La Cina aumenta l’influenza sull’Afghanistan

Vladimir Platov New Eastern Outlook 21.09.2017Non sorprende che gli Stati Uniti non siano l’unico Stato a riconoscere l’importanza geopolitica dell’Afghanistan. Tra le altre nazioni profondamente interessate a questo Stato dell’Asia centrale c’è la Cina. Fin dal 2011, quando fu lanciato il vertice “Cuore dell’Asia”, la Cina fa ogni sforzo per migliorare i rapporti con tutte le nazioni impegnate nella ricostruzione dell’Afghanistan. Pechino organizzò una riunione coi partner regionali, tra cui Iran, Pakistan e Russia, e collabora strettamente con il gruppo di coordinamento quadripartito tra Afghanistan, Pakistan, Stati Uniti e Cina, nonché i taliban. Tuttavia, negli ultimi tre anni la Cina è sempre più interessata a stretti legami con l’Afghanistan. Dopo il ritiro della maggior parte delle forze d’occupazione degli Stati Uniti, Pechino inviò a Kabul un gruppo di funzionari guidati dal Ministro degli Esteri Wang Yi. Infatti, negli ultimi tre anni, Pechino forniva più assistenza all’Afghanistan di quanto abbia fatto nei tredici anni precedenti.

Interessi cinesi in Afghanistan
Le ragioni di Pechino sono abbastanza chiare da sempre. Cerca la graduale riduzione delle truppe NATO in Afghanistan per ridurre l’influenza di Washington e creare una “zona di stabilità” ai confini della Cina. Allo stesso tempo, i funzionari di Pechino si rendono conto che fintanto che la situazione in Afghanistan rimarrà instabile, le forze della NATO e statunitensi avranno un pretesto per prolungare la presenza in un territorio confinante con la Cina. Inoltre, è estremamente importante che Pechino garantisca l’attuazione sicura dell’iniziativa economica Fascia e Via (OBOR), indebolendo i gruppi terroristici operanti nella regione, tra cui lo SIIL. Tali gruppi garantiscono che l’Asia centrale rimanga un quadro politico potenzialmente esplosivo. Ciò consente ai terroristi di preoccupare Pechino sulla stabilità nazionale e regionale. Quel che è peggio è che la tensione sempre presente nell’Asia centrale può potenzialmente mettere in pericolo l’iniziativa promettente dell’OBOR. Un brusco aumento delle attività dello SIIL in Afghanistan e Asia centrale è la maggiore preoccupazione della Cina, dato che tale minaccia può essere controbilanciata solo con l’aiuto di operatori regionali e dall’antiterrorismo costantemente crescente di Cina e Russia. Pechino ritiene che i terroristi dello SIIL possano infiltrarsi nel territorio cinese dal confine Pakistan-Cina per tentare in qualche modo di sabotare l’OBOR.

La Cina e la lotta al terrorismo internazionale
A questo proposito, negli ultimi anni la Cina ha lanciato la lotta al terrorismo internazionale sostenendo i Paesi dell’Asia centrale e meridionale, in particolare l’Afghanistan, e aumentando la spesa per la sicurezza degli operatori regionali nel contrastare la crescente minaccia terroristica. Non c’è da meravigliarsi che Pechino sia al comando di ogni grande esercitazione antiterrorismo nella regione, da allora. Tale politica viene perseguita da Pechino soprattutto perché, secondo stime di medio e lungo termine, quando i conflitti nel Medio Oriente finiranno, lo SIIL agirà in Afghanistan e negli altri Stati dell’Asia centrale. Per queste ragioni, dal 2016 le autorità cinesi rafforzano i confini statali e guidano le esercitazioni antiterrorismo. È anche curioso che, secondo la legislazione cinese, Pechino possa considerare lo schieramento di truppe nel territorio di uno Stato confinante nel caso in cui la sicurezza nazionale cinese sia minacciata. Se si tiene conto dell’esperienza della Russia nell’assistenza a Damasco nell’antiterrorismo, e del desiderio degli Stati Uniti di aumentare l’influenza in Afghanistan e altri Paesi della regione, i politici cinesi potrebbero pianificare l’aumento degli investimenti negli Stati regionali come forma di contrappeso. Sul rafforzamento della cooperazione cinese con Kabul nella lotta antiterrorismo, la decisione di Pechino di assisterla nella creazione di unità speciali per la guerra in montagna è particolarmente degna di nota. In particolare, come osservato a metà agosto dal Ministero della Difesa afghano, la Cina finanzierà la creazione di un’unità di forze speciali nel Badakhshan, per garantire la sicurezza di questa provincia montuosa ai confini con il Tagikistan. Pechino non si è semplicemente impegnata a creare le infrastrutture necessarie, ma a sostenere l’unità con armi ed equipaggiamenti. Prima di ciò, i vertici militari cinesi annunciarono l’intenzione di fornire all’Afghanistan 73 milioni di dollari in aiuti militari.Vladimir Platov, esperto di Medio Oriente, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Petroyuan: nuovo sistema monetario multipolare e difesa anti-sanzioni

AVN, 17 settembre 2017Le sanzioni economiche imposte dal governo degli Stati Uniti hanno spinto il Venezuela a implementare un nuovo sistema di pagamento internazionale, con l’idea di aprirsi al mercato multipolare e limitare il blocco economico dal Nord America. Il 7 settembre il Presidente della Repubblica Nicolás Maduro annunciava il nuovo piano “per liberarci dal dollaro”, utilizzando “valute di conversione libera, come yuan, euro, yen, rupia e valute internazionali, abbandonando il laccio del dollaro valuta oppressiva”, come affermava al Parlamento Federale, presentando il suo Piano Economico per la Pace all’Assemblea Nazionale Costituente (ANC). La prima azione s’è riflessa sul prezzo del greggio venezuelano, che per la prima volta veniva prezzato in yuan dal Ministero del Petrolio, pari a 306,26 yuan per barile, cioè 46,75 dollari. Inoltre, alcuni giorni prima il Vicepresidente della Repubblica Tariq al-Aysami informava che il Venezuela firmerà “il primo accordo commerciale in yuan per la vendita di petrolio alla Cina“. Venivano inoltre effettuate rettifiche per l’avvio delle operazioni con un paniere di valute del sistema di cambio dalla variazione complementare svincolata del mercato (Dicom), schema del Governo Nazionale che consente le operazioni di cambio valutario a società e persone fisiche ad un prezzo deciso dal mercato, fulcro del controllo dei cambi.

Russia e Cina: i pionieri
Con queste azioni, il Venezuela entra nel progetto già avanzato da Russia e Cina. L’economista messicano Ariel Noyola Rodríguez osservava in un articolo pubblicato da Actualidad RT nel maggio 2016, che “Mosca e Pechino commerciano petrolio con un canale di transizione volto verso il sistema monetario multipolare, cioè non basato solo sul dollaro ma su diverse valute e soprattutto che riflette i rapporti di forza dell’attuale ordine mondiale“. Un’azione decisa appunto dalle sanzioni economiche imposte nel 2015 da Washington e Bruxelles che, secondo l’analista, “incoraggiano i russi ad eliminare dollaro ed euro dalle transazioni commerciali e finanziarie, o altrimenti sarebbero stati esposti al sabotaggio nelle operazioni di vendita coi principali partner“. Quindi, da metà 2015, “gli idrocarburi che la Cina acquista dalla Russia vengono pagati in yuan e non in dollari“, permettendo di neutralizzare il blocco imposto a Mosca dalla crisi in Ucraina. “Vengono poste le fondamenta di un nuovo ordine finanziario basato sul petroyuan: la moneta cinese si prepara a diventare il fulcro del commercio Asia-Pacifico con le maggiori potenze petrolifere“, sottolinea Noyola Rodríguez nel testo: Il ‘petroyuan’ è la grande scommessa di Russia e Cina. L’analista prevede che in futuro l’OPEC adotterà questo modello di marketing petrolifero, una volta che Pechino lo richiederà e sottolinea che altre nazioni seguono questa premessa perché, “hanno capito che per costruire un sistema monetario equilibrato, la de-dollarizzazione dell’economia mondiale è una priorità“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Massoneria e banche negli Stati Uniti

Dean Henderson (Estratto da Le otto famiglie: Big Oil e i suoi banchieri)

Nel 1789 Alexander Hamilton divenne il primo segretario del Tesoro degli Stati Uniti. Hamilton era uno dei tanti padri fondatori massoni. Aveva stretti rapporti con la famiglia Rothschild che possiede la Banca d’Inghilterra e guida il movimento europeo dei massoni. George Washington, Benjamin Franklin, John Jay, Ethan Allen, Samuel Adams, Patrick Henry, John Brown e Roger Sherman erano tutti massoni. Roger Livingston aiutò Sherman e Franklin a scrivere la Dichiarazione d’Indipendenza. Giurò a George Washington per la carica mentre era Gran Maestro della Gran Loggia di New York. Washington stesso era Gran Maestro della Loggia della Virginia. Dei generali dell’esercito rivoluzionario, trentatré erano Massoni. Ciò era altamente simbolico dato che i grado 33 si definiscono illuminati. I padri fondatori populisti guidati da John Adams, Thomas Jefferson, James Madison e Thomas Paine, nessuno dei quali era massone, volevano recidere completamente i legami con la corona britannica, ma furono sconfitti dalla fazione massonica guidata da Washington, Hamilton e dal Gran Maestro della Loggia di St. Andrea di Boston, generale Joseph Warren, che volle “sfidare il Parlamento ma restando fedele alla corona”. La Loggia di St. Andrea era il fulcro della nuova massoneria mondiale e iniziò a concedere gradi di cavaliere templare nel 1769. Tutte le logge massoniche statunitensi sono ancora oggi approvate dalla corona inglese.
Il primo Congresso Continentale si riunì a Filadelfia nel 1774 sotto la presidenza di Peyton Randolph, che sostituì Washington come Gran Maestro della Loggia della Virginia. Il secondo Congresso Continentale si riunì nel 1775 sotto la presidenza del massone John Hancock. Il fratello di Peyton William divenne Gran Maestro della Loggia della Virginia e principale proponente della centralizzazione e del federalismo alla prima Convenzione costituzionale nel 1787. Il federalismo al centro della Costituzione statunitense è identico al federalismo previsto nelle Costituzioni di Anderson del 1723. William Randolph divenne il primo avvocato generale e segretario di Stato sotto George Washington, mentre la sua famiglia tornò in Inghilterra fedele alla corona. John Marshall, primo giudice della Corte Suprema, era un massone. Quando Benjamin Franklin si recò in Francia per cercare aiuto finanziario per i rivoluzionari americani, i suoi incontri avvennero presso le banche dei Rothschild. Mediò vendite di armi tramite il massone tedesco barone von Steuben. I suoi comitati di corrispondenza operavano attraverso i canali massonici e in parallelo a una rete di spie inglesi. Nel 1776 Franklin divenne l’ambasciatore de facto in Francia. Nel 1779 divenne Gran Maestro della loggia francese delle Nove Sorelle, a cui appartenevano John Paul Jones e Voltaire. Franklin era anche membro della più segreta Royal Lodge of Commanders del Tempio Occidentale di Carcasonne, tra i cui membri c’era il Principe del Galles Federico. Mentre Franklin predicava la temperanza negli Stati Uniti, si sbizzarriva selvaggiamente coi fratelli delle logge in Europa. Franklin fu a capo del servizio postale dal 1750 al 1775, ruolo tradizionalmente assegnato alle spie inglesi.
Con il finanziamento dei Rothschild Alexander Hamilton fondò due banche a New York, tra cui la Banca di New York. Morì in duello con Aaron Burr, che fondò la Banca di Manhattan con il finanziamento di Kuhn Loeb. Hamilton esemplificò il disprezzo che le otto famiglie hanno per i popoli, affermando una volta: “Tutte le comunità si dividono in pochi e molti. I primi sono ricchi e di buona famiglia, gli altri sono la massa… i popoli sono turbolenti e volubili; raramente giudicano e decidono correttamente. Si dia quindi alla prima classe un ruolo distinto e permanente di governo, controllando l’instabilità della seconda“. Hamilton fu solo il primo dei compari delle otto famiglie ad avere il ruolo di segretario del Tesoro. Negli ultimi tempi il segretario del Tesoro di Kennedy fu Douglas Dillon della Dillon Read, i segretari del Tesoro di Nixon, David Kennedy e William Simon, provenivano rispettivamente dalla Continental Illinois Bank e dalla Salomon Brothers, il segretario del Tesoro di Carter, Michael Blumenthal, proveniva dalla Goldman Sachs, il segretario del Tesoro di Reagan, Donald Regan, proveniva dalla Merrill Lynch, il segretario del Tesoro di Bush, Nicholas Brady, proveniva dalla Dillon Read e i segretari del Tesoro di Clinton e Bush Jr., Rubin e Henry Paulson, provenivano dalla Goldman Sachs.
Thomas Jefferson sosteneva che gli Stati Uniti avevano bisogno di una banca centrale di proprietà pubblica in modo che monarchi ed aristocratici europei non potessero utilizzare la stampa del denaro per controllare gli affari della nuova nazione. Jefferson osservava: “Un Paese che si aspetta di rimanere ignorante e libero… si aspetta ciò che non è mai stato e non sarà mai. Non ci fu che appena un re su cento che non avrebbe, se poteva, seguito l’esempio dei faraoni, prendere prima di tutto il denaro del popolo, e poi tutte le sue terre e quindi fare di loro e dei loro figli per sempre dei servi… le dirigenze bancarie sono più pericolose degli eserciti. Hanno già allevato un’aristocrazia del denaro“. Jefferson osservò come la cospirazione euro-bancaria per controllare gli Stati Uniti fu attuata, soppesando come “singoli atti di tirannia si possono attribuire all’opinione del momento, ma una serie di oppressioni iniziata in un periodo distinto, inalterabile ad ogni cambio di ministri, dimostra chiaramente un piano deliberato e sistematico per ridurci in schiavitù“. Ma l’argomentazione di Hamilton, sponsorizzata dai Rothschild, per una banca centrale statunitense privata, prevalsero alla fine. Nel 1791 fu fondata la Banca degli Stati Uniti, coi Rothschild principali proprietari. La concessione alla banca avrebbe dovuto scadere nel 1811. L’opinione pubblica era favorevole alla revoca e sua sostituzione con una banca centrale jeffersoniana. Il dibattito fu rinviato quando la nazione fu sprofondata dagli eurobanchieri nella guerra del 1812. In un clima di paura e difficoltà economiche, la banca di Hamilton ebbe rinnovata la concessione nel 1816.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La storia del carro armato sovietico che fermò i nazisti a Minsk

Sputnik 10.09.2017Il giornalista militare Aleksandr Khrolenko ritorna sull’incredibile storia di come un solitario carro armato medio sovietico T-28 condusse un audace scontro nella Minsk occupata dai nazisti nelle prime settimane della Grande Guerra Patriottica. Il 10 settembre la Russia festeggia la giornata dei carristi, la festa ufficiale degli equipaggi dei carri armati fondata nel 1946 in onore della vittoria delle forze meccanizzate nella Grande Guerra Patriottica. Alla luce della celebrazione, l’autore di RIA Novosti Aleksandr Khrolenko ha scritto un pezzo su uno degli episodi più sorprendenti sull’eroismo dei carristi durante la guerra: il caso incredibile dell’equipaggio di un carro armato sovietico T-28 a Minsk, nel luglio 1941.

12.mo giorno di guerra
All’inizio di luglio 1941, il carro armato medio T-28 comandato dal Sergente-Maggiore Dmitrij Malko fu colpito dalla Luftwaffe mentre si ritirava con una colonna meccanizzata sovietica nei pressi di Berezino, 90 km ad est di Minsk occupata dai nazisti subito dopo l’inizio della guerra. Il motore del carro armato fu danneggiato. Malko, un esperto meccanico, riuscì a ripararlo ma perse i contatti col resto della colonna. Piuttosto che cercare di raggiungerla, il sottufficiale e il suo equipaggio decisero di dirigersi verso ovest e visitare i tedeschi a Minsk. Recuperando le munizioni da un deposito abbandonato, il T-28 si diresse verso la capitale bielorussa. Le forze armate del feldmaresciallo Hans Guderian erano già avanzate verso est, e il solitario T-28 sovietico che viaggiava lungo le strade non attirò l’attenzione dei tedeschi, abituati a vedere i blindati nemici catturati.Scontro feroce
Dirigendosi verso ovest, i carristi di Malko incontrarono una colonna di motociclisti tedeschi a 40 km da Minsk, sul ponte sul fiume Svislach. Khrolenko scrive: “Il T-28 piombò sulla colonna, sparando alle forze nemiche con il cannone e le quattro mitragliatrici. Dopo di che, l’equipaggio distrusse due camion, un blindato Hanomag e decine di soldati tedeschi di fronte a una distilleria. Recandosi in città, il T-28 correva sparando alle truppe naziste nelle strade e nel parco Gorkij (che ospitava un campo militare)“. “Nel corso dell’attacco a Minsk, i sei carristi sovietici distrussero 10 carri armati e blindati, 14 camion e 3 batterie di artiglieria nemici. Le truppe tedesche subirono perdite per circa 360 soldati e ufficiali”. Il coraggioso equipaggio del T-28 attraversò Minsk, sparando finché non finirono le munizioni, prima che il comando tedesco avesse finalmente capito cosa succedesse. Un cannone anticarro della Wehrmacht sparò sul carro armato sovietico, ma la corazzatura frontale assorbì il colpo, dopo di che il Sergente-Maggiore Vasechkin rispose al fuoco, distruggendo il cannone. Khrolenko scrive che dopo aver completato la missione, “il T-28 uscì dalla città, ma alla periferia, nell’area del cimitero Kalvarijskoe, fu colpito dal tiro di un pezzo d’artiglieria nemico e prese fuoco”. I soldati dell’Armata Rossa riuscirono ad abbandonare il carro armato.Il destino dell’equipaggio
L’equipaggio del carro armato subì diverse sorti. Il Sergente-Maggiore Vasechkin lasciò il carro armato dal portello del comandante, sparando con la pistola TT prima di essere ucciso dai nazisti. I cadetti Aleksandr Rachitskij e Sergej (cognome sconosciuto) caddero anche nella battaglia. Il cadetto Nikolaj Pedan fu preso prigioniero e detenuto per quattro anni in un campo di concentramento nazista. Fu infine liberato, reintegrato nell’esercito e smobilitato nel 1946. Il cadetto Fjodor Naumov si nascose e aderì al potente movimento partigiano della Bielorussia. Fu ferito gravemente nel 1943 ed evacuato verso est. Il Sergente-Maggiore Malko riuscì a scappare verso est, incontrando le truppe sovietiche. Khrolenko scrive: “Combatté nelle truppe corazzate per il resto della guerra, il suo carro armato fu colpito sedici volte… vide il Giorno della Vittoria nella Prussia orientale, promosso al momento vicecomandante di una compagnia di carri armati. Esattamente tre anni dopo il raid del 1941, nel luglio 1944, il Tenente-Maggiore Malko si trovò nella Minsk liberata e vide lo scafo bruciato del suo T-28“. “Più tardi, nella primavera del 1945, la controintelligence statunitense interrogò il maggiore tedesco Rudolf Hale, prigioniero nella Ruhr. Durante l’interrogazione, il maggiore disse agli statunitensi che nell’estate del 1941 la sua compagnia fu quasi completamente distrutta dall’apparizione inaspettata di un T-28 sovietico a Minsk; il comando statunitense consegnò questa testimonianza agli organi appropriati delle controparti sovietiche, ma nessuno credette alla storia del carrista Dmitrij Malko e del maggiore Rudolf Hale. Nikolaj Pedan la confermò, per cui fu assegnato a Malko l’Ordine della Guerra Patriottica di Prima Classe“.
Ombreggiato dal cugino più giovane, il leggendario T-34, il T-28 era uno dei carri armati medi più formidabili del mondo durante il periodo pre-bellico. Il mostro d’acciaio aveva una corazzatura frontale spessa 80 mm e una laterale e posteriore di 40 mm. L’insolita configurazione multi-torretta del carro armato comprendeva un cannone da 76 mm e quattro mitragliatrici da 7,62 mm. Il cannone del carro armato poteva penetrare corazze spesse 50 mm alla distanza di 1000 metri. Il suo motore da 500cv gli permetteva di muoversi a velocità superiori ai 40 km/h e di attraversare fossati, scarpate e altri ostacoli. La stazione radio a bordo permetteva di comunicare fino a 60 km. Il carro armato aveva un equipaggio standard di sei elementi. Nel giugno 1941, l’Armata Rossa aveva in servizio circa 250 T-28. L’ultimo impiego in combattimento del T-28 avvenne nel 1944.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Israele ha perso potere dissuasivo su Hezbollah

PressTV 6 settembre 2017L’esercito israeliano annunciava la maggiore manovra militare da 20 anni, sul fronte settentrionale al confine con il Libano meridionale: una manovra per preparare le “truppe” allo scenario di guerra totale contro Hezbollah. 30000 soldati e riservisti sono stati mobilitati per 11 giorni, suddivisi in 30 battaglioni assistiti da decine di navi da guerra e cacciabombardieri. Cosa vuole l’esercito israeliano? Il quotidiano al-Aqbar seguendo questa esercitazione massiccia scrive: “Ciò che ha spinto Israele a lanciare questa vasta esercitazione militare, mentre gli esperti israeliani di continuo gridano all’avanzata della Resistenza dopo sei anni di guerra in Siria, e i comandi dell’esercito israeliano sono arrabbiati con il mondo per aver commesso un errore di calcolo, non aver visto i mutamenti in corso e il “pericolo di Hezbollah che occhieggia alle porte“. Amos Hariel, opinionista militare di Haaretz, irride le esercitazioni come “attese da Hezbollah” per vedere cosa fa l’esercito israeliano ora che la guerra in Siria ha “una brutta piega” e “si rischia la netta vittoria di Assad ed alleati“. “L’esercito è caduto nella trappola della propaganda, mostrando i muscoli per rassicurare il pubblico israeliano, senza intraprendere misure altrimenti necessarie per l’aggiornamento delle sue capacità operative“, osserva Hariel, per cui tutto questo movimento è solo volto a dare ad Hezbollah un “potente messaggio di dissuasione”. Ma Hariel non conclude la sua analisi. In Siria, Israele si trova di fronte ad uno dei peggiori scenari: la prospettiva di Assad che conserva il potere con l’emergere asse Damasco-Hezbollah-Teheran sostenuto da Mosca e che intende rendergli la vita dura se necessario. Infatti, la manovra militare dell’esercito israeliano segna la fine di un’era: Israele, finora “potenza suprema”, dubita della propria deterrenza. Da tempo l’intelligence israeliana assicurava i generali sull’erosione degli “eserciti arabi” attraverso compromessi (eserciti egiziano e giordano dopo gli accordi di Camp David) o guerre di attrito (nel caso degli eserciti siriano e iracheno). Ma tale prognosi è smentita in Iraq e Siria, dove le forze armate nazionali hanno trionfalmente superato l’esperienza della guerra. La manovra militare sul fronte settentrionale israeliano è il riconoscimento di tale errore di calcolo strategico, un errore per cui Israele dovrà pagare un prezzo alto e a lungo. Hariel riconosce inoltre che l’esercitazione riecheggia “i cambiamenti verificatisi sui confini nord israeliani”. Su tutte le stazioni televisive israeliane, gli annunci dell’esercito propagandano “la sconfitta di Hezbollah” nel caso di un confronto. Tuttavia, gli esperti militari israeliani non sono d’accordo con i generali. La parola “sconfitta” è un problema. Lo specialista del 10.mo canale televisivo israeliano giustamente si pone la seguente domanda: “Ma una sconfitta di Hezbollah in che senso? Sconfiggerne l’ideologia, la struttura organizzativa o come attore inevitabile sulla scena politica siriana?” Questa triplice domanda porta il commentatore israeliano a confessare che non sa “cosa gli ufficiali israeliani vogliano veramente con “sconfitta di Hezbollah”: Ma una cosa è certa: in ognuno di questi tre casi, si prepara a rimanere per molto in Libano poiché Hezbollah non è ciò che era nel 2006, non può essere sconfitto rapidamente e di colpo”.
Come affermava il comandante del fronte settentrionale, Tayem Himmen, la vittoria su Hezbollah è un concetto che rimane poco chiaro, va dai piccoli successi militari d’Israele alla totale scomparsa della Resistenza. Yediot Aharonot va oltre. In assenza di una chiara definizione della vittoria che Israele dovrebbe avere su Hezbollah, parla di due fronti: “Israele dovrà intervenire contro Hezbollah in Libano e in Siria, dato che Hezbollah ha ampliato il suo campo d’azione. Nello Stato Maggiore dell’esercito israeliano vi sono soldati che chiamano Hezbollah “secondo esercito del Medio Oriente dopo Israele e credono che possa gestire battaglioni in un vasto campo di battaglia, ricorrendo a droni ed artiglieria pesante. La sua capacità di scavare tunnel gli permette di agire da unità commando in tempi brevi, come visto nelle offensive contro lo SIIL“. La confessione è tagliente: per ogni operazione svolta da Hezbollah contro lo SIIL in Siria, Israele s’è impegnato in analisi e valutazioni su strategia e tattica della Resistenza. Spaventato, assiste all’emersione di un “esercito” che non conosce e contro cui non sa reagire…

Sei arrestati mentre lo scandalo sui sottomarini sconvolge Israele
Sputnik 04.09.2017Con sottomarini e navi interessati, lo scandalo continua a sconvolgere le istituzioni politiche e di sicurezza d’Israele. L’indagine sull’acquisto di navi dalla Germania di Tel Aviv, conosciuta anche come il Caso 3000, ha avuto una svolta drammatica. L’ex-ministro ed ex-vicedirettore della sicurezza nazionale, Avriel Bar-Yosef, veniva interrogato il 4 settembre 2017 in relazione a presunte illegalità finanziarie. Più tardi è emerso che anche un consulente mediatico del primo ministro in carica è stato interrogato. Il capo dello staff del Primo ministro Benjamin Netanyahu, David Sharan, è stato arrestato il 3 settembre, sospettato di accettare tangenti nel caso molto imbarazzante. Un tribunale gli ha ordinato di rimanere in detenzione per cinque giorni. Detenuti per l’interrogatorio nello stesso giorno erano anche l’ex-comandante della Marina Israeliana Eliezer Marom, un contrammiraglio sospettato di frode, corruzione e spergiuro, e almeno altri due consiglieri per i media. I consiglieri, arrestati all’aeroporto internazionale Ben-Gurion, sono sospettati di collusione in corruzione e ostruzione alla giustizia. L’affare dei sottomarini prevede accuse di corruzione sull’accordo per l’acquisto dalla Germania di tre sottomarini e di una serie di navi per proteggere le piattaforme offshore, a un costo complessivo di circa 1,5 miliardi di euro. La firma di un memorandum sulla vendita dei tre sottomarini della società tedesca ThyssenKrupp è stata rinviata indefinitamente nel luglio 2017. Resta inteso che l’indagine dell’ex-ministro si basa, tra l’altro, sui colloqui tra Israele e una società sudcoreana per l’acquisto di navi, anche se alcun ordine fu mai emesso. Si ritiene che tutti gli arresti si basino sulle informazioni fornite alla polizia dalla testimonianza di Miki Ganor, capitano in pensione, rappresentante dell’impresa industriale tedesca in Israele. Era il mediatore in molti dei maggiori accordi sulle armi negli ultimi anni tra Israele e Germania. A luglio firmò un accordo con il Ministero della Giustizia israeliano, accettando una pena ridotta di un anno e di pagare ben 10 milioni di sheckel in cambio di informazioni.
Sharan è sospettato di corruzione, frode e spergiuro, oltre ad associazione a delinquere. Tuttavia si sa che la polizia l’incoraggia a testimoniare. La Corte di Rishon LeZion ha prolungato l’arresto per consentire agli investigatori dell’unità di polizia Lahav 433 di continuare ad interrogarlo, perché si crede abbia informazioni cruciali sull’affare. Tra i sei arrestati vi è l’ex-comandante del commando navale Unità Shayetet 13. Il suo avvocato ha affermato in tribunale che il cliente non ha alcun legame con la presunta corruzione per cui è indagato. È stato arrestato perché ha cercato di avviare un’attività con Ganor, anche se questo successivamente lasciò. La polizia ha sequestrato computer e telefoni dalla casa del comandante, che resta in custodia. Un altro degli arrestati era il consulente strategico Nati Mor, che si dice abbia ricevuto presunte tangenti e trasferito denaro ad un impiegato. Tzachi Lieber, partner commerciale di Mor, è sospettato di mediazione nella corruzione, associazione a delinquere e ostruzione della giustizia. Gli agenti di polizia che indagano sul caso hanno sequestrato un hard disk, un iPad, fatture e documenti. Veniva anche arresto un avvocato sospettato di corruzione, falsificazione di documenti aziendali, associazione a delinquere e riciclaggio di denaro. Un altro sospetto, nominato dal 2.ndo canale israeliano, è l’ex-viceconsigliera della sicurezza nazionale Atalia Rosenbaum, già interrogata dalla polizia. Ha avuto i domiciliari, essendo sospettata di aver riferito informazioni a Ganor sulle discussioni al Consiglio di Sicurezza Nazionale. L’ex-Generale Bar-Yosef, nominato dal primo ministro al consiglio nazionale per la sicurezza a febbraio, era già stato arrestato per presunti reati di corruzione, riciclaggio di denaro, frode e spergiuro. Si sostiene che abbia utilizzato la sua posizione a favore di un magnate tedesco in cambio di tangenti trasferiti a lui o alla famiglia. È stato interrogato dalla polizia nell’ambito della vicenda dei sottomarini diversi mesi fa e poi messo agli arresti domiciliari. Anche se i dettagli della sua testimonianza non sono stati divulgati finora, un funzionario della polizia ha detto che Ganor gli ha forniti nastri e testi. “Ci ha dato materiale eccellente“, ha detto. Ganor presumibilmente ha detto agli investigatori che, per vincere la gara su pattugliatori, sottomarini e una fabbrica di ammoniaca, ha firmato accordi fittizi con consulenti strategici per centinaia di migliaia di sheckel, che alla fine finivano come tangenti nelle tasche di Sharan. La sua testimonianza ha suscitato il sospetto che cercasse di assicurarsi una nomina sfruttando i legami con Sharan. Afferma che il consigliere David Shimron, l’avvocato personale del primo ministro, è stato incaricato di ricevere una commissione stimata 10 milioni di dollari per favorire la decisione di acquistare i sottomarini.

Avriel Bar-Yosef

Traduzione di Alessandro Lattanzio