Il dispositivo della CIA catturato dai sovietici

Analisis Militares 11 giugno 2017Alla fine degli anni ’70 USA e URSS erano impegnati nella guerra fredda. Un braccio di ferro che ha lasciato molte storie sconosciute ma che anche dopo molti anni sono ancora molto interessanti. Una di queste storie fu l’incidente del contenitore Cocoon avvenuto nel Mare di Okhotsk nel 1981. Alla fine degli anni ’70 gli Stati Uniti avviarono l’operazione ‘Ivy Bells’ per cercare di ascoltare le comunicazioni sottomarine tra il territorio continentale dell’URSS e le basi nella Kamchatka. L’operazione della CIA doveva intercettare i cavi sottomarini posti nel mare di Okhotsk, in particolare nella baia di Shelekhov.A tal fine la società ‘Bell‘ sviluppò un sistema per i cavi non invasivo in modo che i sovietici non scoprissero il dispositivo posto sul fondo del mare. Uno dei protagonisti di queste missioni fu il sottomarino per missioni speciali dell’US Navy HalibutI tecnici statunitensi svilupparono un sistema non-invasivo di ascolto collegato al rivestimento esterno del cavo sottomarino per le comunicazioni sovietico.A sua volta, tale sistema inviava le informazioni a un sofisticato contenitore subacqueo chiamato ‘Cocoon‘ che registrava le comunicazioni sovietiche su nastro magnetico.Il contenitore di 5,5 m di lunghezza e 1,2 di diametro pesava 7 tonnellate ed ospitava diverse avanzate apparecchiature elettroniche. Aveva un alimentatore al plutonio che secondo il Contrammiraglio Shtyrov era in un altro contenitore e poteva funzionare per 10 anni. 32 registratori funzionavano contemporaneamente e ciascuno poteva registrare per 150 ore, per un totale di 3000 ore. Altre fonti parlano di 60 registratori (!). Una volta al mese il sottomarino statunitense dispiegava i subacquei avvicinandoli al contenitore Cocoon per recuperare le registrazioni. Tutto andò bene finché al momento di recuperarlo, il sistema non era dove doveva essere, chiaramente i sovietici l’avevano scoperto.L’idea ufficiale
Nell’agosto 1981, il Quartier Generale della Marina sovietica in Kamchatka subì problemi alla linea di comunicazione Petropavlovsk-Magadan, facendo concludere che vi era un guasto al cavo sottomarino nel Golfo di Shelekhov, nel Mare di Okhotsk. Si pensò che un peschereccio avesse danneggiato il cavo. Durante il lavoro di rilevazione del guasto, uno dei sommozzatori scoprì l’oggetto attaccato al cavo che, a sua volta, aveva un cavo che si allontanava. Seguendolo fu scoperto il contenitore Cocoon, che era caldo al tatto, così si pensò che fosse un manufatto militare e fu lasciato in attesa di ordini da Mosca. Infine si decise di studiarlo nella capitale dopo l’attuazione del protocollo di smantellamento sicuro.

Contrammiraglio A. T. Shtyrov, a sinistra.

Cosa in realtà successe
In realtà non ci fu un guasto, ma uno stratagemma per coprire un’operazione di controspionaggio sovietico. L’URSS scoprì il contenitore Cocoon e il sistema di ascolto nel Mare di Okhotsk non per caso, ma tramite un infiltrato nella National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti. Nel gennaio 1980, l’agente della NSA Ronald Pelton contattò l’Ambasciata Sovietica per offrirgli informazioni in cambio di denaro. Per invogliare gli agenti del KGB Pelton raccontò dell’ascolto statunitense dei colloqui tra il territorio russo e la Kamchatka. attirando l’interesse sovietico. Nell’agosto 1981, quando i satelliti da ricognizione degli Stati Uniti scoprirono l’insolita attività navale sovietica nella baia di Shelekhov, e subito dopo, cercando di recuperare le registrazione, si scoprì che il sistema Cocoon era scomparso… la CIA non tardò a concludere che vi fu una perdita che permise ai sovietici di distruggere una delle sue operazioni d’intelligence più audaci. Pelton diede tutto il necessario sull’operazione Ivy Bells e le coordinate in cui il cavo sottomarino sovietico era stato intercettato. In cambio di questo ed altri servizi, ricevette 600000 dollari, che negli anni ’80 erano un bel po’ di soldi. Successivamente fu arrestato e condannato a tre ergastoli più 10 anni.Ciò che narra il Contrammiraglio Shtyrov
A 32 miglia dalla costa occidentale della penisola di Kamchatka, nella baia di Shelekhov, ad una profondità di 65 m, una nave sovietica issò la stazione di ascolto subacquea composta da 2 cilindri di 250 litri di capacità ciascuno. I cilindri furono inviati al controspionaggio. In uno di questi cilindri furono trovati 32 registratori. L’altro era un reattore nucleare in miniatura che forniva l’energia necessaria. Il reattore nucleare in miniatura fu immediatamente inviato a Semipalatinsk in Kazakhstan, presso l’Area del programma dei test nucleari sovietici. Fu tenuto in un tunnel dove 2 volontari (uno scienziato nucleare e un ufficiale dei servizi segreti) si offrirono per gestirlo in un luogo isolato, nel caso fosse esplodeva durante l’esame. Riuscirono nel compito e furono successivamente decorati per tale operazione. Originariamente si pensò di renderlo pubblico, similmente a quanto fatto dopo l’abbattimento dell’U-2 di Gary Powers, ma c’era la distensione tra Stati Uniti e Unione Sovietica e si decise di non versare benzina sul fuoco.
Questo è più o meno quanto si sa dell’incidente. A mio parere, uno dei più esotici della guerra fredda. Inutile dire che ciò permise, ancora una volta, l’accesso dei sovietici alla più recente tecnologia degli Stati Uniti. Sicuramente non fu l’ultimo caso. Se ne ebbe uno recente simile, nel 2014, con sfumature ulteriori, con un oggetto recuperato nella Chukotka, nell’estremo oriente della Federazione Russa.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La NATO è un grande pezzo di formaggio svizzero

Wayne Madsen, SCF 09.06.2017La NATO, sebbene destinata ad espandersi con l’adesione di Svezia, Finlandia, Austria e Malta, è essenzialmente un gigantesco pezzo di formaggio svizzero. Se si considera che l’adesione alla NATO non è popolare presso molti partiti d’opposizione negli Stati membri o diversi governi regionali, l’alleanza occidentale assomiglia sempre più alla fallimentare linea Maginot. Nei quattro Paesi in cui vi sono sforzi dei governi per entrare nella NATO, c’è un’immensa opposizione politica interna. Alla guida per le elezioni generali di Malta, il personale delle operazioni psicologiche della NATO diffondeva storie sulle “interferenze russe” nelle elezioni, contro l’opposizione anti-NATO della coalizione del Partito Nazionale – Partito Democratico. Alla fine, la storia delle “false notizie”, diffuse dagli interessi della NATO, sembrano aver aiutato il primo ministro filo-NATO, Joseph Muscat e il suo Partito Laburista di Malta a mantenere il potere con la maggioranza parlamentare delle elezioni del 3 giugno. Durante la campagna, Muscat affermò che fu avvertito da CIA e MI6 che i russi “forse” miravano al processo elettorale di Malta. Articoli della stampa, probabilmente piazzate dalla CIA, accusavano la Russia di istituire una compagnia di facciata a Malta, l’MTACC Ltd, che si dice diretta da un russo che ha vissuto a Grunwald, in Germania, e da uno statunitense che avrebbe la residenza in California. Il 26 aprile Muscat disse di aver discusso dell’adesione alla NATO con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. Muscat ha anche accettato di consentire all’azienda Antonov dell’Ucraina di costruire una struttura di manutenzione a Malta. L’Ucraina è un altro potenziale membro della NATO. Secondo il “Times of Malta”, il leader del partito nazionalista d’opposizione Simon Busuttil ha definito le accuse di Muscat sull’interferenza della Russia nella politica maltese, “assolutamente ridicole e assurde”. Busuttil ha anche affermato: “Se fosse vero, il primo ministro avrebbe indetto una riunione del comitato per la sicurezza, di cui faccio parte”, aggiungendo: “Non credo che Vladimir Putin si preoccupi di Muscat o chicchessia al potere nel Paese”. La leader del Partito Democratico Marlene Farrugia dichiarava che l’accusa di Muscat d’interferenza della Russia nella politica di Malta “sembra schizoide” e che non ne era “convinta”. La coalizione si oppone all’adesione alla NATO di Malta, preferendo mantenere la tradizionale neutralità. La Russia è stata anche accusata della fuga dei dati che smascherava 70000 compagnie offshore a Malta, utilizzate per l’evasione fiscale. I dati furono scoperti da una fonte “anonima” presso un ufficio fiscale del Nord Reno-Westfalia, a Wuppertal.
Diverse imprese e 2000 cittadini tedeschi furono scoperti evadere il fisco con imprese a Malta. Lo scandalo ha portato Malta ad essere chiamata “Panama d’Europa”, in riferimento ai Documenti di Panama che mostravano un uso massiccio della società legale Mossack-Fonseca per istituire aziende fittizie nel Paese. La moglie di Muscat, Michelle, è stata identificata come l’unica azionista di una società di Panama, Egrant Inc., utilizzata per riciclare i soldi della famiglia Aliev d’Azerbaigian. Denaro dalla al-Sahra FZCO, con sede nella zona di libero scambio del Jabal Ali di Dubai, è stata scoperta essere stata trasferita alla Egrant. Al-Sahra FZCO è di proprietà di Leyla Aliev, figlia del presidente azero Tasman Ilham Aliev. Come se tutto questo non fosse abbastanza brutto per Muscat, Konrad Mizzi, vicepresidente del Partito Laburista e ministro dell’Energia e della Salute, è stato scoperto avere una fiduciaria offshore in Nuova Zelanda e una società a Panama chiamata Hearnville Inc. Un’altra bomba politica colpiva Muscat quando fu scoperto che il suo capo di gabinetto, Keith Schembri, gestiva una società di facciata a Panama chiamata Tillgate Inc. Gli investigatori maltesi scoprivano che la società di consulenza finanziaria di Mizzi e Schembri, Nexia BT, era di proprietà di un’altra società, BT International, che a sua volta era di proprietà di Brian Tonna, unico azionista della Mossack Fonseca & Co. (Malta) Ltd. La società fasulla di Schembri alle Isole Virgini inglesi fu trovata grazie ai Documenti di Panama, ed era co-proprietario di un’impresa cipriota chiamata A2Z Consulta. L’indagine sul governo Muscat fu ostacolata dalle improvvise dimissioni dei funzionari addetti: Michael Cassar, commissario di polizia e Manfred Galdes, direttore dell’Unità di analisi delle informazioni finanziarie (FIAU). Il fatto che tanti membri del governo filo-NATO di Muscat possedessero conti segreti offshore potrebbe indicare che NATO e CIA compensano i politici filo-NATO con corruzione via conti bancari segreti. Come potrebbe un’organizzazione corrotta come la NATO avere un elevato sostegno, in particolare nelle nazioni neutre, 30 anni dopo la fine della guerra fredda? Le accuse di corruzione finanziaria hanno offuscato il governo Muscat prima dell’elezione del 3 giugno, ma lo scandalo non è bastato a liberarsi del governo filo-NATO. Muscat e i suoi amici di NATO e CIA dovevano elaborare una storia sull’interferenza russa nell’elezione di Malta per salvare l’ordine del giorno di Muscat e del suo governo colpito dallo scandalo dei Panama Papers. Non c’è da stupirsi del perché l’ex-capo della CIA John Brennan non volesse discutere pubblicamente i dettagli delle operazioni di manipolazione delle elezioni della CIA nell’ultima udienza del Comitato sull’Intelligence della Camera, che esamina la presunta “interferenza russa” nelle elezioni statunitensi ed estere. Non era forse un caso che anche il primo ministro filo-NATO dell’Islanda Sigmundur Davío Gunnlaugsson e sua moglie, Anna Sigurlaug Palsdottir, venissero scoperti posedere la società offshore Wintris Inc., nelle Isole Vergini inglesi. Se NATO e CIA acquistano alleati nella NATO come Muscat e Gunnlaugsson, almeno gli includono le mogli nell’operazione! Dopo che Gunnlaugsson è stato costretto a dimettersi per lo scandalo dei Panama Papers, fu scoperto che il successore, il conservatore filo-NATO Bjarni Benediktsson, aveva un’impresa d’investimento offshore nelle Seychelles chiamata Falson & Company.
La NATO assorbe lentamente altre nazioni tradizionalmente neutrali in Europa. La Finlandia ha ospitato recentemente la Conferenza annuale della NATO sul controllo delle armi, il disarmo e la non proliferazione delle ADM a Helsinki, un altro passo verso l’adesione alla NATO. L’adesione della Finlandia darà alla NATO la possibilità di posizionare forze al confine finno-russo di 833 miglia. Un rapporto del settembre 2016 del governo svedese concludeva che ci sarebbero “vantaggi” nell’adesione svedese alla NATO. Seguendo gli esempi di Malta e Islanda, forse i partiti di opposizione anti-NATO in Finlandia e Svezia dovrebbero iniziare ad esaminare le finanze dei politici filo-NATO su conti bancari esteri e società di copertura fiscale. Fu scoperto che il Montenegro, ultimo membro della NATO, compariva molto sui documenti di Panama. 13 società con sede in Montenegro sono state scoperte nei Documenti di Panama. Due, Wicked Soft SA di Panama e Sunnydale Services delle Isole Vergini inglesi, erano legate a funzionari del governo del primo ministro Dusko Markovic. Il primo ministro ha ignorato l’opposizione del Partito Democratico per un referendum popolare sull’adesione alla NATO, prima di portare la nazione nel blocco militare. È emerso un modello distinto che collega i politici filo-NATO in Europa alle attività off-shore denunciate dai Documenti di Panama. I politici d’opposizione sanno che la NATO è un pericoloso anacronismo. Sono raggiunti dai politici regionali di Galles, Scozia, Ebridi Esteri, Isola di Man, Isole Faroe, Isole Shetland, Groenlandia, Catalogna, Paesi Baschi, Fiandre, Vallonia, Isole Aland, Saaremaa, Gotland, Bornholm, Sardegna, Corsica, Azzorre e Sicilia. Dall’inquinamento ambientale della NATO e dalle sanzioni contro la Russia, pericolose per l’economia, a fare delle loro patrie oggetto di una guerra nucleare e di truppe straniere indesiderate sul terreno, l’opposizione democratica e i leader regionali si svegliano sui pericoli posti dalla NATO, insieme alla corruzione che diffonde presso le loro élite dominanti.

Joseph Muscat

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Venezuela, Colpa di Maduro?

Marco Teruggi, Hastaelnocau 20 aprile 2017 – Venezuela InfoIl 19 aprile 2013, quando Nicolas Maduro giurò da presidente, sapevamo che il peggio era passato. Il tentato golpe iniziato il 14 sera fallì, causando 11 omicidi e attacchi ai locali del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV) e ai Centri di Diagnosi Integrale, aggredendone i leader con una serie di violenze nere. Fu il primo di quattro tentati colpi di Stato affrontati in quattro anni. Attualmente, subiamo l’ultimo, in pieno svolgimento. Il Venezuela di quei giorni visse un periodo complesso: lutto di dieci giorni per Chavez, con un funerale con milioni di persone, Maduro e la sua vittoria elettorale ristretta, i ricordi epici di ottobre, la resistenza agli appelli all’odio di Radonsky Capriles. Tutto restava da vedere, ai margini dell’incertezza, di rado la storia era così aperta. Iniziarono con gli attacchi e i quattro tentati golpe in quattro anni. Il primo nell’aprile 2013, il secondo a febbraio/marzo 2014, il terzo nell’ottobre 2016, il quarto a marzo/aprile 2017. Sì, bisognava, perché come dice Rodolfo Walsh, è la reazione del nemico che misura il nostro successo. Questo nemico ha smesso di attaccare. Ma il calcolo non era preciso: quattro tentativi d’insurrezione, ma il colpo di Stato è permanente, usurando ed andando oltre, era una guerra.
– Non hanno lasciato governare Maduro, diceva una signora in una dimostrazione. Niente di più vero. Neanche per un attimo. Va sottolineato, valutando questi anni, che il fattore imperialismo è al centro: il Venezuela era ed è l’obiettivo numero uno nel continente. L’antimperialismo dovrebbe raccordare le sinistre e i progressisti nella difesa del Venezuela. E invece no. Molti hanno mollato negli ultimi tempi, riflettendo disinformazione, purismo, opportunismo, accettazione della prognosi di una sconfitta; meglio prendere le distanze per non esservi associati. E’ nei momenti più difficili che la rivoluzione è più isolata. In particolare Nicolas Maduro, accusato da molti di aver fatto fallire il processo di trasformazione sognato da una generazione, accusato di non reggerne l’eredità. Accuse dovute, volute o meno, alla tattica della destra di scaricare i mali su Maduro per ridicolizzarlo e screditarlo nella storia. Maduro andava distrutto dal giorno della sua vittoria.
Eletto dalla maggioranza, si candidò per volere di Hugo Chavez. Indossò la fascia presidenziale del processo che condensa tutto ciò che di più avanzato c’è nell’esperienza dei cambiamenti di questi tempo, affrontando allo stesso tempo difficoltà ed errori degli anni precedenti. Va ricercata la genesi di queste tendenze nel passo del 2006. Va notato: i numerosi problemi affrontati dal governo di Maduro sono i vecchi problemi che Chavez segnalò il 20 ottobre 2012 nel discorso del “Colpo di Timone”. Era necessario correggerli, e ciò fu sintetizzato dall’espressione “comune o niente”. Assunse la presidenza con questa direttiva strategica. Lo fece guidando l’architettura governativa ereditata, lo storico nodo economico mai risolto, più o meno la dipendenza dalle rendite petrolifere, un movimento di massa nazionale e un nemico che non vedeva l’ora di assestargli un violento colpo per farlo cadere. Ma non è caduto. E’ rimasto a capo dello Stato e l’ha affrontato. Il problema è analizzare questi quattro anni solo dalla sua figura, come se un processo politico possa esser spiegato attraverso un uomo. È un errore di analisi, un punto di vista politico piazzato dalla destra e un errore di comunicazione della fazione chavista che voleva, e dobbiamo insistere su questo punto, costruire un epico Maduro trascurando il resto, definendolo in modo artificiale. Tali linee si unirono facendone il governante colpevole. Così passarono sullo sfondo attori popolari, mediazione politica, movimenti sociali, contraddizioni nella transizione, interessi di classe contrapposti nel chavismo, logica manovriera dell’amministrazione, dispute di potere, burocrati e traditori, geopolitica, controffensive nazionale e imperialista. La semplificazione è riflesso della seguente equazione: la rivoluzione dipendeva da Chavez e dal prezzo del petrolio. Una volta morto il primo e in caduta libera il secondo, il processo è finito. Ecco le chiavi dell’assenza di analisi, secondo cui la partita è perduta. Non c’era niente da fare. Il problema è che non solo i dati sono imprecisi, la crisi iniziò mesi prima che i prezzi del petrolio scendessero, il motivo del loro legame non è diretto, riducendo tutti il resto a spettatore. Le classi popolari, proprio quelle che il 12 e 13 aprile 2002 furono i protagonisti del ritorno di Chavez, sono diventate passive: non hanno coscienza, organizzazione, tensione con lo Stato, sono prive di capacità politica. Invece di vedere il bene e il male in Maduro, è più corretto considerarlo una delle parti più importanti della direzione civile-militare del processo di trasformazione. Non è la vittima di un assedio che non gli permette di governare, tesi quasi mitologica, né un attore onnipotente.
Il madurismo non esiste. Maduro stesso l’ha ripetuto. Il suo volto è parte della strategia di comunicazione della destra e degli opportunisti che facevano parte del chavismo. Con tale operazione si crea una frattura accusandolo di volersi creare un proprio potere tradendo il patrimonio storico, anche se vi si riferisce. Ciò implica che degli chavisti possono rivendicare la propria identità e opporsi al tempo stesso all’attuale governo, attraendo voti dalla destra. Ciò che esiste è la rivoluzione venezuelana. Al suo interno, e nella condotta, chi so prende la maggior parte dello spazio sono coloro che hanno deciso di cedere il potere a chi attacca la rivoluzione. Questa è lotta di classe interna, un dibattito cruciale è sorto. Rientra nel tutto. Ma c’è molto altro: settori che costruiscono movimenti sociali locali e cittadini, trasferiscono risorse ad esperienze organizzate, recuperano fabbriche tentando nuove forme di produzione, consegnano più di 1,5 milioni di case in sei anni, tracciano l’accordo di risoluzione collettiva dei problemi alimentari, fa esperienza nella milizia, ecc. Una rete complessa che non può essere ridotta a Nicolas Maduro, e neanche a Chávez. Quale sarebbe il parametro per valutare la gestione del capo dello Stato? Come notò Chavez, sarebbe in funzione, pensando in termini socialisti, delle misure adottate dal governo per consolidare una “modalità sostanzialmente democratica di controllo sociale ed autogestione generale”. Chavez citò in questo caso Istvan Meszaros. Da questo punto di vista, si può dire a favore di Maduro lo sviluppo comunale sotto il suo mandato e la costituzione dei Consigli presidenziali di governo popolare, strumenti pratici di co-governo. Qual è la loro situazione oggi? L’analisi dovrebbe comprendere non solo la “volontà” del presidente, ma anche la maturazione, o meno, delle forze popolari-comunali, l’azione del PSUV, le politiche ministeriali, attuate secondo logica dai ministri, più in termini di quote che per linea politica, le tensioni coi governatori e altri, ecc. chiarendo la complessità al centro del progetto chavista: la costruzione della società e del governo municipale. Se non ne è avanzato abbastanza, è colpa di Maduro?
Potremmo valutarne l’amministrazione da altre prospettive. Una è aver evitato gli scenari violenti che la destra ha cercato in ciascuna delle quattro insurrezioni. La pace è stata una lotta vittoriosa: contro tale guerra si è rimasti nei limiti democratici, e si dovrebbe discutere dei limiti della democrazia nelle guerre ibride. Maduro ha mantenuto la pace, da Presidente della Repubblica e leader del chavismo. Oggi, 19 aprile, ancora si affronta tale sfida, lui e tutto il movimento. E’ tornato a governare in situazioni peggiori. Con la rivolta controrivoluzionaria, il petrolio a basso prezzo, i rapporti di forze invertiti nel continente e i demoni irrisolti del chavismo in tensione costante. Visto in retrospettiva, la domanda sarebbe: chi avrebbe fatto meglio? Anche se questa domanda è una trappola perché rafforza implicitamente la tesi che dipenda da una sola persona. La rivoluzione ha un proprio labirinto e difendendo Maduro si potrebbe porre un’altra domanda: ha fatto ciò che ha fatto in questi quattro anni, ma cosa ha fatto chi dovrebbe radicalizzare il processo, rafforzarne lo sviluppo socialista? Perché occupa tanto spazio chi vede la trasformazione in uno Stato forte che realizza accordi con gli imprenditori mantenendo le politiche sociali? Quattro anni dopo va approfondito integralmente la chiave per risolvere le grandi sfide, riconoscere e discutere i successi e limiti del presidente come parte della direzione di un progetto avanzato che resiste agli attacchi dei golpisti e costruisce gli strumenti della transizione al socialismo. Non dovremmo chiedere a Maduro ciò che altri dovrebbero fare. Ancora una volta, si deve dire: è indispensabile serrare le fila intorno a lui. L’unità del chavismo è una condizione per considerare la vittoria. Questa unità significa riconoscerne la leadership attuale. Il resto porta acqua ad un altro mulino, ed ora ce ne sono solo due.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia intercetta un SOS dalle coste nordcoreane. Un fallito sbarco dei Navy SEAL?

Infomaxx 31/05/2017Esperti militari russi sottolineano che la strategia statunitense basata sulle azioni dei Navy SEAL on della Corea democratica è fondamentalmente errata e può comportare conseguenze disastrose. Come già riportato da molti, il sottomarino nucleare degli Stati Uniti USS Michigan effettuava delle missioni segrete con la squadra d’assalto della portaerei USS Carl Vinson al largo delle coste della Corea. Come altri sottomarini della stessa classe, l’USS Michigan ha diversi dispositivi tecnici che consentono si trasportare e sbarcare 66 uomini delle forze speciali della Marina degli Stati Uniti.
L’USS Michigan era apparso nel porto sudcoreano di Busan dove, secondo fonti dell’intelligence cinese, era arrivato per le esercitazioni militari congiunte del Team 6 dei Navy SEAL degli Stati Uniti e la divisione della versione sudcoreana dei SEAL. Presumibilmente pianificavano un tentativo d’infiltrazione nel territorio della Corea democratica per liquidare fisicamente Kim Jong-Un e il suo entourage. La Marina degli Stati Uniti s’è rifiutata di commentare le azioni del Team 6 dei SEAL. Dei giornalisti notano che nel 2011 questa squadra fu direttamente coinvolta nell’eliminazione di Usama bin Ladin. L’US Navy ha rifiutato qualsiasi commento sul Team 6 riferendosi al fatto che di solito non pubblicizza la posizione dei sottomarini del Pentagono per via delle loro missione segrete. Tuttavia, secondo una fonte attendibile di News Front, collegata con il comando dell’Estremo Oriente russo, il Team 6 dei SEAL aderì a una missione di ricognizione nel territorio della Corea democratica. Tuttavia, fu rilevato da un cane di una pattuglia delle guardie di frontiera nordcoreane. Dopo una breve schermaglia, che causava perdite tra i soldati statunitensi, a seguito della violazione del silenzio radio, la richiesta d’evacuazione immediata fu intercettata dai russi.
Su richiesta di News Front di commentare queste informazioni, un funzionario del Pentagono ha detto che le forze speciali della Marina degli Stati Uniti non sono attualmente coinvolte e non hanno mai partecipato a tentativi di decapitazione e l’intercettazione radio russa non può essere né confermata né smentita. Tuttavia, negli ultimi anni, nella penisola coreana si accumulano forze militari, ed ogni giorno vi sono esercitazioni, tiri ed altre manovre. Sarebbe strano che non vi partecipino le truppe SEAL. Il secondo punto importante è l’USS Michigan. La presenza di questo straordinario sottomarino nella regione, naturalmente, aggiunge alla Marina degli Stati Uniti un elemento per azioni furtive, poco rivelabili, ma una scarsa potenza di fuoco rispetto alla potenza navale con due (ora tre) portaerei presso la Corea del Sud, che rientra nel raggio d’azione anche dei velivoli di stanza a Guam. Ciò suggerisce che il compito principale dell‘USS Michigan è sbarcare forze speciali. E ciò è allarmante perché, secondo i russi, le missioni SEAL nella Corea democratica sarebbero suicide e inaudite.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli USA tramano apertamente contro il Venezuela

Tony Cartalucci, LD, 24 maggio 2017I media statunitensi prestano sempre più attenzione alla crisi in Venezuela. Come i media statunitensi hanno fatto altrove, tentano di ritrarre la crisi come risultato di una dittatura corrotta che combatte contro un’opposizione “pro-democratica”. In realtà, è semplicemente la ripetizione del cambio di regime degli Stati Uniti diretto a rovesciare le istituzioni statali indipendenti del Venezuela e a sostituirle con istituzioni create da e per gli interessi speciali statunitensi. L’opposizione è costituita da partiti politici sostenuti dagli Stati Uniti e da fronti finanziati dagli Stati Uniti che rappresentano organizzazioni non governative (ONG), molte delle quali elencate sul sito web del National Endowment for Democracy (NED) del dipartimento di Stato USA. The Independent in un articolo del 2016 intitolato: “Il Venezuela accusa gli Stati Uniti di preparare il colpo di Stato mentre Washington avverte del ‘crollo imminente’” ammette: “…gli osservatori della regione sottolineano che gli Stati Uniti hanno una lunga storia di interferenze nella politica del Venezuela, così come altrove in America Latina. Oltre a sostenere coloro che arrestarono Chavez nel 2002, gli Stati Uniti hanno versato centinaia di migliaia di dollari ai suoi avversari attraverso la cosiddetta National Endowment for Democracy”. Per comprendere il ruolo effettivo degli USA nella crisi del Venezuela, bisogna leggere i documenti politici prodotti da organizzazioni chiamate “think tank” che ideano e promuovono la politica statunitense. La Brookings Institution è un think-tank politico finanziato da Fortune 500 ed occupato da politici che rappresentano le ambizioni collettive di alcuni dei più potenti interessi corporativo-finanziari del mondo come petrolio, difesa, monopoli agricoli, corporazioni farmaceutiche, interessi mediatici ed altro. Brookings e think tank simili redaggono regolarmente linee guida politiche e mediatiche diffuse da media occidentali, e leggi occidentali attraverso società di pubbliche relazioni e lobbisti. Nei centri di riflessione si concorda e promuove l’agenda reale dell’occidente. Un articolo recente sul sito della Brookings Institution, intitolato “Venezuela: un percorso fuori dalla crisi“, prevede un piano di cinque punti verso l’escalation della situazione già precaria del Venezuela:
1. Gli Stati Uniti potrebbero ampliare l’assistenza ai Paesi finora dipendenti dal petrolio venezuelano, per ridurre il sostegno regionale e la dipendenza dal governo Maduro.
2. Gli Stati Uniti potrebbero aumentare l’assistenza monetaria alle organizzazioni della società civile e alle organizzazioni non governative per fornire cibo e medicinali ai venezuelani. In questo modo gli Stati Uniti dovrebbero chiarire che la pressione internazionale mira a sostenere la democrazia, non a punire il popolo venezuelano.
3. Gli Stati Uniti potrebbero sostenere gli sforzi dell’opposizione in Venezuela per costruire un “vallo” che separi i moderati del governo dai duri, incoraggiando i primi ad accettare una transizione verso la democrazia riducendone i costi dell’uscita dal governo.
4. Gli Stati Uniti potrebbero coordinarsi con istituzioni internazionali come il Fondo monetario internazionale (FMI) per incentivare elezioni libere e giuste nel 2018 e spingere l’opposizione a unirsi per quelle elezioni. Tale coordinamento comporterebbe anche lo sviluppo e la pubblicizzazione di un piano credibile per riavviare l’economia del Venezuela.
5. Come ultima risorsa, gli Stati Uniti potrebbero considerare l’aumento dei costi economici del governo attraverso sanzioni volte a limitare i profitti dalle esportazioni di petrolio e bloccarne ulteriori finanziamenti. Questa politica è rischiosa, dato che il governo di Maduro rovescerebbe la colpa della crisi economica sugli Stati Uniti, e verrebbe accompagnato da sforzi ben pubblicizzati di aiuti umanitari attraverso società civile credibile ed organizzazioni non governative”. È la prescrizione per l’ulteriore isolamento economico, la sovversione politica finanziata dagli Stati Uniti e il suo riferimento a “una transizione verso la democrazia” è un richiamo obliquo al cambio di regime. I media statunitensi, in particolare le organizzazioni attive di destra, presentano la crisi economica del Venezuela causata principalmente da “socialismo” e corruzione. In realtà, fattori che impedirebbero la piena realizzazione del progresso economico del Venezuela sono aggravati intenzionalmente da sanzioni statunitensi, sabotaggio economico e sovversione politica per far precipitare la crisi socioeconomica e umanitaria attuale.
Il Venezuela non sarebbe la prima nazione di cui gli Stati Uniti cercano l’implosione economica in Sud America. L’Agenzia centrale d’intelligence statunitense (CIA) nei propri archivi on-line disponibili al pubblico, nella sezione intitolata “Attività CIA in Cile”, ammette: “Secondo la relazione del Comitato Church, il 15 settembre 1970 il presidente Nixon e il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Henry Kissinger, nella riunione con il direttore della CIA Richard Helms e il procuratore generale John Mitchell, ordinarono alla CIA d’impedire ad Allende di prendere il potere. Non erano “preoccupati dai rischi”, secondo le note di Helms. Oltre all’azione politica, Nixon e Kissinger, secondo le note di Helms, ordinarono i passi per “colpire l’economia”. Tali atteggiamenti da guerra fredda persistevano nell’era di Pinochet. Dopo che Pinochet salì al potere, i politici sembrarono riluttanti a criticarne le violazioni dei diritti umani, spingendo i diplomatici statunitensi a sollecitare maggiore attenzione al problema. L’assistenza e le vendite militari statunitensi aumentarono significativamente negli anni dei peggiori abusi dei diritti umani. Secondo un memorandum rilasciato in precedenza, Kissinger nel giugno 1976 indicò a Pinochet che il governo degli Stati Uniti era favorevole al suo regime, anche se raccomandò dei progressi sui diritti umani per migliorare l’immagine del Cile presso il Congresso statunitense”. Con la violenza che aumenta nelle strade del Venezuela e molte tattiche retoriche utilizzate per inscenare il cambio di regime violento e la catastrofe umanitaria come in Libia e in Siria utilizzati per rovesciare il governo di Caracas, il mondo deve guardare oltre la propaganda e denunciare tale aperta cospirazione contro un’altra nazione sovrana.
Il sistema politico del Venezuela va deciso dal popolo venezuelano, senza interferenze statunitensi. Un governo dominato dall’opposizione sostenuta dagli Stati Uniti farà del Venezuela un’estensione degli interessi corporativo-finanziari degli Stati Uniti, e non sarà l’alternativa o il controllo su essi. Ciò serve solo ad invocare ulteriori abusi da parte di tali interessi non solo in Sud America, ma nel mondo, per esempio Afghanistan, Siria, Iraq, Yemen, Libia ed Ucraina, dove ricchezza ed indebita influenza degli USA creano instabilità, conflitti e catastrofi.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora