Israele si affida ai neo-nazisti per bloccare il riconoscimento della Palestina in Europa

Wayne Madsen Strategic Culture Foundation 08/12/2014

3408169232

David Rotem

Il voto parlamentare che in Europa riconosce la sovranità dello Stato di Palestina viene contrastato dalla singolare coalizione tra sionisti e neo-nazisti. Se l’alleanza appare strana, sionisti e neo-nazisti condividono diversi interessi, tra cui l’opposizione agli immigrati musulmani in Europa. Forse nessuno rappresenta meglio l’alleanza sionista-nazista del deputato del Riksdag (parlamento) svedese Kent Ekeroth dei Democratici di Svezia. Ekeroth non solo è un compare dei diversi partner globali dei Democratici di Svezia, tra cui il Ku Klux Klan e il suo ex-capo David Duke, ma è anche ebreo. Ironia della sorte, la forte opposizione di Ekeroth all’immigrazione in Svezia è segnata dal fatto che sua madre, ebrea kazaka, emigrò in Svezia. Ekeroth disprezza il ministro per l’urbanismo svedese, di origine turca, Mehmet Kaplan della coalizione del Partito Verde, perché partecipò alla flottiglia di aiuti della Mavi Marmara a Gaza, militarmente attaccata da Israele in acque internazionali nel 2010 con numerosi morti. Ekeroth è il portavoce dell’opposizione dei Democratici di Svezia, al Riksdag, alla decisione del governo svedese di riconoscere la Palestina. Il partito di Ekeroth s’è unito all’opposizione moderata-conservatrice svedese al riconoscimento della Palestina. Il fondatore dei Democratici di Svezia, Gustaf Ekstrom, era un ufficiale delle Waffen SS ed ex-capo del partito nazista svedese. L’ex-presidente dei Democratici di Svezia Anders Klarström, è un attivista del partito del Reich Nordico. Anche se ai Democratici di Svezia è vietato l’uso di uniformi naziste dal 1995, il partito resta un’organizzazione xenofoba di estrema destra. C’è anche una spaccatura politica tra i deputati dei Democratici di Svezia al Parlamento europeo ed Ekeroth al Riksdag. A settembre, due deputati democratici di Svezia, Kristina Winberg e Peter Lundgren, hanno votato contro l’accordo di associazione UE-Ucraina promossa dai principali sionisti ucraini, come il primo ministro Arsenij Jatsenjuk e Igor Kolomojskij, governatore del Dnipropetrovsk Oblast.
Dopo il tentativo del partito di far fallire l’iniziativa sullo Stato palestinese al Riksdag, Ekeroth si è unito a molti altri parlamentari di destra nel sostegno ad Israele. Attraverso il meccanismo del Caucus degli Alleati d’Israele, dell’Israel Allies Foundation, il regime nazionalista ebraico sempre più fascista d’Israele cerca d’anticipare altre mosse parlamentari simili nel riconoscere la Palestina. La decisione svedese di riconoscere la Palestina è stata seguita dai voti alla Camera dei Comuni inglese, del Senato irlandese, del Congresso dei deputati spagnolo e dell’Assemblea nazionale francese, che hanno votato in modo deciso di riconoscere la sovranità dello Stato palestinese, e il parlamento belga dovrebbe seguire con un riconoscimento formale della Palestina. Anche se il partito conservatore inglese s’è ufficialmente astenuto sulla risoluzione palestinese alla Camera dei Comuni, il tory David Burrowes, membro di Commons’ Conservative Christian Fellowship e Conservative Friends of Israel, ha condannato il voto assieme ad Ekeroth, in Israele, dov e i parlamentari sono stati accolti calorosamente dal deputato di Yisrael Beitenu alla Knesset, David Rotem, che fa dichiarazioni razziste su palestinesi e africani. Rotem chiama gli africani “bongo bongo”. La sua presidenza dell’Israel Allies Caucus indica la natura xenofoba del gruppo e perché inviti importanti politici neo-nazisti europei in Israele. Alla Camera dei rappresentanti del Congresso, il razzista Israel Allies Caucus è presieduto dai congressisti Eliot Engel (democratico di New York), Brad Sherman (democratico della California), Doug Lamborn (repubblicano del Colorado) e Trent Franks (repubblicano dell’Arizona). Lamborn una volta usò il termine “bimbi abbronzati” in un programma radiofonico e fu condannato per la sfumatura razzista.
-TthxAki_400x400 L’opposizione al parlamento olandese al riconoscimento dello Stato palestinese è guidato dall’amico d’Israele Bastiaan Belder del Partito riformato calvinista (SGP) di destra. Il partito, dichiaratamente cristiano-sionista, si oppone al suffragio femminile e vieta i deputati donne. Non ha mai candidato donne. Il SGP e un partito alleato, l’Unione cristiana, guidano gli sforzi nel parlamento olandese per eliminare i contributi olandesi all’Agenzia delle Nazioni Unite in soccorso ai profughi palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA), con l’accusa di finanziare “terroristi”. I membri del SGP sono sospettati da varie agenzie d’intelligence di contrabbandare tecnologia e materiali nucleari olandesi in Israele da decenni. Dopo l’incidente del 1992 del volo El Al 1862, dopo il decollo dall’aeroporto internazionale di Schiphol, alti livelli di radiazioni furono rilevati nel sito dello schianto del Boeing 747, il quartiere di South Bijlmer di Amsterdam. I sionisti calvinisti, che sostengono il programma sulle armi nucleari d’Israele, si opposero alle indagini delle autorità olandesi sul materiale a bordo dell’aereo. Il governo israeliano, che notoriamente mente su questioni d’intelligence, sostenne che l’aereo trasportava semplicemente profumi, frutta e materiale informatico non specificato. Belder e il suo partito si sono uniti all’opposizione alla Palestina con lo xenofobo Partito della Libertà di Geert Wilders, noto razzista gradito agli israeliani. L’ex-ministra degli Esteri olandese Maxime Verhagen, dell’Appello democratico-cristiano di destra, è un altra antipalestinese ed esaltata amica d’Israele e del sionismo.
L’opposizione al voto dell’Assemblea nazionale francese alla Palestina proviene soprattutto dalla neo-gollista Unione per un Movimento Popolare (UMP), anche se nove deputati hanno rotto con il caucus votando per la Palestina. L’ex-presidente Nicolas Sarkozy, di origine ungherese-ebraica e pretendente alla presidenza nel 2017, s’è opposto al voto sulla Palestina. Meyer Habib, noto deputato sionista all’Assemblea nazionale dell’Unione dei Democratici ed Indipendenti, e amico intimo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, ha tacciato di “antisemitismo” e “sostegno al terrorismo” il voto dei deputati socialisti, comunisti e verdi a sostegno della legge sulla Palestina. Habib, naturalmente, non si pronunciava sul fatto che 4 dei 30 deputati dell’UDI si sono ammutinati votando per la Palestina e altri 4 si sono astenuti. Ma c’era una buona notizia per Israele dall’estrema destra dell’Assemblea. Marion Marechal-Le Pen, la nipote del fondatore del Front National Jean-Marie Le Pen, s’è astenuta sulla risoluzione sulla Palestina indicando un Front National che si avvicina a posizioni ancor più filo-israeliane nel fervore anti-islamico e anti-arabo. Dopo il successo palestinese nei parlamenti di Svezia, Regno Unito, Irlanda, Francia, Spagna e Portogallo, la battaglia degli ambulanti dell’influenza israeliana passa a Copenhagen e al Folketing danese. A differenza della Svezia, dove la ministra degli Esteri socialdemocratica Margot Wallstrom ha sostenuto il voto sulla Palestina e il riconoscimento della Svezia dello Stato palestinese, il suo omologo danese, Martin Lidegaard del Partito social-liberale danese, ha detto che la tempistica del voto al Folketing è “scorretta”. La proposta di riconoscimento al Folketing della Palestina è presentata da Partito Socialista Popolare, Alleanza rosso-verde e dalla Comunità Inuit di Groenlandia. A luglio, la prima ministra socialdemocratica danese Helle Thorning-Schmidt, nuora dell’ex-capo del Partito Laburista inglese Neil Kinnoch, ha rifiutato di unirsi ai suoi colleghi socialdemocratici scandinavi Jonas Gahr Store e Stefan Lofven della Svezia (ora primo ministro), Antti Rinne della Finlandia e Arni Pall Arnason dell’Islanda, nel condannare l’aggressione d’Israele a Gaza. Il Partito socialdemocratico danese è da tempo penetrato da agenti d’influenza israeliani.
Il voto sul riconoscimento palestinese proposto nel parlamento sloveno è contrastato dall’infiltrato da George Soros Partito Democratico Sloveno (SDS), assai pro-Israele. L’opposizione di sinistra, Lista Unita (ZL), sostiene il voto a dispetto del ministro degli Esteri Karl Erjavec che ha una posizione simile all’omologo danese sul “cattivo tempismo” del voto. Si prevede che i futuri voti parlamentari europei, tra cui quello al parlamento europeo, saranno oggetto di manovra di “annacquamento”, come in Spagna. La risoluzione del parlamento spagnolo, approvata da 319 contro 2 contrari e 1 astensione, chiede il riconoscimento dello Stato palestinese. non-necessariamente contiguo, e solo dopo un accordo israelo-palestinese. Il neo-fascista Partito Popolare spagnolo costringeva il Partito socialista operaio all’opposizione ad ingoiare una “pillola velenosa”.
Visti i vari voti nei parlamenti d’Europa, Israele ora può contare sui suoi amici fascisti e neonazisti per abbattere le future mosse parlamentari a sostegno della Palestina.

Kent Ekeroth alla Knesset

Kent Ekeroth alla Knesset (secondo da sinistra)

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Israele: alleato discreto della Russia

Prof. Yakov M. Rabkin, Global Research, 5 dicembre 2014 netanyahu-and-putin-june-2012Dall’inizio delle sanzioni occidentali alla Russia, vedo molto cibo israeliano nei negozi. Avocado, ravanelli, carote, patate da Israele“, mi ha assicurato un amico di Mosca con cui ho parlato al telefono. Volevo un testimone oculare di ciò che aveva annunciato il ministro dell’Agricoltura israeliano Yair Shamir. Ha promesso di prendersi senza indugio la quota di mercato russo delle aziende europee. Anche Israele è sotto sanzioni dell’Unione europea, che vuole limitare la colonizzazione israeliana dei territori conquistati nel giugno 1967. E’ quindi logico che Israele non sia certo motivato a seguire gli europei nelle relazioni con la Russia. Se il “rapporto speciale” d’Israele con gli Stati Uniti è ben noto, le sue relazioni con la Russia non sono meno speciali. Il piano sionista alla base dello Stato d’Israele fu attuato all’inizio del secolo scorso in gran parte da cittadini russi. Formarono la prima élite e la presenza russa nei circoli dominanti dello Stato sionista rimane importante. Il presidente della Knesset è nato in Ucraina e cresciuto nella Russia sovietica, il presidente della commissione parlamentare per le relazioni estere è di origine sovietica, il ministro degli Esteri proviene dall’ex-Unione Sovietica. Israele ha la maggiore diaspora russofona con oltre un milione di persone. Decine di voli ogni giorno collegano Israele con le principali città della Russia. Due anni fa fu abolito l’obbligo di visto contribuendo notevolmente al turismo. Il presidente russo ha inaugurato a Netanya, sul Mediterraneo, il monumento ai più di venti milioni di morti sovietici nella seconda guerra mondiale. Inoltre, Putin ha ritrovato il suo maestro di scuola emigrato in Israele dalla natia Leningrado e gli ha offerto un appartamento dignitoso per età e salute. Non sorprende che Vladimir Putin abbia osservato: “Israele è una piccola Russia”. Ma al di là di lingua, storia e sentimenti vi sono interessi comuni che legano i due Paesi. Mentre Israele ha notevolmente beneficiato del crollo dell’Unione Sovietica, una volta alleato dei Paesi arabi ostili ad Israele, da diversi anni si trova a disagio con la dipendenza dagli Stati Uniti e dai suoi ammonimenti occasionali. Per ridurre tale dipendenza e diversificare il sostegno ad Israele nel mondo, formidabile potenza militare e nucleare, ha forgiato relazioni strategiche con tre potenze nucleari indipendenti: Cina, India e Russia. Tali legami non sono limitati all’esportazione di verdura. Israele e Russia hanno prodotto i droni in dotazione all’esercito indiano, la Cina ha utilizzato l’esperienza israeliana per riformare l’Esercito di Liberazione del Popolo e attrezzature di sicurezza israeliane furono impiegate durante i Giochi Olimpici di Sochi. Gazprom, gigante petrolifero, ha firmato diversi contratti con Israele e i palestinesi sotto controllo israeliano. Considerando gli interessi regionali d’Israele, la Russia ha annullato la vendita del sistema di difesa aerea S-300 all’Iran. I vantaggi sembrano reciproci ed equilibrati.
La posizione d’Israele nella crisi in Ucraina è più conservatrice. Il rappresentante d’Israele presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite s’era assentato dal voto per condannare la Russia per l’annessione della Crimea. Pochi mesi dopo, Israele ha votato con la Russia, e contro gli Stati Uniti, sulla risoluzione delle Nazioni Unite che condanna la rinascita del nazismo. Inoltre, gli attivisti israeliani di estrema destra sostengono entusiasticamente la politica della Russia, anche alla radio e alla televisione russe, opponendosi alle sanzioni occidentali. Alcuni addirittura hanno proposto alle autorità del Donbas d’inviare unità di volontari israeliani. A questo proposito, la destra israeliana è allineata alla destra internazionale, come il Fronte Nazionale in Francia e i partiti della coalizione di governo in Ungheria. La Russia, a sua volta, sembra accettare la colonizzazione de facto israeliana dei territori occupati nel 1967. In tal modo, funzionari russi e israeliani hanno firmato ad Ariel, città costruita sui territori palestinesi e limitata agli israeliani non arabi, un importante accordo per la collaborazione sull’innovazione (Skolkovo). La Russia ha un’alleanza discreta ma importante con Israele. Questa alleanza si riflette nell’opinione pubblica. I sondaggi mostrano che i cittadini russi sostengono Israele e che il sostegno s’è rafforzato negli ultimi anni. Naturalmente i due Paesi sono consapevoli dei limiti di tale alleanza e mantengono le opzioni aperte, la Russia sulla questione del nucleare iraniano, Israele nel complesso rapporto con i nazionalisti ucraini. Ma è innegabile che le relazioni tra Russia e Israele riguardino due aree di grande importanza per gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali: Medio Oriente ed Europa orientale.
Il problema è che l’élite di Washington dipende principalmente dalla televisione mainstream e da tre giornali: The New York Times, Washington Post e Wall Street Journal. I nostri punti di vista fin dallo scorso febbraio, quando iniziò la crisi, non sono mai apparsi sulle loro pagine. Siamo esclusi. Jack Matlock non c’era, il professore Mearsheimer non c’era, i miei pezzi sono stati rifiutati. Non ho mai visto ciò negli USA finora, è molto strano per me perché i giornali amavano la polemica, ma qui sono tutti convinti che esista un solo punto di vista. (Stephen Cohen su RT)

Monument_Red-Army_Israel_4Yakov Rabkin è professore di Storia all’Università di Montreal; il suo ultimo libro è Capire lo Stato d’Israele (Écosociété, 2014).
Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Si amplia la Difesa Aerea dell’Iran

Teheran (FNA) 23 novembre 2014 – Syrian FreepressSayyad 2 TalashIl Comandante della base della Difesa Aerea Khatam al-Anbia, Generale di Brigata Farzad Esmayili ha sottolineato la piena preparazione nella difesa dello spazio aereo iraniano delle sue forze ed ha detto che il “Paese prevede di espandere ulteriormente la propria rete della Difesa Aerea”. “Oggi lo spazio aereo del Paese è controllato punto per punto dalla Difesa Aerea, e con l’aiuto di Dio le forze della Difesa Aerea cresceranno ancora aumentando i centri della Difesa Aerea da 3600 a 5000“, ha detto Esmayili dopo aver visitato il centro radar di Zabol nel sud-est dell’Iran. I comandanti iraniani hanno più volte sottolineato l’eccezionale potenza della Difesa Aerea iraniana, riconosciuta dal mondo intero, rendendo i cieli dell’Iran tra i più sicuri nel mondo grazie all’utilizzo di diversi attrezzature e armamenti di produzione nazionale. Esmayili annunciò a settembre che l’Iran avrebbe svelato e adottato diversi nuovi sistemi radar ad alta tecnologia per la Difesa aerea, dalle varie funzionalità tra cui inseguimento ed identificazione di piccoli oggetti volanti. “Il sistema radar Arash-2 che può scoprire oggetti volanti di piccole dimensioni e dalla tecnologia avanzata è una delle più recenti realizzazioni” della Difesa Aerea iraniana, ha detto Esmayili nella conferenza stampa in occasione dell’Air Defense Day in Iran. Ha descritto l’indigenizzazione dei sistemi e delle apparecchiature come prioritaria per il sistema di Difesa iraniano: “Dallo scorso anno, 4 sistemi sono divenuti pienamente operativi, e a breve saranno svelati e aggiunti al sistema di Difesa Aerea“. “Uno di questi sistemi è un radar a lungo raggio dalle frequenze combinate e dalla capacità di scoprire piccoli oggetti volanti e missili da crociera“. Esmayili ha parlato dei nuovi sistemi di Difesa realizzati dagli specialisti nazionali: “I sistemi missilistici Talash-1, 2 e 3 saranno operativi, dopo esser stati testati, e al più presto aderiranno alla rete integrata (della difesa missilistica)“.
Nelle osservazioni di agosto, alti ufficiali iraniani hanno detto che l’Iran ha un sistema di Difesa Aereo integrato che rivela ogni velivolo nemico avvicinarsi alla frontiera del Paese. “Allo stato attuale, ogni parte dello spazio aereo della Repubblica islamica dell’Iran è collegata alla rete della Difesa Aerea integrata e i più piccoli movimenti non passano inosservati agli occhi d’aquila della Difesa Aerea”, ha detto il comandante della Base della Difesa Aerea Khatam al-Anbia Brigadier-Generale Alireza Sabahifard. Ha sottolineato la particolare importanza della Difesa Aerea nel sistema di Difesa del Paese: “Prima della rivoluzione islamica in Iran (1979), la Difesa Aerea era limitata alla protezione delle basi dell’aeronautica e di alcune importanti città, da quando l’Iraq scatenò la guerra all’Iran (1980-1988) e il nemico lanciò attacchi sui i centri sensibili e vitali del Paese, la Difesa Aerea iraniana è cresciuta costantemente, al punto che oggi unità della Difesa Aerea sono stati installate in oltre 3600 siti“.

radar_locations_on_map-latestLa forza Basij dell’Iran ha un ruolo regionale
Teheran (FNA) 23 novembre 2014

247003Lo Stato Maggiore delle Forze Armate iraniane, in una dichiarazione ha sottolineato che la Forza Basij (volontari) del Paese è divenuta modello per i Paesi regionali che resistono a Stati Uniti, Israele e loro alleati occidentali. “Il modello dell’organizzazione Basij iraniana è divenuto oggi un modello transnazionale e globale, ed è considerato il maggiore ostacolo alle trame e alle minacce di Stati Uniti e alleati occidentali nella regione“, afferma la dichiarazione. La dichiarazione riguarda gli sviluppi in Iraq e Siria negli ultimi anni, la resistenza della popolazione dei due Paesi al SIIL sponsorizzato da Israele e ad altri gruppi terroristici ed ha ricordato che i terroristi subiscono sconfitte dopo che i popoli iracheno e siriano hanno formato forze volontarie popolare per combattere il terrorismo. Ha aggiunto che l’invasione israeliana del Libano, la guerra a Gaza e la resistenza contro il complotto sionista nelle due nazioni, nel corso di queste due guerre, sono ulteriori esempi che dimostrano che i Basij iraniani sono un modello del Fronte della resistenza regionale. Nelle sue osservazioni, il comandante della Forza Basij iraniana, Generale di Brigata Mohammad Reza Naqdi, annunciava che le nazioni di Libano, Iraq e Palestina desiderano utilizzare l’esperienza dell’Iran per istituire forze Basij (volontarie). “Oggi, assistiamo alla formazione di forze popolari Basij in Libano, Iraq e Palestina, ecc.”, ha detto Naqdi rivolgendosi ad un raduno della Forza Basij a Teheran. “Le nazioni che ne hanno abbastanza di crudeltà e oppressione si rivolgono a noi per apprendere la nostra esperienza sul Basij, in modo che anche le loro nazioni possano resistere fino alla vittoria sulle potenze arroganti“, ha aggiunto. Naqdi ha sottolineato che le nazioni che si sono risvegliate non abbandoneranno mai la resistenza.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il SIIL arriva nella “primavera araba”: i corni del dilemma curdo

Ziad al-Fadil Syrian Perspective 7 ottobre 2014Kurdistan-mapHo intenzione di farvi uno scherzo. Ayn al-Arab significa “primavera araba”. La parola “primavera” qui, ovviamente, si riferisce ad una sorgente d’acqua e non alla stagione. E’ anche il luogo chiamato Kobani dai curdi, divenuto ora famoso per l’attacco del SIIL a questa città sul confine siriano-turco. Poveri curdi. I loro capi sono o dei segaioli imperterriti come Masud Barzani, il cui unico scopo nella vita sembra sia pompare petrolio e aria fritta nel nord del Kurdistan iracheno; o condannati a languire in carceri in un’incontaminata isola, famosa per le sistemazioni limitate e la scarsità di televisori a schermo piatto, come Abdullah Ocalan. È già abbastanza brutto non poter condividere con tutti la visione dello Stato-nazione curdo, ma immaginate quanto sia esasperante quando gli unici difensori di Kobani sono del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, PKK, milizia designata “terrorista” dagli USA ed alleati, per non parlare dei malvagi erdoghani turchi. Cosa può fare un curdo quando terroristi sono contro terroristi? Beh, i curdi fanno, come sempre, tutto ciò che non dovrebbero. Chiedono altri e più efficaci attacchi aerei degli USA contro il SIIL che è, evidentemente, già a Kobani. Chiedono anche l’aiuto della Turchia. Ahaha! Che barzelletta! La stessa Turchia, tra l’altro, che vede la creazione di uno Stato curdo come se fosse la devoluzione dell’esistenza terrena nello stretto sfintere dell’oblio. E gli Stati Uniti sono restii ad aiutare un gruppo che designano “terrorista” per sconfiggere un altro gruppo “terrorista”. Dimenticate i turchi! Che può fare uno yankee?
I curdi pensano proprio come i palestinesi. Ci sono somiglianze. Entrambi sono popoli del Terzo Mondo oppressi dagli ebrei, Primo Premio dei Popoli Vittime. E proprio come gli ebrei, ma con meno successo, sono determinati a vincere il premio grazie ai buoni uffici di NATO, Stati Uniti e tutti gli altri malintenzionati della rete che trascorrono le loro ore di veglia architettando modi per frustrarne le speranze, i sogni, le aspirazioni e (un grande “e” qui) per tutto il tempo guadagnarsi il favore dei ricconi ebrei di Nord America ed Europa. I curdi della Siria per molti decenni hanno combattuto una battaglia persa per la cittadinanza siriana. Infine l’ebbero concessa dal dr. Assad. Pensate che mantengano i contatti con l’esercito siriano per respingere l’assalto del SIIL? No! Sarebbe troppo facile. Pensate che abbiano capito, ormai, che le aperture di Erdoghan sono solo uno stratagemma per garantirsene l’emarginazione mentre continua l’aggressione criminale contro la Siria? No. Sarebbe troppo semplice da capire. (Non si suppone che i turchi siano stupidi, comunque?) Pensate che si contattino Iran e Russia per vedere se questi due Paesi possano fornirgli aiuti genuini nella lotta contro un movimento sociopatico come il SIIL creato proprio da NATO, Stati Uniti e le alleate scimmie di Arabia Saudita e Qatar? No. Anche questo sarebbe troppo facile.
Iran e Russia? E’ un dato di fatto che i curdi parlano una lingua che deriva dal farsi. Mentre molti curdi sono costretti ad imparare il turco per avere un posto nelle vacue tradizioni delle orde dell’Asia centrale avanzate tra gli elleni e gli armeni dell’Anatolia, la maggior parte di loro non ha alcuna difficoltà ad adattarsi al farsi, che molti loro luminari, come Hoshyar Zibari, parlano fluentemente. I persiani non opprimono i curdi. I persiani non negano ai curdi il diritto di parlare nella loro lingua o d’insegnarla nelle loro scuole. Eppure, come i palestinesi, i curdi continuamente gravitano verso la parte più aggressiva del tracciato. La Russia? L’ex-Unione Sovietica, non è un segreto che il PKK sia socialista, persino comunista. Vero, la Russia ha lasciato quel particolare tipo di socialismo scientifico per migliorare la vita dei russi medi con pratiche capitalistiche spietate e dickensiane, da sociologia malthusiana. Ma per lo meno, la Russia è legata alla Cina comunista, altra potenza che commuta genere divenendo “potenza economica”. Mentre è difficile conciliare le precedenti personalità di questi due potenti membri del Consiglio di sicurezza dell’ONU, non è difficile capire che potrebbero avere meno dubbi nell’aiutare i curdi oppressi a respingere la grottesca folla di roditori assassini del SIIL, avendo anche loro dei fanatici simili a casa, per esempio ceceni e uiguri.
pkk-leader-small Mesut Kiryilan, che dirige il PKK, deve prendere il dilemma per le corna e fare quanto segue: ridurre Abdullah Ocalan allo status di invecchiato e lamentoso boss mafioso che non vedrà mai la luce del giorno, mentre fa salotto nella sua cella ad Imrali. Kiryilan non deve mai dimenticare che Ocalan ha ordinato l’assassinio di Sakine Cansiz a Parigi, con l’aiuto di Erdoghan e Hollande. Ne ordinò l’assassinio perché stava per rivelare, in Germania, la collusione di Ocalan con il piano per neutralizzare il movimento di liberazione curdo. Non dimenticate, la madre di Ocalan era turca, o almeno così ha detto ai suoi carcerieri mentre veniva portato via dall’Africa per essere processato ad Ankara. Non voglio sembrare caustico e cinico, senza cuore. Sono con i palestinesi (mia madre è nata a Jaffa, Palestina) e ho vissuto la loro tragedia per tutta la vita. Eppure, ogni volta che devo sedermi e pensare a come questi popoli vittime gestiscono i loro affari, socialmente, politicamente ed economicamente, capisco che scelgono sempre le soluzioni peggiori ai loro problemi, chiedendo l’amicizia ai più ostili alle loro aspirazioni, o sviluppando relazioni sociali basate su corruzione e furto, accettando le kakocrazie che hanno contribuito a fondare e santificando quegli stessi degenerati che li hanno truffati ed ingannati per decenni. Non ho alcuna simpatia per loro. Quando penso a Mahmud Abbas, leader dei palestinesi, penso alle pecore al macello, dove i macellai sono gli ebrei europei che ancora dentro i loro Konzentrazionlagern, o ai curdi in via di estinzione perché invocano i propri Quisling. Posso solo alzare solo le spalle, abbottonarmi il cappotto e attendere la fine della “primavera araba”.

sakine-cansiz-24Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La vittoria di Gaza è stata venduta a Turchia e Qatar

Nasser Kandil, Global Research, 4 settembre 2014

wa_image_gaza_map_1Qalid Mishal o il riconoscimento a geometria variabile
Leggendo l’articolo su Middle East Monitor (la cui traduzione è stata pubblicato da Le Grand Soir) [1], si potrebbe subire la cieca ammirazione per lo spirito di resistenza di Qalid Mishal, capo dell’ufficio politico di Hamas, che ha detto che uno degli errori d’Israele è “mentire, ancora una volta, alla comunità internazionale e all’amministrazione americana“. La questione è che, nel regno dei bugiardi, chi è il re? Ma prima di scoprire cosa pensano coloro che resistono sul campo, come ci spiega Nasser Kandil sulla TV al-Mayadin, vediamo più da vicino coloro cui sono indirizzati i ringraziamenti di Mishal, dovuti a finanziamenti e residenze più o meno di lusso.

Residenza in Qatar: dichiarazioni di Mishal dopo l’ultimo cessate il fuoco a Gaza[2]
“…Un grazie meritato al Qatar e al suo “coraggioso principe”, sceicco Tamim. Grazie al Presidente Erdogan, uomo “autentico” che non ha mancato di preoccuparsi per Gaza, sebbene occupato dalla rielezione e dal riordino interno. Grazie al rivoluzionario presidente Munsif al-Marzuqi. Applauditeli tutti!
Grazie anche ai tanti capi:
• il presidente sudanese che, per Allah, non ha mancato di testimoniarci la sua lealtà e generosità,
• l’emiro del Quwayt, che ci ha anche ampiamente dimostrato fedeltà e generosità,
• i funzionari dell’Oman che non ci hanno lesinato aiuti,
• il presidente dello Yemen, che non ha badato a spese per noi,
• i funzionari algerini, tunisini e marocchini, che non ci hanno lesinato aiuti,
• il primo ministro della Malesia non ci ha lesinato aiuti.
Tutti erano in contatto con noi e ci hanno sostenuto, e non sono stati avari. Che tutto il bene li ricompensi per i loro benefici. E la cosa migliore di tutti i capi, emiri, ministri degli Esteri… molte persone che non ci hanno lesinato aiuti. Possano essere ricompensati per i loro benefici. Ci sono anche persone… che ci hanno contattato per assicurarci il loro sostegno. È il caso dei “fratelli iraniani”. Li ringraziamo. Vogliamo unificare la Ummah intorno alla battaglia per la Palestina. Vogliamo che la vera battaglia sia condotta per recuperare Gerusalemme, al-Aqsa, la Palestina e allontanarsi dalle polarizzazioni della fede e da battaglie sparse. Questa è la vera battaglia. Vogliamo pace, sicurezza e stabilità per l’intera Ummah e che tutti possano soddisfare le loro richieste. Che Dio ci salvi da ogni ingerenza straniera. Desideriamo tutto ciò. I nostri “fratelli in Egitto” hanno ospitato i negoziati per il cessate il fuoco. Apprezziamo l’energia che consumate. Ma data la sua importanza, molto, molto di più ci aspettiamo dall’Egitto. Questa è la nostra speranza per l’Ummah, e voi media che vedevo e non vedevo, soprattutto quelli che coprivano gli eventi da Gaza… candidandosi al martirio per media di Gaza… e al-Jazeera, “la perla dei media arabi”!
Grazie a tutti voi.
La pace sia su di voi, e che Dio vi conceda misericordia e benedizione“.

Residenza siriana: dichiarazione dello stesso Mishal nel 2011[3]
Perché dovremmo dire grazie a chi ci ha sostenuto in segreto e in pubblico… economicamente, materialmente e politicamente? Perché non ringraziare il Presidente Bashar al-Assad, che ci sosteneva come fanno i veri uomini?

Khaled MashaalLa vittoria di Gaza è stata venduta a Turchia e Qatar
1. L’aggressione nemica a Gaza si è conclusa. Qual è la situazione attuale, mentre si dice che alcuni cerchino di far saltare il rapporto Hamas-Fatah?
Credo, purtroppo che, nonostante la grande vittoria della popolazione e dei combattenti di Gaza contro “Iron Dome” e le brigate super attrezzate da otto anni di preparazione dell’esercito israeliano, che pensava di aver appreso lezioni dall’aggressione al Libano nel 2006, ci troviamo di fronte a una direzione politica peggiore della precedente. In altre parole, con Mahmud Abbas abbiamo sempre temuto il peggio; Oggi, il peggio è ancor peggiore perché la vittoria di Gaza è stata venduta a Turchia e Qatar. Non abbiamo sentito da Qalid Mishal: Principe “coraggioso” e uomo “autentico” che, nonostante le preoccupazioni elettorali, non poteva pensare che al popolo di Gaza? Due Paesi che non hanno nemmeno il coraggio di arrivare al livello dei Paesi latino-americani! Sappiamo tutti che Brasile ed Ecuador hanno chiuso le ambasciate israeliane nel loro territorio, che il Venezuela ha fatto lo stesso e che la presidentessa dell’Argentina ha ritirato la cittadinanza ai connazionali che servono nell’esercito israeliano. La bandiera israeliana sventola nel cielo di … Ankara e Mishal ha il coraggio di dirci che Erdogan è un eroe vittorioso!? Un eroe? Sul principe del Qatar, che non ha nemmeno il coraggio di annunciare “costruiremo il porto e l’aeroporto di Gaza su cui atterrerò“, è divenuto un principe coraggioso!? La vendita della vittoria di Gaza porterà alla debacle palestinese. Sì, lo dico come ho detto che lamenteremo il passo di Mahmud Abbas, che potrà goderne. Buon per lui!

2. Come vede l’evoluzione della situazione?
Penso che ci saranno ulteriori negoziati e che Mahmud Abbas sfrutterà la vittoria di Gaza per consolidare le sue posizioni. La leadership politica di Hamas ha tradito i sacrifici dei suoi combattenti e della sua resistenza. Muhammad Dayf [4] è certamente più degno della lode di Mishal di chiunque altro. Mi permetto di aggiungere, con un certo imbarazzo parlando su al-Mayadin, che Mishal sembra aver dimenticato ciò che la vostra rete ed i vostri corrispondenti hanno instancabilmente fatto per Gaza e la causa palestinese… Spudoratamente ha descritto al-Jazeera come “la perla dei media arabi”, che gli paga le bollette del soggiorno a Doha; nel Qatar, che non ha il coraggio di sfidare Stati Uniti ed Israele accogliendoli ufficialmente, ha lo status di “ospite di al-Jazeera” quale analista politico. E’ inaccettabile che rimborsi le spese con il sangue della sua gente e della resistenza! Pertanto, tale discorso è un vero e proprio scandalo. Basti pensare a tutti i sacrifici del popolo palestinese e alla straordinaria ingegnosità dei comandanti di Iz al-Din al-Qasam (braccio militare di Hamas) e delle brigate al-Quds. Tale dualità di Hamas non può portare ad una ristrutturazione a breve termine, da cui l’opportunità di Mahmud Abbas di sfruttare la vittoria di Gaza per reintrodurre il suo piano per la creazione dello Stato palestinese [5]. Inoltre, in tal senso lo studioso statunitense, in un recente articolo, Martin Indyk [6] ha detto che Turchia e Qatar sono riuscite a condurre Hamas ai negoziati avviati da Israele… [7]

3. Tornando alla coppia Fatah-Hamas, alcuni dicono che i loro disaccordi siano sotto controllo. Lei?
Rispondo francamente che ciò m’inquieta. Conosco Fatah, è un’entità intrappolata dalla visione sulla sicurezza, facilmente infiltrabile. Su Hamas, che dipende da Qalid Mishal, è interessata solo al potere e non si preoccupa di una politica per unire il popolo palestinese tramite la vittoria a Gaza della Resistenza. Pertanto, abbiamo da un lato l’entità intrappolata di Fatah e la leadership opportunista di Hamas; dall’altra una struttura combattente e forte. Cioè non tutti sono preoccupati dalla Resistenza. C’è chi ne approfitta raccogliendo il bottino come Qalid Mishal di Hamas, e ci sono infiltrati in Fatah che lavorano per distruggerlo. Il rischio è che una sola scintilla possa distruggere la vittoria palestinese e seminare discordia tra i palestinesi.

4. Date le rispettive dichiarazioni contraddittorie, possiamo aspettarci un cambio nelle strutture interne di Hamas?
Infatti, le dichiarazioni di Mahmud al-Zahar e al-Qasam sono completamente differenti, perché la loro bussola indica sempre la Palestina. Qualcuno potrebbe pensare che avremmo voluto che nel suo discorso Qalid Mishal ringraziasse Siria e Hezbollah. Assolutamente no, e Dio non voglia! Vogliamo parlare della Palestina e che la sua bussola punti solo sulla Palestina. Che scherziamo? La “normalizzazione” sarebbe la ricetta della vittoria? Che barzelletta! Sì, è indiscutibile che la direzione di al-Qasam sia fedele alla Palestina e ai palestinesi. E se uno di questi giorni, Muhammad Dayf dichiarasse che è contrario al “regime” siriano, mi congratulerei ancora; perché fin dall’inizio della guerra contro la Siria, non ha mai compromesso la resistenza adottando una qualche ideologia politicamente estranea alla Palestina. Così avremmo voluto che la leadership politica di Hamas si comportasse. Ecco dove siamo. La resistenza di Hamas accetterà tale situazione, ora che è assai chiaro che Qalid Mishal la sfrutta?

5. Secondo lei cosa accadrà?
Quello che so è che vi sono discussioni interne ad Hamas, il sentimento dominante si riassume: “Ci siamo venduti a Muhammad Mursi nel 2012 e la fitna (disaccordo) tra Egitto e Palestina ha quasi distrutto la Resistenza. Oggi (la leadership politica di Hamas) ci vende a Turchia e Qatar...”

6. Non abbiamo il tempo di affrontare il conflitto tra Qatar e Paesi del Golfo. Una parola su ciò?
In una parola, e spero che ve lo ricordiate, il risultato di tutto ciò si tradurrà in due o tre anni nella ricompensa al Qatar dell’Arabia Saudita. Per ristabilire il suo prestigio nella penisola il suo principe e il suo gas dovranno vendersi ai sauditi!

Nasser Kandil, al-Mayadin 31/08/2014
Nasser Kandil intervistato da Fatun Abasi [38′]

Trascrizione e traduzione di Mouna Alno-Nakhal per Mondialisation.ca

Note:
[1] Mishal parla di resistenza, trattative e politica regionale (Middle East Monitor). Traduzione di Dominique Muselet
[2] TV al-Manar: Dichiarazione di Qalid Mishal dopo l’ultimo cessate il fuoco a Gaza
[3] Video dell’Asse della Resistenza: Il capo di Hamas (Qalid Mishal) ringrazia Assad per il sostegno militare, nel 2011
[4] Muhammad Dayf. Muhammad Dayf, nato Muhammad Ibrahim Diab al-Masri il 12 agosto 1960 a Khan Younis, è un militante palestinese e comandante delle brigate Iz al-Din al-Qasam, ala militare di Hamas. Il 20 agosto 2014, l’aviazione israeliana colpiva la casa in cui si trovava, secondo le sue informazioni. Israele crede che sia stato ucciso o gravemente ferito, Hamas l’ha negato. La moglie e la figlia sono state uccise nel bombardamento.
[5] Abbas: Uno Stato palestinese e ritirata israeliano entro 3 anni
[6] Martin Indyk, l’inviato USA in Medio Oriente si dimette
[7] La relazione Stati Uniti-Israele giunge a un ripensamentoBrookings

Nasser Kandil è un ex-deputato libanese e direttore di TopNews-Nasser Kandil e del quotidiano libanese al-Bina
Copyright © 2014 Global Research

Mideast-Gulf-Shifting_Horo

Abbas, Hanyah e al-Thani

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 495 follower