La Cina si prepara al Pivot in Medio Oriente

Peter Korzun Strategic Culture Foundation 17/01/2016134669117_14434827447911nLa prima visita ufficiale del presidente cinese Xi Jinping la prossima settimana in Medio Oriente è un segnale della volontà di Pechino di essere un attore importante nel Medio Oriente. Sullo sfondo di estremamente intensi contatti internazionali dall’assunzione della presidenza nel marzo 2013, il primo tour di Xi Jinping in Medio Oriente, il 19 – 23 gennaio, comprenderà Arabia Saudita, Egitto e Iran. Il leader cinese ha scelto il Medio Oriente come prima destinazione estera del 2016, generalmente indicando la Cina concentrarsi su una particolare regione o Paese. I preparativi per la visita sono iniziati un anno prima dello scontro Arabia Saudita-Iran, e molte cose sono successe da allora. I colloqui sul nucleare iraniano hanno portato a un accordo, la Russia ha lanciato le operazioni militari in Siria e la situazione di stallo tra sunniti e sciiti si è aggravata. Fino a poco prima, la politica in Medio Oriente della Cina si riduceva prevalentemente all’acquisto di petrolio in cambio di investimenti. Senza una presenza militare e coinvolgimento militare diretto, Pechino è diventato il maggiore consumatore di idrocarburi. Ma il programma della prima visita del leader cinese dall’inizio delle agitazioni regionali va ben oltre la sicurezza energetica. Ora Pechino viene ampiamente coinvolta nella regione. La cooperazione economica, la crisi dei rifugiati e, in particolare, il terrorismo sono i primi temi all’ordine del giorno del viaggio. Poco prima del viaggio del Presidente Xi, la Cina ha pubblicato il documento sulla politica araba, ribadendo l’importanza strategica che Pechino attribuisce alla regione. Afferma che la Cina s’impegna a consolidare e approfondire l’amicizia tradizionale tra Cina e arabi. Il coinvolgimento della Cina negli affari del Medio Oriente è un fattore per influenzare significativamente gli eventi. Senza avere alcun Paese particolare come alleato, Pechino cerca di creare un favorevole clima geopolitico, e questo è positivo. “Se può fare la differenza in Medio Oriente, verrà considerato un grande Paese. La Cina deve affrontare restrizioni in Medio Oriente, ma è pronta a svolgere il suo ruolo”, ha detto Li Shaoxian, Vicepresidente dell’Istituto di relazioni internazionali contemporanee, un think tank governativo.
La visita di Xi Jinping in Egitto è prevista per il 20-22 gennaio, la prima visita di un leader cinese in 12 anni. Durante la visita del presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi in Cina, alla fine del 2014, le due parti aggiornarono il loro rapporto in “partenariato strategico globale”. Gli accordi della visita, tra cui un progetto elettrico ferroviario e la costruzione di una nuova centrale elettrica a Suez, furono finalizzati quando il presidente egiziano presenziò alla parata militare per commemorare il 70° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale. L’Egitto ha anche indicato che cercherà investimenti e la partecipazione cinese al progetto del Nuovo Canale di Suez. L’Egitto è vicino all’Arabia Saudita, ma non è parte della coalizione anti-Iran. Il presidente egiziano Abdalfatah Said Husayn Qalil al-Sisi è andato a Mosca e Pechino per partecipare ai V-Day. Il commercio tra Cina ed Europa attraversa il Canale di Suez egiziano. L’Iran è un caso speciale. Una visita in Iran era prevista da un anno. Xi Jinping sarà il primo leader cinese a visitare l’Iran da quando il Presidente Jiang Zemin vi effettuò una visita di Stato nel 2002. Comprando petrolio dall’Iran, la Cina fornisce armi, investimenti e tecnologia. Pechino partecipa alla costruzione del gasdotto Iran-Pakistan di 2775 km di lunghezza, noto anche come gasdotto della pace, per rifornire di gas il Pakistan. Per l’Iran, la Cina è una fonte di investimenti cruciali, consumatrice affidabile e Paese di grande importanza geopolitica. Con le sanzioni che si prevede di togliere presto, l’Iran ha la prospettiva di una maggiore cooperazione con Cina e Russia, Paesi con interessi simili in Iran. Teheran ha il desiderio di aderire alla Shanghai Cooperation Organization (SCO) e fare parte dell’alleanza politica ed economica guidata da Russia e Cina. Con le sanzioni revocate, l’Iran può essere invitato a far parte della SCO questa estate, divenendone membro a pieno titolo dopo un anno. Lo stesso vertice dovrebbe permettere la piena adesione di India e Pakistan, creando così l’asse Mosca-Pechino-Delhi. Il tour includerà il primo vertice Cina-Arabia Saudita dal 2009, da quando Cina e Arabia Saudita allacciarono relazioni diplomatiche nel 1990. Tuttavia, da allora i legami si sono ampliati rapidamente dato che la dipendenza della Cina dal petrolio estero è cresciuta. Nell’autunno 2013 la Cina ha superato gli Stati Uniti ufficialmente come maggiore importatore netto di petrolio. In particolare, la Cina dovrebbe diventare presto il primo importatore di petrolio dall’OPEC, con conseguente maggior affidamento sulle nazioni dell’OPEC, tra cui l’Arabia Saudita. Mentre la cooperazione energetica rimane un baluardo delle relazioni Cina-Arabia Saudita, è chiaro che i due Paesi cercano di espandere i rapporti. I legami storici dell’Arabia Saudita con gli Stati Uniti si sono sfilacciati negli ultimi anni, in parte per la risposta degli Stati Uniti alla primavera araba e per il risultato dell’accordo nucleare con l’Iran, a cui il Regno si opponeva. La maggiore cooperazione Cina-Arabia Saudita ha senso per Pechino e Riyadh. Mentre la dipendenza della Cina dal petrolio straniero cresce, Pechino dovrà garantire buoni rapporti con i potenti Paesi produttori di petrolio del Medio Oriente. L’Arabia Saudita è il più importante di essi. Inoltre, un buon rapporto con Riyadh permetterebbe alla Cina non solo di garantire le importazioni di petrolio di Riyadh, ma di creare una partnership volta a “stabilizzare” la regione, permettendo idealmente a tutto il petrolio del Medio Oriente di fluire senza intoppi. Recentemente Riyadh ha compiuto numerose azioni per bilanciare la politica estera, evitando un eccessivo affidamento sul sostegno dagli Stati Uniti.
La Cina affianca la Russia sulle principali questioni del Medio Oriente, compreso il sostegno al governo di Bashar Assad in Siria. Se la pace sarà mai ripristinata, gli investimenti cinesi e russi giocheranno un ruolo importante nel recuperare il Paese. Iran, Russia e Cina sono nella stessa barca sull’Afghanistan. Pechino sa che il sogno della Nuova Via della Seta non potrà mai avverarsi senza una stabile Asia centrale e il Pakistan. Per Russia e Iran, la stabilità nella regione è questione di importanza vitale trovandosi ad affrontare ostilità in prossimità delle proprie frontiere. Il consenso tra Russia e Cina sembra consentire la ricerca di un ulteriore coordinamento delle azioni in Medio Oriente. Tale consenso comprende Siria, Iran, opposizione alla strategia del “cambio di regime” e delle “rivoluzioni colorate”. Mosca e Pechino hanno interesse comune nella lotta a terrorismo, estremismo e separatismo. Gli estremisti musulmani in Russia e regione autonoma del Xinjiang cinese ingrossano le fila dello Stato islamico e rappresentano una vera e propria minaccia in caso tornassero a casa. Russia e Cina sono i denominatori comuni nel mondo contemporaneo. Entrambe sono attrici importanti nel processo di pace siriano. Il recente ritorno della Russia in Medio Oriente e l’emergere della Cina come attivo attore in Medio Oriente, sono un contrappeso all’influenza degli Stati Uniti nella regione. Coordinandosi, entrambi i Paesi possano colmare il vuoto lasciato dal recente fallimento della politica statunitense in Medio Oriente e dare un contributo significativo nell’allontanare la regione dal baratro del caos e dei conflitti permanenti.2014122410330567335Le relazioni della Cina con Medio Oriente e Paesi Arabi: Presidente Xi Jinping
Quotidiano del Popolo, Global Research, 18 gennaio 2016iranchinaIl presidente cinese Xi Jinping visiterà Arabia Saudita, Egitto e Iran il 19-23 gennaio. Xi ha fatto una serie di osservazioni importanti sul rapporto tra Cina e Medio Oriente e Paesi arabi, di grande importanza nel promuovere il processo di pace in Medio Oriente e far avanzare le relazioni della Cina con questi Paesi.

1. Tutte le nazioni in Medio Oriente hanno uguale diritto a vita e sviluppo.
Il Medio Oriente è assediato dalla guerra e da disordini sociali, ormai. Pace, stabilità e sviluppo sono aspirazioni comuni dei Paesi del Medio Oriente. Risolvere le controversie con mezzi politici è una scelta strategica nell’interesse di tutte le parti. Tutte le nazioni in Medio Oriente, incluso Israele, hanno ugualmente diritto a vita e sviluppo. Solo quando i legittimi diritti di tutti i Paesi sono garantiti, e tutti i Paesi rispetteranno le reciproche preoccupazioni, ci potrà essere pace duratura e stabilità nella regione. Ha detto Xi incontrando il Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Pechino, il 9 maggio 2013.

2. La Cina sostiene un Golfo denuclearizzato.
La regione del Golfo e la situazione in Medio Oriente hanno influenza globale e tutti i membri hanno responsabilità regionali sulla salvaguardia di sicurezza e stabilità del Golfo. La Cina ha sempre sostenuto la giusta causa del popolo palestinese e continuerà ad agevolare i colloqui di pace. La Cina sostiene un Golfo denuclearizzato e continuerà a promuovere a lungo termine, la soluzione completa e adeguata alla questione nucleare iraniana. Aveva detto Xi incontrando il principe ereditario saudita Salman bin Abdulaziz al-Saud, vicepremier e ministro della difesa, a Pechino il 13 marzo 2014.

3. La Cina e gli Stati arabi devono portare avanti lo spirito della Via della Seta.
Per migliaia di anni, la Via della Seta portava lo spirito di pace e cooperazione, di apertura e inclusività, imparando gli uni dagli altri i vantaggi e risultati reciproci, trasmessi di generazione in generazione. I popoli della Cina e del mondo arabo si sostengono a vicenda nella battaglia a difesa della dignità e della sovranità nazionali, si aiutano a vicenda per ringiovanire le nazioni, imparano gli uni dagli altri approfondendo gli scambi culturali e promuovendo la prosperità delle culture nazionali. Portare avanti lo spirito della Seta agevolando la comprensione reciproca tra le civiltà. Portare avanti lo spirito della Via della Seta aderendo a una cooperazione vantaggiosa per tutti. Portare avanti lo spirito della Via della Seta sostenendo il dialogo e la pace. Aveva detto Xi all’apertura della sesta Conferenza ministeriale del Forum di cooperazione degli Stati arabi-Cina a Pechino il 5 giugno 2014.

4. Cina e Stati arabi dovrebbero compiere sforzi congiunti nella costruzione della Cintura economica della Via della Seta e della Via della Seta marittima del 21° secolo.
La Cina e gli Stati arabi riconoscono e sono amici attraverso la Via della Seta, che li rende partner naturali nella costruzione della Cintura economica Via della Seta e della Via della Seta Marittima del 21° secolo. Nella costruzione della “One Belt and One Road”, Cina e Stati arabi devono rispettare il principio della costruzione congiunta attraverso la consultazione per soddisfare gli interessi di tutti. Cina e Stati arabi devono essere al tempo stesso ambiziosi e con i piedi per terra. Cina e Stati arabi devono poter contare su e promuovere la loro tradizionale amicizia. Aveva detto Xi alla cerimonia di apertura della sesta Conferenza ministeriale del Forum di cooperazione Cina- Stati arabi a Pechino, il 5 giugno 2014.

5. La Cina si oppone a qualsiasi discriminazione e pregiudizio di uno specifico gruppo etnico o religioso.
Alcuna civiltà umana è superiore alle altre. Pari scambi rendono la civiltà umana ricca e colorata, proprio come l’abbinamento di colori diversi porta a maggiore bellezza e la combinazione di strumenti musicali differenti crea armonia e pace. La Cina sostiene fermamente i Paesi arabi nel mantenere proprie culture e tradizioni nazionali, e si oppone a qualsiasi discriminazione e pregiudizio verso uno specifico gruppo etnico o religioso. Dobbiamo fare sforzi congiunti nel chiedere civiltà e tolleranza, impedendo a forze e pensieri estremisti di creare una frattura tra civiltà diverse. Aveva detto Xi alla cerimonia di apertura della sesta Conferenza ministeriale del Forum di cooperazione Cina-Stati arabi a Pechino, il 5 giugno 2014.

6. La Cina insiste sulle “quattro aderenze”.
La Cina apprezza i rapporti con gli Stati arabi e ha sempre considerato le relazioni Cina-Stati arabi da una prospettiva strategica di lungo periodo. Presso i nostri amici arabi, insistiamo sulle “quattro aderenze”. La prima è l’adesione al sostegno ai processi di pace in Medio Oriente e alla tutela dei diritti e legittimi interessi dei popoli arabi. La seconda è l’adesione all’agevolazione della soluzione politica e promozione di pace e stabilità nella regione. La terza è l’adesione all’idea di sostenere i Paesi arabi nell’esplorare il modello di sviluppo indipendente ed aiutarli. La quarta è l’adesione al valori perseguiti promuovendo il dialogo tra le civiltà e sostenendo un nuovo ordine civile. Siamo disposti a camminare mano nella mano con i Paesi arabi sulla via della rispettiva rivitalizzazione nazionale. Aveva detto Xi incontrando i capi delle delegazioni arabe alla sesta Conferenza ministeriale del Forum di cooperazione Cina-Stati arabi a Pechino, il 5 giugno 2014.

7. Il processo di pace in Medio Oriente ha bisogno di saggezza e sforzi di tutte le parti.
Le questioni Palestina-Israele, Siria e Iraq si sono intrecciate e s’influenzano. “La violenza contro la violenza” non può risolvere il problema israelo-palestinese. Per promuovere il processo di pace in Medio Oriente c’è bisogno della saggezza e degli sforzi di tutte le parti. La Cina continuerà a sostenere gli sforzi per la conciliazione delle Nazioni Unite e del Segretario generale, promuovendo tutte le parti in Siria trovando la “giusta via”. Aveva detto Xi incontrando il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon il 16 agosto 2014.

8. La Cina ha, come sempre, visto le relazioni Cina-Stati arabi nella prospettiva strategica di lungo periodo.
Allo stato attuale, le relazioni Cina-Stati arabi sono in corso volgendosi verso un nuovo inizio di pace e cooperazione, apertura e inclusività, reciproca comprensione, vantaggi e risultati reciproci. Da grande attenzione allo sviluppo delle relazioni Cina-Stati arabi. La Cina ha, come sempre, visto le relazioni Cina-Stati arabi nella prospettiva strategica di lungo periodo, ed è pronta a collaborare con gli Stati arabi elevando al massimo le relazioni di cooperazione strategica tra Cina e Paesi arabi caratterizzando a tutto tondo la cooperazione e lo sviluppo comune. Aveva detto Xi nella lettera di congratulazioni per l’anno dell’amicizia Cina-Paesi arabi e al 3° Festival delle arti arabe il 10 settembre 2014.

9. La comunità internazionale dovrebbe sostenere i popoli del Medio Oriente nel cercare la via giusta in conformità alle proprie condizioni nazionali.
Ci sono molti problemi e contraddizioni complesse in Medio Oriente. Una soluzione politica è l’unico modo realistico per risolvere le controversie nella regione. Non importa quanto sia difficile, dobbiamo avere la massima pazienza e fornire il massimo spazio a una soluzione politica. Paesi e popoli della regione hanno la maggiore voce in capitolo sulle vie allo sviluppo che dovrebbero seguire. La comunità internazionale dovrebbe sostenerne gli sforzi cercando la via giusta in conformità alle proprie condizioni nazionali. Aveva detto Xi incontrando shayq Tamim bin Hamad al-Thani, emiro del Qatar, a Pechino nel novembre 3,2014.

10. Cina e Stati arabi sono amici fiduciosi e partner che camminano mano nella mano.
Cina e Stati arabi sono amici dalla fiducia reciproca e stretti partner nella realizzazione dello sviluppo reciproco. La Cina, aderendo ai risultati della Via della Seta dello spirito di pace e della cooperazione, dell’apertura e dell’inclusività, della reciproca comprensione e del mutuo vantaggio, collaborerà con tutti i Paesi del mondo, anche arabi, facilitandone lo sviluppo reciproco e migliorando il benessere dei popoli di tutti i Paesi del mondo. Aveva detto Xi in una lettera di congratulazioni all’Expo Cina-Stati arabi del 10 settembre 2015.Egypt's President Sisi shakes hands with Chinese President Xi during a signing ceremony in the Great Hall of the People in BeijingTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’imminente riorganizzazione del blocco militare cinese

Vladimir Terehov New Eastern Outlook 14/01/2016

e0a57076aaf3La riunione della Commissione militare centrale (CMC) della Repubblica Popolare Cinese (PRC), l’organo supremo delle forze armate di una delle principali potenze mondiali, tenutasi il 24-26 novembre 2015, avrà un impatto significativo non solo sullo sviluppo dei processi interni in Cina, ma anche sull’ambiente politico circostante. Il discorso del leader del Paese Xi Jinping ha aggiunto importanza all’evento. Nonostante la scarsità di informazioni disponibili, si tratta ovviamente di cambiamenti nel carattere dello sviluppo delle capacità militari della Repubblica Popolare Cinese, in particolare nella struttura organizzativa, nonché nel sistema di gestione della componente principale della “potenza” del Paese, l’Esercito di Liberazione Popolare cinese (PLA). Va notato che il processo di graduale passaggio dalla dottrina della “guerra del popolo” con l’esercito di massa alla costruzione di forze armate relativamente compatte, professionali e modernamente equipaggiate fu delineato in Cina molto tempo prima. Naturalmente, accompagnata e conseguenza del rapido sviluppo economico e tecnologico della Cina, e dalla diminuzione della probabilità di grandi incursioni militari nel proprio territorio. Tuttavia, il potenziale di questo processo relativamente veloce probabilmente si esaurirà presto, mentre le sfide accumulatesi richiedono un deciso intervento del governo del Paese. Il fatto che il PLA affronta seri cambiamenti è apparso chiaro durante gli eventi dedicati al 70° anniversario della fine della guerra del Pacifico, svoltosi a Pechino il 3 settembre 2015. Parlando alla parata militare, Xi Jinping ha detto che le forze di terra del Paese si ridurranno di 300mila soldati, e il numero totale del PLA diminuirà a 2 milioni di persone. L’intera parata militare mirava a dimostrare la tendenza ad aumentare le caratteristiche qualitative delle forze armate del Paese. E’ abbastanza ovvio che uno dei motivi che hanno esortato la leadership cinese a non ritardare il processo di riorganizzazione del blocco “militare” fosse uno studio della RAND Corporation, “L’incompiuta trasformazione militare della Cina: valutazione della debolezza dell’Esercito di Liberazione del Popolo (PLA) della Cina“, pubblicato nel 2015. In generale, l’adesione della Cina ad alcune tendenze nello sviluppo militari statunitensi fu notato tempo prima. Così, alcuni esperti, che commentarono le dichiarazioni di Xi Jinping alla parata del 3 settembre, notarono che contenuto ed obiettivi della prossima riforma militare in Cina, in qualche modo ricordano il Goldwater-Nichol’s Department of Defense Rrorganization Act del 1986. L’obiettivo immediato era la semplificazione ed eliminazione di inutili duplicazioni e del sistema di gestione delle forze armate degli Stati Uniti. La legge fu sviluppata sotto l’influenza dell’analisi di alcuni risultati della partecipazione degli Stati Uniti alla guerra del Vietnam. La “propagandata” attendibilità scientifica della RAND osservata in precedenza (in connessione con la pubblicazione di uno studio simile) vale per lo studio sulla “debolezza” del PLA. Avrebbe attirato l’attenzione della RPC semplicemente per il fatto che gli autori hanno studiato centinaia di fonti, specialmente quelle disponibili in cinese. Così, pur sottolineando i progressi evidenti e rapidi della Cina in tutti gli aspetti dello sviluppo militare, gli autori ammisero la tesi delle “due incongruenze” delle forze armate cinesi (il tasso di modernizzazione e il potenziale militare raggiunto) espresso dall’ex-Presidente Hu Jintao nel 2006.
Lo studio della RAND si basa su 16 ipotesi iniziali “d’importanza cruciale” sugli aspetti interni ed esterni più importanti per l’ulteriore sviluppo del sistema cinese. Così, la prima ipotesi afferma che “il Partito comunista cinese manterrà la posizione di primo piano“, in tutti gli aspetti della vita del Paese, tra cui il controllo del PLA. Secondo l’ipotesi No.15, “alcun cambiamento avrà luogo nelle relazioni Cina-Russia e nel percorso strategico della Russia“. In conclusione, lo studio affronta il problema del possibile impatto della fallacia di certe ipotesi sui risultati. Ad esempio, l’assunzione No.15 indica che nel caso della conservazione delle relazioni Cina-Russia e del degrado delle relazioni tra Russia e Stati Uniti ed alleati della NATO fino al punto che Washington debba rafforzare la propria presenza in Europa, le valutazioni cinesi della situazione internazionale verrebbero significativamente modificate rispetto a quelle previste dagli autori dello studio. Numero e ponderabilità delle ipotesi iniziali menzionate, incompletezza e scarsa affidabilità delle informazioni non hanno permesso agli autori dello studio di presentare le conclusioni finali, secondo cui sarebbe possibile adottare alcune azioni. Proponendosi di considerarle “oggetto di discussione”. Non c’è dubbio che una “discussione” sul tema cruciale per la Cina, in relazione allo studio della RAND, si sia svolta tra gli esperti cinesi. Inoltre, si può supporre che i risultati della discussione in qualche modo siano state prese in considerazione nella sessione di novembre della Commissione militare centrale del PCC. Tanto più che la principale conclusione dello studio sull’attuale “debolezza” della macchina da guerra cinese, condotta dalla prima società di analisi statunitense, sembra abbastanza evidente e coerente con la tesi di Hu Jintao sulle “due contraddizioni”. In generale, il principale risultato del lavoro si riduce alla dichiarazione di carenze nella struttura organizzativa, nel sistema di gestione dell’apparato militare e nella coerenza operativa tra le forze armate, in ritardo rispetto alle ultime realizzazioni nel campo della “penetrazione IT” nel comando delle operazioni in tempo reale. A tal proposito, è opportuno ricordare che il requisito per un cambio qualitativo in tutti gli aspetti dello sviluppo delle capacità militari e dell’impiego delle forze armate secondo il concetto della cosiddetta “rivoluzione degli affari militari” (RMA), fu discusso negli anni ’70-’80 in Unione Sovietica su iniziativa del Capo di Stato Maggiore dell’esercito sovietico, Maresciallo NV Ogarkov. 20 anni dopo, una discussione simile (con riferimento all’esperienza sovietica) si è svolta tra gli esperti militari degli Stati Uniti. Lo stesso concetto di RMA è ovviamente riformulato nel “pacchetto” moderno e specificamente cinese alla base della nuova fase di sviluppo delle capacità militari della RPC.
Aspetti della politica nazionali ed estera alla sessione del CMC della RPC di novembre attirano l’attenzione. Secondo il parere unanime dei commentatori, uno dei motivi più importanti dell’evento era la necessità di migliorare il controllo della direzione del partito sul blocco “militare” del Paese tra crescenti problemi interni ed esteri. L’esclusione di eventuali elementi avventuristici ed azioni imprudenti nel Mar Cinese Meridionale è di fondamentale importanza. A questo proposito, la leadership cinese cerca di risolvere il problema molto difficile di coniugare questi obiettivi contraddittori tra supporto militare delle rivendicazioni sull’80% della superficie del Mar Cinese Meridionale e creazione di relazioni costruttive con gli Stati vicini. Non è riuscita a coniugarle finora, mentre i vicini si volgono a “forze extra-regionali” come la Cina le chiama. E tali forze (soprattutto Stati Uniti, ma anche Giappone e India) sono pronte a fornire tale “aiuto”. La situazione nel Mar Cinese Meridionale evidenzia una delle principali tendenze della fase attuale dello sviluppo militare della PRC, deciso dal forte aumento dell’importanza della componente navale del PLA. A questo proposito, l’annuncio del mese prima, dopo la riunione della Commissione militare centrale per avviare la costruzione della seconda portaerei, che sarebbe simile all’esistente portaerei Liaoning (ex-Varjag ampiamente modernizzata) è stato notevole. A giudicare dai commenti degli esperti cinesi, in confronto con la prima portaerei della Marina militare della Repubblica popolare cinese, usata soprattutto per acquisire competenze sull’utilizzo di sistemi d’arma navali completamente nuovi, la seconda svolgerà attività operative per proteggere gli interessi marittimi nazionali. Secondo questi esperti, nei prossimi anni la Repubblica popolare cinese avrà bisogno di tre portaerei convenzionali, come la Liaoning. Dopo aver fatto esperienza sul loro impiego, la Cina lancerà la costruzione di portaerei a propulsione nucleare, che solo gli Stati Uniti oggi possiedono.
In generale, possiamo affermare che la tendenza nella modernizzazione del blocco “militare” della Cina è coerente sia con l’affermarsi del forte status del Paese nell’arena politica e le moderne tendenze globali nello sviluppo delle capacità militari.1480778Vladimir Terekhov, esperto sui temi della regione Asia-Pacifico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Corea democratica ha bisogno di armi nucleari per dissuadere gli USA?

Il massimo leader della RPDC dice il test della bomba H “è un passo per l’autodifesa, diritto legittimo
Xinhua 10/01/2016

1021906303Kim Jong Un, massimo leader della Repubblica democratica popolare di Corea (Corea del Nord), si è congratulato con i comandanti militari del Paese per quello che ha definito riuscito test della prima Bomba H di Pyongyang, riferiva l’agenzia di stampa ufficiale KCNA. La prova della Bomba H “è un passo dell’autodifesa e della difesa affidabile della pace nella penisola coreana e della sicurezza regionale dal pericolo di una guerra nucleare causata dagli imperialisti guidati dagli USA“, ha detto Kim agli ufficiali durante la visita al Ministero della Forze Armate popolari. “E’ un legittimo diritto di uno Stato sovrano e giusta azione che nessuno può criticare“, avrebbe detto Kim. Kim ha detto che l’esercito deve condurre “una lotta ad alta intensità” per affrontare i problemi scientifici e tecnologici del rafforzamento della difesa e del completamento della preparazione al combattimento, così come “compiere molte conquiste tecnologiche ultramoderne favorevoli alla costruzione della potenza economica e per migliorare i mezzi di sussistenza del popolo“. Ha nuovamente sottolineato la necessità per i militari di potenziare le capacità offensive e difensive e di prontezza al combattimento per “contrastare risolutamente eventuali sfide da forze ostili“. I commenti sono stati i primi del massimo leader della RPDC dopo l’annuncio che il Paese aveva effettuato con successo il primo test della sua bomba all’idrogeno, o suo quarto test nucleare. Mentre molti esprimono sospetti sulla capacità della Corea democratica nel sviluppare con successo la Bomba H, l’annuncio ha scatenato la condanna internazionale.

La Corea democratica ha bisogno di armi nucleari per dissuadere gli USA?
Mike Whitney, Global Research, 10 gennaio 2016

_87503379_north_korea_nuclear_tests_624map_v4Ecco il quiz sulla politica estera degli Stati Uniti del giorno:
Domanda 1- Quanti governi gli Stati Uniti hanno rovesciato o tentato di rovesciare dalla seconda guerra mondiale?
Risposta: 57 (Vedasi William Blum)
Domanda 2 – Quanti di quei governi avevano armi nucleari?
Risposta – 0
Vuol dire che la Corea democratica ha bisogno di armi nucleari per dissuadere dall’aggressione gli statunitensi? Sì e no. Sì, le armi nucleari sono un deterrente credibile ma no, non è per questo che la Corea democratica ha fatto esplodere una bomba all’idrogeno. La ragione per cui la Corea democratica ha fatto esplodere la bomba era costringere l’amministrazione Obama a sedersi e prendere nota. Questo è tutto. Il leader supremo della Corea democratica, Kim Jong Un, vuole che gli Stati Uniti sappiano che pagherebbero caro evitare negoziati diretti. In altre parole, Kim cerca di spingere Obama di nuovo al tavolo delle trattative. Purtroppo, Washington non ascolta. Vede la RPDC quale minaccia alla sicurezza regionale e ha deciso che sanzioni e isolamento ulteriori siano i rimedi migliori. L’amministrazione Obama pensa di avere l’intera questione sotto controllo e di non dover essere flessibile o di compromettersi optando per i bastoni invece che le carote. In realtà, Obama ha rifiutato qualsiasi colloquio bilaterale con la RPDC, a meno che non s’impegni subito ad abbandonare i programmi nucleari e lasciare gli ispettori esaminare tutti gli impianti nucleari. Questo non interessa alla Corea democratica, vedendo nel programma delle armi nucleari il suo “asso nella manica”, l’unica possibilità di porre fine alla persistente ostilità statunitense. Ora, se separiamo l’incidente della “bomba all’idrogeno” dalla storia della Guerra di Corea, è possibile distorcere i fatti in modo da far apparire la RPDC come il “cattivo”, ma non è proprio così. In effetti, la ragione per cui il mondo affronta tali problemi, oggi, fu l’avventurismo degli USA nel passato. Proprio come lo SIIL apparve dalle braci della guerra in Iraq, così la proliferazione nucleare nella penisola coreana è il risultato diretto della fallita politica estera degli USA degli anni ’50. Il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra di Corea preclude una soluzione definitiva, il che significa che la guerra non è mai veramente finita. Un armistizio fu firmato il 27 luglio 1953, concludendo le ostilità, ma un “accordo pacifico finale” non fu mai raggiunto, così la nazione resta divisa. La ragione che pesa sono gli Stati Uniti che hanno ancora 15 basi militari in Corea del Sud, 28000 truppe e abbastanza artiglieria e missili da far saltare l’intero Paese in mille pezzi. La presenza statunitense in Corea democratica impedisce efficacemente la riunificazione del Paese e la conclusione definitiva della guerra, almeno nei termini di Washington. La linea di fondo è che anche se i cannoni hanno smesso di sparare, la guerra si trascina, grazie all’attuale occupazione statunitense. Come la RPDC può normalizzare le relazioni con gli Stati Uniti se Washington non gli parla e allo stesso tempo insiste sul fatto che debba abbandonare il programma delle armi nucleari, sua unica leva? Forse dovrebbe fare dietro-front, soddisfare le richieste di Washington e sperare che, estendendo il ramo d’ulivo, migliorino gradualmente. Ma come può funzionare se, dopo tutto, Washington vuole un cambio di regime per installare un fantoccio degli Stati Uniti che serva a creare un’altra distopia capitalista per le aziende amiche. Non è forse così che gli interventi degli Stati Uniti di solito si rivelano? Non è un compromesso, è un suicidio. E c’è un’altra cosa: la leadership di Pyongyang sa con chi ha a che fare, motivo per cui adotta la linea dura. Sa che gli Stati Uniti non rispondono alla debolezza, ma solo alla forza. È per questo che non può rottamare il programma nucleare. E’ l’unica speranza. O gli Stati Uniti si piegano facendo concessioni o lo stallo continua. Questi sono gli unici due possibili esiti.
Va notato che prima di Siria, Libia, Iraq, Nicaragua, El Salvador, Vietnam e decenni di stragi degli USA, ci fu la guerra di Corea. Gli statunitensi l’hanno nascosto, ma tutta la Corea, Nord e Sud, sa cosa successe e come finì. Ecco un breve ripasso che spiega il motivo per cui la RPDC ancora diffida degli Stati Uniti, a 63 anni dalla firma dell’armistizio. Il brano è tratto da un articolo intitolato “Gli statunitensi hanno dimenticato cosa fecero alla Corea del Nord”, dal Vox World: “Nei primi anni ’50, durante la guerra di Corea, gli Stati Uniti sganciarono più bombe sulla Corea del Nord di quelle sganciate in tutto il teatro del Pacifico durante la Seconda Guerra Mondiale. Tale bombardamento a tappeto, comprendente 32000 tonnellate di napalm, spesso deliberatamente colpiva obiettivi civili e militari, devastando il Paese assai oltre il necessario per combattere la guerra. Intere città furono distrutte, con molte migliaia di civili inermi uccisi e molti altri rimasti senzatetto e affamati… Secondo il giornalista statunitense Blaine Harden… “In tre anni circa uccidemmo il 20 per cento della popolazione”, disse il Generale dell’USAF Curtis LeMay, responsabile del Strategic Air Command durante la guerra di Corea, all’Ufficio storico dell’Aeronautica nel 1984. Dean Rusk, sostenitore della guerra e poi segretario di Stato, disse che gli Stati Uniti bombardarono “tutto ciò che si muoveva in Corea del Nord, ogni mattone rimasto in piedi”. Rimasti a corto di obiettivi urbani, i bombardieri statunitensi distrussero dighe idroelettriche e per l’irrigazione nelle fasi successive della guerra, inondando terreni agricoli e distruggendo colture… Si possono intravedere le conseguenze umanitarie e politiche in un dispaccio diplomatico allarmato che il ministro degli Esteri della Corea democratica inviò alle Nazioni Unite… nel gennaio 1951: “Il 3 gennaio alle 10:30 una flotta di 82 fortezze volanti sganciò centinaia di carichi mortali sulla città di Pyongyang… tonnellate di bombe e composti incendiari furono sganciate contemporaneamente sulla città, annientando con gli incendi; i barbari atlantisti bombardarono la città con bombe ad alto esplosivo ad azione ritardata, che esplosero ad intervalli per un giorno intero, rendendo impossibile alla popolazione uscire di casa. L’intera città bruciò, avvolta dalle fiamme, per due giorni. Il secondo giorno, 7812 case erano bruciate. Gli statunitensi erano ben consapevoli che non c’erano più obiettivi militari a Pyongyang… Il numero di abitanti di Pyongyang uccisi dalle schegge delle bombe, bruciati vivi e soffocati dal fumo è incalcolabile… Circa 50000 abitanti restarono nella città, prima della guerra aveva una popolazione di 500000 abitanti“. (“Gli statunitensi hanno dimenticato cosa fecero alla Corea del Nord“, Vox World)
Avete capito? Quando fu chiaro che gli Stati Uniti non avrebbero vinto la guerra decisero di dare a “questi marci comunisti” una lezione che non avrebbero mai dimenticato. Ridussero tutto il Nord in macerie fumanti, condannando il popolo a decenni di fame e povertà. Ecco come Washington combatte le sue guerre: “Uccidili tutti e lascia che al resto ci pensi Dio”. Questo è il motivo per cui la RPDC costruisce bombe atomiche invece di cedere; ecco perché Washington è incastrata tra vittoria o annientamento.

Quindi, cosa vuole la Corea democratica dagli Stati Uniti?
La RPDC vuole ciò che ha sempre voluto. Vuole che gli Stati Uniti la finiscano con le operazioni di cambio di regime, onorino i loro obblighi ai sensi dell’accordo quadro del 1994 e firmino un patto di non aggressione. Questo è tutto quello che vuole, la fine delle continue intimidazioni ed interferenze. È chiedere troppo? Ecco come Jimmy Carter riassunse ciò sul Washington Post (24 novembre 2010): “Pyongyang ha inviato un messaggio coerente nei colloqui diretti con gli Stati Uniti, secondo cui è pronta a concludere un accordo per porre fine ai propri programmi nucleari, metterli sotto il controllo dell’AIEA e concludere un trattato di pace permanente sostituendo il ‘provvisorio’ cessate il fuoco del 1953. Si dovrebbe prendere in considerazione una risposta a questa offerta. La sfortunata alternativa per i nordcoreani sarebbe adottare le azioni che ritengono necessarie per difendersi da ciò che dicono di temere di più: un attacco militare dagli Stati Uniti, insieme agli sforzi per cambiare il regime politico”. (“Messaggio coerente della Corea democratica agli Stati Uniti.“, Presidente Jimmy Carter, Washington Post) Vi è bianco e nero. Gli Stati Uniti possono porre fine al conflitto, oggi, semplicemente adempiendo agli obblighi dell’accordo quadro e accettando di non attaccare la Corea democratica in futuro. Il cammino verso il disarmo nucleare non è mai stato così facile, ma le probabilità di Obama di prendere questa strada sono esigue, al meglio.

Img389601431

Gli Stati Uniti mostrano i muscoli contro la Corea democratica
Andrei Akulov Strategic Culture Foundation 10/01/2016

fo0405-kn08-musudanPochi giorni dopo il test della bomba nucleare (presumibilmente all’idrogeno) della Corea democratica, Stati Uniti e Corea del Sud conducevano una dimostrazione di forza con bombardieri B-52 che volavano sull’Osan Air Base, in Corea del Sud, 70 km a sud del confine tra le due Coree. Il test ha fatto arrabbiare tutte le potenze mondiali, tra cui Russia e Cina. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite è stato unanime accettando d’implementare nuove misure per punire il Paese che ha sfidato le Nazioni Unite. Il 10 gennaio, un bombardiere statunitense B-52 è tornato nella base sull’isola di Guam, nel Pacifico, dopo aver sorvolato la Corea del Sud dopo il test nucleare della Corea democratica. L’aereo è stato raggiunto da caccia F-16 sud-coreani ed F-15 statunitensi per la dimostrazione di forza. I voli dei B-52 sono parte del programma del Comando nel Pacifico statunitense chiamato Continuous Bomber Presence. Gli Stati Uniti hanno sempre sostenuto la possibilità dell’attacco nucleare come opzione e hanno minacciato la Corea democratica più di nove volte. Lo schieramento è la seconda contromisura della Corea del Sud dal quando la RPDC aveva annunciato il test della bomba H del 6 gennaio. La prima sono le trasmissioni degli altoparlanti contro la RPDC, riprese lungo il confine tra le due Coree quattro mesi dopo esser state fermate. La Corea democratica ritiene che le trasmissioni della Corea del Sud equivalgano a un atto di guerra. Quando Seoul riprese brevemente le trasmissioni di propaganda, ad agosto, dopo una pausa di 11 anni, le due Coree si scambiarono tiri di artiglieria. L’Ammiraglio Harry B. Harris Jr., comandante dell’US Pacific Command, ha detto: “Questa è una dimostrazione del solido impegno degli Stati Uniti con i nostri alleati Corea del Sud e Giappone, e per la difesa della patria americana”. Il B-52 Stratofortress è un bombardiere strategico a lungo raggio propulso da otto motori. Può trasportare circa 30000 kg di munizioni. L’ultima volta che un tale volo fu reso pubblico, avvenne nel 2013, dopo che la Corea democratica effettuò il terzo test nucleare, nettamente condannato dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, con Stati Uniti e Russia uniti nel voto. Il Pentagono ha più di 75000 soldati in Giappone e Corea del Sud. La Corea del Sud ne ospita 28000 mentre le due Coree tecnicamente rimangono in guerra perché la guerra del 1950-53 si è conclusa con un armistizio invece di un trattato di pace. Gli Stati Uniti prendono in considerazione lo schieramento di una portaerei presso la penisola coreana, il mese prossimo, secondo Yonhap News Agency del 10 gennaio. Fonti hanno indicato che i piani possono includere ulteriori schieramenti della portaerei a propulsione nucleare USS Ronald Reagan, attualmente a Yokosuka, Giappone, di un sottomarino nucleare e dei caccia tattici stealth F-22 Raptor in Corea del Sud. Corea del Sud e Stati Uniti programmano di effettuare la componente navale dell’esercitazione Foal Eagle a marzo, ma pensano di anticiparla. Stati Uniti e Corea del Sud effettuano le annuali manovre provocatorie denominate “Resolve Key” e “Foal Eagle” coi B-52 partiti da Guam, di solito a marzo, e “Ulchi Freedom Guardian” ad agosto. Queste “esercitazioni” durano mesi e coinvolgono decine di migliaia di soldati statunitensi di stanza in Corea del Sud e dispiegati dagli Stati Uniti, così come centinaia di migliaia di controparti sudcoreane. Lo stanziamento di mezzi strategici degli Stati Uniti sulla penisola è un’importante amplificazione delle capacità di primo attacco. Gli Stati Uniti sono impegnati a schierare il 60% delle proprie forze aeree e navali in Asia e Pacifico per rafforzare la cosiddetta dottrina dell’Air-Sea Battle. In accordo con i Paesi della politica del “perno” di Obama, le basi degli USA in Corea del Sud, Giappone, Okinawa, Hawaii e Guam sono sempre più importanti. Inoltre, l’amministrazione lavora intensamente per aprire le basi che gli USA precedentemente chiusero in nazioni geo-strategicamente vitali come Vietnam e Filippine.
Vi è una prova indiretta a sostegno della tesi che l’azione militare è un’opzione prevista. Dopo l’ultimo test della Corea democratica, l’US Air Force Times riferiva che il dipartimento della Difesa ha un piano per mettere al sicuro famigliari dei militari e civili del DoD. Si chiama evacuazione di non combattenti, o NEO, che enuncia i passi necessari affinché famiglie dei militari, civili e persino animali domestici siano ritirati dalle zone del fallout radioattivo. Il piano è sottoposto annualmente, l’ultimo a novembre (quando il piano statunitense-sudcoreano fu concordato e sottoscritto). “La linea di fondo è che quando una crisi s’inasprisce, non si ha tempo per tornare indietro e prepararsi, così ciò che potete fare in anticipo accelererà l’evacuazione”, dice il Maggiore James Leidenberg, pianificatore della 501.ma Brigata d’intelligence militare dell’8.va Armata. Le attività descritte ricordano gli eventi che si svolsero alla fine del 2015. Lo scorso novembre Stati Uniti e Corea del Sud elaborarono nuove linee guida per affrontare le minacce missilistiche nordcoreane, anche individuarle attivamente e distruggerle in caso di emergenza. Le parti hanno deciso piani di attacco preventivo contro i siti nucleari della Corea democratica. Ora collaborano per attuare sistematicamente nuove indicazioni operative per una strategia globale antimissile. Il “Concetto Operativo 4D” (determinare, deviare, distruggere e difendere) richiede risposte più attive in caso di emergenza, lasciando Washington e Seoul attaccare siti di lancio dei missili balistici o dei missili lanciati da sottomarini, senza attendere il primo colpo di Pyongyang. Il ministro della Difesa sudcoreano Han Min-koo e il segretario della Difesa Ashton Carter aggiunsero che ci sarebbe stata particolare attenzione su ricognizione e droni ad alta quota nell’ambito dei nuovi piani. Il piano si basa su scenari concettuali su un attacco della Corea democratica, sottolineando l’urgenza crescente tra i funzionari di USA e Corea del Sud nel prepararsi al caso che la Corea democratica abbia la possibilità di armare i missili con testate nucleari. La Corea del Sud ha confermato i piani per adottare il proprio sistema di difesa missilistica verso la metà degli anni 2020, migliorando la difesa. “Ho abbastanza fiducia che potremo abbattere tutto ciò che lancerebbero”, aveva detto l’Ammiraglio Bill Gortney, che dirige il Comando Nord degli Stati Uniti e il Comando della Difesa Aerospaziale del Nord America, riferendosi a un possibile attacco prima della firma del piano. Bill Gortney aveva detto ai giornalisti che, secondo la valutazione del Pentagono, la Corea democratica ha ora la possibilità d’inserire testate nucleari miniaturizzate sul suo ultimo missile balistico intercontinentale (ICBM) KN-08. Pyongyang ha “la capacità di mettere un ordigno nucleare su un KN-08 e spararlo in patria”, notava l’ammiraglio. L’evento mi ricorda le memorie che ho finito di leggere un paio di giorni fa. L’ex-segretario della Difesa statunitense William J, Perry racconta il lavoro della sua vita ne Il Mio viaggio sull’orlo nucleare. Questo nuovo libro, pubblicato nel dicembre 2015, è un resoconto del suo servizio. Perry scrive che i piani per un attacco chirurgico contro la produzione nucleare della Corea democratica furono preparati nel 1994, dopo che Pyongyang rifiutò di far entrare gli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica. In quei giorni c’era l’opinione diffusa che l’attacco non avrebbe causato vittime tra gli statunitensi e non vi era alcun rischio di radiazioni per i piloti nei raid aerei. L’attacco fu poi escluso come opzione. L’allora presidente Bill Clinton non ne fu mai informato.
Per molti anni la Corea democratica ha chiesto un trattato di non aggressione con gli Stati Uniti e un accordo di libero scambio, ma gli Stati Uniti hanno sempre rifiutato di porre fine alla guerra con la Corea democratica. Nel 1950-1953 gli Stati Uniti sganciarono 635000 tonnellate di bombe sulla Corea democratica, tra cui 32557 tonnellate di napalm. Tale quantitativo è maggiore di quello sganciato nell’intera campagna del Pacifico della Seconda guerra mondiale e più del napalm usato nella guerra del Vietnam. Giornalisti e prigionieri di guerra statunitensi riferirono che quasi tutta la Corea del Nord fu ridotta in macerie. Nel novembre 1950, il bombardamento aveva decimato gli edifici così gravemente che il governo nordcoreano consigliò ai cittadini di scavare per ripararsi. In realtà, è la più lunga guerra della storia degli Stati Uniti. La politica nucleare della Corea democratica è ampiamente condannata dalla comunità internazionale. La sfida plateale non è accettata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ma chiede una forma collettiva, non unilaterale, di azioni. I colloqui a sei vanno ancora rianimati, i membri del Consiglio di sicurezza devono continuare a coordinare le attività. Le posizioni di occidente, Stati Uniti, Russia e Cina in generale coincidono. Questo è il momento in cui Stati Uniti e Russia potrebbero avviare un’iniziativa comune sulla questione o, almeno, consultazioni immediate per fare esattamente ciò che possono fare insieme. Questo è il problema che unisce, non divide, le grandi potenze. Il coordinamento potrebbe portare a un altro importante successo della politica estera dopo l’accordo nucleare iraniano raggiunto insieme, non importa quante cose dividano.ap491174201185La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Corea democratica conferma il test riuscito della bomba all’idrogeno

Il test della “bomba all’idrogeno” della Corea democratica ha successo
Moon of Alabama1032253950Poche ore fa la Corea democratica detonava un altro ordigno nucleare. E’ il quarto test di una bomba nucleare e la 2055.ma detonazione nucleare nel mondo. Le prime stime dai dati sismici rilevati in Cina e altrove, indicano che la bomba aveva una potenza di circa 10 kilotoni. La fiera presentatrice nordcoreana annunciava alla TV che gli scienziati hanno fatto esplodere una “bomba H miniaturizzata“. L’annuncio dice che “si è scientificamente testata la potenza della bomba H più piccola del mondo“. La bomba all’idrogeno si compone di due stadi. Un dispositivo primario a fissione nucleare che esplode innescando un secondo dispositivo a fusione nucleare a isotopi dell’idrogeno. Tali bombe sono molto potenti e la piuttosto bassa potenza da 10kt rende dubbio che si tratti di una effettiva bomba H che di solito sono assai più potenti. I test precedenti di bombe a fissione nordcoreane ebbero potenze di 1, 4 e 9 kt. Il primo è considerato un fallimento parziale. Il quarto test, di oggi, potrebbe essere stato un disastro parziale per una bomba H, o un semplice ordigno a fissione basato sul trizio, probabilmente per raggiungere una reazione potenziata. Solo la misurazione dei radionuclidi derivanti dal test renderà possibile determinarne la configurazione reale. C’erano stati recenti segnali su un altro imminente test nucleare della Corea democratica. Le immagini satellitari mostravano un nuovo tunnel dei test scavato in una montagna. C’erano voci dal 2013 secondo cui la Corea democratica lavorasse a un ordigno ad idrogeno. Ai primi di dicembre, il leader nordcoreano annunciava che il Paese era pronto a testare una bomba H, ma fu definita dagli Stati Uniti una spacconata. Gli annunci della Corea democratica sono di solito esagerati ma fondamentalmente veri. Ritengo, pertanto, che ci sia stato il test di una bomba H, come annunciato, ma dal successo solo parziale.
Dopo la guerra, la Corea democratica fu completamente rasa al suolo. Quasi alcuna struttura era stata lasciata in piedi. Fabbriche, rete elettrica e dighe furono distrutte: “Gli aerei statunitensi sganciarono 635000 tonnellate di bombe sulla Corea, in sostanza la Corea democratica, comprese 32557 tonnellate di napalm, rispetto alle 503000 tonnellate di bombe sganciate su tutto il teatro del Pacifico nella Seconda Guerra Mondiale”. Da allora una quantità enorme del Prodotto interno lordo della Corea democratica è stata spesa per l’esercito. Quando iniziò a testare ordigni nucleari, la Corea democratica annunciò che avrebbe utilizzato nuovi metodi per sostituire o ridurre le forze convenzionali. I risparmi sarebbero stati utilizzati per aumentare il tenore di vita del popolo. Valutazioni strategiche dicono che il suo sviluppo nucleare e missilistico non mira a creare una prima forza d’urto, ma una capacità di deterrenza. La Corea democratica considera gli Stati Uniti e il governo sudcoreano influenzato dagli Stati Uniti, quali suoi primi nemici e aggressori e il Giappone quale minaccia secondaria. Cina e Russia sono viste come Paesi amichevoli, ma tenute a distanza. Mentre gli Stati Uniti sviluppano il loro ‘perno in Asia’ anti-cinese, spingendo per politiche più dure in Corea del Sud e Giappone e per un’alleanza tra questi nemici storici. Nonostante i governi di destra e dalla linea dura in entrambi i Paesi, tale strategia avanza lentamente. Il test della Corea democratica probabilmente consentirà ulteriori passi verso una struttura tipo NATO anti-Cina e anti-Corea democratica.

La Corea democratica conferma il test riuscito della bomba all’idrogeno
Sputnik 06/01/2016

koreaLa Corea democratica ha annunciato il test riuscito di una bomba all’idrogeno nella dichiarazione speciale trasmessa dalla TV Centrale del Paese e dalle TV della Corea del Sud. Secondo la dichiarazione, Pyongyang ha sostenuto che il test è un diritto del Paese all'”auto-difesa” e ha promesso di non usare armi nucleari se la comunità internazionale ne rispetta la sovranità. Pyongyang ha anche detto che è pronta a continuare lo sviluppo attivo dell’industria militare e delle armi nucleari in caso di possibili minacce. In precedenza, la Corea del Sud aveva affermato che la Corea democratica avrebbe condotto il test nucleare che ha causato un terremoto nel Paese. I servizio meteo della Corea del Sud avevano riferito che il terremoto è di “natura artificiale”. L’USGS dice che il sisma era di magnitudo 5.1 con epicentro nella contea di Pekam, provincia di Yangkang. L’intelligence della Corea del Sud sostiene che la Corea democratica non ha notificato a Stati Uniti e Cina i piani per condurre il test nucleare, secondo l’agenzia Yonhap che citava un rappresentante dell’intelligence sudcoreana. Nel 2003 Pyongyang si ritirò dal Trattato Internazionale di Non Proliferazione Nucleare (TNP), l’accordo che dovrebbe impedire la diffusione della produzione di armi nucleari e possibile utilizzo. Nel 2005, la Corea democratica si dichiarava potenza nucleare e conduceva diversi test nucleari, scatenando le preoccupazioni della comunità internazionale, in particolare nella vicina Corea del Sud. Quattro anni dopo, Pyongyang ha testato altre armi nucleari. I dati ufficiali sul programma nucleare del Paese non sono stati emanati, e la ricerca sul tema si basa su osservazioni estere e segnalazioni delle autorità nordcoreane. A dicembre, il leader nordcoreano Kim Jong Un aveva detto che il Paese ha la bomba all’idrogeno ed è pronto a usarla per “proteggere sovranità e dignità nazionale“.

La Corea democratica spende un quarto del PIL per le Forze Armate
Sputnik 05/01/2016

f668acdf42294ce988a2b8cfdfc034eeNessun altro Paese al mondo può essere paragonato alla Corea democratica, dove la popolazione sopporta un’incredibile onere militare in 60 anni di braccio di ferro con l’avversario del sud. La spesa militare è misurata confrontando spese militari e prodotto interno lordo (PIL) di una nazione. La media annuale è circa 2% nel mondo, secondo l’ultimo rapporto World Military Expenditures and Arms Transfers 2015 del dipartimento di Stato degli Stati Uniti. La Corea democratica è unica in questo senso, esercito, marina ed aeronautica raccolgono quasi un quarto del PIL, il 23,8% per la precisione, secondo il rapporto. Nel frattempo, il principale rivale del Paese, la Corea del Sud, ha una spesa militare del 2,5%, mentre gli Stati Uniti, principali alleati di quest’ultima, dedicano il 4,3% a tali spese. Le confinanti Cina e Russia hanno dati vicino a 2,1% e 3,7% rispettivamente. L’incomparabile spesa militare dalla Repubblica Popolare Democratica di Corea deriva dall’estremamente basso prodotto interno lordo, 101.mo nel mondo, stimato dal 2002 al 2012 a soli 17 miliardi di dollari l’anno. Nello stesso periodo, la Corea del Sud era 14.ma a livello globale, con 1010 miliardi di dollari di PIL, e gli Stati Uniti primi con un PIL medio di 15400 miliardi di dollari. Inoltre, la Corea democratica è al 4° posto mondiale per effettivi nelle forze armate, 1170000 nel 2002-2012, e solo 679000 militari nella Corea del Sud, 7.ma nel mondo. Per numero di personale militare Cina, Stati Uniti e Russia sono 1°, 2° e 5° rispettivamente, stimando 2,21 milioni nella Repubblica popolare cinese, 1,41 negli Stati Uniti d’America e 1 milione nella Federazione russa.

Sukant Chandan – Sons of Malcolm

trtworld-nid-7086-fid-31452Nel 1945 il popolo coreano rovesciò l’imperialismo giapponese e occidentale con la rivoluzione radicale dei socialisti e comunisti guidati dal defunto presidente della Corea democratica “socialista” (Repubblica Democratica Popolare di Corea) Kim Il Sung. Dal 1945 fino alla guerra di aggressione imperialista e al genocidio della “Guerra di Corea” nel 1950, gli imperialisti uccisero quasi mezzo milione di persone e distrussero gran parte del territorio. Nella guerra di aggressione del 1950-1953 circa 4 milioni di coreani furono uccisi dall’imperialismo, Pyongyang venne rasa al suolo e Stati Uniti e Regno Unito imperialisti imposero la divisione del Paese, colonizzando il sud ancora occupato da decine di migliaia di truppe statunitensi, dove oltre 1000 nucleari sono puntate su Pyongyang, capitale della Repubblica Popolare Democratica di Corea. La Repubblica Popolare Democratica di Corea da sempre sostiene l’eliminazione delle interferenze imperialiste in Corea e la riunificazione pacifica della Corea con la strategia “un Paese, due sistemi”. Oggi Pyongyang si erge a bellissima città e il Paese continua a far progredire diritti e liberazione del popolo. La lotta del popolo coreano e della RPDC hanno fortemente ispirato molti nel mondo, anche Guevara che considerava i Paesi socialisti Corea, Cina e Vietnam esempi più importanti del socialismo e della rivoluzione ai popoli del mondo. I movimenti di liberazione africani e neri s’ispirarono soprattutto dalla Repubblica Popolare Democratica di Corea, con le pantere nere che inviarono delegazioni di solidarietà e avevano Kim Il Sung sulla prima pagina del loro giornale, incoraggiando la gente a studiare la Repubblica Popolare Democratica di Corea e il suo concetto di indipendenza e socialismo. La Nation of Islam, i partiti rivoluzionari e socialisti di tutti i popoli africani, Tanzania, Libia, Zimbabwe, Algeria, Siria e Cuba sono tra i pochi Paesi che hanno avuto e continuano ad avere strette relazioni con la Repubblica Popolare Democratica di Corea.
Mumia Abu Jamal, prigioniero politico negli Stati Uniti, ex-leader dei giovani delle Pantere Nere, racconta nel suo libro autobiografico “Vogliamo la libertà” come pantere e Nation of Islam vedessero Kim Il Sung e Corea democratica quali grandi esempi:
Grida di “aiutateci a liberare Huey!” si mescolavano a “Salam alayqum, fratello!” lottando per vendere il proprio prodotto. “Yo, fratello! Scopri cosa cazzo succede laddove la struttura di potere bianco non parla! Compra The Black Panther, solo un quarto di dollaro!” “Salam Alayqum, sorella! Ritorna con i tuoi! Leggi Muhammad Speaks! Venticinque centesimi!” Per quasi un’ora la vendita continuò, nutrita ed affamata dal flusso di passanti che costeggiavano i treni fermi sovrastati da un sibilo. Dopo un po’ abbiamo avuto una conversazione:
“Fratello, devi andare con l’onorevole Elijah Muhammad, e smetterla di seguire quei demoni di Marx e Lenin, e quegli altri.”
“Beh, fratello, dovresti conoscere il ministro della Difesa Huey P. Newton, e il Black Panther Party”.
“Dovresti seguire un nero, fratello, non degli ebrei come Marx e Lenin!”
“Siamo rivoluzionari, fratello, e noi studiamo i rivoluzionari di tutto il mondo. Non c’importa di quale razza siano”.
“Posso vedere, fratello”, guardando una copia di The Black Panther indicando la foto di un asiatico sulla copertina, un uomo capelluto.
“Chi è questo, fratello?”
E’ “Kim Il Sung, il leader della Corea democratica, un rivoluzionario”.
“Vedi quello che dico, fratello? Ecco qui si parla di un altro uomo! Non ha niente da dire alla gente di colore, fratello!”
“Beh, se è così, fratello, perché compare sul tuo Muhammad Speaks?”
“Cosa dici, che mi dici, fratello?” rispose, apparentemente scioccato dalla domanda.
Leggevo e studiavo il suo giornale abbastanza regolarmente, linea, notizie e commenti, ma dubitavo che avesse mai letto qualcuno dei nostri. Sembrava logico per qualcuno assegnato alla Costa Est dal ministero dell’Ufficio Informazioni, e mi ricordai la lettura di quella settimana del numero di Muhammad Speaks.
“Guarda, fratello, nella sezione delle vostre notizie internazionali”.
Incredulo sfogliava le pagine finché, alla fine, apparve l’articolo con la foto di Kim Il Sung. Lo guardò, e poi si voltò verso di me, sorridendo. “Sissignore, fratello. Sissignore. Um-humm…”
“Ciò che abbiamo imparato da lui era l’idea del Juché, parola coreana che significa autosufficienza!
Negli anni ’90 e 2000 c’era una situazione molto precaria nella Repubblica Popolare Democratica di Corea, essendo crollato il blocco orientale socialista antimperialista, comportando problemi economici alla Repubblica Popolare Democratica di Corea, e gli USA guidarono la carica che minacciava una guerra distruttiva contro la RPDC col loro ridicolo “Asse del male”. Mentre Regno Unito e Stati Uniti distrussero Iraq e Afghanistan, con la scuse delle menzogne, minacciarono anche la Repubblica Popolare Democratica di Corea. La RPDC dimostrò la sua potenza coi test delle armi, dimostrando agli imperialisti che la Corea democratica è pronta alla guerra totale di popolo ed è disposta a difendersi con tutti i mezzi a disposizione. La Repubblica Popolare Democratica di Corea di oggi dimostra come un piccolo Paese del sud globale può opporsi al più potente sistema imperialista e genocida del mondo avendo rapporti stretto con Russia e Cina e soprattutto un popolo unito a un esercito militante e a una leadership che utilizza tutti i mezzi di autodifesa per consolidare la massima sicurezza nel garantirsi l’indipendenza. Basta solo guardare la Libia, Paese ex-socialista e alfiere dell’indipendenza pan-africana e pan-araba, distrutto soprattutto perché non aveva la capacità militare di proteggersi dalla NATO.
La RPDC è uno dei principali fari della lotta antimperialista e socialista, conquistando successi con le grandi vittorie contro l’imperialismo, a cui assistono i popoli del mondo che lottano per l’indipendenza e il socialismo.north-korea-issues-new-threat-to-u-s-bases12Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il piano di difesa giapponese tenta di mutare la situazione con la Cina

The Japan Times 18 dicembre 20151433_JAPANIl Giappone fortifica i suoi arcipelaghi sul Mar Cinese orientale secondo una strategia in evoluzione che mira a ribaltare i rapporti con la Marina militare cinese e impedirle di dominare l’Oceano Pacifico occidentale, secondo fonti militari e del governo giapponesi. Gli Stati Uniti, ritengono che gli alleati asiatici, e il Giappone in particolare, devono contribuire a contenere la crescente potenza militare cinese, spingendo il Giappone ad abbandonare la sua decennale scarna difesa delle isole a favore di un maggiore potere militare in Asia. Tokyo risponde schierando una serie di batterie di missili antinave e antiaerei sulle 200 isole nel Mar Cinese orientale che si estendono per 1400 chilometri, parallele al continente, dal Paese a Taiwan. Le interviste a una dozzina di pianificatori militari e politici del governo rivelano che l’obiettivo più ampio del Primo ministro Shinzo Abe nel rafforzare l’esercito arriva ad includere la strategia per dominare mare e cielo delle isole remote. Mentre gli impianti non sono segreti, è la prima volta che tali funzionari precisano che il dispiegamento aiuterà a mantenere a bada la Cina nel Pacifico occidentale, secondo una versione giapponese della dottrina dell'”area d’interdizione e divieto”, nota come A2/AD in gergo militare, che la Cina usa per cercare di scacciare Stati Uniti ed alleati fuori dalla regione. Le navi cinesi provenienti dalle coste orientali devono attraversare questa perfetta barriera di batterie di missili giapponesi per raggiungere il Pacifico occidentale, il cui accesso è vitale per Pechino sia per i rifornimenti dal resto degli oceani del mondo che per la proiezione del potere navale. Il Presidente cinese Xi Jinping ha dato grande importanza allo sviluppo della Marina “oceanica” in grado di difendere i crescenti interessi globali del Paese. A dire il vero, non c’è nulla che impedisce alle navi da guerra cinesi di navigare secondo il diritto internazionale, ma dovranno farlo entro la gitta dei missili giapponesi, hanno detto i funzionari alla Reuters. Con Pechino che afferma maggiore controllo sul vicino Mar Cinese Meridionale con le basi nelle isole quasi completate, gli arcipelaghi che si estendono dal Mar Cinese Orientale al territorio del Giappone e a verso le Filippine, possono divenire il confine tra le sfere d’influenza di Stati Uniti e Cina. I pianificatori militari chiamano questa linea la “prima catena di isole”.
Nei prossimi cinque o sei anni la prima catena di isole sarà cruciale per l’equilibrio militare tra Cina e Stati Uniti-Giappone”, ha detto Satoshi Morimoto, professore della Takushoku University, ministro della Difesa nel 2012 e consigliere del capo della Difesa attuale, Generale Nakatani. Una nave da guerra degli Stati Uniti a fine ottobre sfidò i limiti territoriali che la Cina afferma con le sue nuove basi sulle isole artificiali nell’arcipelago delle Spratly. Ma Pechino potrebbe già aver posto il “fatto compiuto” garantendosi il controllo militare del Mar Cinese Meridionale, secondo alcuni funzionari ed esperti. “Possiamo ritardare l’inevitabile, ma quel treno è partito qualche tempo fa“, ha detto una fonte militare statunitense con esperienza sull’Asia alla Reuters, in condizione di anonimato non essendo autorizzato a parlare ai media. L'”obiettivo finale della Cina è l’egemonia sul Mar Cinese Meridionale, sul Mar Cinese Orientale“, dichiarava Kevin Maher, per due anni a capo dell’Ufficio del dipartimento di Stato USA per gli affari in Giappone, fino al 2011. “Cercare di placare i cinesi li incoraggerebbe solo ad essere più provocatori”, ha detto Maher, ora consulente della NMV Consulting di Washington. La reazione del Giappone alla Cina sul Mar Cinese orientale iniziò nel 2010, due anni prima che Abe salisse al potere. Il precedente governo del Partito Democratico del Giappone passò dal proteggere l’isola settentrionale di Hokkaido contro l’invasione sovietica che non arrivava mai, a difendere gli arcipelaghi del sud-ovest. “La crescente influenza della Cina e il relativo declino degli Stati Uniti sono un fatto“, ha dichiarato Akihisa Nagashima, deputato del DPJ che da viceministro della Difesa contribuì ad avviare il cambiamento. “Abbiamo fatto ciò che potevamo per contribuire a garantire la sostenibilità del dispiegamento avanzato degli Stati Uniti“. La Cina investe in missili accurati, cercando di dissuadere l’US Navy tecnologicamente superiore dal solcare le acque o volare presso Taiwan o nel Mar Cinese Meridionale. Pechino, a settembre, ha mostrato ad amici e potenziali nemici la crescente potenza di fuoco nella sua più grande parata militare, commemorando la sconfitta del Giappone nella seconda guerra mondiale. Fece il suo debutto il Dongfeng-21D, missile balistico antinave ancora in collaudo che potrebbe distruggere una portaerei degli Stati Uniti da 5 miliardi di dollari. Il Congresso degli Stati Uniti ha stimato un arsenale di 1200 missili a corto e medio raggio che possono colpire qualsiasi punto della prima catena di isole. La Cina sviluppa anche sottomarini e missili da crociera furtivi lanciati da terra. “Invece di A2/AD, usiamo la frase ‘supremazia marittima e superiorità aerea’” aveva detto a settembre Yosuke Isozaki, primo consigliere per la sicurezza di Abe, autore chiave della Strategia della difesa nazionale pubblicata nel 2013, che includeva questa frase per la prima volta. “Il nostro pensiero era che volevamo poter garantire supremazia marittima e superiorità aerea in accordo con l’esercito statunitense“, ha aggiunto. Toshi Yoshihara, professore dell’US Naval War College, ha detto che Tokyo potrebbe svolgere un ruolo importante nel limitare la capacità di manovra della Cina dal Mar Cinese Orientale al Pacifico occidentale, migliorando la libertà di movimento degli Stati Uniti e guadagnando tempo affinché l’alleanza reagisca in caso di guerra con la Cina. “Si potrebbe dire che il Giappone cambi la situazione della Cina“, ha detto Yoshihara.
ColeFMapNov11 Il ricordo dell’aggressione giapponese nella seconda guerra mondiale perseguita ancora i rapporti di Tokyo con i Paesi vicini, e le tensioni si sono acuite dal ritorno al potere di Abe, che i critici vedono come un revisionista che vuole minimizzare il passato bellico del Giappone. “Ogni tendenza militare giapponese suscita attenzione e perplessità nei Paesi vicini”, dice il Ministero della Difesa Nazionale cinese alla Reuters, via e-mail, in risposta alle domande sulla strategia delle isole del Giappone. “Sollecitiamo la parte giapponese a riflettere sulla storia, e adottare azioni nell’interesse di una crescente fiducia reciproca“. Il Viceammiraglio Joseph Aucoin, comandante della Settima Flotta statunitense, definì la presenza del Giappone nel Mar Cinese orientale complementare alla grande strategia degli Stati Uniti. “Il processo di pianificazione degli Stati Uniti su qualsiasi teatro prende in considerazione capacità e forze di amici e potenziali avversari“, ha detto alla Reuters. “I piani statunitensi hanno l’obiettivo ultimo di mantenere pace e stabilità non solo per il Giappone, ma anche per la regione“. Nei prossimi cinque anni, il Giappone aumenterà di un quinto le proprie Forze di AutoDifesa sulle isole nel Mar Cinese orientale, arrivando a quasi 10000 effettivi. Le truppe, con batterie di missili e stazioni radar, saranno supportate da unità di marine sulla terraferma, sottomarini furtivi, aerei da guerra F-35, veicoli da combattimento anfibi, portaerei grandi come quelle della seconda guerra mondiale e, infine, dalla 7.ma Flotta degli Stati Uniti di stanza a Yokosuka, nella Prefettura di Kanagawa. La stretta cooperazione tra le marine giapponese e statunitense diverrà ancor più stretta con la nuova legge di sicurezza di Abe che legittima l’autodifesa collettiva, permettendo al Giappone di aiutare gli alleati attaccati. Un cambiamento cruciale, ha detto Maher: i militari statunitensi e giapponesi possono ora pianificare ed entrare in guerra insieme, moltiplicando le forze. Le maggiori spese per la difesa aumentano la potenza. I militari del Giappone vogliono un bilancio per la prima volta per il prossimo anno fiscale pari a 5000 miliardi di yen, da spendere per missili antinave a lungo raggio, velivoli anti-som, aerei di preallarme, droni Global Hawk, convertiplani Osprey e un nuovo aviogetto da trasporto pesante a lungo raggio. In alcuni aspetti, tuttavia, i militari giapponesi sono già all’opera. I missili antinave progettati 30 anni fa per distruggere i mezzi da sbarco sovietici diretti in Hokkaido sono stati impiegati per tracciare la cortina difensiva lungo l’arcipelago di sud-ovest. Capaci di lanciare una testata da 225 kg a 180 km, hanno la gittata sufficiente a coprire l’area tra le isole, lungo la catena, ha detto Noboru Yamaguchi, consigliere della Sasakawa Peace Foundation ed ex-generale che li procurò tre decenni fa.
I pianificatori militari del Giappone devono anche capire come trasformare l’esercito utilizzato per attaccare vicino le proprie basi in una forza di spedizione mobile. Decenni di sotto-investimento nella logistica hanno dato al Giappone troppo poche navi e aerei da trasporto militare per poter inviare un gran numero di truppe ed equipaggiamenti. Un compito più delicato per il governo del Giappone, tuttavia, sarà persuadere la popolazione che vive nelle isole ad accettare una maggiore presenza militare. Dopo decenni di presenza della più grande concentrazione di truppe degli Stati Uniti in Asia, la popolazione di Okinawa esprime maggiore opposizione alle basi. Per ora, le comunità degli arcipelaghi, con 1,5 milioni di abitanti, che ospitano truppe giapponesi ne sono felici, ha detto Ryota Takeda, deputato e viceministro della Difesa che nel settembre 2014 vi si recò spesso per avere l’approvazione dei residenti ai nuovi dispiegamenti. “A differenza dei funzionari seduti al Ministero della Difesa di Tokyo, sono più in sintonia con la minaccia che devono affrontare ogni giorno“.OB-UY560_msdf_H_20121014231304Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.211 follower