Cordone Sanitario siriano per Israele?

Alastair Crooke, Sic Semper Tyrannis 20 luglio 2017Israele ha respinto l’accordo sul cessate il fuoco di Amman negoziato da Stati Uniti, Russia e Giordania che decide il confine della zona di de-escalation nella Siria sud-occidentale. Fin dall’inizio, l’accordo era accettato da Israele e dall’alleato giordano. Inizialmente, Israele disse “sì” (e partecipò ad alcune discussioni), ma all’inizio della settimana il primo ministro israeliano cambiava idea. Ora Israele afferma che il cessate il fuoco (che regge) è un problema serio per Israele e che alcuna delle sue richieste sulla sicurezza è stata rispettata. Ben Caspit, commentatore israeliano, cita una fonte vicina alla questione: “Non si tratta solo del disaccordo. Ma è un vero scontro, che pone Israele contro Russia e Stati Uniti. Riflette la cospicua delusione d’Israele sul modo con cui gli statunitensi vengono aggirati da Putin, portando alla cessione degli interessi israeliani sulle alture del Golan e in Libano all’Asse Sciita”. È vero il contrario: l’intenzione dei negoziatori di Amman fin dall’inizio era fermare l’Esercito arabo siriano e le forze alleate, che avanzano liberando il territorio sovrano, mentre le forze insurrezionali si dissolvono, non troppo vicino la linea dell’armistizio sul Golan. I negoziatori statunitensi nei colloqui furono abbastanza chiari: gli Stati Uniti avevano solo due obiettivi, proteggere Israele e sconfiggere lo SIIL, e sono stati pienamente raggiunti coll’accordo provvisorio che ha bloccato il conflitto e imposto l’assenza di “combattenti stranieri” per 20 km sul lato siriano della linea dell’armistizio sul Golan e sul confine siriano-giordano (che escluderebbe le autorità militari iraniane, libanesi e irachene) per un determinato periodo di tempo. Inoltre, tutta la zona sarà sorvegliata e protetta dalle forze di polizia russa. Di fronte a ciò, i negoziatori statunitensi hanno fatto ciò che hanno fatto. Allora, perché Israele si ritrae ed avanza, post hoc, delle pretese? Adesso afferma che non tollererà la presenza iraniana o di Hezbollah in Siria. L’ex-capo del CNS israeliano dichiarava esplicito che Israele può usare la forza per chiudere ogni base. Chiaramente, Netanyahu è deluso ed arrabbiato. Le sue speranze di una coalizione “sunnita” guidata dai sauditi che si confrontasse, contenesse e ricacciasse l’influenza iraniana, sono implose con il disordine dell’attuale fratricidio intra-GCC. Allo stesso modo, le sue speranze di un corridoio logistico e di zone tampone da nord fino al confine siriano-iracheno, estendendosi all’Eufrate, sono crollate quando il governo iracheno, irritato dalla creazione dell’esplicita alleanza anti-sciita tra Riyad e presidente Trump (quando associò la milizia delle PMU ed Hezbollah ai principali attori del terrorismo), capovolse l’equilibrio di forze. Il governo iracheno ha dato alle PMU via libera per il confine iracheno-siriano da entrambe le parti. Immagino che Netanyahu senta che la parte d’Israele nel conflitto siriano stia finendo e che il futuro non vedrà più una Siria debole, sbaragliata dal jihadismo filoiraeliano e dalla balcanizzazione del territorio, come previsto. Ma piuttosto, una Siria pienamente legata ad Hezbollah, Iran e la costellazione delle PMU irachene sempre più attive, se non ineccepibili.
Israele, nella sua frustrazione, pensa d’imporre una propria zona tampone, come nel Libano meridionale? Come presupposto, probabilmente “no”. La lezione del Libano meridionale è ancora troppo cruda per contemplare una zona tampone “fisica”. La presenza di truppe israeliane nella Siria meridionale sarebbe un invito aperto alla guerriglia per respingere gli invasori. Più probabilmente le minacce del PM israeliano sono un tentativo di cambiare le regole del gioco siriane, estendendo la licenza militare d’Israele ad agire in modo unilaterale e senza responsabilità nel sud-ovest della Siria, a sostegno dei fantocci jihadisti presso Qunaytra. In pratica, ciò è già cominciato anche se con il pretesto d’Israele di rispondere al “fuoco diretto” d’oltre frontiera. Forse Israele suppone che l’amministrazione statunitense abbia perso la pazienza con l’agenda del cambio del regime a Damasco (visto il crollo del fronte guidato dall’Arabia Saudita). Washington preferisce una rapida vittoria pubblica sullo SIIL a Raqqa, e poi dimenticarsi della Siria. Gli occhi degli Stati Uniti vanno altrove e Trump ha deciso di finirla con l’aiuto “segreto” della CIA ai “ribelli moderati siriani“. Così il PM Netanyahu probabilmente cerca di recuperare ciò che può della campagna anti-iraniana. Il 18 luglio, la Casa Bianca pubblicava una dichiarazione che spinge il Congresso ad autorizzare nuove “temporanee” installazioni intermedie di stazionamento in Iraq e Siria “nell’ambito della campagna statunitense contro lo Stato islamico“, (i dettagli sulle basi esistenti degli Stati Uniti sono appena state diffuse dai turchi). Ma come affermava su al-Monitor Corri Zoli, direttore ricercatore dell’Istituto di Sicurezza Nazionale e Controterrorismo dell’Università di Syracuse, “Mi sembra che ciò che vogliono è manovrabilità per creare alcune infrastrutture per approfondire la lotta oltre Raqqa e la Siria… È un tentativo di creare eliporti per attaccare lo SIIL e gli sforzi per creare un minicaliffato nella regione. Il segretario alla Difesa James Mattis”, aggiunge Zoli, “pensa a un paio di passi in avanti. Vuole avere la pace, stabilizzare la regione e pressare militarmente l’Iran. Se può farlo con la logistica, meglio“. Così, Netanyahu, giocando da “solito arrabbiato”, potrebbe fare pressione sull’amministrazione statunitense per attuare un piano sostitutivo con un cuneo di strutture aeroportuali temporanee statunitensi che vadano dalla Siria settentrionale all’Iraq, destinate a evitare la contiguità iraniana con la Siria. In breve, Netanyahu è irritato dalle carenze del piano del cessate il fuoco nel sud-ovest della Siria, facendo leva sull’incomprensione statunitense sulla rete di contenimento dell’Iran. Ma se non sarà così, e Israele intendesse respingere le basi militari iraniane e di Hezbollah ben oltre la linea dell’armistizio sul Golan, il presidente Trump avrà di che preoccuparsi. Potrebbe ritrovarsi con missili che volano dal sud del Libano in Israele. Infine, anche se è ampiamente noto che Mattis si trascina nette opinioni sull’Iran dalla particolare esperienza in Iraq, dove prestò servizio, le sue attuali responsabilità richiedono una visione più ampia. Semplicemente, la stabilità regionale, interesse dichiarato dagli USA, è contingente alle buone intenzioni iraniane, che Mattis ci badi o meno.
L’ex-capo del CNS d’Israele Yaakov Amidror è certamente nel giusto quando sottolinea così chiaramente (probabilmente con sanzione ufficiale) che gli interessi d’Israele si discostano da quelli degli USA: “Alla fine è nostra responsabilità, non di statunitensi e russi, proteggerci e prendere tutte le misure necessarie a ciò”. Spiegando come statunitensi e russi, con cui Israele ha buoni legami e dialogo, hanno accettato un accordo che consenta la presenza permanente iraniana in Siria. Amidror affermava che l’obiettivo strategico russo del cessate il fuoco è garantirsi che il regime di Assad rimanga, e l’obiettivo strategico statunitense è distruggere lo Stato islamico. Israele, ha detto, deve “prendersi cura del suo obiettivo strategico“, definito come “dividere Iran e Siria costruendo basi in Siria“. Amidror ha detto che mentre Israele ovviamente vuole vedere la fine delle uccisioni in Siria, “Il prezzo non può essere avere Iran ed Hezbollah alle nostre frontiere“, e che Israele ha opzioni diplomatiche e militari per impedire che ciò avvenga e che “entrambe le opzioni vanno usate“. Mattis potrebbe avere l’impressione di doversi spiegare “a lungo” con Bibi Netanyahu.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Pentagono contro la Turchia per le basi statunitensi in Siria

Zero HedgeAi membri della NATO che lavorano per il bene comune. Con una mossa che ha indignato gli Stati Uniti per ragioni ovvie, l’agenzia turca Anadolu svelava le posizioni esatte delle basi statunitensi nel nord della Siria. La mossa, che indica le posizioni esatte dei soldati statunitensi sui fronti della nazione lacerata dalla guerra, ha portato i rapporti tra i due alleati della NATO a nuovi minimi. Secondo Bloomberg, negli articoli pubblicati da Anadolu si fornivano informazioni dettagliate su 10 basi statunitensi nel nord della Siria, compresi numeri delle truppe e mappa della presenza delle forze statunitensi, nella versione turca. Senza citare fonti specifiche, l’agenzia svelava i dieci avamposti statunitensi nelle aree controllate dalle milizie “terroristiche” curde nelle province di Aleppo, Hasaqah e Raqqa. I rapporti affermavano che gli avamposti sono “solitamente camuffati per ragioni di sicurezza, rendendone difficile l’individuazione“. Dicono che si trovano “nei territori dei terroristi siriani PKK/PYD“, in riferimento ai gruppi curdi che il governo turco considera organizzazioni terroristiche. Mentre le località di due basi, nel distretto di Rumaylan (nella provincia di Hasaqah) e nel villaggio di Harab Isq (nei pressi di Kobani, nella provincia di Aleppo), erano già state ampiamente pubblicizzate, le altre furono citate solo in relazioni estere o erano completamente sconosciute. La notizia di Anadolu inoltre forniva informazioni dettagliate sul numero di truppe e mezzi e sulle procedure operative negli avamposti statunitensi. Inutile dire che il Pentagono è furioso.
Secondo The Daily Best, Washington era intenzionata persino ad impedire ai media statunitensi di riprendere l’articolo, dopo che era apparso sui media turchi. “L’informazione su numeri e posizioni di truppe fornirà al nemico informazioni tattiche sensibili che potrebbero mettere in pericolo la coalizione e le forze partner“, secondo il colonnello Joe Scrocca, direttore degli affari pubblici dell’operazione Inherent Resolve, rivolgendosi al Daily Beast, l’unico importante sito statunitense a riprendere la notizia. “La pubblicazione di questo tipo di informazioni sarebbe professionalmente irresponsabile e chiederemo di non diffonderle, perché metterebbero in pericolo la Coalizione“, aggiungeva Scrocca. Non è un segreto che negli ultimi anni Turchia e Stati Uniti siano in disaccordo sul sostegno statunitense ai combattenti curdi in Siria affiliati ai movimenti separatisti in Turchia. Il governo turco ha probabilmente passato ad Anadolu le notizie sulle truppe statunitensi per rappresaglia, secondo Aaron Stein, del Consiglio atlantico di Washington. “Gli Stati Uniti prendono seriamente la protezione della forza, ovviamente”, ha detto Stein. “Il governo turco lo sa e ha deciso di svelare l’ubicazione delle basi statunitensi in Siria. È difficile non vederlo come un affronto“. Infatti, il Consiglio di Sicurezza Nazionale della Turchia dichiarava che le YPD siriane sono la “stessa organizzazione” separatista PKK che opera nel Paese e che la Turchia ha designato terrorista. I funzionari turchi hanno detto che le armi passano liberamente tra i due gruppi e il mese prima accusavano Washington di armare dei “terroristi”, dicendo che a “certi alleati” applicano “doppi standard”. Nel frattempo, il Pentagono dichiarava di aver espresso preoccupazione al governo turco. “Se non possiamo verificare in modo indipendente le fonti che hanno diffuso questa notizia, saremmo molto preoccupati se i funzionari di un alleato della NATO hanno volontariamente messo in pericolo le nostre forze diffondendo informazioni sensibili“, dichiarava il portavoce maggiore Adrian JT Rankine-Galloway del dipartimento della Difesa. “Il rilascio di informazioni militari sensibili espone le forze della coalizione a un rischio inutile e può interrompere le operazioni in corso per sconfiggere lo SIIL”.
Secondo Bloomberg, Levent Tok, giornalista dell’agenzia Anadolu, ha detto che le informazioni sulle posizioni delle truppe USA non sono trapelate. “La notizia si basa sul lavoro sul campo dei giornalisti di Anadolu in Siria e su alcune informazioni sulle basi trasmesse sui social media dai combattenti curdi“, aveva detto a Bloomberg. “Gli Stati Uniti avrebbero dovuto pensarci prima di cooperare con un’organizzazione terroristica“. La relazione di Anadolu afferma che gli Stati Uniti hanno varie strutture nei territori controllati dai curdi. Alcune sono “avamposti militari”, “di solito nascosti per ragioni di sicurezza, rendendone difficile l’individuazione“. Il più importante di questi è Rumaylan, creato nella provincia di al-Hasaqah nell’ottobre 2015, su cui gli aerei cargo portano le armi per i combattenti, uno dei due principali itinerari delle armi nel Paese, insieme alla via terrestre dall’Iraq, secondo l’agenzia stampa. Un altro è Harab Isq, un eliporto creato nei pressi di Kobani nel marzo 2016. Oltre alle strutture tradizionali, la coalizione degli Stati Uniti “utilizza altri luoghi difficili da individuare come aree residenziali, campi del PKK/YPD, fabbriche convertite“. Otto strutture hanno ufficiali responsabili “degli attacchi aerei e d’artiglieria, consiglieri militari, ufficiali istruttori e ufficiali per la pianificazione operativa“. “I mezzi nelle basi militari includono batterie d’artiglieria ad elevata manovrabilità, lanciarazzi multipli, dispositivi mobili per l’intelligence e blindati come gli Stryker per i pattugliamenti generali e di sicurezza”, aggiunge l’articolo.
L’incidente è l’ultimo che colpisce le relazioni tra Turchia e un importante alleato della NATO. La settimana scorsa un funzionario turco dichiarava a Bloomberg che la Turchia aveva accettato di acquistare un sistema di difesa missilistica dalla Russia, mossa che potrebbe mettere in pericolo le relazioni della Turchia con il blocco occidentale. La Germania si ritira dalla più importante base della NATO, Incirlik, dopo che la Turchia ha rifiutato ripetutamente di permettere ai deputati tedeschi di visitare le truppe.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Sono dei pazzi questi curdi?

Ziad Fadil, Syrian Perspective 19/7/2017

I media fanno rumore sulla notizia che il calippo non sia morto, ma vivo da qualche parte in Siria. Non ci vuole un genio per capire che quella zona della Siria sarebbe laddove le forze statunitensi ed alleate operano. Dopotutto, cosa potrebbe esserci di più drammatico della vittoria di Donald Trump sull’idolo del male assoluto Abu Baqr al-Baghdadi. Il suo trionfo sarebbe più grande di Obama, quando l’ex-presidente si profuse onanisticamente sulla propria autogloria dopo aver assassinato il malvagio Usama bin Ladin. Avevo detto che al-Baghdadi fu eliminato un anno fa dall’Aeronautica Siriana ad al-Mayadin. Resto della mia opinione e considero chiusa la questione. È mia tesi che ufficiali di Sadam, che controllano lo SIIL, ne nascondano deliberatamente la morte come i taliban nascosero la morte del loro capo Mullah Umar. Se sbaglio, allora, lo riconoscerò. Tuttavia, posso sentire falsità e inganno qui intorno. È possibile che il califfo sia l’ultima “meteora”? Fu visto solo una volta dal discorso soporifero nella Moschea al-Nuri di Mosul. Non è interessante come le “fonti” curde in Iraq trionfino sulla sua rinascita. Perché sembra che gli statunitensi vogliano bombardare al-Raqqa e trovano conveniente che una delle loro bombe cada proprio sul califfo trasformandolo in migliaia di particelle non identificabili. Pezzi del suo corpo verrebbero spediti in Regno Unito o Germania, dove specialisti anonimi potranno “confermare” l’identità di questo furfante, la cui ascesa agli onori fu ideata dagli Stati Uniti e la cui morte verrebbe concepita dagli stessi ideatori. Non so voi, gente, ma penso che gli scrittori di fiction di Langley lavorino sodo su questo. Come la mummia interpretata da Boris Karloff nell’originale classico o quella della Hammer Films interpretata da Christopher Lee, questo califfo sarà sottoposto a un rara cura: la risurrezione! Hollywood può fare tutto, anche gli studi Shepperton vicino Londra. Come Lazzaro o una miriade di psicopatici nei film, morirà e rinascerà. Non posso aspettare che arrivi nel cinema vicino casa mia.
Non c’è più alcun dubbio sull’impazienza curda. Stavano dichiarando un referendum che gli iraniani definivano un “malinteso” e i turchi “casus belli”. Inutile dire che gli Stati Uniti, ansiosi d’incidere in Siria secondo i piani tracciatigli dai coloni europei dell’oscenità sionista, siano dietro tale stupidità. E i curdi, evidentemente, hanno abboccato storia, amo, lenza e galleggiante. Masud Barzani, settantenne capo iraniano dei curdi iracheni, pensa di aver trovato il vaso irlandese alla fine dell’arcobaleno. Potrebbe sorprendersi sapendo che la pentola fu usata nelle camere da letto inglesi e regolarmente svuotata da camerieri curdi. A molti di noi sembra che i curdi siano animati dalle promesse di Donald Trump. Non sapendo che furono ingannati dal Trattato di Losanna (perché il signor Trump semplicemente non legge niente) e furono vittime di una concatenazione infinita di promesse, trattati e alleanze; e lui pensa che i curdi siano stupidi abbastanza da farsi infinocchiare dal suo gesticolio di New Yor City. Beh, affari loro! Le battute sull’ignoranza curda sono comuni quanto quelle sui polacchi negli Stati Uniti, e questo perché i curdi continuano a fare cose stupide come credere alle bugie statunitensi e inglesi. Se la verità va raccontata, l’unico che ha mantenuto la promessa fatta ai curdi fu Sadam Husayn che promise, in privato, di ucciderli tutti e di scatenare suo cugino Ali il chimico per adempiere alla promessa. Sempre apolidi, piatinano per un loro Stato da tempi immemorabili. Ma il Buon Dio lavora in modi strani. Vedete, in tutta la sua magnificenza, Dio, con tutte le sue preoccupazioni, gli ha piazzati in una zona non solo priva di ogni accesso al mare, ma anche popolata da altri, come arabi, iraniani, aizidi, caldei, siriaci, armeni, assiri, azeri, greci e persino, probabilmente, guerrieri delle Trobriand, inuit e amazzoni, per citarne solo alcuni. Ebbero importanti ruoli nella storia del Medio Oriente, generando alcuni dei più grandi leader dell’Islam politico aggressivo, e il non meno importante fu il leggendario generale e re Salahudin al-Ayubi, in realtà più popolare in Europa che nella Fertile Mezzaluna. Saladino, come è noto in occidente, fu leonizzato nel film “Le Crociate” di Ridley Scott. Il film fa sognare Kobane, ma incasina gli evangelisti e pentecostali statunitensi che lo vedono come propaganda per il Corano. Non dovrebbe sorprendere sapere che l’attore che ebbe il ruolo di Saladino era il siriano Ghasan Masud. Gli arabi credono ancora oggi che Saladino fosse un arabo, anche se pensando al nome del nonno, Shirquayh, si dimostrerebbe null’altro che il re Ayubide era tutto fuorché arabo.
Il piano è chiaro. Ne ho scritto. L’esercito addestrato dagli yankee ad al-Tanaf, sul confine giordaniano, incontrerà gli eroi curdi dopo che questi ultimi avranno gloriosamente liberato al-Raqqa. Insieme, questi Signori dell’Universo bloccheranno l’autostrada Damasco-Baghdad e distruggeranno le speranze iraniane di raggiungere il litorale siriano e/o i confini della Palestina storica. Come gli iraniani non riescono a capirlo. Beh, gente, il grande brutto esercito di al-Tanaf è ora incastrato tra rocce e deserti. I combattenti iracheni e afghani addestrati dall’Iran, gli ufficiali di Hizbollah, le truppe dell’Esercito arabo siriano e i combattenti dei Comitati di difesa popolare, armati fino ai denti, hanno avvelenato il pozzo e sembrano aver rovinato il piano. Con Jaysh al-Islam che ora scompare grazie a connivenza saudita e rimbambimento sfrenato, sembra che il sogno di un Fronte del Sud sia abbandonato dando la tanto necessaria tregua alle popolazioni locali; è tutto così spaventoso per i pianificatori statunitensi, sionisti e inglesi. Così terribile che fanno le valige caricando rosari e scatole di baqlawa siriani. Ma che succede ai turchi? Supponiamo che il clown della Casa Bianca abbia promesso ai curdi il Mondo. Cosa potrebbero implicare tali promesse? Gli USA contesteranno il revanscismo turco sulla Siria settentrionale? Se lo fanno, la NATO andrà in fumo. È un desiderio. Trump ha spillato il suo messaggio anti-NATO per tutta la campagna elettorale, e ciò potrebbe essere la possibilità di mettere davvero sulla graticola l’alleanza. I turchi si tireranno indietro se gli Stati Uniti continuano a parlare ai curdi? Non lo so. Un simile scenario sembra essere che causerebbe una frattura nel partito governato dal sultano Erdoghan o, almeno, enormi dimostrazioni con turchi e curdi invocare la cacciata del gran capo da Ankara. Se i curdi potranno annunciare la creazione del loro Stato, cosa faranno Siria e Iran? Eviteranno di affrontare gli USA? Si vedrà una nuova insurrezione volta a rovesciare PKK e PYG, o le forze irachene puntare su Barzani? Ad essere brutalmente franchi, non credo che gli Stati Uniti ci abbiano pensato. Sembra che la CIA sia guidata da Tel Aviv mentre tutti gli altri si rivolgono al tavolo Ouija. Poiché i piani siriano-iraniano-russi sembrano essere 10 miglia avanti, mentre gli statunitensi al meglio vanno indietro, un passo avanti per 10 passi indietro, non c’è fine all’anarchia nella politica estera statunitense. Spero solo che i curdi si sveglino prima che sia troppo tardi.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’intelligence USA sabota il blocco saudita per risolvere la crisi del Golfo

Finian Cunnignham SCF 20.07.2017Una fuga tempestiva dell’intelligence degli Stati Uniti sembra aver minato l’asse saudita nel dannoso scontro con il Qatar. Quindi, l’intelligence statunitense è stata costretta a pesare e sbrogliare la grave crisi del Golfo, dati gli interessi strategici statunitensi nella regione. L’intervento statunitense sembra per ora aver funzionato. Questa settimana il blocco Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Egitto compiva una drastica ritirata riguardo le precedenti richieste draconiane al piccolo Stato gasifero del Golfo Persico del Qatar, secondo Associated Press e New York Times. La ritirata avveniva pochi giorni dopo i rapporti sui media degli Stati Uniti che sostenevano il Qatar nella disputa. Il notiziario NBC citava fonti d’intelligence statunitensi per corroborare un articolo del Washington Post secondo cui il Qatar era vittima della propaganda degli Emirati Arabi Uniti. In altre parole, i media statunitensi amplificavano le agenzie d’intelligence statunitensi nelle manovre sulla crisi del Golfo. “Le false notizie volte a pregiudicare le relazioni del Qatar con gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo importante nella divisione diplomatica tra la piccola nazione del Golfo e i suoi vicini, affermano i funzionari statunitensi e del governo del Qatar”, riferiva NBC. Notevole, come notato in una precedenza qui, come l’attribuzione di hackeraggio e disinformazione sul Golfo da parte di intelligence e media degli USA contraddicesse le precedenti notizie pubblicate dalla CNN. Il mese scorso, CNN esaltò una relazione “esclusiva”, citando fonti d’intelligence statunitensi che accusavano la Russia per la crisi del Golfo. Evidentemente, tali rivendicazioni statunitensi contro la Russia sono false. C’è la buona ragione di credere che la nuova versione dell’hackeraggio nel Golfo incentrata sugli EAU sia credibile. Questo lo dicono i qatarioti da sempre. Cioè, che la loro agenzia stampa ufficiale fu vittima del discredito di Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, con l’obiettivo d’invocare il blocco sul Paese, incentrato sulle misere rivalità tra gli Stati arabi del Golfo, principalmente tra il regno saudita ricco di petrolio e lo Stato qatariota ricco di gas. L’hackeraggio dell’agenzia di stampa del Qatar ha riguardato false affermazioni apparentemente fatte dal governante del Qatar, Shayq Tamim bin Hamad al-Thani, in cui lodava l’Iran come “potenza islamica”; dichiarazione insignificante nei regni arabi dominati da sunniti. Questo il 24 maggio. In pochi giorni, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Bahrayn ed Egitto ruppero i rapporti diplomatici e commerciali con il Qatar, accusandolo di sostenere il terrorismo.
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump svolse un ruolo inusuale nel provocare la crisi del Golfo. Il suo primo sostegno all’Arabia Saudita e la sua censura unilaterale del Qatar indubbiamente incoraggiarono Riyadh e partner ad inasprire il blocco. Tali richieste al Qatar includevano il versamento di compensi ai vicini del Golfo per danni presumibilmente causati dal terrorismo e la chiusura del notiziario al-Jazeera di Doha. Il Qatar ignorò la scadenza e affermò che non avrebbe fatto concessioni. A quel punto, le teste più fredde di Washington si resero conto che Trump si era infilato nel Golfo come un toro in un negozio di porcellane e il suo intervento sconsiderato sconvolgeva l’equilibrio strategico statunitense nella regione petrolifera. I qatarioti scoprirono che, a causa dell’impulsività di Trump, il blocco dell’Arabia Saudita si era sovraesposto nell’ambizione di colpirli. Sapevano che gli Stati Uniti non potevano permettersi una divisione tra gli alleati arabi, con l’implicazione che tale scisma possa rafforzare l’Iran e minare il sistema globale del petrodollaro. Il segretario di Stato degli USA Rex Tillerson cercò di rimediare al sostegno sconsiderato di Trump ai sauditi, arrivando a definire le richieste saudite al Qatar “irrealistiche”. Le fughe dell’intelligence sui maggiori media statunitensi di questa settimana, sostengono le affermazioni del Qatar di essere vittima del discredito del campo saudita (EAU), avendo l’effetto di ammorbidire l’imperiosa posizione di quest’ultimo. L’Arabia Saudita e gli altri indicavano di aver ritirato le 13 richieste draconiane. Ora vi sono solo sei richieste, vaghe al punto che si potrebbero firmare. Questa è una spettacolare ritirata. Soprattutto, le precedenti richieste di riparazioni finanziarie al Qatar e della chiusura di al-Jazeera sono state abbandonate. Il New York Times ha descritto gli sviluppi con termini anodici come “passo che potrebbe aprire la strada a una prima risoluzione della crisi”. Un resoconto più accurato affermerebbe che il campo saudita ha capitolato sull’intransigenza verso il Qatar. E le fughe dell’intelligence statunitense presso gli obbedienti media statunitensi hanno accelerato tale capitolazione.
Gli interessi strategici statunitensi erano semplicemente troppo alti perché Washington rischiasse il prolungamento della crisi del Golfo. L’intervento spiacevole di Trump, inizialmente a sostegno dei sauditi, minacciò di stravolgere il Golfo. Sottomettere Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, svelando chi aveva diffuso disinformazione sull’hackeraggio sul Qatar, è stato il modo migliore per gli Stati Uniti di stringere i ranghi. La drammatica ritirata dell’asse saudita di questa settimana, dopo le fughe dell’intelligence statunitense sui media, è la prova che Washington ha richiamato i clienti arabi. E altrettanto importante è il modo con cui intelligence e media degli Stati Uniti hanno ritenuto opportuno smantellare i precedenti tentativi d’infangare la Russia con false notizie sul Golfo.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Un brutto colpo per la Difesa

Jacques Sapir, Russeurope 13 luglio 2017La questione del bilancio della Difesa potrebbe essere, nelle prossime settimane, il pomo della discordia in Francia, ma anche tra Francia e Germania. Due fatti forniscono indizi su ciò che accade. Il 12 luglio, alla Commissione della Difesa dell’Assemblea nazionale, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale Pierre De Villiers, ha minacciato di dimettersi se il ministero delle Finanze persisteva nel desiderio di ridurre il bilancio della Difesa di 850 milioni di euro [1]. Il 13 luglio, si teneva un consiglio dei ministri franco-tedesco in gran parte dedicato ai problemi della difesa. La coincidenza dei due eventi indica che vi sono questioni serie, ma anche un serio dibattito sul tema nelle alte sfere del potere. Riprendendo il problema di bilancio che ha provocato le ire, giustificate va aggiunto, del Capo di Stato Maggiore della Difesa, il bilancio della difesa era di 40,8 miliardi di euro, ma date pensioni e indennità, i saldi di spesa per effettivi e mezzi ammontano a 32,6 miliardi. Tale cifra non basta a mantenere forze armate nello stato corrente. Lo testimoniano i gravi problemi di manutenzione dei mezzi più efficienti, aerei ed elicotteri, nonché i ritardi nella sostituzione dei mezzi obsoleti o semplicemente superati dalle attuali minacce. Si aggiungano le operazioni all’estero, le famose “OPEX”, che ingoiano sempre più soldi destinati ai mezzi. In una nota pubblicata a fine 2016, stimai al 2,44% del PIL, o 48-50 miliardi di euro, le spese per mantenere il nostro status militare [2]. Il Generale Trinquand, ex-capo della missione militare alle Nazioni Unite e alla NATO che contribuì alla stesura del programma per la Difesa di Emmanuel Macron, ne aveva parlato su “Le cronache di Jacques Sapir” di Radio Sputnik dedicate al ritorno del “servizio nazionale” [3]. Ci disse fuori onda, a Laurent Henninger (altro ospite) e a me, che il Presidente si era impegnato ad accreditare alla Difesa, escluse le pensioni, 50 miliardi subito. Non ho motivo di non credere al Generale Trinquand, che a tale proposito sembrava logico, mostrando in apparenza che Emmanuel Macron avesse ben compreso la dimensione dei problemi sul bilancio della Difesa. Ma ciò che emerge dall’audizione del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Pierre De Villiers, è che era assai arrabbiato dall’annuncio di nuovi tagli al suo bilancio annunciati dal ministro Darmanin. Per anni i governi di Nicolas Sarkozy e François Hollande giocarono sugli effetti degli annunci e i rispettivi budget “insinceri”. Qui, la misura è colmao. Ma proprio quando tale piccolo dramma si svolgeva, purtroppo francese, all’Eliseo vi era il Consiglio dei Ministri franco-tedesco, in gran parte dedicato alla Difesa. Supponiamo che nell’occasione Emmanuel Macron abbia cercato di far assumere le responsabilità alla Germania, o a contribuire direttamente alle operazioni a sud del Sahel, o al loro finanziamento a spese del bilancio. La Germania aveva accettato l’istituzione di una difesa europea embrionale, ma ne limita drasticamente il bilancio. E’ molto probabile che la cancelliera Merkel abbia dato risposte meramente dilatorie. Non vuole legarsi le mani su ciò e sa, forse a differenza del suo interlocutore, che ne va della sovranità del suo Paese. Ma Merkel, e io sarò l’ultimo a biasimarla, ha un’altissima idea della sovranità della Germania. E’ deplorevole che Emmanuel Macron non abbia un’altissima idea della sovranità della Francia. Non solo c’è poco da aspettarsi dalla questione sul bilancio, ma più in generale la Germania preferisce giocare la carta della deterrenza nucleare degli Stati Uniti, che affidarsi al deterrente “esteso” della Francia. Ciò significa che qui non dovremmo aspettarci nulla.
La tragedia è che i nuovi tagli al bilancio, gli ennesimi, interesseranno l’osso, data la scarsità di ciccia negli ultimi mesi. Ciò che è in gioco oggi, e questo spiega rabbia e “sproloquio” del Generale De Villiers, sono futuro della difesa e credibilità degli impegni del governo in proposito. Si teme che il governo segua la via più semplice e si rifugi sotto dichiarazioni altisonanti per attuare una politica le cui conseguenze potrebbero essere tragiche. In tal modo, si comporterebbe come i predecessori, e seppellirebbe, per chi ha ancora dei dubbi, l’idea che si possa fare politica in modo diverso…[1] Les Echos
[2] Vedi J. Sapir, “Una difesa al ribasso non è una difesa“, 21/12/2016
[3] Sputnik

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora