La Cina testa con successo il nuovo ICBM DF-41 sul Mar Cinese Meridionale

La Cina invia un avvertimento a Washington?
Brian Kalman, Southfront
Brian Kalman è un professionista del trasporto marittimo. Ex-ufficiale della Marina degli Stati Uniti per undici anni, attualmente risiede e lavora nei Caraibi.Dong Feng 41 DF-41 intercontinental ballistic missile (ICBM) Chinese Nuclear Second Artillery Corps (SAC) 2nd  multiple independently targetable re-entry vehicle (MIRV) (2)La Cina ha condotto un test di lancio del nuovo ICBM DF-41, il 12 aprile. Il missile è stato lanciato da un autoveicolo di lancio. Due veicoli di rientro a puntamento indipendente (MIRV) dal lancio furono monitorati dai satelliti statunitensi. Alcune fonti sostengono che i MIRV disarmati si tuffarono nel Mar Cinese Meridionale, ma né i funzionari cinesi né quelli statunitensi l’hanno confermato. In risposta alle domande riguardanti la posizione dell’impatto delle testate fittizie, il Ministero della Difesa cinese aveva risposto cripticamente che, “E’ normale per la Cina compiere esperimenti scientifici nel proprio territorio, e questi esperimenti non sono destinati contro un Paese specifico”, ammettendo solo che il missile è stato lanciato “presso il Mar cinese meridionale il 12 aprile”. La Cina aveva condotto un test di espulsione dal contenitore del DF-41 da un veicolo di lancio su rotaia, il 5 dicembre 2015. Il DF-41 è progettato per essere lanciato da veicoli di lancio su rotaia o strada, invece che dai silo fissi, in modo da massimizzare la difficoltà di rilevamento della posizione e migliorarne le possibilità di sopravvivenza a un primo attacco. Il DF-41, o Dong Feng (Vento dell’Est) 41, ha una gittata effettiva compresa tra 14000 e 20000 km, permettendogli di colpire qualsiasi punto degli Stati Uniti continentali entro 30 minuti dal lancio. L’ICBM può anche trasportare 10 MIRV. Il test più recente ha dimostrato la capacità del DF-41 di trasportare almeno 2 MIRV. La Cina molto probabilmente non ha testato il missile con il massimo carico di MIRV, mantenendo i servizi d’intelligence esteri nel dubbio sull’esatta capacità del DF-41. La Cina si propone di schierare i DF-41 sia su veicoli stradali che su veicoli su rotaia entro il 2020, e sembra che l’ICBM sia in avanzata fase di sviluppo. La Cina ha compiuto notevoli progressi negli ultimi dieci anni nello sviluppo di avanzati ICBM a testata MIRV per la neodenominata Forza Missilistica dell’Esercito di Liberazione Popolare, e per la flotta di sottomarini lanciamissili balistici a propulsione nucleare della Marina dell’Esercito di Liberazione Popolare. I cinesi sviluppano anche i veicoli di rientro manovrabile (MARV) per i missili balistici intercontinentali. Questi MARV rendono le testate molto più difficili da intercettare una volta separatesi dall’ICBM, durante il rientro. Il DF-41 molto probabilmente avrà testate MARV nell’eventuale schieramento nella Forza Missilistica dell’ELP nei prossimi anni.
Nel momento in cui i capi di Congresso, gruppi di pressione ed analisti militari mettono in discussione età e sostenibilità del deterrente nucleare degli Stati Uniti, Cina e Russia potenziano quantitativamente e qualitativamente la propria deterrenza nucleare. La Cina ha almeno 4 SSBN Tipo 094 classe Jin in servizio di pattugliamento di deterrenza, con quattro ulteriori battelli previsti dal 2020. Il Tipo 094 trasporta 12 SLBM JL-2 dotati di 2-3 MIRV ciascuno e hanno una gittata efficace di circa 7000 km. La Russia ha similmente fatto progressi negli ultimi anni aggiornando la flotta sottomarina del deterrente nucleare varando 3 degli 8 previsti SSBN classe Dolgorukij (denominazione NATO Borej), altrimenti noti come Proekt 955. SSBN di 4.ta generazione dallo scafo che ospita 16 pozzi di lancio per gli SLBM RSM-56 Bulava. Il Bulava ha una gittata effettiva di 10000 km e può trasportare 6-10 MIRV. I 5 sottomarini da completare sono stati ridisegnati per accogliere 20 SLBM Bulava. L’ICBM di quinta generazione russo RS-24 Jars è in servizio dal 2010 con 63 unità stradali e 10 unità su silo operativi a gennaio di quest’anno. Lo Jars ha una gittata effettiva di 12000 km e può trasportare 10 MIRV. Ogni testata è dotata di avanzate contromisure anti-ABM, rendendo molto difficile ai sistemi missilistici antibalistici distruggerla. La Russia prevede di sostituire tutti i vecchi missili balistici intercontinentali con lo RS-24 Jars e il Topol-M. Il più avanzato ICBM RS-28 Sarmat è in avanzata fase di sviluppo e dovrebbe sostituire l’SS-18 Satan nell’arsenale deterrente nucleare russo. L’RS-28 Sarmat dovrebbe avviare la fase dei test avanzati questa estate, per essere operativo dal 2018. La Russia attualmente sviluppa veicoli di rientro ipersonici per le 10 testate che l’RS-28 dovrà trasportare. I MARV ipersonici non sono solo in grado di cambiare rotta, ma viaggiano anche a una velocità tale che sarà virtualmente impossibile intercettarli.
Se l’ultimo lancio di prova dell’ICBM cinese DF-41 aveva lo scopo d’inviare vari avvertimenti a Washington o meno, va interpretato. Se viene confermato che le testate fittizie sono finite nel Mar Cinese Meridionale pochi giorni dopo che il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Ashton Carter aveva visitato il CSG dell’USS John C. Stennis nella regione, il 16 aprile, il messaggio per gli Stati Uniti sarà abbastanza chiaro. La Cina avverte che non solo può ed è disposta a combattere gli Stati Uniti nel proprio cortile, ma che rapidamente avrà la capacità di colpirli nel loro cortile.1326285393_57421Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Riuscito test della testata ipersonica russa Ju-71

Sdelanounas, 21 aprile 2016 – Fort Rus92e53d46b07d89e3208d848834a47858All’inizio della settimana, la Russia ha condotto un test riuscito del nuovo equipaggiamento aerobalistico ipersonico per il promettente missile balistico intercontinentale (ICBM) Sarmat, che presto sostituirà il potente ICBM russo RS-20 Voevoda (classificazione NATO SS-18 Satan). Ufficialmente il test non è stato segnalato, ma secondo “MK” (Moskovskij Komsomolets), dopo questo fantastico successo, secondo i progettisti, se ne avranno altri nel prossimo futuro. Il lancio di prova, secondo i nostri interlocutori, fu effettuato dal poligono Dombarovskij nell’Orenburg Oblast. Il velivolo ipersonico testato si chiama Ju-71 ed è stato lanciato con un ICBM UR-100 (SS-19 Stiletto). Gli analisti occidentali hanno scritto che il primo test di lancio dello Ju-71 avvenne nel dicembre 2011, il secondo nel settembre 2013, il terzo nel 2014. Queste informazioni si basano su dati satellitari. Gli autori della pubblicazione “Jane’s Intelligence Review” hanno affermato che i lavori su questo velivolo sperimentale iniziarono nel 2009 nel quadro del programma top-secret denominato 4202. Lo Ju-71 può trasportare una testata nucleare come una convenzionale (cioè testata non nucleare, consentita da diverse convenzioni internazionali). Gli analisti occidentali potrebbero avere ragione, ma va ricordato che nel 2004 l’ex-Capo di Stato Maggiore Generale russo Jurij Baluevskij, in uno dei suoi discorsi parlò del test della testata manovrabile per i missili balistici intercontinentali che dovrebbe aumentare radicalmente la potenza delle Forze Strategiche Missilistiche russe divenendo la risposta adeguata al dispiegamento di qualsiasi sistema di difesa missilistica. Tuttavia, il programma Sarmat fu approvato alla fine del 2011. A metà 2015 fu riferito che i test di volo del missile inizieranno nei primi mesi del 2017. Ora, dopo il test riuscito della testata, le prove di volo dei missili probabilmente avverranno presto. Si prevede che il primo ICBM Sarmat entrerà in servizio nelle unità militari di stanza nella regione di Krasnojarsk e dell’Orenburg Oblast.f9ba06967002d2c8d3ef84b9108785baPAK-DA: il bombardiere invisibile che sostituirà il Tu-160
Vjacheslav Shpakovskij, Pravda, 20/4/2016

21875358Nel 1999, la Russia annunciava i lavori per la creazione di un nuovo bombardiere strategico in sostituzione dei bombardieri Tu-95MS e Tu-160 (White Swan, Black Jack per la NATO). Il nuovo aereo doveva essere pronto nel 2010, ma i piani non si concretizzarono a causa del mancato sviluppo dei motori. Poi fu detto che la Russia si sarebbe permessa cinque bombardieri strategici Tu-160 nel 1992-2027 a 100 milioni l’uno. Il costo per lo sviluppo di un velivolo simile fu valutato 35 miliardi. Il peso massimo al decollo del nuovo bombardiere strategico, definito PAK-DA, sarebbe di non più 125 tonnellate. L’aereo avrebbe dovuto decollare per il primo volo tra il 2015 e il 2021. Per completare il programma per costruire 100 bombardieri entro il 2027, si doveva produrre un bombardiere al mese. Dal 2009, il comando dell’aviazione a lungo raggio dell’Aeronautica russa disse che l’aereo d’attacco PAK-DA avrebbe sostituito i bombardieri strategici a lungo raggio lanciamissili Tu-160, Tu-95MS e Tu-22M3. Fu affermato, inoltre, che il nuovo bombardiere sarebbe entrato in servizio nel 2025-2030 e che avrebbe sostituito i Tu-22M3, suggerendo che il nuovo bombardiere sarà un velivolo strategico supersonico, qualcosa tra Tu-22M3 e Tu-160. Nel novembre 2013, i media russi riferirono che il coordinamento del progetto del Ministero della Difesa fu completato nel settembre 2013. I lavori per la costruzione del velivolo PAK-DA sarebbero iniziate nel 2014. Il nuovo velivolo continuerà l’idea del Tu-160 e non sarà simile al bombardiere stealth B-2 degli Stati Uniti. Il PAK-DA potrà decollare da diversi tipi di basi aeree, anche da brevi piste in terra battuta trasportando armi convenzionali e speciali ad alta precisione (missili e bombe), per violare qualsiasi sistema di difesa aerea e operare in qualsiasi teatro di operazioni, in ogni tempo e condizioni meteo. La tecnologia stealth sarà utilizzata per la produzione del nuovo velivolo riducendone efficacemente la superficie riflettente. L’aereo avrà la forma di ala volante, con due potenti motori nella cellula riducendo la firma agli infrarosse delle emissioni dei motori. Nel 2014 si disse che i bombardieri PAK-DA avrebbero trasportato missili da crociera convenzionali Kh-101, così come la versione nucleare Kh-102. Un missile Kh-101 pesa 2200-2400 kg e la testata 400 kg. Il missile ha una gittata di 5000-5500 km, con profilo di volo variabile da 30-70 m a 6000 m, velocità di crociera di 190-200 m/s ed una massima di 250-270 m/s. Il missile è dotato di sistema di correzione della traiettoria optoelettronico e di un sistema di guida speciale che garantisce la precisione sul bersaglio di 12-20 metri. Secondo gli esperti inglesi, l’aereo d’interdizione dell’aviazione a lungo raggio russa sarà inoltre dotato di una nuova versione della bomba guidata KAB-1500 del peso di 1500 kg. Il sistema d’arma ne ospiterà massimo cinque. Il comandante dell’Aeronautica russa dichiarava che i nuovi aerei opererebbero per più di 50 anni, dato che la capacità operativa del nuovo velivolo sarà notevolmente migliorata con l’ammodernamento.PAK-DA-2013

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Drago degli Urali contro von Braun

Survin City

makeev2_jpg_1318835993La corsa agli armamenti non è solo il momento folle del rapido accumularsi di armamenti letali per il pianeta e dei loro test, è anche il periodo di ottimi progettisti e ingegneri. I creatori di potenti armi, che fino ad oggi hanno armato la tranquillità del popolo russo, meritano rispetto e attenzione. Sviluppo e scoperta tra criteri difficili per via dei tempi stretti e i finanziamenti regolati dal controllo dei funzionari di partito, rimangono ancora segreti. In realtà, il popolo russo creò lo strumento più perfetto nella storia del genere umano. Ma avanti s’illuminerà il lettore sulla persona di cui s’è deciso di palare qui. Si parlerà dell’uomo, della leggenda, del Drago degli Urali, Viktor Petrovich Makeev.
La storia d questo progettista strategico è tipica della sua generazione, ma allo stesso tempo incredibile ed affascinante. Ottimo ingegnere ed unico creatore di missili, nacque a Kolomna, o più esattamente vicino questa città, nel paesino di Protopopovo (altrimenti noto come Villaggio Kirov) nel lontano 25 ottobre 1924. Il bambino crebbe in una normale famiglia della classe operaia e studiò nella scuola per sette anni. La sua infanzia fu come quella di milioni di altri comuni russi. Si recò a Mosca su decisione del padre Pjotr, che volle lavorare nella nota fabbrica di aerei di Fili. A quanto pare, il desiderio di conquistare l’aria era inerente non solo a Makeev Jr., ma anche al genitore. Dopo aver terminato la scuola nel 1939, Victor Petrovich si recò subito nell’impianto da operaio, ma la natura creativa non poteva venire a patti con il ruolo di manovale. La sua mente indagatrice cercava di svilupparsi, e il giovane dall’ancora caldo temperamento dalla mente agile concepì modifiche felici. Il primo mentore del futuro progettista fu Bolkhovitinov, che individuò nel discepolo una persona creativa e desiderosa di novità. Ma apprendendo le basi scientifiche, Viktor Petrovich subì le difficili traversie della guerra. Già nel 1941, come tutti i giovani lavoratori, fu evacuato a Kazan insieme all’impianto. I turni erano di 10 e talvolta 12 ore, ma Makeev aveva ancora tempo per istruirsi. Nel 1942, s’iscrisse presso il Kazan Aviation Institute, con esami già passati nel programma delle superiori. Durante la guerra, Makeev mostrò una miracolosa resistenza e nel 1944 fu trasferito a Mosca dove continuò gli studi nel MAI. Durante questo periodo, il destino lo portò da Mjassishev. Il giovane Viktor P. voleva ardentemente diventare un progettista di aerei, ma un forte rovescio di fortuna l’attinse in modo significativo. Dapprima, Makeev provò fastidio in tal senso, perché la costruzione dei missili non lo motivava, i suoi sogni erano associati solo all’aviazione. Il NII-88, così si chiamava il nuovo luogo di lavoro del neolaureato dove Koroljov si dedicava al volo umano nello spazio. Koroljov credeva che la vocazione di Makeev consistesse nella costruzione di missili, che non erano troppo lontana da quella dei velivoli. Sergej Pavlovich in poche ore spiegò al giovane ingegnere la grande visione sui missili. A giudicare dal destino del futuro Drago degli Urali, Koroljov assicurò Makeev che non avrebbe sbagliato. Notandone talento e mente acuta, lavorò intensamente allo sviluppo dei suoi progetti. Il primo passo furono i corsi di missilistica nella Scuola Tecnica Superiore Bauman. Immediatamente lo studio dei programmi teorici di Koroljov portarono Makeev a sviluppare i missili siglati P-2 e P-3. Viktor Petrovich s’interessò alla costruzione dei missili e lo restò per sempre.
dd2e5e196f82Attivo e giovane professionista dalle doti di leadership e autocontrollo, Makeev fu rapidamente notato dai vertici del partito. L’interesse crebbe in modo significativo dopo la laurea sul tema emozionante sui sistemi di controllo del famoso progettista tedesco Von Braun. Il lavoro non fu solo un successo, ma sensazionale e scientificamente valido, ed immediatamente classificato segreto, così come il nome di Makeev. La pubblicità giocò a Viktor un crudele scherzo, fu eletto segretario dell’organizzazione Komsomol, col risultato che continuò a progettare anche quando svolgeva lavoro amministrativo. Nel 1952, alla prima possibilità, Makeev senza esitazione tornò da Koroljov. Per via della maggiore autorità di Sergej Pavlovich e della fiducia nella personalità di Makeev, fu nominato capo-progettista nel programma per la costruzione del primo missile a combustibile liquida, R-11. Come risultato di un attento lavoro della squadra di ingegneri, progettisti e altri dipendenti del centro, sotto la direzione competente di Viktor Petrovich, fu creato il missile balistico con un unico stadio a propellente liquido. Il missile aveva un propellente dalla struttura complessa, in cui un agente ossidante pressurizzato si mescolava con ossigeno liquido. I test furono un completo successo e fu adottato dal 1950. Ma il progetto di Makeev aveva carenze significative per l’evaporazione dell’ossigeno. L’R-11 richiedeva rifornimento continuo e non poteva adottare lo stato di prontezza al combattimento senza una manutenzione costante. Il missile fu sviluppato sulla base dei piani del famoso V-2, il cui ideatore era fuggito negli Stati Uniti, von Braun.
ru_nuke_slbm_rsm54_01L’obiettivo del giovane capo-progettista dell’SKB-385 era alquanto inaspettato per lo stessa Koroljov. Sebbene avesse offerto la guida a Viktor Petrovich, un sottoposto, mantenne la posizione di responsabile. I rapporti tra Makeev e Koroljov, in generale, gli consentirono un comportamento sicuro di sé, perché Sergej Pavlovich conosceva perfettamente la capacità di Viktor Petrovich nel far fronte a tali obblighi. Dopo una breve discussione Makeev fu nominato primo progettista dell’ufficio della città di Zlatust. Da allora gli Urali divennero il centro dei missili navali. La responsabilità di Makeev non era greve, e se necessario, risolveva eventuali questioni di politica interna o sulle forniture, e non fu meno interessato da vigilanza e responsabilità. Lo sviluppo del primo R-11 a propellente liquido fu curato dal centro di progettazione di Makeev, che v’investì tutto il talento e la competenza. Tuttavia i test durarono circa 2 anni, e quindi entrò in servizio nella Marina come R-11, poi come R-11FM. Per la creazione del primo missile balistico navale, Makeev e la sua squadra ricevettero il Premio Lenin. Nel 1962, un progetto di Makeev realizzò il missile tattico terrestre R-17. Questo progetto portò a un missile dalla gittata di 300 km, e includeva testate standard ad alto potenziale e testate nucleari. Ma la specializzazione dell’SKB-385 fu già definita e l’ulteriore lavoro sul progetto venne trasferito a Votkinsk. L’obiettivo principale del gruppo diretto da Viktor Petrovich era il missile lanciato da sottomarini. Quindi il progettista creò l’eccellente missile R-21. Il missile era sempre a propellente liquido e con un solo stadio, ma aveva una qualità nuova: la capacità di guidare la testata nucleare. R-21 fu adottato nel 1963. Il lancio sott’acqua dava un vantaggio fondamentale: l’assenza di rollio che assicurava un’alta precisione. Nel 1962, all’SKB-385 fu affidata la progettazione di un missile con il più recente motore a razzo a propellente liquido. Era un sviluppo molto recente. Inoltre, il missile aveva i comparti della strumentazione in cima. La complessità costruttiva era raddoppiata rispetto all’R-21, e la massa fu moltiplicata di 10 volte. Il missile fu chiamato R-27. Nel 1968, tutti i test furono completati, e il missile entrò servizio, divenendo operativo. L’ufficio progettazioni di Makeev fioriva. Gli Urali divennero la culla dei missili balistici navali e gli statunitensi definirono Makeev il Drago degli Urali. Nel 1964 ebbe l’incarico di progettare il nuovo missile a 2 stadi basato sul precedente R-29. Il progetto designato R-29R entrò in servizio nel 1977 e fu il primo a separare la testata dal corpo portante. Ma i burocrati aggressivamente cercarono di perfezionare un missile basato sul propellente solido. Il propellente liquido era molto più adatto ai missili balistici di quelli solidi, ma gli statunitensi si specializzarono in particolare su questo tipo di missile strategico, fuorviando la direzione sovietica. Makeev dovette assolutamente cambiare l’approccio della progettazione, dotare i laboratori di nuovi strumenti e aggregare gli impianti, creando l’R-39. Questo progetto ebbe la priorità ed entrò nell’arsenale sottomarino. Il missile strategico aveva un gittata di 10000 km e pesava 90 tonnellate. Le dimensioni del progetto costrinsero ad incrementare le dimensioni dei silos.
Il valore dei risultati di Viktor Petrovich per il Paese non può essere sottovalutato. Fu il fondatore della scuola dei missili navali, le idee di questo grande progettista non influenzarono solo la produzione russa, ma la scienza missilistica. In senso figurato, il duello fu vinto da von Braun, ma il Drago degli Urali fu il più forte. Il carburante liquido, infatti, era il pensiero del futuro, ma i burocrati russi insistettero sui combustibili solidi e il loro sviluppo continuò. Tra l’altro, i progetti di Makeev furono esemplari per i pochi errori rispetto al lavoro di altri progettisti. Ogni test avveniva sotto un controllo serio e prima la squadra di controllo si riuniva con Viktor per decidere se sul problema qualcuno avesse dei dubbi. Viktor morì nel 1985, lasciando una fortuna colossale al Paese, ma i suoi concittadini ne sanno poco, perché lavorò come progettista in ambiti coperti da segreto. A Kolomna c’è un monumento a quest’uomo, ma non molti residenti saprebbero spiegare perché Makeev è noto. Il progettista dei missili apportò idee completamente nuove su aeroidrodinamica, termica, massa, direzione e progettazione, balistica e molti altri settori. SKB-385 fu impegnato nella progettazione di missili a propellente liquido, permettendone l’uso nella ricerca cosmica. Illustrare tutti i progetti di questo centro speciale in un articolo è semplicemente irrealistico. Makeev non solo generò idee, ma vi lavorò in dettaglio realizzando progetti di successo. I funzionari russi premevano continuamente. Le scoperte degli Stati Uniti sull’uso del combustibile solido, perché alcuni aspetti dell’impiego del propellente liquido gli erano sconosciuti, erano fondamentalmente sbagliati. Von Braun non poté mai creare progetti più perfetti di quelli di Viktor Petrovich. La direzione non poté credere che le creazioni rivoluzionarie di Makeev diedero all’Unione Sovietica un enorme vantaggio sugli Stati Uniti.

R-39

R-39

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché la Russia seppellirà l’occidente

Se una guerra globale scoppiasse, ecco i fattori chiave che potrebbero decidere il risultato in favore della Russia
Rakesh Krishnan Simha, RBTH, 30 novembre 2015199680570Nel giugno 2014 il Pentagono condusse un’esercitazione da “tavolo”, un gioco di guerra tra Russia e NATO. Lo scenario vedeva la pressione russa sui membri della NATO Estonia e Lettonia. La NATO avrebbe potuto difenderle? “I risultati furono scoraggianti“, scrive Julia Ioffe su Foreign Policy. Anche se tutte le truppe di USA e NATO di stanza in Europa venivano spedite nei Paesi Baltici, tra cui l’82.ma Aeroportata che richiede un preavviso di 24 ore per attivarsi, gli Stati Uniti avrebbero perso. “Non abbiamo forze in Europa“, spiega un ex-generale statunitense. “Poi c’è il fatto che i russi hanno i migliori missili superficie-aria del mondo e non hanno paura di usare l’artiglieria pesante“. ‘La Vittoria’ russa non fu l’unica. Gli statunitensi svolsero l’esercitazione ben 16 volte, con vari scenari, tutti favorevoli alla NATO, sempre con la stessa conclusione. I russi erano semplicemente invincibili. In questo contesto, l’atto temerario della Turchia di abbattere un jet dell’Aeronautica russa presagisce brutte nove per la NATO. Perché la Turchia è un membro della NATO, e se l’Aeronautica russa bombardasse apertamente i turchi, almeno in teoria tutti gli altri membri del blocco militare guidato dagli USA sarebbero obbligati a difenderli. Anche se le probabilità che gli statunitensi rischino New York per Istanbul sono sempre più piccole, lasciando la Turchia assai nervosa e sola, non si può mai escludere la possibilità che una testa calda della NATO attacchi la Russia. Uno scambio nucleare avrebbe senza dubbio conseguenze catastrofiche per entrambe le parti, e forse l’intero pianeta, ma ci sono alcuni fattori che potrebbero inclinare il campo di battaglia a favore della Russia.

Megatoni
Secondo i dati scambiatisi il 1° ottobre 2014 Mosca e Washington, la Russia ha 1643 testate strategiche pronte, rispetto alle 1642 degli Stati Uniti. La differenza è marginale nei numeri, ma le forze strategiche russe terrestri hanno una potenza superiore a ogni altra cosa nell’arsenale degli Stati Uniti. L’arma deterrente principale di Mosca è il potente SS-18, uno solo dei quali può distruggere un’area delle dimensioni di New York, dello Stato non della città. Per avere un’idea della potenza distruttiva dell’SS-18, basta guardare all’arma nucleare con cui gli Stati Uniti distrussero le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki nel 1945. La bomba di Hiroshima era una primitiva testata da 15 kilotoni che pure spazzò via un città di 70000 abitanti in pochi secondi. L’SS-18, nome in codice della NATO Satan, trasporta 10 testate ciascuna da 750-1000 kiloton. Alcuni di questi missili trasportano un’unica testata da 20000 kiloton, 1333 volte Hiroshima. Allo stesso tempo, l’80 per cento della popolazione statunitense risiede sui litorali orientali ed occidentali, così un paio di missili nucleari ben mirati possono por termine alla vita umana in queste fasce costiere densamente popolate. La Russia ha una popolazione pari alla metà di quella degli Stati Uniti ma è dispersa sulla massiccia massa del Paese, in modo che sacche di insediamenti umani sopravvivano a un primo e un secondo colpo. La Russia ha un altro asso nella manica, la flotta di bombardieri supersonici Tupolev Tu-160. Questi aerei da Mach 2 possono decollare da basi aeree ben difese situate nel cuore della Russia, sorvolare il Polo Nord, lanciare missili da crociera a testata nucleare da distanze di sicurezza sull’Atlantico e rientrare per guardarne le distruzioni sulla CNN, sempre che la CNN sia ancora in circolazione. Infatti, la flotta di bombardieri strategici russi da sola può spazzare via tutte le principali città degli Stati Uniti. Perciò gli statunitensi, che conoscono la capacità delle forze nucleari della Russia, hanno cercato di eliminare le armi apocalittiche come l’SS-18 attraverso il dialogo sulla limitazione degli armamenti.

Testate tattiche
Prima delle armi strategiche, la Russia potrebbe paralizzare le basi NATO con armi nucleari, tattiche o campali. La dottrina militare russa enfatizza l’uso di armi nucleari di bassa potenza come primi strumenti bellici per combattere conflitti volti a stordire e confondere le forze della NATO, influenzandone la capacità di pensare e agire coerentemente. Dopo che l’artiglieria nucleare tattica abbia decimato l’avanguardia delle truppe della NATO, la Russia potrebbe lanciare missili a raggio intermedio dalle piccole testate devastando le basi militari delle retrovie, limitando le vittime civili. A questo punto gli Stati Uniti sarebbero di fronte alla possibilità di ritorsione con armi strategiche e alla risposta devastante di Mosca. Una buona ipotesi è che non sia utilizzata tale opzione. Infatti, nessun presidente statunitense rischierebbe una sola città degli Stati Uniti per una dozzina di quelle europee. John F. Kennedy non rischiò nel 1962 per lo stesso motivo, la perdita anche di una sola città era troppo.

Lo stato delle forze strategiche degli Stati Uniti
994337Quanto è affidabile il Comando strategico nucleare degli Stati Uniti? Se siete uno statunitense, non sareste rassicurati dopo aver letto che i presidenti Jimmy Carter e Bill Clinton “avrebbero perso i codici di lancio che i presidenti dovrebbero avere sempre con sé in ogni momento, Clinton per mesi, secondo un ex-presidente del Joint Chiefs of Staff. Carter avrebbe inviato il suo assieme al vestito da pulire“. In ogni conflitto, a maggior ragione dall’alta posta in una crisi nucleare, morale, addestramento e disciplina sono fattori chiave. Gli ufficiali russi che hanno il compito di decidere quando e dove puntare i missili nucleari hanno dottorati di ricerca e sono tenuti a pensare da sé. Dall’altra parte, il personale statunitense dallo stesso ruolo è afflitto da alcolismo, depressione e truffa. Nulla può addolcire la crisi che affligge le forze strategiche statunitensi. Nell’ottobre 2013 il Generale Michael Carey, responsabile del comando di 450 missili nucleari, fu licenziato dopo essersi ubriacato durante una visita in Russia. Giorni prima, un altro ufficiale, il Viceammiraglio Tim Giardina, dall’alta responsabilità sull’arsenale nucleare del Paese, fu dimesso dopo essere stato colto con fiches contraffatte in un casinò dell’Iowa. Credete che sia spaventoso? Controllate. Un generale dell’US Air Force che aveva la missione di comandare le forze nucleari presso il Comando Strategico degli Stati Uniti era un alcolizzato. Il Generale David C. Uhrich teneva una bottiglia di vodka nella scrivania e beveva ripetutamente in servizio, tanto che un altro ufficiale disse agli investigatori che “se non beveva, si scatenava“. Il marciume arrivava fino agli addetti ai missili colti a barare sui test di competenza, mettendo in pericolo la prontezza degli ICBM statunitensi. Ancora una volta, nel febbraio 2014, l’US Navy rivelò che indagava sulla truffa degli ufficiali nei test sui reattori nucleari di sottomarini e portaerei. Le forze strategiche statunitensi sono anche affette da negligenza sistemica, avendo le basi degli ICBM nel Nord Dakota e Montana “i tetti che perdono“. Gli addetti ai missili, che operano in bunker a prova di esplosione a 20 metri sotto terra, sono costretti a defecare in secchi e urinare in brocche, portandoseli via dopo 24 ore. Quanto sarebbe pronto tale personale dovesse reagire ad un attacco missilistico russo, è discutibile. D’altra parte, le forze strategiche russe sono l’élite militare. La qualità del personale russo può essere dedotta dalle azioni dall’ufficiale delle forze strategiche Colonnello Stanislav Petrov. Il 26 settembre 1983, un satellite di allerta precoce russo indicava cinque lanci di missili nucleari dagli USA. Le tensioni erano alte tra Washington e Mosca dopo l’abbattimento di un aereo di linea della Corea del Sud, e Petrov ebbe solo pochi minuti per reagire. Con poche informazioni per procedere, ritenne i dati un falso allarme, ragionando che “se s’inizia una guerra, non lo si fa con solo cinque missili“. Perciò il personale al riguardo è altamente qualificato. Quando sei al centro del mirino di missili nucleari del nemico e sei rintanato in un bunker a 20 metri sottoterra, nervosismo, insonnia e depressione fanno parte della vita quotidiana. Incapace di far fronte, il personale meno istruito abusa di alcol e droghe e mostra un comportamento criminale. Dall’altra parte, istruiti e motivati, gli ufficiali potranno mantenere la calma anche in caso di scontro termonucleare. La guerra nucleare non necessariamente avviene con un rapido scambio di missili balistici. Secondo War Scare: Russia e USA sull’orlo della guerra nucleare, di Peter Vincent Pry, Direttore del Forum di strategia nucleare degli Stati Uniti, le forze strategiche russe sono addestrate a “lanciare attacchi nucleari preventivi o di ritorsione, sopravvivere ad un massiccio colpo nucleare nemico, lanciare attacchi nucleari di risposta e supervisionare le operazioni militari in una guerra nucleare prolungata, che duri settimane o mesi“. Qui, in uno scenario così straziante, gli specialisti della guerra nucleare russa sono chiaramente in vantaggio.

Controllo riflessivo: l’arma ultima
Disinformazione, camuffamento e stratagemmi sono alcuni dei modi per influenzare una guerra. I russi hanno portato queste arti antiche su un altro livello con la teoria del Controllo Riflessivo (RC). Sviluppato dagli strateghi russi negli anni ’60, RC ha lo scopo di trasmettere informazioni a un avversario che ne verrebbe influenzato prendendo volontariamente una decisione voluta dal promotore dell’azione. Può essere usato contro i decisori umani o i computer. La Russia l’impiega non solo nella strategia e tattica di guerra, ma anche nella geopolitica. Il General-Maggiore dell’Esercito russo MD Jonov fu tra i primi fautori del RC, seguendolo dal 1970. In un articolo del 1995 osservava che l’obiettivo del Controllo riflessivo è costringere il nemico a prendere decisioni che lo portino alla sconfitta, influenzando o controllando il suo processo decisionale. Jonov considera tale forma di alta arte basarsi necessariamente su una conoscenza approfondita di pensiero umano e psicologia, storia militare, radici di un determinato conflitto ed efficienti risorse da combattimento. Timothy L. Thomas scrive su Slavic Journal: “In una guerra in cui viene impiegato il controllo riflessivo, il lato con il maggiore grado riflessivo (il più capace d’imitare i pensieri dell’altra parte o di prevederne il comportamento) avrà le migliori possibilità di vincere. Il grado riflessivo dipende da molti fattori, i più importanti dei quali sono capacità di analisi, erudizione, esperienza generale e conoscenza del nemico“. Se realizzato con successo, il controllo riflessivo sul nemico permette d’influenzarne i piani di combattimento, la visione della situazione, e il modo di combattere. I metodi del RC sono vari e comprendono camuffamento (a tutti i livelli), disinformazione, incoraggiamento, ricatto e compromissione di vari funzionari e ufficiali. Secondo Robert C. Rasmussen del Centro per la Sicurezza Marittima Internazionale, “fu proprio tale applicazione del Controllo Riflessivo che il giovane Vladimir Putin avrebbe appreso nel suo primo anno presso la Scuola 401 del KGB e nella carriera di ufficiale di KGB/FSB“. Perché ogni battaglia viene combattuta nella mente prima che un proiettile sia sparato sul campo, e la lunga esperienza della Russia col RC sarebbe un fattore chiave nella lotta esistenziale con gli Stati Uniti.Saru_Shagan_01La Russia testa un missile antisatellite
Mosca si unisce alla Cina nella corsa alla guerra spaziale
Bill Gertz Free Beacon 2 dicembre 2015

CSs9C6LUwAAApgQ1La Russia ha effettuato il primo test di un nuovo missile antisatellite, questo mese, segnando una nuova fase della militarizzazione globale dello spazio. Il test di lancio del missile antisatellite noto come Nudol, ha avuto luogo il 18 novembre, secondo ufficiali a conoscenza dei rapporti del test. Il primo test riuscito in tre tentativi, hanno detto i funzionari. Con il test missilistico antisatellite la Russia si è unita alla Cina armando le proprie forze con armi strategiche spaziali. Venti giorni prima la Cina effettuava un test del suo missile antisatellite. Il Dong Neng-3 fu testato il 30 ottobre nella Cina occidentale. Un portavoce del Pentagono non ha rilasciato commenti sul test missilistico russo.
Il Comandante dell’Air Force Space Command, Generale John Hyten, avvertiva questo mese che Russia e Cina sviluppano le capacità militari spaziali che minacciano i satelliti cruciali degli Stati Uniti. “Sviluppano capacità che ci riguardano“, ha detto Hyten, secondo un rapporto del Colorado Springs Gazette pubblicato il giorno prima del test. Poche informazioni sono disponibili sul programma russo. Tuttavia, come la Cina, il missile ad ascesa diretta russo appare legato ai programmi di difesa missilistica. Notizie della stampa russa identificano il sistema di lancio mobile come “un nuovo missile intercettore a lunga gittata del sistema di difesa aerospaziale russo”. L’arma è “in fase di sviluppo nell’ambito dell’OKR Nudol (Programma sperimentale)“, riferiva Novosti nel 2014. La nuova arma è sviluppata dal Complesso della Difesa Aerea Almaz-Antej. Hyten, comandante del Comando Spaziale, ha detto che non vuole vedere il conflitto estendersi nello spazio, ma notava che “dobbiamo essere in grado di difenderci“. Hyten ha detto che diverse nazioni, tra cui Russia, Corea democratica, Cina e Iran sviluppano capacità antisatellite. Gli analisti dicono che la minaccia spaziale ai satelliti evidenzia una vulnerabilità strategica. Con solo due dozzine di missili antisatellite, Russia o Cina potrebbero paralizzare intelligence, navigazione e comunicazioni degli Stati Uniti, fondamentali per le operazioni militari e le infrastrutture civili. Il deputato Mike Pompeo (R., Kansas) ha detto che il test russo preoccupa. “Con il presidente Obama che taglia il nostro budget per la difesa e cerca di allearsi con Putin, i russi continuano a sviluppare capacità tecnologiche per militarizzare lo spazio e colpire i nostri mezzi tecnici cineticamente e via cyberspazio“, ha detto Pompeo del Comitato sull’Intelligence del Congresso. “Possiamo scioccamente chiudere un occhio su questi sviluppi, o riconoscerne la minaccia e sviluppare la capacità di assicurare che i nostri satelliti, militari e commerciali, non siano suscettibili di attacchi o ricatti”, ha detto al Washington Free Beacon. L’ex funzionario del Pentagono Mark Schneider ha detto che il test russo evidenzia il fallimento degli Stati Uniti nel prepararsi alla guerra spaziale. “C’è un’enorme asimmetria sulle armi spaziali“, ha detto Schneider dell’Istituto Nazionale per la Politica Pubblica. “Per decenni il Congresso ha impedito agli Stati Uniti d’inviare armi nello spazio e anche sviluppare capacità ASAT a terra“, ha detto Schneider. “Non esiste tale vincolo per i russi e la Russia viola i trattati sul controllo degli armamenti quando è nell’interesse farlo, trovando ampia opportunità nel farlo”. Nel febbraio 2015 la relazione non classificata dell’Agenzia dell’Intelligence della Difesa al Congresso dichiarava che “i leader militari cinesi e russi riconoscono gli univoci vantaggi dell’informazione offerta dai sistemi spaziali e sviluppano le capacità di negare l’utilizzo dello spazio in caso di conflitto“, ha aggiunto Schneider.
Pavel Podvig, direttore del progetto on line sulle Forze Nucleari russe, ha detto che un’immagine grafica raffigurante il Nudol fu postata su un sito russo. “L’informazione è scarna, ma per quanto ne so Nudol è componente di un sistema missilistico di difesa”, ha detto Podvig. “Può essere collegato al programma che aggiornerebbe la difesa missilistica di Mosca. Potrebbe essere parte del progetto denominato Samoljot-M“. È possibile che Nudol serva a colpire i satelliti, secondo Podvig, che notava l’impiego nel 2008 di una versione modificata dell’intercettore antimissile SM-3 dell’US Navy per abbattere un satellite da ricognizione in disuso degli USA. Tuttavia, Podvig dice che il sistema Nudol sembra usare un radar fisso che darebbe capacità antisatellite limitate. L’immagine pubblicata online indicherebbe un sistema mobile, ma senza radar mobile si limiterebbe a colpire i satelliti che passano su Mosca. Mosca ha recentemente annunciato l’intenzione di aggiornare il sistema di difesa missilistica che utilizza intercettori a testata nucleare. Il Colonnello Andrej Kheburin, comandante del battaglione della difesa missilistica nelle Forze aerospaziali della Russia, ha detto alla radio russa che le difese missilistiche sono in fase di aggiornamento. “Molto presto riceveremo un sistema di difesa missilistico aggiornato con nuovi mezzi di distruzione, realizzando così il compito di fornire una difesa missilistica per Mosca in qualsiasi ambiente“, ha detto alla radio russa, secondo l’agenzia Interfax.
L’amministrazione Obama con forza s’è opposta allo sviluppo delle armi antisatellite della Cina, ma non ha fatto menzione del programma russo. Il portavoce del dipartimento di Stato Narendra Blake ha detto: “Non commentiamo su questioni d’intelligence”. I funzionari del dipartimento di Stato in passato dissero che lo sviluppo di armi spaziali della Cina è destabilizzante. “I sistemi ASAT in continuo sviluppo e sperimentazione distruttiva (antisatellite) sono destabilizzanti e minacciano la sicurezza a lungo termine, e la sostenibilità ambientale spaziale“, aveva detto a febbraio Frank Rose, assistente del segretario di Stato su controllo, verifica e conformità degli armamenti. La Cina ha condotto diversi test di armi antisatellite, tra cui uno nel 2007 che lasciò decine di migliaia di detriti pericolosi galleggianti nello spazio. I detriti continuano a minacciare i satelliti. Nel frattempo, un satellite su orbita polare della National Oceanic and Atmospheric Administration, NOAA 16, si dissolveva nello spazio, misteriosamente, la scorsa settimana, secondo il Joint Space Operations Center dell’US Air Force. “La causa è ancora sconosciuta ad oggi” ha detto John Leslie portavoce della NOAA. Il portavoce dell’US Air Force Space Command Nick Mercurio ha detto che alcun satellite o altro oggetto fu rilevato nei pressi del NOAA 16 prima della disintegrazione del 25 novembre. I detriti attualmente non presentano un rischio per gli altri satelliti, ha detto.1773939_originalTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Uno sguardo alla Grande Sala Operativa di Putin

Tyler Rogoway NWO Report 21 novembre 2015 – Russia Insider1030538032Apparentemente tratto da un film di James Bond, abbiamo dato un sguardo al nuovo super-centro nervoso militare russo in azione, chiamato Centro Comando della Difesa Nazionale (NDCC), mentre i bombardieri pesanti russi facevano il loro debutto nel conflitto siriano. Questa è stata anche la prima volta che i venerabili Tu-95 e i Tu-160 vedvano il combattimento. I video qui sono stati pubblicati dal governo e dai media russi, mostrando il centro presumibilmente al lavoro, con una missione in corso dei bombardieri pesanti visualizzata su uno schermo enorme. Il video può anche avere involontariamente mostrato che la Russia ha avanzato unità di artiglieria ben oltre l’avamposto operativo nella città portuake siriano di Latakia, qualcosa che il Ministero della Difesa russo nega ancora. Questo immenso centro di comando e controllo militare è stato costruito in modo incredibilmente veloce, in meno di due anni, dall’esistente della Ministero della Difesa lungo la Moscova, a solo un miglio e mezzo a sud del Cremlino. Secondo la stampa russa è “più potente del Pentagono”, e la struttura ospita molte nuovi centri di comando e controllo, tutti presumibilmente induriti contro attacchi esterni. Inoltre, un labirinto tentacolare di tunnel sotterranei, vie e strutture di trasporto sarebbe presente sotto il centroo. Tre piazzole per elicotteri, di cui una mobile, sono utilizzate per i movimenti della dirigenza militare e politica della Russia tra i vari edifici. Il fulcro di questo complesso aggiornato è un veramente impressionante e gigantesco atrio centrale costruito in vetro e acciaio. La decisione di r-costruire l’impianto del Centro Comando della Difesa Nazionale fu presa da Vladimir Putin nel maggio del 2013 per la necessità di modernizzare, consolidare ed espandere il centro comando, controllo e informazioni di Russia e riuniendoli nel nuovo “governo in periodo bellico”. Tre grandi aree di controllo, simile ad un auditorium, del complesso comprendono il Centro di Controllo delle Forze Nucleari Strategiche, il Centro di Controllo operativo che analizza le minacce, e il Centro di Controllo delle attività che seguirebbe contratti e attività militari generali. Il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu descrisse l’impianto all’inaugurazione: “La creazione del centro è un passo importante verso la formazione di uno spazio unico per la soluzione dei compiti nell’interesse della Difesa del Paese, che permetterà lo svolgimento continuo di qualasi analisi della situazione e sviluppare i mezzi per rispondere ai cambiamenti e coordinare rapidamente l’attività degli organi federali del potere esecutivo nella Difesa“. Una delle sale comando e controllo si presenta in una versione futuristico e più luminoso di quanto descritto nel classico film da guerra fredda Dr. Stranamore. È dotato di una zona soggiorno centrale ad anelli e unos chermo di 180 per proiettare video continuamente. C’è anche una zona salotto e teatro per gli spettatori. Tablet PC appaiono in ogni postazione. La sala comando e controllo che abbiamo visto presieduta da Putin questa settimana è gigantesca con file e file di ufficiali seduti nelle postazioni dai computer identici, e tre anelli con postazioni. Sul secondo livello, in pieno centro, seduti dietro una balaustra in vetro smerigliato con una stella a cinque punte blasonata sopra, vi erano Putin ei suoi generali.
Durante il video, sembra che la sala sia utilizzata più che altro per dei briefing giganteschi, domandandosi cosa diavolo facciano tutti questi ufficiali davanti ai terminali di computer e su scrivanie molto pulite? Forse nel corso di un potenziale scambio nucleare, questi ufficiali avrebbero tutti un ruolo, ma sembrava che per le finalità di quel giorno e per le telecamere, l’impianto sia stato utilizzato come un gigantesco cinema. Nel caso dei computer, il nuovo centro utilizzerebbe solo componenti russe in modo da limitare le possibilità di spionaggio e cyber-intrusione. Questi terminali sono tutti collegati a un super-computer, il cuore del centro che sarebbe l’aggiornamento totale di ciò che Russia aveva utilizzato in passato. In realtà, i leader militari russi sostengono che il NDCC ha molto più potenza di calcolo del Pentagono, tre volte di più, secondo loro, e 15 volte la capacità di memoria. Questa potenza di elaborazione estrema sarà utilizzato per elaborare avanazati modelli matematici dei giochi di guerra col supporto dei più comiuni centri comandi, controllo e comunicazioni e attività di collegamento dati. Il terzo centro è una cavernosa sala rivestita in legno che non sembra avere scopi strategici rispetto alle altre due sale di controllo. Questo sarebbe il “centro di controllo delle attività quotidiane“, per lo volto a riunioni su appalti, informazioni e pianificazione militare meno urgente. Ancora una volta, tablet PC, avvolgenti schermi edelaborati lampadari sembrano essere di gran moda. Secondo notizie frammentate, altre strutture di comando e controllo nel Centro di Comando della Difesa Nazionale sembrano esistere oltre ai tre principali. Tra essi, ciò che sembra un Centro Comando operativo aereo, simile al Combined Air Operations Center statunitense, da cui si dirige la campagna aerea della Russia in Siria. Inoltre, la sala riunioni e controllo dell’esercito russo è stato appena aperto, decorata da legno dalle ricche tonalità più probabile da trovare in un vecchio tribunale che in un bunker militare. Sulla base di queste due note, si potrebbe pensare che ci sia qualcosa in opera per la Marina russa.
La Russia cercan di modernizzare le proprie forze dopo decenni di abbandono, anche se la strada è difficiltosa con il Paese in crisi economica per il crollo dei prezzi del petrolio e le sanzioni internazionali a causa dell’adesione della Crimea e il coinvolgimento nel conflitto in Ucraina. Il Centro Comando della Difesa Nazionale è chiaramente uno di questi progetti di modernizzazione, che da alla Russia una propria versione sfavillante del Pentagono. Non abbiamo modo di sapere quanto di ciò sia spettacolo e quanto funzionale. Né sappiamo per certo che altri usi potenziali questa struttura gigantesca possa avere. Indipendentemente delle reali capacità, è impressionante e alla fine, forse, è tutto ciò che conta.1019722230-1728x800_c

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.258 follower