L’esercito ucraino riceve carri armati dalla NATO?

Steven Laack, Indymedia, 02/02/2015

Francia e Germania premono per il cessate-il-fuoco tra Ucraina e Novorossija, su istigazione di Washington, perché le forze armate ucraine seno esaurite e la NATO non può intervenire, fisicamente. A Parigi e a Berlino, Washington ha affidato il compito di salvare sia il governo golpista di Gladio a Kiev, che l’immagine da ‘superpotenza’ della NATO, già devastata dai fallimenti in Georgia, Libia e Siria. NdT519401Alcuni giorni prima apparvero informazioni sull’imbarco di carri armati T-72A aggiornati a bordo di un aereo da trasporto ucraino An-225 Mriya nell’aeroporto ceco. Oggi, con i media che occultano la cosa, suggerisco di dover approfondire la vicenda. Ora, una foto del 26 gennaio dell’aeroporto della Repubblica ceca Janacek ad Ostrava è apparsa su internet, mostrando il carico di 4 carri armati T-72A riparati su un velivolo ucraino An-225 Mriya. Secondo la versione ufficiale, i carri armati dovevano essere consegnati alla Nigeria. Il governo della Nigeria aveva siglato un contratto con la società Excalibur Army. Nonostante i rappresentanti della società si siano precipitati a smentire le voci sull’invio di armamenti in Ucraina, sembra che i T-72A non siano giunti a destinazione in Africa e “siano andati persi” da qualche parte in Ucraina. Qui le mie ragioni per dimostrarlo.
In primo luogo, secondo i dati il velivolo da trasporto consuma carburante per 15,9 tph volando alla velocità massima di 850 km/h con un carico massimo di 250000 kg. Il che significa che non può volare per più di 2 ore. Ora, calcoliamo i 4 carri armati pesanti 43 tonnellate ciascuno, senza sistemi di difesa dinamica e munizioni. Gli equipaggiamenti per la difesa dinamica, da montare dopo il previsto aggiornamento del carro armato, pesano 1600 kg (5,3 kg – è il peso di un contenitore separato, senza supporti). Probabilmente le attrezzature per la difesa dinamica e altre attrezzature furono caricate separatamente in qualche pallet speciale. Insomma, abbiamo circa 178 tonnellate (e in realtà, credo, dovremmo aggiungervi un paio di tonnellate, tenuto conto delle altre attrezzature). Quindi, il velivolo ucraino poteva rimanere in volo per 3 ore circa, il 27 gennaio, non sufficienti per trasportare i carri armati in Africa (la distanza da Ostrava ad Abuja, capitale della Nigeria, è di 4630 km e ci vorrebbero non meno di 6 ore di volo per coprirli) bene, si consideri che l’An-225 non ha effettuato alcuna sosta per il rifornimento di carburante (almeno secondo le informazioni disponibile su FlightRadar).

map1In secondo luogo, vi sono persone che hanno visto l’An-225 a Dnepropetrovsk il 27 gennaio.
Potete vedere vividamente sulla mappa che la distanza tra Ostrava e Dnepropetrovsk è di 1230 km.

mapL’An-225 alla velocità di crociera di 850 km/h può coprila in un’ora e mezza o così. Ciò fa pensare. Voglio dire erano solo quei carri armati che il Mriya ha consegnato in realtà? Mi è balenato in mente che l’esercito ucraino ha molto bisogno di munizioni, essendone gravemente carente. Sarebbe del tutto logico supporre che tutto lo spazio a bordo dell’An-225 sia stato occupato proprio da tale tipo di carico. Vi sono molti depositi ex-sovietici in Ungheria e Repubblica Ceca, con scorte di razzi, proiettili, cartucce e altre cose utili per le forze armate e la Guardia nazionale dell’Ucraina. In terzo luogo, soldati ucraini esprimerono gioia quando arrivarono le nuove attrezzature militari aggiornate dagli specialisti cechi (sic!). Infine, su internet è apparso il documento comprovante la versione della mistificazione nigeriana. In realtà, nella lettera del ministro della Difesa ucraino Stepan Poltorak all’omologo ceco, esprimeva gratitudine per la consegna di attrezzature militari e assistenza militare e tecnica.

letter1È interessante notare che la stessa Excalibur Army, che avrebbe inviato i T-72A aggiornato in Africa, è menzionata nel testo. E a coronare il tutto, l’assenza di dati adeguati su rotta e destinazione finale dell’UR-82060 sembra molto sospetta. È possibile utilizzare FlightRadar per vedere se sia davvero così. Così si scopre che, a parte le dichiarazioni della società ceca, non vi sono dati su rotta e coordinate del volo del Mriya.
Tenendo presente tutto questo, alcune conclusioni preliminari possono essere già tratte.
1. L’Europa ha iniziato o continua ad inviare armi, pesanti in particolare, in Ucraina.
2. La junta di Kiev è in preda alla disperazione, perché non ha più armamenti propri. Neanche blindati, e gli ultimi non sono giunti in Iraq. Le autorità ucraine possono solo dotare poche unità mobilitate con armi appropriate.
3. La leadership di UE e NATO fa vigorosamente pressione sulle strutture commerciali di certi Stati europei per spingerle a cooperare con Kiev.
Ecco qual’è la situazione attualmente.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

NATO: il ponte atlantico crolla…

F. William Engdahl New Eastern Outlook 11/02/2015Putin-Merkel-HollandeWashington ha creato una cosa chiamata NATO, Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico nel 1949 per saldare l’Europa occidentale alle future politiche estere di Washington, tuttavia rivelandosi distruttivo per gli interessi autentici di Germania, Francia, Italia e altre nazioni d’Europa. Nel 1986 le dodici nazioni della Comunità economica europea modificarono il trattato di Roma del 1957 e firmarono l’Atto unico europeo, incaricandosi di creare il mercato unico comunitario entro la fine del 1992, con le regole per la cooperazione politica europea, in previsione di una politica estera e di sicurezza comune per l’Unione europea. Poi il 9 novembre del 1989, un evento storico interruppe la strategia della CEE per il mercato unico. L’URSS di Gorbaciov consegnò la Repubblica democratica tedesca all’occidente. La guerra fredda era finita de facto e la Germania si sarebbe riunita. L’occidente aveva apparentemente vinto e la maggior parte degli europei era giubilante, molti credevano che decenni di vita sull’orlo di una possibile guerra nucleare erano finiti. L’Europa emergente sembrava fiera e sicura del futuro. La NATO era un’entità creata da Washington, secondo il suo primo segretario generale, Lord Ismay, per “tenere i russi fuori, gli americani dentro, e i tedeschi sotto“.

Il pilastro della Difesa europea o la NATO degli USA?
Il trattato di Maastricht, un documento con errori fatali, fu introdotto al vertice della CEE nel dicembre 1991. A uno scioccato Helmut Kohl fu detto da Mitterrand e a Margaret Thatcher che la Germania doveva accettare la creazione di una moneta unica controllata dalla Bundesbank. Divennero l’euro di oggi e la sovranazionale Banca Centrale Europea indipendente, un ricatto quale condizione preliminare per l’accettazione dell’unificazione tedesca. I tedeschi ingoiarono e firmarono. Ciò che fu poco discusso è che il Trattato di Maastricht includeva anche una sezione che stabiliva per la prima volta una politica estera e di sicurezza comune. Le dodici nazioni che firmarono il trattato avevano intense discussioni su come creare un pilastro della difesa europea indipendente dalla NATO. Con il crollo dell’Unione Sovietica, la ragion d’essere della NATO era finita, e il Patto di Varsavia dissolto. Washington aveva assicurato Gorbaciov che la NATO non si sarebbe mai estesa ad est.

Bush distrusse il pilastro della difesa dell’UE
Il presidente degli Stati Uniti George HW Bush lasciò un’eredità sanguinosa fin dai primi anni a Washington, probabilmente giocando anche un ruolo chiave come agente della CIA a Dallas, in Texas, il 22 novembre 1963 nell’assassinio di JFK. Continuò a dirigere la CIA negli anni ’70 e spinse Sadam Husayn ad occupare il Quwayt nel 1990 per avere il pretesto della guerra sanguinosa con l’operazione Desert Storm contro l’Iraq. Da presidente, Bush avviò anche gli eventi che comportarono la distruzione della Jugoslavia, dal 1990, proprio come Washington distrugge l’Ucraina oggi. Lo scopo principale della guerra istigata dagli USA, che devastò i Balcani per un decennio, era chiarire all’Unione Europea che la NATO, controllata dal Pentagono degli Stati Uniti, sarebbe rimasta e, in effetti, si sarebbe allargata ad est. In effetti, sfruttò la guerra jugoslava per distruggere la minaccia emergente dell’Unione europea con capacità autonoma di difesa, il pilastro della difesa europea. Come il consulente presidenziale e fondatore della Commissione Trilaterale Zbigniew Brzezinski scrisse apertamente, per Washington la Germania era un “vassallo” del potere imperiale degli Stati Uniti, e non una nazione sovrana. Nel 1999 Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca furono ufficialmente invitate da Washington ad aderire alla NATO, mentre lo smembramento della Jugoslavia fu coperto dai vergognosi e illegali bombardamenti della Serbia dal presidente Bill Clinton, con la cosiddetta Guerra del Kosovo, e con l’ancor più vergognosa partecipazione del ministro degli Esteri tedesco, figlio di un macellaio ungherese, Joschka Fischer. Nel 2004 Washington allegramente fece entrare nella NATO Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia, e preparava segretamente le infami rivoluzioni colorate in Georgia e in Ucraina, per eleggervi i candidati degli USA, il corrotto Viktor Jushenko con la cosiddetta rivoluzione arancione a Kiev, e Mikhail Saakashvili in Georgia con la rivoluzione delle rose. I due s’impegnarono ad aderire alla NATO, nell’ambito della loro campagna. Non c’è da stupirsi che entro il 2007, mentre il segretario della Difesa Don Rumsfeld annunciava che il Pentagono avrebbe installato sistemi antimissili balistici in Polonia e Repubblica Ceca, de facto contro la Russia, Mosca fosse sempre più irrequieta, venendo soffocata sul suo perimetro strategico dalla NATO, l’alleanza militare guidata infine dall’unica superpotenza mondiale che arrivava alle porte di Mosca.

L’intervento franco-tedesco in Ucraina
Quando i ministri degli Esteri di Germania e Francia sono intervenuti nel disperato tentativo di mediare un compromesso a Kiev, il 21 febbraio 2014, per evitare la guerra civile, esclusero esplicitamente dai colloqui una parte interessata, il governo degli Stati Uniti. Hanno, ottenendo un compromesso durato meno di 48 ore, prima che i cecchini appoggiati dalla CIA a Kiev istigassero tumulti e panico spingendo alla fuga (punto dimenticato pedissequamente nella versione mediatica tedesca degli eventi) il presidente democraticamente eletto Viktor Janukovich, per salvarsi la vita. Il giorno successivo, l’amministrazione Obama, guidata dal falco Victoria “Si fotta l’UE” Nuland del dipartimento di Stato, dall’ambasciatore statunitense Geoffrey Pyatt e dalle legioni di agenti della CIA di Majdan piazzò apertamente i suoi burattini prescelti, utilizzando i neo-nazisti dichiarati di Pravij Sektor e Svoboda. George Friedman, capo di Stratfor, società di consulenza strategica degli Stati Uniti i cui clienti sono Pentagono, CIA ed agenzie israeliane, ha detto al giornale russo Kommersant, in un’intervista a dicembre, che gli Stati Uniti organizzarono il colpo di Stato in Ucraina, “il golpe più eclatante nella storia”. Quando Washington sputò in faccia non solo a Germania, Francia e Unione europea, ma anche a Russia e Ucraina, imponendo il nuovo regime golpista di Kiev, guidato da loro primo ministro, noto scientologo Arsenij Jatsenjuk, Germania e Francia ingoiarono seguendo i falchi di Washington dell’amministrazione Obama. L’UE votava più volte all’unanimità le sanzioni dettate dagli USA contro la Russia, dopo il referendum della Crimea di marzo 2014. L’industria tedesca protestò apertamente ma il governo Merkel s’inchinò a NATO e Washington, e l’economia tedesca entrava in recessione con il resto dell’UE. Ora qualcosa di molto insolito è in corso. Francia e Germania ancora sfidano apertamente la Washington di Obama. La notte del 4 febbraio, Merkel e il presidente francese Hollande decisero di volare subito a Mosca per incontrare Putin. Lo scopo, come il portavoce di Putin ha dichiarato, era che i “leader dei tre Paesi discutano quali Paesi in particolare possono contribuire alla fine rapida della guerra civile nel sud-est dell’Ucraina, intensificatasi negli ultimi giorni e causando molte vittime“. La parte più interessante è che tali capi “vassalli”, Angela Merkel e Francois Hollande, non chiesero il permesso a Washington, secondo una fonte del governo francese. Annunciando il viaggio spontaneo a Mosca, Hollande dichiarava, “Insieme ad Angela Merkel abbiamo deciso una nuova iniziativa”. Più interessante, la loro “nuova iniziativa” fu presentata mentre il segretario di Stato John Kerry era in riunione a Kiev con il presidente Poroshenko, per discutere delle possibili forniture di armi statunitensi a Kiev, la “diplomazia” preferita di Washington al momento. I colloqui di Mosca tra Putin, Merkel e Hollande avrebbero seguito i colloqui “segreti” tra Parigi, Berlino e Mosca.
Ai primi di dicembre, Hollande fece una visita a sorpresa a Mosca incontrando Putin sull’Ucraina. Al momento il presidente francese dichiarò, “Credo che dobbiamo evitare altri “muri” che ci separino. Oggi dobbiamo superare gli ostacoli e trovare soluzioni”. Washington non era affatto contenta. C’è il forte sospetto, in certi ambienti, che l’attentato sotto falsa bandiera del 7 gennaio alla rivista satirica di Parigi Charlie Hebdo fosse la risposta della fazione guerrafondaia di Washington-Tel Aviv alla diplomazia di Hollande. Le ultime mosse diplomatiche tedesco-francesi avvennero mentre John Kerry era a Kiev per discutere delle armi USA da consegnare all’Ucraina. Il giornalista di Le Nouvel Observateur Vincent Jauvert dice che Hollande e Merkel decisero di parlare all’improvviso con Putin, a Mosca, per tentare “di anticipare gli statunitensi che cercavano d’imporre la loro soluzione al problema: l’invio di armi all’Ucraina“. Ha detto che i due capi andarono a Kiev subito dopo Kerry, “diffidando dell’amministrazione statunitense” e “presentando la loro soluzione diplomatica poco prima che il vicepresidente degli USA Joe Biden presentasse il piano degli Stati Uniti per inviare armi a Kiev alla conferenza per la sicurezza di Monaco di Baviera“.
Le prossime settimane saranno chiaramente decisive per la pace nel mondo. Parodiando una vecchia canzoncina che cantavo da bambino, il ponte atlantico è crollato, crollato, crollato… (seguendo la melodia del London Bridge è caduto). E’ tempo per un nuovo e stabile ponte, ma non arriverà col messaggio di Joe Biden alla conferenza per la sicurezza di Monaco.

german-chancellor-angela-merkel-french-president-francois-hollande-moscowF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University m autore di best-seller su petrolio e geopolitica, per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Ucraina, una bomba a orologeria

Jean Geronimo Histoire et Societé 8 febbraio
Dottore in Economia, docente presso l’Università Pierre Mendes France di Grenoble, ricercatore indipendente specializzato in questioni economiche e geostrategiche russe, Jean Geronimo è l’autore de Il pensiero strategico russo, ed è in procinto di pubblicare un nuovo libro sull’Ucraina. Propone un’analisi strutturale della crisi in Ucraina… lungi dai discorsi dominanti.11897La battaglia per l’Ucraina è una questione geopolitica importante per le due superpotenze della Guerra Fredda, nell’ambito del gioco strategico giocato sulla scacchiera eurasiatica agendo sugli Stati-perno nella regione quali pedine della partita. Il controllo dell’Ucraina, vista da entrambi i lati come Stato chiave in questa scacchiera, rientra nel perseguimento di due obiettivi, estendere le zone d’influenza ideologica e conquistare la leadership politica nell’Eurasia post-comunista. Associata alla capacità d’influenzare i principali attori della regione, la natura strategica dell’Ucraina sul piano politico (al centro di grandi alleanze) ed energetico (al centro della rete dei gasdotti) ne spiega il ruolo fondamentale nella linea anti-russa di Z. Brzezinski scelta dall’amministrazione Obama. La cooptazione dell’Ucraina, definita da E. Todd “periferia russa”, dovrebbe infatti spezzare la strategia della ricostruzione del potere eurasiatico adottata da Mosca dalla fine degli anni ’90. Questa ricostruzione del potere russo avviene recuperando il dominio regionale e verrà realizzata nel 2015 con la nascita dell’Unione economica eurasiatica. Alla fine, questa configurazione giustifica la terminologia di Brzezinski di “perno geopolitico” dell’Ucraina, all’origine del conflitto avviato con un vero e proprio colpo di Stato, secondo J. Sapir.

Un golpe nazional-liberale manipolato
In questo contesto, il golpe propedeutico per controllare la grande regione dell’ex-Unione Sovietica ha giustificato una strategia manipolativa basata su una disinformazione continua per compattare l’opinione pubblica internazionale e, soprattutto, sostenere un processo “rivoluzionario” ispirato al modello siriano, nella sua fase iniziale. L’obiettivo era far precipitare la caduta del presidente in carica Viktor Janukovich, fornendone una legittimazione confermata dall’assegno in bianco occidentale. In ciò, il colpo di Stato nazional-liberale, ufficialmente avvenuto il 22 febbraio 2014, rientra nella logica degli scenari “colorati” degli anni 2000 costruiti dall’occidente nello spazio post-sovietico con le sue proiezioni locali ed ONG “democratiche” basate sulle potenti reti politiche delle élite oligarchiche e dei principali oppositori al potere filo-russo di turno. Al momento, tali “manifestazioni” furono interpretate dal Cremlino come segnali di un’offensiva globale volta, infine, contro la Russia e le cui premesse, via interferenza occidentale, furono osservate nelle ultime elezioni russe (presidenziali) nel marzo 2012. Secondo una certezza inquietante e nonostante l’assenza di prove reali, l’ONG Golos, finanziata dagli USA (!) accusò Putin di “massicci brogli elettorali”. L’obiettivo di Golos era fomentare il malcontento nelle piazze per creare, in ultima analisi e invano, un’effervescenza “rivoluzionaria” per destabilizzare il nuovo “zar rosso”. Con una ridondanza mediatica, continua e manipolatrice, osservata poi durante Majdan. La visione “complottista” russa è meglio riassunta da H. Carrère d’Encausse nel suo libro del 2011 “La Russia tra due mondi”. Ricorda che per Putin c’è una “vasta operazione di destabilizzazione della Russia emergente in cui Stati e organizzazioni di tutti i tipi, dall’OSCE alle varie ONG straniere, averebbero unito le forze per indebolirlo“. Derivanti dalle tecnologie politiche occidentali volte a erodere l’influenza dell’ex-superpotenza sulla periferia post-sovietica, tali “rivoluzioni colorate” hanno dimostrato una straordinaria efficienza con l’eliminazione dei leader filo-russi in Georgia, Ucraina e Kirghizistan. Così si assistette alla nascita di una nuova ideologia implicita nella democrazia liberale, usata quale leva legale per interferire nella politica interna degli Stati presi di mira. Tale leva è considerata da Putin elemento essenziale del nuovo soft power occidentale per destabilizzare i regimi ‘nemici’ e, attraverso esso, potenziale minaccia al suo potere. Stranamente, come ricorda J. M. Chauvier, quella stessa democrazia ha ignorato il ruolo critico delle correnti estremiste nazionaliste, vicine al neo-nazismo, nel successo finale del processo “rivoluzionario” di Euromaidan, precipitato dai misteriosi cecchini. Catalizzato dall’odio ideologico anti-russo e anticomunista, tale risveglio in Ucraina del pensiero ultranazionalista d’ispirazione neo-nazista è parte di una tendenza generale in Europa, giustamente osservata da A. Grachev, ultimo portavoce e consigliere del presidente dell’Unione Sovietica Mikhail Gorbaciov. Nel suo libro del 2014 “La storia della Russia è imprevedibile”, Grachev dice “l’aumento della popolarità del nazionalismo di estrema destra e neo-fascista (…) dimostra i limiti e, in ultima analisi, il fallimento del nostro sistema democratico: E’ sempre più chiaro che il meccanismo ben oliato della democrazia (…) comincia a bloccarsi“. Una constatazione amara alla base, già, della Perestrojka di Gorbaciov, che mette in discussione la vera natura della “rivoluzione” di Kiev.

Le nuove minacce rivoluzionarie “colorate”
In questo contesto geopolitico sensibile, le “rivoluzioni colorate” sono considerate le principali minacce alla stabilità dei presunti Stati democratici dell’area post-sovietica, in particolare della Russia di Putin strutturalmente presa di mira e che teme una “sceneggiatura ucraina”. L’universalizzazione della democrazia nel mondo con il soft power, o la forza se necessario, sembra essere oggi un “interesse nazionale” degli Stati Uniti e della loro funzione di regolamentazione prioritaria da unica superpotenza legittimata dalla storia. Tale postulato scientificamente (molto) dubbio fu proclamato nel 2000, con euforia condiscendente, dall’ex-segretaria di Stato di George W. Bush Condoleezza Rice, convinta della funzione messianica del suo Paese: “è compito degli USA cambiare il mondo. La costruzione di Stati democratici è ormai componente importante dei nostri interessi nazionali”, una forma di autolegittimazione neo-imperiale in nome, ovviamente, degli ideali democratici, costituendo un’ideologia globalizzatrice espansionista. Preoccupante. Di fronte tali nuove minacce “colorate” gli Stati membri delle strutture politico-militari del Collective Security Treaty Organization (CSTO) e dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) hanno deciso, su impulso della Russia, di coordinarsi per definire una comune strategia di prevenzione. L’obiettivo dichiarato è accomunare regionalmente i vari mezzi per neutralizzare tale nuova arma politica, ora privilegiata dall’occidente, e che si affida sempre più ai colpi di Stato astutamente costruiti. In altre parole, si tratta di aprire un fronte comune eurasiatico contro le future “rivoluzioni” nazional-liberali. Innegabilmente, l’imbroglio ucraino ha promosso tale consapevolezza politica e, quindi, giustifica la guida sicura della Russia nel suo campo prioritario, la Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), accelerandone l’integrazione regionale. Per Washington è un effetto perverso non programmato, un errore strategico. Tuttavia, alcuni effetti post-rivoluzionari sono disastrosi per la Russia. Un primo effetto geopolitico della “rivoluzione” di Kiev è l’estensione della sfera euro-atlantica nell’ex-URSS, perpetuando di fatto il declino russo nel suo estero vicino, considerato dalla sua dottrina strategica quale minaccia agli interessi nazionali. Un secondo effetto, più psicologico, di tale curiosa “rivoluzione” è alimentare la paura russa della progressione irresponsabile delle infrastrutture di una NATO super-armata nei pressi dei suoi confini che, in ultima analisi, solleva la questione politicamente delicata dello scudo antimissile statunitense. A causa di tale rapido aumento delle minacce, si assiste in Russia al ritorno della “sindrome da fortezza assediata” resuscitata dall’abisso ideologico della guerra fredda. Per la Russia, costretta a rispondere, la crisi ucraina lascerà un segno indelebile nella memoria strategica. e non solo, e nella sua visione dell’occidente. Da questo punto di vista, Majdan segna una rottura geopolitica radicale.

La reazione difensiva russa tramite l’asse eurasiatico
Diffusa dalla propaganda mediatica sulla “minaccia russa” e illustrata da crescenti sanzioni, la strategia anti-russa dell’asse euro-atlantico accelera il mutamento asiatico nella politica russa e favorisce l’ascesa dell’asse eurasiatico sotto la direzione sino-russa, a nuovo contrappeso geopolitico all’egemonia statunitense. Nel lungo termine, tale ostilità occidentale incoraggerà il governo russo a potenziare il proprio sviluppo, riflesso sovietico, riducendone la dipendenza estera. Nel prisma sovietico-russo, tale dipendenza è vista come debolezza politica, in quanto i potenziali avversari possono usarla come opportunità strategica: rafforzando la pressione su Mosca, isolandola sul piano commerciale attraverso un embargo selettivo su tecnologie sensibili. L’obiettivo finale dell’embargo è rallentare lo sviluppo della Russia e, attraverso ciò, il rafforzamento della potenza militare, come ai bei vecchi tempi della lotta anticomunista. Tale modello negativo è aggravato dalla caduta del rublo con consecutivo triplice impatto di sanzioni, fuga di capitali e crollo dei prezzi del petrolio manipolato da Washington, con l’obiettivo di destabilizzare Putin fomentando una recessione economica che alimenti la protesta popolare, potenzialmente “rivoluzionaria”. Tutti i colpi sono ammessi sulla Grande Scacchiera. Nella percezione strategica russa e, nella misura in cui Mosca viene stigmatizzata come “nemica dell’occidente” erede dell’asse del male, la crisi ucraina mostra ancora uno spirito da guerra fredda. In realtà, tale guerra latente continua, nonostante la breve luna di miele USA-Russia osservata dopo la tragedia dell’11 settembre 2001. Dopo la mano tesa di Putin a Bush e la disponibilità a collaborare nella lotta al terrorismo. L’atteggiamento minaccioso e provocatorio dell’occidente nella gestione di tale crisi, è divenuta rapidamente una diatriba anti-Putin, portando alla rinascita politica della NATO, legittimandone l’estensione e infine costringendo Mosca a cambiare linea strategica. Sottoprodotto geopolitico di Euromajdan.

Dopo la provocazione della NATO, il reindirizzo dottrinale russo
Con la voce del capo della diplomazia Sergej Lavrov, la Russia ha reagito con forza e condannato tale errore increscioso, il 27 settembre 2014: “Considero un errore l’allargamento dell’alleanza. Ed è anche una sfida (…)“. Pertanto, reagendo a tali “nuove minacce”, l’amministrazione russa ha programmato un radicale inasprimento della propria dottrina militare in senso più antioccidentale, in ciò che Mosca ha chiamato “risposta giusta”. Per attuare tale reindirizzo dottrinale, “(…) La Russia ha bisogno di potenti forze armate in grado di affrontare le sfide di oggi“, e un incremento assai significativo (un terzo) delle spese militari russe è in programma nel 2015, secondo la finanziaria. De facto, l’idea di un riequilibrio geo-strategico si gioca nel cuore del conflitto ucraino e, per estensione, nel cuore dell’Eurasia post-comunista. Con risultato finale, l’emergere di un conflitto congelato potenzialmente destabilizzante per la regione. Alla fine, nel quadro della crisi in Ucraina e nonostante gli accordi di Minsk del 5 settembre, l’esacerbazione della contrapposizione Stati Uniti e Russia alimenta una rinnovata forma di guerra fredda, la guerra tiepida incentrata sulla rinascita della polarizzazione ideologica. Oramai ciò nutre il contagio globale delle “rivoluzioni” nazional-liberali eterodirette dalla coscienza democratica indottrinata degli USA, per conto della loro legittimità storica radicata nella vittoria finale sul comunismo. Nel suo discorso annuale, molto aggressivo, del 4 dicembre 2014, al parlamento russo, Putin ha denunciato tale pericolosa deriva la cui conseguenza inquietante è l’accelerazione della nascita dell’ideologia neonazista nello spazio post-sovietico, anche in Ucraina. Il 29 gennaio 2015, Mikhail Gorbaciov ha riconosciuto che l’irresponsabilità della strategia degli Stati Uniti ha portato la Russia nella “nuova guerra fredda”. Confessione terribile. Le implicazioni strategiche della falsa rivoluzione di Majdan sono una vera bomba geopolitica a scoppio ritardato.

1782111Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’età d’oro delle operazioni nere: le forze speciali degli USA sono presenti in 150 nazioni

Tyler Durden, Zerohedge 2/2/2015

jsoc-sub-commands
USSpecOpsCmdDUI[1]Il seguente articolo è ciò che volevo evidenziare da oltre una settimana, ma le notizie erano così travolgenti che semplicemente non ne ho avuto la possibilità, finora. Avendo spese molto tempo a cercare di capire il mondo, mi stupisco sempre di ciò che leggo. Mentre i lettori abituali di questo sito sono ben consapevoli di come aggressivo e irresponsabile sia l’impero USA, distribuendo risorse militari all’estero, credo che parte delle seguenti informazioni, li renderanno ancora più inquieti.
Dall’articolo di Nick Turse sull’Huffington Post: The Golden Age of Black Ops:
Durante l’anno fiscale che si è concluso il 30 settembre 2014, le forze delle operazioni speciali (SOF) statunitensi erano presenti in 133 Paesi, circa il 70% delle nazioni del pianeta. Secondo il tenente-colonnello Robert Bockholt, ufficiale delle relazioni pubbliche del Comando Operazioni Speciali (SOCOM). Nell’arco di tre anni le forze d’élite del Paese erano attive in più di 150 Paesi nel mondo conducendo missioni che vanno dai raid notturni alle esercitazioni. E quest’anno potrebbe essere record. Solo un giorno prima del raid fallito che pose fine alla vita di Luke Somers, solo 66 giorni dall’inizio dell’anno fiscale 2015, le truppe d’élite statunitensi avevano già messo piede in 105 nazioni, circa l’80% del totale nel 2014. Nonostante dimensioni e scopi, tale guerra segreta globale in gran parte del pianeta è ignota alla maggior parte degli statunitensi. A differenza della debacle di dicembre nello Yemen, la stragrande maggioranza delle Special Ops rimane completamente nell’ombra, nascosta al controllo esterno. In realtà, a parte modeste informazioni divulgate attraverso fonti altamente selezionate dai militari, fughe ufficiali della Casa Bianca, SEALs con qualcosa da vendere e qualche primizia raccolta da giornalisti fortunati, le operazioni speciali statunitensi sono mai sottoposte a un esame significativo, aumentando le probabilità di ripercussioni impreviste e conseguenze catastrofiche. “Il comando è allo zenit assoluto. Ed è davvero un periodo d’oro per le operazioni speciali“. Queste sono le parole del generale Joseph Votel III, laureato a West Point e Army Ranger, quando assunse il comando della SOCOM lo scorso agosto. E non credo che sia la fine, anzi. Come risultato della spinta di McRaven a creare “una rete globale interagenzie di alleati e partner delle SOF“, ufficiali di collegamento delle Operazioni Speciali, o SOLO, sono ora incorporati nelle 14 principali ambasciate degli USA per aiutare a consigliare le forze speciali di varie nazioni alleate. Già operano in Australia, Brasile, Canada, Colombia, El Salvador, Francia, Israele, Italia, Giordania, Kenya, Polonia, Perù, Turchia e Regno Unito, e il programma SOLO è pronto, secondo Votel, ad espandersi in 40 Paesi entro il 2019. Il comando, e soprattutto il JSOC, ha anche forgiato stretti legami con Central Intelligence Agency, Federal Bureau of Investigation e National Security Agency, tra gli altri. La portata globale del Comando Operazioni Speciali si estende anche oltre, con più piccoli ed più agili elementi che operano nell’ombra, dalle basi negli Stati Uniti alle regioni remote del sud est asiatico, dal Medio Oriente agli austeri avamposti nei campi africani. Dal 2002, SOCOM è stato anche autorizzato a creare proprie task force congiunte, una prerogativa normalmente limitata ai comandi combattenti più grandi come CENTCOM. Si prenda ad esempio la Joint Special Operations Task Force-Filippine (JSOTF-P) che, al suo apice, aveva circa 600 effettivi statunitensi a sostegno delle operazioni di controterrorismo dagli alleati filippini contro gruppi di insorti come Abu Sayyaf. Dopo più di un decennio trascorso combattendo quel gruppo, i numeri sono diminuiti, ma continua ad essere attivo mentre la violenza nella regione rimane praticamente inalterata.
L’Africa è, infatti, diventato un luogo importante per le oscure missioni segrete degli operatori speciali statunitensi. “Questa particolare unità ha fatto cose impressionanti. Che si trattasse di Europa o Africa, assumendovi una serie di contingenze, avete tutti contribuito in modo assai significativo“, aveva detto il comandante del SOCOM, generale Votel, ai membri del 352.mo Gruppo Operazioni Speciali presso la loro base in Inghilterra, lo scorso autunno. Un’operazione di addestramento clandestina delle Special Ops in Libia implose quando milizie o “terroristi” fecero irruzione due volte nella base sorvegliata dai militari libici, e saccheggiarono grandi quantità di apparecchiature avanzate e centinaia di armi, tra cui pistole Glock e fucili M4 statunitensi, così come dispositivi di visione notturna e laser speciali che possono essere visti solo da tali apparecchiature. Di conseguenza, la missione fu abbandonata assieme alla base, che fu poi rilevata da una milizia. Nel febbraio dello scorso anno, le truppe d’élite si recarono in Niger per tre settimane di esercitazioni militari nell’ambito di Flintlock 2014, una manovra antiterrorismo annuale che riuniva le forze di Niger, Canada, Ciad, Francia, Mauritania, Paesi Bassi, Nigeria, Senegal, Regno Unito e Burkina Faso. Diversi mesi dopo, un ufficiale del Burkina Faso, addestratosi all’antiterrorismo negli Stati Uniti nell’ambito del Joint Special Operations presso l’Università del SOCOM nel 2012, prese il potere con un colpo di Stato. Le operazioni delle forze speciali, invece, continuano. Alla fine dello scorso anno, per esempio, nell’ambito del SOC FWD dell’Africa occidentale, i membri del 5° battaglione del 19.mo Gruppo Forze Speciali collaboravano con le truppe d’élite marocchine per l’addestramento in una base presso Marrakesh. Lo schieramento in nazioni africane, però, avviene entro la rapida crescita delle operazione all’estero del Comando delle Operazioni Speciali. Negli ultimi giorni della presidenza Bush, sotto l’allora capo del SOCOM, ammiraglio Eric Olson, le forze speciali sarebbero state dispiegate in circa 60 Paesi. Nel 2010 in 75, secondo Karen DeYoung e Greg Jaffe del Washington Post. Nel 2011, il portavoce del SOCOM, colonnello Tim Nye, disse a TomDispatch che il totale sarebbe stato 120 Paesi entro la fine dell’anno. Con l’ammiraglio William McRaven, in carica nel 2013, l’allora maggiore Robert Bockholt disse a TomDispatch che il numero era salito a 134 Paesi. Sotto il comando di McRaven e Votel nel 2014, secondo Bockholt, il totale si ridusse leggermente a 133 Paesi. Il segretario alla Difesa Chuck Hagel aveva osservato, tuttavia, che sotto il comando di McRaven, dall’agosto 2011 all’agosto 2014, le forze speciali erano presenti in più di 150 Paesi. “In effetti, SOCOM e tutti i militari degli Stati Uniti sono più che mai impegnati a livello internazionale, in sempre più luoghi e in una sempre più ampia varietà di missioni“, ha detto in un discorso nell’agosto 2014.
us_spec_ops-m Il SOCOM ha rifiutato di commentare la natura delle missioni o i vantaggi dell’operare in tante nazioni. Il comando non farà neanche il nome di un solo Paese in cui le forze delle operazioni speciali USA sono state dispiegate negli ultimi tre anni. Uno sguardo ad alcune operazioni, esercitazioni ed attività rese pubbliche, però, dipinge un quadro di un comando in costante ricerca di alleanze in ogni angolo del pianeta. A settembre, circa 1200 specialisti e personale di supporto statunitensi si unirono alle truppe d’élite di Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Finlandia, Gran Bretagna, Lituania, Norvegia, Polonia, Svezia, Slovenia nell’esercitazione Jackal Stone, dedicata a tutto, dai combattimenti ravvicinati alle tattiche da cecchino, dalle piccole operazioni su imbarcazione a missioni di salvataggio degli ostaggi. Per i capi delle Black Ops degli USA, il mondo è tanto instabile quanto interconnesso. “Vi garantisco che ciò che succede in America Latina influisce su ciò che accade in Africa occidentale, ciò che interessa l’Europa meridionale riguarda ciò che accade nel sud-ovest asiatico“, ha detto l’anno scorso McRaven a Geolnt, un incontro annuale dei dirigenti dell’industria spionistica con i militari. La loro soluzione all’instabilità interconnessa? Più missioni in più nazioni, in più di tre quarti dei Paesi del mondo, sotto il mandato di McRaven. E la scena sembra destinata ad ulteriori operazioni simili in futuro. “Vogliamo essere ovunque“, ha detto Votel a Geolnt. Le sue forze sono già sulla buona strada nel 2015. “La nostra nazione ha aspettative molto alte dalle SOF“, ha detto agli operatori speciali in Inghilterra lo scorso autunno. “Si rivolgono a noi per missioni molto dure in condizioni molto difficili“. Natura e sorte della maggior parte di quelle “missioni dure” tuttavia, rimangono ignote agli statunitensi. E Votel a quanto pare non è interessato a far luce. “Mi dispiace, ma no“, fu la risposta di SOCOM alla richiesta di TomDispatch per un colloquio con il capo delle operazioni speciali sulle operazioni, in corso e future. In realtà, il comando rifiutò di mettere qualsiasi personale a disposizione per una discussione di ciò che fa in nome degli USA e con i dollari dei contribuenti. Non è difficile indovinarne il motivo. Attraverso una combinazione abile di spavalderia e segretezza, fughe ben piazzate, abili marketing e pubbliche relazioni, coltivazione della mistica del superman (con un ciuffo dalla torturata fragilità di lato) e di estremamente popolari e pubbliciazzatti assassinii mirati, le forze speciali sono diventate le beniamine della cultura popolare statunitense, mentre il comando continua a vincere a Washington il pugilato sul bilancio. Ciò è particolarmente evidenziato da ciò che realmente accade sul campo: in Africa, armamento ed equipaggiamento di militanti e addestramento di un golpista; in Iraq, le forze d’elite statunitensi implicate in torture, distruzione di case, uccisione e ferimento di innocenti; in Afghanistan stessa storia, con ripetute segnalazioni di civili uccisi; mentre in Yemen Pakistan, e Somalia è lo stesso. E questo è solo una minima parte degli errori delle Special Ops. Quindi non solo il pubblico statunitense non ha idea di cosa succeda, ma ciò spesso finisce in un disastro. Vedasi più sotto.
Dopo più di un decennio di guerre segrete, sorveglianza di massa, un numero imprecisato di incursioni notturne, detenzioni ed omicidi, per non parlare di miliardi su miliardi di dollari spesi, i risultati parlano da soli. Il SOCOM ha più che raddoppiato le dimensioni e il segreto JSOC sarebbe grande quasi quanto il SOCOM nel 2001. Dal settembre di quell’anno, 36 nuovi gruppi terroristici sono nati, tra cui divesre succursali, propaggini e alleati di al-Qaida. Oggi, tali gruppi ancora operano in Afghanistan e Pakistan, dove ora ci sono 11 riconosciuti affiliati di al-Qaida, e cinque nella prima, così come in Mali, Tunisia, Libia, Marocco, Nigeria, Somalia, Libano e Yemen, tra gli altri Paesi. Un ramo è nato con l’invasione dell’Iraq, alimentato da un campo di prigionia statunitense, ed ora noto come Stato islamico che controlla una larga parte del Paese e della vicina Siria, un proto-califfato nel cuore del Medio Oriente che i jihadisti, nel 2001, potevano solo sognarsi. Quel gruppo, da solo, ha una forza stimata di circa 30000 armati che sono riusciti a conquistare grandi territori ed anche la seconda dell’Iraq, pur essendo incessantemente colpiti fin dall’inzio dal JSOC. “Dobbiamo continuare a sincronizzare il dispiegamento delle SOF in tutto il mondo“, dice Votel. “Dobbiamo tutti sincronizzarci, coordinarci e preparare il comando“. Ad essere fuori sincrono è il popolo statunietnse, costantemente tenuto all’oscuro di ciò che gli operatori speciali statunitensi fanno e dove lo fanno, senza citare i fallimenti e le conseguenze che hanno prodotto. Ma se la storia insegna, i blackout sulle Black Ops contribuiranno a garantire che continui ad esserci l'”età d’oro” dell’US Special Operations Command.
Ripetete dopo di me: USA! USA!

Gen. Joseph L. Votel

Gen. Joseph L. Votel

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rinascerà l’oasi neo-socialista nell’Arabia del Sud?

Wayne Madsen Strategic Culture Foundation 10/11/2014121205_luke_somers02Il nuovo governo dello Yemen include, per la prima volta, i membri del movimento secessionista del Sud yemenita al-Hiraq. Il governo yemenita, che includeva membri dei guerriglieri sciiti Huthi del nord dello Yemen, fin quando si sono ritirati per protesta, può aprire la strada al ripristino dell’indipendenza della ex-Repubblica democratica popolare dello Yemen (PDRY) o, come era nota, Yemen del Sud. Conosciuto anche come “Yemen Democratico”, il PDRY vide l’indipendenza abrogata dopo la sanguinosa guerra contro lo Yemen del Nord del 1994. L’accordo del 1990 sull’unificazione tra Nord e Sud dello Yemen fu rotto dopo che i capi del nord cominciarono a trattare lo Yemen del Sud da Stato vassallo occupato. Dopo il fallito tentativo del Sud di ripristinare l’indipendenza, le truppe nordyemenite marciarono su Aden il 7 luglio 1994 come un esercito d’occupazione. Durante la guerra civile, l’amministrazione Clinton fornì intelligence satellitari e radio della National Security Agency alle forze del Nord. Di fronte alla sconfitta, i leader del Sud andarono in esilio in Oman e Arabia Saudita. Tuttavia, con il crollo del precedente governo corrotto della capitale del nord, Sanaa, i leader politici dello Yemen del sud tornarono e mostrarono i muscoli politici nella capitale meridionale Aden. Il nuovo presidente dello Yemen, Abdrabu Mansur Hadi, un sudyemenita, era pressato da ogni lato per nominare il governo di unità nazionale guidato dal Primo ministro Qalid Bahah, ex-ambasciatore yemenita alle Nazioni Unite, anch’egli del sud. Bahah ha avuto l’incarico di formare il governo dopo che i ribelli huthi, che si ritiene siano sostenuti dal deposto presidente Ali Abdullah Salah, assaltarono la capitale Sana dalle roccaforti del nord e paralizzarono il governo centrale finché non cedette alle loro richieste. Le forze di al-Hiraq avvertirono gli Huthis dall’entrare ad Aden o altre città dello Yemen del Sud. L’ex-vicepresidente in esilio del PDRY, Abdul Rahman al-Jifiri, è recentemente tornato dall’Arabia Saudita con un fragoroso benvenuto ad Aden. Jifiri ha avvertito il governo di Sanaa, gli huthi e gli statunitensi dall’interferire: “Abbiamo una domanda chiara, creare uno Stato federale, sovrano e democratico nel Sud”. Jifiri inoltre avvertiva gli huthi: “Il sud non è un pezzetto di terra che può essere inghiottito facilmente. Eserciteremo il nostro diritto all’auto-difesa, se gli huthi ci attaccano”.
Il governo di unità nazionale e il potere politico ottenuti dei ribelli huthi e dai separatisti di al-Hiraq, questi assumendo il controllo dell’importante ministero del Petrolio nel governo di unità nazionale yemenita, segna la fine del piano elaborato dall’ex-ambasciatore statunitense nello Yemen, Gerald Feierstein. Il cosiddetto “piano Feierstein” avrebbe diviso lo Yemen in sei province controllate dal centro e ignorato i desideri degli sciiti huthi e dei secolari separatisti del sud. Il piano Feierstein non era altro che un espediente sionista e neoconservatore per mantenere lo Yemen sotto il giogo occidentale. Il piano fu elaborato da Feierstein e dai suo cospiratori filo-israeliani e anti-sciiti del dipartimento di Stato di Washington e dei think tank finanziati da Israele come l’Istituto di Washington per la politica del Vicino Oriente (WINEP) e l’Istituto ebraico per la sicurezza nazionale (JINSA). Gli Stati Uniti e gli appassionati dello status quo del dipartimento di Stato hanno scelto di trasformare in “al-Qaida” il fronte indipendentista del sud dello Yemen, composto da socialisti dell’ex-Yemen democratico indipendente e sostenitori degli ex-reami di Quaiti, Qathiri e Mahra nell’Hadhramaut. Il dipartimento di Stato conta sul fatto che la storia dell’Arabia meridionale sia ignota alla maggioranza degli statunitensi e pertanto può essere alterata da astuti specialisti in disinformazione. Gli ex-nemici nella guerra d’indipendenza del Yemen del Sud dalla Gran Bretagna, i socialisti e monarchici sudarabi, si sono alleati contro i nemici comuni: l’ex-governo centrale di Sanaa, i suoi finanziatori statunitensi e al-Qaida nella penisola arabica (AQAP). I monarchici arabi del sud furono sconfitti nel 1967, durante il doppio gioco inglese sui sultani aderenti alla Federazione del Sud Arabia ideata dagli inglesi, un agglomerato di emirati, sultanati e sceiccati del Sud Arabia sotto protettorato occidentale, noto brevemente come Sultanati Arabi Uniti (UAS) similmente agli Stati della Tregua già controllati dagli inglesi che formano gli Emirati Arabi Uniti (UAE) nel Golfo Persico. Ma l’UAS non divenne indipendente come gli Emirati Arabi Uniti; gli inglesi, desiderosi di evacuare le loro basi e colonie ad est del Canale di Suez, cedettero il Sud Arabia al Fronte di Liberazione Nazionale (FLN) marxista dello Yemen del Sud. Nel 2012, i vecchi dirigenti del FLN e i realisti dello Yemen del Sud si unirono per combattere per l’indipendenza dello Yemen del Sud, e alcuni leader dell’indipendenza neanche usano il nome “Yemen”, ma si riferiscono alla nazione com’era conosciuta prima del 1967: “Sud Arabia”. Dimostranti pro-indipendenza dispiegarono per le strade di Aden, Muqala e altre città dello Yemen del Sud, la bandiera blu-nero-bianco-rossa dell’ex-Yemen del Sud.
index Per Washington, il ripristino dell’indipendenza del Sud non è un’opzione. I propagandisti della CIA hanno falsamente etichettato gli attacchi dei droni contro obiettivi nel Sud come operazioni contro “al-Qaida”. La macchina della disinformazione della CIA ha anche cercato di collegare falsamente i combattenti per l’indipendenza dello Yemen del Sud ad al-Qaida. Inoltre, i burocrati della propaganda della lobby israeliana, lavorando in tandem con gli interlocutori della “società civile” finanziati da George Soros, sono entrati nella lotta contro il movimento separatista del sud o “Hiraq” accusandolo di ricevere il sostegno dell’Iran. Le accuse del coinvolgimento iraniano con l’Hiraq sono pura propaganda degli iniziati israelo-neocon. L’Arabia Saudita sembra fare il doppio gioco nello Yemen del Sud o Sud Arabia. L’ultimo sultano di Quaiti, Ghalib II, s’è unito all’Hiraq chiedendo il ritorno del Sud Arabia alla piena sovranità. Ghalib risiede a Gedda, in Arabia Saudita. Anche il sultanato di Qathiri dell’Hadhramaut avanza la pretesa all’indipendenza del Sud Arabia. La famiglia reale Abdali dell’ex-sultanato di Lahaj, che un tempo governava Aden, s’è unita all’Hiraq e al sultano di Quaiti. La Tribù di Lahaj, presso Aden, è ancora fedele all’ultimo sultano, noto per le sue posizioni anticolonialiste e per irritare i governatori inglesi di Aden, che lo sospettavano in contatto con Gamal Abdel Nasser. Il colonialismo inglese è stato sostituito dal neocolonialismo statunitense, imposto da droni armati e con il consenso del governo di Sanaa che opera agli ordini di Washington. Dopo la consegna inglese del Sud Arabia all’FLN, molti governanti sudarabi fuggirono in Arabia Saudita, ma i loro appelli, come quello dello Stato Quaiti alle Nazioni Unite, rimasero inascoltati. L’Arabia Saudita sostenne segretamente il Sud durante la guerra civile del 1994 e sostenne i meridionali, in particolare i monarchici che hanno sempre considerato i sauditi loro protettori, nelle recenti battaglie con il Nord. Il problema per Hiraq, Ghalib e il Sud è che quando la Gran Bretagna consegnò il Sud Arabia al nuovo quadro normativo, il sultnanato Mahra di Qishn nell’Hadhramaut, nel protettorato del Sud Arabia, controllava l’isola strategica di Socotra. Gli Stati Uniti hanno a lungo agognato l’isola per usarla come grande base dell’intelligence statunitense. Washington ha creduto a lungo che un accordo sui diritti sarebbe stato possibile con gli yemeniti del Nord, a Sanaa, piuttosto che con un governo indipendente ad Aden o un governo regionale restaurato sotto il sultano di Qishn. I beduini dell’ex-Stato di Mahra hanno proclamato Abdullah bin Isa bin Afran, figlio dell’ex-sultano, sultano di Mahra e Socotra indipendenti. Il governo di Sanaa e i neocon di Washington non vogliono la rinascita dei sultanati che potrebbero ostacolare i piani militari statunitensi nello Yemen.
L’US Navy ambisce anche ai diritti logistici ad Aden, nonostante l’attacco all’USS Cole nel 2000 nel porto di Aden. Il gioco statunitense nel Sud Arabia si può riassumere in quattro parole: basi, petrolio, Israele e logistica (BOIL). Come per altre regioni mediorientali e nordafricane, dalla Siria alla Libia e dal Mali al nord dell’Iraq, il BOIL degli USA diventa un cancro. Tuttavia, la rinascita di una repubblica indipendente, neo-socialista e laica nello Yemen del Sud con capitale Aden, può invertire la radicalizzazione islamista del Medio Oriente istigata dai sotterfugi di Israele, Turchia, Qatar, USA e altri.

2000px-South_Yemen_in_its_region.svgLa ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 522 follower