Sanzioni e nascita della nuova Russia

F. William Engdahl New Eastern Outlook 25/06/2015csf978Voglio condividere le mie impressioni sulla recente visita a San Pietroburgo, dove sono stato invitato a parlare a una conferenza intitolata “Mai sprecare una buona crisi”. Il titolo è una versione del vecchio proverbio cinese: “Una crisi presenta anche opportunità”. Questo è ciò che appare oggi nella Federazione Russa e s’irradia dall’ampia distesa dell’Eurasia ad Asia, Africa, Medio Oriente e America Latina. In mancanza di un termine migliore, chiamerò ciò che avviene Ordine del Nuovo Mondo, per differenziarlo dal Nuovo Ordine Mondiale dominato dagli Stati Uniti di George HW Bush, proclamato dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, in un discorso dell’11 settembre 1990 al Congresso degli Stati Uniti, dove disse “Oltre questi tempi difficili, il nostro… obiettivo, un Nuovo Ordine Mondiale, può emergere…” Oggi è chiaro che il Nuovo Ordine Mondiale di Bush era destinato a sfruttare senza scrupoli il disordine successivo alla fine dell’Unione Sovietica forgiando un mondo unipolare in cui un piccolo gruppo avrebbe dettato al mondo intero le sue condizioni. Il suo perseguimento è stato l’unico obiettivo della politica estera degli Stati Uniti e delle loro guerre e campagne terroristiche sotto tre presidenti degli Stati Uniti, nell’ultimo quarto di secolo dalla fine dell’Unione Sovietica. Ciò motiva la guerra civile istigata dagli USA in Ucraina, Siria, contro la Cina nel Mar Cinese orientale, e il sostegno occulto degli USA al SIIL. Si avanzano le sanzioni economiche statunitensi contro la Russia, a cui Washington ha costretto l’UE ad appoggiare, con grande danno per la sua economia. Ciò che ho visto non solo a San Pietroburgo, ma anche in altre recenti visite in Russia, è qualcosa che posso solo definire straordinario. Piuttosto che farsi terrorizzare da interminabili attacchi e sanzioni economiche e finanziarie lanciate contro di essa, la Russia e la sua dirigenza sono sempre più sicure di sé e, soprattutto, più autosufficienti e positivamente aggressive come mai prima. Alcuni esempi l’illustrano.

Leader negli alimenti biologici
I leader russi di oggi hanno capito che ciò che sotto il corrotto Eltsin era considerato una passività, l’agricoltura, è uno dei beni più grandi della Russia. Ho avuto occasione, nel contesto di questa edizione del San Petersburg International Economic Forum, di parlarne con il Viceministro dell’Agricoltura che mi ha detto che il governo ha preso la decisione strategica di usare le sanzioni “contro le sanzioni”, cioè vietare le importazioni di prodotti alimentari dall’Unione europea, per realizzare una produzione di alimenti naturali e biologici russi. Il Viceministro Sergej Levin mi ha detto che la Russia già oggi ha vietato ogni nuova commercializzazione di sementi OGM. Le sue osservazioni furono riprese dal Viceprimo ministro russo Arkadij Dvorkovich che annunciava che la Russia non userà organismi geneticamente modificati (OGM). Il ministro dell’Agricoltura russo Nikolaj Fjodorov ha promesso di fare della Russia un Paese senza OGM. In una riunione dei deputati rappresentanti le zone rurali ha dichiarato sugli OGM che il governo non “avvelenerà i cittadini”. Hanno capito che il ricco e fertile suolo russo, quando le esigenze della guerra fredda deviarono la produzione di sostanze chimiche per la difesa, in gran parte evitò il pesante uso di prodotti agrochimici che ha gravemente danneggiato i terreni agricoli degli Stati Uniti e di gran parte dell’Unione europea dal 1945, secondo i metodi agro-alimentari statunitensi che in modo meraviglioso aumentarono la resa dei raccolti, ma non la qualità nutrizionale del cibo prodotto. Qui è dove la Russia ha capito che può divenire un importante produttore mondiale di prodotti agricoli organici di qualità. I fertili terreni agricoli russi diventano ancora più strategici per le forniture alimentari mondiali, mentre le fertili terre nere dell’Ucraina vengono distrutte da guerra e caos.

La Russia come catalizzatore dell’energia
10952140 Ciò che era evidente nei miei colloqui e osservazioni a San Pietroburgo è la tremenda dinamica russa nel mutare l’ordine mondiale esistente. Le sanzioni spingono la Russia a fare cose molto buone. Gli sforzi di Washington sono ridicolmente inefficaci cercando di bloccare i capitali occidentali per le imprese russe, in particolare quelle energetiche, e la drammatica escalation delle provocazioni della NATO attorno la Russia hanno spinto a decisioni strategiche autonome o alla cooperazione con partner commerciali non NATO. La diversità di tali accordi commerciali strategici emersa a San Pietroburgo è impressionante. Andrew Korybko, giornalista e analista di Sputnik ha dettagliato alcuni dei più significativi accordi emersi nel forum russo. Korybko sottolinea che lungi dall’essere considerato a livello internazionale come uno Stato paria, “spezzando” le regole del gioco di Washington, la Russia calamita l’interesse internazionale come mai prima nella storia. Ciò è dimostrato dalla partecipazione al forum annuale di San Pietroburgo. Nonostante i grossi stupidi sforzi del dipartimento di Stato USA per scoraggiare la presenza a San Pietroburgo, quest’anno vi era un numero record di partecipanti, circa 10000, che in tre giorni di intense discussioni hanno firmato oltre 200 contratti da 5,4 miliardi dollari per nuovi accordi commerciali con la Russia, con decine di miliardi di nuovi accordi negoziati seriamente. L’affluenza è stata del 25% più alta rispetto all’anno prima, un record per il 19.mo forum nonostante i ripetuti sforzi di Washington e Bruxelles di demonizzare la Russia e Putin. Si invia un segnale chiaro ai governi della NATO che non considerano le sanzioni alla Russia un ostacolo all’ulteriore cooperazione con la Russia per sviluppare le vaste risorse di idrocarburi, da parte dell’inglese BP e dell’anglo-olandese Royal Dutch Shell, così come della tedesca E.ON, che hanno stipulato importanti nuovi accordi con la Russia a San Pietroburgo.
I colossi energetici Gazprom e Shell hanno firmato un memorandum per la costruzione di una terza linea per l’impianto di gas naturale liquefatto di Sakhalin sulla costa del Pacifico della Russia. Gazprom ha inoltre firmato un memorandum per la costruzione di un gasdotto dalla Russia alla Germania sul Mar Baltico con E.ON, Shell e la società energetica OMV di Vienna. L’accordo del Baltico prevede la costruzione di un nuovo gasdotto verso la Germania a fianco dell’attuale Nord Stream. Il nuovo progetto avrà una capacità di 55 miliardi di metri cubi l’anno, il doppio del volume del Nord Stream. Nonostante i rapporti tesi tra Mosca e Bruxelles, l’Europa avrà bisogno di più gas nel prossimo futuro e la Russia è l’unico Paese che può soddisfare la domanda ad un prezzo competitivo. “Considerando il declino dell’estrazione locale di gas in Europa e l’aumento della domanda, le imprese europee devono sviluppare nuove infrastrutture per garantire l’approvvigionamento di gas russo a i consumatori europei“, ha detto Gazprom in un comunicato. Dopo lo stupido tentativo di Bruxelles di sabotare ulteriori forniture di gas Gazprom-UE, generando da parte dei governi dell’UE il caos incontrollato in Ucraina, una quota importante delle forniture via gasdotto all’UE dalla Russia minaccia di ridursi. In conseguenza alle pressioni dell’UE su Bulgaria e altri Paesi dell’UE, lo scorso dicembre, nei colloqui con il presidente turco Erdogan ad Ankara, il presidente russo Vladimir Putin annunciava, scioccando Bruxelles, che South Stream, un progetto da 45 miliardi di dollari per inviare gas naturale russo via gasdotto sottomarino nel Mar Nero in Bulgaria e nei mercati dei Balcani e del sud Europa, era morto. Invece Putin annunciava colloqui con Erdogan per creare ciò che oggi è chiamato Turkish Stream, un gasdotto che porterà il gas russo attraverso la Turchia direttamente ai confini della Grecia. Il percorso successivo ai Paesi dell’UE dipenderà dalle decisioni dell’UE. In particolare in tale contesto, durante i colloqui a San Pietroburgo tra il primo ministro greco Alexis Tsipras e funzionari russi, tra cui Putin e ministri dell’Energia russo e greco, la Grecia ha firmato un memorandum per portare il gas russo dal gasdotto Turkish Stream al membro dell’UE (almeno per ora) Grecia. Grecia e Russia hanno firmato il memorandum per il progetto che Tsipras ha descritto come “Greek Stream“. Allo stesso convegno, il presidente della Republika Srpska Milorad Dodik ha rivelato che “la Serbia senza dubbio parteciperà al Turkish Stream”. Non erano gli unici accordi energetici raggiunti a San Pietroburgo. Gazprom e la società francese del gas Engie hanno discusso la necessità di nuove vie di forniture di gas all’Europa. E il gigante petrolifero russo Rosneft ha firmato un accordo con la compagnia petrolifera e gasifera inglese BP che ha acquistato il 20 per cento della Taas-Jurjakh Neftegazodobicha nella Siberia orientale, creando una nuova joint venture energetica anglo-russa. Per coloro che in occidente affermano, come i neo-con del dipartimento di Stato degli Stati Uniti, della Casa Bianca di Obama o dell’ufficio del segretario alla Difesa “Ash” Carter, che Putin pone furtivamente le basi per la ricostruzione l’Unione Sovietica, che non vi è alcuna base del genere, e che è chiaro che più l’economia della Russia dipende da cooperazione e rispetto reciproco con i Paesi UE, più assurde tali accuse appaiono.

L’accordo a sorpresa con i sauditi
Come se scala e diversità di questi nuovi accordi non fossero sufficienti, gli accordi della Russia di Putin con i massimi rappresentanti di Arabia Saudita e dell’India sottolineano il ruolo di avanguardia che la Russia svolge sempre più nel creare un Nuovo Mondo dall’ordine multipolare. Uno degli sviluppi più geopoliticamente affascinanti del forum di San Pietroburgo è stata la comparsa del principe saudita Muhamad bin Salman, ministro della Difesa e figlio del re Salman. Il principe bin Salman e Putin hanno tenuto una conferenza stampa congiunta durante il St. Petersburg International Economic Forum, dove Putin ha annunciato di aver invitato il re saudita Salman a visitare la Russia, e di aver accettato l’invito a visitare l’Arabia Saudita. Inoltre, i due hanno discusso dell’acquisto saudita di tecnologia russa nucleare. Il ministro degli Esteri saudita Adil al-Jubayr ha detto a RT che l’Arabia Saudita ha intenzione di utilizzare l’esperienza della Russia per costruire 16 reattori elettronucleari. Russia e Arabia Saudita firmarono un accordo intergovernativo sulla cooperazione per l’uso pacifico dell’energia nucleare. Secondo l’agenzia per l’energia atomica russa Rosatom, per la prima volta nella storia delle relazioni russo-saudite si crea un quadro giuridico per la cooperazione bilaterale nel campo dell’energia nucleare, aprendo prospettive di cooperazione nella costruzione e gestione di reattori, ciclo del combustibile nucleare, nonché istruzione e formazione. Il presidente russo Putin e il principe saudita hanno discusso la possibile cooperazione nel commercio di armi. Hm. Finora l’Arabia Saudita è il primo cliente degli armamenti di Stati Uniti e Gran Bretagna. Non c’è dubbio che il 9 maggio, la sfilata a Mosca dei sistemi d’arma russi più avanzati abbia catturato l’attenzione del principe bin Salman. Riferendosi ai colloqui tra bin Salman e Putin su possibili acquisti di sistemi d’arma russi dall’Arabia Saudita, il ministro degli Esteri al-Jubayr ha dichiarato: “La questione (di acquistare armi) viene considerata dagli esperti militari dei nostri Paesi. Ma voglio sottolineare che nulla c’impedisce di acquistare sistemi di difesa russi, proprio come nulla impedisce alla Russia di venderli all’Arabia Saudita“. Possiamo immaginare come questa affermazione abbia preoccupato Washington e Londra e il quartier generale di Bruxelles della NATO, su quanto deciso dall’incontro del 1945 tra il presidente statunitense Roosevelt e il re saudita Ibn Saud per garantire i diritti esclusivi alle major petrolifere statunitensi nel sviluppare gli enormi giacimenti di petrolio del regno saudita, facendo di Riad uno Stato vassallo degli Stati Uniti.
Altri accordi nel contesto dell’ultimo Forum economico internazionale di San Pietroburgo sono troppo numerosi da dettagliare. Riguardano India, Myanmar e numerosi altri Paesi. In breve, San Pietroburgo ha dimostrato al mondo il fallimento totale della politica degli Stati Uniti nel cercare di isolare e demonizzare la Russia di Vladimir Putin. Perseguendo la strategia di pacifici accordi economici e commerciali con gli alleati della Shanghai Cooperation Organization, soprattutto con la Cina, di accordi con i Paesi BRICS come India, Brasile, Sudafrica e Cina e nell’ambito dell’Unione economica eurasiatica, la Russia emerge quale avanguardia dell’Ordine del Nuovo Mondo, in cui il rispetto di confini nazionali e sovranità nazionale è ancora la pietra angolare. Parafrasando il testo del grande cantante country statunitense Carl Perkins, la Russia dice a Washington, “Puoi abbattermi, calpestarmi, calunniarmi dappertutto. Ttutto ciò che vuoi, ma uh uh, bello, lascia in pace il mio diritto sovrano ad esistere e prosperare in pace con i miei vicini“. Il Nuovo Ordine Mondiale di Bush si sgretola sotto i nostri occhi mentre la Russia dà vita all’Ordine del Nuovo Mondo. E’ affascinante e molto bello da vedere.CDH1iCRWYAApHyl_risultatoF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’isolamento progredisce: grande accordo tra Arabia Saudita e Russia

Dedefensa 21/06/2015Russia's President Putin meets with Saudi Arabia's Prince Mohammed bin SalmanTutto ciò non farà che aggiungersi alla dinamica assai rapida e virtuosa del caos trasformato in iperdisordine mondiale, anche quando si tratta di un evento che dovremmo ritenere strutturato. Assieme al vertice economico di San Pietroburgo (Davos orientale) accolto dai sogghigni di Washington, dagli scherni del Financial Times e da una relazione distorta di Bloomberg, Putin ha incontrato una forte delegazione dell’Arabia Saudita composta dalle più potenti figure, oltre al nuovo re, del regno. Estremamente importanti accordi sono stati siglati, anche per stabilizzare il mercato del petrolio e Putin ha ricevuto un sontuoso invito ufficiale a recarsi a Riyadh (naturalmente, anche Putin ha invitato il re a recarsi a Mosca). “Un’alleanza petrolifera tra Arabia Saudita e Russia per stabilizzare il mercato mondiale del petrolio? Sembra improbabile, in particolare con tutte le voci su Stati Uniti ed Arabia Saudita che segretamente accettavano di far collassare l’economia della Russia deprimendo il prezzo del petrolio nel 2014, per non parlare di come i due Paesi abbiano posizioni diametralmente opposte su questioni come Siria, Iran e Yemen…“, scrive Russia Insider il 20 giugno 2015.
Quindi aumenta l’isolamento della Russia… Putin non va al G7 e il re dell’Arabia Saudita non va alla conferenza degli Stati del Golfo convocata un paio di settimane prima da Obama a Camp David; ma Putin andrà a Riyadh e il re andrà a Mosca. Tutto ciò avviene senza che la Russia abbia cambiato di un copeco la sua politica siriana, mentre il blocco BAO, Francia in testa con “maestria”, continua ad invocare la morte di Assad per potersi fare il bagnetto nelle splendide acque del Golfo. A ciascuno la sua strategia, e ad ognuno la dignità che gli si addice, con i risultati meritati. …Rimaniamo ben consapevoli, ed è molto oggi, di dover attendere sviluppi in questo straordinario nuovo capitolo delle relazioni internazionali. Già si sussurra che l’Arabia Saudita veda con interesse la forte espansione dei rifornimenti in armamenti russi, ampliando la constatazione del grande successo dell’attuale politica-sistema del blocco BAO per isolare Mosca e mantenere l’esclusività sui rapporti strategici con l’Arabia Saudita. Attendiamo con interesse di scoprire con quale valuta si svolgerà il commercio russo-saudita, iniziando con un piede così nuovo, e se l’Arabia Saudita un giorno sarà interessata a un posto tra i BRICS o all’adesione alla SCO…
Dal testo di Russian Insider: “…Il caso in questione… l’incontro dello scorso giovedì a San Pietroburgo, dove il Presidente Putin ha ricevuto il principe ereditario saudita e ministro della Difesa Muhamad bin Salman (figlio dell’attuale re Salman), insieme al ministro degli Esteri Adil al-Jubayr e all’onnipotente ministro del Petrolio Ali al-Naymi. Le due parti hanno firmato sei nuovi accordi di cooperazione che includono le sfere nucleare e militare. (…) Nella delegazione saudita, il potere effettivo era, naturalmente, del decantato ministro del Petrolio Ali al-Naymi, che appariva abbastanza fiducioso sull’aumento del prezzo del petrolio nel prossimo futuro. Naymi avrebbe detto: “Sono ottimista sul futuro del mercato nei prossimi mesi, riguardo a un miglioramento continuo e all’aumento della domanda globale di petrolio, così come sul basso livello delle scorte commerciali”. Questo, ha detto il ministro, “dovrebbe migliorare il livello dei prezzi”. Naymi ha continuato a lodare il rafforzamento della cooperazione bilaterale fra Riyad e Mosca affermando che, “Questo, a sua volta, porterà alla creazione di un alleanza petrolifera tra i due Paesi a beneficio del mercato internazionale così come dei Paesi produttori, stabilizzando e migliorando il mercato”. (…) Ma l’Arabia Saudita ha una nuova leadership e non è lo stesso Paese di un anno fa. La delegazione inviata a Russia era di altissimo profilo, e il fatto che la dichiarazione sia stata fatta direttamente da Naymi, al contrario di alcuni fin troppo comuni ‘alti funzionari’ o ‘fonti anonime’, la dice lunga. Naymi, il formidabile 80enne che presiede l’oro nero arabo, è una leggenda vivente del Regno (iniziò la carriera nella Saudi Aramco all’età di 11 anni) ed esercita più potere dopo il re. Le sue dichiarazioni sulla politica energetica saudita non sono pensieri o opinioni. Piuttosto, sono fatti e politica, dichiarazioni che non ci sarebbero mai senza l’approvazione esplicita e l’autorità del re. In parole povere, Naymi ha appena dichiarato una nuova direzione nella politica estera saudita. Questo è solo l’inizio di un nuovo capitolo nelle relazioni saudite-russe. Durante l’incontro con il Presidente Putin, il principe Muhamad ha pubblicamente annunciato che suo padre aveva ufficialmente invitato il presidente russo nel regno, affermando: “Ho l’onore di trasmettere l’invito a visitare il Regno dell’Arabia Saudita, considerando la Russia come uno degli Stati più importanti del mondo contemporaneo, le cui nostre relazioni hanno radici profonde. Il signor Putin ha accettato l’invito del re a visitare il Paese del Golfo e a sua volta ha annunciato di aver invitato il re a Mosca, che il principe ereditario ha confermato esser stato accettato. Questi incontri, se e quando avverranno, saranno da seguire molto da vicino“.pic_9b33ebf4eabdabb3857f8f2bf194781cTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia aiuta l’Iran nella ricostruzione

Valentin Vasilescu, Reseau International 18 giugno 20151055450Nel 2003 in Iran Lukoil iniziò l’estrazione dal giacimento di Anaran da 2 miliardi di barili. Nel 2006, Lukoil era il maggiore investitore nel mercato del petrolio iraniano, dopo aver firmato un contratto con il gruppo statale iraniano NIOC per lo sfruttamento congiunto dei blocchi petroliferi Mogan e Lali in Iran. Ai primi di aprile 2010, per l’embargo imposto all’Iran, Lukoil fu costretta a ritirarsi dall’Iran, le perdite sono stimate a 63 milioni di dollari. L’esportazione di petrolio iraniano è attualmente ridotta al 20% rispetto al 2010, per via delle sanzioni internazionali legate al presunto programma nucleare di Teheran. Le sanzioni furono imposte all’Iran dal 2001 e distrussero l’economia di questo Paese estremamente ricco. Il 20 gennaio 2015 il Consiglio dell’Unione europea sospese alcune sanzioni imposte all’Iran dopo i colloqui a Ginevra con il gruppo 5+1 (Stati Uniti d’America, Regno Unito, Francia, Germania, Cina e Russia). La misura riguarda l’esportazione di petrolio greggio, prodotti petrolchimici e commercio di oro e metalli preziosi. Nella sua storia plurimillenaria, l’Iran ha dimostrato di essere un partner leale, capace di premiare chi arrivava per primo. Tanto più se la Russia potrà consegnare l’ultima generazione di armi per la difesa come i sistemi missilistici terra-aria S-300PMU2. Pertanto, il primo portavoce del ministro del Petrolio iraniano Bijan Namdar Zanganeh ha detto al ministro dell’Energia russo Aleksandr Novak che l’Iran avrebbe ripreso le forniture di petrolio alla Russia. Si tratta di un accordo da 20 miliardi di dollari per cinque anni firmato nel 2014 da Russia e Iran e che prevede la consegna di 500000 barili di petrolio al giorno. In cambio la Russia esporterà alimentari, cereali, medicinali, materiale da costruzione, camion, locomotive, vagoni e servizi moderni per le fabbriche iraniane. La prima consegna di 100000 tonnellate di grano russo è arrivata in Iran. Entro la fine dell’anno, la Russia fornirà all’Iran almeno 1,3 milioni di tonnellate di grano.
La Russia ha avviato l’Organizzazione della cooperazione di Shanghai (OSC), il cui obiettivo è il coordinamento per la sicurezza economica, finanziaria, alimentare e energetica. Oltre alla Russia, la SCO comprende anche Cina (prima economia mondiale), Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan. India (terza economia mondiale), Pakistan e Iran, che hanno lo status di osservatori, diverranno membri effettivi quest’anno. Nel quadro della SCO, la Cina ha già avviato un imponente progetto per collegare la Cina alla parte europea della Russia. L’Iran è quarto per riserve di greggio del mondo e secondo per riserve di gas naturale del mondo dopo la Russia. Oltre alle sanzioni economiche, l’Unione europea ha posto sempre più ostacoli alla costruzione dei gasdotti russi (vedi South Stream). Gas naturale e petrolio dalla Russia inviati in Europa rappresentano solo il 30% della domanda nel mercato asiatico, un mercato che finora non aveva preoccupato la Russia. Ciò spiega perché la Russia pensa di lasciare l’Europa senza gas e di volgersi all’Asia. Da membri della SCO, Russia e Iran hanno firmato il primo accordo commerciale dopo la revoca delle sanzioni, con l’obiettivo comune di ridurre la dipendenza di Cina, India e Pakistan dai prodotti petroliferi provenienti da Arabia Saudita, Oman ed Emirati Arabi Uniti trasportati via mare. Lavoreranno sulla possibilità di realizzazione oleodotti e gasdotti in Asia. Secondo il viceministro degli Esteri Sergej Rjabkov, la fornitura di petrolio o l’esportazione di merci russe o iraniane dalla Russia non viola le sanzioni esistenti nei confronti della Repubblica islamica dell’Iran. Obiettivo della Russia è aiutare il popolo iraniano a superare le gravi carenze causate da 15 anni di embargo internazionale.
Il presidente della Lukoil, Vagit Alekperov, ha già incontrato il ministro del Petrolio iraniano Bijan Namdar Zangeneh. Lukoil è la seconda maggiore compagnia petrolifera del mondo e diverrà il principale beneficiario dell’esplorazione di petrolio e gas iraniani. È una garanzia per la Russia che il gas naturale dall’Iran non vada in Europa. Lukoil è l’organizzatore del vertice degli investitori stranieri che desiderano entrare nel mercato iraniano. BP, Statoil, ExxonMobil, ConocoPhillips, ENI, Total e Shell hanno annunciato la loro partecipazione. Lukoil ha detto che nella prima fase gli investimenti stranieri nel settore petrolifero dell’Iran supereranno i 30 miliardi di dollari sui 200 miliardi stimati per i prossimi 8-10 anni.

Russias-Lukoil-reviews-Iraqi-pipeline-optionsTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché l’Orso è tornato: la presenza militare russa in Vietnam

Rakesh Krishnan Simha Global Research, 15 giugno 2015374974I legami tra Russia e Vietnam, che sembravano raffreddarsi dopo la fine della guerra fredda, sono in fase di rinsaldamento. 20 anni dopo che Mosca aveva abbandonato la maggiore base all’estero, aerei militari russi ritornano a visitare Cam Ranh Bay. La rinnovata presenza russa in Vietnam ha prevedibilmente fatto suonare i campanelli d’allarme del Pentagono, con il comandante dell’esercito degli Stati Uniti nel Pacifico che conferma che i bombardieri strategici russi che volano attorno la massiccia base militare statunitense di Guam vengono riforniti a Cam Ranh Bay. L’11 marzo Washington scrisse a Hanoi chiedendo che le autorità vietnamite non supportassero i voli dei bombardieri russi nella regione Asia-Pacifico. La reazione vietnamita fu rimanere pubblicamente in silenzio. Secondo Nguyen Phuong del Center for Strategic & International Studies di Washington, “Dal punto di vista di molti funzionari vietnamiti che combatterono contro gli Stati Uniti, Mosca ha addestrato generazioni di leader vietnamiti e sostenuto Hanoi durante i decenni d’isolamento internazionale“. Nguyen aggiunge: “Poche cose sono più vitali per il Vietnam della politica estera indipendente. Data la complessa storia del Vietnam, i suoi leader non vogliono che il Paese sia ancora preda delle maggiori potenze. Tutto ciò che ricorda l’interferenza nei rapporti del Vietnam con la Russia potrebbe aggravare inutilmente tale paura“. Anche se i vietnamiti considerano gli Stati Uniti partner sempre più importanti nel sud-est asiatico, la Russia è in cima alla gerarchia. Con un accordo siglato nel novembre 2014, le navi da guerra russe che visitano il porto di Cam Ranh devono solo preavvertire le autorità vietnamite prima di arrivare, mentre tutte le altre marine militari straniere devono limitarsi a una sola visita all’anno nei porti vietnamiti.

Perché il Vietnam è importante
Situato alle porte degli oceani Indiano e Pacifico, il Vietnam è d’importanza cruciale per la Russia. Basandovi permanentemente aerei e navi, il Vietnam aiuta la Flotta del Pacifico russa a risolvere il problema di dover attraversare gli stretti del Mar del Giappone per accedere al Pacifico. A dire il vero, l’attuale presenza russa è minima rispetto agli anni ’80 quando la flotta di Mosca comprendeva ben 826 navi, di cui 133 sottomarini, 190 bombardieri navali e 150 aerei antisom. Sempre allora, la potenza di Mosca non era offensiva. Secondo Alvin H. Bernstein dell’US Naval War College era “improbabile che abbia uno specifico intento regionale aggressivo dato che sarebbe del tutto fuori dal carattere della potenza” che si era rivelata “prudente e non conflittuale”. Tre decenni dopo, la Mosca del Presidente Vladimir Putin ancora una volta cerca di rafforzare il proprio ruolo di potenza asiatica e globale, e come nota Bernstein, vuole essere “pronta ad ogni rischio ed opportunità“. Rientra anche nella politica del Look East del Vietnam. In effetti, molto prima che il presidente statunitense Barack Obama annunciasse il perno in Asia, la Russia già faceva perno a Oriente, con incursioni nei Paesi una volta filo-USA come Indonesia e Malesia. Tuttavia è il Vietnam dove la diplomazia russa prevale. Ma prima un rapido flashback. Il Vietnam è un piccolo Paese con una potenza militare molto più grande del suo peso. Per coloro dalla memoria corta, il Paese del sud-est asiatico ha inflitto sonore sconfitte a Francia e Stati Uniti in guerre continuate. Le coraggiose e stupende tattiche di battaglia intelligenti e spirito indomito furono decisivi per vincere quelle guerre, ma un fattore chiave è che i vietnamiti avevano amici potenti. Durante la guerra del Vietnam, la Russia ebbe un ruolo fondamentale nella difesa del Vietnam, fornendo quantità enormi di armamenti. Nel corso di 21 anni di guerra l’assistenza russa valse 2 milioni di dollari al giorno. In cambio, il Vietnam offrì alla Russia l’uso gratuito della base di Cam Ranh Bay. Nell’ambito dell’accordo, i russi vi stanziarono caccia MiG-23, aviocisterne Tu-16, bombardieri a lungo raggio Tu-95 e aerei da ricognizione marittima Tu-142. Cam Ranh fu la maggiore base navale per la proiezione di Mosca al di fuori dell’Europa. Circa 20 navi erano ormeggiate nella base, insieme a sei sottomarini d’attacco nucleare. La base svolse un ruolo fondamentale nell’aiutare la Russia ad affrontare, durante la guerra fredda, le forze statunitensi in Asia e nel Pacifico. Ad esempio, quando la Settima Flotta degli Stati Uniti navigò verso il Golfo del Bengala per minacciare l’India durante la Guerra con il Pakistan 1971, la Flotta del Pacifico russa poté inviare rapidamente sottomarini e navi da guerra dotati di armi nucleari a difesa dell’India. Nonostante l’importanza geopolitica di Cam Ranh Bay per Mosca e il suo valore come posto di raccolta delle informazioni, la presenza russa praticamente evaporò dopo la disintegrazione dell’Unione Sovietica. Basi militari come quella di Cam Ranh Bay costavano un’enormità e la Russia non aveva più denaro da sprecare. Nel 2001 anche la stazione di ascolto fu abbandonata.

1471845La Cina incastrata
Anche se la presenza militare russa è diminuita, legami forti continuato a legare Russia e Vietnam. Nel contesto dell’aspro battibecco del Vietnam con la Cina per il controllo delle isole Spratly, ricche di petrolio, Hanoi ha ricercato materiale militare avanzato. La leggendaria aeronautica del Vietnam ha acquisito 24 caccia Su-30 dalla Russia, ed entro la fine del 2015 avrà 36 Sukhoj, diventando il terzo operatore di questo avanzato aereo supermaneggevole. Tuttavia, è la Marina militare popolare del Vietnam (VPAN) che va rafforzandosi davvero. Nel 2009 il Vietnam ha firmato un accordo da 3,2 miliardi di dollari con la Russia per sei sottomarini classe Kilo e la costruzione di una base per sottomarini a Cam Ranh Bay. Un’altra grande acquisizione sono i 50 missili da crociera supersonici Klub per i Kilo, facendo del Vietnam la prima nazione del Sudest asiatico ad armare la flotta di sottomarini con un missile d’attacco controcosta. Pesando due tonnellate, il Klub ha una testata di 200kg. La versione antinave ha una gittata di 300 km, ma vola a 3000 km all’ora nell’ultimo minuto di volo. Secondo Strategypage, “la versione d’attacco controcosta non ha la funzione di avvicinamento finale ad alta velocità rendendo possibile una testata di 400kg. Ciò che rende il Klub particolarmente pericoloso, quando attacca le navi, è che durante il suo avvicinamento finale, quando il missile si trova a circa 15 km dal bersaglio, il missile accelera“, riferisce Strategypage. “Fino a questo punto, il missile viaggia ad una quota di circa 30 metri. Questo lo rende difficile da rilevare. Tale approccio finale ad alta velocità significa che copre gli ultimi 15 km in meno di 20 secondi. Ciò rende più difficile alle attuali armi antimissile abbatterlo“. I sottomarini costruiti dai russi e armati con i potenti Klub svolgono un ruolo fondamentale in qualsiasi conflitto nel Mar Cinese Meridionale. Secondo un analista, i missili da crociera controcosta segnano un “massiccio spostamento” a favore della potenza navale del Vietnam. “Dandogli un deterrente molto più potente complica i calcoli strategici della Cina“. Si ritiene che le navi da guerra cinesi non abbiano alcuna difesa efficace contro i missili Klub, motivo per cui si arrabbiarono per la vendita della Russia al Vietnam. Mentre i Kilo sono in costruzione, Russia e India addestrando gli ufficiali vietnamiti che opereranno sui sottomarini.

Ulteriore potenza di fuoco russa
Inoltre, nel 2011 la VPAN ha acquisito dalla Russia due fregate furtive lanciamissili classe Gepard per 300 milioni di dollari, e la flotta di Gepard è destinata ad aumentare a sei entro il 2017. Queste navi versatili sono attrezzate per attacchi di superficie, guerra antisom e difesa aerea. Altre acquisizioni della VPAN includono quattro pattugliatori veloci classe Svetljak dotati di missili antinave; 12 fregate e corvette di origine russa, e due navi lanciamissili d’attacco veloce classe Molnija costruite con l’aiuto della Russia, con altre quattro previste per il 2016. Il Vietnam ha anche acquisito radar avanzati; 40 missili antinave Jakhont e 400 Kh-35 Uran; missili da crociera antinave Kh-59MK; missili aria-aria a corto raggio R-73 (AA-11 Archer); 200 missili superficie-aria SA-19 Grison; due batterie dei leggendari sistemi superficie-aria S-300; localizzatori radiofonici passivi VERA e due batterie di missili da difesa costiera K-300P Bastion.

Aspetto economico
Secondo un documento degli accademici portoghesi Phuc Thi Tran, Alena Visotskaja G. Vieira e Laura C. Ferreira-Pereira, “L’acquisizione di capacità militari è cruciale non solo per la difesa e i calcoli strategici, ma anche per l’importante funzione che svolgono nella tutela degli interessi economici e nella sicurezza delle esplorazioni petrolifere nel Mar Cinese Meridionale. Quest’ultimo aspetto è particolarmente critico dato il ruolo che la Russia vi gioca. Infatti, la parte del leone di tali progetti di sfruttamento intrapresi dal Vietnam è in collaborazione con la Russia“. Mentre la difesa è sempre più seguita nei media, è l’energia il singolo maggiore aspetto della cooperazione tra Mosca e Hanoi. La joint venture tra Russia e Vietnam Vietsovpetro ha generato notevoli dividendi per entrambi i Paesi. L’azienda ha prodotto 185 milioni di tonnellate di petrolio greggio e 21 miliardi di metri cubi di gas dai giacimenti nel Mar Cinese Meridionale. Quasi l’80 per cento del petrolio e del gas vietnamiti proviene da Vietsovpetro, e il reddito corrisponde a circa il 25 per cento del PIL. La Russia ha anche fatto notevoli investimenti su industrie, trasporti, poste, colture e pesca del Vietnam. Questi progetti ne hanno generati altri, per l’impressionante profitto generato dalla cooperazione russa, con una sfilza di altre aziende come Mobil, BP e TOTAL che ampliano gli investimenti in Vietnam. La copertura strategica del Vietnam verso la Russia è strettamente legata alla cooperazione economica nell’esplorazione petrolifera, comportando significativi benefici economici ad entrambe le parti. I forti legami della difesa tra i due Paesi hanno permesso al Vietnam di acquisire moderni equipaggiamenti militari, fornendogli anche avanzate capacità di esplorazione congiunta di petrolio e gas nonostante la crescente opposizione cinese a questi progetti. Allo stesso tempo, la Russia torna a reclamare la sua eredità di grande potenza. Si Offre a Mosca una miriade di opportunità per garantirsi influenza politica ed economica verso varie potenze emergenti, nel cuore della regione più dinamica del pianeta. Ma il Vietnam non è un’eccezione, ma una conferma della regola prevalente in Asia. Come il professore Anis Bajrektarevic dichiara nel suo lavoro eccelso ‘No Asian Century‘: “Ciò che risulta evidente, quasi a prima vista, è l’assenza di qualsiasi struttura multilaterale di sicurezza pan-asiatica. Le prevalenti strutture di sicurezza sono bilaterali e per lo più asimmetriche. Dai trattati di sicurezza e non aggressione chiaramente definiti e duraturi ad accordi meno formali, fino ad accordi di cooperazione ad hoc su temi specifici. La presenza di accordi internazionali multilaterali è limitata a pochissimi punti nel maggiore continente e anche in questo caso sono raramente incaricati della questione (politico-militare) della sicurezza dai loro scopi dichiarati. Un’altra caratteristica sorprendente è che la maggior parte delle strutture bilaterali esistenti vede uno Stato asiatico da un lato, e due Paesi periferici o esterni dall’altro, rendendoli quasi per definizione asimmetriche“.190196963Rakesh Krishnan Simha è giornalista ed analista degli affari esteri della Nuova Zelanda. Rakesh ha iniziato la carriera nel 1995 con la rivista World Business di Nuova Delhi, e poi ha lavorato con varie media importanti come India Today, Hindustan Times, Business Standard e Financial Express, dove è stato redattore dei notiziari.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché la strategia delle rivoluzioni colorate è destinata a fallire

Altercrimson PolitRussia 1° giugno 2015 – Fort Russputin-sisiSe nel 2012 qualcuno avesse detto che il capo di Majdan egiziana Muhamad Mursi era un agente del dipartimento di Stato USA, che non avrebbe avuto un mandato presidenziale trionfante, ma un colpo di Stato, un processo e la condanna a morte, non sarebbe stato creduto. La vita è complicata. Se agli analisti statunitensi e russi avessero detto nel 2012 che tre anni dopo Majdan egiziana, il leader dell’Egitto avrebbe presenziato alla parata del 9 maggio a Mosca e cercato copertura politica dal Cremlino, avrebbero parlato di follia. Peccato. I russi tornano sempre. E non solo per i soldi, come scrisse Otto von Bismarck. Tuttavia, il denaro ha un ruolo. Dopo un breve, ma brillante regno di orde maidaniste e agenti statunitensi, l’economia egiziana, che non aveva prospettive brillanti, era in stato comatoso, mentre emergeva un dato interessante: pochi erano disposti e in grado di rianimare l’economia egiziana senza cercare di fare dell’Egitto una colonia. Infatti, il Maresciallo Abdalfatah Said Qalil Husayn al-Sisi aveva due alternative all’influenza di Washington, poteva scegliere Mosca oppure Beijing. Da militare intelligente, il Maresciallo al-Sisi decise di collaborare con Cina e Russia, ma diede priorità al Paese che può dare all’Egitto seri argomenti contro i tentativi d’ingerenza straniera, armi avanzate, efficaci ed economiche. Questo è un motivo per la memorabile visita di al-Sisi a Mosca, deprimendo l’Ufficio Medio Oriente dello State Department, combinato ad alcolismo prolungato. A febbraio, Putin visitava l’Egitto, percepita dai media occidentali, ad esempio dall’inglese Guardian, come “chiaro segnale all’occidente”. Mi chiedo come si sia sentito il personale del dipartimento di Stato nel vedere Putin e al-Sisi a piazza Tahrir, laddove la “rivoluzione arancione” egiziana era cominciata. La visita di febbraio di Putin ebbe una conseguenza specifica: Putin e al-Sisi decisero l’istituzione di una zona industriale russa in Egitto, diventata elemento importante della politica estera di Mosca. La Russia ancora una volta espande il proprio mercato e, infine, è lo Stato a focalizzarsi su questo problema, piuttosto che aziende private. Impariamo dai nostri amici e concorrenti, adottando le migliori tattiche di Pechino e Washington. Questa settimana al Cairo è sbarcato un gruppo di alti funzionari russi guidato dal ministro dell’Industria e del Commercio Denis Manturov, che aveva con sé diversi governatori russi e una delegazione molto rappresentativa di uomini d’affari. I risultati della visita sono stati impressionanti:
1. Russia ed Egitto passeranno ai pagamenti in valute nazionali. Lo scambio attuale tra i Paesi è di 5,5 miliardi di dollari, ma ora cresce in rubli e lire egiziane. Qualsiasi estensione della zona rublo è un bene per il nostro Paese. L’estensione della circolazione del rublo scaccia il dollaro: un doppio vantaggio.
2. L’Egitto aveva presentato una richiesta per una zona di libero scambio con l’UEE. Più avanti si va, più si svilupperanno i piani d’integrazione russi. Recentemente è stato firmato un accordo per una zona di libero scambio con il Vietnam, ed ora tocca all’Egitto. Senza i biscotti di Majdan, senza il “partenariato orientale”, senza fuochi d’artificio e dichiarazioni forti, la Russia attira sempre più Paesi nella sua orbita d’integrazione.
3. Un accordo preliminare per consegnare 12 aerei Sukhoj Superjet 100 con l’opzione per altri 12. Le prime consegne inizieranno a fine 2016. E’ molto probabile che il leasing degli aeromobili sarà finanziato da un fondo speciale russo-cinese: “ora lavoriamo al problema, parliamo della possibilità di fornire 12 aerei più altri 12. Recentemente, nell’ambito della visita del Presidente Xi Jinping a Mosca, è stato firmato un accordo per istituire un fondo speciale di 3 miliardi di dollari per consegnare 100 SSJ100 tramite i RDIF (Fondi d’investimento diretto russi) e partner cinesi“, ha detto Manturov.
4. Un significativo pacchetto di ordini per armamenti. I commenti ufficiali citano aerei, missili antiaerei, elicotteri e mezzi terresti. Purtroppo non vi sono dettagli ancora, dato che i negoziatori citano “la sensibilità del soggetto”.
Con lo sviluppo della cooperazione nell’energia nucleare, il lavoro delle compagnie petrolifere russe in Egitto e la crescita significativa dell’invio di grano dalla Russia all’Egitto, possiamo dire che l’Egitto va strettamente integrandosi all’economia della Russia e dell’Unione economica eurasiatica. Questo è molto importante, perché dalla caduta dell’URSS e distruzione del Comecon, il mercato russo, anche con l’UEE, non aveva la capacità necessaria per uno sviluppo autosufficiente. Dobbiamo raggiungere tutti i mercati e occupare tutte le nicchie possibili, da cui sarà difficile o impossibile cacciarci. A questo proposito, seguiamo in modo esplicito la Cina e, pertanto, un elemento importante di questa strategia è la zona industriale russa in Egitto. Il ministro Manturov: “Attribuiamo grande importanza al compito di rafforzare la cooperazione nell’industria e nella produzione avanzata in Egitto. Credo che un buon trampolino di lancio della futura cooperazione sarà il lavoro congiunto nell’ambito del progetto di zona industriale russa nell’area del canale di Suez e la creazione di nuovi programmi comuni industriali”. Il primo potenziale residente della zona industriale russa in Egitto è la Corporation Uralvagonzavod. Il direttore generale della UVZ, Oleg Sienko, ha avuto colloqui in Egitto sulla possibilità di produrre treni, attrezzature per le costruzioni e apparecchiature petrolifere e gasifere. C’è un altro motivo importante per avere un appiglio in Egitto. Napoleone Bonaparte disse giustamente che “la geografia è destino”, e nel caso dell’Egitto ciò può essere formulato come “il canale di Suez è destino”. Se diventiamo un importante partner economico e militare dell’Egitto, colpiremo l’Unione europea e il Regno Unito sul canale di Suez, particolarmente importante per sviluppare il concetto di Nuova Via della Seta della Cina. Ecco la mappa della Nuova Via della Seta indicata ai propri lettori dal Wall Street Journal:3888a292586ce1d5d066c05d7c57b678Per non traumatizzare i delicati e sensibili lettori, il principale giornale economico degli Stati Uniti ha mostrato solo uno dei cosiddetti “corridoi” della Nuova Via della Seta, il corridoio marittimo meridionale (linea blu), la sola via dei trasporti su vasta scala che collega Europa e Cina. In linea di principio, la merce può viaggiare su rotaia dalla Cina alla Germania, ma la capacità lascia ancora molto a desiderare. In questo contesto, il controllo del canale di Suez, o piuttosto l’influenza sull’Egitto, è un importante patrimonio geopolitico. Togliendo agli Stati Uniti la capacità di “spegnere” il commercio tra Europa e Cina, vale molto, e questo è solo uno dei bonus della strategia della Russia in Egitto. Creando centri produttivi sulla rotta commerciale più occupata nel mondo è cruciale anche per un buon reddito futuro. E si osservino le altre mappe della Nuova Via della Seta dove la Russia è identificata come non solo membro della fascia”economica”, ma come Paese attraversato dal “corridoio settentrionale” del mega-progetto cinese che, secondo i media statunitensi, cambierà radicalmente l’economia globale, angosciando gli esperti statunitensi.

5034d924551de2a02ac01dbaceb477359c8ed6ac9bb6a3f2ec057a98f07ebe02_risultatoQuale è il bello della situazione? Se la Russia potrà includere l’Egitto nei suoi processi d’integrazione, “agganciandolo” con la tecnologia energetica e le armi, ne farà elemento del sistema di sicurezza internazionale russo, e quindi i corridoi settentrionale e meridionale della Via della Seta saranno collegati alla Russia. Naturalmente c’è un “corridoio centrale” che attraverserà India, Pakistan, Iraq, Siria, Iran e Turchia con una varietà di rotte, ma il problema è che questo corridoio ha due enormi ostacoli: terreno e SIIL. É bello vedere che la Russia è in gioco, che Mosca capisce il contesto geopolitico e tenta di giocarvi, adottando il meglio dei nostri partner e concorrenti, permettendoci di guardare al futuro con giustificato ottimismo.

Denis Manturov

Denis Manturov

P. S.: “E l’Ucraina?” sono sicuro vi sareste chiesti. Il popolo ucraino deve crescere e bere il calice chiamato “sogno europeo” fino in fondo, ma c’è una buona notizia: “Il maresciallo al-Sisi ucraino” cammina già per le strade di Donetsk. Tutto a suo tempo.18716Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.900 follower