Gli Stati Uniti puntano a scatenare lo SIIL nel sud-est asiatico

Tony Cartalucci, LD 26 novembre 2017I think tank occidentali sono sempre più impegnati a coltivare una narrazione per spiegare la presenza improvvisa e diffusa dei terroristi collegati allo “Stato Islamico” (SIIL) nel Sud-Est Asiatico. Tale narrativa, che questi think tank vorrebbero spacciare al pubblico, implica militanti in fuga da Siria e Iraq che si trinceranno nei presunti conflitti settari nel sud-est asiatico. I think tank non menzionano convenientemente mai come decine di migliaia di terroristi finanzino l’impresa logistica necessaria a trasferirli nel Sud-Est asiatico o a sostenerne le operazioni nella regione una volta arrivati. Tra questi think tank c’è il cosiddetto International Crisis Group (ICG). Nel suo rapporto “Jihadismo nel sud della Thailandia – un minaccia fantasma“, afferma: “Il declino dello Stato islamico (SIIL) e l’avvento delle violenze legate allo SIIL nel Sud-Est asiatico, mostrano la possibilità di una nuova era di terrorismo jihadista transnazionale nella regione. Ricorrenti, anche se non comprovate, notizie sull’attività dello SIIL in Thailandia hanno suscitato domande sulla vulnerabilità del profondo sud a maggioranza musulmana del Paese e, in particolare, sull’insurrezione malese-musulmana influenzata dai jihadisti”. Mentre l’ICG afferma che “fino ad oggi” non ci sono prove che lo SIIL abbia fatto incursioni nel sud della Thailandia”, avverte: “Ma il conflitto e una serie di paure per lo SIIL in Thailandia diffondo timori su una nuova minaccia terroristica. Tali paure sono irrazionali, anche se largamente fuori luogo e non dovrebbero oscurare la calamità dell’insurrezione e la necessità di porvi fine. I colloqui diretti tra capi ribelli e governo sono una priorità; un sistema politico decentralizzato potrebbe aiutare ad affrontare le principali lamentele nel sud preservando lo Stato unitario tailandese”. In sostanza, ICG avverte su una crisi che ammette essere improbabile, quindi raccomanda a Bangkok di perseguire una linea d’azione che già prende, parlando coi capi dei terroristi nelle province meridionali. Il lungo rapporto dell’ICG, in realtà è solo uno dei tanti tentativi ripetitivi e premeditati di far credere possibile il radicarsi dello SIIL in Thailandia. Proprio come Stati Uniti ed alleati hanno usato lo SIIIL come strumento geopolitico in altre parti del mondo, e più recentemente nel Sud-est asiatico, in particolare nelle Filippine, il vecchio obiettivo statunitense in Thailandia è trovare e sfruttare le fratture sociopolitiche e settarie per dividere, distruggere e controllare lo Stato tailandese. Era in un promemoria del 2012 redatto dall’Agenzia d’Intelligence della Difesa USA (DIA) che ammetteva che Stati Uniti ed alleati cercavano di creare ciò che all’epoca era definito “principato” (Stato) “salafita” (islamico), in particolare in Siria orientale, dove alla fine lo SIIL s’insediò prima che le operazioni congiunte russo-iraniano-siriane lo sradicassero.
Il rapporto del 2012 afferma in modo specifico: “Se la situazione si sgretola, c’è la possibilità di stabilire un principato salafita dichiarato o meno nella Siria orientale (Hasaqah e Dair al-Zur), e questo è esattamente ciò che vogliono le potenze che sostengono l’opposizione, al fine d’isolare il regime siriano, considerato profondità strategica dell’espansione sciita (Iraq e Iran)”. Quindi, se lo SIIL è uno strumento geopolitico progettato e usato per la prima volta da Stati Uniti ed alleati per sovvertire, isolare e rovesciare il governo siriano, ne consegue che la sua espansione in altre regioni del mondo mentre affronta sfide sempre insormontabili è stato pianificata ed alimentata dai politici statunitensi e dagli interessi speciali che li sponsorizzano.

Cos’è l’ICG e perché promuove la paura per lo SIIL?
L’ICG è un think tank e una rete politica finanziati da aziende che creano e sfruttano i conflitti col pretesto di “impedirli”. Afferma sul suo sito che: “Crisis Group aspira ad essere l’organizzazione preminente che fornisce analisi e consigli indipendenti su come prevenire, risolvere o gestire meglio conflitti mortali. Riuniamo la ricerca sul campo, l’analisi e l’impegno coi responsabili politici di tutto il mondo per effettuare cambiamenti nelle situazioni di crisi in cui lavoriamo. Ci sforziamo di parlare con tutti e, nel farlo, di rafforzare il nostro ruolo di fonte affidabile di informazioni centrato su campo, nuove prospettive e consigli per le parti in conflitto e gli attori esteri”. Tuttavia, uno sguardo agli sponsor e ai membri rivela un club per gli interessi speciali di corporation finanziarie, gruppi di pressione, politici collegati direttamente al dipartimento di Stato USA, ministero degli Esteri del Regno Unito e governi di entrambi. Questi sponsor sono i giganti del petrolio Chevron, ENI, Noble Energy, Shell, Statoil e British Petroleum (BP). Comprende anche finanziarie come HSBC Holdings, MetLife e RBC Capital Markets. C’è anche la questione degli studi legali e dei lobbisti che finanziano e sono direttamente coinvolti nell’agenda dell’ICG, tra cui Sherman&Sterling, Whit&Chase, APCO Worldwide e Edelman. APCO Worldwide è noto per la fabbricazione di articoli per manipolare la governance aziendale interna, mentre Edelman è noto specificamente, per quanto riguarda la Thailandia, per i servizi di lobbying al dittatore Thaksin Shinawatra, rimosso dal potere nel 2006 tramite un colpo di Stato militare che l’ICG condannò con veemenza e contro cui ancora protesta. Il lobbismo di Edelman per Thaksin Shinawatra era diretto da Kenneth Adelman, che vi entrò a far parte come consulente senior nel 2001. Non solo Edelman è uno sponsor aziendale dell’ICG, ma lo stesso Kenneth Adelman viene indicato in appendice al rapporto di ICG in Thailandia come consulente senior dell’ICG. Adelman presiede anche la filiale della National Endowment for Democracy (NED) del dipartimento di Stato USA e di Freedom House, altra facciata dei lobbisti di Washington e Londra che fa pressioni sulla Thailandia dalla cacciata di Shinawatra nel 2006. Assieme ad Adelman c’è George Soros a sedere nel consiglio di amministrazione dell’ICG. L’Open Society Foundation di Soros è indicata da ICG come uno dei suoi sponsor. Soros e il coinvolgimento della sua Open Society Foundation sono essenziale da notare. Praticamente tutti i gruppi d'”opposizione” della Thailandia, da presunti studenti e accademici a piattaforme e attivisti mediatici, sono finanziati dall’Open Society Foundation di NED e George Soros. Tra questi, Prachatai, avvocati thailandesi per i diritti umani (TLHR), Netizen thailandesi, Nuovo movimento per la democrazia (NDM), Human Rights Watch Thailand, Amnesty International Thailand, iLaw, Isaan Record e molti altri. Gli sforzi concertati di ICG e suoi sponsor aziendali attraverso il lobbying e suoi membri in varie altre associazioni come Freedom House e Open Society, per attaccare ed indebolire la Thailandia in favore dell’agente dell’occidente Thaksin Shinawatra e il vasto e crescente fronte d’opposizione che l’occidente costruisce in Thailandia, suscita sospetti sulla motivazione dell’ICG nel pubblicare il rapporto riguardante lo SIIL in Thailandia. L’osservazione degli sforzi occidentali nei vicini del Sudest asiatico, in particolare in Myanmar e Filippine, solleva ancora più sospetti.
Gli Stati Uniti hanno coltivato sapientemente una mortale divisione settaria in Myanmar, mettendo gli estremisti nazionalisti contro la minoranza rohingya ed usando le violenze che ne derivano per indebolire l’Esercito nazionale mentre mettevano al potere Aung San Suu Kyi e la sua Lega nazionale per la democrazia (NLD). La violenza compromette anche i costruttivi legami economici e diplomatici tra Myanmar e Cina. Nelle Filippine, i terroristi legati allo SIIL sono riusciti a conquistare un’intera città nella regione meridionale della nazione. Soldi, armi e terroristi richiesti per tale prodezza richiedevano chiaramente la sponsorizzazione di uno Stato. Proprio come in Siria, lo SIIL nelle Filippine è collegato all’Arabia Saudita che funge da intermediario per denaro, armi, forniture e direttive statunitensi. I conflitti in Myanmar e Filippine hanno concesso agli Stati Uniti l’iniziativa per agire da “mediatore” in Myanmar e fornire “assistenza militare” alle Filippine. Entrambe le mosse servono a Washington a stringere la presa su entrambe le nazioni nel momento in cui il sud-est asiatico si allontana dall’ombra dell’egemonia statunitense e si avvicina all’abbraccio costruttivo e reciprocamente vantaggioso con Pechino. La Thailandia, per la sua grande economia, popolazione e posizione geostrategica al centro del sudest asiatico continentale, sarebbe ben utile agli interessi degli Stati Uniti per riaffermare l’egemonia sull’Asia-Pacifico e creare un fronte contro Pechino. Tuttavia, la Thailandia, date le sue istituzioni indipendenti, in particolare esercito e monarchia, gode di un livello di unità che i vicini non hanno. Sotto Thaksin Shinawatra, gli Stati Uniti cercavano di sfruttare le fratture sociopolitiche e di classe. Poiché ciò falliva, gli Stati Uniti cercherebbero di utilizzare le stesse reti “rosse” per alimentare il fervore nazionalista che consuma il vicino Myanmar. I “rossi” sono la tappa del Fronte unito per la democrazia contro la dittatura (UDD) di Shinawatra, che ha già iniziato ad agire nei templi per coltivare la divisione tra buddisti e musulmani che prima non esisteva. I fronti finanziati da Soros come Prachatai che si atteggiano a “difensori dei diritti” hanno denunciato le azioni veloci e decisive dell’esercito thailandese per impedire ai “monaci” di promuovere la violenza settaria. Per bloccare gli sforzi degli Stati Uniti nel progettare il divario settario in Thailandia, sembra che organizzazioni come ICG creino una narrazione per spiegare le prossime attività dello SIIL in Thailandia. La natura aberrante delle operazioni dello SIIL favorirà la propaganda anti-islamica promossa dalle reti sostenute dagli Stati Uniti nel nordest della Thailandia. Da qualche parte, sperano i politici statunitensi, si potrebbe scatenare uno “scontro di civiltà” che consumi l’unità nazionale storicamente impressionante della Thailandia. Una volta divisa, la Thailandia sarà facilmente vincolata agli obiettivi statunitensi nella regione.

Ciò che la Thailandia dovrebbe fare
I terroristi nel sud della Thailandia sono pochi. Il governo thailandese deve continuare gli sforzi per favorire i progressi socioeconomici nella regione drenando le paludi della povertà e dell’ingiustizia che spingono al reclutamento nelle organizzazioni terroristiche. Ma oltre a ciò, Bangkok deve identificare e affrontare la natura logistica del conflitto, in particolare chi è coinvolto nell’armamento, addestramento e finanziamento del terrorismo. Per sventare gli sforzi degli Stati Uniti per espandere il conflitto, il governo trarrebbe beneficio dalla legislazione sull’incitamento all’odio di Singapore, che rende impossibili i tentativi di gruppi di promuovere la violenza settaria senza ricevere condanne immediate e severe. Allo stesso tempo, gli sforzi per promuovere ulteriormente la comprensione interreligiosa, il rispetto reciproco e l’attivismo migliorerebbero i già noti valori di tolleranza e diversità della Thailandia. Molti thailandesi sanno già del ruolo costruttivo che la comunità musulmana thailandese ha svolto nella storia della Thailandia. Esistono già scambi interculturali che avvengono ogni giorno nei mercati tailandesi e tra i numerosi venditori ambulanti. Evidenziando e migliorando ciò si contribuirà ulteriormente a vaccinare il pubblico dai tentativi di dividere e distruggere la nazione secondo linee settarie. Inoltre, il governo deve denunciare e ostacolare gli sforzi dei fronti degli USA NED e Open Society. Citando il precedente degli Stati Uniti nel forzare RussiaToday a registrarsi come “agente straniero”, il governo thailandese potrebbe imporre per legge la divulgazione obbligatoria dei profili sui social media e all’inizio e alla fine di ogni pubblicazione stampata od online, anche nei post sui social media, di facciate come Prachatai, l’indicazione chi li finanzia e perché. Infine, capire che la fonte dello SIIL sono le reti sostenute da Stati Uniti ed alleati significa combattere lo SIIL in Thailandia sapendo che l’ambasciata degli Stati Uniti è la vera fonte del terrorismo. Anziché promuovere uno scontro diretto con gli Stati Uniti, i media thailandesi alternativi potrebbero collegare l’attività dello SIIL direttamente e ripetutamente all’ambasciata degli Stati Uniti, assicurando che qualsiasi atto terroristico vi sia immediatamente collegato. Più è svelato il terrorismo sponsorizzato dagli Stati Unit, più ne soffrirà la credibilità degli Stati Uniti in Thailandia e nella regione. Infine, quando si cercano alleati in una vera “Guerra al Terrore”, Bangkok dovrebbe coltivare legami con le nazioni che veramente la conducono. Queste sono Cina, Russia e Iran. Quando gli Stati Uniti cominceranno a perdere e ad essere esclusi permanentemente ovunque portino la “Guerra al Terrore”, i responsabili politici di Washington ne saranno ritenuti responsabili e la tattica sarà abbandonata, oppure gli Stati Uniti saranno isolati ed irrilevanti come hanno provato a fare a nazioni come Siria e Iraq contro cui hanno scatenato la minaccia del loro SIIL.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

La crescente potenza militare della Cina

NDT China Bureau, 18 novembre 2017La crescita della Cina nella difesa mostra progressi. L’industria della Difesa della Cina è sempre più avanzata con munizioni nuove e sviluppate. Laddove la Cina mostra progressi, gli Stati Uniti osservano con acuto interesse preparandosi a sforzi futuri. Questa sembra essere una ricerca infinita per migliorare e avanzare nella Difesa. Stati Uniti e Cina hanno l’obiettivo di superarsi e per raggiungere questo obiettivo continuano ad investire ingenti somme di denaro nella difesa. Questo è il volto delle due superpotenze. Stati Uniti e Cina avanzando verso il potere e il dominio della politica globale trascineranno la comunità mondiale nella corsa agli armamenti, che non finirà mai e porterà a una guerra, come negli ultimi decenni. Peggio sembra quando si discute di missili ed altre munizioni che vanno sviluppando per superarsi. Con il progredire della guerra in aria, acqua e terra, Cina e Stati Uniti avanzano rapidamente per stabilire la propria posizione sulla mappa mondiale. In questo esercizio generale, a volte si confrontano in aria, acqua o terra cercando di dimostrare la forza acquisita con armi avanzate. Questa discussione ci porta ai recenti sviluppi nella difesa in Cina e negli Stati Uniti. I cinesi sono competitivi nel confrontarsi con gli Stati Uniti. In una recente esercitazione navale dell’Esercito popolare di liberazione cinese, si e saputo del rilascio delle immagini di un sottomarino che lanciava una versione del missile da crociera antinave YJ-18. Queste immagini mostrano molto delle azioni della Marina cinese. Si ritiene che siano state rilasciate nell’ambito di una serie di conferenze universitarie dell’ex-Contrammiraglio Zhao Dengping. Le immagini del missile sono apparse su diversi siti web militari cinesi dopo la conferenza tenuta alla North Western Polytechnic University. Il giorno dopo fu diffusa l’immagine del sottomarino che lanciava la versione del missile antinave YJ-18. Furono rilasciate due immagini. La prima mostra una capsula di lancio che assomiglia per forma e dimensioni alla capsula del Kalibr russo. La seconda mostra il lancio di un missile. La prima immagine mostra anche il veicolo di lancio dipinto con una combinazione di colori di prova. I media cinesi affermano che il sistema YJ-18 è un missile di superficie unico e avanzato. Può essere utilizzato per distruggere navi di superficie, convogli, gruppi d’attacco di portaerei e contrasto terrestre in severe condizioni di guerra o tensione sui mari.
Non c’è stata alcuna rivelazione sulle conferenze di Zhao. Nemmeno il minimo indizio è presente su sue intenzioni o idee nelle conferenze. Era un compito completamente segreto. Nemmeno i suoi veri commenti sono stati rivelati. Tuttavia, le diapositive presentate in qualche modo dichiarano i programmi della Marina dell’Esercito popolare di liberazione. Tra i mezzi rivelati c’erano il cacciatorpediniere Type 055, una nave d’assalto anfibia portaelicotteri, la corvetta Type 056 e il missile antinave supersonico YJ-12. Sebbene non vi sia alcuna rivelazione sul quando le immagini furono prese per la presentazione, non è chiaro se siano ancora in fase di sviluppo o in servizio nella PLAN. Secondo varie fonti cinesi, è stato rivelato che il motore a turbogetto del missile può volare a Mach 0,8 per circa 180 chilometri. Si dice anche che dopo di ciò la testata si separa e un motore a razzo a propellente solido si accende permettendo una velocità massima di Mach 2,5-3 per circa 40 chilometri. Dopo il clamore delle conferenze in cui sono state pubblicate le immagini del missile, rivelate da fonti cinesi, lo sviluppo finale arrivava con la diffusione della prima immagine del YJ-18 lanciato da un cacciatorpediniere Type 052D della PLAN. Questo sviluppo indica che il missile antinave è entrato in servizio nella flotta della Marina dell’Esercito popolare di liberazione (PLAN). L’YJ-18 è un missile antinave a tre stadi simile per caratteristiche e design al russo Novator 3M-54T Kalibr-NK, caratteristica indicata da una rivista militare cinese, Modern Ships. Questa è una delle sorprendenti capacità del missile e di cosa possa farne la PLAN in futuro. Un missile basato sul modello russo non è una novità per la flotta. In passato il 3M-54E Club-S fu esportato con i sottomarini di costruzione russa consegnati tra il 2004 e il 2006. Ma non è ancora chiaro finora se il concetto sia stato copiato dall’intelligente cinese o se la Russia abbia fornito la licenza alla Cina. Nel 2015, un rapporto sulla potenza militare cinese del dipartimento della Difesa degli Stati Uniti dichiarava che i cacciatorpediniere Luyang III e Tipo 055 sono nuove navi dotate di missili da crociera recentemente sviluppati dalla Cina. Menzionò anche che questi missili da crociera rappresenteranno un ulteriore vantaggio per la Marina cinese e saranno un passo avanti nella capacità ASUW (guerra antisuperficie) della Cina. Il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti menzionò anche le nuove costruzioni con tecnologia avanzata e competitive, e che gli YJ-18 rappresentano un miglioramento rispetto agli SS-N-27. Il missile verrà lanciato da 3 sottomarini diversi, dei tipi Song, Yuan e Shang.
L’avanzata della Cina nei prossimi anni è imprevedibile, ma è sicuro che avrà dei risultati. Le caratteristiche dei nuovi missili da crociera e gli ultimi sviluppi della PLAN dimostrano che la Cina progredisce a un ritmo elevato nella Difesa. Se è così, allora vanno conosciuti anche i risultati degli Stati Uniti nei confronti della Cina.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Giappone: Shinzo Abe segna una grande vittoria elettorale

Andrej Akulov, SCF, 26.10.2017Dalla seconda guerra mondiale, il Giappone è noto come Paese orientato al pacifismo, che ha negato la guerra come strumento della politica nazionale. Ciò potrebbe cambiare presto. Il 22 ottobre il Primo ministro giapponese Shinzo Abe segnava una vittoria importante nelle elezioni nazionali. Il suo Partito Democratico Liberale e il Partito Komeito, piccolo partito di coalizione, si sono assicurati almeno 312 seggi nella camera bassa da 465 seggi, superando i 310 seggi della maggioranza dei due terzi. L’esito delle elezioni ne continuerà le politiche perseguite dall’incarico nel 2012; linea dura sulla Corea democratica e stretti legami con Washington, specialmente sulla cooperazione nella Difesa. La vittoria aumenta anche le possibilità del primo ministro di vincere il prossimo turno, a settembre, come leader del Partito Liberale Democratico. Questo potrebbe estenderne la premiership al 2021. Adesso Abe è in procinto di diventare il più longevo primo ministro del Giappone dalla Seconda guerra mondiale. Il successo elettorale dà anche al premier più tempo per l’attuazione dei piani per rivedere la costituzione pacifista del Giappone, prerequisito per aumentare capacità ed opzioni militari del Giappone. “Questa è stata la prima elezione in cui abbiamo fatto della trasformazione costituzionale il pilastro della nostra piattaforma politica”, aveva detto il 23 ottobre. La costituzione rinuncia all’uso della forza nei conflitti internazionali, proibendo atti di belligeranza. Mentre l’articolo 9 vieta tecnicamente il mantenimento di forze armate permanenti, è stato interpretato dai successivi governi giapponesi per permettere le forze di autodifesa, come sono note le forze armate, per scopi esclusivamente difensivi. I cambiamenti storici del 2015 consentono una limitata autodifesa collettiva e di aiutare un alleato attaccato. Qualsiasi cambiamento nella costituzione del Giappone, che non è mai stata modificata, richiede l’approvazione innanzitutto di due terzi del parlamento e poi un referendum pubblico. La coalizione di Abe e del partner ha tale maggioranza. Con la “supermaggioranza” in entrambe le camere, il premier ha mano libera legislativa. La modifica costituzionale sarà ancora una dura battaglia, dato che l’opinione pubblica si oppone all’emendamento. Attualmente, la spesa militare del Giappone ammonta a circa l’1% del PIL. La più alta dal 1945. Alcuni legislatori spingono per aumentarla di un 20%, soprattutto alla luce delle preoccupazioni sull’impegno statunitense nella regione. Uno degli obiettivi della sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Trump è spingere gli alleati a contribuire maggiormente alla propria difesa. Trump deve visitare il Giappone all’inizio di novembre. Circa 50000 truppe statunitensi sono sul suolo giapponese, tra cui la Settima Flotta, un considerevole contingente dei Marines e il più grande stormo dell’US Air Force. Ogni anno il Giappone spende 2 miliardi di dollari per ospitarli. In futuro, probabilmente sarà possibile introdurre nuove capacità difensive coi sistemi Aegis Ashore o Terminal High Altitude Area, dato che il LDP ha sostenuto ulteriori spese per la difesa a tali scopi.
La coalizione di governo discute la necessità che il Giappone schieri missili superficie-superficie per migliorare la deterrenza nei confronti della Corea democratica, compresa la capacità di neutralizzare i missili balistici nordcoreani sui siti di lancio. Il Giappone ha finora evitato di prendere il controverso e costoso passo di acquisire bombardieri o missili da crociera dal raggio abbastanza ampio da colpire altri Paesi, affidandosi invece agli Stati Uniti per combattere i nemici. Ma la crescente minaccia posta dalla Corea democratica aggiunge peso all’argomento secondo cui il Giappone ha bisogno di una propria capacità di attacco. Sembra che Tokyo cerchi di procurarsi missili da crociera Tomahawk dagli Stati Uniti. I missili sarebbero utilizzati per attaccare lanciamissili e strutture di lancio nordcoreani. I Tomahawk sarebbero probabilmente dispiegati a bordo dei cacciatorpediniere equipaggiati col sistema di lancio verticale Aegis e Mark 41. Significherebbe che il Giappone potrebbe attaccare bersagli situati sul gran parte della massa terrestre. Il Giappone analizza molto attentamente l’acquisto degli Aegis Ashore con capacità di difesa missilistica fissa a terra. Aegis Ashore utilizza lo stesso sistema di lancio verticale Mark 41 (VLS) dei cacciatorpediniere dell’US Navy usati per sparare i BGM-109 Tomahawk. Proprio come i cacciatorpediniere e gli incrociatori statunitensi, che utilizzano il sistema di combattimento Aegis e il suo sistema di Mark 41 VLS, il Giappone potrebbe integrare i Tomahawk nelle proprie strutture Aegis Ashore. Ciò dimostra che la preoccupazione della Russia sulla capacità dei Mk-41 di lanciare missili da crociera in Europa, violando il trattato INF, è giustificata. Se i VLS possono farlo in Giappone, potranno farlo in Romania e Polonia. Dopo l’attacco missilistico, i 42 F-35A Joint Strike Fighters del Giappone potrebbero attaccare per degradare la rete radar e le difese aeree della Corea democratica. Il Giappone potrebbe anche acquistare missili ad alta precisione, come il Joint Air-to-Surface Standoff Missile (JASSM) della Lockheed Martin Corp o il Missile Joint Strike a corto raggio. Il Giappone attualmente prevede di acquistare 3 droni a lunga autonomia RQ-4 dagli Stati Uniti. Ciò consentirebbe all’aviazione delle forze di autodifesa giapponesi di effettuare simultaneamente operazioni di ricerca, tracciamento e valutazione dei danni su tutta la Corea democratica e altrove.
La vittoria elettorale non significa che l’aumento della potenza militare abbia il sostegno pubblico. In questo momento l’opposizione è debole, avendo la maggiore forza d’opposizione, il Partito Democratico, nel caos. L’affluenza del voto è stata del 53,68 per cento, la seconda più bassa dal dopoguerra. La Corea democratica è un pretesto per i piani militari, che altrimenti avrebbero poche possibilità di passare. La posizione dura sulla Corea democratica non è l’unico elemento della politica estera del premier. Gli elettori hanno evidentemente sostenuto la sua politica di confronto con la Cina. La politica sulla Russia è ampiamente sostenuta. Dall’incarico, il premier ha attuato la politica del ravvicinamento con la Russia. Durante la visita ufficiale a Mosca nell’aprile 2013, Russia e Giappone stipularono la dichiarazione congiunta per avviare la cooperazione multilaterale, tra cui la riunione regolare dei ministri degli Esteri e della Difesa per consultazioni nel formato “2+2”. Russia e Giappone si sono riuniti regolarmente. Al vertice di Sochi, nel maggio 2016, Abe annunciò il “nuovo approccio” verso la Russia. Nel settembre 2017, riunitisi al Forum Economico Orientale, i leader discussero la questione delle isole Kurili. Il Presidente Putin incontrerà Shinzo Abe al Vertice Asia-Pacifico (APEC) in Vietnam, nel novembre 2017. Un ulteriore miglioramento delle relazioni Russia-Giappone è cruciale per la politica estera di Shinzo Abe che ha il sostegno degli elettori, rafforzando la posizione del premier prima delle elezioni vinte in modo così spettacolare.Il Giappone indice elezioni parlamentari straordinarie
Vladimir Terehov, New Eastern Outlook 27.10.2017

Come previsto, le elezioni straordinarie alla Camera bassa del Parlamento, tenutesi in Giappone il 22 ottobre, sono culminate nella vittoria del Partito Democratico Liberale. Dal 23 ottobre, sul totale di 465 seggi parlamentari, il destino di due non è ancora chiaro. Tuttavia, non importa dato il risultato delle elezioni, ossia il LDP che insieme al suo “partner minore” Komeito, ottiene la maggioranza qualificata nella camera bassa del Parlamento giapponese. A sua volta, basandosi sui dati della distribuzione dei seggi nel nuovo parlamento, il Primo ministro Shinzo Abe (che aveva avviato le elezioni straordinarie) ha ragione di parlare della forte fiducia che il popolo giapponese gli ha espresso, sia personalmente che sulla politica estera e interna perseguita dal suo governo. Conseguenza importante del risultato delle elezioni è il forte calo del peso degli scandali che si sono moltiplicati intorno al Gabinetto dei Ministri guidato da Abe, e degli attacchi correlati dell’opposizione. Durante una conferenza stampa sui piani immediati, svoltasi il giorno dopo le elezioni, Abe chiariva che non ha intenzione di “perdere tempo” nell’attuale sessione straordinaria del parlamento per esaminare la sostanza delle accuse rivoltegli dall’opposizione, ma che invece la questione sarà rinviata alla prossima sessione regolare, che avrà inizio il prossimo gennaio. Nei prossimi mesi non vuole “perdere troppo tempo” scontrandosi coi parlamentari dell’opposizione.
Con alcuni importanti dubbi, il Primo Ministro riceve carta bianca nell’attuazione di determinate misure in economia, sicurezza e cambiamenti costituzionali. Tuttavia, giudicando dal discorso post-elettorale, Abe non intende escludere la discussione sui cambiamenti costituzionali con l’opposizione, nonostante l’esistenza della maggioranza necessaria al parlamento. Le dimensioni del successo del primo ministro e del LDP che guida, superano le previsioni più ottimistiche degli esperti alla vigilia delle elezioni. Questo successo è particolarmente significativo nel contesto della partecipazione alle elezioni dei 18enni, ammessi per la prima volta al voto elettorale. L’attuale premier è particolarmente popolare tra i giovani. Tuttavia, alcuni esperti concordano sul fatto che la vittoria del LDP sia associata alle peculiarità del sistema elettorale e generalmente mettono in dubbio l’interpretazione dei risultati delle elezioni passate come espressione di sostegno incondizionato della popolazione alla coalizione al governo. La sconfitta dell’opposizione è dovuta al caos completo in cui si trovava alla vigilia delle elezioni. Il partito della Speranza, particolarmente ottimista, formato un mese prima delle elezioni dalla governatrice di Tokyo Yuriko Koike, ha ottenuto solo 50 seggi classificandosi al terzo posto tra i partiti parlamentari. In retrospettiva, si potrebbe sostenere che questo fosse prevedibile tenendo conto della “natura secondaria” del programma del partito della Speranza rispetto al LDP. Per esempio, Yuriko Koike ha cercato di lanciare il termine “giurisprudenza” nell’arena dei meme politici. Ma tale meme però si riferisce direttamente all’originale “abenomics”, la cui apparizione nel 2013 (dopo il ritorno del LDP al potere alla fine del 2012) non era altro che una sintesi giornalistica del nuovo corso economico proclamato da Abe. Contro lei personalmente e il partito che guida, vi è stato anche il rifiuto di Yuriko Koike di lasciare il posto di governatrice di Tokyo per concentrarsi completamente sulle elezioni, alla cui vigilia si recò (citando qualche scusa dignitosa) a Parigi. A giudicare dai risultati delle elezioni, l’elettore valutò negativamente le sue “previsioni”. Yuriko Koike, “stella” ascesa all’improvviso l’anno scorso (nelle elezioni parlamentari locali e a governatore di Tokyo), dopo solo un anno si ferma. Lo dimostra la sua “delusione” per i risultati del proprio partito nelle elezioni nazionali. Ancora meno ottimista è il destino dell’altro aspirante politico Seiji Maehara. Asceso assai giovane agli inizi del Partito Democratico all’opposizione, il 1° settembre ne diventava il leader, avendo così l’occasione unica per affermarsi al vertice politico del Paese. Tuttavia, già a fine settembre, apparentemente influenzato (ancora esistente al momento) dal “fenomeno Yuriko Koike”, invitò i membri del DP a votare il partito della Speranza nelle imminenti elezioni. Tuttavia, Koike, situata politicamente ancora più a destra di Abe, è accetta solo all’ala destra del Partito Democratico. Di conseguenza, il partito di opposizione principale s’è diviso, ed era improbabile che il nuovo leader potesse salvarsi da tale naufragio. Tuttavia, da una situazione così cattiva può nascere una fenice. Questa è il caso del frammentato centro-sinistra dell’ex-DP, denominato Partito Democratico Costituzionale, che ha ottenuto il secondo posto alle elezioni con 55 seggi. Un altro risultato significativo di queste ultime elezioni. Il centro di gravità dell’opposizione sarà ora il CDP e il suo leader, il 53enne Yukio Edano (che ha avuto diversi posti ministeriali nel governo di centro del 2010-2012), diventerà la nuova “stella in ascesa” che rimarrebbe nel cielo politico giapponese molto più a lungo dell’altra “stella”, Yuriko Koike. Tutto sarà deciso dalle prospettiva del “vento di destra” dominante nella politica estera giapponese. La sua forza e durata sono significativamente (e oggi, forse semplicemente decisamente) dipendenti dallo stato delle relazioni cino-giapponesi. Se la relazione tra le due maggiori potenze asiatiche migliora, la “stella” Yukio Edano inevitabilmente continuerà a salire.
Infine, va osservato che il rafforzamento delle posizioni nazionali dell’attuale primo ministro ha avuto luogo durante la preparazione di diversi importanti eventi in politica estera. Tra i più importanti, la visita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump a Tokyo, il 5 novembre, e la successiva partecipazione di Abe a una serie di forum dell’ASEAN. I principali temi politici dei prossimi colloqui statunitensi-giapponesi e il lavoro dei forum dell’ASEAN includeranno le questioni della penisola coreana e del Mar Cinese Meridionale, così come le relazioni con la Cina. Nel complesso, la valutazione degli esperti giapponesi sull’attuale primo ministro come politico di maggior successo del Paese negli ultimi decenni va riconosciuta corretta. Ciò è confermato dal completo successo del nuovo attacco da samurai intrapreso da Abe nella lotta politica interna. L’attacco è stato condotto in condizioni di elevate incertezze e rischi che hanno accompagnato la decisione delle elezioni parlamentari straordinarie.Vladimir Terekhov, esperto della regione Asia-Pacifico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Nessuno vuole più avere a che fare con gli Stati Uniti

Covert Geopolitics 27 ottobre 2017Fatta eccezione per i pazzi di Kiev, nessuno vuole aver più a che fare cogli Stati Uniti. Giappone e Corea del Sud, ovviamente, non possono che accordarsi con la superpotenza in declino a proprio vantaggio, o coi gangster corporativi incaricati dell’industria dai burattinai occidentali. Ma altrove, in Medio Oriente, base del petrodollaro, è in corso un altro riallineamento organico. Il leader della rivoluzione islamica Ayatollah Seyyed Ali Khamenei invitava l’Iraq a rimanere vigile di fronte le trame statunitensi, avvertendo che gli Stati Uniti non sono affidabili. In una riunione col Primo ministro iracheno Haydar al-Abadi a Teheran, il leader ha espresso il sostegno dell’Iran ai tentativi del governo iracheno di sviluppare legami con gli Stati regionali. L’Ayatollah Khamenei, tuttavia, consigliava alla nazione irachena di rimanere “cauta sugli inganni degli statunitensi e a non averne mai“. “Gli statunitensi hanno creato lo SIIL, ma ora che è stato sconfitto dal governo e dal popolo iracheni fingono di sostenere questo importante sviluppo“, dichiarava il leader. “Tuttavia, senza dubbio, non esiteranno a nuocere l’Iraq se ne avranno l’opportunità“, aggiungeva il leader. L’Ayatollah Khamenei sottolineava l’importanza dell’unità tra diversi gruppi etnici iracheni e il sostegno di Baghdad alle forze popolari del Paese, ragioni chiave delle recenti vittorie sui gruppi terroristici e i loro sponsor. Abadi, da parte sua, sottolineava la determinazione di Baghdad a salvaguardare l’unità e l’integrità territoriale dell’Iraq, rilevando che il governo non permetterà mai che il Paese sia minacciato di disintegrazione. L’avviso iraniano ha solide basi anche ora.
Washington versa benzina sul fuoco delle dispute nei mari dell’Est e del Sud della Cina tra Pechino e i vicini per frenarne l’ascesa e minare gli sforzi per risolvere i problemi in modo pacifico, secondo Sputnik. Date le crescenti tensioni, Pechino vede la modernizzazione della Difesa del Paese come una grande priorità. Gli Stati Uniti continuano gli sforzi per contenere le attività cinesi nei Mari nell’Est e del Sud della Cina, acuendo la disputa marittima tra le nazioni del sud-est asiatico, secondo Shen Shishun, direttore del Centro per gli Studi del Pacifico meridionale dell’Istituto di Studi Internazionali cinese, suggerendo che le manovre di Washington potranno solo rafforzare il sentimento patriottico dei cinesi. “Gli Stati Uniti cercano di frenare la Cina, puntando su Paesi terzi“, affermava Shen a Sputnik China. “C’è un conflitto tra Cina e Giappone sulle isole del Mar Cinese Orientale, ma è proprio a causa degli Stati Uniti che questo problema è emerso“. Secondo l’accademico, le isole di Diaoyudao (Senkaku) “storicamente appartenevano a Pechino“, ma finirono nelle mani del Giappone a causa della strategia di Washington dopo la Seconda guerra mondiale. Negli ultimi secoli l’arcipelago ha ripetutamente cambiato di mano. L’accordo di Cessione di Okinawa del 1971 tra Tokyo e Washington riconobbe la sovranità del Giappone sulle isole. “Gli Stati Uniti ignorano deliberatamente i fatti storici su questa materia, usando la situazione sulle isole per aumentare la tensione nelle relazioni sino-giapponesi e sfruttando le contraddizioni tra la Cina e i suoi vicini per frenare Pechino“, secondo Shen, aggiungendo che la strategia degli Stati Uniti è inutile.
Dmitrij Mosjakov, direttore del Centro per l’Asia sudorientale, l’Australia e l’Oceania presso l’Istituto di Studi Orientali, ritiene che il sentimento anticinese promosso da Washington e Tokyo potrebbe decidere le relazioni tra l’alleanza statunitense-giapponese e la Cina nei decenni successivi. Secondo Mosjakov, Washington e Tokyo non cercano compromessi sulla disputa territoriale di Diaoyudao (Senkaku), ma al contrario cercano d’innescare le fiamme sull’arcipelago. Il ministro della Difesa statunitense Jim Mattis incontrava gli omologhi di Giappone e Corea del Sud a margine dell’Associazione dei Ministri dell’Alleanza dei Paesi del Sud-Est asiatico (ASEAN ADMM-Plus) nelle Filippine per discutere come “approfondire la cooperazione sulla sicurezza“. Un comunicato stampa del dipartimento della Difesa (DoD) affermava che “i tre ministri hanno ribadito che la libertà di navigazione e di sorvolo va garantita“. ADMM-Plus è la riunione annuale dei ministri della Difesa dei 10 Paesi ASEAN e degli 8 “partner del dialogo”; India, Cina, Giappone, Australia, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Russia e Stati Uniti. Mattis inoltre ebbe colloqui bilaterali col ministro della Difesa giapponese Itsunori Onodera. I due “hanno espresso serie preoccupazioni sulla situazione nel Mar Cinese Meridionale e ribadito l’opposizione ad azioni coercitive unilaterali dei pretendenti, tra cui la bonifica e la militarizzazione delle isole controverse che alterano lo status quo e aumentano le tensioni“, con chiaro riferimento alla Cina.

L’offensiva del fascino cinese: Pechino e Manila raggiungo un compromesso
Parlando a Sputnik, Mosjakov sottolineava che il rapporto Cina-Filippine sembra un’alternativa valida alla strategia USA-Giapponese: Pechino e Manila sono riuscite a raggiungere alcuni compromessi sul Mar Cinese Meridionale. Per esempio, i pescatori filippini sono autorizzati a pescare nella zona del bacino di Huangyan (Scarborough). “Le relazioni della Cina con le Filippine mostrano che… la discussione sui problemi esistenti tra i due Paesi su base bilaterale porta al successo“, osservava l’accademico russo. Durante il vertice ASEAN ADMM-Plus, il Ministro della Difesa cinese Chiang Wanquan sottolineava l’intenzione di Pechino di lavorare a stretto contatto con l’associazione per costruire un’Asia più sicura. Indicava che la Cina è disposta a sviluppare attivamente i rapporti con i Paesi ASEAN in molti settori, tra cui le esercitazioni navali congiunte e la cooperazione per combattere il terrorismo. Allo stesso tempo, Pechino si oppone al coinvolgimento di forze estere nelle controversie territoriali con gli Stati vicini. Questa posizione è stata espressa da Fu Ying, Presidente della Commissione per gli Affari Esteri del Congresso Nazionale Nazionale della Cina, all’ultima riunione annuale del Club Internazionale di Discussione di Valdai. Confermava la disponibilità della Cina a proseguire i negoziati sulle isole, ma dichiarava di non trasformare le controversie in un inutile confronto geopolitico, sottolineando che l’interferenza di altri Paesi, soprattutto negli Stati Uniti, nei rapporti della Cina coi vicini, può solo aumentare le tensioni nella regione. Nel frattempo, il 19° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese (CPC), svoltosi a Pechino il 18-24 ottobre 2017, affrontava la questione della sicurezza regionale. La risoluzione del congresso prevede la modernizzazione della Difesa della nazione come una delle principali priorità, sottolineando la necessità di trasformare l’Esercito di Liberazione Popolare (PLA) in una forza armata mondiale. L’enfasi della risoluzione sulla “necessità di attuare un corso militare-strategico con particolare attenzione alle nuove condizioni” è ampiamente considerata un messaggio al Giappone che continua ad allontanarsi dalla politica post-bellico del pacifismo col Primo ministro Shinzo Abe.
Secondo South China Morning Post, la Flotta del Sud della Marina Militare del PLA ha recentemente dispiegato uno squadrone di sottomarini nelle acque controverse del Mar Cinese Meridionale per aumentare l’operatività. Le azioni di Pechino nella regione suscitano preoccupazioni tra i vicini dell’ASEAN. Nel marzo 2017 emerse relazioni che sostenevano che la Cina potrebbe essere coinvolta nella militarizzazione delle isole artificiali nel Mar Cinese Meridionale. In risposta, il portavoce del Ministero della Difesa cinese Wu Qian ammise che Pechino era impegnata in grandi lavori di costruzione nella regione, ma dichiarava che “la maggior parte di esse è destinata a scopi civili“. Le immagini satellitari del marzo 2017 indicano un’installazione militare su un’isola settentrionale delle Paracels. Secondo Taiwan, la costruzione sembra “preparare un porto“, presupponendo che la Cina cerchi di rafforzare la presenza navale nella zona marittima. Le Paracels sono rivendicate da un numerosi Paesi, tra cui Cina, Taiwan e Vietnam.

Cosa cerca in Qatar la Russia?
Reseau International 27 ottobre 2017

Il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu visitava Doha, era la prima volta nella storia dei rapporti tra i due Paesi che un ministro della Difesa russo andava in Qatar. Si sa che il Qatar, come tutti gli altri Paesi del Golfo, è una sorta di riserva degli Stati Uniti, ed è anche noto che ospiti la più grande base militare degli Stati Uniti nella regione. Quindi che ci fa Shojgu in questa riserva statunitense? Beh, a firmare un importante accordo sulla Difesa col Qatar. Questo accordo prevede la consegna da parte russa di 80 miliardi di dollari in armamenti. Enorme e sorprendente! Trump avrà vissuto un incubo, pensando di ripulire i fondi sovrani del Qatar. Compiendo questo passo e optando per una partnership del genere coi russi, l’emiro del Qatar deve sentirsi minacciato. L’emiro probabilmente teme un colpo di Stato dalla CIA a Doha. Quindi è ragionevole pensare che l’accordo abbia dei paragrafi segreti. Ci sarebbe l’impegno russo a proteggere il regime da qualsiasi azione dannosa della CIA. Se vero, l’accordo richiederebbe necessariamente l’apertura di due potenti stazioni di SVR e GRU a Doha. I capi del Qatar avranno concluso che non possono contare solo sulla protezione turca. Con Erdogan che cambia politica e alleanze come cambia camicia, Doha preferisce affidarsi a Putin. La Turchia può continuare a svolgere il ruolo di supporto. Detto questo, si noti che Shojgu, ferreo personaggio mongolo, gira molto all’estero ultimamente. Putin lo prepara sicuramente per un ruolo di primo piano.Traduzione di Alessandro Lattanzio

L’aeronautica di Pol Pot e l’intervento cinese in Kampuchea

Alessandro Lattanzio, 22/10/2017La Kampuchea Democratica nell’aprile 1975 creò l’Esercito Rivoluzionario di Kampuchea (RAK), sulla base delle Forze Armate di Liberazione Nazionale del Popolo Cambogiano, create nel 1967 quando scoppiò una rivolta contadina nel distretto di Samlot della provincia di Battambang. Secondo il loro comandante e Ministro della Difesa della KD, Son Sen, il RAK aveva 230 battaglioni raggruppati in 35-40 reggimenti e 12-14 brigate. Il RAK catturò diverso materiale militare di origine occidentale, come blindati Panhard AML-60, V-100, Commando, M113, e cannoni semoventi M-108 e M-109. La struttura di comando si basava su comitati di tre ufficiali, in cui il commissario politico era il vero comandante. Il RAK era suddiviso in regioni militari comandate dai segretari regionali del Partito. Spesso le truppe di una regione venivano inviate in un’altra regione per far rispettare la disciplina, originando rapidamente disordini e purghe nei ranghi del RAK, minandolo e preparando il terreno alla rivolta. Inoltre Khmer Rossi recuperarono dalle 171 imbarcazioni della marina cambogiana, 13 pattugliatori costieri “Swift“, 40 PBR Mk 1 e 2 “Bibber” e cinque mezzi da sbarco LCM e 8 LCU, annessi alla Marina dell’Esercito di Liberazione della Kampuchea Democratica (MELK). Almeno 4 “Swift” furono distrutti durante l’incidente del cargo Mayaguez, nel maggio 1975, dalle cannoniere volanti statunitensi AC-130. Malgrado i problemi di manutenzione, 9 pattugliatori “Swift“, i pattugliatori PBR e gli LCU rimasero in servizio presso le basi navali di Ream e Chrui Chhangwar fino al febbraio 1979, quando la MELK fu neutralizzata dall’Esercito Popolare del Vietnam.

Il Fronte Nazionale di Liberazione del Vietnam lanciò un attacco con commando sulla base aerea Pochentong di Phnom Penh, nella notte del 21-22 gennaio 1971. L’incursione eliminò 39 soldati cambogiani, ne ferì 170 e causò notevoli danni ad aerei e strutture di supporto. Il testo del volantino cinese recita: “La mattina del 22 gennaio, le Forze Armate di Liberazione Nazionale del Popolo cambogiano assaltavano l’aeroporto Pochentong di Phnom Penh, spazzando via un battaglione di truppe nemiche a protezione dell’aeroporto e quasi tutti i piloti e tecnici. Oltre 750 nemici sono stati uccisi o feriti, più di 90 aerei nemici distrutti o danneggiati, con oltre un centinaio di autoveicoli militari distrutti. Nove depositi con oltre 10000 tonnellate di munizioni e di carburante sono stati distrutti. Questo è un colpo pesante per l’imperialismo statunitense e il suo burattino Lon Nol“. Andò distrutta l’intera aeronautica cambogiana tra 48-52 velivoli almeno, più altri 17 velivoli sudvietnamiti almeno, e anche statunitensi: 10 aerei antiguerriglia North American T-28D Trojan, 4 aerei da supporto tattico Cessna T-37B Dragonfly, 13 cacciabombardieri MiG-17F, 4 aerei d’addestramento Fouga CM-170 Magister, 11 aerei-cargo Douglas C-47 Skytrain, 8 aerei d’osservazione L-19A Bird Dogs, 1 elicottero UH-1 dell’aeronautica cambogiana, 1 aereo antiguerriglia North American Rockwell OV-10A Bronco e 1 aereo da supporto tattico Cessna T-37B Dragonfly dell’USAF, 3 aerei d’osservazione L-19A Bird Dogs sudvietnamiti, 1 deHavilland Canada L-20A Beaver, 1 Douglas C-47B, 1 Antonov An-2, 1 SE-210 Caravelle III delle linee aeree cambogiane.Nel 1975, l’Aeronautica cambogiana disponeva di 100 aeromobili, e i Khmer Rossi riuscirono a recuperarne 21 aerei da supporto tattico T-28D Trojan, 4 velivoli leggeri GY-80 Horizon, 23 aviogetti da addestramento T-37B Tweety, 12 aerei d’addestramento T-41D Mescalero, 5 velivoli U-17 Skywagon, 7 aerei da trasporto C-123K, 9 cannoniere volanti AU-24A, 6 cannoniere volanti AC-47D, 4 aerei da trasporto C-47 Skytrain, 20 elicotteri UH-1D/H e UH-1G Huey e 3 elicotteri Alouette III. 12 T-28D Trojan furono schierati dall’Aeronautica dell’Esercito di Liberazione della Kampucha (AELK) presso la base aerea Ream; altri 5 furono distrutti dall’USAF durante l’incidente del cargo Mayaguez, il 15 maggio 1975. Al momento dell’intervento dall’Esercito Popolare del Vietnam, nel febbraio 1979, erano rimasti operativi pochi velivoli.46 UH-1H Huey furono consegnati dagli USA all’Aeronautica della Cambogia. Alcuni UH-1H utilizzati nel ruolo di cannoniere furono rinominati UH-1G. Uno fu distrutto a Pochentong il 12 gennaio 1971, e un altro fu abbattuto nell’agosto 1972 con un missile Strela-2. 13 UH-1H fuggirono in Thailandia nell’aprile 1975. 19 – 24 elicotteri furono catturati dai Khmer Rossi nell’aprile 1975. I consiglieri cinesi ricostruirono aerei ed elicotteri catturati. L’addestramento si svolgeva a Pochentong, presso Phnom Penh, e a Battambang; quattro istruttori cinesi addestrarono dieci piloti a volare sui Bell UH-1H. Gli UH-1H furono utilizzati per addestramento, trasporto, collegamento e missioni di propaganda. Dopo l’intervento vietnamita del 25 dicembre 1978, 5 Huey cambogiani fuggirono in Thailandia, portando Pol Pot e il suo entourage in esilio in Thailandia, ad Isan, nella giungla.Gli USA consegnarono 29 T-37B all’aeronautica cambogiana tra il 1963 e il 1973. 10 T-37B furono catturati dalle forze vietnamite nel gennaio 1979.

Gli USA consegnarono 25 Cessna T-41D Mescalero, ma nel 1972 4 risultarono perduti in incidenti di addestramento, insieme ai loro piloti. Nel 1974, 13 T-41 erano in servizio presso l’Accademia aeronautica di Pochentong. Almeno 3 fuggirono in Thailandia nell’aprile 1975. I T-41D dell’AELK furono utilizzati dai Khmer Rossi a Battambang, per l’addestramento al volo ad ala fissa.

Nell’ambito del programma MAP, gli USA consegnarono 20 DHC-3 U-1A Otter, tra luglio 1971 e settembre 1972. Almeno 3 furono distrutti durante un attacco dei Khmer Rossi su Pochentong nel marzo 1972. I restanti DHC-6 furono catturati dalle forze vietnamite nel 1979.L’aeronautica cambogiana disponeva di 22 aerei da trasporto Douglas C-47 Skytrain, nel settembre 1970, ma molti furono distrutti da un attacco dei Vietcong a Pochentong, nel gennaio 1971. Nell’aprile 1975, 9 C-47 fuggirono in Thailandia, mentre 14 (inclusi 6 AC-47D Spook, la versione cannoniera del velivolo-cargo), furono catturati dai Khmer Rossi che ne utilizzarono almeno 2 fino al 1977. Quando il Vietnam intervenne in Kampuchea alla fine del 1978, catturò 6 C-47.Gli USA consegnarono alla Cambogia 17 aerei-cargo Fairchild C-123K nel 1973, ma 10 C-123K fuggirono in Thailandia nell’aprile del 1975. Dei restanti 7, 3 furono catturati dalle forze vietnamite nel 1979.L’USAF consegnò 15 aerei antiguerriglia Helio AU-24A Stallion nel 1972 all’Aeronautica cambogiana. Uno precipitò nel marzo 1973, tre furono abbattuti dai Khmer Rossi e un altro precipitò nel Golfo del Tonchino, il 17 aprile 1975. Altri tre fuggirono in Thailandia nell’aprile del 1975. I restanti 6 AU-24A furono catturati dai Khmer Rossi a Phnom Penh.Gli USA consegnarono all’Aeronautica cambogiana 16 aerei da supporto tattico T-28D Trojan, nel 1963, che vennero tutti distrutti il 12 gennaio 1971 durante l’attacco dei vietcong su Pochentong. In seguito, nel febbraio 1972, gli USA inviarono altri 23 T-28. Ma già ad agosto, 14 T-28 erano andati persi. Quindi nel 1972-1973 gli USA inviarono altri 20 T-28D. Nell’aprile 1975, i Khmer Rossi disponevano di 20 T-28D schierati nella base di Ream, ma 14 furono distrutti dagli attacchi aerei statunitensi del 15 maggio 1975, durante l’operazione di salvataggio del Mayaguez. All’AELK rimasero 7 T-28D, basati a Ream. Un film dell’agenzia Xinhua del 1977 mostra dei piloti kampuceani che si addestrano su 4 T-28 nella base aerea di Pochentong.

Dei 10 Sud Aviation SA 3130 Alouette II e Sud Aviation SA 316B Alouette III consegnati alla Cambogia, 3 furono catturati dalle forze vietnamite nel 1979.Nel giugno 1975, il capo del Partito Comunista di Kampuchea, Pol Pot, compì un viaggio a Pechino per incontrarsi con Mao Zedong, che gli offrì 1 miliardo di dollari in aiuti, allora i più grandi della Cina a un Paese estero. Nel 1976 vi fu un accordo militare tra la Cina popolare e la Kampuchea democratica, con cui Beijing fornì all’ARK sistemi di comunicazione, e nel 1977 carri armati, blindati, munizioni, 4 pattugliatori per la marina kampucena ed aerei da combattimento. La Cina in effetti fornì 16 caccia Shenyang F-6C all’Aeronautica dei Khmer Rossi (AELK), tra il 1975 e il 1978. Ma solo 6 furono assemblati e divennero operativi. Almeno 1 F-6C fu catturato dalle forze vietnamite. Nel 1977 la Cina popolare consegnò almeno 3 bombardieri leggeri Harbin H-5 (Iljushin Il-28) alla Kampuchea democratica. 2 furono catturati nella base aerea di Pochentong, il 7 gennaio 1979, dalle forze vietnamite, che inoltre abbatterono un terzo H-5 kampuceano.

La Cina costruì in Cambogia strade, ferrovie, dighe e ponti e ricostruì la rete elettrica, tanto che aumentò la produzione di elettricità a Phnom Penh, forse in previsione della ripopolazione della capitale. I cinesi costruirono anche la raffineria petrolifera di Kampong Som, per lavorare il petrolio greggio cinese dei campi di Daqing, e l’aeroporto di Kampong Chhnang. La pista di 2,4 km e l’aeroporto furono realizzati da centinaia di ingegneri ed operai cinesi, tra il 1976 e il 1978. I consiglieri cinesi inoltre supervisionarono la costruzione, presso l’aeroporto, di un centro di comando sotterraneo di cemento armato che si estendeva per centinaia di metri fino alle colline vicine. In cambio la Cina riceveva forniture di caucciù. In quel periodo erano presenti diverse migliaia di cinesi nella Kampuchea democratica; “Erano in Cambogia per cercare di aiutare i fratelli rivoluzionari e a portare gloria alla Cina nella missione per aiutare la Cambogia a svilupparsi sotto la tutela cinese“. In realtà i rapporti tra i due Stati non erano così netti; “Nel 1975, i cinesi, avendo avuto un’esperienza amara, avvertirono i cambogiani dal correre troppo nel realizzare gli obiettivi rivoluzionari. Si dice che Khieu Samphan e Ieng Thirith sorridessero in modo condiscendente“. Inoltre la mancanza di competenze e addestramento dei kampuceani frustrò i cinesi; mancavano gli interpreti e così le parti comunicavano a gesti. “Esistevano molti limiti all’influenza cinese sulla burocrazia, poiché le frammentate agenzie cinesi dell’amministrazione degli aiuti lottarono per collaborare con le istituzioni della Kampuchea democratica, sconnesse, sottosviluppate e talvolta ostinate“. Gli aiuti comprendevano oltre a materiale militare e sistemi radio, strumenti agricoli e derrate alimentari. Dei voli settimanali da Pechino portarono in Cambogia le migliaia di ingegneri e consiglieri cinesi. L’aeroporto di Kampong Chhnang fu fondamentale per queste operazioni. Inoltre, una volta completato avrebbe permesso alla Cina di proiettarsi sul fianco meridionale del Vietnam e sul Golfo della Thailandia.
Per tali motivi geopolitici, isolare il Vietnam, la Cina sostenne i Khmer Rossi anche negli anni ’80, assieme a Stati Uniti, Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico e NATO, nel tentativo di rovesciare il regime filo-vietnamita che a Phonm Penh sostituì il dominio dei Khmer Rossi.Fonti:
Aeroflight
Asiafinest
Cambodia to Kampuchea
Phnom Penh Post
Sebastian Strangio