’energia nucleare è utilizzata solo per scopi pacifici. L’accordo fu subito etichettato svolta diplomatica, e si credeva che ponesse fine alla crescente tensione regionale. Tuttavia, alla fine del 2016 la situazione iniziava nuovamente a deteriorarsi. In un primo momento tutto andava secondo i piani. Nel gennaio 2016 Nazioni Unite e Unione europea toglievano il regime delle sanzioni all’Iran, mentre embargo e restrizioni degli Stati Uniti al commercio e viaggio dei propri cittadini a Teheran rimanevano. Tuttavia, l’Iran iniziava a ricostruire rapidamente i vecchi legami politici ed economici. Nell’agosto 2016, gli Stati Uniti accusavano Teheran di sostenere segretamente i ribelli nello Yemen, rifornendoli di moderni sistemi missilistici. Secondo Washington, ciò minaccerebbe la stabilità dell’intera regione. A quel punto la Casa Bianca annunciava di valutare la possibilità d’introdurre nuove sanzioni contro l’Iran. Poi, il 3 settembre un nuovo scandalo scoppiava quando si scoprì che Washington aveva inviato 400 milioni di dollari a Teheran lo stesso giorno in cui numerosi prigionieri statunitensi venivano rilasciati dalle carceri iraniane. A quel punto Washington fu accusata di aver violato il principio statunitense di non pagare riscatti per gli ostaggi. In cambio, il presidente Barack Obama dichiarò che tale somma fu trasferita all’Iran come parte del debito che gli Stati Uniti dovevano pagare su decisione del Tribunale dell’Aja. Tuttavia, il 23 settembre 2016, il Congresso degli Stati Uniti approvava una legge che vieta al governo degli Stati Uniti di apportare eventuali trasferimenti di denaro agli Stati sospettati di sponsorizzare il terrorismo. Il 3 novembre 2016 gli Stati Uniti estesero di un altro anno le sanzioni all’Iran adottate nel 1979. Secondo il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, la decisione fu presa perché le tensioni nei rapporti tra Stati Uniti e Iran non erano scomparse completamente. Mentre non vi sono restrizioni che gli USA possano imporre all’Iran, Teheran ne sembrava abbastanza preoccupata. Il 10 novembre 2016 il Ministro degli Esteri della Repubblica Islamica dell’Iran, Mohammad Zarif, annunciava che Teheran si aspettava che tutte le parti che avevano firmato l’accordo del 2015 adempissero ai propri obblighi. Altrimenti, avvertiva, l’Iran avrebbe utilizzato vie alternative. Tali sviluppi portavano il Congresso degli Stati Uniti ad adottare il 17 novembre il disegno di legge sulla proroga di alcune sanzioni all’Iran per altri 10 anni. In base agli accordi precedenti, tali sanzioni dovevano cessare entro la fine del 2016. Ciò può essere definito seria minaccia all’accordo nucleare del 2015, e forse perciò il presidente degli Stati Uniti Barack Obama criticò il disegno di legge. La legge entrerà in vigore se approvata dal Senato, altrimenti c’è sempre la possibilità che il presidente eserciti il diritto di veto sul disegno di legge.
Questi sviluppi dimostrano che a Washington c’è una lotta tra forze che sostengono la cooperazione con l’Iran e chi vuole introdurre ulteriori sanzioni. Una cosa si può affermare con certezza, il futuro delle relazioni tra Iran e Stati Uniti rimane oscuro e incerto. In tali circostanze, l’Iran farebbe meglio ad avere un’assicurazione che gli permetta di proteggere l’economia se Washington decidesse di aggredire Teheran. Uno dei modi per le autorità iraniane di proteggersi è l’espansione della cooperazione con i Paesi che respingono i tentativi degli Stati Uniti di fare pressione. Tra questi Stati vi è la Cina, vecchio e affidabile partner dell’Iran. Come si sa, l’Iran ha enormi giacimenti di petrolio e gas, ed è di vitale importanza per Teheran assicurarsene l’esportazione per sostenere l’economia, mentre le importazioni di idrocarburi sono cruciali per la crescita economica della Cina. Allo stesso tempo, la Cina è in contrasto con gli Stati Uniti da tempo e l’economia cinese oggi è così potente da non prestare alcuna attenzione a una possibile pressione degli Stati Uniti. Per decenni le sanzioni all’Iran ne danneggiarono le esportazioni verso la regione Asia-Pacifico, dato che Stati come India, Corea del Sud e Giappone non potevano ignorare le sanzioni. Allo stesso tempo, Pechino sostenne gli accordi commerciali con Teheran, nonostante le pressioni tentate dagli occidentali. La Cina fu la ragione per cui l’economia iraniana sopravvisse in quei momenti difficili. Quindi, il fatto che nel gennaio 2016 l’Iran venisse visitato dal Presidente cinese Xi Jinping non sorprese. Durante la permanenza le parti firmarono 18 accordi di cooperazione, portando il fatturato commerciale tra Iran e Cina a 40 miliardi di dollari l’anno. Inoltre, l’accordo del 25 dicembre sulla cooperazione sino-iraniana porterebbe a un fatturato commerciale al livello impressionante di 600 miliardi di dollari. E’ abbastanza naturale che i due Stati prestino speciale attenzione allo sviluppo del commercio di petrolio e gas. Ora la Cina è il principale importatore di petrolio iraniano. Un altro elemento importante della cooperazione tra Iran e Cina è l’attuazione del progetto Nuova Via della Seta che collegherà Cina, Medio Oriente ed Europa mutando l’enorme territorio Asia-Pacifico in una zona di libero scambio. Se il piano andrà a regime, l’influenza economica degli Stati Uniti nella regione sarà totalmente trascurabile e Stati come l’Iran potranno ignorare qualsiasi sanzione occidentale. Nel febbraio 2016, Pechino avviava la costruzione della linea ferroviaria Cina-Kazakistan-Turkmenistan-Iran, permettendo all’Iran di stabilire una rotta commerciale continua con la Cina, ma anche di trarre profitti dal transito delle merci per l’Armenia. Quindi, si può supporre che non importa quale decisione Washington prenda sulle sanzioni contro l’Iran, non avranno conseguenze sull’Iran.

Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

syria-saudi-egypt-iran-map__1920x1080Cina, Egitto e il nuovo Medio Oriente
Christina Lin, Asia Times 15 dicembre 2016

Con l’ampia copertura della stampa sulla Siria, scarsa attenzione è dedicata alla spaccatura tra Arabia Saudita ed Egitto e la crescente influenza della Cina quale attore fondamentale in Medio Oriente.bwkodwiccai7hpgRottura sulla Siria
Il battibecco Riyadh-Cairo è iniziato nell’aprile 2016, quando il Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi accettava di cedere l’integrità territoriale su due isole nel Mar Rosso, Tiran e Sanafir, in cambio di una serie di lucrosi accordi e la promessa di Riyadh di supporto diplomatico. Tuttavia, la cessione suscitava indignazione nella popolazione egiziana, con l’ex-candidato alla presidenza Hamdin Sabahi denunciare la violazione della Costituzione egiziana ed attacchi alla legittimità di Sisi che soggioga l’orgogliosa nazione araba d’Egitto ai sauditi. Il tribunale egiziano successivamente annullava l’accordo, solo per essere rovesciato a settembre, con la possibilità di un altro appello. Attualmente non è ancora chiaro se le isole rimarranno con l’Egitto o siano annesse all’Arabia Saudita, sottolineando ciò che Isandr al-Amrani del Crisis Group descrive come relazione “basata su una rinegoziazione asimmetrica perpetua passivo-aggressiva”. Ad ottobre la spaccatura si allargò quando Teheran invitava l’Egitto ad aderire ai colloqui internazionali sulla Siria, e poco dopo Cairo votare la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite della Russia a sostegno del governo siriano. Riyadh si vendicò tagliando 700000 tonnellate di prodotti petroliferi raffinati, parte dell’accordo di 23 miliardi dollari firmato all’inizio dell’anno. Nonostante l’Egitto avesse buoni rapporti con il re saudita Abdullah, in passato, il rapporto s’inasprì con l’avvento di re Salman, più vicino alla Fratellanza musulmana, che l’Egitto considera un gruppo terroristico. Perciò Sisi prese le distanze dall’asse islamista di Arabia Saudita, Turchia e Qatar in Medio Oriente. Il sostegno dell’amministrazione Obama alla Fratellanza alimentò ulteriormente il senso di tradimento in Egitto, aggravato dalle minacce del GOP di tagliare gli aiuti per la legislazione antidemocratica di Sisi, e le condizioni austere del FMI nel restringere i sussidi energetici che potrebbero destabilizzare ulteriormente l’Egitto tra gli attacchi terroristici. A differenza di Washington, Sisi vede Assad come baluardo laico all’estremismo islamico nel Levante. Se Assad cade, Libano e Giordania sarebbero i prossimi e l’Egitto non vuole finire come la Libia spartita tra Fratellanza ed altri islamisti. In risposta, Cairo si volge a Russia e Iran, formando ciò che l’ex-studiosa dell’Oxford University Sharmine Narwani descrive come nuovo “Arco della Sicurezza” nel Medio Oriente preda del terrorismo.egypt-china-u-s2Egitto perno d’Eurasia
Con l’Egitto che volge verso Siria e Iran, si solidifica ulteriormente la coalizione eurasiatica emergente tra Siria, Iran, Russia, Cina e India, evidenziando il divario tra la coalizione eurasiatica nella lotta al terrorismo salafita, e la coalizione filo-salafita per i cambi di regime di Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita e Qatar. Inoltre, essendo l’Egitto una grande nazione araba sunnita, con l’allineamento al governo siriano e al blocco eurasiatico, l’argomento di Riyadh che si tratti di un conflitto settario viene svalutato. Cairo aggiorna rapidamente anche i rapporti con la Cina per stabilizzare l’economia. Essendo il maggiore centro commerciale del mondo, una grande economia in procinto di essere maggiore dell’UE e suo massimo mercato d’esportazione, il benessere economico e commerciale della Cina dipende dalla sicurezza dell’importante canale di Suez. Cina e Sisi riconoscono che il sostegno estero ai Fratelli musulmani e l’avanzata del terrorismo nel Sinai minacciano la stabilità del canale di Suez, indissolubilmente legata allo sviluppo economico e al futuro dell’Egitto. Secondo fonti militari, la collaborazione di Mursi con i terroristi nel Sinai fu una fonte di disaccordi e caduta conseguente. Infatti, con 5 miliardi di dollari all’anno di ricavi dal canale, è una fonte vitale di valuta forte per un Paese che ha subito il crollo del turismo e degli investimenti stranieri dal 2011. Perciò la Cina ha contribuito a costruire la zona economica del Canale di Suez, e ora ha piani per 45 miliardi di dollari per la capitale ad est di Cairo, nonché per investire 15 miliardi in progetti per energia elettrica, trasporti e infrastrutture. Alcuni di questi progetti saranno finanziati dalla Banca d’investimento infrastrutturale asiatica della Cina (AIIB), dove Cairo è uno dei membri fondatori. L’UE parteciperebbe a questi progetti, come la maggior parte dei Paesi europei che hanno aderito all’AIIB, mentre Stati Uniti e Giappone hanno deciso di rimanerne fuori. In effetti, ciò apre la possibilità a Cina e UE di coordinare AIIB e Fondo Juncker dell’UE nel cofinanziamento di progetti in Paesi terzi, in linea con la politica europea volta ad integrare i vicini orientali e meridionali dell’UE nel Mediterraneo.
Un articolo su al-Ahram descrive il disagio dell’Egitto verso la politica interventista e di cambio dei regimi degli Stati Uniti come ragione del orientamento verso l’Eurasia, di cui il presidente di al-Ahram, Ahmad Sayad al-Nagar, loda l’iniziativa Fascia e Via (OBOR) quale “esempio di cooperazione pacifica, giustizia, uguaglianza e libera scelta nelle relazioni tra Paesi”, in netto contrasto con lo sfruttamento degli USA della “democrazia come pedina per ricattare altri Paesi” e “vile ossessiva politica invasiva” che ha distrutto Iraq e Libia, e ora cerca di distruggere la Siria con “orde di barbari terroristi”. Questo punto di vista fa eco al rimprovero del collaboratore di Asia Times George Koo, alla visione della leadership degli Stati Uniti, giustapponendo l’inclusivo OBOR di Xi Jinping che offre “cooperazione e collaborazione verso la prosperità comune”, mentre “Obama offre l’ombrello antimissile e la via a morte e distruzione”. Mentre in Giappone, il professor Saya Kiba sosteneva, sulla newsletter del Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS), che la “separazione” delle Filippine dagli Stati Uniti non è guidata dall’aiuto economico o militare da Stati Uniti o Cina, ma dalla competizione dei loro valori. Mentre i campioni degli Stati Uniti hanno una definizione ristretta di democrazia e diritti umani come elezione ed espressione politica, con poco riguardo all’impegno strategico nella lotta al terrorismo e riduzione della povertà, la posizione della Cina di non interferenza e rispetto della sovranità va guadagnando slancio nei Paesi in via di ssviluppo. Per Duterte, la politica degli Stati Uniti è un'”intrusione nella sovranità della Filippine”; preoccupazione condivisa da Sisi e altri alleati. Quindi, senza il cambio della politica estera invasiva degli USA, sembra che il nuovo Arco di Sicurezza continuerà a consolidarsi, riallineando la geopolitica del Medio Oriente.CHINA-EGYPT-DIPLOMACYTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Siria: verso la Liberazione di Aleppo est

Moon of Alabama 5 dicembre 2016

Questa è la situazione ad Aleppo dal 4 dicembre. L’area verde è occupata da al-Qaida ed alleati, sarà presto spazzata via.e-aleppo20161204Il ministro degli Esteri inglese dice che la vittoria del governo siriano ad Aleppo non è per nulla un bene. Bollocks e i suoi camerati evidentemente hanno mollato e si lamentano per salvarsi la faccia. Alleanza della Siria è vincente, la politica degli Stati Uniti cambia e la fine della guerra è ormai prossima. L’operazione di propaganda dell’MI-6 “Bana al-Abad” è fallita. La prima stella dell’operazione era una bambina di Aleppo che non sapeva l’inglese, ma la politica mondiale ha saputo twittarla in perfetto inglese, anche quando internet ad Aleppo non c’era. Ora è scomparsa, proprio come una delle prime operazioni di propaganda anti-siriane, la “lesbica di Damasco”, fallita nel 2011 poco prima che l’autore, uno statunitense che viveva in Scozia, venisse denunciato. Che diranno i media che volontariamente hanno spacciato le sciocchezze su “Bana”, ai loro lettori? Dall’inizio dell’offensiva dell’Esercito arabo siriano contro i taqfiri ad Aleppo est, oltre 21000 civili sono fuggiti verso le zone governative occidentali. Diversi media confermano che questi civili erano ostaggio dei taqfiri e che fuggivano sotto il loro tiro: “Eravamo sotto pressione con ogni mezzo, psicologico e finanziario. I terroristi cercavano d’impedirci di uscire fin quando l’esercito arrivò“, ha detto Amina Ruayn, fuggita con il marito, sette figlie e tre figli. “Siamo finiti sotto il tiro dei terroristi appena ce ne siamo andati e l’esercito ha colpito il minareto da cui sparava il cecchino, e poi siamo andati via“, ha detto. Circa 500 terroristi tra i civili si sono arresi all’Esercito arabo siriano. 480 erano del posto e non sapendo dove andare si sono impegnati a porre fine ai combattimenti. I restanti vogliono rimanere e continuare fino alla morte, sabotando i piani del segretario di Stato degli USA Kerry, che cerca un altro cessate il fuoco con cui far uscire i terroristi di al-Qaida, ma altri taqfiri occupano Aleppo est. Kerry arriva tardi comunque. L’accordo non è più in discussione e l’UE ha idee peggiori, vuole corrompere il governo siriano per mantenere al potere i terroristi. Uno scherzo! Le forze russe e siriane non lasceranno alcun terrorista vivo o alcun centimetro di Aleppo occupato da essi. E poi sarà lo stesso in tutta la Siria.
Nuove vie d’uscita controllate per la popolazione civile e terroristi che vogliono arrendersi saranno aperte a breve. Le vecchie vie d’uscita sono completamente sotto il controllo del governo siriano. Dubito che ci sono molti civili. Come avevo stimato il 15 ottobre: “Sulla base dei numeri a Daraya e altri assedi in Siria, vi sono probabilmente non più di 4-5000 combattenti e 3-5000 civili, ovvero i loro famigliari, nella zona est di Aleppo. Il totale potrebbe facilmente essere circa 20000”.
I funzionari dell’agenzia dei rifugiati delle Nazioni Unite hanno raccontato fiabe su 270000 civili assediati ad Aleppo est. I vari media “occidentali” lo ripetevano a pappagallo. Oltre il 60% del territorio è stato liberato. La Croce Rossa Internazionale l’ha trovato vuoto. Dove sono le centinaia di migliaia di civili che le Nazioni Unite si sono sognate? Ci sono ancora attacchi dalle zone dei taqfiriti contro il territorio governativo nelle zone occidentali, e ciascuno di essi costa vite. Secondo SANA, 8 persone sono state uccise e 25 ferite il 5 dicembre quando i taqfiriti hanno sparato razzi sulle zone residenziali di Aleppo ovest. Un ospedale da campo russo istituito negli ultimi giorni, per aiutare i rifugiati provenienti da Aleppo est, veniva attaccato dai taqfiriti “moderati”. Una dottoressa russa è stata uccisa, diversi altri feriti e l’ospedale distrutto. Tali attacchi creano l’urgenza di svuotare la sacca il prima possibile. Ci sono molti altri motivi, inoltre, perché l’attacco ad Aleppo est proceda molto più velocemente del previsto. Ogni volta che l’Esercito arabo siriano ed alleati rallentano, i terroristi occupano la sacca. Il 4 dicembre, il gruppo di al-Qaida Jabhat al-Nusra, si è unito al gruppo Zinqi, armato dalla CIA, nell’attaccare le basi di altri gruppi armati, che controllavano magazzini di cibo e munizioni. Tali lotte intestine sono ideali per le forze siriane che avanzano in modo inaspettato. Le forze governative siriane non procedono lungo le linee attese dagli esperti, non attaccano lungo le strade principali o gli assi con evidenti punti di controllo e trappole tese dai nemici, ma ne sondano i fianchi fin quando trovano un punto debole spezzandolo per effettuare massicci attacchi alle difese nemiche dal tergo. I 25000 combattenti dell’Esercito arabo siriano e 10000 alleati (4000 dall’Iraq, 4000 dall’Iran e 2000 di Hezbollah) hanno un inaudito supporto da aerei ed elicotteri siriani. I rapporti sui “bombardamenti russi” ad Aleppo est, delle ultime sei settimane, sono tutti falsi. Solo l’Aeronautica siriana è attiva sulla zona.
Il piano generale è scacciare i taqfiriti dalla piccola sacca ad Aleppo est (la “città vecchia”) e poi negoziare la loro dipartita per Idlib, nel nord-ovest della Siria. Idlib è travolta da lotte intestine tra i vari terroristi a cui fu offerta l’uscita dalle zone presso Damasco, Homs e Hama. Sarà presto un poligono di tiro per le forze aeree siriane e russe. I terroristi fuggono in Turchia, incubo di Erdogan, e da lì magari per le città europee “occidentali”, dove saranno coccolati e riposeranno fin quando i loro padroni vorranno un’altra guerra.

cyrqkv0w8aec1xg-jpg-large

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Siria: i terroristi crollano e l’Egitto entra nella lotta

Moon of Alabamae-aleppo20161127L’Esercito arabo siriano (EAS) e i suoi alleati hanno compiuto enormi progressi ad Aleppo nord, dove, come ovunque, i fronti terroristici crollano. La disunione nell’opposizione, riflesso della disunione tra i loro mandanti, ha sconvolto le loro tentate nuove iniziative. La campagna aerea russa in gran parte sulle retrovie dei “ribelli” ne ha diminuito le riserve di materiale e personale. Un nuovo aiuto all’alleanza siriana arriverà presto dalle forze egiziane. Con le varie enclavi “ribelli” eliminate da combattimenti o accordi di pace, altre truppe siriane saranno liberate e disponibili per le nuove operazioni. La Turchia avrebbe ritirato i suoi piani su Siria (e Iraq). Con più forze a disposizione e sotto lo scudo aereo della Russia, solide nuove operazioni dell’EAS su Idlib, a nord, e su Raqqa, ad est, ora diventano possibili. Dopo la rottura del fronte jihadista nel nord-est della sacca di Aleppo, le difese sono crollate completamente. I terroristi si sono dovuti ritirare da un terzo di Aleppo est occupata dai terroristi, che ora cedono rapidamente alle forze governative siriane. La ragione principale della sconfitta dei terroristi è, tadaaah, la “mancanza di ospedali”: “I rivoluzionari combattono ferocemente ma il volume dei bombardamenti e l’intensità dei combattimenti, i morti e i feriti, e la mancanza di ospedali, giocano un ruolo nel crollo di questa prima linea”, ha detto un capo di Jabhat al-Shamiya, uno dei più grandi gruppi che combattono contro Assad nel nord della Siria”. La distruzione dell’ultimo ospedale per gatti transessuali ad Aleppo con una bomba-barile termobarica nucleare, è stata la svolta della lotta. Credo sia la prima volta che una simile ridicola scusa propagandistica venga usata come scusa per la sconfitta. In realtà, le forze siriane evitano perdite e usano la schiacciante potenza di fuoco per aprire la strada alla fanteria, demolendo ogni difesa che i “ribelli” possano porre, anche prima che i combattimenti inizino. Solo truppe coriacee e molto disciplinate potrebbero tenere tale linea sotto il fuoco, opponendo una vera resistenza. I “ribelli” no. Circa 1500 i civili fuggiti da Aleppo est presso l’EAS. (Nuovi rapporti parlano di 4000, dimostrando che i “ribelli” li tenevano in ostaggio). La propaganda USA/ONU su 200000-300000 civili ad Aleppo est si dimostra rapidamente una sciocchezza (e un pizzo) quale è da sempre. Le aree liberate non hanno quasi civili. Come dimostrato a metà ottobre, il numero reale di persone ad Aleppo est era probabilmente 5000 terroristi (meno ora), metà dal nucleo di al-Qaida, e probabilmente 20000 civili, familiari dei terroristi. (E’ possibile che anche questo sia troppo sovrastimato). Ad est di Aleppo, i turchi puntavano su al-Bab, ma sono stati fermati da un attacco aereo siriano, coperto dai russi. I piani di Erdogan per un’entità filo-turca almeno su al-Bab, Raqqa e Manbij, vanno in fumo. Eljia Magnier fornisce un’eccellente panoramica degli interessi dietro le azioni e gli eventi nella zona: Lo stesso giorno, ad un anno di distanza, la Russia ha la rivincita e ferma la Turchia alle porte di al-Bab. Nel sud della Siria, presso Damasco due più piccoli enclavi “ribelli” cedono e si accordano con il governo. I terroristi che promettevano di morire sul campo di battaglia hanno la possibilità di trasferirsi ad Idlib dove saranno poi eliminati (o da cui, probabilmente, fuggiranno in Europa). La sacca jihadista nel Ghuta orientale è stata ridotta nelle ultime settimane, riducendosi a una cittadina vuota ed alcuni villaggi. Sarà eliminata nei prossimi giorni. Un tentativo dei jihadisti di aiutarla nel Ghuta occidentale è fallito: “Qalat al-Mudiq @QalaatAlMudiq, 03:49 – 26 novembre 2016. I ribelli hanno iniziato una nuova battaglia nella provincia di #Quneitra per rompere l’assedio del #Ghuta ovest. Bombardamenti protattivi sono in corso… (una grande “avanzata” e “successi” twittati)… Qalat al-Mudiq @QalaatAlMudiq, 06:53 – 27 novembre 2016. Battaglia terminata dopo disaccordi tra i gruppi coinvolti nella rottura dell’assedio del #Ghuta ovest e l’inizio dell’evacuazione da Qan al-Shaiq”.
I poteri egiziani, per lo più le Forze Armate, hanno scacciato i fratelli musulmani dal governo, che sostenevano i terroristi in Siria e in Libia e che andavano ulteriormente radicalizzandosi. La mossa dell’Esercito egiziano avveniva dopo che i sauditi l’avevano sollecitata, offrendo enormi aiuti economici al nuovo governo. I fratelli mussulmani erano visti come un pericolo da Riyadh. Poi le priorità saudite sono cambiate, e i wahhabiti improvvisamente si sono alleati con gli ideologi della Fratellanza musulmana, e insieme alla Turchia dominata dalla fratellanza e il Qatar suo sostenitore, i nuovi governanti sauditi ampliano le operazioni per imporre regimi islamisti in Libia, Iraq, Siria e Yemen. La situazione è cambiata in Egitto. Turchia e Qatar sono diventati nemici, come i loro ascari in Libia. Quando i sauditi chiesero ufficialmente al governo al-Sisi di sostenere la Fratellanza musulmana, l’alleanza finì. I fratelli mussulmani sono il nemico dell’Egitto, non saranno mai più accettati comunque. Ed ha anche rotto con gli Stati Uniti che sostengono la Fratellanza mussulmana in tutto il mondo. Invece i rapporti amichevoli con la Russia sono stati rinnovati. Cairo ritiene che l’insediamento di un qualsiasi regime islamista in Siria minacci l’Egitto. (Israele potrebbe facilmente trasferire i terroristi che supporta attivamente dalle alture del Golan siriane alla penisola del Sinai). Si ritiene inoltre che l’attuale regime saudita andrà a pezzi per le lotte interne nel 2017. Ora l’Egitto offre un aiuto serio alla Siria nel combattere i nemici. Poche settimane fa una delegazione militare egiziana di alto livello giungeva in Siria per discutere della partecipazione alle operazioni sotto il comando siriano e russo. Si sostiene che aerei ed elicotteri egiziani siano arrivati nell’aeroporto governativo siriana di Hama. L’Egitto ha un grande esercito e l’accesso via mare alla Siria. Può e probabilmente invierà truppe di terra. La Francia aveva costruito le due Mistral per la Russia ma, per via delle sanzioni sull’Ucraina, non le fu permesso di consegnarle alla Russia. Alla fine, le ha vendute all’Egitto. Sono dotate di elicotteri ed elettronica russi, e forse opereranno con ufficiali russi a bordo. Ognuna può trasportare e sbarcare un battaglione completo di 900 uomini, con tutto l’equipaggiamento. Con le navi egiziane fare la spola tra Suez e Lataqia, una brigata di fanteria completa di supporto potrebbe giungere in Siria in pochi giorni. Gli elicotteri russi a bordo delle Mistral sarebbe di supporto aereo e la flotta russa nel Mediterraneo orientale le coprirebbe. Ciò porterebbe una brigata completa capace di combattere in modo coerente e autonomo. Tale unità è più preziosa degli sciiti per lo più irregolari arruolati dagli iraniani nel sostenere la Siria, e che hanno bisogno di supporto logistico e del comando dall’Esercito arabo siriano. Gli egiziani possono, dato il compito, eseguirlo per conto proprio. Per ragioni geopolitiche (Canale di Suez) né USA né Turchia oserebbero toccarli. Vi sono attualmente 4000 iracheni e 4000 sciiti inviate dagli iraniani in Siria. 400 operativi del IRCG iraniano li coordinano. Hezbollah ha inviato circa 2000 forze speciali delle unità Ridwan. La Russia ha oltre alla componente aerea e di difesa aerea, elementi delle forze speciali e commando. La forza egiziana di 4000 soldati non sarebbe enorme, ma sarebbe un buon esempio di lotta congiunta. Il sostegno politico che tale unità simboleggerebbe è certamente di maggior valore. La Francia, che febbrilmente supporta i terroristi in Siria, sarebbe completamente imbarazzata da tale mossa. Il mondo intero riderebbe delle sanzioni alla Russia se le Mistral “egiziane” sostenessero il governo siriano sotto il comando russo. Se ciò accadesse, l’operazione del governo siriano su Raqqa improvvisamente diverrebbe non solo possibile ma anche probabile. L’Esercito egiziano ha una certa esperienza nella lotta ai terroristi nel Sinai. Non teme eccessivamente di fare vittime ed odia gli islamisti. Può facilmente rafforzare le proprie unità sempre per quanto necessario. Se l’Egitto è serio, lo SIIL a Raqqa è finito e il piano degli Stati Uniti sul “principato salafita” nel nord-ovest della Siria e in Iraq sarà sventato. Con tutto ciò e il presidente Trump che potrebbe ritirare il supporto ai terroristi in Siria, la fine della guerra è in vista. Anche se Qatar ed altri continuassero il sostegno promesso, i terroristi non avranno alcuna possibilità contro un’alleanza molto meglio organizzata intorno al governo siriano.
Il Consiglio europeo per gli esteri dominato dagli Stati Uniti ha pubblicato un nuovo documento sulla Siria per i governi dell’Unione europea: Il primo test di Trump sono la politica europea e l’assedio di Aleppo. Il sottotitolo recita: “Non vi è più alcuna reale speranza di deporre Assad. L’Europa deve invece lavorare molto per salvare qualcosa per il popolo siriano”. Un titolo migliore sarebbe stato: come l’UE s’è rovinata e ha perso tutto seguendo pedissequamente la follia degli Stati Uniti e la sua opposizione ad Assad e Russia. L’UE è così disunita ed ottusa che non può nemmeno affrontare il ricatto dell’aspirante sultano turco. Bloccare tutti i crediti comunitari all’economia turca manderebbe in bancarotta il governo di Erdogan in pochi mesi. Putin ha mostrato come gestire il tizio. Come mai nessuno a Bruxelles (e a Berlino) l’ha imparato?25-nov-2016-aleppoTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il nuovo Medio Oriente: l’alleanza Egitto-Siria

Syrian PerspectiveEGYPT-UNREST-SINAI-POLITICSSi è discusso su SyrPer dell’alleanza strategica tra Egitto, Iraq e Siria, coinvolgendo anche Iran, Libia, Algeria, Yemen e Russia. Il filo che segue illustra la visione egiziana dell’alleanza con la Siria. La cronologia è stata ripresa da Sa’ka@BTelawy, una delle migliori fonti di geopolitica e informazioni militari sull’Egitto.
1- La gente dovrebbe sapere che il sostegno dell’Egitto alla Siria non è nuovo o improvviso. Quindi partiamo dal principio.
2- Nel giugno 2013 Mursi ordinava la chiusura dell’ambasciata siriana a Cairo e una zona di non volo sulla Siria, mentre incitava a sostenere l’ELS.
3- Tuttavia, i rapporti diplomatici sono stati restaurati e le ambasciate riaperte solo poche settimane dopo che al-Sisi, nel luglio 2013, rimosse Mursi.
4- Da allora l’Egitto è prudente nelle dichiarazioni ufficiali pur insistendo sulla priorità a preservare i territori siriani e a combattere il terrorismo.
5- Nel 2014, al-Sisi cercò di riannodare le relazioni siriano-saudite con re Abdullah bin Abdalaziz. E avrebbe potuto riuscirci, se non fosse arrivato Salman.
6- Re Salman ribadì il sostegno al terrorismo in Siria, assieme gli occidentali, e rifiutò qualsiasi riconciliazione con il Dottor Bashar al-Assad.
7- Il 2015 fu un anno molto importante dove le cose cominciarono a cambiare, in particolare sul piano diplomatico tra Egitto e Siria.
8- Nel settembre 2015, al-Sisi disse alla CNN di essere contrario a rovesciare il governo siriano con la forza, che avrebbe portato alla partizione della Siria e alla dissoluzione del suo esercito.
9- Nello stesso periodo, fonti riferivano che al-Sisi incontrò Ali Mamluq a Cairo, dopo un incontro tra i vertici delle intelligence egiziana e siriana a Beirut.
10- Il 25 novembre, l’Egitto propose alle Nazioni Unite un piano per il ritiro totale di Israele dal Golan e il ritorno ai confini del 1967 per la Siria
11- Dicembre 2015: il Dottor Bashar al-Assad disse in un’intervista che la cooperazione con l’Esercito egiziano non è mai stata interrotta, neanche nel periodo di Mursi.
12- Ciò significa che i rapporti della sicurezza tra Egitto e Siria non furono mai interrotti durante la guerra. Si parla di cooperazione militare e d’intelligence, ma in che modo?
13- La cooperazione tra le intelligence siriana ed egiziana c’era, ma sul sostegno militare? Certamente riguardò munizioni, equipaggiamenti e supporto logistico,
14- Un esempio, come mai gli elicotteri Gazelle siriani sopravvivono a 5 anni di guerra senza manutenzione e parti di ricambio?
15- L’Egitto è l’unico Paese della regione che produce pezzi di ricambio e ha centri di manutenzione, anche per i lanciarazzi Grad.
16- Ora, negli ultimi 2 mesi, le cose sono accelerate con tre eventi importanti.
17- I funzionari egiziani iniziavano ad indicare nei discorsi in politica estera una visione molto diversa da quella saudita.
18- Il 26 settembre 2016, il Ministro degli Esteri egiziano Samah Shuqri affermava che i sauditi volevano cambiare il governo di al-Assad, ma l’Egitto non guarda a tale approccio
19- L’8 ottobre 2016, l’Egitto votava la risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU della Russia sulla Siria e rifiutò di accusare l’EAS di crimini di guerra in una lettera firmata da 62 Paesi.
20- Il 16 novembre una fonte diplomatica egiziana disse che furono adottate misure per ristabilire la coesione tra i Paesi della regione e difendere gli interessi arabi.
21- Poiché alcuni Paesi volevano eliminare l’unità della regione e il ‘nazionalismo arabo’ con la guerra in Siria, Libia, Iraq, Yemen.
22- Il 17 ottobre 2016 vi fu il terzo noto incontro tra le delegazioni dei vertici delle intelligence egiziana e quella siriana guidata da Ali Mamluq, a Cairo.
23- Infine, il 20 ottobre 2016 l’Egitto annunciava il coordinamento con il governo della Siria e le Nazioni Unite, per supervisionare l’invio di aiuti umanitari e l’evacuazione dei feriti.
24- Si notava il crescente coinvolgimento dell’Egitto nel conflitto siriano, nel 2014-2016, e di fatto un sostegno mai interrotto.
25- Quando la politica non porta da alcuna parte, non ci sono molte opzioni. Ora si parla di truppe egiziane in Siria.
26- Fonti confermano che un mese fa ufficiali egiziani erano in Siria mentre il Ministro degli Esteri lo negava dicendo che non vi erano truppe “a combattere”.
27- Sì, non ci sono truppe coinvolte nei combattimenti, ma non significa che non ci siano consiglieri egiziani sul campo in Siria.
28- Ufficiali egiziani sono presenti su tutti i fronti della Siria, in particolare a Palmyra, che significa?
29- Ciò che è sicuro è che l’Egitto sostiene militarmente l’EAS e le sue truppe sono schierate per l’addestramento. (Non si dimentichi che l’EAS è la 1.ma Armata dell’Egitto).
30- Ci si può aspettare un coinvolgimento di unità aeree e speciali, ma il dispiegamento di una divisione corazzata? Non penso.
31- L’Egitto non è pronto ad impegnarsi in una guerra all’estero, ma può aiutare in altri modi. Un esempio, il nuovo 5.to Corpo.
32- Sono abbastanza sicuro che l’Egitto contribuisca a formare il 5.to Corpo, per la somiglianza con le forze di intervento rapido che ha creato,
33- L’aiuto è nello scambio di esperienze sul campo di battaglia con l’EAS, nella formazione di unità e nello sviluppo di equipaggiamento e tattiche, ecc.
34- Vi sarebbe un eccezione, il supporto aereo sui fronti di Raqqa/Dayr al-Zur, ma non ora. Penso che sia questione di tempo, e lo vedremo nel 2017.
35- Poche settimane fa l’Iraq annunciava che, dopo Mosul, aiuterà l’EAS a riprendere Raqqa, si comprende cosa significa?
36- Alti ufficiali egiziani si sono recati in Siria, di certo, e molte cose buone dovrebbero essere annunciate a breve da entrambe le parti
37- Una delle possibilità è che le truppe egiziane siano incaricate di proteggere alcune città siriane liberate nelle operazioni delle unità dell’EAS.
38- Concludendo, Egitto e Siria hanno legami storici molteplici, che nessuno può rompere, neanche con miliardi di dollari.
Col tempo si vedrà. La Siria è una questione di sicurezza nazionale per l’Egitto e rappresenta la nostra 1.ma Armata, non possiamo abbandonare i nostri fratelli.cuo1o6vwaaathcd-jpg-largeTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Siria, matriosche e Sun Tzu

Chroniques du Grand Jeu 18 novembre 2016

La scorsa settimana ha visto importanti sviluppi in Siria, anche molto sorprendenti. Questi eventi si svolgono entro una sottile costruzione multi-livello, come le bambole russe, nascondendo il livello successivo. La domanda è: chi sarà il capro espiatorio e chi, al contrario, tirerà le fila di tale bellissimo costrutto.17112016Primo livello: carta bianca universale
Un tacito e generale via libero sembra essere stato dato a tutti, con conseguente tripla offensiva dagli aspetti curiosi.

Aleppo
Nessuna sorpresa qui. I siriano-russi hanno avviato la liberazione della grande città del nord e nulla li fermerà. Putin sarà stato trattenuto per diverse settimane in attesa dell’elezione di Trump, come consideravamo: “si aggiunga infine che la moderazione Putin su Aleppo (due settimane senza bombardamenti russi, anche al culmine dell’offensiva barbuta sull’ovest della città) era forse destinata a non prestare il fianco alla propaganda MSN fino alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, sperando che Trump venisse eletto e si accordasse“. Ora, l’offensiva ha ripreso, su 3D. L’attacco jihadista su Aleppo ovest si è conclusa con un fiasco e i lealisti contrattaccano dappertutto, avanzando fino all’ultima provincia ancora occupata dai moderati moderatamente barbuti. L’aviazione russa è in modalità Terminator e riversa l’inferno dal cielo su Idlib, sud-ovest e nord-ovest di Aleppo e sulle vie di rifornimento. Sono presenti anche bombardieri strategici e missili Kalibr. Si noti che questo avviene dopo il colloquio telefonico tra Putin e Trump, durante cui Donald non si sarebbe opposto all’operazione russa. E se qualche Stranamore del Pentagono avesse l’idea assurda di provocare Mosca, gli S-300 sono stati schierati intorno Aleppo. Questi bombardamenti preparano la grande offensiva generale dell’Esercito arabo siriano ed alleati, liberando infine Aleppo e violando l’ultima grande roccaforte degli insorti:
ob_8fee6f_gChe camminata dal 2013:
ob_f2aee1_cvps8tjusaa9sd8I jihadisti hanno assegnato molte risorse umane e materiali nella loro ultima offensiva disperata di ottobre e il morale è oramai innegabilmente minato. La rotta può essere relativamente rapida, anche se si deve, come sempre, rimanere cauti. Per l’enclave dei ribelli di Aleppo, il suo turno è venuto e le operazioni preliminari sono già iniziate. Ci si può, però, chiedersi se, tatticamente parlando, non sarebbe meglio lasciare che la situazione si deteriori finché l’enclave cade. I civili cominciano a ribellarsi ad al-Nusra e compagnia, cosa che ovviamente non si leggerà mai sulla presstituta occidentale. Le manifestazioni sono state represse duramente (27 morti), mentre i “moderati” cari all’occidente saudita minano i corridoi umanitari per impedire ai civili di fuggire. Un attacco lealista può aiutare a riunire in questa nassa i granchi barbuti e ritardare l’inevitabile, ma il destino di Aleppo sembra segnato, in ogni caso. Ed ecco la sorpresa dello chef. Abbiamo dimostrato l’importanza vitale di una cittadina perduta nelle profondità del nulla, mai così nota come oggi:

Tutte le strade portano ad al-Bab. È una gara tra curdi di Ifrin ed ELS del sultano, che seguono strade parallele e non esitano a farsi sgambetti per strada. L’obiettivo strategico curdo è collegare le loro parti occidentale (Ifrin) e orientale (Manbij, tolta allo SIIL e di cui, in ultima analisi, non gli appartiene) per costruire l’agognato Rojava. Lo scopo dei turchi è fermarli a tutti i costi. Il tutto sullo sfondo della ritirata dello SIIL. Stupore di pochi giorni fa: i curdi di Ifrin (giallo) hanno inspiegabilmente smesso, mentre l’ELS sponsorizzato da Ankara (verde) arrivava a 2 km dalla città. Mappa del 14 novembre:ob_ff0b79_cxpjnvnuaaa-pe9Dopo una serie di attacchi e contrattacchi, in cui lo SIIL del resto, deliziosa ironia, ha distrutto diversi carri armati turchi con i missili anticarro precedentemente forniti da … Ankara! ELS e protettore ottomano avviavano l’assedio di al-Bab per incunearsi tra le due enclavi curde (in giallo sulla mappa), minando così il sogno del Rojava autonomo. Altra ironia in questa guerra non manca: l’offensiva delle YPG (i cosiddetti curdi orientali) su Raqqa, capitale dello SIIL ad est, ha spinto gli omini neri a sguarnire il fronte di al-Bab, consentendo l’avanzata dell’ELS di Erdogan.

Raqqa
Questa offensiva è molto strana. Che diavolo ci vanno a fare i curdi in pieno sunnistan arabo, in una zona che non li riguarda e, SIIL o no, dove saranno ricevuti molto male? Se lo SIIL esagera probabilmente sulle perdite delle YPG (198 secondo esso), è chiaro che l’operazione sarà dura e mortale, ed anche lunga, perché i combattimenti finora sono a ben cinquanta chilometri dalla capitale del califfato. Non c’è alcun interesse strategico per i curdi a volgersi su Raqqa, tranne che marciare per gli statunitensi. E’ tempo di sfilare la seconda matriosca…

Secondo livello: dietro le quinte
Qui è spesso dove tutto accade, fors’anche il Medio Oriente o altrove. Il grande bluff siriano consente quasi tutte le ipotesi: accordo russo-turco alle spalle di Washington, russo-statunitense o statunitense-russo-curdo alle spalle di Erdogan, siriano-turco alle spalle dei curdi o al contrario siriano-curdo alle spalle del sultano. Tutto è possibile e l’elezione di Donald complica ulteriormente la situazione… Alcuni elementi ancora da vedere in modo più chiaro.
Primo punto: i grandi perdenti della tripla offensiva su Aleppo, Bab e Raqqa sono rispettivamente jihadisti “moderati”, curdi di Ifrin e SIIL. A sua volta, il vincitore è l’asse Damasco-Mosca che vede due dei suoi avversari in difficoltà. Questo è un punto da non trascurare. Negli arabeschi complessi che emergono, vi è probabilmente un calcolo tattico molto terra-terra, alla Sun Tzu: per il lavoro sporco usa terzi. Sacrificandosi per indebolire lo SIIL, ELS turchizzato e curdi orientali in realtà lavorano per siriani e russi. A condizione che non vadano troppo lontano nell’offensiva e non raggiungano un punto irreversibile. Complicato… L’impero pre-Donald ha inviato come al solito segnali estremamente contraddittori, per esempio sul futuro di Raqqa liberata (si noti da ciò l’arroganza netta degli statunitensi che vedono i curdi come loro creature e già preparano il post-SIIL come se l’operazione sarà una passeggiata). Il dipartimento di Stato degli USA ha detto che le forze militari estere si sarebbero ritirate e che non si tratta di una zona semi-autonoma (cioè, la regione sarà sotto l’egida di Damasco). Nel frattempo, i falchi del Pentagono, particolarmente turbati dalle parole di Joseph Dunford, hanno dichiarato senza mezzi termini: “La coalizione e la Turchia collaborano a un piano a lungo termine per prendere, tenere e governare Raqqa”. Dieci giorni dopo (effetto Trump?), gli Stati Uniti annunciavano il ritiro del sostegno (relativo) all’ELS di Erdogan in rotta verso al-Bab. Era previsto, e siamo stati tra i primi a segnalare un incidente rivelatore, due mesi fa: “Nell’estremo nord della Siria, i soldati statunitensi che accompagnano l’esercito turco, sono stati costretti a lasciare il Paese dopo essere stati minacciati moderatamente dai ribelli moderati dell’ELS. Tra quant’altro sentito: “vi uccideremo maiali infedeli crociati”. Naturalmente, non aspettatevi di trovare una sola parola nello stagno giornalistico. Questo episodio è interessante, in quanto potrebbe causare l’abbandono finale della ribellione da parte di Washington”. Ed eccoci… le mosse accelereranno una volta in carica Trump e il suo futuro consigliere per la sicurezza nazionale, Generale Michael Flynn, di cui abbiamo parlato diverse volte e le cui posizioni sono jihadistofobe e russofile ossessionando l’istituzione imperiale (notare gli articoli assai negativi del MSN su questa nomina). Si avrà poi un accordo USA-Russia ai danni di Erdogan, ordinandogli di lasciare il nord della Siria che occupa, dopo aver lavorato per Mosca e Damasco? Non è impossibile. A Riyadh siamo già in pieno panico alla prospettiva di un accordo tra Washington e Mosca sulla Siria e il famoso principe Turqi, ex mentore di bin Ladin e capo dell’intelligence saudita l’11 settembre, parla di possibile “disastro”.
Restano i curdi: qual è il loro posto nello schema delle matriosche? Percependo la situazione probabilmente troppo complicata, sorprendono tutti con la passeggiata proprio su… al-Bab e l’ELS! Si parla qui di curdi orientali, quelli che dovevano liberare Raqqa.
ob_7bc6a3_al-bab-17nov-27aban951E che giravolta! Rispetto alla cartina del 14 maggio (vedi sopra), appare l’avanzata inesorabile delle YPG (freccia gialla). Le due ganasce curde sono in procinto di chiudersi sui protetti del sultano che pensavano di prendere al-Bab senza opposizione. Pesanti combattimenti sono già scoppiati presso Qabasin (cerchio rosso) sotto gli occhi sbalorditi degli omini neri dello SIIL, abituati ad essere al centro dell’attenzione. E come se ciò non bastasse, centinaia di soldati dell’Esercito arabo siriano hanno raggiunto la base aerea di Quwayris (quadrato rosso sulla mappa), portandone le forza a 5500 effettivi. Troppo lontano dall’est di Aleppo per combattervi, ma non per al-Bab… sono possibili tre scenari:
– Restare ed aspettare di vedere cosa succede, intervenendo infine contro l’ultimo sopravvissuto (ELS, SIIL o YPG).
– Avanzare su al-Bab (freccia rossa tratteggiata a nord), per impedire sia la congiunzione curda che l’avanzata dell’ELS. Ma le forze sembrano scarse per tale compito.
– Avanzare verso est, lasciando i curdi fermare l’ELS del sultano e realizzare la loro congiunzione.
Personalmente, propendo per la terza ipotesi, che corrisponde perfettamente ai punti di vista di Putin: usare i curdi per fermare i turchi senza alienarsi Ankara (Turkstream e fine del sostegno ai barbuti di Idlib), dopo aver svolto il loro compito contro lo SIIL, accomunando matriosche e Sun Tzu.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora