Russia e India verso un’importante svolta commerciale

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 15.04.2018Russia ed India sono partner di lunga data con una ricca storia di cooperazione reciprocamente vantaggiosa. I due Paesi hanno un grande potenziale commerciale. Tuttavia, commercio e cooperazione economica russo-indiani non possono ancora essere definiti molto attivi. Questa situazione non è accettabile ed ora Russia ed India lavorano per sviluppare le relazioni economiche. Per molti anni i due Paesi hanno collaborato in settori cruciali come Industria della Difesa, energia nucleare e tecnologie spaziali. Tuttavia, gli scambi sono ancora relativamente piccoli. Inoltre, negli ultimi anni, il volume degli scambi ha iniziato a diminuire, costringendo la leadership di Russia e India a prestare particolare attenzione al problema. Grazie agli sforzi congiunti nel 2017, una crescita costante è finalmente iniziata. Nel periodo gennaio-novembre 2017, il commercio russo-indiano superava gli 8 miliardi di dollari, oltre il 21% in più degli scambi dello stesso periodo del 2016. Anche il 2018 è iniziato con successo: gli scambi nel gennaio 2018 superavano gli indicatori simili del 2017 del 55 percento. Si prevede che la crescita continui e che nel 2018 il commercio russo-indiano superi i 10 miliardi di dollari. Tuttavia, secondo gli esperti russi e indiani, queste cifre potrebbero essere molto più alte se il potenziale commerciale russo-indiano fosse pienamente realizzato. Nel marzo 2018, i media riferivano dell’incontro tra il Ministro dello Sviluppo Economico russo Maksim Oreshkin e il Ministro del Commercio e dell’Industria indiano Suresh Prabhu. Durante i colloqui, i ministri discussero dei vari ostacoli alla cooperazione economica tra Russia e India. Tali ostacoli furono riscontrati nella sfera finanziaria, nella legislazione doganale e in vari altri settori. Di conseguenza, fu adottato un piano per rimuoverli; col successo dell’attuazione del piano, il commercio russo-indiano potrebbe raggiungere i 30 miliardi di dollari entro il 2025.
Un altro passo importante nello sviluppo delle relazioni commerciali tra Russia e India potrebbe essere la creazione di una zona di libero scambio tra India ed Unione economica eurasiatica (UEE), in cui la Russia svolge un ruolo di primo piano. Nel gennaio 2018 si svolsero consultazioni preliminari tra i rappresentanti dell’UEE e la leadership indiana a Nuova Delhi. Si prevede che entro la fine del 2018 le parti procederanno a negoziati a tutti gli effetti. Mentre la cooperazione su vasta scala su vari beni e servizi tra Russia e India va ancora raggiunta, da tempo è ad alto livello in settori come la tecnologia militare. L’India è da tempo un importante acquirente di equipaggiamento militare russo. Il progetto missilistico russo-indiano BrahMos è un successo. Tra le ultime notizie sulla cooperazione tecnico-militare tra i due Paesi, va notato il desiderio dell’India di acquisire sistemi di difesa aerea russi S-400 Triumf. Si prevede che il contratto sarà firmato entro la fine del 2018. L’India è anche interessata alle tecnologie russe per scopi pacifici. Ad esempio, nel febbraio 2018 fu firmato un memorandum per la cooperazione tra United Shipbuilding Corporation (USC, RF) e la più grande società di costruzioni navali indiane, la Cochin Shipyard Limited. Conformemente al documento, le parti intendono progettare e costruire insieme navi moderne per la navigazione interna e costiera. L’elenco delle navi che le compagnie russe e indiane costruiranno congiuntamente comprende petroliere, navi da carico secco, navi passeggeri e hovercraft. Inoltre, l’USC prenderà parte alla costruzione di infrastrutture per le costruzioni e riparazioni navali nello stato indiano dell’Andhra Pradesh. Inoltre, Russia e India considerano molti altri progetti congiunti relativi ad industria petrolifera, aeronautica, elettronica, farmaceutica e informatica. Una task force sui progetti d’investimento prioritari, creata dalla commissione intergovernativa russo-indiana diversi anni fa, ne discute. La riunione programmata del gruppo si tenne nel settembre 2017. Tra le questioni discusse c’era l’imminente apertura del Centro per la formazione di specialisti nei settori dell’energia e dell’ingegneria pesante, che inizierà i lavori in India nel 2018. La creazione del centro è il risultato del lavoro congiunto tra associazione scientifica e produttiva russa TsNIITMASH e società indiana Heavy Engineering Corporation Ltd. Oltre alla task force per i progetti d’investimento, ci sono anche task force russo-indiani per scienza e tecnologia, prodotti farmaceutici, turismo e cultura, energia, promozione dei pagamenti in valute nazionali e così via.
Nonostante il lavoro dei funzionari, il miglioramento della legislazione e l’impegno degli ambienti economici, il principale problema che ostacola il commercio russo-indiano è il fattore geografico. Russia e India non confinano e tra esse si trovano le distese di Cina ed Asia centrale. La maggior parte (oltre l’80%) del traffico tra i due Paesi avviene lungo la rotta marittima da San Pietroburgo che attraversa il Canale di Suez. È una rotta lunga e difficile che difficilmente permetterà il pieno potenziale commerciale russo-indiano, indipendentemente dalle condizioni favorevoli che i due Paesi creano. Pertanto, un importante passo verso la cooperazione commerciale su vasta scala tra India e Russia include l’istituzione di un corridoio per il trasporto internazionale (ITC) chiamato “Nord-Sud”, sul quale operano Federazione Russa, India, Iran e Azerbaigian. Il progetto ITC prevede la creazione di una vasta rete di strade e ferrovie che collega Russia e Iran. Un ramo va dalla Russia all’Iran attraverso l’Azerbaijan; l’altro termina nel Mar Caspio, nel porto di Astrakhan. Lì, il carico passa al trasporto marittimo seguendo le coste iraniane e quindi continuando su ferrovia. Il terzo ramo passa da Kazakistan, Uzbekistan e Turkmenistan. Passando per l’Iran, queste strade dovrebbero finire sulle rive del Golfo Persico, nel porto di Bandar Abbas, da dove possono raggiungere il più grande porto indiano, Mumbai. Pertanto, l’ITC “Nord-Sud” dovrebbe ridurre al minimo il segmento marittimo della rotta tra Russia e India. Il lavoro sul progetto è già al primo decennio; l’interesse per l’ITC si attenuò e poi riapparve. Ma alla fine, negli ultimi anni, i Paesi partecipanti intensificano gli sforzi e il progetto “Nord-Sud” inizia rapidamente ad avvicinarsi alla realizzazione. Va completandosi il ramo più conveniente dell’ITC dal punto di vista logistico, che attraversa l’Azerbaigian. Dopo il completamento dei restanti 180 km di ferrovia tra Iran e Azerbaigian, sarà istituito un servizio ferroviario diretto tra questi Paesi e la Russia. Ciò significa che le comunicazioni tra Russia e India aumenteranno significativamente.
Si può concludere che Russia e India lavorano seriamente sullo sviluppo della cooperazione economica. Dato l’enorme potenziale per entrambi i Paesi, ci si può aspettare che i lavori portino presto risultati molto tangibili.Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Il Ministro della Difesa cinese mostra agli USA la forza della cooperazione militare tra Cina e Russia

In particolare, dopo che Mattis aveva dichiarato Cina e Russia minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti
Frank Sellers, The Duran 4 aprile 2018Il Ministro della Difesa cinese Wei Fenghi, insieme al Consigliere di Stato e al Ministro degli Esteri Wang Yi, sono attualmente a Mosca per incontrare gli omologhi russi. La visita è una dimostrazione di forza verso Washington per mostrare la vicinanza delle Forze Armate russe e cinesi, nonché mostrare sostegno alla Russia nella 7.ma Conferenza di Mosca sulla Sicurezza Internazionale. RT riportava: “Il Ministro della Difesa cinese Wei Fenghe ha espresso forte sostegno alla Russia nei colloqui con l’omologo russo Sergej Shojgu. Sottolineando “la posizione unita” sulla scena internazionale, il ministro affermava che uno degli obiettivi principali della visita era inviare un messaggio alle potenze occidentali. “La Cina fa sapere agli statunitensi degli stretti legami tra le Forze Armate russe e cinesi”, dichiarava Wei. È il primo viaggio all’estero del Generale Wei da quando è stato nominato a capo del Ministero della Difesa cinese. La scelta della destinazione non è casuale, ma sottolinea il “carattere speciale” della partnership bilaterale, secondo Shojgu. Russia e Cina sono coinvolte in scontri politici ed economici con l’occidente. La Russia è oggetto di diverse sanzioni ultimamente, mentre Russia e Stati Uniti si scontrano sulla crisi siriana, e Washington continua a sostenere che il Cremlino abbia influenzato le elezioni presidenziali statunitensi del 2016 attraverso social media e annunci pagati in rubli, mentre Washington ha espulso decine di diplomatici russi in solidarietà col Regno Unito sul caso Skripal, in cui il governo inglese sostiene che il Cremlino ordinò l’assassinio dell’ex-spia usando gas nervino proibito. Gli Stati Uniti inoltre vendono armi alle nazioni europee ostili alla Russia per contenerla militarmente, presumibilmente per l’annessione della Crimea. Nel frattempo, gli Stati Uniti accusano la Cina di “aggressione economica” e “furto di proprietà intellettuale” di ditte statunitensi per accedere al loro mercato, così come la posizione cinese nel Mar Cinese Meridionale. Tali accuse hanno scatenato una guerra commerciale tra i due partner mentre gli Stati Uniti hanno emesso un pacchetto di dazi doganali sulle merci importate dalla Cina, insieme ad ulteriori dazi della Cina, che probabilmente saranni seguiti da un altro giro del genere, come l’ultimo pacchetto di dazi degli Stati Uniti. L'”aggressione economica” della Cina viene considerata dall’occidente manifestazione della nuova One Road One Initiative cinese, e sarà probabilmente applicata al nuovo mercato dei futures petroliferi cinesi aperto a Shanghai proprio la scorsa settimana.
In particolare, Cina e Russia sono definite minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti nell’ultima Revisione della postura nucleare del Pentagono, e dove i vertici militari esortavano il Congresso degli Stati Uniti a prepararsi alla guerra con le due nazioni. Nel frattempo, l’US Naval Institute documentava la cooperazione militare sino-russa negli anni, e l’anno scorso pubblicava un rapporto incentrato sulle esercitazioni militari Russia-Cina e sulla vendita di armi: “Cina e Russia sono sempre più vicine militarmente attraverso una serie di esercitazioni sempre più complesse e la vendita di armi avanzate che potrebbero creare difficoltà alla sicurezza di Stati Uniti e loro alleati, secondo un nuovo rapporto del governo USA. Il rapporto della Commissione di riesame economico e della sicurezza USA-Cina delinea il modello di cooperazione tra i due rivali internazionali alla sicurezza statunitense che potrebbe esacerbare le tensioni dall’Europa orientale al Mar Cinese Meridionale, un modello di cooperazione che si è visto crescere negli ultimi anni”.
La delegazione potrebbe anche aprire la strada a un incontro tra il Presidente Vladimir Putin e il Presidente Xi Jinping. Putin dovrebbe visitare la Cina per il vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai a Qingdao di giugno. Inoltre, Cina e Russia esprimono l’intenzione di “cooperare strettamente” per risolvere le tensioni nella penisola coreana, riferendosi a un possibile accordo di pace con la Corea democratica.Il Ministro della Difesa cinese dice ai russi di sostenerli contro gli Stati Uniti
Un’inedita dimostrazione del sostegno cinese: “Siamo venuti per mostrare agli statunitensi gli stretti legami tra Russia e Cina. Siamo venuti per supportarvi

Tom O’Connor, News Week 4 aprile 2018

La leadership militare cinese ha promesso sostegno alla Russia, mentre le tensioni tra Mosca e occidente si deteriorano ulteriormente con isolamento diplomatico, sanzioni economiche e duelli di esercitazioni. Nella prima visita in Russia, il nuovo Ministro della Difesa cinese Wei Feng partecipava alla Settima conferenza internazionale sulla sicurezza di Mosca, accompagnato da una delegazione di altri ufficiali. Sottolineando che il viaggio era coordinato direttamente col Presidente Xi Jinping, Wei affermava di avere due messaggi importanti per la Russia in un momento in cui entrambe le nazioni modernizzano le forze armate e rafforzano la presenza negli affari globali nonostante i timori degli Stati Uniti. “Visito la Russia da nuovo Ministro della Difesa della Cina per mostrare al mondo l’alto livello delle nostre relazioni bilaterali e la ferma determinazione delle nostre Forze Armate nel rafforzare la cooperazione strategica“, dichiarava Wei incontrando il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu, secondo l’agenzia TASS. “In secondo luogo, per sostenere la Russia nell’organizzazione della Conferenza internazionale sulla sicurezza di Mosca, la Cina mostra agli statunitensi gli stretti legami tra le Forze Armate di Cina e Russia, specialmente in questa situazione. Siamo venuti per sostenervi“, aggiungeva. “La Cina è pronta ad esprimere alla Russia le nostre preoccupazioni comuni e la posizione comune su importanti problemi internazionali, anche nelle sedi internazionali“. In risposta alla visita di Wei, la controparte russa sottolineava le migliori relazioni tra i due Paesi, che un tempo formavano l’alleanza comunista più grande e potente del mondo prima di decadere negli anni ’60. Con Putin e Xi rieletti il mese scorso, i due presidenti consolidano il potere nei rispettivi Paesi. “Grazie agli sforzi dei leader dei nostri Paesi, i legami tra Russia e Cina raggiungono un livello inedito, divenendo fattore importante per garantire pace e sicurezza internazionale“, dichiarava Shojgu, secondo il Ministero della Difesa russo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Il Grande gioco nel Baltico

Chroniques du Grand Jeu, 1 aprile 2018Nella grande lotta tra sistema imperiale e Russia, tutti ora rispondono rapidamente, senza vacillare, senza ritirarsi. L’ultimo episodio, con pochissimi commenti al momento, si svolge nel Baltico, uno dei punti caldi del Grande Gioco, dove si scontrano la volontà dell’Heartland eurasiatico di aprire le porte al mondo oceanico e, al contrario, il tentativo statunitense di accerchiare e contenere l’Eurasia. Diverse provocazioni, intimidazioni, intercettazioni aeree, spettacolari sorvoli, manovre navali congiunte sino-russe… il Baltico ha già avuto la sua parte di eventi negli ultimi anni. Ma una notizia è appena esplosa, le esercitazioni russe con tiro missilistico dal 6 all’8 aprile nelle acque internazionali vicino la Svezia. Questa è nuova. L’orso non è mai andato così lontano, o così vicino ai confini svedesi. Lo stato maggiore scandinavo s’è riunito e il traffico aereo civile dovrà cambiare in quei due giorni…
Reagendo al pseudo-affare Skrypal, nuova pietra miliare nella Guerra Fredda 2.0, Putin contrattacca scacciando lo stesso numero di diplomatici occidentali delle controparti russe espulse. Ora raddoppia organizzando queste manovre navali il più vicino possibile alla Natolandia. Ciò contribuisce indubbiamente al rigetto categorico di Mosca di cedere di una virgola con l’impero. Questo ovviamente iniziò con la presentazione del mese scorso, da parte di Vladimirovich, delle “armi invincibili” che distruggono lo scudo antimissile statunitense e il discorso storico che l’accompagnava; il Pentagono è agitato (“Siamo senza difesa dalle armi ipersoniche russe e cinesi“). Che il nome più votato dall’opinione pubblica russa per battezzare questi missili, Bye bye America, non venisse adottato, non cambia il caso…
Allo stesso modo, il notevole veto del Cremlino posto alla risoluzione inglese che condannava l’Iran per un presunto coinvolgimento nello Yemen. Per la prima volta, la Russia silurava un tentativo dell’impero in un conflitto in cui non è coinvolta. Ricordiamo che Mosca, nonostante l’opposizione, non pose il veto nel 2008 (ammissione del Kosovo alle Nazioni Unite), né nel 2011 (massiccio intervento in Libia). Il significato è duplice e comporta cambiamenti significativi nelle future relazioni internazionali:
D’ora in poi la Russia si opporrà, in linea di principio, ai tentativi egemonici statunitensi, ovunque.
Mosca è pronta ad ancorarsi diplomaticamente e ufficialmente per proteggere i suoi alleati.
L’altra grande lezione della fiammata nel Baltico è evidentemente legata al gas, supportando lo psicodramma di Salisbury ma probabilmente senza avere gli effetti desiderati: “Le euronullità hanno, mano sulla patta, parlato come un sol uomo “condannando” Mosca, ma erano attente a non discutere del gas e ad evocare la minima sanzione. E per una buona ragione: le scorte europee di oro blu sono vuote! Frau Milka potrebbe lanciare l’idea di “ridurre la dipendenza dal gas russo” progettando un terminale GNL, ma senza ripensare ad accettare Nord Stream II, con dispiacere dei media di regime. Il commercio russo-tedesco è in buona forma nonostante le sanzioni e sarebbe suicida per Berlino rinunciare a diventare il fulcro gasifero dell’Europa”. A nessuno sfuggirà che l’annuncio russo delle imminenti esercitazioni navali arriva subito dopo il via libero tedesco al Nord Stream II e che sono pianificate precisamente sulla rotta del futuro gasdotto. Perché allora Putin vuole questi fuochi d’artificio missilistici proprio nel punto in cui passerà il tubo? Sarebbe un avvertimento alla… Danimarca. Il placido Paese scandinavo affronta uno greve dilemma, la “decisione più importante in politica estera dalla Seconda guerra mondiale“: consentire il passaggio del Nord Stream II sulle proprie acque territoriali. Il progetto necessita anche nei prossimi mesi delle autorizzazioni di Russia (fatta in anticipo), Finlandia e Svezia. Ma riguardo questi ultimi due, si tratta solo della loro zona economica esclusiva governata dal diritto internazionale del mare su cui i governi svedese (molto russofobo) e finlandese (meno russofobo) hanno comunque poco da fare. Solo la Danimarca è preoccupata della propria sovranità, e gli sarebbe andata bene. Gli emissari statunitensi e di Bruxelles sollecitano il governo ad impedire il passaggio del Nord Stream II nei 139 km di acque territoriali, mentre Mosca e Berlino l’incoraggiano ad accettare. Copenhagen può andare contro il suo principale partner (Germania) e la principale potenza militare europea (Russia), che ha appena provato alcuni missili nelle vicinanze? Il sistema imperiale riuscirà a silurare il gasdotto, come nel caso del South Stream? Le Forze Armate russe esercitano la tattica della pressione e, in caso affermativo, funzionerà o sarà un’arma a doppio taglio che si rivolterà contro il promotore? Lo sapremo nel prossimo episodio…Traduzione di Alessandro Lattanzio

Xi e Putin: partner verso un nuovo mandato presidenziale

La riunione del parlamento cinese e l’elezione presidenziale russa assicurano che la relazione tra i due leader mondiali continuerà
Alexander Mercouris, The Duran 12 marzo 2018Motivo di sgomento per l’occidente alla decisione del parlamento cinese di abolire i limiti della presidenza cinese, spianando la strada alla permanenza di Xi Jinping alla presidenza allo scadere dell’attuale mandato, è che ciò garantirà che il partenariato tra Xi Jinping e il Presidente della Russia Vladimir Putin, che ha creato il clima politico internazionale da quando Xi Jinping divenne Presidente della Cina nel 2013, continui. Il Presidente Putin sarà rieletto il 18 marzo 2018 per ciò che si presume sia l’ultimo mandato a Presidente della Russia, che si concluderà nel 2024. Il secondo mandato del Presidente Xi Jinping dovrebbe concludersi nel 2023. Anche se il parlamento cinese non avesse deciso di modificare i limiti di mandato del presidente cinese, Xi Jinping continuerà ad essere il leader della Cina nel prossimo mandato del Presidente Putin. Inoltre, come molti hanno notato, l’Ufficio del Presidente cinese (più correttamente, del “Presidente dello Stato”) ha solo potere nominale, col potere effettivo detenuto dal Segretario Generale del Partito Comunista Cinese, che non ha alcun limite di termine e che è naturalmente Xi Jinping stesso. La fine del limite al termine del presidente cinese, insieme all’opinione diffusa e quasi certamente corretta che sarà Xi Jinping ad essere rieletto a un ulteriore mandato presidenziale cinese nel 2023, conferma tuttavia definitivamente la posizione di Xi Jinping a leader indiscusso della Cina. Ciò significa che, dopo gli incolori periodi dei predecessori di Xi Jiang Zemin e Hu Jintao, la Cina ha ancora una volta nella persona di Xi Jinping un leader forte, proprio come all’epoca di Mao Zedong e Deng Xiaoping. Questo è di vitale importanza perché la Cina si trova attualmente in un momento cruciale, quando è necessaria una leadership forte e decisa. Nella politica interna, la Cina persegue l’enorme compito di riorientare l’economia dalla produzione di massa alla crescita guidata da servizi e tecnologia. È una transizione eccezionalmente difficile, quella che i sovietici negli anni ’70, che al tempo affrontarono una simile transizione, denominarono transizione da “esteso” ad “intensivo”. L’URSS non ci riuscì, preparando la scena per la crisi che alla fine portò al collasso. Un leader forte e autorevole, popolare nel Paese e in grado di far valere decisioni essenziali sugli ostacoli burocratici e politici che sicuramente si presenteranno, è indispensabile in questa situazione se si vuole evitare la crisi. Il fatto che la leadership cinese lo capisca molto bene è dimostrato dal modo in cui l’abolizione dei limiti del termine viene spiegata dall’editoriale dell’ufficioso Global Times, “Innanzitutto, in questo frangente, la Cina affronta una serie di sfide importanti sulle riforme all’interno e all’estero del Paese, che richiedono la revisione della Costituzione in conformità ai tempi. I principali Paesi mobilitano le risorse politiche per rafforzare la capacità decisionale. L’emendamento è principalmente guidato da esigenze interne allo sviluppo della Cina. Secondo, i cinesi sono profondamente consapevoli che la loro vita felice deve basarsi su solidarietà e stabilità, e che questo va sorvegliato dall’intera società guidata dal Comitato centrale del PCC. In questi anni abbiamo visto l’ascesa e il declino di Paesi e in particolare la dura realtà che il sistema politico occidentale non vale nei Paesi in via di sviluppo, producendo risultati terribili. Fortunatamente la Cina ha mantenuto costante la crescita per un lungo periodo. Abbiamo sempre più fiducia che la chiave della via della Cina sia una forte leadership di partito e seguire fermamente la leadership del Comitato centrale del Partito del compagno Xi Jinping. Dalla fondazione, la Repubblica popolare cinese copiò in gran parte il sistema socialista dell’Unione Sovietica. Sin dalle riforma e apertura, la Cina intraprese un percorso socialista con caratteristiche cinesi divenendo la seconda maggiore economia. Ciò dimostra che l’indipendenza politica è cruciale per far avanzare la Cina. La maggior parte dei principali fenomeni che affliggono la Cina non può essere spiegata dalle teorie occidentali. La Cina deve trovare soluzioni con la propria saggezza. Se la nostra prassi è buona, va valutato nel rispondere e promuovere la missione della Cina e dai risultati effettivi. Nonostante la marea di informazioni riversate in Cina dopo le riforma ed apertura, la società cinese è riuscita a reggere e ad accumulare saggezza collettiva. In questo processo la direzione del Comitato centrale del partito è stata determinante. L’emendamento costituzionale giunge in un momento favorevole in quanto consolida il pensiero guida, la leadership del partito, la struttura della leadership e il meccanismo di vigilanza migliorato mentre la Cina affronta i compiti ardui della nuova era”. L’attento riferimento all’URSS chiarisce perfettamente a quale Paese ci si riferisce con le parole “sorgere e declinare di Paesi”. Sulle parole “la dura realtà che il sistema politico occidentale non si applica ai Paesi in via di sviluppo, producendo risultati spaventosi”, in concomitanza coi riferimenti all’URSS, si indicano chiaramente le disastrose politiche della “perestroika” di Mikhail Gorbaciov, che invece di permettere la transizione dell’URSS da sviluppo “estensivo” ad “intensivo”, ne causò invece il collasso. Le parole sulla necessità di “consolidare la struttura della leadership e migliorare il meccanismo di vigilanza quando la Cina affronta gli ardui compiti della nuova era” dimostrano che i cinesi non intendono ripetere gli errori di Gorbaciov. A differenza dell’URSS, invece di “democratizzare” rafforzeranno la leadership centrale per mantenere lo stretto controllo del processo, così da rendere efficace il passaggio dallo sviluppo “intensivo” a quello “intensivo”.
Chi conosce la storia sovietica, vi riconoscerà lo stesso approccio che Jurij Andropov, uno degli ultimi leader dell’URSS, aveva intenzione di seguire. Non a caso, proprio come Jurij Andropov nel breve periodo in cui fu il leader sovietico enfatizzò la lotta alla corruzione come essenziale per completare il passaggio dallo sviluppo “esteso” a quello “intensivo”, così agisce oggi l’omologo cinese Xi Jinping. In entrambi i casi, oltre al sincero desiderio di sradicare la corruzione, va attuata una campagna anti-corruzione imponendo la disciplina, essenziale per una transizione di successo. Se tuttavia la conferma di Xi Jinping a leader supremo della Cina ha uno scopo principalmente interno, ha anche una dimensione estera la cui importanza non va sottovalutata. Anche se la Cina cambia la struttura dell’economia, l’ambiente estero le è sempre meno favorevole. Mentre negli anni ’90 e 2000 l’economia cinese cresceva col benevolo incoraggiamento degli Stati Uniti, oggi l’atteggiamento degli Stati Uniti è cambiato, con molti statunitensi (non solo Trump) che ritengono che la Cina cavalchi l’ascesa economia a spese degli Stati Uniti. Ciò significa che la Cina potrebbe non avere accesso libero al mercato statunitense per molto. La Cina deve anche affrontare la realtà delle manovre navali statunitensi nel Pacifico, e gli Stati Uniti che sfidano sempre più la Cina alla sua periferia, in particolare nel Mar Cinese Meridionale, fondamentale arteria commerciale. Il crescente confronto cogli Stati Uniti significa che la Cina non può più permettersi di dare per scontate le rotte commerciali marittime, vitali non solo alle esportazioni, ma anche all’importazione di materie prime. Questo spiega il gigantesco programma One Belt, One Road su cui si è imbarcata la Cina, volto ad assicurarle l’accesso a forniture illimitate di materie prime dall’Eurasia e a collegamenti ad alta velocità in Eurasia per le merci cinesi. Questo a sua volta spiega perché per la Cina la stretta relazione con la Russia, la potenza suprema eurasiatica, non è solo geopoliticamente, ma anche economicamente cruciale. Molto semplicemente, senza la cooperazione della Russia il programma One Belt, One Road è impossibile, e la Cina è sempre più vulnerabile alle pressioni economiche degli USA sempre più ostili. Ciò è alla base del rapporto tra Xi Jinping e Vladimir Putin.
Sebbene tutto indichi che i due leader abbiano sviluppato una relazione forte considerandosi amici, alla fine sono gli interessi vitali dei loro Paesi a riunirli. Come per la Cina la relazione con la Russia è vitale per la sicurezza economica, per la Russia, ormai disillusa sulle prospettive dei suoi rapporti con l’occidente, il rapporto con la Cina, la seconda mondiale, è vitale per assicurarsi il futuro geopolitico ed economico. Detto ciò, anche se il rapporto tra Xi Jinping e Vladimir Putin è fermamente basato sulla chiara comprensione dei rispettivi interessi nazionali, data l’attuale natura estremamente complessa della situazione internazionale, saranno sollevati dal fatto che la loro partnership è destinata a continuare e a rafforzarsi. Nessuno vorrebbe in questo momento complesso e difficile ricominciare da capo con qualcun altro. I cambiamenti politici in Cina e Russia questo mese, la riunione del parlamento cinese e le elezioni presidenziali russe, assicurano che entrambi gli uomini riescano nel loro desiderio e che la loro collaborazione non solo continui, ma si rafforzi.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La visita del presidente iraniano in India

Vladimir Terehov, New Eastern Outlook 05.03.2018Il Presidente iraniano Hassan Rouhani visitava l’India il 15-17 febbraio e aveva parlato col Primo ministro indiano Narendra Modi. La visita è degna di nota per una serie di motivi, il più importante è che aveva luogo. Perché fu una significativa iniziativa in politica estera, presa da uno “Stato paria” che, insieme a “Stati revisionisti” fino a poco prima erano visti come minacce alla sicurezza nazionale della “principale superpotenza globale”. La leadership dell’Iran non era intimidita da tale atteggiamento, o spinta a mantenere un basso profilo. In effetti, l’Iran otteneva qualcosa di molto significativo, e non solo, ma in un Paese che il “leader globale” considera quasi alleato per la rivalità con la Cina, uno dei due “Stati revisionisti”. La parola chiave è “quasi”: mentre il governo indiano ha chiaramente e comprensibilmente cercato di sviluppare relazioni strategiche con Washington, non ha accettato alcun obbligo che lo legasse agli USA. Almeno non ancora. L’India non ha mai interrotto le relazioni (sebbene “congelate” per un po’) con l’Iran e l’altro “Stato paria” nominato dagli USA, la Corea democratica. Si può tranquillamente affermare che, nonostante i rapporti tra Stati Uniti, Cina e India si sviluppino, l’India non interromperà le relazioni con l’Iran. Questo nonostante il fatto che, solo quattro o cinque anni fa, le minacce di Washington rappresentassero un ostacolo a qualsiasi miglioramento delle relazioni. Minacce simili furono ascoltate quando Narendra Modi annunciò di recarsi a Teheran nel 2016 (una visita che Hassan Rouhani fa in cambio in India questo mese). L’allora segretario di Stato aggiunto degli Stati Uniti per gli affari dell’Asia centrale e meridionale, Nisha Desai Biswal, affermò che gli Stati Uniti erano stati “molto chiari cogli indiani a continuare a limitare le attività nei confronti dell’Iran”. Ma la leadership del partito Bharatiya Janata, guidato da Narendra Modi, era già consapevole del proprio status sulla scena internazionale. Pertanto ignorò l’avvertimento di Washington e il premier indiano, che in quel periodo visitava Teheran, firmò un accordo molto importante e che fu mossa importante nel gioco politico che si svolgeva negli oceani Indiano e Pacifico.
In un memorandum d’intesa l’India accettava di estendere un credito di 500000000 di dollari all’Iran per lo sviluppo dell’impianto portuale di Chabahar, situato nel Golfo di Oman, a 100 km dal confine col Pakistan. Una sezione ferroviaria di 600 km tra Chabahar e Zahedan, attualmente in costruzione, collegherà l’impianto portuale con l’infrastruttura dell’Afghanistan. La ferrovia, a proposito, è un altro progetto comune con l’India. L’India quindi raggiunge un obiettivo strategico molto importante: una via di accesso all’Afghanistan (che inizia con la rotta da Mumbai a Chabahar) che aggiri il Pakistan. Il desiderio dell’India di una certa voce sulla situazione in Afghanistan non è solo dovuta al comprensibile desiderio di opporsi alla partnership Cina-Pakistan: riflette anche un senso diffuso tra l’élite politica indiana che il Paesesia l’erede dell”India britannica’. Se continua a svilupparsi al ritmo attuale, forse non è inverosimile immaginare che un giorno l’India potrà definirsi “erede dell’Impero inglese”, qualcosa che la Gran Bretagna è assai lontana dal poter fare. Nei commenti sul progetto portuale indo-iraniano del porto di Chabahar, gli esperti suggeriscono spesso che potrebbe diventare importante per l’India come il porto di Gwadar (sempre 100 km dal confine Iran-Pakistan, ma dal lato pakistano) per la Cina. La costruzione della struttura portuale, in gran parte finanziata dalla Cina, è in corso da 15-20 anni. Sull’Afghanistan, proprio come 100 o 200 anni fa, è di nuovo al centro del “Grande Gioco” per il controllo dell’Asia centrale e meridionale, ma questa volta non è giocato da Londra e Mosca, ma da un nuovi Paesi. Trovandosi nel fuoco incrociato delle rivalità, il governo di Kabul, cercando di trovare la propria strada nell’arena di forze in competizione, si schiera più o meno apertamente con l’India. Il complesso progetto portuale di Chabahar è quindi particolarmente importante anche per Kabul. Ecco perché, nel maggio 2016, il presidente dell’Afghanistan Ashraf Ghani partecipò all’Accordo Trilaterale sulla creazione di un “corridoio di transito” che colleghi Chabahar alle infrastrutture dell’Afghanistan. Quest’ultimo progetto fu confermato da un articolo della dichiarazione congiunta India-Iran firmata quel maggio 2016, durante la visita di Narendra Modi a Teheran. Il progetto consentirà all’Afghanistan di avere accesso al mare attraverso l’Iran ‘amico’, scavalcando il Pakistan, Paese con cui le relazioni, come Kabul dichiara ufficialmente, ‘lasciano molto a desiderare’.
Sulla dichiarazione congiunta adottata durante la visita di Hassan Rouhani in India, va notato, come la dichiarazione congiunta rilasciata due anni fa, faccia riferimento all'”atmosfera cordiale” in cui “ampie e costruttive discussioni si sono tenute su questioni bilaterali, regionali multilaterali”. La dichiarazione esprime soddisfazione anche per i progressi nei vari aspetti della cooperazione tra i due Paesi, avviata con la visita di Narendra Modi a Teheran due anni prima. Il documento indica anche al completamento della prima fase della modernizzazione del porto di Chabahar nel dicembre 2017, ratifica del suddetto accordo trilaterale da parte di tutte le parti e completamento della “prima spedizione di grano indiano” in Afghanistan attraverso la nuova infrastruttura. La dichiarazione congiunta ribadisce la partecipazione di India ed Iran alla creazione di un “Corridoio dei trasporti internazionale Nord-Sud”, coi terminali a San Pietroburgo e Mumbai. Il documento copre quasi tutti gli aspetti delle relazioni internazionali, ma la sezione “Sicurezza e cooperazione nell’industria della Difesa” è particolarmente degna di nota. Non è lunga (solo tre brevi articoli), ma evidenzia ancora una volta il contesto internazionale in cui appare, condizionato dall’Iran all’essere effettivamente dichiarato nemico dal principale possibile alleato dell’India. Nello specifico, afferma che “entrambi i leader hanno accolto con favore la crescente interazione tra i consigli di sicurezza nazionale e hanno deciso di rafforzare le consultazioni regolari ed istituzionalizzarle“. Questo successo nello stabilire legami stretti con uno dei principali Paesi del Grande Medio Oriente è particolarmente importante per l’India, proprio ora, quando la Cina rafforza le posizioni in Paesi come Myanmar, Nepal, Sri Lanka e Maldive, non per menzionare il Pakistan.
Nei commenti, gli esperti indiani hanno evidenziato non solo i chiari benefici che l’India potrà ottenere dallo sviluppo delle relazioni con l’Iran, ma anche le sfide che potrebbe affrontare, connesse con le complessità della situazione politica ed economica nella società iraniana e anche coi problemi relativi alle “divisioni esistenti nel Grande Medio Oriente”, un processo in cui l’Iran è direttamente coinvolto. Ad esempio, l’Iran è ora quasi in conflitto diretto con Israele, un Paese con cui l’India intrattiene da tempo relazioni reciprocamente vantaggiose (ad esempio, ha acquistato materiale militare d’avanguardia da Israele). Queste relazioni sono state confermate dall’ultima visita del Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Nuova Delhi. Un’altra sfida seria per Nuova Delhi è il peggioramento delle relazioni tra Iran e Arabia Saudita e Stati Uniti. Sembra chiaro, tuttavia, che ogni possibile rischio connesso col riavvicinamento tra i due Paesi è ben compreso a Nuova Delhi e a Teheran. La cosa più importante è che, come già detto, tali rischi non impediscano ai leader di entrambi i Paesi di aumentare la cooperazione su una vasta gamma di questioni, che a loro volta saranno importanti nel complesso puzzle politico delle regioni degli oceani Indiano e Pacifico.Vladimir Terekhov, esperto di questioni relative alla regione Asia-Pacifico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio