Hezbollah: l’avanguardia invisibile della Resistenza

Layth al-Fadil al-Masdar 14 maggio 2015CFKuqoEWMAAgAUEPoco dopo che Hezbollah ha liberato la vetta strategica di Tal al-Musa, un soldato delle Forze di Difesa Nazionale (NDF) si precipitava a congratularsi con i combattenti della Resistenza per la vittoria; tuttavia, con suo grande disappunto, il gruppo della Resistenza libanese aveva già lasciato il sito. “Dove sono andati? Come fanno a sparire come fantasmi?” Una volta disceso il tramonto sulle montagne del Qalamun, nella Siria occidentale, Hezbollah scompare, all’insaputa di molti osservatori del conflitto siriano; è una di quelle verità inspiegabili che sconcerta la maggior parte dei giornalisti, che si sforzano di capire questi “fantasmi” nel bel paesaggio del Libano. Hezbollah non è un gruppo paramilitare ordinario; la sua struttura è più segreta e complessa della mafia statunitense, non si sa chi sono i comandanti in campo sono e nessuno ne conosce i movimenti.

Chi è Hezbollah?
Il termine “Hezbollah” viene tradotto in “Partito di Dio”, le cui bandiere e slogan si fondano sulla devozione nell’Islam; questo è uno dei motivi per cui è conosciuta come “Muqawama al-Islamiya” (Resistenza islamica) in arabo. Per i soldati di Hezbollah, il pensiero del martirio non è un timore; è qualcosa che accolgono come parte del dovere verso Allah e l’Islam, morire in battaglia è un preludio della ricompensa finale nel Jannah (Paradiso). Come i drusi del Levante, Hezbollah non è aperta al pubblico. I pochi prescelti che combattono per Hezbollah aderiscono a una confraternità nata tra la popolazione sciita del Libano (prevalentemente nei Governatorati di Nabatiyah, Biqa e Bayrut). Mentre Hezbollah non è l’unica organizzazione sciita in Libano (c’è l’Haraqat Amal), riceve gran parte del sostegno della fazione religiosa nel Paese. Alcune persone addirittura sostengono che Hezbollah sia la forza più potente del Libano, e non è un presupposto esagerato. Il più importante membro di Hezbollah e volto dell’organizzazione, Sayad Hasan Nasrallah (“Abu Hadi”), divenne Segretario Generale dopo la morte di Sayad Abas al-Musawi per mano del Mossad (servizi segreti israeliani). Sayad Nasrallah è un leader aggregante che spesso parla in pubblico e i cui interventi dal forte impatto forniscono le uniche informazioni sui movimenti di Hezbollah.

Hezbollah oggi
La guerra in Siria ha costretto Hezbollah a rendersi più visibile per la durata del conflitto. Tuttavia, nonostante ciò, Hezbollah resta invisibile e relativamente sconosciuta. Ha liberato la maggior parte delle montagne del Qalamun senza mostrare immagini o video del successo. In realtà, la maggior parte delle immagini mediatiche presentate al pubblico sui monti Qalamun appartengono alle NDF e alla 1.ma Divisione Corazzata dell’Esercito Arabo Siriano; tuttavia Hezbollah fornisce la maggior parte dei combattimenti sul confine libanese. Non sorprende che quando Hezbollah ha liberato il borgo storico di Malula, fornì la maggior parte dei combattimenti. Una volta che la battaglia fu vinta, un soldato di Hezbollah suonò la campana della chiesa e salutò la statua della Vergine Maria. Mentre i media e la popolazione civile delle città vicine si precipitavano a Malula, dopo la battaglia, Hezbollah si rese irreperibile. Forse questo è ciò che ne fa un’organizzazione speciale; la sua dedizione e perseveranza nella vittoria usurpa il desiderio di notorietà e gloria individuale. Questi uomini hanno grande zelo in ogni causa a cui partecipano; ciò è evidente dal loro impegno a disciplina e vittoria.hezbollah-flagTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Riaperto il caso bin Ladin

MK Bhadrakumar Indian Punchline 11 maggio 2015article-2217185-157DB1DC000005DC-754_634x331Il racconto agghiacciante del giornalista investigativo statunitense Seymour Hersh, nel suo ben curato saggio nell’ultimo numero della London Review of Books, intitolato ‘L’assassinio di Usama bin Ladin’, sull’assassinio a sangue freddo di quattro anni fa del capo latitante di al-Qaida nella città pakistana di Abbottabad, dovrebbe far trarre alle élite indiane certe cupe conclusioni sulla “definizione di partnership del XXI secolo” tra India e Stati Uniti.
Hersh afferma:
Usama bin Ladin era sotto la custodia dell’Inter-Services Intelligence (ISI) del Pakistan dal 2006 all’assassinio nel 2011. L’Arabia Saudita era l’unico Paese interessato. I sauditi compensarono finanziariamente il Pakistan per tenere bin Ladin, cittadino saudita, vivo e al sicuro.
L’operazione di Abbottabad fu attuata congiuntamente da Stati Uniti e Pakistan, con l’esercito pakistano e ISI che diedero supporto logistico. Il capo dell’esercito Generale Ashfaq Kayani insisteva che bin Ladin fosse sommariamente ucciso.
Così bin Ladin fu deliberatamente ucciso a sangue freddo anche se era disarmato, gravemente malato, non era più coinvolto nelle attività di al-Qaida e avrebbe potuto essere catturato vivo.
Il suo corpo a pezzi fu gettato dagli elicotteri statunitensi di ritorno alla base in Afghanistan, non ebbe esattamente un “funerale musulmano” in mare, come affermò la Casa Bianca.
Un elaborato cover-up fu poi inscenato dalla Casa Bianca e un falso resoconto dato ai media e al Congresso degli Stati Uniti.
Il saggio di Hersh dà un quadro misero del presidente Barack Obama. A meno che Obama non chiarisca ciò che successe realmente, e perché e come successe, l’assassinio a sangue freddo di bin Ladin peserà sul suo lascito, anche se sarà un politico ben protetto e non vivrà il resto della vita nella paura della vendetta da parte di al-Qaida, a differenza di Kayani o dell’ex-capo dell’ISI Generale Shuja Pasha, uomini condannati d’ora in poi. Il punto è che infine Obama raggiunse un accordo con Kayani, l’assassinio di bin Ladin in cambio di una borsa d’oro e mano libera all’esercito pakistano in Afghanistan. Senza dubbio, l’ex-presidente afgano Hamid Karzai aveva ragione quando insisteva che gli Stati Uniti non combattevano seriamente i taliban, ma si creavano solo l’alibi per mantenere la presenza militare a lungo termine in Afghanistan, servendo la propria agenda geopolitica. Come potremmo dimenticare che gli Stati Uniti sono l'”impero del male” che non rispetta diritto internazionale, sovranità di altre nazioni e utilizza l’omicidio a sangue freddo come arma politica? Per lo meno bin Ladin avrebbe dovuto essere catturato e processato. Ma poi, forse, avrebbe gravemente compromesso la reputazione di Arabia Saudita e Pakistan e reso difficile ad Obama condurvi affari normali.
Ironia della sorte, Obama doveva ospitare Salman bin Abdulaziz, re dell’Arabia Saudita, alla Casa Bianca e a Camp David, con principale argomento di discussione la guerra al terrore che i due alleati combattono insieme. Il cordone ombelicale che lega l’ISI alla CIA è ben noto. Tuttavia sorprende che Obama e Kayani abbiano cospirato in segreto per pianificare ed eseguire un omicidio. E come ogni complice di un “delitto perfetto”, CIA e ISI sono legati per tutta la vita. Tra l’altro, Kayani dirigeva l’ISI nel periodo precedente gli attentati di Mumbai del 26 novembre 2008, in cui un ruolo fondamentale ebbe David Headley, che lavorava per l’intelligence degli Stati Uniti. Cosa suscita tutto ciò sulla tanto declamata cooperazione per la sicurezza tra India e Stati Uniti?Dobbiamo riflettere seriamente se il Pentagono potrà mai essere un partner affidabile per le forze armate indiane. Basti dire del braccio di ferro dagli Stati Uniti per costringere la Francia ad affossare il contratto da 1,5 miliardi di dollari per la portaelicotteri Mistral con la Russia, un dramma allegorico anche per noi. Hersh ci ha fatto un favore pubblicando questo saggio, alla vigilia della visita di un alto procacciatore statunitense a Delhi, il segretario della Difesa Ashton Carter.article-1382859-0BDFDE7A00000578-216_964x604Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Successo russo

Jacques Sapir Russeurope 17 maggio 2015CE27qjWWIAIBvqW.jpg largeE’ interessante notare che oggi un numero crescente di commentatori parli di “Vittoria di Putin”. In ogni caso, è indiscutibile che la Russia raccolga successi. E sembra che sia un risultato certamente indiretto delle manifestazioni del 9 maggio, ma anche una considerazione della totale inefficacia delle sanzioni economiche e dell’inefficacia attuale delle sanzioni finanziarie contro la Russia.

Una vittoria diplomatica?
Dal punto di vista diplomatico, la recente visita del segretario di Stato USA John Kerry a Sochi ,il 12 maggio, ha fatto sì che Obama abbia preso atto del fallimento dell’isolamento politico della Russia. Non solo tale politica non ha né rallentato né destabilizzato la politica russa, ma ha anche rafforzato i legami del Paese con Cina e India. Anche in Europa, la presenza di capi di Stato alle cerimonie del 9 maggio è stata significativa. La presenza a Mosca per il 70° anniversario della vittoria sul nazismo dei presidenti di Bosnia, Macedonia e anche Serbia (le cui truppe hanno marciato sulla Piazza Rossa), Repubblica ceca e Slovacchia, mostra che nei Balcani, e non solo, gli amici della Russia siano molti. Si segnala inoltre che a luglio i Paesi dell’Unione europea voteranno di nuovo sulle “sanzioni” alla Russia. L’opposizione di Grecia e Cipro, che potrebbe essere sostenuta da Ungheria e Slovacchia, di fatto porrebbe fine a tali sanzioni approvate all’unanimità dall’UE. Notiamo anche che i governi russo e cinese si concedono il lusso di esercitazioni navali congiunte nel Mar Egeo e Mar Nero ai primi di maggio 2015. Ciò ovviamente ricorda che non solo Stati Uniti e NATO possono “mostrare i muscoli” nella regione. La visita di John Kerry era dedicata all’Ucraina, dove per la prima volta il segretario di Stato ha riconosciuto la validità dell’accordo di Minsk e si è impegnato a farla rispettare dagli ucraini, e sull’Iran, dove Obama ha un disperato bisogno della Russia per raggiungere un accordo. Significativamente, la questione della Crimea non è stata menzionata [1]. Non è senza ironia che l’incontro si sia svolto a Sochi, la città dei Giochi Olimpici Invernali del 2014 che segnò l’inizio del gelo tra alcuni Paesi occidentali e la Russia, e soprattutto l’avvio della crisi ucraina. È altrettanto significativo che il presidente statunitense si ritrovi postulante da Vladimir Putin. Ciò chiarisce in modo interessante il cosiddetto “isolamento” in cui si afferma si trovi la Russia. Si noti, infine, che lo stato disastroso dell’economia ucraina è ora un vero problema per Stati Uniti ed Unione Europea. Il sostegno politico al governo di Poroshenko si tradurrà in sostegno economico, in gran parte a fondo perduto. In diverse cancellerie si fanno i conti e, ovviamente, il costo si rivela troppo salato per molti Paesi.

Una vittoria economica
Questa vittoria diplomatica Putin la deve anche alla resistenza dell’economia russa a “sanzioni” e varie manovre destabilizzanti. La decisione annunciata ufficialmente il 14 maggio dalla Banca centrale di Russia di riprendere l’acquisto di valute estere sul mercato dei cambi, conferma che la Russia controlla le questioni finanziarie e monetarie. Ora, la questione non era frenare il deprezzamento del rublo, ma al contrario frenarne l’apprezzamento e stabilizzarne il tasso di cambio a circa 50 rubli per 1 USD. Dopo l’episodio speculativo del dicembre 2014, il rublo ha iniziato ad apprezzare rapidamente nel febbraio 2015 e ha raggiunto negli ultimi giorni il cambio di 50 rubli per 1 USD, che sembra sia il livello che la BCR intende preservare. Perciò ha annunciato che acquisterà valuta estera (principalmente dollari) sul mercato dei cambi, un modo di comunicare formalmente di cercare di difendere un cambio intorno a 50/1. Questa decisione è comprensibile se si guarda all’evoluzione del tasso di cambio reale del rublo (il tasso nominale deflazionato dall’inflazione). Questo tasso era probabilmente sopravvalutato del 10-15% nel dicembre 2013. Pertanto, prima della svolta drammatica della crisi in Ucraina, la BCR aveva lasciato sfuggire il tasso di cambio. Quest’ultimo è stato poi stabilizzato tra il livello precedente (al netto dell’inflazione) e il livello che può essere considerato ottimale dal punto di vista economico (sempre al netto dell’inflazione). Scegliendo un tasso di riferimento di 50 rubli per 1 dollaro, la BCR quindi lascia un buon margine in caso di persistenza dell’inflazione.

Grafico 1
Evoluzione del tasso di cambio di rubloA-Gr1TdC-copieFonte: Banca Centrale della Russia e CEMI-EHESS

Questa politica assicura quindi che i prodotti russi siano più competitivi sul mercato interno, ma anche sui mercati di esportazione. La produzione industriale dipende dalle esportazioni russe (nel settore aerospaziale e degli armamenti), ma la crescita è soprattutto sul mercato interno, dove il principale indicatore della competitività dei produttori “russi” rimane il livello del tasso di cambio. Ora capiamo la grande sensibilità dell’economia e produzione russe ai tassi di cambio. Questa sensibilità è espressa dagli effetti del volume della produzione (in particolare per l’esportazione, ma non solo), e anche dal tasso di fusione delle società russe “basate in Russia” (soprattutto nel mercato interno). E’ noto che la contrazione della crescita nel primo trimestre del 2015 è stata inferiore a quanto previsto dal governo russo. La Russia dovrebbe tornare a crescere nel terzo trimestre 2015. Inoltre, il fatto che la Banca Centrale di Russia abbia acquistato valuta estera equivale a iniettare rubli nell’economia. L’annuncio ufficiale dovrebbe essere interpretato come un segnale della politica monetaria. Quest’ultima, anche se avrà ancora aspetti restrittivi sulla politica dei tassi, dovrebbe effettivamente avere una prospettiva più lassista sull’influenza quantitativa del mercato. Ciò significa anche che, in assenza (possiamo sperare temporanea) di importanti riforme strutturali del sistema bancario russo, le autorità della Banca Centrale si baseranno su gli utili realizzati dalle società (PMI essenzialmente) per stimolare gli investimenti. E questo è un altro motivo che probabilmente ha portato ad adottare un tasso di cambio deprezzato verso quei bisogni dell’industria che tecnicamente implicherebbero.

Politica energetica
Ma la vittoria della Russia può anche verificarsi in un altro campo, la questione dei gasdotti e della politica energetica in Europa. Vari indicatori mostrano oggi le “manovre” nell’industria dell’energia che si svolgono in Europa. Tali “manovre” implicano, naturalmente, la Russia. Due importanti progetti sono spirati alla fine del 2014. Il primo era sostenuto dalla Russia, la pipeline (e gasdotto) “South Stream” che aveva lo scopo di bypassare l’Ucraina e rifornire Europa del sud e Balcani. Si può dire che l’Unione europea si sia opposta al progetto, la cui credibilità era molto più importante del progetto da essa proposto, il gasdotto “Nabucco” mai decollato. L’Unione europea ha aumentato la pressione su Romania e Bulgaria. In risposta, la Russia ha deciso di cancellare il “South Stream“. Si potrebbe quindi considerarlo un fallimento russo, ma la realtà è diversa. Nel suo formato originale “South Stream” era un progetto estremamente costoso e sarebbe stato vantaggioso solo con il transito di enormi quantità di gas. Tuttavia, dati i progettati gasdotti verso la Cina e gli accordi tra Gazprom, la società del gas russo, e il governo cinese, è chiaro che la Russia non avrebbe abbastanza gas per europei e cinesi, almeno non nelle quantità previste per “South Stream“. In realtà, la rapidità della decisione della Russia lo dimostra, gli ostacoli posti sulla via della “South Stream” sono stati un meraviglioso pretesto per Putin di annullare un progetto divenuto imbarazzante. Era l’Unione europea che se ne privava. Anche se aveva moltiplicato gli ostacoli e creato numerose procedure contro il “South Stream“, ha scoperto che la sua scomparsa lascia un vuoto enorme nelle forniture energetiche per l’Europa meridionale. Soprattutto perché ha posto fine a un progetto, anche se un po’ fumoso, in cui aveva riposto grandi speranze: lo sviluppo massiccio del gas (e petrolio) di scisto. Sappiamo che lo sfruttamento di gas e petrolio di scisto è stato presentato come alternativa alla fornitura di gas (e petrolio) dalla Russia. Ma diversi fattori hanno affondato tale sogno. In primo luogo, i giacimenti appaiono molto più piccoli e molto più profondi di quanto originariamente previsto. Ciò implica un costo di estrazione più elevato, molto più che negli Stati Uniti. Poi, il calo del prezzo del petrolio (e gas) rende lo sfruttamento degli idrocarburi di scisto non redditizio, anche negli Stati Uniti. Sembra che, in media, ci voglia un prezzo di 80 dollari al barile di petrolio per rendere l’operazione redditizia negli Stati Uniti e probabilmente tra i 95 e i 105 dollari in Europa. Ma il prezzo del petrolio, anche se ha recuperato leggermente (circa 60 dollari al barile per il WTI e 67-68 dollari per il BRENT) non supererà i 70-75 dollari alla fine dell’anno. Si esce quindi dal sogno dell’indipendenza energetica (di Europa e Stati Uniti) tornando al punto di partenza. Ci troviamo in una situazione in cui, sorpresa delle sorprese, i russi tirano fuori un nuovo progetto, derivante da un gasdotto esistente in Turchia (il “Blue Stream“) che unendosi al gasdotto TransAnatolia attraverserà il Bosforo e potrebbe, se necessario, puntare a Macedonia e Serbia per rifornire Ungheria, Slovacchia, Austria e Italia, o tramite il progettato gasdotto tra Grecia e Italia (attraverso lo Stretto di Otranto) rifornire direttamente l’Italia. Questo progetto è molto meno costoso del defunto “South Stream“, dai volumi ben più piccoli, ma potrebbe attivarsi nel giro di due anni.

Geopolitica “russa”
Scopriamo che le relazioni tra Russia e Turchia sono in ultima analisi migliori di quanto pensato. La Russia è pronta ad aumentare i rifornimenti di gas alla Turchia e anche costruirvi centrali nucleari. Quanto a Erdogan non è dispiaciuto nel fare questo affronto all’Unione europea che lo snobba e a mostrare buone intenzioni verso il nuovo governo greco. La Grecia, come è noto, è in conflitto con le istituzioni europee, in particolare la Banca centrale europea e l’Eurogruppo. Senza un accordo, già avviato in modo pessimo [2], la Grecia sarà costretta al default sul debito sovrano e a rischiare di lasciare la zona euro. Tuttavia, il nuovo gasdotto sarebbe molto vantaggioso sia per le royalties che apporterebbe al bilancio greco, ma anche per la fornitura di energia a basso costo, fattore importante se si pone nella prospettiva di un’uscita dall’euro e della necessità di ricostruire il potenziale industriale greco. Del resto il progetto del gasdotto permette ai governi greco e russo di discutere la possibile adesione della Grecia ai BRICS. L’adesione avrebbe influenze geopolitiche ed economiche e, tra l’altro, la Grecia avrebbe prestiti dal Fondo di stabilizzazione monetaria che i BRICS hanno creato nel 2014. Si scopre che, pensando che la Russia avesse subito una battuta d’arresto con la fine del “South Stream“, in realtà l’Unione europea n’è rimane imbarazzata economicamente e politicamente.

L’importanza della Russia in Europa
Il progetto di gasdotto presentato dalla Russia molto probabilmente sarà realizzato. Ma mentre avrebbe potuto essere l’occasione di riunire i Paesi europei, ne sarà invece simbolo di divisione. Ciò è dovuto all’atteggiamento di Unione europea e Stati Uniti. Bruxelles può lamentarsi della politica russa che cerca di rifornire i Paesi amici in Europa, ma questo è perfettamente normale. Il gioco della divisione è stato voluto dall’Unione europea, anche se oggi nota con amarezza che la Russia ha più divisioni. In tale contesto, la politica di Hollande appare particolarmente imbarazzante.

rtx1c8dx[1] DM Herszenhorn, Vittoria diplomatica e affermazione di Putin, New York Times, 15 maggio 2015
[2] Bloomberg

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

E se Putin dice la verità?

F. William Engdahl New Eastern Outlook 15/05/2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAuroraLOUGH ERNE: G8 Summit, Hollande meets PutinIl 26 aprile la principale emittente televisiva nazionale della Russia, Rossija 1, ha intervistato il Presidente Vladimir Putin in un documentario sugli eventi recenti come l’adesione della Crimea, il colpo di Stato degli USA in Ucraina, e lo stato generale della relazioni con Stati Uniti ed Unione europea. Le sue parole erano sincere. E nell’intervento l’ex-dirigente del KGB russo ha sganciato una bomba politica nota dai servizi segreti russi da vent’anni. Putin ha dichiarato senza mezzi termini che a suo parere l’occidente sarebbe contento d’indebolire la Russia, farla soffrire e mendicare dall’occidente, qualcosa chiaramente cui il carattere russo non è disposto. Poi con un breve passo nel suo intervento, il presidente russo ha dichiarato per la prima volta pubblicamente ciò che l’intelligence russa sa da vent’anni, ma su cui è stata in silenzio finora, molto probabilmente nella speranza di una normalizzazione delle relazioni Russia-Stati Uniti. Putin ha dichiarato che il terrorismo in Cecenia e nel Caucaso russo, nei primi anni ’90, fu attivamente sostenuto dalla CIA e dai servizi segreti occidentali per indebolire deliberatamente la Russia. Ha osservato che l’intelligence russa FSB aveva documentato il ruolo occulto degli Stati Uniti, senza fornire dettagli. Putin, professionista dell’intelligence di altissimo livello, ha solo accennato nel suo discorso a ciò che è documentato in dettaglio da fonti non russe. Il rapporto ha enormi implicazioni rivelando al mondo la lunga agenda occulta dei circoli influenti a Washington per distruggere la Russia come Stato sovrano; un ordine del giorno che include il colpo di Stato neo-nazista in Ucraina e la greve guerra delle sanzioni contro Mosca. Quanto segue è tratto dal mio libro, Amerikas Heilige Krieg.

Le guerre cecene della CIA
Non molto tempo dopo che mujahidin finanziati da CIA e servizi segreti sauditi avevano devastato l’Afghanistan alla fine degli anni ’80, costringendo alla ritirata l’esercito sovietico nel 1989, e la dissoluzione dell’Unione Sovietica qualche mese più tardi, la CIA iniziò a cercare possibili luoghi nell’ex-Unione Sovietica dove i suoi “afghani arabi” potessero essere schierati per destabilizzare ulteriormente l’influenza russa nello spazio eurasiatico post-sovietico. Erano chiamati arabi afghani perché furono reclutati dagli ultraconservatori wahabiti di Arabia Saudita, Emirati Arabi, Quwayt e altrove nel mondo arabo in cui si pratica l’ultra-rigida visione wahabita dell’Islam. Furono portati in Afghanistan nei primi anni ’80 da una recluta saudita della CIA inviata in Afghanistan, Usama bin Ladin. Con l’ex-Unione Sovietica nel caos totale e allo sbando, l’amministrazione di George HW Bush decise di “colpirla quando era stesa a terra”, un triste errore. Washington riposizionò i suoi terroristi afghani per creare caos e destabilizzare l’Asia centrale e anche la Federazione Russa, in crisi profonda e traumatica per il collasso economico dell’era Eltsin. Nei primi anni ’90 la società di Dick Cheney, Halliburton, aveva esaminato le potenzialità petrolifere offshore di Azerbaigian, Kazakistan e dell’intero bacino del Mar Caspio. Si stima che la regione fosse “un’altra Arabia Saudita” del valore di diversi miliardi di dollari, sul mercato attuale. Stati Uniti e Regno Unito decisero di tenere quella miniera d’oro petrolifera fuori dal controllo russo con tutti i mezzi. Il primo obiettivo di Washington fu organizzare un colpo di Stato in Azerbaigian contro il presidente Abulfaz Elchibej ed installarne uno più amichevole al Baku-Tbilisi-Ceyhan (BTC) controllato dagli statunitensi, “il gasdotto più politico del mondo”, l’oleodotto da Baku in Azerbaijan attraversava la Georgia verso la Turchia e il Mediterraneo. All’epoca, l’unico oleodotto esistente da Baku era il gasdotto sovietico che attraversava la capitale cecena, Groznij, seguendo la rotta a nord, nel Daghestan della Russia e attraversava la Cecenia fino al porto russo sul Mar Nero di Novorossijsk. L’oleodotto era l’unico concorrente e maggiore ostacolo alla molto costosa rotta alternativa di Washington e dei giganti petroliferi inglesi e statunitensi. Il presidente Bush Sr. diede ai suoi vecchi amici della CIA il mandato di distruggere il gasdotto russo e creare un tale caos nel Caucaso che nessuna società occidentale o russa potesse considerare l’uso dell’oleodotto russo di Groznij. Graham E. Fuller, collega di Bush ed ex-vice direttore del Consiglio nazionale sull’intelligence della CIA, fu l’architetto chiave della strategia dei mujahidin della CIA. Fuller descrisse la strategia della CIA nel Caucaso nei primi anni ’90: “La politica per guidare l’evoluzione dell’Islam e aiutarlo contro i nostri avversari ha funzionato meravigliosamente bene in Afghanistan contro l’Armata Rossa. Le stesse dottrine possono ancora essere utili per destabilizzare ciò che resta del potere russo“.
La CIA assunse un veterano degli sporchi trucchi, il generale Richard Secord, per l’operazione. Secord creò una società di copertura della CIA, MEGA Oil. Secord fu condannato negli anni ’80 per il ruolo centrale nelle operazioni illegali armi e droga della CIA, l’Iran-Contra. Nel 1991 Secord, ex- viceassistente del segretario alla Difesa, sbarcò a Baku e costituì la società di facciata della CIA MEGA Oil. Era un veterano delle narco-operazioni segrete della CIA in Laos durante la guerra del Vietnam. In Azerbaigian creò una compagnia aerea che trasportò segretamente centinaia di mujahidin di al-Qaida di bin Ladin dall’Afghanistan all’Azerbaijan. Nel 1993, MEGA Oil aveva reclutato e armato 2000 mujahidin, mutando Baku in una base per le operazioni dei terroristi nel Caucaso. L’operazione segreta dei mujahidin del generale Secord nel Caucaso, scatenò il colpo di stato che rovesciò il presidente Abulfaz Elchibej e piazzò Hejdar Aliev, fantoccio più flessibile degli Stati Uniti. Un rapporto segreto dell’intelligence turco trapelato al Sunday Times di Londra confermò che “due giganti della benzina, BP e Amoco, inglese e statunitense rispettivamente e che formano l’AIOC (Azerbaijan International Oil Consortium), erano dietro il colpo di Stato”. Il capo dei servizi segreti sauditi, Turqi al-Faysal, dispose che il suo agente Usama bin Ladin, che inviò in Afghanistan all’inizio della guerra dei primi anni ’80, usasse l’organizzazione afgana Maqtab al-Qidamat (MAQ) per reclutare gli “arabi afghani” per ciò che stava rapidamente divenendo la jihad globale. I mercenari di bin Ladin furono utilizzati come truppe d’assalto di Pentagono e CIA per coordinare e sostenere le offensive musulmane non solo in Azerbaigian, ma anche in Cecenia e, in seguito, Bosnia. Bin Ladin si portò un altro saudita, Ibn al-Qatab, divenuto comandante o emiro dei jihadisti in Cecenia (sic!) e il signore della guerra ceceno Shamil Basaev. Non importa che Ibn al-Qatab fosse un saudita che parlava a malapena qualche parola di ceceno, per non parlare del russo. Sapeva chi fossero i soldati russi e come ucciderli.
La Cecenia poi era tradizionalmente una società prevalentemente sufi, un ramo apolitico dell’Islam. Ma la crescente infiltrazione dei terroristi sponsorizzati, ben finanziati e ben addestrati dagli USA per predicare la jihad o guerra santa contro i russi, cambiò l’inizialmente riformista movimento di resistenza cecena. Diffusero l’ideologia estremista di al-Qaida nel Caucaso. Sotto la guida di Secord, le operazioni terroristiche dei mujahidin si estesero rapidamente nel vicino Daghestan e in Cecenia, trasformando Baku in un punto del traffico di eroina afgana della mafia cecena. Dalla metà degli anni ’90, bin Ladin pagava i capi guerriglieri ceceni Shamil Basaev e Umar ibn al-Qatab diversi milioni di dollari al mese, la fortuna di un re nell’economicamente desolata Cecenia degli anni ’90, consentendogli di emarginare la maggioranza moderata cecena. I servizi segreti statunitensi furono profondamente coinvolti nel conflitto ceceno fino alla fine degli anni ’90. Secondo Yossef Bodansky, allora direttore della Task Force del Congresso degli Stati Uniti su terrorismo e guerra non convenzionale, Washington partecipò attivamente all'”ennesima jihad anti-russa, cercando di sostenere e potenziare le forze islamiste anti-occidentali più virulenti“. Bodansky rivelò in dettaglio l’intera strategia della CIA nel Caucaso, nella sua relazione, affermando che i funzionari del governo statunitense vi parteciparono, “Una riunione formale in Azerbaijan, nel dicembre 1999, in cui i programmi specifici per addestramento e equipaggiamento dei mujahidin in Caucaso, Centro/Sud Asia e mondo arabo, furono discusse e concordate, concludendosi con il tacito incoraggiamento di Washington agli alleati musulmani (principalmente Turchia, Giordania e Arabia Saudita) e ‘società di sicurezza private’ degli Stati Uniti… ad aiutare i ceceni e i loro alleati islamici nella primavera del 2000 e sostenerne la conseguente jihad per un lungo periodo… la jihad islamista nel Caucaso era un modo per privare la Russia di un oleodotto attivo attraverso la spirale di violenza e terrorismo“. La fase più intensa delle guerre cecene calò nel 2000, solo dopo la pesante azione militare russa che sconfisse gli islamisti. Fu una vittoria di Pirro che costò un enorme numero di vite e la distruzione di intere città. L’esatto bilancio delle vittime dal conflitto ceceno istigato dalla CIA è sconosciuto. Stime non ufficiali variano da 25000 a 50000 morti e dispersi, la maggior parte civili. Le perdite russe furono vicine a 11000, secondo il Comitato delle Madri dei soldati. Le major petrolifere anglo-statunitensi e agenti della CIA erano felici. Avevano quello che volevano: il loro oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, bypassando a Groznij il gasdotto della Russia. I jihadisti ceceni, sotto il comando islamico di Shamil Basaev, continuarono la guerriglia dentro e fuori la Cecenia. La CIA si riorientava nel Caucaso.

baku_pipelines_risultatoIl legame saudita di Basaev
Basaev era parte fondamentale della Jihad Globale della CIA. Nel 1992 incontrò il terrorista saudita Ibn al-Qatab in Azerbaijan. Dall’Azerbaijan, Ibn al-Qatab portò Basaev in Afghanistan per incontrare l’alleato, il saudita Usama bin Ladin. Il ruolo di Ibn al-Qatab era reclutare musulmani ceceni disposti a intraprendere la jihad contro le forze russe in Cecenia, per conto della strategia segreta della CIA per destabilizzare la Russia post-sovietica e garantire il controllo anglo-statunitense sul Caspio. Una volta tornati in Cecenia, Basaev e al-Qatab crearono la Brigata Internazionale Islamica (IIB) con denaro saudita e intelligence della CIA, coordinata dal collegamento saudita a Washington, l’ambasciatore e amico dei Bush principe Bandar bin Sultan. Bandar, ambasciatore saudita a Washington per oltre vent’anni, era così intimo della famiglia Bush che George W. Bush disse che il playboy saudita “Bandar Bush” era un membro onorario della famiglia. Basaev e al-Qatab fecero arrivare in Cecenia combattenti sauditi del ceppo fanatico wahabita dell’Islam sunnita. Ibn al-Qatab comandava coloro che erano chiamati “mujahidin arabi in Cecenia”, suo esercito privato di combattenti arabi, turchi e altri stranieri. Fu anche incaricato di creare campi di addestramento paramilitare nelle montagne del Caucaso della Cecenia, addestrando ceceni e musulmani delle repubbliche russe del Caucaso del Nord e dell’Asia centrale. La Brigata Internazionale Islamica finanziata da sauditi e CIA era responsabile non solo del terrorismo in Cecenia. Compì nell’ottobre 2002 il sequestro di ostaggi nel Teatro di Mosca, Dubrovka, e il raccapricciante massacro della scuola di Beslan del settembre 2004. Nel 2010, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite pubblicò il seguente rapporto sulla Brigata Internazionale Islamica di al-Qatab e Basaev: “La Brigata Internazionale Islamica (IIB) fu indicata il 4 marzo 2003… come associata ad al-Qaida, Usama bin Laden e taliban “partecipando a finanziamento, progettazione, supporto, preparazione e attuazione di atti o attività, in collegamento, in nome di, per conto o a sostegno di al-Qaida… La Brigata Internazionale Islamica (IIB) fu fondata e guidata da Shamil Salmanovich Basaev (deceduto) ed è collegata al Battaglione ricognizione e sabotaggio dei Martiri ceceni Rijadus-Salikhin (RSRSBCM)… e al Reggimento forze speciali islamico (SPIR)… La sera del 23 ottobre 2002, i membri di IIB, RSRSBCM e SPIR congiuntamente sequestrarono oltre 800 ostaggi al Teatro di Mosca (Dubrovka). Nell’ottobre 1999, emissari di Basaev e al-Qatab si recarono nella base di Usama bin Ladin, nella provincia afghana di Kandahar, dove bin Ladin accettò di fornire assistenza militare sostanziale e aiuti finanziari, e anche di prendere accordi per inviare in Cecenia centinaia di combattenti per lottare contro le truppe russe e perpetrare atti di terrorismo. Nello stesso anno, bin Ladin inviò ingenti somme di denaro a Basaev, Movsar Baraev (capo del SPIR) e al-Qatab, da utilizzare esclusivamente per l’addestramento militare, reclutamento di mercenari e acquisto di munizioni”. La “ferrovia terrorista” afgano-caucasica di al-Qaida, finanziata dall’intelligence saudita, aveva due obiettivi. Uno era l’obiettivo saudita di diffondere la fanatica jihad wahabita nell’Asia centrale dell’ex-Unione Sovietica. Il secondo era l’obiettivo della CIA di destabilizzare la Federazione Russa post-sovietica e farla collassare.

Beslan
Il 1° settembre 2004 i terroristi di Basaev e dell’IIB di al-Qattab presero più di 1100 persone in ostaggio, tra cui 777 bambini, nella Scuola Numero Uno (SNO) di Beslan, in Ossezia del Nord, repubblica autonoma nel Caucaso settentrionale della Federazione russa, vicino al confine della Georgia. Il terzo giorno della crisi degli ostaggi, mentre esplosioni furono sentite nella scuola, FSB e altre truppe russe d’élite assaltarono l’edificio. Alla fine, almeno 334 ostaggi furono uccisi, tra cui 186 bambini, con un numero significativo di feriti e dispersi. Fu poi chiaro dopo che le forze russe avevano gestito male l’intervento. La propaganda di Washington, da Radio Free Europe al New York Times e CNN, non persero tempo a demonizzare Putin e la Russia per la cattiva gestione della crisi di Beslan, piuttosto che concentrarsi sui legami di Basaev con al-Qaida e i servizi segreti sauditi. Ciò avrebbe denunciato al mondo le relazioni intime tra la famiglia del presidente degli Stati Uniti George W. Bush e la famiglia miliardaria saudita dei bin Ladin. Il 1 settembre 2001, dieci giorni prima degli attentati al World Trade Center e al Pentagono, il capo dei servizi segreti sauditi, il principe di cultura statunitense Turqi bin Faysal al-Saud che dirigeva l’ntelligence saudita dal 1977, e anche l’intera operazione dei mujahidin di Usama bin Ladin in Afghanistan e Caucaso, all’improvviso e inspiegabilmente si dimise, pochi giorni dopo aver accettato un nuovo mandato a capo dell’intelligence dal suo re. Non diede alcuna spiegazione e fu subito spedito a Londra, lontano da Washington. La cronaca degli intimi legami tra le famiglie bin Ladin e Bush fu insabbiata, in realtà del tutto cancellata con la motivazione della “sicurezza nazionale” (sic!) dalla relazione ufficiale della Commissione sull’11 settembre degli Stati Uniti. L’origine saudita di quattordici dei diciannove presunti terroristi dell’11 settembre a New York e Washington, fu anch’essa eliminata dal rapporto finale della Commissione 911 del governo degli Stati Uniti, pubblicata solo nel luglio 2004 dall’amministrazione Bush, quasi tre anni dopo i fatti.
Basaev si vantò di aver inviato i terroristi a Beslan. Le sue richieste includevano la completa indipendenza della Cecenia dalla Russia, che avrebbe dato a Washington e Pentagono un enorme pugnale strategico sul ventre meridionale della Federazione russa. Alla fine del 2004, a seguito del tragico dramma di Beslan, il Presidente Vladimir Putin ordinò una missione cerca e distruggi segreta all’intelligence russa, per dare la caccia ed eliminare i capi dei mujahidin di Basaev nel Caucaso. Al-Qatab fu ucciso nel 2002. Le forze di sicurezza russe scoprirono che la maggior parte dei terroristi ceceni, afgani ed arabi era fuggita. Si erano messi al sicuro in Turchia, membro della NATO; in Azerbaijan, quasi membro della NATO; in Germania, altro membro della NATO; a Dubai, uno dei più stretti alleati arabi degli Stati Uniti, e nel Qatar, strettissimo alleato degli Stati Uniti. In altre parole, i terroristi ceceni trovarono nella NATO un santuario.

energia_fig_vol1_001330_011F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica dalla Princeton University, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché piangevo per la parata russa

F. William Engdahl New Eastern Outlook 13/05/2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

standard V Putin kremlin websiteQualcosa di straordinario non solo ha avuto luogo in Russia ma potrebbe avvicinare il nostro turbato mondo con un passo importante alla pace e allontanarlo dall’incombente nuova guerra mondiale. Di tutte le cose improbabili, ciò che è accaduto è stata la commemorazione nazionale russa dei 27, forse 30 milioni, di cittadini sovietici mai tornati dalla seconda guerra mondiale. Eppure, ciò che può essere descritto solo come spirituale, gli eventi del 9 Maggio, Giorno della Vittoria sul nazismo, svoltisi in tutta la Russia, ha trasceso il mero giorno della memoria del 70° anniversario della fine della seconda guerra mondiale nel 1945. E’ stato possibile vedervi emergere lo spirito degli eventi attuali, diverso da tutto ciò che l’autore abbia mai visto prima.
La manifestazione è stata straordinaria sotto ogni aspetto. C’era la sensazione, in tutti i partecipanti, di plasmare la storia in modo ineffabile. Non era il solito 9 Maggio per illustrare la forza militare della Russia. Sì, era caratterizzato dalla parata dei mezzi militari più avanzati della Russia, tra cui gli impressionanti nuovi carri armati T-14 Armata, i sistemi antimissile S-400 e gli avanzati jet da combattimento Sukhoj Su-35. E’ stato davvero impressionante vederli. La parte militare della manifestazione ha anche visto per la prima volta i soldati d’élite dell’Esercito di Liberazione Popolare della Cina marciare in formazione con i soldati russi, che di per sé dovrebbe far rabbrividire i falchi neoconservatori di UE e Washington, se avessero una spina dorsale da far rabbrividire. L’alleanza tra le due grandi potenze eurasiatiche, Russia e Cina, evolve a velocità fulminea in una nuova che cambierà la dinamica economica del nostro mondo da debito, depressione e guerre a crescente prosperità generale e sviluppo, se saremo abbastanza seri da contribuirvi. Durante la visita, il presidente cinese Xi oltre ad onorare in modo ben visibile la manifestazione della Vittoria russa e il suo significato per la Cina, ha incontrato separatamente Vladimir Putin e deciso che l’emergente Nuova Via della Seta del grande programma ferroviario ad alta velocità della Cina s’integrerà nella pianificazione e in altri aspetti dell’Unione economica eurasiatica formata da Russia, Bielorussia, Kazakistan e Armenia con diversi possibili candidati in attesa. Se può sembrare un passo ovvio, non era affatto certo finora. I due grandi Paesi eurasiatici ora hanno cementato gli enormi accordi su petrolio e gas, commerciali e di cooperazione militare, volti ad integrare pienamente le infrastrutture economiche. In seguito all’incontro con Xi, Putin ha detto alla stampa, “L’integrazione dei progetti eurasiatici Unione economica e Via della Seta significa raggiunge un nuovo livello di collaborazione implicante uno spazio economico comune continentale”. Il peggior incubo geopolitico di Zbigniew Brzezinski si compie, grazie alla stupida e miope strategia geopolitica di Brzezinski e della fazione guerrafondaia di Washington che ha chiarito a Pechino e Mosca che la loro unica speranza di sviluppo nazionale e libertà dai dettami dell’unica superpotenza Washington-Wall Street sia costruire un spazio monetario ed economico indipendente dal mondo del dollaro.

La sfilata del Bene
Ma la parte più straordinaria delle manifestazioni della lunga giornata, non è stato lo spettacolo del materiale militare in un momento in cui la NATO non solo fa tintinnare le sciabole contro la Russia, ma interviene militarmente in Ucraina per trascinare la Russia in una sorta guerra. Qual che è stato straordinario il 9 Maggio, alla Parata del Giorno della Vittoria, era la marcia del ricordo dei cittadini, un corteo simbolico conosciuto come marcia del Reggimento Immortale, una processione dalle strade di Mosca alla famosa e molto bella Piazza Rossa. La piazza, contrariamente alla credenza di molti occidentali, non si chiama così dal “Rosso” del bolscevichi, ma per opera dello zar Aleksej Mikhajlovich di metà 17° secolo, usando una parola russa che ora significa rosso. La parate del Reggimento Immortale avrebbe interessato dodici milioni di russi in tutta la Russia, contemporaneamente da Vladivostock a San Pietroburgo, passando per Sebastopoli nell’attuale Crimea russa. In un clima di rispetto e quiete, circa trecentomila russi, la maggior parte con foto o ritratti dei familiari mai tornati dalla guerra, camminavano nella bella e soleggiata giornata di primavera nel centro di Mosca, nella Piazza Rossa dove si trova la residenza del presidente, il famoso Cremlino. Vedere i volti di migliaia e migliaia di russi ordinari camminare, l’ottimismo sul loro futuro dai loro volti raggianti, giovani e anziani, veterani della Grande Guerra Patriottica, come è nota ai russi, hanno spinto l’autore a piangere in silenzio. Ciò che trasmettevano sorrisi e occhi di migliaia di manifestanti non era uno sguardo al passato, al dolore per gli orrori di quella guerra. Piuttosto, ciò che vidi così chiaramente nel corteo era il gesto di amorevole rispetto e gratitudine per coloro che diedero la vita affinché la Russia di oggi rinasca nuovamente, guardando al futuro e al centro dell’unica alternativa alla dittatura mondiale del Dominio a spettro totale del Pentagono e del sistema del dollaro che strangola con debito e frode. L’intera nazione russa emanava la sensazione di essere nel giusto e vittoriosa. Pochi popoli lo sono nell’odierno mondo. Quando le telecamere si avvicinarono al Presidente Vladimir Putin, anch’egli nella marcia, camminava libero tra migliaia di cittadini, con una foto del defunto padre che aveva combattuto in guerra e gravemente ferito nel 1942. Putin era circondato non da limousine blindate come ogni presidente degli Stati Uniti dall’assassinio di Kennedy, nel 1963, sempre che abbiano il coraggio di avvicinarsi a una folla. C’erano tre o quattro persone della sicurezza presidenziale vicino Putin, ma migliaia di russi ordinari a portata di mano di uno dei più influenti leader del mondo attuale. Non appariva alcun clima di paura.jxFiAPt11m7TWCRaCAQMCAEGrGWxchKhLe mie lacrime
Le mie lacrime vedendo i manifestanti silenziosi e Putin tra loro, sono la reazione inconscia di ciò che, a pensarci bene, era comprendere personalmente quanto oggi sia remota una qualsiasi cosa del genere nel mio Paese, gli Stati Uniti d’America, dalla marcia commemorativa in pace e serenità. Non ci sono state marce della “vittoria” dopo che le truppe USA hanno distrutto l’Iraq; l’Afghanistan o la Libia. Gli statunitensi oggi non hanno altro che guerre di morte e distruzione da commemorare e veterani che ritornano con traumi e avvelenamenti da radiazioni ignorati dal proprio governo. La trasformazione degli USA è avvenuta nei 70 anni dalla fine della guerra, una guerra in cui noi statunitensi e i russi, l’Unione Sovietica naturalmente, combatterono assieme per sconfiggere Hitler e il Terzo Reich. Oggi il governo degli Stati Uniti è schierato con i neo-nazisti in Ucraina per provocare la Russia. Ho riflettuto su quanto i miei connazionali siano cambiati in questi pochi decenni. Dalla nazione più prospera del mondo, centro di invenzione, innovazione, tecnologia, benessere, nel giro di settant’anni è riuscita a farsi rovinare da un branco di stupidi e ricchissimi oligarchi come Rockefeller, Gates, Buffett e loro accoliti della dinastia Bush. Tali oligarchi narcisisti non badano per nulla alla grandezza del popolo statunitense, ma lo vedono come mera base da cui realizzare il loro malato sogno di dominio mondiale. E lasciamo che ciò accada.
Vi svelo un segreto che ho scoperto di recente. Gli oligarchi statunitensi non sono onnipotenti; non sono certo i nuovi Illuminati come certuni cercano di convincerci. Non sono onniscienti. La fanno franca con i loro crimini perché glielo permettiamo. Siamo ipnotizzati dalla loro aura di potere. Eppure se accusassimo i vertici chiaramente e apertamente, “Questi stupidi aspiranti imperatori non hanno vestiti!”, il loro potere evaporerebbe come zucchero filato nell’acqua calda. Ciò li terrorizza. Ecco perché impiegano le Forze Armate degli Stati Uniti in Texas per organizzare esercitazioni contro i cittadini degli Stati Uniti; perché stracciano Costituzione e Carta dei Diritti dall’11 settembre; perché hanno creato il Department of Homeland Security e cercano di spaventare i cittadini per vaccinarli sull’Ebola o altro; perché cercano disperatamente di controllare la libera espressione delle idee politiche su Internet. Ora, quando rifletto sul vero stato degli USA oggi rispetto alla Russia, piango. Oggi l’economia degli Stati Uniti è in rovina, “globalizzata” dalle aziende mondiali di Fortune 500 e dalle banche di Wall Street. La loro industria affidata a Cina, Messico, e anche Russia negli ultimi 25 anni. L’investimento nella formazione dei nostri giovani è diventato uno scherzo politicamente corretto di cattivo gusto. Gli studenti universitari devono sprofondare nei debiti con le banche private, 1000 miliardi di dollari oggi, per avere un pezzo di carta chiamato laurea con cui cercare lavori inesistenti. Il governo di Washington è un bugiardo compulsivo che mente sul vero stato dell’economia da quando Lyndon Johnson, durante la guerra del Vietnam, ordinò ai dipartimenti Commercio e Lavoro di falsificare i dati per nascondere la stagnazione economica interna. Le conseguenze, seguite da tutti i presidenti, è che viviamo in un mondo fiabesco i cui i media mainstream ci dicono che siamo nel “sesto anno di ripresa economica” e abbiamo una mera disoccupazione del 5,4%. La realtà è che oltre il 23% degli statunitensi oggi è disoccupato, ma con accorti trucchi scompaiono dalle statistiche. Circa 93 milioni di statunitensi non hanno un lavoro regolare. Non è colpa di Obama o Bush, Clinton, Bush, Reagan o Jimmy Carter. E’ colpa nostra perché eravamo passivi; gli abbiamo dato il potere perché non crediamo in noi. Lasciamo ai miliardari decidere per noi chi sarà il nostro Presidente e Congresso, perché non crediamo di esserne degni. Per lo stesso motivo, i russi oggi, tra le sanzioni occidentali della brutale guerra economica e finanziaria e con una guerra della NATO in Ucraina che ha creato oltre un milione di profughi ucraini russofoni in Russia, fuggiti al sicuro nonostante la demonizzazione dei media occidentali del loro Paese, trasudano nuovo ottimismo sul loro futuro. Ciò che rende Vladimir Putin così straordinariamente popolare, con un’approvazione oltre l’83%, è che agisce sapendo di rappresentare l’anima russa secondo cui il popolo è buono, è corretto, è giusto, come lo è la stragrande maggioranza dei russi oggi. Ciò era nettamente visibile sui volti dei manifestanti del 9 Maggio. Si poteva sentire ciò che Putin sul podio dell’oratore sentiva quando guardava all’immensa folla. Era chiaro quando il Ministro della Difesa Shojgu, buddista russo-mongolo di Tuva, con rispetto e umiltà fece il segno della croce ortodossa a capo chino mentre passava attraverso la Torre del Salvatore del Cremlino affiancandosi a Putin. Come Viktor Baranets, noto giornalista russo ha detto: “In quel momento ho sentito che con il suo semplice gesto Shojgu ha sollevato tutta la Russia. C’era tanta bontà, speranza, nostro senso russo del sacro in quel gesto“. La leggendaria Anima russa si era manifestata il 9 Maggio ed è viva e vegeta, grazie. E perciò che ho pianto il 9 Maggio, guardando centinaia di migliaia di russi pacifici attraversare la loro capitale, la città che ha sconfitto gli eserciti di Napoleone e di Hitler. Mi ha commosso profondamente guardarli camminare lentamente e liberamente nella Piazza Rossa accanto alla residenza del loro Presidente, mentre la Casa Bianca di Washington è circondata da barriere di cemento, filo spinato e guardie armate. Lo si vedeva negli occhi dei russi per strada: sapevano che erano nel bene. Non buoni perché i loro padri o nonni erano morti sconfiggendo il nazismo. Lo erano perché erano orgogliosi di essere russi, fieri del loro Paese dopo tutte le devastazioni degli ultimi decenni, dell’ultimo saccheggio sostenuto dagli Stati Uniti durante la Shock Therapy di Harvard negli anni ’90, nell’epoca di Eltsin. Ho pianto essendo profondamente commosso da ciò che ho visto in questi russi ordinari e per quello che vedo distrutto nel mio Paese. Noi statunitensi abbiamo perso il senso del giusto e forse anche di esserlo di nuovo. Abbiamo accettato il male, uccidiamo in tutto il mondo, odiamo noi stessi e i nostri vicini, abbiamo paura, viviamo in un clima di guerra razziale e siamo disprezzati per tutto ciò nel mondo. Ci sentiamo tutt’altro che bene con noi stessi, perché siamo in una sorta d’ipnosi indotta da tali oligarchi narcisisti. L’ipnosi, tuttavia, può essere cancellata nelle giuste circostanze. Dobbiamo solo volerlo.

Poscritto:
L’ultima volta che piansi per un evento pubblico fu nel novembre 1989 quando cadde il Muro di Berlino e i tedeschi di est e ovest ballarono insieme sul simbolo della divisione della Guerra Fredda tra Est e Ovest, con l’Ode alla gioia di Beethoven che risuonava. Il cancelliere tedesco fece un discorso al Bundestag proponendo l’idea di una ferrovia ad alta velocità che collegasse Berlino a Mosca. Ma la Germania non era abbastanza forte, libera da sensi di colpa della guerra, da respingere la pressione di Washington. L’architetto di quella visione, Alfred Herrhausen, fu assassinato dalla ‘Frazione Armata Rossa’ di Langley, Virginia. La Russia fu deliberatamente gettata nel caos dalla terapia d’urto del FMI e dalla criminale famiglia Eltsin. Oggi il mondo ha una nuova, molto più bella possibilità di realizzare il sogno di Herrhausen, questa volta con Russia, Cina e d Eurasia. Ecco cos’era così bello nella Parata del 9 Maggio.

6F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica dalla Princeton University è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 545 follower