La verità sulle “zone di de-escalation”

Ziad al-Fadil, Syrian PerspectiveSauditi e qatarioti, due dei più simpatici ayrabi della penisola, che hanno sprecato miliardi di dollari per finanziare il terrorismo in Iraq e Siria, sono in una fase critica. La guerra fu scatenata dalla rabbia per il rifiuto del Presidente Bashar al-Assad a concedere al Qatar il diritto di estendere il gasdotto dall’Arabia Saudita alle coste siriane, mentre d’altro canto concluse un accordo per consentire all’Iran di costruire un gasdotto simile dall’Iraq al litorale siriano. I sauditi lo considerarono un altro complotto cripto-sciita per minare l’egemonia sunnita nel Mashriq. Non avendo nulla cominciarono a coordinarsi con l’ex-ambasciatore statunitense (e in disgrazia) in Siria, Robert Ford, per scatenare l’insurrezione contro Assad e il Partito Baath usando sabotatori sul posto la cui formazione risaliva al 2007. Le complessità nell’avviare tale ribellione non interessa qui, ne abbiamo parlato molto nei post precedenti. Abbiamo raggiunto un nuovo e fondamentale punto nell’evoluzione della guerra che richiede un’analisi. Ad Astana IV, i Paesi sponsor, Russia, Iran e Turchia, hanno firmato un memorandum che garantisce la creazione di “zone di de-escalation”. Ho già detto tre giorni prima che il termine “de-escalation” è tollerabilmente simile a “non-fly”. Fu scelto in modo che questo autore non ne sia offeso. Comunque, sembra che gli oppositori abbiano finalmente ottenuto ciò che volevano, un’area in cui l’Aeronautica siriana non possa bombardarli. Ma non è così. Le parti dell’accordo reale, non i garanti, sono governo centrale siriano, NACOSROF (coalizione nazionale delle forze della rivoluzione e dell’opposizione siriane), Jaysh al-Islam (Arabia Saudita) e partiti legali d’opposizione. NACOSROF è una curiosità, poiché non ha influenza sul terreno e deve affidarsi all’ombra di Arabia Saudita e Qatar per partecipare al processo. E’ impossibile comprendere il carattere dell’opposizione senza badare alla presenza degli scimmioni ayrabi.
Le parti che negoziavano la cessazione delle ostilità erano i garanti. Solo la Turchia, tra i tre, si opponeva al governo del Dottor Assad e della sua amministrazione. Ma i turchi si affliggevano persuadendosi a nuotare nella corrente, venendo esclusi da ogni possibilità di aderire all’UE, come suggerito apertamente dal ministro degli Esteri belga. Comunque, il recente auspicio di Erdoghan nel referendum costituzionale, di scacciare oltre 200000 cittadini dai loro posti di lavoro, le persistenti chiacchiere sulla libertà di parola da parata nel Paese, hanno raffreddato gli europei sull’adesione della Turchia all’UE. Sarebbe uno sgradito premio di consolazione per l’addio del Regno Unito l’adesione di un’autentica tirannia come quella della Turchia. In tale contesto, Ankara parlava di Turchia con russi e iraniani. E ad ulteriore impulso alle pretese di Erdoghan, le elezioni in Francia avrebbero annunciato la Frexit se Marine Le Pen entrava all’Eliseo o, almeno, avesse avuto voti sufficienti per darvi inaudita credibilità. Erdoghan è stato convinto da Iran e Russia ad accettare il governo del Dottor Assad, anche se ottenesse un altro mandato con elezioni democratiche. Con l’Europa che si scrolla le spalle, il sultano Erdoghan non aveva altra scelta che guardare ad Oriente. Erdoghan ha altri problemi con l’occidente. Gli statunitensi insistono ad abbracciare i combattenti curdi per dare a Trump l’ultimo accredito, la liberazione di al-Raqqa, l’ultima base dello SIIL in Siria. È proprio questo argomento che Trump ha avanzato nella conversazione telefonica con Putin. Putin sapeva che Trump e la sua corte di zucconi a Washington pensano d’espellere lo SIIL da questa città, così vicina ad una delle fonti energetiche più importanti della Siria, la diga di Tabaqa. Secondo la mia fonte a Washington DC, il complotto neo-con era usare la vittoria a Raqqa per migliorare la posizione dei combattenti curdi, permettendogli di dichiarare il loro Stato-fantoccio per bloccare l’estensione del gasdotto iraniano. Ma poiché i neo-con in genere non conoscono il Medio Oriente, non capiscono semplicemente che i curdi non possono e non offenderanno l’Iran. Con la Turchia che colpisce da nord, l’ultima cosa che i curdi hanno bisogno è un Iran angosciato e un Iraq dipendente da Teheran. È solo una situazione perdente per Stati Uniti e curdi. Ma qui si sente l’odore pungente dei soldi sauditi. Il Qatar verserà miliardi per estendere il suo gasdotto nella Siria orientale controllata dai curdi fino a Turchia ed Europa. Così, quando Putin discuteva il ruolo degli Stati Uniti ad Astana, conosceva gli stratagemmi dei neo-con, che ha usato abilmente per convincere Trump ad inviare un suo diplomatico nella capitale kazaka ed accettare la creazione di “zone di de-escalation”. Trump accettava la condizione per cui a tutte le forze aeree è proibito sorvolare queste zone, anche se non è ancora chiaro se Trump aderirà all’accordo. La Russia ha insistito a che alcun aereo sorvoli queste zone. Ma anche i ratti sionisti hanno dichiarato la loro non adesione a tali restrizioni, una posizione che eventualmente lenirebbe i sentimenti dei duri statunitensi potendo utilizzare gli aeromobili sionisti per raggiungere i loro obiettivi in Siria. In cambio dell’accordo statunitense alla creazione di queste zone, Putin ha promesso a Trump che Russia e Siria non interferiranno nelle manovre statunitensi presso Raqqa sapendo che il piano statunitense fallirà.Putin tende la trappola
I russi non credono che esista una soluzione politica alla guerra siriana. Forse all’inizio, ma gli eventi successivi gli hanno fatto abbandonare tali fantasie. La realizzazione che i gruppi terroristici più potenti non accettano una soluzione negoziata portava al nuovo stratagemma di Putin basato su diversi fattori: primo, Trump sembra sincero nel frantumare lo SIIL. A differenza di Obama, la cui mente criminale era volta a rovesciare il Dottor Assad, Trump sembra ambiguo verso il bravo medico di Damasco. I neo-con possono sempre lamentarsi quanto vogliono su Assad dittatore impegnato a cancellare l’oscenità sionista, ma Trump sembra più incline ad accettare queste figure; ne testimonia l’ammirazione per Putin, Le Pen, Duterte. Quindi, Putin ha sfruttato l’impressione di Trump di uomo con cui poter accordarsi. Trump e Putin sono d’accordo nel trovare un modo per distinguere i terroristi buoni dai terroristi cattivi. Questo è un vecchio pensiero inquietante per Arabia Saudita, entità sionista e Qatar che non si preoccupano di tali distinzioni. Ma Putin pensa che se convince gli statunitensi ad agire razionalmente e ad aiutare i cannibali buoni a spazzare via quelli malvagi, avanzeranno notevolmente nella lotta per impedire alla Russia nuove avventure estere. Putin ritiene che una volta che SIIL, Hayat Tahrir al-Sham e al-Qaida/al-Nusra saranno sradicati, sarà questione di tempo prima che gli altri gruppi siano sterminati, come Jaysh al-Islam, Faylaq al-Rahman, Fronte meridionale dell’ELS e altri. Ma Putin sa anche che il presidente statunitense è mercuriale, debole e facile da persuadere. Passa da incontrare gli avvoltoi sauditi di Riyadh, le creature sioniste di Tel Aviv e forse gli egiziani a Cairo. E sarà inondato da argomenti secondo cui al-Qaida/al-Nusra è indispensabile agli interessi statunitensi. I sionisti lo metteranno a parte e gli riveleranno perché il gasdotto del Qatar sia nell’interesse degli USA, cioè: l’influenza statunitense in Europa diminuirà radicalmente se l’Europa comincerà ad affidarsi al carburante russo e iraniano. Trump è un imbecille politico incapace di pensare da solo. Forse cadrebbe in tali argomentazioni rimangiandosi le promesse a Putin. Ma non credo che lo farà. Trump potrebbe essere sul punto di rendersi conto che gli Stati Uniti hanno sostenuto al-Qaida negli ultimi 5 anni, la stessa al-Qaida che ha abbattuto le sue Torri Gemelle l’11 settembre, nella città in cui è nato. Penso che resisterà a qualsiasi sforzo per influenzarlo a continuare l’eredità di Obama fatta di omicidi e oltraggi. E crediamo che si stupirà nel sapere che il suo amato Stato-ghetto sionista sostiene apertamente al-Qaida sulle alture del Golan e nella Siria meridionale. Vediamo come va. Non sono ancora sicuro che questo presidente abbia abbastanza sostanza per delle scelte politiche significative.
Putin insieme al Dottor Assad e agli alleati iraniani ha sistematicamente ripulito le aree della Siria occidentale, con i negoziati o la forza, spedendo i rimanenti terroristi nella provincia di Idlib dove si concentrano. Adesso il borgo di Damasco di Barza è stato ripulito come Madhaya, Buqin, al-Zabadani un mese prima. Dall’avvio di questo programma, l’Esercito arabo siriano è sempre più libero di agire in altre aree importanti in Siria. Quando l’EAS ha cercato di convincere Jaysh al-Islam a cedere le posizioni nel Ghuta orientale e andarsene ad Idlib, le urla saudite in Giordania (MOK) irritarono la stratosfera con minacce di togliere fondi e sostegno a Jaysh al-Islam. Abu Hamam al-Buaydhani, il suo capo, era pronto a rifiutare qualsiasi offerta dell’EAS, anche se sapeva di avere il rasoio vicino alla gola. (Nota, l’Esercito arabo siriano ha appena liberato al-Qabun, a Damasco, e al-Zalaqiyat, a nord di Hama). Con le “zone di de-escalation”, l’accordo di Astana consente a tutte le parti di attaccare SIIL, al-Qaida/al-Nusra e Hayat Tahrir al-Sham. Se l’accordo regge per i 6 mesi previsti, la Russia invierà migliaia di tonnellate di nuovo materiale all’Esercito arabo siriano e soprattutto avrà completato l’addestramento dell’EAS. Ciò sarà cruciale per la spinta finale contro i resti dell’influenza wahhabita in Siria. Ora che le forze siriane hanno oltre 500000 combattenti, Damasco potrà ripulire il Paese da solo senza l’aiuto di Russia e Iran. In sostanza, questa era la situazione prima dell’avvento di Jabhat al-Nusra, quando era chiaro che disertori, mercenari e altra anticaglia non erano abbastanza forti da cacciare il Dr. Assad, e ancor mendo di sconfiggere l’Esercito arabo siriano.I media occidentali disturbati dagli eventi ad Astana
Oggi ho notato che il MSM segnalava violazioni dell’EAS dell’accordo per ridurre la violenza, riferendo che l’Esercito arabo siriano aveva estromesso i terroristi da al-Zalaqiyat a nord di Hama. Quello che non dicevano era che i terroristi erano membri di al-Nusra/al-Qaida, specificamente escluso dalle zone di de-escalation. Questo non evita menzogne e disinformazione. È possibile aspettarsi altri squallidi reportage del genere nelle prossime settimane, mentre le forze terroristiche, come Arabia Saudita, Qatar e l’abominio sionista, spendono ogni sforzo per sabotare l’Accordo di Astana.

Coordinamento tra Siria, Russia e Iran
Dall’aspetto, il Ministro della Difesa Dhihqan sembrava soddisfatto dagli eventi di Astana. Il governo iraniano ora condivide la sensazione istintiva della vittoria della Russia. Non importa chi vinca le elezioni presidenziali, la storia suggerisce che ogni nuovo leader a Teheran sosterrà più o meno di Ruhani il ruolo iraniano in Siria. Sarebbe stato bello vedere Ahmadinejad tornare in carica, per essere sicuri, ma non è possibile. Tuttavia, con il passare del tempo sul campo di battaglia, non c’è alcun accenno che l’Iran sia stanco del sostegno. Ciò ha dato origine ad un nuovo tipo di alleanza, l’alleanza dei sanzionati. Non è il BRICS incentrato in modo molto raffinato sul potere economico, ma un asse costruito dal confronto con l’occidente. Che sia Ucraina, Crimea o Siria, la Russia è sottoposta a una serie di sanzioni a cui ha resistito notevolmente per anni. In Iran, c’è la vecchia ferita della rivoluzione di Khomeini, il sostegno a Hezbollah, il programma nucleare e missilistico e il rapporto contraddittorio con l’Arabia Saudita pre-feudale che ha impedito all’Iran di godere dei vantaggio dal ruolo di compradore nel Golfo. Anche la Siria è stata sanzionata, le sue banche sono costrette ai sotterfugi, alle compagnie aeree sono negate le parti di ricambio, alle aziende farmaceutiche viene impedito di fabbricare medicinali necessari dai fornitori di esplosivi statunitensi e inglesi. Queste tre nazioni non solo hanno tollerato l’afflizione di tali privazioni, ma hanno vinto. La Russia non è un Paese del terzo mondo, la sua industria degli armamenti supera quella degli USA. L’Iran non è sciocco. L’ampia produzione di missili è tale che nessun ammiraglio statunitense lo sfiderebbe nel Golfo Persico, per non vedersi la flotta statunitense ormeggiata nel Bahrayn divenire una palla di fuoco. La Siria, una volta considerata piantagione di banane dai sauditi, è una potenza regionale capace di affrontare il complotto internazionale del più complesso cambio di regime nella storia mondiale. La Russia ha ormai superato gli Stati Uniti nel Levante. Utilizzando le sue spalle massicce, ha fatto fuori gli psicotici neo-con statunitensi, gli effeminati casinisti francesi e i borseggiatori inglesi, costringendoli ad assistere ad eventi su cui non hanno più influenza. Mentre le città della Siria guardano festanti i terroristi partire sugli autobus verdi, solo per trasferirsi ad Idlib, loro cimitero, l’esercizio lungo, paziente e deciso della diplomazia e del potere militare di Russia, Siria e Iran paga dividendi storicamente importanti.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I sauditi travolti dalle manovre politico-militari in Siria

Ziad al-Fadil, Syrian Perspective 5/5/2017Quando si legge ciò che succede a Darah, si avrà l’impressione che il castello di carte saudita sia crollato. Se si vuole sapere perché Jaysh al-Islam s’è recato ad Astana IV, anche se è inestricabilmente legato all’Arabia Saudita, si pensi alle concessioni che l’Arabia Saudita vorrebbe estorcere. Già il Jaysh al-Islam ha accettato l’istituzione di “zone di de-conflitto” che non sono altro che le “zone di non volo” presentate per circa 5 anni in Siria. Ma la differenza è che le zone limitano i combattimenti a tutte le parti, compresi gli Stati Uniti, ad eccezione delle operazioni contro SIIL e Jabhat al-Nusra/al-Qaida e loro cloni. Non fatevi ingannare, Jaysh al-Islam ha appena annunciato la fine dell’operazione Schiaccia al-Nusra nel Ghuta orientale, e non è un annuncio molto intelligente. Ciò significa che l’Arabia Saudita non concederà nulla e non parteciperà all’eliminazione di un importante alleato come al-Qaida. All’Arabia Saudita è stato detto che l’Esercito arabo siriano semplicemente sposta le forze verso aree di maggiore interesse. Mettendo il Ghuta nelle aree di deconflitto, l’EAS può spostarsi in aree come Idlib e Dayr al-Zur per finirla con i nemici peggiori. L’Arabia Saudita non avrà nulla. Gli scimpanzé sauditi sanno che nel momento in cui al-Qaida sarà sconfitta, l’Esercito arabo siriano punterà le armi sugli altri terroristi, come il Jaysh al-Islam. L’Esercito arabo siriano ha spezzato la schiena alla resistenza wahhabista con la strategia dell’assedio. Forzando i ratti a riconoscere la sconfitta e ad accettare trasferimenti umilianti per Idlib, l’Esercito arabo siriano ha effettivamente liberato la maggior parte delle aree importanti presso la capitale e presso Homs. A ciò si aggiunga la liberazione della Provincia orientale di Homs, in particolare i giacimenti di petrolio e gas; la liberazione di Aleppo e la sua risurrezione a principale polo industriale della Siria; il fatto incontrovertibile che l’offensiva turco-terroristica su Lataqia è fallita; che l’Esercito arabo siriano ottiene la vittoria totale nel nord della provincia di Hama ed anche l’avanzata dell’EAS su Darah, particolarmente importante perché il MOK, il centro operativo terroristico congiunto in Giordania guidato dagli Stati Uniti, subirà un grave cataclisma. La telefonata tra Vladimir Putin e Donald Trump è notevole per via dell’accordo per stabilire le “zone di de-conflitto”. Ma non si è discusso solo di questo. Se non si possono avere prove dirette che Putin abbia avuto la promessa da Trump di ridimensionare il ruolo statunitense nel MOK, mi fu detto che i movimenti nelle varie basi del MOK presso Amman accelerano verso lo smantellamento. Se ciò è vero, gli Stati Uniti avranno molto da spiegare quando Donald Trump visiterà Riyadh. Ciò che potrebbe spiegare benissimo perché il Jaysh al-Islam abbia ottenuto via libera per Astana IV sono i sauditi che si vedono andare in fumo i piani e che devono assicurarsi di non essere ignorati. Sono pienamente consapevoli che l’Iran è il vincitore, e ne sono sconvolti, perché in ultima analisi sono rovinatissimi e non hanno la minima parvenza d’intelligenza umana.
A Darah, i combattimenti continuano senza sosta nel sud. Ciò indica che i pianificatori del MOK perdono il controllo degli alleati terroristi. Oggi, il Jaysh al-Mutaz (dal nome di un califfo abbaside) si è scontrato contro il Jabhat Thuar al-Suriya (Fronte dei rivoluzionari della Siria), a Darah, per differenze su ruoli specifici che ciascun gruppo doveva svolgere nell’assaltare l’Esercito arabo siriano ad al-Manshiya. Infatti, denominarono l’attacco “Battaglia per il quartiere al-Manshiya”, elemento della strategia globale gestita dal MOK in Giordania chiamata “Combattimento fino alla morte e senza umiliazione”. Giuro, è questo il nome. In ogni caso, Jabhat Thuar al-Suriya iniziava la battaglia attaccando il Jaysh al-Mutaz, con numerosi ratti terroristi di entrambi i gruppi uccisi. Inutile dire che l’EAS non interverrà, ma invece guarderà con gioia i ratti sbranarsi a vicenda. L’unica curiosità è il coinvolgimento di Jabhat al-Nusra/al-Qaida che inviava un gruppetto della sua feccia più virulenta per riprendersi il corpo del gran capo del gruppo chiamato Qatibat Shuhada Huran, tale Hasan al-Masalimah; cosa interessante, fu ucciso involontariamente mentre si recava verso la zona dei combattimenti. Darah è l’ultima carta dell’Arabia Saudita. Se i puzzolenti wahhabisti arrafferanno la città, sarà un passo significativo verso la balcanizzazione della Siria secondo le linee proposte dai falchi ashkenazi della Palestina Occupata. Ma non funziona, e con le zone di de-conflitto attivate, l’EAS avrà ancora più truppe per sradicare i microbi che infestano la Siria meridionale. E se è vero che Trump si affianca a Putin riducendo il ruolo degli USA in Giordania, allora il morale dei terroristi sarà un fattore del tempo necessario per sterminarli. Vi sono alcune voci secondo cui la Gran Bretagna progetta certe manovre aeree sulla Siria. Se è vero, sarà perché l’Arabia Saudita cerca disperatamente di nascondere la propria ignominia.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Siria, sterminio tra taqfiri e alleanza curdo-russo-siriana

Alessandro Lattanzio

Polizia Militare Russa e combattenti delle YPG presso Ifrin, a nord di Aleppo.

Il 1° maggio 2017, l’Esercito arabo siriano liberava ad al-Qabun la centrale elettrica e la scuola Abdulqani Bajaqani, una base di Jabhat al-Nusra. Le forze siriane eliminavano numerosi terroristi presso al-Salamiyah, a Taldarah, al-Latamina, Qafr Zita, Latamin e al-Zaqat. A nord di Tadmur, le forze siriane liberavano il Jabal al-Shumariyah ed eliminavano decine di terroristi del SIIL. Continuavano gli scontri tra i terroristi di Jaysh al-Islam, Hayat Tahrir al-Sham e Faylaq al-Rahman nel Ghuta orientale, a Zamalqa, Irbin, Jisrin, Haza, al-Ashari, al-Aftaris e al-Muhamadiyah. L’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco dei gruppi terroristici a nord di Hama, nei pressi di Abu Ubaydah, eliminando numerosi terroristi. A nord-est di Dara, venivano eliminati tre capi della liwa Amud Huran dell’ELS, Ahmad al-Hariri, Qasim al-Mujali e Bashar Ayan al-Hariri, nell’esplosione della loro auto. L’artiglieria dell’Esercito arabo siriano bombardava le posizioni di Jabhat al-Nusra a Dara, distruggendo 2 comandi, 3 posizioni e 7 autoveicoli degli islamisti a Basr al-Harir, Ulama, Qariyah al-Sharqi e Janin nella regione di al-Lajah. Le truppe dell’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco del SIIL sulla base aerea di Dair al-Zur, eliminando diversi terroristi. L’artiglieria dell’Esercito arabo siriano bombardava le posizioni del SIIL presso Jabal al-Thardah, Wadi al-Thardah, quartiere al-Urfi, cementificio e caserma al-Tamin, eliminando numerosi terroristi. Nella regione di al-Maqabar, l’EAS liquidava numerosi terroristi, tra cui il loro capo Ahmad al-Janin. Il 2 maggio l’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco del SIIL sul Jabal al-Shumariyah, ad est di Homs, presso Jub Ham e Rajm al-Qasr, eliminando numerosi terroristi. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberavano Um Sahrij, la caserma di al-Shandaqiyat e Unq al-Hawa nei pressi del Jabal al-Shair, a nord di Tadmur. L’Esercito arabo siriano avanzava su Badiyah al-Sham, presso Dara, sventando il piano di Stati Uniti, Gran Bretagna, Giordania e gruppi terroristici per creare un santuario nella Siria meridionale, tra Dara e Qunaytra. Nelle operazioni, aerei ed elicotteri siriani bombardavano le posizioni dei terroristi su Tal Daquh, a sud di Dara. Sempre presso Dara, ad al-Lijat, la SAAF distruggeva 7 automezzi dei terroristi, mentre l’artiglieria dell’Esercito arabo siriano distruggeva le posizioni di Jabhat al-Nusra a Basr al-Harir, Alma, al-Ghariya e Janin, eliminando 4 autoveicoli, 9 fortificazioni, oltre 15 terroristi e 2 centri di comando nemici collegati con il MOK in Giordania.L’Arabia Saudita aveva creato e sostenuto Jaysh al-Islam, un gruppo di terroristi wahhabiti infiltratisi nel Ghuta orientale, che aveva dichiarato guerra all’Hayat Tahrir al-Sham (al-Qaida) e al Faylaq al-Rahman, gruppo jihadista alleato dello SIIL. I combattimenti tra terroristi si svolgevano ad Irbin, Qafr Bathayna e al-Ashari, e solo il 28 aprile, oltre 50 terroristi si uccidevano in questu combattimenti. Ciò potrebbe rientrare in un ipotetico patto tra Stati Uniti ed Arabia Saudita, dove Washington sostiene apertamente l’aggressione saudita allo Yemen in cambio della fine del sostegno saudita allo SIIL in Siria e Iraq. Anche il gruppo terroristico Jabhat al-Nusra attaccava lo SIIL ad Tal Ajat, a nord-ovest di Zamarani, Falita e Jarajir, dove Abu Yazid, un capo di Jabhat al-Nusra, Abu Jafar al-Zuahiri, un capo dello SIIL, ed Abu Umar al-Qalamuni, altro capo dei terroristi, venivano uccisi. A campo Yarmuq, campo profughi palestinese a sud di Damasco, lo SIIL si scontrava con l’Hayat Tahrir al-Sham. Il 30 aprile, Faylaq al-Rahman e Hayat Tahrir al-Sham si scontravano con il Jaysh al-Islam, e il Faylaq al-Rahman abbandonava i suoi uomini ad al-Nishabiya, circondati dal Jaysh al-Islam che ne tagliava le linee dei rifornimenti. Lo scontro tra i terroristi di Jaysh al-Islam e Hayat Tahrir al-Sham e quelli del Faylaq al-Rahman nel Ghuta orientale, presso Damasco, era una guerra per procura tra ascari della Turchia, del Qatar e dell’Arabia Saudita. Jaysh al-Islam, sostenuto direttamente dall’Arabia Saudita, voleva espandersi nel Ghuta orientale, mentre Faylaq al-Rahman era un ramo dell’Iqwan al-Muslimin sostenuto da Qatar e Turchia, mentre l’Hayat Tahrir al-Sham era al-Qaida in Siria. I combattimenti erano iniziati quando Jaysh al-Islam attaccò le posizioni di Faylaq al-Rahman a Zamalqa, mentre Faylaq al-Rahman cercava di riprendersi le posizioni perse ad Irbin per mano del Jaysh al-Islam. L’Hayat Tahrir al-Sham riprendeva Jisrin e Haza al Jaysh al-Islam dopo degli scontri, che si svolgevano anche ad al-Ashari, al-Aftaris, al-Muhamadiyah e Irbin, nel Ghuta orientale, mentre il Jaysh al-Islam attaccava le posizioni del Faylaq al-Rahman anche ad al-Qabun. Negli scontri tra Faylaq al-Rahman e Hayat Tahrir al-Sham contro Jaysh al-Islam l’esercito libero siriano annunciava il sostegno al Jaysh al-Islam, affermando che Jabhat al-Nusra fa parte del SIIL e chiedendo ai gruppi terroristici in Siria di annientare Jabhat al-Nusra. E questo mentre l’emiro del Jaysh al-Umah Abu Hafas al-Muqadasi, un capo di al-Qaida, chiedeva a tutti i gruppi terroristici di annientare Jaysh al-Islam. Nel frattempo, il portavoce di Faylaq al-Rahman Wail al-Wan, affermava che Jaysh al-Islam aveva il controllo sulla strada che collega il Ghuta orientale ad al-Qabun. 2 capi di Faylaq al-Rahman venivano eliminati dai terroristi rivali del Jaysh al-Islam, si trattava di Samir al-Salah, noto come Abu Najib, e del capo di Faylaq al-Rahman nella regione di Qafr Bathayna, ed Abu Nabil al-Jaburani. Infine, Naman Awaz, alias Abu Usam, terzo capo del Jaysh al-Islam, veniva ucciso negli scontri con Faylaq al-Rahman e Hayat Tahrir al-Sham, dove l’Hayat Tahrir al-Sham occupava Hazah e Masraba, mentre il Faylaq al-Rahman occupava Bayt Sua, Hamuriyah, Zamalqa e Sabaqa, nel Ghuta orientale. Nel frattempo, l’artiglieria dell’EAS bombardava le posizioni dei terroristi ad al-Qabun, infliggendogli notevoli perdite. Truppe russe si disponevano al confine siriano-turco dall’enclave curda-siriana di Ifrin, per impedire altri attacchi dai turchi.

al-Qabun

Il 3 maggio, il capo del Jaysh al-Islam nella regione di al-Marj, Qasim Qadish, detto Abu Muhamad al-Qaqa, veniva ucciso da terroristi rivali di Faylaq al-Rahman e Hayat Tahrir al-Sham nel Ghuta orientale. Le truppe dell’Esercito arabo siriano bombardavano le posizioni del SIIL presso la regione di al-Shumariyah, ad est di Homs, eliminando decine di terroristi. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberavano Sabana e Darah, nella provincia occidentale di Damasco del Qalamun. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberavano 7 isolati e distruggevano un tunnel dei terroristi ad al-Qabun. L’artiglieria dell’Esercito arabo siriano bombardava le linee di Jabhat al-Nusra nei quartieri a Dara di Tarqi al-Sad, al-Abasiyah, al-Faran e Bir al-Shayah, eliminando numerosi terroristi e diverse loro posizioni. Le SDF avanzavano su al-Tabaqa, liberando 3 quartieri ed accerchiando i terroristi del SIIL presso la diga. Le forze curde, schierate a nord-ovest di Aleppo, consegnava nove punti di controllo all’Esercito arabo siriano ad Ayn Daqanah, Maranaz e Qafr Jana, presso Ifrin; questo mentre le forze siriane liberavano 3 villaggi vicini e la polizia militare russa e le unità delle YPG curde pattugliavano assieme i confini del distretto di Ifrin con la Turchia. Inoltre, militari russi accompagnati dalle unità di protezione del popolo kurdo (YPG) visitavano il campo profughi Runbar, sempre presso Ifrin, già oggetto dei bombardamenti turchi. La visita della delegazione militare russa avveniva mentre Russia e Siria creavano posti di osservazione al confine turco-siriano a nord di Aleppo, nelle aree controllate dalle YPG. Le Forze Speciali dell’Esercito arabo siriano (EAS) ed Hezbollah distruggevano 3 autoveicoli del Jaysh al-Islam sulla strada tra al-Masifra e al-Qaraq, presso Basra al-Harir, ad ovest di Dara, eliminando decine di terroristi del Jaysh al-Islam. L’EAS bombardava le posizioni dell’Hayat Tahrir al-Sham a Dara al-Balad, Aqraz, Qumal-Ruman e Janin, mentre gli elicotteri d’attacco siriani bombardavano le posizioni dell’HTS a Nasib, vicino la Giordania. L’Esercito arabo siriano liberava la società elettrica, nell’est di al-Qabun, ed eliminava due gruppi armati di Ahrar al-Sham e Hayat Tahrir al-Sham. Il SIIL attaccava con 16 attentatori suicidi le posizioni delle SDF ad al-Shadadi, al-Hariri e campo Rujm Salibi, nella provincia di al-Hasaqah, e ad al-Sifsafah, ad est di Tabaqa. Qui le SDF respingevano l’attacco eliminando un gruppo di terroristi e 1 tecnica.
Il Ministero degli Esteri siriano annunciava che Damasco sosteneva l’iniziativa russa per creazione di 4 zone di de-conflitto e l’accordo sulla cessazione delle ostilità firmato il 30 dicembre 2016. Ma Damasco sottolinea la prosecuzione dell’operazione antiterrorismo delle forze armate siriane contro SIIL e Jabhat al-Nusra e organizzazioni terroristiche affiliate. Nel frattempo era iniziato il quarto round dei colloqui internazionali sulla Siria ad Astana. Alla vigilia del forum si erano svolto colloqui tra Siria, Iran, Russia e Turchia. La delegazione russa ad Astana era guidata dal rappresentante speciale presidenziale per la crisi siriana Aleksandr Lavrentiev; la delegazione iraniana dal Viceministro degli Esteri Hossein Ansari e la delegazione turca dal Viceministro degli Esteri Sedat Onal. Per la prima volta, gli Stati Uniti erano presenti con l’assistente del segretario di Stato degli Stati Uniti per gli affari mediorientali Stuart Jones. La delegazione del governo siriano era diretta dal rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite Bashar Jafari, mentre la delegazione degli islamisti dal capo del Jaysh al-Islam Muhamad al-Lush. Russia, Iran e Turchia avevano istituito una task force congiunta per controllare il cessate il fuoco in Siria.
Il 4 maggio, le truppe dell’Esercito arabo siriano liberavano al-Tadmuriyah, al-Qaliliyah e al-Mahsham, presso il Jabal al-Shumariyah, ad est di Homs, mentre l’artiglieria dell’Esercito arabo siriano bombardavano le posizioni di ISIL ad Um Sahrij, distruggendo 1 lanciarazzi dei terroristi. Inoltre, i soldati dell’EAS distruggevano 2 autobombe di Jabhat al-Nusra a Dair Falu. Le Forze Speciali russe attaccavano le difese di Jabhat al-Nusra a nord di Hama, ad al-Mahrdah, eliminando 55 terroristi. Le forze governative respingevano l’attacco dei terroristi su Abu Ubaydah, a nord di Hama, mentre la SAAF effettuava numerose sortite contro le linee dei terroristi ad al-Lataminah e Muraq, eliminando decine di islamisti. Le truppe dell’Esercito arabo siriano respingevano l’offensiva dei gruppi terroristici sud Jadrin, tra Homs e Hama, eliminando numerosi terroristi. Nel frattempo, l’artiglieria dell’EAS bombardava le posizioni di Jabhat al-Nusra a Hirbnafsa e del Jaysh al-Izah a Lahaya e al-Buayzah, eliminando decine di terroristi.

La Turchia corre in soccorso del Califfato

Alessandro Lattanzio, 26/4/2017Il 25 aprile, 26 velivoli dell’aviazione turca bombardavano le basi curde e yezidi sul Jabal Qarju, nella regione di Shinqal, tra la Siria e l’Iraq, nei pressi di Dariq, distruggendo una base delle YPG, una stazione radio e un centro mediatico del PYD, ed uccidendo 20 combattenti delle YPG e 5 peshmerga curdi iracheni. Le YPG addestravano le forze di difesa yezidi. I cacciabombardieri turchi distruggevano anche il memoriale dei curdi caduti combattendo contro il Califfato.Gli attacchi aerei turchi erano volti a bloccare l’operazione delle YPG (SDF) contro la base dello Stato islamico di Raqqa, dove le forze democratiche siriane avevano eliminato 18 terroristi la stessa mattina del 25 aprile. Il leader del Partito dell’Unione Democratica Curda (PYD) Salih Muslim affermava che “gli aerei da guerra turchi non possono volare nella zona senza l’approvazione della coalizione. La coalizione deve fare una dichiarazione, sapeva dell’attacco? Cosa ne pensa?” Ilham Ehmed, leader del Consiglio Democratico Siriano (SDC) affermava, “Mentre le YPG partecipano all’operazione Rabbia dell’Eufrate per liberare Raqqa, la Turchia attacca i nostri centri. Non accettiamo attacchi aerei alle nostre forze, siano esse turche, russe o siriane“. L’artiglieria turca bombardava anche il villaggio curdo di Farfiraq, nell’area di Raju, presso Ifrin, a nord di Aleppo; nel frattempo, 15 terroristi filo-turchi venivano eliminati dalle SDF ad al-Shahba e Ifrin, dopo che i terroristi filo-turchi avevano attaccati i villaggi della regione di al-Shahba, bombardando le posizioni delle SDF ad al-Wahshiyah, Tal Madhiq, diga di al-Shahba, al-Qulsaruj, al-Samuqah, al-Shahba, al-Shalah, Tal Jihan, al-Hisah, Harbal, Tal Rifat, Shayq Isa, al-Wardiyah, Hasijaq, Ayn Daqanah e Miniq.Gli Stati Uniti esprimevano ‘profonda preoccupazione’ per gli attacchi aerei turchi contro i combattenti curdi in Siria e Iraq, dichiarando di non essere stati autorizzati dalla coalizione anti-SIIL degli Stati Uniti. “Abbiamo espresso queste preoccupazioni direttamente al governo della Turchia“, ha detto il portavoce del dipartimento di Stato USA Mark, “Questi attacchi aerei non sono stati approvati dalla coalizione e hanno portato alla sfortunata perdita di vita di nostre forze partner nella lotta contro lo Stato islamico“. I turchi avevano segnalato gli imminenti attacchi aerei a Stati Uniti e Russia, e in risposta il Pentagono esortava a “rispettare l’integrità territoriale dell’Iraq“. A differenza della Russia, che avvertì i siriani dell’attacco su Shayrat, Washington non avvertiva i suoi ‘alleati’ curdi dell’imminente attacco aereo turco, che tra l’altro colpiva le aree santuario per i curdi istituite dagli USA quando avvertirono Damasco di non bombardarle, poiché gli istruttori statunitensi addestravano i combattenti delle YPG. Gli statunitensi dispongono di basi militari a sud di Ayn al-Arab e presso Qamishli, in Siria, dove opera il 75.mo Reggimento Ranger delle forze speciali statunitensi, che partecipano alle operazioni delle SDF/YPG contro le basi dello SIIL a Raqqa e a Tabaqa.
Tutto ciò avveniva pochi giorni dopo che la Russia riattivava la linea telefonica tra i militari russi e statunitensi in Siria, dopo aver chiarito agli Stati Uniti che le loro operazioni aeree in Siria dipendono dall’accordo russo e che la Russia non le permetterà se gli Stati Uniti effettueranno ulteriori attacchi contro la Siria. La linea era stata riattivata il giorno dopo la richiesta personale del segretario di Stato USA Rex Tillerson al Ministro degli Esteri russo Lavrov, il 21 aprile.Nel frattempo, il governatore generale di Dara, Muhamad Qalid al-Hanus, osservava la preparazione dell’Esercito arabo siriano nell’affrontare qualsiasi possibile aggressione da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati, “Gli Stati Uniti sono il principale sostenitore della guerra contro la Siria e aiutano i terroristi a Dara dalla Giordania. Ma se decidono di schierare proprie forze nei territori siriani dai confini giordani, ciò sarà considerato una chiara aggressione alla sovranità della Siria e il Comando Generale dell’Esercito arabo siriano adotterà nuove misure operative nella regione”. Il Presidente siriano Bashar al-Assad aveva dichiarato che Damasco ha intelligence sulla Giordania intenzionata a dispiegare proprie truppe in Siria in coordinamento con gli Stati Uniti, “Abbiamo queste informazioni, ma in ogni caso la Giordania fa parte dei piani statunitensi sin dall’inizio della guerra in Siria. Gli Stati Uniti definiscono i piani e gli attori e appoggiano tutto ciò che colpisce la Siria dalla Giordania, e i molti terroristi che provengono dalla Giordania e, naturalmente, dalla Turchia, fin dal primo giorno di guerra in Siria“. La dichiarazione osservava i colloqui tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il re Giordano Abdullah II alla Casa Bianca sul Medio Oriente. La Giordania rientra nella coalizione degli Stati Uniti contro lo ISIIL, che effettua attacchi aerei in Siria senza l’approvazione delle autorità siriane, violando il diritto internazionale.

Forze speciali statunitensi distaccate presso le YPG curde.

Fonti:
Cassad
FNA
FNA
FNA
Kom News
Kom News
Moon of Alabama
Reuters
Rudaw
The Duran

Il comandante dell’esercito turco Huslu Akar (a destra) guida gli attacchi aerei turchi su 39 posizioni curde in Iraq e Siria.

Hama 1982: i Fratelli Musulmani in Siria

La banda dei Fratelli Musulmani in Siria: Una storia di criminalità e collaborazione con i colonizzatori
Munir Ayham
1 – La nascita dell’organizzazione avvenne nel 1936
Il capo dell’organizzazione aveva rapporti con i servizi segreti inglesi, si chiamava Hassan al-Banna, l’istruttore di Mustafa al-Sibai in Egitto. Quando Mustafa tornò a Damasco, incontrò l’organizzatore dal nome di “giovane Maometto”, Mustafa al-Sibai, che aveva costituito l’organizzazione dal nome “Fratelli Musulmani”. L’organizzazione tenne numerose conferenze e nella terza conferenza tenutasi a Damasco, si decise di creare il comando centrale a Aleppo, perché era più vicina alla Turchia; la fratellanza musulmana considera il dominio ottomano una continuazione del califfato islamico. Mustafa Sibai, il primo osservatore dei fratelli musulmani, ne emerse come il fondatore. Un altro, Marwan Hadid che aveva studiato a Cairo negli anni cinquanta, tornò in Siria come Imam della moschea ed iniziò a diffondere “Il pensiero della mia colpa” dal pulpito della sua moschea. Nel 1973 Marwan Hadid contattò i criminali Hosny Abo e Mohammad Tamim al-Shaqfa e concordarono la costituzione di una sezione armata della fratellanza musulmana nominandola “i combattenti dell’avanguardia” autori dei crimini più indicibili in Siria, tra cui i massacri di Azbaqiah e della scuola di artiglieria. Il criminale Marwan Hadid aveva collaborato con molte bande ad Hama e contattò religiosi musulmani e associazioni islamiche in provincia, chiedendoli di emettere fatwa per la jihad contro il regime e la condanna a morte di chi si opponeva alle sue idee.
Nel 1976 il successore di Marwan Hadid fu Abd al-Satar, che nella sua prima operazione uccise il Maggiore Muhammad Gharra ad Hama. A Damasco altri criminali, Irfan Madani, Jamal Amari, Ayman Sharbatji, Basam Faraon, Abdulnasser Abasi e Riad Humul formarono un ramo dell’organizzazione dei fratelli musulmani, questa banda distribuiva volantini firmati come Partito comunista, in modo da ingannare le autorità; due settimane dopo fu assassinato il Dottor Mohammad Fadil dai criminali Amar Marqa e Faisal Ganama, poi fu assassinato il Dottor Ibrahim Naamah dai criminali Hisham Jumbaz e Ayman Sharbatji. Nell’organizzazione in Siria fu eletto Ali al-Byanuni, supervisore generale che, come ufficiale nelle istituzioni, era l’informatore dell’organizzazione. Ad Hassan Haluf fu assegnato il compito di arruolare i vari infiltrati nelle istituzioni, per operazioni criminali nelle province.
Ad Homs furono assegnati Abdel-Qadir Zahran e Ismail Jada
Ad Idlib furono assegnati Ahmad Salah Hasnawi e Said Qais
Ad Aleppo fu assegnato Hassan Agil
A Jisir al-Shughur fu assegnato Ali al-Jabi
A Lataqia furono assegnati Ahmad Nisana e Burhan Julaq
A Damasco, l’organizzazione prese di mira i circoli religiosi nelle moschee per reclutare i giovani. Uno dei luoghi più importanti per il reclutamento fu la moschea nella zona di Muhajirin e un’altra nella zona di Midan. I nomi dei funzionari dell’organizzazione a Damasco erano:
Jamil al-Jamil a Qafar Susah
Ali al-Sidawi a Duma
Muhammad al-Sfar a Quswah
Muhammad al-Qatib a Dara
Ahmad Az al-Din a Madaya
Shahdan al-Ammar e al-Din al-Bazilti nella zona di Ruqun al-Din.
Questi personaggi attirarono i giovani e li reclutarono nei combattenti dell’avanguardia. Questi giovani furono istruiti nelle tecniche per nascondere armi da fuoco e nello smontare e rimontare l’arma, nel pedinamento di personaggi politici e dei palazzi istituzionali, facendo ogni sorta di pressione psicologica in modo che fossero implicati nel loro gruppo, comunque. Un modo crudele di addestrarli consisteva nell’uccidere persone innocenti come gli spazzini che uscivano all’alba per pulire le strade.

2 – La banda di criminali dei fratelli musulmani
L’organizzazione segreta avviò le operazioni terroristiche in Siria, sotto forma di attentati, uccisioni, esplosioni, omicidi di figure governative, leader politici e religiosi, membri del partito, oltre ad una serie di brillanti professionisti, medici, ingegneri e funzionari. Le vittime più importanti furono i martiri:
1 – il colonnello Ali Haidar governatore di Hama assassinato nell’ottobre 1976
2 – il dottor Muhammad Fadil presidente dell’università di Damasco assassinato nel febbraio 1977
3 – Il comandante della brigata missilistica Abdul-Qarim Razuq che l’occidente considerava uno dei migliori al mondo nella tecnica missilistica, assassinato nel giugno 1977
4 – il professore Ali bin Abdul al-Ali dell’università di Aleppo, assassinato nel novembre 1977
5 – il direttore generale dei medici dentisti Dottor Ibrahim Naamah ucciso nel marzo 1978
6 – il colonnello Ahmad Qalil direttore della polizia nel ministero dell’interno, assassinato nell’agosto 1978
7 – Adel Mayina, procuratore della suprema corte per la sicurezza assassinato nell’aprile 1979
8 – il Dottor Shahadah Qalil specialista mondiale di neuro-chirurgia oltre ad essere medico privato del defunto presidente siriano Hafiz al-Assad, assassinato nell’agosto 1979.
Gli atti più eclatanti si verificarono ad Aleppo dal 16 giugno al luglio 1979, quando fu assassinato un grande numero di allievi ufficiali della scuola d’artiglieria di Aleppo, in seguito noto come massacro della scuola ufficiali, comandata dal criminale Ibrahim Yusif, complice dell’organizzazione dei Fratelli mussulmani, che fece riunire gli studenti nella sala da pranzo e che separò secondo la loro appartenenza religiosa, per poi dare l’ordine ad elementi dei fratelli musulmani di aprire il fuoco con fucili mitragliatori e granate, provocando 83 caduti, senza risparmiare dei tecnici russi, anche loro uccisi, inoltre ci fu il ferimento di dieci esperti in una serie di attentati nel gennaio 1980.
Agli inizi del 1980 il team dei Fratelli musulmani inviò dei cecchini per uccidere membri del governo e del partito, Abdul Aziz al-Adi della sezione di Hama fu ucciso brutalmente con sua moglie e i suoi figli, e il corpo gettato in strada; invece sopravvisse ad un attacco un membro del partito che si chiamava Ahmad al-Assad, dopo che fu gettata una bomba a casa sua, e nel giugno 1980 i terroristi della Fratellanza musulmana tesero un agguato al consigliere esecutivo della provincia di Aleppo, Ali Baghdadi, e ammazzarono uno dei suoi fratelli, invece l’altro fratello fu ferito allo stomaco. Ad Aleppo tra il 1979 e il 1981, i terroristi dei Fratelli musulmani uccisero 300 persone tra membri del governo e del partito, professionisti e una dozzina di religiosi musulmani che si opponeva ai loro crimini, il più importante martire fu l’imam Muhammad al-Shami, massacrato nella sua moschea di Sulaimania di Aleppo, il 2 febbraio 1980, inoltre il presidente siriano Hafiz al-Assad sopravvisse ad un attentato dei Fratelli musulmani che lanciarono due bombe e spararono mentre il presidente era in attesa di un diplomatico africano, presso la porta del Palazzo degli ospiti, il presidente Hafiz al-Assad si accorse di una delle bombe e la calciò allontanando il pericolo, mentre l’altra fu vista da una delle guardie la guardia del corpo, il martire Qalid al-Husain, che gettò il presidente a terra e fece uno scudo con il suo corpo per proteggerlo.

3 – Massacro della scuola di artiglieria di Aleppo
Alle prime ore dell’alba di domenica 17 giugno 1979, il generale Hiqmat al-Shihabi contattò il Capo di stato maggiore dell’esercito Hafiz al-Assad che era presente in quel momento a Baghdad e lo informò del massacro accaduto nella scuola di artiglieria di Aleppo per mano della banda dei Fratelli musulmani, alcune ore prima le truppe dei servizi segreti militari siriani erano entrati nella scuola di artiglieria dove trovarono i corpi dei martiri degli allievi ufficiali, nella sala del simposio piena di cadaveri, sangue e resti umani ovunque e dei molti allievi ufficiali feriti; le parole scritte sulla lavagna macchiata di sangue dagli attentatori: la Fratellanza musulmana, i combattenti dell’avanguardia firmarono il massacro. Nel cortile della scuola i servizi segreti militari trovarono un allievo ufficiale ferito, era fuggito dalla sala del seminario e aveva incontrato l’ufficiale in servizio chiedendo aiuto, dicendo: signore non vede cosa hanno fatto questi criminali, ma questi era traditore e complice della banda, il capitano Ibrahim Yusif che ordinò al commando degli attentatori di sparargli ferendolo gravemente. Riguardo la pianificazione dell’atroce massacro contro gli allievi ufficiali, alle 18.30 del sabato 1979 il capitano traditore Ibrahim Yusif aveva lasciato la scuola di artiglieria con un’auto guidata dal sergente, criminale anche lui, il traditore Abdul Rashid Husain, recandosi lì vicino dove li attendeva il commando dei criminali fratelli mussulmani, i più importanti dell’organizzazione di Aleppo, il capo egiziano Hosni Abo e il suo vice Adnan Aqla, Zuhair Qaluta, Ramiz Issa e Ayman al-Qatib. Diede loro uniformi con diversi gradi e si sparpagliarono attorno l’edificio del seminario, dicendogli di attendere il suo segnale dopo di che il traditore Ibrahim Yusif fece raccogliere tutti gli allievi ufficiali con il pretesto di una riunione con il direttore del collegio per dargli alcune istruzioni, erano 300 allievi ufficiali riuniti nella sala e una volta entrati il criminale Ibrahim Yusif, accompagnato da Hosni Abo e Adnan Aqla, lesse alcuni nomi e gli chiese di lasciare la sala, ma questi erano i criminali infiltrati Yahia Qamil al-Najar e Mani Mahmud al-Qalaf, che erano d’accordo con il criminale Ibrahim Yusif e tornarono a prendere posizione fuori dal seminario per l’esecuzione del delitto, che fu respinta dagli allievi ufficiali, i martiri Muhsan Amir e Muhammad al-Dawiya, anche loro usciti dal seminario. Dopo l’ordine dello sporco crimine, Ibrahim Yusif con alcuni ufficiali in ostaggio che dovevano essere in contatto con la dirigenza… andarono verso il quartiere generale della guardia accompagnati dai criminali Mustafa Qasar, Mahir Attar, Adel Dalal e uccisero la prima recluta Hosib Manuqian e quando vide il suo collega insanguinato la seconda recluta, che si chiamava Abdul Aziz Qalif, con il suo fucile tentò di sparare ma era scarico, perché il criminale Ibrahim Yousif aveva ordinato di non caricare i fucili prima delle otto, quando videro che prese in mano l’arma, lo uccisero subito.
Verso le otto, il criminale Ibrahim Yusif diede ordine ai criminali che avevano circondato l’edificio di aprire il fuoco intensamente e di lanciare granate da tutte le direzioni sugli allievi ufficiali, ne morirono 34 all’istante e altri morirono dissanguati, l’eroe martire capitano Ahmad Zuhairi prese in mano una bomba lanciata dai criminali, per proteggere i suoi colleghi e corse fuori dalla sala facendo da scudo con il suo corpo; un altro capitano, che si chiamava Sulaiman Rashid Ismail Amar, aveva affrontato la morte attaccando un aggressore che gli sparò in testa, nel frattempo molti feriti riuscirono a scappare dal seminario, i criminali cercarono di inseguirli, ma alcuni sopravvissero al massacro. Dopo l’operazione, i terroristi della fratellanza mussulmana uscirono dalla scuola accompagnati dal traditore Ibrahim Yusif con l’auto guidata dal traditore Abdul Rashid Husain, che tornò come se nulla fosse accaduto.
I militari dell’intilligence Abdul-Rashid al-Husain, Mani Qalaf e Yahya Najar furono consegnati immediatamente al tribunale su testimonianza degli ufficiali sopravvissuti. I criminali furono portati nel campo della scuola di artiglieria e condannati a morte. Nel novembre 1979 la sicurezza militare arrestò il criminale Hosny Abo, coapo del gruppo armato di Aleppo, e dopo essere stato processato fu anch’egli condannato a morte e giustiziato. Il 3 giugno 1980 le forze di sicurezza scovarono il criminale Ibrahim Yusif nel suo nascondiglio ad Aleppo, e dopo averlo circondato fu ucciso dopo un feroce scontro e si dice che il suo corpo fu trasferito nella scuola di artiglieria passando davanti le classi degli allievi ufficiali che sputarono sul cadavere e cercarono di farlo a pezzi. Nel 1982 le forza di sicurezza arrestò il criminale Hadnan Aqla e lo consegnarono alla corte di sicurezza dello Stato.
Dopo il massacro il popolo siriano manifestò in massa ad Aleppo, Homs, Idlib, Damasco Lataqia, Hasaqah, Dair al-Zur e altre località, chiedendo la cattura dell’intera banda.

4 – Il massacro dell’Azbaqiah
Il 29 novembre del 1981 la banda dei fratelli musulmani di Yasin bin Muhammad Sarij fece esplodere un’autobomba nel quartiere di Damasco di al-Azbaqiah, un’auto Honda caricata con 300kg di tritolo (TNT), uccidendo oltre 175 persone. Alcuni nomi dei martiri individuati dai resti dei corpi: Muhammad Iqsan al-Musaian, Umar Faruq al-Zubi, Burhan Shams al-Din, Qasim bin MUhammad Rustam, Id Maqario Qira, Zahi Lutfi al-Samin, Muhammad bin al-Abidin, Dia al-Laham. E alcuni nomi dei feriti: Muhammad Ziad Biram, Muhammad Nur, Muhammad Shahadah, Nasir Fashetqi, Muhammad Ahmad Sadiq, Antun Tahtuh, Abdul Nadir Qatib, Musa Mahmud, Marwan al-Salah, Mahmud Hamidi, Muhammad Dudi, Uzzo Shah al-Bustani, Najah Salim al-Hulu, Rana Ayub, Nada al-Sadiq, Ratibah al-Hajah, Ismail Abdo Abbud, Nazir Abdalla Hazim, Mustafa Najar, Ali Saqaf, Riad Bilal, Maliq Shahadah, Ahmad Qarim, Adnan Muhammad Tahan, Ahmad Awad, Muhammad Zaqaria Sharif, Mutanios Jabur Isbar, Yasin Sharara, Umaya Usman e altri. Questo attentato fu il più devastante della storia siriana. La maggior parte delle vittime erano civili, quest’esplosione avvenne nell’ora di punta delle 11,20 del mattino, e furono danneggiati gravemente anche i palazzi circostanti e parti di corpi volarono dappertutto, i soccorritori impiegarono parecchio tempo per estrarli dalle macerie. Alcuni testimoni oculari dissero di avere visto un autobus che passava in quel momento in via Baghdad, alzarsi da terra a seguito dell’esplosione e disintegrarsi, tutti i 31 passeggeri morirono; i feriti furono trasportati nei vari ospedali della capitale e alcuni furono trasportati con auto private, a seguito dell’esplosione 40 famiglie persero le loro abitazioni.
Racconta un testimone oculare del tragico attentato: ero giovane quando vi furono le esplosioni di Damasco, negli anni ottanta, ci eravamo spostati nella zona di Ruqun al-Din, in una casa in affitto per nostra sicurezza, ma non eravamo tranquilli, perché arrivarono a minacciarci nel nostro appartamento. Un ufficiale dice: non dimenticherò mai e rimarrà nella mia memoria come se l’orologio si fosse fermato il 29 novembre 1981, quando morirono 175 persone, dice l’amico, un ufficiale che era nella zona dell’esplosione e che per prima cosa vide, tra la polvere, un gatto stringere tra i denti una mano umano, e l’ufficiale prese in mano la sua pistola e sparò al gatto. Fino ad oggi non riuscirò a dimenticare quella scena e l’importanza della pace in Siria.
I fratelli musulmani si giustificarono dicendo che i combattenti dell’avanguardia che compirono l’attentato all’Azbaqiah, avevano agito indipendentemente. Una delle rivendicazioni dei Fratelli musulmani fu che non era stato sparato nemmeno un colpo contro Israele, e per questo si sentivano in diritto di terrorizzare la popolazione.

5 – L’inizio degli scontri con i Fratelli musulmani
Hama, la notte del 2-3 febbraio del 1982. Durante un pattugliamento, un’unità dell’esercito in città cadde in un’imboscata e dei cecchini dai tetti uccisero una ventina di soldati, i soldati trovarono il nascondiglio del leader dei terroristi (Muhammad Jawad) meglio conosciuto con il nome di guerra Abu Baqr, aveva nei quartieri densamente popolati una rete di cellule, e dopo una chiamata via radio, arrivarono immediatamente sul posto le forze governative che lo circondarono. Abu Baqr diede l’ordine di effettuare un attacco armato e lanciò un appello alla jihad contro il governo dagli altoparlanti delle moschee e a quel punto, centinaia di terroristi uscirono dai loro nascondigli uccidendo, saccheggiando e attaccando le case dei funzionari e dei leader del partito, forzarono i depositi delle armi nelle caserme della polizia e le rubarono per impadronirsi della città, aggredirono le ragazze paracadutiste che massacrarono mentre dormivano: due assassini erano scesi dai tetti. Un gruppo dei fratelli musulmani circondò l’abitazione del governatore Muhammad Harba chiedendogli di uscire con le mani alzate, ma lui difese se stesso e la famiglia, finché arrivarono le forze di sicurezza. Alla mattinata del 3 febbraio furono ammazzate 70 persone del governo e del partito, e i fratelli musulmani dichiararono l’occupazione della città. Il giorno seguente si riunirono il governatore Muhammad Harba, il segretario del partito Ahmad al-Asad e i membri delle autorità sopravvissuti al massacro della notte, ognuno di loro prese la propria arma presso la sede del partito per difendere la Patria, chiamando le forze del governo a ripulire Hama: dopo tre settimane di violenti combattimenti le forze governative riuscirono a ripulire la città dai fanatici.

6 – I rapporti all’estero
Nel 1980 il presidente Hafiz al-Assad accusò la CIA di incoraggiare e sostenere il terrorismo e il fondamentalismo in Siria; dopo due anni, il 10 febbraio 1982 furono rilasciate le dichiarazioni dal dipartimento di Stato USA e dai fratelli musulmani in Germania ovest (ufficio di Isam al-Atar) che annunciarono di essere i protettori dell’insurrezione terrorista, chiara prova della cooperazione tra la confraternita e gli statunitensi. La prova più significativa ad accusare gli statunitensi furono dei dispositivi elettronici che furono trovati in possesso dei fratelli musulmani, e che non potevano essere stati venduti da terzi senza il consenso e l’approvazione del governo degli stati uniti. I servizi dell’intelligence siriani erano convinti che questi strumenti fossero di produzione statunitensi e che venissero infiltrati in Siria da Israele, Beirut est, Amman e Baghdad. Il presidente siriano accusò gli statunitensi di complicità con i terroristi che negarono ogni interferenza dicendo che per sollevare quelle accuse bisognava avere delle prove concrete; a quel punto il presidente siriano mostrò le apparecchiature con i loro numeri di serie e chiese agli statunitensi d’informarlo a chi avessero fornito le apparecchiature corrispondenti a quei numeri, gli statunitensi rifiutarono di fornire quelle informazioni e infine il presidente siriano evidenziò il fatto che gli statunitensi erano complici dei terroristi.
Durante il funerale di Tito, nel maggio 1980, erano presenti il re giordano Hussein e il presidente siriano Hafiz al-Assad, quest’ultimo in quell’occasione lo accusò decisamente di essere complice dei massacri in Siria. Dopo cinque anni, quando i rapporti tra i due governanti migliorarono, il re giordano ammise la sua colpevolezza, e si seppe in seguito che il regime giordano aveva accolto esponenti dei fratelli musulmani in Siria, tra cui il criminale Ali al-Bayanuni che era riuscito a fuggire in Giordania con la complicità e l’assistenza dei servizi segreti giordani. Molte persone arrestate ammisero il loro tradimento e i loro rapporti con il regime di Saddam, ammisero il loro collegamento con gli ufficiali di Baghdad e il loro coinvolgimento nel contrabbando di armi attraverso il deserto del al-Sham. Erano iniziati i contatti tra il capo dei terroristi (del braccio armato dei fratelli musulmani) e il regime iracheno, dopo la fuga dei criminali Umar al-Wani e Mahdi al-Wani a Baghdad, nel 1979, che furono ricevuti dal regime iracheno con grande entusiasmo e considerarono Umar al-Wani il rappresentante ufficiale dei fratelli musulmani in Iraq. Inoltre Baghdad annunciò la volontà di equipaggiare completamente l’organizzazione, e il governo iracheno inviò 200.000 sterline con 10 mortai e 10 lanciarazzi RPG, con 100 colpi di ogni tipo e grandi quantità di munizioni per fucili russi. Questa consegna avvenne attraverso Dair al-Zur. Il governo iracheno addestrò elementi dell’organizzazione negli anni ’80, per un mese, e promise la piena apertura di un nuovo ciclo ogni primo del mese. I corsi del governo iracheno per i combattenti dei fratelli mussulmani consistevano nell’uso, nel montare e smontare pistole o fucili, oltre a usare granate, mortai, esplosivi, RPG e radio. Fu il comandante dei fratelli musulmani a chiedere al leader iracheno d’insegnare alla sua banda tutte queste cose, oltre a chiedere d’insegnare come usare i carri armati, e la richiesta fu accettata dal regime iracheno.
Il governo siriano sequestrò le armi ottenute dai terroristi della confraternita da parte dei guardiani della milizia dei cedri libanese, collegata direttamente ad Israele (era l’equivalente dell’attuale milizia del Futuro e di Samir Geagea in Libano), inoltre il capo prese ufficio in Egitto, per risolvere il sostegno della banda in Siria, e vale la pena ricordare che l’ufficio della guida è il massimo organo direttivo dell’organizzazione dei fratelli musulmani, e i più importanti capi furono: Rashid al-Gawash in Tunisia, Abdul Fatah abu Ghaddah e Adnan Saad al-Din in Siria, Yusif al-Qaradawi in Qatar, Yasin al-Abdel in Yemen, Faysal Mawlawi e Ibrahim Masri in Libano.Documento interno riservato
Il documento segreto trovato in un covo della fratellanza musulmana riguardo la sicurezza, il regolamento recita che il documento indica che coloro che Dio ha creato capi dei fratelli, avevano la responsabilità delle basi che, una volta aperte, non dovevano comprometterne la sicurezza, e per mantenere la propria sicurezza dovevano fare quanto segue:
– Un fratello è il comandante del gruppo, è il riferimento in tutte le questioni e non è mai permesso scavalcarlo.
– Conoscenza limitata del gruppo, basandosi sul fatto che non si devono conoscere posizione e regole di un’altra base.
– Divieto di portare qualsiasi amico nella base ed essere cauti e prudenti con gli altri.
– Parlare a voce bassa e ridurre gli incontri a uno o due giorni alla settimana.
– Avere estrema cautela quando si lascia la base rientrando nelle proprie abitazioni.
– Chi dona la base, ha la missione di dedicarsi ai servizi pubblici del gruppo.
– Conversare senza nominare il movimento.
– Distruggere tutto ciò che si riferisce all’organizzazione.
– Uscire di casa immediatamente se c’è un rischio, basandosi sul principio dell’arrangiarsi da solo (in arabo si dice Dabir rasaq)
– In caso di un ferito che ostacola il ritiro, deve essere ucciso dai suoi amici, l’auto-esecuzione è permessa con parere consultivo legittimo dell’imam (in arabo si chiama shaiq) Abdul-Aziz bin Baz direttore dell’università islamica di Madina al-Munawara e dell’imam Faysal al-Mawlawi. Un’altra fatwa su un elemento dei fratelli musulmani che si suicida per non cadere in mano ai nemici, per non danneggiare l’organizzazione, viene considerato un martire.
Gli obiettivi più importanti dell’organizzazione devono essere:
– caserme ed aeroporti
– abitazioni dei militari
– fabbriche della difesa
– stazioni delle poste e vie di comunicazione, silos dei cereali
– club e scuole degli ufficiali, il movimento dei convogli militari, specialmente quelli di ufficiali, e l’elenco potrebbe continuare.

Fonti
Al-Assad e il conflitto in medio oriente (Patrik Seale)
Il flagello della patria (Robert Fisk)
Lo specchio della mia vita (Mustafa Tlas)
I Fratelli musulmani e la nascita di un nero sospetto
Memorie di alcuni dei criminali della fratellanza musulmana, i combattenti dell’avanguardia.

A cura di Alessandro Lattanzio – SitoAurora