Come gli Stati Uniti inondarono il mondo di Psyops

Robert Parry Consortium News 25 marzo 2017

Reagan con Rupert Murdoch, Charles Wick, Roy Cohn e Thomas Bolan

Documenti appena declassificati della biblioteca presidenziale di Reagan spiegano come il governo degli Stati Uniti abbia sviluppato sofisticate capacità per operazioni psicologiche che, negli ultimi tre decenni, hanno creato una realtà alternativa sia per le popolazioni dei Paesi presi di mira che per i cittadini statunitensi, una struttura che ha espanso l’influenza degli Stati Uniti all’estero e silenziato il dissenso interno. Walter Raymond Jr., specialista in propaganda e disinformazione della CIA, curò la “gestione della percezione” del presidente Reagan e i piani PSYOPS presso il Consiglio di Sicurezza Nazionale. I documenti rivelano la formazione di una burocrazia PSYOPS sotto la direzione di Walter Raymond Jr., specialista di operazioni segrete della CIA assegnato al personale del Consiglio di Sicurezza Nazionale del presidente Reagan, per aumentare l’importanza di propaganda e PSYOPS nel minare gli avversari degli Stati Uniti nel mondo e assicurare il sostegno pubblico alla politica estera e interna degli Stati Uniti. Raymond, paragonato a un personaggio di un romanzo di John LeCarré che passa facilmente inosservato, passò i suoi anni alla Casa Bianca di Reagan come oscuro burattinaio che fece del suo meglio per evitare l’attenzione del pubblico e, a quanto pare, neanche facendosi una foto. Delle decine di migliaia di fotografie di incontri alla Casa Bianca di Reagan, ne ho trovato solo una coppia mostrare Raymond seduto in gruppo e parzialmente nascosto da altri funzionari. Ma Raymond sembra aver capito la propria vera importanza. Nei dossier del NSC ho trovato lo scarabocchio di un organigramma con Raymond in alto tenere ciò che appaiono le fila utilizzate dai burattinai per controllare le marionette. Anche se è impossibile sapere esattamente ciò che tale Doodler avesse in mente, il disegno ritrae la realtà di un Raymond che dietro le tende operative controllava varie task force inter-agenzia responsabili della propaganda e della strategia PSYOPS.
Fino al 1980, PSYOPS era normalmente considerata una tecnica militare per minare la volontà del nemico diffondendo menzogne, confusione e terrore. Un caso classico fu il generale Edward Lansdale, considerato il padre delle moderne PSYOPS, che drenava il sangue dai cadaveri dei ribelli filippini, in modo che i compagni superstiziosi pensassero che un vampiro li cercasse come prede. In Vietnam, la squadra PSYOPS di Lansdale forniva previsioni astrologiche false e terribili sul destino dei leader nordvietnamiti e vietcong. In sostanza, l’idea PSYOPS era giocare sulle debolezze culturali di una popolazione presa di mira, in modo da poter essere più facilmente manipolata e controllata. Ma le sfide dell’amministrazione Reagan negli anni ’80 portarono a decidere che fossero necessarie anche le PSYOPS in tempo di pace e che le popolazioni bersaglio includessero quella statunitense. L’amministrazione Reagan era ossessionata dai problemi causati dalle divulgazioni degli anni ’70 sulle bugie del governo sulla guerra del Vietnam e le rivelazioni sugli abusi della CIA sia nel rovesciare governi democraticamente eletti che nel spiare i dissidenti statunitensi. La cosiddetta “sindrome del Vietnam” produsse un profondo scetticismo da parte dei cittadini statunitensi, così come nei giornalisti e politici, quando il presidente Reagan cercò di spacciare i suoi piani per intervenire nelle guerre civili, allora in corso in America centrale, Africa e altrove. Mentre Reagan vedeva l’America Centrale come “testa di ponte sovietica”, molti statunitensi videro i brutali oligarchi dell’America centrale e le loro forze di sicurezza sanguinarie massacrare preti, suore, sindacalisti, studenti, contadini e popolazioni indigene. Reagan e i suoi consiglieri capirono che dovevano trasformare quelle percezioni se speravano di ottenere i finanziamenti per sostenere i militari di El Salvador, Guatemala e Honduras, nonché i Contras del Nicaragua, la forza di predoni paramilitari organizzati dalla CIA contro il governo di sinistra del Nicaragua. Così, fu una priorità rimodellare la percezione pubblica per sostenere le operazioni militari del Centro America di Reagan sia nei Paesi presi di mira che tra gli statunitensi.

Una ‘PSYOP Totale’
Come il colonnello Alfred R. Paddock Jr. scrisse su un documento influente del novembre 1983, dal titolo “Le Operazioni Psicologiche militari e la strategia degli Stati Uniti”, “il previsto impiego delle comunicazioni per influenzare atteggiamenti o comportamenti dovrebbe, se usato correttamente, precedere, accompagnare e seguire tutte le operazioni belliche. In altre parole, le operazioni psicologiche sono un sistema d’armi dal ruolo importante in tempo di pace, nel conflitto a tutto spettro e durante il periodo successivo al conflitto”. Paddock continua, “Le operazioni psicologiche militari sono una parte importante delle ‘PSYOP Totali’, in pace e in guerra… Abbiamo bisogno di un programma di attività psicologiche integranti le nostre politiche e i programmi di sicurezza nazionale… La continuità di una commissione interagenzie permanente o un meccanismo di coordinamento necessario per lo sviluppo di una strategia coerente, in tutto il mondo le operazioni psicologiche, è assolutamente necessario”. Alcune note scritte da Raymond, di recente disponibili, mostrano un focus su El Salvador con l’attuazione di “ PSYOPS multimediali per tutta la nazione” attraverso raduni e media elettronici. “Radio e TV inoltre diffondono messaggi PSYOPS”, scriveva Raymond. La grafia ondulata di Raymond, spesso difficile da decifrare, nelle note chiariva che i programmi PSYOPS erano diretti anche contro Honduras, Guatemala e Perù. Un documento “top secret” declassificato da un dossier di Raymond, del 4 febbraio 1985, per il segretario della Difesa Caspar Weinberger, sollecitava l’attuazione piena della National Security Decision Directive 130 del presidente Reagan, firmata il 6 marzo 1984 e che autorizzava le PSYOPS in tempo di pace ampliandone oltre i limiti tradizionali dalle operazioni militari attive alle situazioni in tempo di pace in cui il governo degli Stati Uniti pretendeva vi fosse qualche minaccia agli interessi nazionali. “Questa approvazione fornì l’impulso per la ricostruzione della necessaria capacità strategica focalizzando l’attenzione sulle operazioni psicologiche quali strumenti nazionali, non solo militari, per garantire che le operazioni psicologiche siano pienamente coordinate con la diplomazia pubblica e le altre attività d’informazione internazionali”, affermava il documento per Weinberger. Tale maggiore impegno nelle PSYOPS portò alla creazione di un comitato per le operazioni psicologiche (POC), che doveva essere presieduto da un rappresentante del Consiglio di Sicurezza Nazionale di Reagan, con vicepresidente del Pentagono e rappresentanti di Central Intelligence Agency, dipartimento di Stato e US Information Agency.Questo gruppo avrà il compito di pianificare, coordinare e attuare operazioni psicologiche a sostegno delle politiche e degli interessi per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, secondo un “segreto” addendum a un memo del 25 marzo 1986 del col. Paddock, sostenitore delle PSYOPS divenuto direttore per le operazioni psicologiche dell’esercito degli Stati Uniti. “Il comitato sarà il centro del coordinamento tra le agenzie per dettagliare piani di emergenza per la gestione del patrimonio informativo nazionale durante la guerra, e per la transizione dalla pace alla guerra”, aggiungeva l’addendum. “Il POC deve cercare di assicurare che in tempo di guerra o durante le crisi (che possono essere definiti periodi di tensione acuta riguardanti una minaccia alla vita dei cittadini statunitensi o l’imminenza della guerra tra Stati Uniti e altre nazioni), gli elementi dell’informazione internazionale degli Stati Uniti sono pronti ad avviare procedure speciali per garantire coerenza politica, risposta tempestiva e rapida al pubblico destinatario”.

Prendendo forma
Il Comitato per le Operazioni Psicologiche assunse forma formale con un memo “segreto” del consigliere di Reagan per la Sicurezza Nazionale John Poindexter, il 31 luglio 1986. La sua prima riunione fu indetta il 2 settembre 1986 con un ordine del giorno concentrato sull’America Centrale e “Come altre agenzie possono sostenere il POC e completare i programmi del DoD in El Salvador, Guatemala, Honduras, Costa Rica e Panama”. Il POC ebbe anche il compito di ‘sviluppare le linee guida nazionali per le PSYOPS’ e ‘di formulare e attuare un programma PSYOPS nazionale’. Raymond venne nominato co-presidente del POC con l’agente della CIA Vincent Cannistraro, allora vicedirettore per i programmi d’Intelligence dello staff del NSC, secondo un appunto “segreto” del vicesottosegretario alla Difesa Craig Alderman Jr. Il promemoria notava anche che le future riunioni POC riguardavano i piani PSYOPS per le Filippine e il Nicaragua, con quest’ultimo dal nome in codice “Niagara Falls”. Il memo faceva riferimento anche a un “Progetto Touchstone”, ma non è chiaro a cosa puntasse tale programma PSYOPS. Un altro memo “segreto” del 1° ottobre 1986, con co-autore Raymond, riferiva del primo incontro del POC, il 10 settembre 1986, e osservava che “Il POC, ad ogni riunione, si concentrerà su un’area d’operazioni (ad esempio, America centrale, Afghanistan, Filippine)”. Il secondo incontro del POC, il 24 ottobre 1986, si concentrava sulle Filippine, secondo un appunto del 4 novembre 1986, sempre co-autore Raymond. “Il prossimo passo sarà un contorno ben elaborato per un piano PSYOPS che invieremo all’ambasciata per un commento”, affermava il memo. Il piano “in gran parte si focalizzava su una serie di azioni civiche di sostegno allo sforzo complessivo per sconfiggere l’insurrezione”, osservava un addendum. “V’è notevole preoccupazione sulla sensibilità di qualsiasi programma PSYOPS, data la situazione politica nelle Filippine di oggi”. In precedenza, nel 1986, nelle Filippine vi fu la cosiddetta “People Power Revolution”, che scacciò il vecchio dittatore Ferdinand Marcos, e l’amministrazione Reagan, che tardivamente tolse il sostegno a Marcos, cercava di stabilizzare la situazione politica per evitare che ulteriori elementi populisti avessero il sopravvento. Ma l’attenzione primaria dell’amministrazione Reagan continuava a volgersi all’America Centrale, come il “Piano Niagara Falls”, il programma PSYOPS contro il Nicaragua. Un appunto “segreto” del vicesottosegretario assistente del Pentagono del 20 novembre 1986, illustrava il lavoro del 4.to Gruppo per le operazioni psicologiche per tale piano “per la democratizzazione del Nicaragua”, con cui l’amministrazione Reagan intendeva “cambio di regime”. I dettagli precisi del ‘Piano Niagara Falls’ non furono divulgati dai documenti declassificati, ma la scelta del nome in codice suggerisce una cascata di PSYOPS. Altri documenti dei dossier NSC di Raymond illuminano sugli altri operatori chiave nelle PSYOPS e nei programmi di propaganda. Per esempio, in note non datate su sforzi per influenzare l’Internazionale socialista, per assicurare il supporto alla politica estera degli Stati Uniti da parte dei partiti socialisti e socialdemocratici in Europa, Raymond citava gli sforzi di “Ledeen e Gershman”, riferendosi agli operativi neoconservatori Michael Ledeen e Carl Gershman, altro neocon e presidente della National Endowment for Democracy (NED) finanziato dal governo degli Stati Uniti dal 1983 ad oggi. Anche se il NED è tecnicamente indipendente dal governo degli Stati Uniti, riceve la maggior parte del finanziamento (circa 100 milioni di dollari all’anno) dal Congresso. I documenti dagli archivi Reagan chiariscono che il NED fu organizzato per sostituire alcune operazioni segrete politiche e di propaganda della CIA, caduta in disgrazia negli anni ’70. All’inizio dai documenti del dossier di Raymond indicano il direttore della CIA William Casey spingere per la creazione del NED e Raymond, uomo di Casey nel NSC, consigliava e guidava spesso Gershman (La mano invisibile della CIA nei gruppi per la ‘democrazia’). Un’altra figura della costellazione di Raymond per la propaganda era il magnate dei media Rupert Murdoch, visto sia quale alleato politico fondamentale del presidente Reagan che come preziosa fonte di finanziamento per i gruppi privati che si coordinavano con le operazioni di propaganda della Casa Bianca. (“Rupert Murdoch: recluta la propaganda“) In una lettera del 1° novembre 1985 a Raymond, Charles R. Tanguy dei “Comitati per una Comunità delle Democrazie – Stati Uniti d’America” chiese a Raymond d’intervenire per garantire i finanziamenti di Murdoch al gruppo. “Vi saremo grati… se potesse trovare il tempo per telefonare a Murdoch e incoraggiarlo a darci una risposta positiva”, dice la lettera. Un altro documento, intitolato “Progetto Rafforzamento della Verità”, descrive come 24 milioni di dollari sarebbero stati spesi per potenziare le infrastrutture delle telecomunicazioni del “Progetto Rafforzamento della Verità”, permettendo una capacità tecnica dei media più efficiente e produttiva per le principali iniziative politiche del governo USA, come Democrazia Politica”. Il Piano Verità era il nome generale di un’operazione di propaganda dell’amministrazione Reagan. Per il mondo il programma fu classificato “diplomazia pubblica”, ma gli addetti ai lavori dell’amministrazione la chiamavano privatamente “gestione della percezione”. (La vittoria della gestione della percezione).

Ed Meese, Bill Casey, Ronald Reagan

I primi anni
La priorità originale del “Progetto Verità” era ripulire l’immagine del Guatemala, delle forze di sicurezza salvadoregne e dei Contras del Nicaragua, guidati da ex-ufficiali della Guardia Nazionale del deposto dittatore Anastasio Somoza. Per garantirsi il finanziamento militare costante a tali famigerate forze, la squadra di Reagan sapeva che doveva disinnescare la pubblicità negativa e in qualche modo avere il sostegno del popolo statunitense. In un primo momento, lo sforzo si concentrò su come estirpare i giornalisti statunitensi che scoprirono i fatti che minavano l’immagine pubblica desiderata. Nell’ambito di tale sforzo, l’amministrazione denunciò il corrispondente del New York Times Raymond Bonner per aver rivelato il massacro del regime salvadoregno di circa 800 uomini, donne e bambini del villaggio di El Mozote, nel nord-est di El Salvador, nel dicembre 1981. Accuracy in Media e organi d’informazione conservatori, come ad esempio la pagina editoriale del Wall Street Journal, si unirono al linciaggio di Bonner che fu ben presto licenziato. Ma tali sforzi furono in gran parte ad hoc e disorganizzati. Il direttore della CIA Casey, per anni nel mondo intrecciato tra business e intelligence, ebbe contatti importanti per creare una rete di propaganda sistemica. Riconobbe il valore dell’uso gruppi stabili noti per aver sostenuto i “diritti umani”, come Freedom House. Un documento dalla libreria Reagan mostra l’alto funzionario di Freedom House Leo Cherne, stendere un piano sulle condizioni politiche in El Salvador per Casey e promettere che Freedom House avrebbe richiesto “correzioni e cambiamenti” editoriali, perfino inviando il redattore per consultazione con chiunque Casey avrebbe assegnato alla revisione dei documenti. In una lettera al “Caro Bill” datata 24 giugno 1981, Cherne, presidente del comitato esecutivo di Freedom House, scrisse: “Sto allegando copia del progetto del manoscritto di Bruce McColm, specialista di Freedom House su America centrale e Caraibi. Questo manoscritto su El Salvador era quello di cui aveva esortato la preparazione e nella fretta di stenderlo il più rapidamente possibile appare abbastanza agitato. Lei aveva detto che venisse verificato con una precisione meticolosa dal governo e questo sarebbe molto utile…. Se ci sono domande sul manoscritto di McColm, suggerisco che chiunque vi lavori contatti Richard Salzmann presso l’Istituto di Ricerca (un’organizzazione in cui Cherne era direttore esecutivo). Era caporedattore presso l’Istituto e presidente del Comitato Salvador di Freedom House. Faccia in modo che correzioni e cambiamenti arrivino a Rita Freedman che lavora con lui. Se v’è un beneficio per Salzmann nel recarsi in qualsiasi momento per parlare con questa persona, è disponibile a farlo”. Nel 1982, Casey radunò alcuni potenti ideologi di destra per finanziare il piano “gestione della percezione”, sia con denaro che con i media. Richard Mellon Scaife era il rampollo della famiglia di banchieri, petrolieri e dell’alluminio Mellon che finanziò una serie di fondazioni di destra della famiglia, come Sarah Scaife e Cartagine, che finanziavano giornalisti e gruppi di riflessione di destra. Scaife pubblicava anche The Tribune Review di Pittsburgh, Pennsylvania. Un’operazione completa di “diplomazia pubblica” prese forma nel 1982, quando Raymond, un veterano con 30 anni di servizi clandestini della CIA, fu trasferito al NSC. Raymond divenne il centro della potente rete di propaganda, secondo una bozza inedita del comitato d’indagine del Congresso sull’Iran-Contra, che fu soppresso nell’ambito della transazione che permise a tre senatori repubblicani moderati di firmare la relazione finale e dare all’inchiesta una patina di bipartitismo. Anche se la bozza non indica Raymond nelle pagine iniziali, a quanto pare alcune informazioni provenivano da deposizioni classificate, il nome di Raymond apparve oltre nella bozza e le citazioni precedenti combaciano con il ruolo noto di Raymond. Secondo la bozza di relazione, l’ufficiale della CIA reclutato per lavorare nel NSC fu direttore delle personale della CIA per le operazioni coperte nel 1978-1982, ed era uno “specialista di propaganda e disinformazione”. “Il funzionario della CIA (Raymond) discusse del trasferimento con (il direttore della CIA) Casey e il consigliere del NSC William Clark, affinché fosse assegnato al NSC come successore di (Donald) Gregg (in qualità di coordinatore delle operazioni d’intelligence, nel giugno 1982) e ricevette l’approvazione per il coinvolgimento nella creazione del programma di diplomazia pubblica, insieme ai compiti d’intelligence”, afferma la bozza. Gregg era un altro alto funzionario della CIA assegnato al NSC prima di diventare consigliere per la sicurezza nazionale del vicepresidente George HW Bush. “Nella prima parte del 1983, i documenti ottenuti dal Comitato Scelto (Iran-Contra) indicano che il direttore del personale dell’intelligence del NSC (Raymond) raccomandava con successo la creazione di una rete inter-governativa per la promozione e la gestione del piano di diplomazia pubblica, volto a creare sostegno alla politica dell’amministrazione Reagan in patria e all’estero”.

Guerra di idee
Durante la sua deposizione Iran-Contra, Raymond spiegò la necessità di questa struttura di propaganda, dicendo: “Non venne configurata in modo efficace per affrontare la guerra di idee”. Una delle ragioni di tale carenza fu che la legge federale proibiva che i soldi dei contribuenti venissero spesi per la propaganda interna o il lobbying per fare pressione sui rappresentanti del Congresso. Naturalmente, ogni presidente e suo team hanno grandi risorse per convincere il pubblico, ma per tradizione e legge si limitavano a discorsi, testimonianze e persuasione di ognuno dei legislatori. Ma il presidente Reagan vide la “sindrome del Vietnam” del pubblico statunitense come ostacolo alla sua politica aggressiva. Insieme a un’organizzazione governativa di Raymond, c’erano gruppi esterni desiderosi di cooperare e incassare. Tornando a Freedom House, Cherne ed i suoi soci erano a caccia di finanziamenti. In una lettera del 9 agosto 1982 a Raymond, il direttore esecutivo di Freedom House Leonard R. Sussman scrisse che “Leo Cherne mi ha chiesto d’inviare queste copie di Freedom Appeals. Probabilmente ha detto che abbiamo dovuto ridurre questo progetto per soddisfare le realtà finanziarie…, naturalmente, vorremmo espandere il progetto, ancora una volta, quando, come e se i fondi saranno disponibili. Propaggini del progetto appaiono in giornali, riviste, libri e servizi di radiodiffusione qui e all’estero. È un significativo canale unico di comunicazione”, proprio il centro del lavoro di Raymond. Il 4 novembre 1982, Raymond, dopo il trasferimento dalla CIA allo staff del NSC, ma quando era ancora ufficiale della CIA, scrisse al consigliere del NSC Clark sull’“Iniziativa Democrazia e i programmi informativi”, affermando che “Bill Casey mi ha chiesto di passare il seguente pensiero sul vostro incontro con (il miliardario di destra) Dick Scaife, Dave Abshire (allora membro del Foreign intelligence Advisory Board del presidente), e Co. Casey pranzò con loro oggi e discussero la necessità di muoversi nell’area generale per sostenere i nostri amici in tutto il mondo. Tale definizione comprende sia la ‘costruzione democrazia’… che rinvigorire i programmi dei media internazionali. Il DCI (Casey) si preoccupa anche del rafforzamento delle organizzazioni d’informazione del pubblico negli Stati Uniti, come Freedom House… Un pezzo fondamentale del puzzle è un serio sforzo per raccogliere fondi privati per generare slancio. Parlando di Scaife e Co. Casey suggerisce che sarebbero molto disposti a collaborare… Suggeriscono di far notare l’interesse della Casa Bianca nel sostegno privato all’Iniziativa Democrazia”. L’importante nell’organizzare segretamente fondi privati per la CIA e la Casa Bianca era che tali voci apparentemente indipendenti avrebbero rafforzato e convalidato gli argomenti in politica estera dell’amministrazione, con un pubblico che ritenesse che tali decisioni si basavano sul merito delle posizioni della Casa Bianca, e non sull’influenza dei soldi che cambiavano di mano. Come i venditori di olio di serpente che piazzavano complici tra la folla per suscitare entusiasmo nella panacea, i propagandisti dell’amministrazione Reagan assunsero alcuni ben pagati “privati”, nei pressi di Washington, per riprendere i “temi” della propaganda della Casa Bianca. Il ruolo della CIA in tali iniziative fu nascosto, ma non fu mai lontano dalla superficie. Una nota del 2 dicembre 1982 indirizzata a “Bud”, riferimento all’alto funzionario del NSC Robert “Bud” McFarlane, descriveva una richiesta di Raymond per un breve incontro. “Quando (Raymond) tornò da Langley (quartier generale della CIA), aveva una lettera di proposta… per il Progetto Democrazia da 100 milioni di dollari”, affermava la nota. Mentre Casey tirava le fila di tale progetto, il direttore della CIA incaricò i funzionari della Casa Bianca di nascondere la mano della CIA. “Ovviamente ci siamo (della CIA),ma non dovremmo apparire nello sviluppo di tale organizzazione, né sembrarne sponsor o sostenitori”, scriveva Casey in una lettera non datata per l’allora consigliere della Casa Bianca Edwin Meese III, mentre Casey sollecitava la creazione di un “Fondo nazionale” (National Endowment). Ma la formazione del National Endowment for Democracy, con le sue centinaia di milioni di dollari del governo degli Stati Uniti, richiese ancora mesi. Nel frattempo, l’amministrazione Reagan avrebbe dovuto radunare dei donatori privati per far avanzare la propria propaganda. “Svilupperemo uno scenario per ricevere finanziamenti privati” scrisse il consigliere del NSC Clark a Reagan in un appunto del 13 gennaio 1983, aggiungendo che il direttore dell’US Information AgencyCharlie Wick si è offerto di prendere l’iniziativa. Potremmo dovervi richiamare per incontrare un gruppo di potenziali donatori”. Nonostante il successo di Casey e Raymond nell’arruolare ricchi conservatori per i finanziamenti privati delle operazioni di propaganda, Raymond era preoccupato che lo scandalo potesse scoppiare sul coinvolgimento della CIA. Raymond si dimise formalmente dalla CIA nell’aprile 1983 così, disse, “non ci sarebbe alcun dubbio su una qualsiasi contaminazione”. Ma Raymond continuò ad agire verso il pubblico degli Stati Uniti similmente a un ufficiale della CIA che dirigeva un’operazione di propaganda in un Paese straniero ostile. Raymond si agitò anche sulla legittimità del ruolo continuo di Casey. Raymond confidò in una nota che era importante “escludere (Casey) dal giro”, ma Casey non fece mai marcia indietro e Raymond continuò ad inviare relazioni al suo vecchio capo fino al 1986. Fu “il genere di cose che (Casey) aveva ampio interesse da cattolico”, Raymond alzò le spalle durante la deposizione Iran-Contra, e poi avanzò la scusa che Casey avesse intrapreso tale interferenza chiaramente illegale in politica interna “non tanto in quanto capo della CIA, ma come capo-consigliere del presidente”.

Propaganda in tempo di pace
Nel frattempo, Reagan iniziò a porre l’autorità formale su tale inaudita burocrazia propagandistica in tempo di pace. Il 14 gennaio 1983, Reagan firmò la National Security Decision Directive 77, dal titolo “Gestione della diplomazia pubblica relativa alla sicurezza nazionale”. Nella NSDD-77, Reagan riteneva “necessario rafforzare organizzazione, pianificazione e coordinamento dei vari aspetti della diplomazia pubblica del governo degli Stati Uniti”. Reagan ordinò la creazione di un gruppo di pianificazione speciale nel Consiglio di Sicurezza Nazionale per dirigere queste campagne di “diplomazia pubblica”. Il gruppo di progettazione sarebbe stato diretto da Walter Raymond e uno dei suoi avamposti principali sarebbe stato il nuovo Ufficio di Diplomazia Pubblica per l’America Latina, presso il Dipartimento di Stato, ma controllato dal NSC. (Uno dei direttori dell’ufficio diplomazia pubblica latino-americano fu il neoconservatore Robert Kagan, che più tardi avrebbe co-guidato il Progetto per il Nuovo Secolo Americano, nel 1998, divenendo il primo promotore dell’invasione dell’Iraq presso il presidente George W. Bush, nel 2003). Il 20 maggio 1983, Raymond raccontò in una nota che 400000 dollari furono raccolti dai donatori privati presso la Situation Room della Casa Bianca dal direttore dell’US Information Agency Charles Wick. Secondo tale nota, il denaro fu diviso tra le diverse organizzazioni, come Freedom House e Accuracy in Media, un’aggressiva organizzazione mediatica di destra. Quando scrissi di quella nota nel mio libro del 1992, Ingannare l’America, Freedom House negò di aver ricevuto denaro dalla Casa Bianca o di collaborare con qualsiasi campagna propagandistica di CIA/NSC. In una lettera di Freedom House, Sussman chiamò Raymond “fonte di seconda mano” e insisté che “questa organizzazione non ha bisogno di alcun finanziamento speciale per prendere posizioni… su tutte le questioni di politica estera”. Ma non aveva senso che Raymond mentisse ad un superiore in un memorandum interno. Chiaramente, Freedom House era al centro dei piani dell’amministrazione Reagan per aiutare i gruppi di sostegno alle sue politiche in America Centrale, in particolare la guerra dei Contra organizzata dalla CIA contro il regime sandinista in Nicaragua. Inoltre, i documenti della Casa Bianca rilasciati in seguito rivelavano che Freedom House continuava ad aver la sua parte nei finanziamenti. Il 15 settembre 1984, Bruce McColm, scrivendo dal Centro Studi Caraibi e America Centrale della Freedom House, inviò a Raymond “una breve proposta di progetto sul Nicaragua del Centro per il 1984-1985. Il progetto combina elementi della proposta di storia orale con la pubblicazione di documenti sul Nicaragua”, un libro che doveva screditare l’ideologia e le pratiche dei sandinisti. “Mantenere la parte della storia orale del progetto aumenta i costi complessivi; ma le discussioni preliminari con i registi mi hanno dato l’idea che un improprio documentario potrebbe essere girato sulla base di questi materiali”, scrisse McColm, riferendosi ad un film del 1984 che criticava ferocemente la Cuba di Fidel Castro. “Un film del genere avrebbe dovuto essere il lavoro di un rispettato regista latinoamericano o europeo. I film statunitensi sull’America Centrale sono semplicemente ideologicamente rozzi ed artisticamente scarsi”. Nella lettera di tre pagine di McColm si legge qualcosa di molto simile a un passo di un libro o film, cercando d’interessare Raymond nel finanziamento del progetto: “I Quaderni del Nicaragua saranno anche facilmente accessibili al lettore comune, al giornalista, opinionista, al mondo accademico e simili. Il libro sarà distribuito equamente in generale in questi settori e sono sicuro che sarà estremamente utile. Già costituiscono una forma di samizdat della Freedom House, dato che li distribuisco ai giornalisti negli ultimi due anni, mentre lo ricevo da nicaraguensi scontenti”. McColm propose un faccia a faccia con Raymond a Washington e allegò una proposta di sei pagine per la concessione di 134100 dollari. In base alla proposta, il progetto doveva includere “la distribuzione gratuita ai membri del Congresso e ai principali funzionari pubblici; distribuzione nelle gallerie, prima della pubblicazione, per la massima pubblicità e recensioni tempestive su giornali e riviste di attualità; conferenze stampa della Freedom House a New York e presso il National Press Club di Washington DC; articolo da fare circolare in più di 100 giornali…; distribuzione di un’edizione in spagnolo nelle organizzazioni ispaniche negli Stati Uniti e in America Latina; disposizione della distribuzione in Europa attraverso i contatti della Freedom House”. I documenti che ho trovato nella biblioteca Reagan non indicano cosa poi successe a questa specifica proposta. McColm non rispose ad una richiesta via e-mail di commento in merito al piano sui documenti nicaraguensi o la precedente lettera di Cherne (morto nel 1999) a Casey sulla modifica del manoscritto di McComb. Freedom House fu il principale critico del governo sandinista del Nicaragua e divenne anche uno dei maggiori destinatari del denaro del National Endowment for Democracy finanziato degli Stati Uniti, fondato nel 1983 sotto l’egida del piano Casey-Raymond.
Gli ultimi documenti resi pubblici, declassificati tra il 2013 e il 2017, mostrano come questi sforzi Casey-Raymond si fusero creando una formale burocrazia PSYOP nel 1986, sempre sotto il controllo operativo di Raymond nel NSC. La combinazione dei programmi di propaganda e PSYOP sottolinea la potenza che il governo degli Stati Uniti, sviluppato più di tre decenni fa, nel diffondere notizie tendenziose, distorte o false. (Casey è morto nel 1987; Raymond nel 2003). Nel corso di questi decenni, anche se la Casa Bianca è passata da repubblicani ai democratici e dai repubblicani ai democratici, lo slancio creato da William Casey e Walter Raymond ha continuato a perpetrare tali strategie di “gestione delle percezione/PSYOPS”. Negli ultimi anni, la formulazione è cambiata, lasciando il posto ad eufemismi più piacevoli come “smart power” e “comunicazioni strategiche” ma l’idea è sempre la stessa: come utilizzare la propaganda per spacciare la politica del governo degli Stati Uniti all’estero e in patria.

Reagan, Charles Wick, Stephen Rhinesmith, Don Regan, John Poindexter, George Bush, Jack Matlock e Walter Raymond

Il giornalista investigativo Robert Parry rivelò l’Iran-Contra presso The Associated Press e Newsweek negli anni ’80. È possibile acquistare il suo ultimo libro America’s Stolen Narrative qui e presso Barnes and Noble.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

ONG: Organizzazione Non Grata

Ahmed Bensaada, Mondialisation, 8 giugno 2016colour_revolution1Dato il grande successo delle rivoluzioni colorate negli anni 2000 in diversi Paesi in Europa orientale o repubbliche ex-sovietiche, sono state identificate le missioni politiche di molte ONG (Organizzazioni Non Governative) [1]. Sotto il falso pretesto di esportare democrazia, diritti umani e libertà di espressione, tali organizzazioni, in sostanza delle GO (organizzazioni governative), seguono gli ordini degli strateghi della politica estera dei Paesi occidentali. In quest’ambito, il premio va sicuramente agli Stati Uniti per l’elevata potenza assoluta, difficile da eguagliare. In effetti, il Paese dello Zio Sam ha un’ampia gamma di organizzazioni politiche e di beneficenza specializzate nella destabilizzazione non violenta dei Paesi considerati “non-friendly” o “non-vassalli”. Tali organizzazioni hanno quadri politici prescelti, risorse materiali colossali e finanziamenti regolari. Agendo metodicamente, le tecniche utilizzate sono estremamente efficaci soprattutto contro Paesi autocratici o con gravi problemi socio-economici. [2] Le agenzie d’esportazione della democrazia più note sono USAID (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale), NED (National Endowment for Democracy), IRI (International Republican Institute), NDI (National Democratic Institute), Freedom House e OSI (Open Society Institute). Tranne l’ultima, tali organizzazioni sono finanziate dal governo degli Stati Uniti. L’OSI, nel frattempo, fa parte della Fondazione Soros, dal nome del fondatore George Soros, miliardario e illustre speculatore finanziario statunitense. Inutile dire che Soros e la sua fondazione collaborano con il dipartimento di Stato degli Stati Uniti per la “promozione della democrazia”. E la lista delle conquiste è eloquente: Serbia (2000), Georgia (2003), Ucraina (2004), Kirghizistan (2005) [3] e Libano (2005) [4]. Nonostante certi gravi errori, Venezuela (2007) e Iran (2009), il successo è stato ancora una volta raggiunto con l’impropriamente denominata “primavera” araba (2011). Il coinvolgimento delle agenzie degli Stati Uniti nell'”esportare” la democrazia è stata chiaramente dimostrata nelle rivolte che hanno scosso i Paesi arabi “prioritari”, Tunisia ed Egitto, e quelli con una guerra civile ancora in corso, Libia, Siria e Yemen. [5] L’efficienza relativa con cui furono destabilizzati e l’apparente spontaneità riflettono il ruolo di cavallo di Troia di tali “ONG”, sostenute da una rete di attivisti indigeni adeguatamente addestrati da enti specializzati. [6] Per evitare l’effetto dannoso di tali cambiamenti, molti Paesi hanno vietato tali organizzazioni sul loro suolo, per profilassi o cura. Così, l’8 febbraio 2012, quasi un anno dopo la caduta del presidente Mubaraq, il giornali di tutto il mondo parlavano di nuovo di Cairo: “Egitto: la magistratura accusa le ONG di attività ‘politica’ illegale” [7] dicendo: “Queste tensioni sono il risultato delle indagini in 17 sedi di ONG egiziane e internazionali, il 29 dicembre. Tra cui le organizzazioni statunitensi National Democratic Institute (NDI), International Republican Institute (IRI) e Freedom House“. 43 dipendenti egiziani e stranieri delle organizzazioni non governative in Egitto furono accusati di ricevere finanziamenti stranieri illegali e d’interferire negli affari politici del Paese. Tra di loro c’era Sam LaHood, capo della sezione egiziana dell’International Republican Institute (IRI) e figlio del ministro dei Trasporti degli Stati Uniti Ray LaHood. [8] Dal 2014, le ONG che lavorano in Egitto sono tenute a registrarsi presso le autorità, o rischiano il sequestro delle proprietà o un procedimento. D’altra parte, le autorità devono approvare qualsiasi finanziamento dall’estero. [9]
Student-for-liberties Oltre l’Egitto, alcuni Paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) hanno leggi che vietano o rafforzano il controllo sulle ONG sul loro territorio. La Russia, che non fu risparmiata dai tentativi di rivoluzioni colorate, ha legiferato in questo senso. Nel 2012, il Presidente russo Vladimir Putin firmava una legge che definisce le ONG che ricevono finanziamenti esteri, “agenti stranieri”. [10] L’USAID ne fu particolarmente colpita: è bandita da Mosca dal 1° ottobre 2012 per “interferenze nella vita politica russa” [11]. L’elenco delle ONG “indesiderabili” in Russia è aumentato nel 2015. Tra queste vi sono NED, NDI, IRI, Freedom House e OSI di Soros [12]. La giornalista Julia Famularo si chiede se le autorità russe e cinesi collaborano nella lotta alle ONG “tossiche”. Ancora, la Commissione per la Sicurezza Nazionale cinese (NSC) ha iniziato ufficialmente ad indagare nel 2014 [13]. Infine, come la Russia, la Cina ha recentemente legiferato su questo tema. Dal 1° gennaio 2017, le ONG straniere saranno costrette a registrarsi presso il Ministero della Pubblica Sicurezza e a permettere alla polizia di controllare le loro attività e finanze. Il New York Times osserva che organizzazioni come NED e OSI sono particolarmente prese di mira dalla nuova normativa. [14] E’ chiaro che le manifestazioni che hanno scosso Hong Kong nel 2014, chiamate “rivoluzione degli ombrelli”, non sono estranee all’indurimento legale cinese sulle attività delle ONG. Infatti, è dimostrato che NED, Freedom House e NDI siano pesantemente coinvolte in quelle manifestazioni. [15] Da parte sua, l’India ha anche tirato fuori gli artigli contro le ONG straniere. Nel 2015, il governo del Primo ministro Narendra Modi annullava la licenza a non meno 9000 di esse e i fondi da donatori esteri sono stati significativamente limitati.[16] Il Brasile dovrebbe essere cauto: le proteste contro la presidentessa Dilma Rousseff e il suo licenziamento hanno l’aria di una “rivoluzione colorata”, come ha spiegato l’esperta in questioni di latinoamericane e brasiliane Micheline Ladouceur [17]. Non c’è solo la Russia ad aver avuto problemi con l’USAID. Si noti che una risoluzione dei Paesi dell’ALBA (Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra America), che richiede l’immediata espulsione dell’USAID dai Paesi membri dell’Alleanza, fu firmata nel giugno 2012. I firmatari erano Bolivia, Cuba, Ecuador, Dominica, Nicaragua e Venezuela. [18] Tra i Paesi arabi, gli Emirati Arabi Uniti (EAU) nel 2012 chiusero le attività di diverse ONG straniere, tra cui il NDI [19]. Nel gennaio 2016 il Premier giordano Zaqaria al-Shayq chiese alla camera bassa del Parlamento della Giordania di porre fine alle attività di tale organizzazione, sostenendo che “è un pericolo per la sicurezza nazionale“. [20] Va da sé che il bilancio fatale della sanguinosa e disastrosa “primavera” araba certamente comporterà un giro di vite contro le ONG “tossiche”, che in realtà non sono né “non governative” né caritatevoli. Passando dallo stato specioso di “organizzazioni non governative” a quello più salutare di “organizzazioni non grate”.

Il premier Zaqaria al-Shayq: la NDI è un pericolo per la sicurezza pubblica araba (31 gennaio 2016) (Il mio libro “Arabesque Américaine” è citato al 10° minuto)

Riferimenti
1. G. Sussman et S. Krader, “Template Revolutions: Marketing U.S. Regime Change in Eastern Europe”, Westminster Papers in Communication and Culture, University of Westminster, London, vol. 5, n° 3, 2008, p. 91-112
2. Ahmed Bensaada, “Arabesque$: Enquête sur le rôle des États-Unis dans les révoltes arabes”, Éditions Investig’Action, Bruxelles, 2015, chap. 2
3. Ibid., chap. 1
4. Ahmed Bensaada, “Liban 2005-2015: d’une révolution colorée à l’autre”, Afrique Asie, Ottobre 2015, pp. 50-58
5. Ahmed Bensaada, “Arabesque$: Enquête sur le rôle des États-Unis dans les révoltes arabes”, Op. Cit., chap. 5 et 6
6. Ibid., chap. 1 et 3
7. AFP, “Egypte: la justice accuse des ONG d’activités “politiques” illégales”, Le Point.fr, 8 febbraio 2012
8. AFP, “Égypte: début du procès de membres d’ONG égyptiennes et étrangères”, L’Express, 26 febbraio 2012
9. France 24, “Le pouvoir égyptien renforce son contrôle sur les ONG”, 10 novembre 2014
10. AFP, “Russie : les ONG “agents de l’étranger” selon une loi signée par Vladimir Poutine”, Le Huffington Post, 21 luglio 2012
11. AFP, “USAID interdite en Russie”, La Presse, 19 settembre 2012
12. RIA Novosti, “Soros and MacArthur Foundations among 12 NGOs in “patriotic stop list””, Meduza, 8 luglio 2015
13. Julia Famularo, “The China-Russia NGO Crackdown”, The Diplomat, 23 febbraio 2015
14. Edward Wong, “Clampdown in China Restricts 7,000 Foreign Organizations”, The New York Times, 28 aprile 2016
15. Ahmed Bensaada, “Hong Kong : un virus sous le parapluie”, Reporters, 14 ottobre 2014
16. Pierre Cochez, “Bras de fer entre le gouvernement indien et les ONG”, La Croix, 7 luglio 2015
17. Micheline Ladouceur, ““Révolution de couleur” à la brésilienne. Qui a peur de Dilma?”, Mondialisation.ca, 19 marzo 2016
18. ALBA-TCP, “ALBA Expels USAID from Member Countries”, Venezuela Analysis, 22 giugno 2012
19. Samir Salama, “German, US institutes in UAE closed”, Gulf News, 5 aprile 2012
20. Ammon News, “Le député Al-Cheikh : le NDI représente un danger pour la sécurité nationale”, 31 gennaio 2016image7027Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Radici ideologiche del CICAP

Alessandro Lattanzio, 21/3/2015

Gli scienziati spesso vedono i difetti dei loro paradigmi solo dopo che sono crollati
Thomas Kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche

Anche i paladini della scienza perseguono una loro agenda geopolitca: in giallo e verde i 'buoni' secondo gli 'umanisti', in rosso e nero gli altri.

Anche i paladini della scienza perseguono una loro agenda geopolitica: in giallo i ‘buoni’ secondo l’International Humanist and Ethical Union, in rosso e nero gli altri.

Il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) fu creato il 9 ottobre 1988, in un incontro a Torino tra gli abbonati italiani alla rivista del Committee for Skeptical Inquiry, in cui furono definiti gli obiettivi dell’associazione, poi formalizzata il 12 giugno 1989. Aderiscono al CICAP Umberto Eco, Carlo Rubbia, Umberto Veronesi, Piero Angela, Piergiorgio Odifreddi, il mago Silvan, Roberto Vacca e il noto debunker Paolo Attivissimo. Il CICAP quindi è il ramo italiano del Committee for Skeptical Inquiry (CSI), in precedenza noto come Committee for the Scientific Investigation of Claims of the Paranormal (Comitato per l’Indagine Scientifica sulle Affermazioni sul Paranormale) o CSICOP, fondata il 1° maggio 1976 dal filosofo Paul Kurtz, nell’ambito di una conferenza dell’American Humanist Association (AHA) nel campus della State University of New York. Oltre Kurtz tra i fondatori del CSI vi furono Marcello Truzzi, Carl Sagan, Isaac Asimov e Philip J. Klass (vedi sotto). CSI aderisce all’Unione Internazionale Etico-Umanistica ed approva la Dichiarazione di Amsterdam sui principi del moderno umanesimo. A sua volta l’Unione internazionale etico-umanistica (International Humanist and Ethical Union o IHEU), fondata nel 1952 e con sede a Londra, è un’organizzazione internazionale che riunirebbe umanisti, atei, agnostici, razionalisti, “liberi pensatori”, laici, scettici, singoli o associazioni presenti in 40 Paesi. Tra i fondatori dell’IHEU, e suo primo presidente, vi fu sir Julian Sorell Huxley, che fu anche il primo direttore dell’UNESCO. L’IHEU si batte per un mondo in cui i diritti umani e civili delle minoranze siano rispettati e ciascuno sia libero di vivere una vita degna.

Bernhard van Lippe-Biesterfeld

Bernhard van Lippe-Biesterfeld

Julian Sorell Huxley, fratello di Aldous Huxley, oltre che primo direttore dell’UNESCO fu membro fondatore del WWF. Nel 1917 Julian Huxley operò nell’Intelligence inglese e lavorò alla costruzione della Società delle Nazioni, dalla quale nascerà l’Institute for Intellectual Cooperation, poi rinata come l’UNESCO di cui sarà il primo presidente. Nel 1927 conobbe Margaret Sanger, fondatrice della prima clinica per il controllo delle nascite, e dal 1930 s’impegnò nella politica sul controllo delle nascite. Nel 1927 pubblicò Religion Without Revelation, dove condensò la sua idea di “religione senza evidenze palesi quali i miracoli”. Nel 1929 Julian fu incaricato di studiare la possibilità di creare riserve naturali in Kenya, Uganda e Congo, dove s’invaghì della “purezza di una natura ancora svincolata dalla tecnologia e dalla modernizzazione”. Nel 1931 Julian Huxley si recò nell’URSS dove incontrò il Professor Vavilov, il maggiore genetista sovietico e i dirigenti sovietici Anatolij Lunacharskij, Karl Radek e Nikolaj Bukharin, ma tirate le somme rimase deluso dal sistema sovietico, come affermò nel suo testo A Scientist Among the Soviets. Nel 1931 Julian assieme a Leonard Elmhirst, Israel Sieff, Kenneth Lindsay, Dennis Routh, Basil Blackett, Henry Bunbury, Jack Pritchard e Ivan Zvegintzov fondò a Londra il PEP (Political and Economic Planning), un’organizzazione per la pianificazione politica ed economica del Regno Unito che, nel 1939, stese dei piani riguardo lo sviluppo economico inglese per il dopoguerra; nell’ambito di tali studi, nel 1941 la Fondazione Rockefeller invitò Julian Huxley a tenere conferenze negli Stati Uniti sui programmi socio-economici per il dopoguerra. Nel 1945 fu tra i fondatori del Committee of Atomic Scientists che si occupava dei pericoli della bomba atomica e dei vantaggi dell’uso civile dell’energia nucleare. Nel 1946 Julian Huxley fu nominato primo Direttore Generale dell’UNESCO, ma nel 1948 venne espulso dall’organizzazione per motivi a tutt’oggi mai chiariti, ma forse connessi alle sue idee sul controllo delle nascite. L’11 settembre 1961 Huxley fu tra i fondatori del WWF (World Wildlife Fund) assieme al principe Bernardo d’Olanda, al principe Filippo d’Edimburgo, a Max Nicholson (già membro del PEP), all’ornitologo Guy Mountfort, al naturalista Victor Stolan e al pittore Sir Peter Scott che ideò il logo del Panda. Bernhard van Lippe-Biesterfeld, o principe Bernardo d’Olanda, fu il principe consorte della regina Giuliana e padre della regina Beatrice di Olanda. Dal 1937 al 1980 il principe di origine tedesca fu ufficialmente “sua altezza reale il principe dei Paesi Bassi”. Presidente del Worldwide Fund for Nature (WWF) dal 1961 al 1971, fu un affiliato al NSDAP, ovvero il Partito Nazista, con tessera No. 2583009 assegnatagli il 1º maggio 1933. Fu presidente della Royal Dutch Petroleum (Shell Oil) e della Société Générale de Belgique, nonché presidente del Gruppo Bilderberg fino al 1976 quando si dimise ufficialmente per lo scandalo di una tangente da 1,1 milioni di dollari della Lockheed. Secondo la rivista Newsweek del 5 aprile 1976, il principe Bernardo svolse attività spionistiche a favore delle SS e lavorò per l’industria chimica tedesca IG Farben.

Il paradigma di Klass
Klass PosedPhilip J. Klass fu un giornalista legato all’industria aerospaziale statunitense, da sempre scettico radicale verso l’ufologia, attaccò nel 1966 il giornalista John G. Fuller che scrisse una serie di opere dedicate agli avvistamenti di UFO negli USA, tra cui il noto caso di Exeter, New Hampshire. Per Klass gli UFO erano “un tipo sconosciuto di plasma generato dalle linee elettriche”, fenomeno a cui attribuiva perfino i casi di rapimenti alieni, ma che poi abbandonò in favore della teoria delle cause psicosociali. L’ipotesi di Klass fu duramente contestata dal fisico statunitense James E. McDonald (con cui Klass si scontrò). McDonald, meteorologo, chimico e fisico laureato al Massachusetts Institute of Technology, negli anni ’60 s’interessò attivamente dell’ufologia e cercò di promuoverne lo studio presso la comunità scientifica, considerando seriamente l’ipotesi extraterrestre. Philip J. Klass attaccò violentemente McDonald accusandolo di “spendere per ricerche personali sugli UFO i finanziamento ricevuti dall’Office of Naval Research per condurre studi sulle nubi per spiegare gli avvistamenti di UFO”; l’Office of Naval Research, ramo scientifico dell’US Navy, capì l’antifona e interruppe i finanziamenti agli studi di McDonald. Il 13 giugno 1971, vicino Tucson, fu rinvenuto un cadavere identificato per quello di McDonald. Accanto al corpo furono trovate una pistola e una lettera con propositi suicidi. Klass fu contestato anche dall’astronomo e ricercatore ufologico Allan Hendry, secondo cui Klass basava le sue tesi distorcendo i fatti di proposito e ricorrendo ad attacchi “ad personam”.

 James E. McDonald

James E. McDonald

Lo stile scientifico di Klass è paradigmatico dello stile operativo del CICAP; ovvero quando dei giornalisti e ricercatori, o pseudotali, accusano di truffa o anti-scientificità i lavori “eterodosssi” svolti da ricercatori e scienziati dalle comprovate capacità scientifiche, nel caso tali lavori rischino di minacciare la vulgata aziendalista o governativa vigenti. Che si tratti delle cure sul cancro ideate dal professor Di Bella, un medico con tutti i crismi e decenni di esperienza e perciò fatto oggetto di una violenta campagna denigratoria, ai ‘documentari’ pseudo-scientifici sull’11 settembre 2001, sulla Fusione Fredda o sul presunto ‘genio italico’ Guglielmo Marconi, arrivando ai periodici fantomatici studi ‘scientifici’ di anonimi ‘centri di ricerca’ che associano le malattie mentali ai semplici dubbi sulle tesi ufficiali, ad esempio sull’11 settembre 2001. Non è un caso che il CICAP si basi, nella sua lotta per la ‘Scienza’, sul mero prestigio mediatico dei personaggi che promuove (Eco, Odifreddi e Angela padre e figlio) e sul puro e semplice bombardamento mediatico attuato con metodi truffaldini alla Wanna Marchi o alla Paolo Attivissimo, come quando Alberto Angela si permetteva di dire, su RAI Uno, che le Torri Gemelle crollarono l’11 settembre 2001 perché erano vuote all’interno. Una mera menzogna, ma che è possibile diffondere in TV essendo un media unidirezionale, dov’è impossibile rispondere a chi lo controlla. La ‘scientificità’ di enti come il CICAP/CSI, che come abbiamo visto sono legati ad organizzazioni transnazionali dalle mire ideologiche e che quindi svolgono una relativa propaganda, si basa sull’autorevolezza data dal dominio di determinati mezzi di comunicazione (TV, grande stampa, ecc.) e non di certo da discorsi pseudo-razionali che vengono facilmente smontati alla prima critica argomentata. Per questo è possibile che figure come Angela, Attivissimo od Eco possono permettersi di rappresentare il ‘rigore scientifico’, senza averne neanche le basi. Come nel caso di Guglielmo Marconi, che ricevette il premio Nobel per la fisica, sebbene, come vantava lui stesso, non sapesse nulla di Fisica; la ‘Scienza’ di regime si basa su propaganda mediatica, un preciso indirizzo ideologico e totale adesione al sistema dominante.

Il ‘cospirazionismo’
La CIA creò il termine “cospirazionismo”… per attaccare chiunque sfidasse la narrativa “ufficiale”, in particolare, nell’aprile del 1967 la CIA inviò il dispaccio che coniò il termine “teorie del complotto”… indicandone i metodi per screditarle. Il testo era segnato da “psych”, abbreviazione per “operazioni psicologiche” o disinformazione, e “CS” per l’unità “servizi clandestini” della CIA.

CIA-conspiracy“L’obiettivo del dispaccio è fornire materiale per contrastare e screditare le affermazioni dei teorici della cospirazione, in modo da inibirne la circolazione in altri Paesi. Informazioni di base sono fornite in una sezione dedicata e allegati non classificati.
3. Azione. Non è consigliabile che la discussione sulla (cospirazione) sia avviata se non è già in atto. Dove discussa, sono richiesti indirizzi attivi:

b. Utilizzare le risorse della propaganda per confutare gli attacchi dei critici. Recensioni di libri ed articoli di approfondimento sono particolarmente adatti allo scopo. Gli allegati non classificati a questa direttiva dovrebbero fornire materiale utile da passare agli agenti. La nostra manovra dovrebbe indicare, a seconda dei casi, che i critici (I) sposano teorie senza prove, (II) sono politicamente interessati, (III) finanziariamente interessati, (IV) frettolosi e imprecisi nelle loro ricerche, o (V) infatuati delle proprie teorie.
4. In discussioni private sui media non dirette a un particolare autore, o attaccare pubblicazioni ancora disponibili, i seguenti argomenti dovrebbero essere utili:
a. Alcuna nuova prova significativa è emersa presso la Commissione.
b. I critici di solito sopravvalutano aspetti particolari e ne ignorano altri. Tendono a porre maggiormente accento sui ricordi dei singoli testimoni (meno affidabili e divergenti, e quindi più vulnerabili alle critiche)…
c. La grande cospirazione spesso suggerita sarebbe impossibile da nascondere negli Stati Uniti, poiché gli informatori potrebbero aspettarsi di ricevere grandi royalties, ecc
d. I critici sono spesso allettati da una forma di orgoglio intellettuale: se accettano qualche teoria se ne innamorano; inoltre si fanno beffe della Commissione perché non risponde sempre ad ogni domanda con netta decisione, in un modo o nell’altro.

f. Se si accusa che la relazione della Commissione sia un lavoro frettoloso, notare che fu pubblicata tre mesi dopo il termine fissato originariamente. Se la Commissione ha cercato di accelerare la pubblicazione, ciò è in gran parte dovuto alla pressione delle speculazioni irresponsabili già apparse, spesso dovute dagli stessi critici che, rifiutandosi di ammettere i propri errori, avanzano nuove critiche.
g. Tali fumose accuse, come quella su “più di dieci persone morte misteriosamente”, possono sempre essere spiegate in qualche modo naturale ….
5. Se possibile, contrastare le speculazioni incoraggiando i riferimenti alla relazione della Commissione stessa. I lettori stranieri dalla mentalità aperta devono essere colpiti da cura, completezza, obiettività e velocità con la quale la Commissione ha lavorato. I revisori di testi potrebbero essere incoraggiati ad aggiungere del proprio all’idea, sostenendo la relazione stessa, trovandola di gran lunga superiore al lavoro dei critici”.

CIA-conspiracy2Riassumendo la tattica consigliata dalla CIA:
• Sostenere che sarebbe impossibile a tanta gente tacere su una grande cospirazione
• Avere amici della CIA che contrastano le accuse, supportando i rapporti “ufficiali”
• Sostenere che le testimonianze oculari sono inaffidabili
• Sostenere che sono tutte notizie vecchie, mentre “nuove prove significative sono emerse”
• Ignorare le accuse di cospirazione, a meno che la discussione l’abbia già attivate
• Sostenere che è da irresponsabili specularvi
• Accusare i cospirazionisti di infatuazione delle proprie teorie
• Accusare i cospirazionisti di essere motivati politicamente
• Accusare i cospirazionisti di interessi finanziari nel promuovere le teorie del complotto
In altre parole, l’unità dei servizi clandestini della CIA creò gli argomenti per attaccare le teorie del complotto quali inaffidabili fin dal 1967, nell’ambito delle operazioni di guerra psicologica.
Una difesa comune usata dai debunker, si pensi a un Paolo Attivissimo, è dire che “qualcuno avrebbe vuotato il sacco” se ci fosse stata davvero un complotto. Daniel Ellsberg spiega: “È un luogo comune che “non si possano avere segreti a Washington” o “in una democrazia, non importa quanto sia sensibile il segreto, possiamo leggerne il giorno dopo sul New York Times”. Questi luoghi comuni sono categoricamente falsi. Sono storie di copertura, infatti, per fuorviare giornalisti e lettori nell’ambito del processo per custodire i segreti. Naturalmente alla fine molti segreti vengono svelati, a meno che non si sia in una società totalitaria. Ma il fatto è che la stragrande maggioranza dei segreti non arriva al pubblico americano. Questo è vero anche quando le informazioni segrete sono ben note al nemico e quando è chiaramente essenziale per il potere bellico del Congresso e per non aver alcun controllo democratico sulla politica estera. La realtà sconosciuta al pubblico e alla maggior parte dei membri del Congresso e della stampa è che i segreti, che sarebbero di massima importanza per molti di loro, possono restare tali, in modo affidabile e per decenni, grazie al governo, e ciò anche se sono noti a migliaia di addetti”. Per esempio:
• 130000 persone di Stati Uniti, Regno Unito e Canada lavorarono sul progetto Manhattan. Ma fu un segreto per anni.
• “Un colpo di Stato fu pianificato negli Stati Uniti, nel 1933, da un gruppo di affaristi di destra. Il colpo era volto a rovesciare il Presidente Franklin D. Roosevelt con l’aiuto di mezzo milione di veterani di guerra. I cospiratori, comprendenti alcune delle famiglie più importanti degli USA (Heinz, Birds Eye, Goodtea, Maxwell Hse e il nonno di George Bush, Prescott) ritenevano che il proprio Paese dovesse adottare la politica di Hitler e Mussolini contro la grande depressione.
• 7 banche centrali andarono in bancarotta nel 1980, durante la “crisi dell’America Latina”, e la risposta del governo fu nasconderlo. Ciò durò diversi decenni.
Ecc.
Gli esseri umani hanno la tendenza a cercare di spiegare gli eventi casuali attraverso dei modelli… è così che il nostro cervello ci guida. Pertanto, dobbiamo testare il legame tra teorie e causalità sulla base dei nudi fatti”.

Le strutture 'vuote' del WTC

Le strutture ‘vuote’ del WTC

cass-sunsteinCass Sunstein è a capo dell’Ufficio Informazione e Regolamenti dell’amministrazione di Barack Obama, responsabile “delle politiche su privacy, qualità delle informazioni e programmi statistici”. Nel 2008 Sunstein scrisse un articolo dove proponeva che il governo degli Stati Uniti impiegasse squadre di agenti coperti, camuffati da esperti pseudo-“indipendenti”, per infiltrare comunità on-line e siti web degli attivisti che sostenessero ciò che Sunstein chiama “teorie della cospirazione” contrarie al governo. Il piano aveva lo scopo d’aumentare la fiducia dei cittadini verso il governo e di screditare i “cospirazionisti”. Sunstein sosteneva che l’infiltrazione di agenti coperti avvenisse tramite “chat room, social network o anche gruppi reali” e che il governo pagasse le cosiddette voci “indipendenti e credibili” che rafforzino i messaggi governativi (pensando che chi non crede alle fonti governative sia più incline ad ascoltare chi appare indipendente, mentre agisce segretamente per conto del governo). Tale piano mirava ai sostenitori delle “teorie del complotto”. Durante l’amministrazione Bush, per influenzare i dibattiti politici il Pentagono impiegò ex-generali che posavano da “analisti indipendenti” sui media, mentre segretamente si coordinavano con l’ufficio stampa del Pentagono. L’amministrazione Bush pagava di nascosto analisti “indipendenti” come Armstrong Williams e Maggie Gallagher, che sostenevano l’operato di Bush. In Iraq, il Pentagono assunse la società Lincoln Park per diffondere sui giornali articoli pro-USA facendo credere che fossero stati scritti da giornalisti iracheni. Sunstein stesso riconosce che alcune “teorie della cospirazione”, precedentemente denigrate come deliri di pazzi, si sono rivelate del tutto vere (l’uso dell’LSD da parte della CIA e i suoi esperimenti di “controllo mentale”, o il dipartimento della Difesa che commissionò una serie di attentati negli Stati Uniti con l’intento d’incolparne Fidel Castro e lo spionaggio elettronico interno voluto da Nixon), ma Sunstein continua a definire le “teorie della cospirazione” un prodotto di provinciali ignoranti o di islamici, pensando direttamente alle “teorie del complotto” sull’11 settembre 2001. (Salon)

Samantha Power, Barack Obama, Cass Sunstein

Samantha Power, Barack Obama, Cass Sunstein

Nel 2011, una società californiana, Ntrepid, registratasi a Los Angeles proprio quell’anno, si aggiudicava un contratto da 2,76 milioni di dollari con l’United States Central Command (CENTCOM), che sovrintende alle operazioni in Medio Oriente e Asia centrale, per sviluppare il programma Operation Earnest Voice (OEV), un “servizio di gestione dei personaggi online“, permettendo a un tecnico militare di controllare fino a 10 identità online sparse nel mondo. Il contratto del CENTCOM stabilisce che ogni falso personaggio online (noto agli utenti dei social media come burattino) deve avere profilo e dettagli convincenti a supporto. 50 controllori negli Stati Uniti dovrebbero poter operare tali false identità “senza il timore di essere scoperti da avversari sofisticati“. Il portavoce del CENTCOM, comandante Bill Speaks, dichiarava: “La tecnologia che supporta le attività su blog e siti esteri consentirà al CENTCOM di contrastare la propaganda nemica degli Stati Uniti“. Le lingue utilizzate comprendono arabo, farsi, urdu e pashtu. Il software potrebbe consentire ai militari di rispondere a conversazioni online con un numero infinito di messaggi coordinati, post su blog e chatroom, ecc. Il luogo da cui opererebbero i 50 controllori sarebbe la base aerea MacDill, presso Tampa, in Florida, sede del Comando Operazioni Speciali. Il contratto della CENTCOM richiede per ogni controllore un “server virtuale privato” negli Stati Uniti e altri che dovrebbero sembrare essere all’estero, per dare l’impressione che i burattini siano persone reali viventi in diverse parti del mondo e anche per offrire “un’eccellente copertura e potente possibilità di smentire“. L’OEV fu discusso nel 2010 a un raduno di specialisti della guerra elettronica a Washington DC, dove un alto ufficiale del CENTCOM disse che il suo scopo eracomunicare messaggi critici per contrastare la propaganda dei nostri avversari“. (The Guardian)
Nonostante la caccia alle streghe complottiste, menata dai mass media della propaganda atlantista, il crollo della partecipazione del pubblico sui media “mainstream” continua e dilaga. Ad esempio, in Francia il sito LeMonde.fr ha perso oltre 10 milioni di lettori mensili tra novembre 2014 e gennaio 2015, Figaro ed Express.fr oltre 2 milioni, come il sito di Liberation. Allo stesso tempo, i due maggiori siti “alternativi” francesi, il sito di Alain Soral, Egalité et Réconciliation, e quello del comico Dieudonné, Quenelplus, hanno visto esplodere l’affluenza delle visite. Ciò spiega l’accanimento dei media atlantisti contro i siti ritenuti “complottisti”, accusandoli perfino di promuovere l’antisemitismo, sulla falsariga della relazione della Fondazione Jean-Jaurès commissionata allo pseudo-scoiologo Rudy Reichstadt. Lo stesso presidente François Hollande annunciava un piano globale per controllare Internet e contrastare “le tesi complottiste diffuse tramite internet e social network“. Quindi, nonostante la stampa in Francia abbia ingoiato 400 milioni di euro nel solo 2013, i media ufficialisti ugualmente perdono credibilità, e in modo irreversibile. Ciò è emblematico nel caso ucraino, dove la rozza e volgare propaganda filo-majdanista non inganna più i lettori, potendo accedere a informazioni e analisi diffuse dai media “alternativi” e “non-allineati” all’asse atlantista. Perciò la NATO attiva un proprio sistema di propaganda, ponendolo sotto la supervisione del capo della diplomazia europea (e agente della CIA) Federica Mogherini. Tale programma prevede sia di diffondere propaganda russofoba presso la CSI, utilizzando le radio Voice of America e Free Europe gestite da CIA, ONG di Soros e organismi neonazisti e antirussi; sia di compattare l’informazione in Europa occidentale tramite la Leading European Newspaper Alliance (LENA), organismo mediatico che riunisce “i quotidiani nazionali su una piattaforma di comune condivisione dei contenuti”. Fanno parte di LENA, attualmente, Le Figaro, La Repubblica, El Pais, Le Soir, La Tribune de Genève e Tages-Anzeiger.

Il crollo de Le Monde

Il crollo de Le Monde

Nel frattempo, al Congresso degli USA, bloggers, teorici della cospirazione e tutti coloro che diffidano della disinformazione spacciata dai media “ufficiali” e aziendali, venivano paragonati ai terroristi del SIIL. Difatti, durante l’audizione della Commissione esteri del Congresso, intitolata “Affrontare l’arma dell’informazione della Russia“, si accusava la TV di Stato russa RussiaToday di diffondere “teorie della cospirazione“. Uno dei relatori era l’ex-impiegata di RussiaToday Liz Wahl, che si dimise in diretta dalla TV russa, in un’azione concertata dal neo-conservatore James Kirchick,  dipendente di Radio Free Europe, media finanziato da CIA e Soros e gestito da neonazisti ucraini e gusanos latinoamericani. Liz Wahl denunciava coloro che non credono alla propaganda atlantista: “Si mobilitano e si sentono parte di una lotta illuminata contro la costituzione… hanno trovato la piattaforma per esprimere le proprie opinioni squilibrate“. Seguendo la linea dettata dal capo del Broadcasting Board of Governors (BBG), l’ente che dirige e pianifica la propaganda mediatica statunitense, Andrew Lack, che aveva definito RussiaToday una minaccia pari al SIIL e a Boko Haram, Liz Wahl ha accusato i teorici della cospirazione “di discuterne online, su blog, twitter e social media“, affermando che il web è diventato il faro di “disinformazione, false teorie, di persone che cercano di farsi un nome (come un Paolo Attivissimo?), blogger o qualsiasi altra cosa, senza alcuna responsabilità verso la verità, potendo irritare molte persone online“. Oltre a Wahl, avevano testimoniato all’audizione il deputato Ed Royce, Peter Pomerantsev del Legatum Institute di Londra e la deputata Dana Rohrabacher, tutti accaniti russofobi che lamentavano il fatto che la propaganda di Washington “sta perdendo la guerra dell’informazione” contro la Russia, motivo per cui cercavano disperatamente di denigrare i media russi.

Liz Wahl, eroina del CICAP in Italia, dei neconnegli USA e dei neonazisti in Ucraina.

Liz Wahl, eroina del CICAP in Italia, dei neocon negli USA e dei neonazisti in Ucraina.

Nessuna meraviglia per l’isteria di tali figuri presso la Commissione Affari Esteri del Congresso USA:
cia-emblem1-5x1-5Royce era stato convocato per “chiarire” la missione dell’ente che guida, il BBG (Broadcasting Board of Governors), agenzia federale statunitense che comprende le radio Voice of America, Radio Free Europe/Radio Liberty (gestite da neonazisti), Alhurra TV, Radio Sawa, Radio Free Asia e l’Office of Cuba Broadcasting (Radio e TV Marti). Infatti, il BBG è allo sbando. Andrew Lack, CEO della BBG, lasciava la carica dopo solo sei settimane e il 7 aprile anche il direttore di Voice of America, David Ensor, annunciava le dimissioni. Andrew Lack è l’ex-presidente di NBC News, altro ente di disinformazione coinvolto nella propaganda atlantista-islamista contro la Siria: “si è scoperto recentemente che i guerriglieri siriani che “catturarono” il corrispondente della NBC Richard Engel e il suo team nel 2012, non erano sciiti fedelissimi del presidente siriano Bashar al-Assad, come originariamente riportato dalla NBC, ma dell’Esercito libero siriano filo-USA. Engel mentì consapevolmente dopo il suo rilascio: “Penso di avere una buona idea di chi siano (i sequestratori). È un gruppo noto come Shabiha, milizia governativa. Costoro sono fedeli al Presidente Bashar al-Assad. Sciiti che parlavano apertamente della loro fedeltà al governo, esprimendo apertamente la loro fede sciita. Sono addestrati dalla Guardia Rivoluzionaria iraniana e sono alleati di Hezbollah”. Le dichiarazioni di Engel erano totalmente false, ma NBC News le diffuse egualmente. Engel inoltre spargeva la propaganda israeliana secondo cui Hezbollah e Iran erano i principali responsabili della guerra civile siriana”.
Helle C. Dale, della Fondazione Heritage, un think-tank di estrema destra statunitense, avvertiva “sul nuovo tipo di propaganda, volta a seminare dubbi su qualsiasi cosa abbia a che fare con Stati Uniti ed occidente, e in un certo numero di Paesi il pubblico non è sofisticato e ci crede“.
Peter Pomerantsev aveva affermato che l’obiettivo della Russia è “riempire lo spazio informativo con tanta disinformazione in modo che una conversazione basata su fatti reali diventi impossibile. Le teorie della cospirazione in Europa aumentano e la fiducia sui media degli Stati Uniti diminuisce. Il Cremlino non può sempre aver avviato questi fenomeni, ma li alimenta… Con tutta la sua potenza militare, la NATO non può combattere la guerra dell’informazione“. Peter Pomerantsev fa parte dell’Istituto Legatum, il think-tank di Londra la cui missione è “la prosperità attraverso i valori della libertà individuale, libera impresa e imprenditorialità“, fondato dal miliardario Christopher Chandler della Legatum Ltd., società di investimenti privata di Dubai. Secondo il sito del Legatum Institute, i suoi dirigenti e soci scriverebbero per un numero impressionante di media, tra cui Washington Post, Slate, New York Review of Books, Foreign Policy, New Republic, Daily Telegraph, Times, London Review of Books, Atlantic e Financial Times. Ma per Pomeranzev  sarebbe la “Russia che ha lanciato la guerra dell’informazione contro l’occidente. E stiamo perdendo”. Pomeranzev continuava dicendo che il Cremlino “supporta il complottismo. La cospirazione è una sorta di sabotaggio linguistico all’infrastruttura della ragione. Voglio dire, non si può avere una discussione basata sulla realtà in cui tutto diventa cospirazione. In Russia, tutto il discorso è cospirazione. Tutto è cospirazione. Il nostro ordine globale si basa sulle politiche realistiche. Se questa realtà è distrutta, allora non ci daranno istituzioni internazionali, dialogo internazionale e una politica basata sulla realtà sarebbe impossibile. È una tendenza molto insidiosa”.
operation_mockingbird-cia_msmUdo Ulfkotte, ex-direttore di uno dei maggiori quotidiani tedeschi, il Frankfurter Allgemeine Zeitung, ha rivelato che per anni veniva pagato dalla CIA per diffondere propaganda a favore degli Stati Uniti, ed inoltre sostiene che i grandi media non sono altro che strumenti della propaganda di think-tank internazionali, agenzie d’intelligence e compagnie finanziarie. “Parliamo di burattini, di giornalisti che scrivono o dicono qualunque cosa i loro padroni gli ordinano di dire o scrivere. Se vedete come i media mainstream parlano del conflitto in Ucraina e si sa cosa realmente accade, avrete il quadro della situazione. I padroni nell’ombra spingono per la guerra contro la Russia e i giornalisti occidentali si mettono l’elmetto“. “I media tedeschi e statunitensi cercano di portare la guerra in Europa, in Russia. Siamo a un punto di non ritorno, e ho intenzione di alzarmi e dire… non è giusto quello che ho fatto in passato, ingannando la gente, facendo propaganda contro la Russia, e non è giusto quello che i miei colleghi fanno e hanno fatto in passato, perché vengono corrotti per tradire il popolo non solo in Germania, ma in tutta Europa“. Nell’ottobre 2004, Ron Suskind scrisse sul New York Times Magazine: “L’assistente (del presidente degli USA Bush) ha detto che uomini come me (giornalisti, scrittori, storici) erano ‘coloro che chiamiamo comunità realistica, definendola come persone che ‘credono che le soluzioni emergano dallo studio giudizioso della realtà visibile… Non è così che il mondo funziona, ha continuato. Siamo un impero e quando agiamo creiamo la nostra realtà. E mentre studiamo questa realtà, giudiziosamente, agiamo creando altre nuove realtà che possiamo studiare, ed è così che le cose si risolvono. Siamo attori della storia… e voi, tutti voi, non studierete null’altro che ciò che facciamo“.
Il giorno prima dell’udienza, sul Wall Street Journal Royce scrisse, “Vladimir Putin ha un esercito segreto. Si tratta di un esercito di migliaia di “troll”, giornalisti televisivi e altri che lavorano giorno e notte per diffondere propaganda antiamericana su Internet, radio e giornali, in Russia e nel mondo. Putin utilizza questi guerrieri della disinformazione per destabilizzare i vicini e controllare l’Ucraina. Questa forza può essere più pericolosa di qualsiasi forza militare, perché nessuna artiglieria può fermare la diffusione delle loro menzogne e minare gli interessi della sicurezza degli Stati Uniti in Europa“. Ed eccoli qua i campioni della lotta al ‘complottismo’ e fautori dei “discorsi basati sui fatti”, ricorrere alla più dozzinale mitologia complottista (di marca maccartista) per giustificare la sconfitta totale delle loro propaganda e disinformazione.Haring_-_Picture_2-500x287Gli Stati Uniti finanziano i cosiddetti media “indipendenti”
Mentre i grandi media occidentali accusano la Russia di finanziare segretamente i media non allineati alla vulgata atlantista, non parlano mai del finanziamento statunitense ai media stranieri allineati alla vulgata atlantista. Il governo degli Stati Uniti finanza di nascosto le cosiddette organizzazioni non governative (ONG), che a loro volta sovvenzionano i media filo-occidentali; si tratta di ciò che il circo mediatico e disinformativo occidentale definisce “media indipendenti” presenti nel mondo non-occidentale. Dal 2007 il governo statunitense finanziò per 25,5 milioni di dollari le varie organizzazioni no-profit statunitensi e “media indipendenti” in Ucraina. Su 18 borse di studio, 14 vennero assegnate all’Internews Network, una ONG atlantista legata a Washington. Tra i finanziatori di Internews Network vi sono:
Rockefeller Brothers Fund
Rockefeller Family & Associates
John D Rockefeller Foundation. and Catherine T. MacArthur Foundation
John S. and James L. Knight Foundation
Google
Open Society Foundations (George Soros)
Omidyar Network
Commissione Europea
Ministeri degli Esteri e Agenzie di sviluppo internazionali di Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti
Banca mondiale
Freedom House
National Democratic Institute (NDI)
National Endowment for Democracy (NED)
Freedom House e National Endowment for Democracy (NED) sono collegati alla CIA, “Freedom House e National Endowment for Democracy sottolineano il loro impegno per la libertà di pensiero e la democrazia, ma hanno collaborato con le operazioni di propaganda della CIA negli anni ’80, secondo i documenti pubblicati dalla Biblioteca Presidenziale Ronald Reagan“. Il NED ha più volte  collegato gli “attivisti” nei Paesi ostili agli USA. Sul suo sito web, la NED sostiene che dalla seconda guerra mondiale, “i responsabili politici degli Stati Uniti inviarono consulenti, attrezzature e fondi per sostenere giornali e partiti nell’Europa in pericolo. Quando fu rivelato, alla fine degli anni ’60, che alcune ONG statunitensi erano finanziate dalla CIA per condurre la guerra ideologica internazionale, l’amministrazione Johnson concluse che tale finanziamento doveva cessare raccomandando l’istituzione di un “meccanismo pubblico-privato” per finanziare apertamente tali attività all’estero“. Così nacque il NED, ente che si descrive non-governativo anche se è “finanziato dal Congresso degli Stati Uniti… e distribuisce fondi a organizzazioni private per promuovere la democrazia all’estero“, magari anche organizzando colpi di Stato, dal Guatemala nel 1954 all’Ucraina nel 2014.

Nel 1977 "S'indagava sul ruolo della CIA nella propaganda mondiale, come nel caso di Radio Free Asia".

Nel 1977 “S’indagava sul ruolo della CIA nella propaganda mondiale, come nel caso di Radio Free Asia”.

Articolo del Santa Cruz Sentinel del 22 settembre 1981 su un'operazione di disinformazione della CIA.

Articolo del Santa Cruz Sentinel del 22 settembre 1981 su un’operazione di disinformazione della CIA.

Il Centro assistenza ai media internazionali (Center for International Media Assistance – CIMA), è un piano del National Endowment for Democracy, per sviluppare una sua rete mediatica nel mondo. La prima parte del piano si chiama Finanziamenti pubblici e privati degli USA dedicati allo sviluppo di media indipendenti all’estero. L’obiettivo è “sapere chi sono i principali finanziatori, in quale campo si concentrano (assistenza diretta ai media, formazione di giornalisti, campagne d’informazione pubblica, migliorare l’ambiente giuridico dei media, gestione dei media) e le opportunità di educare i potenziali beneficiari sull’importanza di sviluppare media indipendenti quale elemento essenziale delle società democratiche”. Alcune conclusioni della relazione furono:
Nel 2006, i finanziamenti pubblici e privati degli Stati Uniti per lo sviluppo dei media internazionali superò i 142 milioni di dollari:
– finanziamenti dal governo degli Stati Uniti furono pari a 69 milioni;
– da ONG sovvenzionate dal governo, National Endowment for Democracy e US Institute of Peace, 13 milioni.
dall’Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID) e dall’Ufficio per la Democrazia, Diritti umani e Lavoro del dipartimento di Stato degli USA, rispettivamente 49,7 e 11,8 milioni di dollari nel 2006.
Il principale finanziatore privato fu l’Open Society Institute con 40 milioni di dollari, seguita dal John S. e James L. Knight con 7 milioni.
L’USAID ha un ruolo fondamentale nel finanziamento dei media “indipendenti”, in particolare nell’ex-Unione Sovietica: “Grazie agli sforzi per trasformare i media statali in media indipendenti negli Stati post-sovietici, il ramo per Europa ed Eurasia dell’USAID è l’unico a  disporre di un esperto sullo sviluppo dei media“. Se sono finanziati dal governo statunitense, come possono essere considerati indipendenti tali media? I media finanziati dalla Russia sono controllati dallo Stato, mentre quelli finanziati dagli Stati Uniti sono “indipendenti”…
Nel 2010, la relazione del CIMA affermava, “Negli ultimi cinque anni, il dipartimento di Stato e l’USAID statunitensi hanno speso più di mezzo miliardo di dollari per sostenere lo sviluppo dei media internazionali… I bilanci di dipartimento di Stato e USAID per l’anno fiscale 2010 ammontano a oltre 47,9 miliardi di dollari. Meno dello 0,3 per cento di tale importo, 140,7 milioni di dollari, sono stati spesi per lo sviluppo dei media. Ciò rappresenta un aumento del 36 per cento, o 37,3 milioni dollari, rispetto all’anno precedente della spesa per sviluppare i media e un aumento ancor più drammatico rispetto ai 68,9 milioni spesi cinque anni prima“.us-gov-spending-media-abroadGli Stati Uniti finanziano direttamente media russi, nel 2011-2012 l’USAID consegnò 2,54 milioni di dollari nell’ambito del programma “Stampa indipendente in Russia“, i cui principali beneficiari furono le organizzazioni FNE e Finformpolicy Dvl Foundation. Per la Russia furono spesi 4,6 milioni di dollari per diversi programmi di “accesso alle informazioni” tra cui 74730 dollari “per continuare lo sviluppo del giornalismo investigativo ambientale” e 80000 per un’organizzazione che “monitorerà l’uso della tortura da parte delle forze dell’ordine sulla base di notizie della stampa, offrendo consultazioni nei suoi uffici regionali. L’organizzazione comunicherà i risultati del monitoraggio sul suo sito web a ONG partner e ai media locali e nazionali“. Se l’importo speso dal governo degli Stati Uniti per i media “indipendenti” diminuisce, spiega il CIMA nel suo rapporto del 2013, è perché il governo statunitense “taglia i finanziamenti ai media che sostiene per via del ritiro statunitense da Iraq e Afghanistan, in particolare riducendo di 28 milioni le spese in Asia meridionale e centrale, e di 17,7 milioni in Medio Oriente nel 2010-2012“.


Il PD paga con soldi pubblici 300 troll disinformatori (Sparta del PD)

Un esempio concreto
I documenti degli Stati Uniti dimostrano che la CIA diede a Agustín Edwards Eastman, proprietario di El Mercurio, il più grande giornale del Cile, e di un gruppo mediatico che possiede decine di giornali e riviste, “1,5 milioni di dollari per sostenere El Mercurio, il più grande giornale del Cile e canale più importante della propaganda anti-Allende. Secondo i documenti della CIA, questi sforzi ebbero un ruolo significativo nel porre le basi per il colpo di Stato dell’11 settembre 1973“. Edwards  aveva incontrato l’allora direttore della CIA Richard Helms, il consigliere per la sicurezza nazionale Henry Kissinger e il presidente Richard Nixon alla Casa Bianca, per organizzare il rovesciamento e l’assassinio di Salvador Allende.

NN50CIA1
Note:
Zerohedge
Zerohedge
Unione Internazionale Etico-umanistica
The Guardian
Telegraph
Strategic Culture
Sputnik
Salon
Reseau International
Mondialisation
James McDonald
Bernhard van Lippe-Biesterfeld
Les Moutons Enragés
Philip Julian Klass
Julian Huxley
Counterpunch
Committee for Skeptical Inquiry
CICAP
Arret sur Info

David Icke

Aangirfan 29 aprile 2014
shayler3L’ex spia dell’MI5 David Shaylor avrebbe sostenuto che David Icke è un agente della disinformazione. Ma, Shaylor “ha anche omaggiato David Icke“, dicendo che è il Figlio di Dio e che il mondo è controllato da lucertole mutaforma. Shayler ha dichiarato: “David ha svolto un enorme importante lavoro. Lo vedo come il Giovanni Battista del mio Cristo. Gli ho parlato al telefono e ha suggerito d’incontrarci“. What renegade MI5 officer David Shayler did next

article-2083287-01E9C97100000578-888_233x423Il padre di David Icke era un militare collegato al controllo mentale. David Icke ha lavorato per la BBC. Nel 1991, Icke ha detto che il mondo sarebbe finito nel 1997.
Le lucertole fecero saltare le Torri Gemelle, secondo Icke“. David Icke
Nel 2010 Icke scrisse che la Terra e la mente umana collettiva vengono manipolate dalla Luna, che è un veicolo spaziale e un portale inter-dimensionale controllato dai rettiliani. David Icke

cnot_5230Ora parallelismi inquietanti emergono tra i pensieri di Icke… e gli scritti di personaggi di spicco del movimento della milizia armata negli USA… Una delle fonti de La rivolta dei robot di Icke è un altro libro, Behold A Pale Horse, il cui autore William Cooper era un ex-ufficiale dei servizi segreti della marina statunitense e un guru delle milizie patriottico-cristiane negli Stati Uniti“. Combat-18
Disinformation; William Cooper’s Behold a Pale/THE PEOPLE WHO BRAINWASH YOU?

article-2083287-0F5B352B00000578-116_468x351David Icke, il cui padre era nell’esercito inglese, s’innamorò di Pamela Leigh Richards, il cui padre era nell’esercito statunitense. Quando Icke incontrò Richards, Icke era ancora sposato e viveva con la prima moglie, Linda, i loro tre figli e Deborah Shaw. David, Linda e Deborah avrebbero avuto un menage a trois. Linda avrebbe cacciato Deborah quando rimase incinta della figlia Rebecca di Icke.
Il sito di Pamela Leigh Richards riporta una citazione del satanista Aleisteir Crowley. Vi si legge: “La magia è la scienza e l’arte di ottenere cambiamenti secondo volontà“.
David Icke iniziò a sospettare che Pamela fosse un alieno mutaforma e finalmente la cacciò. David Icke’s marriage breakdown

david-ickeAlcune persone credono che Icke abbia un gestore che lo controlla. Henry Makow
Icke si appella a … fanatici reazionari di destra… Il gruppo nazista inglese Combat-18 supporta i suoi scritti, e negli USA il gruppo dei Patrioti Cristiani dell’ultradestra conservatrice segue assiduamente le sue letture. Ma sono probabilmente vicini a qualcosa come un appassionato di UFO degli anni ’60, un nuwaubian, un posadista, un raeliano o un pagano newage della dea Terra…” (Fonte)

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Stella Rossa su Shambhala: Soviet, l’intelligence anglo-statunitense e la ricerca delle civiltà perdute in Asia centrale

Dr. Richard Spence, 25 settembre 2008
L’articolo è apparso su New Dawn 109 (luglio-agosto 2008)

Sulla sua strada attraverso l’immensità della Mongolia nel 1921, lo scrittore e profugo polacco Ferdinand Ossendowski fu testimone di alcuni strani comportamenti da parte delle sue guide mongole. Fermarono i loro cammelli in mezzo al nulla e cominciarono a pregare fervidamente, mentre uno strano silenzio cadde sugli animali e tutto intorno. I mongoli successivamente spiegarono che questo rituale accadeva ogni volta che “il Re del Mondo prega nel suo palazzo sotterraneo e cerca il destino di tutti i popoli della Terra.” (1) Da diversi lama, Ossendowski apprese che questo Re del Mondo era il sovrano di un misterioso, ma presumibilmente molto reale, regno di “Agharti.” In Agharti, gli fu detto, “I maestri Panditas [maestri di arti e delle scienze buddisti] scrissero su tavole di pietra tutta la scienza del nostro pianeta e degli altri mondi” (2). Chi entrava nel regno sotterraneo avrebbe avuto accesso a una conoscenza e una potenza incredibili. Ossendowski non era esattamente un ascoltatore casuale. Come visto in un precedente articolo [Il barone ‘sanguinario’ von Ungern-Sternberg: Pazzo o Mistico, New Dawn n° 108 (maggio-giugno 2008)], nel 1921 sarebbe diventato un consulente chiave del “Barone Pazzo” Roman von Ungern-Sternberg, che aveva istituito un breve regime nella capitale della Mongolia esterna di Urga. (3) Sedicente guerriero buddista che sognava di condurre una guerra santa in Asia, il barone avrebbe cercato di contattare il “Re del Mondo”, nella speranza di favorire il suo piano.
La credibilità di Ossendowski, in un secondo momento, venne messa in dubbio da personaggi come l’esploratore svedese Sven Hedin. (4) Tra le altre cose, Hedin l’accusò di aver plagiato la storia di Agarthi da un precedente lavoro dell’esoterista francese Joseph Alexandre St. Yves d’Alveydre. (5) Per un aspetto  o un altro, probabilmente era vero, ma Hedin, un vecchio ricercatore di città perdute, non respinse la possibilità di un regno nascosto anzi, probabilmente aveva l’occulto obiettivo di trovarlo da solo. In ogni caso, Ossendowski non aveva inventato la storia di una terra favolosa e segreta da qualche parte, o sotto, le vastità dell’Asia centrale, sia che si chiamasse Agharti, Agarttha, Shangri-la o più comunemente Shambhala. (6) Alcuni lo ritennero un reale regno sotterraneo abitato da una antica e avanzata razza, mentre per gli altri si trattava di una dimensione spirituale accessibile solo all’illuminato. La leggenda di Shambhala è saldamente radicata nella tradizione buddista, che pone vagamente il regno da qualche parte a nord dell’India. La leggenda, inoltre, proclamava che sarebbe venuto il tempo in cui il re di Shambhala e i suoi possenti eserciti, sarebbero apparsi per vincere il male e inaugurare un periodo d’oro guidato dal puro Dharma.
Come già detto, il barone von Ungern-Sternberg stesso si vedeva come l’iniziatore di questa “guerra per Shambhala”. E così fu anche per altri. La possibilità allettante di un tesoro nascosto di conoscenze e know-how tecnologico avanzati non solo stuzzicò la curiosità di esploratori e occultisti. I vantaggi pratici che si potevano ottenere mediante l’accesso e lo sfruttamento di tale conoscenza, non vennero persi di vista da alcuni politici e agenti dei servizi segreti, soprattutto nella Russia sovietica. Ma qualsiasi cosa attraesse l’attenzione dei bolscevichi, era destinato a destare anche la curiosità inglese, e ciò che preoccupava entrambe le potenze, difficilmente sarebbe stato ignorato da statunitensi, tedeschi e giapponesi. Questo articolo si concentra sull’attività di tre uomini, due russi e uno statunitense: Aleksandr Vasilevich Barchenko, il cosiddetto “professore dell’occulto bolscevico”, l’artista-mistico-esploratore Nicholas Roerich, e l’uomo spesso citato come il modello reale di Indiana Jones, Roy Chapman Andrews. Mentre, per quanto si può raccontare, non si sono mai incontrati, tutti furono coinvolti in spedizioni che setacciarono i deserti della Mongolia e le alte valli dell’Himalaya, alla ricerca della civiltà perduta e dell’uomo antico. Nel caso di Barchenko e Roerich, l’oggetto specifico era Shambhala. Come vedremo, queste esplorazioni erano solo la punta di un iceberg clandestino di intrighi e obiettivi occulti, che coinvolgevano società segrete e una schiera di spie. Solo chi ha fatto cosa, per chi e perché, resta incerto.

A. V. Barchenko

Il “professore dell’occulto bolscevico” Aleksandr Barchenko
AV Barchenko era nato a Elets nel 1881 e manifestò un precoce interesse per il “paranormale”. In parte occultista, in parte scienziato, in parte esploratore, e forse anche un po’ ciarlatano, Barchenko era soprattutto un ricercatore. I suoi interessi si concentravano sul recupero della conoscenza perduta di una civiltà preistorica, i resti della quale, pensava, potevano ancora sopravvivere. Quando studiava medicina nel 1901-1905, Barchenko gravitava negli ambienti massonici e teosofici e nelle loro dottrine esoteriche. Uno dei suoi professori era a conoscenza del succitato Saint-Yves d’Alveydre, e così ha introdotto il suo allievo alla leggenda di Agarttha/Shambhala. I lavori di d’Alveydre promuovevano anche la dottrina mistico-politica della Sinarchia, un sistema messo a punto presumibilmente dagli abitanti del regno nascosto. Liberamente definita, Sinarchia significa “governo della società segreta” o dell’élite illuminata. Nel tardo 19° secolo, l’idea fu ripresa da un altro occultista francese, Gerard Encausse, meglio noto come Papus, che la combinò con un’altra corrente del misticismo, il martinismo, per formare il quasi-massonico Ordre et Synarchie Martiniste. (7)
Nel 1900-1905 Papus visitò la Russia dove creò delle cellule del suo nuovo ordine e reclutò anche dei membri tra i più intriganti dei Romanov. (8) Si suppone che Papus, allo stesso tempo, fosse un “agente di influenza” francese per contrastare gli intrighi dei tedeschi tra l’élite russa e, più segretamente, promuovere la rivoluzione sociale. Un associato di Papus dichiarò, in seguito, che il martinismo era il “germe del sovietismo.” (9) Prima della prima guerra mondiale, Barchenko intraprese la carriera di giornalista e scrittore. Allo stesso tempo, entrò a far parte dell’Ordine Martinista e dell'”Ordine Kabbalistico della Rosa e della Croce”. (10) Il suo sempre più ampio interesse per l’occulto giunse a includere la chiromanzia, i tarocchi, l’alchimia, l’ipnosi, l'”energia radiante”, l’astrologia e lettura del pensiero. Nel 1911 scrisse un articolo per Priroda i Judi (“Natura e Persone”) sulla “trasmissione del pensiero.” (11) I suoi lavori letterari comprendevano due romanzi “fantastici” Doktor Chernyi (“Dr. Nero”) e Iz Mrak (“Dall’oscurità”). Il suo alter ego letterario, il Dott. Aleksandr Nikolaevich Chernyj, aveva trascorso anni in India e Tibet studiando le arcane conoscenze presso mahatma misteriosi. Barchenko sognava di fare lo stesso. Dopo il breve servizio nella prima guerra mondiale, Barchenko tornò a Pietrogrado (così fu ribattezzata San Pietroburgo), dove sprofondò nei circoli occultistici. Un sedicente maestro di misticismo orientale che frequentava Pietrogrado, in quel periodo, era Georgij Gurdjieff. Se Barchenko abbia avuto un contatto diretto con lui è incerto, ma era ben versato negli insegnamenti di Gurdjieff e i due si sarebbero collegati in modi curiosi, negli anni a venire.
Mentre Barchenko accolse con favore il rovesciamento dello zar Nicola nel 1917, non gradiva i bolscevichi di Lenin. Eppure, per guadagnarsi da vivere nell’ambiente post-ottobre, iniziò a tenere conferenze su argomenti esoterici ai marinai rivoluzionari della Flotta del Baltico. Usò Shambhala come esempio di “società primordiale comunista“, che avrebbe fatto parte di una preistorica “grande federazione universale di popoli.” (12) Tali sentimenti dal suono bolscevico erano in contrasto con le sue affiliazioni più private. Nella società “Sfinge”, Barchenko era associato a martinisti, teosofi e “pacifisti cristiani”, che erano nemici dichiarati del potere sovietico. In seguito confessò che il gruppo conservava “sentimenti cospirativi con le guardie bianche” e che era connivente con militanti anti-bolscevichi come Boris Savinkov. (13) Savinkov, a sua volta, aveva attivamente cospirato con agenti inglesi e francesi, tra cui la ‘spia del secolo’ Sidney Reilly che aveva contribuito a pianificare un tentativo fallito di rovesciare Lenin, nell’estate del 1918. (14) Risultato di tale complotto fu il “Terrore Rosso”, un’ondata di rappresaglie sanguinose capeggiata dalla polizia segreta bolscevica, la Ceka. Così, quando Barchenko ricevette una citazione dall’ufficio della Ceka di Pietrogrado (P-Ceka), nell’autunno del 1918, pensò a un brutto segno. Tuttavia, vi trovò una squadra di colleghi e seguaci martinisti dell’occulto, che non avevano alcun interesse a fucilarlo come contro-rivoluzionario. (15) Il più importante di questi era il cekista Konstantin Konstantinovich Vladimirov, un auto-descrittosi “psico-grafologo” che avrebbe fatto molto per promuovere Barchenko e le sue idee all’interno dell’establishment sovietico. A prima vista, sembrerebbe che Vladimirov reclutasse Barchenko come informatore nei circoli occultistici, ma le cose non potrebbero essere così semplici.
La lealtà personale di Vladimirov è discutibile. Ben presto venne coinvolto nel caso di due cittadini britannici, Harold Rayner e GH Turner, arrestati per un presunto coinvolgimento nell’assassinio, nell’agosto 1918, del capo della P-Ceka Moisej Uritskij. Il vero assassino era un seguace di Boris Savinkov. Ancora più interessante, Vladimirov e compagni evidentemente presero gli uomini sbagliati. Poi, invece di essere giustiziati, uno in qualche modo riuscì a sottrarsi alla giustizia proletaria e a tornare in Inghilterra. Infine, Vladimirov si legò sentimentalmente alla vedova del secondo inglese, una donna identificata anch’essa come spia inglese. Di conseguenza, venne espulso dalla Ceka, ma in qualche modo riuscì a farsi reintegrare. Tuttavia, nel 1927 Vladimirov fu di nuovo arrestato e, infine, giustiziato come spia inglese, esattamente come il suo protetto Barchenko lo sarebbe stato un decennio dopo. (16) Allora, Vladimirov reclutò il suo compagno occultista come spia della Ceka nel 1918, o già allora era una agente britannico che aveva arruolato Barchenko per un’altra, e più segreta, cospirazione? Un’altra versione su cui alcuni insistono, è che Vladimirov fosse anche l’agente clandestino Jakov Blumkin.(17) Che fossero la stessa persona è palesemente falso, ma Blumkin e Vladimirov si muovevano negli stessi torbidi circoli, nel 1918. Attraverso questi stessi circoli, anche Blumkin venne a sapere di Barchenko. Pertanto, non vi è ragione di non sospettare, se non di più, che Blumkin fosse un altro agente doppio britannico. Come cekista rinnegato, presumibilmente, assassinò l’ambasciatore tedesco a Mosca nel luglio 1918. Tuttavia, come Vladimirov, subito ritrovò la strada per tornare nelle grazie dei servizi segreti sovietici. Un anno dopo la morte di Vladimirov, tuttavia, Blumkin sarebbe comparso dinanzi al plotone di esecuzione come cospiratore trotzkista. Barchenko trovò amici anche nel mondo accademico sovietico. Con appoggi del genere, durante il 1921-1922, condusse una spedizione nella penisola di Kola, a nord del Circolo Polare Artico, dove trovò antichi petroglifi e strutture megalitiche. (18) Ciò rafforzò la sua fede in una civiltà avanzata preistorica legata alla misteriosa Shambhala. Già nel 1920, Barchenko chiese il permesso di formare  una spedizione “scientifica-propagandistica” in Mongolia e Tibet per la ricerca della “Shambhala Rossa.” (19) Recuperando la sua antica scienza e sapienza, sostenne, avrebbe fatto espandere l’influenza di Mosca in tutta l’Asia. Questo progetto presto si risolse nel nulla, anche se può aver influenzato Mosca nell’inviare due marinai baltici, ex “allievi” di Barchenko, per una missione segreta in Tibet, nei primi anni ’20. (20)
Nel frattempo, Barchenko fondò una loggia “massonica”, soprannominata Edinoe Trudovoe Bratstvo, ETB o “Fratellanza dell’Unione del Lavoro.” La nuova fratellanza includeva Vladimirov e numerosi altri cekisti, attuali o ex. Strettamente associato all’ETB, se non membro ufficiale, era Jakov Blumkin, di nuovo in sella come agente speciale dei servizi segreti sovietici. Il nome della loggia aveva una somiglianza curiosa a un precedente gruppo formato da seguaci di Gurdjieff, l’Edinoe Trudovoe Sodruzhstvo (“Amicizia dell’Unione del Lavoro”), e almeno un membro di spicco dell’ETB, PS Shandarovskii, era un devoto di Gurdjieff. (21) Un altro collegamento può essere esistito grazie allo scultore sovietico Sergej Merkurov, cugino di Gurdjieff. (22) Collegamento interessante, aveva accusato Gurdjieff di spionaggio per i britannici, e di aver operato per anni come agente inglese in Asia centrale e nel Vicino Oriente. (23) Ciò che è innegabile, è che tra gli allievi di Gurdjieff nella Russia pre-rivoluzionaria vi era il compositore inglese Sir Paul Dukes, un uomo i cui interessi comprendevano non solo Gurdjieff, ma anche il buddismo esoterico e il Tibet. Dukes aderì all’MI1c (MI6) durante la prima guerra mondiale e per gran parte del 1919 era a capo della rete spionistica inglese di Pietrogrado. (24) Barchenko e Vladimirov erano collegati ad essa? Il fratello di gran lunga più importante dell’ETB era il boss cekista Gleb Ivanovic Bokij. Bokij, un vecchio bolscevico, aveva un interesse altrettanto venerabile per l’occulto. Tra le altre cose, era un membro dell'”Ordine Kabbalistico della Rosa e della Croce” pre-rivoluzionario. Curiosamente, il suo ingresso in questo ordine venne approvato da nient’altri che Aleksandr Barchenko. (25) Più curioso ancora, Bokij venne assunto nella P-Ceka dopo la morte di Uritskij, e condusse la scena quando Barchenko venne “reclutato” alla fine del 1918. Tuttavia, i due poi giurarono di non essersi mai incontrati prima dei primi anni ’20. Bokij avrebbe confessato che per lui la rivoluzione era morta con Lenin, nei primi mesi del 1924. La disillusione crescente lo portò ad opporsi a Stalin e a sostenere i piani di Barchenko, piani, ammise, che comprendevano lo spionaggio. (26)
Nel 1924, Bokij dirigeva lo Spetsotdel, o “servizio speciale”, controllato dell’OGPU (come venne rinominata la Ceka). Questo ufficio gestiva i codici e comprendeva una unità d’élite, la Sezione 7, che approfondiva le questioni paranormali, dall’ipnotismo e ESP all’Abominevole Uomo delle Nevi. (27) Lo Spetsotdel custodiva anche i cosiddetti “dossier neri”, i fascicoli personali dei dirigenti sovietici, comprese le trappole sessuali e, senza dubbio, qualsiasi associazione con l’occultismo. (28) Oltre alla curiosità personale, Bokij ebbe un incentivo pratico nel portare avanti la ricerca paranormale. La comunicazione telepatica offriva un mezzo perfetto per inviare e ricevere messaggi dagli agenti all’estero. Allo stesso modo, ciò che noi oggi chiamiamo Remote Viewing, offriva la possibilità di spiare il nemico imperialista senza lasciare Mosca. Trovando i segreti dell’ipnotismo e del controllo mentale, si avrebbero avuto potenziali applicazioni nella propaganda. Per esplorare tali questioni, Bokij mise Barchenko a capo di uno speciale laboratorio “neuroenergetica” nell’ambito dell’Istituto di Medicina Sperimentale Pan-sovietico. (29) Tuttavia, l’obiettivo primario di Barchenko e dell’ETB era stabilire un contatto diretto con Shambhala. A tal fine, sfruttò l’aiuto di Bokij e fece causa comune con altri gruppi esoterici, in particolare la “grande fratellanza dell’Asia.” Era connivente con almeno due membri della confraternita, un lama tibetano, Naga Naven, che sosteneva di essere un rappresentante diretto di Shambhala, e un funzionario della Mongolia, Khayan Khirva, futuro capo della polizia segreta della Mongolia. (30) In quel ruolo, Khirva avrebbe lavorato fianco a fianco con Jakov Blumkin.
Nella primavera del 1925, grazie all’accesso di Bokij ai fondi segreti, la spedizione per Shambhala sembrava pronta a partire. Bokij scelse Blumkin come capo dei servizi segreti nella spedizione. (31) Ma il piano incontrò un’opposizione. Delle voci dipinsero Bokij come un pericoloso degenerato che beveva sangue umano. (32) Un grande avversario era Mikhail Trilisser, capo del braccio dell’intelligence estera della OGPU (INO). Naturalmente sapeva che qualsiasi attività esterna all’Unione Sovietica ricadeva nel suo campo. Nell’estate, la spedizione di Barchenko per Shambhala era finita. O no?
Nel settembre 1925, un umile pellegrino musulmano attraversò il Pamir, passando nel Kashmir controllato dai britannici. In effetti, il pellegrino era Jakov Blumkin in viaggio per l’ancora più remota Ladakh, dove doveva incontrarsi con la spedizione guidata da Nicholas Roerich. Scopo di Roerich era entrare in Tibet e contattare Shambhala. Tuttavia, subito dopo aver attraversato la frontiera, la polizia tribale sequestrò Blumkin. A quanto pare, qualcuno aveva avvertito gli inglesi. Il furbo cekista persto si sottrasse ai suoi rapitori assumendo la nuova veste di lama mongolo, e si diresse verso Roerich. In ogni caso, questo è ciò che Blumkin in seguito ha raccontato della storia. Ci potrebbe essere un’altra spiegazione. L’arresto e la breve fuga fortuita avrebbero anche dato a Blumkin una comoda copertura per contattare l’intelligence britannica, prima di incontrare Roerich.

Pittore, teosofo e filosofo russo: Nicholas Roerich
Nato a San Pietroburgo nel 1874, Nicholas (Nikolaj) Konstantinovich Roerich è conosciuto oggi come pittore e instancabile sostenitore dello Yoga e del buddismo in Occidente. E’ sicuramente stato un teosofo e probabilmente un martinista. (3) Inoltre è diventato un agente d’influenza sovietico. Alcuni dei suoi ammiratori hanno messo sonoramente in discussione ciò, e può essere vero che i bolscevichi abbiano utilizzato Roerich di tanto in tanto. Tuttavia, i suoi legami con servizi segreti sovietici sono troppo estesi per essere negati. (34) Nel momento in cui la rivoluzione esplodeva in Russia, Roerich aveva lasciato il paese, e inizialmente non aveva mostrato alcun interesse per il Grande Esperimento socialista. Nel 1920 era a Londra, dove entrò a far parte della scena teosofica locale dominata da Annie Besant. Besant ed i suoi seguaci erano espliciti sostenitori dell’indipendenza indiana, mettendosi così sotto il controllo del controspionaggio inglese. Dai primi anni ’20, Mosca era diventata la principale benefattrice dell’agitazione anti-britannica in Asia, secondo  Desmond Morton dell’MI6 (in seguito una delle spie più fidate di Churchill) “quasi tutte queste società teosofe e teosofiche erano collegate in qualche modo al bolscevismo, ai rivoluzionari indiani e ad altre attività spiacevoli.” (35)
Roerich giunse alla conclusione che l’influenza britannica sul Tibet fosse un male da dover combattere, e nel 1920 ciò lo spinse ulteriormente verso Mosca. La moglie di Roerich, Elena (Helene), una medium, cominciò a ricevere messaggi da un soggetto che si faceva chiamare Maestro Morya, o Allal Ming, che sosteneva di essere un membro della Grande Fratellanza Bianca e un “maestro spirituale del Tibet.” (36) Allal Ming convinse Roerich che fosse la chiave per la realizzazione di un “grande piano” che sarebbe sfociato nella creazione di un vasto stato pan-buddista che avrebbe compreso il Tibet, la Mongolia, parti della Cina e gran parte della Siberia. La prima tappa sarebbe stata la “guerra per Shambhala“, il cui risultato finale sarebbe stata l'”espressione terrena del Regno invisibile di Shambhala.” (37) Il Piano era praticamente identico a quello previsto dal barone Ungern, quasi nello stesso momento. Tuttavia, mentre Ungern mirava a costruire il suo nuovo ordine facendo la guerra ai bolscevichi senza Dio, la guida di Roerich lo incoraggiò a vedere nei sovietici degli alleati e in Lenin un presagio di una nuova epoca illuminata. Forse il Re del Mondo puntava su tutte le carte le sue scommesse. Nello stesso tempo, Roerich acquisì un nuovo seguace nella persona di un giovane teosofo russo, Vladimir Anatolevich Shibaev. Shibaev era casualmente un agente dell’Internazionale Comunista (Comintern) che lavorava con i nazionalisti indiani. Presentò Roerich ad altri funzionari sovietici e incoraggiò i loro piani per muoversi in India come primo passo nella realizzazione del Grande Piano. L’MI5 di Londra tenne d’occhio Shibaev e i suoi rapporti con Roerich. (38)
Roerich si trasferì a New York nell’ottobre 1920. Eludendo così il controllo ostile delle autorità britanniche e si assicurò il sostegno di ricchi statunitensi. Un simile benefattore era un broker di Wall Street, Louis Levy Horch, che contribuì alla fondazione del Museo Roerich e che divenne il  finanziatore e sostegno del Mistico. Naturalmente, anche Horch aveva una vita segreta. Uomo d’affari di successo con importanti connessioni nella politica statunitense, anche lui era un agente coperto della Ceka/OGPU. (39) Roerich si trasferì a Darjeeling, in India, alla fine del 1923. Questo lo mise sotto gli occhi attenti di Frederick Marsham Bailey, il “residente politico” inglese nel vicino Sikkim, e uomo intimamente familiare con le attività russe in Asia centrale. Nella primavera del 1925, Roerich era pronto a lanciare la sua spedizione in Himalaya e oltre. La sincronicità con il piano di Barchenko sembra più che una coincidenza, e senza dubbio aveva qualcosa a che fare con la fine di questo tentativo. Viaggiando sotto la bandiera degli USA e sostenuto dal denaro yankee, Roerich aveva il vantaggio di non essere una palese barbafinta sovietica. Tuttavia, è interessante notare che Blumkin, l’amico di Bokij e Barchenko, dovesse materializzarsi al fianco di Roerich. Qualunque fosse il suo legame con gli inglesi, Blumkin mantenne i contatti con i suoi amici a Mosca? Indipendentemente da ciò, lui e Roerich si aggirarono ai confini del Tibet (senza mai raggiungere Lhasa), e si spinsero nel Xinjiang e in Mongolia. Ci fu anche il tempo per un viaggio a Mosca, dove Roerich si presentò a diversi funzionari sovietici. In realtà, la sua spedizione era gestita da Mosca dall’inizio alla fine, l’avesse pienamente capito o meno Roerich. Tale circostanza non sfuggi agli inglesi. Durante questo periodo, l’MI6 monitorava le attività dei Rossi in Asia attraverso uno dei suoi uomini all’ambasciata di Mosca, Arthur V. Burbury. Nel 1928, delle persone a Londra conclusero che Roerich fosse l'”illuminato” per “l’eccellenza dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche.” (40)

Il vero modello di Indiana Jones, Roy Chapman Andrews
Al contrario di Barchenko e Roerich, lo statunitense Roy Chapman Andrews non aveva alcun evidente interesse per l’occulto e il paranormale. (41) Naturalmente, data la sua curiosità per i misteri naturali, deve aver nutrito un po’ quella verso il soprannaturale. Nato nel Wisconsin nel 1884, Andrews evidenziò subito la sua brama di conoscenza e di avventura. Con la prima guerra mondiale aveva acquisito la laurea alla Columbia University, l’appartenenza all’esclusivo Club Explorer e un’occupazione presso il Museo Americano di Storia Naturale (MNH). Le sue prime esplorazioni lo portarono in Cina, che senza dubbio rappresentava il nuovo mutamento capitatogli nel 1918. Viaggiava come “naturalista”, ma era veramente un ufficiale dell’US Office of Naval Intelligence (ONI) assegnato alla legazione statunitense di Beijing. (42) Come si addice a una buona spia, Andrews fu successivamente molto discreto su quello che fece lì, ma effettuò almeno due viaggi di “ricognizione” nella turbolenta Mongolia, visitando la capitale Urga (dove il barone Ungern avrebbe presto preso il comando) e avventurandosi in Siberia, dove la Guerra civile russa infuriava. (43) Andrews successivamente compilò una mappa della “regione del confine meridionale della Russia asiatica“, che inviò alla divisione dell’intelligence militare dell’esercito degli Stati Uniti (MID). (44)
Nei suoi viaggi, Andrews sentì le stesse voci su Agharti/Shambhala che raggiunsero le orecchie di Ossendowski, Roerich e Barchenko? Andrews lasciò la marina nella primavera del 1919, ma non appena tornò negli Stati offrì i suoi servizi al MID dell’esercito. Il suo ex capo di Pechino, l’attaché della marina comandante IV Gillis, garantì Andrews come qualcuno “che in caso di emergenza, potrebbe svolgere il lavoro con l’abilità e i nervi necessari“, e un collega presso il Museo di Storia Naturale, aveva assicurato il MID che Andrews era l'”unico americano che ha una totale familiarità con i mongoli.” (45) Tra il 1922 e il 1930, Andrews guidò cinque spedizioni nel deserto del Gobi e nelle regioni adiacenti della Mongolia. Tutte furono sponsorizzate dal MNH e fece notevoli scoperte fossili, comprese le prime uova di dinosauro. Tuttavia, l’obiettivo originale delle esplorazioni non erano i fossili animali, ma le prove dei primi uomini. Il capo di Andrew al museo, Henry Fairfield Osborn, era convinto che le origini della razza umana giacessero da qualche parte nell’Europa orientale o in Asia centrale. Alcune delle sue teorie riecheggiavano quelle dei teosofi, o almeno così pensavano i teosofi. (46)
Dal nostro punto di vista, la più interessante delle escursioni di Andrews fu quella svoltasi nei primi mesi del 1925, e che lo portò, lui e i suoi compagni, all’interno della Mongolia occidentale. Il team dei “cartografi” consisteva in un ufficiale dell’esercito statunitense, il tenente Fred Butler, e un ufficiale inglese, il tenente HO Robinson, distaccato dalla legazione di Sua Maestà a Beijing. (47) I successivi rapporti di Butler andarono anche al MID. (48) Andrews avrebbe raccolto informazioni sulle attività di Roerich da un altro esploratore che attraversava le immensità dell’Asia centrale, la nemesi di Ossendowski, Sven Hedin. Lo svedese disse a Andrews che la sua spedizione era una “ricognizione” in previsione dei collegamenti aerei della Lufthansa in tutta l’Asia centrale, fino a Pechino; ma forse era qualcosa di più. (49) In ogni caso, Andrews riferì doverosamente della sua conversazione con Hedin al MID.
Alla fine, Shambhala è rimasta nascosta, o almeno così sembra. Roerich e Andrews continuarono a vivere una vita piena, morendo rispettivamente nel 1947 e nel 1960. Barchenko, Bokij e i fratelli dell’ETB non furono così fortunati. Tutti morirono nelle purghe alla fine degli anni ’30, condannati per crimini che non avevano, o avrebbero, commesso.

Note:
1. Ferdinand Ossendowski, Beasts, Men and Gods (New York: E. P. Dutton, 1922), 300.
2. Ibid., 311.
3. Richard Spence, “The ‘Bloody’ Baron von Ungern-Sternberg: Madman or Mystic?” New Dawn, No. 108 (May-June 2008), 31-36.
4. Sven Hedin, Ossendowski und die Wahrheit (Leipzig: Brockhaus, 1925).
5. Joseph Alexandre St.-Yves d’Alveydre, Mission de l’Inde (1910). D’Alveydre, possibilmente, a sya era influenzato da due altre opere: The Coming Race di Edward Bulwer-Lytton (1870) e Les Fils de Dieu (1873) del suo seguace farncese Louis Jacolliot.
6. See, e.g., Jason Jeffrey, “Mystery of Shambhala,” New Dawn, No. 73 (May-June 2002), and Joscelyn Goodwin, Arktos: The Polar Myth in Science, Symbolism and Nazi Survival (Kempton, IL: Adventures Unlimited Press, 1996), 95-104.
7. Chiaramente della scuola mistica cristiana, il martinismo prende il suo nome dall’esoterista e filosofo fracnese del 18° secolo, Louis-Claude de Saint-Martin.
8. Markus Osterrieder, “From Synarchy to Shambala: The Role of Political Occultism and Social Messianism in the Activities of Nicholas Roerich,” Paper presented at the conference on The Occult in 20th Century Russia, Berlin, March 2007, 11, n. 68.
9. Ibid., 11, n. 67.
10. Oleg Shishkin, Bitva za Gimalai (Moscow: Eksmo, 2003), 31.
11. Anton Pervushin, Okkul’tnyi Stalin (Moscow: Yauza, 2006), 133.
12. Aleksandr Andreev, Okkul’tist Strany Sovetov (Moscow: Yauza/Eksmo, 2004), 101.
13. Ibid., 74.
14. Sugli intrighi di Reilly e Savinkov, Richard Spence, Trust No One: The Secret World of Sidney Reilly (Los Angeles: Feral House, 2002), soprattutto, Chapter Nine.
15. Pervushin, 143-144.
16. Andreev, 91.
17. Aleksei Velidov, Pokhozhdeniia terrorista: Odisseia Yakova Bliumkina (Moscow: Sovremnik, 1998), 243.
18. Pervushin, 144-152. La spedizione nella regione di Lovozero-Seidozero.
19. Aleksandr Andreev, Soviet Russia and Tibet: The Debacle of Secret Diplomacy, 1918-1930s (Leiden: Brill, 2003), 108-109.
20. Andreev, 101.
21. Shishkin, 105-106.
22. Ibid., 259.
23. Peter Roberts, “Gurdjieff’s Origins”, (12 May 2008).
24. Sir Paul Dukes, The Story of “ST 25”: Adventure and Romance in the Secret Intelligence Service in Red Russia (London: Cassell, 1938).
25. Shishkin, 31.
26. Protokol dopros [Interrogation of Bokii], 18-18 May 1937, in Andreev (2004), 360-361.
27. Shishkin, 177.
28. Ibid., 367.
29. Shishkin, 179, Pervushin, 171-173, and Barchenko, Aleksandr Vasil’evich” Liudi i sud’by.
30. Protokol dopros [Interrogation] of Bokii, 17-18 May 1937, in Andreev (2004), 354-355.
31. Shishkin, 197.
32. Ibid., 203.
33. Osterrieder, 12 and n. 78.
34. Ibid., 1 and n. 3, and Shishkin, passim.
35. Gill Bennett, Churchill’s Man of Mystery: Desmond Morton and the World of Intelligence (Routledge: London, 2007), 72.
36. Osterrieder, 2, 4 and n. 8.
37. Ibid, 1.
38. Shishkin, 48.
39. Shishkin, 68.
40. UK, Foreign and Commonwealth Office, notes on July 1928 exchange between India Office and Foreign Office.
41. Su Andrews: Charles Gallenkamp, Dragon Hunter: Roy Chapman Andrews and the Central Asiatic Expeditions (New York: Penguin Books, 2001).
42. Andrews US Passport application, 18 June 1918.
43. Gallenkamp, 72-73.
44. US National Archives, Records of the Military Intelligence Division, MID, 10989-H-12/8, MID to George H. Sherwood, 20 Jan. 1922.
45. MID, 2338-H-12/39, Report from N.A. China, 5 July 1921, and MID 2657-H-158/2, Clarence A. Manning to MID, 8 Nov. 1921.
46. G. de Purucker, Theosophy and Modern Science, Pt. I [Reprint] (Whitefish, MT: Kessinger, 2003), 101.
47. Gallenkamp, 188.
48. MID, 2055-632-5, C of E to G2, 5 April 1926.
49. MID, 2657-D-935/2, HA, 29 April 1927.

Dr. Richard Spence è professore di storia presso l’Università dell’Idaho. Tra le altre opere, è autore di Trust No One: Il mondo segreto di Sidney Reilly (Feral House, 2002). Il suo ultimo libro è Secret Agent 666: Aleister Crowley, l’intelligence britannica e l’occulto, edito da Feral House.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora