Sionismo, terrorismo e desiderio di morte della CIA

Ziad Fadil Syrian Perspective 19/02/2018Tutti hanno letto dell’assalto criminale ai combattenti delle Forze di difesa popolari presi di mira da aerei ed artiglieria statunitensi mentre si spostavano tra i villaggi Qusham e Tabiyah, a nord-est di Dayr al-Zur. Alcuni media occidentali affermavano che oltre 100 “truppe del regime pro-Assad” furono uccise dagli yankee nobili e amanti della democrazia. Non è vero. Il numero effettivo di combattenti uccisi nel convoglio diretto a nord è di circa 22, coi civili che rappresentano la maggior parte delle vittime. I civili erano accompagnati dalle PDC per motivi di sicurezza, mentre rientravano a case. Gli Stati Uniti li hanno bombardati uccidendo oltre 100 tra uomini, donne e bambini. Bello show, zio Sam. Questo è il più grande esercito del mondo, un esercito che ha ucciso più civili afghani di qualsiasi altro conquistatore nella storia; un esercito che ha bombardato oltre un milione di civili vietnamiti; un esercito che fornisce agli scimpanzé sauditi tutti gli ordigni di cui hanno bisogno per sterminare la nazione più povera del mondo arabo.
I sionisti ci sono ricascati. Sorvolando il Libano, hanno scatenato una raffica di missili su Jamaraya, dove l’Esercito arabo siriano ha una struttura di ricerca e sviluppo militare. Questa volta, la maggior parte dei missili fu intercettata e distrutta dal sistema di difesa aerea Pantsir che difende l’area di Damasco. Possiamo anche confermare che un aviogetto da combattimento F-16 biposto fu distrutto schiantandosi nella Galilea settentrionale. Si ritiene che i piloti si siano espulsi pochi secondi prima che il missile S-300 centrasse il loro aereo. In verità, i piloti avevano solo pochi secondi e decisero giustamente di abbandonarlo. Uno dei piloti è in gravi condizioni critiche. Ci sono alcune domande sul perché dell’attacco a Jamaraya. Non è il primo senza prove di invii militari dall’Iran ad Hezbollah. E c’era poco o niente che l’EAS facesse per provocare tale attacco. Il Ministero della Difesa della Siria sostiene che l’attacco era volto a sostenere i terroristi. Ma ecco cosa dicono le mie fonti:
Negli ultimi 5 giorni, l’Esercito arabo siriano al comando del Generale Suhayl “Tigre” al-Hasan liberava 1500 km quadrati di territorio nella sacca che si estendeva da sud-est di Qanasir presso Aleppo ad ovest di Sinjar presso Idlib fino ad al-San, presso Hama. Questo era il territorio di Jabhat al-Nusra. Gran parte delle armi utilizzate dall’EAS in queste battaglie erano droni armati che decollavano da basi aeree come Shayrat. Oltre a ciò, l’EAS aveva anche liberato dallo SIIL Qasr bin Wardan e al-Musitiba l’8 febbraio 2018. Il 9, l’EAS travolse al-Nusra e SIIL liberando 30 villaggi a nord di Hama. Questo tipo d’impeto sorprese i pianificatori sionisti dei terroristi che via radio urlavano alla strage di ratti terroristici nel nord-ovest della Siria. I sionisti dovevano fare qualcosa. S’inventarono il racconto palesemente falso del drone “iraniano” che violava lo spazio aereo sionista dichiarando un “anormale tipo d’aggressione”. Per smussare l’efficacia dei droni armati, l’aeronautica sionista effettuava diverse missioni volte a distruggere le aree in cui i droni erano depositati, assemblati e posizionati. Secondo le mie fonti, i sionisti pensavano di avere un corridoio libero in Libano e di poter impunemente sparare i missili sulle basi aeree in Siria. Alcuni bombardieri sionisti volarono addirittura sulla Siria meridionale, dove i loro piloti, se necessario, potevano eiettarsi sul territorio dei terroristi amici. L’Alto Comando siriano aveva già ottenuto il via libero dal Presidente Michel Aoun del Libano ad abbattere gli aerei sionisti che sorvolavano lo spazio aereo libanese. Quando un F-16S sorvolò il Libano del Sud e fu rilevato dal radar, un S-300 lo centrò quasi uccidendo l’equipaggio dei due ratti. L’aereo, a causa della rotta e della quota, si schiantò nella Palestina occupata, in Galilea, vicino alla città di Um al-Fahm. Oltre a questo, gli aerei sionisti sorvolarono Huran in Siria, lanciando missili contro le basi dell’EAS, ma quasi tutti furono intercettati e distrutti prima che potessero raggiungere gli obiettivi. Un altro bombardiere sorvolò il Libano per attaccare Jamaraya, a nord-ovest di Damasco, ma non riusciva a bombardare le aree circostanti la città. La mia fonte, Munzir, scrive che un altro aviogetto sionista veniva colpito da missili della difesa aerea sparati dalla 22.ma Brigata, a 3 km a nord del lago Utiba. La notizia di questo attacco è ancora da confermare.
Dovrebbe essere ovvio che il gioco è cambiato. Tony Gratrex mi aveva inviato diversi articoli su come lo Stato dell’apartheid sionista e gli Stati Uniti abbiano adottato una nuova strategia con la stessa logica del logorio. Il piano ora, secondo un articolo di Tony, è impedire che la Siria possa ricostruirsi negandole l’accesso alle infrastrutture del petrolio e del gas. Questa è una delle ragioni per cui gli Stati Uniti hanno colpito le PDC a Dayr al-Zur l’8 febbraio 2018, a mezzanotte, uccidendo quei civili. Evidentemente, i loro alleati delle SDF hanno accettato di permettere al governo siriano di rilevare i giacimenti di petrolio di Dayr al-Zur. Gli Stati Uniti non lo vogliono. È qui che gli Stati Uniti sono appesi ai mulini a vento.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Dettagli sul fallito attacco aereo israeliano

Alessandro Lattanzio, 12/02/2018

Il 10 febbraio, l’IAF aveva perso:
1 – F-16, il cui pilota Oded Karmon è morto. L’F-16C, decollato dalla base aerea Ramat David, apparteneva al 110.mo Squadrone; veniva abbattuto presso Um al-Fahm, nel nord d’Israele.
1 – F-15 colpito dalla difesa aerea e quantomeno gravemente danneggiato.
2 – altri aviogetti colpiti.
1 – elicottero AH-64 Apache colpito presso le fattorie Shabah.
1 – drone d’attacco abbattuto.
L’80% dei missili (crociera e balistica) lanciati dagli israeliani fu intercettato ed abbattuto, ancora una volta grazie al ruolo cruciale dei sistemi di guerra elettronica e di sorveglianza della Russia in Siria. Le istruzioni ricevute dai piloti israeliani era evitare qualsiasi aereo russo. L’IAF non aveva dato ai piloti alcuna informazione sulla posizione dei missili antiaerei siriani. Il primo attacco aereo israeliano fu effettuato dallo spazio aereo israeliano, con gli aviogetti che lanciavano missili a lungo raggio sul territorio siriano. I siriani dimostravano di poter tracciare ed inseguire gli aerei israeliani mentre volavano nello spazio aereo d’Israele.
Le Difese aeree siriane dispongono dei sistemi a lungo medio-raggio S-125 e S-200 in postazioni fisse. Questi sistemi hanno il grave problema di esser un facile bersaglio. L’IAF aveva utilizzato una combinazione di droni militari, aviogetti e missili balistici, alcune volte, per colpire la Siria coi missili balistici mentre droni e aviogetti in volo attiravano ed attaccavano le postazioni di lancio degli S-125 e S-200. Il 10 febbraio, tale operazione dell’IAF falliva in modo grave. I missili delle IDF mancavano i bersagli e vari aviogetti e droni dell’IAF venivano invece colpiti, cogliendo le IDF di sorpresa.
La Russia controlla lo spazio aereo di Siria, Turchia meridionale, Libano e nord d’Israele, allertando la difesa aerea della Siria ed impiegando i sistemi da guerra elettronica per disperdere i missili israeliani.

La Difesa Aerea siriana respinge l’ultima aggressione israelo-statunitense

Alessandro Lattanzio, 10/02/2018Il 10 febbraio, aerei israeliani attaccavano diverse aree in Siria, ma la difesa aerea siriana abbatteva 2 aviogetti dell’IAF (1 F-16I Sufa e 1 F-15I Baaz), impiegando missili del sistema di difesa aereo S-125 Pechora-2M. I piloti si eiettavano, ma uno decedeva in seguito alle ferite. Gli israeliani avevano tentato di attaccare le postazioni dell’Esercito Arabo Siriano utilizzando 15 missili da crociera, quindi senza avvicinarsi allo spazio aereo siriano, ma la difesa aerea siriana abbatteva 13 dei missili israeliani, e uno dei jet israeliani veniva abbattuto nella regione al-Jalil, nel nord della Palestina, dal tiro di un’unità della difesa aerea siriana presso Qunaytra. Le difese aeree siriane (SyAAD) avevano abbattuto i missili più pericolosi, lasciando andare quelli che non avrebbero causato danni in territorio siriano. L’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv veniva chiuso e le sirene antiaeree suonavano nelle alture del Golan e nella Galilea. Subito dopo gli israeliani, per “rappresaglia”, attaccavano le postazioni dell’EAS nella regione meridionale della Siria, mentre le difese aeree siriane sventavano il nuovo attacco. “Il nemico israeliano all’alba aveva attaccato una postazione militare nella regione centrale, e le difese aeree siriane respingevano l’attacco colpendo più di un aereo”. In seguito gli israeliani attaccavano alcune postazioni nella regione meridionale, che le difese aeree respingevano ancora una volta. In seguito, le autorità israeliane facevano appello alla Russia per contribuire a ridurre le tensioni al confine con la Siria; questo a seguito di un incontro urgente tra il Primo ministro, il ministro della Difesa e altri alti funzionari israeliani. Il disinformatore Magnyer tentava di spacciare la tesi che gli aviogetti israeliani siano stati abbattuti da missili iraniani Shaheen, cercando di giustificare a livello mediatico la propaganda sionista. Ma il sistema di difesa Shaheen è la copia iraniana del sistema statunitense Hawk, ed è quindi incompatibile con la rete dei sistemi di difesa aerea siriana d’impronta sovietica-russa.
Tutto questo avveniva poche ore dopo che l’Esercito arabo siriano spazzava via ogni residua presenza di al-Qaida e Stato Islamico dai governatorati di Hama ed Aleppo, liquidando in poche settimane una sacca di 1100 kmq con 500 terroristi intrappolati dentro. Il Comando Generale dell’Esercito e delle Forze Armate siriane dichiarava lo sradicamento dei terroristi dello SIIL e dei gruppi affiliati nelle aree tra Qanasir, Aleppo, Sinjar e Sinah. Inoltre, la bufala della strage di soldati siriani nel bombardamento statunitense su Tabiyah e Qasham, presso Dayr al-Zur, svanisce con l’ammissione dello stesso Mattis che le forze d’occupazione statunitensi avevano colpito solo 2 carri armati delle milizie tribali governative siriane; probabilmente si trattava di due autoveicoli civili, dato che le autorità siriane riferivano di 40 civili uccisi o feriti. I timori negli USA riguardo a un coinvolgimento in Siria sono sempre più acuti; il senatore degli Stati Uniti Tim Kaine, membro del comitato per le relazioni estere e i servizi armati del Senato, criticava l’attacco degli Stati Uniti, “Anche se sono grato che nessun membro degli Stati Uniti o della coalizione sia stato ferito nell’attacco, sono gravemente preoccupato dall’amministrazione Trump che volutamente s’infila in un grande conflitto, senza il voto del Congresso ed obiettivi chiari“. Mattis stesso mostrava dei dubbi sugli eventi a Dayr al-Zur, definendola “situazione di perplessità“, non potendo dare “alcuna spiegazione sul perché” forze filogovernative avrebbero attaccato una base delle SDF. Come affermano chiaramente le fonti governative siriane, non c’è mai stata alcuna operazione siriana contro il territorio occupato dalle SDF, ma un’operazione di ricognizione contro le infiltrazioni dello SIIL nel governatorato di Dayr al-Zur.
Va notato che almeno un paio di presunti ‘giornalisti freelence’ in Siria, un presunto corrispondente russo e un noto mercenario statunitense, hanno amplificato e spacciato tale operazione da guerra psicologica e di disinformazione. Il falso corrispondente russo arrivava a dire che nell’azione statunitense erano morti “130 mercenari russi” della compagnia Wagner (!?), mentre il mercenario statunitense, due ore prima dell’attacco statunitense, aveva tweettato che forze siriane stavano per attaccare obiettivi detenuti dalle SDF nella regione, lanciando alle forze militari del proprio Paese un preallarme. Le autorità siriane dovrebbero mostrare estrema attenzione verso coloro che si presentano come amici, solo per poi monitorare con metodi, modalità e scopi poco chiari, le aree del territorio siriano sottoposte a maggior conflitto.

Nel frattempo, un capo di Jabhat al-Nusra, Abu Yaman, e cinque sue guardie del corpo, venivano uccisi presso Jisr al-Shughur, a sud d’Idlib, da disertori della stessa organizzazione terroristica, mentre un elicottero d’attacco turco Agusta/TAI T-129B ATAK veniva abbattuto dalle YPG ad al-Qudah, presso Raju, a nord-ovest d’Ifrin. I due piloti restavano uccisi. Un’unità dell’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco del gruppo terroristico Jabhat al-Nusra su Tal Hadada, ad est di Qinsiba, a nord di Lataqia, eliminando l’intero gruppo. Ad est di Damasco, tra Irbin e Harasta, la 4.ta Divisione dell’Esercito arabo siriano liberava diversi edifici, numerose trincee e cinque tunnel occupati dai terroristi dell’Hayat Tahrir al-Sham. Inoltre, un distaccamento delle Forze di Difesa Nazionali (NDF) liquidava 12 terroristi dello SIIL, e ne sequestrava l’autocarro che trasportava missili anticarro AGM-114 Hellfire e dispositivi per il controllo dei missili.
Note
Anàlisis Militares
FNA
Global Security
al-Masdar
Moon of Alabama
Muraselon
Muraselon
Muraselon
Muraselon
RIAFAN
RIAFAN
RIAFAN
RIAFAN
SANA

La Turchia crea il “santuario” sperato dagli USA nel nord della Siria

Tony Cartalucci, LD, 4 febbraio 2018La recente incursione turca nel nord della Siria è pronta a stabilire finalmente la tanto ricercata “zona cuscinetto” o “santuario” richiesta dai politici statunitensi sin dal 2012. Mentre Stati Uniti e Turchia attualmente fingono un contrastato diplomatico sull’incursione, coi turchi che bombardano e scacciano i curdi presuntamente sostenuti dagli Stati Uniti, è chiaro che le affermazioni statunitensi sul sostegno alle milizie curde che armano e sostengono in Siria, siano il pretesto intenzionale per la Turchia per giustificare un’invasione altrimenti indifendibile del territorio siriano.

Alcun pretesto
La Turchia citava le dichiarazioni sensazionali degli Stati Uniti sulla creazione di una presunta “forza di difesa delle frontiere” curda nel nord della Siria, come pretesto per le attuali operazioni. Eppure all’epoca della dichiarazione del colonnello dell’esercito statunitense Ryan Dillion, portavoce dell’operazione Inherent Resolve, meno di 300 presunte forze erano state addestrate, il che indica che se tale forza esiste, passeranno anni prima di essere completa, se mai accadesse. Nel momento in cui la Turchia iniziava l’incursione, il segretario di Stato USA Rex Tillerson negava i piani per tale forza, secondo la Reuters, nell’articolo “Tillerson dice che gli Stati Uniti non intendono costruire forze di frontiera in Siria“, affermava, “Indipendentemente da ciò, l’incursione della Turchia, denominata “Operazione Ramo d’Ulivo”, crea proprio la zona di controllo descritta dai politici statunitensi nel 2012 e con gli stessi gruppi militanti armati dagli USA, descritti nei documenti politici statunitensi come destinati ad occupare il “santuario”“. Dopo aver tentato e fallito le manovre geopolitiche per istituire il “santuario” negli ultimi 6 anni, anche citando “crisi umanitarie” e attacchi sotto falsa bandiera sul territorio turco, Stati Uniti e Turchia hanno finalmente creato un intreccio sufficientemente caotico nella missione tra gruppi di agenti ed interessi opposti per giustificare l’invasione. La Turchia aveva invaso e progressivamente occupato territorio siriano mentre rafforzava un esercito di terroristi provenienti da varie organizzazioni terroristiche, tra cui al-Qaida, da anni preparato a quest’ultima invasione. Mentre i media occidentali e la stessa Turchia sostengono che l’operazione Ramo d’Ulivo sia contro i curdi, la creazione del “santuario” di Washington, riempito intenzionalmente di terroristi che hanno combattuto le truppe siriane per anni, va in definitiva contro Damasco. Indipendentemente da ciò, i curdi saranno indubbiamente liquidati o scacciati dalla Turchia, con Stati Uniti ed alleati europei che oppongono solo una resistenza simbolica, mentre sfruttano e tradiscono i curdi definitivamente.

Il “santuario” settentrionale è la politica degli Stati Uniti dal 2012
In un documento del marzo 2012 pubblicato dalla Brookings Institution, finanziata da multinazionali-finanziarie, intitolato “Salvare la Siria: valutare le opzioni per il cambio del regime” (PDF), si afferma specificatamente che: “Un’alternativa è che gli sforzi diplomatici si concentrino in primo luogo su come porre fine alle violenze ed ottenere accesso umanitario, come avvenne sotto la guida di Annan. Ciò potrebbe portare alla creazione di paradisi sicuri e corridoi umanitari, che dovrebbero essere sostenuti da una limitata potenza militare, che ovviamente non avrebbe gli obiettivi statunitensi per la Siria e potrebbe mantenere Assad al potere, ma da quel punto tuttavia è possibile che una vasta coalizione, con l’appropriato mandato internazionale, possa aggiungere ulteriori azioni coercitive ai propri sforzi“. Nel 2012, Brookings e altri ambienti politici statunitensi ripetutamente tentarono di spacciare la creazione di santuari in Siria col pretesto umanitario. Ciò è continuato per diversi anni finché non fu chiaro che la maggioranza dei siriani sfollati viveva nel territorio controllato dal governo siriano. La Brookings continuava descrivendo come l’allineamento turco di vaste quantità di armi e truppe al confine con la Siria, in coordinamento con gli sforzi israeliani nel sud della Siria, contribuisse ad attuare un violento cambio di regime in Siria: “Inoltre, i servizi d’intelligence israeliani hanno un’ampia conoscenza della Siria, nonché delle risorse del regime siriano che potrebbero essere utilizzate per sovvertire la base di potere del regime e spingere la rimozione di Assad. Israele potrebbe porre forze presso le alture del Golan e, così facendo, potrebbe distogliere le forze del regime dalla soppressione dell’opposizione. Questa posizione può suscitare timori nel regime di Assad su una guerra su vari fronti, in particolare se la Turchia fosse disposta a fare lo stesso al confine e se l’opposizione siriana viene nutrita con una dieta costante di armi e addestramento. Tale mobilitazione potrebbe forse persuadere la leadership militare siriana a cacciare Assad per preservarsi. I sostenitori ritengono che tale ulteriore pressione potrebbe rovesciare Assad in Siria, se altre forze fossero si allineassero correttamente”. Ancora, il documento programmatico pubblicato nel 2012 vien attuato ininterrottamente da allora, con Israele e Turchia che hanno continuamente fatto pressioni sulla Siria finora con l’invasione progressiva della Turchia a nord e gli attacchi seriali israeliani presso Damasco e le alture del Golan a sud. Mentre il pretesto fabbricato per creare il “santuario” previsto dagli Stati Uniti è cambiato, l’obiettivo è sempre lo stesso: il rovesciamento del governo siriano e, in mancanza, la divisione permanente e quindi distruzione della Siria come Stato nazionale unito.

Gli USA usano i turchi per liquidare i curdi recalcitranti
La Brookings oggi fornisce una panoramica di come quest’ultima versione del piano “santuario” di Washington viene spacciata al pubblico. In un articolo del 26 gennaio 2018 intitolato “Quali sono le prospettive per Turchia, Stati Uniti e YPG dopo l’operazione ad Ifrin?”, dichiarava l’associato alla Brooking Ranj Alaaldin: “La Turchia teme che l’accresciuto Kurdistan siriano e la predominanza delle YPG, ala armata del Partito dell’Unione Democratica (PYD), rafforzatesi negli ultimi anni, ne sosterrebbero la popolazione curda e, quindi, rafforzerebbero l’insurrezione del PKK. Ankara accusa la relazione di Washington con le YPG e le sue politiche in Siria dell’attuale crisi, ma è in realtà una storia priva di opportunità e di calcoli sbagliati da parte di Turchia, YPG e Stati Uniti”. E mentre il pezzo ed altri simili circolano nei media occidentali tentando d’inquadrare il pretesto dell’ultima operazione come tensione diplomatica tra Turchia, Stati Uniti ed alleati curdi di Washington, l’articolo fa una rivelazione: “…l’opposizione araba ha spinto l’opposizione curda a una tacita cooperazione col regime di Assad per garantirsi la propria sopravvivenza, nonostante il primato del regime nella repressione sistematica dei curdi della Siria. Infatti, i curdi ad ovest del fiume Eufrate hanno evitato scontri con le forze governative siriane per anni, e mentre il conflitto siriano volge al termine, avrebbero probabilmente siglato accordi con Damasco mentre il territorio che occupavano veniva restituito allo Stato siriano unito, sventando in modo efficace i piani degli Stati Uniti sulla Siria”. L’ultima incursione della Turchia mira ad impedire ciò.

Sostituire i curdi con terroristi disponibili
Non solo i curdi ad ovest dell’Eufrate potranno essere espulsi o eliminati, saranno sostituiti da estremisti armati e sostenuti da Stati Uniti, NATO e Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) che senza dubbio e con entusiasmo continueranno a combattere le forze governative siriane. Al-Monitor in un articolo intitolato “I piani di Erdogan per Ifrin potrebbero non andare bene alla Siria“, riferiva: “Mentre da entrambe le parti si hanno vittime nell’offensiva turca in Siria, Ankara persegue un piano che va oltre la fine del dominio delle Unità di protezione del popolo curdo (YPG). Il presidente Recep Tayyip Erdogan fa riferimento incessante a un piano per insediare “i veri proprietari della zona” nella provincia d’Ifrin. Ha in mente due gruppi: la banda di milizie che le forze armate turche (TSK) impiegano nel campo chiamata Free Syrian Army (FSA), e il flusso di rifugiati siriani in Turchia”. Il cosiddetto “Free Syrian Army” è poco più di un agglomerato di organizzazioni terroristiche che combattono direttamente sotto la bandiera di al-Qaida o di uno dei suoi numerosi affiliati. È anche il principale agente di Stati Uniti ed alleati regionali, inclusa la Turchia, che usano da anni nella guerra contro la Siria e i suoi alleati iraniani, libanesi e russi. È l’unico gruppo in Siria che vuole continuare a combattere le forze siriane e i loro alleati, e la vicinanza al confine turco gli consente di essere facilmente rifornito ed ospitato nel territorio turco, quando necessario. Con un “santuario” molto più grande e profondo nel territorio siriano, occupato dalle forze turche e dalla relativa difesa aerea, il fronte da cui tali terroristi combattono si avvicinerebbe a Damasco.

Proteggere il nuovo santuario con scudi umani
L’idea di reinsediare i rifugiati nel “santuario” ideato dagli Stati Uniti non è originale. Fu il primo pretesto per spacciare l’idea del “santuario” sostenuto da NATO e USA nel nord della Siria, già nel 2012. Fu anche presentato a un’audizione al Senato degli Stati Uniti del 2015 dal generale John M. Keane, che ne spiegò le ragioni: “Se creiamo zone libere, per le forze di opposizione moderate, ma anche santuari per i rifugiati, il sostegno dell’opinione pubblica mondiale sarà piuttosto drammatico. Se Putin li attacca, l’opinione mondiale sarà decisamente contro di lui. Togliete questo problema dal tavolo quale motivo per cui si è in Siria e se ne faccia una zona libera d’attacco, contribuendo alla migrazione che avviene con le aggressive azioni militari, allora l’opinione mondiale avrà, penso, un impatto significativo su di lui”. In altre parole, Keane propose di proteggere i gruppi terroristici filo-occidentali dagli attacchi delle forze aeree siriana e russa usando i rifugiati come scudi umani.

L‘occupazione straniera ostacola la pace in Siria
Il tanto voluto “santuario” degli Stati Uniti nel nord della Siria sarà usato per continuare la guerra per procura contro Damasco. Già solo la presenza statunitense e turca in Siria ostacola la fine del conflitto, occupandone il territorio, impedendo la riunificazione della nazione e riconciliazione e ricostruzione delle comunità siriane. Mentre la Turchia tenta di ritrarre il proprio ruolo in Siria come costruttivo e propizio alla pace, perfino col nome dell’ultima incursione “Operazione Ramo d’Ulivo”, i terroristi che resistono nel nord della Siria non sarebbero in grado di farlo se la Turchia avesse sigillato i confini e interrotto i rifornimenti ai gruppi terroristici che combattono in Siria. Mentre alcuni analisti ipotizzano che la Turchia abbia stretto accordi con Russia, Iran e Siria per l’ultima incursione, la Siria e i suoi alleati dovrebbero ancora coltivare opzioni per affrontare uno scenario peggiore, non solo la creazione di un “santuario” nel nord della Siria, ma il tentativo di usarlo per perpetuare il conflitto mortale. Qualsiasi accordo politico dietro le quinte è valido tanto quanto la leva finanziaria che le parti devono mantenere verso l’altra parte. Esiste il pericolo che la Turchia s’insedi nel territorio siriano con scarse azioni per evitare una guerra su vasta scala. Anche se il risultato dell’operazione Ramo d’Ulivo della Turchia è incerto, così come le reazioni delle nazioni coinvolte nel conflitto siriano, ciò che è certo è che gli Stati Uniti hanno dimostrato ancora una volta la volontà di usare e tradire gli alleati, cioè i curdi. Le operazioni turche contro i curdi, che avevano siglato una tregua di fatto con Damasco, potrebbero costringerli ad assumere una posizione decisamente anti-Damasco in cambio di una tregua nell’attuale assalto. Proprio come Washington regalava ad Ankara il pretesto per invadere ulteriormente il territorio siriano, Ankara regalerebbe a Washington i curdi ed altri motivi per servire gli interessi statunitensi in Siria piuttosto che i propri.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Perché l’Iran non si oppone all’offensiva turca in Siria?

Salman Rafi Sheikh, New Eastern Outlook 4.02.2018Mentre l’operazione “Ramo d’Ulivo” della Turchia invitava inizialmente a “preoccuparsi” i funzionari iraniani, questa espressione è divenuta tacito consenso, seguita dalla continua cooperazione turco-iraniana in Siria, evidente dalla partecipazione al Congresso di Sochi sulla Siria e dall’accordo per mantenerne intatta l’unità territoriale. Anche il Congresso di Sochi ha evitato la questione del futuro di Assad, e non sarebbe accaduto senza il supporto turco. Il tacito consenso dell’Iran, pertanto, è il risultato della capacità della Turchia di placare le preoccupazioni dell’Iran: divisione della Siria ed eventuale rimozione di Assad. Mentre l’offensiva turca in Siria e il fatto che le fazioni sostenute dalla Turchia nell’opposizione siriana continuano ad essere presenti sul terreno, rimanendo legittima preoccupazione per la Siria che vede nell’acquiescenza russo-iraniana come possibile presenza permanente di tali gruppi, la comprensione raggiunta a Sochi ha, ancora una volta, dimostrato che la preservazione dell’integrità territoriale della Siria rimane l’obiettivo di questi colloqui. Abbastanza importante, nell’idea di preservare l’integrità territoriale è anche implicita l’idea di ristabilire la sovranità siriana nelle aree che rimangono fuori della sua competenza, e che includono luoghi in cui la Turchia ha una propria presenza, impegnata a cacciare i curdi. Mentre questi aspetti, oltre al prolungato riavvicinamento della Russia, hanno direttamente contribuito a pacificare gli avvertimenti siriani, altrimenti forti e chiari, alla Turchia, si è anche lavorato direttamente a rendere l’opposizione dell’Iran alle incursioni turche molto più sfumata di quanto si sarebbe potuto altrimenti. C’è anche il vantaggio che l’Iran condivide le preoccupazioni della Turchia verso i curdi e di come gli Stati Uniti pensano di creare una forza di 30000 elementi, costituita in gran parte da curdi, da poter utilizzare per contrastare gli interessi iraniani e turchi nella regione. E mentre la Siria ha una storia di cooperazione coi curdi, evidente dal fatto che prima della cattura a Nairobi nel febbraio 1999, il leader del PKK Abdullah Ocalan risiedette in Siria per 15 anni, anche questo sembra essere cambiato. Il conflitto ha notevolmente modificato le configurazioni regionali prebelliche. La Siria, insieme all’Iran, sembra aver compreso che una cosa era sostenere il PKK in Turchia prima della guerra e che tutt’altra è consentire al PKK di stabilire ora il proprio territorio semi-indipendente in Siria. Il gioco è cambiato.

Il fattore statunitense
Mentre questi aspetti spiegano la recente convergenza di interessi tra gli ex-concorrenti regionali, il tacito consenso dell’Iran è anche il risultato del bisogno di conquistare l’alleato della NATO dalla sua parte indebolendo così la capacità degli Stati Uniti di danneggiare i suoi interessi. La domanda a cui i politici iraniani sembrano aver prestato attenzione è: può la strategia anti-Iran degli Stati Uniti funzionare con la stessa efficacia che avrebbe altrimenti se le relazioni USA-Turchia diventassero ostili? Cioè, il deterioramento delle relazioni tra Turchia e Stati Uniti sembra andare direttamente a vantaggio dell’Iran e, accettando in silenzio l’offensiva turca in Siria, l’Iran semplicemente permette che il deterioramento delle relazioni tra Turchia e USA aumenti divenendo una vera crisi. Così l’offensiva turca contro i curdi opera direttamente a vantaggio dell’Iran: scacciando i curdi oltre l’Eufrate, la Turchia danneggia le prospettive di una presenza statunitense a lungo termine in Siria. Ora, mentre tale presenza avrebbe significato sicurezza per i curdi, che Ankara non desidera, avrebbe anche significato l’inizio di una campagna statunitense per limitare e far arretrare presenza ed influenza dell’Iran in Siria; quindi, il tacito consenso dell’Iran. Ormai non c’è alcun dubbio che il fulcro della nuova strategia siriana degli Stati Uniti nell’era post-SIIL sia il contenimento dell’Iran. In realtà, solo di recente è stato riferito che il segretario di Stato USA Rex Tillerson aveva inquadrato la presenza militare statunitense in Siria come intesa a contrastare l’influenza iraniana nel Paese. Quindi, con l’Iran pienamente consapevole del nuovo piano, non si può ignorare che miri a garantirsi risultati operativi e strategici che contrastino i piani ostili degli Stati Uniti. Perciò, in questo contesto, facilitare l’integrazione della Turchia nell’alleanza iraniana e russa è vantaggioso per Teheran. Il tacito consenso iraniano sembra poter concedere, almeno nei calcoli politici iraniani, due importanti risultati: 1) indebolirà la capacità degli Stati Uniti d’influenzare la situazione in Siria, 2) aprirà anche la strada per spezzare l’impegno della Turchia con l’opposizione in Siria. Mentre tale opposizione è già stata neutralizzata, resta un fastidio per Siria e Iran da affrontare e sopportare nel futuro quadro politico-costituzionale del Paese. Pertanto, non è sbagliato affermare che, modificando la politica prebellica nei confronti dei curdi, Iran e Siria abbiano abbracciato la Turchia approfittando della grave frattura nelle sue relazioni cogli USA. In tale contesto, non è neanche sbagliato affermare che la ragione del tacito consenso iraniano sia strategica, e potrebbe diventare l’elemento portante di una nuova configurazione regionale strategica tra Iran, Russia e Turchia.Salman Rafi Sheikh, analista delle relazioni internazionali e degli affari esteri e interni del Pakistan, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio