F-35, letale ‘velociraptor’ o facile preda di Russia e Cina?

C’è ragione di credere che sia la seconda, l’aereo presunto furtivo ha una firma agli infrarossi gigantesca
Dave Majumdar The National Interest 11 luglio 2016150915121028-f-35-wasp-test-3-super-169L’alto ufficiale dell’aviazione dei marines degli Stati Uniti ha dato una valutazione ottimistica del Lockheed Martin F-35B Joint Strike Fighter (JSF) presso il Comitato Forze Armate della Camera nella testimonianza del 6 luglio. Il nuovo aviogetto stealth ha dato buon rendimento nelle esercitazioni pur utilizzando una configurazione del software temporanea che permette al costoso aeromobile solo una frazione delle funzioni richieste dal Pentagono. Per illustrare il punto, il Tenente-Generale Jon Davis, vicecomandante dell’aviazione del Corpo dei Marines degli USA, ha descritto l’evoluzione dell’addestramento presso il corso Istruttori Armi e Tattiche, di responsabilità del 1.mo Squadrone Armi e Tattiche dell’Aviazione dei Marines di Yuma, Arizona, dove l’F-35 ha partecipato. Laddove normalmente una quindicina di velivoli Boeing AV-8B Harrier II, F/A-18C ed EA-6B Prowler non riusciva ad attraversare difese aeree avanzate, il nuovo F-35 colpiva gli obiettivi impunemente. “Gli F-35 hanno distrutto tutti gli obiettivi, 24-0″, ha detto Davis. “Era come Jurassic Park, la visione di un velociraptor ammazzattutto, davvero bene. Non possiamo avere l’aereo abbastanza velocemente“. Davis non ha dettagliato quali minacce avanzate l’F-35B abbia contrastato, ma ha detto che i marines hanno eseguito esercitazioni a sorpresa con l’F-35 e chiedono ulteriori squadroni equipaggiati con il nuovo velivolo. Tuttavia, l’F-35B attualmente configurato ha solo una capacità intermedia con un inviluppo di volo limitato e una limitata capacità di trasportare armi. Mentre l’aereo matura, Air Force, Navy e Marines dovranno compire maggiori esercitazioni per avere un’avanzata preparazione nei combattimenti futuri. Infatti, il Contrammiraglio Mike Manazir, vicecapo dei sistemi di guerra delle operazioni navali della Marina, testimoniava assieme Davis dicendo che la guerra networcentrica spinge in sostanza il Pentagono a trovare nuovi metodi d’addestramento. Il modo migliore per replicare i sistemi d’arma avanzati russi e cinesi, suggeriva Manazir, era utilizzare simulazioni al computer o addestramenti virtuali basati sul vivo. “L’F-35 è diverso. Vorrei indicarvi la nostra via alla guerra networcentrica, con cui combatteremo la guerra di quinta generazione, che occuperebbe circa i tre quarti degli Stati Uniti se si potesse fare“, ha detto Manazir. “Questo vale anche per ciò che il Maggior-Generale dell’Air Force Scott West ha detto. L’addestramento costruttivo virtuale dal vivo”.
Anche se il Pentagono potesse simulare tutte le funzionalità del nuovo aviogetto, resta la domanda su quanto possa essere efficace in realtà l’F-35 contro gli ultimi sistemi di difesa aerea integrata cinesi e in particolare russi. I russi, in particolare, da oltre due decenni investono nelle reti di radar ad onde lunghe operanti nelle bande UHF e VHF, contrastando particolarmente la tecnologia furtiva del bombardiere strategico statunitense Northrop Grumman B-2 Spirit. “La questione non è quale caccia sia più stealth, ma quanto siano furtivi i nostri aerei rispetto ai loro radar UHF/VHF progettati per aver un’immagine più olistica della firma dei nostri velivoli a bassa osservabilità“, afferma Mike Kofman, ricercatore di affari militari russi del Centro delle analisi navali. “Forse il JSF può farlo, ma è una piattaforma piuttosto costosa e potrebbe avere grossi guai cercando di farli fuori”. Ma l’F-35 ha un’altra grave responsabilità, secondo Kofman, i piloti dell’US Navy sono scettici sul progetto del monomotore. Il motore singolo Pratt & Whitey F135 dell’F-35 è immensamente potente, producendo una spinta di 18000 kg/s, ma è anche estremamente caldo. A differenza del Lockheed Martin F-22 Raptor, in cui ugelli dei motori F119 sono appiattiti per ridurre la firma agli infrarossi, l’F-35 non ha misure sostanziali per ridurre la visibilità dell’ugello. I russi, che costruiscono ottimi sensori infrarossi, potrebbero usare la firma termica dell’F-35 per sviluppare armi capaci d’ingaggiare il nuovo aviogetto furtivo. “Probabilmente ha il motore più caldo sulla faccia del pianeta“, secondo Kofman. Quindi, l’ossessione del Pentagono su un’unica soluzione eccessivamente elaborata a un particolare problema, può ancora ritorcerglisi contro.lockheed_martin_f-35bTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il PAK-FA entrerà in servizio presto

J.Hawk, Daniel Deiss, Edwin Watson, South Front, 18/06/2016Indian_Air_Force_not_happy_Sukhoi_T-50_PAK-FA_FGFAI media russi hanno riferito nelle ultime settimane dei nuovi sviluppi sul PAK-FA, o Futuro Sistema Aereo di Prima Linea. Oltre alla notizia del volo del sesto prototipo, e di 5 altri in avanzata fase di costruzione, i media russi hanno riferito che il T-50 dovrebbe entrare in servizio nelle Forze Aerospaziali russe già nel 2017, in altre parole, tra poco più di un anno. La produzione di serie del velivolo inizierebbe lo stesso anno. Si tratta di un piuttosto ambizioso traguardo per il programma iniziato relativamente di recente, nel 2001, quando il Ministero della Difesa pubblicò la lista definitiva delle specifiche per il velivolo, anche se la ricerca preliminare sui potenziali successori dei caccia Su-27 e MiG-31 iniziò già negli anni ’80. Queste specifiche includevano supermanovrabilità paragonabile, se non superiore, a quella del Su-27; “Supercrociera”, ovvero capacità di volare a velocità supersoniche senza l’uso dei post-bruciatori; capacità multiruolo potendo colpire obiettivi aerei, terrestri e navali con un ampio munizionamento guidato a lungo raggio; avanzati sistemi elettronici con radar a scansione attiva con copertura di quasi 360 gradi grazie ad antenne laterali e poppiere; cosiddetto “glass cockpit” che permette al pilota di gestire le informazioni; e naturalmente “stealth” o bassa osservabilità attiva e passiva, con il T-50 che può impegnare bersagli senza l’uso del radar di bordo.
Contrariamente alla propaganda assai negativa dei concorrenti occidentali, lo sviluppo del programma T-50 si è rivelato più agevole del previsto, in gran parte grazie alla parallela evoluzione della famiglia dei velivoli Su-27 utilizzata per testare e migliorare le nuove tecnologie prima di integrarle nel T-50. A questo proposito, si può ritenere che la Sukhoj abbia superato la Lockheed-Martin come progettista di aerei da combattimento più importante del mondo, data la lunga serie di problemi di sviluppo subiti dai programmi F-22 e F-35, suggerendo che la capacità progettuale sia stata danneggiata dalle molteplici fusioni nell’industria della difesa degli anni ’90. Il che significa che, mentre il T-50 si basa sulla famiglia dei Su-27, l’F-35 è stato progettato come primo prodotto di un ufficio di progettazione di nuova costituzione. La prevista operatività nel 2017 sarà un’altra pietra miliare del programma T-50, con molti seguiti. Il primo velivolo di prima linea molto probabilmente sarà un aereo da combattimento spartano, proprio come i primi caccia Su-27. Semplicemente sarà la punta di lancia di una nuova era dell’Aeronautica militare russa. Tuttavia, proprio come il Su-27 ha generato i Su-30, -33, -34 e -35 formando collettivamente la spina dorsale delle Forze aerospaziali russe, il T-50 similmente acquisirà nuove capacità e rilancerà nuove versioni, in modo che in un decennio il T-50 sia la spina dorsale delle Forze Aerospaziali, probabilmente completato da caccia leggeri MiG, droni da combattimento e forse anche dal caccia di “sesta generazione”. L’unico aspetto sconosciuto del programma è la designazione di servizio, dato che il T-50 sicuramente acquisirà il prefisso “Su-” dopo l’entrata in servizio.
La piena operatività del T-50 richiederà anche lo sviluppo di una nuova gamma di munizioni in grado di sfruttare i vani interni della cellula. Anche se il T-50 può trasportare le precedenti munizioni subalari, è evidente che una serie di armi sia in fase di sviluppo. Un esempio è il Kh-59MK2, missile derivato dalla famiglia dei Kh-59 illustrata al MAKS-2015. Questa nuova versione, che combina stealth, gittata di 300 km, testata da 300kg e vari sistemi di puntamento permette di affrontare bersagli a terra e in mare, fissi e mobili, indicando la natura del futuro arsenale dei T-50. Mentre alcun singolo sistema d’arma è di per sé decisivo, la voce dell’operatività imminente del T-50 mina uno dei presupposti fondamentali della NATO: la superiorità aerea. Anche la piccola flotta iniziale di T-50, sostenuta da caccia Su-35 e Su-30, basterà a privare le forze di terra della NATO della possibilità di operare senza preoccuparsi degli attacchi aerei. Data l’incapacità della NATO di operare contro una forza aerea, il T-50 è componente importante della deterrenza convenzionale della Russia.pak-fa_t-50-compTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’aereo di quinta generazione russo sorpassa qualsiasi rivale

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 13/06/2016header-aviadarts-2016Le Forze Aerospaziali russe riceveranno i primi aerei da combattimento di quinta generazione Sukhoi T-50 (PAK FA – “Caccia multiruolo di Prima linea”) nel 2017, secondo il Colonnello-Generale Viktor Bondarev, comandante in capo delle Forze Aerospaziali russe. Il nuovo caccia stealth della Russia è sorprendentemente comparso all’improvviso, il 5 giugno, sorvolando la Crimea (sulla base aerea di Chauda), prendendo parte ad Aviadarts 2016. “Ci sono cinque caccia T-50 in fase di test presso il centro prove di volo Chkalov, ed entraranno in servizio nel 2017”, aveva detto Bondarev ai giornalisti. Il velivolo è un caccia multiruolo furtivo, monoposto, bimotore, supermanovrabile e capace di volo di crociera supersonico, progettato per la superiorità aerea e l’interdizione. Possiede avionica avanzata come radar a scansione attiva e sensori unificati. L’aereo ha le seguenti caratteristiche generali: equipaggio – 1 pilota, velocità massima – 2600 km/h, rateo di salita – 330 m/s, raggio d’azione – 5500 km, autonomia – 5,8 ore, quota operativa – 20 km, peso massimo al decollo – 35480 kg, carico massimo operativo – 10 tonnellate. Durante i test il velivolo è riuscito a raggiungere i 384 metri al secondo di rateo di salita. Tale velocità permetterebbe all’aereo di raggiungere una quota pari alla vetta del Monte Everest, la montagna più alta della Terra, in soli 23 secondi. Il T-50 ha una cellula che fonde fusoliera e ala e dispone di superfici mobili orizzontali e stabilizzatori verticali. L’avanzato sistema di controllo del volo e di spinta vettoriale degli ugelli rende il velivolo altamente maneggevole sia in beccheggio che imbardata, consentendogli di svolgere manovre con molto elevati angoli d’attacco. L’alta velocità di crociera e l’elevata quota operativa del velivolo gli daranno un significativo vantaggio cinetico rispetto alle attuali generazioni precedenti di aeromobili. Il T-50 sarà il primo velivolo operativo dell’Aeronautica russa ad utilizzare la tecnologia furtiva. I compositi coprono il 25% del peso strutturale e quasi il 70% della superficie esterna. Le armi sono trasportate in vani interni alla cellula, e le antenne sono incassate nel rivestimento di superficie per mantenere la forma furtiva del velivolo. Il trasporto di armi internamente elimina la resistenza dei carichi esterni e consente prestazioni più elevate che col carico esterno. La cellula fonde la struttura con la pianta alare riducendone la sezione radar; i bordi esterni ed interni delle ali e delle superfici di controllo e i bordi seghettati dei pannelli del rivestimento sono accuratamente allineati ai vari angoli specifici al fine di ridurre la riflettività delle onde radar. Il velivolo utilizza materiale radar ablativo. Il tettuccio a goccia ha un rivestimento che minimizza il riflesso radar della cabina del pilota. Il velivolo di produzione incorpora bloccanti anti-radar davanti al ventilatore del motore, nascondendolo da tutte le angolazioni. Motori avanzati e aerodinamica consentono al T-50 il volo di crociera supersonico, un sostenuto volo supersonico senza l’uso dei postbruciatori. Combinato con il carico di carburante, il T-50 ha una raggio in volo supersonico di oltre 1500 km (più del doppio del Su-27, suo predecessore). I lotti di pre-produzione del T-50 utilizzeranno come motori intermedi un paio di NPO Saturn AL-41F1 (Izdelie 117). Il motore ha un rapporto spinta peso di 10,5:1. I due motori 117 sono dotati di ugelli per la spinta vettoriale, i cui assi di rotazione sono inclinati secondo un proprio angolo. Questa configurazione permette al velivolo di produrre una spinta vettoriale su tutti e tre gli assi di rotazione, beccheggio, imbardata e rollio. La spinta degli ugelli vettoriali opera unitamente sullo stesso piano; l’angolatura permette al velivolo di produrre una vettorizzazione differente in rollio e imbardata con ciascuno degli ugelli dei motori. La presa d’aria del motore incorpora rampe di aspirazione variabile per una maggiore efficienza supersonica e schermi a rete a scomparsa per evitare che detriti estranei siano ingeriti dai motori.
244203_pak-fa-t-50_-istrebitel_-polyot_3543x2367_www.GdeFon.ru_-1024x684 Il PAK-FA trasporterà una serie impressionante di missili capaci di colpire altri velivoli come AWACS, C4ISTAR (Comando, Controllo e Comunicazione, Intelligence, Sorveglianza, Acquisizione obiettivi e Ricognizione) e caccia da lunghe distanze, oltre a navi, radar e altri bersagli in superficie. Per il combattimento aria-aria, il T-50 dovrebbe trasportare 4 missili dalla gittata oltre l’orizzonte nei due principali vani per armi e due missili a corto raggio nei vani per armi nelle radici alari. Il missile a medio raggio principale è il K-77M a guida radar attiva, un R-77 (Vympel) aggiornato con una testata attiva a scansione elettronica e con pinne posteriori convenzionali. Il missile a corto raggio è il K-74M2 a guida ad infrarossi, versione aggiornata dell’R-74 con sezione ridotta per il trasporto interno. Un missile dall’aerodinamica pulita a corto raggio designato K-MD è stato sviluppato per sostituire il K-74M2. Per le maggiori distanze, quattro grandi missili oltre l’orizzonte possono essere trasportati, due per ogni vano principale per le armi, che possono anche ospitare missili aria-terra come il Kh-38M, o più bombe guidate KAB-250 da 250kg o KAB-500 da 500 kg. Il velivolo dovrebbe anche trasportare varianti ulteriormente sviluppate e modificate del missile antinave Kh-35UE (AS-20 “Kayak”) e del missile anti-radar Kh-58UShK (AS-11 “Kilter”). Per le missioni che non richiedono la furtività il T-50 può trasportare carichi su sei punti d’attacco esterni. Il capo-progettista del PAK-FA Aleksandr Davydenko ha detto che vi è la possibilità d’installare il missile da crociera supersonico BrahMos sul PAK-FA e il suo derivato FGFA. Solo uno o due di questi missili possono essere trasportati dato il peso elevato. Il velivolo trasporta internamente un cannone 9A1-4071K (GSh-301) da 30 millimetri vicino alla radice alare destra.
La cabina del T-50 dispone di due principali display LCD multifunzionali da 38 centimetri. Posizionati intorno alla cabina vi sono i tre display più piccoli del pannello di controllo. La cabina ha un head-up display a grandangolo (30°- 22°) e la Geofizika-NV di Mosca fornisce il nuovo visore NSTsI-V montato sul casco Zsh-10. I sistemi di controlli principali sono il joystick e un paio di manette. Il velivolo ha un tettuccio in due pezzi con la sezione di poppa scorrevole all’indietro e bloccaggio in posizione. Il tettuccio è trattato con rivestimenti speciali per aumentare la furtività del velivolo. I prototipi del T-50 sono attualmente equipaggiati con motore Saturn 116, radar NIIP Irbis e avionica presente sul Su-35S. Questi componenti saranno sostituiti dal 2020 quando i componenti aggiuntivi saranno pronti per la produzione. Il nuovo motore Izdelie 30 entrerà in servizio nel 2020. Molti dettagli tecnici sono ancora classificati, soprattutto perché il programma non è ancora in fase di produzione. Tuttavia, il generale consenso è che il T-50 sia più maneggevole rispetto ai rivali degli Stati Uniti F-35 e F-22. L’aereo ha un vantaggio comparato nell’ingaggio aereo. Rispetto all’F-22, il PAK-FA è più veloce, ha maggior raggio operativo e migliore capacità d’individuare il bersaglio. “Certamente ha maggiore agilità con la combinazione tra spinta vettoriale, superfici di coda completamente mobili ed eccellente design aerodinamico, che non l’F-35”, ha detto l’ex-capo dei servizi segreti dell’US Air Force Tenente-Generale David Deptula. Tutto sommato, il velivolo ha le caratteristiche distintive che soddisfano i requisiti del caccia di quinta generazione: supermanovrabilità (grazie a motori dalla spinta vettoriale controllata), sistema di rifornimento in volo, velocità di crociera supersonica senza l’uso della post-combustione, bassa sezione radar, decollo e atterraggio corti e versatilità nell’impiego in combattimento. La versione navale del Sukhoj T-50 PAK FA sarà schierata sulla portaerei russa Admiral Kuznetsov e le future portaerei russa. L’aereo è ancora testato, ma India e Vietnam sono già sulla lista dei potenziali acquirenti.
Dopo la caduta dell’Unione Sovietica l’industria aeronautica russa affrontò momenti difficili. Nessuno a metà degli anni ’90 avrebbe solo immaginato che tali risultati erano possibili. L’industria aeronautica è un settore molto complicato. Nonostante gli ostacoli, la Russia ha creato diversi aerei unici, ed ora testa l’aereo di quinta generazione che non è secondo ad alcuno oggi. L’emergere del russo Sukhoj PAK-FA segna la fine del monopolio durato un quarto di secolo degli Stati Uniti sulla progettazione di velivoli a bassa osservabilità (VLO) o stealth.Sukhoi_T-50_Pichugin_2La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La passione dei Su-24 per l’USS Cook

Philippe Grasset, Dedefensa, 14 aprile 2016 Cf8jTktVIAAARCDCose che succedono ogni due anni, dato le passioni hanno le loro esigenze temporali, come i compleanni ogni due anni. In breve, nella seconda metà di aprile 2014 si ebbe l’eco dell’incontro insolito nel Mar Nero, tra uno (o due?) Su-24 russo e il cacciatorpediniere con sistema AEGIS USS Donald Cook dell’US Navy. Questo incontro diede luogo per qualche giorno a speculazioni estremamente elaborate sui suoi aspetti, tra cui l’ipotesi che il Su-24 avesse condotto una dimostrazione dell’efficacia dei sistemi di guerra elettronica per “accecare” l’USS Donald Cook abbastanza da provocare perturbazioni significative sulla salute psicologica dell’equipaggio. “…Allora apparve l’informazione secondo cui il Su-24 effettivamente compisse una dimostrazione tecnologica “operativa” del sistema di guerra elettronica che avrebbe completamente accecato il sistema AEGIS del Donald Cook, la potente elettronica della difesa aerea missilistica che costituisce la base della difesa aerea della flotta degli Stati Uniti. (Il sistema AEGIS è ancora più importante. costituendo anche una parte molto importante della grande rete ABM che gli Stati Uniti sviluppano da molti anni, ufficialmente contro l’Iran, ma operativamente chiaramente contro la Russia. L’AEGIS ha importanza non solo militare, ma politica). Il sistema russo impiegato è designato Khibinij. Dopo l’incidente, l’USS Donald Cook si diresse verso un porto rumeno per le riparazioni, e la notizia dice che 27 membri dell’equipaggio si dimisero. La notizia fu diffusa il 21 aprile 2014 dalla radio russa in India, sul suo sito Indian.ruvr.ru“. … Due anni dopo troviamo la stessa unità, l’USS Donald Cook, questa volta cambiare completamente geografia, da sud a nord, dal Mar Nero al Mar Baltico. Questa volta, lo stesso tipo di aereo, un Su-24, non arriva da Sebastopoli ma da Kaliningrad. Non da solo, c’é anche un elicottero Ka-27, e ciò che si chiama in modo simbolico “incidente” in realtà comprende una serie di incidenti l’11 e 12 aprile da parte dell’aereo russo della regione di Kaliningrad, ex-Koenigsberg, nell’enclave russa dallo stesso nome. L’unità degli Stati Uniti (probabilmente con elementi polacchi) operava a circa 200 km al largo di Kaliningrad, in quelle che sembravano manovre combinate della NATO. Il minimo che si può dire, vedendo alcune immagini della Marina degli Stati Uniti che mostrano un passaggio del Su-24 a 10 metri dal ponte della nave, è che i piloti russi fanno acrobazie. Ci sono state molte esclamazioni spaventate e furiose dai vari portavoce degli Stati Uniti. RT riassume sommariamente l’incidente: “Washington si rabbuia per il volo del Su-24 russo vicino al cacciatorpediniere statunitense Donald Cook, che conduceva esercitazioni militari in acque internazionali nel Mar Baltico, con l’alleata della NATO Polonia. Pubblicando il video dell’aereo russo che sorvola la nave da guerra, la Marina degli Stati Uniti afferma di aver subito diverse “manovre di volo aggressive”, alcune a meno di 10 metri. “Il cacciatorpediniere statunitense era in acque internazionali, a circa un centinaio di chilometri al largo della base navale russa di Kaliningrad, dove conduceva manovre militari. Secondo la testimonianza di un funzionario statunitense presso il sito di notizie militari Defense Information, i velivoli russi sono stati identificati come un bombardiere Su-24 e un elicottero. Questi avrebbero volato basso, provocando la costernazione dei membri della Marina. Come notava, tuttavia, il personale della nave degli Stati Uniti, “armi che potevano costituire una minaccia per le operazioni degli Stati Uniti nel Mar Baltico non erano presenti sui velivoli“. L’articolo sull’incidente di RT inglese è molto più dettagliato e non nasconde alcun aspetto della reazione degli Stati Uniti. Naturalmente, i media degli Stati Uniti sono molto eloquenti su questo incidente (questa serie di incidenti), generalmente considerato una deliberata provocazione ritenuta molto grave, perfino drammatica. In generale, le autorità statunitensi considerano le circostanze dell’incidente (incidente) per decidere se sia una violazione di un trattato nel 1973 tra Stati Uniti e URSS. (Il trattato mira ad evitare incidenti in mare tra le due Marine, tra cui il divieto di “attacchi aerei simulati”). E’ particolarmente dettagliato l’articolo di Defense News il 13 aprile che studia altre circostanze nei due giorni interessati (l’intervento in coppia con il Su-24 di un elicottero Kamov Ka-27 Helix, sospendendo le evoluzioni dell’elicottero polacco per paura di un incidente aereo, ecc.)
Cf8jRqCUIAAN35PAlcuni dettagli dell’articolo: “In una delle azioni più aggressive recenti, aerei da guerra russi hanno compiuto “attacchi simulati” su una nave dell’US Navy nel Mar Baltico, volando ripetutamente a 10 metri dalla nave, secondo un funzionario della difesa. I marinai a bordo del cacciatorpediniere Donald Cook hanno detto che l’aereo volava abbastanza basso da increspare il mare presso la nave, e il comandante della nave ha detto che l’incidente era “pericoloso e poco professionale”, secondo il funzionario della difesa. “Questo fu più aggressivo di tutto ciò che vediamo da tempo”, secondo il funzionario della difesa che parla in anonimato perché i funzionari degli Stati Uniti non hanno fatto dichiarazioni ufficiali sull’incidente… Poco dopo aver lasciato il porto polacco di Gdynia, vicino Danzica, il Donald Cook era in acque internazionali per operazioni di volo con un elicottero polacco, nell’ambito delle esercitazioni di routine con l’alleato della NATO. Durante le operazioni di volo, un aereo da combattimento russo Sukhoj Su-24 apparve effettuando circa 20 sorvoli, a 1000 metri dalla nave e a una quota di circa 30 metri, ha detto il funzionario della difesa. In risposta, il Donald Cook sospese le operazioni di volo. Un aereo d’attacco russo Sukhoj Su-24 fece un passaggio a bassa quota sull’USS Donald Cook (DDG 75) il 12 aprile 2016. Il Donald Cook navigava nel Mar Baltico quando un elicottero russo Ka-27 Helix effettuò sette sorvoli e sembrasse scattare foto della nave dell’US Navy, ha detto il funzionario della difesa. Poco dopo che l’elicottero lasciò la zona, un Su-24 iniziava a compiere sorvoli “molto bassi” con “profilo d’attacco simulato”, secondo il funzionario della difesa. L’aereo fece 11 passaggi“. Quindi c’è una differenza notevole tra l’incidente dell’aprile 2014 e quello dell’aprile 2016. Nel frattempo, un ulteriore incidente con gli stessi protagonisti (Su-24 e nave della Marina degli Stati Uniti) ebbe luogo il 30 maggio 2015, con la fregata USS Ross. I due incidenti del 2014 e 2015 nel Mar Nero sono molto simili: la dimostrazione operativa di incidenti e possibili intimidazioni dei russi per convincere gli USA ad allontanare le loro unità considerate dai russi troppo vicine alla zona Ucraina-Russia, dove la crisi ucraina divampava. (Sembra che in entrambi i casi ci fu effettivamente un rallentamento degli Stati Uniti e, in entrambi i casi, gli americanisti cercarono soprattutto di minimizzare gli incidenti, anche quello del 30 maggio 2015 dell’USS Ross, per non dare l’impressione di arrendersi ai russi). Questa volta, le circostanze sono molto diverse. Non vi è alcuna crisi nella zona e quindi circostanze operative attive, come quelle nel 2014 e 2015 con la crisi ucraina; vi sono manovre della NATO o simili presso Kaliningrad, una dimostrazione di forza operativa piuttosto che comunicativa. L’intervento russo rientra in questo caso, anche di comunicazione, mostrando vigilanza e potenza dei russi nel monitorare e sorvegliare l’enclave di Kaliningrad. C’è anche l’insoddisfazione russa per le manovre della NATO o della Marina degli Stati Uniti di fronte al territorio russo. Questa volta le autorità statunitensi non hanno assolutamente cercato di minimizzare il caso, al contrario tendono a reagire in modo eccessivo. Non sorprende poiché siamo nel campo della comunicazione, quindi dell’atteggiamento di entrambe le parti. I russi, che sembrano estremamente calmi senza mostrare (finora) alcun rammaricano per l’incidente, l’attribuiscono a un “errore”, ecc. Il portavoce del Ministero della Difesa russo Igor Konachenkov, commentando ricordava solo che l’Aeronautica russa “ha il pieno rispetto delle norme internazionali nello spazio aereo su acque neutrali (internazionali)“.
Cf8jRekVIAEHkIw Resta quindi ciò che è stato mostrato e la conclusione che si può trarre è che i russi vogliano ben mostrarsi aggressivi, in ogni caso, dal punto di vista della comunicazione. Per loro, il fatto stesso delle manovre nella Marina degli Stati Uniti a così breve distanza delle coste russe è una forma di “provocazione”. In ogni caso, il comportamento russo mostra il desiderio di affermare la potenza militare della Russia, anche in circostanze che sono ormai comuni nella visione della NATO. “Dieci anni fa, la NATO, o in ogni caso la Marina degli Stati Uniti, non avrebbe fatto le manovre che attualmente attua in questa regione in particolare, osservava una fonte europea, ma è assolutamente certo, tuttavia, che i russi di dieci anni fa non avrebbe mai ‘reagito’ in questo modo assertivo, quasi aggressivo“. A questo punto e tenendo conto di ciò che si sa dell’incidente, le osservazioni politiche sono inutili conoscendo le rispettive posizioni, e da dove provengano le responsabilità e altro. Il punto chiave da ricordare è che questo comportamento delle truppe russe sembra essere un messaggio politico, o politico-militare, di natura diversa dagli incidenti precedentemente descritti e il cui scopo era essenzialmente la dimostrazione operativa. È la riaffermazione della potenza russa e della sovranità russa, quindi un monito a Stati Uniti, NATO, blocco BAO. Naturalmente, va interpretato nel blocco BAO come nuovo segno di duplicità e bellicismo, secondo le consuete norme narrative di casi simili, ma si tratta obiettivamente della dimostrazione dei limiti della pazienza russa verso le manovre del blocco BAO contro la Russia. I russi fanno sapere, senza isterismi o secondo fini, di essere pronti ad affrontare qualsiasi situazione.13007297Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Russia e Cina vinceranno la nuova corsa agli armamenti

Gli Stati Uniti hanno accumulato un ritardo per via del sistema economico e politico corrotto e monopolista del loro Stato profondo
Jon Hellevig, Russia Insider 10 marzo 2016179112Molti credono che il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan progettò il crollo dell’Unione Sovietica con il suo programma per la corsa agli armamenti “Star Wars”. In effetti, il programma fu più retorico che reale e personalmente non credo che avesse eliminato l’Unione Sovietica, che invece crollò a causa dal declino dell’economia non competitiva e il venir meno della fede ideologica. Tuttavia, è senza dubbio vero che l’URSS spese troppe risorse economiche e finanziarie per la difesa, sia direttamente che indirettamente. Il grande paradosso è che questa volta la nuova corsa agli armamenti, continuando la nuova guerra fredda, probabilmente spezzerà l’economia degli Stati Uniti, piuttosto che quella russa. Ciò sembra incredibile per la maggior parte delle persone, soprattutto vedendo il grafico sottostante diffuso sui media.arm-salesMa in realtà questo grafico è piuttosto la prova della debolezza degli Stati Uniti. Mostra che gli Stati Uniti già spendono enormi quantità di denaro, ma non hanno tuttavia alcuna superiorità militare schiacciante su Cina e Russia, al contrario, perdono costantemente vantaggio. Vanno prima risolte due ipotesi principali alla base del saggio. La prima è, che sì c’è una nuova guerra fredda. I leader russi e occidentali e i loro media sono riluttanti ad ammetterlo. Da parte russa l’idea era abbassare i toni, mentre penso che l’occidente sia riluttante ad ammetterlo per evitare che la popolazione si renda conto che effettivamente trascinano il mondo in una nuova guerra fredda con il rischio della distruzione termonucleare. Fortunatamente, il Primo Ministro russo Medvedev ha riconosciuto opportunamente l’inevitabile nella famosa Conferenza sulla sicurezza di Monaco, “la politica della NATO nei confronti della Russia è ostile e oscura, e parrebbe si sia tornati indietro con la nuova guerra fredda“. La seconda ipotesi è considerare Russia e Cina alleati sulla materia oggetto del presente saggio. Russia e Cina sono le fondatrici economico-militari della Shanghai Cooperation Organization, comunque per nulla un’alleanza tipo NATO con impegni militari congiunti in caso di attacco. I leader dei due Paesi ovviamente sottolineano in pubblico che non c’è alcuna alleanza formale e che la loro cooperazione non è diretta contro un qualsiasi altro Paese. E’ vero che non è diretta contro altri Paesi, nel senso che i due Paesi non preparano una guerra offensiva. Ma sono impegnati a costruire le difese per proteggersi da un nemico molto chiaro, l’espansionismo dell’impero degli Stati Uniti e della loro coalizione di Stati vassalli sotto l’ombrello della NATO. Entrambi i Paesi sanno molto bene che l’obiettivo delle élite occidentali guidate dagli Stati Uniti è l’egemonia mondiale assoluta e perciò devono sottomettere Cina e Russia. Così è chiaro che tale strategia prevede la sottomissione della Russia, in primo luogo mediante un’operazione di cambio di regime, o una guerra aperta o sabotandola con la guerra economica e il terrorismo. Con la Russia sotto controllo, l’occidente poi circonderebbe la Cina con sanzioni e guerre. Alcun altro Paese al mondo potrebbe mantenere una posizione indipendente verso l’occidente se Cina e Russia cedessero. E’ da tali considerazioni che si cumulano le spese per la difesa russa e cinese confrontandole con quelle dell’occidente, e in particolare statunitense.56db7142c461880d138b456aNon è oro tutto ciò che luccica
Torniamo ora ai paradossali dati sulle spese militari. Non vi è dubbio che gli USA spendano nominalmente molto di più di Cina e Russia insieme, ma la questione non è quanto spendano, ma cosa ne ricavino. Va sottolineato che non sappiamo di sicuro quanto questi Paesi in realtà spendano perché, alla fine, i bilanci non sono così trasparenti. Ma supponiamo che gli Stati Uniti spendono 700 miliardi di dollari, la Cina 220 e la Russia 40-50 (è molto difficile affermarlo dato il cambio di valuta volatile del rublo rispetto al dollaro). Così non credo che ci sia molta differenza per la spesa dei vassalli europei degli Stati Uniti. Mi concentrerò qui sulla Russia, ma la maggior parte delle considerazioni si applica anche alla Cina. Con questi dati sembrerebbe che gli Stati Uniti spendano circa tre volte più di Cina e Russia assieme, e circa 15 volte di più della sola Russia. Ma c’è differenza tra spesa e spesa. Soprattutto se si pensa alla capacità di questi Paesi di sviluppare e produrre nuovi armamenti avanzati. In primo luogo, dobbiamo considerare la parità di potere d’acquisto (PPP) tra questi Paesi. In generale, il PPP di un dollaro è 3 volte di più in Russia, il che significa che con un dollaro si ottengono tre volte più cose in Russia che negli Stati Uniti. Con la caduta del cambio del rublo negli ultimi due anni, il PPP potrebbe essere superiore a 3; per di più si stima che il tasso sia ancora nettamente superiore nel settore militare, potendo essere 5 (o anche più). Il coefficiente PPP cinese con gli Stati Uniti d’America va stimato almeno 4. Così solo regolando la spesa militare con il coefficiente PPP vediamo che in realtà gli Stati Uniti non hanno un vantaggio su Cina e Russia; potrebbe ancora essere il contrario. Facendo un esempio concreto, il drone cinese Wing Loong costa solo 1 milione di dollari, mentre l’equivalente statunitense, dalle stesse capacità, il Reaper MQ-9, costa ben 30 milioni di dollari. Può darsi solo che i complessi militari-industriali russo e cinese siano molto più efficienti di quello statunitense, ma è abbastanza strano. Un altro fattore è che una parte enorme (non so quanto esattamente) della spesa militare degli Stati Uniti serve a mantenere le basi militari nel mondo, una mera perdita di risorse che danneggia lo sviluppo della difesa. Secondo alcune stime gli Stati Uniti hanno 800 basi nel mondo, e soprattutto militari e marines in 160 Paesi ed anche sulle costose basi galleggianti della Marina, i 10 gruppi di portaerei. Tutto sommato, ciò significherebbe che mezzo milione di soldati con famiglia è all’estero. Russia e Cina non hanno alcun corrispondente onere nel mantenere una forza imperiale diffusa nel mondo.article-1253068-086E1005000005DC-519_964x886Wall Street incontra War Street
Il più grande peso sul bilancio della difesa degli Stati Uniti deriva dal rapporto simbiotico del complesso militare-industriale con la finanza, Wall Street con War Street. Si tratta della cartolarizzazione del complesso militare-industriale degli Stati Uniti. I principali fornitori sono tutti quotati in borsa e quindi i contratti della difesa hanno enormi margini di profitto per soddisfare le esigenze dell’ideologia del mercato azionario. I contratti non sono aperti a qualsiasi tipo di gara, ma assegnati da macchinazioni nello Stato profondo, dove i congressisti che campano di contributi elettorali fanno i passacarte. Tale meccanismo garantisce che i contratti abbiano i margini di profitto richiesti. Non ho alcuna cifra reale, ma sarebbe enorme. E’ assai probabile che circa il 30% del bilancio militare degli Stati Uniti finisca in tali margini di profitto, poi riversati come dividendi, o peggio, pagamenti dei profitti di giochi azionari. Considerando ciò, il denaro reale rimasto per lo sviluppo militare e la produzione fisica è di gran lunga inferiore a quello che Cina e Russia raccolgono. La sindrome di Wall Street precisa, inoltre, che tutti i contratti di outsourcing presumibilmente garantiscano operazioni più efficienti, ma in realtà drenano ulteriormente il sistema con contratti costosissimi e altri margini di profitto. Un piccolo ma buon esempio fu il contratto per la costruzione di un centro fitness a Camp Lemonier di Gibuti per 25,5 milioni di dollari (2013). La corruzione automatica del sistema consente di decidere qualsiasi margine, potendo sempre motivarlo con i “disagi” all’estero. Poi vi sono le forme più tradizionali di corruzione, anche se spesso travestite da consulenze. Negli Stati Uniti si è liberi di pagare un consulente qualsiasi con tasse esorbitanti. Tuttavia, sempre e comunque anche qui miliardi scompaiono in modi assai tradizionali. Parte interessante e cruciale della corruzione sono i contributi elettorali che scendono dai fornitori della difesa ai membri del Congresso per far continuare il carosello. Ecco un articolo interessante su questo argomento: Come la corruzione sabota i militari statunitensi. Le armi degli Stati Uniti contro le armi russe. Chi vince.

Le prove si accumulano
Vi sono sempre più articoli che rivelano come il sistema in realtà non possa più produrre armi come si deve, come evidenziato ad esempio dal miliardario fiasco del programma dell’aviogetto da combattimento F-35, di cui ci sono sempre più documentazioni. Ma non si tratta solo dell’F-35, si è anche parlato del fallimento della nuova classe di cacciatorpediniere. E i miliardi affondati per lo scudo missilistico che non riesce a proteggere il continente americano. Ecco un articolo che smantella in modo convincente il mito che la Russia sia inferiore agli Stati Uniti nella tecnologia militare. Sembra effettivamente esserci molta verità metaforica nell’aneddoto della “penna spaziale”, secondo cui gli scienziati della NASA vollero ideare una penna che funzionasse nello spazio, spendendo milioni di dollari dei contribuenti per sviluppare una penna che scrivesse in assenza di gravità. La battuta finale è che le controparti sovietiche invece usarono le vecchie matite. (In realtà, però, la società privata Fisher Pen Company, senza alcun finanziamento governativo, sviluppò la vera penna spaziale). Il sistema corrotto e iperbolico della macchina da guerra permanente statunitense favorisce costosi e presuntuosi programmi di ricerca e sviluppo che mirano a una superiorità finale che spesso viene sopraffatta dagli ingegneri russi che lavorano secondo bilanci più rigidi. Un meraviglioso esempio è dato da Saker su come le bombe di ferro “stupide” russe siano quasi altrettanto precise delle bombe intelligenti statunitensi se sganciate da 5000 metri.

La Russia vince per il suo sistema economico e politico più sano
Considerando tutto questo, e molto di più, sembra che gli Stati Uniti non trarranno altra efficienza aumentando i fondi per la difesa. Facendo i calcoli, credo che per ogni 10 miliardi di dollari che Russia e Cina spendono, gli Stati Uniti dovrebbero spenderne 50-100. Tuttavia, vi sono preoccupazioni che il sistema sia così marcio che alcuna quantità di nuovi fondi potrebbe salvarla. Si tratta di somme di denaro che gli Stati Uniti non potrebbero semplicemente tirar fuori trovandosi affrontare a serie sfide per finanziare le fatiscenti infrastrutture nazionali e un sistema finanziario che potrebbe collassare un qualsiasi giorno. Il rischio della crisi finanziaria imminente è profondamente sostenuto dallo studio dell’Awara. Combinando tutte le considerazioni fatte, si vede che Russia e Cina non sono alla testa delle spese militari ma effettivamente sarebbero in vantaggio sostanziale rispetto agli Stati Uniti. La grande ironia è che gli Stati Uniti perdono la nuova corsa agli armamenti per gli stessi motivi per cui l’URSS crollò. Gli Stati Uniti hanno ora, proprio come l’URSS, un sistema economico non competitivo e monopolistico volto a soddisfare le esigenze di una piccola élite corrotta, anziché le esigenze della società. E questo coincide con la crescente consapevolezza della popolazione statunitense, proprio come nell’URSS, che il sistema è insostenibile e va verso il punto di rottura. Il sistema ad economia di mercato della Russia con significativa componente statale, soprattutto nel settore militare, sembra di gran lunga superiore al pervertito capitalismo monopolistico oligarchico dello Stato profondo degli USA di oggi.120531032713-amarc-aircraft-horizontal-large-galleryPS. Sono stato molto aiutato nel formulare le mie idee leggendo il libro di Mike Lofgren, Stato profondo: la caduta della Costituzione e l’ascesa del governo ombra, a cui devo la meravigliosa formulazione di “Wall Street e War Street”. Che gli Stati Uniti abbandonino la democrazia evolvendo in un’oligarchia è dimostrato in modo convincente da uno studio della Princeton University, ampiamente pubblicato, per esempio qui. Anche molto significativamente, l’ex-presidente Jimmy Carter s’è espresso contro tale flagello: Jimmy Carter: gli Stati Uniti sono completamente sovvertiti dagli oligarchi.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.294 follower