Cina e Stati Uniti: confronto sulla leadership

Prof. James Petras, Global Research, 12 novembre 2017La scelta dei leader statunitensi non ha praticamente nulla a che fare con processi democratici. È utile paragonarla col processo in Cina. Nella maggior parte dei casi, la selezione dei leader della Cina è molto più meritocratica, riuscita e basata sulla performance. Negli Stati Uniti e in Cina, il processo manca di trasparenza.

Leadership economica, politica e culturale degli Stati Uniti
La scelta dei leader economici, politici e culturali statunitensi si basa su diverse procedure antidemocratiche.
1. Eredità tramite legami familiari
2. Accesso personale al credito e al finanziamento
3. Patrocinio politico
4. Lobby ed élite nella vendita e acquisto di uffici e favori
5. Collegamenti multimediali
6. Repressione politica e manipolazione delle procedure elettorali
7. Incombenza e uso delle risorse statali
8. Nepotismo etno-religioso
9. Gerarchia interna del partito
10. Decisioni di partito al chiuso (opacità)
11. Capacità di tenere i segreti
I leader, nominati, auto-nominati e scelti attraverso denaro, media, reti elitarie, trasformano il processo elettorale in retropensiero virtuale nel sistema statunitense. I leader economici statunitensi hanno aumentato il flusso di profitti e investimenti produttivi verso il settore finanziario e/o nei paradisi fiscali esteri. I leader politici statunitensi hanno aumentato le spese militari e le guerre, distogliendo fondi pubblici dai servizi sociali interni e dal benessere, diminuendo la crescita economica interna e i mercati di investimento e commercio. I leader culturali degli Stati Uniti sono stati premiati per la difesa, promozione e abbellimento dell’imperialismo e per denigrare nazioni e leader indipendenti. Sono stati anche premiati per promuovere il consumismo più degradante e frivolo, minando la coesione sociale e comunitaria. L’assenza di trasparenza nel processo di selezione statunitense dei leader di grandi banche d’investimento, partiti politici, uffici legislativi ed organi esecutivi, del mondo accademico cresce a un ritmo allarmante e con notevoli conseguenze negative: i leader degli Stati Uniti non devono superare esami rigorosi né affrontare interviste coi pari per competenza nei rispettivi settori di lavoro. I leader aziendali degli Stati Uniti non sono giudicati dalla loro performance economica e politica. La responsabilità per le guerre disastrose, salvataggi di banche corrotte, crisi finanziarie e aumento dei costi dell’assistenza sanitaria non escludono un candidato a posizioni di leadership. I criteri di performance documentati non costituiscono la base per la scelta dei leader del Congresso e dei Presidenti. I fattori decisivi che influenzano la selezione politica sono la capacità di promuovere interessi d’élite, perseguire guerre imperiali per soddisfare ambizioni e avidità dei militaristi e mascherare la diffusa corruzione nell’ingrassare le ruote della speculazione.

Cina: consultazione, meritocrazia e performance
I leader cinesi sono scelti sulla base di consultazioni multi-livello, meritocrazia e prestazioni nelle cariche. Il recente congresso del partito ha evidenziato tre aspetti di vitale importanza: ridurre le diseguaglianze, affrontare il degrado ambientale e la sanità. Al contrario, le elezioni del Congresso statunitense dello scorso anno si concentrarono sulla promessa di ridurre le imposte alle società superricche nonostante la crescente disuguaglianza sociale ed economica, la rimozione di norme statali e federali che proteggono la popolazione e l’ambiente dalle aziende inquinanti e riduzione dei finanziamenti pubblici per l’accesso a un’assistenza sanitaria competente, minando il benessere del cittadino e aggravando il numero di morti premature e la minore aspettativa di vita dei poveri e della classe operaia. L’élite politica statunitense è piena di nemici del “cambiamento climatico” e promotori dei peggiori inquinamenti. Il Congresso statunitense ha speso una quantità enorme di tempo ed energie perseguendo cospirazioni faziose, rifiutando di affrontare la furiosa epidemia di tossicodipendenza che ha ucciso oltre 600000 statunitensi in 15 anni.
Il Presidente Xi Jinping ha chiesto ai dirigenti cinesi di dirigere i loro sforzi per correggere lo “sviluppo sbilanciato e inadeguato e le crescenti esigenze della popolazione a una vita migliore”. Il Presidente Xi sottolineava l’obiettivo di “ecologizzare l’economia”, citandolo 15 volte nel discorso al congresso del partito, rispetto a solo una volta nel precedente congresso (FT 11/1/17, p. 11). Gli investitori pubblici e privati cinesi hanno risposto alle priorità sanitarie e ambientali fissate da Xi aumentando gli indici borsistici dei rispettivi settori (FT 11/11/17, pag. 11).
Al vertice, la leadership s’impegna in consultazioni e dibattiti tra le élite concorrenti, discutendo i risultati passati e presenti nello sviluppo di politiche attuali e future. A livello medio, gli esami dei servizi pubblici ultra-competitivi sono decisivi per la nomina dei funzionari cinesi. Al livello medio-superiore le prestazioni lavorative della leadership sono un fattore importante nella scelta. I quattro decenni di spettacolare crescita economica che ha tolto 500 milioni di cinesi dalla povertà è un riflesso del sistema efficace di selezione e promozione dei leader. Il mantenimento della pace e dell’amicizia con altri Paesi da oltre quarant’anni, ad eccezione del conflitto di frontiera e limitato col Vietnam nel 1979, è un fattore importante che influenza la scelta delle leadership. Al contrario, nonostante le tante guerre disastrose e brutali, i presidenti Clinton, Bush e Obama sono stati rieletti dal sistema del duopolio bipartitico, universalmente considerato “truccato”. L’effetto di tali guerre sul deterioramento dell’economia statunitense non si riflette nella scelta dei candidati o nell’esito delle elezioni presidenziali o congressuali. La Cina ha scelto leader che hanno dimostrato capacità e serietà nell’indagine e punizione di oltre un milione di funzionari corrotti e di plutocrati. I combattenti anticorruzione sono stati promossi come leader “puliti e laboriosi”. Al contrario, l’amministrazione statunitense ha ripetutamente nominato criminali di Wall Street a posizioni di alto livello nel Tesoro, Federal Reserve e FMI con disastrosi risultati per la cittadinanza, senza alcuna capacità di analisi o correzione. Uno dei meccanismi del Partito più esclusivi e prestigiosi si trova nel Dipartimento dell’Organizzazione (OD) del Partito Comunista Cinese (FT 10/30/17, p. 9). L’OD si riunisce per valutare le scelte per la leadership sulla base di una combinazione complessa di candidature, esami scritti e orali e indagini e la maggioranza dei voti tra i ministri. I leader così scelti assumono responsabilità collettiva e non si presentano con “fughe sulle decisioni” (FT ibid).

Conclusione

Negli Stati Uniti e in Cina la scelta dei leader non si basa su elezioni o consultazioni coi cittadini. Tuttavia, esistono grandi differenze nel processo e nelle procedure di selezione dei leader, con conseguenti notevoli differenze nei risultati. La Cina è in gran parte una meritocrazia, con vestigia di nepotismo familiare, specialmente per quanto riguarda alcune nomine statali e aziendali. La performance conta molto e la maggior parte dei cittadini accoglie la leadership del partito cinese per il successo economico e sociale mondiale e a lungo termine. Al contrario, la stragrande maggioranza dei cittadini statunitensi è cinica ed contrariata dalle nomine economiche più importanti per via del loro passato documentato di guasti socioeconomici. I cittadini sono assai preoccupati dai grandi vertici finanziari (considerati oligarchici corrotti) per aver immerso il Paese in crisi ripetute, guerre perpetue, crescenti disuguaglianze e profonda e diffusa povertà. La perdita dei posti di lavoro stabili e il deterioramento della coesione della comunità e della famiglia hanno oltraggiato i cittadini perché in netto contrasto con la corruzione pervasiva e profonda ai vertici e l’impunità giudiziaria totale per funzionari, politici ed oligarchi. La persecuzione in Cina dei corrotti non ha alcuna controparte negli Stati Uniti. Le tangenti aziendali e politiche vengono legalizzate negli Stati Uniti chiamandole “finanziamenti elettorali” o “commissioni di consulenza”. Basta considerare le gratifiche da mezzo milione pagate ai Clinton da finanziatori di Wall Street per 30 minuti di recita compiacente per influenzare la stipula di contratti. Nella politica estera, i leader cinesi difendono gli interessi nazionali. I leader statunitensi spudoratamente si rivolgono ai lobbisti israeliani promuovendo gli interessi di Tel Aviv. I leader cinesi emarginano i critici in nome dell’armonia, stabilità, pace e crescita. I leader statunitensi emarginano, imprigionano e brutalizzano afroamericani, immigranti, ambientalisti e attivisti contro la guerra, così come chi denuncia Wall Street e il governo, nel nome del liberismo e di vaghi valori demoliberali.
La Cina, con tutti gli inconvenienti su procedure e diritti democratici, si muove verso una società dinamica meno corrotta, meno bellicosa e più responsabile, con una leadership attenta e sviluppata. Gli Stati Uniti vanno verso una società ancor più corrotta, crudele e dispotica (“Stato di polizia”) con capi impresentabili, guerrafondai e criminogeni al timone. Il divario tra promesse e prestazioni si allarga negli Stati Uniti mentre si restringe in Cina. Il rigoroso processo di selezione meritocratica della Cina ha dimostrato maggiore capacità di rispondere alle nuove sfide e alle esigenze della maggioranza rispetto alla buffonata elettorale statunitense disfunzionale e corrotta, che non può nemmeno affrontare la crisi della tossicodipendenza causata da sovra-prescrizione non regolamentata di oppiacei, crisi del cambiamento climatico e mega-tempeste che devastano le comunità statunitensi.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

L’APEC nota la fine dell’influenza degli USA in Asia

MK Bhadrakumar, Indian Punchline, 12 novembre 2017Se il forum APEC ha fornito un terreno di prova per stimare quanto gli Stati Uniti possano risuscitare il proprio potere in Asia, il summit di Da Nang segnala che sarà un lungo cammino, caso mai. Il punto è, mentre gli Stati Uniti sottolineano la propria posizione militare, la battaglia per l’influenza in Asia si acuirà e diverrà invece economica. Gli Stati Uniti hanno perso la faccia ritirandosi dall’accordo di partenariato Trans-Pacifico (TPP). La missione dell’APEC a Da Nang era continuare sulla linea del sistema di scambi aperto. Il dinamismo economico dell’Asia dipende decisamente dall’ambiente estero. Peter Drysdale, professore emerito all’Università Nazionale Australiana, scriveva la settimana prima: “La fiducia nel sistema commerciale globale è importante per l’Asia. Ha sostenuto interdipendenza, prosperità economica e sicurezza politica asiatica in passato e continuerà a farlo in futuro. Pertanto, osservando questi interessi strategici globali, l’Asia ha un ruolo nuovo e critico da svolgere. L’APEC è il teatro in cui deve iniziare l’azione“. Da questa prospettiva, quando il presidente Donald Trump si rivolse al vertice APEC, fece il discorso sbagliato nel posto sbagliato. (Trascrizione). Trump minacciava che gli Stati Uniti non tollereranno più “abusi commerciali continui”, lamentandosi degli squilibri commerciali e sostenendo che il commercio libero era costato milioni di posti di lavoro statunitensi, paragonando “reciproci equilibrio e vantaggio” col “commercio reciproco”, scagliandosi contro il World Trade Organization. Trump chiudeva la porta agli accordi regionali di libero scambio. La grande diplomazia della transazione veniva così espressa. Tuttavia i leader asiatici affermavano la priorità delle soluzioni multilaterali ai problemi commerciali globali. Col TPP finito, la Partnership regionale economica globale guidata dall’ASEAN è l’unica strategia esistente, e gli Stati Uniti non sono nemmeno presenti. Al contrario, non sarà sfuggito al pubblico asiatico che il discorso del Presidente cinese Xi Jinping, subito dopo Trump, presentava una visione molto diversa del futuro del commercio globale. (Trascrizione).
Il Presidente Xi affermava che la globalizzazione è irreversibile e salutava l’accredito cinese come nuovo campione del commercio mondiale. “Dovremmo sostenere il regime multilaterale dei negoziati e praticare il regionalismo aperto per permettere agli aderenti in via di sviluppo di trarre il massimo vantaggio dal commercio internazionale e dagli investimenti“, esortava Xi, parlando di economia digitale, scienza quantistica, intelligenza artificiale, ecc., e descrivendo una visione del futuro coerente e completa. A proposito, mentre Xi parlava al vertice APEC, la Cina annunciava piani storici per ridurre i limiti della proprietà estera di gruppi finanziari. Il FT riferiva che Pechino propone di rilassare od eliminare i limiti sulla proprietà nei mercati commerciali, titoli, futures, asset management e assicurazioni. La Cina utilizza i requisiti di joint venture e caps ownership su un’ampia gamma di industrie per proteggere i gruppi nazionali dalla concorrenza e indurre la condivisione di tecnologie e competenze di gestione estere coi partner locali. Xi affermava nel suo discorso, “Nei prossimi 15 anni, la Cina avrà un mercato ancora più grande e uno sviluppo completo. Si stima che la Cina importerà merci per 24 trilioni di dollari USA, attirerà investimenti diretti per 2 trilioni di dollari e avrà 2 miliardi di dollari di investimenti in uscita“. In confronto, Trump è sempre più escluso dai partenariati. Quando tre primi ministri dell’ASEAN, Malaysia, Thailandia e Singapore, hanno recentemente visitato Washington, Trump celebrò l’evento come accordo di acquisti. Gli asiatici portano regali come espressione materiale di amicizia, ma Trump l’ignora e li celebra come trionfo dell'”America First“. Durante la visita del Primo ministro Malaysiano Najib Razak, il Khazanah Nasional (fondo sovrano del governo malese) e il Fondo previdenziale dei dipendenti (National Pension Fund Malaysia) annunciarono diversi miliardi di dollari di investimenti in progetti finanziari ed infrastrutturali negli Stati Uniti; Le Malaysia Airlines s’impegnavano ad esplorare le opzioni per acquisire altri aerei Boeing e motori General Electric per 10 miliardi di dollari. Il Primo ministro della Thailandia Prayut Chanocha promise che i militari del suo Paese avrebbero acquistato elicotteri Blackhawk, Lakota, Cobra, missili Harpoon e aggiornamenti del caccia F-16 assieme a 20 nuovi velivoli Boeing per le Thai Airways. Il gruppo Siam Cement decise di acquistare 155000 tonnellate di carbone per alleviare la situazione dei lavoratori statunitensi della “Rust Belt“, mentre la società petrolifera thailandese PTT accettava d’investire sul gas bituminoso dell’Ohio. Prayut e Trump inoltre firmarono un memorandum d’intesa per facilitare investimenti per 6 miliardi di dollari USA per presumibilmente generare oltre 8000 posti di lavoro negli Stati Uniti. Singapore propose l’acquisto di 39 aeromobili dalla Boeing Corporation che avrebbe generato 7000 posti di lavoro negli Stati Uniti. (Alla cerimonia della firma in TV, Trump sorrise ampiamente e strattonò scherzando il CEO della Boeing, pronunciando molto chiaramente alle telecamere, “Questi sono posti di lavoro, posti di lavoro americani, altrimenti non firmavo!“)
Ecco qui: il viaggio in Asia di Trump rafforza solo la percezione delle élite del sud-est asiatico secondo cui gli Stati Uniti perdono terreno strategico rispetto la Cina. In poche parole, l’efficacia della strategia asiatica basata principalmente sulla forza militare è incerta e insostenibile. La Dichiarazione dell’APEC (qui) testimonia che il discorso di Xi era in linea con lo spirito dei tempi, mentre Trump è rimasto fuori a produrre insulsi fuoco e fiamme. Nel momento in cui i giganti tecnologici cinesi si posizionano attentamente per sfruttare il previsto boom dell’economia digitale dell’ASEAN nel prossimo decennio, con la “One Belt, One Road” che avanza progressivamente con la firma di una rete di accordi di scambi e investimenti con la Cina al centro e creando una nuova rete di rifornimento globale, gli Stati regionali sperimentano concretamente i limiti della potenza statunitense. Quando Trump celebra accordi commerciali per 253 miliardi di dollari con la Cina, gli asiatici notano come tutte le strade portino a Pechino.Traduzione di Alessandro Lattanzio

60 ammiragli statunitensi indagati per corruzione

RussiaToday, 7 novembre 2017

L’indagine del dipartimento della Giustizia sulla corruzione riguardo un’azienda della difesa asiatica si amplia indagando su 60 ammiragli e centinaia di ufficiali della VII Flotta della Marina degli Stati Uniti, sconvolta dopo le collisioni mortali di sue navi. L’US Navy confermava di aver esaminato la condotta di 440 militari attivi e in pensione per eventuali violazioni delle leggi o delle norme federali sull’etica nel caso di Leonard Glenn Francis, magnate marittimo di Singapore noto come “Fat Leonard”. Sono indagati 60 ammiragli secondo il Washington Post. Il dipartimento della Giustizia studiava i casi di certi individui “che non hanno violato la soglia del processo civile, ma possono aver commesso reati nell’ambito del sistema giudiziario militare”. È doppio del numero degli ammiragli che l’US Navy aveva dichiarato oggetto di indagini lo scorso anno. Ci sono circa 210 ammiragli attualmente in servizio. Più della metà degli indagati, 230 persone, non sono considerati colpevoli di cattiva condotta, e alcuni avrebbero avuto pochi o alcun contatto con Francis, afferma l’US Navy, che ha detto che i nomi degli indagati sono tenuti segreti per evitare di comprometterne la carriera. “Il rilascio di tali informazioni… probabilmente rivelerebbe dettagli cruciali su ampiezza e portata delle indagini e dei casi in sospeso“, dichiarava il comandante Mike Kafka, portavoce dell’US Navy, Finora l’US Navy ha accusato cinque persone di reati della legge militare, e nessuno ammiraglio. La maggior parte degli ufficiali sono sospettati di partecipare a feste nei migliori ristoranti asiatici pagati da Francis, che ha fatto fortuna rifornendo le navi statunitensi nei porti del Pacifico da Brisbane, in Australia, a Vladivostok, in Russia. Francis era noto ospitare feste dopo cena, spesso con prostitute, che a volte duravano giorni, secondo i documenti dei federali. I procuratori federali affermano che in cambio gli ufficiali fornivano a Francis informazioni classificate o interne che permisero alla sua ditta, Glenn Defence Marine Asia (GDMA), di estorcere 35 milioni di dollari all’US Navy. I dati includono i movimenti delle navi ed informazioni contrattuali riservate. In alcuni casi, i comandanti portarono le navi nei porti dove GDMA imponeva tariffe e tasse false, secondo i procuratori. I casi sono stati descritti come la peggiore corruzione nella storia dell’US Navy dalla Seconda Guerra Mondiale. Gli incidenti risalgono dal 1992 al 2004.
Il peculato di Francis ai danni dell’US Navy fu un segreto noto da anni. In risposta a una denuncia per frode, il Servizio di Ricerca Criminale Navale (NCIS) ha aperto più di due dozzine di indagini sulla Glenn Defence nel 2006, secondo i documenti del tribunale. Il dipartimento della Giustizia accusava 28 persone, tra cui 2 ammiragli, da quando Francis è stato arrestato con un’operazione internazionale nel settembre 2013. A marzo, 8 ufficiali dell’US Navy furono accusati di aver accettato “viaggi di lusso, cene sontuose e servizi di prostitute” da Francis. Tra costoro vi è il contrammiraglio Bruce Loveless, recentemente mandato in pensione dal Pentagono, così come 4 capitani e un tenente di vascello dell’US Navy in pensione. Sono stati arrestati dal dipartimento della Giustizia in cinque Stati e sono accusati di corruzione, cospirazione per commettere corruzione, frode, ostruzione alla giustizia e dichiarazioni false agli investigatori federali. Francis, 53 anni, si è dichiarato colpevole nel 2015 della corruzione di decine di ufficiali dell’US Navy e di aver sottratto al governo oltre 35 milioni di dollari. È in custodia in un carcere di San Diego e aspetta la sentenza.
Le ultime rivelazioni nello scandalo “Fat Leonard” si hanno mentre la VII Flotta subisce le conseguenze di due collisioni mortali in mare. 2 cacciatorpediniere lanciamissili, USS John S. McCain e USS Fitzgerald, sono stati speronati da mercantili nel Pacifico questa estate. Nei due incidenti sono morti 17 marinai. Il comandante della flotta, Viceammiraglio Joseph Aucoin, è stato dimesso il mese prima che andasse in pensione. L’Ammiraglio Scott Swift, comandante della Flotta del Pacifico statunitense, si dimise a settembre dopo essere stato informato che non sarebbe stato promosso al Comando del Pacifico degli Stati Uniti. Annunciava il pensionamento a sorpresa su Facebook. La VII Flotta schiera 70 navi, 20000 marinai e 140 aeromobili.

“La prossima volta non sarà una crociera“, la Russia avverte gli Stati Uniti contro i volo sulle sue basi in Siria
Fort Russ , 9 novembre 2017

Il Centro di coordinamento russo di Humaymim confermava che un aereo di ricognizione P-8A Poseidon statunitense, in grado di rilevare sottomarini, era decollato dalla stazione aeronavale di Sigonella, in Sicilia, per volare vicino alle basi russe sulle coste siriana, veniva rilevata dai radar russi. Poche ore dopo, i radar russi rilevavano un altro velivolo statunitense, un velivolo strategico e di lungo raggio che volava a bassa quota, a pochi chilometri dalla base aerea russa di Humaymim, nella provincia di Latqaqia, nel nord-ovest della Siria. “Tali provocazioni non sono le prime e riflettono la codardia degli statunitensi“, dichiarava Aleksandr Ivanov, portavoce della base aerea di Humaymim, in un avvertimento alle forze statunitensi.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Pianificazione economica strategica cinese contro capitalismo fallito degli USA

Prof. James Petras, Global Research, 05 novembre 2017I giornalisti e i commentatori, i politici e i sinologi statunitensi passano tempo a speculare sulla personalità del Presidente Xi Jinping e le sue nomine negli organi dirigenti del governo cinese, come se questi siano gli aspetti più importanti del 19.mo Congresso Nazionale il Partito Comunista Cinese (dal 18 al 24 ottobre 2017). Abbandonatasi a pettegolezzi, speculazioni fittizie e denigrazione dei leader, la stampa occidentale non bada ai cambiamenti storici in corso in Cina e nel mondo. I cambiamenti storici mondiali, articolati dal Presidente Xi Jinping, sono presenti nelle visione, strategia e programma del Congresso. Queste si basano su una rigorosa indagine sulle attuali e future realizzazioni della Cina. Scopo, proiezioni e presenza del Presidente cinese sono in netto contrasto con il caos, la demagogia e le calunnie della miliardaria campagna presidenziale degli USA e le sue conseguenze vergognose. La chiarezza e la coerenza di un profondo pensatore strategico come il Presidente Xi Jinping contrastano con le dichiarazioni improvvisate, contraddittorie e incoerenti del presidente e del Congresso degli Stati Uniti. Non si tratta solo di stile ma di contenuto sostanziale. Procederemo nel saggio confrontando contesto, contenuto e direzione dei due sistemi politici.

Cina: Pensiero strategico e risultati positivi
La Cina, innanzitutto, ha deciso le linee guida strategiche ben definite che sottolineano le priorità macroeconomiche e militari nei prossimi cinque, dieci e vent’anni. La Cina è impegnata a ridurre l’inquinamento in tutte le sue manifestazioni attraverso la trasformazione dell’economia dall’industria pesante ad un’economia di servizio ad alta tecnologia, passando dagli indicatori quantitativi a quelli qualitativi. In secondo luogo, la Cina aumenta l’importanza relativa del mercato interno e riduce la dipendenza dalle esportazioni. La Cina aumenta gli investimenti in salute, istruzione, servizi pubblici, pensioni e indennità per la famiglia. In terzo luogo, la Cina intende investire pesantemente in dieci settori prioritari economici, come informatica, robotica, veicoli a risparmio energetico, dispositivi medici, tecnologia aerospaziale e trasporto marittimo e ferroviario. Si tratta di tre miliardi di dollari per aggiornare la tecnologia nelle industrie chiave, tra cui veicoli elettrici, tecnologia del risparmio energetico, controllo numerico (digitalizzazione) e diverse altre aree. La Cina intende aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo del 95%, arrivando al 2% del PIL. Inoltre, la Cina ha già intrapreso iniziative per lanciare il ‘petroyuan’ e por fine al dominio finanziario globale statunitense. La Cina è leader mondiale nelle reti infrastrutturali globali con la Via della Seta eurasiatica. Porti, aeroporti e ferrovia già collegano venti città cinesi ad Asia centrale, occidentale e meridionale, Africa ed Europa. La Cina ha istituito una banca multilaterale d’investimento nelle infrastrutture asiatiche (con oltre 60 nazioni aderenti) contribuendo per 100 miliardi di dollari al suo finanziamento iniziale. La Cina ha combinato la sua rivoluzione nella raccolta ed analisi dei dati con la pianificazione centrale per distruggere la corruzione e migliorare l’efficienza nell’assegnazione dei crediti. L’economia digitale di Pechino è ora al centro dell’economia digitale globale. Secondo un esperto, “la Cina è il leader mondiale nei pagamenti effettuati da dispositivi mobili” (11 volte gli Stati Uniti). Una su tre iniziative mondiali valutate più di 1 miliardo di dollari, è in Cina (FT 10/28/17, pag. 7). La tecnologia digitale è stata sfruttata dalle banche statali per valutare i rischi di credito e ridurre notevolmente il debito. Ciò garantirà che il finanziamento crei un nuovo modello dinamico flessibile che combini pianificazione razionale col vigore imprenditoriale (ibid). Di conseguenza, la Banca Mondiale controllata dall’USA/UE ha perso la centralità nel finanziamento globale. La Cina è già il maggiore partner commerciale della Germania e diventa il principale partner commerciale della Russia e sua alleata nelle sanzioni. La Cina ha ampliato le missioni commerciali nel mondo, sostituendo gli Stati Uniti in Iran, Venezuela e Russia, dove Washington ha imposto sanzioni bellicose. Mentre la Cina ammoderna i suoi programmi di difesa e aumenta la spesa militare, quasi tutto s’incentra sulla “difesa interna” e la protezione delle vie commerciali marittime. La Cina non si è impegnata in una sola guerra per decenni. Il sistema cinese di pianificazione centrale consente al governo di stanziare risorse per l’economia produttiva e i settori di massima priorità. Col Presidente Xi Jinping, la Cina ha creato un sistema investigativo e giudiziario che porta all’arresto e all’incriminazione di oltre un milione di funzionari corrotti nel settore pubblico e privato. L’alto status non protegge dalla campagna anti-corruzione del governo: oltre 150 membri del Comitato Centrale e plutocrati miliardari sono stati dimessi. Altrettanto importante, il controllo centrale della Cina sui flussi di capitali (verso l’estero e verso l’interno) consente l’assegnazione di risorse finanziarie a settori produttivi ad alta tecnologia, limitando la fuga di capitali o loro diversione nell’economia speculativa. Di conseguenza, il PIL della Cina è cresciuto del 6,5-6,9% all’anno, quattro volte il tasso dell’UE e tre volte quello degli Stati Uniti. Per domanda, la Cina è il maggiore mercato mondiale e cresce. I redditi sono in crescita, soprattutto presso i lavoratori salariati. Il Presidente Xi Jinping ha individuato le disuguaglianze sociali come una delle principali aree da rettificare nei prossimi cinque anni.Stati Uniti: Caos, ritirata e reazione
Al contrario, presidente e Congresso degli Stati Uniti non hanno creato una visione strategica per il Paese, almeno in relazione a proposte concrete e priorità socioeconomiche che potrebbero giovare al cittadino. Gli Stati Uniti hanno 240000 soldati attivi e riservisti in 172 Paesi. La Cina ne ha meno di 5000 in un Paese, Gibuti. Le basi statunitensi hanno 40000 truppe in Giappone, 20000 in Corea del Sud, 36000 in Germania, 8000 nel Regno Unito e oltre 1000 in Turchia. La Cina ha un numero equivalente di personale civile altamente qualificato impegnato in attività produttive in tutto il mondo. Le missioni d’oltremare della Cina e i suoi esperti operano a vantaggio della crescita economica globale e cinese. I conflitti multipli in Afghanistan, Iraq, Siria, Libia, Yemen, Nigeria, Somalia, Giordania e altre nazioni hanno assorbito e deviato centinaia di miliardi di dollari dagli investimenti produttivi nell’economia domestica. In pochi casi la spesa militare ha costruito strade e infrastrutture utili che potrebbero essere considerate di “doppio uso”, ma in gran parte le attività militari statunitensi all’estero sono brutalmente distruttive, come dimostra il deliberato smembramento di Jugoslavia, Iraq e Libia. Gli Stati Uniti non hanno la coerenza della leadership politica e strategica della Cina. Mentre il caos è inerente alla politica del sistema finanziario liberista degli Stati Uniti, si è particolarmente diffuso e reso pericoloso col regime Trump. Democratici e repubblicani del Congresso, uniti e divisi, affrontano attivamente il presidente Trump su ogni questione, non importa quanto importante sia. Trump improvvisa e altera la politica ad ogni ora, al massimo ogni giorno. Gli Stati Uniti dispongono di un sistema di partiti in cui una parte ufficialmente domina l’amministrazione con due grandi rami affaristico-militari. Gli Stati Uniti spendono oltre 700 miliardi di dollari l’anno per perseguire sette guerre e fomentare ‘cambi di regime’ o colpi di Stato su quattro continenti e otto regioni negli ultimi due decenni. Ciò ha causato solo disinvestimento nell’economia domestica con deterioramento delle infrastrutture cruciali, perdita dei mercati, declino socioeconomico diffuso e riduzione della spesa per la ricerca e lo sviluppo di beni e servizi. Le prime 500 società statunitensi investono all’estero, soprattutto per approfittare di regioni dalla bassa fiscalità e manodopera a basso costo, evitando lavoratori e tasse statunitensi. Allo stesso tempo, tali società condividono tecnologia e mercati coi cinesi.
Oggi, il capitalismo statunitense è in gran parte diretto da e per le istituzioni finanziarie che assorbono e deviano capitali dagli investimenti produttivi, generando un’economia squilibrata e in crisi. Al contrario, la Cina decide tempistica e collocazione degli investimenti così come i tassi di interesse bancari, mirando agli investimenti prioritari, specialmente nei settori ad alta tecnologia più avanzati. Washington ha speso miliardi per costose ed improduttive infrastrutture militari (basi militari, porti, basi aeree, ecc.) per sostenere regimi aleatori e corrotti. Di conseguenza, gli Stati Uniti non hanno nulla di simile al progetto infrastrutturale cinese da miliardi di dollari della Via della Seta che collega continenti e grandi mercati regionali e genera milioni di posti di lavoro produttivi. Gli Stati Uniti hanno rotto i legami globali coi centri di crescita dinamici. Washington ha una retorica sciovinistica autistica e insensata nell’imporre una politica commerciale, mentre la Cina promuove reti globali attraverso joint venture. La Cina integra i collegamenti dei rifornimenti internazionali assicurandosi l’alta tecnologia occidentale e il lavoro a basso costo in Oriente. I guadagni dei grandi gruppi industriali statunitensi e l’aumento delle scorte nelle costruzioni e nell’aviazione sono prodotti grazie ai forti legami con la Cina. Caterpillar, United Technologies 3M e US Car company registrano crescite a due cifre nelle vendite alla Cina. Al contrario, il regime di Trump ha assegnato (e speso) miliardi per gli appalti militari minacciando guerre contro i vicini della Cina e per interferire col suo commercio marittimo.

Declino degli Stati Uniti e delirio mediatico
Ritirata e declino economico statunitensi hanno spinto i mass media nel frenico idiota assalto diretto al presidente della Cina Xi Jinping. Tra gli scaccolatori della stampa, gli scribacchini del Financial Times vincono il primo premio dell’idiozia acida. Mercenari e santoni del Tibet sono descritti come esempi di democrazia e “vittime” dello… Stato fiorente e modernizzatore cinese, privo dei “valori occidentali” (sic) sconvolgendo gli aggressori anglo-statunitensi! Per denigrare il sistema cinese di pianificazione nazionale e gli sforzi conseguenti per collegare l’economia ad alta tecnologia col miglioramento del tenore di vita della popolazione, i giornalisti di FT castigano il Presidente Xi Jinping per i seguenti difetti:
1) Non essere comunista come Mao Zedong o Deng Xiaopeng
2.) Essere troppo “autoritario” (o aver troppo successo) nella campagna per eliminare i funzionari corrotti.
3) Definire obiettivi a lungo termine seri, confrontandosi e superando i problemi economici, affrontando il “pericoloso” livello del debito.
Mentre la Cina ha allargato l’orizzonte culturale, l’élite globale anglosassone aumenta la possibilità di una guerra nucleare. La diffusione culturale ed economica della Cina nel mondo viene spacciata dal Financial Times come “potere morente sovversivo”. La mentalità da stato di polizia dei media occidentali vede il successo della Cina come una cospirazione. Ogni scrittore, pensatore o responsabile politico che studia e loda il successo della Cina viene definito cretino o agente del sommo Presidente Xi Jinping. Senza sostanza o riflessioni, FT (10/27/17) avverte lettori e poliziotti ad essere vigili ed evitare di farsi sedurre dalle storie sul successo della Cina! La crescente leadership della Cina nella produzione automobilistica è evidente nell’avanzata verso il dominio del mercato dei veicoli elettrici. Ogni grande compagnia automobilistica statunitense ed europea ha ignorato gli avvertimenti degli ideologi dei media occidentali e si è precipitata a formare joint venture con la Cina. La Cina ha una politica industriale. Gli Stati Uniti una di guerra. La Cina prevede di superare Stati Uniti e Germania su intelligenza artificiale, robotica, semiconduttori e veicoli elettrici entro il 2025. E lo farà, perché queste sono le priorità scientifiche ed economiche accuratamente pronunciate. Spaventosamente e ignobilmente, la stampa statunitense persegue le dilaganti storie sugli stupratori di Hollywood come il potente boss cinematografico Harvey Weinstein e le sue centinaia di vittime, ignorando la notizia storica mondiale dei rapidi progressi economici della Cina. Le élite commerciali statunitensi sono impegnate a spingere il loro presidente e il Congresso degli Stati Uniti a ridurre le tasse all’élite miliardaria, mentre 100 milioni di cittadini statunitensi rimangono senza assistenza sanitaria e registrano una minore aspettativa di vita! Washington sembra impegnata nella regressione pianificata dallo Stato. Mentre le bombe statunitensi cadono sullo Yemen e i contribuenti statunitensi finanziano il gigantesco campo di concentramento israeliano una volta conosciuto come “Palestina”, la Cina costruisce sistemi stradali e ferroviari che collegano Himalaya ed Asia centrale all’Europa. Mentre Sherlock Holmes applica la scienza dell’osservazione e della deduzione, i media e i politici statunitensi perfezionano l’arte della confusione e dell’inganno. In Cina, gli scienziati e gli innovatori svolgono un ruolo centrale nella produzione e nell’introduzione di beni e servizi per la classe media e lavoratrice in espansione. Negli Stati Uniti, l’élite economica svolge un ruolo centrale nell’esacerbare le disuguaglianze, aumentando i profitti e riducendo le tasse e trasformando il lavoratore statunitense in lavoratore precario, destinato a morire prematuramente in condizioni facili da prevenire. Mentre il Presidente Xi Jinping lavora in collaborazione con i migliori tecnici della nazione per subordinare gli obiettivi militari a quelli civili, il presidente Trump e la sua amministrazione subordinano le loro decisioni economiche al complesso militare-industriale-finanziario-israeliano. Pechino investe in reti globali di scienziati, ricercatori e studiosi. I nauseanti democratici e repubblicani degli Stati Uniti lavorano coi giganti mediatici (tra cui il rispettabile Financial Times) per finanziare e realizzare complotti sotto il letto presidenziale di Trump.Conclusione
La Cina licenzia e processa i funzionari corrotti e sostiene gli innovatori. La sua economia cresce con investimenti, joint ventures e grande capacità di apprendere dall’esperienza e da una potente raccolta dati. Gli Stati Uniti sprecano le risorse nazionali perseguendo guerre, speculazioni finanziarie e corruzione di Wall Street. La Cina indaga e punisce i suoi affaristi e funzionari pubblici corrotti, mentre la corruzione sembra essere il criterio per l’elezione o la nomina ad alti incarichi negli Stati Uniti. I media statunitensi adorano i loro miliardari evasori e pensano che possano ipnotizzare il pubblico con un’illustrazione abbagliante di pacchianeria, incompetenza ed arroganza. La Cina dirige l’economia pianificata affrontando le priorità nazionali. Utilizza le risorse finanziarie per perseguire programmi infrastrutturali storici, che rafforzeranno i partenariati globali con progetti reciprocamente vantaggiosi. Non c’è da meravigliarsi che la Cina sia vista come volta al futuro con grandi progressi, mentre gli Stati Uniti sono considerati una caotica spaventosa minaccia alla pace mondiale e i suoi pubblicisti come volenterosi complici. La Cina non è priva di carenze nell’espressione politica e nei diritti civili. La mancata rettifica delle disuguaglianze sociali e il mancato arresto del flusso di miliardi di dollari di ricchezza illecite, e i problemi irrisolti con la corruzione del regime continueranno a generare conflitti di classe. Ma il punto importante da notare è la direzione che la Cina ha scelto di assumere e la capacità e l’impegno di identificare e correggere i principali problemi che affronta. Gli Stati Uniti hanno abdicato alle proprie responsabilità. Non sono disposti o capaci di sfruttare le proprie banche per investire nella produzione nazionale ed espandere il mercato interno. Non sono per nulla disposti ad identificare e rimuovere i manifestamente incompetenti ed incarcerare funzionari e politici grossolanamente corrotti di entrambi i partiti e delle élite. Oggi, la travolgente maggioranza dei cittadini statunitensi disprezza, diffida e rigetta l’élite politica. Più del 70% pensa che le divisioni politiche fasulle ed inani siano al massimo dopo oltre 50 anni, paralizzando il governo. L’80% riconosce che il Congresso è incapace e l’86% crede che Washington sia disonesta. Non si è mai avuto un impero di tale potenza illimitata sbriciolarsi e decadere con tale pochezza. La Cina è un impero economico in ascesa, avanzando coll’impegno attivo nel mercato delle idee e non con guerre inutili contro concorrenti ed avversari di successo. Mentre gli Stati Uniti declinano, i loro pubblicisti degenerano. La denigrazione incessante sui media della Cina e delle sue realizzazioni è lo scadente sostituto dell’analisi. Le strutture politiche inadeguate degli Stati Uniti coi loro capi politici incompetenti, liberisti e senza visione strategica, si sgretolano davanti ai progressi della Cina.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Cancellare l’Unione Sovietica

L’attacco nucleare statunitense contro l’URSS programmato durante la Seconda guerra mondiale
Prof. Michel Chossudovsky, Global Research, 4 novembre 2017

Secondo un documento segreto datato 15 settembre 1945, “il Pentagono aveva previsto il bombardamento dell’Unione Sovietica con un attacco nucleare coordinato diretto contro le grandi aree urbane. Tutte le principali città dell’Unione Sovietica furono incluse nell’elenco di 66 obiettivi “strategici”. Le tabelle seguenti classificavano ogni città secondo l’area in miglia quadrate e il corrispondente numero di bombe atomiche necessarie per annientare e uccidere gli abitanti di queste aree urbane. Sei bombe atomiche dovevano essere utilizzate per distruggere ognuna delle grandi città come Mosca, Leningrado, Taskent, Kiev, Kharkov, Odessa. Il Pentagono stimò che sarebbe state necessarie in totale 204 bombe per “cancellare l’Unione Sovietica”.” Gli obiettivi dell’attacco nucleare erano sessantacinque grandi città. La bomba atomica sganciata su Hiroshima causò la morte immediata di 100000 persone in sette secondi. Immaginate cosa sarebbe successo se 204 bombe atomiche venivano sganciate sulle grandi città dell’Unione Sovietica come descritto dal piano segreto statunitense formulato durante la Seconda guerra mondiale. Il documento che illustra tale diabolica agenda militare fu stilato nel settembre 1945, appena un mese dopo il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki (6 e 9 agosto 1945) e due anni prima dell’inizio della Guerra fredda (1947). Il piano segreto datato 15 settembre 1945 (due settimane dopo la resa del Giappone, il 2 settembre 1945, sulla Missouri), tuttavia era già stato formulato in precedenza, durante la Seconda Guerra Mondiale, quando USA e Unione Sovietica erano stretti alleati. Va notato che Stalin fu informato per la prima volta ufficialmente da Harry Truman del famoso progetto Manhattan, alla Conferenza di Potsdam il 24 luglio 1945, appena due settimane prima del bombardamento di Hiroshima. Il progetto Manhattan fu avviato nel 1939, due anni prima dell’ingresso degli USA nella Seconda guerra mondiale nel dicembre 1941. Il Cremlino era pienamente consapevole del progetto segreto Manhattan già nel 1942.Il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki dell’agosto 1945 fu voluto dal Pentagono per valutare il bombardamento dell’Unione Sovietica con 204 bombe atomiche? “Il 15 settembre 1945, poco più di due settimane dopo la resa del Giappone e la fine della Seconda guerra mondiale, Norstad inviò una copia della stima al generale Leslie Groves, a capo del progetto Manhattan e che comunque a breve sarebbe divenuto responsabile della produzione delle bombe volute dall’USAAF. Come immaginabile, la classificazione di questo documento fu massima: “TOP SECRET LIMITED”, il massimo durante la Seconda guerra mondiale“. (Alex Wellerstein, Prime stime della riserva atomica (settembre 1945)).
Il Cremlino sapeva del piano del 1945 per bombardare sessantacinque città sovietiche. Se gli Stati Uniti avessero deciso di non sviluppare armi nucleari da utilizzate contro l’Unione Sovietica, la corsa agli armamenti non ci sarebbe stata. Né Unione Sovietica né Repubblica Popolare Cinese avrebbero sviluppato la deterrenza nucleare. L’Unione Sovietica perse 26 milioni di persone durante la Seconda guerra mondiale, e sviluppò la sua propria bomba atomica nel 1949, in risposta ai rapporti d’intelligence sovietici del 1942 sul progetto Manhattan. “Finiamola. Quante bombe atomiche erano richieste dall’USAAF in generale, quando c’era forse materiale fissile per una o due bombe a portata di mano? Ne voleva almeno 123. Idealmente 466. Questo un mese dopo i bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki. Naturalmente, in modo burocratico, tracciò un grafico su carta” (Alex Wellerstein, op cit).
La lista iniziale del 1945 di sessantacinque città fu aggiornata nel corso della Guerra fredda (1956) arrivando a circa 1200 città dell’URSS e del blocco sovietico dell’Europa orientale (cfr. Documenti seguenti). “Secondo il piano del 1956, le bombe H dovevano essere utilizzate contro gli obiettivi prioritari della “Potenza aerea” in Unione Sovietica, Cina ed Europa orientale. Le principali città del blocco sovietico, compresa Berlino, furono in cima alla “distruzione sistematica” con le bombe atomiche”. Lista di 1200 bersagli del Blocco sovietico, “dalla Germania orientale alla Cina”, di William Burr.Nell’epoca post-guerra fredda, sotto Fuoco e furia di Donald Trump, la guerra nucleare contro Russia, Cina, Corea democratica e Iran è “prevista”.
Cosa distingue la crisi dei missili dell’ottobre 1962 alla realtà odierna:
1. Il presidente Donald Trump non ha idea delle conseguenze della guerra nucleare.
2. Le comunicazioni tra Casa Bianca e Cremlino oggi sono al minimo. Al contrario, nell’ottobre 1962, i leader di entrambe le parti, John F. Kennedy e Nikita S. Khrushjov, erano ben consapevoli dei pericoli dell’estinzione nucleare e collaborarono per evitare l’impensabile.
3. La dottrina nucleare era completamente diversa durante la Guerra fredda. Washington e Mosca capirono le realtà della distruzione reciprocamente assicurata. Oggi le armi nucleari tattiche dalla potenza da un terzo a sei volte la bomba di Hiroshima sono classificate dal Pentagono come “innocue per i civili perché l’esplosione è sotterranea“.
4. È in corso un programma nucleare da oltre un trilione di dollari, iniziato da Obama.
5. Le bombe termonucleari di oggi sono più di 100 volte più potenti e distruttive della bomba di Hiroshima. Stati Uniti e Russia hanno diverse migliaia di armi nucleari. Inoltre, la guerra totale contro la Cina è prevista dal Pentagono come indicato da una relazione della RAND Corporation commissionata dall’esercito degli Stati Uniti.

“Fuoco e furia”, da Truman a Trump: la follia della politica estera statunitense
C’è la lunga storia della follia politica statunitense volta a dare un volto umano ai crimini contro l’umanità degli Stati Uniti. Il 9 agosto 1945, il giorno in cui la seconda bomba atomica fu sganciata su Nagasaki, il presidente Truman, parlando alla radio, concluse che Dio è con l’America sull’uso dell’arma nucleare, e ciò “Ci può guidare ad usarla nei modi e scopi appropriati”. Secondo Truman: Dio è con noi, deciderà se e quando usare la bomba: “Dobbiamo preparare i piani per il futuro controllo della bomba. Chiedo al Congresso di cooperare fino alla fine per controllarne produzione ed uso, e che la sua potenza possa influenzare in modo straordinario la pace mondiale. Dobbiamo avere il monopolio di questa nuova forza, per evitarne l’uso improprio e metterla al servizio dell’umanità. È una nostra terribile responsabilità. Ringraziamo Dio che le armi nucleari siano nostre anziché dei nostri nemici; e preghiamo che ci possa guidare nell’usarle nei modi e scopi appropriati”.Traduzione di Alessandro Lattanzio