Il trionfante vertice indo-russo di Goa

Ajay Kamalakaran, RIR, 15 ottobre 2016
India e Russia, infine, firmano un accordo per il sistema missilistico di difesa aerea S-400 Trjumf. I Paesi firmano anche altri 15 accordi dall’energia alle città intelligenti.
modiputin-621x414
India e Russia, il 15 ottobre, hanno firmato 16 contratti al 17.mo vertice bilaterale annuale, nello Stato occidentale indiano di Goa. Gli accordi vanno dalla difesa all’energia, tra cui l’attesissimo accordo per l’acquisto del sistema missilistico di difesa aerea S-400 Trjumf. Anche se i dettagli immediati dell’accordo per acquisire il sistema di difesa missilistica non sono disponibili, è opinione diffusa che l’India vi spenderà 5 miliardi. Nuova Delhi ha inoltre accettato di acquistare 3 fregate Proekt 11356. L’India ha 6 fregate classe Talwar, precursori del Proekt 11356, costruite presso il cantiere Jantar di Kaliningrad. Su un programma televisivo della rete indiana Doordarshan, l’ex- ambasciatore indiano in Russia, Ajai Malhotra, elogiava l’efficienza delle fregate furtive russe.

Make in India
Nella spinta del Primo Ministro indiano Narendra Modi sull’iniziativa ‘Make in India’, i Paesi hanno deciso di produrre congiuntamente 200 elicotteri utility Kamov Ka-226T in India. “Gli accordi sulla produzione degli elicotteri Kamov Ka-226T, la costruzione delle fregate e acquisizione e costruzione di altre piattaforme della difesa sono in sinergia con le priorità su tecnologia e sicurezza dell’India“, ha detto Narendra Modi nella conferenza stampa congiunta con il Presidente russo Vladimir Putin. Anche se non ci sono stati riferimenti diretti al Pakistan nella conferenza stampa, Modi ha detto che l’India ha profondamente apprezzato “comprensione e sostegno della Russia alle nostre azioni nella lotta al terrorismo che minaccia alle frontiere la nostra intera regione“. Il Primo Ministro indiano iniziava la conferenza stampa con un detto russo: “Un vecchio amico è meglio di due nuovi“.

Energia e infrastrutture
Russia e India hanno anche firmato importanti accordi energetici e infrastrutturali. La compagnia petrolifera russa Rosneft, insieme ai suoi partner, acquistava l’Essar Oil dell’India del valore di quasi 13 miliardi di dollari. È la maggiore acquisizione estera in India e il maggiore accordo mai realizzato da una società russa, secondo Reuters. Rosneft ottiene una quota del 49 per cento di Essar Oil e i due partner, l’olandese Trafigura e il fondo russo United Capital Partners, si divideranno un altro 49 per cento in parti uguali. Gli azionisti di minoranza avranno il restante 2 per cento una volta che la società sarà ricapitalizzata. La Russia inoltre decideva d’intensificare gli investimenti nelle infrastrutture dell’India. Il Fondo diretto infrastrutturale russo e il National Infrastructure Investment Fund indiano investiranno ognuno 500 milioni di dollari per creare un fondo comune per le infrastrutture da 1 miliardo. La Russia ha istituito fondi di investimento simili con la Cina, tra cui un fondo agricolo per l’estremo oriente russo. Le società russe investiranno anche nelle città intelligenti negli Stati indiani di Andhra Pradesh e Haryana. Le ferrovie indiane e russe firmavano un memorandum d’intesa per aumentare la velocità dei treni fra Nagpur e Secunderabad.

Avvio di Kudankulam 3 e 4
Via videoconferenza, Putin e Modi presenziavano all’avvio della seconda unità e lanciavano i lavori per la terza e quarta unità del Kudankulam Nuclear Power Project. Putin iniziava l’intervento alla conferenza stampa congiunta congratulandosi con i responsabili del successo dell’impianto di Kudankulam. “L’energia nucleare darà un contributo molto significativo alla sicurezza energetica dell’India“, aveva detto, “Darà ulteriore impulso alla crescita dell’economia indiana“. Il presidente russo aggiungeva che il suo Paese continuerà a promuovere l’ulteriore sviluppo dell’energia nucleare in India. “Nei prossimi 20 anni, almeno altri 12 reattori nucleari potrebbero essere costruiti in India con l’aiuto della Russia“, aveva detto. Putin elogiava anche la cooperazione economica tra i due Paesi. “Le industrie dei due Paesi migliorano la cooperazione; e anche la cooperazione militar-tecnica migliora“, aveva detto.

I principali vantaggi del vertice
Questi accordi dimostrano che nelle relazioni indo-russe, i settori delle tecnologie militari ed energetico sono i principali campi in cui si ha una cooperazione a lungo termine“, affermava Pjotr Topychkanov, esperto dell’ Asia del Sud e Associato al Programma di non proliferazione del Carnegie Moscow Center, aggiungendo che l’India potrebbe beneficiare immensamente dall’acquisizione dell’S-400. “Nel contesto regionale, il sistema di difesa aerea S-400 è strategico, consentendo all’India di controllare lo spazio aereo del Pakistan“. Sugli accordi energetici, comprendenti anche la proposta di Gazprom di aumentare l’impegno in India, Topychkanov affermava che la Russia apre lentamente l’industria energetica all’India. “In altre circostanze economiche e politiche la Russia difficilmente sarebbe stata d’accordo, dato che il suo obiettivo principale era l’occidente, prima delle crisi georgiana e ucraina. Ma ora Mosca è più flessibile. L’India è uno dei partner naturali nell’energia“. Aggiungeva che Russia e India devono andare oltre i settori tradizionali della cooperazione. “Credo ora, che il modo più efficace sia utilizzare la cooperazione militar-tecnologica ed energetica coinvolgendo attivamente le aziende private, ampliando i contatti esistenti tra le imprese russe e indiane nel campo delle tecnologie e dei prodotti dal duplice uso“. Modi e Putin avranno incontri bilaterali con altri leader dei BRICS il 15 ottobre, prima di partecipare al vertice dei BRICS.kudankulam6_826585f

Il sistema missilistico S-400 aumenterà le capacità militari dell’India
The BRICS Post  14 ottobre 20161030738398-e1450414587182Solo poche ore prima dell’ottavo vertice annuale dei BRICS, che si apre a Goa, le forze della difesa dell’India anticipavano la firma di un accordo da 5,85 miliardi di dollari per cinque sistemi missilistici di difesa aerea di nuova generazione russi S-400 ‘Trjumf‘. L’S-400 potrà inquadrare ogni tipo di bersaglio aereo, tra cui aerei e velivoli VLO (ad osservabilità molto bassa). L’ex-Capo di Stato Maggiore indiano Generale Shankar Roy Chowdhury (a riposo) dichiarava a BRICS Post che si attendeva la firma del contratto con la Russia. “Si suppone sia uno dei migliori sistemi missilistici del mondo“, ha detto Chowdhury, ex-parlamentare indiano. “Viene importato dalla Siria per contrastare gli attacchi missilistici d’Israele. La firma guarda al futuro del vertice BRICS“, aggiungeva. Gli analisti militari dicono che l’acquisizione dei sistemi missilistici di difesa aerea S-400 ‘Trjumf” aumenterà “drasticamente” il potenziale militare dell’India. “E quando la capacità militare viene migliorata, si migliora anche la resistenza in guerra della nazione e delle forze armate“, affermava il Generale DB Shekatkar, esperto della difesa.

Sistema di difesa multiruolo
La popolarità dell’S-400 sta nel fatto che può neutralizzare droni, missili balistici e da crociera entro un raggio di 400 km e una quota di 32 km. I sistemi missilistici di difesa aerea S-400 ‘Trjumf‘ sono dotato di tre diversi tipi di missili e di un radar di acquisizione in grado di tracciare fino a 300 obiettivi entro 600 km di raggio. Il Trjumf è un sistema costituito da otto lanciatori e una stazione di controllo. Spiegando il motivo per aver optato per il sistema d’arma russo, il Generale Shekatkar affermava che le forze armate indiane cercano tre criteri nell’acquisizione di armamenti: affidabilità, robustezza e ridondanza. “Perciò stipuliamo questo accordo con la Russia sull’S-400“, aggiungeva. “Acquisiamo armi e tecnologia dalla Russia da tempo, e la Russia è il nostro partner strategico. Le guerre del 1965, 1971 e Kargil dimostrano che l’equipaggiamento russo è affidabile“, affermava riferendosi alle guerre che l’India combatté con il vicino Pakistan. Altri analisti sostengono che l’India abbia la necessità degli S-400 e quindi l’acquisto imminente sia una buona acquisizione per le forze armate. “L’India firma alcuni accordi importanti con la Russia acquisendo S-400 ed elicotteri“, afferma Nitin Gokhale, analista della difesa, “Ci sarà anche un programma sull’FGFA (caccia di quinta generazione) e questo guarda al futuro“.modi-and-putin_1_0Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Putin: L’India è un partner strategico privilegiato della Russia

Kremlin 13 ottobre 2016
In vista della visita in India, Vladimir Putin ha rilasciato un’intervista a Rossija Segodnja. International News Agency e IANS News AgencyВстреча президента РФ В. Путина с премьер-министром Индии Н. МодиLe relazioni russo-indiane possono essere qualificate come partnership strategica privilegiata. Sull’economia, un perfetto esempio è la cooperazione nell’energia atomica, in particolare nella costruzione del NPP di Kudankulam. Quali altri settori della cooperazione russo-indiana parlano di un successo simile?
L’India è un partner strategico particolarmente privilegiato della Russia. La cooperazione tra i nostri Paesi compie buoni progressi in tutte le aree secondo i forti tradizionali amicizia, fiducia e mutuo rispetto. Russia e India sono alleati che garantiscono sicurezza strategica e stabilità, e costruzione di un ordine mondiale giusto. Lavoriamo a stretto contatto nelle principali organizzazioni multilaterali come BRICS, G20 e ONU. Questo ottobre saranno 16 anni dalla firma dello strumento chiave delle relazioni russo-indiane, la Dichiarazione sul partenariato strategico. Abbiamo fatto molto per promuovere l’intero meccanismo dei legami bilaterali durante questo periodo. I due Paesi hanno un dialogo politico attivo, con vertici ogni anno. La Commissione inter-governativa sulla cooperazione commerciale, economica, scientifica, tecnica e culturale lavora in modo efficiente. I nostri ministri degli Esteri, direttori dei consigli di sicurezza e dei ministeri sono regolarmente in contatto. Vi è un graduale aumento degli scambi inter-parlamentari, interregionali, commerciali e umanitari. Abbiamo sviluppato un quadro giuridico forte con oltre 250 accordi. L’India è stato e rimane il principale partner del commercio estero della Russia. Anche se il commercio tra i Paesi è sceso del 7,8 per cento nel 2015, insieme ai nostri partner indiani siamo decisi a superare la tendenza negativa che, a nostro avviso, è in gran parte associata alla volatilità sui mercati globali e dei tassi di cambio. Tanto più che i nostri scambi commerciali sono reciprocamente vantaggiosi e la loro struttura dimostra la complementarietà delle due economie. Chimica e ingegneria rappresentano una quota considerevole delle esportazioni della Russia e delle esportazioni dal Vostro Paese. L’industria energetica ha un ruolo importante nella cooperazione commerciale ed economica tra Russia e India. La costruzione del NPP Kudankulam è il più grande progetto a lungo termine. Nell’agosto 2016, il Primo ministro Narendra Modi ed io partecipammo ad una cerimonia dedicata all’attivazione della prima unità della centrale nucleare di Kudankulam della Repubblica dell’India. La seconda unità sarà attivata nel prossimo futuro. Il funzionamento del primo e secondo gruppo a piena capacità nominale aumenta significativamente la produzione di energia dell’India e ne rafforza la sicurezza energetica. La Rosatom State Atomic Energy Corporation e la Nuclear Power Corporation of India avviano i preparativi per la costruzione delle unità 3 e 4. I lavori sono in corso secondo il programma concordato. Il progetto è realizzato con il finanziamento della Federazione Russa. Il prestito del governo è pari a 3,4 miliardi di dollari, o l’85 per cento del valore totale dei contratti conclusi con le organizzazioni russe. Ora lavoriamo alla localizzazione della produzione di componenti in India. Abbiamo iniziato la valutazione della costruzione di centrali nucleari in altri siti in India. E viene stabilita la cooperazione tecnologica nel campo dell’arricchimento dell’uranio. Rafforziamo la cooperazione bilaterale nell’energia convenzionale. Durante il St Petersburg International Economic Forum tenutosi nel giugno 2016, Rosneft e un consorzio indiano firmavano un contratto per la vendita del 23,9 per cento delle azioni di Vankorneft, che possiede il campo Vankor nella regione di Krasnojarsk. Inoltre, Rosneft ha venduto una quota di azioni della Taas-Jurjakh Neftegazodobycha, società che sviluppa un giacimento in Siberia orientale, alle aziende indiane. Migliorare la struttura del fatturato commerciale, aumentando l’invio di prodotti ad alta tecnologia e sviluppando la cooperazione industriale, sono temi di attualità. Ben note società russe come Silove Mashinij, Gazprom, Strojtransgaz, Novolipetsk Steel (NLMK), Uralmashzavod, SIBUR Holding, Mechel, KAMAZ e molte altre operano nel mercato indiano. La realizzazione di grandi progetti promettenti è in corso nelle industrie meccanica, chimica e mineraria, aeronautica, farmaceutica, medicale, nanotecnologica e biotecnologica. La cooperazione nelle finanza e banche che coinvolge, tra gli altri, Banca VTB e Sberbank della Russia, avanza. E’ ovvio che le società russe vedano prospettive reali e assai attrattive nel mercato indiano. I nostri Paesi collaborano attivamente nell’industria militare. Le Russia rimane in testa nella fornitura diretta della maggior parte delle armi ed attrezzature militari avanzate e nella ricerca così come nella produzione congiunte con l’India per scopi militari. La costruzione del missile da crociera supersonico BrahMos e lo sviluppo del nuovo aereo da combattimento di quinta generazione sono tra i progetti comuni riusciti. Mi si permetta di aggiungere che molti progetti russi in India non solo hanno importanza commerciale ma svolgono anche un ruolo sociale ed economico significativo per le economie dei due Paesi, inserendosi armoniosamente nel nuovo programma di industrializzazione indiano proposto dal Signor Modi.

Il livello di cooperazione nell’investimento è uno dei criteri su relazioni bilaterali affidabili e fiduciose tra Paesi. A questo proposito, quali misure sono previste nel prossimo vertice russo-indiano? I piani per la privatizzazione di società russe influenzerà lo sviluppo del partenariato negli investimenti tra Russia e India?
Naturalmente, durante la nostra visita in India speriamo di dare nuovo slancio ai legami commerciali ed economici bilaterali, dato che le aziende di entrambi i Paesi sono interessate alla realizzazione di nuovi progetti reciprocamente vantaggiosi. Gli investimenti della Russia in India ammontano a circa 4 miliardi di dollari, mentre le imprese indiane hanno investito due volte tanto nell’economia russa, circa 8 miliardi di dollari. Sono convinto che Russia e India possano aumentare considerevolmente gli investimenti bilaterali. Per stimolare gli investimenti reciproci, programmiamo una discussione con i nostri partner indiani sulla possibilità di aggiornare l’accordo bilaterale per la promozione e reciproca protezione degli investimenti. Incoraggiamo le istituzioni di sviluppo, Fondo diretto russo e Vnesheconombank, ad essere più attivi nel finanziamento degli investimenti delle società russe. Un gruppo di lavoro sui progetti d’investimento prioritari è stato creato ed ora opera con successo nel quadro della Commissione intergovernativa. Le agenzie dei due Paesi, in collaborazione con il Forum sul commercio e gli investimenti India-Russia, sono impegnati in una rigorosa selezione delle iniziative imprenditoriali più promettenti individuando ed eliminando gli ostacoli alla libera circolazione delle merci, dei capitali e dei servizi. Fino ad oggi, sono stati scelti 20 progetti prioritari, 10 russi e 10 indiani, in settori come ingegneria dei trasporti, industria chimica, aeronautica e farmaceutica, comprendenti la costruzione da parte della SIBUR Holding di un impianto di gomma butilica dalla capacità operativa di 100000 tonnellate all’anno nella città di Jamnagar, e della produzione da parte della Lighting Technologies Company della Russia di apparecchi d’illuminazione per scopi generali e specifici nella città di Jigani, nello Stato del Karnataka. La System Financial Corporation sviluppa un modello di “città intelligente” in India. La Dauria Aerospace lavora sulla realizzazione della costellazione di satelliti per telecomunicazioni NextStar su orbita geostazionaria. I governi dei due Paesi potranno contribuire alla realizzazione di questi progetti.

I vertici dei BRICS sono stati già inclusi nell’agenda globale e si svolgono regolarmente. Tuttavia, le dichiarazioni finali sono leggermente diverse da vertice a vertice. Cosa pensa sia essenziale per rendere la cooperazione BRICS più sostanziale, effettiva e concreta?
I BRICS è uno degli elementi chiave del mondo multipolare emergente. I cinque Paesi hanno costantemente riaffermato l’impegno a rispettare i principi fondamentali del diritto internazionale e a promuovere il ruolo centrale delle Nazioni Unite. I nostri Paesi rifiutano la politica di pressione coercitiva e violazione della sovranità di altri Stati. Abbiamo posizioni simili sulle questioni internazionali urgenti, tra cui la crisi siriana e la sistemazione del Medio Oriente. Perciò le dichiarazioni finali dei vertici, e il vertice di Goa non farà eccezione, riaffermano il nostro impegno comune ai principi fondamentali della comunicazione inter-statale, in particolare, al rispetto del diritto internazionale con ruolo centrale di coordinamento dell’ONU. Verso certi Paesi occidentali che cercano di promuovere i loro approcci unilaterali, questa posizione è ancora più rilevante. Tradizionalmente, le dichiarazioni dei leader dei BRICS delineano posizioni fondamentali sul consenso su un’ampia gamma di questioni, individuando gli obiettivi a breve termine per le cinque nazioni, che saranno obiettivo dei passi successivi volti a rafforzare le partnership strategica tra i nostri Paesi in vari campi. Su una collaborazione pratica tra i cinque Paesi più sostanziale, vorrei sottolineare che oggi esistono più di 30 formati nella cooperazione tra le agenzie nei settori politico, economico, umanitario, della sicurezza e delle forze dell’ordine. L’istituzione della Nuova Banca per lo Sviluppo (NDB) e l’Accordo di Disposizione dei Contingenti dei BRICS, per un capitale totale di 200 miliardi di dollari, sono un esempio concreto di questa cooperazione. Sono convinto che, rafforzando la banca, la sua attività non potrà che aumentare anche attraverso progetti che promuovono l’integrazione tra i Paesi BRICS. L’NDB ha iniziato i lavori nel 2016, dopo aver approvato i primi progetti nei cinque Paesi. La priorità attuale è l’energia rinnovabile. In Russia ciò implica la costruzione di piccoli impianti idroelettrici da 50 MW in Carelia dal valore di 100 milioni di dollari. I nostri Paesi cooperano attivamente nell’ambito del Gruppo dei 20, anche sotto l’attuale Presidenza cinese. Così, i Paesi BRICS si sono impegnati ad attuare il Piano d’azione sull’erosione della base e il mutamento del profitto. Cerchiamo di far convergere in modo sistematico le nostre posizioni nell’OMC per migliorare le regole e stimolare i negoziati multilaterali nell’organizzazione. Questo è il motivo per cui penso che la cooperazione dei BRICS già comporti risultati concreti. E’ essenziale continuare a lavorare sul consolidamento di questi risultati ed individuare le aree d’interesse comune. I partecipanti al vertice BRICS di Goa guarderanno ai risultati iniziali dell’attuazione della strategia per il partenariato economico dei BRICS adottata a Ufa, concludendo il programma dei BRICS per la cooperazione commerciale, economica e sugli investimenti per il 2020. Abbiamo intenzione di creare nuovi formati e meccanismi per collaborare con i nostri partner, in cui saranno elaborate le misure concertate volte a sviluppare i nostri legami nei vari campi. Allo stesso tempo, abbiamo intenzione di concentrarci sulle questioni relative al rafforzamento della sicurezza e della stabilità internazionale, a rafforzare la competitività delle nostre economie e a promuovere lo sviluppo internazionale. Sosteniamo anche le iniziative avanzate dalla Presidenza indiana in campi della collaborazione dei BRICS come agricoltura, trasporti ferroviari, sport, turismo e contatti tra popoli.

Quali proposte ha intenzione di presentare al prossimo vertice BRICS e cosa si aspetta da questo incontro? Cosa pensa che i partecipanti all’associazione possano rivendicare come loro successi in questo incontro? Quali altri progetti, accanto alla Nuova banca di sviluppo, possono provare quanto questa collaborazione sia preziosa?
In primo luogo, vorrei esprimere gratitudine alla leadership indiana che, nella sua Presidenza dei BRICS, si è sempre concentrata su rafforzamento e consolidamento del partenariato strategico della nostra associazione. Sono convinto che il vertice di Goa, che si terrà sotto lo slogan della continuità e dell’innovazione, sarà molto fruttuoso. Per i leader dei nostri cinque Paesi, questo incontro sarà una buona occasione per armonizzare le posizioni su questioni chiave dell’agenda internazionale. Siamo decisi a cooperare nella lotta a terrorismo, narcotraffico e corruzione. Contribuirà anche alla soluzione dei conflitti e a garantire la sicurezza delle informazioni internazionali. Tutti siamo preoccupati dalla continua assenza di stabilità nell’economia globale. Insieme ai nostri partner rifletteremo su cosa può essere fatto per unire ulteriormente i nostri sforzi affrontando tali sfide. Ci aspettiamo inoltre che il vertice BRICS di Goa apra nuove opportunità nella cooperazione economica e umanitaria. Sicuramente si discuterà dei problemi nel finanziamento dei progetti attraverso la Nuova Banca di Sviluppo e dell’avvio del Contingente delle valute di riserva dei BRICS. Ciò implica uno scambio di opinioni sui lavori tra gli alti rappresentanti della sicurezza, riunioni ministeriali competenti, interazione tra esperti, Rete universitaria dei BRICS e Business Council. Per esempio, sono stati completati i preparativi per la firma del memorandum di cooperazione tra i servizi doganali e le accademie diplomatiche dei nostri Stati, così come per creare una piattaforma per la ricerca agricola dei BRICS. Siamo grati ai nostri partner indiani per aver garantito la continuità del programma BRICS dal vertice di Ufa in Russia del luglio 2015. L’attuazione della Dichiarazione e del Piano d’azione di Ufa è iniziata. I partner indiani hanno anche proposto varie iniziative che prevediamo di studiare in occasione del vertice. Sulle specifiche proposte russe al vertice di Goa, ricordo che durante la nostra Presidenza la strategia del partenariato economico veniva adottata, coprendo le aree più promettenti della cooperazione tra i cinque Paesi. Un piano d’azione per l’attuazione è attualmente in preparazione. La Russia ha proposto più di 60 progetti, una sorta di road map da poter attuare in collaborazione con i partner dei BRICS (con uno o con tutti). Credo che se riusciamo ad essere partner nella realizzazione di questi progetti, sarà un passo importante verso la modernizzazione delle economie dei nostri Paesi. La Russia sostiene anche maggiore cooperazione nel commercio elettronico (compresa l’analisi delle barriere cruciali tra i Paesi in questo ambito, sviluppo delle migliori pratiche normative, ecc.), facilitando il commercio (con il coinvolgimento della Commissione economica eurasiatica), sostenendo piccole e medie imprese (lancio di un portale web per le piccole e medie imprese dei BRICS) e tutelando la proprietà intellettuale.

Lei parla spesso della necessità di interconnettere i processi d’integrazione, in particolare quelli dell’UEE e della Cintura economica della Via della Seta. Come potrebbe il formato BRICS essere utilizzato per attuare tali iniziative?
La situazione economica e finanziaria globale resta difficile, con le conseguenze della crisi finanziaria globale tuttora persistenti. E’ quindi deplorevole che certi Paesi cerchino di risolvere i problemi accumulatisi introducendo misure protezionistiche e cercando di impegnarsi in programmi oscuri come la Trans-Pacific Partnership o il partenariato transatlantico di scambio ed investimenti. La Russia, proprio come tutti i partner BRICS, è impegnata a plasmare aree economiche non discriminatorie aperte sulla base dei principi dell’OMC. Vi ricordo che il 9 luglio 2015, Ufa ospitò un incontro con la partecipazione dei capi di Stato di Unione economica eurasiatica, SCO e Stati osservatori della SCO. Tra le altre cose, i partecipanti discussero della questione degli importanti progetti infrastrutturali regionali e trans-regionali. In questo contesto, proponemmo anche il lavoro per integrare l’Unione economica eurasiatica con la Cintura economica della Via della Seta. Questo processo potrebbe eventualmente fornire la base per la Grande Partnership Eurasiatica coinvolgendo vari Stati di Unione eurasiatica economica, SCO e ASEAN. Ci aspettiamo che tale partenariato sia aperto all’adesione di tutti i Paesi interessati e si basi sui principi di trasparenza e rispetto reciproco. Il potenziale della cooperazione dei Paesi BRICS può anche essere utilizzato per implementare questa iniziativa. Desideriamo il supporto dell’India, seriamente interessata alla proposta. Siamo sicuri che questo argomento sarà ulteriormente discusso dai vertici dei BRICS e della BIMSTEC a Goa.

Quando si pensa al territorio dall’India alla Russia ci si rende conto che la situazione è piuttosto complicata, con numerosi problemi e contraddizioni. Quali sfide e problemi, a suo parere, saranno più importanti e gravi per i Paesi della regione nei prossimi dieci anni?
La situazione sul territorio tra India e Russia rimane tesa. In particolare, gli sviluppi in Afghanistan preoccupano ancora. Azioni decisive sono necessarie per aiutare il Paese a far fronte a tali sfide e minacce, come terrorismo, estremismo e narcotraffico. Russia e India condividono la necessità di sostenere gli sforzi per la riconciliazione nazionale sotto la legge internazionale e sono interessate ad approfondire la costruttiva cooperazione multilaterale aiutando l’Afghanistan a risolvere le questioni di sicurezza nazionale, costruzione della capacità di lotta al narcotraffico, garantendo sviluppo sociale ed economico, e migliorando l’interconnettività. In termini più generali, il nostro Paese è disposto a sviluppare tale interazione nella regione permettendo una risposta rapida alle sfide alla sicurezza emergenti e ricercando vie comuni nell’affrontare possibili minacce. A nostro parere, l’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai ha un ruolo di primo piano, essendo in continua espansione geografica, per esempio India e Pakistan aderiscono all’Organizzazione. La SCO intensifica gli sforzi per costruire la fiducia, rafforzare gli sforzi genuinamente collettivi nel rispondere alle crisi e sviluppare una cooperazione multiforme. Il fatto che la Russia, con il supporto dei suoi partner, promuova attivamente questi progetti per creare uno spazio economico comune in Eurasia, contribuisce anche ad appianare le differenze. Tale ‘integrazione delle integrazioni’, basata sui principi di trasparenza e tenendo conto degli interessi di tutte le economie nazionali, consentirà l’integrazione della regione nello sviluppo comune, rafforzandone la stabilità.File picture of the first unit of the Kudankulam Nuclear Power Plant which was synchronised with the southern power grid marking a major milestone in power generation of the ambitious Indo-Russian nuclear collaboration at Tirunelveli of Tamil Nadu on on Oct.22, 2013. (Photo: IANS)

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

India e Iran: manovre tra Oriente e occidente

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 28/09/2016

110India e Iran avevano un rapporto abbastanza stretto per affinità religiose e culturali, nonché una cooperazione economica. L’Iran era divenuto il terzo fornitore di petrolio dell’India. La domanda del prezioso oro nero era in rapida crescita presso l’industria dell’India. Tuttavia negli ultimi dieci anni, dall’istituzione di diverse sanzioni contro l’Iran per il programma nucleare, le relazioni tra i due Paesi si sono complicate. Su pressione degli Stati Uniti, l’India fu costretta ad aderire alle sanzioni. All’epoca fu molto importante per Delhi, essendo influenzata dalla firma dell’accordo nucleare con gli Stati Uniti dalle ampie conseguenze per l’industria nucleare indiana. Quando il test segreto di armi nucleari dell’India del 1974 divenne noto, fu creato il Nuclear Suppliers Group (NSG) su iniziativa degli Stati Uniti, per controllare l’approvvigionamento di combustibile nucleare e la diffusione delle tecnologie nucleari in India. All’epoca l’organizzazione non era abbastanza potente da controllare l’industria nucleare indiana. Molti Paesi, tra cui l’URSS, continuarono a cooperare con l’India nonostante le pretese del NSG. Di conseguenza, nel 1988, URSS e India firmarono l’accordo per la costruzione della centrale nucleare di Kudankulam. Dieci anni dopo, Mosca e Delhi stipularono un nuovo contratto basato su questo accordo, avviandone l’operatività nonostante l’opposizione di Stati Uniti e NSG. Tuttavia, durante questi decenni, quasi tutti i Paesi che esportano tecnologie e combustibile nucleari aderirono al NSG, aumentandone il potere. Negli anni 2000, l’industria nucleare indiana affrontava momenti difficili. Inoltre, l’NSG frenò la fornitura di uranio all’India. Dato che le riserve di uranio dell’India non erano inesauribili, i reattori dovettero ridurre l’operatività. L’unica condizione affinché l’NSG rimuovesse le sanzioni era il disarmo nucleare dell’India. Tuttavia, l’India si rifiutò sostenendo che Cina e Pakistan già possedevano armi nucleari. Tali sviluppi bastavano a condannare l’industria nucleare dell’India, che fu quindi costretta ad accordarsi con gli Stati Uniti. Nel 2006, i due Paesi firmarono un accordo di cooperazione sulla tecnologia nucleare civile, che prevedeva una serie di requisiti che l’India doveva adempire per far togliere le sanzioni del NSG. Una di esse era il sostegno alle sanzioni internazionali degli Stati Uniti contro l’Iran. Da allora l’India votò più volte le risoluzioni anti-Iran al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ed inoltre aderì alle sanzioni commerciali, riducendo l’approvvigionamento energetico dall’Iran sostituendolo con idrocarburi provenienti da altri fornitori. Se l’Iran fu il terzo maggior esportatore di petrolio per l’India prima, nel 2015 era solo settimo. Inoltre, l’India smise di utilizzare il dollaro per pagare il petrolio che continuava ad acquistare. Negli ultimi anni, il 55% delle merci veniva pagato in euro, e il 45% in rupie.
faa47c3c-caac-40aa-9ad2-ea7dfc359a75 Tali azioni, insieme all’attuazione di altri requisiti decisi dagli Stati Uniti, portarono alla revoca delle sanzioni contro l’India del NSG, nel 2008. Fu una decisione controversa, dato che difatti gli Stati Uniti permisero all’India di possedere armi nucleari in diretta violazione del trattato di non-proliferazione. Tali concessioni incredibili vanno spiegate con il fatto che l’India è d’importanza strategica per gli interessi di Washington, che vuole mantenere l’influenza nell’Asia-Pacifico e avere un alleato contro la Cina. L’accordo nucleare è solo una parte dei numerosi accordi attraverso cui gli Stati Uniti cercano di legare l’India separandola dal resto dell’Asia. Tuttavia, i recenti eventi hanno dimostrato che tali tentativi non hanno raggiunto gli obiettivi di Washington. L’India è disposta ad accettare aiuti e regali dagli Stati Uniti, ma ha anche un proprio ordine del giorno e non ha intenzione di estraniarsi dall’Asia. Allo stesso tempo, gli indiani sanno che gli Stati Uniti non l’aiuteranno a risolvere i problemi più gravi. Oggi il potere economico e militare di qualsiasi Stato si basa sull’industria energetica, e l’India deve garantirsene la sicurezza indipendentemente dagli interessi degli Stati Uniti. L’attuale rapido ripristino delle relazioni tra India e Iran lo dimostra. Nei primi mesi del 2016 le sanzioni anti-iraniane furono abolite. Nell’aprile 2016, il Ministro del Petrolio e Gas naturale dell’India Dharmendra Pradhan visitava l’Iran. Lo scopo era aumentare gli scambi di idrocarburi. A Teheran s’incontrava con il Ministro dell’Industria Petrolifera iraniano Bijan Zangeneh, annunciando che l’India voleva acquistare gas naturale liquefatto iraniano (GNL), raggiungendo un accordo con il governo iraniano che avrebbe preso in considerazione la richiesta indiana e i più convenienti metodi per inviarlo. Un altro aspetto importante seguito dalla riunione tra i ministri indiano e iraniano era la partecipazione dell’India allo sviluppo del giacimento di gas Farzad B, scoperto nel 2012 e avviato nel 2013. D. Pradhan informava il collega iraniano di un piano dettagliato di sviluppo del giacimento preparato poco prima della visita. Tra l’altro, il piano tiene conto degli investimenti che l’India attua con un programma da 10 miliardi di dollari. Poco prima della visita, D. Pradhan riferiva che le imprese indiane prevedono d’investire circa 20 miliardi di dollari nel porto di Chabahar, in Iran, d’importanza strategica per l’India in quanto apre l’accesso ai mercati dell’Asia centrale nonostante il blocco del Pakistan. Chabahar si trova anche vicino al porto pachistano di Gwadar, che la RPC usa dal 2013. Al momento la Cina dichiarò che il porto non sarebbe stato utilizzato dai militari cinesi. Tuttavia, l’India sospetta di piani per istituirvi una base militare, una delle tante dispiegate dalla Cina nell’ambito del Filo di Perle. Pertanto, Chabhar è importante per l’India non solo economicamente, ma anche dal punto di vista della difesa. L’India ha investito centinaia di milioni di dollari nello sviluppo del porto, quando ancora l’Iran era sotto sanzioni. Gli Stati Uniti hanno cercato d’impedirlo, ma l’India trova che i propri interessi strategici siano più importanti dei requisiti di Washington.
Attualmente, l’Iran sviluppa rapidamente il commercio di risorse energetiche dopo le fine delle sanzioni, prestando particolare attenzione alla regione Asia-Pacifico. Se l’India vuole assicurarsi l’approvvigionamento energetico, data la costante crescita della domanda di petrolio e gas, deve concentrarsi sullo sviluppo delle relazioni con l’Iran e altri esportatori, mentre gli Stati Uniti andranno in secondo piano. L’India ha ottenuto tutto ciò che voleva dagli Stati Uniti, tra cui la revoca delle sanzioni del NGS e il riconoscimento, anche se non ufficiale, del diritto a possedere armi nucleari. Delhi ora persegue nuovi obiettivi.629139587effd2e2384fa6939f5b757d-origDmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Giappone alla ricerca di energia

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 07/12/2016Turkmenistan President visits JapanIl Giappone, la terza economia mondiale, non ha praticamente giacimenti di gas e petrolio. La situazione è un po’ paradossale dato che alcun Paese può prosperare senza petrolio e gas. Così, la Terra del Sol Levante affrontò con successo la situazione importando petrolio dal Medio Oriente, il gas naturale liquefatto (GNL) da Australia, Indonesia, Malaysia e Medio Oriente. Il Giappone ha bisogno anche di carbone per i suoi impianti di cogenerazione, che acquista da Australia, Indonesia e Cina. Di recente il Paese puntava le sue speranze sull’industria nucleare. Dopo la tragedia di Fukushima del 2011, tuttavia, i programmi nucleari erano minacciati di sospensione. Il pubblico giapponese sconvolto dalla catastrofe ha chiesto di chiudere tutte le centrali nucleari. Non meno scioccato, il governo giapponese avviò avidamente il processo. Una volta che il Giappone ha ripreso i sensi e valutato la situazione a mente fredda, ha compreso che non c’era modo di abbandonare il programma nucleare. Oggi le centrali nucleari giapponesi vengono gradualmente riavviate dopo numerosi e rigorosi controlli ed aggiornamenti. Il Paese, avendo appreso la lezione “nel modo più duro”, ha intensificato la ricerca di affidabili e convenienti nuovi fornitori di idrocarburi. Dato che i Paesi del Medio Oriente sono lontani dal Giappone, costa di più inviare le preziose merci dalla regione. Per di più (come l’esperienza degli ultimi decenni mostra), quasi ogni Paese del Medio Oriente è in conflitto e a rischio di rivoluzione, e se scoppiasse la guerra, la fornitura di combustibile inevitabilmente terminerebbe. Così, la Russia è un esportatore ideale di idrocarburi per il Giappone. Il traffico di navi gasifere da Sakhalin al Giappone è iniziato nella primavera del 2009, poco dopo che l’impianto di liquefazione di Sakhalin venne avviato nell’ambito del progetto Sakhalin-2. Questa rotta verso la Terra del Sol Levante sembra essere più praticabile. La Federazione Russa beneficia di questa cooperazione, essendo il Giappone uno dei maggiori consumatori mondiali di GNL. Inoltre, la Russia vende direttamente GNL al Giappone, bypassando intermediari.
thediplomat_2016-03-15_20-06-54-386x257 Nonostante le vantaggiose relazioni commerciali Giappone-Russia e la presenza di una rete diversificata e consolidata di fornitori, il Giappone continua a cercare nuovi esportatori, implementando così la strategia della sicurezza energetica basata sul principio “più sono, meglio è”. Questo è il motivo per cui valuta l’Asia centrale come possibile partner. Tokyo ha fatto ogni sforzo per rafforzare la propria posizione in Asia centrale dal 2006. All’epoca il Paese adottò una strategia energetica nazionale volta a valorizzare la cooperazione con i Paesi ricchi di combustibili fossili. Lo stesso anno, nel corso del forum tra Asia centrale e Giappone, il Ministero degli Esteri giapponese ebbe dei negoziati con gli omologhi di Afghanistan, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan. Le parti discussero questioni riguardanti uno sviluppo coordinato e la sicurezza della regione, tra cui quella del trasporto di carburante. I rappresentanti giapponesi inoltre confermavano l’impegno del Paese a finanziare la costruzione di una rete stradale e di gasdotti per il trasporto del petrolio sull’Oceano Indiano e in Giappone. (Si parla della costruzione di un oleogasdotto per le isole giapponesi dal 1990. Ad esempio, fu inizialmente previsto che il gasdotto Turkmenistan-Uzbekistan-Kazakhstan-Cina si estendesse al Giappone, ma o il finanziamento finì o piani cinesi cambiarono). Nell’autunno 2006, l’allora premier giapponese Junichiro Koizumi visitò Kazakistan e Uzbekistan, dove affermò esplicitamente che il Giappone cercava di ampliare la rete dei fornitori di petrolio e gas per ridurne la dipendenza dal Medio Oriente. Nonostante strenui gli sforzi del Giappone per raggiungere il livello desiderato d’influenza in Asia centrale negli ultimi dieci anni, la Cina rimane il leader della regione. Il Giappone ha fatto un altro tentativo di prevalere in Asia centrale alla fine di ottobre 2015, quando il premier Shinzo Abe compì un viaggio di alto profilo nella regione, visitando Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan e Mongolia. I mass media giapponesi riferirono che Shinzo Abe era scortato da una folta delegazione di uomini d’affari giapponesi. Sulla scia del viaggio, furono firmati contratti di elevato valore. Il Giappone s’impegnava ad investire oltre 18 miliardi di dollari solo nell’economia del Turkmenistan. Forse, la visita del premier giapponese in Turkmenistan merita una particolare attenzione. Il Turkmenistan ha riserve di gas sufficienti ad alimentare quasi tutta l’Asia (e non solo, ma anche i Paesi europei interessati all’esportazione del gas da questo Paese). Fino a poco prima, la Russia era il principale acquirente del gas turkmeno, poi rivenduto ai consumatori europei. Tuttavia, dopo varie divergenze scoppiate tra le parti all’inizio del 2009, Gazprom ridusse il volume di gas scambiato. Di conseguenza, il Turkmenistan non ebbe altra scelta che cercare altri partner. La Cina si affrettò ad approfittare della nuova opportunità e si offrì di acquistare il gas dal Turkmenistan, ma ad un prezzo inferiore a quello pagato dalla Russia. Il governo turkmeno, non avendo alternative, accettava l’offerta. Anche se il gasdotto Turkmenistan-Cina è in servizio dal 2009, il Turkmenistan ha continuato a cercare nuovi clienti. Un gasdotto Turkmenistan-Iran opera dal 2010, ma la sua capacità massima (12 miliardi di metri cubi l’anno) è assai inferiore a quella del gasdotto per la Cina. Ciò significa che il Turkmenistan non ottiene molto, soprattutto perché l’esportazione di combustibile fossile è la sua principale fonte di ricavi. Per l’attuazione del progetto dell’oleogasdotto TAPI, per erogare il gas turkmeno ad Afghanistan, Pakistan e India, serve che la situazione regionale migliori. E il Giappone ha deciso di dare una mano impegnandosi a finanziare il progetto. La Banca asiatica di sviluppo parteciperà al progetto da principale investitore e consulente commerciale del TAPI. Nonostante l’ADB sia un’istituzione internazionale, i cittadini giapponesi ne furono sempre al timone poiché il Giappone è il primo azionista della banca. Il progetto dovrebbe essere finanziato da altri enti giapponesi.
Sembra che l’idea di un gigantesco gasdotto che sostituisca le petroliere (o almeno ne riduca la rotta) istighi ancora la fantasia dei politici giapponesi, sperando che le loro aspirazioni si avverino con l’attuazione del TAPI. Il problema, tuttavia, è che nessuno sa esattamente quando ciò avverrà. Il gasdotto deve attraversare il territorio dell’Afghanistan, impossibile finché la guerra nel Paese non finirà. D’altra parte, sarebbe davvero difficile per i politici e uomini d’affari giapponesi agire per capriccio. Quindi, se hanno deciso d’investire sul TAPI, avranno avuto buoni motivi. Nel frattempo, il gas turkmeno arriva in Giappone su petroliere. Ciò è più costoso e richiede più tempo che non usando gli oleogasdotti. Tuttavia, è l’unica opzione attualmente disponibile. In ogni caso, dal viaggio del 2015 di Shinzo Abe, i giganti giapponesi Mitsubishi, Chiyoda, Itochu, ecc. aderiscono alle fila dei promotori del maggiore giacimento di gas turkmeno, Galkynysh, da cui il Giappone dovrebbe importare ancor più gas. Alcuni, tuttavia, ritengono che il Giappone venderà il gas estratto in Turkmenistan a Gazprom e quest’ultima consegnerà un volume corrispettivo con le petroliere di Sakhalin. Sarebbe sensato e utile per tutte le parti coinvolte. L’attuazione di questo programma potrebbe dare al Turkmenistan l’occasione per rinnovare le relazioni commerciali con la Russia con la mediazione del Giappone. In ogni caso, è chiaro che il Giappone si consolida in Turkmenistan, che potrebbe diventare il terreno di partenza per l’ulteriore diffusione dell’influenza del Giappone in Asia centrale.Kazakhstan's President Nazarbayev and Japan's Prime Minister Abe shake hands during their meeting at Akorda presidential residence in AstanaDmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

E’ tempo che il ‘gasdotto della pace’ Iran – Cina passi dall’India

MK Bhadrakumar, Indian Punchline 13 giugno 201633752188.cmsIl tabloid del Partito comunista cinese Global Times pubblicava un commento che esprimeva soddisfazione per i progressi dei progetti nell’ambito del Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC). Si stima che il CPEC infastidisca certi Paesi terzi, Stati Uniti e Giappone furono citati, ma non l’India, che ricorrono a tentativi d’interrompere il programma, ma Pakistan e Cina sono decisi ad andare avanti. (Global Times) Infatti, anche i discorsi in India sono scettici sulla Via e Fascia della Cina (OBOR). Un ex-collega diplomatico ha scritto di recente che Cina e OBOR hanno più bisogno dell’India che che il contrario. (The Wire) Il punto è che spesso usiamo la nostra etica del lavoro agli altri e decidiamo di essere cinici. Ma poi, la Cina ha compiuto diverse cose che appaiono fantastiche per i nostri standard. Il gasdotto Asia centrale-Cina è un esempio calzante. Quando fu discusso nel 2007, durante la visita del Presidente del Turkmenistan in Cina, la maggior parte degli analisti (anche occidentali) pensava che fosse pura fantasia collegare i Paesi dell’Asia centrale ad una singola rete di gasdotti per lo Xinjiang. Un ex-ministro degli Esteri indiano la derise apertamente quale idea assurda. Ebbene, il gasdotto di 3666 chilometri fu costruito e ha trasportato 125 miliardi di metri cubi di gas turkmeno nello Xinjiang dall’agosto del 2015. Non ci si sbagli, il CPEC è una faccenda molto seria. Un articolo del quotidiano pachistano Nation dice che i lavori dovrebbero iniziare il prossimo anno per costruire l’enorme oleodotto che colleghi Gwadar con Kashgar per trasportare un milione di barili al giorno. I cinesi finanziano ed attuano il progetto. Il gasdotto trasporterà il 17 per cento delle importazioni cinesi di greggio. È importante sottolineare che la Cina ridurrà la dipendenza dal collo di bottiglia dello Stretto di Malacca, sorvegliato dagli USA, che l’ex-leader cinese Hu Jintao una volta chiamò ‘Dilemma di Malacca’. (Nation) Se la Cina ripete lo schema dei gasdotti che attraversano il Myanmar collegandosi a Kunming, è del tutto plausibile che un gasdotto parallelo che colleghi Gwadar e Xinjiang sia previsto. Una possibilità è che il gasdotto Iran-Pakistan si colleghi al gasdotto per la Cina. In termini geopolitici, il Pakistan diventa la porta della Cina sul mercato mondiale dell’energia. Le implicazioni sono semplicemente profonde. Il rapporto sino-pachistano assume quella centralità nella politica estera cinese che non ebbe mai storicamente.
L’India non dovrebbe vedere questi sviluppi con compiacimento, cioè ‘Oh, anche noi abbiamo il nostro Chabahar‘, e così via. Abbiamo bisogno di ridefinire il ‘quadro generale’ secondo un processo di normalizzazione con il Pakistan, da una parte, e una strategia lungimirante di cooperazione regionale, dall’altra. L’adesione alla Shanghai Cooperation Organization apre un’opportunità. Un gasdotto dall’Iran via Pakistan e India per la Cina, una rete gasifera dell’Asia meridionale che colleghi i vicini dell’India come Nepal, Bhutan, Sri Lanka, ecc., indicano il momento per la diplomazia indiana di riflettere seriamente su tali idee grandiose. Immaginate lo sviluppo delle infrastrutture necessarie all’India se una rete gasifera venisse realizzata. Immaginate l’attività economica secondaria e terziaria che tale abbondanza di gas a lungo termine può stimolare. Immaginate la creazione di posti di lavoro possibile in breve tempo. Naturalmente, tutto ciò comporta un cambiamento fondamentale nella nostra mentalità. Perché non è possibile? E’ utile ricordare che i giacimenti di petrolio e gas sovietici vennero collegate dalle condotte all’Europa, al culmine della guerra fredda, negli anni settanta. Anche in questo caso c’era “l’inimicizia ereditaria” tra Francia e Germania dal 1871 al 1945, prendendo in prestito l’espressione dall’opera History and Foreign Policy in France and Germany del grande storico Ulrich Krotz. Ma ci sono voluti solo 18 anni di riconciliazione per raggiungere la ‘relazione speciale’ del 1963, concretizzatasi nella cosiddetta Amitie franco-allemande (Amicizia franco-tedesca). Il progetto europeo seppellì il revanscismo radicato nei due popoli, risalente al 16° secolo.China-Pakistan-Economic-Corridor-paving-way-for-socio-economic-developmentTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora