Trump spara 59 missili, Assad ne abbatte 36

Alessandro Lattanzio, 7/4/2017Il 6 aprile, presso Dair al-Zur, l’EAS eliminava 48 terroristi, 1 carro armato T-62 e 6 pickup Toyota armati e liberava Tal Hilal, Tal Dasham e Tal Milad. Presso Hama, a Qan Shayqun, i terroristi organizzavano un nuovo attacco chimico sotto falsa bandiera, seguendo un piano tracciato da inglesi, sauditi e turchi per isolare la Siria e concedere agli Stati Uniti la scusa per intervenire direttamente contro la Siria. I terroristi, sotto il comando inglese, disposero deliberatamente gas Sarin di produzione turca in un deposito di armi di cui erano sicuri sarebbe stato distrutto dai cacciabombardieri siriani. Una volta bombardato, i gas rilasciati uccisero oltre 80 civili. Presso Idlib i terroristi, coordinati da inglesi e turchi, bombardavano la città di al-Fuah. L’Esercito arabo siriano sventava gli attacchi di Tahrir al-Sham, Hizb Islami al-Turqistan, Ajnad al-Qavkaz, Ahrah al-Sham, Prima divisione costiera e Decima brigata dell’ELS, Jaysh al-Nasr e liwa al-Sham su Jabal al-Aqrad, Qinsiba, Qalat Shalaf e Jabal al-Turqmani, a nord di Lataqia. Gli attacchi provenivano da cinque direzioni da est, mentre i terroristi spararono oltre 1000 proiettili d’artiglieria sulle postazioni dell’Esercito arabo siriano per coprire l’attacco; ma l’Esercito arabo siriano respingeva l’assalto senza subire una sola perdita ed infliggendone di gravi ai terroristi.
Il 7 aprile, 59 missili da crociera Tomahawk venivano sparati da 2 cacciatorpediniere dell’US Navy schierati nel Mediterraneo orientale sull’aeroporto di al-Shayrat, a sud-est di Homs, uccidendo 9 civili. Il Governatore di Homs Talal Barazi dichiarava che gli attacchi missilistici degli Stati Uniti supportavano gruppi terroristici e SIIL, ribadendo che “Questo attacco non c’impedirà di continuare la lotta al terrorismo. Non siamo sorpresi dal vedere USA e Israele sostenere il terrorismo“. I gruppi terroristici della cosiddetta “coalizione nazionale siriana” affermavano, “Speriamo in ulteriori attacchi… e che questi siano solo l’inizio“. Il regno saudita definiva l’aggressione alla Siria una “decisione coraggiosa” di Trump e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu celebrava l’attacco come “messaggio forte” inviato alla Siria. Tel Aviv, che sosteneva i gruppi terroristici contro la Siria, e Parigi dichiaravano di essere stati informati dagli Stati Uniti dell’attacco. Nel frattempo, la Turchia salutava il bombardamento degli Stati Uniti e il portavoce del presidente turco Tayyip Erdogan, Ibrahim Kalin, invocava la necessità d’imporre una no-fly zone e “zone sicure” in Siria. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva ordinato l’attacco missilistico sotto il pretesto dell’attacco chimico provocato dai terroristi, il 5 aprile. La base aerea di al-Shayrat era in prima linea nelle operazioni contro i terroristi e fu la base da cui partì la risposta agli attacchi aerei israeliani di marzo, che abbatteva 2 caccia israeliani ed irritava Tel Aviv, che minacciò di distruggere le difese aeree della Siria.
Il 7 aprile 2017, alle 03:42-03:56 ora di Mosca, al largo di Creta, i 2 cacciatorpediniere della marina statunitense USS Porter e USS Ross sparavano 59 missili da crociera Tomahawk contro la base aerea di Shayrat, nella provincia di Homs, in Siria. Nell’attacco statunitense venivano distrutti 6 aviogetti MiG-23, ma la pista rimaneva intatta, secondo il Ministero della Difesa russo. L’attacco dell’US Navy distruggeva un deposito, un edificio, una mensa, sei MiG-23 fuori uso in riparazione in un hangar e una stazione radar. La pista, le vie di rullaggio e gli aerei operativi schierati sul piazzale del parcheggio rimanevano illesi, secondo il Ministero della Difesa russo che descriveva, ironicamente, l’efficienza dell’attacco “piuttosto scarsa”. Inoltre, secondo le fonti del Ministero della Difesa russo, solo 23 dei 59 missili avevano raggiunto la base aerea siriana. In effetti, il pilota dell’Aeronautica romena Valentin Vasilescu già nel settembre 2013 descrisse come le difese aeree siriane avrebbero risposto a un attacco missilistico degli USA.
Il Ministero della Difesa russo definiva l’azione degli Stati Uniti “una grave violazione” del protocollo d’intesa firmato da Mosca a Washington nel 2015 per impedire incidenti nello spazio aereo siriano. Ogni giustificazione dell’attacco è “infondata”, continuava il ministero, che concludeva, “Numerose misure volte a rafforzare e migliorare l’efficacia del sistema di difesa aerea siriana saranno attuate nell’immediato futuro per proteggere le parti vitali dell’infrastruttura siriana“. Inoltre, lo Stato islamico attaccava le postazioni dell’Esercito arabo siriano lungo la strada Homs-Furqlus-Palmyra, contemporaneamente all’attacco missilistico statunitense. “E’ una coincidenza che i terroristi dello SIIL attaccassero una delle linee di difesa sulla strada Homs-Palmyra, contemporaneamente all’attacco degli Stati Uniti sulla base Shayrat?” Intorno alle 2:00 i terroristi occupavano del territorio per più di un’ora prima dell’arrivo dei rinforzi delle truppe governative. Quindi, l’Esercito arabo siriano respingeva di nuovo i terroristi nelle profondità nel deserto.
Il Ministero degli Esteri russo annunciava la fine di tutti gli accordi riguardanti la sicurezza dello spazio aereo sulla Siria, e dichiarava la presenza militare degli Stati Uniti in Siria illegale e che gli attacchi da parte del governo degli Stati Uniti erano un atto di aggressione e violazione di tutte le convenzioni e leggi internazionali. La dichiarazione inoltre invitava il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a convocare una sessione d’emergenza per discutere dell’aggressione degli Stati Uniti alla Siria e annunciava la cessazione di tutti gli accordi sulla sicurezza area sulla Siria con gli Stati Uniti. La portavoce del Ministero degli Esteri Maria Zakharova dichiarava che Washington aveva deciso di colpire la Siria anche prima dell’attacco false flag di Qan Shayqun, presso Idlib, utilizzato quale pretesto per gli attacchi degli Stati Uniti; un atto di aggressione contro la sovranità dello Stato siriano, affermando che Damasco non ha mai usato armi chimiche, fatto sempre confermato dagli esperti. L’aggressione degli Stati Uniti alla Siria innescava la risposta di Pechino. Il Ministero degli Esteri cinese dichiarava che il rispetto del popolo siriano nella scelta del proprio leader va mantenuto.

Sistema di difesa aerea di punto Pantsir-S1 siriano.

Giudicando dalle foto, i missili statunitensi hanno distrutto impianti vuoti ed abbandonati.

La base aerea di al-Shayrat continua ad essere operativa

Le immagini di un drone russo, dimostrano che la base aerea di al-Shayrat è intatta, e non ha subito danni rilevanti.

Il capo di Stato Maggiore dell’Esercito Arabo Siriano visita la base aerea di al-Shayrat.

Fonte:
Fort Russ
Fort Russ
Fort Russ
PressTV
RussiaToday
Syrian Perspective

Mosca si gasa

Chroniques du Grand Jeu 5 aprile 2017

Meno mediatico delle guerre siriana e ucraina, il Grande gioco dell’energia ancora vede inesorabile vincente lo Zar del gas e sconfitto il sistema imperiale, incapace d’impedire la giunzione sempre più forte tra Heartland e Rimland. Nel primo trimestre del 2017, Gazprom ha ulteriormente aumentato le esportazioni di oro blu in Europa con 51 miliardi di mc, in crescita del 15%. Di questo passo, 200 miliardi di mc arriveranno nel Vecchio Continente quest’anno, contro i 180 miliardi del 2015 e i 160 miliardi del 2014, anno d’inizio della guerra fredda dovuta alla crisi ucraina. Nonostante eruzioni e altri colpi di testa occidentali, il principio di realtà s’impone. Niente sorprese, lo spiegammo già due anni fa: “L’interesse strategico degli statunitensi è isolare la Russia dall’Europa per mantenere l’Eurasia divisa. Questo è un classico delle relazioni internazionali della potenza marittima che mira ad impedire l’integrazione del continente per paura di essere emarginata. In questo caso, si accompagna al desiderio degli Stati Uniti di controllare le rotte energetiche di rivali e alleati per mantenere una certa capacità d’infastidire nel contesto di un relativo declino. Il libero flusso di energia tra Russia e Europa sarebbe doppiamente tragico per Washington. (…) I capi europei si danno la zappa sui piedi. In modo divertito, Gazprom ironizza sulla necessità di leggere 50 sfumature di grigio prima di avviare le discussioni con gli europei! Dietro l’umorismo della dichiarazione, una vera e propria domanda sorge spontanea: come si misura il masochismo europeo? Il gas russo è il più economico, vicino e abbondante. È veramente da deviati (o più probabilmente da totalmente succubi alle pressioni di oltreoceano) non approfittarne… Promosse da Washington, le fonti alternative sono tutte più costose e difficili d’attuare, se non irrealistiche. Bisogna ricordare che a differenza del petrolio, abbastanza diffuso sul pianeta, il gas è dominato da quattro Paesi, gli assi dell’oro blu: Russia, Iran, Qatar e Turkmenistan, rappresentando circa i 2/3 delle riserve mondiali. Se l’Europa vuole una fornitura regolare e significativa deve puntare su uno dei quattro Paesi. O semplicemente guardare la mappa e conoscere le basi dell’industria del gas (LNG è il 30% più costoso del gas naturale via gasdotto) per capire che tre di queste quattro soluzioni non sono realistiche. (…) Le altre fonti sono presentate qua e là da una stampa che non ne sa nulla e sono grottesche o effimere. L’Azerbaigian non ha gas; sviluppa nuovi giacimenti per mettere un po’ di gas sul mercato, ma non più di 10 miliardi di mc all’anno (rispetto ai 63 del South Stream o del nuovo Turk Stream). Lo scisto degli USA è una fantasia: costoso più del doppio (costo di estrazione e trasporto del LNG), la produzione supera di poco il consumo locale e la tecnica della fratturazione provoca terremoti, ponendo serie domande sulla sostenibilità del scisto. Le altre fonti sono valide nel breve periodo, ma non di più: un po’ di gas norvegese qui, algerino là, ma le riserve di questi Paesi sono tutt’altro che coerenti e quasi esauste. In poche parole, non ci sono alternative al gas russo. Secondo un analista, il gas russo è qui e ci resterà, non perché l’Unione energetica dell’UE è ancora lontana dalla solidarietà che cerca, ma perché le alternative non ci sono (e ancora una volta, l’articolo implica che il gas turkmeno verrebbe trasportato attraverso il Mar Caspio, cosa che non avverrà mai, come abbiamo visto). La questione è se i capi europei finalmente smetteranno di farsi del male e sfuggiranno alla morsa della formidabile molestia statunitense. Washington era riuscita a mantenere la gamba europea per anni con l’illusorio progetto Nabucco, ormai ridottosi a scherzo”. I vassalli europei sembrano averlo capito, e leniscono il sistema imperiale con dichiarazioni belle e vuote, ma in realtà si avvicina inesorabilmente il gas russo. Attualmente rappresenta 1/3 del consumo totale europeo e questa percentuale aumenterà in futuro.L’Eldorado del gas chiamato Jamal nella Siberia artica
La Total guida il faraonico progetto LNG finanziato da banche russe e cinesi a causa delle sanzioni occidentali. Titolo dell’episodio: Euronullità o come spararsi ai piedi. L’episodio è interessante: oltre alla Total francese vi sono Novatek (secondo produttore russo dopo Gazprom), il gigante cinese CNPC e il Fondo Via della Seta. Vediamo che il piano è ben messo e coprirà l’Eurasia grazie alle metaniere rompighiaccio, tra cui la prima (abilmente chiamata Christophe de Margerie, in omaggio al CEO di Total ucciso nel 2014) appena consegnata. Tutto ciò fa dire a Vladimirovich che la Russia diventerà presto il primo produttore mondiale di gas naturale liquefatto. Ma LNG è solo una parte del tesoro d’oro blu di Jamal: più di 26000 miliardi di mc di riserve di gas e una produzione che può raggiungere i 360 miliardi di mc. Brzezinski avrà i sudori freddi… Perché si tratta di uno tsunami gas russo sull’Europa. Ai primi di gennaio ne parlammo: “La persona comune non avrà probabilmente mai sentito parlare di Bovanenkovo, Ukhta o Torzhok. Ma dietro questi nomi poetici si nascondono punti di partenza, intermedi e finali della rete di gasdotti per portare ad ovest l’ immensa ricchezza gasifera della penisola di Jamal nel nord della Russia”. Nord Stream II giustamente. Come previsto, si avvicina a grandi passi. Non avendo la pressione del sistema imperiale sulle spalle, la Commissione europea inizia a riprendere i sensi e nega tutte le argomentazioni giuridiche contro il raddoppio del gasdotto. Con grande dispiacere dei soliti eccitati baltici e polacchi, ma anche di Paesi più vicini a Mosca come la Slovacchia, che perderà molto in diritti di passaggio. Grazie Majdan… E parlando della junta ucraina, non ha niente di meglio da fare che citare in giudizio la Commissione Europea per l’autorizzazione concessa a Gazprom del pieno uso dell’OPAL. I vassalli orfani dell’impero si mangiano a vicenda divertendo il Cremlino.
Le dighe energetiche già piuttosto rovinate tra Europa e Russia vanno sfaldandosi con la grande varietà di investimenti su petrolio e gas previsti entro il 2025 (113 miliardi di dollari per 29 progetti), la riconciliazione petrolifera con la Bielorussia è negli oleodotti, dopo il battibecco di cui abbiamo parlato… in breve, Mosca si gasa. E non c’è “trovata” dell’ultimo minuto che impedirà il sonno dello Zar degli idrocarburi. Una delegazione europea ha infatti visitato Israele per discutere la costruzione di un possibile gasdotto Israele-Cipro-Grecia rifornito da Leviathan. Anche di questo ne abbiamo parlato: “Nel 2010 fu scoperto il Leviathan, grande giacimento offshore al largo delle coste d’Israele, Libano e Cipro che competono con Israele. Anche una società, la Delek Energy, in combinazione con una società del Texas, dal nome ingannevole Noble Energy, iniziò ad esplorare lo sviluppo del giacimento di gas più o meno bloccato. Dati gli enormi investimenti, difficili nel contesto del calo dei prezzi, e soprattutto di una battaglia politica e giuridica intra-israeliana. Nel 2012, il gigante Gazprom si propose di entrare nel giro, ma i propositi furono, al momento, respinti su pressione statunitense. Forse non è così ora… Molto è cambiato da allora in effetti:
– le relazioni USA-Israele sono al minimo (accordo sul nucleare iraniano, sostegno di Washington ai Fratelli musulmani egiziani e persino colpo di Stato neonazista di Majdan che turbò Tel Aviv).
– avanzata inesorabile della potenza russa in Medio Oriente con l’intervento in Siria e conseguenze (di fatto alleanza con Hezbollah, rottura con la Turchia)
Con tutto il loro Grande Gioco, gli strateghi vedono con preoccupazione i russi insediarsi in questa zona essenziale quale diventa il Mediterraneo orientale. Basi siriane, accordo navale con Cipro e ora Gazprom… più di quanto Washington possa sopportare! Gli statunitensi fanno di tutto per impedire ad Israele qualsiasi discussione con il gigante russo e far vendere il loro gas alla Turchia, fortemente dipendente dal gas russo. Joe Biden, che appare sempre dove gli interessi di CIA e neocon sono in gioco, visitò Israele ai primi di marzo per rattoppare tra Tel Aviv e Ankara (e tentare di emarginare Mosca). A quanto pare senza alcun risultato… Dopo la visita di Joe l’indiano, l’Alta Corte israeliana si pronunciò bloccando lo sviluppo di Leviathan, ma potrebbe essere solo la punta dell’iceberg. La dirigenza militare israeliana preferisce la cooperazione militare con Mosca e non dispiacere Putin che riprende i contatti con il sultano pazzo. Soprattutto con l’intervento siriano che ha dato a Vladimirovich altre carte, soprattutto Hezbollah. A fine febbraio scrivemmo: “Era lì quando l’intervento russo sconvolse le carte, Tel Aviv e Bayrut Sud puntano su Putin. L’alleanza tra Mosca e Hezbollah è logica, quasi naturale. Stessi alleati (Assad, Teheran) e feroce opposizione all’Islam sunnita. La tolleranza assoluta di Hezbollah verso i cristiani orientali (si vedano queste incredibili immagini di combattenti sciiti sull’attenti davanti a Gesù nei villaggi cristiani siriani liberati) gioca a suo favore, considerando la Russia come il protettore del Cristianesimo orientale. Allarmato, Netanyahu corse a Mosca per fare le fusa a Putin. Conoscevamo un Bibi Terrore meno placido… Questo viaggio non impedì a Hezbollah di ricevere armi russe. Sia che fossero state consegnate dai siriani che le avevano ricevute (probabile) o da Mosca, secondo le dichiarazioni del movimento sciita, poco importa, tutto sommato. Lo Stato Maggiore delle IDF è più che turbato, dato che il movimento libanese probabilmente possiede missili da crociera supersonici Jakhont. Le recenti dichiarazioni di Nasrallah, “i depositi di ammoniaca di Haifa sono la nostra bomba nucleare”, ha anche causato panico in Israele, che considera seriamente il trasferimento degli impianti chimici nel sud del Paese, a costi esorbitanti”.
Da allora, diversi colpi di scena si sono avuti. La battaglia politica e giuridica è terminata, la situazione è sbloccata ed i primi investimenti sono stati avviati. Solo che le riserve sono state riviste al ribasso (500 miliardi di mc invece di 620), spiegando l’improvviso disinteresse di Gazprom, queste quantità sono scarse per alimentare il consumo interno israeliano e l’esportazione in Europa. Per dare un senso, le riserve di Leviathan sono cinquantadue volte inferiori a quelle di Jamal ed equivalgono al traffico di Nord Stream per dieci anni. In queste condizioni, costruire un oleodotto sottomarino lungo 1300 km sopra una faglia geologica, per trasportare una misera decina di miliardi di mc, sembra contorto, per non dire altro. Un nuovo pipedream?Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli Stati Uniti aprono un nuovo fronte in Siria

Valentin Vasilescu, Reseau International, 4 aprile 2017Raqqa, capitale dello Stato islamico, è isolata da nord, ovest e in parte est entro un raggio di 20-35 km, dalle forze democratiche siriane create e dirette dall’esercito degli Stati Uniti. L’unico collegamento dei difensori di Raqqa con gli altri territori in loro possesso è da sud. A 45 km a sud-ovest di Raqqa c’è Tabaqa, importante avamposto per la difesa della capitale dello stato islamico, sulle rive dell’Eufrate. Dopo la liberazione della città di Dayr Hafar, l’Esercito arabo siriano avanza verso Tabqa lungo la riva meridionale del lago Assad, a 40 km dalla città. La diga di Tabaqa, ad ovest della città, è un obiettivo strategico. Costruita negli anni ’60-’70 con l’appoggio dell’URSS, è lunga 4,5 km e produce il 35% dell’energia elettrica della Siria. Tra Tabaqa e Raqqa, a 20 km dalla diga, c’è una piccola diga sull’Eufrate chiamata Baath.
Nella notte del 21-22 marzo 2017, l’esercito statunitense scatenava in Siria un’operazione aerea combinata, inizialmente con circa 80 soldati delle forze speciali del 75° Reggimento Ranger, e 400 combattenti curdi delle YPG delle SDF (Forze democratiche siriane). Lo scopo dell’operazione è occupare un’area d’importanza strategica sulla sponda meridionale del lago Assad e dell’Eufrate. La zona è delimitata ad ovest da una porzione della strada tra Aleppo e Tabaqa, al centro da diga e base aerea di Tabaqa, ed ad est da una porzione della strada tra Raqqa e Tabaqa. Tale operazione fu avanzata almeno di una settimana dalle manovre dell’Esercito arabo siriano, occupato nell’assalto alla base militare di Jarah difesa dai terroristi dello Stato islamico, creando così le condizioni che impediscono di partecipare alla liberazione di Raqqa dallo Stato islamico. L’operazione iniziava 48 ore prima dell’arrivo delle truppe con quasi 50 attacchi aerei su obiettivi dello Stato islamico da parte degli aerei della coalizione guidata dagli Stati Uniti. Gli obiettivi erano punti di resistenza, depositi di munizioni e 50 veicoli da combattimento dello Stato islamico, situati nella città di Tabaqa, presso la base aerea e nei pressi della diga. Dopo il tramonto, circa 75 marines del 11.ma Unità di Spedizione degli USA attraversavano il lago Assad a bordo di gommoni. La missione era creare una zona sicura di sorvolo per gli aerei degli Stati Uniti sulla riva meridionale del lago, purificata dai combattenti dello Stato islamico. Intorno alle 4:00 del 22 marzo, dalla zona d’imbarco aereo a nord della città di Jabar, sulla sponda settentrionale del Lago di Assad, decollavano circa 30 elicotteri MH-47E e convertiplani OV-22 Osprey del 160.mo Reggimento d’assalto aereo per le operazioni speciali statunitense. Il velivolo a decollo/atterraggio verticale OV-22 Osprey combina le caratteristiche di volo dell’aereo e dell’elicottero, perché le sue ali supportano due motori che possono variare la posizione di 90 gradi attorno all’asse trasversale del velivolo. L’OV-22 può trasportare 24 soldati o un veicolo 4×4 Phantom Badger e presenta, oltre a un’arma su un portello, una mitragliatrice rotante a sei canne (da 7,62mm e rateo di 6000 proiettili al minuto) telecomandata e posta sotto il ventre del velivolo. L’OV-22 può difendere la zona di atterraggio nell’emisfero posteriore e ai lati.
Nella rotta presso la penisola Abu Hurayrah, dove era decisa la zona di atterraggio, la protezione degli aeromobili era demandata agli elicotteri d’attacco AH-64 Apache. 124 altri marines degli Stati Uniti dell’11.ma Unità di Spedizione furono schierati nei pressi del villaggio di Jabar, con una batteria di M777 Howitzer da 155mm ed elicotteri AH-64 Apache che neutralizzavano ogni tentativo dei combattenti dello Stato islamico di accerchiare le zone di atterraggio. L’M777 Excalibur lancia missili ad ad alta precisione con gittata di 40 km e una precisione di 4-10 m con il GPS. Il Colonnello-Generale Sergej Rudskoj, Capo di Stato Maggiore delle operazioni dell’esercito russo, dichiarava che proiettili da 155mm e bombe sganciate dagli aerei della coalizione anti-Stato islamico sotto il comando degli Stati Uniti potevano danneggiare la diga di Tabaqa, con il rischio di inondazioni. La distanza tra le zone d’imbarco di Jabar e di sbarco di Abu Hurayrah è di 25 km. Ciò significa che fino alle 08.00 del 22 marzo gli aerei statunitensi compirono almeno 60 viaggi trasportando 480 soldati, armi, munizioni, cibo, attrezzature, ecc. Si noti che l’elicottero MH-47E può trasportare i blindati leggeri Humvee del 75° Reggimento Ranger. Il primo aereo trasportò esclusivamente soldati e blindati statunitensi. L’elicottero MH-47E può trasportare 22-35 soldati o armi e munizioni per 10886 kg, e può difendersi con una mitragliatrice da 7,62 mm disposta nel portello aperto di coda. La missione degli 80 soldati del 75° Reggimento Ranger era tracciare le due aree di atterraggio sulla penisola di Abu Hurayrah. La sera del 22 marzo una testa di ponte fu stabilita sulla riva meridionale del lago di Assad, e circa 3000 combattenti delle SDF e 300 marines delle forze speciali USA vi furono trasportati per via aerea. Inoltre, i marines fornirono le imbarcazioni per schierare i mezzi pesanti delle SDF (Humvee, veicoli corazzati, mortai, artiglieria, bulldozer) sulla riva sud dell’Eufrate. Poi, la base aerea di Tabaqa fu presa e la maggior parte delle truppe dispiegate a 10 km a est verso la diga Baath, per evitare che lo Stato islamico inviasse truppe da Raqqa. A causa del rischio di distruzione della diga di Tabaqa, il piano operativo iniziale fu modificato, quando le truppe delle SDF alla sua estremità settentrionale rinunciarono a prenderla, perdendo così l’opportunità di aprire una via per inviare truppe delle SDF sulla riva meridionale del lago Assad. I soldati sbarcati dai velivoli statunitensi perseguivano due obiettivi: accerchiare i combattenti dello Stato Islamico a Tabaqa e occupare la diga Baath. Attraversando la diga Baath, le SDF giungevano dietro le difese dello Stato islamico, sulla riva nord dell’Eufrate. Così, le SDF univano le truppe su entrambe le sponde.
La città di Raqqa si trova sulla riva nord del fiume Eufrate. Occupando la diga Baath, le SDF avvolgerebbero le difese avanzate dello Stato Islamico ad ovest e sulla riva sud dell’Eufrate, di fronte a Raqqa, circondando completamente la capitale dello Stato islamico. Questa nuova operazione terminerà quando i combattenti dello Stato Islamico di Tabqa si arrenderanno o saranno distrutti, e non ci sarà alcuna lacuna nell’accerchiamento della città. Lo scopo dell’operazione è impedire che lo Stato islamico riceva rinforzi da Dayr al-Zur e Iraq.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Turchia si ritira dalla Siria o prepara il sabotaggio?

Nasser Kandil, al-Bina 30/03/2017
Tradotto dall’arabo da Mouna Alno-Nakhal per Mondialisation
Il Consiglio di sicurezza nazionale turco improvvisamente annunciava la fine dell'”Operazione Scudo dell’Eufrate”[*] lanciata nell’agosto 2016 con l’entrata dichiarata dell’esercito turco nella città di confine siriana di Jarablus, occupata dallo SIIL, senza combattere e senza accordo con il governo siriano; lo scopo dichiarato dell’operazione era prendere al-Bab (occupata dallo SIIL) e Manbij (controllata dalle forze curde sostenute dagli Stati Uniti), e partecipare alla liberazione di Raqqa sempre occupata dallo SIIL. Ufficialmente, l’operazione viene interrotta perché avrebbe raggiunto gli obiettivi, mentre l’esercito turco e le milizie affiliate non entravano a Manbij e né partecipavano alle operazioni per liberare Raqqa. Cosa significa tale annuncio se la missione non è compiuta? Domanda tanto più rilevante in coincidenza con il fallimento dei colloqui turco-statunitensi per un accordo sulla battaglia di Raqqa, che vede il problema del sostegno statunitense ai curdi, giustificando l’invasione del territorio siriano con l’operazione “Scudo dell’Eufrate” e il collasso dello SIIL, per evitare alla Turchia di subire le conseguenze dello scontro con l’organizzazione terroristica. Ciò non ha impedito agli statunitensi di mostrarsi sempre più decisi a sostenere i curdi, nonostante la rabbia dei turchi, mentre i russi non sono pronti a cancellare la componente siriana, considerata partner essenziale in qualsiasi regolamentazione futura tra i siriani, solo per far contenti i turchi. Infatti, anche se i russi sono contro la persistenza delle forze di sicurezza o militari specificamente curde e la creazione di una regione curda in Siria, hanno informato il presidente turco che questa posizione implica la restituzione di tutti i territori siriani all’Esercito arabo siriano, diretto dal governo di unità nazionale siriano che va riconosciuto e sostenuto da tutti nella guerra al terrorismo. Pertanto, la questione è se tale annuncio rappresenta un primo passo verso l’accettazione del consiglio russo? Perché, in effetti, esso indica il ritiro dell’esercito turco dal territorio siriano, senza ritorno, chiarendo che sono stati raggiunti gli obiettivi dell’operazione Scudo dell’Eufrate. (Solo che il primo ministro turco Binali Yildirim non ha escluso un’altra operazione, dal nome diverso, se ci fosse una nuova “minaccia”…). Ma in questo caso non ci sono segnali che indichino un miglioramento delle relazioni turco-russe, che l’avrebbe posto entro un’iniziativa positiva. Al contrario, la Turchia continua ad equiparare le posizioni di Mosca e Washington paragonando il loro rapporto con i gruppi armati curdi con le coltellate alla schiena. Ciò indica che la Turchia ha deciso d’ignorare la cooperazione con Mosca e Washington (nella guerra al terrorismo); con Mosca, rifiutandosi di collaborare con il governo siriano, con Washington, rifiutandosi di collaborare con i curdi.
In effetti, Ankara con tale annuncio indica che con Mosca e Washington ha creato un vuoto strategico che verrà riempito da chi arriva primo, sapendo che in tale gara si avrà a che fare con milizie implicitamente sostenute dalla Turchia (la nebulosa dell’esercito libero siriano, o ELS, che copre Jabhat al-Nusra e i suoi vari nomi), senza ritenersi responsabili dei loro eccessi. Tali milizie domani potrebbero affrontare i curdi, a cui non potrà chiedere di fermarsi. E potrebbero anche affrontare l’Esercito arabo siriano, a cui non potrà opporsi essendo garante del cessate il fuoco, secondo l’accordo tripartito di Astana. La garanzia in definitiva è politica, ma senza possibilità d’influenzare la situazione. Ankara indica anche che la guerra di Jabhat al-Nusra contro l’Esercito arabo siriano è infine pronta ad estendersi a nord, senza che nessuno possa chiedere o accusarla di nulla. Pertanto, l’obiettivo della Turchia è “ancor più caos” per mostrare l’importanza del proprio ruolo. Uno stratagemma compatibile con la vanità criminale che detta i calcoli del presidente turco Recep Erdogan, ma che libererà l’Esercito arabo siriano dai limiti, usando tutte le armi disponibili e obbligando le fazioni armate sostenute dalla Turchia a scegliere tra l’accordo sulla cessazione delle ostilità di Astana e un’operazione militare che non terrà in considerazione i soldati turchi che presumibilmente avrebbero lasciato il territorio siriano, come sostenuto dall’annuncio. Eppure Erdogan dovrebbe sapere che Mosca risponde a tale ostinazione con ancor più costanza, e che il comportamento turco sul modello israeliano, adottato da Netanyahu nell’ultima visita a Mosca, riceverà una risposta simile.
Ankara è passata al ricatto provocatorio. Mosca, Damasco e Teheran hanno deciso di sradicare il terrorismo a qualsiasi costo. Washington ha perso il suo agente nel gioco politico e militare e deve rassegnarsi a una presenza limitata nelle zone infestate dai curdi, il resto è occupato da SIIL o dai gruppi armati guidati da al-Nusra.[*] Ankara annuncia la fine dell’operazione Scudo dell’Eufrate in Siria

Nasser Kandil è un politico libanese, ex-vicedirettore di Top News-Nasser-Kandil, e redattore del quotidiano libanese “al-Bina“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Scacco matto in Siria: la mossa di Erdogan verso Putin non paga

David Barchard, MEE 24 marzo 2017

La collaborazione tra Turchia e Russia in Siria si rivela una delusione che lascia ad Ankara poca scelta se non accettare la protezione russa per i curdi.Quando la Turchia si è riconciliata con la Russia e ha offerto il proprio rammarico per aver abbattuto un caccia nel novembre 2015, la mossa sembrava un colpo da maestro strategico, escludendo gli Stati Uniti dal gioco diplomatico e strategico in Siria e aprendo la strada alla collaborazione tra Ankara, con un proprio contingente militare in Siria, e Mosca. Otto mesi dopo, le cose non vanno proprio in quel modo. La politica in Siria della Turchia sembra andata storta, lasciando le forze di Ankara impantanate, ottenendo solo la cattura di Jarablus e al-Bab nella fascia settentrionale al confine. Peggio ancora per Ankara, la Russia sembra proteggere i curdi siriani da eventuali mosse turche per porre fine alla loro autonomia. Questa settimana, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha espresso ‘tristezza’ per i continui legami di Russia e Stati Uniti con le Unità di protezione del popolo (YPG) in Siria. Le parole seguono il dispiegamento di truppe russe ad Ifrin, la più occidentale enclave curda siriana. Non solo Ifrin è uno dei pochi possibili obiettivi militari per la forza turca, ma questa settimana un soldato turco vi è morto anche per tiro transfrontaliero. La Turchia ha risposto convocando l’ambasciatore russo ad Ankara al ministero degli Esteri per la forte protesta per il mancato mantenimento del cessate il fuoco dei russi e la loro crescente presenza nelle zone controllate dal Partito di Unione Democratica (PYD). Sembra che la Turchia non sia stata informata in anticipo dalla mossa russa ad Ifrin. Anche se la Turchia ha avvertito di ritorsioni contro ulteriori attacchi del PYD, il presupposto imprescindibile è che la Russia provvede un ombrello protettivo all’enclave autonoma curda siriana. Così una delle principali motivazioni della Turchia per la partnership con Mosca e l’invio di truppe in Siria, spezzare le enclavi curde siriane, è sotto scacco.

Esclusa con un atto combinato
Non è ancora il peggio per Ankara. Invece di una Turchia che trae vantaggio da una collaborazione implicitamente anti-USA in Siria con i russi, Mosca agisce in tandem con Washington. Circa due settimane e mezzo prima di recarsi ad Ifrin, le forze curde dichiararono con nettezza di puntare su Manbij, la città araba controllata dai curdi nel nord della Siria, che i conservatori religiosi turchi, come la propaggine turca dell’Ikhwan (Fratelli musulmani) in effetti vedono come prossimo logico obiettivo per le loro truppe. Lì, vi hanno unito le forze, da allora rinforzate dagli Stati Uniti. La Turchia aveva bombardato Manbij e altre zone curde per tutto febbraio, ma tale opzione ora sembra saldamente chiusa. Nel frattempo, le YPG collaborano con le truppe statunitensi avanzando su Raqqa, capitale dello Stato Islamico, e la Turchia sembra esclusa e senza un ruolo. Ankara quindi si lamenta amaramente delle azioni di Stati Uniti e Russia che aiutano i curdi siriani a ‘perseguire la propria agenda’. Indipendentemente dal colore politico, tutti ad Ankara temono che l’agenda vera sia creare una sorta di autonomia curda riconosciuta che porti infine alla formazione di uno Stato curdo quasi-indipendente. Questo sviluppo potrebbe sembrare, su tale sfondo, non diverso da ciò che successe in Iraq dopo il 2003 con la comparsa del Governo regionale curdo ad Irbil. Questi fu il sottoprodotto dell’intervento statunitense. Nel caso del nord dell’Iraq, l’opposizione sunnita al governo iracheno prevalentemente sciita a Baghdad, e il conservatorismo della dirigenza curda locale, insieme agli interessi economici, permisero ad Ankara di trovare un modus vivendi con i curdi iracheni. Condizioni simili non esistono in Siria dove la leadership curda (e molti combattenti) ha stretti legami con il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), il movimento terroristico curdo che blocca la Turchia in un brutale conflitto con le forze armate turche. In questo contesto, non sorprende che altri aspetti della riconciliazione turco-russa si dimostrino deludenti. Le cose non vanno come devono sul fronte commerciale, in cui i due Paesi cercano di ripristinare i legami interrotti nel 2015. I russi si sono dimostrati lenti a riprendere l’acquisto di diverse esportazioni agricole turche, probabilmente per i problemi di controllo di qualità, e così il 15 marzo la Turchia introduceva per rappresaglia il 130 per cento di dazi sulle importazioni di grano dalla Russia.

Potere declinante al tavolo delle trattative
Il ruolo della Turchia nel processo di pace in Siria sembra scemare. Turchia, Russia e Iran rimangono le tre potenze garanti del cessate il fuoco in Siria, ma quando il terzo ciclo di negoziati si è tenuto nella capitale del Kazakistan Astana, il 15 marzo, l’opposizione siriana ha voltato le spalle alla Turchia. Anche se il comunicato finale ad Astana suggeriva che i colloqui erano stati costruttivi e utili, la Siria accusava la Turchia del boicottaggio dell’opposizione. Gli alleati della Turchia, le varie fazioni dell’esercito libero siriano, sono scontenti del quadro degli accordi assai sfavorevoli. Ma dato che non sono riusciti a fare ciò che le YPG così sorprendentemente fanno, cioè fondersi in un forte esercito moderno, i gruppi dell’els hanno sempre poca o alcuna attenzione internazionale. Questo poteva cambiare se l’offensiva a sorpresa lanciata contro Damasco, il 20 marzo, riusciva a spostare l’equilibrio militare nel Paese, ma il rinnovamento del conflitto probabilmente trascinerebbe la Turchia, come loro sponsor principale, in uno scontro con la Russia. Cosa che Ankara appare decisa ad evitare. Anche se i suoi contatti con i russi (tra cui il recente vertice a Mosca dei presidenti Erdogan e Putin) sono stati poco gratificanti, non v’è stata quasi alcuna critica pubblica finora e la narrazione ufficiale è sulla crescente cooperazione, una versione sempre più messa in discussione dai fatti sul campo. Curiosamente, i russi non sembrano cercare di cementare l’amicizia con la Turchia in una partnership stretta e volta a staccarla dall’occidente, che sarebbe sicuramente un enorme vittoria strategica per Putin, che vede la NATO come nemica. Ciò per via di un accordo segreto USA-Russia sulle zone d’influenza globali? Oppure semplicemente riflette il senso russo che, mentre la Turchia è ai ferri corti con l’UE ed è furiosa per il sostegno degli USA alle YPG, adotta la linea morbida nei confronti di Mosca in quanto unica opzione?

Soldati russi a Mambij

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora