Il piano “Blair-Erdogan-Mishal” su Gaza e le implicazioni in Siria

Nasser Kandil “60 minuti con Nasser Kandil” 25 agosto 2015 – Reseau International
Trascrizione e traduzione di Mouna Alno-NakhalCE5alSHWgAA7LQCI – Cosa succede dietro le quinte dei negoziati di Tony Blair per togliere il blocco di Gaza?
Egypt-Gaza-Israel-border--001 Data che la costante strategica occidentale è la sicurezza e la supremazia d’Israele, propongo di esporre ciò che accade contro la Palestina storica e soprattutto il progetto sul futuro di Gaza. Una lettura personale, ma basata su fatti che cominciano ad invadere la stampa, alcuni parlando di colloqui semplici, altri di negoziati diretti o indiretti tra Hamas e Israele [1] [2] [3]. Un progetto in corso di sistemazione il cui padrino è il burattinaio Tony Blair, il promotore è Tayib Rajab Erdogan, e il complice dichiarato Qalid Mishal (capo del Politburo di Hamas) senza poter presumere in che misura convincerà gli altri capi di Hamas, tra cui quelli di al-Qasam (ala militare di Hamas). Il tempo lo dirà, ma in ogni caso potrebbe spiegare il motivo per cui Israele ha accusato il movimento del Jihad islamico palestinese di aver lanciato il 20 agosto razzi sulle alture siriane del Golan occupate e l’adiacente Galilea [4] [5] quando si sa che non c’è nulla. In altre parole, il raid israeliano del 21 agosto nel sud della Siria, presso al-Qunaytra, in rappresaglia al lancio dei razzi, è un messaggio al Jihad islamico nella Striscia di Gaza e non nel Golan. Ci torneremo (…). Va notato che secondo il mito sionista è la Cisgiordania (Giudea e Samaria), da Tulqarim a Qalil (Hebron) che farebbe parte della terra promessa, non Gaza, sempre sotto la tutela egiziana, o Haifa, Jaffa o le coste sul Mediterraneo. Ecco perché non ho mai creduto che Israele avrebbe accettato una soluzione pacifica che richiede di restituire i territori occupati nel 1967 per accontentarsi dei confini del 1948. Nessun leader israeliano avrebbe il coraggio di accettarlo, così come nessun leader palestinese oserebbe firmare l’unica alternativa dell’autonomia, qua e là, sotto il controllo dell’occupante. Hillary Clinton non accettò il rifiuto pungente di Netanyahu alla proposta di spostare 25000 coloni da Tulqarim a Gerico? Da qui l’idea di uno Stato palestinese a Gaza, (una striscia di terra lunga 41 km e larga 6-12 km, da cui Israele ha unilateralmente ritirato l’esercito e 9000 coloni nel 2005), con l’apertura di valichi di frontiera, porto, aeroporto, passaporto, luce, acqua, ricostruzione, elezioni, legislatura, ecc…; la Turchia garantiva che Gaza non minacciasse mai la sicurezza d’Israele; Hamas parlava di “tregua a lungo termine” con la speranza di liberare il resto dei territori occupati con la sola forza dei negoziati politici (sic). Ciò significa che con lo slogan “Il vostro Stato palestinese di Gaza”, Israele si prepara ad eliminare l’Autorità palestinese e perseguire lo Stato ebraico colonizzando Cisgiordania e Gerusalemme al prezzo di sofferenze e stermini che supereranno quelli sopportati dal popolo palestinese nel 1948 (…). Non è più una teoria a lungo pensata da certuni, ma il piano affidato a Erdogan. Erdogan è bloccato in una situazione disperata fino alle elezioni legislative anticipate del 1° novembre, quando coloro che l’hanno votato perché pensavano che fosse il più forte potrebbero cambiare idea e coloro che non hanno votato per l’opposizione perché pensavano che avrebbe perso, gli voteranno contro. Due mesi in cui gli Stati Uniti devono assolutamente dargli via libera, e gli europei chiudere gli occhi in modo che possa spezzare il collo ai curdi, tanto da non osare nemmeno pensare di votare per l’opposizione; sapendo che solo il 2% dei voti andrà in suo favore, rispetto alle ultime elezioni, basterebbe per garantirgli i 65 seggi necessari per la vittoria. Questo è il prezzo affinché Israele non sia contrario alla firma dell’accordo sul nucleare iraniano ed anche ad offrire servigi al governo degli Stati Uniti per farlo accettare a chi si oppone e all’opinione pubblica statunitensi: “Gaza è il futuro Stato palestinese, date a Erdogan ciò che chiede in Turchia!”. Così si forma il trio “Turchia-Israele-Fratelli Musulmani”, quest’ultimo con lo Stato di Gaza sotto la bandiera di Hamas. Che si tratti di successo o fallimento è un altro problema. Ciò che è certo è che gli israeliani studiano seriamente la revoca del blocco di Gaza, a condizione dell’uscita di Hamas dal campo della resistenza palestinese, sfruttando la carta vincente di sempre: la preoccupazione umanitaria per la popolazione di Gaza che tanto soffre…

II – Cosa succede nel Golan siriano?
capture-d_c3a9cran-2013-09-08-c3a0-18-57-42_risultato Per capirlo va analizzato il comportamento d’Israele mentre si cercano soluzioni. Abbiamo già discusso la relazione di DEBKAfile secondo cui “Russia e Stati Uniti corteggiano i sauditi per salvare Assad, mettendo in pericolo Israele e Giordania...”[6]; rapporto che ci porta a prevedere che Israele farà di tutto per silurare il riavvicinamento siriano-saudita sponsorizzato dalla Russia [7] Ciò permesso dalla ritirata del ministro degli Esteri saudita Adil al-Jubayr, alla conferenza stampa integrale con Lavrov. [8] Infatti, tale rapporto va compreso come avvertimento all’alleato saudita che non può sperare di giocare da solo, a questo punto, anche se gli alleati Stati Uniti potrebbero essere d’accordo sul principio della priorità alla lotta al terrorismo (…). Infatti dato che Stati Uniti, Arabia Saudita e Iran si sarebbero uniti alla Russia per trovare una soluzione in Siria e Yemen, in modo che l’Arabia Saudita salvasse la faccia, come Israele avrebbe voce in capitolo realizzando il piano “Blair-Erdogan-Mishal” a Gaza? Come, se non con una chiara azione sul campo e l’attivazione di gruppi armati sotto il suo comando nel sud della Siria? Di qui l’incursione su al-Qunaytra nel Golan siriano. Azione speciale che non dimostra che Israele sia pronto alla guerra (…) ma invia il messaggio aggiuntivo trasmesso da DEBKAfile: “Siamo qui! Non abbiamo covato e permesso ai gruppi armati di occupare il sud della Siria per permettere una soluzione alle nostre spalle. Inoltre i gruppi armati e la Giordania sono nelle nostre mani, non in quelle dell’Arabia Saudita che ha Zahran al-Lush (capo di Fronte islamico e Jaush al-Islam). Fin quando è così, siamo noi a decidere“. In altre parole, tale ennesimo raid avverte: Israele è ora l’unico giocatore nel sud della Siria, la Turchia nel nord; se si deve solo lottare contro il terrorismo ci si concentri solo sullo Stato islamico e dimenticate al-Nusra e tutti gli altri gruppi terroristici che Israele e Turchia sostengono; l’Arabia Saudita non ha nulla a che fare con la Siria, Israele scommette sulla Turchia.

III – Perché puntare sulla Turchia?
Israele scommette sulla Turchia, così come contro Stato siriano, Resistenza libanese, Resistenza palestinese ed Autorità palestinese. Ciò perché Erdogan risolverebbe i suoi problemi se riuscisse ad incassare il prezioso assegno della “carta palestinese” a favore della sicurezza d’Israele, aiutando l’occidente a concedergli il gran premio atteso, in Siria e altrove, per non dover lambiccarsi nel cercare di garantire la continuità geografica tra Gaza e i brandelli della presunta soluzione dei due Stati. Per non parlare della realizzazione della proposta di alleanza tra occidente e Fratelli musulmani, con capitale Gaza, che faciliterebbe il loro ritorno al potere in Egitto, di condividere il potere in Libia e possibilmente consolidare Ghanushi in Tunisia e portare Ansarullah a partecipare al futuro governo dello Yemen. Tutto ciò perché la vittoria di Gaza è stata venduta da Turchia e Qatar [9].

IV – Perché ora?
Ciò che unisce i fronti nel sud della Siria da al-Qusayr, a Yabrud, Zabadani, Qunaytra è che la vittoria di Siria ed Hezbollah a Zabadani significherebbe la fine della guerra nel Qalamun, eliminando i gruppi terroristici al confine siriano-libanese, e il prossimo passo sarebbe la pulizia di Qunaytra. Quindi, facendosi coinvolgere in questo modo, Israele avverte che sarà una questione molto diversa e molto più complicata di Zabadani, perché i gruppi terroristici come al-Nusra, ramo di al-Qaida in Siria, saranno supportati e protetti dagli aerei israeliani. Israele non permetterà la sconfitta di al-Nusra o il fallimento del piano per Gaza. Il messaggio israeliano è stato ricevuto. Dobbiamo aspettarci un’escalation nei prossimi due mesi, sapendo che la risposta arriverà in tempo, come i raid su Joumraya 1 e 2 (…).

Qalamun5015Note:
[1] Tregua a Gaza: Israele nega ogni trattativa con Hamas
[2] Negoziati Israele-Hamas: una hudna in cambio del blocco
[3] Vincitori e vinti nei colloqui tra Hamas e Israele
[4] Tensione sul Golan siriano, attacco aereo israeliano mortale
[5] Iran, Hezbollah, Israele: la spirale di vendette e risposte
[6] Russia e Stati Uniti corteggiano i sauditi per salvare Assad, anche se mettono Israele e Giordania sotto la minaccia dalla Siria
[7] Iniziativa di Putin: è possibile una riconciliazione siriano-saudita?
[8] Lavrov: i tentativi di rovesciare Assad porteranno al potere il SIIL in Siria
[9] Gaza: Vittoria venduta da Turchia e Qatar!

Nasser Kandil è l’ex-vice direttore di TopNews Kandil-Nasser, e direttore del quotidiano libanese al-Bina

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli sporchi trucchi di Erdogan con il SIIL

F. William Engdahl New Eastern Outlook 24/08/2015156873_600La Turchia è una terra bellissima, ricca di risorse, con molte persone intelligenti e amichevoli. Capita anche che abbia un presidente intenzionato a distruggere la nazione una volta orgogliosa. Sempre più dettagli emergono rivelando che lo Stato islamico in Iraq e Siria, conosciuto come SIIL, SI o Daish, sia mantenuto in vita da Recep Tayyip Erdogan, il presidente turco, e dal suo servizio d’intelligence turco, il MIT, la CIA turca. La Turchia, come risultato della volontà di Erdogan di aver ciò che alcuni chiamano fantasie neo-ottomane su un impero che si estende dalla Cina a Siria e Iraq, minaccia non solo di autodistruggersi, ma gran parte del Medio Oriente se continua tale percorso. Nell’ottobre 2014 il vicepresidente statunitense Joe Biden disse a una riunione ad Harvard che il regime di Erdogan sostiene il SIIL con “centinaia di milioni di dollari e migliaia di tonnellate di armi...” Biden poi chiese scusa, chiaramente per ragioni tattiche per avere il permesso da Erdogan di usare la base aerea di Incirlik per gli attacchi aerei contro il SIIL in Siria, ma le dimensioni del sostegno di Erdogan al SIIL si rivelano molto, molto più grandi di quanto accennato da Biden. I terroristi del SIIL sono stati addestrati da Stati Uniti, Israele e anche dalle forze speciali turche nelle basi segrete nella provincia di Konya, in Turchia al confine con la Siria, nel corso degli ultimi tre anni. Il coinvolgimento di Erdogan nel SIIL è molto profondo. Nel momento in cui Washington, Arabia Saudita e Qatar addirittura sembrano aver tolto il sostegno al SIIL, incredibilmente persiste. Il motivo appare il grande sostegno di Erdogan e del suo compare neo-ottomano, il primo ministro Ahmet Davutoglu.

Affarucci di famiglia
408861La prima fonte di finanziamento del SIIL oggi è la vendita del petrolio iracheno dai giacimenti della regione di Mosul, dove ha una roccaforte. Il figlio di Erdogan permetterebbe l’esportazione di petrolio del SIIL. Bilal Erdogan possiede diverse compagnie marittime ed avrebbe firmato contratti con società operative europee per trafficare in petrolio iracheno rubato in diversi Paesi asiatici. Il governo turco acquista petrolio saccheggiato dai pozzi di petrolio iracheni occupati. Le compagnie marittime di Bilal Erdogan hanno moli speciali nei porti di Beirut e Ceyhan contrabbandando il greggio del SIIL su petroliere dirette in Giappone. Gursel Tekin vicepresidente del Partito Popolare Repubblicano turco ha dichiarato in una recente intervista a media turchi, “il presidente Erdogan afferma che secondo le convenzioni internazionali non c’è infrazione legale nelle attività illecite di Bilal, e suo figlio fa affari ordinari con società giapponesi, ma in realtà Bilal Erdogan è complice fino al collo del terrorismo, ma fin quando suo padre resta in carica sarà immune da ogni inchiesta giudiziaria”. Tekin aggiunge che la compagnia marittima di Bilal che traffica il petrolio del SIIL, BMZ Ltd, è “un affare di famiglia e parenti stretti del presidente di Erdogan, di cui detengono le azioni, abusa di fondi pubblici e prende prestiti illeciti da banche turche”. Oltre al redditizio contrabbando di petrolio di Bilal per il SIIL, Sumeyye Erdogan, altra figlia del presidente turco, gestisce un ospedale da campo segreto in Turchia appena oltre il confine con la Siria, dove i camion dell’esercito turco ogni giorno trasportano decine di jihadisti feriti del SIIL, e ne inviano altri per la sanguinosa jihad in Siria, secondo la testimonianza di un’infermiera reclutata per lavorarvi fin quando non fu scoperto che è un’alawita, come il presidente siriano Bashar al-Assad, che Erdogan è deciso a rovesciare. Il cittadino turco Ramazan Basol, catturato questo mese dalle Unità di Difesa del Popolo curdo, YPG, mentre cercava di unirsi al SIIL dalla provincia di Konya, ha detto ai suoi carcerieri che fu inviato presso il SIIL dalla setta di Ismail Aga, una setta rigorista islamica turca che afferma di essere legata a Recep Erdogan. Secondo Basol la setta recluta membri e fornisce supporto logistico all’organizzazione islamista, aggiungendo che la setta addestra i jihadisti a Konya e li invia alle bande del SIIL in Siria.
erdogan-bagdaddiSecondo l’analista geopolitico francese Thierry Meyssan, Recep Erdogan “ha organizzato il saccheggio della Siria, smantellato le fabbriche di Aleppo, capitale economica, e rubato i macchinari. Inoltre, ha organizzato il furto dei tesori archeologici e creato un mercato internazionale ad Antiochia… con l’aiuto del generale Benoit Puga, Capo di Stato Maggiore francese, ha organizzato un’operazione false flag per provocare la guerra con l’Alleanza Atlantica, il bombardamento chimico di Ghuta a Damasco, nell’agosto 2013“. Meyssan sostiene che la strategia in Siria di Erdogan fu inizialmente segretamente coordinata con l’ex-ministro degli Esteri francese Alain Juppé e il ministro degli esteri Ahmet Davutoglu, nel 2011, dopo che Juppé convinse un titubante Erdogan all’idea di sostenere l’attacco al tradizionale alleato turco, la Siria, in cambio della promessa del sostegno francese all’adesione della Turchia all’Unione europea. La Francia poi si ritirò lasciando Erdogan continuare il bagno di sangue siriano, soprattutto per mano del SIIL. Il generale John R. Allen, nemico della strategia di pace con l’Iran di Obama, ora inviato diplomatico degli USA per coordinare la coalizione contro lo Stato islamico, ha violato il suo mandato incontrando Erdogan “promettendogli di creare una “no-fly zone” di 150 km in territorio siriano, lungo il confine con la Turchia, presumibilmente per permettere ai rifugiati siriani di fuggire dal loro governo, ma in realtà per applicare il “piano di Juppé-Wright”. Il primo ministro turco Ahmet Davutoglu ha rivelato il sostegno degli USA al piano sul canale televisivo A Haber, facendo bombardare il PKK”, aggiunge Meyssan.
Non ci sono mai vincitori in guerra e la guerra di Erdogan contro Assad in Siria lo dimostra. La Turchia e il mondo meritano di meglio. La famosa politica estera “zero problemi con i vicini” di Ahmet Davutoglu ha creato enormi problemi a tutti i vicini a causa delle velleità di Erdogan e della sua banda.

ErdoganF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, slaureato in Scienze Politiche all’Università di Princeton è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Volontari e soldati, i poli opposti dell’esercito ucraino

Riesci a vedere la differenza?
Jurasumij PolitRussia 20 agosto 2015 – Fort Russ

Ma sembrano veterani della Seconda Guerra Mondiale...? No, no! Sono i nuovi nostri nazisti... cioè, i nostri eroi!

Ma sembrano veterani della Seconda Guerra Mondiale…? No, no! Sono i nuovi nostri nazisti… cioè, i nostri eroi!

Qual è la differenza tra i battaglioni/reggimenti/corpo dei “volontari” e soldati dell’esercito regolare? Ufficialmente la junta sostiene che siano la stessa cosa. Si tratta presumibilmente di un meccanismo ben oliato che ha un solo scopo, servire la Patria. Ma se si guarda da vicino, le differenze sono drastiche. Inoltre, queste parti non possono esistere nella stessa struttura perché sono letteralmente diversi in tutto: pensieri, prestazioni e attività. Tutto è assolutamente diverso, non solo, ma opposto. Non mi credete? Mettiamoli a confronto.

1. Dimmi chi è il tuo comandante, e ti dirò chi sei
1506400 L’esercito marcisce dalla testa in giù e la disintegrazione dell'”uni-esercito” della junta parte dal comando. L’esercito in cui le unità non obbediscono al comandante supremo o semplicemente ai responsabili, non esiste. La struttura gerarchica di qualsiasi esercito è molto severa e l’insubordinazione è il crimine peggiore punito molto severamente come tradimento. Infatti è tradimento. Il Paese ha autorizzato il comandante in capo a proteggerne la sovranità, e tutti coloro che, essendo nell’esercito non obbediscono a lui ai suoi incaricati, capo di stato maggiore, comandanti di unità e di “settori”, è un traditore (se ha giurato) o un delinquente (se non ha giurato). L’esempio più recente è il ritiro del reggimento “Azov” e del battaglione “Donbass” dalla zona di combattimento di Shirokino, ancora una volta dimostrando che i volontari obbediscono al comando condizionatamente. La ripetuta inosservanza del provvedimento della ritirata, minacce, manifestazioni a sostegno della propria linea… In ogni altro esercito si chiamerebbe sommossa, ma non nell'”Uni-esercito”. Qui è manifestazione di patriottismo… e un esempio da seguire. A proposito, il battaglione “Donbass” era tornato alla zona di guerra citando l’ordine del comandante del settore. In questo caso, i “volontari non richiesero l’ordine scritto. Fecero solo ciò che volevano. Se c’è stato un ordine o no, ancora nessuno lo sa. Tutto questo perché tali unità de facto non obbediscono a un comandante. Intraprendono la loro guerra insieme alle FAU, solo coordinando i loro interventi. L’apoteosi è stato il tentativo di creare uno stato maggiore dei volontari che iniziò a formarsi a Dnepropetrovsk. Ma Kiev, o meglio Washington, non permise di arrivare a tale assurdità. Le FAU sono diverse, però. Qui tutto è chiaro e comprensibile, c’è una chiara catena di comando e la verticale del potere non è contestata. E quando vi sono rivolte, il motivo è assai diverso. I soldati chiedono di tornare a casa, di non essere inviati al fronte. Divertente, ma le rivolte nelle FAU sono completamente l’opposto delle rivolte dei ‘volontari.

2. L’atteggiamento delle autorità
Potete immaginare la situazione in cui i soldati delle FAU girano ubriachi sui SUV con le targhe della “72.ma brigata” a Kiev, Kharkov, Dnepropetrovsk, Lvov o altre città, fregandosene di tutti, membri del Parlamento compresi? In auto hanno armi, anche mitragliatrici pesanti e lanciagranate, e in caso di ‘scontro’ con la polizia locale, l’ufficio del procuratore militare o il SBU non verrebbero arrestati ma nascosti dopo aver commesso crimini contro civili in città tranquille (ad esempio Mukachevo)? Possiamo continuare, ma penso che il lettore capisca cosa intendo. Sì, è impossibile, ma se sostituiamo le FAU con i ‘volontari’, non solo è possibile, ma è ordinario. Se compagnie/battaglioni delle FAU si arrendono o disertano sono “traditori”, condannati dai tribunali militari, ma i volontari che disertano… di solito sono “eroi abbandonati dalla autorità”.

3. Eroi delle retrovie
Una parte significativa del “nemico tra noi” dei “volontari”, il 90%, è impegnato in saccheggi. Non di città nemiche occupate, ma quelle delle loro basi. Il reggimento “Azov“, che ha “interessi” a Kiev, Zaporozhe, Mariupol, non sorprende o infastidisce nessuno. Il reggimento “Dnepr-1” (defilatosi dopo che Kolomojskij è fuggito dall’Ucraina) ha seri interessi a Dnepropetrovsk. Ma “Pravij Sektor” si prende la torta, avendo “interessi” ovunque, e assai meno del 10% dei suoi componenti è in prima linea. Gran parte delle unità paramilitari è impegnata sul fronte interno e… nelle elezioni. Ma, come abbiamo capito, tali interessi non sono quelli dei battaglioni, ma dei “protettori” che li hanno creati e li stipendiano e di cui, di conseguenza, difendono gli interessi. Immaginate la 92.ma Brigata delle forze armate ucraine impegnata in “scontri” a Kharkov o in particolare a Kiev, è difficile. ‘Lustrazione’ e ‘protezione di imprese’ gli sono ignoti.

4. A causa dei combattimenti “brutali e sanguinosi”
Cosa chiedono più spesso i soldati delle FAU? Proprio così, le rotazioni con l’obbligo di portarli a casa. “Azov“, “Ajdar“, DUK (Pravij Sektor) chiedono sempre di restare al fronte, a volte anche resistendo al ritiro con le armi. La spiegazione di tale fenomeno risiede nelle caratteristiche della composizione di queste unità. In che modo reclutano? Gli ufficiali di reclutamento delle FAU, al fine di realizzare il piano di arruolamento, dicono spesso ai futuri soldati: “Non verrai inviato in guerra senza il tuo consenso, non ucciderai e nessuno ti ucciderà. Potrai tranquillamente stare in caserma“. Ma anche questo non aiuta. Ogni nuova ondata porta più rimproveri e sanzioni, tra cui la pena di finire al fronte. Perché è così? Sì, perché ogni nuova battaglia comporta perdite. Nuove bare che riportano gli “eroi” morti a casa, preoccupano e spaventano il futuro di “cyborg” e famigliari. Tornati alla vita civile, sono mentalmente paralizzati, ancora di più spaventati. Tutti capiscono che si tratta di un biglietto di sola andata, e se non si fanno ammazzare o ferire fisicamente, non torneranno mai mentalmente sani di mente. Di ciò la gente ha paura, e le persone normali vogliono starne lontani.
mccain-con-nazis-ucranianos-300x224 Un principio completamente diverso opera per i “volontari”. Andarci da solo, solo per il sangue e solo per starci in mezzo. Il battaglione “Ajdar” era molto popolare nell’estate 2014, come l’unico battaglione d'”assalto” dei “volontari” al fronte. In realtà, fu la prima unità che cominciò ad acquisire rapidamente nuove reclute. “Ajdar” raggiunse rapidamente numeri astronomici. In realtà, era già un reggimento, anche se alla fine dei combattimenti, il battaglione divenne una compagnia. Durante la guerra solo una piccola parte era al fronte, ma 1000 combattenti “combatterono” sul fronte interno. E tutta la feccia volle riconoscimenti dalle mani del suo idolo, Melnichuk. Lo scandalo scoppiato in inverno e soprattutto primavera 2015 prima distrusse la “reputazione” e quindi l’unità. Tutti gli “eroi” si affrettarono ad “arruolarsi” in un’unità più “decente”. E il grande “eroe” fu privato dell’immunità su richiesta del SBU. Il battaglione “Donbass” ha una storia completamente diversa. Fu creato dal truffatore Konstantin Grishin. Un truffatore di talento, potrei aggiungere. Il battaglione non si distinse particolarmente al fronte, a parte le “fughe in massa”, ma era così popolare tra maggio 2014 e primavera 2015 che Kostja reclutò contingente dopo contingente solo per perderli tutti in un’altra “brillante operazione” e di nuovo ritrovarsi con centinaia di idioti morti grazie alle affascinanti storie su Facebook sugli “eroi del Donbass”. Dopo diversi scandali e la rimozione dal comando dello ‘scrittore’ e stratega Semjon Semenchenko (ha ufficialmente cambiato il proprio nome), il “Donbass” cominciò a cadere a pezzi e a sgonfiarsi. Niente unità, niente rifornimento. Ora è una piccola unità che tenta di entrare in una qualche unità. Solo l’oblio, il che significa la morte. Il reggimento “Azov“. Il raid sulla striscia neutrale a febbraio 2015 ha confermato lo status di reggimento dell’Azov, aumentando le reclute della metà (principalmente disertori da altre unità). Le battaglie per Shirokino, insensate e sanguinose, hanno determinato un ulteriore aumento nel reggimento. Non veloce (a causa delle perdite) ma tuttavia i numeri dell'”Azov” erano in costante crescita. E quando si decise di spostare il reggimento a Zaporozhe, Andrej Belitskij… vi vide la volontà del comando delle forze armate ucraine di distruggere l'”unità operativa”, e a ragione. Un paio di mesi nelle retrovie a non fare nulla provocò il caos in tale unità. Tutti i fan dell'”assalto” gradualmente l’abbandonano, non vanno nel Donbas a scavare trincee. Sono venuti per uccidere. Ma la campagna pubblicitaria di maggior successo non è di tali battaglioni e reggimenti “glorificati”, ma del corpo dei volontari dal nulla. “Pravij Sektor” fu creato a Majdan. Promosso dal successo della lustrazione e della soppressione dei frammenti del vecchio regime. Poi fu colto dall’idea di formare unità di combattimento, diventandone il più potente. Ma dopo pochi scandali, s’è rapidamente sgonfiato. Le unità che hanno davvero combattuto al fronte (un battaglione), passano ad altre unità, e il resto si presenta alla società come altra manica di ladri e assassini. Sì, sono stati risparmiati dopo i fatti di Mukachevo, ma è la condanna a morte dell’organizzazione. L’alone di “eroi” è sbiadito e poi scomparso insieme alla presa come ostaggi di bambini. Poroshenko e Jatsenjuk “hanno perdonato” i teppisti, ma la gente no. Il destino del DUK è già deciso, in attesa dell’auto-distruzione e dell’oblio.

5. Guerra e pace: “Minsk”
Da qui l’atteggiamento per ristabilire l’ordine nel Paese e il processo di pace. “I volontari” non vogliono pace e ordine. Se non ci sarà pace e ordine qualcuno sarà ritenuto responsabile dei crimini iniziati con Majdan, prima o poi. Perciò mi chiedo perché mai in tutti i punti caldi sul fronte a Donetsk, i “volontari” sono sempre avanti (provocando il conflitto). Ciò è comprensibile, difatti chi erano prima della guerra civile: perdenti e criminali, truffatori e teppisti, e ora sono “Melnichuk”, “Belitskij”, “Semenchenko”, rispettati e ricchi membri del Parlamento. E i loro subalterni punk da cortile e reietti della società, sono divenuti degli eroi senza gloria. Tuttavia, non tutti (Melnichuk). A causa di questa pace, sono inutili e persino pericolosi per lo Stato.
La maggior parte dei soldati delle FAU, al contrario, desidera la pace e tornare a casa subito, a una vita normale, dove sono attesi. Per loro la guerra è la fonte di tutte le disgrazie. Quindi, vediamo che l'”Uni-esercito” della junta non esiste e non può esistere per principio. Motivazioni e obiettivi dei soldati delle FAU e dei “volontari” sono troppo diversi. Questo è un grosso problema per il regime, che sembra irrisolvibile. Ma… si cercano e provano nuove forme e nuovi compiti per le bande dei “volontari”. Altro su questo nel prossimo articolo.

10177874Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia cerca di annientare una possibile “no fly zone” sulla Siria

Valentin Vasilescu – Reseau International 20 agosto 2015a_melihov_mig-31_76_1200Nel luglio 2015 le forze militari curde nel nord-est della Siria decisero di supportare l’esercito siriano nella lotta ai ribelli islamici, operando con il supporto aereo siriano durante offensive contro i mercenari islamici riforniti dalla Turchia. La Turchia ha risposto immediatamente, ricordandosi improvvisamente l’esistenza del PKK curdo vietato in Turchia, convocando una riunione della NATO, a seguito di presunte minacce alla propria sicurezza, ed avviando inoltre attacchi aerei contro i curdi nel nord-est di Siria e Iraq (gli unici che hanno avuto vittorie concrete sul SIIL, ultimamente). Gli Stati Uniti, che hanno speso 500 milioni l’anno scorso per reclutare, addestrare e armare i ribelli “moderati” in Siria, minacciano l’esercito siriano e i combattenti iracheni e curdi, cioè coloro che realmente combattono il SIIL, di attacchi aerei se il loro “protetti” venissero attaccati. Inoltre, con sfacciata ipocrisia, Ahmet Davutoglu, primo ministro della Turchia, ha esortato le Nazioni Unite ad imporre una no-fly zone nel nord della Siria, “per proteggere i civili curdi nella zona di guerra tra SIIL ed esercito siriano”, cioè coloro presi di mira dai bombardamenti aerei dell’aeronautica turca. Quanto e come Stati Uniti ed alleati combattono il ISIS è stato ampiamente indicato in un precedente articolo. La Russia ha capito completamente il gioco torbido degli Stati Uniti. Con i sistemi missilistici antiaerei assicura la difesa degli Stati che combattono veramente contro il SIIL (Iraq, Siria, Iran). Si tratta dei sistemi S-300 e Pantsir-S1 che pongono problemi reali all’US Air Force e ai suoi satelliti di NATO e Golfo.
In questo contesto di tensioni e falsa lotta al SIIL intesa a creare le condizioni per dei bombardamenti massicci contro le truppe dell’esercito siriano e sostituire Bashar al-Assad al vertice della Siria, la Russia ha compiuto una mossa che ha sorpreso tutti. Il 16 agosto 2015, l’agenzia turca BGN annunciava che la Russia aveva consegnato all’aeronautica siriana 6 MiG-31, già in servizio nella base aerea di Maza, nella periferia sud-occidentale di Damasco. In realtà, si tratta di un contratto del 2007 di oltre 1 miliardo di dollari per 8 MiG-31 e 16 MiG-29M sospesa nel 2009 su pressione d’Israele. Il MiG-31BM ha alcune limitazioni. Non è un velivolo multiruolo capace di manovre di combattimento aereo, ma è un aereo biposto (pilota e operatore) che pattuglia ad altissima quota per oltre due ore. Basta una sola pattuglia di MiG-31 per impedire la penetrazione dello spazio aereo russo per 400 km. La consegna dei MiG-31 della Russia non è diretta contro il SIIL, ma contro i radar a bordo dei Boeing 737 (AEW&C) e E-3 Sentry (AWACS), spina dorsale della no-fly zone. Ma il MiG-31 è efficace anche contro i missili da crociera degli USA. Uno o due AWACS turchi e statunitensi possono coprire tutto lo spazio aereo siriano. Grazie alle apparecchiature SIGINT a bordo, l’AWACS controlla il traffico radio ed intercetta le relazioni radio dei piani di volo degli aerei da combattimento siriani che decollano. Così gli AWACS possono rilevare i bersagli aerei nemici a 350-450 km di distanza. Dirigono l’intercettazione delle formazioni degli aerei da combattimento degli alleati degli Stati Uniti che operano sulla Siria. Tutti gli aerei AWACS possono individuare le colonne corazzate che si muovono in territorio siriano, e dirigervi velivoli armati con missili e bombe per l’attacco al suolo. Abbattere uno o più AWACS modifica significativamente la capacità operativa della “no fly zone”.
Il MiG-31 è propulso da due motori Solovev D-30F6, ognuno da 15500 kg/s di spinta, consentendo un rateo di salita di 208 m/s. Il tempo impiegato per raggiungere la quota di 10000 m dalla pista di decollo è due/tre minuti. In pratica, se il MiG-31 non viene rilevato, entra in regime supersonico, ricevendo da terra le coordinate dell’AWACS ed occupando la posizione migliore per abbatterlo. Il MiG-31 è armato di missili BVR (oltre l’orizzonte) R-33, R-37 e Novator KS-172S-1, con gittata di 300-420 km, appositamente progettati per abbattere gli AWACS. Il profilo di volo di questi missili è stato progettato in modo che salgano a una quota di crociera di 30000 metri, dove accelerano fino a Mach 4. Questo profilo impedisce l’intercettazione durante il volo sul bersaglio, consentendo un rapporto consumo/km dimezzato rispetto al volo a 8-14000 m di quota. L’attacco all’AWACS avviene dall’alto, dov’è il punto cieco dell’antenna radar.

20150820-83-0008-41-1728x800_cChi combatte sul serio lo Stato islamico?
Valentin Vasilescu Reseau International 8 agosto 2015

IRGC-Su-25-IraqGli attacchi aerei della NATO contro l’esercito serbo bosniaco ebbero luogo tra il 30 agosto e il 20 settembre 1995, e furono eseguiti da 400 aerei e missili da crociera Tomahawk, in sostegno dei mercenari musulmani inviati da Stati Uniti, Iran, Arabia Saudita e Turchia a combattere contro i serbi. L’operazione raggiunse l’obiettivo con la distruzione di 338 obiettivi terrestri serbi (carri armati, batterie di artiglieria, colonne di fanteria motorizzata in movimento, ecc..). Il bombardamento NATO della Jugoslavia fu effettuato dal 24 marzo al 10 giugno 1999 e uccise da 5 a 10000 militari e civili jugoslavi, neutralizzò il 40% delle armi dell’esercito jugoslavo e distrusse il 60% della capacità industriale del Paese, centrali termoelettriche che riscaldavano la popolazione, ponti sul Danubio e nodi ferroviari. L’operazione raggiunse l’obiettivo evacuando l’Esercito jugoslavo dal Kosovo ambito dagli statunitensi. Ciò che sorprende è che per più di un anno, Stati Uniti e NATO (Turchia, Canada, Gran Bretagna, Francia, Germania e Paesi Bassi), così come Emirati Arabi Uniti, Bahrayn, Qatar, Giordania e Australia, hanno condotto attacchi aerei contro il SIIL senza esito. Ciò è tanto più sorprendente dato che le forze del SIIL, da 5 a 7000 combattenti, agiscono in aree rigorosamente definite e scoperte (per lo più in zone desertiche), dove sorveglianza e attacchi sono molto più facili che nella ex-Jugoslavia. Il SIIL è organizzato in distaccamenti dalla grande mobilità tattica composti da sub-unità da ricognizione con blindati leggeri (Hummer), subunità blindate con carri armati, IFV e APC, subunità di artiglieria trainata, subunità da trasporto con autocarri (per munizioni, cibo, carburante, ecc), subunità da difesa aerea con cannoni o mitragliatrici montati su autoveicoli, ecc. Alcuni video occidentali mostrano solo bersagli statici, tipo bunker, durante gli attacchi aerei statunitensi. E’ molto strano che non ci siano mai auto, blindati e combattenti del SIIL in prossimità dei bersagli. Potrebbero essere falsi per il semplice motivo che non ci sono più bunker in Iraq. I media occidentali che trasmettono tali video sembrano aver dimenticato che con l’occupazione dell’Iraq da parte dell’esercito degli Stati Uniti, i genieri statunitensi fecero saltare tutti i bunker costruiti da Sadam Husayin. Dove il SIIL trova i bunker indicati nei video? L’occupante statunitense, dal 2003, ha demolito tutti gli aviogetti supersonici o d’attacco al suolo (Su-25) di produzione sovietica dall’esercito iracheno, sostituendoli con velivoli ad elica Cessna 208 Caravan, Cessna 172 e Beechcraft T-6 Texan. La stessa cosa avvenne con gli elicotteri d’attacco iracheni, sostituiti con Bell 206, Bell UH-1, Bell OH-58C, Bell 407, senza blindature ed equipaggiamento per combattere i mezzi corazzati. Gli Stati Uniti hanno ripetutamente rinviato la consegna di 36 F-16 Block 52, pagati dall’Iraq nel 2011. I primi 4 F-16 sono arrivati in Iraq, nella base aerea di Balad, solo a luglio, e gli altri arriveranno nel 2018. Idem per i 36 Apache AH-64E che l’Iraq ha acquistato dagli Stati Uniti e che non sono ancora stati consegnati. Obbligato a combattere il SIIL, l’Iraq aveva cercato aiuto dalla Francia che, seguendo il modulo delle Mistral, s’è rifiutata di fornire l’elicottero d’attacco Tiger per non offendere gli Stati Uniti.
Perché gli Stati Uniti fanno di tutto affinché l’Iraq, in prima linea nella lotta al SIIL, non abbia aerei da combattimento? Semplicemente perché sanno che gli aerei dell’Iraq neutralizzerebbero il SIIL in due mesi, svelando il bluff degli Stati Uniti e dei loro alleati sul SIIL. La Russia ha capito le reali intenzioni degli Stati Uniti ed è stato l’unico Stato a sostenere realmente le forze che lottano contro il SIIL firmando subito un accordo con l’Iraq per la consegna di 56 elicotteri d’attacco Mi-28 e Mi-35NE (24 elicotteri russi sono già operativi). Un video iracheno dimostra come oggi si svolge la vera lotta tra una colonna del SIIL e i Mi-35 iracheni. La Russia ha anche consegnato all’Iraq 12 aerei Su-25 pilotati da iraniani. Inoltre, grazie ad un accordo mediato dalla Russia, 7 altri aerei Su-25 dell’Iran sono ritornati in Iraq per combattere il SIIL, arrivando sulla base aerea di Balad il 13 luglio 2015.19_2Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’Ucraina è sull’orlo di una vera rivolta?

Andrew Korybko The Saker 19 agosto 2015367879Lo si dice dall’inizio della guerra civile iniziata la scorsa primavera, ma l’Ucraina potrebbe finalmente essere sul punto di una rivolta legittima del popolo contro il governo. Le rivoluzioni colorate nel 2004 e 2014 furono organizzate dall’estero (nonostante la rappresentazione fuorviante dei mass media quali movimenti popolari), per raggiungimento obiettivi geopolitici concreti per conto dell’occidente, screditandosi quindi come veri e propri interventi ed esponendone la natura. Anche se l’Ucraina finora non ha avuto una vera rivoluzione (organizzata da ucraini per gli ucraini), non significa che non sia imminente, avendo tutti gli “ingredienti” pronti. Tre sviluppi recenti indicano che il Paese sia assai più vicino a una vera rivoluzione di quanto la maggior parte degli osservatori pretendano, e se la popolazione prende l’iniziativa cogliendo l’opportunità che ha di fronte, potrebbe invertire le disastrose politiche del regime prima che sia troppo tardi.

Divieto di libri
Kiev ha deciso di vietare vari di libri di autori russi, in particolare le opere del famoso crociato anti-rivoluzione colorata e storico Nikolaj Starikov e del consigliere presidenziale Sergej Glaziev. Questi in particolare sono estremamente critici verso il regime, e sembra che Kiev li veda quali minacce ideologiche al proprio domino. Il divieto dei libro spunta nell’ambito dell’esistente oppressione politica contro tutti i dissidenti politici, mediatici o semplici cittadini. Le autorità esprimono chiaramente che alcuna opinione contraria sarà tollerata e cercano di controllare le informazioni ricevute dalla popolazione. Ciò va letto come nient’altro che paura della propria cittadinanza dato che se Kiev e i suoi rappresentanti fossero sicuri del proprio dominio, non avrebbero alcun bisogno di essere così autoritari. Il fatto che ora adottano il passo pubblicizzato ed estremo di vietare alcuni libri ci parla di paranoia acuita, che a sua volta può essere letta (gioco di parole) come grave minaccia dai cittadini che credono di affrontare. Il fatto è, e potrebbe non essere mera paranoia, la realtà oggettiva di alcuni elementi della società, e non solo dei battaglioni neonazisti (anche se per propri motivi), che si preparano a ribellarsi a Kiev.

La minaccia dell’embargo russo al cibo
L’ultima notizia da Mosca è Medvedev annunciare la campagna delle contro-sanzioni “estendersi a Albania, Montenegro, Islanda e Liechtenstein e, soggetta a certe condizioni, Ucraina”. Specificando ha avvertito che se l’Ucraina va avanti sull’accordo di associazione economica con l’UE, che dovrebbe entrare in vigore all’inizio del prossimo anno, i suoi prodotti agricoli saranno soggetti alle stesse restrizioni. Il divieto d’importare frutta e verdura lo scorso ottobre ha già minacciato la perdita di un mercato da 51milioni per i produttori ucraini, ed includervi tutti i prodotti agricoli potrebbe essere catastrofico per l’economia già in ginocchio. Secondo Business New Europe, l’agricoltura è più grande dell’industria oggi, (grazie per lo più al crollo della produzione subito con la guerra al Donbas) e l’unica a segnare una crescita lo scorso anno; quindi, se le esportazioni dell’Ucraina verso il principale partner commerciale sono escluse, le conseguenze potrebbero benissimo essere fatali. Ulteriore punto su questo argomento, va notato che è assai improbabile che le esportazioni possano essere riorientate verso l’UE, perché i produttori nazionali già ululano di dolore per la miseria economica inflittagli dalle contro-sanzioni della Russia e sono animosamente in competizione tra loro in un mercato saturo. Sarebbe quindi una mossa politica esiziale per qualsiasi governo dell’Unione europea dare priorità ai prodotti agricoli ucraini sui propri, tanto più che l’Unione europea soffre la peggiore crisi sul latte da trent’anni e non può assolutamente assorbire eventuali importazioni ucraine. Se l’Ucraina non può vendere i propri prodotti all’Europa l’eccesso che sarebbe originariamente finito in Russia rimarrà sul mercato domestico precipitando il crollo dei prezzi, preludendo l’improvviso crollo di tutta l’agricoltura. Ciò, a sua volta influenzerebbe la capacità del Paese di nutrirsi, e cioè costosi prodotti alimentari esteri (prodotti probabilmente con OGM degli Stati Uniti) verrebbero importati per soddisfare la domanda. Con un’agricoltura sempre meno redditizia, i terreni agricoli verrebbero venduto a prezzi di costo a società straniere (di nuovo probabilmente statunitensi, in particolare Monsanto), inaugurando così l’acquisizione estera completa di una delle più ricche regioni agricole del mondo. Tale scenario disastroso può essere evitato però, a condizione che gli ucraini adottino l’azione urgente di cambiare il governo prima della fine dell’anno, portando all’esame degli sviluppi successivi.

Il Comitato per la Salvezza dell’Ucraina
Ultimo ma non meno importante, uno dei più importanti, anche se non indicati, aspetti che potrebbero spingere gli ucraini a una vera rivoluzione è l’istituzione del Comitato per la Salvezza dell’Ucraina (CSU), governo in esilio a Mosca. Come dice il proverbio, “meglio tardi che mai” che sembra abbastanza adatto al caso. Da ciò che si può discernere, il CSU è un’idea dell’ex-primo ministro Nikolaj Azarov, e anche se non è il leader (Vladimir Alejnik lo è), sembra dirigere la scena. Azarov ha promesso che se va al potere, il CSU terrà immediatamente nuove elezioni, libere e giuste, ma affinché ciò avvenga “chiede a tutti i cittadini, partiti, sindacati e movimenti sociali di unirsi e ristabilire l’ordine a casa nostra tramite uno sforzo congiunto“. Il punto, a quanto pare, è unire le organizzazioni della società civile e i cittadini in una campagna antigovernativa coordinata, nella convinzione che possa rivelarsi il punto di svolta fondamentale per il regime. Quasi ogni osservatore sarebbe d’accordo che Kiev non lascerà mai il potere senza combattere, ma Azarov non menziona la violenza nella lotta imminente, anche se si può compendere che sarebbe una risposta logica all’aspra repressione dello Stato; alcuni sostenitori potrebbero decidere di reagire in questo modo. Oggi il CSU non sembra ispirare molto entusiasmo, ma ciò potrebbe cambiare con il tempo. Dopo tutto, l’organizzazione non è perfetta (e gran parte di sue composizione e attività è ancora misteriosa e non aperta)m ma si distingue simbolicamente come prima forma realistica di opposizione al governo di Majdan, aiutata dal fatto di essere all’estero, al sicuro dalle grinfie di Kiev. La cosa più importante oggi, però, è che l’organizzazione probabilmente costruisca una rete di cellule di supporto in Ucraina, al fine di costruire una piattaforma anti-governativa unificata da cui partire per sfidare lo Stato. Ciò significa che il CSU potrebbe essenzialmente agire come comitato di coordinamento delle campagne di sensibilizzazione nel Paese, delle manifestazioni pubbliche (quando è il momento giusto) e forse, dopo essere violentemente represse, anche delle operazioni di guerra ibrida. Parlando delle proteste e di responsabilità ed interessi del CSU, se mai c’è un ambiente sociale perfetto per testare le teorie di Gene Sharp su “dalla dittatura alla democrazia” e “non ci sono alternative realistiche”, questo è l’Ucraina contemporanea, dove esiste un’indubbia dittatura. Se la rivoluzione legittima del popolo si verificasse in Ucraina, allora sarà sicuro che il CSU avrà un ruolo di primo piano e probabilmente sfrutterà le manifestazione per catapultarsi con la propria leadership da Mosca a Kiev.

Conclusioni
Mai prima d’ora l’Ucraina è vicina a una rivoluzione legittima di oggi. Molti cittadini avevano paura del nuovo regime del colpo di Stato del febbraio 2014, ma non molti, fuori da Crimea e Donbas, hanno manifestato pubblicamente contro di esso. Quando accadeva, come ad esempio a Odessa nel maggio dello stesso anno, furono orribilmente uccisi e i criminali protetti dalla giustizia (volutamente). Certuni, incerti sul dal farsi per resistere al regime, decisero di “provarci” passivamente e vedere cosa infine fare per il proprio bene. Quasi 18 mesi dopo, le autorità di Majdan non fanno altro che dividere il Paese con guerra civile, assassinio di migliaia di civili e crash economico, e il tempo viene speso con ridicole tirate per ‘incolpare la Russia’, sempre più stantie e inverosimili presso la maggioranza della popolazione. I problemi dell’Ucraina dal rovesciamento di Janukovich sono interamente attribuibili alle nuove autorità, e sembra che parte degli ucraini finalmente lo comprenda, perciò Kiev istiga altra paranoia per sopprimere il pensiero indipendente, arrivando scandalosamente a vietare dei libri. I media ucraini potrebbero essere politicamente fuorvianti, ma la maggior parte è abbastanza intelligente da capire che il Paese va a rotoli e che è sempre più difficile far quadrare i conti. Con l’ultimatum delle contro-sanzioni russe all’Ucraina, alcuni potrebbero finalmente disperarsi tanto da andare contro il governo, pur consapevoli della probabile repressione (o peggio) che subirebbero. Tuttavia, questi individui presumibilmente non hanno il senso della direzione organizzata, ed qui che il CSU entra. Si presume che non agirà pubblicamente, non avendo mostrato alcuna forma di presenza sotterranea in Ucraina, non importa quanto piccola, e si potrebbe concludere (secondo lo stesso Azarov) che ciò è favorevole delle attività antigovernative di massa, e che farà il possibile per sostenerle. Secondo questa logica e facendo due più due, il CSU potrebbe benissimo organizzare tale movimento raccogliendo i segmenti disillusi della società ucraina, portando al cambio di regime prima della fine dell’anno. Se le autorità di Majdan restano al potere e non fanno marcia indietro sull’accordo di associazione economica con l’UE, l’Ucraina sprofonderà in una crisi ancora più profonda che potrebbe involontariamente mutare la paranoia di Kiev sul cambio di regime in solida realtà.ukraine-map-regions_risultatoTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.989 follower