Gli USA cercano alleati per contenere Pechino

Tony Cartalucci, LD 28 dicembre 2017Ci sono stati rumori sul cosiddetto Quadrilateral Security Dialogue (Quad), una specie di coalizione tra Stati Uniti, India, Australia e Giappone. Promosso dai soliti pensatoi politica finanziati dalle grandi aziende finanziarie, il Quad viene descritto come un passo oltre lo sfortunato “pivot to Asia” di Washington per salvare il proprio potere in declino nella regione. Capire che il “perno” degli Stati Uniti era inteso a cooptare e costringere il Sud-Est asiatico a formare un fronte unito per contenere l’ascesa economica, diplomatica e militare della Cina nella regione, per preservare e forse persino espandere il primato degli Stati Uniti nell’Asia-Pacifico, spiega perché alla fine ha fallito, e va oltre spiegando cos’è il Quad e perché vine così fortemente promosso.

Il fallimento del perno e il declino del potere statunitense
Il Sud-Est asiatico, attraverso l’Associazione sovranazionale delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) ha resistito ai tentativi di Washington di riallineare la politica regionale per soddisfarne gli interessi ai danni dei crescenti legami dell’ASEAN con Pechino. C’erano varie componenti nel perno tra cui gli sforzi degli Stati Uniti per minare, rovesciare e sostituire con regimi obbedienti i governi di diversi Stati dell’ASEAN, come Myanmar, Thailandia e Malaysia. L’espansione del “soft power” statunitense nell’ASEAN era una di queste componenti, in particolare gli sforzi a lungo termine del dipartimento di Stato USA attraverso National Endowment for Democracy (NED) e la sua “Young Southeast Asian Leaders Initiative” (YSEALI) lanciata nel 2013. Tali sforzi sono falliti finora, con un successo limitato nel mettere al potere un regime di clienti statunitensi in Myanmar con Aung San Suu Kyi e il suo partito della National League for Democracy (NLD). Altrove, nel 2014, il governo appoggiato dagli Stati Uniti di Yingluck Shinawatra, sorella dell’allora alleato Thaksin Shinawatra, fu estromesso con un colpo di Stato militare. Le proteste in Malaysia guidate dal fronte “Bersih“, finanziato dagli Stati Uniti, non hanno ancora prodotto risultati. E in Cambogia, il governo del Primo ministro Hun Sen ha iniziato una campagna aggressiva per sradicare ed espellere i media e il fronte d’opposizione del dipartimento di Stato degli Stati Uniti, arrestando il capo dell’opposizione Kem Sokha e sciogliendone il Partito di salvezza nazionale, una mossa che potrebbe essere replicata in una forma o nell’altra dagli altri Stati dell’ASEAN in caso di successo. Un altro componente era la serie di conflitti artificiali che gli Stati Uniti hanno prodotto per poi svolgervi un ruolo da mediatore per risolvere la controversia territoriale sul Mar Cinese Meridionale. L’ASEAN si è rifiutata di farsi coinvolgere, e persino presunti ricorrenti nella disputa, Vietnam e Filippine, si sono allontanati dall’approccio rigido proposto dagli Stati Uniti per affrontare Pechino. A un certo punto, le Filippine hanno persino respinto la presunta “sentenza del tribunale internazionale” a suo favore, organizzata da un gruppo di avvocati statunitensi, e ha invece proseguito i negoziati bilaterali con Pechino. La componente finale del perno degli USA in Asia era la proliferazione del terrorismo sponsorizzata dai più stretti alleati di Washington in Medio Oriente. Questo incluse un attentato del 2015 a Bangkok presumibilmente effettuato da terroristi turchi e l’improvvisa apparizione e diffusione del cosiddetto “Stato islamico” (SIIL) nelle Filippine. L’arrivo e l’occupazione dello SIIL della città filippina meridionale di Marawi era particolarmente “utile” alla politica estera degli Stati Uniti, arrivando in un momento in cui le Filippine avevano rimproverato il coinvolgimento degli Stati Uniti nella disputa sul Mar Cinese Meridionale, l’interferenza di Washington negli affari politici interni delle Filippine, e iniziato a chiedere la rimozione completa delle forze militari statunitensi dal proprio territorio. L’arrivo dello SIIL ha quindi dato un pretesto fin troppo conveniente agli Stati Uniti non solo per rimanere nelle Filippine, ma per espandervi la propria presenza.

Il “Quad” nasce quando il pivot decade
Nell’Asia-Pacifico, gli USA sono sempre più in disaccordo e ricorrono sempre più allo scontro nel “perno” che avrebbe dovuto unificare la regione dietro l’agenda regionale di Washington piuttosto che contro di essa. Per far fronte a ciò, Washington punta ai confini estremi dell’Asia-Pacifico alla ricerca di alleati disponibili, creando il “Quad”. L’India è all’estremità occidentale, l’Australia a sud e il Giappone ad est. Gli stessi Stati Uniti non hanno alcuna forma o posizione presso l’Asia se non come presenza militare estera in Corea, Giappone, Filippine e Australia, suscitando dubbi immediati sulla legittimità del programma della coalizione. Gli editoriali occidentali sul Quad non nascondono le vere intenzioni di tale iniziativa degli Stati Uniti, contenere la Cina. Il South China Morning Post in un editoriale intitolato “Stati Uniti, Giappone, India, Australia… il Quad è il primo passo verso una NATO asiatica?” afferma: “La nuova strategia per affrontare la Cina con un fronte unito ha sottolineato la crescente competizione regionale tra Pechino e Washington. Il Quad si ebbe mentre gli Stati Uniti sembravano spostare l’attenzione strategica. Mentre Trump visitava l’Asia orientale, si riferiva alla regione come “Indo-Pacifica” piuttosto che “Asia-Pacifico”, un chiaro colpo per Pechino”. The Diplomat nell’articolo intitolato “Incontro quadrilaterale sulla cooperazione regionale di Stati Uniti, Giappone, India e Australia“, seguiva le dichiarazioni prodotte dal dialogo, “Le dichiarazioni australiane e statunitensi hanno toccato tutte e sette le questioni sopra evidenziate sotto l’egida di un “Indo-Pacifico libero e aperto”. La dichiarazione del Giappone omette qualsiasi menzione di miglioramento della “connettività” che, per India e Stati Uniti, significherebbe una visione alternativa all’ambiziosa iniziativa Fascia e Via della Cina”. Il pezzo arrivava a dichiarare: “Nel frattempo, la dichiarazione dell’India nella riunione di sabato ha omesso ogni riferimento esplicito alla libertà di navigazione e di sorvolo, al rispetto del diritto internazionale e alla sicurezza marittima. Tuttavia, in varie dichiarazioni e dichiarazioni bilaterali con ciascuno degli altri partecipanti, Delhi ha espresso il proprio sostegno a questi principi. Sia le omissioni indiane che giapponesi non sono una dichiarazione di disinteresse, ma piuttosto sono tese a placare le preoccupazioni di Pechino che il quadrilatero tenti esplicitamente di contenere la Cina”. The Diplomat concludeva notando che molto lavoro serviva per incentivare gli asiatici a sostenere “lo status quo dell’architettura regionale e un ordine basato sulle regole” (leggi: primato degli Stati Uniti nella regione) “contro la visione concorrente della Cina“. Considerando questo fatto e che anche nel Quad c’è un’evidente disconnessione tra l’agenda di ogni membro e la realtà sul contenimento della Cina, Washington affronta una difficile battaglia. Convincere India o Australia a rifiutarsi di cooperare, beneficiandone, e quindi consentire l’ascesa della Cina, sarà una proposta sempre più difficile. Per il Sud-Est asiatico, il rifiuto d’impegnarsi in modo costruttivo con la Cina va dal difficile all’impossibile. Molti Stati nel Sud-Est asiatico hanno già firmato accordi e iniziato la costruzione di elementi dell’iniziativa cinese One Belt, One Road (OBOR), tra cui Laos e Thailandia che costruiscono linee ferroviarie ad alta velocità che collegheranno la città meridionale di Kunming a Malaysia e Singapore, attraversando entrambe le nazioni. Anche le forze armate del Sud-est asiatico si rivolgono sempre più alla Cina sia per nuovo materiale che per esercitazioni congiunte, due campi un tempo dominati dagli Stati Uniti, ma non più.

Martellare il piolo del Quad in un buco
È chiaro che una parte della dura battaglia di Washington consisterà nel destabilizzare e rimuovere dal potere quei governi regionali che supervisionano i progetti congiunti con la Cina, e mettere al potere governi che ritardino o abbandonino tali progetti. Ciò spiega ampiamente l’aumento delle interferenze politiche palesi degli Stati Uniti, anche direttamente con le ambasciate in nazioni come Thailandia e Cambogia, dove i gruppi d’opposizione sono apertamente protetti dall’ambasciata statunitense. In Thailandia, Stati Uniti ed UE hanno esercitato pressioni sul governo ad interim per tenere elezioni anticipate nella speranza di riportare Shinawatra al potere. In Cambogia, Stati Uniti ed Unione Europea minacciano sanzioni al governo per l’azione contro gruppi d’opposizione diretti e finanziati dagli Stati Uniti. E in Myanmar, gli Stati Uniti istigano violenze su entrambi i lati della crisi rohingya, minacciando la stabilità qualora i progetti congiunti con la Cina non siano abbandonati. In sostanza, gli Stati Uniti intendono continuare tutte le attività che hanno perseguito col “perno in Asia”, tra cui sovversione politica, scontro con Pechino e persino terrorismo. Il Quad non è un’alternativa per l’ASEAN a Pechino, è un’alternativa per impedirgli di sfuggire a coercizione e sovversione degli Stati Uniti.

Il Quad è una minaccia per tre dei quattro membri
Il successo o fallimento di nazioni come Cambogia, Thailandia e Myanmar nell’evitare le provocazioni di Washington determinerà successo o fallimento complessivo dell’iniziativa Quad di Washington. E anche per India, Giappone e Australia un Sud-Est asiatico destabilizzato non è in alcun modo d’interesse, che le rispettive leadership lo riconoscano o meno. Legami costruttivi tra i membri del Quad e un’Asia stabile avvantaggerebbero la regione nel complesso e beneficeranno ciascuna nazione. Questo è un punto che non è passato inosservato a Pechino o all’ASEAN. Per quanto Washington veda India, Australia e Giappone come contrappeso alla Cina, sono visti come potenziali alternative economiche e di sicurezza al ruolo sempre più sgradevole di Washington nell’Asia Pacifica. Mentre Washington cerca di cooptare e scagliare gli altri membri del Quad contro una Cina in ascesa per preservare il proprio primato regionale, la Cina potrebbe cercare di offrire invece un porto sicuro. I legami economici tra Cina e Australia sono già significativi con la Cina che funge da principale partner commerciale dell’Australia. Anche l’India svolge attività considerevoli in Asia e sempre più con la Cina. I piani di Washington per continuare ad interferire nella regione per il proprio primato potrebbero portare il Quad a divenire una trilaterale che cerca da sé accordi con la Cina senza compromettere o ritardare i propri interessi per amore di Washington. Senza il Quad, gli Stati Uniti dovranno cercare altri partner nella ricerca del primato asiatico. Col Regno Unito che segnala interesse ad inviare navi da guerra in tutto il pianeta per aiutare gli Stati Uniti a scacciare i cinesi dalle proprie rive, forse l’Asia-Pacifico verrà nuovamente riassegnata dall’Indo-Pacifico all’Anglo-Pacifico, e il Quad sostituito dalla coppia anglo-statunitense.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Gli Stati Uniti puntano a scatenare lo SIIL nel sud-est asiatico

Tony Cartalucci, LD 26 novembre 2017I think tank occidentali sono sempre più impegnati a coltivare una narrazione per spiegare la presenza improvvisa e diffusa dei terroristi collegati allo “Stato Islamico” (SIIL) nel Sud-Est Asiatico. Tale narrativa, che questi think tank vorrebbero spacciare al pubblico, implica militanti in fuga da Siria e Iraq che si trinceranno nei presunti conflitti settari nel sud-est asiatico. I think tank non menzionano convenientemente mai come decine di migliaia di terroristi finanzino l’impresa logistica necessaria a trasferirli nel Sud-Est asiatico o a sostenerne le operazioni nella regione una volta arrivati. Tra questi think tank c’è il cosiddetto International Crisis Group (ICG). Nel suo rapporto “Jihadismo nel sud della Thailandia – un minaccia fantasma“, afferma: “Il declino dello Stato islamico (SIIL) e l’avvento delle violenze legate allo SIIL nel Sud-Est asiatico, mostrano la possibilità di una nuova era di terrorismo jihadista transnazionale nella regione. Ricorrenti, anche se non comprovate, notizie sull’attività dello SIIL in Thailandia hanno suscitato domande sulla vulnerabilità del profondo sud a maggioranza musulmana del Paese e, in particolare, sull’insurrezione malese-musulmana influenzata dai jihadisti”. Mentre l’ICG afferma che “fino ad oggi” non ci sono prove che lo SIIL abbia fatto incursioni nel sud della Thailandia”, avverte: “Ma il conflitto e una serie di paure per lo SIIL in Thailandia diffondo timori su una nuova minaccia terroristica. Tali paure sono irrazionali, anche se largamente fuori luogo e non dovrebbero oscurare la calamità dell’insurrezione e la necessità di porvi fine. I colloqui diretti tra capi ribelli e governo sono una priorità; un sistema politico decentralizzato potrebbe aiutare ad affrontare le principali lamentele nel sud preservando lo Stato unitario tailandese”. In sostanza, ICG avverte su una crisi che ammette essere improbabile, quindi raccomanda a Bangkok di perseguire una linea d’azione che già prende, parlando coi capi dei terroristi nelle province meridionali. Il lungo rapporto dell’ICG, in realtà è solo uno dei tanti tentativi ripetitivi e premeditati di far credere possibile il radicarsi dello SIIL in Thailandia. Proprio come Stati Uniti ed alleati hanno usato lo SIIIL come strumento geopolitico in altre parti del mondo, e più recentemente nel Sud-est asiatico, in particolare nelle Filippine, il vecchio obiettivo statunitense in Thailandia è trovare e sfruttare le fratture sociopolitiche e settarie per dividere, distruggere e controllare lo Stato tailandese. Era in un promemoria del 2012 redatto dall’Agenzia d’Intelligence della Difesa USA (DIA) che ammetteva che Stati Uniti ed alleati cercavano di creare ciò che all’epoca era definito “principato” (Stato) “salafita” (islamico), in particolare in Siria orientale, dove alla fine lo SIIL s’insediò prima che le operazioni congiunte russo-iraniano-siriane lo sradicassero.
Il rapporto del 2012 afferma in modo specifico: “Se la situazione si sgretola, c’è la possibilità di stabilire un principato salafita dichiarato o meno nella Siria orientale (Hasaqah e Dair al-Zur), e questo è esattamente ciò che vogliono le potenze che sostengono l’opposizione, al fine d’isolare il regime siriano, considerato profondità strategica dell’espansione sciita (Iraq e Iran)”. Quindi, se lo SIIL è uno strumento geopolitico progettato e usato per la prima volta da Stati Uniti ed alleati per sovvertire, isolare e rovesciare il governo siriano, ne consegue che la sua espansione in altre regioni del mondo mentre affronta sfide sempre insormontabili è stato pianificata ed alimentata dai politici statunitensi e dagli interessi speciali che li sponsorizzano.

Cos’è l’ICG e perché promuove la paura per lo SIIL?
L’ICG è un think tank e una rete politica finanziati da aziende che creano e sfruttano i conflitti col pretesto di “impedirli”. Afferma sul suo sito che: “Crisis Group aspira ad essere l’organizzazione preminente che fornisce analisi e consigli indipendenti su come prevenire, risolvere o gestire meglio conflitti mortali. Riuniamo la ricerca sul campo, l’analisi e l’impegno coi responsabili politici di tutto il mondo per effettuare cambiamenti nelle situazioni di crisi in cui lavoriamo. Ci sforziamo di parlare con tutti e, nel farlo, di rafforzare il nostro ruolo di fonte affidabile di informazioni centrato su campo, nuove prospettive e consigli per le parti in conflitto e gli attori esteri”. Tuttavia, uno sguardo agli sponsor e ai membri rivela un club per gli interessi speciali di corporation finanziarie, gruppi di pressione, politici collegati direttamente al dipartimento di Stato USA, ministero degli Esteri del Regno Unito e governi di entrambi. Questi sponsor sono i giganti del petrolio Chevron, ENI, Noble Energy, Shell, Statoil e British Petroleum (BP). Comprende anche finanziarie come HSBC Holdings, MetLife e RBC Capital Markets. C’è anche la questione degli studi legali e dei lobbisti che finanziano e sono direttamente coinvolti nell’agenda dell’ICG, tra cui Sherman&Sterling, Whit&Chase, APCO Worldwide e Edelman. APCO Worldwide è noto per la fabbricazione di articoli per manipolare la governance aziendale interna, mentre Edelman è noto specificamente, per quanto riguarda la Thailandia, per i servizi di lobbying al dittatore Thaksin Shinawatra, rimosso dal potere nel 2006 tramite un colpo di Stato militare che l’ICG condannò con veemenza e contro cui ancora protesta. Il lobbismo di Edelman per Thaksin Shinawatra era diretto da Kenneth Adelman, che vi entrò a far parte come consulente senior nel 2001. Non solo Edelman è uno sponsor aziendale dell’ICG, ma lo stesso Kenneth Adelman viene indicato in appendice al rapporto di ICG in Thailandia come consulente senior dell’ICG. Adelman presiede anche la filiale della National Endowment for Democracy (NED) del dipartimento di Stato USA e di Freedom House, altra facciata dei lobbisti di Washington e Londra che fa pressioni sulla Thailandia dalla cacciata di Shinawatra nel 2006. Assieme ad Adelman c’è George Soros a sedere nel consiglio di amministrazione dell’ICG. L’Open Society Foundation di Soros è indicata da ICG come uno dei suoi sponsor. Soros e il coinvolgimento della sua Open Society Foundation sono essenziale da notare. Praticamente tutti i gruppi d'”opposizione” della Thailandia, da presunti studenti e accademici a piattaforme e attivisti mediatici, sono finanziati dall’Open Society Foundation di NED e George Soros. Tra questi, Prachatai, avvocati thailandesi per i diritti umani (TLHR), Netizen thailandesi, Nuovo movimento per la democrazia (NDM), Human Rights Watch Thailand, Amnesty International Thailand, iLaw, Isaan Record e molti altri. Gli sforzi concertati di ICG e suoi sponsor aziendali attraverso il lobbying e suoi membri in varie altre associazioni come Freedom House e Open Society, per attaccare ed indebolire la Thailandia in favore dell’agente dell’occidente Thaksin Shinawatra e il vasto e crescente fronte d’opposizione che l’occidente costruisce in Thailandia, suscita sospetti sulla motivazione dell’ICG nel pubblicare il rapporto riguardante lo SIIL in Thailandia. L’osservazione degli sforzi occidentali nei vicini del Sudest asiatico, in particolare in Myanmar e Filippine, solleva ancora più sospetti.
Gli Stati Uniti hanno coltivato sapientemente una mortale divisione settaria in Myanmar, mettendo gli estremisti nazionalisti contro la minoranza rohingya ed usando le violenze che ne derivano per indebolire l’Esercito nazionale mentre mettevano al potere Aung San Suu Kyi e la sua Lega nazionale per la democrazia (NLD). La violenza compromette anche i costruttivi legami economici e diplomatici tra Myanmar e Cina. Nelle Filippine, i terroristi legati allo SIIL sono riusciti a conquistare un’intera città nella regione meridionale della nazione. Soldi, armi e terroristi richiesti per tale prodezza richiedevano chiaramente la sponsorizzazione di uno Stato. Proprio come in Siria, lo SIIL nelle Filippine è collegato all’Arabia Saudita che funge da intermediario per denaro, armi, forniture e direttive statunitensi. I conflitti in Myanmar e Filippine hanno concesso agli Stati Uniti l’iniziativa per agire da “mediatore” in Myanmar e fornire “assistenza militare” alle Filippine. Entrambe le mosse servono a Washington a stringere la presa su entrambe le nazioni nel momento in cui il sud-est asiatico si allontana dall’ombra dell’egemonia statunitense e si avvicina all’abbraccio costruttivo e reciprocamente vantaggioso con Pechino. La Thailandia, per la sua grande economia, popolazione e posizione geostrategica al centro del sudest asiatico continentale, sarebbe ben utile agli interessi degli Stati Uniti per riaffermare l’egemonia sull’Asia-Pacifico e creare un fronte contro Pechino. Tuttavia, la Thailandia, date le sue istituzioni indipendenti, in particolare esercito e monarchia, gode di un livello di unità che i vicini non hanno. Sotto Thaksin Shinawatra, gli Stati Uniti cercavano di sfruttare le fratture sociopolitiche e di classe. Poiché ciò falliva, gli Stati Uniti cercherebbero di utilizzare le stesse reti “rosse” per alimentare il fervore nazionalista che consuma il vicino Myanmar. I “rossi” sono la tappa del Fronte unito per la democrazia contro la dittatura (UDD) di Shinawatra, che ha già iniziato ad agire nei templi per coltivare la divisione tra buddisti e musulmani che prima non esisteva. I fronti finanziati da Soros come Prachatai che si atteggiano a “difensori dei diritti” hanno denunciato le azioni veloci e decisive dell’esercito thailandese per impedire ai “monaci” di promuovere la violenza settaria. Per bloccare gli sforzi degli Stati Uniti nel progettare il divario settario in Thailandia, sembra che organizzazioni come ICG creino una narrazione per spiegare le prossime attività dello SIIL in Thailandia. La natura aberrante delle operazioni dello SIIL favorirà la propaganda anti-islamica promossa dalle reti sostenute dagli Stati Uniti nel nordest della Thailandia. Da qualche parte, sperano i politici statunitensi, si potrebbe scatenare uno “scontro di civiltà” che consumi l’unità nazionale storicamente impressionante della Thailandia. Una volta divisa, la Thailandia sarà facilmente vincolata agli obiettivi statunitensi nella regione.

Ciò che la Thailandia dovrebbe fare
I terroristi nel sud della Thailandia sono pochi. Il governo thailandese deve continuare gli sforzi per favorire i progressi socioeconomici nella regione drenando le paludi della povertà e dell’ingiustizia che spingono al reclutamento nelle organizzazioni terroristiche. Ma oltre a ciò, Bangkok deve identificare e affrontare la natura logistica del conflitto, in particolare chi è coinvolto nell’armamento, addestramento e finanziamento del terrorismo. Per sventare gli sforzi degli Stati Uniti per espandere il conflitto, il governo trarrebbe beneficio dalla legislazione sull’incitamento all’odio di Singapore, che rende impossibili i tentativi di gruppi di promuovere la violenza settaria senza ricevere condanne immediate e severe. Allo stesso tempo, gli sforzi per promuovere ulteriormente la comprensione interreligiosa, il rispetto reciproco e l’attivismo migliorerebbero i già noti valori di tolleranza e diversità della Thailandia. Molti thailandesi sanno già del ruolo costruttivo che la comunità musulmana thailandese ha svolto nella storia della Thailandia. Esistono già scambi interculturali che avvengono ogni giorno nei mercati tailandesi e tra i numerosi venditori ambulanti. Evidenziando e migliorando ciò si contribuirà ulteriormente a vaccinare il pubblico dai tentativi di dividere e distruggere la nazione secondo linee settarie. Inoltre, il governo deve denunciare e ostacolare gli sforzi dei fronti degli USA NED e Open Society. Citando il precedente degli Stati Uniti nel forzare RussiaToday a registrarsi come “agente straniero”, il governo thailandese potrebbe imporre per legge la divulgazione obbligatoria dei profili sui social media e all’inizio e alla fine di ogni pubblicazione stampata od online, anche nei post sui social media, di facciate come Prachatai, l’indicazione chi li finanzia e perché. Infine, capire che la fonte dello SIIL sono le reti sostenute da Stati Uniti ed alleati significa combattere lo SIIL in Thailandia sapendo che l’ambasciata degli Stati Uniti è la vera fonte del terrorismo. Anziché promuovere uno scontro diretto con gli Stati Uniti, i media thailandesi alternativi potrebbero collegare l’attività dello SIIL direttamente e ripetutamente all’ambasciata degli Stati Uniti, assicurando che qualsiasi atto terroristico vi sia immediatamente collegato. Più è svelato il terrorismo sponsorizzato dagli Stati Unit, più ne soffrirà la credibilità degli Stati Uniti in Thailandia e nella regione. Infine, quando si cercano alleati in una vera “Guerra al Terrore”, Bangkok dovrebbe coltivare legami con le nazioni che veramente la conducono. Queste sono Cina, Russia e Iran. Quando gli Stati Uniti cominceranno a perdere e ad essere esclusi permanentemente ovunque portino la “Guerra al Terrore”, i responsabili politici di Washington ne saranno ritenuti responsabili e la tattica sarà abbandonata, oppure gli Stati Uniti saranno isolati ed irrilevanti come hanno provato a fare a nazioni come Siria e Iraq contro cui hanno scatenato la minaccia del loro SIIL.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Russia e rafforzamento della stabilità nella regione Asia-Pacifico

Dmitrij Bokarev, New Eastern Outlook 09/12/2016

russia_myanma_flagsUno dei molti fattori che attraggono partner stranieri in Russia è la cooperazione nella sfera tecnica militare. la tecnologia russa è altamente valutata nel mondo. Lo Jak-130 è fonte d’orgoglio dell’Industria della Difesa della Federazione Russa. E’ il più recente biposto d’addestramento subsonico con capacità operative adatto all’addestramento dei piloti militari e al combattimento. Può colpire bersagli arei e a terra anche in condizioni meteo difficili. E’ stato progettato e realizzato dall’Irkut Corporation. Il Myanmar è uno dei Paesi che hanno manifestato interesse ad acquistarlo. L’accordo per la fornitura al Myanmar di oltre 10 Jak-130 per 150 milioni di dollari fu firmato nell’estate 2015. Il 26 aprile 2016, i media riferirono che le società russe Rosoboronexport e Irkut dovevano fornire al Myanmar i primi tre aerei prima della fine dell’anno. A parte l’aereo da combattimento, il Myanmar otterrà un simulatore per addestrare i piloti al combattimento del Jak-130. Sarà installato da esperti russi prima della fine del 2017. Fino a poco prima, il Myanmar aveva comprato questa tecnologia solo dalla Cina. Va notato, tuttavia, che negli ultimi anni la Repubblica Popolare Cinese si è unito alla schiera dei leader mondiali per qualità della produzione. Quindi, la decisione di Myanmar di acquistare l’aereo russo ne dimostra le prestazioni eccezionali, superiori a quelli dell’equivalente cinese L-15. Va notato che il caso del Myanmar non è solo una coincidenza, ma una tendenza. In precedenza, il russo Yak-130 già vinto il mercato del Bangladesh nella competizione con la L-15. Nel 2013, il Bangladesh firmò un accordo con la Russia per la fornitura di 16 velivoli. Inoltre, negli ultimi anni, molti Paesi del Nord Africa e Sud America hanno espresso interesse per l’acquisto dello Jak-130. Così, la vendita dei velivoli proseguirà divenendo importante nelle esportazioni high-tech della Russia. Tuttavia, il senso di ciò può essere molto più importante. Come è noto, la cooperazione tecnica militare è possibile solo se vi è una profonda comprensione politica tra due Paesi. Quali che siano le caratteristiche degli aerei da combattimento, nessuno lo venderebbe o comprerebbe da un possibile nemico. Ciò è dovuto al fatto che, dopo l’acquisto del materiale militare straniero, ci dovrebbe essere sempre lo scambio di militari per addestrarsi all’uso del materiale, così come altri aspetti della cooperazione militare. Così, l’acquisto del Myanmar del russo Jak-130 segna uno sviluppo serio nella cooperazione strategica tra i due Paesi.
Il 26 aprile 2016, Mosca ospitava il vertice dei Ministri della Difesa della Russia e dell’ASEAN, durante cui vi fu l’incontro tra il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu e il capo del Dipartimento militare del Myanmar Soe Win. L’11 maggio 2016 il Parlamento del Myanmar approvava un accordo di cooperazione militare con la Russia. Va notato che il Myanmar è uno dei membri più avanzati dell’ASEAN in campo militare. Decenni di guerra civile e lotta agli estremisti hanno insegnato al governo di Myanmar a prestare molta attenzione alla difesa facendo dell’esercito del Myanmar uno dei più efficienti della regione. Tuttavia, il Paese ha dovuto affrontare sempre più sfide, ultimamente. I conflitti etnici ancora scoppiano nel Paese e vi sono varie organizzazioni estremiste attive. Nell’autunno 2016 vi fu una serie di attentati nel Paese. Ad esempio, ad ottobre 9 poliziotti furono uccisi negli attacchi terroristici contro le stazioni di polizia nello Stato di Rakhine, nel Myanmar. Ora, disordini civili sconvolgono lo Stato con migliaia di rifugiati passati nel Bangladesh. Una serie di esplosioni ha avuto luogo a Yangon, l’ex-capitale del Myanmar; anche vari ordigni esplosivi furono trovati e disinnescati in tempo. Tutto ciò accade contemporaneamente all’ondata globale di estremismo e terrorismo nel sud-est asiatico. Ad esempio, nel novembre 2016 i media riferirono di attentati sventati ed arresto di sospettati di legami con lo SIIL (organizzazione terroristica vietata in Russia) in Indonesia. Non sorprende che il governo del Myanmar sia interessato a cooperare con Paesi come la Russia, che ha esperienza nella lotta al terrorismo internazionale. E’ ben noto che il Myanmar sia di particolare importanza nella regione Asia-Pacifico, occupando una posizione strategica importante tra due giganti in competizione: India e Cina, e avendo uno sbocco sull’Oceano Indiano. Il Myanmar è particolarmente importante per la Cina, perché l’energia diretta in Cina con le petroliere provenienti dal Medio Oriente, passa anche attraverso il suo territorio. Ciò riduce il rischio per la Cina sull’invio di idrocarburi attraverso lo stretto di Malacca che, in caso di conflitto, verrebbe facilmente bloccato da una flotta ostile. Ciò attira anche l’attenzione dei potenziali avversari della Cina sul Myanmar, prestando al Paese particolare importanza nel confronto tra Cina, India, Giappone e Stati Uniti sul ruolo dominante nella regione Asia-Pacifico. La destabilizzazione della situazione in Myanmar può imprevedibilmente interessare l’intera regione Asia-Pacifico. Pertanto, la cooperazione militare tra Myanmar e Russia aiuterà a rafforzare la sicurezza nella regione.

Il Viceammiraglio Oleg V. Burtsev e il Generale Soe Win discutono di cooperatione militare Russia-Myanmar.

Il Viceammiraglio Oleg V. Burtsev e il Generale Soe Win discutono di cooperatione militare Russia-Myanmar.

Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Il Premier Medvedev e il Presidente Thein Sein

Il Premier Medvedev e il Presidente Thein Sein

Il dollaro perde terreno nei Paesi del Sud-Est asiatico
Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 13/12/2016mekongUno dei processi più importanti del mondo in questi ultimi anni è l’indebolimento del dollaro sul mercato valutario internazionale e il desiderio di molti Paesi di abbandonarlo per liberare le proprie economie dall’influenza degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti resistono a questo processo. Recentemente, gli Stati Uniti avevano creato il Trans-Pacific Partnership, il cui obiettivo era contrastare l’espansione economica della Cina nel Pacifico. Senza dubbio, il dollaro doveva essere la valuta più popolare nel territorio del TPP. Gli Stati Uniti e i partner più vicini come Australia, Canada, Giappone, aderivano al TPP. Tuttavia, il partenariato è ancora aperto, gli Stati Uniti sperano di attrarre altri membri. Anche la Repubblica Popolare Cinese è stata invitata, nonostante sia il principale concorrente del TPP. Così, numerosi Paesi in via di sviluppo della regione Asia-Pacifico, che cercano di aumentare la partecipazione al commercio internazionale, ora devono scegliere tra TPP e le altre organizzazioni economiche in cui Russia e Cina svolgono il ruolo principale. Prima di tutto, ciò riguarda i Paesi dell’ASEAN.
Diversi grandi eventi sono avvenuti ad Hanoi a fine ottobre 2016: l’8.vo Summit CLMV (Cambogia, Laos, Myanmar e Vietnam) il 7.mo Summit ACMECS (Strategia della Cooperazione Economica Ayeyawady – Chao Phraya – Mekong) e il World Economic Forum della Regione del Mekong (Mekong WEF). Come è ben noto, il fiume Mekong ha origine in Cina e attraversa l’intera Indocina, unendo tutti i Paesi in un’unica sub-regione. Il fiume è di grande importanza economica per Vietnam, Cambogia, Cina, Laos, Myanmar e Thailandia, costretti a cooperare attivamente per utilizzarlo congiuntamente senza violare gli interessi altrui. I vertici CLMV e ACMECS si svolgono dal 2003. Le più importanti questioni economiche e politiche della sub-regione del Mekong vi sono discusse. Questi vertici hanno portato vari vantaggi, mantenendo la stabilità regionale e favorendo la crescita economica di tutti i Paesi interessati. Grazie alla collaborazione, la sub-regione del Mekong è diventata una di quelle dalla maggiore crescita dell’ASEAN e della regione Asia-Pacifico. Il Mekong WEF viene organizzato su iniziativa del Vietnam. 60 aziende della sub-regione del Mekong e più di 100 aziende provenienti da altri Paesi presero parte al Mekong WEF. L’obiettivo del Forum era introdurre la comunità del business globale al potenziale della sub-regione e attrarre investimenti. Come al solito, le questioni riguardanti la cooperazione in agricoltura, ambiente, sicurezza e altri venivano discusse in tutti gli eventi. Uno dei risultati del 7.mo Summit ACMECS era la dichiarazione congiunta dei rappresentanti del mondo degli affari di Vietnam, Cambogia, Laos, Myanmar e Thailandia, con cui invitavano i rispettivi Paesi a passare alle valute locali nel mutuo commercio abbandonando il dollaro degli Stati Uniti. Secondo il presidente del Thailandia-Vietnam Business Council, Sanan Angubolkul, gli affari trarrebbero beneficio dal passaggio alle monete locali. Il commercio diverrebbe più semplice, i costi ridotti come i rischi associati al tasso di cambio instabile delle valute locali verso il dollaro. Inoltre, osservò che le aziende di diversi Paesi della sub-regione sono pronti alla transizione, senza aspettare la disponibilità di tutti i membri del CLMV. Possono cooperare su base bilaterale. C’è già un esempio: Vietnam e Thailandia hanno abbandonato il dollaro degli USA nei negoziati di tre anni prima. Da allora, il commercio reciproco è cresciuto di quasi il 40%.
Se tutti i Paesi del sud-est asiatico abbandonano il dollaro nel commercio locale, cioè la metà dell’ASEAN, sarebbe un importante passo verso la de-dollarizzazione del sud-est asiatico. Sarebbe una perdita per gli Stati Uniti e una vittoria per la Cina nella lotta per l’influenza sulla regione. E’ ben noto che ‘la natura ha orrore del vuoto’; così, con il tempo, il dollaro degli Stati Uniti verrebbe sostituito dallo yuan cinese, che dal 1° ottobre 2016 è terzo dopo il dollaro USA come valuta di riserva del FMI. Gli esperti prevedono che nel giro di dieci anni, la valuta cinese possa superare il dollaro statunitense e diventare la più popolare nel mondo. Questo scenario è sempre più probabile per via della ‘Via della Seta Marittima’ che dovrebbe comparire presto lungo le coste meridionali dell’Eurasia. La rotta commerciale, creata su iniziativa della Cina, potrà unire tutti i Paesi che attraversa creando una grande zona di libero scambio che trarrebbe beneficio dalla moneta unica, probabilmente lo yuan. Tuttavia, nonostante il fatto che l’ASEAN, in particolare la sub-regione del Mekong, sia influenzata dalla Cina, questi Paesi sanno che avere un solo partner non è redditizio. Intendono collaborare con gli altri principali attori sul mercato internazionale. Per esempio, molti Paesi dell’ASEAN desiderano creare una zona di libero scambio con l’Unione economica eurasiatica, che fa capo a Russia. Di recente, un accordo tra UEE e Vietnam è entrato in vigore; ci sono negoziati con la Thailandia e Singapore è interessata. C’è anche il forte desiderio di de-dollarizzare le relazioni economiche tra ASEAN e Paesi UEE. Così, alla fine del 2015, Russia e Thailandia condussero negoziati in materia, riguardanti la necessità di effettuare la transizione verso relazioni dirette tra banche di Federazione Russa e Thailandia, per facilitare i pagamenti tra imprese dei due Paesi. Si discute la possibilità di stabilire tali relazioni tra varie banche thailandesi e russi, compresa la Banca centrale della Federazione Russa. La possibilità di aprire filiali di banche thailandesi in Russia è stata discussa. Queste misure aiuteranno Russia e Thailandia a passare ai pagamenti nelle rispettive valute senza utilizzare il dollaro statunitense.
Va notato che la politica dei Paesi dell’ASEAN è abbastanza equilibrata; non è distorta nei confronti di qualche parte e coopera con tutti i partner possibili. Ad esempio, Paesi come Vietnam e Singapore sono membri del TPP, ma rafforzano attivamente le relazioni con Cina e UEE (va ricordato che il Vietnam è uno dei promotori dell’abbandono del dollaro USA nella sub-regione del Mekong). La Thailandia mostra forte interesse per l’UEE, ma valuta anche la possibilità di aderire al TPP. Inoltre, questi Paesi sono coinvolti nel progetto ‘Nuova Via della Seta’ e sono membri della Infrastructure Asian Investment Bank cerata dalla Cina in opposizione ai filo-USA Banca mondiale e filo-giapponese Banca asiatica di sviluppo. Così, l’ASEAN potrebbe diventare una zona dove diversi blocchi economici mondiali interagiscono, pur mantenendo la propria indipendenza economica, corrispondendo pienamente all’idea di economia multipolare in un mondo multipolare.

Il Presidente Putin e il Presidente dell'Unione del Myanmar Htin Kyaw

Il Presidente Putin e il Presidente dell’Unione del Myanmar Htin Kyaw

Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli USA tentano d’intimorire l’Asia per la sua “vicinanza alla Cina”

Tony Cartalucci, LD, 24 ottobre 2016china_thailand_military_exerciseE’ ormai chiaro che l’influenza degli USA, nonostante il “perno verso l’Asia”, evapora nell’Asia-Pacifico. Washington ha subito sconfitte geopolitiche praticamente in ogni nazione dell’Asia- Pacifico, anche nei Paesi guidati da regimi che hanno meticolosamente organizzato, finanziato e sostenuto per decenni. Inoltre svanisce anche tra le nazioni considerate da tempo alleate cruciali degli Stati Uniti. Come la Thailandia nel Sud-Est asiatico, che gli USA ricordano sempre al mondo essere stato alleato di Washington dalla guerra fredda, dalla guerra in Vietnam e forse anche da prima.

L’evanescente influenza di Washington ha delle ragioni
Tuttavia, in realtà, la Thailandia ha gradualmente smantellato l’influenza statunitense, diversificando commercio e cooperazione con molte nazioni, come la Cina, per non avere legami con nessuna di esse in particolare. Il commercio della Thailandia si concentra principalmente in Asia, con la maggior parte delle importazioni ed esportazioni divise equamente tra Cina, Giappone e ASEAN, e l’occidente collettivamente secondario nel mercato, anche se non trascurabile. Non è un caso che i legami geopolitici della Thailandia riflettano quelli economici, rivelando che le realtà economica e socio-politica guidano le relazioni internazionali indipendentemente dall’ampio “soft power” a disposizione di Washington. Uno sguardo alle scorte militari della Thailandia rivela una strategia simile nella diversificazione nell’acquisizione di armi e nelle partnership, e nei sistemi sviluppati dall’industria nazionale. Ciò che prima erano forze armate dominate da materiale ed esercitazioni militari statunitensi, è passato all’acquisizione di carri armati cinesi, aerei da guerra europei, fucili d’assalto mediorientali, elicotteri russi e blindati thailandesi, così come le esercitazioni congiunte avvengono con varie nazioni, tra cui per la prima volta la Cina. Un cambiamento simile si verifica nel resto dell’Asia, con la Cina naturalmente che copre la grande quota della cooperazione regionale per la sua dimensione economica, geografica e demografica. La trasformazione dell’Asia era del tutto prevedibile, e malgrado gli Stati Uniti cerchino di “contenere” la Cina e conservare l’influenza nel resto dell’Asia, hanno ignorato i fondamentali fattori economici e socio-politici, concentrandosi sulla coercizione attraverso “accordi” commerciali e compromettenti “alleanze” militari, creando e perpetuando strategie della tensione artificiali sia nelle nazioni prese di mira che tra gli Stati asiatici.

Altri espedienti al posto delle ragioni
Gli Stati Uniti, indifferenti ai fattori che hanno portato al declino nell’Asia Pacifico, hanno deciso di moltiplicare gli espedienti del “soft power” piuttosto che esaminare e migliorare le proprie basi economiche. Ciò include l’uso di programmi volti a cooptare “giovani leader” nella regione per promuovere gli interessi degli Stati Uniti e tentare d’invertire politicamente l’avanzata dell’Asia sui piani economico e geopolitico. Ciò comprende anche la propaganda incessante volta a ritrarre le nazioni della regione capitolare a Pechino su varie questioni, che chiaramente sono nell’interesse dell’intera regione. Un editoriale del Bangkok Post, giornale creato dal governo degli Stati Uniti, intitolato “La saga di Wong si ritorce contro il regime”, tenta di sostenere che la recente deportazione di un agitatore finanziato dagli Stati Uniti a Hong Kong, in Cina, simboleggi “l’adattamento di Bangkok” ad “ogni capriccio” della Cina. L’articolo afferma: “La detenzione di 12 ore del noto attivista democratico di Hong Kong Joshua Wong all’aeroporto di Suvarnabhumi colpisce il regime militare mentre critiche arrivano da attivisti locali e internazionali per i diritti umani sull’adattamento eccessivo della Thailandia alle richieste di Pechino“. L’articolo enumera diversi altri accordi tra Bangkok e Pechino, sostenendo anche che sono vantaggio solo di Pechino, come la deportazione di sospetti terroristi verso la Cina, diretti in Turchia e probabilmente aderenti ad organizzazioni terroristiche internazionali attive in Siria.

Ciò che è buono per la Cina, è buono per l’Asia
In realtà, Joshua Wong ha certamente tentato di entrare in Thailandia per seminare a Bangkok la stessa instabilità sostenuta dagli Stati Uniti ad Hong Kong. Ha specificamente incontrato gli agitatori sostenuti dagli Stati Uniti che a Bangkok formano uno dei vari fronti che tentano d’impadronirsi di nuovo del potere a favore dei partiti sostenuti e legati a Washington. Così, la deportazione di Wong in Cina era nell’interesse di Pechino e Bangkok. Allo stesso modo, la deportazione di sospetti terroristi verso la Cina ha avvantaggiato entrambe le nazioni. Se la Thailandia fosse il passaggio dei terroristi diretti in Siria, e la Siria dovesse crollare su pressione dei terroristi armati dagli USA, ciò porterebbe all’instabilità globale che si riverbererebbe su tutta l’Asia, colpendo Cina e Thailandia. I tentativi degli Stati Uniti di destabilizzare la Cina, primo partner commerciale di tutte le nazioni dell’Asia, è un’altra minaccia diretta alla regione, e non solo a Pechino. È l'”adattamento” a Pechino a garantire la stabilità e ad impedire agli Stati Uniti di ripetere il “successo” dei loro sforzi per fomentare l’instabilità politica in Nord Africa e Medio oriente che hanno portato nella regione guerre, morte ed esodo di decine di milioni di persone, collasso socio-economico di intere nazioni, e possibile grande guerra tra diverse regioni del pianeta. L’ironia del Bangkok Post è che omette dalla sua chiara propaganda, il fatto che in assenza degli interessi della Cina, l’Asia per decenni si “adattò” ad ogni capriccio di Washington. Non sorprende che un giornale fondato da un ex-ufficiale dei servizi segreti degli Stati Uniti e finanziato dal dipartimento di Stato degli Stati Uniti non denunci dalle proprie pagine lo stesso eccezionalismo spudorato che gli Stati Uniti esibiscono sul palcoscenico internazionale. Tuttavia, si tratta di un rozzo “eccezionalismo” controproducente, tanto che l’Asia ha collettivamente deciso di farne a meno mentre avanza verso il futuro. Prima Washington lo capisce e l’accetta, prima potrà razionalmente riallineare le relazioni con l’Asia verso qualcosa di tangibilmente costruttivo. Washington accettando l’Asia come regione indipendente e autonoma, e come concorrente significativo, potrà decidere se tale concorrenza sia sana e costruttiva, o imporre un clima di confronto e guerra perennemente imminente.thai_exports

Tony Cartalucci, ricercatore e scrittore geopolitico di Bangkok.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli USA perdono la presa sul Sud-Est asiatico

Wayne Madsen, Strategic Culture Foundation 15/10/2016duterte-1Lo scontro diplomatico tra Filippine e Stati Uniti sciocca gli sgobboni politici del dipartimento di Stato e del Pentagono, ma per gli acuti osservatori della politica del sud-est asiatico, la decisione del presidente delle Filippine Rodrigo Duterte di fare “perno” su Cina e Russia era studiata da tempo. Fin dalla cosiddetta “rivoluzione gialla” che vide Corazon Aquino sostituire l’autocrate delle Filippine Ferdinando Marcos, la maggior parte dei filippini passarono da un presidente corrotto e benedetto dagli statunitensi all’altro. Duterte, focoso ex-sindaco di Davao City a Mindanao, ha incanalato il disgusto dei filippini adottando un atteggiamento ostile nei confronti della rinnovata presenza militare degli Stati Uniti nel sud-est asiatico, volta a contrastare la Cina. La
“Rivoluzione del potere popolare” del 1986, nota anche come rivoluzione gialla, fu opera degli Stati Uniti per togliere dal potere il presidente Ferdinand Marcos. La rivoluzione avvenne tre anni dopo l’assassinio del senatore Benigno “Ninoy” Aquino, ucciso mentre sbarcava all’aeroporto internazionale di Manila ritornando nelle Filippine dall’esilio negli Stati Uniti. Marcos, accusato dell’assassinio di Aquino, fu dimesso dalla pressione combinata di chiesa cattolica, Forze Armate pro-Stati Uniti delle Filippine e Central Intelligence Agency degli Stati Uniti. La vedova di Aquino, Corazon “Cory” Aquino, sostituì Marcos come presidente e fu seguita da una serie di presidenti corrotti filo-statunitensi. Il generale Fidel Ramos, mondialista convinto, sostituì Aquino alla presidenza e, a sua volta, assicurò la presidenza ai suoi due successori, Joseph Estrada e Gloria Macapagal-Arroyo, entrambi perseguitati da scandali sulla corruzione. Macapagal Arroyo era la figlia dell’alleato degli Stati Uniti, il presidente Diosdado Macapagal, in carica nel 1961-1965 e che inviò truppe filippine a combattere a fianco delle truppe statunitensi nella guerra del Vietnam. Al momento dell’invio delle truppe nell’ambito dello sforzo bellico degli Stati Uniti nel Vietnam del Sud, l’avversario esplicito di tale passo era l’avversario politico di Macapagal, Ferdinand Marcos, cosa che non va ignorata mentre Duterte allontana le Filippine dal “perno in Asia” di Barack Obama. Macapagal-Arroyo fu sostituita da un altro presidente corrotto, Benigno “Noynoy” Aquino, figlio di Ninoy Aquino e Cory Aquino. Le Filippine ha avuto presidenti provenienti dalla stessa famiglia, non diversamente dagli Stati Uniti negli ultimi decenni. Macapagal-Arroyo ed Estrada furono incriminati per corruzione, ma solo Estrada si dimise. Duterte è il primo volto nuovo a comparire a Palazzo Malacanhang da un po’ di tempo, e l’elettorato delle Filippine gli dà ampio credito per la sua schiettezza. Duterte ha deciso che le politiche dei predecessori, che volevano stretti rapporti con Washington, non erano nell’interesse delle Filippine. Duterte segue una sua politica estera indipendente, invitando Cina e Russia a stabilire basi nelle Filippine, annullando ulteriori esercitazioni militari USA-Filippine nella regione, e chiamando il presidente Barack Obama “figlio di puttana”. Durtete ha anche detto agli Stati Uniti, “non trattateci da zerbino perché… non siamo i fratellini scuri degli USA”. I problemi dell’amministrazione Obama con Duterte iniziarono quando l’ambasciatore degli Stati Uniti nelle Filippine, Philip Goldberg, interferì negli affari interni delle Filippine, come le elezioni che Duterte ha vinto. Goldberg ha sempre interferito negli affari dei Paesi in cui viene distaccato e non ha fatto eccezione nelle elezioni nelle Filippine, in cui parlò contro Duterte. Nel 2008, il governo boliviano del Presidente Evo Morales espulse Goldberg, allora ambasciatore degli Stati Uniti a La Paz, per aver fomentato i secessionisti in quattro province boliviane. Ad agosto, Duterte chiamò Goldberg “bakla, figlio di puttana”. “Bakla” significa “finocchio”.
king_ananda_mahidolCon la notizia della morte del vecchio re della Thailandia, Bhumibol Adulyadej, nato a Cambridge, Massachusetts, che si assicurava che alcun governo thailandese si allontanasse troppo dall’alleanza con gli Stati Uniti, la Thailandia potrebbe seguire le Filippine su una politica di marcata indipendenza da Washington. Il principe ereditario Vajiralongkorn, erede al trono, è vicino all’ex-primo ministro Thaksin Shinawatra e alla sorella, l’ex-prima ministra Yingluck Shinawatra, entrambi estromessi dai colpi di Stato della Central Intelligence Agency. Thaksin fu rovesciato nel 2006 e Yingluck nel 2014. Yingluck, accusata di corruzione dall’agenzia “anti-corruzione” della Thailandia, vede essenzialmente lo stesso trattamento da “colpo di Stato costituzionale” riservato alla Presidentessa del Brasile Dilma Rousseff, al presidente dell’Honduras Manuel Zelaya, e al presidente del Paraguay Fernando Lugo. Oggi, piuttosto che usare carri armati e giunte militari per rovesciare i leader che non gradisce, la CIA usa falangi di avvocati e giudici controllati dalla CIA, per effettuare “golpe costituzionali”. Tale strategia è stata una costante dell’amministrazione Obama e potrebbe essere chiamata “dottrina Obama”. Thaksin, che vive in esilio in Cambogia, e Yingluck continuano ad aver ampio sostegno dalle “camice rosse”, il movimento rurale della Thailandia. Vajiralongkorn non è popolare presso i fedeli sudditi del padre. Per avere il sostegno al suo regno, Vajiralongkorn può concludere un patto non solo con Thaksin e Yingluck, ma anche con le camicie rosse, nelle cui fila vi sono vari anti-monarchici. Le camicie rosse sono anche contrarie all’egemonia USA in Thailandia e sono sospettate di essere sostenute dalla Cina. Proprio come la dottrina Obama non ha mancato Duterte, non lo farà con Vajiralongkorn. Come molti presidenti delle Filippine, i primi ministri thailandesi, dalla fine della Seconda guerra mondiale, furono approvati dai mandanti della CIA a Langley. Bhumibol succedette al trono alla morte del fratello, re Ananda Mahidol. Alle 9:00 del mattino del 9 giugno 1946, Bhumibol visitò il fratello nella stanza del Palazzo Reale di Bangkok. Alle 09:20, un colpo risuonò dalla camera da letto del re. Ananda fu trovato supino sul letto con un colpo di pistola alla testa; ciò fu descritto come suicidio accidentale del giovane re mentre giocava con la pistola carica. L’ambasciatore degli Stati Uniti in Thailandia era Edwin Stanton, ironia della sorte, omonimo del ministro della Guerra Edwin Stanton, accusato di aver cospirato per assassinare Abraham Lincoln. L’ambasciatore Stanton collaborava con il reggente della Thailandia nominato dai giapponesi, Pridi Banomyong, che governò il Paese durante l’esilio di Ananda nella Seconda guerra mondiale e che divenne primo ministro dopo la guerra, e che assolse Bhumibol, Stati Uniti e Gran Bretagna da qualsiasi coinvolgimento nella morte del re. Il viceré inglese dell’India, Lord Mountbatten, pensava che Ananda fosse “patetico” e indegno di essere re. In ogni caso, dopo che il feldmaresciallo Plaek Pibulsonggram, capo militare filo-giapponese della Thailandia durante la guerra, rovesciò il primo ministro Pridi nel 1947, il governo accusò due paggi dell’assassinio del re. Entrambe i paggi furono condannati da un dubbio processo e giustiziati. Stanton convinse il primo ministro Pridi che i comunisti, travestiti da studenti, monaci buddisti, giornalisti ed accademici, stavano invadendo la Thailandia con l’intento di rovesciare la monarchia. Gli avvertimenti di Stanton erano uno stratagemma e alcuno dei rapporti sull’“infiltrazione” comunista era vero.
photo-jim-712064-20091210Molti in Thailandia sanno che l’Office of Strategic Services (OSS), precursore della CIA, assassinò Ananda con la connivenza dell’ambasciatore degli Stati Uniti Stanton, dell’incaricato d’affari Charles Yost, della stazione dell’MI-6 inglese di Bangkok e del capo dell’OSS a Bangkok, James “Jim” Thompson, che dopo aver “ufficialmente” lasciato l’OSS, fondò la Thai Silk Company, Ltd., che rivitalizzò l’industria della seta devastata dalla guerra. Thompson era anche un noto pedofilo la cui casa ospitava numerosi bambini birmani e thailandesi. Casa adornata da numerose statue falliche. Gli autori Truman Capote, Somerset Maugham e Margaret Landon, l’autrice di Anna e il re del Siam, su cui il film “Il re ed io” si basa, erano gli ospiti illustri di Thompson a Bangkok. Nel 1967, Thompson, che sapeva dove molti “scheletri” della CIA erano sepolti nel sud-est asiatico, scomparve senza lasciare traccia negli altopiani Cameron nel Pahang, in Malesia. Per settanta anni, il popolo thailandese poté sussurrare sui fatti del 1946. Con la morte del re, vi sono diversi conti da liquidare tra Thailandia e Stati Uniti, così come Duterte regola i conti del passato delle Filippine.
asean-map_risultato
La ripubblicazione è graduta in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora