Mosul, le forze sciite irachene sventano le trame di wahhabiti, Stati Uniti e Turchia

Murad Makhmudov, Kanako Itamae e Lee Jay Walker, Modern Tokyo Times, 28 ottobre 201614717261Le milizie sciite si radunano in forze presso Mosul ovest, perché giustamente temono gli intrighi di USA, Turchia e Paesi del Golfo, in particolare Qatar e Arabia Saudita. Gli sciiti temono che NATO e Paesi del Golfo, sostenitori del settarismo sunnita in Siria che ha portato alla proliferazione dello Stato islamico dall’Iraq alla Libia, permettano ai settari dello SIIL di fuggire in Siria. A loro volta, tali taqfiriti aiuteranno lo SIIL o si fonderanno con altre forze settarie per minacciare ancora il governo della Siria. Non ha senso per gli USA e le forze che combattono al loro fianco lasciare ad ovest di Mosul un corridoio aperto, dopo tutto perché non in altre zone di Mosul se si hanno serie preoccupazioni umanitarie? Invece, sembra che i piani di NATO e Golfo, con la Turchia in prima linea, permettano deliberatamente di lasciare aperto tale spazio perché sanno che lo SIIL cercherà di raggiungere la Siria tramite esso. Reuters dice: “Le milizie sciite irachene appoggiate dall’Iran hanno detto che presto si uniranno alla lotta contro lo Stato islamico sul nuovo fronte ad ovest di Mosul, una mossa che potrebbe bloccare qualsiasi ritirata dei jihadisti in Siria, allarmando Turchia e Stati Uniti“. Lo SIIL ha massacrato numerosi sciiti prima dell’ultimo assalto su Mosul. Nonostante ciò, il presidente Obama è più preoccupato dal placare la Turchia ed a ostenere il suo “approccio alla Arthur Zimmermann” alla crisi. Gli sciiti non a caso non si fidano di Washington e Ankara. Altrettanto importante, sanno che aprendo un corridoio i taqfiriti accorreranno in Siria dall’Iraq, ampliando la carneficina in quel Paese.
Le Forze di mobilitazione popolari (PMF) sono attente alla situazione sul campo. Ciò significa che le PMF si concentreranno su Tal Afar e poi utilizzeranno l’area per altri obiettivi. Ad esempio, è giusto che le milizie sciite prendano parte all’assalto contro Mosul perché impediranno allo SIIL di avanzare ulteriormente, prendendo Tal Afar e le zone circostanti, tagliando le ratlines dei taqfiri che entrano in Siria, ponendo le basi del rafforzamento dei legami con le forze governative siriane ed alleate tramite una catena di alleanze. Reuters dice: “Prendendo Tal Afar effettivamente si chiuderebbe la via di fuga dei terroristi che vogliono andare in Siria, supportando l’esercito del Presidente siriano Bashar al-Assad sostenuto dall’Iran. Ed accusano la coalizione anti-Stato islamico degli Stati Uniti di preparare tale passaggio sicuro per i jihadisti“. I combattenti delle PMF rafforzeranno ugualmente le Forze Armate dell’Iraq perché sono agguerriti. Infatti, dato che le informazioni da Mosul sono vaghe, ciò indicherebbe che non tutto va liscio. Naturalmente, si tratta di speculazione, ma la paura di un corridoio per i taqfiriti che permetta ai resti dello SIIL di fuggire in Siria, è una genuina preoccupazione dati i precedenti di USA e Turchia.cnfhyotweaambxuTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra per procura in Siria volge al termine

L’iniziativa militare è nelle mani dell’Esercito arabo siriano. C’è un tentativo di spostare i jihadisti dall’Iraq alla Siria
Nikolaj Nikolaev, A-specto, 2016/10/24 – South Front

Nei giorni scorsi vi è stato un maggiore dinamismo nella crisi siriana. Le accuse alla Russia per gli attacchi su Aleppo dagli occidentali, la nuova fase dell’operazione turca “scudo dell’Eufrate”, l’assalto alla città irachena di Mosul, insieme all’inaspettato riconoscimento dello status della Crimea dalla Siria e la successiva telefonata tra Putin e Assad, tutto questo ha una spiegazione militare e geopolitica strategica.

"Il fumo nero dell'"Admiral" che terrorizza l'Europa e la NATO, fa sapere che a Mosca non hanno ancora deciso chi sarà il prossimo presidente degli USA", afferma la BBC.

Il fumo nero dell'”Admiral” che terrorizza l’Europa e la NATO, fa sapere che a Mosca non hanno ancora deciso chi sarà il prossimo presidente degli USA“, afferma la BBC.

Le nuove basi russe
La settimana iniziava con due accordi militari e politici tra Siria e Russia sulla costruzione di basi aeree e navali militari permanenti, presso l’aeroporto di Humeyamim e il porto di Tartus. Finora, la Russia ha dichiarato che il coinvolgimento nel conflitto siriano si limitava alla lotta all’organizzazione estremista “Stato islamico”. Con l’attacco aereo della coalizione degli Stati Uniti all’esercito regolare siriano, in cui si vocifera siano stati uccisi soldati russi, la guerra “per procura” diveniva un confronto diretto tra Stati Uniti e Russia. I suggerimenti dei “falchi” statunitensi di preparare un’azione militare contro il governo siriano, e la successiva risposta del rappresentante ufficiale dell’esercito russo Igor Konashenkov, che sono pronti ad abbattere gli aerei statunitensi, illuminano la crisi dei rapporti. Mentre i media “mainstream” occidentali addormentano il pubblico, il pericolo di un’escalation tra Stati Uniti e Russia è reale. Lo schieramento di unità aeree e navali rafforza le posizioni russe in Siria contro qualsiasi attacco. Lo schieramento di sistemi antiaerei e difese missilistiche, posizionamento di velivoli d’attacco e l’invio di unità navali nel Mediterraneo orientale, guidate dalla portaerei “Admiral Kuznetsov“, cementano l’influenza russa nella regione. L’attacco degli Stati Uniti a Mosca via sud viene sventato, e il Pentagono ha definitivamente perso influenza nel Caucaso. Con l’eccezione, nel raggio di 500-600 miglia a sud-ovest della Turchia, di Izmir, le altre aree del Paese sono fuori dal controllo militare e strategico di Washington e rientrano nel teatro operativo delle Forze Armate russe. La base aerea della NATO d’Incirlik è isolata, giustificando la veridicità delle voci sul trasferimento di armi nucleari statunitensi in Romania. Incirlik rientra nel raggio dei sistemi di difesa aerea S-400. Non è escluso che il ministro della Difesa bulgaro Nenchev veda realizzarsi il sogno infantile di ospitare bombe nucleari degli USA nel nostro Paese. Gli eventi accelerano ricordando i preparativi pre-bellici. L’11 ottobre, Russia e Armenia firmavano un accordo militare creando il sistema di difesa aerea regionale congiunto nella regione del Caucaso. Gli interessi azeri non sono violati, dato che il sistema non include il Nagorno-Karabakh. Qualcosa di particolarmente interessante è accaduto pochi giorni dopo; il presidente Ilham Aliev dichiarava che la ventennale crisi del Nagorno-Karabakh può essere risolta e la regione avere lo status autonomo. Anche se non accadesse, è ovvio che l’Azerbaijan amplia la cooperazione politico-militare con la Russia e il polo eurasiatico. La Turchia inizia ad essere neutrale e persino ad allearsi con Mosca. La scorsa settimana, il portavoce del capo di Stato turco, Ibrahim Cullen, annunciava che Recep Tayyip Erdogan e l’omologo russo Vladimir Putin avevano discusso la possibile formazione di un sistema comune di difesa missilistica. Sembra che tra Mosca e Ankara ci siano stati colloqui politico-militari segreti, anche prima del tentato colpo di Stato. L’ultimo appiglio da cui la potenza degli Stati Uniti può proiettarsi dalla Turchia contro la Russia resta la base aerea di Smirne, e in parte la base per i rifornimenti della 6° Flotta di Aksaz. Nel 2013 gli Stati Uniti chiusero la base di Smirne, e chiaramente perdevano anche Incirlik, scoraggiandoli. Una settimana dopo il tentato colpo di Stato contro Erdogan, vicino alla base di Smirne esplose un incendio senza precedenti che minacciò la base. Gli Stati Uniti vengono lentamente ma metodicamente scacciati dalla regione.mosul-23-oct-2016-2abanIl quadro attuale, le Forze Armate siriane prendono l’iniziativa
La domanda è perché gli alleati occidentali creano centinaia di migliaia o milioni di porfughi che muoiono nelle guerre in Iraq, Libia e Siria, ma la pressione militare di Russia e Damasco sui quartieri orientali di Aleppo li spinge a parlare di sanzioni? La rete dei diritti umani in Siria (SNHR) pubblicava un rapporto secondo cui, a seguito dei bombardamenti della coalizione guidata dagli Stati Uniti contro 28 obiettivi, vi furono 649 civili uccisi, tra cui 244 bambini e 132 donne. Ovviamente indignazione occidentale non riguarda i diritti umani. L’agenzia stampa iraniana Fars News, citando i dati delle forze governative siriane e i combattenti di “Hezbollah”, affermava che “Fatah al-Islam” riceve ad Aleppo supporto logistico dalle forze speciali e navali statunitensi. Il Pentagono non ha mai negato la presenza di sue truppe a Kobane e provincia di Hasaqah. Dopo l’accerchiamento di Aleppo e il lancio delle operazioni di pulizia, fonti vicine allo Stato Maggiore russo riferivano che circa 200 istruttori e forze speciali occidentali erano intrappolati nella “sacca”. Ovviamente, i bombardamenti russi liquidano non solo i jihadisti. Il pericolo che i soldati statunitensi diventino prigionieri di guerra è reale. Per l’evacuazione dei civili dalle zone orientali di Aleppo sono stati aperti sei corridoi umanitari. Russia e governo siriano garantiscono il ritiro sicuro alle formazioni armate su altri due corridoi, ma secondo il comando dell’Esercito arabo siriano, i terroristi ostacolano l’evacuazione dei civili, prendendoli in ostaggio e sparando su chi se ne va. Alcuni gruppi hanno già annunciato che non lasceranno Aleppo. Ovviamente i padroni occidentali dei terroristi non hanno alcuna voglia di rinunciare alla seconda città siriana. I capi dell’ex-filiale di “al-Qaida” in Siria, “al-Nusra“, rispondevano negativamente alla proposta delle Nazioni Unite di lasciare l’est di Aleppo. Con l’imminente liberazione della città, le unità sunnite sostenute dagli Stati Uniti saranno scacciate e intrappolate nella provincia di Idlib. A sud, in prossimità di Hama e Homs, e presso Damasco, i terroristi subiscono perdite e perdono l’iniziativa. Dopo la sconfitta inflitta dalle forze governative, migliaia di terroristi, con le loro famiglie, si spostavano dalle vicinanze di Damasco (Qabul e Muadamiya) alla provincia di Idlib. Con la presa di Aleppo, la guerra per procura volge al termine, aprendo il rischio di un confronto diretto tra Stati Uniti e governo della Siria sostenuto dalla Russia. Riuscirà il Pentagono a realizzazione il piano classificato “B”?
Washington non ha mai nascosto lo scopo della sua politica in Siria, rovesciare Bashar al-Assad. Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha ripetutamente sollecitato il dipartimento di Stato degli Stati Uniti ad attuare gli accordi e distinguere tra “opposizione moderata” e terroristi. Non è accaduto per una semplice ragione, Washington punta sugli estremisti. “Abbiamo motivo di pensare che, fin dall’inizio, il loro piano fosse risparmiare “al-Nusra” e preservarla nel caso si procedesse con il piano “B” per rimuovere il Governo di Assad”, aveva detto Lavrov. Sull’esistenza del piano “B”, gli Stati Uniti ne parlarono apertamente nella prima metà dell’anno. Le parole del segretario di Stato John Kerry furono: “Se i russi e gli iraniani non adottano seriamente la diplomazia, passeremo al piano “B”, che sarebbe più conflittuale e finirebbe smembrando la Siria. Le conseguenze per la regione, Giordania, Libano, Europa, saranno sorprendenti, così come per i nostri interessi nella sicurezza nazionale“. L’opzione del “confronto” e le conseguenze “sconcertanti” per la regione e l’Europa significano solo intervento militare degli Stati Uniti. Con la liberazione di Aleppo, il mondo sarà di un passo più vicino al momento in cui Washington sarà sul Rubicone. Non è escluso che, come ultima opzione prima di una mossa così rischiosa, gli strateghi del Pentagono utilizzino l’organizzazione terroristica “Stato islamico” per i loro scopi. Alcuni indizi lo confermerebbero. Possiamo indicare un passaggio del discorso elettorale di Donald Trump che accusa l’ex-segretaria di Stato Hillary Clinton di aver “creato lo Stato islamico”. Ma il fatto è che il bombardamento aereo statunitense delle forze siriane a Dayr al-Zur, violando l’accordo raggiunto tra Obama e Putin, aiutava i jihadisti nella loro offensiva. Secondo l’Esercito arabo siriano, dopo gli attacchi aerei, i terroristi iniziavano un’offensiva sul jabal al-Tarda. I militari dichiaravano che tale offensiva era stata pianificata e sincronizzata con gli attacchi aerei e non poteva avvenire senza il coordinamento tra aviazione e “Stato islamico” a terra. Dayr al-Zur si trova al crocevia delle regioni settentrionali e orientali siriane occupate dai jihadisti, lungo il corso inferiore del fiume Eufrate e nei pressi di Mosul. L’importanza strategica della città sulla riva occidentale dell’Eufrate è cruciale. L’aeroporto, controllato dalle forze governative, permette l’invio di materiale militare e gli attacchi aerei, e rende impossibile il trasferimento di significative truppe islamiste a Raqqa e Aleppo. Sembra che questo fosse l’obiettivo del Pentagono.
Con la battaglia per liberare Mosul, si tenta di reindirizzare le forze jihadiste nella lotta contro il governo di Bashar Assad. Secondo l’Esercito arabo siriano, come citato da AP, gli aerei della coalizione degli Stati Uniti assicurano strade e corridoi verso la Siria per permettere ai terroristi di riorganizzarsi e creare “nuove realtà militari” in Siria orientale. Ad agosto gli Stati Uniti diedero 2 miliardi di dollari in “aiuti umanitari” ai residenti di Mosul, controllata dallo “Stato islamico”. I beneficiari, tuttavia, erano principalmente ex-baathisti (militari dell’esercito di Sadam Husayn) che combattono assieme ai jihadisti. Con il loro aiuto la città fu infiltrata da milizie irachene, curde e forze speciali occidentali. Dopo, a Mosul e nella vicina città di al-Qayara, iniziava la rivolta contro lo “Stato islamico”, in coincidenza con l’inizio dell’offensiva. Finora, il tentativo di spingere i jihadisti in Siria è fallito. Nel frattempo, un altro “attore” della crisi, la Turchia, usa mezzi militari per il piano di creare una zona cuscinetto nel nord della Siria. Negli insediamenti catturati durante l’operazione “scudo dell’Eufrate”, vi vengono portati i rifugiati sunniti dei campi in Turchia, a scapito della popolazione curda. La settimana scorsa un grande scontro iniziava tra truppe turche e formazioni armate curde su un fronte di 600 km, tra la città di Qashima e Idlib. La Turchia, che vede suo interesse principale impedire la nascita di un quasi-Stato curdo nel nord della Siria, cerca di respingere le forze curde ad est dell’Eufrate. La pace non è ancora all’orizzonte nel sanguinoso conflitto siriano.syria_battle_for_azaz_albab_october_23

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La battaglia di Mosul, l’inganno di Washington e Ankara

Mouna Alno-Nakhal, Mondialisation, 23 ottobre 2016frappes-usa-2Il 3 ottobre, spiegando l’isteria occidentale sull’avanzata dell’Esercito arabo siriano ed alleati ad Aleppo, il Generale Amin Hutayt aveva detto: “Se gli Stati Uniti avevano la minima speranza che Aleppo non venisse liberata dai terroristi entro almeno i prossimi due mesi, avrebbero agito in modo diverso. Ma è chiaro che la Siria e i suoi alleati, come la Russia, hanno deciso diversamente. Da qui il “Piano C” avviato a Dayr al-Zur, prendere in ostaggio la città e raggiungere tre obiettivi:
– Delimitare un’area aperta in Iraq per isolare la Siria, perciò impedivano l’avanzata dell’Esercito arabo siriano distruggendo i ponti, proprio come Israele fece in Libano quando invase il sud, demolendo quattro ponti per isolarlo dal resto del Paese e farne una zona spopolata e controllata dalle Nazioni Unite.
– “Liberare Mosul”, secondo il piano degli Stati Uniti e non degli iracheni. In altre parole, nel modo con cui i turchi avrebbero liberato Jarablus, in Siria, sfruttando l’inganno della mano destra che guida lo SIIL passando alla mano sinistra che guida al-Nusra. La questione è questa: dove gli USA porteranno i terroristi di Mosul? Risposta: a Dayr al-Zur.
– Attenuare la vittoria della Siria ed alleati ad Aleppo, una vittoria certa tra poche settimane e che a nostro avviso silurerà definitivamente il piano di spartizione staunitense della Siria, da cui gli attacchi su Dayr al-Zur ridotti a mera vendetta…“[1].
Ora, Dayr al-Zur è situata sulle rive dell’Eufrate, per lo più invase dallo SIIL. I raid aerei della coalizione internazionale contro lo SIIL, guidata dagli Stati Uniti, hanno distrutto il ponte al-Mayadin il 28 settembre e il ponte al-Ashara il giorno successivo, dopo aver bombardato “per errore” le postazioni dell’Esercito arabo siriano vicino all’aeroporto della città, il 17 settembre, uccidendo 82 soldati e ufficiali e ferendone gravemente più di un centinaio; un “errore” che richiese 2 giorni di preparazione con osservazione sul campo e 50 minuti di attacchi aerei continui, come dimostrarono la Russia e il Dottor Bashar al-Jafari al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Da allora, sette ponti sono stati distrutti sui fiumi Eufrate e Qabur, più altri due secondo SANA (Agenzia Nazionale d’Informazione Siriana) il 20 ottobre. [2] Ma nel discorso dell’11 ottobre, Sayad Nasrallah era ancora più esplicito del Generale Hutayt: “Sull’Iraq, si va di vittoria in vittoria grazie ai sacrifici dei suoi figli, del suo esercito, delle sue forze di mobilitazione popolare e delle sue tribù sunnite, sciite e curde, che affrontano i takfiriti dello SIIL. Oggi, le forze irachene avanzano su Mosul… Mi appello ai leader iracheni, ai combattenti dell’esercito iracheno e dell’Hashd al-Shabi, affinché stiano attenti ai piani degli USA. Gli Stati Uniti vogliono aprire la via ai takfiriti dello SIIL che fuggono in Siria. Vogliono “stipare” lo SIIL nella Siria orientale, da cui poter condurre nuovi attacchi sul territorio iracheno…” [3].
E’ da metà settembre che gli Stati Uniti annunciano, con piagnistei, la battaglia per Mosul, la seconda città dell’Iraq caduta nelle mani dello SIIL nel giugno 2014, grazie a un’operazione fasulla su cui non torneremo. Ma Erdogan ne annunciava la data il giorno dopo. Così, il 25 settembre, RT arabic e altre fonti riferivano: “Il presidente turco ha detto: abbiamo informazioni che indicano che l’operazione del governo centrale iracheno per liberare Mosul da elementi armati dello SIIL potrebbe iniziare il 19 ottobre, e dobbiamo essere pronti… i peshmerga collaboreranno con gli arabi nell’operazione… Riferivano anche che avesse detto ai giornalisti, a bordo dell’aereo che lo riportava da New York dopo aver frequentato l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e incontrato Joe Biden, vicepresidente degli Stati Uniti, che il suo ministro degli Esteri studiava la questione di Raqqa con gli Stati Uniti, e la Turchia gli aveva informati delle condizioni. Le condizioni riportate dal canale privato NTV si riducono alla Turchia che aderiva a un’operazione degli Stati Uniti per espellere lo SIIL dalla roccaforte di Raqqa, Siria, quando saranno esclusi i combattenti curdi…” [4].
Si comprenda: il curdo buono non è né turco né siriano, ma è quello del “clan Barzani” apertamente alleato ad Israele, motore e complice delle violazioni dei confini Sykes-Picot, che non soddisfano più Erdogan, i loro creatori, le grandi potenze estromesse e neanche i piccoli satrapi regionali che gli devono l’esistenza. E poi, il curdo buono è sunnita. Infatti, in un’intervista al canale saudita Rotana Qalijia, Erdogan diceva che non avrebbe tollerato l’insediamento di un “potere settario” a Mosul, implicando che: “Mosul appartiene al popolo di Mosul come Tal Afar al popolo di Tal Afar. Nessuno ha il diritto di entrare in queste zone… Solo gli abitanti arabi, turcomanni e curdi sunniti dovrebbe rimanere a Mosul .. Hashd al-Shabi non deve entrare a Mosul… Turchia, Stati Uniti, Arabia Saudita e la coalizione internazionale dovrebbero collaborare in questa direzione. Faremo del nostro meglio per liberare Mosul. Dovremo installare un tavolo dei negoziati e non solo osservare ciò che accade“. [5] Tal Afar è una piccola città a maggioranza turcomanna e Hashd al-Shabi è una delle forze paramilitari irachene a guida sciita che raggruppa combattenti di tutte le fedi ed etnie, la cui partecipazione alle battaglie dell’esercito iracheno ha sempre portato alla sconfitta dello SIIL, come a Ramadi, Tiqrit, nella provincia di Anbar e nella provincia di Salahudin. Quanto a Mosul, non bada mai agli abitanti cristiani, che non avrebbero cittadinanza in questa città. Erdogan e i suoi alleati wahhabiti pensano probabilmente d’impedirne il ritorno, erdoganmentre si preparano, gioiosamente, a recarsi a Qaraqush [6], interamente liberata il 22 ottobre. Ma Erdogan usa solo il proprio dizionario: rifiutare il settarismo è rifiutare tutto ciò che non gli è uguale, come dice questa immagine terribile della nuova Turchia presentata su Facebook da un anonimo. Detto ciò, in cosa Erdogan sarebbe più o meno riprovevole dei capi degli Stati Uniti che invasero l’Iraq con una menzogna, seminando caos e fingendo di ritirarsi dopo un accordo di latente partenariato strategico e una costituzione settaria ed etnica, con il pretesto di fare giustizia presso sciiti e curdi, per poi ritornare in forze oggi creando il cosiddetto preteso “piano inclusivo”, questa volta per rendere giustizia ai sunniti presuntamente minacciati da sciiti e Iran? In cosa sarebbe più o meno condannabile dei capi occidentali a rimorchio degli Stati Uniti, ma che corrono in avanti per strappare la loro parte, nascondendo l’avidità dietro presunte preoccupazioni umanitarie? Il mondo intero sa che Erdogan maltratta i suoi cittadini e violenta particolarmente i curdi, che il suo estremismo non hanno nulla da invidiare allo SIIL. Ma silenzio! La posizione strategica ne fa un ricattatore ancor più pericoloso; ciò probabilmente spiega come anche Vladimir Putin sistemi la “pugnalata alla schiena”, ma non spiega l’inganno condiviso tra Washington e Ankara.

Ankara vuole cambiare il trattato di Losanna del 1923
Cosa vuole Erdogan, a parte il fatto che assieme all’amministrazione degli Stati Uniti e all’alleato Adil al-Jubayr, ministro degli Esteri saudita, urli per scacciare l’Hash al-Shabi dalla Battaglia di Mosul, in assenza di ciò, ricorrendo a figure sunnite che ne condividano la mentalità, come i fratelli al-Najifi: uno, ex-capo del parlamento iracheno; l’altro, prefetto della provincia di Niniwa, di cui Mosul è la capitale? Alla conferenza stampa del 4 ottobre, il primo ministro iracheno Haydar al-Ubadi ne fustigava il settarismo e l’occupazione illegale da parte del suo esercito di Bashiqa, città yezidita, affermando: “Oggi il Consiglio dei Ministri ha discusso purtroppo delle dichiarazioni provocatorie della presidenza turca, dicendo come siano inaccettabili e destinate a seminare discordia tra gli iracheni… Invitiamo il presidente turco a concentrarsi sulla situazione nel suo Paese, dove esistono problemi reali per i cittadini turchi. Mentre esorto tutti noi a collaborare nell’interesse del nostro popolo, non il contrario… Il concetto di sovranità non tollera che certi iracheni supportino forze straniere che minacciano la situazione interna del Paese. È vietato. Non vi è alcuna forza straniera in campo che combatta lo SIIL in Iraq, non lo permetteremo. Abbiamo la coalizione internazionale ed esperti internazionali che guidano le forze irachene, ma non combattono. Addestrano, armano e forniscono copertura aerea, sì! Ma forze straniere non combattono al posto o a fianco dell’esercito iracheno! Non vogliamo alcuna forza straniera e la presenza di forze turche in territorio iracheno, contro la volontà irachena, non è accetta. Gli abbiamo chiesto più volte di ritirarsi… Tutti i leader dei trenta Paesi che si sono incontrati, sono d’accordo con l’Iraq: rispetto della sovranità e rifiuto delle interferenze da qualsiasi Paese negli affari iracheni… “[7]. Tuttavia, secondo la dichiarazione del 19 ottobre dell’ex-Generale libanese Muhamad Abas alla TV al-Mayadin [8], le forze pronte all’offensiva accerchiavano Mosul:
– sud e sud-est: forze dell’esercito iracheno e dell’Hash al-Shabi;
– est e nord-ovest: forze dell’esercito iracheno e peshmerga;
– est: forze di al-Najifi filo-turche a sostegno dei piani di Erdogan e degli alleati sauditi.
Ad ovest Mosul rimane aperta ai terroristi dalla Siria, come previsto degli osservatori, mentre nell’ultima edizione di “60 Minuti” del 21 ottobre, Nasir Qandil presentava il piano di Hashd al-Shabi che doveva entrare dalla riva ovest del Tigri per bloccare i terroristi a Mosul e impedirgli di fuggire nella provincia quasi disabitata, dove sarebbe stato facile disperdersi in attesa di giorni migliori, continuando la guerra di logoramento in Siria. Ma il governo iracheno era costretto a trattare con quello statunitense… e il 19 ottobre intervistato dalla televisione di Stato siriana, l’ex-Generale siriano Turqi al-Hasan testimoniò come circa 800 terroristi fossero arrivati a Raqqa da Mosul, dove i cittadini siriani venivano espulsi dalle case per installarli, aggiungendo che le forze irachene avevano colpito un convoglio di una trentina di veicoli, proveniente da Mosul, al confine con la Siria. Sul piano di Erdogan, il Generale al-Hasan spiegava che le ultime dichiarazioni, sue e delle élite politiche turche, finalmente smascheravano il perché cercassero d’invadere Siria e Iraq. In sintesi: “Il Trattato di Losanna del 1923 [9] che ha definito i confini del nuovo Stato turco e organizzato lo scambio di popolazioni, afferma che potrebbe essere rivisito 100 anni dopo, cioè nel 2023. Ed Erdogan vuole questa revisione per espandere, non ridurre o dividere la Turchia. Pertanto, nella sua mente, se il governo iracheno non libera Mosul, potrebbe tornare alla Turchia. Potrebbe quindi creare l’enclave sunnita, invocandone l’adesione alla Turchia, in una forma o nell’altra, unione o federazione. Purtroppo, l’attuale costituzione irachena imposta dagli Stati Uniti gli permette di provarci. Di qui gli sforzi per minare il governo centrale iracheno“. [10]
Lo scrittore palestinese Rasim Ubaydat conferma il Generale al-Hasan. In un articolo del 21 ottobre sul quotidiano libanese al-Bina, aggiunge: “La Turchia, che insiste a partecipare alla liberazione di Mosul nonostante il rifiuto del governo centrale iracheno, dopo aver occupato Jarablus e Dabiq in Siria e Bashiqa in Iraq con una messa in scena con lo SIIL, sostiene di difendere la propria sicurezza nazionale. In realtà, il sogno espansionista turco di oggi è rioccupare Mosul, Irbil, Qirquq in Iraq e Aleppo in Siria, città liberate dal giogo dell’impero ottomano sconfitto nel 1918. Ciò dimostra che la Turchia di Erdogan è complice del terrorismo e della guerra di aggressione contro Siria e Iraq per annettersi altri territori, come i curdi che cercano di annettersi parte della provincia di Niniwa, in riconoscimento della partecipazione alla liberazione di Mosul“[10]. Ubaydat probabilmente parla dei peshmerga curdi o comunque curdi iracheni. Ma ora Salah Muslim, il leader del Partito dell’Unione Democratica (PYD, partito siriano curdo) annuncia il censimento della popolazione nel governatorato di Hasaqah, [11] ricordando un altro censimento in tempi caotici, manipolato dai turchi per appropriarsi del Sangiaccato di Alessandretta, che non faceva parte dello Stato turco, nel 1923, ma della Siria…rrss3Washington vuole il Sunnistan tra Eufrate e Tigri
La maggior parte degli osservatori della regione sottolinea che gli Stati Uniti hanno deliberatamente ritardato la liberazione di Mosul, l’ultima grande città irachena occupata dallo SIIL, a sua volta controllato dagli Stati Uniti, ed hanno assicurato il loro sostegno all’esercito iracheno e dato il via all’operazione solo in prossimità delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Questo per accreditare la candidata democratica e aumentarne le possibilità di vittoria di Hillary Clinton. Ma Nasir Qandil dettagliando i piani C, D o Z del governo degli Stati Uniti, sottolineava che la liberazione di grandi città non significa assolutamente eliminare lo SIIL dalle enormi aree circostanti scarsamente popolate ma ricche di petrolio e superfici coltivabili, e studiando la posizione delle città su cui gli Stati Uniti cercano di mantenere la loro influenza, si nota che sono tutte situate tra il Tigri e l’Eufrate, territorio già noto come “terra dei due fiumi” e culla di molte grandi civiltà, ed ora riservato al loro mostruoso Frankenstein. In sintesi: “Non si deve pensare che la vittoria dell’esercito iracheno, sostenuta dalla coalizione internazionale guidata da Washington, significhi eliminare lo SIIL dall’Iraq. Certo, Ramadi e Tiqrit sono state liberate, ma la prima è sulle rive dell’Eufrate e la seconda e Mosul sulle rive del Tigri. Tuttavia, metà della provincia di al-Anbar (al-Ramadi), due terzi della provincia di Salahudin (Tiqrit) e tre quarti della provincia di Niniwa (Mosul) sono ancora occupate dallo SIIL dalla liberazione di Mosul. Così il triangolo di circa 70000 Kmq, definito da confine con la Siria, riva orientale dell’Eufrate e riva occidentale del Tigri, resteranno allo SIIL. Perché le aree popolate nel triangolo, pari a sette volte il Libano, si limitano a Sinjar e Tal Afar, il resto è deserto o è occupato da aziende agricole o installazioni petrolifere, dove potranno facilmente nascondersi, riprendersi e riarmarsi per gli obiettivi in sospeso di Washington. Allo stesso modo in Siria, la liberazione di Raqqa, Tabaqa, Dayr al-Zur e Buqamal non significa l’eliminazione dello SIIL. Si avrà anche una striscia di territorio di 70000 kmq ad est dell’Eufrate, dove le aree abitate solo sono Hasaqah e Qamishli. Ciò spiega perché gli statunitensi non siano preoccupati dalla liberazione di Mosul, essendo evidente che le loro tattiche usano lo SIIL per fare pressione su Siria e Russia per avere accordi adatti. Ciò spiega anche la linea rossa imposta dalla Turchia ad est dell’Eufrate, che vuole la sua parte in Siria ad ovest del fiume. Gli statunitensi si riservano il diritto di suonare la ritirata dello SIIL a piacimento, proprio come nella regione del Waziristan, dove la situazione è simile a ciò che accade nella “terra tra i due fiumi”, e dove i droni sciamano sugli obiettivi che hanno deciso di colpire, per via degli accordi con il governo afgano con il pretesto della guerra al terrorismo, dove il governo è in una situazione analoga a quella in cui è incastrato quello iracheno. Infine, con il pretesto della lotta al terrorismo, i calcoli statunitensi sono gli stessi ovunque: tale lotta richiede accordi militari, su energia, materie prime e così via, per mantenere l’egemonia, nonostante i fiumi di sangue e distruzione…“[12].
Alla luce di quanto accade ad Aleppo, va ritenuto che i piani di divisione degli uni e di espansione degli altri siano probabilmente pronti, ma l’isteria occidentale, spinta dalla determinazione di Siria ed alleati a ripulire Aleppo dai terroristi, significa che hanno capito che né Siria né Russia cederanno al ricatto e, soprattutto, che lo Stato siriano ha categoricamente rifiutato qualsiasi accordo in stile afgano o iracheno.capture-decran-2016-10-23-a-20-56-48Note:
[1] Generale Amin Hutayt, al-Alam TV
[2] L’aviazione della coalizione internazionale ha distrutto due ponti sull’Eufrate e sul Qabur
[3] Iraq: USA prevede di stipare lo SIIL nell’est della Siria
[4] Erdogan: i Peshmerga dovrebbe partecipare alla battaglia di Mosul
[5] Dichiarazioni di Erdogan sul futuro di Mosul fanno infuriare Baghdad
[6] I cristiani della piana di Niniwa celebrano la liberazione delloro aree dallo SIIL per opera dell’esercito iracheno
[7] Conferenza stampa del primo ministro iracheno Haydar al-Ubadi
[8] Generale Muhamad Abas, al-Mayadin TV
[9] Trattato di Losanna del 1923-SDN
[10] Generale Turqi al-Hasan, al-Iqbariya TV
[11] Gli approfittatori della battaglia di Mosul
[12] Il censimento a Qamishli
[13] 60 minuti con Nasir Qandil, 21 ottobre 2016

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il fattore curdo

Christof Lehmann, New Eastern Outlook 11/09/2016kurdistan_mapPartiti e militanti curdi, e loro alleanze, sono divenuti i fattori principali nei teatri siriano, iracheno e turco. Anche se i curdi sono stati un fattore regionale significativo dalla metà degli anni ’80, il loro ruolo nella regione è diventato importante nel 2015 e sempre di più dal tentato golpe militare in Turchia il 15 luglio 2016. L’articolo tenta di analizzare l’intelligence disponibile per avere una prospettiva su una situazione confusa e avvolta nella disinformazione.

Gli attori principali
Il Partito Democratico del Kurdistan (KDP) nella semi-autonoma regione a maggioranza curda del nord dell’Iraq e i peshmerga. Il Partito dei lavoratori del Kurdistan turco (PKK), comprese le ali politica e militare. Il gruppo scissionista dal PKK dei Falchi della libertà del Kurdistan. Il Partito dell’Unione democratica della Siria (PYD) e l’ala militare YPG e quella femminile YPJ. Le YPG/YPJ costituiscono la maggior parte delle forze che combattono sotto la bandiera delle cosiddette Forze Democratiche siriane (SDF) comprendenti anche combattenti di altri gruppi etnici, tra cui armeni. Il governo del KDP nel nord dell’Iraq, guidato da Masud Barzani, così come i peshmerga, dal rovesciamento del governo iracheno di Sadam Husayin sono sostenuti da Stati Uniti e diversi altri Stati membri di UE e NATO. Il governo regionale del KDP è stato anche uno dei primi beneficiari del contrabbando dello Stato Islamico del petrolio siriano spacciato dal nord dell’Iraq alla Turchia nel 2013-2016. È interessante notare che tale business ha indebolito il governo federale iracheno di Baghdad e il governo siriano di Damasco, ricevendo una spinta significativa dopo che l’Unione europea, nell’aprile 2013, revocò il divieto d’importazione di petrolio siriano dai “territori dei ribelli”. A metà agosto 2016, Masud Barzani osservò che l’indipendenza del Kurdistan era l’unica opzione rimasta. L’Iran, dall’invasione dell’Iraq dello SIIL nel 2013, si avvicinò provvisoriamente all’amministrazione KDP e in qualche misura coordinò i peshmerga e la milizia popolare irachena, addestrata dagli iraniani, nella lotta allo SIIL. Il sostegno statunitense, europeo e turco al KDP ha diversi obiettivi strategici. La destabilizzazione del governo federale dell’Iraq e la divisione dell’Iraq in tre Stati. La strategia della NATO mira a sfidare la Russia e l’influenza russa dal Mediterraneo orientale, lungo il relativamente molle e ricco fianco meridionale della Russia, al Pakistan.
kurdish-population-mapIl Partito dei Lavoratori del Kurdistan della Turchia (PKK) iniziò l’insurrezione armata contro lo Stato turco nel 1984. Cioè, prima della fine della guerra fredda e dell’Unione Sovietica. La lotta del PKK fu lanciata con l’obiettivo di creare uno Stato curdo indipendente. La filosofia politica non è dogmatica o settaria, ma socialista democratica. Il PKK sin dall’inizio fu sostenuto dall’Unione Sovietica e continua a godere della buona volontà della Russia, anche se il supporto non è palese. Come nota storica va ricordato che il SIPRI riferì che la Germania, dopo la riunificazione, offrì blindati e armi pesanti tedesco-orientali alla Turchia, a condizione che venissero usati solo contro il PKK. Logica e strategia dell’alleanza di Mosca con il PKK erano che potesse operare come versione sovietica/russa di ciò che la NATO chiama “Stay Behind“. Il PKK poteva, in altre parole, essere utilizzato per sfidare o contenere la NATO e la Turchia in caso di conflitto. L’ex-capo dell’intelligence militare turca Haki Pekin e altri ultranazionalisti turchi dichiararono all’autore che il PKK è “un agente di Stati Uniti ed Israele” e collabora con il governo dell’AKP e gli Stati Uniti per “balcanizzare” la Turchia. L’autore, tuttavia, non vide alcuna prova che giustificasse tale affermazione. E’ inoltre sempre consigliabile essere consapevoli che “gli ex-capi dell’intelligence” ed altri, hanno spesso un ordine del giorno riservato che decide quali informazioni divulgare e quando. Il generale (in pensione) Pekin e altri ultra-nazionalisti turchi erano fortemente contrari ai colloqui di pace del governo dell’AKP con il PKK, interrotti nel luglio 2015. Un altro pezzo interessante dell’intelligence sono dei documenti che l’autore ha recentemente ricevuto, che dimostrano che il governo federale dell’Iraq ha diverse centinaia di combattenti del PKK a libro paga e che combattono per 1000 dollari USA al mese. Tali documenti appaiono, per quanto l’autore può discernere, autentici ma è difficile ed estremamente costoso verificarli in modo indipendente. La fonte di questi documenti pretende che Baghdad sostenga i combattenti del PKK nel nord dell’Iraq per indebolire l’influenza di Masud Barzani, KDP e peshmerga. Tale politica sarebbe plausibilmente e coerente con gli interessi di Mosca e Teheran, ma è importante distinguere tra intelligence ed analisi.
I Falchi della libertà del Kurdistan è un’organizzazione scissasi dal PKK protesa su piccoli attacchi ed attentati. Le risorse sono molto limitate e conterebbe un massimo di 200 militanti. L’organizzazione è, secondo fonti turche, infiltrata e in parte controllata da intelligence turca e della NATO, utilizzata per screditare PKK e HDP. Attacchi relativamente minori attribuiti a tale organizzazione furono più volte utilizzati come pretesto per le operazioni militari turche nel sud-est della Turchia e nella repressione dei sostenitori della causa curda nella politica turca.

PYD, YPG, YPJ e SDF
Il Partito dell’Unione Democratica della Siria (PYD) risale pure alla metà degli anni ’80. Il PYD e le ali militari YPG ed YPJ sono alleati tradizionali del PKK. PYD e PKK condividono l’approccio non dogmatico al socialismo democratico. Va notato che il governo siriano del partito Baath di Damasco non ha mai “approvato” il PYD, ma il nesso PYD-YPG-YPJ faceva parte della “strategia del contenimento” di Mosca e Damasco verso Turchia e NATO. Va inoltre notato che le relazioni tra PYD e KDP iracheno, nonostante una cooperazione pragmatica occasionale, sono tese come quelle tra PKK e KDP. I rapporti tra il governo del partito Baath a Damasco e il PYD si sono guastati dopo che le YPG/YPJ hanno ricevuto aiuti, consiglieri militari dalle forze speciali e “volontari” dagli Stati Uniti, e il PYD indicava l’obiettivo di costruire uno Stato indipendente nel nord della Siria. La Russia, da parte sua, riconosce YPG/YPJ e Forze Democratiche siriane come tra i combattenti più efficaci contro lo Stato Islamico (SIIL) sul confine turco-siriano. Mosca ha ripetutamente chiesto l’inclusione dei curdi nei colloqui di Ginevra sulla Siria. Il governo dell’AKP turco denuncia PYD e militanti come terroristi alleati del PKK e si oppone con forza alla loro presenza sul confine meridionale della Turchia. Fonti sul terreno nel nord della Siria hanno riferito all’autore, giorni prima dell’invasione turca di Jarablus in Siria, che i combattenti dello SIIL si stavano ritirando. Le informazioni ricevute dopo l’invasione della Turchia con la presenza di unità dell’esercito libero siriano (ELS) indicano che esercito turco ed ELS, difatti, combattono le forze curde piuttosto che lo SIIL.

Nebbia di guerra e diritto
Inutile dire che la situazione dei partiti curdi nella regione è complessa. Opportunismo e realpolitik creano i compagni di letto più strani. Va notato che i curdi sono il maggiore gruppo etnico-nazionale senza Stato. Ci vorrebbe un altro articolo per spiegare la situazione dei curdi e le loro aspirazioni all’indipendenza dal punto di vista del diritto internazionale. In breve, il discorso curdo contrappone il diritto internazionalmente garantito dell’auto-determinazione al principio altrettanto valido del diritto all’integrità territoriale. Semplicemente la Dichiarazione dei principi dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1970 prevede che entrambi i principi siano ugualmente validi, ma che non vanno attuati se si violano mutuamente. In termini pratici, ciò significa che i curdi dipendono dai cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (P5) che hanno il mandato, nonché l’obbligo, di risolvere la questione della sovranità e dell’autodeterminazione curde contro l’integrità territoriale di Turchia, Siria, Iraq e Iran. Il problema è che gli attori del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite usano da sempre i curdi come pedine geopolitiche. Detto ciò, chi potrebbe biasimare i partiti curdi per le alleanze opportuniste dettate dalla realpolitik, e per la lotta condotta con tutti i mezzi e “partner” presunti disponibili, per raggiungere un obiettivo strategico di lungo termine.
kurdistan_workers_partyDr. Christof Lehmann è un consulente politico indipendente su conflitto e loro risoluzione. Fondatore e caporedattore di Nsnbc, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Grande Eurasia, il senso di San Pietroburgo e Baku

Rostislav Ishenko, 10 agosto 2016, Fort Russpresident_diner1_080816E’ difficile sopravvalutare l’importanza dell’incontro di Vladimir Putin con Recep Tayyip Erdogan, a San Pietroburgo. Tuttavia, dal mio punto di vista, la visita del Presidente russo a Baku e i colloqui con i Presidenti azero Ilham Aliev e iraniano Hassan Rouhani, e gli aspetti simbolici e pratici di essi, non sono da meno, anzi, sono molto più importanti. Cominciamo dal fatto che la Russia attualmente mantiene con l’Iran più di un buon rapporto; i Paesi sono alleati militari in Siria. L’Iran ha fornito alle VKS russe una rotta sul proprio territorio per l’Iraq. Ed è estremamente importante non solo in termini di supporto aereo, ma anche per la necessità di organizzare i rifornimenti per le truppe russe in Siria. La più importante rotta attraverso gli stretti era minacciata dal recente forte deterioramento delle relazioni con la Turchia. Data l’instabilità complessiva del Medio Oriente, la presenza di una rotta alternativa aumenta notevolmente la stabilità sulla Siria. Il presidente russo poteva facilmente incontrare l’omologo iraniano a Teheran senza volare a Baku. Ma se i due leader sono attivamente coinvolti nella politica globale, era necessario incontrarsi a Baku, ce n’erano i motivi.

Rivali tradizionali
Vi ricordo che l’Azerbaijan è tradizionalmente rivolto alla Turchia, non meno importante vecchio rivale dell’Iran nella lotta per influenza sul Medio Oriente, Caucaso compreso. Anche prima della nascita dei moderni Turchia e Iran, parti e Roma, Bisanzio e sassanidi concorrevano con vari successi. Pertanto, all’inizio del conflitto per il Nagorno-Karabakh, l’Iran, bilanciando l’influenza di Ankara nella regione, fece molto per sostenere Erevan. Anche ora il confine con l’Iran è un importante corridoio per spezzare il blocco dell’Armenia, e nel regno di Saakashvili in Georgia era l’unica via affidabile per il mondo. Va ricordato che più della metà del territorio storico dell’Azerbaigian è sotto la sovranità dell’Iran, cosa non favorevole alla creazione di relazioni tra Teheran e Baku. In generale, il complesso groviglio di interessi nel conflitto nella regione, dal Caucaso a Suez, fino a poco prima sembrava inestricabile. E’ anche facile capire che, alla vigilia di un incontro cruciale con Erdogan, il presidente russo lanciasse colloqui esattamente nella direzione opposta, non perché Aliev e Rouhani non era possibile incontrarli un paio di giorni prima o una settimana dopo, ma per via del fatto che questa riunione e la sua tempistica erano estremamente importanti: decide le posizioni nell’incontro a San Pietroburgo e il suo contesto globale.

Le posizioni di Mosca e Teheran allineate
Inizialmente era chiaro che per Erdogan, per cui la Russia è rimasta praticamente l’unico alleato possibile, l’incontro di San Pietroburgo riguardasse l’aiuto per stabilizzare il regime turco, e tale stabilizzazione sarà difficile. I turchi sanno che la fine dell’influenza statunitense e riorientamento su Mosca sono in realtà un vantaggio. Ankara sa anche che per la Russia, la minaccia della destabilizzazione o addirittura della disintegrazione della Turchia è significativa. Pertanto, anche con una posizione negoziale debole, gli argomenti per uno scambio importante ci sono.

Cosa significa l’incontro di Baku per Erdogan?
Prima della riunione, Rouhani aveva detto che Russia e Iran aiuteranno la Turchia nella stabilizzazione interna e nella lotta al terrorismo, anche in Siria. Questa frase dimostra al presidente turco che le posizioni di Mosca e Teheran, su tutte le questioni d’interesse per Ankara, sono allineate. Se la Turchia pensava di giocare l’uno contro l’altro, cercando di negoziare con ciascuno individualmente e strappare per sé il miglior accordo, sbagliava. Inoltre, la riunione a Baku dimostra che la leadership azera tiene conto anche della variazione del rapporto di forze in Medio Oriente in generale, e nel Caucaso in particolare, a favore di Russia e Iran. Ilham Aliev, ovviamente, non cederà la promessa di mantenere stretti rapporti con la Turchia (partner tradizionale ed alleato strategico dell’Azerbaigian). Molto probabilmente, ha anche cercato di aiutare Erdogan, sondandolo in vista dei colloqui con Putin, facendogli comprendere appieno le posizioni russe e iraniane, controllandone forza e consistenza. Tuttavia, Ilham Hejdar oglu Aliev è uno dei politici più realisti dello spazio post-sovietico. Capisce che l’alleanza con la Turchia non può più rispondere pienamente agli interessi dell’Azerbaigian. E’ necessario avere il sostegno dei nuovi attori dominanti nella regione. Pertanto, obiettivo di Aliev a Baku era in realtà l’ingresso dell’Azerbaigian nel progetto russo-iraniano, e non tanto da mediatore nei negoziati con la Turchia (Erdogan decide tutto direttamente), ma come partner.

La posizione degli Stati Uniti sarà indebolita
Qual è la posizione dell’Azerbaigian verso l’alleanza regionale russo-iraniana, che non è estranea agli interessi turchi, se non geopolitici? Né più né meno che l’indebolimento della posizione degli Stati Uniti in Medio Oriente. L’esistenza anche di un’unione informale tra Russia, Turchia, Iran ed Azerbaigian chiude (per l’attuale generazione di politici, per sempre) la questione del corridoio energetico dal Caspio all’Europa come alternativa ai rifornimenti di “Gazprom” e “Rosneft“. Ora, se ci sono e se ci saranno, lo saranno solo nel quadro del progetto congiunto (russo-iraniano-azero-turco) in cui vengono presi in considerazione gli interessi di tutte le parti interessate. Finisce la possibilità per gli Stati Uniti di bloccare i rifornimenti russi alla Siria. Ma a Mosca non basta aprire un collo di bottiglia, ma tutto lo spazio dai Balcani al Mar Caspio. Ciò fa dei progetti dei corridoi dal Mar Glaciale Artico all’Oceano Indiano una realtà. A sud il nuovo ramo (iraniano) della Via della Seta comincia a divenire realtà, cioè il potenziale collegamento interno diversificato della Grande Eurasia (da Lisbona a Kuala Lumpur), che sarà sempre più difficile da tagliare. Anche in Medio Oriente, il recente predominio assoluto degli Stati Uniti si riduce a tentativi di mantenere il controllo sulle monarchie arabe del Golfo, o almeno evitare che siano irrimediabilmente spazzate via, imponendo semplicemente a tali Stati del Golfo la politica degli Stati Uniti di scontro con l’Iran. Naturalmente, i negoziati di Baku e San Pietroburgo sono solo l’inizio di relazioni a lungo termine, designando vettore e dinamica del processo. Ma nel mondo di oggi, i cambiamenti si verificano quasi istantaneamente. Nel 2008, in Ossezia del Sud, la Russia difese il Caucaso del Nord dai tentativi di ‘somalizzazione’ della NATO, mantenendo la credibilità nella regione. Nel 2014, la Russia bloccò il tentativo degli Stati Uniti d’invadere la Crimea, e Kiev avviava il processo di autodistruzione (anche per gli standard occidentali). Nel 2015, la Russia difese la Siria dai teppisti islamisti filo-USA che quasi sempre sprofondano la regione nel caos. Il 2016 non è ancora finito, ma si parla di come Russia ed alleati si preparano a ristabilire l’ordine in Medio Oriente.azerbaijani_russian_iranian_presidents_1Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora