All’ARA San Juan fu ordinato di spiare gli inglesi

Kontra Info, 4 febbraio 2018Come affermato nei precedenti rapporti diffusi da fonti russe, un nuovo documento tenuto segreto dal governo e dalla Marina conferma ora l’interazione militare tra il sottomarino ARA San Juan e le forze inglesi. Le responsabilità sono molte: chi potrebbe pensare d’inviare un sottomarino che non è in grado di navigare, secondo le udienze, in una missione così rischiosa nelle acque argentine ma controllate dalla Marina inglese? Se il viaggio precedente era già stato rilevato e seguito da un sottomarino nucleare inglese, non fu una missione suicida entrare in queste condizioni nello spazio controllato dal nemico storico dell’Argentina? Il ministro della Difesa potrebbe essere così inutile da non saperlo? Anche il “Comandante in Capo delle Forze Armate”, Mauricio Macri, non ne era a conoscenza? Nessuno si dimetterà per tale tragedia costata 44 vite per la completa inutilità delle nostre “autorità”? Sorprendentemente, il documento è filtrato da Infobae, un sito vicino all’ambasciata degli USA e al governo macrista, forse con l’intenzione di salvare quest’ultimo e incolpare la Marina, prima che siano pubblicate le stesse informazioni da altri media più critici verso l’amministrazione di Mauricio Macri. Né va escluso che le informazioni trapelate siano parte di un conflitto tra i servizi d’intelligence statunitensi ed inglesi, che al di là delle alleanze in molte questioni, hanno le loro dispute interne.
Vediamo i punti principali del documento filtrato:

Obiettivi inglesi
Secondo l'”Ordine Operativo del Comando Forza Sottomarina” n. 04/17 del 24 ottobre 2017, il sottomarino ARA San Juan doveva “compiere un riconoscimento preciso” e “avere posizione, identificazione, documentazione fotografica/cinematografica”… di aerei militari e logistici (RAF 130) che rispondessero al governo delle Isole Falkland e alla Royal British Air Force. La lettera afferma che doveva raccogliere informazioni su diverse navi, tra cui “BP CF HUNTER”, “HMS CLYDE” e “FPV PROTEGAT” (vedere pagina 3 del documento allegato)
– L’equipaggio aveva la missione di svolgere attività d’intelligence su parte della flotta e dell’aviazione da guerra e commerciale inglese di base nelle isole Falkland.
– I dati, sconosciuti fino ad oggi, furono negati dinnanzi le ripetute richieste di giornalisti e parenti dell’equipaggio dal Ministero della Difesa e dalla Marina.
– Le fonti militari non escludono che nel quadro di queste operazioni la nave da guerra argentina sia stata rilevata al di fuori della zona economica argentina da navi di pattuglia inglesi.
– Se è così, la manovra potrebbe essere stata interpretata come invasione di ciò che considerano zona di conservazione della pesca delle Falkland.
– Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui l’ARA San Juan fu osservato da vicino in una precedente missione, da un sottomarino nucleare inglese.
– Nella cartografia inglese, parte dell’area in cui era destinato il sottomarino è indicata come divieto di pesca per le navi non autorizzate dal governo delle isole Malvinas ed è pattugliata da mezzi veloci inglesi, simili a quelli utilizzati dalla Prefettura Navale Argentina per proteggere le ricchezze naturali nel mare.
– Per non lasciare dubbi sull’area in cui il sottomarino scomparso doveva condurre le operazioni di ripresa, localizzazione e identificazione, l’ordine stabiliva un’area di pattuglia chiamata “Juliana”.
– Copriva un’ampia area compresa tra latitudini e longitudini 46° 00′ S, 61° 30′ W, 46° 00′ S, 59° 34′ W, 47° 50′ S, 60° 24′ O, 47° 50′ S, 62° 20′ O, la cui proiezione mostra che il sottomarino e il suo equipaggio dovevano navigare in un’area che il Regno Unito considera propria. L’area Juliana è delimitata dalle latitudini e dalle longitudini 46° 00′ S, 61° 30′ W, 46° 00′ S, 59° 34′ W, 47° 50′ S, 60° 24′ O, 47° 50′ S, 62° 20′ O.
– Secondo questi documenti, al sottomarino argentino fu espressamente ordinato di violare l’articolo 111 della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Convemar), che definisce il diritto d’inseguimento. Non ci sono documenti ufficiali che determinano se l’ARA San Juan abbia rispettato questa direttiva nella missione in cui è scomparso. Sì, d’altra parte, nella sua penultima navigazione.
– Il 9 e 10 luglio 2017, quando l’ARA San Juan rilevò il “ronzio” di un sottomarino nucleare presumibilmente inglese nell’area in cui navigava, che in questo caso la Marina argentina chiamava “Area Micaela”, gli accordi e i trattati internazionali furono violati.
– Il posizionamento del sottomarino argentino quando identificò la controparte nucleare lo localizza, secondo la cartografia navale, il 9 alle 19:48 a 18 miglia nautiche (33,3 km) all’interno della zona economica esclusiva dell’Argentina.
– La proiezione della proiezione da cui il “rumore sonar” proveniva, pone il sottomarino straniero vicino alla posizione dell’ARA San Juan. D’altra parte, il giorno dopo, il 10 luglio, alle 03:45, colloca l’ARA San Juan sulla linea immaginaria del limite esterno della Zona Economica Esclusiva. E questa volta il “rumore del sonar” individua il sottomarino nucleare molto più vicino al sottomarino argentino.
– Navigando prima della scomparsa, l’ARA San Juan individuò e fotografò gli obiettivi inglesi, come previsto nell’Ordine delle operazioni del comando della forza sottomarina n. 01, i dati non sono stati riportati nella relazione ufficiale sul caso.
– A questo punto sembra difficile che sia accaduto ciò che proprio il comandante Fernandez ha riconosciuto durante quella missione, che l’unico periscopio funzionante avesse l’ottica danneggiata, che poteva navigare solo a 5 nodi, che infiltrava acqua dal portello, che da quando era salpato il sottomarino presentava problemi al suo sistema di comunicazione, che dall’11.mo giorno di navigazione perdesse 50 litri di nafta al giorno e che, tra le altre irregolarità, “dal secondo giorno di navigazione fu rilevato un rumore permanente nell’asse tra i 65 e 85 giri al minuto (RPM), mantenutosi per tutta la navigazione“.
– Quei suoni, per un sottomarino, sono come i suoni del sonaglio di un bambino per i genitori: permettono di localizzarlo immediatamente. È molto probabile che sia uno dei motivi per cui il sottomarino nucleare non ebbe problemi nel rilevare l’ARA San Juan col sonar.
– Fino alla pubblicazione di questa nota, le autorità nazionali avevano tenuto segreto i compiti di spionaggio affidati al sottomarino.

Dopo l’incontro di Macri con Putin, la Russia si ritira dalla ricerca del sottomarino ARA San Juan
Kontra Info, 4 febbraio 2018Come annunciato, l’improvviso incontro di Macri con Putin poco dopo la tragedia del sottomarino ARA San Juan, non aveva nulla a che fare con “rafforzare i legami tra le due nazioni” e discorsi per la stampa. La presenza russa nelle acque argentine alla ricerca del sottomarino è stata sempre molto sorprendente, dato che era l’unica potenza militare ad esplorare l’area al di fuori della NATO, e la Russia è nemica di Gran Bretagna e Stati Uniti. Se Putin inviava una nave d’intelligence come la Jantar, non era certo per mera solidarietà. L’intelligence russa sa dell’informazione dell’interazione militare tra il sottomarino argentino e le forze inglesi, i cui documenti probativi riservati vengono ora filtrati. Navi come la Jantar e robot come il Panther Plus erano i più adatti a raccogliere prove su quell’informazione. E l’informazione è potere. Perciò Macri è andato rapidamente a Mosca per parlare con Putin, quando non l’aveva mai fatto prima (al contrario, aveva complicato il finanziamento dei progetti in Argentina come la diga Chihuido, allineandosi con Stati Uniti e Gran Bretagna per allontanarsi dalla Russia). Se le informazioni raccolte dalla Russia fossero rese pubbliche, si scatenerebbe uno scandalo internazionale che porrebbe fine al rapporto di Macri con la Gran Bretagna. Cosa ha negoziato Macri con Putin per indurre la Russia a ritirarsi dall’area senza rivelare ciò che è stato trovato? Cosa avrà offerto in cambio? Anche le potenze, oltre a mostrare solidarietà in una tragedia, hanno ovviamente interessi, non solo in questo caso, su ciò che si può ottenere in Argentina, ma anche contro altre potenze nemiche. Solo il tempo può rispondere a queste domande. La verità è che l’aereo russo Antonov An-124, uno dei più grandi del mondo, arrivato a novembre per unirsi alla ricerca del sottomarino ARA San Juan con un gruppo di soccorso e il robot sottomarino Panther Plus, lascerà la missione a fine di febbraio o ai primi di marzo. Ciò è confermato dai diplomatici russi. Come di solito accade con eventi di grande gravità e che colpiscono le grandi potenze, in questo caso il rapporto del governo argentino coll’attuale alleata Gran Bretagna (qualcosa di disonorevole, parlando di un nemico storico dell’Argentina che continua a usurparne il territorio), probabilmente non sapremo mai esattamente come si sono verificati gli eventi.
Macri è anche volto a fare di tutto questo un affare privato, poiché d’ora in poi solo poche navi della Marina argentina continueranno a cercare e verranno assunte compagnie private internazionali, che faranno fortuna per una ricerca che adatteranno alla realtà, senza disturbare la relazione strategica che Macri cerca di mantenere col nostro nemico storico.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

L’ARA San Juan aveva rilevato un sottomarino nucleare inglese. Governo e Marina l’avevano nascosto

Kontra Info, 30 gennaio 2018Il giornalista Andrés Kliphan ha rivelato una serie di documenti segreti della Marina argentina da cui emergono due conclusioni di principio: 1- Il sottomarino ARA San Juan aveva rilevato la presenza di un sottomarino nucleare inglese nelle vicinanze e 2- Il ministro della Difesa Oscar Aguad e la Marina argentina inviarono l’ARA San Juan pur sapendo che era in cattive condizioni e aveva bisogno di riparazioni. Questa informazione è completata da quella fornita dai parenti dei sommergibilisti che hanno denunciato che l’ARA San Juan era inseguito da forze inglesi e che le condizioni di navigabilità del battello non era tra le migliori. Lo stesso è stato recentemente affermato nei rapporti d’intelligence diffusi dai media specializzati in questioni militari russi.
Più di un mese fa, il 12 dicembre, Claudio Rodríguez, fratello di Hernán Rodríguez, macchinista del sottomarino ARA San Juan, aveva raccontato alcuni dettagli del viaggio che il battello scomparso stava facendo, in una intervista con Radio 10, e aveva riportato la stessa cosa: “A luglio furono inseguiti da un sottomarino inglese e che era nelle vicinanze. Questo è stato detto da molti parenti. Per un certo periodo fu seguito da un sottomarino nucleare inglese. Ora si scoprono le deficienze del sottomarino, tutti i problemi che aveva. Mio fratello era preoccupato, mi disse che 45 giorni erano molti. E i capi li inviarono lo stesso in missione. Era preoccupato. Noi (i parenti) scopriremo tutte ciò che sappiamo. Nel sottomarino c’era almeno una persona dell’intelligence navale. La donna dell’uomo ce ne ha parlato. Posso confermarlo. Ci fu detto che gli agenti dei servizi segreti erano per una questione di pesca illegale. È una bugia. Lungo la strada c’erano esercitazioni di guerra, nessuno lo sa. Le esercitazioni militari ci furono“.
Per ascoltare questa testimonianza qui:

Jesica Medina, sorella di un membro dell’equipaggio, aveva rivelato che “intorno al 3 novembre erano vicini alle Isole Falkland e che li cercavano un elicottero inglese e una nave cilena. Sentiamo che ci nascondono qualcosa“:

Ciò che viene esposto in questa occasione si aggiunge a molte domande: perché il governo e la Marina nascondono queste informazioni? Perché c’era personale dell’intelligence navale nel sottomarino? Che tipo di missione era quella dell’ARA San Juan (è ovvio che non si trattava di rintracciare le navi da pesca illegali, perché nel caso si viene accompagnati sempre da una nave di superficie e in questo caso il sottomarino era solo)? Perché l’ARA San Juan deviò dalla rotta più breve per la base? Perché fu perso tempo prezioso nei primi giorni dicendo che si trattava solo di un problema di comunicazione? Perché l’operazione di ricerca e salvataggio è stata interrotta dopo pochi giorni? Cosa sa Putin che ha permesso che la Russia sia l’unica potenza a rimanere nella zona? Cosa è andato a negoziare Macri con Putin il 23 gennaio, un paio di mesi dopo il fatto, quando non si era mai interessato a recarsi a Mosca?

Vediamo la nota di Klipham
Il 9 luglio 2017, alle 19:48, l’ARA San Juanrilevò con l’audio il suono di un possibile sottomarino nucleare“. L’approccio della presunta nave da guerra nel Regno Unito fu “verificato un’ora prima perché fu registrato dal segretario“. Per questo motivo, l’equipaggio che navigava dalla Base Navale di Mar del Plata il 1° luglio, alle 15:00, ricevette l’ordine di “ridurre il rumore al massimo” e procedere “per registrarlo“. I tre sonaristi con cui la nave argentina era in missione, l’ultima prima di quella tragica risultata con la scomparsa di 44 membri dell’equipaggio, “coincidevano nella classificazione” del sottomarino, cioè che si trattava di una nave “nucleare“. Le tre registrazioni dei rumori del sottomarino che li tormentava duravano “10, 6 e 2 minuti” e furono inviate alla Marina argentina. I dati fino ad oggi sono segreti. Non fu l’unico occultamento che la Marina fece durante le ore cruciali che precedettero la scomparsa dell’ARA San Juan. Attraverso un “messaggio navale” col timbro “SECRET”, datato 10 novembre 2016, cioè un anno e cinque giorni prima della scomparsa, l’ARA San Juan fu “limitato” a una “profondità” operativa di soli “100 metri“. C’era una ragione: a una profondità maggiore “non era garantita la tenuta“, specifica il documento. A causa delle rigide procedure di sicurezza, i sottomarini devono entrare in bacino di carenaggio per i test idraulici delle valvole e dei tubi dello scafo ogni 18 mesi ed eseguire verifiche e riparazioni che ne garantiscono la navigabilità e che non possono galleggiare mentre il sottomarino è in mare. L’ARA San Juan non lo fece da “sostanzialmente più dei 18 mesi previsti per prassi“, secondo i registri che Infobae ha visionato. È più del doppio dell’intervallo raccomandato dal costruttore del battello. Per questo motivo la “profondità operativa” fu limitata a 100 metri per garantire la navigabilità del sottomarino.
Il “messaggio navale” intitolato “Limiti dello stato operativo” dell’ARA San Juan fu firmato dal capitano Hector Anibal Alonso, Capo di Stato Maggiore del comando della forza sottomarina, e dal capitano Carlos Alberto Acuña, comandante della forza sottomarina, tra gli altri. A quel tempo, non era l’unico inconveniente del sottomarino ARA San Juan. “Dal quinto giorno di navigazione e al momento di avanzare alla fase 1 per iniziare l’esplorazione nell’area di pattuglia, il sistema di propulsione si spense, avviandosi solo al terzo tentativo“. Secondo il rapporto “CONFIDENTIAL” della Marina argentina datato 14 agosto 2017, i cui dettagli saranno pubblicati in diverse note, il guasto al sistema di propulsione del battello “rimase per tutta la navigazione”, cioè fino al 19 luglio, giorno in cui il sottomarino rientrò nella base del Mar del Plata. Il battello aveva navigato con un’altra serie di inconvenienti, tra cui la perdita di “50 litri di carburante al giorno“, che causò “la diminuzione dei livelli nei serbatoi del sistema idraulico“. Infobae ha anche potuto stabilire, attraverso una serie di documenti segreti, che prima di sparire l’ARA San Juan aveva a bordo “80 escape suit“, tutti fuori uso. Inoltre, delle 100 pastiglie che si dovevano trasportare per la produzione di ossigeno in caso di emergenza, ce n’erano solo 14.

Sfiducia sott’acqua
Quel 9 luglio 2017 non fu l’unica volta che l’ARA San Juan identificò un sottomarino nucleare nell’area che pattugliava per l’identificazione di pescherecci e imbarcazioni, principalmente di origine asiatica, che operano illegalmente nel mare argentino o nelle vicinanze della zona economica esclusiva dell’Argentina. Ciò è assicurato nella documentazione riservata detenuta dal giudice federale di Caleta Olivia Marta Yáñez. Nell’allegato 04, intitolato “Attività sottomarine, rapporto ARA San Juan“, è dettagliato che il 10 luglio, alle 03:45, fu rilevato un sottomarino nucleare che “ancora manovrava in contatto indicando una rapida variazione del sua segnale, ben marcato nel registro sonar“. La relazione, firmata dal capitano di fregata Pedro Martín Fernández, sottolinea anche che, come il giorno precedente, “si ebbe una registrazione (4 minuti)”, “alta”. La firma ha valore trascendentale. Fernandez era il comandante dell’ARA San Juan non solo in quella missione, ma anche a novembre, quando scomparve con i suoi 43 subordinati. Tucumano di 45 anni, il capitano di fregata aveva promesso alla madre 80enne che sarebbe stato il suo ultimo viaggio sul sottomarino scomparso. L’ARA San Juan aveva anche pattugliato un’area il cui interesse è condiviso da Argentina e Regno Unito, nonostante il fatto che i trattati di pace firmati da entrambi i Paesi a Madrid abbiano obbligato la Marina a informare il Regno Unito prima di iniziare una missione di questo tipo. Il sottomarino argentino ignorò questa preavviso, presumibilmente per ordine della direzione della Marina. Fonti navali dicono che non sia irragionevole che gli incontri tra l’ARA San Juan e il sottomarino nucleare inglese si siano ripetuti nell’ultima missione. Soprattutto se il battello inglese avesse registrato una nave straniera invadere ciò che considerava proprio territorio e col diritto di difendere. Infatti, perciò vi sono unità della Marina e dell’Aeronautica inglesi basati permanentemente nell’arcipelago. È logico che un sottomarino nucleare di quel Paese controlli ciò che gli inglesi considerano area protetta interna ed esterna (al confine con le isole Malvinas) in cui concedono permessi di pesca, principale reddito economico degli abitanti delle isole. I giornali inglesi avevano già riferito che la Marina di quel Paese aveva inviato sottomarini nucleari alle Malvinas, anche se Londra lo nega sempre.
E’ possibile che l’ARA San Juan, con i suoi 44 membri d’equipaggio, sia affondato il 15 novembre scorso cercando di eludere un sottomarino nucleare entro la profondità operativa di progetto ma oltre il limite dei 100 metri stabilito per mancata manutenzione nel bacino di carenaggio e che valvole e tubazioni non abbiano resistito? È una delle ipotesi investigate dalla giustizia.Fonte: Andrés Kliphan su Infobae

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Forze Armate russe: nel 2017 salto qualitativo nella capacità d’attacco ad alta precisione

Alex Gorka SCF 02.01.2018Un’ampia panoramica della capacità militare della Russia nel 2017 mostra che le Forze Armate riorganizzate e riarmate sono radicalmente diverse rispetto a prima. Lezioni sono state apprese rendendole molto più efficiente della forza che difese l’Ossezia del Sud e le forze di pace russe dall’aggressione della Georgia nel 2008. Le Forze Armate attraversano un periodo di passaggio ad armi ad alta precisione e altamente sofisticate. Rivolgendosi al Consiglio del Ministero della Difesa, il Presidente Vladimir Putin affermava che il nuovo programma di Armamento di Stato 2018-2027 pone l’accento soprattutto sull’equipaggiamento delle Forze con armi ad alta precisione aeree, terrestri e navali. Il 2017 è stato l’anno in cui le Forze Armate russe hanno utilizzato i missili Kalibr, lanciati dal mare, Kh-101 dall’aria e Iskander dalla superficie, in Siria. La riunione del consiglio del dicembre 2017 per la prima volta ammetteva pubblicamente l’uso dell’Iskander in Siria.
Nel 2017, il sistema entrò in servizio con la 152.ma Brigata della Guardia di stanza nella regione di Kaliningrad in risposta ai rinforzi della NATO al confine con la Russia. In Siria, Iskander era solito centrare obiettivi prioritari. Accuratezza, gittata ed affidabilità gli consentono di operare in alternativa alle forze aeree sottoposte alle contromisure attive del nemico, come caccia le difese aeree. L‘Iskander-M ha una gittata di 500 km e ha un errore circolare probabile (CEP) di 5-7 metri. Il missile balistico viaggia alla velocità ipersonica di 2100-2600 m/s (Mach 6-7) ad una quota di 50 km e può essere reindirizzato in volo in caso di bersagli mobili. Occorrono solo 10 minuti per prendere posizione e sparare. La gittata del sistema è sufficiente a coprire quasi l’intero territorio della Siria. Può lanciare missili da crociera per colpire obiettivi fissi e missili balistici per abbattere risorse di alto valore del nemico su un campo di battaglia. Iskander può colpire molto prima di un aereo, che deve decollare, coprire le distanze e prendere posizione per lanciare le armi. Nel 2017 fu annunciato che gli Iskander sostituiranno i vecchi sistemi missilistici balistici Tochka-U entro il 2020, nell’ambito del piano di ristrutturazione e miglioramento in corso. L’anno scorso i militari russi iniziarono a formare ed addestrare unità speciali di osservatori che fornivano le coordinate ai missili Iskander lanciati e in volo verso il bersaglio. In Siria, gli osservatori operano al tergo del nemico.
Il missile aria-superficie stealth Kh-101 lanciato dai bombardieri strategici Tu-95MS e Tu-160 fu collaudato nel 2017, utilizzato per imporre uno schiacciante “scuoti e spaventa” ai nemici in Siria. L’esperienza dimostra che è molto affidabile. La gittata è di 5000 km. Le prove video fornite dai droni confermano che tutti gli obiettivi furono centrati. Il missile fu testato nel 2015 e 2016 per l’impiego nell’ambito dei piani operativi del 2017. Nel 2017, i missili Kh-101 distrussero le infrastrutture del nemico a Dayr al-Zur. A luglio, i missili distrussero tre grandi depositi di armi e munizioni e un centro di comando dei terroristi vicino Uqayribat, nella provincia di Hama. L’attacco avvenne con un raggio di circa 1000 chilometri. L’esperienza siriana viene utilizzata per sviluppare un nuovo missile da crociera aria-superficie. La società Tactical Missiles Corporation lavora sull'”Articolo 715″ o 9A2362. Il missile è in realtà una versione ridotta del Kh-101 destinata ai bombardieri a lungo raggio Tu-22?3 e ai velivoli tattici Su-34, Su-30, Su-35 e Su-57.
I missili navali Kalibr sono impiegati dal 2015. La loro gittata supera i 1500 km, inferiore a quella del Kh-101. Il punto forte: il missile può essere installato su quasi tutti i tipi di navi. I marinai russi chiamano “calibrazione” la capacità di adattarsi ai vari tipi di navi di superficie e sottomarini. Nel 2017 fu annunciato che i missili Kalibr verranno installati sulle nuove corvette classe Steregushij (Proekt 20380). Al momento, le navi di questa classe sono armate con missili antinave Kh-35U. Il processo di “calibrazione” comprende i Leader, nuovo rompighiaccio destinato a spezzare lastre di ghiaccio di 4,5 metri di spessore e mantenere aperte le rotte del Mare del Nord e dell’Artico tutto l’anno. È insolito, qualcosa che nessun altro ha fatto. Il Leader non è una nave da guerra ma trasporta contenitori speciali con sistemi d’arma, compresi i missili antinave Kh-35 e Kalibr. Come si nota, il Kalibr consente di avere una flotta ben armata a costi relativamente bassi in grado di colpire bersagli di superficie e terrestri da varie piattaforme e a migliaia di chilometri di distanza.
Il 3M22 Tzirkon, missile da crociera ipersonico, effettuava i test nel 2017, quindi potrebbe entrare in produzione quest’anno, come previsto. Ha una velocità di Mach 5-6 (7400 chilometri all’ora). Alla quota di crociera di 30000 m, la sua energia cinetica all’impatto è 50 volte quella degli esistenti missili antinave. Il proiettile può coprire 155 miglia in 2,5 minuti, più veloce di un proiettile da fucile di precisione. Il nemico non avrà il tempo di spaventarsi, per non parlare di reagire. Dovrebbe entrare in produzione quest’anno.
Il 2017 sarà ricordato dalle Forze Armate russe come l’anno in cui si sono compiuti grandi passi verso l’armamento con armi convenzionali a lunga gittata ed alta precisione. È un salto qualitativo che rende i militari russi secondi a nessuno.Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito

Il fenomeno OSNI in Argentina

Basi biologiche sottomarine?
Luis Burgos (FAO – ICOU)C’è del marcio nell’Atlantico del Sud
A seguito dei tragici eventi verificatisi con l’ARA San Juan il 15 novembre 2017, vi sono state numerose richieste se tale caso potesse essere correlato a una parte del nostro tema. Inutile dire che sarebbe dolorosamente rischioso suggerirne una qualche associazione. Il tempo sarà testimone di ciò che è realmente accaduto una volta completate le ricerche sottomarine. L’unica cosa che possiamo fare è indovinare o aggiungere opinioni. Quindi vale il seguente contributo: Dopo il periodo di confusione generalizzata dalle varie versioni (sette chiamate, rumori biologici, anomalie idroacustiche, zattere galleggianti, boe, ecc.) e avendo la certezza dell’incidente, localizzati tempo e spazio del soggetto attraverso due assi fondamentali: cause dell’esplosione e rischio operativo.

Cause dell’esplosione
A – Interno per difetti delle batterie, il più accreditato “ufficialmente”.
B – Interno per immersione a profondità critiche a causa di un guasto.
C – Collisione con un “oggetto sconosciuto”.
D – Attacco da un “oggetto sconosciuto”.
Indubbiamente, questo ultimo punto è il più inquietante di tutti. L’ARA San Juan partecipava all’operazione Cormoran nelle acque del sud insieme a forze internazionali. Per la sua destinazione, sebbene fosse Mar del Plata, passava molto vicino all’area d’esclusione imposta dagli inglesi e, nonostante si sia in tempo di pace e non di guerra, l’ipotesi del conflitto è un problema che aleggia spettralmente.

Soccorso operativo
Un imponente schieramento di Paesi offre aiuto logistico e umanitario all’Argentina, tra cui quattro dei cinque membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (Stati Uniti, Russia, Regno Unito e Cina). Ciò è d’importanza superlativa, ma c’è buona ragione per una riflessione che scivola tra tre ipotesi:
A – Offrono aiuto in cambio di nulla perché sono “bravi ragazzi”.
B – Offrono aiuto, ma allo stesso tempo cercano di “approfittare” della situazione: risorse marittime, spionaggio, trattati futuri, ecc.
C – Vogliono davvero scoprire cos’è successo col pretesto del famoso rischio sicurezza.
E qui dobbiamo fermarci di nuovo: l’Argentina fa parte del famoso Trattato di non Proliferazione delle Armi Nucleari (1968) composto da numerosi Paesi e dalle potenze mondiali. Non appena la notizia divenne nota in tutto il mondo, molte di queste nazioni si sono mobilitate presso la nostra Patagonia, inviando subito truppe e tecnologia all’avanguardia. Una mega-operazione unica che coinvolge 4000 persone. In effetti, resteranno fin quando non scopriranno cos’è successo al San Juan, dato che la morte dei quarantaquattro membri dell’equipaggio è scontata. È ovvio, in questo momento, che qualcosa non quadra. La stessa dichiarazione ufficiale della Marina argentina è agghiacciante: “evento anomalo, singolare, breve, violento e non nucleare“. Sapendo anche che l’onda d’urto subacquea fu avvertita in Sud Africa e, probabilmente, nell’Oceano Indiano. E la domanda si pone… l’élite dei Paesi che operano nella zona zero (Stati Uniti, Russia, Francia, Regno Unito e Germania) sospettano qualcos’altro? Nell’ipotetico piano, valutano la possibilità che l’ARA San Juan avesse un’arma nucleare che avrebbe messo a rischio non solo l’ecologia marina, ma anche la politica internazionale e della difesa. Una questione fondamentale gioca contro di noi come Paese e questo ci fa riflettere. Il tema ricorda il missile Condor II e le sue conseguenze (1989). E la cosa più triste di tutte è che non potranno mai dirci le vere cause di tale incidente, ma questa ipotesi, una tra le tante, può portarci con una scorciatoia a “rispondere” sul perché siano tutti nel nostro mare… Nello specifico, non si può ignorare la storia dell'”oggetto subacqueo” rilevato dall’aereo yankee a 300 chilometri da Puerto Madryn, Chubut, a settanta metri di profondità, svelata il giorno successivo, quando era noto che il luogo in cui si trovava il sottomarino nel momento dell’esplosione era verso il Golfo di San Jorge, cioè a circa 140 miglia nautiche più a sud (?)…Riflessione finale
A conclusione di tutto ciò, l’unica cosa che sappiamo è che l’Argentina deve ripensare le proprie Forze Armate, ma con un ripensamento imminente e serio, che vada preso come tale dalle autorità coinvolte, cioè i tre poteri della Nazione (esecutivo, legislativo e giudiziario) e le tre armi (Aeronautica, Esercito e Marina). È la priorità di oggi, non domani o nei prossimi anni, non è uno scherzo. Purtroppo, e sebbene sia difficile dirlo, il “colpevole” dello stato in cui sono oggi le Forze Armate è… la democrazia. Sono passati trentaquattro anni dal suo ritorno del 1983 e alcun governo ha fatto nulla a favore… ma sempre contro: taglio del budget, mancanza di corretta manutenzione, smantellamento, ecc. Incredibilmente, in questi giorni, vediamo molti leader politici di questi tre decenni preoccupati nel dare ogni genere di spiegazioni. Bene, riguarda tutti il proverbio “la corruzione uccide”, quindi “il crack” è in sottofondo… con reverendo attuale ribollire!Introduzione
Successivamente, esamineremo il traffico non identificato in quei luoghi lontani. Dalla nascita stessa del fenomeno, piatti volanti all’epoca e UFO oggi, sono intimamente legati all’acqua. Gli oggetti non identificati proliferano nella casistica mondiale, emergendo o immergendosi in fiumi, laghi, lagune e mari. Da lì alla possibilità di basi nelle zone lacustri c’è un passo. Pertanto, sono nati gli OSNI, oggetti sommersi non identificati. Altri ricercatori parlano tacitamente di sottomarini od oggetti sottomarini. La cosa trascendente è che il nostro Paese non è sfuggito a tali eventi e già dagli anni ’40 incidenti in numerose zone idriche del territorio argentino furono segnalati. Qui circola una mia nota intitolata “Luci nei laghi” su episodi con queste caratteristiche, con la possibilità che possano essere usati come habitat o rifugio permanenti o temporanei.

Il primo OSNI nel Paese
Non era trascorsa una settimana dal “primo caso di piatto volante in Argentina” (10 luglio 1947 a La Plata, Buenos Aires) quando l’associazione UFO-AGUA si era già delineata, incredibilmente. In effetti, alle 09:00 del mattino del 15 luglio dello stesso anno, i membri dell’equipaggio di una nave polacca ormeggiata a Puerto Nuevo, così come il personale della prefettura uruguaiana, rilevarono la caduta sul Río de la Plata di uno “strano artefatto simile a un aeroplano“. Di fronte tale reclamo, un’inchiesta fu avviata dalle compagnie aeree se uno qualsiasi dei loro aerei avesse subito un incidente. Risultato negativo. Una domanda inquietante galleggiava sulle acque del Rio de la Plata: quale oggetto volante precipitò quel giorno d’inverno?

Segnalazioni negli anni ’50
E gli episodi continuarono negli anni successivi. Notizie dalle coste della Patagonia parlavano di oggetti enigmatici emergenti o immersi nelle acque marine, come accaduto a Rio Grande (Tierra del Fuego) e Puerto Coig (Santa Cruz) nel 1950, o a Comodoro Rivadavia (Chubut) nel 1953. Ma ciò che era veramente sconcertante fu che incidenti furono segnalati anche alle porte della capitale federale:Un curioso oggetto simile a “una mina sottomarina” di colore rosso fu osservato galleggiare davanti al pontone Recalada del Río de la Plata, il 19 febbraio 1953. Si trovava a 35° di latitudine sud e 56° di longitudine ovest e fu confermato dal capitano della nave San Jorge e dall’equipaggio del vapore Coracero. La ricerca non ebbe successo. Nel giugno 1959, secondo le informazioni ufficiali, un oggetto sommerso non identificato fu avvistato nelle acque del Rio de la Plata… Infine, una notte dell’agosto dello stesso anno, alle 21:15, il residente Victorio Perea, del quartiere Villa Lynch, distinse un oggetto volante luminoso simile a “un dirigibile” che cadeva sul Rio de la Plata.

I misteriosi anni ’60
E così arriviamo al decennio controverso dove vi furono numerosi “inseguimenti” della Marina argentina di “oggetti sottomarini non identificati”, strani e sfuggenti, nei golfi della Patagonia, specialmente nelle acque del Golfo Nuevo nella penisola di Valdés e nel golfo di San Jorge. Tutto ciò portò alla formazione delle famose Commissioni ufficiali e a tre presidenti interessati alla questione di questi comitati: Arturo Frondizi, Arturo Illia e il generale Juan Carlos Onganía. Intercettazioni e bombardamenti di profondità furono vani. Per anni, gli OSNI imperversarono nelle regioni meridionali fin quando gli incidenti non diminuirono nei decenni successivi. La Marina, quindi, ignorò la situazione e ogni episodio relativo ad oggetti enigmatici sommersi o emersi al largo delle coste proveniva da pescatori, turisti, automobilisti o residenti. Forse l’esempio più ricordato è quello dell’agricoltore Carlos Corosan, che nel 1966 fu testimone privilegiato di “un grosso oggetto metallico dall’aspetto rastremato che, lasciando una nuvola di fumo, precipitò alla luce del sole al largo di Puerto Deseado (Santa Cruz), producendo un grande rumore nelle acque“.Quindi, l’ipotesi che acquisì sempre più forza negli anni notava che potrebbero esistere sotto i nostri mari ricoveri permanenti che svolgerebbero la funzione di vere basi per OSNI. In breve, un’intensa attività biologica sconosciuta protetta da ogni rischio da queste profondità… Come aneddoto, in quegli anni mio fratello, Pedro Trachsler, prestava servizio sul cacciatorpediniere ARA Cervantes. In un’occasione l’allerta fu data quando un oggetto non identificato fu rilevato nelle acque del Golfo Nuevo. Procedendo all’intercettazione, furono lanciate bombe di profondità e poi una salva di siluri, che non colpendo il bersaglio furono poi prelevati in superficie e riportati a bordo. Continuando con la sua storia, prima di scomparire, l’OSNI “passò incredibilmente sotto la nave da guerra“…

ARA Cervantes

L’intruso del 1975
Tra le molte storie degli anni ’70, ce n’è una molto significativa per la qualità dei testimoni, sebbene desiderassero rimanere anonimi. Verso le 13:30 del mattino del 16 luglio, queste quattro persone, due uomini d’affari e due viaggiatori commerciali, stavano pescando nel molo di Caleta Olivia (Santa Cruz). La notte era serena. All’improvviso, uno di loro individuò a circa 100 metri sotto la superficie marina una strana sagoma fusiforme lunga circa dieci metri, in completo silenzio, con spigoli vivi e colorazione giallo-verdastra. Così, per venti minuti, l’OSNI scivolò lentamente lungo la costa verso sud finché non scomparve. La mattina dopo, molti abitanti di Caleta Olivia videro un gran numero di pesci morti sulle loro coste, oltre a gabbiani e albatros. Per l’intera giornata la pesca fu impossibile…Il caso di San Blas
E ancora, a metà degli anni ’80, un’altra presenza OSNI fu ufficialmente corroborata. Questa volta nella Baia di San Blas, a sud di Buenos Aires, conosciuta come “paradiso dei pescatori”. Infatti, la notte del 3 giugno 1988, la petroliera Puerto Rosales informò la Prefettura Navale di aver rilevato prima sul radar e poi visivamente, un enigmatico oggetto flottante non identificato a venti miglia dalle coste, di dimensioni regolari e che non rispondeva ad alcuno dei segnali fatti. L’allerta fu immediato e la Marina argentina dispiegò una grande operazione comprendente aerei della base Comandante Espora, la corvetta Grandville, il cacciatorpediniere Sarandí e un velivolo Electra 6 P-101 che decollò dalla base Almirante Zar di Trelew, Chubut. Dopo ore di monitoraggio il Ministero della Difesa chiuse la ricerca. Va notato che l’area in cui si muoveva l’intruso, di fronte al secondo faro di Barranca, non ha grande profondità, quindi sarebbe stato molto rischioso per una nave convenzionale sfuggire a tali acque, e forse a causa di ciò il rapporto della Marina sostituì la parola sottomarino con oggetto galleggiante…Epilogo
Trent’anni fa, in diversi articoli giornalistici sostenni l’esistenza di queste “basi sottomarine”. E molto poco o quasi nulla è cambiato oggi. Questi OSNI continuano a muoversi e a comportarsi come negli anni ’40 o ’50, con la stessa impunità di sempre, come se il territorio gli appartenesse o lo facessero da tempo, abitando sott’acqua. Si muovono sia in mare aperto stupendo navi e pescherecci, che a pochi metri dalle coste stupendo pescatori e residenti. Pertanto, l’esistenza di una presenza ignota operante sotto le acque del Mar Argentino e, quindi, dell’Oceano Atlantico, si allontana dalla mera ipotesi e si avvicina alla realtà. La casistica lo dimostra e gli eventi continueranno a ripetersi… dimostrando ancora una volta che nonostante la super tecnologia delle grandi potenze, capace di “localizzare” una targa automobilistica o una pallina da tennis dai satelliti, quando si paragonano alle capacità del fenomeno OVNI, si nota la grande differenza…Riferimenti:
Bollettino UFO PRESS, n. 13, ottobre 1979
Clarín, 5 giugno 1988
Expedientes OVNIs (Los Archivos Clasificados Argentinos), Luis Burgos, ottobre 2015.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Royal Navy e Armada de Chile affondarono l’ARA San Juan?

What Does It Mean, 15 dicembre 2017Un nuovo sorprendente rapporto del Consiglio di sicurezza (SC) che circola oggi al Cremlino afferma che il presidente Donald Trump chiese urgentemente, il 14 dicembre, di parlare col Presidente Putin; durante la conversazione Trump rimase “inorridito” nell’essere informato da Putin che Royal Navy e Armada de Chile ebbero una “disavventura” nell’Atlantico meridionale, vicino le Isole Falkland, affondando un sottomarino dell’Armada de la República Argentina e il cui insabbiamento portava il Servizio di Sicurezza Federale (FSB) ad arrestare per tradimento una spia della CIA, di cui Trump “supplicava/invocava” Putin di risparmiare la vita, ma Putin suggeriva a Trump (che non sembrava saperlo) che la Russia ha abolito la pena di morte. Secondo questo rapporto, il motivo dichiarato del presidente Trump per richiedere la conferenza telefonica di emergenza col Presidente Putin era dovuto a un articolo della CNN pubblicato ieri che sosteneva che due non identificati funzionari della difesa degli Stati Uniti avevano detto che il 13 dicembre 2 caccia stealth F-22 degli Stati Uniti avrebbero intercettato 2 aerei russi che avevano sorvolato l’Eufrate in Siria, volando ad est della “linea di disaccordo” che dovrebbe separare gli aerei russi da quelli della coalizione degli Stati Uniti che operano sulla Siria, e durante tale “incontro”, i caccia statunitensi avevano “sparato razzi di avvertimento”. Il Presidente Putin, rispondendo alle preoccupazioni del presidente Trump su ciò, affermava che nulla era accaduto nei cieli della Siria tra le forze aeree russe e statunitensi, il 13 dicembre, e che l’articolo della CNN, in realtà, era una “vigliaccata” (per ovvi motivi di propaganda) che rilanciava l’incidente nei cieli siriani riportato dal Ministero della Difesa il 9 dicembre, e che il suo portavoce Maggiore-Generale Igor Konashenkov descrisse: “Un caccia F-22 statunitense ha attivamente impedito a una coppia di aerei d’attacco russi Su-25 di svolgere una missione di combattimento per distruggere la roccaforte dello SIIL alla periferia della città di Mayadin, nello spazio aereo sulla riva occidentale dell’Eufrate, il 23 novembre. L’F-22 sparò alcuni bengala ed usò gli aerofreni nelle manovre imitando una battaglia aerea“. Il Presidente Putin inoltre dichiarava al presidente Trump che dopo l’apparizione di un caccia super-manovrabile multiruolo russo Su-35S, l’aereo da caccia F-22 interruppe le sue pericolose manovre e si affrettò a rientrare nello spazio aereo iracheno, col Generale Konashenkov che inoltre dichiarava: “Le dichiarazioni dei rappresentanti dell’esercito degli Stati Uniti secondo cui una parte dello spazio aereo siriano appartiene agli Stati Uniti sono sconcertanti, la Siria è uno Stato sovrano aderente alle Nazioni Unite, quindi gli Stati Uniti non possiedono alcuna parte del suo cielo“.
Essendo molto preoccupato dal fatto che il presidente Trump non fosse a conoscenza dei fatti alla base di tale articolo di propaganda della CNN, il Presidente Putin si allarmò durante la conferenza telefonica, quando Trump dimostrò di non sapere nulla della spia della CIA Aleksej Zhitnjuk, arrestato dall’FSB per tradimento il 30 novembre, dopo essere stato scoperto mentre tentava di accedere a documenti navali segreti relativi alla nave Jantar da 5320 tonnellate della Flotta del Nord russa. Il motivo per cui la CIA voleva informazioni sulla nave per impieghi speciali Jantar, sarebbe dovuto al fatto che è equipaggiata con un minisommergibile DSV classe Consul (Proekt 1681) e che il 22 novembre fu inviata dal MoD per trovare i resti del sottomarino della Marina argentina San Juan (S-42), scomparso il 15 novembre con 44 membri dell’equipaggio a bordo, nelle acque dell’Atlantico del Sud, vicino le Isole Falkland, e il cui ultimo “evento” registrato dalla Marina argentina era “un evento anomalo, singolare, breve, violento e non nucleare, coerente con un’esplosione“. Coi familiari dell’equipaggio del sottomarino San Juan che riferiscono che dalle ultime comunicazioni erano inseguiti da un elicottero della Royal Navy inglese e da una nave da guerra cilena, il MoD avrebbe confermato che Royal Navy e Armada de Chile condussero manovre antisom nelle acque delle Isole Falkland, col veicolo DSV della Jantar che scopriva poi che il sottomarino San Juan aveva subito danni coerenti con le armi usate da un aereo antisom C-295 della marina cilena. Dopo aver informato il Ministero della Difesa Nazionale (MND) del Cile sulla scoperta della Jantar sulla causa dell’affondamento del San Juan, la Marina cilena iniziò le indagini, portandola, il 13 dicembre, a licenziare 5 suoi alti ufficiali: contrammiraglio Kurt Hartung, contrammiraglio Jorge Rodríguez, contrammiraglio David Hardy, contrammiraglio Hernan Miller e contrammiraglio LT Mario Montejo. Il maggiore timore espresso al presidente Trump dal Presidente Putin sull’affondamento del San Juan, però, era che la CIA avesse segretamente collaborato con la Marina cilena fornendogli il sistema antimine sperimentale AQS-24B, che durante le prove avrebbe erroneamente identificato il sottomarino argentino come “bersaglio elettronico”, invece che vero battello con esseri umani a bordo.
Nelle note non classificate conclusive di questo rapporto che dettagliano la conversazione del Presidente Putin col presidente Trump, vari aderenti del Consiglio di sicurezza espressero “orrore/stupore” su quante informazioni siano nascoste a Trump dalle sue agenzie d’intelligence allineate allo “Stato profondo”, specialmente la CIA, ma Putin affermava che Trump riprenderà il pieno controllo, e dovrebbe essere relativamente facile dato che i sostenitori di Obama-Clinton anti-Trump appaiono deliranti, come evidenziato da “Il principale funzionario del controspionaggio dell’FBI, il disonorato FBI, Peter Strzok, esperto in comunicazioni sicure, che fa commenti rabbiosi al cellulare con l’amica dell’FBI Lisa Page, ora resi tutti pubblici”, e l’ancora più stupefacente moglie di Bruce Ohr, capo del dipartimento di Giustizia degli USA altrettanto disonorato, Nellie Ohr, che ottiene la licenza per gestire una radio ad onde corte pur essendo stata ingaggiata da Fusion GPS per creare il “dossier russo” contro Trump, credendo che la National Security Agency (NSA) non potrebbe monitorare le sue comunicazioni segrete con altri golpisti, mentre NSA (e anche la Russia), per decenni hanno registrato ogni trasmissione nel mondo al fine di scoprire le “stazioni numeriche” usate da agenzie d’intelligence di altre nazioni.

Ddisagio russo perché non autorizzano la Jantar a cercare l’ARA San Juan dove pensano si trovi
Juan José Salinas Pajaro Rojo 22/12/2017Dopo aver effettuato i calcoli necessari, la Marina Russa concluse che l’ARA San Juan affondò non molto lontano dall’area di ricerca assegnatagli, in particolare a 200 chilometri a sud-ovest. Di conseguenza, chiese che la nave oceanografica Jantar fosse autorizzata a cercarlo nella nuova posizione ma, sorprendentemente, ciò fu negato non dall’Armata, ma dal governo nazionale. Con lo Jantar a Puerto Nuevo, i diplomatici russi manifestavano malcontento al gruppo parlamentare di amicizia con la Federazione russa, il cui presidente, il deputato nazionale Carlos Gastón Roma (Cambiemos, Terra del Fuoco) prometteva provvedimenti per revocare tale rifiuto. Il governo russo vuole che la Jantar (nave con attrezzature per fotografare e filmare relitti affondati a più di mille metri di profondità, stabilendo se le cause del disastro siano endogene o esogene), riprenda la ricerca del sottomarino argentino durate un mese intero, ma non nella vasta area assegnatagli che considera impossibile trovarvisi il sottomarino. Il malcontento russo non è un problema minore dato che il presidente Mauricio Macri programma per il 23 gennaio una visita a Mosca per incontrare Vladimir Putin. Secondo i portavoce non ufficiali dell’ambasciata russa, oltre ad essere molto a nord-est del punto in cui è più probabile trovare l’ARA San Juan, divenuto sarcofago dei suoi sfortunati 44 membri d’equipaggio, l’area assegnata allo Jantar era artificialmente estesa, sospettando che lo fosse per far perdere tempo agli ufficiali, costringendoli a girare come un asino attaccato alla ruota a beneficio dei concorrenti statunitensi, i cui gruppi di ricerca raggiungono profondità inferiori. Il 20 dicembre, la Camera dei Deputati approvava la creazione di una “Commissione investigativa speciale su scomparsa, operazioni di ricerca e salvataggio del sottomarino ARA San Juan“, il cui obiettivo sarà “analisi, valutazione e chiarimento delle cause e circostanze del sinistro della nave, sviluppo delle azioni dello Stato argentino per la scoperta e attuazione della cooperazione internazionale su sua posizione e salvataggio“. Il progetto, presentato dal deputato Guillermo Carmona (FpV, Mendoza) col supporto di tutti i blocchi, prevede una commissione bicamerale formata da sei deputati e sei senatori, che va ancora approvata dal senato, ma l’alternativa è iniziare a lavorare in piena pausa estiva da commissione ad hoc della Camera dei Deputati, essendo chiari candidati all’integrazione, oltre a Carmona, la deputata correntina Araceli Ferreyra (Movimento Evita) e l’ex-ministro della Sicurezza di Buenos Aires ed ex-ambasciatore nella Repubblica orientale dell’Uruguay, Guillermo Montenegro (PRO, Cambio). Poiché teme che sospetti e denunce di aver nascosto informazioni si accumulino, il governo proverà con ogni mezzo a che la commissione sia presieduta da Montenegro, che oltre ad aver frequentato il Liceo Navale è figlio dell’ufficiale omonimo che fu sommergibilista.

Contrammiraglio Kurt Hartung

Traduzione di Alessandro Lattanzio