L’intesa India-Pakistan trasformerà l’Eurasia

F. William Engdahl New Eastern Outlook 31/01/2016modi-sharifNegli ultimi mesi, l’India del nuovo dinamico premier Narendra Modi e il primo ministro del Pakistan Nawaz Sharif hanno fatto i primi passi verso la soluzione di 70 anni di tensioni di confine. Le due grandi nazioni eurasiatiche puntano all’armonia politica e infine economica, che potrebbe cambiare notevolmente in meglio la geopolitica di guerre e caos mondiale. Saranno i Paesi chiave del cuore eurasiatico dell’emergente Shanghai Cooperation Organization, di cui entrambi sono gli ultimi aderenti. Provocherà infarti a Londra, New York e Riyadh.
E’ utile studiare la metodologia storica effettiva della strategia dell’equilibrio dei poteri inglese, quando l’impero crebbe dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo nel 1815. In sostanza fu il dominio inglese sui mari del mondo, attraverso la Royal Navy, controllando il commercio mondiale pur mantenendo l’Europa continentale quale potenziale sfidante sottomessa, mantenendo sempre alleanze con gli Stati o le potenze avversari più deboli per condurre attriti o guerre contro l’avversario più forte, il che significava schierarsi una volta con la Prussia contro la Francia, e nell’altra con la Francia contro la Germania, e così via. Era chiaro alla fine della seconda guerra mondiale che gli Stati Uniti d’America, l’egemone emerso dalla guerra, non avevano alcuna intenzione di aiutare l’alleata Gran Bretagna a mantenere la zona commerciale favorita della sterlina imperiale inglese, per ripristinare infine l’impero e sfidare la nuova egemonia degli USA. Gli Stati Uniti decisero prima di smembrare quell’impero e infine dare alle società statunitense ciò che rimase. Dopo la guerra, crearono la Comunità europea del carbone per fare dell’Europa continentale devastata dalla guerra un loro vassallo economico, sempre con lo spauracchio dell’Unione Sovietica per mantenere l’Europa docile. Era il sistema di potere statunitense. Truman, nell’agosto 1945, su consiglio delle banche di Wall Street, scioccò Londra interrompendo bruscamente il programma affitti e prestiti di guerra con cui la fallita Gran Bretagna, di fatto, poteva importare beni vitali come il cibo. Washington perseguì la negoziazione di un prestito le cui condizioni chiesero che Il Regno Unito rendesse la sterlina convertibile.

Il sole tramonta sull’impero
La combinazione di richieste finanziarie di Washington nel dopoguerra al governo laburista di Clement Attlee e rovina dell’economia di guerra della devastata Gran Bretagna, rese mantenere l’impero, soprattutto l’India, fiscalmente impossibile. Quando il governo inglese nel 1947 nominò Lord Mountbatten in Birmania, zio del principe Filippo, a supervisore del passaggio del Raj indiano degli inglesi, allora comprendente anche Pakistan e Bangla Desh, all’indipendenza, Mountbatten fece in modo di gettare i semi di più di sei decenni di conflitti. Il suo piano, realizzato in sei mesi, puntava a ciò che chiamò “Teoria delle due nazioni”, tutte le aree con popolazione a maggioranza musulmana sarebbero diventate parte del Pakistan, e quelle con maggioranza indù si sarebbero unite all’India. I conflitti religiosi furono programmati dal divide et impera giocato dagli inglesi. Le placche tettoniche che Mountbatten pose in collisione furono l’India, Stato prevalentemente indù, e il Pakistan, Stato dalla schiacciante maggioranza musulmana sunnita. Sul Kashmir, territorio contestato oggi da India, Pakistan e Repubblica popolare cinese, Mountbatten lasciò che si decidesse in futuro se diventare parte dell’India o del Pakistan. Era come se avesse deciso di porre una bomba pronta al confine delle nuove nazioni. Incastrato nella valle dell’Himalaya tra le tre grandi nazioni asiatiche, il Kashmir è stato ed è oggi il centro della crisi che può, e troppo spesso è, esplodere nello scontro incontrollato tra India e Pakistan, entrambi in possesso di armi nucleari. Inoltre, il Kashmir è geopoliticamente strategico non solo per India e Pakistan, ma anche per la Cina. Oggi l’India vi staziona 700000 forze di sicurezza per mantenere sotto stretto controllo una popolazione di 7 milioni di musulmani nella valle del Kashmir. Ben 80000 persone furono uccise nel conflitto sul Kashmir negli ultimi due decenni ed 8000 civili sono i dispersi in Kashmir. Poco nota è l’affermazione della Cina sull’impatto del Kashmir nella sicurezza della provincia della Cina occidentale dello Xinjiang, al confine col Kashmir conteso, e sede della minoranza uigura musulmana Cina. Nel 1962, dopo una breve guerra di confine con l’India, la Cina prese il pieno controllo dell’Aksai Chin in Kashmir, al confine con la strategica provincia cinese dello Xinjiang. Dopo la guerra di confine del 1962 tra Cina e India, la Cina sviluppò la “solida amicizia” con il Pakistan, sostenendolo nelle guerre contro l’India nel 1965 e 1971, e sostenendone le pretese sul Kashmir. Il cosiddetto Movimento islamico del Turkestan Oriente (ETIM), così come SIIL e altri gruppi terroristici radicali, sono sempre più attivi nello Xinjiang, il cuore della produzione di petrolio e gas della Cina, e nodo dei gasdotti per Kazakistan e Russia. L’irrisolta partizione del Kashmir è la chiave geopolitica per risolvere le guerre infinite in Afghanistan, il conflitto tra Pakistan e India, e aprire l’intera regione al notevole futuro sviluppo economico cooperando con la Cina sui progetti infrastrutturali per strade, ferrovie e porti.

L’adesione alla SCO apre nuove porte
Negli ultimi mesi, aiutata dal governo poco filo-USA di Najendra Modi, l’India ha compiuto sottili passi per la distensione e infine porre fine al conflitto infinito tra India e Pakistan sul Kashmir. Dalla rielezione nel 2013 il regime pakistano del primo ministro Nawaz Sharif, capo della Lega musulmana pakistana e punjabi del Kashmir, ha allontanato da Washington il Pakistan che sotto il Generale Musharraf dipendeva dagli Stati Uniti dal 2001, nella guerra al terrorismo e nella disastrosa guerra in Afghanistan. Sharif, pur mantenendo relazioni amichevoli con Washington non è malleabile ed ha cercato migliori legami con la Cina, vecchia alleata del Pakistan, e con la Russia, forte alleata dell’India dalla guerra fredda. Modi, leader nazionalista indù del Bharatiya Janata Party (BJP), da quando è primo ministro indiano, nel maggio 2014, ha lanciato un’impressionante ripulita della burocrazia statale della pianificazione indiana, agendo per rendere gli investimenti esteri più attraenti. Il risultato è che nel 2015 l’India era il Paese leader negli investimenti esteri diretti nel mondo, superando anche la Cina. Modi ha compiuto grandi passi per migliorare le infrastrutture dei trasporti in India, in particolare autostrade e reti ferroviarie, riformando per prima le ferrovie. L’India di Modi ha lanciato la costruzione in joint venture francesi e statunitensi di 1000 nuove locomotive diesel col piano “Make in India”. A fine dicembre 2015, il suo governo ha firmato un accordo con il Giappone per costruire un sistema di treni ad alta velocità che collega Mumbai e Ahmadabad, e la massiccia espansione della rete autostradale in India, creando moderni collegamenti per le aree più remote per la prima volta. Inoltre, 101 fiumi saranno convertiti in corsi d’acqua nazionali per il trasporto di merci e passeggeri. Mentre l’agenda economica nazionale finora è impressionante, Modi sa chiaramente che il futuro della robusta trasformazione economica indiana è collegare la seconda nazione più popolosa del mondo allo spazio economico eurasiatico emergente, dominato da Cina e Russia. Nel luglio 2015 l’eurasiatica Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, gruppo sempre più strategico creato nel 2001 a Shanghai per incrementare la cooperazione nello spazio eurasiatico tra Cina, Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Tagikistan, ha votato per estendere lo status di piena adesione nel 2016 di Pakistan e India. E’ la prima espansione in 15 anni di storia della SCO, e potenzialmente la più significativa, in quanto apre l’intera area eurasiatica dalla Cina all’India attraverso Pakistan, Kazakistan, Russia e gli altri Stati aderenti all’Unione economica eurasiatica, tra cui oltre a Russia e Kazakistan, Bielorussia, Armenia e Kirghizistan. Gli aderenti alla SCO nel 2015 approvavano ufficialmente la partecipazione al vasto programma per le infrastrutture stradali e marittime del Grande Progetto Via e Cintura della Cina. Modi prevede chiaramente di collegare la rete ferroviaria indiana aggiornata al progetto della Via della Seta della Cina. La distensione con il Pakistan è la chiave geografica di ciò. L’agenda economica eurasiatica è chiaramente il motivo trainante della visita a sorpresa di Modi nella capitale del Pakistan, Lahore, per incontrare il Primo ministro Sharif il 25 dicembre, di ritorno dai colloqui a sorpresa a Kabul, in Afghanistan e prima ancora, con Putin in Russia, dove entrambi i Paesi hanno deciso i principali programmi di Difesa ed energia nucleare. Il primo ministro del Jammu e Kashmir, Mufti Muhamad Sayid, ha salutato i colloqui Modi-Sharif affermando che rafforzeranno “l’amicizia e inaugureranno un’era di pace e stabilità nella regione. È un processo evolutivo e un passo nella giusta direzione“. Fu il primo viaggio in Pakistan di un primo ministro indiano dal 2004.
Sharif negli ultimi mesi ha impegnato il Pakistan in un cambio geopolitico sottile ma significativo. Per decenni l’Arabia Saudita aveva considerato il Pakistan uno Stato vassallo, economicamente arretrato e dipendente dalla generosità finanziaria saudita. Negli anni ’80, l’operazione Ciclone della CIA era il nome in codice per l’operazione degli Stati Uniti per addestrare i fanatici terroristi nominalmente musulmani, soprannominati Mujahidin, per la guerriglia contro i sovietici dell’Armata Rossa in Afghanistan, con l’intelligence pakistana, l’ISI dell’ultra-conservatore generale Muhammad Zia-ul-Haq, il dittatore scelto dall’amministrazione Reagan-Bush per la loro guerra empia, o come Zbigniew Brzezinski ha definito “Vietnam della Russia”. I mujahidin in Afghanistan furono reclutati dal giovane saudita Usama bin Ladin, che allora lavorava per l’operazione Ciclone della CIA gestita da Turqi al-Faysal, il capo dell’intelligence saudita fino a poco prima dell’11 settembre 2001, una persona vicina alla famiglia Bush Al-Faysal inviò il giovane ricco saudita Usama bin Ladin in Pakistan negli anni ’80 per reclutare terroristi fanatici sunniti nell’operazione Ciclone; migliaia di reclute dall’ultra-rigida Arabia Saudita wahhabita. Tale intimo corrotto legame saudita-pakistano chiaramente s’indebolisce col regime di Sharif, nonostante le riunioni di vertice tra l’esercito pakistano e il re saudita lo scorso novembre. Quando il ministro della Difesa saudita e di fatto presente sovrano, principe Salman, annunciava il 14 dicembre la formazione di una coalizione a guida saudita degli Stati sunniti che hanno accettato di combattere lo SIIL in Siria. Il Ministero degli Esteri del Pakistan annunciò che non gli fu formalmente chiesto e che non avrebbe aiutato i sauditi a schierare truppe in Siria. Potenzialmente molto più importante è lo sviluppo, tuttavia, dei rapporti tra Pakistan e India. Modi e Sharif si sono incontrati privatamente nel luglio 2015 ad Ufa, in Russia, al vertice della Shanghai Cooperation Organization, dove entrambi decisero la collaborazione diretta sulle misure antiterrorismo e Sharif invitò Modi al vertice del 2016 dell’Associazione dell’Asia meridionale per la cooperazione regionale (SAARC). Ora, con la chiara volontà di Sharif e Modi di disinnescare il Kashmir e altri conflitti che hanno tenuto Pakistan e India in stato di tensione continua dal 1947, la prospettiva è più reale che mai, negli ultimi decenni, per la distensione e anche la cooperazione economica.
Con Cina e Russia impegnate nel dialogo positivo con entrambi i Paesi, e le immense prospettive economiche dei grandi progetti infrastrutturali della Via e Cintura della Cina, insieme all’Unione economica eurasiatica della Russia, il peggior incubo di Zbigniew Brzezinski, l’unione economica delle nazioni dell’Eurasia India, Cina e Russia è a portata di mano. L’Iran, le cui sanzioni imposte dagli Stati Uniti sono in procinto di essere tolte, chiaramente aderirà allo spazio economico eurasiatico. Si tratta dell’adesione di un osservatore della Shanghai Cooperation Organization che attende la revoca delle sanzioni. Una vista alla mappa eurasiatica mostra il vasto ed entusiasmante nuovo spazio geopolitico emergente. Nel suo famigerato libro del 1997, La Grande Scacchiera, Brzezinski, nel 1979 architetto della guerra dei Muhjaidin della CIA contro i sovietici in Afghanistan, osserva che “è imperativo che nessun sfidante eurasiatico emerga, capace di dominare l’Eurasia, e quindi anche di sfidare l’America”. Brzezinski continuò ad elaborare la minaccia di tale formazione eurasiatica: “Una potenza che domina l’Eurasia controllerebbe due delle tre regioni più avanzate ed economicamente produttive del mondo. Un semplice sguardo alla mappa suggerisce anche che il controllo dell’Eurasia comporterebbe quasi automaticamente la subordinazione dell’Africa, rendendo emisfero occidentale e Oceania (Australia) geopoliticamente periferici rispetto al continente centrale del mondo. Circa il 75 per cento della popolazione mondiale vive in Eurasia, e la maggior parte della ricchezza fisica del mondo è lì, sia industriale che del sottosuolo. L’Eurasia rappresenta circa i tre quarti delle risorse energetiche conosciute al mondo”. La sfida per le nazioni eurasiatiche della SCO, con Pakistan e India ora, sarà impedire che “terrore” e altre interruzioni sabotino la distensione emergente tra Pakistan e India. Possiamo essere certi che il ministro della Difesa saudita, principe Salman, fa gli straordinari per trovare un modo per far deragliare la collaborazione assieme certe reti vicine ai falchi neoconservatori di Obama. I prossimi mesi saranno cruciali per il futuro dell’Eurasia e, per estensione, della pace e dello sviluppo politico-economico globali. Ancora una volta, Russia e Cina giocano un ruolo di mediazione costruttiva e l’occidente, in particolare Washington e gli alleati, fa di tutto per ostacolarlo.modi-sharif-1F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in Scienze Politiche all’Università di Princeton, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Trono di Spade saudita

MK Bhadrakumar Indian Punchline 8 gennaio 2016nimr_al_nimr_clrigo_ejecutadoLe interpretazioni dell’assassinio del noto, a livello internazionale, religioso sciita shaiq Nimr al-Nimr in Arabia Saudita sono molteplici. Un orribile errore di giudizio di re Salman o un piano attentamente studiato per forzare la riluttante amministrazione Obama a frenare i rapporti tra Stati Uniti e Iran o “tribolazioni del tempo… non una battaglia isolata ma l’inizio di una campagna” (Papa Francesco)? La gamma delle interpretazioni è molto ampia, dall’errore umano alla fine del mondo. Vi è infatti la splendida possibile interpretazione che Salman abbia cercato di provocare la guerra con l’Iran (qui).
In un’intervista rivelatrice a The Economist, il viceprincipe ereditario Muhamad bin Salman, ampiamente considerato l’eminenza grigia del trono, ha sostenuto che:
– La procedura prevista dalla legge ha semplicemente seguito il suo corso, con l’esecuzione di 47 terroristi condannati, tra cui il religioso sciita.
– L’esecuzione non dovrebbe riguardare l’Iran, perché il religioso era un cittadino saudita.
– La decisione d’interrompere i rapporti diplomatici è una mossa preventiva per evitare un’ulteriore escalation.
– L’Iran ha intensificato le tensioni di molto, mentre i sauditi semplicemente reagiscono.
– Una guerra con l’Iran è fuori questione.
Tuttavia, la linea di fondo è che shaiq al-Nimr era in carcere dal 2012, e nel braccio della morte dal 2014. Allora, perché adesso? MbS è stato evasivo su questo punto. Nello stesso modo, 47 persone sono state giustiziate, tra cui 43 membri di al-Qaida, più shaiq al-Nimr e 3 altri sciiti, cioè 43 sunniti e 4 sciiti. Qualcuno a Riyadh ha utilizzato il pallottoliere, di sicuro. Approssimativamente, 43 a 4 sembra essere il rapporto tra sunniti e sciiti nella popolazione saudita. Una coincidenza? Politicamente, l’esecuzione di 43 membri di al-Qaida senza dubbio trasmette un messaggio duro ai giovani sauditi sempre più attratti dal richiamo della ‘jihad’. Il regime saudita teme l’esistenziale minaccia islamista. Ma giustiziando simultaneamente 4 sciiti, tra cui il famoso sacerdote, il regime ha probabilmente placato la dirigenza wahabita. Allo stesso tempo è anche un tempestivo atto di forza, indicando che il regime è forte e prende decisioni dure. I regimi autocratici sentono il bisogno di dimostrare forza quando sono insicuri. Naturalmente, il regime saudita deve tenere lontano l’attenzione nazionale dalla grave sconfitta nella guerra in Yemen e trasmettere l’idea di forza. Ancora, il forte calo dei proventi del petrolio e conseguente deficit di bilancio hanno messo sotto pressione il regime saudita, ricorrendo a tagli della spesa. Il deficit di bilancio ha toccato i 100 miliardi di dollari nel 2015. Un rialzo dei prezzi del petrolio sembra improbabile. Il FMI ha avvertito che l’Arabia Saudita esaurirà i fondi in cinque anni, a meno che non tagli le spese. Chiaramente, i problemi esistenziali sono qui. Citando Luay al-Qatib del Brookings Doha Center, “Affinché il regno arrivi al suo centenario, deve adattarsi all’emergente nuovo Medio Oriente dove la politica regionale e l’ordine sociale sono cambiati drasticamente negli ultimi dieci anni… Comunque il vero moltiplicatore economico sarà legiferare una vera riforma integrando i disoccupati, che diverrebbero la punta del contrasto coi beneficiari dell’economia del regno… Trascurare l’effettiva integrazione dei giovani sauditi nel settore pubblico e soprattutto privato li radicalizzerebbe ulteriormente, minacciando alla fine la sicurezza nazionale o incoraggiandoli ad aderire ai gruppi radicali che possono destabilizzare ulteriormente la regione. Mettere gli affari esteri sopra le priorità interne del Regno; riforme politiche, sociali ed istituzionali a parole; finanziamento dei gruppi ribelli; esaurire le riserve valutarie in spedizioni militari e ignorare le esigenze delle generazioni future, sono tutte cose che l’Arabia Saudita non deve continuare a fare. Riyadh deve sottoporsi a un cambio di mentalità se vuole ritrarsi dal baratro che l’attende. I venti di cambiamento non possono più essere ignorati da Riyadh“. (Brookings)
Ora, le tensioni con l’Iran coincidono con l’annuncio importante, della scorsa settimana, della riorganizzazione della politica economica di Riyadh, comprese riforme politicamente sensibili. Una mera coincidenza? I commentatori occidentali sono convinti che l’Arabia Saudita aumenti le tensioni con l’Iran accentuando ulteriormente la spaccatura confessionale tra sunniti e sciiti nel mondo musulmano e mobilitando i Paesi sunniti sotto la sua leadership. Se è così, lo stratagemma non funziona. L’Ummah guarda gli eventi con disagio ed esasperazione, riluttante a schierarsi. (L’eccezione sono le oligarchie arabe del Golfo.) Egitto, Turchia, Pakistan, Indonesia guardano in silenzio o consigliano calma e riconciliazione. Il quotidiano governativo cinese China Daily ha scritto: “A giudicare dalle norme che disciplinano le relazioni internazionali, l’azione per danneggiare deliberatamente ambasciata di un Paese di certo causa una grave battuta d’arresto nei rapporti bilaterali. Ma non significa necessariamente che recidere i legami sia la risposta appropriata… Se la storia è uno specchio, l’Arabia Saudita sembra reagire esageratamente… Dopo tutto, Teheran non ha voluto l’incidente continuando ad inasprire ma reagendo rapidamente all’incidente“. Gli eventi escono dal Trono di Spade, lo sceneggiato fantasy intrigante e ricco di trame strane e meravigliose. Nell’intervista all’Economist, MbS dice: “Abbiamo una magnifica zona a nord di Jadah, tra le città di Umluj e Wuj, ci sono quasi 100 oasi e un atollo. La temperatura è ideale, cinque-sette gradi più fredda di Jadah. E’ una terra vergine, vi ho passato le ultime otto vacanze. Sono rimasto scioccato scoprendo qualcosa del genere in Arabia Saudita, e c’erano misure adottate per preservare questa terra, 300km per 200km. Questo è uno dei beni che dobbiamo rivalutare, e crediamo che sia un valore aggiunto diverso dai redditi statali. Abbiamo molte risorse non utilizzate“. Più semplice di così, MbS s’interessa della capacità dell’economia saudita di generare reddito non petrolifero alla luce della crisi economica incombente, privatizzando zone panoramiche nel vasto deserto della penisola arabica. Si legga la splendida intervista qui.Protesters carry pictures of Sheikh Nimr al-Nimr, who was executed along with others in Saudi Arabia, during a protest against his execution in front of the United Nations building in Beirut, LebanonTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le ragioni dell’assassinio dello Shayq al-Nimr

Ahmed Rajeev, South FrontBAHRAIN-DEMO-SAUDI-EXECUTIONL’Arabia Saudita ha giustiziato il massimo leader sciita, lo Shayq al-Nimr. Non è giustizia come afferma la Casa dei Saud. E oltre, una provocazione volta a condividere il potere con l’occidente nella geopolitica mediorientale.
Shayq Nimr al-Nimr era tra i più rispettati esponenti religiosi sciiti dell’Arabia Saudita, leader della comunità sciita di Qatif che chiedeva giustizia sociale, libertà politiche e civili, che riteneva non fossero considerati dall’apparato statale saudita. Era un ribelle per la Casa di Saud, la voce principale delle vittime dell’oppressione saudita nella provincia orientale sciita. Si mostrava coraggioso di fronte alle minacce di persecuzione violenta dalle autorità saudite. Il suo valore s’irradiava sul regno saudita e la comunità sciita mondiale. Così, la Casa dei Saud lo considerava una minaccia per il potere e la polizia infine lo ferì catturandolo nel 2012. Shayq Nimr sembrava uno strumento dei negoziati con l’Iran, dato che era religiosamente collegato alla filosofia dello Stato sciita. La Casa di Saud sostenne che era uno agente iraniano. Così, l’occidente in ritirata sa che l’esecuzione dello Shayq Nimr comporterebbe violente divisioni religiose e tribali nel Medio Oriente. E l’occidente vuole disperatamente tale escalation, per contrastare le attività del blocco alternativo nella regione. Dopo il fallimento del complotto occidentale e turco, l’occidente ora si appoggia sulla Casa dei Saud per raggiungere l’obiettivo regionale comune. La Casa dei Saud è uno degli alleati più fidati dell’occidente in Medio Oriente. Per contenere la progressiva avanzata dell’influenza regionale dell’Iran, l’occidente preferisce l’Arabia Saudita, che ha un’influenza religiosa e politica nella regione maggiore di Israele e Turchia assieme. Dato che l’Arabia Saudita è ricca, le è possibile acquistare armi occidentali e israeliane per le forze di ascari. Recentemente, Israele e Stati Uniti hanno venduto moderni equipaggiamenti militari all’Arabia Saudita. C’è l’indicazione on-line che l’esercito saudita abbia usato tali armi contro lo Yemen. Molte fazioni siriane ricevono fondi e armi dall’Arabia Saudita. Le guerre civili per procura si diffondono in Medio Oriente come una piaga. Potenze regionali come Israele, Turchia, Arabia Saudita e Iran giocano ruoli regionali nelle guerre per procura, sostenendo molte milizie. D’altra parte, l’occidente e il blocco Russia-Cina giocano a livello internazionale sostenendo diplomaticamente, politicamente e militarmente i partner regionali.
L’anno scorso, abbiamo visti molti eventi raccapriccianti, ma rivoluzionari, sulla scena geopolitica del Medio Oriente. Ora, con l’apertura del nuovo anno cristiano, la crisi del Medio Oriente promette altro sangue versato in terra araba. Così, lo scopo dell’assassinio dello Shayq al-Nimr è massimizzare i conflitti tra sciiti e sunniti in Medio Oriente e altrove. In tale caso, il mondo sunnita avrà il sostegno totale dell’occidente, e sul lato opposto il blocco russo-cinese continuerà a sostenere gli sciiti. Tale conflitto intra-religioso avrà meno effetto sui Paesi asiatici musulmani, poiché hanno altri mezzi per mantenere il tessuto sociale. Ma creerà significative divisioni culturali che potrebbero portare ad un futuro bagno di sangue. La polarizzazione ideologica e la conseguente violenza nella comunità musulmana saranno più visibili. L’occidente si ritira piantando mine politiche nel mondo fin dalla crisi strutturale. Abbiamo visto cose del genere quando l’impero inglese cadde; piantò mine politiche amplificando divisioni religiose e linguistiche nelle vecchie civiltà. Possiamo vederlo ora su scala possibilmente più ampia. L’intero Medio Oriente è ormai un campo minato politico. Le mine del Medio Oriente esplodono gradualmente da quando il blocco Russia-Cina è sceso in campo. Dall’apparizione dei russi sulla scena mediorientale, queste mine politiche si svelano, assieme al complotto geopolitico occidentale per l’oppressione atroce della regione. Tale piano occidentale, per contenere in Medio Oriente l’Iran, ha aperto la via alla repressione degli sciiti nella regione. La dottrina wahhabita promossa da Arabia Saudita e occidente distrugge la stabilità multiculturale della regione. L’intento principale è dividere la terra araba il più possibile per prendere il pieno controllo, anche se indiretto, di rotte commerciali del petrolio e dell’approvvigionamento energetico. Dato che l’occidente cercherà d’intensificare le violenze in Medio Oriente, è il momento per il blocco alternativo di creare un equilibrio di potere rafforzando l’Iran. La partnership strategica tra Cina, Iran e Russia può svolgere un ruolo fondamentale sul futuro economico e geopolitico in Medio Oriente e non solo. Ma per giocare un ruolo di lunga durata nel processo di pace e nella stabilità in Medio Oriente, è giunto il momento per l’Iran di dotarsi di armi nucleari. Solo un Iran dotato di armi nucleari, creando l’equilibrio di potere regionale, può porre fine all’attuale crisi in Medio Oriente. Un Iran nucleare può generare la piattaforma dove pace e stabilità possono essere facilmente promosse. Quindi, una solida, potente, stabile piattaforma politica e diplomatica, incentrata sull’Iran, sarà centrale per la grande rotta commerciale dell’Unione Eurasiatica.map-of-turkey-syria-iraq-iran-jpgTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Che noia! I sauditi e i loro inutili alleati rompono con l’Iran, che domina

Ziad Fadil, Syrian Perspective 4/1/2015

IMG_03282_zpsa3rmm6jzIl popolo iraniano ha smesso di attaccare le ambasciate. Non è un modo accettabile di protestare. Non dico che non si possa dimostrare di fronte a un’ambasciata sul suolo del proprio Paese circondandola di epiteti e una valanga di insulti, ma non va presa l’abitudine di bruciare ambasciate o prenderne in ostaggio il personale. Nel gergo degli esperti di diritto internazionale, l’ambasciata è costruita su terreni acquistati dal Paese che rappresenta ed è protetta da una miriade di trattati, il cui più importante è l’articolo 31 della Convenzione di Vienna. Il terreno diplomatico è destinato a essere sacrosanto. Chiedete a Julian Assange a tale proposito. Se il consolato ecuadoriano a Londra non godesse di questo rispetto, David Cameron, che non è estraneo a crimini e “servilismi”, l’avrebbe invasa sequestrando Assange per consegnarlo alle persecuzioni dei mandanti primi del tiranno inglese, gli statunitensi. Balzando al novembre 1979, ero al mio secondo anno di legge, e non appena presi il libro di testo di Gunther sul Diritto Costituzionale sentì che l’ambasciata statunitense a Teheran era stata invasa da un gruppo di sostenitori di Khomeini che ne prese in ostaggio il personale per circa 444 giorni. Questo non migliorò l’immagine degli iraniani e della loro rivoluzione, e non è che non sapessi delle ragioni della loro opposizione furiosa agli Stati Uniti; era il momento della rivolta. Gli Stati Uniti erano complici della monarchia Pahlavi, lo Shah, che torturava chi protestava contro il suo dominio autocratico e filo-occidentale. Punivano la Savak per gli innumerevoli violazioni del diritto umanitario, la gestione della prigione di Evin, così famosa da evoca immagini non diverse da quelle di Lubjanka, Andersonville o anche Isola del Diavolo. So che lo spionaggio fiorisce sotto la cupola protettiva della diplomazia. Le ambasciate hanno spie “legali”, protette dall’immunità diplomatica al contrario degli “illegali” che si assumono i rischi del mestiere. Vi sono addetti militari e commerciali, questi ultimi a volte col compito di rubare la tecnologia o scoprire le mosse aggressive di una nazione concorrente. Ma lo status diplomatico è esattamente questo e l’Iran ne ha accettato i protocolli che difendono l’esistenza di tali legazioni sul proprio territorio. A loro credito, gli iraniani hanno agito responsabilmente arrestando più di 30 teppisti che hanno incendiato l’ambasciata saudita, ed hanno invitato alla calma, mentre la rabbia dilaga nella regione per l’esecuzione insensata e barbarica dai wahabiti di Shayq Nimr Baqir al-Nimr, insieme a altre 46 persone, per lo più terroristi accusati presumibilmente di appartenente ad al-Qaida. Ma come possiamo mai sapere chi sia colpevole quando il governo saudita dirige un sistema giudiziario da clan di neanderthaliani; i “giudici” si basano sul diritto canonico dell’Islam, la shariah, mai codificata da nessuno e che resisterebbe a qualsiasi tipo di uniformità? Ma ora dobbiamo discutere delle ripercussioni della rottura delle relazioni di Arabia Saudita, Bahrayn, Emirati Arabi Uniti e Sudan con l’Iran. Cosa presagisce ciò per la regione? La risposta è “niente”.
Brutalmente sinceri, questa può essere la migliore di tutte le possibili conclusioni della triste storia dei rapporti tra una razza di scimmie volte a dimostrare al mondo la semplice affermazione che pigrizia, indolenza, ignoranza e assoluta vacuità intellettuale siano la via al Paradiso, e una civiltà come quella iraniana intrecciata di genio, coerenza e conquiste. Dalla discesa disastrosa dell’Arabia Saudita nell’abisso dell’eresia wahabita, non vi è stata fiaccola che illuminasse tali trogloditi irriducibili a serpeggiare nell’intricato labirinto intestinale delle tenebre per, infine attraverso uno stretto sfintere, tendere alla soglia dei Lumi. Sarebbe bene che l’Iran mantenga il virus del culto wahabita lontano o rischia di esserne infettato. L’Arabia Saudita non può permettersi un’altra guerra, mentre l’invasione criminale dello Yemen continua senza alcuna idea di un fine, e mentre la sua virulenta alleanza coi terroristi più terrificanti del mondo continua in Siria e Iraq. Non può nemmeno permettersi un’altra guerra, perché non ne ha i mezzi, né i mercenari per condurla. No, il Pakistan non viene in suo soccorso. E neanche gli Stati Uniti faranno sortite sul Khuzistan per mettere fuori uso il massiccio arsenale missilistico iraniano. Oh, e i francesi avranno la loro sola patetica portaerei nel Golfo, la Charles De Gaulle, affondata in sessanta secondi dai missili antinave iraniani. No, temo che i sauditi non possano contarci per nulla, e che la loro fine, come culto di morte e nichilismo, sia fin troppo imminente. Credono veramente che combattere l’Iran sarà come combattere lo Yemen? Ma come dice la canzone “Cerca il lato positivo”, dovremmo crogiolarci nel bagliore di un futuro privo di leggi che privino le donne del privilegio di guidare un’auto o di viaggiare senza l’accompagnamento dei fratelli; dove i cristiani non possano costruire una chiesa; dove Ziad non possa sedersi in un bar per un whisky single malt; dove non si possa nemmeno andare al cinema. E l’elenco potrebbe continuare all’infinito. E questi sono i migliori alleati degli USA!
danziger-saudi-witchcraft-execution1So che l’Iran non è molto diverso quando si tratta di abbigliamento delle donne. Eppure, in Iran, le donne frequentano regolarmente le università, guidano l’auto, vanno a teatro, viaggiano e fanno atletica nonostante le proteste di alcuni dei chierici più stizzosi del Paese. Le donne iraniane lavorano con gli uomini negli stessi uffici, indipendentemente dal carattere teocratico del governo, dal paternalismo globale e dai continui sospetti mediorientali per la concupiscenza incontrollabile degli esseri umani. L’Iran ha una struttura governativa costruita sui principi platonici filtrati dal pensiero di al-Farabi; le sue origini sono intellettuali, a differenza del manicheismo e delle preoccupazioni aride e piccole delle scimmie il cui unico credo è la strada per l’oasi più vicina. L’Arabia Saudita vuole iniziare una guerra settaria con l’Iran. Molti commentatori dei media alternativi liberali pensano che sia così. Ma cosa ne pensano i sunniti? I sunniti vogliono veramente una guerra con l’Iran? Non ho sentito l’Egitto chiedere la guerra. Non c’è alcun movimento di massa che chieda un risarcimento per l’incendio dell’ambasciata saudita. E’ tutto il contrario, la maggior parte degli studiosi sunniti denuncia l’esecuzione di Shayq Nimr, considerandola quale ennesimo eccessivo orgasmo saudita. Se i sauditi volevano migliorare le relazioni con l’Iran (che sfacciatamente negano), re Salman avrebbe perdonato lo Shayq, un gesto che avrebbe suscitato notevole adulazione a Teheran. Ma non l’ha fatto. Invece, l’ha condannato come un criminale comune e decapitato. L’Iran non ha proprio bisogno dell’Arabia Saudita, nemmeno all’OPEC. Se gli iraniani avessero avuto il disperato bisogno di aggiungere datteri alla dieta, ne avrebbero acquistato di migliori dall’Iraq. L’Arabia Saudita produce solo petrolio, che si trova nel Golfo Persico dove questi fastidiosi sciiti vivono e lavorano. Sarebbe utile per l’Iran lanciare 50 missili Sijil sugli impianti sauditi di Dhahran? O forse una sommossa per protestare contro la brutale esecuzione di Shayq Nimr, o forse una rivolta in Bahrayn dove i mercenari sauditi usano i loro migliori strumenti di morte. Da qualche parte, l’Iran sarà spinto a mostrarsi naturale difensore dello sciismo, e i sauditi non vogliono altro. I sauditi vivono in una trappola temporale, è come se fossero ancora negli anni cinquanta, con la potenza di fuoco statunitense pronta a salvarli da qualsiasi pericolo immaginabile. Vediamo. Al posto di Eisenhower c’è Obama, che non sopporta i sauditi e non vuole una guerra con l’Iran. I sauditi perdono e il popolo arabo vince.
Gli “esperti” fasulli sono presi dalla rottura dei rapporti tra Teheran e Riyadh. Non c’è davvero nulla da scrivere, se non si è alla disperata ricerca di un soggetto da usare per sfornare l’ennesimo articolo soporifero. Mi scuso perché scrivo del “nulla”, ovvero del risultato della frattura tra Iran e Arabia Saudita. Non perdeteci il sonno.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Dichiarazione di Putin sui colloqui Russia-India

Kremlin 24 dicembre 2015, Fort RussВстреча президента РФ В. Путина с премьер-министром Индии Н. МодиPresidente della Russia Vladimir Putin
Signor Primo Ministro, onorevoli colleghi,
La prima visita ufficiale a Mosca del primo ministro indiano, il signor Narendra Modi, sta volgendo al termine. I nostri colloqui sono stati molto sostanziali e fecondi. Spero che aiutino a promuovere il privilegiato partenariato strategico russo-indiano. Ieri il signor Modi e io abbiamo avuto un incontro informale a parte, dove abbiamo coperto i cruciali sviluppi mondiali. E’ importante che Russia e India abbiano approcci molto simili verso le principali sfide globali. I nostri Paesi sono a favore della soluzione politica del conflitto siriano e dell’accordo nazionale in Afghanistan. Siamo convinti che l’intera comunità internazionale beneficerà della creazione di un’ampia coalizione che agisca contro il terrorismo secondo il diritto internazionale e sotto l’egida delle Nazioni Unite. La Russia favorisce l’ulteriore rafforzamento del ruolo dell’India nella risoluzione dei problemi globali e regionali. Siamo convinti che l’India, grande nazione dalla politica estera equilibrata e responsabile, sia degna candidata alla posizione di membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Vorrei ricordare che la Russia ha sostenuto attivamente l’India nell’adesione alla Shanghai Cooperation Organization. Lavoriamo a stretto contatto nei BRICS, e consegneremo la presidenza di turno all’India nel febbraio 2016. Nel corso dei colloqui di oggi su formati ristretti e ampliati, nonché nel nostro incontro con i principali rappresentanti della comunità d’affari russi e indiani, abbiamo parlato di sviluppare l’intera gamma delle relazioni bilaterali, con particolare attenzione agli scambi commerciali e alla cooperazione economica. Purtroppo, nei primi 10 mesi di quest’anno il nostro commercio reciproco è diminuito del 14,4 per cento. Questo è stato principalmente causato dal calo dei prezzi dell’energia e della domanda per la costruzione di macchinari, causata dalla sfavorevole situazione del mercato dei tassi di cambio e da divergenze estere. Ci siamo accordati per migliorare i nostri sforzi per puntare il commercio verso la crescita stabile, discusso misure concrete per sviluppare e diversificare il commercio e togliere ostacoli amministrativi ed altri. Il ruolo chiave qui è della nostra Commissione intergovernativa, riunitasi il 20 ottobre a Mosca. Dedichiamo la nostra attenzione alla costruzione della cooperazione negli investimenti. Abbiamo deciso di aumentare gli investimenti reciproci per una maggiore cooperazione industriale e nella realizzazione di grandi progetti infrastrutturali ed energetici.
La Russia contribuisce a costruire la centrale nucleare di Kudankulam. La prima unità della centrale è stata attivata nel giugno 2014. Tra alcune settimane sarà attivata la seconda unità. Intendiamo iniziare la costruzione delle terza e quarta unità nel prossimo futuro. I negoziati sono in corso sulle quinta e sesta unità. Abbiamo concordato con l’India l’assegnazione di altro terreno per la costruzione della centrale russa, dove intendiamo utilizzare i più recenti reattori WWER-1200 costruiti con le tecnologie più recenti e più sicure. Queste sono le misure pratiche dirette ad attuare l’importante documento firmato un anno fa, sulla visione strategica della cooperazione russo-indiana nell’uso pacifico del nucleare, contenente i piani per costruire congiuntamente, in India, almeno sei reattori in 20 anni. L’esportazione degli idrocarburi russi sul mercato indiano è in crescita. L’accordo tra Rosneft e Essar prevede ampi rifornimenti di petrolio e prodotti petroliferi alle raffinerie indiane, 10 milioni di tonnellate all’anno per 10 anni. Quest’anno Gazprom ha anche consegnato 5 partite di gas naturale liquefatto in India, e adempiamo ad importanti progetti nella generazione di energia. La società Silove Mashinij ha completato le consegne delle attrezzature commissionate per le centrali idroelettriche di Teri e Balimela e la centrale a ciclo combinato di Konaseema. Tre unità della centrale termica di Sipat sono in costruzione nei termini chiavi in mano.
I grandi rapporti economici tra Russia e India non si limitano affatto all’energia. Così, vorrei ricordare la nostra cooperazione strategica nel settore dei diamanti. La Russia è il più grande produttore di diamanti al mondo, con il 27 per cento di estrazione mondiale, mentre l’India è leader nel taglio dei diamanti, con il 65 per cento del commercio. Quasi la metà della produzione russa viene consegnata all’India. L’anno scorso durante la nostra partecipazione congiunta alla Conferenza Internazionale sui Diamanti di New Delhi, il Signor Primo Ministro ed io abbiamo deciso di rafforzare ulteriormente la cooperazione, e il lavoro è in corso. Così, la Alrosa ha aumentato i contratti a lungo termine da 9 a 12. Ampliando la cooperazione, una zona doganale speciale è stata istituita presso la borsa dei diamanti di Mumbai. Abbiamo inoltre deciso di lanciare nuovi progetti comuni nei settori ad alta tecnologia come l’ingegneria aeronautica, l’industria automobilistica, la metallurgia, i prodotti farmaceutici e l’industria chimica. Abbiamo discusso le prospettive per le imprese russe di partecipare al programma di sostituzione delle importazioni dell’India, chiamato giustamente ‘Fai in India’. Vediamo ciò come un’opportunità in più per la creazione di joint venture, trasferimento di tecnologia e produzione di beni ad alto valore aggiunto. Il protocollo firmato semplifica gli obblighi di viaggio per talune categorie di cittadini dei nostri due Paesi, promuovendo contatti commerciali più attivi e un regime di visti più liberale. Ora gli uomini d’affari possono visitare Russia e India su invito diretto dei loro partner. I nostri due Paesi collaborano tradizionalmente nella cooperazione militare e tecnico-militare, e non mi riferisco solo ai rifornimenti di beni già pronti, ma anche a una maggiore cooperazione tecnologica. Un esempio di tale cooperazione è la creazione congiunta dei complessi missilistici Brahmos. Abbiamo già avviato la produzione in serie dei missili antinave nell’interesse della Marina indiana. Altrettanto promettente, a nostro avviso, è la discussione sui progetti per sviluppare un caccia multi-funzionale e un aereo da trasporto multiruolo. Abbiamo notato l’importanza delle regolari esercitazioni congiunte terrestri navali e aeree ‘Indra‘.
I legami umanitari sono un altro componente importante del partenariato russo-indiano. Quest’anno i russi hanno mostrato grande interesse per gli eventi del festival della cultura indiana. Ci auguriamo che il festival della cultura russa, che si terrà in India l’anno prossimo, sia altrettanto memorabile. In conclusione, vorrei ringraziare i nostri colleghi e amici indiani, e personalmente il Signor Primo Ministro per il costruttivo lavoro congiunto. Continueremo a fare tutto il possibile per sviluppare il partenariato russo-indiano a beneficio dei nostri due Paesi.
Grazie per la vostra attenzione.Modi-Putin-with-Mahatma-GandhiTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.209 follower