Bilderberg contro Donald Trump

Layla Khusajnova, Contrainjerencia 03/02/2016Donald TrumpIl regolare redattore del ‘Financial Times‘ Martin Wolf sottolinea che i potenti del club Bilderberg sono assai scontenti dallo stato attuale delle cose e, in particolare dell’elevata popolarità del miliardario e candidato repubblicano per la presidenza degli Stati Uniti Donald Trump.
Secondo le informazioni del suo profilo, Wolf è “sorprendentemente ben collegato alle élite per cui scrive” ed ha molti amici tra i banchieri più influenti, indicando che sa bene di cosa parla. Nell’articolo intitolato ‘I perdenti economici in rivolta contro le élite’, Wolf scrive che i “perdenti” economici rigettano “le élite che dominano la vita economica e culturale del Paese” e che “le potenziali conseguenze sono spaventose“. Affermando che “potrebbe essere troppo tardi” fermare l’ondata populista di Trump, Wolf osserva che le élite “hanno preso le distanze da lealtà e preoccupazioni nazionali, creando invece una Supérelite globale“. I “populisti nativisti non devono vincere. Conosciamo la storia: finisce male. Nel caso degli Stati Uniti, il risultato avrà gravi conseguenze globali”.

Perché il club Bilderberg non è felice di Donald Trump?
Le parole di Martin Wolf sembrano una minaccia al mondo per non aver obbedito alle regole del mentore onnipresente. Ma perché il club Bilderberg non è contento di Donald Trump? La prima ragione che può preoccupare l’élite globale sono gli accordi commerciali, come ad esempio l’accordo di partenariato economico Trans-Pacifico (TPP). Secondo varie stime, solo negli Stati Uniti, nel 2025, altri 450000 posti di lavoro spariranno, colpendo molti cittadini e l’economia degli USA, mentre i globalisti di Bilderberg, Council on Foreign Relations e Rockefeller, come evidenziato sul blog del candidato al Congresso degli Stati Uniti Jon Rappoport, contano sul TPP. “E’ uno dei loro preziosi frutti. Vogliono minare l’economia degli Stati Uniti, nell’ambito del programma per aprire la via al pianeta sotto un unico sistema di gestione. L’impero globalista”. Sembra che Donald Trump ne saboti i piani per il caos economico globale e la supremazia indiscussa della mega-società.

La Russia non cede al club Bilderberg
La seconda tendenza che può infastidire i potenti del mondo è la sua posizione verso la Russia e il Presidente Putin. Il miliardario ha ribadito a più riprese che supporta le azioni della Russia in Siria e ha detto che l’opposizione armata siriana, sostenuta da Washington, sarà peggiore per il Paese e il Mondo. Inoltre, in una conferenza stampa del 17 dicembre, il Presidente russo Vladimir Putin ha detto che Trump è “un uomo di talento e brillante”, ed è anche “il leader assoluto della corsa presidenziale negli Stati Uniti“; a ciò Donald Trump ha risposto definendolo un “grande onore”. La vittoria in Trump può aprire una nuova fase nelle relazioni tra Stati Uniti e Russia, non redditizia per il club Bilderberg che non vuole un candidato presidenziale fuori dal suo controllo. Chiaramente, grazie a ricchezza e possibilità il club Bilderberg non si fermerà davanti a nulla per raggiungere i suoi obiettivi e far vincere un suo candidato, ad esempio Hillary Clinton, come se fosse la ghigliottina mondiale. Ma lo stato attuale delle cose dimostra che il mondo è in fase di transizione e si risveglia dal letargo imposto dalla élite globale. Mi auguro che il senso comune del mondo multipolare e le giuste relazioni prevalgano.Donald Trump signs RNC loyalty pledge at Trump Tower, New York, America - 03 Sep 2015Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché Washington teme che la Gran Bretagna abbandoni l’UE

Finian Cunningham Strategic Culture Foundation 08/02/2016161861218__762913cIl conto alla rovescia inizia questa settimana sulla questione importante per la Gran Bretagna: uscire dell’Unione europea, il cosiddetto Brexit. Mentre il problema sembra essere principalmente d’interesse nazionale, in agguato v’è la preoccupazione geopolitica cruciale degli Stati Uniti. L’esito del referendum inglese sull’Europa potrebbe gravemente compromettere le ambizioni egemoniche globali di Washington e, in particolare, l’agenda del confronto con la Russia. Il primo ministro inglese David Cameron ha lanciato un’offensiva del fascino diplomatico pochi giorni dopo che il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, rese pubblico il quadro dell’accordo sull’adesione della Gran Bretagna all’UE. Tale accordo provvisorio è il prodotto di mesi di negoziati tra il governo di Londra e l’istituzione dell’UE, volto a dare al Regno Unito più libertà da Bruxelles. Cameron sostiene di aver avuto abbastanza concessioni per sostenere la sovranità inglese, e il capo del governo conservatore ora fa apertamente campagna per la continua adesione all’UE su tale base. Cameron ha bisogno del sostegno di altri capi dell’UE per concludere il pacchetto di riforme che ha negoziato con Tusk. Le prime tappe di questa settimana sono Polonia e Danimarca, dove i governi neo-eletti, euroscettici, sono inclini a simpatizzare per le preoccupazioni inglesi a strappare più libertà nazionali nel blocco. Non è certo se il vertice dei capi dell’UE previsto per il 18-19 febbraio sarà d’accordo con le riforme volute dal premier inglese. Alcuni vedono la Gran Bretagna cercare concessioni per minare il concetto dell’UE di libera circolazione e diritti dei lavoratori. Germania e Francia hanno detto che non sono disposte a mantenere la Gran Bretagna a bordo “a qualsiasi costo”, indicando il limite della tolleranza sulle concessioni agli inglesi. Nel frattempo, molti nel partito conservatore di Cameron sono arrabbiati per non aver assicurato abbastanza la sovranità inglese. C’era ampia costernazione sui media prevalentemente di destra della Gran Bretagna, questa settimana, su un Cameron che vedono “prostrato” agli integrazionisti europei. E fuori dal suo partito Tory, il più nazionalista United Kingdom Independence Party guidato da Nigel Farage biasima come “patetico” l’accordo sulla riforma di Cameron, sostenendo che ha ceduto tutte le promesse precedenti su riforme radicali. L’UKIP ha già conquistato molti elettori tradizionali conservatori e numerosi parlamentari tory disertare per le sue ferventi politiche euroscettiche. C’è la campagna per una rottura decisiva con l’UE. Da più di 40 anni, il partito conservatore inglese si agita sulla questione europea. Da quando la Gran Bretagna aderì al blocco nel 1973, il partito ha sempre minacciato di andare a pezzi sull’adesione all’UE. Non solo Nigel Farage e l’UKIP sostengono la Brexit. Anche alcuni conservatori di rilievo nel gabinetto esecutivo di Cameron spingono ad abbandonare l’Unione europea. Uno di questi gruppi è Conservatori per la Gran Bretagna guidato da Lord Nigel Lawson, ex-Cancelliere dello Scacchiere di Margaret Thatcher negli anni ’80.
Cameron-Vignetta-ita David Cameron cammina sul filo del rasoio. A fare pressione sul leader inglese è Washington. L’establishment politico statunitense, democratico e repubblicano, vuole inequivocabilmente che la Gran Bretagna rimanga nell’UE. Washington non può esprimere questa posizione con troppa forza, altrimenti potrebbe essere visto come indebita ingerenza negli affari interni inglesi. Tuttavia, gli interessi statunitensi inevitabilmente appaiono nel dibattito. Questa settimana, lo stesso giorno in cui Cameron annunciava il suo pacchetto di riforme, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama avrebbe telefonato al leader inglese per sollecitare una vigorosa campagna per l’adesione all’UE. La Casa Bianca ha detto, Obama “ha riaffermato il costante sostegno degli Stati Uniti a un forte Regno Unito in una forte Unione europea”. In precedenza, Washington ha sparato una straordinaria bordata contro la campagna anti-UE rivelando che, in caso di Brexit, alla Gran Bretagna neo-indipendente non sarà concesso alcun regime speciale commerciale bilaterale. La Casa Bianca di Obama ha detto che fuori dall’adesione all’UE la Gran Bretagna affronterà tariffe commerciali paralizzanti, egualmente a Cina, Brasile e India. Cosa vista come duro colpo al campo pro-indipendenza della Gran Bretagna, che ha sostenuto che gli interessi economici inglesi sarebbero meglio tutelati con l’indipendenza dall’UE. La domanda è: perché Washington è così risoluta sulla Gran Bretagna nell’Unione europea? La risposta è stata in parte rivelata da Lord Lawson, capo dei Conservatori per la Gran Brteagna. In un intervista del mese scorso con la BBC, Lawson ha detto che l’interesse primario degli Stati Uniti “è poter influenzare tutta l’UE avendo il suo più stretto alleato, la Gran Bretagna, nel blocco”. Lawson è stato cauto, ma in realtà ciò che voleva dire è che la Gran Bretagna è un surrogato di Washington nei rapporti col resto d’Europa. Vi sono due questioni strategiche che illustrano il punto. Il primo è il gigantesco patto commerciale che Washington cerca di concludere con l’Unione europea. Il partenariato commerciale e d’investimento transatlantico (TTIP) è visto dare impulso vitale alle esportazioni statunitensi in Europa, la cui popolazione totale è quasi doppia di quella degli Stati Uniti. Per la storicamente stagnante economia degli Stati Uniti sarebbe un accordo molto gradito. Tuttavia, vi è molta resistenza tra i cittadini dell’UE al TTIP, perché visto cedere troppo potere al capitale degli Stati Uniti sui diritti dei lavoratori e le norme alimentari e ambientali europei. La Gran Bretagna di Cameron è una grande fan del TTIP, facendo intenso lobbying sul resto dell’UE a firmare l’accordo. Quindi, se il Regno Unito dovesse uscire dal blocco europeo, c’è il rischio che il TTIP decada. Una grave sconfitta per Washington. In secondo luogo, e ancora più importante, il tanto decantato “rapporto speciale” degli USA con la Gran Bretagna ha garantito a Washington un’influenza alla Svengali sugli Stati europei. Ciò fin dai primi giorni dell’integrazione europea dalla fine della seconda guerra mondiale. La subordinazione inglese agli interessi statunitensi, con governi conservatori e laburisti, ha sempre fatto sì che le politiche dell’UE siano fortemente ponderate fondendosi con le ambizioni geopolitiche di Washington. La politica estera e militare inglese, sempre strettamente allineata a quella degli Stati Uniti, ha effettivamente impresso sull’UE l’identità sinonima dell’alleanza militare guidata dagli statunitensi, la NATO. La Gran Bretagna non è affatto l’unica voce atlantista in Europa, ma si può affermare che senza il surrogato inglese l’influenza di Washington sull’UE sarebbe assai ridotta. Seguendo gli spericolati interventi militari per i cambi di regime di Washington nel mondo, negli ultimi decenni, dall’ex-Jugoslavia ai Balcani, Afghanistan e Iraq, dalla Libia alla Siria e Ucraina. In tali interventi criminali, l’Europa vi è sempre stata coinvolta dal sostegno della Gran Bretagna agli obiettivi di Washington. Sulla Russia è ipotizzabile che il braccio di ferro tra Europa e Mosca non sarebbe così grave se non fosse per la Gran Bretagna, strumentale all’agenda di Washington per imporre sanzioni. È interessante notare che molte voci più sane, in Europa, come il premier dell’Italia Matteo Renzi, il ministro degli Esteri della Germania Frank-Walter Steinmeier e il ministro delle Finanze francese Emmanuel Macron, negli ultimi mesi hanno chiesto un riavvicinamento con la Russia sulla crisi Ucraina. La supposizione ragionevole è che le relazioni tra Europa e Russia sarebbero più compatibili se non fosse per la Gran Bretagna “quinta colonna” di Washington nell’UE. Mentre l’UE ha effettivamente un ruolo sinistro, con Washington, nell’istigare il colpo di Stato in Ucraina nel febbraio 2014, è comunque plausibile che lo scontro pericoloso risultante con Mosca non sarebbe avvenuto nella misura attuale se l’Europa avesse avuto una politica estera più indipendente dagli Stati Uniti. Durante la crisi ucraina, la Gran Bretagna agì da braccio destro di Washington, convincendo gli altri ad adottare una più acuta postura anti-russa, alimentando il processo militare della NATO in Europa e la profonda spaccatura diplomatica con Mosca.
Il referendum in Gran Bretagna sulla Brexit potrebbe aversi minimo a giugno, con il risultato di abbandonare l’UE alla fine del prossimo anno. I sondaggi finora indicano parità, ma l’ultimo indica la campagna per “lasciare l’Europa” con un sostanziale vantaggio di nove punti. Una cosa è certa però. Washington seguirà attentamente il referendum, e altri interventi sono prevedibili dalla Casa Bianca per influenzare l’esercizio democratico a favore dell’adesione della Gran Bretagna nell’UE. Le ambizioni egemoniche di Washington ne dipendono. Per coloro interessati a un’Europa più indipendente, libera dal peso delle macchinazioni geopolitiche di Washington, si potrebbe sostenere che il miglior risultato sarebbe la Gran Bretagna uscire dall’UE. Quindi, lasciate che la barchetta Gran Bretagna salpi verso l’Atlantico sotto l’inno illusorio “Britannia Rules the Waves”. E poi, forse, l’Europa potrà cominciare a vivere rapporti più pacifici con il resto del mondo.brexit-beckons-as-97-of-britons-think-david-cameron-cant-get-a-better-eu-dealTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La trappola del Gran Maestro Putin – 2

Oriental Review 13 novembre 2015reservesNel dicembre dello scorso anno pubblicammo un articolo interessante di Dmitrij Kalinichenko, “La trappola d’oro del Gran Maestro Putin”, che attirò molta più attenzione dai lettori di quanto aspettato. Continua ad essere citato da molti esperti politici ed economici internazionali. Tale articolo sulla strategia della Russia per sbarazzarsi di obbligazioni e petrodollari statunitensi comprando oro. Sembrava che il crollo del rublo alla fine dello scorso anno, insieme a un ridotto margine di bilancio del Cremlino, impedisse Mosca di continuare il piano per diversificare in modo permanente il sistema finanziario internazionale. Tuttavia, osservando ciò nel 2015, si nota che la strategia di Putin funziona molto bene. Grazie alla mano invisibile del mercato il rapporto prezzo oro-petrolio è più che raddoppiato negli ultimi due anni. Se a maggio 2014 con 12 barili di petrolio si comprava un’oncia d’oro, il rapporto è salito a 26 barili/oncia nel gennaio 2015 (dove rimane attualmente). Abbassando il prezzo del petrolio rispetto l’oro, sembra che Wall Street e City di Londra cercassero di ostacolare la tattica russa di comprare oro in cambio di petrolio e gas (i prezzi del gas sono collegati al petrolio via BTU). Tuttavia, tali azioni sono fallite. Il calo dei prezzi del petrolio e il deprezzamento della moneta nazionale non hanno impedito alla Banca di Russia d’acquistare oro sul mercato interno con i rubli. Nonostante minacce e sanzioni, la Russia continua ad incrementare le riserve auree. La Banca di Russia ha acquistato ben 171 tonnellate di oro nel 2014 e altre 120 tonnellate nei primi dieci mesi del 2015. Di conseguenza, il 1° novembre 2015 la Banca di Russia aveva accumulato 1200 tonnellate di oro nelle riserve, ufficialmente le quinte nel mondo, anche se in realtà la Russia è al 4.ta avendo la Germania permesso di ospitare solo un terzo delle proprie riserve. Per correttezza va notato che la Cina non ha fornito dati aggiornati sulle sue riserve d’oro dal 2009, quando ne possedeva ufficialmente 1054 tonnellate. Secondo alcune stime, le riserve cinesi potrebbero essersi triplicate.

L'oro nelle riserve della Banca di Russia dal 1995, in milioni di dollari USA. Fonte: Cbr.ru

L’oro nelle riserve della Banca di Russia dal 1995, in milioni di dollari USA. Fonte: Cbr.ru

L’anno 2014 ha portato Wall Street ancora un’altra spiacevole sorpresa. La Russia è emersa seconda produttrice mondiale di oro, superata solo dalla Cina. La leadership globale di Cina e Russia nelle miniere d’oro gli consente di creare propri sistemi di valuta e di trading su solide fondamenta d’oro, che saranno utilizzati dai Paesi BRICS come unità universale di conto e misura fissa dei prezzi. Di fronte alla prospettiva di dover fare i conti con la potente alleanza d’oro russo-cinese, presto in grado di mettere in discussione il futuro del dollaro come valuta di riserva mondiale, gli Stati Uniti hanno cominciato ad impiegare tutte le misure tradizionali per punire un Paese che osa sfidarne il peso finanziario mondiale. S’ignori il blaterare sui “valori democratici”, non sono altro che un modo per forzare la Russia a vendere oro. Il popolo russo ha sentito l’ultimatum di Washington e capisce perfettamente che gli Stati Uniti hanno imposto le sanzioni per estromettere il governo legittimo e democraticamente eletto di Mosca. Ma non a caso, le sanzioni applicate dagli Stati Uniti al popolo russo, a caro prezzo per l’Unione europea, hanno avuto l’effetto opposto. I russi si sono uniti al capo della nazione, e Cina e Russia sono ora più vicine che mai. La politica estera della dittatura dell’arroganza assoluta e così oltraggiosa di Washington, ha avuto conseguenze prevedibili. Sostituendo abitualmente e universalmente la forza del diritto con il diritto della forza, gli Stati Uniti hanno sprecato il capitale politico e la credibilità che s’erano guadagnati presso l’opinione pubblica russa e cinese. Il sostegno della Cina alla Russia neutralizza tutti i tentativi di Washington di piegare Mosca. Anche se la Russia è costretta a vendere oro, lo venderà… alla Cina, il che significa che rimarrà nell'”alleanza d’oro”. È interessante notare che la visita a settembre del Presidente Xi Jinping negli Stati Uniti non ha portato ad alcun accordo sostanziale. La Cina è ben consapevole che se Washington recidesse l’alleanza tra Russia e Cina, la prima azione dell’ipotetico governo filo-americano della Russia sarebbe strangolare energeticamente la Cina. Wall Street deve colonizzare la Russia prima, per colonizzare la Cina. I leader cinesi lo sanno molto bene. Per inciso, lo stesso destino attende l’Europa, altro competitore geopolitico degli Stati Uniti. Tuttavia, a differenza di Pechino, i capi europei non l’hanno ancora capito.
purchasing-power-of-the-us-dollar-1913-to-2013_517962b78ea3c E’ importante ricordarsi che gli attacchi del dollaro all’oro finiscono sempre nello stesso modo, in un KO doloroso per il dollaro. Non ci sono mai state eccezioni a questa regola della storia monetaria. Né ci saranno ora. Di qui la ben nota regola del mercato: “Ogni picco del prezzo dell’oro non è l’ultimo“. Sarebbe ingenuo credere che questa regola d’oro sia sconosciuta al maestro della pazienza, Vladimir Putin, e a Xi Jinping che, in maniera sistematica, aumentano le riserve auree. Russia e Cina inesorabilmente perseguono a spogliare il dollaro USA dello status di valuta di riserva globale. La soluzione militare standard degli USA non funziona in tale situazione. La Russia non è l’Iraq, la Libia o la Jugoslavia. Gli Stati Uniti non possono lanciare un’aggressione diretta a un Paese come la Russia, sarebbe la loro ultima mossa. Pertanto la Casa Bianca cerca di utilizzare i militanti radicali dei Paesi musulmani ed europei come carne da cannone. Un volta tale approccio era efficace. Verso la metà del XX secolo, Wall Street e City di Londra trascinarono l’Europa in guerra contro l’Unione Sovietica usando il loro pupillo Hitler, che avevano letteralmente messo al potere in Germania. Oggi Ucraina e Siria sono i teatri della guerra calda degli USA contro la Russia e l’Unione europea è il teatro della guerra economica degli Stati Uniti contro la Russia (va notato che mentre gli imprenditori europei soffrono per le sanzioni imposte alla Russia, i concorrenti statunitensi firmano lucrosi nuovi accordi con Mosca). Ora i Paesi europei cominciano a capire che Washington l’inganna semplicemente. Dopo tutto, ogni prodotto è, prima di tutto, nient’altro che energia sotto forma di merce. Prendendo spunto dalle ambizioni geopolitiche degli USA, l’Europa autoriduce la propria competitività. Staccandosi da slogan altisonanti e dichiarazioni su “valori” e considerando solo l’economia materiale, tutto diventa chiaro: se l’UE viene esclusa dagli approvvigionamenti di energia russa a basso costo, oltre che dal grande mercato russo, non potrà sopravvivere nella forma attuale. Wall Street e City di Londra, come prima, non sanno cosa Putin abbia in mente, ma sono abbastanza certi che Putin farà qualcosa, e qualunque cosa sia, sorprenderà tutti facendo avanzare gli interessi della Russia e dei suoi alleati. Cercando di spiegare Putin e l’omologo Xi Jinping, Bloomberg ha pubblicato un interessante articolo sei mesi fa sul futuro del mercato dell’oro: “Sarà probabilmente molto diverso dal vecchio gold standard”, Kenneth Hoffman, a capo del centro ricerca mondiale su metalli miniere di Princeton, dice a Bloomberg Intelligence… “E non sarà un sistema tradizionale in cui si entra o esce dalla banca con un’oncia d’oro. Sarà qualcosa di nuovo e diverso“. Le previsioni di importanti media occidentali sulla nascita imminente dell’alleanza russo-cinese per rilanciare il gold standard si sentono abbastanza spesso, sembrando segnali o appelli a un passo del genere rivolto a Mosca e Pechino. Già nel 18° secolo, il filosofo e scrittore Voltaire disse: “La carta moneta alla fine ritorna al suo valore intrinseco, lo zero“, e aveva assolutamente ragione. Ci sono state tantissime banconote nella storia dell’umanità. Ma tutte, in un modo o nell’altro, divennero zero e scomparvero. Coloro che vissero durante il regno di figure storiche come Alessandro Magno, Napoleone, Hitler, Stalin, onestamente credevano che la moneta esistente al momento sarebbe rimasta in circolazione per sempre. Ma non una di esse esiste oggi. E dollaro e rublo hanno in comune con i loro precedessori di 100 anni fa i nomi rimasti invariati. Dollaro e rublo moderni sono valute completamente diverse, con potere di acquisto diverso e aspetto diverso. Alcune valute muoiono improvvisamente, altre tornano a zero attraverso un ammortamento graduale, ma in un modo o nell’altro si annullano alla fine. Ovviamente, il dollaro statunitense indebolito ha perso il 98% del potere d’acquisto negli ultimi 40 anni (come altre pseudo-monete non protette) ed è già sull’orlo del naturale azzeramento. Questo argomento è sempre più utilizzato dai fautori del ritorno al gold standard. Tuttavia, dimenticano che tutte le valute d’oro già in circolazione alla fine morirono come le valute di carta. Perché questo è accaduto, dato che le valute d’oro sono garantite dall’oro che contengono fisicamente? Perché ogni moneta d’oro è, prima di tutto, una moneta con valore designato, non denaro basato sull’oro che contiene!
Le valute d’oro avevano un valore fiat rappresentato dalla denominazione impressa su di esse, imponendo un dazio legale a tutti gli operatori del mercato. Questo richiedeva che usassero le monete d’oro esclusivamente come valuta, con valore nominale specificato e assegnato per legge. Ma alla fine la contraddizione inevitabile emerse tra valore di mercato dell’oro contenuto nella moneta e suo peso rispetto al valore fiat della denominazione impressagli. Tale incoerenza significò la fine di ogni forma di moneta d’oro nel corso della storia monetaria. Non ci sono eccezioni a questa regola, ben nota a Wall Street. E’ di fondamentale importanza per essi che Russia e Cina siano spinte a coniare un’altra moneta d’oro condannata. Non appena Russia e (o) Cina emettessero tale moneta d’oro, saranno immediatamente attaccate da Soros e altri speculatori al soldo di Wall Street come lui. Qualunque sia il valore nominale, in rubli o yuan, impresso sulla moneta d’oro di Russia o Cina, dopo un po’ il valore inizierebbe a divergere dal valore dell’oro nella moneta. Diverrà vantaggioso per gli speculatori riciclare carta moneta in cambio della valuta in oro, riducendo le riserve auree del Paese, portandolo al default. Data la situazione attuale, non c’è nessuno al mondo che possa rispondere a questa apparentemente semplice domanda: perché, sapendo che non è possibile coniare una moneta nazionale in oro, Russia e Cina continuano ad accumulare riserve auree? In questo momento nessuno al mondo lo sa… tranne Putin e il collega Xi Jinping…goldcore_bloomberg_chart2_28-05-14Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Quando i buoni sentimenti alimentano i fascismi

François Arzalier, Histoire et Societé 10 ottobre 2015

Parigi saluta l'arrivo dei 'profughi' islamisti, nell'operazione 'arma di migrazione di massa' avviata da Turchia e USA.

Parigi saluta l’arrivo dei ‘profughi’ islamisti, nell’operazione ‘arma di migrazione di massa’ avviata da Turchia e USA.

Da tempo dovremmo esservi abituati: dagli antichi monarchi che si facevano chiamare figli degli dei ai despoti contemporanei che arringavano folle compiacenti, la manipolazione dell’opinione pubblica è sempre stata la compare del potere. Lo sfruttamento di coloro che hanno solo il lavoro per vivere e l’oppressione politica della maggioranza da parte di pochi privilegiati, non possono esistere senza la giustificazione delle grandi falsità. I grandi media hanno oggi in tal senso più efficacia che mai nella storia, permettendo ogni giorno di martellare sulla vulgata dominante, della borghesia di qualsiasi etichetta politica: la lotta ai malvagi terroristi barbuti che l’esercito del nostro Paese conduce con fuoco guerriero in Africa e in Medio Oriente, dove un po’ più lontano sono i nostri migliori alleati, ecc. Recentemente, la manipolazione s’è superata sui “migranti” che rischiando la vita corrono verso l’Europa e il miraggio occidentale. I nostri media parlano molto riducendo la tragedia a un discorso compassionevole sulla buona coscienza, spudoratamente con il cadavere di un bambino su una spiaggia turca, perché suo padre riteneva opportuno pagare a caro prezzo i contrabbandieri per affrontare le onde del mare su una zattera che affondava alla minima brezza. Naturalmente, dobbiamo accogliere adeguatamente gli immigrati legali o meno, e la Francia in questa materia è ben lungi dall’essere un esempio, dalle campagne di Calais alle strade di Parigi. Ma ogni nazione ha il diritto fondamentale di controllare proprio futuro e propria demografia: i Paesi sviluppati europei non se lo negano, tra discorsi umanistici e demagogici.
Mentono, oscurando la principale causa del caos che ha fatto di milioni di persone dei rifugiati nel Mediterraneo: l’intervento militare, diplomatico e finanziario delle grandi potenze occidentali, Stati Uniti d’America, Regno Unito, Francia, Turchia, e loro alleati petromonarchi fondamentalisti di Golfo Persico, Arabia Saudita e Qatar. Fin dall’inizio di questo secolo, spinti dal comune desiderio di ridisegnare Nord Africa e Medio Oriente a proprio vantaggio, hanno distrutto con la guerra gli Stati nazionali d’Iraq (Bush) e Libia (Sarkozy), organizzato e finanziato i separatisti armati tribali e religiosi contro la Siria. Non hanno potuto sconfiggere quest’ultimo, ma sulle macerie delle città distrutte hanno dato vita all’incontrollabile mostro islamista chiamato Stato islamico, riducendo milioni di siriani a rifugiati in fuga. Chi gioca al vigile del fuoco oggi, è in realtà un piromane!
Mentono, nascondendo che tale improvviso afflusso di “migranti” in Europa sia organizzato deliberatamente dalla Turchia guidata dall’islamista Erdogan, uno dei pilastri della NATO che invia armi e combattenti per l’eversione fondamentalista contro la Siria da 15 anni. Chi potrebbe essere così ingenuo da credere che decine di migliaia di uomini, donne e bambini passino ogni settimana dai porti turchi su navi noleggiate da contrabbandieri, a buon prezzo, senza che i funzionari dei servizi segreti dello Stato turco, uno dei più organizzati al mondo, non li vedano?
Mentono quando indicano ad esempio il “gran cuore” e la generosità della Merkel verso i “migranti”, mentre parla a nome dei datori di lavoro tedeschi, tra i più prosperi del mondo grazie all’UE che gli fornisce immigrati sottopagati da Polonia e Bulgaria: vedono tale afflusso di “migranti” mediterranei quale manodopera ancora più conveniente rispetto a quelli da Varsavia o Budapest.
Come i discorsi buonisti a comando in TV non potrebbero commuovere i sensibili di cuore, quando coloro che dovrebbero denunciare tale ipocrisia li rilanciano compiaciuti? Nel corso del dibattito sui “migranti” organizzato dal Festival dell’Humanité, l’unico rappresentante del Fronte di sinistra francese, l’eurodeputato MC Vergiat, limitava le sue osservazioni a banalità umanistiche senza esitare a coronare il tutto con l’elogio opportunista a soddisfazione della borghesia di “sinistra”, a cui chiede il voto: “La signora Merkel fa smuovere, tanto meglio“. C’è voluto MW Birkwald, deputato del Partito della Sinistra tedesco, per discutere più seriamente “dei grandi datori di lavoro capitalisti tedeschi che lamentano carenza di manodopera e demografia in calo… rifugiati in media di 26 anni per 2/3 uomini, una popolazione interessante per le imprese tedesche“… scoprendosi moralisti nel denunciare la riluttanza ungherese, greca e polacca a tale massiccio afflusso di lavoratori concorrenti, in modo che i dirigenti dello Stato e dell’economia della Germania destabilizzino i Paesi vassalli europeo-orientali e balcanici.
Mentono ancor più nascondendo come lo sfollamento di centinaia di migliaia di “migranti” sia stato improvvisamente istigato da agenzie occidentali e incoraggiato dai nostri media, sebbene vivessero da anni in Siria e Libano, senza che i nostri capi si commuovano; un regalo inaspettato all’estrema destra xenofoba rampante, alle soglie del potere nella maggior parte degli Stati europei orientali e centrali, Grecia e Francia. Ad Atene, le elezioni l’hanno mostrato prima che nel nostro Paese…
Quando la manipolazione dei buoni sentimenti arriva a tale dimensione, quando la truffa confina con l’ignoranza, si può e ci si deve chiedere chi ci guadagna e chi l’organizza. Dall’inizio del 21° secolo, l’imperialismo occidentale organizza il caos a spese degli Stati nazionali in Africa e in Oriente: oggi lo fa in Europa, dall’Ucraina alla Grecia. Il nostro popolo ne sarà vittima se la ragione e l’interesse dei lavoratori non si sveglieranno dal letargo prima del baratro.

Parigi saluta l'arrivo dei 'profughi' islamisti, nell'operazione 'arma di migrazione di massa' avviata da Turchia e USA.

Parigi saluta l’arrivo dei ‘profughi’ islamisti, nell’operazione ‘arma di migrazione di massa’ avviata da Turchia e USA.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Invasione di migranti e “rivoluzioni colorate”, stesso calderone politico degli USA

Wayne Madsen Strategic Culture Foundation 11/06/2015

James Clapper

James Clapper

Lo stesso calderone politico degli Stati Uniti, incentrato sulle accademie di Boston che hanno fornito il modello delle “rivoluzioni colorate” in Europa orientale e Medio Oriente, è responsabile dell’“arma delle migrazioni di massa” nell’attuale caos che impazza in Europa. Anche se a volte sembri a molti osservatori che la politica estera sia presa dal cappello di un mago da circo, molte politiche apparentemente insensate degli Stati Uniti sono profondamente radicate nei documenti, libri bianchi e libri sponsorizzati dal governo. Anche se la cancelliera tedesca Angela Merkel giustamente è accusata di avere la responsabilità dell’apertura dei confini dell’Europa all’afflusso possibile di oltre 1,5 milioni di migranti soprattutto musulmani da Asia e Africa, la politica che usa i rifugiati come “arma di migrazioni di massa” è un’idea di una consigliera di dipartimento della Difesa, Ford Foundation e Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Un libro scritto nel 2010 dalla professoressa Kelly Greenhill della Tufts University ha avuto non solo l’attenzione dei pianificatori di guerre e conflitti civili del Pentagono ma anche della Merkel e dei magnati tedeschi intenti a ringiovanire la popolazione lavoratrice della Germania. Il libro “Armi di migrazioni di massa: epurazioni, coercizione e politica estera”, ha avuto subito successo presso i pianificatori statunitensi di Pentagono e Central Intelligence Agency, sempre alla ricerca di modi nuovi per creare il caos a vantaggio dell’estensione della sfera d’influenza degli Stati Uniti. Greenhill è legata ai vertici del complesso militare e d’intelligence degli Stati Uniti in qualità di presidentessa del gruppo di lavoro pubblico su conflitto, sicurezza e politica presso l’Harvard Kennedy School of Government di Belfer Center; ex-assistente del senatore John Kerry ed ex-consigliera del Pentagono.
fe2-1Il libro della Greenhill è un modello per creare disordine sociale attraverso la migrazione di massa forzata, come il manuale sull’“azione non violenta” dell’ex-professore dell’Università del Massachusetts Gene Sharp, diventato la guida delle “rivoluzioni colorate” per provocare colpi di Stato con l’uso dei social media e scontri di strada. A differenza di Sharp che si affida a movimenti sociali e politici sintetici creati all’esterno del Paese preso di mira, e che possono avere risultati vari come s’è visto in Egitto, Greenhill vede l’arma di migrazione di massa come il metodo più efficace per raggiungere certi risultati. La ricerca sulle migrazioni forzate della Greenhill come arma del “soft power” sui complessi campi di battaglia di oggi si accorda all’interesse simile espresso da James Clapper, direttore della National Intelligence statunitense e del National Intelligence Council degli Stati Uniti (NIC). Il NIC formula la politica di sicurezza nazionale e sui servizi segreti statunitensi. Le decennali proposte delle comunità militare e d’intelligence statunitensi d’utilizzare i rifugiati come un’arma del soft power hanno avuto subito l’attenzione di Merkel e sostenitori più stretti, tra cui la ministra della Difesa tedesca Ursula van der Leyen. In un documento del 2000 dal titolo, “Crescente migrazione globale e implicazioni per gli Stati Uniti”, il NIC previde la seguente situazione demografica per l’Europa: “Con una bassa crescita economica, l’Europa occidentale subirà molte sfide dagli attuali flussi di immigrati e dagli immigrati residenti. Supponendo che la fertilità dell’Europa occidentale rimanga a livelli di sub-sostituzione, potrà aspettarsi un rapido mutamento della composizione etnica, in particolare nelle aree urbane”. La soluzione del NIC? “Può darsi che governi e sistemi politici dell’Europa occidentale incontrino scarso successo nella gestione dell’integrazione dei musulmani residenti”. E oltre a integrare nella società europea i lavoratori musulmani con permessi di soggiorno già presenti, i pianificatori futuri della comunità d’intelligence degli Stati Uniti conclusero che lavoratori supplementari saranno necessari dalla periferia d’Europa, cioè da Medio Oriente e Nord Africa: “Sforzi per introdurre la cittadinanza degli immigrati (come lo sforzo della Roma imperiale di dare status giuridico ai popoli della periferia)”. E il NIC previde come tali nuovi lavoratori sarebbero stati costretti a lasciare i loro Paesi d’origine per l’Europa: “I migranti continueranno ad essere spinti dallo stress ambientale nei loro Paesi d’origine, come cambiamento climatico, guerra, conflitti civili e criminalità, rivalità etniche e discriminazione. La sopravvivenza motiverà molti a muoversi, nonostante l’emarginazione dei profughi nei Paesi di arrivo”. Il NIC si rese conto che conflitto civile e rivalità etniche potevano esserci solo nelle nazioni prese di mira dalle “azioni non violente” e “rivoluzioni colorate” di Sharp. Quindi, la “Primavera araba” inventata contro i leader di Libia, Egitto, Tunisia, Yemen e Siria ha creato il peggiore problema dei profughi in Europa dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. E chi in realtà finanzia le migrazioni di massa verso l’Europa da Paesi come Turchia, Siria, Iraq e Libia?” Ci sono varie notizie in Europa sulla fuga precipitosa, soprattutto di giovani musulmani armati di nuovi smart phones, coordinata da ONG finanziate dal magnate globale degli hedge fund George Soros.
La cospirazione delle élites occidentali per spostare le popolazioni è un disastro per i Paesi di accoglienza in Europa come per i rifugiati legittimi morti su imbarcazioni insicure cercando di raggiungere l’Europa. In un campo di Lipsia, un gruppo di afghani radicali ha attaccato un altro gruppo di siriani secolari con conseguenti numerosi feriti. Gli stupri di donne migranti nei campi e quartieri vicini ai campi in Germania sono saliti alle stelle. Molte donne tedesche ora evitano di uscire di casa da sole per paura di essere stuprate dai loro nuovi “vicini” stranieri. Vi è anche la prova che il massiccio flusso di rifugiati musulmani da Siria, Iraq e Afghanistan in Paesi come Slovenia, Croazia, Austria, Ungheria e Serbia sia stato affiancato da quello dei musulmani di Bosnia-Erzegovina, Kosovo e Albania. La ripartizione delle frontiere interne dell’Unione europea ha spinto coloro che speravano nell’assistenza sociale in Germania e Austria ad unirsi al corteo dei migranti dai Balcani. In termini di salute pubblica, i migranti che arrivano hanno creato una situazione da incubo. Vi sono rapporti di migranti che defecano nei parchi tedeschi e austriaci e urinano per strada creando una crisi sanitaria e un orribile fetore in alcuni quartieri. Miran Vuk, sindaco di Zavrc in Slovenia, s’è lamentato che i migranti temporaneamente ospitati nel nuovo stadio della città avessero defecato sul campo, costringendone la chiusura. Gli ospedali tedeschi sono stati sommersi da casi di migranti avvelenati. Alcuni migranti siriani scambiavano il locale velenoso fungo “tappo della morte” per la varietà commestibile Barba Amanita, che si trova nella nativa Siria. Le autorità mediche tedesche misero in cima all’elenco dei donatori di fegato un 16enne siriano che necessitava del trapianto di fegato per aver mangiato i funghi velenosi. Anche se l’adolescente siriano è morto, un altro siriano avvelenato veniva posto in cima alla lista dei donatori di fegato, negando così a un cittadino tedesco il dovuto trapianto di fegato. La “falsa” sinistra in Germania è in prima linea nella confisca della proprietà privata per accogliere i migranti senza fissa dimora dal Medio Oriente. Socialdemocratici, Verdi e Partito della Sinistra di Amburgo si sono uniti ai sostenitori della Merkel nel far passare un disegno di legge nel parlamento di Amburgo che legalizza la confisca di aziende vuote per alloggiarvi i migranti. Solo i democristiani anti-Merkel, Liberaldemocratici (FDP) e Alternativa per la Germania (AfD) hanno bloccato in seconda lettura il provvedimento di confisca. La finta sinistra in Germania, che prende ordini dai provocatori politici delle ONG finanziate da Soros e NATO, sostiene l’arma della politica migratoria di massa della Merkel, mentre il partito fratello bavarese, l’Unione cristiano sociale, s’è unito al Primo Ministro ungherese Viktor Orban e al sempre più popolare leader del Partito della Libertà austriaco Heinz-Christian Strache nel chiedere di fermare immediatamente l’invasione dei migranti dell’Europa. Tedeschi e austriaci che si oppongono alla politica della porta aperta ai migranti sono minacciati da procedimenti penali dalla Merkel per sostegno all’ideologia “neonazista”. Tuttavia, tedeschi e austriaci preferiscono affrontare il carcere e multe salate piuttosto che vedere i loro villaggi, paesi e città trasformati in futuri centri di assassinio e decapitazione “delle province occidentali del Califfato islamico”.

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Ursula von Leyen

Ursula von der Leyen

L’Ayn Rand Institute degli USA promuove l’emigrazione musulmana in Germania
Perchè una ONG degli USA promuove l’esodo dei rifugiati dal Medio Oriente in Europa?
Info Direkt Russia Insider 9 novembre 2015

fluchthelfer1“Aiuta l’esodo!” con tale slogan l’organizzazione cerca volontari e tale invito crea molto rumore nei media. (1) Il sito http://www.fluchthelfer.in (nota: “fluchthelfer” si traduce approssimativamente “aiutare i profughi”) sembra professionale, dal design del web ai banner pubblicitari, tutto appare sofisticato. Dato che tale organizzazione promuove attivamente il traffico di esseri umani molte denunce sono state depositate contro di essa. Il traffico di esseri umani è illegale in Germania e Austria. È interessante notare che tale campagna per il traffico di esseri umani è stata ideata dagli Stati Uniti. L’organizzazione statunitense “The Ayn Rand Institute” è proprietaria del dominio. L’indirizzo di posta elettronica sul sito appartiene a un ente di Seattle chiamato “Rise Up“.

Umanitarismo o bellicismo?
L'”Ayn Rand Institute” è uno dei think tank degli Stati Uniti che promuove il traffico di esseri umani in Europa esortando “umanità” e “empatia” nei suoi messaggi agli europei. La maggior parte dei richiedenti asilo in Europa è costituita da musulmani e arabi. Ciò sorprende ricordando che l'”Ayn Rand Institute” non si distingue per la simpatia verso i popoli arabi. La fondatrice e patrona Ayn Rand (nata Alisa Zinoveevna Rosenbaum) era una sionista ebrea e feroce sostenitrice d’Israele, che lo definiva Paese progressista, tecnologico e civile. Sempre secondo Rand, Israele rappresenta tutto il contrario dei popoli arabo e palestinese che bollava così: “Questi arabi sono primitivi e selvaggi, non si sono sviluppati e sono razzisti che odiano lo Stato d’Israele”. Senza motivo li accusava di uccidere donne e bambini innocenti; quindi il loro Paese era “la terra degli assassini” ed erano puri “mostri“. (2) In uno dei pochi articoli tedeschi disponibili su Ayn Rand viene indicata come capo ideologo della destra statunitense e fervente sostenitrice degli eroi del capitalismo occidentale. (3) Dopo la morte le cose non cambiarono molto. L’attuale direttore dell’istituto è l’israeliano Yaron Brook. In un video sulla guerra contro i civili palestinesi non lascia dubbi: “tutto va bene finché necessario per la guerra…” (4) L’Ayn Rand Institute incoraggia Israele nelle guerre in Medio Oriente e chiede azioni decisive e dure nella guerra al terrore. Ondate di profughi verso l’Europa sono il risultato diretto dei conflitti che causa. L’organizzazione “Rise Up” si trova a Seattle, Stati Uniti d’America, e si occupa anche del “progetto http://www.fluchthelfer.in” e dal suo programma appare come un’altra trovata della Soros Foundation. L’ordine del giorno dice: “avviamo le rivoluzioni e la società aperta” (“Lavoriamo per la rivoluzione e creare una società libera“). È interessante notare che tali organizzazioni aiutano i profughi solo in Europa. Purtroppo e non sorprende, non troverete un’iniziativa simile negli Stati Uniti, ad esempio a sostegno degli immigrati dal Messico negli Stati Uniti. Aiutate i rifugiati che vanno in Germania… ma non quelli che vanno in America o Israele!refugeesTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.211 follower