Ulteriori dati sull’attacco dei droni in Siria

Alessandro Lattanzio, 11/1/2018Il capo del Comitato del Consiglio della Federazione su Difesa e Sicurezza, l’ex-comandante dell’Aeronautica Militare russa Viktor Bondarev, dichiarava che solo gli Stati Uniti avrebbero potuto fornire i velivoli senza pilota che avevano attaccato le basi militari russe in Siria, il 6 gennaio. “Chi sia dietro i terroristi, penso, è chiaro a tutti. Chi ha fornito i droni che hanno bombardato le nostre basi non poteva che essere uno Stato tecnologicamente forte, concedendo ao terroristi la tecnologia per navigazione satellitare, sensori barometrici e telecontrollo del lancio di ordigni esplosivi, assemblati professionalmente, sulle coordinate assegnate. Gli Stati Uniti, prima col pretesto di combattere un regime totalitario e di sostenere le forze di opposizione che presumibilmente difendevano gli interessi della democrazia, invasero senza mandato ONU un Paese sovrano, iniziando ad alimentare la guerra civile, armando, finanziando e addestrando organizzazioni terroristiche e poi, dopo esser stati sconfitti i principali gruppi di banditi, risparmiando i sopravvissuti. Ora, insieme ai Paesi subordinati, forniscono ai terroristi UAV ad alta tecnologia“, e concludeva che gli attacchi terroristici alle basi militari russe in Siria erano un tentativo di destabilizzare il Paese.
Il Ministero della Difesa russo affermava che l’attacco dei droni era stato lanciato da un’area controllata dai turchi nella “zona di descalation” della provincia d’Idlib, “È stato stabilito che i droni sono stati lanciati dall’area di Muazara, nel sud-ovest dell’area di descalation d’Idlib, controllata da cosiddette unità dell'”opposizione moderata”. Pertanto, il Ministero della Difesa russo ha inviato lettere al capo di Stato Maggiore turco generale Hulusi Akar e al capo della National Intelligence Organization turco Hakan Fidan. Tali documenti hanno dichiarato la necessità dell’attuazione da parte di Ankara dell’impegno a garantire il cessate il fuoco delle unità armate e di potenziare lo schieramento dei posti di osservazione nell’area di de-escalation d’Idlib, allo scopo d’impedire simili attacchi a qualsiasi struttura”.
Secondo Krasnaja Zvezda i droni utilizzati dai terroristi erano dotati di sensori barometrici e servosistemi per il controllo del volo. Inoltre, i congegni esplosivi improvvisati agganciati ai droni dei terroristi avevano spolette di fabbricazione estera. I droni usavano moderni sistemi di guida basati su GPS, di un tipo mai usato da alcuna organizzazione terroristica. Se la sala operativa che guidò l’attacco non si trovava nella stessa area del sito di lancio dell’attacco, ciò indicherebbe la complessità dell’operazione e che i terroristi presenti nell’area di lancio sapevano che l’esercito turco non li avrebbe disturbati. In precedenza, la base aerea di Humaymim, il 3 gennaio 2018, era stata attaccata con dei mortai che uccisero due soldati russi e danneggiarono un velivolo russo. L’attacco effettuato da un gruppo terroristico infiltratosi dalla vicina zona di descalation, indicando ampie pianificazione ed intelligence sulla situazione presso la base.
I russi conclusero che l’attacco nella notte tra il 5 e il 6 gennaio 2018 avesse carattere insolito; i 13 droni avevano un’apertura alare di poco più di 2 metri e ciascuno portava 10 granate di circa 400 grammi di esplosivo e biglie capaci di sporgersi per un raggio di 50 metri. L’esplosivo usato era unico e potente, e non poteva essere prodotto che da Paesi avanzati. La società ucraina ShZhR veniva indicata tra i produttori di tale esplosivo. Uno dei droni aveva un sistema video per monitorare l’attacco e correggere la rotta se necessario.

Il presidente Erdogan continua le ostilità contro il governo siriana e a mantenere l’alleanza coi gruppi jihadisti, come al-Qaida, che occupano la provincia d’Idlib e certamente diretti responsabili di tali attacchi. “Il fatto che al-Qaida indisturbata lanci attacchi coi droni dalla zona di de-escalation controllata dalle forze turche, dimostra che i legami tra governo Erdogan ed al-Qaida non si sono rotti e che i militari turchi ne coprono le attività”. Sempre presupponendo che l’intelligence turca non avesse avuto un ruolo diretto negli attacchi. Difatti, non sarebbe una sorpresa se l’attacco dei droni fosse stato coordinato tra turchi e statunitensi, irritati dalla presenza delle basi russe in Siria.
Quest’ultima azione era stata preceduta dal misero fallimento del tentato cambio di regime in Iran, dal riavvio del dialogo tre le due Coree e dal viaggio del presidente francese Macron in Cina, dove invitava il Presidente Xi ad esportare in Europa il “miracolo economico” cinese. La Cina rispondeva al clima di minacce a Russia e Iran, costruendo una base militare nella provincia afghana del Badakhshan, nell’ambito della cooperazione su sicurezza e antiterrorismo tra Afghanistan e Cina, e con una serie di test del missile DF-16, dalla gittata di oltre 1000 km, estremamente accurato e schierato su autoveicoli in tutto il territorio cinese e sul Mar Cinese Meridionale. “In passato, avevamo solo lo spirito d’acciaio. Ora abbiamo molti sistemi, quindi abbiamo bisogno di uno spirito ancora più ferreo e deciso nell’impiegarli“, aveva dichiarato Xi ai soldati dell’ELP.
Nel frattempo il test del sistema antibalistico Arrow-3, progettato congiuntamente da Israeli Missile Defense Organization e US Missile Defense Agency, veniva rinviato per la seconda volta a causa di problemi nel collegamento dati tra il missile intercettore e i sistemi a terra. Il test non era tecnicamente un “fallimento” dato che il missile non è mai decollato, osservava il Jerusalem Post. A dicembre, il missile bersaglio che l’Arrow avrebbe dovuto intercettare “non era conforme ai parametri di sicurezza“. “Nel caso odierno, è stato deciso d’interrompere il processo ancor prima che l’intercettore e tutti i suoi sistemi di supporto fossero attivati“. L’Arrow-3 compì il primo test riuscito nel 2013, secondo l’agenzia della difesa missilistica degli Stati Uniti. Il missile antibalistico deve integrare i sistemi di difesa missilistica israeliana Arrow-2, Fionda di Davide e Iron Dome. L’Arrow-3 dovrebbe neutralizzare i missili balistici nemici fuori dall’atmosfera terrestre.Fonti:
Covert Geopolitics
Interfax
Sputnik
Sputnik
The Duran

Annunci

Le “proteste” iraniane svelano l’inganno dei media alternativi

Adam Garrie, Russia Truth 2 gennaio 2018Le “proteste” dell’Iran hanno rivelato la piena estensione della miopia endemica dei cosiddetti “media alternativi”. Mentre prevedibilmente i media mainstream occidentali hanno adottato la retorica anti-iraniana del regime sionista e della Casa Bianca di Trump, ciò che può scioccare alcuni è che anche molti cosiddetti “alt-media” l’hanno fatto. Gli “alt-media” sono vittime del proprio successo, costruito più sull’opportunismo che sul principio. Per molti, la guerra dei terroristi filo-occidentali e wahhabiti contro la Repubblica araba siriana è stato lo spartiacque tra chi era inorridito dai molti cosiddetti liberali occidentali che, dalle proteste contro la guerra in Iraq perché George W. Bush non sapeva mettere su una frase compiuta, erano finiti col sostenere (direttamente o tacitamente) le guerre d’aggressione di Barack Obama contro Libia e Siria, semplicemente perché era un buon oratore. Data la natura protratta del conflitto in Siria, molti ingenui liberali occidentali e alcuni ex-neocon iniziarono a rendersi conto che in Siria, un governo secolare, tollerante, multietnico, multi-confessionale, progressista e moderno affrontava un chiaro barbaro attacco indiscutibilmente riprovevole da parte dei terroristi taqfiri armati, aiutati e finanziati dai governi occidentali e dai loro alleati Arabia Saudita ed “Israele”. Perciò e per la paura naturalmente egoistica della minaccia globale da parte di gruppi come al-Qaida e SIIL, molti occidentali si schierarono superficialmente con la Siria senza avere la più pallida idea di ciò che sostenevano, né la volontà di studiare la storia della Repubblica araba siriana, del baathismo o l’eredità del Presidente Hafiz al-Assad, per non parlare del figlio, Presidente Bashar al-Assad.
Molti occidentali non vollero evidentemente comprendere che la battaglia della Siria, se beneficiava la civiltà globale, veniva combattuta nel contesto specifico della lunga storia del nazionalismo arabo. La Siria non esiste a beneficio degli stranieri, ma del suo popolo e della comunità araba. La Siria è, naturalmente, partner di tutte le nazioni sinceramente amiche, da Russia e Cina, a Iran e Corea democratica. Tuttavia, molti analisti non arabi considerano il conflitto in termini egoistici, rappresentando una mentalità coloniale inconscia. Molto di ciò è triste riflesso della mentalità di chi scriveva “analisi” così limitate. Non si può desiderare il bene della Siria, senza comprendere la natura del suo sistema politico e, di conseguenza, perché qualsiasi alterazione esterna al sistema renderebbe le vittorie militari siriane, in definitiva inutili. Il futuro della Repubblica araba siriana non dipenderà dal sostegno di gruppi e individui che si limitano ad esultare per l’Esercito arabo siriano per egoismo, senza preoccuparsi del futuro della Repubblica araba. Il futuro della Siria dipende da chi vede l’arabismo come elemento inseparabile della società, delle leggi e del carattere nazionale della Siria. E ora il centesimo cade ancora più in profondità.
A differenza della Siria, l’Iran non ha affrontato l’attacco militare interno dai terroristi taqfiri, anche se l’anno scorso lo SIIL organizzò un attentato ad importanti siti di Teheran. Il risultato furono 18 martiri iraniani nell’assalto dei terroristi taqfiri che i servizi di sicurezza iraniani dissero essere orchestrati dall’Arabia Saudita, primo alleato arabo degli USA. Tuttavia, poiché la lotta dell’Iran al terrorismo takfirò avviene all’estero, l’atrocità dei taqfiri del 2017 a Teheran fu ignorata da molti osservatori occidentali. In effetti, a causa di decenni di propaganda anti-iraniana, il costante e irremovibile aiuto dell’Iran a Siria e Iraq nella lotta al terrorismo è passato in sostanza inosservato. Ma ora i vili pregiudizi di molti occidentali s’illustrano a pieno. Il governo iraniano, come quello baathista siriano, è un governo rivoluzionario, progressista che mette la sovranità al di sopra della sottomissione all’imperialismo finanziario occidentale e che pone la lotta della Palestina al di sopra della capitolazione alle prepotenze aggressive. Questo non vuol dire che siriani e iraniani non abbiano lamentele sui loro governi. Lo fanno e l’esprimono apertamente e pacificamente nella normalità seguita nel mondo (tranne che in posti come Arabia Saudita, Palestina occupata, Bahrayn, Libia post-NATO). Non è questo il problema, ma dei reazionari sostenuti dall’occidente/sionismo e dei loro scagnozzi che tentano di reinstallare uno shah-fantoccio a Teheran, mentre al-Qaida, SIIL, terroristi curdi, terroristi baluchi e gruppo terroristico MeK coglievano l’opportunità di distruggere l’Iran.
A differenza del governo baathista rivoluzionario laico siriano, la rivoluzione iraniana è islamica. Questo, naturalmente, non ha mai vietato all’Iran di avere buoni rapporti con l’Armenia cristiana, la Russia secolare/ortodossa, la Siria confessionale laica o la Jugoslavia popolare democratica. Allo stesso modo, i recenti sforzi per migliorare le relazioni tra Pakistan a maggioranza sunnita e Repubblica islamica dell’Iran hanno avuto grande successo fin dall’inizio. Anche Turchia ed Iran hanno notevolmente ampliato le relazioni nell’ultimo anno, nonostante le differenze storiche, politiche e spirituali. È solo l’occidente laddove l’ideologia del liberalismo si oppone alla rivoluzione islamica. Altri Paesi laici o non sciiti non hanno problemi a formare partenariati ed alleanze con l’Iran. In questo senso, il liberalismo occidentale e il wahhabismo condividono il bigottismo nei confronti della Repubblica islamica dell’Iran, che non hanno altri senza un governo di tipo iraniano. Così, se molti liberali e nuovi neo-con occidentali si sono temporaneamente allineati alla Repubblica araba siriana baathista per una combinazione di opportunismo e autoconservazione, il caso dell’Iran che affronta minacce provenienti dalle stesse fonti (Stati Uniti, “Israele”, Arabia Saudita) riscuote scarsa simpatia dai molti cosiddetti “alt-media” occidentali. Invece sono tornati alla vecchia forma, ignorando le richieste di solidarietà alla Repubblica islamica o chiedendone apertamente la fine, perché la rivoluzione islamica è incompatibile con il loro bigottismo liberale/neocon. Sembra che l’Iran sia la linea rossa per molti “alt-media”, dimostrando che il sostegno delle opinioni alternative alla Siria era formata e limitata dall’egoismo. A costoro non importa niente della Palestina, perché non vivono nella paura di un jet israeliano che gli bombarda la casa. A costoro non importa niente dell’Iran, perché sono stati programmati dalla propaganda sionista ad odiare la Rivoluzione islamica, nonostante il carattere pacifico e progressista. Ciò che non capiscono è che la Siria vede la guerra contro gruppi come SIIL nell’ambito della lotta per liberare il mondo arabo dall’imperialismo sionista/occidentale. Inoltre, gli iraniani vedono la loro battaglia per preservare la rivoluzione islamica nell’ambito della battaglia contro l’oscurantismo wahhabita. Con amici così bifronte, la Siria dovrà essere felice di sbarazzarsene quando non troveranno la causa siriana “utile” al proprio programma egoistico. Se gli individui politicamente compromessi con l’occidente si preoccupassero davvero dei principi di sovranità nazionale, opposizione all’imperialismo occidentale, sionista e wahhabita. uguaglianza tra le nazioni e pace tra i popoli, sarebbero pronti a sostenere l’Iran. Invece sardonicamente insultano la Rivoluzione iraniana, cultura, governo e costumi dell’Iran e il popolo iraniano.
Naturalmente, ci sono molti “alt-media” genuini da sempre. Gli stessi che venivano ignorati prima che gli orrori dello SIIL svegliassero dal sonno. Ora che molti pensano che lo SIIL sia stato distrutto, sono pronti a tornare a dormire. Questa è l’eterna vergogna dell’inganno degli “alt-media” e sarà gloria eterna per chi sostiene la Rivoluzione Islamica, come coloro che in Siria spalleggiano fratelli e sorelle iraniani nonostante abbiano forme diverse di governo rivoluzionario.Traduzione di Alessandro Lattanzio

UE e USA si dividono mentre Washington si gioca la carta curda

Ziad Fadil Syrian Perspective 8/1/2018Dimenticate la decisione di trasferire l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme. In ogni caso non ha senso ed è “irrilevante” perché si tratta solo di un’altra città della Siria con una storia di morte. L’unica ragione di tali clamore e clangore è il Santuario Nobile Islamico e i vari siti cristiani che hanno tutti qualcosa a che fare con la crescita e la sofferenza di Gesù. Questo è tutto. Per gli ebrei non dovrebbe avere alcun significato perché la loro vera Gerusalemme è nella provincia di Asir dello Yemen, come dimostrato dal professor Qamal Salibi nel suo monumentale libro: “La Bibbia è arrivata dall’Arabia”. Inoltre, non dovrebbe avere senso perché l’ebreo medio in Palestina non ha alcun DNA correlato. Ciò che è più importante è che gli Stati Uniti pensano a creare uno Stato curdo in Siria, sfidando l’assoluta ostilità della Turchia all’idea. E, come il governo siriano ha ripetutamente notato, tale azione violerebbe il diritto internazionale. Finora, gli europei sono stati più scrupolosi nell’aderirvi, come dimostra la quasi unanime condanna del riconoscimento di Trump di Gerusalemme capitale dello Stato colonizzatore sionista. Anche se la Gran Bretagna fosse in combutta con gli Stati Uniti nel tentativo di creare uno Stato curdo, il rifiuto di deviare dalle posizioni tradizionali dell’Europa nel trattare il conflitto arabo-sionista sembrerebbe smentirlo. Vedo una seria frattura tra Europa e Stati Uniti grazie a Trump. Col nuovo anno è possibile sentire l’attrito di Vladimir Putin che si sfrega febbrilmente le mani a Mosca. Trump siglerà il destino degli Stati Uniti con l’Europa. Ha già ostracizzato il Pakistan per aver preso denaro statunitense senza restituire nulla. Ha anche deciso di rimanere in Afghanistan anche se la guerra entra nel 17° anno senza una fine in vista e i taliban che dilagano su altri territori catturati. Con Gran Bretagna e Francia che non vogliono condividere il suo ottimismo alla Pollyanna sulla longevità del governo di Kabul, ci si può aspettare che con l’ascesa di Jeremy Corbin nel Regno Unito, gli inglesi abbandonino la nave che affonda e tornino all’Old Blighty. I francesi faranno lo stesso.
In tutto questo, sono patetici i curdi che firmano il proprio sterminio. La Turchia non accetterà alcun loro Stato in Siria o Iraq e i turchi sanno di avere un alleato nel Dr. Assad. Gli iracheni sono altrettanto ansiosi, poiché la costruzione di uno Stato curdo in Siria quasi certamente guadagnerà terreno nel nord dell’Iraq. L’Iran, naturalmente, col grande interesse ad estendere il gasdotto al litorale siriano, farà tutto il necessario per rigettare le speranze statunitensi. Ciò significa che i curdi dovrebbero prepararsi al meglio a una guerra totale contro gli eserciti di Siria, Iraq, Turchia ed Iran. Non c’è modo di uscirne, anche se gli Stati Uniti decidessero di combattere fino all’ultimo curdo per attuarlo. Questo piano è dei sionisti. Se ricordate l’analisi del Dott. Bashar Jafari che menzionai in diversi saggi, capirete immediatamente perché Netanyahu è dedito a uno Stato curdo. Come spiega il Dott. Jafari, il sionismo deve balcanizzare il Vicino Oriente in staterelli, ognuno con un particolare nucleo religioso o etnico, per giustificare l’apartheid che il sionismo pratica contro i palestinesi. Solo con l’esistenza di uno Stato maronita, uno druso, uno alawita, uno sunnita, uno ebraico e uno curdo, gli ebrei in Palestina possono giustificare la struttura perversa della loro nazione-ghetto di Varsavia. I curdi giocano proprio su tale follia e il loro destino sarà peggiore di quello degli scià Khwarezmiani.
Chris mi dice che ci sono migliaia di marines nell’enclave curda che chiameremo “Rojava”, nonostante il fatto ormai noto che i curdi abbiano poco a che fare con la Siria. Gli Stati Uniti li prendono in giro con la bugia che i marines siano lì per proteggerne i confini. Certamente, questo è ridicolo e tipico della stupidità immortale degli imbecilli di Washington DC. È un nuovo piano promosso dalla CIA per compensare le disastrose conseguenze del sostegno ai terroristi ossessionati dall’espulsione del governo centrale siriano. Come ho già scritto, ci sono ancora i resti della squadra della CIA che si rifiuta di accettare il crollo del priprio piano in Siria, portando al reindirizzamento per bloccare il gasdotto iraniano. Ciò significa che il Dottor Assad non è mai stato il vero bersaglio: era solo secondario nel piano. Lui e il suo governo dovevano essere rimossi solo perché permettevano le macchinazioni di Teheran. Ora, la CIA non è interessata alla durata del mandato del Dott. Assad, questo è ovvio; invece punta allo Stato curdo che ci si aspetta di riconoscere una volta stabiliti tutti gli attributi statuali. Allora, e solo allora, Nikki Haley, WOG dell’anno, potrà presentare all’UNSC il fatto compiuto aspettandosi che i membri la mandino giù. Non lo faranno e lei tornerà a minacciare e ad atteggiarsi. Nel frattempo, Turchia, Siria, Iraq e Iran faranno tutto il possibile per sabotare tale miserabile stratagemma. Ora, affinché il piano funzioni, è necessaria una preparazione militare. Se e quando l’Iraq alla fine dirà agli Stati Uniti di andarsene coi loro aerei; e i turchi diranno a Washington di fare i bagagli e lasciare Incirlik, gli Stati Uniti saranno costretti a manovrare militarmente per proteggere il Rojava. Tuttavia, se avete seguito le notizie, gli Stati Uniti hanno costruito basi aeree nell’area obiettivo e tutto in previsione del rancore che si scaricherà sul piano statunitense per ridisegnare il Medio Oriente. Oh, che rete intricata si tesse quando si ci esercita ad ingannare.
Il piano di Trump sarà un flop alla grande, se notate che le basi statunitensi nell’area curda in via di sviluppo sono facilmente a tiro dell’artiglieria siriana. È anche dell’artiglieria di tutti gli altri. Se si considera il vasto arsenale missilistico della Siria, progettato per distruggere le basi aeree sioniste nella Palestina occupata, diventa ancora più facile capire come tale piano fallirà miseramente. Sembra che gli Stati Uniti stiano accelerando l’arrivo delle truppe in Siria perché, beh, sono statunitensi dopotutto e non verrebbero assalite per timore che gli aggressori debbano subire l’ira scatenata degli impareggiabili militari statunitensi. Che noia. Gli Stati Uniti non hanno vinto una guerra da quando la Russia gli permise la vittoria nella Seconda guerra mondiale contro la Germania (ad eccezione dei trionfi sulle repubbliche delle banane Panama e Grenada). Che si tratti di Vietnam, Iraq o Afghanistan, la storia degli Stati Uniti è triste. Questa avventura siriana non la migliorerà. Anzi! Convincerà tutti che gli Stati Uniti sono una tigre di carta impotente quanto l’Arabia Saudita. Nessun riposo per i malvagi. Non appena la Siria sconfiggerà i ratti terroristi, gli Stati Uniti punteranno a un altro cattivo di Damasco da combattere. Ma, come Chris mi ha scritto spesso: la battaglia per la Siria non va vista come una sorta di baraccone frivolo, piuttosto, va al centro dei piani statunitensi-sionisti-massonici per il Medio Oriente. Fa parte del futuro immediato degli USA nei rapporti con l’Europa. Come Chris opinava, il piano per rubare petrolio delle alture del Golan; distruggere il fiorente potere dell’Iran; asservire gli iracheni; rafforzare ulteriormente regimi regressivi regionali è parte integrante dell’egemonismo sionista il cui fetore porta direttamente alle camere ornate dei Rothschild e Rockefeller. Tale piano non sparirà presto perché è stato steso per dare la linfa vitale dei popoli arabi alle orde sioniste che infettano la terra di Palestina.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Massicci attacchi aerei alla Siria

Alessandro Lattanzio, 9/1/2018Nella notte tra 5 e 6 gennaio, dichiarava il Ministero della Difesa russo, i terroristi lanciavano un attacco contro la base aerea di Humaymim e verso Tartus impiegando 13 droni: 10 contro Humaymim e 3 contro Tartus. Tutti i droni venivano intercettati: 7 venivano abbattuti dai sistemi di difesa aerea Pantsir e 6 dai sistemi di guerra elettronica. 3 droni venivano catturati ed esaminati. I droni sarebbero stati lanciati da circa 50 km di distanza, navigando via GPS. Dei 6 bersagli aerei colpiti dalle difese elettroniche dell’unità antiaerea russa, 3 venivano fatti precipitare nell’area di controllo della base e gli altri 3 venivano fatti atterrare al suolo. I 7 droni distrutti furono obiettivo dei sistemi di difesa aerea di punto Pantsir-S delle unità da difesa aerea russa. Non ci furono vittime o danni alle installazioni militari russe. Il Ministero della Difesa russo dichiarava, “Le strutture militari russe non hanno riportato né vittime né danni: la base aerea russa di Humaymim e il centro logistico di Tartus continuano ad operare come previsto. Durante le ore notturne, le strutture della difesa aerea russa hanno rilevato 13 obiettivi aerei di piccole dimensioni che si avvicinavano ai mezzi militari russi: dieci UAV da combattimento si avvicinavano alla base aerea russa di Humaymim e altri 3 al centro logistico di Tartus“.Le competenze tecniche dei terroristi per poter attaccare le strutture russe in Siria possono essere state fornite solo da Paesi dotati di elevate capacità tecnologiche, che hanno fornito sistemi di navigazione via satellite e di controllo a distanza per lo sgancio sulle coordinate designate degli ordigni esplosivi improvvisati (IED), contenenti esplosivi di fabbricazione straniera, di cui erano dotati i droni. Tutti i droni erano anche dotati di sensori ad infrarossi e sistemi di controllo in volo. “Le soluzioni ingegneristiche utilizzate dai terroristi per attaccare le strutture russe in Siria possono essere state fornite solo da un Paese con un alto potenziale tecnologico, fornendo navigazione satellitare e controllo a distanza per il lancio degli ordigni autoassemblati sui bersagli designati“.
Un velivolo Boeing P-8 Poseidon dell’US Navy era in missione di spionaggio nell’area tra la base aerea russa di Humaymim e la base navale di Tartus in Siria quando i militanti tentarono di attaccare le strutture con i 13 droni, “…Questo ci costringe a dare una nuova occhiata alla strana coincidenza che, durante l’attacco dei droni dei terroristi alle strutture militari russe in Siria, un aereo da ricognizione dell’US Navy Poseidon pattugliasse sul Mar Mediterraneo da più di 4 ore ad una quota di 7mila metri, tra Tartus e Humaymim“, dichiarava il Ministero della Difesa russo. Il Pentagono si precipitava a dichiarare che tali droni sarebbero stati acquistati sul “mercato aperto”, dimostrando di sapere di che tipo di modelli si trattasse. “Quali sono le tecnologie di cui parla?“, domandava un portavoce del Ministero della Difesa russo al Pentagono, chiedendogli di rivelare dove tale mercato si “localizzasse e quale servizio speciale vendesse dati della ricognizione spaziale” ai terroristi.Il 9 gennaio, tra le 2:40 e le 4:15, le forze israeliane effettuavano 3 attacchi missilistici contro Qatifah, presso Damasco: da velivoli che volavano sullo spazio aereo libanese, con 2 missili superficie-superficie dal Golan, e con 4 missili superficie-superficie dalla zona di Tiberiade, in Israele. Le difese aeree siriane distruggevano 3 missili e abbattevano 1 velivolo israeliano.Fonti:
Anàlisis Militares
Anàlisis Militares
MoD Gov. Syria
MoD Mil. Russia
Sputnik
TASS

Mappare l’inferno in Terra

76 Paesi sono coinvolti nella guerra al terrorismo di Washington
Tom Engelhardt, 4 gennaio 2018Lasciò l’Air Force Two alle spalle e, senza preavviso, “avvolto nella segretezza“, volò su un aereo da trasporto C-17 senza contrassegni nella base aerea di Bagram, la più grande guarnigione statunitense in Afghanistan. Tutte le notizie della sua visita furono sottoposte ad embargo fino a un’ora prima della partenza. Più di 16 anni dopo l’invasione per “liberare” l’Afghanistan, era lì a presentare ancora una volta buone notizie al crescente contingente di truppe statunitensi. Davanti a una bandiera degli USA di 13 metri, rivolto a 500 soldati, il vicepresidente Mike Pence li elogiava quale “maggiore forza del mondo per il bene“, si vantava degli attacchi aerei statunitensi “drammaticamente aumentati“, giurando che il loro Paese era “qui per rimanere” ed insistendo sul fatto che “la vittoria è più vicina che mai“. Come notò un osservatore, tuttavia, la risposta del suo pubblico fu “sommessa“. (“Diversi soldati erano con le braccia incrociate o con le mani incrociate dietro la schiena e ascoltavano, ma senza applaudire“). Pensate a ciò come ultimo episodio di una fiaba geopolitica capovolta, una storia piuttosto cupa, alla Grimm, che potrebbe iniziare: c’era una volta, nell’ottobre 2001 per la precisione, quando Washington lanciò la sua guerra al terrore. C’era allora un solo Paese preso di mira, quello in cui, poco più di un decennio prima, gli Stati Uniti avevano messo fine a una lunga guerra per procura contro l’Unione Sovietica durante la quale avevano finanziato, armato e appoggiato gruppi di estremisti fondamentalisti islamici, tra cui un giovane ricco saudita di nome Usama bin Ladin. Nel 2001, sulla scia di quella guerra, che contribuì a far implodere l’Unione Sovietica, l’Afghanistan era in gran parte (ma non completamente) governato dai taliban. C’era anche Usama bin Ladin con una coorte relativamente modesta. All’inizio del 2002 fuggì in Pakistan, lasciando molti suoi camerati morti e la sua organizzazione, al-Qaida, in disordine. I taliban, sconfitti, supplicarono il permesso di cedere le armi e tornare nei loro villaggi, un processo abortito che Anand Gopal descrisse vividamente nel suo libro No Good Men Among the Living. Sembrava tutto finito, ma si tifavano e, naturalmente, si pianificavano exploit maggiori in tutta la regione. I massimi funzionari nell’amministrazione del presidente George W. Bush e del vicepresidente Dick Cheney erano dei sognatori geopolitici di prim’ordine che non avrebbero potuto avere idee più espansive su come estendere tale successo, come indicò il segretario alla Difesa Donald Rumsfeld pochi giorni dopo gli attacchi dell’11 settembre, su gruppi terroristici o ribelli in più di 60 Paesi. Era un punto che il presidente Bush avrebbe rilanciato nove mesi dopo con un discorso trionfalista a West Point. In quel momento, la lotta che avevano rapidamente, anche se immodestamente, soprannominata guerra globale al terrore, era ancora affare di un solo Paese. Tuttavia, erano già completati i preparativi per estenderla nei modi più radicali e devastanti di quanto si sarebbe mai immaginato con l’invasione e l’occupazione dell’Iraq di Sadam Husayn e il dominio delle terre petrolifere del pianeta che sicuramente sarebbe seguito. (In un commento che colse il momento, Newsweek citò un ufficiale inglese “vicino alla squadra di Bush”: “Tutti vogliono andare a Baghdad, i veri uomini vogliono andare a Teheran“). Così tanti anni dopo, forse, non sorprenderà, perché probabilmente non avrebbe sorpreso le centinaia di migliaia di manifestanti che si presentarono nelle strade delle città statunitensi all’inizio del 2003 per opporsi all’invasione dell’Iraq, che sia una di quelle storie a cui si applica il detto “stai attento a ciò che desideri”.Vedere la guerra
Ed è una storia che non è ancora finita. Non a breve. Da quando iniziò all’era Trump, la guerra più lunga della storia statunitense, quella in Afghanistan, continua ancora. Le truppe USA aumentano; gli attacchi aerei aumentano; i taliban controllano parti significative del Paese; il gruppo terroristico dello Stato islamico si diffonde sempre più con successo nelle regioni orientali e, secondo l’ultimo rapporto del Pentagono, “ci sono più di 20 gruppi terroristici o ribelli in Afghanistan e Pakistan“. Pensate: 20 gruppi. In altre parole, tanti anni dopo, la guerra al terrore va vista come un’esercitazione continua nelle tabelline per la moltiplicazione, e non solo in Afghanistan. Più di un decennio e mezzo dopo che un presidente statunitense indicò 60 e più Paesi come possibili obiettivi, grazie al lavoro inestimabile di un singolo gruppo dedicato, il progetto Costs of War dell’Istituto per gli affari internazionali e pubblici Watson della Brown University, finalmente si ha un quadro della reale portata della guerra al terrore, e aver dovuto aspettare così tanto dovrebbe dirci qualcosa sulla natura di tale era di guerra permanente. The Costs of War Project ha prodotto non solo una mappa della guerra al terrore 2015-2017, ma la prima mappa del genere di sempre. Da una visione sbalorditiva delle guerre antiterrorismo di Washington in tutto il mondo: loro diffusione, schieramento di forze statunitensi, missioni in espansione per addestrare forze controterrorismo straniere, basi statunitensi che le rendono possibili, attacchi droni e altri aerei essenziali per essi e le truppe statunitensi che li aiutano a combatterle. (I gruppi terroristici, naturalmente, sono cambiati e si sono ampliati in modo vertiginoso nell’ambito dello stesso processo). Uno sguardo alla mappa dice che la guerra al terrore, un insieme sempre più complesso di conflitti intrecciati, è ora un fenomeno straordinariamente globale. Si estende dalle Filippine (con un proprio gruppo SIIL che ha appena combattuto una campagna durata quasi cinque mesi che ha devastato Marawi, una città di 300000 abitanti) passando da Asia meridionale, Asia centrale, Medio Oriente, Nord Africa e nell’Africa occidentale dove, solo di recente, quattro berretti verdi sono morti in un’imboscata in Niger. Non meno sorprendente è il numero di Paesi che la guerra al terrore di Washington ha toccato in qualche modo. Una volta, ovviamente, ce n’era solo uno (o, se volete includere gli Stati Uniti, due). Ora, il progetto Costs of War identifica non meno di 76 Paesi, il 39% del pianeta, coinvolti in tale conflitto globale. Ciò significa posti come Afghanistan, Siria, Iraq, Yemen, Somalia e Libia dove attacchi di droni o altri aerei degli USA sono la norma e le truppe statunitensi (spesso le forze speciali ) sono direttamente o indirettamente impegnate in combattimento. Significa anche Paesi in cui i consulenti statunitensi addestrano militari locali o addirittura milizie nelle tattiche di controterrorismo nelle basi cruciali per tale insieme di conflitti in espansione. Come la mappa chiarisce, tali categorie spesso si sovrappongono. Chi potrebbe meravigliarsi del fatto che una simile “guerra” sia alimentata dai dollari dei contribuenti statunitensi a un ritmo tale da far vacillare l’immaginazione in un Paese le cui infrastrutture si stanno ormai visibilmente sgretolando? In uno studio pubblicato a novembre, il progetto Costs of War stimava che il costo della guerra al terrore (con alcune spese future incluse) avesse già raggiunto gli astronomici 5,6 trilioni di dollari. Solo di recente, tuttavia, il presidente Trump, intensificando quei conflitti, twittava una cifra ancor più sbalorditiva: “Dopo aver speso stupidamente 7 trilioni in Medio Oriente, è ora di iniziare a ricostruire il nostro Paese!” (Anche questa cifra sembra provenire in qualche modo dalla stima di Costs of War su “i futuri pagamenti degli interessi sul prestito per le guerre che aggiungeranno probabilmente più di 7,9 trilioni di dollari al debito nazionale” entro la metà del secolo). Non poteva esserci commento più raro da parte di un politico statunitense, poiché in questi anni le valutazioni dei costi monetari e umani della guerra sono state in gran parte lasciate a piccoli gruppi di studiosi e attivisti. La guerra al terrore si è, infatti, diffusa nel modo che la mappa di oggi presenta, e quasi senza alcun dibattito serio in questo Paese sui suoi costi e risultati. Se il documento prodotto dal progetto Costs of War è, in realtà, una mappa infernale, è anche credo la prima mappa completa mai prodotta di questa guerra. Pensateci per un momento. Negli ultimi 16 anni, noi, popolo statunitense, finanziando tale complesso insieme di conflitti per un ammontare di trilioni di dollari, non abbiamo avuto una sola mappa della guerra che Washington combatte. Non una. Sì, alcune parti di quei conflitti che si trasformano e si ampliano appaiono da qualche parte nei notiziari, regolarmente anche se raramente (tranne quando ci sono attacchi terroristici “solitari” negli Stati Uniti o Europa occidentale) nei titoli dei giornali. In tutti questi anni, tuttavia, nessun statunitense ha potuto avere l’immagine di questo strano, perenne conflitto la cui fine non è per nulla in vista. Parte di ciò può essere spiegata dalla natura della “guerra”. Non ci sono fronti, non ci sono eserciti che avanzano su Berlino, nessuna armata che si abbatte sulla patria giapponese. Non c’è, come in Corea nei primi anni Cinquanta, nemmeno un parallelo da attraversare o una controffensiva. In questa guerra non ci sono ritirate, ovvio, e dopo l’ingresso trionfale a Baghdad nel 2003, anche poche avanzate. Era difficile persino mapparne le componenti e quando viene fatto, come una mappa dei territori controllati dai taliban in Afghanistan del New York Times, il quadro resta complesso e d’impatto limitato. In generale, tuttavia, noi, il popolo, siamo stati smobilitati in quasi tutti i modi immaginabili in questi anni, anche quando si trattava semplicemente di seguire l’infinita serie di guerre e conflitti che vanno sotto la rubrica guerra al terrore.Mappatura 2018 ed oltre
Lasciatemi ripetere questo mantra: una volta, quasi diciassette anni fa, ce n’era uno; ora, il conteggio è 76 ed aumenta. Nel frattempo, grandi città sono state ridotte in macerie; decine di milioni di esseri umani sono profughi; milioni di rifugiati continuano a varcare i confini, sconvolgendo sempre più terre; i gruppi terroristici sono diventati simboli in parti significative del pianeta; e il nostro mondo statunitense continua ad essere militarizzato. Questo va pensato come tipo completamente nuovo di guerra globale perpetua. Quindi date un’occhiata ancora alla mappa. Cliccateci e ingranditela per vederla in modalità schermo intero. È importante cercare d’immaginare ciò che accade visivamente, dato che affrontiamo un nuovo disastro, una militarizzazione planetaria mai vista prima. Non importa i “successi” nella guerra di Washington, che vanno dall’invasione dell’Afghanistan nel 2001 alla presa di Baghdad nel 2003 alla recente distruzione del “califfato” dello Stato islamico in Siria e Iraq (o della maggior parte comunque, dato che qui gli aerei statunitensi ancora sganciano bombe e sparano missili in alcune parti della Siria), i conflitti sembrano solo cambiare e ripetersi. Siamo in un’era in cui l’esercito statunitense è all’avanguardia, spesso l’unico vantaggio, di ciò che si chiamava “politica estera” statunitense, e il dipartimento di Stato viene radicalmente ridimensionato. Le forze per operazioni speciali statunitensi furono dispiegate in 149 Paesi solo nel 2017 e gli Stati Uniti hanno così tante truppe su così tante basi in così tanti posti sulla Terra che il Pentagono non può nemmeno spiegare dove si trovassero 44000 di loro. Potrebbe, infatti, non esserci modo di mappare veramente tutto questo, sebbene l’illustrazione del Progetto Costs of War sia un trionfo di ciò che può essere visto. Guardando al futuro, preghiamo per una cosa: che la gente di quel progetto abbia molta resistenza, dato che è un fatto che, negli anni di Trump (e forse anche oltre), il costo della guerra aumenterà. Il primo bilancio del Pentagono dell’era Trump, approvato con unanimità bipartisan dal Congresso e firmato dal presidente, è di uno strabiliante 700 miliardi di dollari. Nel frattempo, i vertici militari e il presidente, mentre intensificano i conflitti dal Niger allo Yemen, dalla Somalia all’Afghanistan, sembrano eternamente alla ricerca di altre guerre da lanciare. Indicando Russia, Cina, Iran e Corea democratica, per esempio, il comandante del Corpo dei Marines generale Robert Neller recentemente dichiarava alle truppe statunitensi in Norvegia di aspettarsi una “lotta bigotta” in futuro, aggiungendo: “Spero di sbagliarmi, ma c’è”. A dicembre, il consigliere per la sicurezza nazionale, tenente-generale HR McMaster, suggerì anche che la possibilità di una guerra (presumibilmente di natura nucleare) con la Corea democratica di Kim Jong-un fosse “crescente ad ogni giorno“. Nel frattempo, in un’amministrazione piena di iranofobi, il presidente Trump sembra prepararsi a stracciare l’accordo nucleare iraniano, probabilmente già questo mese. In altre parole, nel 2018 e oltre, le mappe di molti tizi creativi potrebbero essere necessarie semplicemente per iniziare a cogliere le ultime guerre statunitensi. Si consideri, ad esempio, un recente articolo del New York Times secondo cui circa 2000 dipendenti del Department of Homeland Security sono già “dispiegati in oltre 70 Paesi in tutto il mondo”, soprattutto per impedire attacchi terroristici. E così si va nel ventunesimo secolo.
Quindi, benvenuti nel 2018, un altro anno di guerra infinita, e mentre siamo in argomento, un piccolo avvertimento ai nostri capi: dati gli ultimi 16 anni, fate attenzione a ciò che desiderate.Traduzione di Alessandro Lattanzio