I signori della guerra dell’Impero Americano rullano i tamburi

Wayne Madsen, Strategic Culture Foundation 19/09/2016

Ammiraglio Harris

Ammiraglio Harris

Era dai tempi dell’impero romano che i signori della guerra regionali non avevano tanta autorità da avere una propria politica militare e diplomatica rispetto al governo centrale. Gli Stati Uniti chiamano i propri signori della guerra “comandanti combattenti” e non sbagliano. Tali comandanti combattenti sono sempre alla ricerca di nuove guerre, sempre nell’interesse personali propri e dei vertici militari, ma non certo del popolo statunitense. I comandanti combattenti statunitensi dominano propri feudi virtuali, che il Pentagono chiama “aree di responsabilità” o AoR. I signori della guerra dell’impero romano venivano chiamati “proconsoli” ed erano comandanti nominati per governare i territori appena conquistati. Questi AoR romani, conosciuti come proconsoli imperiali, differivano di poco dai moderni AoR statunitensi. Tuttavia, i proconsoli romani erano molto più responsabili verso gli imperatori dei comandanti combattenti verso l’attuale presidente degli Stati Uniti. Il complesso militare e d’intelligence degli Stati Uniti ha diviso il mondo in AoR su cui i comandanti combattenti esercitano autorità su militari, politici, diplomatici statunitensi, e sempre più sulle decisioni economiche. Tali comandi, Comando Centrale, Comando del Pacifico, Comando Europeo, Comando Meridionale, Comando Settentrionale e Comando Africa degli Stati Uniti, sono coinvolti anche nelle attività militari e politiche delle nazioni delle rispettive AoR, alleate o dipendenti da accordi con gli Stati Uniti. Per comodità, il capo del Comando Europeo degli Stati Uniti era anche il Comandante supremo alleato in Europa, il capo militare dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO). In effetti, la NATO è parte integrante dell’egemonia militare degli Stati Uniti. Nel terzo secolo d.C. vari governatori romani presero le armi l’uno contro l’altro per la carica d’imperatore, al collasso dell’impero romano. Oggi, lo stesso fenomeno avviene tra i signori della guerra statunitensi che cercano di espandere le loro AoR a spese dei rivali. Uno dei più aggressivi signori della guerra e comandante combattente degli USA è il capo del Comando del Pacifico, o PACOM, ammiraglio Harry Harris. Da avanguardia militare del “perno in Asia”, idea mal concepita e pericolosa di Obama, Harris ultimamente ha esteso la sua AoR a zone già appartenenti al Comando Centrale degli Stati Uniti, o CENTCOM. Il capo di CENTCOM, generale Joseph Votel, è occupato a confrontarsi militarmente con l’Iran nel Golfo Persico: Harris, in un discorso a San Diego, disse che la sua AoR comprende la regione “Indo-Asia-Pacifico”, una chiara indicazione che Harris espande il suo governatorato militare su Oceano indiano e Asia meridionale. Harris ha usato il termine “Indo-Asia-Pacifico” per descrivere la sua “ciotola di riso” militare a un gruppo di militari del complesso industriale-militare, il Consiglio Amministrativo Militare di San Diego.
Come un generale romano dittatoriale, Harris avvertiva il Presidente delle Filippine Rodrigo Duterte e il suo governo dal fare altre dichiarazioni anti-americane. Duterte si è ribellato alla volontà di Harris adottando una politica conciliante verso la Cina sulla disputa sul Mar Cinese Meridionale e chiedendo che gli Stati Uniti ritirino le forze speciali dal sud delle Filippine. Duterte proviene dall’isola meridionale di Mindanao. Ulteriormente urtante per Harris è stata la dichiarazione del Ministro degli Esteri delle Filippine Perfecto Yasay, secondo cui il suo Paese non va più trattato come il “fratellino scuro” degli USA. La tradizione della Marina di Harris è che gli amministratori filippini una volta dovevano soddisfare ogni capriccio degli ufficiali di marina statunitensi, cucinando pasti, lustrando scarpe, pulendo i bagni e stirando le uniformi. L’atteggiamento paternalistico nei confronti delle Filippine di ufficiali come Harris non è mai scomparso. Harris lascia che il gruppo militarista di San Diego sappia che la sua pazienza con Duterte si esaurisce avvertendo duramente il presidente Filippine: “Siamo alleati delle Filippine da lungo tempo. Abbiamo versato il nostro sangue per loro… Abbiamo combattuto fianco a fianco durante la seconda guerra mondiale. Ritengo che la nostra alleanza con le Filippine sia ferrea”. In altre parole, Harris sfida Duterte facendogli sapere che il Comando del Pacifico degli Stati Uniti non tollera alcun movimento delle Filippine verso la neutralità o una politica filo-cinese. Ciò che allarma della dichiarazione di Harris è che da sempre competeva a presidenti e segretari di Stato degli USA avviare iniziative verso i leader stranieri. Secondo Obama, tale autorità è discesa sui comandanti combattenti, ulteriore segnale che la diplomazia statunitense è sequestrata dal Pentagono e dai suoi vertici. L’estensione in Asia meridionale degli interessi militari di Harris significa che la sua AoR e quella del CENTCOM ora dominano la stessa “linea di controllo” militarizzata nel Kashmir conteso, come tra i militari di India e Pakistan. La regione di Gilgit-Baltistan nel nord del Pakistan e nel Kashmir Ladakh, che rivendica legami culturali e storici con i regni buddisti dell’Himalaya, vorrebbe percorrere una propria strada. Ma è a cavallo del confine PACOM-CENTCOM. Forse Harris e Votel giocheranno a poker al Fort Myer Officers Club, vicino al Pentagono, per decidere chi avrà l’autorità finale su questi territori secessionisti. Come governatori romani rivali, Harris e Votel concorrono per influenzare le stesse regioni. La differenza tra i due generali che giocano ai videogiochi militari, Votel e il suo cliente Pakistan, e Harris e il suo cliente India, è che sono concorrenti nucleari in una regione pericolosa. Ogni scontro convenzionale lungo la linea di controllo che separa le forze indiane e pakistane nel Kashmir, o lungo il loro confine nazionale, rischia di accelerare rapidamente in un conflitto nucleare regionale, che potrebbe precipitare gli Stati Uniti in una guerra.
Harris si muove anche sul teatro Indo-Asia-Pacifico più vicino al CENTCOM, espandendo le manovre del PACOM all’Oceano Indiano. Recentemente, PACOM ha svolto esercitazioni con le forze dello Sri Lanka nella regione irrequieta del Tamil, nel nord dello Sri Lanka, e pretende gli stessi diritti a basi navali che ha con l’India, col memorandum d’intesa sullo scambio logistico, da Sri Lanka e Maldive. Harris prevede una coalizione navale alleata di quattro potenze composta dalle marine statunitense, australiana, indiana e giapponese, per affrontare la Cina nel Pacifico e nell’Indiano. La Marina giapponese ha recentemente aderito alle esercitazioni della Marina statunitense nel Mar Cinese Meridionale per avvertire la Cina. Tuttavia, molti Paesi nel Mar Cinese Meridionale ricordano ancora cose fosse il Giappone e la sua Sfera di co-prosperità della Grande Asia orientale, quando soggiogò le loro terre durante la Seconda Guerra Mondiale. Essi e la Cina subirono la stessa sorte con l’aggressione militare giapponese. Harris e la sua cricca di militari a Pearl Harbor e a San Diego sembrano dimenticare la lezione della Seconda guerra mondiale e di come l’aggressione giapponese unì i popoli del Sud-Est e dell’Asia orientale contro un nemico imperialista comune. Per tali dilettanti della storia militare asiatica, è come se l’attacco giapponese del 7 dicembre 1941 a Pearl Harbor sia avvenuto in una realtà parallela. Con il PACOM che va verso l’Oceano Indiano e il CENTCOM che punta ad est, alla fine ci sarà una faida militare su quale governatore militare dovrà gestire l’espansione della presenza navale cinese a Gibuti, nel Corno d’Africa, quale governatore degli Stati Uniti avrà il controllo delle proposte basi militari degli Stati Uniti sull’isola yemenita di Socotra, nel Golfo di Aden, e quale giurisdizione militare supervisionerà le Chagos a sud delle Maldive, controllate dalla Gran Bretagna ma rivendicate dalle Mauritius, parte dell’AoR del Comando Africa. Una questione prevale su tutte. Generali e ammiragli statunitensi non hanno alcun diritto di dividersi il mondo in campi da gioco personali. I comandanti combattenti dovrebbero diventare oscure note della storia, come i loro antenati romani, oppure i principi fondamentali del diritto internazionale verranno formalmente rigettati dall’Impero Americano.

Generale Votel

Generale Votel

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Myanmar decide

Sofia Pale, New Eastern Outlook 18/9/2016a4170360-684a-11e6-87bc-57ed402b26b2_1280x720Nell’agosto 2016 la ministra degli Esteri del Myanmar e Consigliere di Stato (al vertice del governo), Aung San Suu Kyi visitava la Cina. Era la prima nella Repubblica Popolare Cinese nel nuovo ruolo, ottenuto con la vittoria del proprio partito, la Lega nazionale per la democrazia (NLD), nelle elezioni parlamentari del 2015. Allora fu sollevata la seguente questione: quale politica estera sceglierà il “nuovo” Myanmar, filo-americana o filo-cinese? Aung San Suu Kyi, la leader dell’opposizione democratica al governo militare che era al potere nel Paese dal 1988, una combattente per i diritti umani e vincitrice del Nobel pezzo Premio del 1991, sembrava una figura filo-occidentale in quei giorni. Eppure, che ci crediate o no, in Cina è quotata piuttosto bene. Essendo una politica pragmatica, aveva de sempre compreso l’importanza delle relazioni tra Myanmar e Cina, contribuendone allo sviluppo con tutte le forze, a volte rischiando la reputazione di difensore dei diritti umani. Ad esempio, nel 2013, Aung San Suu Kyi a capo della commissione parlamentare che indagava sul caso della società cinese Wanbao, accusata di confiscare illegalmente terre dei cittadini del Myanmar per sviluppare una miniera di rame. In quel caso, Aung San Suu Kyi diede il permesso affinché Wanbao continuasse le attività. Pechino apprezzò il favore. I media cinesi pubblicarono numerosi commenti positivi sulla leader dell’opposizione del Myanmar e l’NLD vinse le elezioni del 2015 con il chiaro sostegno della Cina. Così, quando Aung San Suu Kyi è salita al potere, aveva il sostegno di Stati Uniti e Cina. Doveva sfruttare il passaggio tra questi due estremi, per il massimo vantaggio del Myanmar. Il fatto che il primo Paese visitato dalla nuova Consigliera di Stato fosse la Cina, che non è membro dell’ASEAN, evidenzierebbe la decisione presa. Va inoltre notato che il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi visitò il Myanmar il 5 aprile 2016, cinque giorni dopo la cerimonia di giuramento del nuovo governo del Myanmar dell’NLD. Fu il primo ministro degli Esteri a visitare il Myanmar dopo questo importante evento. Ciò testimonia come il Myanmar non solo si appoggi alla Repubblica popolare cinese, ma che la Cina sia interessata a sviluppare rapporti con questo Stato. Non sorprende: risorse naturali e posizione geografica del Myanmar ne fanno un territorio d’importanza strategica per la Cina, che prevede di ridurre la dipendenza dalle petroliere che passano lo stretto congestionato e pericoloso di Malacca. Il Myanmar ha ampie risorse di idrocarburi, e il suo territorio è utilizzato per il trasporto di petrolio dal Medio Oriente e del gas dai porti sull’Oceano Indiano. La Cina ha investito nell’industria e nelle infrastrutture petrolifere e gasifere del Myanmar da anni. Vi costruisce gasdotti e porti e finanzia diversi progetti. Negli ultimi 20 anni la Cina è il principale investitore nell’economia del Myanmar, per decine di miliardi di dollari. Il fatturato commerciale tra i due Paesi ha raggiunto il picco nel 2015, per 20 miliardi di dollari. Va inoltre osservato che fino a poco prima (2010-2011), il Myanmar era sotto le sanzioni occidentali, contribuendo allo sviluppo delle relazioni con la Cina. Ora che un nuovo governo democratico è al potere, le società occidentali cominciano ad aver maggiore interesse sugli investimenti in vari progetti in Myanmar. Tuttavia, il Paese è già abituato a trattare con la Cina ed è tradizionalmente poco fiducioso verso i Paesi occidentali. Inoltre, il Myanmar è ora aperto agli investitori stranieri (oltre la Cina, Singapore, Thailandia, Hong Kong e Gran Bretagna sono tra i più significativi). Nonostante nulla impedisca alle imprese statunitensi d’investire nel Paese, vi è un altro fattore, il più importante tenendo conto degli interessi strategici, la Cina è pronta ad investire in Myanmar più di chiunque altro. Ciò supera tutti i fattori politici e culturali. Gli Stati Uniti, che hanno sostenuto NLD e Aung San Suu Kyi per molti anni, potranno sicuramente ricevere una calda accoglienza e varie preferenze in Myanmar, ma nel Paese possono contare solo sul secondo posto, la Cina sarà ancora prima. L’influenza statunitense in Myanmar può influenzarne i vari e talvolta poco chiari interessi militari e politici, ma la Cina mette al primo posto la sicurezza energetica, il che significa che è pronta ad assegnarvi più fondi.
Va notato che a fianco delle finanze, la Cina ha ancora una leva sul Myanmar, ancora più solida: i gruppi separatisti contro cui il governo del Myanmar ha combattuto per molti anni. La guerra civile ha devastato il Paese per 60 anni, dovuta al confronto tra governo e milizie comuniste. La guerra interessava varie minoranze etniche del Myanmar, che continuarono la lotta armata contro le forze di governo molti anni dopo la sconfitta dei comunisti e la loro deportazione in Cina. Durante la guerra, la guerriglia comunista e i suoi alleati, le bande etniche, apprezzarono il sostegno segreto della Repubblica Popolare Cinese. La guerra si esaurì con la Costituzione del 2008, che rispetta gli interessi di tutti i gruppi etnici fornendogli un’ampia autonomia. Ogni gruppo etnico ha l’opportunità di avere un partito rappresentato nel governo del Myanmar, mentre le forze armate illegali sono state amnistiate e arruolate nell’esercito del Myanmar. Tuttavia, piccoli conflitti continuano di tanto in tanto. Secondo alcune fonti, la maggior parte dei separatisti è strettamente legata alla Cina. Va ricordato che i territori vicino al confine cinese sono i più travagliati. Inoltre, le bande etniche delle minoranze nazionali del Myanmar sostengono di agire per conto dei cinesi. Nel 2015, le autorità del Myanmar riferirono ufficialmente che i separatisti cinesi nello Stato Shan venivano aiutati dalla Cina. Ciò deteriorò le relazioni del governo di allora con la Cina, e potrebbe aver contribuito al sostegno di Pechino all’opposizione nelle elezioni. Alcuni funzionari annunciarono che la Cina aveva usato l’influenza tra i separatisti per sabotare i colloqui di pace tra loro e l’allora governo del Myanmar. Ciò accadde poco prima delle elezioni del 2015, danneggiando gravemente la popolarità della leadership del Myanmar, uno dei motivi della sconfitta.
E’ probabile che la Cina intenda utilizzare i contatti con i ribelli per influenzare il nuovo governo del Myanmar. Secondo Aung San Suu Kyi, avrebbe discusso solo di questioni economiche con la leadership cinese durante la visita di agosto. Va ricordato che il 31 agosto 2016, subito dopo la visita in Cina, la Conferenza di pace di Naypyidaw iniziava, dove si riunivano i rappresentanti di tutti i gruppi etnici del Myanmar per discutere la nuova struttura federale del Paese e altri problemi che turbavano la coesistenza pacifica da molti anni. La presenza del Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon alla conferenza la dice lunga sull’importanza dell’evento. Se una pace stabile viene raggiunta da questa conferenza in Myanmar, sarà la maggiore vittoria di Aung San Suu Kyi e del suo governo, e il traguardo più importante nella storia del Myanmar. Si può supporre che la conferenza subito cominciata fosse la principale questione discussa tra il capo del governo del Myanmar e i suoi colleghi cinesi, tra cui le concessioni che il Myanmar doveva fare alla Cina affinché i ribelli filo-cinesi “si comportino bene” senza sabotare i colloqui, come nel 2015. La lotta tra Cina e Stati Uniti per l’influenza nella regione Asia-Pacifico è in corso da molti anni. Ogni Paese della regione è al centro del confronto. Sul Myanmar, Washington ovviamente perde, dato che ora dipende dalla buona volontà della Repubblica Popolare Cinese in molti modi.cqiylqkxgaadchxSofia Pale, PhD, ricercatrice del Centro per il Sud-Est asiatico, Australia e Oceania dell’Istituto di Studi Orientali dell’Accademia delle Scienze della Russa, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Russia e Giappone sempre più vicini

Alexander Mercouris, The Duran 5/9/2016Vladimir Putin, Shinzo AbeGli incontri al vertice tra il Presidente russo Putin e i leader giapponese e sudcoreano promettono un rapido rafforzarsi delle relazioni quale risultato del perno asiatico della Russia.
Mentre le relazioni della Russia con Stati Uniti ed Europa restano tese, le relazioni della Russia con i tre giganti dell’Estremo Oriente, Cina, Giappone e Corea del Sud, migliorano da “molto buone” ad “ancora meglio”. Mentre l’arrivo del presidente Obama al vertice del G20 a Hangzhou, in Cina, aveva dello scandaloso, i cinesi chiarivano che consideravano il Presidente Putin l’ospite d’onore. Ciò naturalmente in linea con la realtà dell’alleanza russo-cinese (o “grande partnership strategica”), sempre più sostenuta dagli amichevoli rapporti personali tra Putin e il Presidente Xi Jinping. Se l’accoglienza trionfale di Putin a Hangzhou era prevedibile, forse è più fastidioso per Washington l’entusiasmo per migliori rapporti con la Russia dei due alleati chiave degli USA in Estremo Oriente, Giappone e Corea del Sud. Il Primo ministro giapponese Shinzo Abe e la presidentessa sudcoreana Park Geun-hye partecipavano al Forum economico nell’Estremo Oriente della Russia, nella città portuale di Vladivostok, sul Pacifico, dove avevano incontri molto amichevoli con Putin per discutere a pieno delle loro relazioni e parlando con entusiasmo del futuro delle relazioni dei loro Paesi con la Russia. Vi sono ragioni pratiche per cui i leader giapponese e sudcoreana vedano relazioni più forti con la Russia. In primo luogo vi sono i benefici economici evidenti, con la Russia che diventa importante futura fonte di energia e materie prime per questi Paesi e possibile mercato per i loro prodotti. Guardando al futuro, con una forza lavoro altamente istruita e ben disciplinata, notevole base industriale, una tradizionalmente forte base scientifica e infrastrutture dal basso costo e molto competitive, la Russia è un partner evidente per i futuri programmi industriali. Shinzo Abe in occasione del Forum ha parlato di tutto questo in termini quasi rapsodici, prospettando sempre più la possibilità di un trattato di pace tra Giappone e Russia, “Facciamo della regione dell’Estremo Oriente della Russia una base per le esportazioni verso l’Asia e la regione del Pacifico, aumentando nel contempo la produttività e avanzando la diversificazione delle industrie russe… Ci riuniamo una volta all’anno a Vladivostok per confermare l’avanzamento di questi otto punti… Non posso fare a meno di dire che sia innaturale che vicini importanti come Russia e Giappone, che hanno sicuramente un potenziale illimitato, finora non abbiano ancora concluso un trattato di pace. Mettendo fine a questa situazione innaturale durata 70 anni, non tracceremmo una nuova era tra Giappone e Russia in futuro? Vladimir, per decidere su future relazioni bilaterali dal potenziale illimitato, sono deciso a usare tutte le mie forze per far progredire i rapporti tra Giappone e Russia insieme a voi“.
Gli “otto punti” di Abe si riferiscono a un piano di cooperazione economica in otto punti focalizzati sullo sviluppo della regione dell’Estremo Oriente della Russia, che Abe ha presentato a Putin nel vertice a maggio. Il trattato di pace a cui Abe si riferiva è una questione dibattuta tra Russia e Giappone dal 1950. Dalla Seconda guerra mondiale la Russia ha il controllo di alcune isole dell’arcipelago delle Curili, reclamate dal Giappone, ponendo come condizione per il trattato di pace tra Russia e Giappone, che terminerebbe le ostilità in teoria esistenti tra i due Paesi dalla Seconda guerra mondiale, la restituzione di queste isole al Giappone. Nel 1950 la Russia (o più precisamente l’URSS) si offrì di restituire le due isole meridionali al Giappone, che quasi accettò. Tuttavia il Giappone infine respinse l’offerta su pressione degli Stati Uniti, perpetuando la controversia da allora. La Russia ha ripetutamente chiarito che non è disposta a restituire le isole al Giappone in cambio del trattato di pace. In un’intervista a Bloomberg, poco prima della riunione con Abe, Putin l’ha ribadito, “Non scambiamo territori, anche se concludere il trattato di pace con il Giappone è certamente fondamentale e richiede una soluzione comune coi nostri amici giapponesi”. Putin sa senza dubbio che la restituzione delle isole al Giappone è inaccettabile per l’opinione pubblica russa. Nel 1992 l’allora presidente Eltsin fu costretto a sospendere all’ultimo momento un viaggio programmato in Giappone a causa della pubblica indignazione temendo che, appena un anno dopo la fine dell’Unione Sovietica, si preparasse a consegnare le isole al Giappone. Non vi sono prove che il sentimento popolare russo sul tema si sia moderato da allora. Inoltre le isole sono d’importanza strategica per la Russia dato che sorvegliano i punti d’ingresso al Mare di Okhotsk, un’area per le operazioni dei sottomarini nucleari strategici della Flotta del Pacifico della Russia. Al contrario, Putin e Abe sanno che, nonostante le richieste rumorose sulle isole dai nazionalisti giapponesi, l’opinione pubblica giapponese da tempo ignora le isole e non è interessata al problema. Se è improbabile che Abe abbandoni la richiesta sulle isole, sa però che Putin non ha intenzione di rinunciarvi, e per far avanzare l’idea del trattato di pace e le trattative per raggiungerlo, ora riavviate, probabilmente metterà da parte la questione delle isole mentre lui e il Giappone forgiano rapporti più stretti con la Russia.
È importante sottolineare che Abe non si limitava a discutere con Putin di rapporti economici più stretti. Cerca anche legami politici e anche militari più forti, a quanto pare anche accettando scambi tra le autorità della Difesa dei due Paesi ed avanzando l’idea, per la prima volta, di esercitazioni congiunte delle Marine dei due Paesi. Queste ultime avrebbero un grande significato simbolico, dato che sarebbe il primo grande contatto tra le rispettive Marine dalla battaglia di Tsushima, evento cruciale nella Storia moderna di entrambi i Paesi. Più prosaicamente e più praticamente, Abe a quanto pare ha anche proposto ulteriori colloqui tra il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Shotaro Yachi, che dirige la segreteria del Consiglio di Sicurezza Nazionale del Giappone, e Nikolaj Patrushev, segretario dell’onnipotente Consiglio di Sicurezza della Russia. Dietro l’entusiasmo di Abe e della presidentessa sudcoreana Park Geun-hye, c’è la schiacciante realtà della rapida crescita della potenza cinese. Con Giappone e Corea del Sud dai rapporti resi con la Cina, sarebbe sensato che entrambi i Paesi sviluppino buone relazioni con il grande alleato della Cina, la Russia, per influenzare e trattenere Pechino tramite essa. Ciò è sempre più il modello nella regione Asia-Pacifico, con la Russia che cerca e accetta accordi di buoni rapporti da sempre più Paesi nell’ombra della Cina: India, Vietnam, Corea del Sud e Giappone. I russi dimostrano grande abilità sfruttando il vantaggio dell’alleanza non dichiarata con la Cina, migliorando le relazioni con questi Paesi, tra cui Corea del Sud e Giappone, mai amici in precedenza. Per i cinesi è anche nel loro interesse che un Paese vicino, la Russia, sviluppi relazioni con Paesi che altrimenti potrebbero facilmente divenire nemici. Gli Stati Uniti, come dimostra la farsa all’arrivo di Obama al vertice di Hangzhou, sono sempre più emarginati, e guardano frustrati la Russia espandere i legami nell’Asia orientale e il fallimento dei loro tentativi d’isolare la Russia.G20 Leaders Meet In St. Petersburg For The SummitTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli USA davanti alla grande sconfitta del TTIP

Andrej Akulov, Strategic Culture Foundation 5/9/2016ttip_2244149La Francia vuole fermare gli spinosi negoziati commerciali UE-USA sul Partenariato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP), mentre il presidente François Hollande sottolineava che non ci sia alcun problema finché il presidente Barack Obama lascerà a gennaio. Matthias Fekl, ministro per il Commercio Estero francese affermava che il suo Paese chiederà di por fine all’accordo. La Francia era scettica sul TTIP fin dall’inizio e minacciava di bloccare l’accordo sostenendo che gli Stati Uniti offrivano ben poco in cambio delle concessioni dell’Europa. I 28 membri dell’Unione Europea e il Parlamento europeo dovranno ratificare il TTIP prima dell’entrata in vigore. Il bilancio s’è avuto un paio di giorni dopo dal ministro dell’Economia tedesco Sigmar Gabriel secondo cui i colloqui per il TTIP sono di fatto falliti. Gabriel, che guida il partito socialdemocratico della Germania ed è vice-cancelliere nel governo di coalizione, aveva detto che l’Europa non deve accettare le proposte statunitensi. La dichiarazione di Gabriel contrastava con la posizione della cancelliere Angela Merkel che sostiene l’accordo. Nel frattempo, i conflitti tedesco-statunitensi crescono. Tribunali e autorità degli Stati Uniti adottano la linea dura nei confronti del Gruppo Volkswagen, il più grande produttore di auto della Germania, per lo scandalo sugli scarichi. Con un accordo che non include tutte le richieste di danni, VW deve pagare 13,6 miliardi di euro. Vi è un crescente coro in Germania secondo cui il Paese dovrebbe orientarsi sull’Asia. Questa prospettiva è condivisa dagli organizzatori della lobby anti-TTIP, tra cui Federazione sindacale tedesca (DGB), Partito della Sinistra e Verdi. Il fatto che l’ex-primo ministro inglese David Cameron, sostenitore dichiarato del TTIP, non sia più interessato alle trattative è un’altra grave sconfitta dell’accordo, che a questo punto è ritenuto da molti un cadavere. I negoziati sul TTIP sono in corso dal 2013, nel tentativo di creare un’enorme zona di libero scambio che eliminerebbe molte tariffe. Dopo 14 colloqui durati tre anni non un solo elemento comune dei 27 capitoli in discussione è stato concordato. Gli Stati Uniti hanno rifiutato di accordarsi sulla parità tra imprese europee e statunitensi sugli appalti pubblici, secondo il principio del “comprare americano”. Gli oppositori dell’accordo ritengono che nella sua forma attuale, il TTIP sia troppo condiscendente con le imprese degli Stati Uniti. Una delle principali preoccupazioni sul TTIP è che potrebbe consentire alle multinazionali di “citare in giudizio” i governi per l’adozione di azioni che potrebbero danneggiarne le attività. I critici sostengono che le aziende statunitensi potrebbero evitare di aderire alle varie norme su salute, sicurezza e ambiente dell’UE sfidandole in istituiti di giudizio per risolvere le controversie tra investitori e Stati.
In Europa migliaia di persone sostenute da gruppi sociali, sindacati e attivisti hanno protestato contro l’accordo. 3 milioni di persone hanno firmato una petizione che ne chiede la demolizione. Per esempio, diversi sindacati e altri gruppi protesteranno contro il TTIP in Germania il 17 settembre. L’accordo commerciale è sotto attacco anche in Canada. Il candidato presidenziale statunitense Donald Trump ha promosso politiche commerciali protezionistiche, mentre la rivale Hillary Clinton ha anch’ella messo in dubbio il TTIP. L’opposizione del Congresso s’è irrigidita. I legislatori della camera hanno inveito contro gli accordi di libero scambio come sleali per società e lavoratori statunitensi. Tali sviluppi avvengono sullo sfondo di un altro importante accordo di libero scambio, il Trans Pacific Partnership (TPP), ridimensionato sulla via del Congresso. Le possibilità sono davvero esigue. Il fallimento probabilmente sarà una grande sconfitta che minerà la credibilità degli Stati Uniti nella regione Asia-Pacifico e nel mondo. Secondo il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong, per amici e partner degli USA la ratifica del patto commerciale era il banco di prova delle credibilità e serietà degli Stati Uniti. Le operazioni sono state problematiche, soprattutto perché contengono clausole che consentono alle aziende di citare in giudizio nazioni sovrane, viste come un tentativo degli Stati Uniti di affermare la propria influenza politica, diplomatica e aziendale. Come già illustrato, anche gli statunitensi li rifiutano, accusando il North American Free Trade Agreement per l’esodo della produzione dagli USA verso destinazioni più economiche. Ma l’incapacità di far approvare gli accordi metterà in dubbio lo status degli Stati Uniti di superpotenza globale. Negli Stati Uniti la disuguaglianza cresce. I prestiti agli studenti sono in aumento, come pure buoni pasto e costi dell’assicurazione sanitaria. Nel frattempo, forza lavoro impiegata, case di proprietà e redditi familiari medi sono crollati. I 19 trilioni (19 mila miliardi) di dollari di debito del governo degli Stati Uniti sono un problema enorme. Le lunghe guerre in Afghanistan e Iraq hanno preteso un prezzo enorme ed oneri finanziari immensi, stimati in 6 trilioni di dollari. Il centro di detenzione di Guantanamo Bay, così come gli scandali dello spionaggio della NSA e di Wikileaks hanno minato la convinzione nei valori e diplomazia statunitensi. La spesa per la difesa è enorme, ma la sua efficacia è messa in discussione. “Siamo in una crisi drammatica ora. Non c’è dubbio che possiamo affrontare le minacce del terrorismo, ma abbiamo raggiunto un punto in cui, infatti, non ci dirigiamo verso, ma finiamo entro una grave minaccia”, aveva detto il capo dello staff della maggioranza del Comitato servizi armati del Congresso Bob Simmons presso l’American Enterprise Institute (AEI). il 21 giugno. “Non abbiamo la capacità necessaria ad affrontare efficacemente minacce elevate”.
Tra i disastri della politica estera in Medio Oriente, l’ascesa dei fondamentalisti islamici in diverse nazioni ha creato una crisi per l’occidente, anche per gli Stati Uniti, ma più immediatamente e in particolare per l’Europa travolta dai rifugiati. L’occidente raccoglie i risultati di fallimenti della politica estera degli USA, affrontando a malapena centinaia di migliaia di rifugiati da Siria e Medio Oriente. Ci sono scarse prove che in questo secolo gli Stati Uniti abbiano raggiunto i propri obiettivi in politica estera. E mentre gli Stati Uniti sono in stagnazione, alcuni Paesi, come Russia, Cina e molti altri, prosperano. Questa combinazione di declino in patria e all’estero, riduce notevolmente il potere internazionale degli Stati Uniti. Alla fine del secolo alcuni sostennero che il 20° secolo fu soprannominato “secolo americano”. Negli ultimi 16 anni, le fortune statunitensi sono cambiate con una velocità vertiginosa. La scommessa più sicura è che il 21° secolo non sarà degli USA. Il rifiuto del TTIP dei capi europei e le proteste popolari contro l’accordo lo testimoniano.ttip-5La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’elezione in Nicaragua sarà un test

Nil Nikandrov Strategic Culture Foundation 19/08/2016

nicaraguaDopo che tre statunitensi dell’ambasciata degli Stati Uniti furono accusati di spionaggio e cacciati dal Nicaragua, una protesta fu presentata a Managua contro questa decisione “ingiustificata”, e il governo nicaraguense venne avvertito che il rapporto tra i due Paesi subirà un danno inevitabile nel turismo, commercio ed investimenti cogli Stati Uniti. Il dipartimento di Stato avvertiva che gli statunitensi subirebbero minacce in Nicaragua. La guerra di propaganda contro il regime di Daniel Ortega è diventata così feroce che i commentatori politici concludono sui piani di Washington per “porre fine alla dittatura” in Nicaragua una volta per tutte. L’Iniziativa democratica di Spagna e Americhe (IDEA), forum internazionale creato nell’aprile 2015 per attaccare Ortega e altri leader “populisti” dell’America Latina e dove Washington ne sceglie i membri: tra i favoriti vi sono Álvaro Uribe della Colombia, Alejandro Toledo del Perù, Lucio Gutiérrez dell’Ecuador, Felipe Calderón del Messico, Óscar Arias del Costa Rica, José María Aznar della Spagna, e altri. Tali politici collaborano con gli Stati Uniti continuando a riferirsi a Washington anche dopo il pensionamento. IDEA dichiarava ad agosto di esser molto critica verso il Nicaragua, leggendovi un’espressione da guerra fredda: “La comunità internazionale trova la violazione del sistema democratico in Nicaragua tanto preoccupante che gli ex-capi di Stato e governo ibero-americani hanno deciso di chiedere a OSA e UE di supervisionare criticamente tali gravi violazioni dell’ordine democratico e costituzionale”, continuando a dire che le dichiarazioni dei membri dell’IDEA “possono essere precedute da azioni politiche e diplomatiche, come previsto dal diritto internazionale… per difendere la democrazia e ristabilirla laddove è stata compromessa, come l’attuale esempio del Nicaragua”. Negli attacchi al governo del Nicaragua, la National Security Agency degli Stati Uniti usa materiali ottenuti in anni di sorveglianza elettronica del Presidente Ortega, della famiglia e della cerchia ristretta. L’abile uso di tali materiali rende possibile far circolare ogni sorta di sciocchezze volte a diffamare i politici da colpire con ritorsioni pubbliche. Quasi ogni leader del blocco “populista” in America Latina è attualmente oggetto di tali bassezze: Inácio Lula da Silva, Dilma Rousseff, Cristina Fernández de Kirchner, Rafael Correa, Nicolás Maduro, Evo Morales e altri.
Daniel Ortega ha guidato il suo Paese per 13 anni. Fu eletto per tre volte: nel 1985, 2006 e 2012, e non si prevede che avrà avversari nelle prossime elezioni del 6 novembre. I rivali di Ortega lottano tra di loro. Nonostante gli sforzi da dietro le quinte dell’ambasciata degli Stati Uniti, non è stato possibile consolidare l’opposizione nelle elezioni. Perciò gli Stati Uniti hanno lanciato una guerra lampo di propaganda contro Daniel Ortega, sua moglie Rosario Murillo e i figli. Il filo conduttore di tali “rivelazioni” è noto, qualche fesseria su abusi di potere, corruzione, conti di svariati milioni di dollari in banche estere, proprietà di beni immobili all’estero. Gli Stati Uniti continuano a ciarlare di presunti paralleli con la famiglia del dittatore Anastasio Somoza, “Somoza García accumulò una fortuna enorme, lui e la famiglia divennero tra le persone più ricche delll’America Latina. Al momento della morte, nel 1956, lasciò ai figli 200 milioni di dollari, che triplicarono in pochi anni. Suo figlio Anastasio Somoza Debayle aveva 130 proprietà immobiliari, così come residence e appezzamenti di terreno. Era proprietario di una compagnia aerea (Líneas Aéreas de Nicaragua), di una stazione televisiva (Televisora de Nicaragua), delle miniere d’oro di San Uribe e San Albino, e altro ancora”. Ci si potrebbe chiedere cosa la ricchezza di Somoza abbia a che fare con Ortega e la sua famiglia? Tuttavia, l’autore dell’articolo scrive: “Com’era usuale nei regimi totalitari del passato, non ci sono informazioni affidabili sulle finanze del Presidente del Nicaragua e di sua moglie. Tale questione nodosa è top secret”. Anche se non ci sono “informazioni attendibili” continua a sostenere che la famiglia possiede la catena di stazioni di rifornimento Distribuidora Nicaragüense de Petróleos, oltre a media tra cui quattro canali televisivi, stazioni radio, giornali, siti web, ecc. Inoltre, Ortega ha il controllo del progetto del canale transoceanico che collegherà gli oceani Pacifico e Atlantico, il cui costo è stimato in 50 miliardi di dollari. Questo mega-progetto ha l’appoggio dell’imprenditore cinese Wang Jing.
Naturalmente, il mega-progetto cinese del Canale del Nicaragua è accolto con ostilità da Washington. Non vuole alcuna competizione con il Canale di Panama. E la società Distribuidora Nicaragüense de Petróleo è un modello di cooperazione energetica tra Venezuela e Nicaragua con qualche presenza privata presumibilmente utilizzata dagli amici di Ortega per un loro arricchimento personale. Negli anni in cui i sandinisti erano all’opposizione, Ortega era costantemente di fronte al problema di accedere ai media. I tentativi di comunicare le sue idee al pubblico invariabilmente subivano il boicottaggio. Ma ora la situazione è cambiata drasticamente. Ortega ha cambiato la situazione a proprio vantaggio. Il governo controlla centinaia di siti Internet, nonché i notiziari Nicaragua Triunfa e Nicaragua Comovamos. Decine di stazioni radio provinciali lavorano per il governo, così come stazioni nazionali influenti come Radio Sandino, La Nueva Radio Ya, Radio Nicaragua e Radio Primerísima. Il lavoro del governo e del presidente ha una copertura favorevole sui canali televisivi gestiti da membri della famiglia Ortega. Canal 13, Multinoticias Canal 4, Canale 8 e Telenica Canal 10, e i canali filogovernativi includono anche Canal 23, Canal Extra In Plus, 100% Noticias ed altri. Nessuno dei presidenti “di sinistra” latino-americani gode di una copertura così efficace nell’informazione e propaganda come Ortega. Eppure, nonostante le accuse di esseere una dittatura, il Paese non ha la censura. L’opposizione e, di conseguenza, l’ambasciata degli Stati Uniti, ha la piena possibilità di fare proselitismo. Giornali popolari come La Prensa e El Nuevo Diario e il settimanale Confidencial sono impiegati con particolare vigore verso tale obiettivo. Ortega risponde immediatamente, usando una terminologia ferocemente antimperialista e anti-statunitense. Né tace quando Washington attacca gli alleati del Nicaragua. I discorsi di Ortega a sostegno di Russia, Cuba e governi amici in Ecuador, Bolivia e altrove risuonano in lungo e in largo.
Le basi ideologiche della politica internazionale di Ortega sono immutate negli ultimi anni: basandosi sul rifiuto totale dell’egemonia statunitense, accoppiato a patriottismo, nazionalismo e “socialismo dal volto del Nicaragua”, oltre al supporto alla via latinoamericana all’autentica democrazia popolare. Questo politico 70enne non ha mai cambiato convinzioni rivoluzionarie. Detto ciò, però, è uno stratega flessibile che sa che una superpotenza può colpire in qualsiasi momento e che gli Stati Uniti sono ancora imprevedibili e pericolosi. Da leader di un piccolo Paese che non ha altra scelta se non manovrare, riesce a farlo senza compromettere i propri principi. Nel dicembre 2015 la CIA lanciò l’ennesima provocazione contro il Nicaragua. Influenzati da notizie sulla possibile sospensione dell’amministrazione Obama del trattamento preferenziale che i migranti cubani ricevono entrando negli Stati Uniti, in centinaia si precipitarono ad emigrare dall’Isola. Il percorso suggerito dai “ben intenzionati” di Miami fu: prima in aereo da L’Avana all’Ecuador (alcun visto necessario), poi in bus fino al Messico, e da lì negli Stati Uniti. Niente di cui preoccuparsi, o almeno così sembrava. Tuttavia, la contro-intelligence del Nicaragua ebbe alcune informazioni sui piani della CIA per usare tali migranti per agitare le acque. Dopo l’arrivo in Nicaragua dal Costa Rica, il loro viaggio verso Honduras, Guatemala e Messico doveva fermarsi e gli immigrati cubani si sarebbero trovati bloccati in Nicaragua per molto tempo. Come previsto dalla CIA, avrebbero dovuto essere la miccia della bomba a orologeria per destabilizzare il Paese. Pertanto, la decisione di Daniel Ortega fu netta: non ci sarebbero state porte aperte e chi aveva tracciato il piano dei migranti, doveva subirne il caos! La pretesa che i migranti fossero ammessi fu urlata al “regime disumano” da tutte le organizzazioni per i diritti umani finanziate da fondazioni statunitensi. I membri del Sistema d’integrazione centroamericana (SICA) criticarono pubblicamente la decisione di Ortega. I migranti stessi, come a un segnale, cercarono di sfondare il confine con il Nicaragua, con bambini e donne gravide messi avanti. Il governo del Nicaragua ebbe bisogno di tempo per respingere i fuggitivi in Costa Rica. Le tensioni scesero dal febbraio-marzo 2016. Ortega rifiutò di farsi ricattare e Washington dovette finanziare di nascosto l’alleata Costa Rica per mantenere i migranti ed evacuarli via aerea…
Con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali in Nicaragua, nuove provocazioni sono da attendersi dalle agenzie d’intelligence e dall’ambasciata degli Stati Uniti. L’ambasciatrice Laura Dogu lavora assiduamente con la comunità imprenditoriale del Nicaragua, per persuaderla che l’amministrazione sandinista e la sua politica del “socialismo dal volto del Nicaragua” potrebbe colpire soltanto i loro interessi commerciali. L’ambasciata degli Stati Uniti ha evidentemente intensificato il lavoro con media e attivisti di organizzazioni non governative ed organizzazioni indigene, così come coi giovani. Le agenzie d’intelligence degli Stati Uniti, diplomatici, membri dello staff di USAID (un ramo della CIA) e volontari dei Peace Corps puntano le loro speranze sui giovani del Nicaragua, vedendo la demografia come promettente nella lotta al regime del Nicaragua. La Costituzione non ostacola la rielezione del Presidente Ortega. È stato accusato di avere il controllo del potere esecutivo, legislativo e giudiziario, ma il fattore principale per garantirne la rielezione è l’ampio sostegno popolare, di cui Ortega gode grazie ai programmi sociali creati durante il suo mandato. Nonostante le idee socialiste ed antimperialiste, il presidente ha molti sostenitori nel mondo degli affari del Paese. Le previsioni elettorali di novembre non appaiono di buon auspicio per i cospiratori dell’ambasciata degli Stati Uniti: Daniel Ortega ancora una volta sarà eletto presidente.VENEZUELA-OIL-PETROCARIBE-SUMMIT-ORTEGALa ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora