La Russia al centro della diplomazia coreana

Mosca ospita diplomatici provenienti da Corea democratica e Corea del Sud
Alexander Mercouris, The Duran 22 ottobre 2017Sebbene sia stato completamente ignorato, la Russia è al centro della diplomazia per risolvere la crisi coreana. La Russia è il migliore posto, tra le grandi potenze Russia, Cina e Stati Uniti, su questo. A differenza degli USA, la Russia ha rapporti di lunga data con la Corea democratica. Ha mantenuto una continua presenza diplomatica nella Corea democratica dalla divisione della penisola coreana nel 1945, più a lungo della Cina. La leadership nordcoreana (anche se non lo stesso Kim Jong-un) ha storicamente avuto stretti rapporti con la Russia. Kim Jong-il, il padre di Kim Jong-un e predecessore alla guida della Corea democratica, si dice fosse nato in Russia (anche se ciò è contestato in Corea) e secondo alcuni resoconti sapeva il russo. Putin visitò la Corea democratica dove ebbe colloqui con Kim Jong-il. Kim Jong-il e Kim Il-sung, il primo grande leader della Corea democratica e suo “eterno presidente”, visitarono la Russia. Inoltre negli ultimi due decenni si è gradualmente chiarito che la Corea democratica, durante la guerra fredda, era molto più strettamente legata all’Unione Sovietica di quanto ritenuto e che fino alla fine degli anni ’80 i suoi legami politici, economici e militari privilegiavano l’URSS piuttosto che la Cina. Il risultato è che i russi e i nordcoreani si conoscono molto, coi russi molto meglio informati della situazione in Corea democratica e quasi certamente con accesso di gran lunga superiore alla direzione della Corea democratica che non gli Stati Uniti. Allo stesso tempo, proprio perché la Russia ha solo una presenza economica insignificante in Corea democratica e non ha la storia millenaria d’intensa interazione con la Corea della Cina, non è temuta dalla Corea democratica quale potenziale dominatore come la Cina. Il risultato è che i nordcoreani, notoriamente riservati, parlano coi russi in un modo che probabilmente ritengono non poter avere con nessun altro. Ciò ha reso possibile il dialogo tra Corea democratica e Russia. I russi, da parte loro, hanno facilitato il dialogo essendo più simpatetici coi nordcoreani rispetto a tutti gli altri, inclusi i cinesi. Così mentre i russi hanno chiarito la loro netta opposizione ai programmi su missili balistici e armi nucleari della Corea democratica, hanno anche chiarito che comprendono e hanno simpatia per le preoccupazioni sulla sicurezza della Corea democratica, che guidano questi programmi. Hanno anche denunciato con forza i tentativi degli USA di soffocare economicamente la Corea democratica e parlato della necessità di rispettare la Corea democratica. Si considerino ad esempio i commenti di Putin sulla Corea democratica al vertice BRICS del 5 settembre 2017, dal tono comprensivo superiore ad ogni cosa che anche i cinesi hanno detto, “Tutti ricordano bene ciò che è successo all’Iraq e a Sadam Husayn. Husayn abbandonò la produzione di armi di distruzione di massa. Tuttavia, col pretesto di cercare queste armi, Sadam Husayn e la sua famiglia furono uccisi durante la ben nota operazione militare. Anche dei bambini morirono. Credo che suo nipote fu ucciso. Il Paese fu distrutto e Sadam Huayn impiccato. Ascoltate, tutti lo sanno e lo ricordano. I nordcoreani ne sono consapevoli e se lo ricordano. Pensate che dopo l’adozione di certe sanzioni, la Corea democratica abbandonerà la creazione di armi di distruzione di massa? La Russia condanna questi tentativi da parte della Corea democratica. Crediamo che siano provocatori in sé. Tuttavia, non possiamo dimenticare ciò che ho appena detto sull’Iraq, e cosa è accaduto dopo in Libia. Certamente, i nordcoreani non lo dimenticano. Le sanzioni di qualsiasi tipo sono inutili e inefficaci in questo caso. Come ho detto a uno dei miei colleghi, mangeranno erba ma non abbandoneranno questo programma a meno che non si sentano al sicuro. Cosa può garantirgli sicurezza? Il ripristino del diritto internazionale. Dobbiamo avanzare verso il dialogo tra tutte le parti interessate. È importante che tutti i partecipanti al processo, compresa la Corea democratica, non abbiano alcuna sensazione di essere minacciati di distruzione; al contrario, tutte le parti del conflitto dovrebbero cooperare. In questo contesto, in questa situazione, istigare l’isteria militare è assolutamente inutile; è un vicolo cieco. Inoltre, la Corea democratica non ha solo missili a medio raggio e armi nucleari, sappiamo che le ha, ma ha anche artiglieria a lungo raggio e lanciarazzi multipli con una portata di 60 chilometri. È inutile utilizzare sistemi di difesa missilistica contro queste armi. Non ci sono armi al mondo che possano contrastare l’artiglieria e lanciarazzi multipli a lungo raggio. Che possono essere collocati in modo tale da essere praticamente impossibili da trovare. In questo contesto, l’isteria militare non farà del bene, ma può portare al disastro globale e planetario e ad enormi quantità di vittime. La diplomazia è l’unico modo per risolvere il problema nucleare nordcoreano”.
Nel recente forum di Valdai, Putin ha nuovamente affrontato questo tema, chiarendo che è importante parlare con rispetto e cortesia coi nordcoreani e non lanciargli accuse e invettive, “Oppure, prendete un altro esempio, il cappio sulla penisola coreana. Sono sicuro che se ne è trattato ampiamente oggi. Sì, condanniamo in modo inequivocabile le prove nucleari condotte dalla RPDC e rispettiamo pienamente le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite relative alla Corea democratica. Colleghi, voglio sottolinearlo in modo che non ci sia un’interpretazione discrezionale. Siamo conformi a tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Tuttavia, questo problema può ovviamente essere risolto solo attraverso il dialogo. Non dovremmo cacciare la Corea democratica in un angolo, minacciarla, abbassarci alla maleducazione o all’invasione. Se si ama o no il regime nordcoreano, non dobbiamo dimenticare che la Repubblica popolare democratica di Corea è uno Stato sovrano. Tutte le controversie devono essere risolte in modo civile. La Russia ha sempre favorito questo approccio”. I leader della Corea democratica, compreso certamente Kim Jong-un, leggendo questi commenti prenderanno nota del promemoria di Putin, troppo spesso dimenticata nei commenti sulla Corea democratica, “la Repubblica popolare democratica di Corea è uno Stato sovrano“. Se i nordcoreani percepiscono la Russia se non propria amica, ma che comunque si sforza di capirli e accordargli rispetto, e a cui possono parlare senza essere minacciati o umiliati, per i russi assicurarsi la pace nella penisola coreana è questione di sicurezza nazionale vitale e di grande interesse economico. Dell’importanza per la Russia della pace nella penisola coreana non c’è bisogno di spiegazioni. La Russia confina con la Corea democratica (effettivamente limitata) e per i russi una guerra nucleare che devasti la Corea democratica sarebbe un disastro per la sicurezza nazionale ed umanitario. Solo per questo motivo i russi sono ansiosi di fare tutto il possibile per assicurarsi che non accada. Oltre a ciò, tuttavia, c’è il fatto che per la Russia la pace nella penisola coreana apre opportunità economiche. Oltre ai legami con la Corea democratica, la Russia ha sviluppato relazioni estremamente amichevoli con la Corea del Sud, che ha espresso grande interesse ad investire nell’economia russa. Al di là di questo, però, la prospettiva che la Russia costruisca un gasdotto e una ferrovia per la Corea del Sud attraverso la Corea democratica, fornisce alla Corea del Sud il gas russo, e alla Corea democratica una fonte di entrate sotto forma di tariffe di transito, dando ad entrambe le Coree un ponte verso l’Europa. Realisticamente questo progetto può avverarsi solo se gasdotto e ferrovia attraversano la Corea democratica, che a sua volta richiede la pace nella penisola coreana, che a causa delle tensioni appare lontana più di prima. Tuttavia un decennio fa si parlò seriamente di questo progetto, che non sorprende dati gli enormi vantaggi per tutti gli interessati. Va aggiunto che non solo i russi ne erano interessati. Le delegazioni nordcoreane visitarono la Russia per discuterne, e anche i sudcoreani ne erano interessati.
Durante una visita sulla linea di contatto tra le due Coree che feci dal lato sudcoreano nel 2004, vidi che i sudcoreani avevano addirittura costruito una stazione ferroviaria sul loro lato della linea di contatto, in vista del giorno in cui i treni avrebbero attraversano Corea democratica e Russia verso l’Europa. Ovviamente per i russi, ansiosi di sviluppare le relazioni economiche e politiche con le nazioni dell’Est asiatico, cercando investimenti per il loro Estremo Oriente, questa è una prospettiva attraente. Ha inoltre una dimensione politica, coi russi che si aspettano il ripristino dei legami politici tra le due Coree, forse una sorta di confederazione. L’idea di una confederazione tra le due Coree fu effettivamente proposta da Kim Il-sung negli anni ’70, e anche se la guerra fredda la rese impossibile, ma potrebbe non essere così difficile oggi. Se le due Coree, con una popolazione complessiva di quasi 80 milioni di persone, altamente addestrata e ben istruita, abbondanti risorse naturali ed industrie avanzate (anche della Corea democratica), se mai seguissero questo cammino diverrebbero un colosso economico che rivaleggerebbe col Giappone quale seconda economia, dopo la Cina, in Asia orientale. Per i russi, coi loro buoni rapporti con entrambe le Coree, è una prospettiva attraente, specialmente se possono utilizzare la prospettiva di migliori legami economici e politici con le due Coree, e tra le due Coree, allontanando la Corea del Sud dagli Stati Uniti e avvicinando le due Coree con relazioni più strette e forse, col tempo, con una piena integrazione con le potenze eurasiatiche (cioè Cina e Russia). Che queste idee siano di fondo, almeno nella mente di alcuni russi, è stato confermato da Putin durante l’ultima sessione alla conferenza di Valdai, dove ha specificamente richiamato il progetto per costruire collegamenti ferroviari e gasdotti con le Coree, collegandole alla Russia e infine, attraverso l’Eurasia, all’Europa, “Che ruolo può giocare la Russia? Può agire da intermediaria. Abbiamo proposto una serie di progetti tripartiti che coinvolgono Russia, Corea democratica e Corea del Sud, comprendenti la costruzione di una ferrovia, di un gasdotto e così via. Dobbiamo lavorare. Dobbiamo sbarazzarci di una retorica belligerante, capire il pericolo associato a tale situazione e superare le nostre ambizioni. È imperativo smettere di discutere. Infatti, è semplice”. Inutile dire che la natura stessa di questi piani russi per le due Coree garantisce l’opposizione statunitense, sebbene in ogni valutazione oggettiva la pace nella penisola coreana e una confederazione coreana ricca e economicamente potente, con la quale anche gli Stati Uniti commercerebbero, sono nell’interesse degli Stati Uniti, anche se ciò comporta una maggiore relazione politica tra le due Coree e le potenze eurasiatiche. Dopo tutto, anche se la Corea del Sud si allontanasse dagli Stati Uniti, è difficile che si faccia nemici gli Stati Uniti. Tuttavia la realtà della politica statunitense al momento è strettamente concentrata su obiettivi geopolitici spesso grandiosi, anche se troppo ambiziosi e che comportano gravi pericoli, piuttosto che perseguire ciò che qualsiasi valutazione oggettiva rende d’interesse reale per gli Stati Uniti. Il risultato è che le proposte russe richiedono agli Stati Uniti di ridurre ed eliminare la loro presenza militare nella Corea del Sud comportando col tempo che la Corea del Sud cambi i rapporti con gli Stati Uniti da alleato subordinato a pari economico, cosa a cui gli Stati Uniti si opporrebbero senz’altro.
Mi sono sempre chiesto se il fallimento della diplomazia multilaterale per por termine alla crisi coreana, sotto forma di crollo del 2006 dei cosiddetti colloqui dei sei partiti, poiché gli Stati Uniti rifiutarono senza motivo di por fine alle sanzioni finanziarie sulla Corea democratica in cambio della conclusione della Corea democratica dei programmi su armi nucleari e missili balistici, fu causato dai timori degli Stati Uniti che la fine della crisi nella penisola coreana avrebbe permesso i progetti russi per costruire linee ferroviarie e gasdotti attraverso la Corea democratica verso la Corea del Sud. In caso affermativo, gli Stati Uniti hanno deliberatamente scatenato la crisi nucleare nella penisola coreana mettendo in pericolo la pace mondiale, pensando che i propri obiettivi geopolitici venissero sfidati. Senza dubbio lo fecero perché sottovalutarono la capacità della Corea democratica di far progredire i propri programmi. Tuttavia i russi sembrano ora vedere un’apertura nell’ultima crisi, riproponendo le loro idee sulla penisola coreana, come affermava Putin al Valdai Forum. Il risultato è una frenesia della diplomazia russa, con ripetute visite a Mosca di Choe Son Hui, a capo del dipartimento nordamericano del Ministero degli Esteri della Corea democratica e uno dei massimi diplomatici della Corea democratica. Choe Son Hui era a Mosca a fine settembre, dove ebbe colloqui presso il Ministero degli Esteri russo, che sarebbero durati cinque ore. Quattro giorni fa TASS riferiva che fosse nuovamente a Mosca. I russi hanno anche tentato di utilizzare una recente riunione dell’Unione Interparlamentare (IPU) a Mosca, cui sia Corea democratica e Corea del Sud avevno inviato delegazioni, per farle discutere direttamente sui negoziati. Nell’evento si vide, non per la prima volta, come la Corea democratica sia un Paese difficile da aiutare, i nordcoreani, forse perché non avevano l’ordine di parlare coi sudcoreani, si rifiutarono di parlare direttamente ai sudcoreani. I russi, tuttavia, senza dubbio inviarono messaggi tra le due delegazioni, proponendosi così come possibile intermediario. Il fatto che l’interlocutrice nordcoreana dei russi sia Choe Son Hui, la cui responsabilità sono la relazioni della Corea democratica con gli Stati Uniti, è un segno che per il momento i russi coinvolgono gli Stati Uniti nei colloqui. Infatti è probabile che i colloqui di Mosca tra i russi e Choe Son Hui siano parte dei “rapporti occulti” tra Stati Uniti e Corea democratica, di cui il segretario di Stato Tillerson parlò ad inizio ottobre, stupidamente ridicolizzati dal presidente Trump. Tuttavia, il fatto che i russi avessero cercato di far incontrare a Mosca nordcoreani e sudcoreani, anche senza successo, dovrebbe servire da avvertimento prr gli Stati Uniti.
Tornando a ciò che Putin ha detto al Forum di Valdai, è notevole come abbia parlato di “progetti tripartiti che coinvolgono Russia, Corea democratica e Corea del Sud“. Al contrario, i commenti di Putin sul ruolo degli Stati Uniti nella creazione della crisi coreana mostrano poca fiducia, usando un eufemismo, verso la diplomazia degli Stati Uniti. “Eravamo d’accordo a un certo punto che la Corea fermasse i programmi per le armi nucleari. No, i nostri partner statunitensi pensavano che non bastasse e, poche settimane dopo, credo dopo l’accordo, imposero ulteriori sanzioni, dicendo che la Corea può fare di meglio. Forse può, ma non ha assunto tali obblighi. Inoltre, subito si ritirò da tutti gli accordi e riprese ciò che stava facendo prima”. Se gli Stati Uniti persistono nell’attuale posizione, dicendosi pronti a parlare con la Corea democratica, ma rifiutandosi di farlo; dicendo che non hanno piani per il cambio di regime nella Corea democratica, ma rifiutando di dare garanzie sulla sicurezza; dicendo che la Corea democratica deve disarmare ma escludendo il ritiro delle truppe statunitensi dalla penisola coreana; criticando Kim Jong-un per aver imposto difficoltà al popolo della Corea democratica, per poi cercare di aumentarle e chiedendo alla Cina di risolvere la crisi coreana senza che gli Stati Uniti diano nulla in cambio, prima o poi porteranno al momento in cui i russi diranno ai sudcoreani che il maggiore ostacolo a una soluzione pacifica della crisi nella penisola coreana non è la Corea democratica, ma gli Stati Uniti. A quel punto i russi senza dubbio evidenzieranno ai sudcoreani di aver più interesse alla soluzione pacifica della crisi che non gli Stati Uniti, dato che un fallimento della risoluzione della crisi mette a rischio la sopravvivenza non solo della Corea democratica, ma anche della Corea del Sud e di tutta la nazione coreana. A quel punto i russi, senza dubbio evidenzieranno ai sudcoreani che spetta a loro porre fine alla crisi coreana, avvicinandosi direttamente alla Corea democratica, e che non hanno bisogno degli Stati Uniti per raggiungere questo obiettivo.
Dopotutto non è affatto difficile notare i contorni di una possibile sistemazione coreana: patto di non aggressione tra le due Coree, ritiro delle truppe statunitensi dalla penisola coreana e accordo con la Corea democratica che rinuncia alle armi in cambio di garanzie formali sulla sicurezza dalle grandi potenze (in questo caso le due grandi potenze eurasiatiche, Russia e Cina). Non c’è ragione logica per cui su qualsiasi cosa si debba chiedere l’assenso degli Stati Uniti, e se le due Coree lo dovessero accettare, gli Stati Uniti non potrebbero impedirlo. I sudcoreani non sono pronti a questo passo, ma i russi, che hanno probabilmente già pensato a tutte queste cose, possono calcolare il momento aspettando quello giusto, in cui i sudcoreani saranno disposti ad ascoltare, affinché la realtà dell’intransigenza statunitense appaia chiara. Dopotutto, ciò è apparve chiaro nella crisi siriana, con Russia e Turchia che si accordavano dopo la caduta della fortezza jihadista ad Aleppo, senza coinvolgere gli Stati Uniti. Si è in qualche modo a questo punto nella crisi coreana. I nordcoreani richiederanno molta persuasione prima di essere pronti a parlare coi sudcoreani, il cui governo considerano un burattino degli Stati Uniti. I sudcoreani avranno bisogno di molta persuasione prima di essere disposti a rompere con gli Stati Uniti ed agire senza il loro previo assenso. Tuttavia, tenuto conto dei forti interessi che tutte le parti hanno su un accordo, se gli Stati Uniti non staranno attenti, potrebbero agire senza di essi. In quel caso si vedrebbero i diplomatici russi a Pyongyang e Seoul e i leader di Corea democratica e Corea del Sud, Kim Jong-un e Moon Jae-in, a Mosca, con gli Stati Uniti completamente esclusi dai colloqui mediati da Cina e Russia per la soluzione globale della crisi coreana, che avverrebbe senza di essi. Va da sé che la Cina sarà coinvolta in ogni fase. I russi indubbiamente informano i cinesi su ogni passo che prendono, proprio come l’Iran fu informato e coinvolto in ogni fase dai russi e turchi riunitisi per far finire la crisi siriana, divenendo co-presidente dei colloqui di Astana. Il coinvolgimento e l’accordo della Cina è difatti essenziale. In definitiva, per via della sfiducia tra le due Coree, Cina e Russia dovranno quasi certamente agire da co-firmatari e garanti di qualunque accordo le due Coree concludessero. Quasi certamente ciò richiederà a Cina e Russia di fornire garanzie formali non solo alla Corea democratica, ma probabilmente anche alla Corea del Sud.
Se si avesse questo risultato, oggettivamente non sarà contrario agli interessi statunitensi, perché la “nazione indispensabile” che “vede oltre” gli altri, ma sarebbe per essi una totale umiliazione. Questo è comunque il risultato più probabile a cui porta l’intransigenza statunitense sul tema coreano. Gli Stati Uniti hanno ancora tempo per evitarlo e ci sono alcuni a Washington, il segretario di Stato Rex Tillerson probabilmente, pronti a prendere le misure necessarie. Tuttavia, al momento, non vi è alcun segno nell’opinione prevalente, forse perché pochi a Washington sembrano riconoscerne il pericolo.

Choe Son Hui

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

BRICS, possibilità e futuro della nuova economia emergente

Peter Koenig,  Global Research 21 settembre 20171. Economia globale e BRICS
Peter Koenig: mettiamo i BRICS in prospettiva: sono naturalmente Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. Insieme costituiscono quasi il 50% della popolazione mondiale e sono quasi un terzo della produzione economica mondiale o del PIL. Questo solo li rende totalmente indipendenti dall’economia occidentale, dall’occidente, da ciò che chiamo sistema monetario fraudolento basato sul dollaro. E accadrà, accadrà prima di quanto si creda. Tuttavia, con l’attuale struttura politica dei BRICS, la relativa mancanza di coerenza politica ed economica, salvo Russia e Cina, per il momento ciò resta teoria. Se mi permettete, torniamo indietro, all’origine del termine BRIC e a chi lo coniò. All’inizio, il Sudafrica non era ancora membro dell’associazione. Nel 2001, poco dopo l’11 settembre 2001, l’economista capo di Goldman Sachs, Jim O’Neill, inventò il termine BRIC, prevedendo che le economie emergenti di Brasile, Russia, India e Cina, avrebbero superato la cosiddetta economia occidentale entro il 2041. La previsione fu poi riveduta più volte, fino al 2032, e ora, non credo che ci siano previsioni formali ma potrebbe accadere nel 2025 o prima, specialmente con il nuovo mercato del cambio petrolio-yuan/oro che sarà presto aperto a Shanghai. Molti prevedono che questa sia la fine dell’egemonia del dollaro e del petrodollaro. Stranamente ma in modo formidabile, i quattro Paesi BRIC compresero il loro potenziale e presero a guidare gli eventi. Così opera la dinamica, spesso in modo totalmente imprevedibile. Certamente Goldman Sachs e il suo capo-economista non sapevano che ciò avrebbe creato l’avversario più deciso del sistema economico-monetario occidentale. Il primo vertice BRIC si ebbe in Russia nel giugno 2009, data della conferenza per la creazione formale dei BRICS. Nel 2011 i cinque Paesi, Brasile, Russia, India e Cina più Sudafrica erano i cinque mercati emergenti dalla più rapida crescita e nell’aprile 2013 si aggiunse il Sudafrica al gruppo BRIC, creando formalmente i BRICS. Questa è una breve introduzione storica, per dimostrare che l’impulso al BRIC(S) fu effettivamente la fonte occidentale meno probabile, la Goldman Sachs. Nel frattempo, i BRICS lottano contro un’altra realtà. Affinché siano un’alternativa efficace all’economia occidentale o al sistema monetario occidentale, hanno bisogno di una visione politica unita, nonché di un approccio coerente e unificato allo sviluppo economico, distanziandosi dal sistema basato su dollaro. Purtroppo, oggi non è così. Ma ciò non significa che non accadrà. Personalmente, credo che accadrà, richiedendo solo più tempo rispetto al resto del mondo. Brasile e India sono totalmente nelle mani di Wall Street, Banca Mondiale e FMI. Nel caso dell’India, ricordiamo il fiasco monetario dello scorso autunno, quando il Primo ministro Narendra Modi decise di annullare oltre l’80% della moneta circolante come passo per sostituirlo con altre note e digitalizzare l’economia indiana. Non si sa quanti poveri indiani siano morti, chi non ha accesso ai conti bancari, non ha mezzi alternativi per comparsi il cibo. Le piccole imprese fallite, con un impatto importante sull’economia indiana. Altro, molto più disumano, fu l’impatto sui poveri indiani. Ma Modi seguiva il dettato occidentale, di Wall Street e FMI, con un programma per testare la digitalizzazione di una grande economia emergente, attuata dall’USAID. Quanta fiducia merita l’India di Modi nei BRICS? E il Brasile del neoliberista Temer, accusato di corruzione; ha letteralmente consegnato l’economia del Paese agli squali di Wall Street, FMI e BM. Quindi, quando Temer e Modi stringevano le mani agli altri tre aderenti ai BRICS a Xiamen, in Cina, il 4 e 5 settembre, sembrava un club unito solo di nome. Tuttavia, il tema della 9,na conferenza BRICS era “BRICS: partenariato più forte per un futuro più luminoso“. Spero davvero che questo obiettivo sia raggiunto. E sicuramente nel tempo. È importante affrontare un tale evento con spirito positivo e in prospettiva. Forse, secondo la stessa filosofia, prima del vertice di settembre a Xiamen, il Presidente Putin dichiarò qualcosa di cruciale, ma altamente politico e diplomatico: “È importante che le attività del nostro gruppo si basino sui principi dell’uguaglianza, del rispetto delle rispettive opinioni e sul consenso. Nei BRICS, nessuno costringe nessuno. Quando l’approccio degli aderenti non coincide, lavoriamo con pazienza e attenzione per coordinarli. Questa atmosfera aperta e basata sulla fiducia favorisce l’efficace attuazione dei nostri compiti“.

2. Comprendere l’industrializzazione e la Banca di sviluppo dei BRICS
PK: Cominciamo con la Banca di sviluppo dei BRICS, ora chiamata Nuova Banca di Sviluppo (NDB). Ideata al vertice BRICS di Durban nel marzo 2013 e formalmente creata nel 2014 e firmata col trattato del luglio 2015. Secondo l’accordo, la Banca di sviluppo dei BRICS, come fu chiamata la prima volta, ora NDB, istituiva un “paniere di valute di riserva” da 100 miliardi di dollari USA. Ognuno dei cinque Stati aderenti doveva assegnare una quota uguale per il capitale iniziale di 50 miliardi di dollari, da ampliare successivamente a 100 miliardi. I contributi per Paese sono stati: Brasile, 18 miliardi di dollari, Russia 18 miliardi di dollari, India 18 miliardi di dollari, Cina 41 miliardi di dollari e Sudafrica 5 miliardi di dollari. Il problema è che il capitale iniziale e il Contratto di riserva di contingenza (CRA) da 100 miliardi di dollari sono stati istituiti in dollari statunitensi. Come possono rompere il sistema monetario del dollaro occidentale, se il loro contributo è basato sul dollaro? Inoltre, Sudafrica e Brasile sono fortemente indebitati, in dollari statunitensi. Il debito attuale del Sudafrica è superiore al 50% (153 miliardi di dollari USA) del PIL, situandosi quasi sui 300 miliardi. Per rispettare il contributo al CRA denominato in dollari, Brasile e Sud Africa potrebbero prendere prestiti da dove? Wall Street e FMI, in quanto il CRA è un fondo di riserva in dollari. Ciò lega questi Paesi ancor più ai dollari, alla FED e alle organizzazioni di Bretton Woods, anziché liberarle da tale situazione. Tra parentesi, l’interesse del Sudafrica sul debito estero di 153 miliardi di dollari era circa 5 miliardi (2016). Il debito estero è quasi il 52% del PIL di quasi 300 miliardi di dollari. I pagamenti del debito di 5 miliardi di dollari sono superiori alla spesa del Paese per l’istruzione terziaria (4,6 miliardi di dollari). Questo è anche un buon motivo per staccarsi dal sistema monetario basato sul debito e, come originariamente pianificato dai BRICS, migrare verso un sistema di pagamento monetario e internazionale simile a quello già introdotto dalla Cina. Il Sistema di pagamento internazionale cinese (CIPS).
Sull’industrializzazione, la NDB certamente contribuirà a stimolare l’industrializzazione nei Paesi BRICS, ma anche tra i Paesi BRICS e fuori dai BRICS, aumentandone il commercio. Attualmente la NDB ha approvato sette progetti di investimenti nei Paesi BRICS, per 1,5 miliardi di dollari. Quest’anno, la NDB dovrà approvare un secondo pacchetto di progetti di investimento da 2,5 a 3 miliardi di dollari in totale. Sebbene non sia chiaro quale impatto appaiono questi progetti, l’idea originale della NDB era sostenere progetti infrastrutturali ed energetici nei Paesi BRICS. Vi è grande necessità di infrastrutture e produzione di energia indipendente. Naturalmente, infrastrutture e sviluppo energetico, significano anche industrializzazione e commercio.3. Diversificazione economica
PK: Una solida cooperazione BRICS, così come una propria banca di sviluppo, probabilmente attireranno, grazie alla leva NDB, nuovi investimenti. Questo è uno degli obiettivi discussi al vertice di Xiamen. La quantità è difficile prevedere, ma il Premier Modi ha parlato di un aumento previsto del 40% nei prossimi anni. Ma anche se l’India o qualsiasi Paese BRICS riceverà investimenti esteri, sarà difficile discernere quali investimenti sono direttamente correlati alla Nuova Banca dei BRICS, come espressamente detto a Xiamen. Più importante è la diversificazione degli investimenti, così come il relativo commercio. Attualmente vi sono diversi Paesi su una, la chiamo così, “lista di attesa” dell’adesione ai BRICS. Ad esempio, sono menzionati Corea del Sud e Messico (membri dell’OCSE), Indonesia, Turchia, Argentina. Il commercio tra i mercati emergenti e quelli in via di sviluppo è già cresciuto più rapidamente del “commercio medio globale” su cui l’OMC impone norme. Potrei immaginare che il commercio, e quindi la diversificazione, tra i Paesi BRICS, o meglio, nel blocco BRICS allargato possa esplodere. Sarebbe una sorta di “globalizzazione” con la maggior parte delle barriere commerciali rimossa, un’economia orientata alla pace che punta al benessere dei popoli, piuttosto che di un’élite, e naturalmente un’economia che non lavori per l’industria bellica, come l’economia occidentale basata sul dollaro. Perciò, sarà importante che i BRICS si stacchino dall’economia basata sul dollaro occidentale e alla fine dispongano di una propria valuta. Al summit di Xiamen questo è stato discusso. I cinque aderenti hanno deciso di “promuovere e sviluppare i Mercati dei Bond in Valuta Locale dei BRICS e stabilire congiuntamente un Fondo dei Bond in Valuta Locale dei BRICS, per contribuire alla sostenibilità del capitale finanziario nei BRICS e lo sviluppo dei loro mercati obbligazionari nazionali e regionali”. Ciò è abbastanza vicino all’euro prima che diventasse denaro fiat, cioè l’unità monetaria europea (ECU) poi convertita in euro virtuale, prima del gennaio 2002, quando l’euro divenne carta e il dollaro denaro fiat. Ormai sappiamo che gli Stati Uniti hanno guidato tale cambio europeo, promuovendo l’euro col dollaro USA, in modo assolutamente insostenibile come valuta unitaria di un gruppo di Paesi che non hanno interessi, obiettivi politici e una Costituzione comune. Il loro unico denominatore comune è la NATO, la loro guida permanente alla guerra. Sin dall’inizio era chiaro che tale progetto sarebbe fallito. Speriamo che, e credo, i BRICS imparino la lezione da tale fallimento, solo con un forte legame che comprenda obiettivi a lungo termine, politico-economico e difensivo, una moneta comune può prosperare. A Xiamen, anche i BRICS hanno istituito la strategia per la “Partnership economica dei BRICS ed iniziative relative ad aree prioritarie come commercio ed investimenti, produzione e lavorazione dei minerali, connettività infrastrutturale, integrazione finanziaria, scienza, tecnologia e innovazione e tecnologia dell’informazione e della comunicazione (ICT), tra l’altro“. Tutto questo per una crescita globale sostenibile, equilibrata e inclusiva. Questa strategia è già indicativa di un diverso approccio allo sviluppo rispetto a quello monetario alla base dell’Unione europea.

4. Commercio tra BRICS e dollaro
PK: Sarà interessante vedere l’emergere, a medio termine, della piena integrazione tra i Paesi dell’Organizzazione di Cooperazione di Shanghai (SCO) e dei BRICS. Molti Paesi aderiscono già ad entrambe le associazioni; per esempio, Russia e Cina, e recentemente anche l’India ha aderito alla SCO, che comprende anche la maggior parte dell’Asia centrale, le repubbliche ex-sovietiche e anche Iran e Pakistan. Lo SCO ha già un obiettivo comune a lungo termine, nello sviluppo economico, nella visione politica e nella strategia della difesa. Al recente Forum economico orientale (EEF) di Vladivostok, il Presidente Putin e il Presidente Xi annunciavano la fusione tra Unione economica eurasiatica (UEE) e Nuova “Via della Seta”, chiamata anche “One Belt One Road” (OBOR) o “OBI”, One Belt Initiative. Dato che l’OBI è guidata in gran parte dalla SCO, cioè dalla Cina, ciò significa anche che i Paesi dell’Unione economica eurasiatica fanno parte della SCO. Immaginate il potere economico dei gruppi SCO, UEE e BRICS uniti… La supremazia occidentale sarà roba del passato. Ciò significa commercio mondiale, ma senza l’egemonia del dollaro, senza sistemi economici e monetari che consentano a Washington d’imporre “sanzioni”, aggressioni illegali a Paesi che rifiutano di seguirne il dettato. È il culmine di tale crimine finirà ripristinando il diritto internazionale, oggi completamente obliterato da Washington. Oggi è chiaro agli economisti più progressisti che il futuro è ad Est; l’occidente si è praticamente suicidato con le sue continue guerre per avidità, dominio e mancanza di rispetto per i popoli che pagano le guerre dell’imperialismo occidentale.

5. Banca di sviluppo BRICS e Banca mondiale
PK: Sì, l’idea originale era, e spero sia ancora, che la Nuova Banca di Sviluppo dei BRICS possa competere con BM e FMI. In altre parole, applicare politiche economiche non neoliberiste e con prestiti che non impongano l’austerità che, come sappiamo, sono devastanti per lo sviluppo economico, ma promuovano lo sviluppo delle popolazioni, mirando a una distribuzione più equa di reddito e ricchezze. Ma non è ancora così. Come già accennato, il problema è che il capitale iniziale della Banca BRICS e il Contratto dei contingenti di riserva (CRA) sono in dollari statunitensi. Inoltre, come già detto, Sudafrica e Brasile sono fortemente indebitati, in dollari USA, un legame difficile da spezzare. Ma non impossibile! Lo stesso vale per l’AIIB, il cui capitale attualmente è di 100 miliardi di dollari USA, e di cui circa 18 versati. È probabile che NDB e AIIB collaborino in futuro, spezzando la presa di BM e FMI. Per farlo, entrambi devono staccarsi completamente dall’economia del dollaro, e accadrà, forse presto, con l’attuazione del cambio sul petrolio di Shanghai, dove il commercio sarà senza dollari USA ma in yuan cinese convertibile in oro. Una possibile soluzione è un paniere di valute SCO-BRICS simile al SDR (Special Drawing Rights) del FMI, che attualmente consiste in 5 valute: dollaro statunitense, sterlina inglese, euro, yen e da ottobre 2016 anche yuan cinese. Ciò può iniziare come valuta virtuale per il commercio estero, mentre ogni Paese conserva il proprio sistema monetario. Appare un futuro più brillante.Peter Koenig è un analista economico e geopolitico. È anche un ex-dipendente della Banca Mondiale ed ha lavorato nel mondo dell’ambiente e delle risorse idriche. Ha tenuto conferenze presso le università di Stati Uniti, Europa e Sud America. Scrive regolarmente per Global Research, ICH, RT, Sputnik, PressTV, 4.th Media (Cina), TeleSUR, Saker e altri siti internet. È autore di Implosione – thriller economico su guerra, distruzione ambientale e avidità aziendale, basato su fatti e su 30 anni di esperienza nella Banca Mondiale. È anche coautore di Ordine Mondiale e Rivoluzione!- Saggi sulla Resistenza.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Disperazione energetica e fallimento di Trump

Caleb Maupin, NEO 24.09.2017Nonostante i discorsi sulla Russia nel 2016 ed argomentazioni ed accuse al riguardo, la politica statunitense verso il Paese più grande della Terra permane. Ciò è dovuto al fatto che la politica è guidata dalla ricerca di Wall Street dei profitti, non da buoni o cattivi desideri dei singoli politici. Nelle elezioni del 2016, sembrava che una delle maggiori differenze tra Donald Trump e Hillary Clinton fosse la posizione sulla Russia. Trump disse “se possiamo andare avanti con la Russia, sarà è molto bello“. Hillary Clinton tentò di collegare Trump al Presidente Vladimir Putin, che definì “Grande padrino del nazionalismo globale“. Dalle elezioni, i dirigenti politici continuano ad allarmare sulla presunta “ingerenza russa” che avrebbe influenzato la votazione.

La guerra fredda soffia all’Assemblea Generale
Proprio come Barack Obama, le relazioni degli Stati Uniti con la Russia non sono migliorate dalla dipartita di Bush, con Trump che calca la mano anti-russa. Nel discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Donald Trump ha fatto del suo meglio nel rilanciare affermazioni nazionalistiche. Ha ripetuto l’amata frase “America First“. Oltre a un passaggio sull’Ucraina, non ha criticato direttamente la Russia, ma questa omissione era un trucco. Trump ha scelto diversi Paesi da criticare e minacciare. Se Trump fosse stato veramente preoccupato dei diritti umani e dell’esportazione del terrorismo, avrebbe criticato l’Arabia Saudita, come fece per le elezioni. Tuttavia, non l’ha criticata. Se Trump fosse stato preoccupato del caos creato dai narcos, avrebbe criticato il governo del Messico, come fece spesso nella campagna elettorale. Tuttavia, non disse niente. Da comandante degli Stati Uniti, non da politico che cerca voti, Trump attacca solo Paesi amici o alleati con la Russia. Trump fece false dichiarazioni sull’economia iraniana, ignorando i grandi successi della Repubblica Islamica e invocava la possibilità di rivedere l’accordo nucleare. Trump attaccava Cuba, ignorando i vasti miglioramenti nel Paese e la notevole reputazione nell’assistenza medica nel mondo. Trump attaccò il governo del Venezuela, accusandone delle difficoltà il governo socialista bolivariano e nient’altro. Da lì, Trump ha continuato a ripetere il cliché ideologico statunitense: “Il problema in Venezuela non è che il socialismo sia stato attuato male, ma che il socialismo è stato attuato fedelmente. Dall’Unione Sovietica a Cuba fino al Venezuela, ovunque sia stato adottato il vero socialismo o il comunismo, ha provocato angosce, devastazioni e fallimenti. Chi predica i principi di queste ideologie screditate contribuisce solo alla continua sofferenza delle persone che vivono in questi crudeli sistemi“. Per gli spettatori internazionali, ciò appare una dichiarazione strana per un discorso delle Nazioni Unite. Non per nulla, pause sparse e tentativi di farsi applaudire illustravano l’ignoranza di Trump della politica internazionale. Dopo tutto, il vago concetto di “socialismo” è l’ideologia dichiarata del Partito laburista inglese, nonché da numerosi governi socialdemocratici in Europa, Africa e altrove vicini agli Stati Uniti e che non hanno alterato il capitalismo. Tuttavia, per milioni di statunitensi che guardano Trump alla CNN, il discorso ha suscitato l’immagine di un Paese in particolare. Quando Trump cominciò a parlare di “ideologie screditate” e di “vero socialismo o comunismo”, l’immagine richiamata negli USA, nonostante il crollo dell’URSS, era un ufficiale russo in colbacco che abbaiava ordini con greve accento. Lanciandosi in fraseologie da guerra fredda accanto alla frase “America First“, Donald Trump invitava gli statunitensi a ricordarsi il discorso sull'”impero del male” di Ronald Reagan. Non menzionava direttamente il governo della Russia, e non badava ai suoi scopi internazionali. A coloro che hanno visto il discorso negli Stati Uniti, Trump, in effetti, riportava gli statunitensi a 40 anni prima, con slogan “Abbasso i russi! Abbasso i russi!

La politica estera statunitense non è cambiata, ecco perché
Il professore di Harvard, Dr. Marshall Goldman, avrebbe detto “è comprensibile perché il popolo russo consideri Vladimir Putin suo salvatore“. Il successo della leadership di Putin in Russia e la base del fanatismo russofobo di USA ed alleati della NATO poggia su due entità: Gazprom e Rosneft. Da studente di dottorato, Vladimir Putin scrisse sul concetto di “campioni nazionali” o aziende che lavorerebbero non solo per i propri profitti, ma a beneficio del Paese. Scrisse: “il processo di ristrutturazione dell’economia nazionale deve avere l’obiettivo di creare società più efficaci e competitive sul mercato nazionale e mondiale“. Mentre andò al potere alla fine del XX secolo, Putin adottò una rapida riforma economica, imponendo la flat tax del 13%, e soprattutto cominciando a costituire due società statali che divenissero centrali nell’economia. Nel 2006, Gazprom, un’impresa controllata dal governo russo, aveva il monopolio sull’esportazione del gas naturale del Paese. British Petroleum, tra gli altri enti controllati dall’estero o da oligarchie, fu espulsa dagli affari. Nel 2011 Gazprom controllava il 17% della produzione di gas naturale del mondo e il 18,4% delle riserve di gas naturale mondiali. Mentre Gazprom fornisce gas alla Russia ad un tasso ridotto stimolando l’economia nazionale, esporta gas in 25 Paesi. Circa il 60% delle entrate di Gazprom proviene dai mercati esteri. Il 38% del gas naturale dell’Unione europea è ora importato dalla Russia. Perché Wall Street odia Gazprom? La ragione è semplice. Ogni oncia di gas naturale che Francia, Italia, Germania, Repubblica Ceca, Turchia, Austria, Romania, Bosnia-Erzegovina, Polonia, Bulgaria, Finlandia, Macedonia, Lettonia e Lituania acquistano dalla Russia è un’oncia di gas naturale che non viene acquistato negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Questo ente statale e produttivo crea entrate per Putin tagliandogli mercato e profitti. Gazprom è stato utilissimo per il popolo russo, che ha visto espandere notevolmente la propria economia, ma è stato dannoso per i miliardari di Stati Uniti e Gran Bretagna. Anche Rosneft, la compagnia petrolifera controllata dallo Stato, si è allargata. È la 51.ma azienda del mondo dal 2016. Rosneft vende petrolio in tutto il pianeta, non solo in Europa, ma anche in India. British Petroleum e altre corporazioni occidentali sono state costrette a collaborare con Rosneft e a vederla esplorare il fondale artico per l’estrazione di petrolio e gas naturale. La Cina ha continuato a crescere rapidamente negli ultimi decenni e ha bisogno di importare più combustibile per alimentare il crescente apparato produttivo. La Russia fornisce quantità crescenti di petrolio e gas naturale. Nel 2014, Gazprom accettò di fornire alla Cina ogni anno 38 miliardi di metri cubi di gas naturale. Nel 2019, il gasdotto Power of Siberia, in fase di costruzione, inizierà a fornire gas naturale alla Repubblica popolare cinese.Disperazione energetica, non “dominio energetico”
Le sanzioni statunitensi adottate contro la Russia il 2 agosto hanno specificamente preso di mira il progetto Nordstream 2, la costruzione di un nuovo gasdotto con cui la Russia aumenterà le esportazioni nei mercati europei. Mentre si preparavano a votare le sanzioni, i legislatori statunitensi cinguettavano cinicamente di “diritti umani”, “Ucraina” e “omosessualità”. Tuttavia, la lingua usata e gli enti che le sanzioni avrebbero dovuto colpire indicano direttamente le vere motivazioni dell’attacco economico. Il relatore Tim Ryan dell’Ohio dichiarava, alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, senza alcuna vergogna o imbarazzo: “Dobbiamo continuare a concentrarci su come vendere il nostro gas agli alleati in Europa”. La traduzione evidente delle sue parole è “gli europei dovranno acquistare gas naturale dalle società statunitensi, non dai russi“. Mentre varie figure della NATO e dell’Unione europea hanno ceduto alla pressione di USA e Gran Bretagna, e si sono detti contrari al Nordstream 2, la Germania no. La Germania ha votato nettamente per il progetto, poiché l’importazione di gas naturale dalla Russia è molto più conveniente che dal Nord America, in un altro continente oltreoceano. Non dovrebbe sorprendere che i funzionari tedeschi fossero furiosi per le nuove sanzioni statunitensi imposte alla Russia. Le politiche dall’amministrazione Trump guardano allo sfruttamento di petrolio e gas naturale con ottimismo. La frase usata è “dominio energetico”. In realtà, si dovrebbe parlare di “disperazione energetica”. Gli Stati Uniti erano una volta dipendenti da Paesi come Arabia Saudita, Venezuela e Nigeria per il petrolio. Nel 1974, il Congresso USA vietò l’esportazione di petrolio in qualsiasi Paese, tranne il Canada, nel boicottaggio dell’OPEC. Ma ciò fu tutto. L’invenzione dell’estrazione idraulica, in cui petrolio e gas naturale possono essere estratti dallo scisto nel sottosuolo statunitense, ha reso gli USA “indipendenti nell’energia”, e con una produzione di petrolio e gas naturale a livelli record, il divieto dell’esportazione è stato rimosso. Gli Stati Uniti non sono più dipendenti dalle importazioni di energia e il prezzo del petrolio e del gas naturale è diminuito. I produttori statunitensi di petrolio e gas naturale hanno più da vendere che mai e quindi hanno disperatamente bisogno di clienti se vogliono mantenere i profitti. La natura “libera del mercato” disorganizzato della produzione petrolifera ha spinto il mercato statunitense ad essere estremamente inefficiente. Le grandi quattro “super”-compagnie petrolifere competono per esempio con piccole imprese come Devon Energy e Haliburton, tra le altre, in un’irrazionale caccia al profitto. Nonostante l’abbondanza nazionale, gli USA continuano ad importare petrolio da Medio Oriente, Africa e America Latina, mentre ne esportano. Donald Trump non è più responsabile solo dei suoi traffici. È il “capo dello Stato” del Paese. Pressione gli viene posta da forze di tutti i settori dell’economia statunitense. Gas e petrolio vanno venduti e vanno trovati nuovi clienti. Mentre Trump potrebbe avere favorito migliori rapporti con la Russia per ragioni politiche, l’economia statunitense urla con “disperazione energetica”. Wall Street vuole profitti, e ciò significa cacciare la Russia dal mercato. Quindi, nessuno si sorprenda vedendo Trump prendere il podio alle Nazioni Unite e condannare numerosi alleati della Russia, suscitando immagini russofobe da guerra fredda nella psiche statunitense. Non sorprenda che molti Paesi attaccati da Trump siano esportatori di petrolio. Il Venezuela è un concorrente dei magnati petroliferi di Wall Street, così come l’Iran. Va notato che Sadam Husayn e Muamar Qadafi guidavano compagnie petrolifere statali in concorrenza con le supermajor occidentali.

La retorica del mercato libero rifiutata dalla storia
La realtà ironica è che quando Trump ha fatto le sue rampogne anti-comuniste, la prova che fossero dichiarazioni false si trovano nella loro motivazione. Negli anni ’90 la Russia abbracciò il liberismo avanzato da FMI, Banca mondiale e Jeffrey Sachs, economista dell’Università della Colombia. Il risultato fu caos e povertà con Boris Yeltsin, l’amato amico di Bill Clinton. Il ripristino della forza economica della Russia è il risultato della proprietà statale e della pianificazione centrale. La Russia si è allontanata dalla povertà e dal caos con lo sviluppo pianificato di Putin dei “campioni nazionali” sotto controllo statale come entità centrali. Mentre le ciance da guerra fredda di Trump erano ovviamente destinate ad evocare sentimenti negativi sulla Russia, un’altra entità presente era la Cina. La Cina è guidata da un Partito Comunista e la sua economia centralizzata e controllata dallo Stato l’ha resa la seconda economia del mondo. La Cina ha cessato d’essere il malato dell’Asia per essere al centro del progresso e dello sviluppo economico. Solo pochi giorni dopo che Trump spiegò al mondo che socialismo e comunismo falliscono sempre, il treno più veloce del mondo, che collega Pechino e Shanghai, è stato inaugurato. Questo “treno-proiettile” è stato creato da un’ente statale, la Chinese Railway Corporation, secondo un “Piano quinquennale”. Si può immaginare una più definitiva confutazione dell’anticomunismo ciarlatano di Trump? All’Assemblea Generale la Cina annunciò che il prossimo Congresso Nazionale del Partito Comunista del 18 ottobre sarà un “momento chiave nello sviluppo del socialismo con caratteristiche cinesi”. Il fatto che i media statunitensi come la CNN abbiano elogiato Trump per il suo discorso da guerra fredda, e si siano concentrati solo sui commenti sul “Rocket Man” della Corea democratica, dimostra che Trump è stato messo in riga. Come capo del governo degli Stati Uniti, Trump fa il suo lavoro cercando di assicurare profitti all’élite miliardaria degli Stati Uniti, come quasi tutti gli altri presidenti. Questo è più difficile, perché nonostante la mitologia nel discorso di Trump, è il capitalismo, in particolare quello neoliberista statunitense, che fallisce.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Petroyuan: nuovo sistema monetario multipolare e difesa anti-sanzioni

AVN, 17 settembre 2017Le sanzioni economiche imposte dal governo degli Stati Uniti hanno spinto il Venezuela a implementare un nuovo sistema di pagamento internazionale, con l’idea di aprirsi al mercato multipolare e limitare il blocco economico dal Nord America. Il 7 settembre il Presidente della Repubblica Nicolás Maduro annunciava il nuovo piano “per liberarci dal dollaro”, utilizzando “valute di conversione libera, come yuan, euro, yen, rupia e valute internazionali, abbandonando il laccio del dollaro valuta oppressiva”, come affermava al Parlamento Federale, presentando il suo Piano Economico per la Pace all’Assemblea Nazionale Costituente (ANC). La prima azione s’è riflessa sul prezzo del greggio venezuelano, che per la prima volta veniva prezzato in yuan dal Ministero del Petrolio, pari a 306,26 yuan per barile, cioè 46,75 dollari. Inoltre, alcuni giorni prima il Vicepresidente della Repubblica Tariq al-Aysami informava che il Venezuela firmerà “il primo accordo commerciale in yuan per la vendita di petrolio alla Cina“. Venivano inoltre effettuate rettifiche per l’avvio delle operazioni con un paniere di valute del sistema di cambio dalla variazione complementare svincolata del mercato (Dicom), schema del Governo Nazionale che consente le operazioni di cambio valutario a società e persone fisiche ad un prezzo deciso dal mercato, fulcro del controllo dei cambi.

Russia e Cina: i pionieri
Con queste azioni, il Venezuela entra nel progetto già avanzato da Russia e Cina. L’economista messicano Ariel Noyola Rodríguez osservava in un articolo pubblicato da Actualidad RT nel maggio 2016, che “Mosca e Pechino commerciano petrolio con un canale di transizione volto verso il sistema monetario multipolare, cioè non basato solo sul dollaro ma su diverse valute e soprattutto che riflette i rapporti di forza dell’attuale ordine mondiale“. Un’azione decisa appunto dalle sanzioni economiche imposte nel 2015 da Washington e Bruxelles che, secondo l’analista, “incoraggiano i russi ad eliminare dollaro ed euro dalle transazioni commerciali e finanziarie, o altrimenti sarebbero stati esposti al sabotaggio nelle operazioni di vendita coi principali partner“. Quindi, da metà 2015, “gli idrocarburi che la Cina acquista dalla Russia vengono pagati in yuan e non in dollari“, permettendo di neutralizzare il blocco imposto a Mosca dalla crisi in Ucraina. “Vengono poste le fondamenta di un nuovo ordine finanziario basato sul petroyuan: la moneta cinese si prepara a diventare il fulcro del commercio Asia-Pacifico con le maggiori potenze petrolifere“, sottolinea Noyola Rodríguez nel testo: Il ‘petroyuan’ è la grande scommessa di Russia e Cina. L’analista prevede che in futuro l’OPEC adotterà questo modello di marketing petrolifero, una volta che Pechino lo richiederà e sottolinea che altre nazioni seguono questa premessa perché, “hanno capito che per costruire un sistema monetario equilibrato, la de-dollarizzazione dell’economia mondiale è una priorità“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Un accordo ha appena cambiato il quadro energetico globale

La Rosneft fa acquisizioni in India e la Cina entra in Rosneft con un’interessante partnership a tre vie
Dave Forest, Russia Insider 19/9/2017

Uno dei più grandi eventi sull’energia quest’anno è la Rosneft che acquista l’Essar Oil indiana, dando alla società russa l’aggancio a uno dei più grandi mercati petroliferi e gasiferi emergenti del mondo. E questa settimana la storia è diventata più complessa. Con Rosneft che stipula un altro grande accordo, interessando un altro peso massimo nell’energia, la Cina. Rosneft ha annunciato la vendita di una quota significativa del proprio patrimonio a investitori cinesi. In questo caso, la piccola società di esplorazione e produzione CEFC China Energy. Anche se pochi investitori la conoscono, la CEFC porta un importante capitale nell’accordo, accettando di versare 9 miliardi di dollari per acquisire il 14,16% della Rosneft. L’accordo è storico essendo il primo grande acquisto della Cina nell’industria energetica russa (anche se le imprese cinesi finanziano progetti di esportazione di LNG nell’Artico russo), dimostrando la forza dei legami sempre più stretti tra Russia e Cina nell’ambito energetico. Rosneft e CEFC sono al centro di questi rapporti crescenti. Con le due società che hanno firmato un accordo nel settembre scorso, per l’approvvigionamento a lungo termine di greggio russo per la Cina. L’acquisto delle azioni di questa settimana consolida ulteriormente i rapporti commerciali, e dimostra che la Cina vede la Russia come alleato cruciale nel gioco sull’energia. Ma vi sono implicazioni che vanno oltre. Con la Cina ora ha un accesso ai mercati dell’India, attraverso le aziende da Rosneft recentemente acquisite nel Paese. Questo è uno sviluppo cruciale nel quadro energetico mondiale. Dato che le aziende cinesi non hanno direttamente accesso all’India, nonostante la nazione sia uno dei più importanti soggetti emergenti sul piano energetico. La proprietà della Rosneft potrebbe cambiare ciò e potrebbe aprire opportunità in altre parti del mondo, dato che Rosneft attualmente opera dall’Egitto al Brasile al Venezuela.
Una nota intrigante della storia: CEFC acquista la quota di Rosneft da Glencore e dal fondo sovrano del Qatar, che l’avrebbe acquistato solo nove mesi prima per 12 miliardi di dollari. Ciò significa che questi titolari si accollano una perdita del 25% nella vendita, a meno di un anno dall’acquisto. Ma nel frattempo, Glencore ha stipulato un accordo lucroso scambiando il greggio russo della Rosneft, probabilmente per compensare le perdite con la Rosneft e qualcos’altro. Tutto ciò mostra la complessità di questa rapida evoluzione del mondo dell’energia. Osservando altri accordi energetici di Cina e Russia e l’influenza emergente di queste due superpotenze energetiche in altri mercati chiave, come l’India.

L’accordo Rosneft-Cina risponde a molte domande
Tom Luongo Seeking Alpha 13.09.2017Glencore e l’Autorità per gli investimenti del Qatar vendono la quota della Rosneft, azienda petrolifera russa, a una piccola società cinese, CEFC China Energy Co., per 9 miliardi di dollari. Questo accordo pone molte domande ma risponde anche ad altre. La joint venture tra QIA e Glencore si dividerà la maggior parte della quota di Rosneft con Glencore che mantiene lo 0,5% e QIA il 4,7%. CEFC ottiene il rimanente 14,6% dal gigante petrolifero russo. Inoltre, Glencore conserva l’accordo per 220000 barili al giorno dalla Rosneft. I termini dell’operazione sono stati erroneamente segnalati da Zerohedge con QIA e Glencore che acquistano il 25% della quota con l’accordo stipulato a dicembre. Ma l’accordo da 12 miliardi di dollari è ancora in vigore, con la CEFC che acquista il 75% della quota per 9 miliardi di dollari.

Domande sul Qatar
Quindi, la domanda è perché il QIA vende la quota della Rosneft ora? Il collaboratore della Fellow SA Craig Pirro lo studia da ciò che esce dalla Russia, ritenendolo solo una mossa di Putin. Non sono del tutto in disaccordo, ma Pirro non considera i massicci cambiamenti geopolitici negli ultimi dieci mesi dall’accordo originale. In primo luogo, tali accordi sono sempre motivati dal punto di vista geopolitico. Tutto ciò che coinvolge Qatar, Russia e petrolio è prima e soprattutto geopolitica e non politica del profitto/perdita. Il Qatar acquistò Rosneft come passo per far firmare ai russi la riduzione della produzione OPEC incrementata con forza dai sauditi. Inoltre, il Qatar doveva convincere Putin che non finanziava più i gruppi di al-Qaida che combattono il governo di Assad a Idlib. Dopo che l’accordo fu annunciato, la resistenza nella Siria nordoccidentale cominciò a sbriciolarsi, e il Qatar deve trovare amici più grossi prima di finire appeso da qualche parte. L’Arabia Saudita non ha potuto convincere Putin ad accettare le riduzioni perché non aveva nulla da dare alla Russia. Si ricordi che il rublo ora galleggia liberamente, mentre il riyal saudita no, poiché i sauditi sono in crisi finanziaria e politica mentre i russi escono da una recessione che li avrebbe paralizzati se non avessero svincolato il rublo nel novembre 2014. Quindi, il Qatar entrò a mediare l’accordo, come riportato da Bloomberg e Financial Times lo scorso anno, dando a Putin ciò che voleva per firmare il taglio della produzione. Rosneft ottiene molta liquidità, il Qatar guadagna un alleato nella Russia, il prezzo del petrolio si stabilizza e Glencore ottiene un buon accordo sul petrolio russo. Vincono tutti. Arrivando ad oggi, col Qatar che subisce la forte pressione dei sauditi che ne bloccano le attività, gli Stati Uniti che impongono rigorose sanzioni alle banche europee che fanno affari con l’industria energetica russa e la Cina presa di mira dall’amministrazione Trump su più fronti. Quindi, mentre l’economia di questo accordo sul prezzo corrente delle azioni della Rosneft non ha molto senso, come ha sottolineato Pirro, c’è molto più in gioco, per chi ne è interessato, di qualche centinaio di milioni di azioni di un arbitrato che potrebbe cambiare in pochi giorni.

Risposte dalla Cina
La Cina entra qui per salvare non solo BancaIntesa, la banca italiana che ha provveduto a far fluire gran parte del finanziamento per l’accordo, ma anche il Qatar che ottiene una grande infusione di liquidità in dollari assai necessari. La Russia s’integra ulteriormente nel sistema di negoziazione petrolifera della Cina di Shanghai, tra cui i molto discussi contratti futures convertibili in oro (GLD). Ciò scansa l’accordo dalle nuove sanzioni statunitensi. Infatti, compie un perno perfetto da tali sanzioni. Si ricordi che il segretario al Tesoro Steve Mnuchin ha apertamente minacciato, di nuovo, le banche cinesi di espulsione dal sistema SWIFT. Era per la Corea democratica, ma intimamente collegato all’acquisto di petrolio dei cinesi. Tale minaccia è credibile contro le banche del Qatar. Russia e Stati Uniti hanno già scambi così esigui in dollari da essere irrilevanti sul grande piano delle cose. La Russia già sostituisce Visa con il proprio sistema di pagamento interno denominato Mir. La Cina ha già UnionPay. Ma tale minaccia non è semplicemente credibile contro la Cina, il più grande partner commerciale degli Stati Uniti. Sarebbe un atto di autodistruzione dei mercati globali dei capitali. Inoltre, testerebbe il sistema di pagamento interbancario cinese (CIPS) sulla capacità di gestire il finanziamento del commercio della Cina. CIPS è conforme al protocollo SWIFT. Questo accordo consolida ancor più Cina e Russia quali alleati strategici, sempre più vicini e più importanti ad ogni tentativo di punirle per perseguire ciò che ritengono loro interesse nazionale. Inoltre, sottolinea l’impegno della Cina con il Qatar. La Cina è un suo importante partner commerciale. E questo accordo è una dichiarazione importante ai sauditi che la Cina è disposta a correre in difesa di un suo importante fornitore di energia e di dettare i termini. A un certo punto, la Cina smetterà di offrire dollari per il petrolio dell’Arabia Saudita. Compiendo ogni mossa per garantirsi di pagare le fonti in yuan, il cambio col dollaro saudita s’indebolisce. Rosneft su questo accordo è neutrale. È semplicemente un mezzo per le grandi manovre geopolitiche. Per il Qatar è un passo positivo, visto l’ovvio scambio con l’investimento originale di dicembre, per comprarsi alcuni mesi per resistere alla pressione economica saudita, prima di decidere di far fluttuare la propria moneta. Per la Cina, l’accordo è una vittoria netta perché assicura un flusso maggiore di petrolio russo nei propri mercati petroliferi, continuando a consolidare fiducia tra gli investitori e nel tempo. E questa è veramente la vittoria definitiva per tutti loro.Traduzione di Alessandro Lattanzio