Le banche occidentali in fermento mentre HSBC va verso il collasso

What Does It Mean 28 agosto 2015HSBC_4C83Il Ministero delle Finanze riporta che il gigante bancario inglese HSBC si avvicina al collasso totale dopo aver perso quasi 1 trilione di dollari nel corso del Grande Crash del Mercato Globale del 2015, oggi completamente a corto di denaro per pagare obbligazioni e depositanti. Secondo il rapporto, HSBC, multinazionale bancaria e finanziaria di Londra, Regno Unito, è la quarta banca del mondo con un patrimonio dal valore di 2670 miliardi di dollari. Non è noto a molti occidentali, continua la relazione, che HSBC fu istituita nella forma attuale a Londra nel 1991 dalla Hong Kong e Shanghai Banking Corporation Limited per agire da nuova holding le cui origini risiedono ad Hong Kong e, in misura minore, Shanghai, dove le filiali furono aperte nel 1865. Con il crollo sconcertante del Shanghai Composite Index, che perde il 38% del valore dal 12 giugno, la relazione spiega, HSBC ha perso quasi 700 miliardi di dollari in Cina, mentre ulteriori 300 miliardi sono andati persi con il crollo del Dow di oltre 1800 punti dal suo picco annuale, raggiunto il 27 maggio. Conseguenza di tale massiccia perdita da 1000 miliardi della HSBC, afferma la relazione, rapporti apparivano dal Regno Unito secondo cui centinaia di migliaia di persone non ricevevano lo stipendio, cosa che il gigante bancario inglese inizialmente ha cercato di negare, ma di cui poche ore dopo ne incolpava un “errore del computer”.hsb1Esperti del MoF in questo rapporto liquidano la spiegazione della HSBC dell'”errore del computer”, notando che tale frase viene comunemente usata da banche e istituzioni finanziarie occidentali come “storia di copertura” per mascherare l’incapacità ad accedere ai contanti… e anche per spiegare ciò che impedisce a centinaia di fondi comuni d’investimento e scambio statunitensi di ripagare gli investitori delle aziende, e motivo per cui uno dei più grandi broker del mondo, Charles Schwab, ha chiuso in anticipo. Essendo HSBC la più grande banca della Gran Bretagna, questa relazione nota, si è lanciato un appello per un prestito di emergenza dalla Banca d’Inghilterra (BoE), che fa quindi appello alla Banca centrale europea (BCE), e la BCE al Federal Reserve System (FRS). Il Congresso degli Stati Uniti, dopo aver verificato che oltre 16000 miliardi di dollari del popolo statunitense sono stati consegnati dalla Federal Reserve degli Stati Uniti a imprese e banche europee, presumibilmente per “assistenza finanziaria” durante e dopo la crisi fiscale 2008, la relazione afferma che è “molto probabile” lo facciano di nuovo prima che HSBC crolli del tutto. Con la Cina che continua a scaricare centinaia di miliardi di debito statunitense per stabilizzare i propri mercati ed economie, emerge dalla relazione, il quasi collasso di HSBC oggi non è che un preludio al prossimo grande crollo finanziario globale che secondo alcuni esperti “cambierà il quadro mondiale“.
Anche se non menzionato nella presente relazione, è interessante notare che almeno il popolo statunitense vede la realtà e, secondo un notiziario, “ritirerà il proprio denaro da quasi tutto“… portando il principale portavoce delle élite, il Financial Times, a pubblicare un articolo anonimo sull’abolizione definitiva del denaro per dare a banche centrali e governi più potere.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Cina liquida i buoni del Tesoro USA, avvertendo Washington

Tyler Durden Zerohedge 27/08/2015

ChinaUSTHoldingsCi siamo chiesti cosa accadrebbe se i mercati emergenti della Cina si sbarazzassero dei buoni del Tesoro statunitensi. Per mesi abbiamo documentato la liquidazione della PBoC della gran quantità di carta degli Stati Uniti. A luglio, per esempio, notammo che la Cina aveva scaricato ben 143 miliardi di dollari in buoni del Tesoro USA in tre mesi via Belgio, lasciando la Goldman senza parole per una volta. Abbiamo seguito tutto ciò, questa settimana, osservando che grazie al nuovo regime FX (che, in ogni caso in teoria, avrebbe dovuto richiedere minor intervento), la Cina ha probabilmente venduto da qualche parte circa 100 miliardi di buoni del Tesoro USA nelle ultime due settimane, e solo come operazioni FX aperte per stabilizzare lo yuan. In parole povere, con la svalutazione della Cina e i successivi tentativi di contenerla, la Cina s’è liberata di una quantità epica di buoni del Tesoro USA. Ma anche con il gatto fuori dal sacco per i lettori di Zerohedge e anche, mescolando metafore varie, il genio uscito dalla bottiglia da metà agosto, la Cina, grazie al rifiuto netto di far galleggiare lo yuan, continuerà a vendere lentinaia di miliardi di USTS, e il mondo lentamente si sveglia su cosa in realtà implichino gli interventi FX della Cina, quando accadono due cose: i) Bloomberg, citando l’ufficio dei redditi FIX di New York, ha osservato una “pressione alla vendita sostanziale” degli USTS a lungo termine proveniente dall'”estremo oriente”, e ii) Bill Gross s’è chiesto, in un tweet, se la Cina vende buoni del Tesoro. Con certezza, abbiamo avuto la conferma di ciò che abbiamo descritto in modo esauriente per mesi. Ecco Bloomberg: “La Cina ha ridotto le sue dotazioni di titoli del Tesoro USA questo mese raccogliendo i dollari necessari per sostenere lo yuan dopo la svalutazione di due settimane fa, secondo persone vicine alla vicenda. Canali per tali operazioni di vendita diretta della Cina, sono agenti in Belgio e in Svizzera, ha detto una fonte anonima, poiché l’informazione non è pubblica. La Cina ha comunicato alle autorità statunitensi le vendite, ha detto un’altra fonte. Non hanno rivelato le dimensioni delle disposizioni. Gli ultimi dati disponibili del Tesoro e stime strategiche suggeriscono che la Cina controlla 1480 miliardi di dollari di debito pubblico degli Stati Uniti, secondo i dati compilati da Bloomberg. Compresi 200 miliardi di dollari detenuti tramite il Belgio, che Nomura Holdings Inc. dice sia la patria dei conti protetti cinesi. La PBoC ha venduto almeno 106 miliardi di attività di riserva nelle ultime due settimane, buoni compresi, secondo una stima della Société Generale SA. La cifra si basa sul calcolo della banca sulla liquidità aggiunta al sistema finanziario cinese dalla riduzione dei tassi d’interesse e dai requisiti di riserva richiesti ai creditori. Il presupposto è che la banca centrale si propone di ricostituire i fondi drenati quando comprava yuan per stabilizzarli”. Ora che ciò che è lampante da almeno sei mesi, è l’approvazione ufficiale basata sui fatti, e cosa esattamente significa il via libera alla speculazione dilagante per la politica monetaria degli USA. Ecco di nuovo Bloomberg: “La Cina vende titoli del Tesoro “non è una sorpresa, ma forse non è pienamente valutata”, ha detto Owen Callan, stratega FIX a Dublino presso Cantor Fitzgerald LP. “Cambierebbe la prospettiva sui buoni un bel po’, se iniziano a scontare abbastanza sulla liquidazione delle riserve nei prossimi sei mesi, o sulle intenzioni di come gestiranno lo yuan a qualsiasi livello”. “Con la vendita di titoli del Tesoro a difesa del renminbi, impediscono il ribasso dei rendimenti del Tesoro, nonostante il forte calo del mercato azionario“, ha detto a Bloomberg Television David Woo, a capo della Ricerca tassi globali e valute della Bank of America Corp. “La Cina impatta direttamente sui mercati globali tramite i tassi statunitensi“. Come avevamo detto, se facciamo una revisione della letteratura accademica esistente, come intrapresa da Citi, si ha idea di cosa significhi la liquidazione della riserva estera FX per i buoni del Tesoro USA (USTS). “Supponiamo che EM e Paesi in via di sviluppo, che detengono 5491 miliardi di riserve, riducano le partecipazioni del 10% in un anno, ciò equivale a 3,07% del PIL degli Stati Uniti e a un’ascesa decennale dei tassi del Tesoro per l’enorme cifra di 108 miliardi“, secondo Citi, in una nota d’inizio settimana. In altre parole, per ogni 500 miliardi di riserve valutarie cinesi liquidate, corrispondono 108 miliardi di pressione al rialzo decennale. Ricordate che, grazie alla minaccia dell’incombente aumento dei tassi della FED, e altri fattori tra cui il precipitare dei prezzi delle materie prime e rischi politici idiosincratici, le valute dei mercati emergenti sono in caduta libera, il che significa che non è solo la Cina a liquidare beni in dollari USA.
E’ chiaro che ci sia notevole pressione al rialzo dei rendimenti dei buoni del tesoro USA e che sia una situazione decisamente indesiderabile per la FED, che dovrà affrontarla a settembre. Avevamo riassunto la situazione così: “uno dei catalizzatori dei deflussi EM è l’incombente balzo della FED che, assieme a quanto sopra, indica che se il FOMC alza i tassi, quasi sicuramente accelererà la pressione sugli EM, innescando ulteriore uso degli FX di riserva (cioè svendita di buoni del tesoro USA), con conseguente notevole pressione sul rialzo dei rendimenti e un’inversione politica immediata, forse anche un QE4“. Bene, ora che la Cina liquida con frenesia i buoni del Tesoro USA, a un ritmo tale da non poterlo nascondere o minimizzare come irrilevante, e ora che Bill Dudley ha ufficialmente aperto la porta a un “ulteriore allentamento quantitativo“, sembrerebbe che l’unico modo per evitare che Cina ed EM liquidino i buoni del Tesoro USA, come indica Citi, “sia soffocare il mercato immobiliare degli USA” ed imporre una restrizione, tramite il canale di emissione degli UST, del FOMC avviando il QE4.20150826_EMFXTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il gigante bancario Citigroup trasferisce le riserve auree in Russia

What Does It Mean 25 agosto 2015

Sanford Weil, Rupert Murdoch, Valdimir Putin, Robert Kraft

Sanford Weil, Rupert Murdoch, Valdimir Putin, Robert Kraft

Un curioso rapporto del Ministero delle Finanze che circola al Cremlino riferisce che la Banca Centrale della Russia (CBR) ha “accettato di proteggere” 3 milioni di once d’oro del valore di oltre 3,5 miliardi di dollari del gigante dei servizi bancari e finanziari statunitense Citigroup, con inoltre quasi 100 miliardi di dollari liquidi. Secondo il rapporto, 1,4 milioni di once di oro ora protetti nelle casseforti della CBR, sono stati spediti direttamente dal Venezuela dopo un complesso accordo ad aprile tra la nazione sudamericana e Citigroup, e altri 1,6 milioni di once provenienti da vari Paesi con cui il colosso dei servizi bancari e finanziari ha rotto i legami nell’ultimo anno e mezzo, 11 nazioni, tra cui il Giappone, con cui Citigroup ha rotto, spiega il rapporto, perché anche di fronte le sanzioni occidentali Citigroup ha rifiutato di rompere con la Federazione (russa), e il direttore finanziario John Gerspach ha semplicemente detto al regime di Obama che “Non lasceremo la Russia”. Citigroup sulla sua pagina web, come questa relazione rileva, spiega ulteriormente il rapporto con la Federazione, affermando: “La storia di Citi in Russia è iniziata quasi 100 anni fa ed è strettamente legata alle vicende drammatiche svoltesi in quel periodo nel Paese. Citi ha sempre agito da collegamento tra l’economia russa e le altre economie mondiali e ha giocato un ruolo importante nello sviluppo commerciale e delle relazioni economiche estere del Paese. Citi arrivò in Russia alla vigilia della Rivoluzione. Nel 1916, Citi, allora chiamata National City Bank (NCB), sottoscrisse obbligazioni a sostegno del governo dell’Impero russo mentre la prima guerra mondiale riscuoteva il pedaggio sulle risorse del Paese“. Dei 100 miliardi di dollari in contanti della Citigroup “accettati per essere protetti” dalla CBR, la presente relazione continua, sono stati trasportati a Mosca da Cairo la scorsa settimana, prima dell’odierna decisione della Banca centrale d’Egitto che approva la vendita dei beni del gigante bancario nel Paese all‘International Commercial Bank (ICB), come aveva annunciato a giugno. Quanto al motivo per cui Citigroup trasferisce in segreto 100 miliardi in contanti dalle filiali egiziane, il rapporto non dice nulla, ma il Ministero delle Finanze nota che oro e denaro della Citigroup “accettati per essere protetti” dalla CBR, ora sono sottoposti alle leggi della Federazione e non sono soggetti a reclami di qualsiasi soggetto estero, compresi gli Stati Uniti. Quanto al motivo per cui Citigroup ha bisogno di tale straordinaria protezione dei propri beni, gli esperti del MoF nella relazione spiegano che va imputata all’implacabile assalto del regime di Obama, tra cui una multa di 700 milioni per “Pratiche sleali e ingannevoli” di un paio di settimane prima e un’indagine sui prestiti agli studenti che il colosso bancario teme possa comportare altre sanzioni finanziarie… oltre ai 7 miliardi di dollari che è stato costretto a pagare lo scorso anno per le pratiche sui prestiti ipotecari. Ancora più importante da notare, questi esperti dicono nel rapporto che la leadership della Citigroup è “molto preoccupata” dall’economia statunitense in via di collasso, come è stato evidenziato negli Stati Uniti dal lunedì nero che ha visto più di 1,8 miliardi di dollari svanire sui stimati 24,1 miliardi di dollari detenuti dal pubblico statunitense.
Anche se la Cina ha ridotto il tasso a fronte del peggiore crollo del mercato nazionale in 20 anni, per il momento l’ha disaccoppiato dal resto dei mercati mondiali creando un’illusoria momentanea stabilità, avverte la relazione, e le vendite del 24 agosto non furono causate dai cinesi, ma dalla confusione globale totale… con il peggio che deve venire nelle prossime settimane. È fondamentale notare che questa terribile valutazione del MoF è sostenuta da Damian McBride, consigliere dell’ex-primo ministro inglese Gordon Brown, che cupamente ha dichiarato: “Consigli per il crollo incombente, No.1: mettete il denaro in un posto sicuro; non pensate che banche e sportelli bancomat (ATM) restino aperti, o che le carte di credito funzionino. No.2: Avete abbastanza acqua in bottiglia, scatolame e altri beni essenziali a casa per un mese? In caso contrario, fate la spesa. No.3: decidete un punto in cui riunirvi con i vostri cari in caso di interruzione di trasporti e comunicazioni; da dove potete recarvi da qualche parte“.
Mentre sempre più forze nucleari statunitensi e russe convergono sul fronte occidentale, la relazione conclude tristemente con i consigli al regime di Obama di uno dei suoi migliori consiglieri economici, Paul Krugman, secondo cui una guerra mondiale o contro gli alieni è necessaria per sistemare l’economia; si vede facilmente dove tutto questo porta… più prima che poi. E anche se Citigroup ora protegge se stessa, ci si può solo chiedere quanti altri ce ne siano. Ma non importa cosa succede, anche il peggio, nessuno potrà dire che non è stato avvertito… solo che non ascoltano.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il valore dell’oro cresce giorno dopo giorno

F. William Engdahl New Eastern Outlook 12/08/2015mao-gold-china-graft-4Il valore dell’oro mondiale cresce di giorno in giorno. Parrebbe un paradosso, ma non lo è. Il valore dell’oro non è fissato dalla borsa Comex, o da Londra o Zurigo. È vero, la maggior parte del commercio pubblico d’oro prende spunto oggi dai futures sul prezzo dell’oro Comex del CME in cui il valore del lingotto d’oro non sembra crescere. Ma perché possiamo parlare di valore dell’oro in aumento? Il prezzo dei futures sull’oro Comex è passato da 1896 dollari dell’agosto 2011 al minimo attuale di 1099, visto l’ultima volta sei anni fa, con tendenza al ribasso. Qui veniamo alla fallacia della composizione estrapolando un particolare dall’universale, assumendo che sia vero il tutto solo perché ne è vera una parte. Il mercato dei futures sull’oro Comex di New York e il commercio Over-the-Counter (OTC) attraverso la London Bullion Market Association fissano i prezzi seguiti ampiamente nel mondo. Sono anche mercati dominati da una manciata di grandi attori, le sei banche di compensazione dell’oro della London Bullion Market Association, la corrotta JP MorganChase; la banca degli scandali UBS di Zurigo; la Bank of Nova Scotia – ScotiaMocatta, la banca dell’oro più antica del mondo, nata come banca della Compagnia delle Indie orientali inglese, che guidò le guerre dell’oppio in Cina; la Deutsche Bank degli scandali; le Barclays Bank di Londra a capo di altri scandali; HSBC di Londra, la banca dei narcocartelli messicani; e la fraudolenta Societé Generale di Parigi. La principali banche centrali, in particolare Federal Reserve e Banca d’Inghilterra, furono accusate di collusione con le principali banche di compensazione per distruggere artificialmente i prezzi dell’oro quando, come nel 2011, l’oro minacciò di andare fuori controllo e mettere in pericolo il ruolo del dollaro quale prima valuta di riserva mondiale. Le organizzazioni che rappresentano gli investitori dell’oro, come GATA, documentarono per anni come le manipolazioni del prezzo dell’oro furono effettuate. In breve, acquisto e vendita di oro a Londra e New York sono in mani discutibili. Ci sono anche voci su alcuni nomi importanti nel commercio dell’oro coinvolti nella grande frode criminale della placcatura in oro di barre di tungsteno fatte circolare come lingotti d’oro fasulli. La conferma è naturalmente molto difficile, ma un’avvertenza ragionevole potrebbe essere praticare un piccolo foro nei prossimi lingotti d’oro da acquistare, prima di pagarli. Le banche occidentali dell’oro tardi hanno anche creato ETF o exchange-traded funds, fondi derivati e garantiti dall’oro, ma non pagati in oro. Lo scambio dei cosiddetti futures dell’oro in carta e altre forme di contratti speculativi, dove non c’è scambio di oro fisico, se una volta era legato rozzamente ad acquisto e vendita dell’oro nel mondo, oggi ne è scollegato. E’ un casinò beatamente libero di decidere il prezzo dell’oro. Siamo partiti con un mercato dell’oro in cui il prezzo viene manipolato, come il petrolio, dalle grandi banche e banche centrali occidentali che decidono il prezzo finale.

Costruire un nuovo mercato dell’oro
china-russiaQuesta disconnessione chiaramente non piace ai grandi compratori di oro come Cina, Russia e altri. Invece di urlare e piagnucolare sulla “frode” dei proprietari del COMEX/CME o dei Big Six della London Bullion Market Association, questi Paesi hanno fatto la mossa geniale creando un mercato dell’oro completamente diverso, dove JP MorganChase o HSBC o Deutsche Bank non hanno alcun controllo, ma dove Cina, Russia e altri supervisionano, adattandosi perfettamente alla recente creazione della Nuova Banca dello Sviluppo dei Paesi BRICS e della Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali asiatica di Shanghai (AIIB). Lo scorso maggio, la Cina annunciava l’istituzione di un fondo d’investimento in oro statale. L’obiettivo è creare, inizialmente per 16 miliardi di dollari, il maggiore fondo dell’oro fisico del mondo per sostenere i progetti di estrazione dell’oro lungo le nuove linee ferroviarie ad alta velocità della Fascia Economica della Nuova Via della Seta del Presidente Xi, come viene chiamata. Mentre la Cina ha detto che lo scopo è permettere ai Paesi eurasiatici lungo la Via della Seta di aumentare la base d’oro delle relative valute. E’ un chiaro pensiero e i governi lungimiranti pensano di creare un gruppo stabile di valute basate sull’oro facilitando un commercio ordinato libero dalle guerre valutarie Washington. I Paesi lungo la Via della Seta e i BRICS ospitano la maggior parte della popolazione mondiale ed hanno risorse naturali e umane che li rendono del tutto indipendenti da qualsiasi pretesa occidentale. A fine maggio la Shanghai Gold Exchange della Cina istituiva formalmente il “Fondo dell’Oro della Via della Seta”. Ad oggi i due principali investitori del nuovo fondo sono le due maggiori società aurifere della Cina, la Shandong Gold Group che ha comprato il 35% delle azioni, e Shaanxi Gold Group con il 25%. Il fondo investirà nei progetti auriferi lungo la ferrovia eurasiatica della Via della Seta, comprese vaste regioni inesplorate della Federazione russa. La cooperazione aurifera della Cina si estende alla Russia, partner più vicino alla Cina dato che le stolte sanzioni economiche di Stati Uniti e dell’Unione europea hanno costretto al cambio strategico definitivo della Russia, passando dall’ammissione quale rispettato partner a pieno titolo dell’occidente, ricercata dalla presidenza Medvedev, alla cooperazione strategica globale con la Cina e i partner eurasiatici della Shanghai Cooperation Organization, e con Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa dei BRICS. L’11 maggio, poco prima della creazione del nuovo fondo dell’oro della Cina, la China National Gold Group Corporation, siglava un accordo con il gruppo aurifero russo Poljus Gold, il maggiore gruppo aurifero della Russia e uno dei primi dieci al mondo. Le due società esploreranno le risorse aurifere in ciò che oggi è il più grande giacimento d’oro della Russia presso Natalka, nella parte orientale del distretto di Kolyma, Magadan. La Russia incrementa vigorosamente le riserve auree della banca centrale negli ultimi anni. Durante l’era Eltsin, ai primi anni ’90, la mafia di Eltsin derubò lo Stato di quasi tutte le riserve auree. Durante l’epoca sovietica, il sostegno dell’oro al rublo era considerato superfluo nell’economia di comando della pianificazione statale centrale. Secondo le statistiche ufficiali, le riserve auree ufficiali della Russia erano pari a 1250,9 tonnellate a giugno. Nei primi cinque mesi del 2015 la Russia ha aumentato la produzione aurifera nazionale per più di sei volte. L’oro è sempre di grande interesse per il Presidente Putin e la leadership russa. Alcuni credono che un rublo d’oro non sia lontano e chiaramente la Cina, sostenendo un renminbi accettabile come valuta di riserva mondiale, sosterrà la sua moneta con l’oro, molto oro, per farne un’alternativa credibile ai discussi dollaro ed euro. La grande Siberia orientale della Russia contiene enormi riserve aurifere non sfruttate. La Russia è oggi il terzo produttore di oro al mondo con circa 245 tonnellate prodotte nel 2014. La Cina, con oltre 450 tonnellate l’anno, è il più grande produttore mondiale di oro. Il Sud Africa, membro dei BRICS con Cina e Russia, aggiungerà nuova energia alla rinascita dell’oro come base solida delle valute che sostituiranno lo svalutato sistema del dollaro. Il Sud Africa, che fino al 2006 era il maggiore produttore di oro al mondo, oggi è il settimo con 150 tonnellate e l’Uzbekistan, membro della Shanghai Cooperation Organization, è l’ottavo maggiore produttore di oro del mondo nel 2014 con 102 tonnellate. Il 4 maggio l’ambasciatore cinese in Uzbekistan annunciava che il Paese veniva incluso nel progetto “Cintura economica della Via della Seta” della Cina.
Lentamente e molto sistematicamente emergono i contorni della nuova alternativa basata sull’oro al sistema del dollaro gonfiato o dell’euro indebitato. La Nuova Via della Seta Economica, integrata dai nuovi Paesi membri dell’Unione economica eurasiatica della Russia, ed altri, è molto più di una semplice ferrovia. Diventa il sistema nervoso centrale di ciò che in tre-cinque anni, al ritmo attuale, sarà il più grande spazio economico in maggiore crescita sulla Terra. In combinazione con l’iniziativa delle infrastrutture ferroviarie cinesi della Via della Seta e il nuovo fondo dell’oro cinese da 16 miliardi di dollari per sostenere i progetti di estrazione dell’oro lungo la Via della Seta, l’Eurasia, guidata da Cina e Russia, sottrarrà dalla presa anglo-statunitense l’oro, cui ha imposto prezzi di mercato artificialmente manipolati e depressi per decenni, di fatto bloccando il flusso naturale dell’oro nell’economia mondiale. Mentre gli sguardi fissano COMEX o London Bullion Market Association, che decidono quotidianamente il prezzo dell’oro, il valore reale dell’oro come moneta di riserva e indice di solidità monetaria cresce di giorno in giorno. Senza dubbio ciò addolora di molto la gente del Tesoro USA, della Federal Reserve e di Wall Street.FtZclCSb6hcbsQr912u2P9PpQbAYyaroF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il caso dell’oro mancante della Cina

Tyler Durden Zerohedge 20/07/2015827echina-gold-deng-xiaoping-bust-3Dopo la rivelazione ufficiale della Cina secondo cui, per la prima volta dall’aprile 2009, ha aumentato le riserve auree “solo” di 600 tonnellate, presumibilmente in un mese, cosa impossibile che conferma come anche la PBOC non solo trucchi i suoi libri, ma sia disposta a confermare ciò, molti si chiedono cosa realmente accade dietro le quinte della banca centrale, che secondo anche stime prudenti di Bloomberg, ha visto il suo oro triplicarsi ad oltre 3510 tonnellate. Forse la risposta è molto semplice: mentre molti ritengono che l’unica ragione per cui la Cina ha rivelato (parte delle) sue ultime riserve auree, rafforza ulteriormente la richiesta per l’ammissione al Diritto speciale di prelievo presso la FMI, la vera ragione per cui la PBOC può aver dichiarato al mondo che ha molto più oro sia semplicemente per sostenere il proprio mercato. Impossibile? Ricordiamo una citazione poco nota della Reuters del 3 luglio, proprio mentre le scorte cinesi precipitavano del 7% su base giornaliera, con indici dei futures fermi al limite minimo e la metà delle borse cinesi sospese: “Lo Shanghai Composite Index è crollato di oltre il 7,1 per cento all’avvio. La sessione mattutina si è conclusa con un calo del 3,3 per cento, a 3785,6 punti, verso una perdita settimanale di quasi il 10 per cento. “E’ un disastro borsistico. Se non lo è, cos’è?” ha detto Fu Xuejun, stratega della Huarong Securities Co. “Il governo deve salvare il mercato, non con parole vuote ma con veri argento e oro” disse, dicendo che la caduta in piena regola del mercato metteva in pericolo il sistema bancario, colpendo i consumi ed innescando l’instabilità sociale”. Forse tutto ciò che la PBOC ha fatto è seguire il consiglio di Fu e tirare delicatamente il sipario sul fatto che la sua vera partecipazione non ha altro motivo che ripristinare la fiducia nel bilancio e quindi stabilizzare il mercato. Per inciso, questo è esattamente ciò che dicemmo quando la PBOC stupì i media. Ricordiamo che la spiegazione ufficiale della SAFE della Cina fu una rivelazione inattesa: “L’oro come bene speciale, dai diversi attributi finanziari e vantaggi, insieme ad altre attività. aiuta a regolare e ottimizzare le caratteristiche di rischio del rendimento complessivo del portafoglio delle riserve internazionali. A lungo termine e da una prospettiva strategica, se necessario, regola dinamicamente le riserve internazionali di portafoglio, sicurezza, liquidità ed incremento del valore delle attività di riserva internazionale”. Come osservammo “la Cina ha dovuto attendere che il suo mercato azionario si arrestasse per presentare il “bazooka” della stabilità sistemica: l’oro. Perché rivelando l’aumento delle proprie riserve auree, la PBOC spera di fornire finalmente quel legame mancante che aumenterà la fiducia degli investitori, convincendoli ad acquistare nuovi titoli“. E ora che il sigillo è stato finalmente rotto dopo tanti anni, e dato che l’aggiornamento di oggi indica che le cifre sull’oro cinese sono chiaramente dettate da uno scopo politico specifico, rafforzare la fiducia, attendiamo che la PBOC inizi a diffondere ogni mese i dati sull’aumento dell’oro in suo possesso (soprattutto nei mesi in cui blocca il mercato) avvicinandoci sempre più alle vere riserve auree della Cina. Forse è un semplice caso che la PBOC riveli di possedere più oro di quanto previsto, solo per conservare un po’ di fiducia dopo aver intrapreso una serie inaudita di “tuffi di protezione”, pochi dei quali riusciti (almeno fino a quando le minacce di chiusura definitiva dei venditori sono emerse). Poi un’altra possibile spiegazione è offerta da Ambrose Evans-Pritchard del Telegraph, citando l’analista della Sharps Pixley, Ross Norman, secondo cui “il livello di riserve auree annunciato dalla Cina sottostima in maniera massiccia i dati reali del Paese. “Pensiamo che abbia almeno il doppio, forse anche 4000 tonnellate”, ha detto. Secondo la Sharps Pixley un “cambiamento sismico” è in corso sul mercato dell’oro mentre il potere economico si sposta ad est aumentando i prezzi dell’oro nel frattempo”. “Una divisione dell’Esercito di liberazione popolare ha miniere d’oro da cui trasferisce il metallo al Ministero delle Finanze cinese, agendo da circuito commerciale normale. Il governo acquista l’oro direttamente dai produttori cinesi. Si tratta di una transazione interna e non è quindi necessariamente registrata nelle riserve estere della Cina”. Poi AEP prosegue citando David Marsh, del forum monetario OMFIF, secondo cui “la Cina rischierebbe d’inquietare il mercato dell’oro mondiale se rivelasse riserve per 2000 o 3000 tonnellate. Questo potrebbe essere interpretato come mossa ostile nei confronti del dollaro in un “momento delicato“.” E da un punto di vista puramente logico, sarebbe molto più ragionevole per la PBOC rivelare solo una frazione delle sue riserve auree, sia per stabilizzare il mercato azionario che per aumentare le possibilità di ammissione alla DSP, piuttosto che svelare l’intera cassaforte, soprattutto se ne vuole comprare altro: non ci vuole un genio per capire che si possono acquistare più beni e più economicamente se non si svela di aver accumulato enormi quantità di un determinato bene. Così la prossima domanda è se la Cina ha effettivamente più oro di quanto viene detto e se la PBOC semplicemente esponga le sue partecipazioni un mese alla volta, per qualsiasi motivo (soprattutto perché sappiamo che la PBOC non ha acquistato più di 600 tonnellate a giugno), allora dov’è questo oro “nascosto”, o meglio, dove va tutto l’oro della Cina, le migliaia di tonnellate sia delle miniere nazionali che importate negli ultimi cinque anni? Una risposta è data da Louis Cammarasno nel seguente post sul blog Smaulgld:

“Il caso dell’oro mancante cinese”
• La Banca Popolare di Cina aggiorna le sue riserve auree
• Le riserve auree cinesi aumentano di 604 tonnellate passando da 1054 tonnellate nel 2009 a 1658
• Molti osservatori si chiedono: ‘Tutto qui’?
• Dal 2009 la Cina ha estratto più di 2000 tonnellate d’oro e importato oltre 3300 tonnellate d’oro attraverso Hong Kong*.
• Dov’è finito?

Il caso dell’oro mancante della Cina
Il 17 luglio 2015 la Banca popolare di Cina (PBOC) ha aggiornato le riserve auree per la prima volta dal 2009. La PBOC ha riferito dell’aggiunta di 604 tonnellate d’oro alle riserve per un totale che passa da 1054 a 1658 tonnellate. L’annuncio è stato ampiamente anticipato dalla PBOC come pre-requisito alla domanda della Cina per aderire ai Diritti Speciali di Prelievo (“DSP”) del Fondo Monetario Internazionale (FMI). Le riserve auree annunciate dalla Cina sono una quantità rispettabile ma di gran lunga inferiore a ciò che molti osservatori credono possieda. 1658 tonnellate d’oro sono sufficienti per il Fondo monetario internazionale? Avere maggiori riserve auree non serve per aderire ai DSP. L’Inghilterra è nei DSP ed ha poco più di 310 tonnellate d’oro. Abbiamo sostenuto che l’obiettivo primario della Cina non è l’accettazione dei DSP, ma piuttosto creare una struttura internazionale finanziaria parallela che rivaleggi con il FMI. Pensiamo che la Cina detenga parte del suo oro nella PBOC quale riserva, e il resto sia tenuto altrove in Cina. Le riserve auree aggiornate della PBOC sono cinque volte quelle inglesi e certamente sufficienti a dimostrare il peso finanziario richiesto per l’ammissione ai DSP. La PBOC non deve riportare migliaia di tonnellate d’oro per entrarvi, e non deve eclissare il principale partner commerciale, a questo punto, gli Stati Uniti (che dichiarano riserve auree per 8135 tonnellate).world-gold-reserves-july-2015-top-20Il recente aggiornamento della Cina delle proprie riserve auree la mettono al quinto posto tra le nazioni in possesso d’oro.

Come la Cina ha segnalato l’aggiornamento delle sue riserve auree
Inoltre le oltre 600 tonnellate d’oro delle riserva della PBOC sono presentate quale singola voce, nel giugno 2015! A differenza della Russia che riporta gli aumenti nelle sue riserve auree mensilmente (come noi cataloghiamo qui), la PBOC ha scelto d’includere l’intero aumento delle sue riserve auree dal 2009 in un solo mese.PBOC-gold-reserves-july-2105-amendedLa Banca Popolare Cinese presumibilmente ha aggiunto 1943 milioni di once di oro (circa 600 tonnellate) alle sue riserve a giugno.

Quanto oro c’è in Cina?
L’importo supplementare di oro che la PBOC ha riferito non sembra quadrare con i rapporti disponibili su produzione e importazione di oro cinese.

Produzione mineraria cinese
La Cina è ora la prima nazione del mondo per miniere d’oro e non l’esporta praticamente mai.chinese-gold-mining-production-2000-2014-for-postLa Cina ha prodotto più di 2000 tonnellate d’oro dal 2009.

Riserve minerarie cinesi
Ce n’è molto di più laddove proviene! Il 25 giugno 2015, Zhang Bignan Presidente e Segretario Generale della China Gold Association presentò questa diapositiva al forum del London Bullion Market indicando che la Cina ha riserve minerarie di oro per circa 9800 tonnellate.Chinese-gold-mining-reserves-2015Secondo il Presidente e Segretario Generale della China Gold Association, la Cina ha più di 9800 tonnellate di oro nelle riserve minerarie.

Le importazioni di oro cinesi
La Cina ha anche di molto intensificato la importazioni di oro dal 2009. Dal 2010 al maggio 2015 le importazioni cinesi d’oro nette attraverso Hong Kong furono di oltre 3300 tonnellate.annual-chinese-gold-net-imports-july-2015Le importazioni di oro cinesi attraverso Hong Kong ammontano ad oltre 3300 tonnellate dal 2009.
* La Cina importa anche una quantità ignota, ma grande, di oro attraverso Shanghai.

Il commercio di oro cinese sul Shanghai Gold Exchange
Oltre a produzione e importazione di oro la Cina gestisce anche il Shanghai Gold Exchange (SGE) un importante hub commerciale di oro fisico. I prelievi di oro fisico dal SGE fino ad oggi, 2015, vanno oltre le 1200 tonnellate e oltre le 9000 tonnellate da gennaio 2009.shanghai-gold-exchange-week-ended-july-10-2015I prelievi di oro fisico dal Shanghai Gold Exchange vanno oltre le 1200 tonnellate dall’inizio del 2015.

Chi possiede l’oro cinese?
Se la produzione mineraria e le importazioni attraverso Hong Kong e Shanghai di oro cinese non finiscono alla PBOC, dove vanno?

Il popolo cinese
Una buona parte dell’oro cinese è in mano ai cittadini. La famosa follia “Da Ma” o le casalinghe cinesi che comprano ad ogni tuffo dei prezzi, presumibilmente detengono buona parte dell’oro della nazione. Alcuni stimano che i cittadini cinesi detengano migliaia di tonnellate d’oro. Una stima afferma che ne detengano 6000 tonnellate.

Banche pubbliche cinesi
Forse altro oro della nazione cinese si trova nelle altre banche statali, non necessariamente nella PBOC, come Agricultural Bank of China, Bank of China, China Construction Bank, China Development Bank e Industrial and Commercial Bank of China tutte situate, come la PBOC, a Beijing.

Il Fondo sovrano cinese
La China Investment Corporation (CIC) sempre a Bejiing, è un fondo sovrano responsabile della gestione di parte delle riserve in valuta estera della Repubblica Popolare cinese. La CIC ha 746,7 miliardi dollari di asset e riferisce al Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese.

Contabilità fuori bilancio?
La CIC ha 225,321 miliardi di beni finanziari e circa 3,130 miliardi di dollari in “altre attività” in bilancio. È possibile che alcuni di questi “attivi” siano in oro. La CIC ha tre filiali: CIC International (responsabile di azioni ed investimenti obbligazionari internazionali), CIC Capital (investimenti diretti) e Central Huijin (partecipazioni in istituzioni finanziarie ed imprese di proprietà statale cinesi).
Central Huijin detiene partecipazioni rilevanti in: Agricultural Bank of China (40,28%), Bank of China (65,52%), China Construction Bank (57,26%), China Development Bank (47,63%) e Industrial and Commercial Bank of China (35,12%). Per un Remnimbi sostenuto dall’oro 1658 tonnellate di riserve auree sono insufficienti, ma per l’ammissione ai DSP sono perfette. Se infatti la Cina detiene oro tramite la CIC e/o qualsiasi banche statale, la PBOC potrebbe inserire l’oro nel proprio bilancio per dimostrare, rapidamente e facilmente in un solo mese, più riserve auree con una singola voce.central_bank_chinaTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.988 follower