La duplicità di NATO/UE con la Russia ricorda l’Europa di Hitler

Rodney Atkinson, Free Nations 14 gennaio 2018La duplicità della NATO nei suoi attacchi alla Russia e ad altri Stati dell’Europa orientale dopo la caduta del muro di Berlino, ha tutti i tratti distintivi dell’Europa di Hitler (quando ripetutamente affermava di non avere “più rivendicazioni territoriali” pur continuando le conquiste) e l’Unione Europa (in cui la Corte di giustizia europea si considera organizzazione politica che espande il potere dell’UE e afferma che le parole di politici e “semplici dichiarazioni” non hanno forza). Il grande simbolo della Guerra Fredda fu il Muro che divise Berlino tra l’Oriente comunista e l’occidente democratico. Cadde nel 1989 perché il presidente russo Mikhail Gorbaciov lo permise. E furono proprio le parole dei principali politici occidentali nel 1990 a dare assicurazioni alla Russia consentendo il pacifico crollo del comunismo sovietico e la fine della divisione dell’Europa. Permisero a Mosca di porre fine alla Guerra fredda e di liberare gli ex-Paesi del Patto di Varsavia per diventare Stati nazionali indipendenti. La dimostrazione delle forti promesse date dai Paesi della NATO a Mikhail Gorbaciov nel 1990 sono nei 30 documenti cruciali dall’archivio della sicurezza nazionale degli Stati Uniti appena resi pubblici.
Nel febbraio 1990, il segretario di Stato di George HW Bush, James Baker, assicurò all’omologo sovietico, Eduard Shevardnadze, che la NATO sarebbe stata, “Meno di un’organizzazione militare, molto più politica, (e) non avrebbe avuto capacità indipendenti”, e offrì “Garanzie di ferro che la giurisdizione o le forze della NATO non si sposteranno verso est“. Baker inoltre promise a Gorbaciov che la NATO non si sarebbe mossa “di un pollice ad est“. Il 10 febbraio 1990, Helmut Kohl disse a Gorbaciov, “Crediamo che la NATO non dovrebbe espandere la sfera delle sue attività. Dobbiamo trovare una soluzione ragionevole. Comprendo correttamente gli interessi per la sicurezza dell’Unione Sovietica e mi rendo conto che lei, signor Segretario Generale, e la leadership sovietica, dovrebbero spiegare chiaramente cosa succede al popolo sovietico“. Più tardi quel mese, parlando col presidente cecoslovacco Vaclav Havel, (sì quel Paese esisteva ancora allora!) il presidente George HW Bush disse: “Dica a Gorbaciov che… vi ho chiesto di dire a Gorbaciov che non ci comporteremo, per quanto riguarda la Cecoslovacchia o qualsiasi altro Paese, in modo da complicare i problemi che ha così francamente discusso con me“. In altre parole, i nuovi Paesi dell’Europa orientale indipendenti avrebbero avuto indipendenza e sovranità che la caduta dell’Unione Sovietica e la fine del Patto di Varsavia gli avevano dato. In effetti queste erano precisamente le libertà che gli alleati anti-nazisti, anche i russi, raggiunsero nel 1945. Naturalmente ciò che successe e continua a succedere è che tutte queste promesse furono infrante e la NATO spostò le basi militari sempre più ad est, la Germania unita è diventata membro della NATO (non solo una delle principali preoccupazioni della Russia, ma anche del presidente della Francia Mitterand) e ciascuno dei Paesi dell’Europa orientale per la cui indipendenza Gorbaciov cercò ed ottenne assicurazioni, non solo fu assorbito dalla NATO, ma fu conquistato dal braccio costituzionale politico della NATO, l’Unione europea conquistatrice che non tollera né nazioni, né indipendenza, né democrazia! Bush, avendo assicurato Gorbaciov e il presidente ceco che non ci sarebbero state “più rivendicazioni territoriali” allora, come gli eserciti di Hitler e l’Europa fascista degli anni ’30 e ’40, marciarono in ogni caso.La risposta fascista della NATO
Ma forse l’aspetto peggiore e più spaventoso di tali menzogne e falsità della NATO e dell’UE (vergognosamente appoggiate da una decadente classe politica inglese che non ha la minima idea del perché entrammo in guerra nel 1939 né di ciò che ottenemmo in nome della democrazia nazionale nel 1945) fu la successiva razionalizzazione e giustificazione di tali tradimenti. Di fronte alle prove devastanti sul rinnegare questi impegni, la NATO ora afferma: “Gli alleati della NATO prendono decisioni per consenso e queste sono registrate. Non vi è alcuna registrazione che una decisione del genere sia stata presa dalla NATO. Le assicurazioni personali, dei capi della NATO, non possono sostituire il consenso dell’alleanza e non costituiscono un accordo formale della NATO“. Sieg Heil! Qualcuno crederà mai più ai capi della NATO? Se era evidente agli osservatori informati da anni che i veri aggressori in Jugoslavia, nell’Europa orientale e ora in Ucraina sono la NATO e gli imperialisti dell’UE in espansione, i popoli occidentali vengono bombardati da una propaganda massiccia di cui Goebbels sarebbe orgoglioso. Ma così perversa che milioni in Europa e negli Stati Uniti non ci credono. Ora che molto più si può leggere su parole e promesse date, e violate, a loro nome dai capi “democratici”, la minoranza arrabbiata diverrebbe maggioranza ribollente.

Al centro Adolf Heusinger, nel 1961 presidente della NATO.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Le banche centrali europee iniziano a sostituire le riserve in dollari in yuan

Eshe Nelson, QZ 16 gennaio 2018Alla fine dello scorso anno, Xi Jinping affermava che era il momento per la nazione di “prendere il centro del mondo”. Ci sono molti modi con cui la Cina può farlo, tra cui la promozione della globalizzazione, il potenziamento degli aiuti esteri e lo sviluppo di tecnologie avanzate. Un altro passo fondamentale nel prendere il “centro” è essere al centro dell’economia globale. Per raggiungere questo obiettivo, la Cina, tra le altre cose, cerca d’internazionalizzare la propria valuta. Negli ultimi 70 anni, il dollaro USA è stata la valuta dominante nel mondo. Due terzi delle riserve valutarie allocate in dollari, da 6 trilioni di dollari, sono detenute in dollari USA. Lo yuan ha compiuto un passo importante verso l’ampia adozione internazionale nel 2016, quando il FMI decise d’includerla nel paniere di valute che costituiscono il diritto speciale di prelievo una riserva alternativa al dollaro. Tuttavia, dal terzo trimestre del 2017, solo l’1% delle riserve valutarie è in yuan, secondo gli ultimi dati del FMI. Ora, ci sono segnali che aumenteranno.
Lo yuan cinese ha raggiunto il massimo in due anni contro il dollaro USA questa settimana, dopo che la Bundesbank tedesca dichiarava che avrebbe incluso lo yuan nelle proprie riserve, per la prima volta. “Lo sviluppo notevole dal punto di vista europeo negli ultimi anni è stato il crescente ruolo internazionale del renminbi nei mercati finanziari globali”, dichiarava Andreas Dombret, del comitato esecutivo della banca centrale, in una conferenza a Hong Kong. La decisione fu presa lo scorso anno e non sono ancora stati effettuati investimenti, poiché i preparativi sono ancora in corso. La banca centrale francese ha poi rivelato di avere già delle riserve in yuan. Poiché la maggior parte delle riserve delle banche centrali sono detenute in dollari, qualsiasi trasferimento in altre valute, come lo yuan, avverrà a scapito del biglietto verde. A giugno, la Banca centrale europea annunciava di aver scambiato in yuan titoli per 500 milioni di dollari (611 milioni) delle riserve in dollari USA. Si trattò di un piccolo trasferimento: la BCE ha 44 miliardi di euro di riserve in valuta estera, ma ciò nonostante riflette la crescente importanza della Cina nel sistema finanziario globale. Mentre la politica “Prima l’America” di Trump caccia gli Stati Uniti dalle luci della ribalta internazionale, sempre più persone si aspettano che la Cina colmi il divario, anche nelle finanze mondiali. Barry Eichengreen, professore di economia all’Università della California, a Berkeley, ed esperto di sistemi valutari globali, prevede che il dollaro USA perda il dominio e più valute coesistano su base più equa nei mercati internazionali. In futuro, il dollaro sarà costretto a condividere la preminenza con lo yuan e l’euro in particolare, dice.
La Cina deve ancora affrontare diversi ostacoli per avere una valuta veramente internazionale. I controlli sul capitale e la mancanza di trasparenza normativa rendono le istituzioni finanziarie riluttanti ad investire in attività cinesi. Tuttavia, la scorsa settimana la Cina mostrava segni di voler rilassare alcune regole utilizzate per controllare la valuta. Dato che lo yuan guadagna più valore internazionale, Pechino potrebbe essere incoraggiata ad aprirsi ulteriormente.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Cosa significano gli attacchi di Donald Trump al Pakistan?

Vladimir Terehov, New Eastern Outlook 15.01.2018Pubblicato il 1° gennaio 2018, il tweet di Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, sull’errore di fornire al Pakistan aiuti finanziari (oltre 33 miliardi di dollari negli ultimi 15 anni), premiato con “nient’altro che menzogne e inganni“, è un importante notizia nella politica mondiale del nuovo anno appena arrivato. Parlando il giorno dopo ai giornalisti, la rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l’ONU, Nikki Haley, chiariva che il presidente considerava la possibilità di porre fine all’assistenza finanziaria al Pakistan, che fornisce “rifugio sicuro ai terroristi” cacciati dagli statunitensi in Afghanistan. Per spiegazioni sul significato della dichiarazione di Donald Trump, l’ambasciatore statunitense ad Islamabad fu convocato al ministero degli Esteri del Pakistan. Il capo del dipartimento della politica estera del Pakistan, Khawaja Asif, affermava che Washington cerca d’incolpare il suo Paese per il fallimento della propria politica in Afghanistan. Sottolineando la partecipazione attiva del Pakistan alla lotta al terrorismo, ricordava che durante la guerra in Afghanistan, gli statunitensi effettuarono oltre 5700 attacchi dalle basi situate nel territorio pakistano. In generale, Donald Trump e Nikki Haley non hanno detto nulla di nuovo o di utile. Ricordiamo che, grosso modo, lo stesso fu detto sempre da Donald Trump il 21 agosto 2017, quando (dopo un silenzio prolungato) affrontò per la prima volta in maniera eccezionalmente puntuale e dolorosa le prospettive dei militari USA nell’avventura di 16 anni in Afghanistan. S’ipotizza che l’attuale accusa al Pakistan sia semplicemente la realizzazione delle minacce esplicite di Nikki Haley ai Paesi che il 18 e il 21 dicembre 2017 (rispettivamente, nel Consiglio di sicurezza e all’Assemblea generale delle Nazioni Unite), votarono per la risoluzione che nega il riconoscimento di Gerusalemme a capitale d’Israele. Sembra, tuttavia, che la vera ragione del malcontento USA nei confronti del Pakistan sia molto più seria. È probabile che sia la risposta a un evento estremamente significativo, avvenuto il 26 dicembre a Pechino, dove si svolse il “Primo Dialogo dei Ministri degli Esteri di RPC, Pakistan e Afghanistan”. Nel comunicato stampa congiunto dell’occasione, alcuni punti sono di rilievo:
– i rappresentanti del Pakistan e dell’Afghanistan si congratulano con i cinesi “per la positiva conclusione del XIX Congresso del PCC e sostengono pienamente la proposta del Presidente Xi Jinping” di visione del futuro di tutta l’umanità;
– si esprime disponibilità ad approfondire la cooperazione trilaterale, anche nel quadro del progetto “Nuova Via della Seta”, nella lotta al terrorismo e nella sicurezza;
– si afferma che il processo di pace in Afghanistan, “sostenuto a livello regionale e internazionale“, va condotto con la partecipazione di tutte le parti, inclusi i taliban, ma va “guidato” dall’Afghanistan stesso;
– il secondo incontro nella stessa composizione si terrà a Kabul “nel 2018”.
Il documento non contiene accenni al ruolo apparentemente negativo del Pakistan nel conflitto afghano. Non menziona la presenza militare da 16 anni in Afghanistan della principale potenza mondiale che vi ha sepolto enormi risorse finanziarie e sostenuto alti costi politici. Pertanto, la leadership statunitense ha tutte le ragioni d’essere sconvolta. Tanto più che Washington prevedeva di tenere entro la fine dello scorso anno una sua riunione tripartita sul problema afghano, nel formato “USA-Afghanistan-India”. Tuttavia, qualcosa è andato storto e il principale oppositore geopolitico degli Stati Uniti ha chiaramente rubato l’iniziativa del processo di risoluzione pacifica del conflitto afghano. A giudicare dai contenuti del documento citato, gli autori assegnano ad India e Stati Uniti un ruolo abbastanza indiretto, parlando della necessità di mantenere il processo a “livelli regionale e internazionale“. I partecipanti all’incontro di Pechino fu designato principale iniziatore e “leader” (ancora una volta poniamo l’accento su questo punto eccezionalmente importante) “l’Afghanistan stesso“. Va notata, tuttavia, l’osservazione del 27 dicembre a una conferenza stampa del Ministro degli Esteri cinese Wang Yi, secondo cui l’istituzione del “dialogo cino-pakistano-afghano” non è inteso a sostituire altre piattaforme internazionali dedite a questo problema. Aggiungiamo che ciò è semplicemente impossibile. Stati Uniti ed India non sono Stati che accetterebbero il ruolo ausiliario di certe forze “regionali e internazionali” nel processo di risoluzione del conflitto afghano. Va anche ricordato che il Pakistan vede in modo esplicito l’Afghanistan come retrovia strategica (“cortile”) nel confronto con l’India. Cosa con cui quest’ultima non sarà mai d’accordo, va aggiunto.
La posizione delle forze filoindiane è piuttosto forte nell’élite afgana, mentre le relazioni pakistano-afghane affrontano gravi problemi (incluse la ragione di cui sopra), accumulatisi negli anni. Tali problemi difficilmente possono essere risolti con un solo evento a livello ministeriale. Nel frattempo, Washington, che negli ultimi anni ha espresso chiara preferenza a sviluppare relazioni con l’India (il tweet di D. Trump è stato definito dal giornale Indian Expresssweet music“), non vuole rompere completamente i legami col Pakistan e non ha intenzione di cederlo ‘senza combattere’ alla piena influenza della RPC. Ciò in particolare è evidenziato dalla visita a Islamabad del segretario alla Difesa USA James Mattis tre giorni dopo lo scandaloso tweet di Donald Trump. Tuttavia, l’osservazione del vicedirettore della CNN Michael Kugelman su questa visita (“Congratulazioni, segretario Mattis. Sei diventato l’ultimo funzionario degli Stati Uniti a fare da vocalist a un disco irrimediabilmente rotto”), a quanto pare, riflette adeguatamente lo stato dei rapporti Stati Uniti-Pakistan. Sembra che il treno pakistano lasci gli Stati Uniti acquisendo notevole velocità e non sarà facile per Washington salire sull’ultimo vagone. Un articolo del quotidiano cinese Global Times intitolato opportunamente “Trump tweet draws China, Pakistan closer“, elenca le componenti principali della cooperazione Cina-Pakistan in rapido sviluppo. Tutto sommato, va affermata la cosa principale: i giochi sul controllo del territorio dell’Afghanistan, durati almeno due secoli con vari protagonisti, continueranno dopo il “Dialogo” di Pechino. Gli ultimi attacchi anti-Pakistan degli Stati Uniti, chiaramente provocati dal suddetto evento, ne sono una testimonianza.Vladimir Terekhov, esperto sui temi della regione Asia-Pacifico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Il Pakistan si allontana dagli Stati Uniti, l’affare è molto più serio di quanto si pensa

Darius Shahtahmasebi, The Antimedia 8 gennaio 2018

Khawaja Muhammad Asif

La decisione di Donald Trump di celebrare il nuovo anno demonizzando contemporaneamente Iran e Pakistan su twitter gli si è già ritorta contro in modo tremendo. Dopo le minacce che gli Stati Uniti avrebbero rifiutato gli aiuti al Pakistan, confermavano che avrebbero trattenuto 255 milioni in aiuti (diventati 900 milioni) e che stando a quanto riferito minacciano di non concederne altri 2 miliardi. “Speriamo che il Pakistan la veda come incentivo, e non punizione“, diceva ai giornalisti un funzionario del dipartimento di Stato. Secondo il Wall Street Journal, questa ostilità nei confronti del Pakistan non è andata bene. Il Ministro degli Esteri pakistano Khawaja Muhammad Asif dichiarava in un’intervista che gli Stati Uniti non si comportano da alleati e, di conseguenza, il Pakistan non li considera più tali. Se non altro, il comportamento di Washington ha solo spinto il Pakistan tra le braccia dei tradizionali rivali, Cina e Iran. La Cina da tempo fornisce aiuto finanziario ed economico al Pakistan con progetti per espandere la partnership economica in futuro. La Cina si è già impegnata ad investire 57 miliardi di dollari nelle infrastrutture pakistane nell’ambito dell’iniziativa “Belt and Road“. Proprio il mese scorso, il Pakistan annunciava di prendere in considerazione una proposta per sostituire il dollaro USA con lo yuan cinese per gli scambi bilaterali tra Pakistan e Cina. A seguito dei recenti attacchi del governo Trump al Pakistan, questi confermava che l’abbandono del dollaro non era una minaccia arbitraria e immediatamente sostituiva il dollaro con lo yuan cinese. “Gli investimenti cinesi in Pakistan dovrebbero raggiungere oltre i 46 miliardi entro il 2030 con la creazione di un corridoio economico cinese-pakistano che collega il porto di Gwadar nel Baluchistan sul Mar Arabico con Kashgar, nella Cina occidentale“, affermava Harrison Akins, ricercatore all’Howard Baker Center che si occupa di Pakistan e Cina. A metà dell’anno scorso, fu riferito che la Cina valutava la possibilità di stabilire proprie basi navali in Pakistan. Questi rapporti riaffiorarono la settimana scorsa, anche se il Pakistan negava con veemenza che tale base navale sarà costruita (anche se gli ufficiali cinesi hanno illustrato il piano per costruire una base navale nel porto di Gwadar). Che i rapporti siano veri o no, ciò che è evidente è che il Pakistan cercherà di cooperare con la Cina economicamente e militarmente, rinunciando ad affidarsi a Washington. “La storia dei rapporti del Pakistan con la Cina e gli Stati Uniti mostra anche che la politica del Pakistan non risponde alle maniere forti, ma a lealtà e trattamento dignitoso“, dichiarava Madiha Afzal, della Brookings, secondo CNBC. Inoltre, secondo Times of Islamabad, i ministri della Difesa iraniano e pakistano ebbero dei colloqui sul ruolo di Washington nella regione e indicavano una crescente strategia per la cooperazione nella difesa tra Teheran e Islamabad. Anche prima della decisione di Donald Trump di tentare unilateralmente d’isolare i due Paesi, le relazioni in espansione erano già a buon punto, molto probabilmente la ragione vera per cui l’amministrazione Trump ha preso di mira a entrambi.
Con grande disappunto di Washington, questo è solo l’inizio della fine del ruolo degli USA come superpotenza globale incontrastata. Asia Times riporta che Iran, Cina e Pakistan sono pronti a lanciare una “trilaterale” che sostenga lo sviluppo economico di ben 3 miliardi di persone. Il maggiore ostacolo a tale nesso economicamente vitale sarebbe in realtà la crescente potenza economica dell’India, non degli Stati Uniti, che sembrano poter fare ben poco se non schernire, minacciare e fare i prepotenti verso sempre più Stati riottosi. Senza esitazione, anche la Turchia, altro Paese che stringe legami con Russia, Cina e Iran, si unisce ad Iran e Pakistan. La Turchia è un alleato della NATO. “Non possiamo accettare che certi Paesi, soprattutto Stati Uniti ed Israele, interferiscano negli affari interni dell’Iran e del Pakistan“, aveva detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ai giornalisti prima di un viaggio per la Francia. Inoltre Turchia e Iran sono venuti in aiuto del Qatar l’anno scorso, complicando ulteriormente la ristrutturazione delle tradizionali alleanze di Washington. In questa fase, Turchia e Iran potrebbero aderire all’alleanza militare cinese e russa, nota come blocco di Shanghai, con l’Iran che ha recentemente rafforzato i legami militari con la Cina. Dato che la Cina ha interessi economici e militari che vanno protetti in Pakistan, l’alleanza orientale si amplia di giorno in giorno a danno di Washington. Non c’è da meravigliarsi se l’Unione europea praticamente costruisca un proprio esercito, dato che i Paesi che si sentono sicuri affidandosi alla cosiddetta leadership globale degli Stati Uniti di Donald Trump sono di giorno in giorno sempre di meno. E viste le gravi implicazioni del passaggio del Pakistan nella sfera d’influenza della Cina, è curioso che questa storia non faccia notizia.Traduzione di Alessandro Lattanzio

L’economia russa va bene

Rodney Atkinson, Free Nations 29 dicembre 2017La Russia ha avuto un buon 2017, nonostante le sanzioni occidentali, le provocazioni militari della NATO e dell’UE e i costi degli interventi riusciti in Siria. I tassi d’interesse sono stati tagliati e tuttavia forniscono ancora un buon tasso di rendimento reale (circa il 5%) ai russi. Il deficit di bilancio del Paese è stimato a meno dell’1% (nel Regno Unito è al 3%). Le riserve di oro e valuta estera del Paese sono aumentate del 30%. L’economia è uscita dalla recessione con quattro trimestri successivi di crescita, l’inflazione è scesa al 2,9%, il minimo storico della Russia. La Russia, attaccata dall’occidente, e dal ministro degli Esteri inglese aggressivo ma debole, ha mostrato generosità agli inglesi in questo cupo inverno. Nonostante le sanzioni contro la Russia, una petroliera russa, la Christophe de Margerie, trasportava il primo carico di gas naturale liquefatto (GNL) nel Regno Unito. A causa di un guasto all’oleodotto di 42 anni che trasporta gas dai giacimenti del Mare del Nord, in Gran Bretagna ne siamo gravemente a corto. La seconda ironia di questo carico dalla Russia a cui applichiamo le sanzioni è che proviene dal progetto LNG Jamal nell’Artico russo, dove TOTAL è partner al 20%. TOTAL è una società francese e anche la Francia applica sanzioni alla Russia. Dopo aver sofferto del crollo del prezzo del petrolio, l’economia e il Tesoro russi si sono ripresi con le entrate della tassa petrolifera che ora rappresenta solo il 39% delle entrate e, naturalmente, un aumento significativo del prezzo del petrolio nel 2017 ha avvantaggiato l’economia. La Russia ha aumentato l’estrazione di petrolio nella regione artica di oltre il 20% nella prima metà del 2017, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con una produzione totale di 13,6 milioni di tonnellate. Il 2017 è stato un anno record post sovietico per la produzione di grano e ne sono state raggiunte esportazioni record. Gli investitori stranieri hanno una visione molto positiva della Russia. Secondo i dati delle disponibilità di 126 fondi con attivi combinati pari a 300 miliardi di dollari nei mercati emergenti, il 72,8% è ora in attivo in Russia, a fronte del solo 60% dalla posizione fuori misura dell’India. Un gestore di fondi svizzero dichiarava: “Fui pubblicamente critico nei confronti degli investimenti in Russia. Ho coperto la Russia per 25 anni e questo è il massimo che ho avuto“, aveva detto. La società di contabilità PwC pubblicava un rapporto a fine 2017 con previsioni di crescita fino al 2050 per 32 delle maggiori economie del mondo, prevedendo che “Giappone, Germania e Regno Unito saranno nelle prime dieci posizioni: ottava, nona e decima, mentre Cina e India saranno prima e seconda e la Russia resterà sesta“. Rispetto alle altre principali economie dell’UE, Francia (12.ma) e Italia (21.ma), la Russia dovrebbe andare bene. L’UE continuerà il suo declino storico, quindi il Regno Unito ha fatto la scelta giusta andandosene, ma ha fatto la scelta sbagliata divenendo nemica della Russia. Forse perché gli inglesi hanno deciso di lasciare l’UE mentre la classe politica inglese ha deciso di attaccare la Russia.

Una Russia più forte
Anche le statistiche sociali russe sono migliorate notevolmente, con un tasso di natalità migliore e un tasso di mortalità più basso. L’aspettativa di vita è aumentata. Gli investimenti di capitale sono aumentati del 4%. Sappiamo che la Russia è avanti gli Stati Uniti nella tabella mondiale del confronto con la corruzione nelle imprese, e con Germania e Francia che hanno illustrato corruzione nelle loro industrie! È probabile che il futuro sia politicamente stabile con Vladimir Putin che gode del consueto consenso dell’80% e alcuna politica alternativa o figure politiche credibili in grado di raccogliere sostegno. Non vi è alcun sostituto (specialmente in questa era di falsità mediatiche occidentali) ai resoconti di chi vive realmente in Russia, e un amico che vive a Novosibirsk ha inviato quanto segue su un viaggio a Mosca: “Stavo viaggiando in metropolitana con un amico russo la scorsa notte. È studente al quarto anno d’università a Mosca, originario di una città vicino Krasnojarsk. Mentre scendevamo dalla scala mobile di Bielorussia, mi chiese se avevo notato quanto Mosca fosse più pulita e sicura negli ultimi anni; cioè i quattro anni in cui è a Mosca. Non ci avevo davvero pensato, ma ora capisco quanto è vero. Certo, è molto più sicura di quanto non lo fosse 14 anni fa, quando arrivai. Ma la quantità di rifiuti che si trovava nelle strade e nella metropolitana era molto grande anche pochi anni fa. Ora è pulita e senza graffiti e rifiuti. Ci sono anche molti meno mendicanti per le strade e ci sono importanti lavori di costruzione. L’altra cosa che volevo menzionare di nuovo è il fatto che per due mattine ho avuto estrema difficoltà ad entrare nella chiesa locale a causa dell’enorme folla di fedeli che l’affollava”. Le massime priorità di Vladimir Putin oggi sono infrastrutture ed assistenza sanitaria e, naturalmente (dall’era del corrotto Eltsin, l’occidente ha costruito sistemi corporativi utili solo all’occidente) la perenne lotta alla grande corruzione imprenditoriale e alle macchinazioni politiche degli oligarchi creati dai consulenti occidentali. Molti di tali oligarchi sono fuggiti in occidente coi loro bottini, in particolare Londra.

Tutto il debito dell’URSS è stato risolto
Con il rimborso di 152 milioni di dollari alla Bosnia, la Russia ha ora pagato l’ultimo debito in sospeso della vecchia Unione Sovietica. A differenza delle ex-repubbliche diventate indipendenti dopo la disgregazione dell’Unione Sovietica, caricate dalla loro quota di debito sovietico, la Russia l’ha ripagato nel corso degli anni. Il debito estero della Russia è minuscolo ed è un altro motivo per cui le sanzioni occidentali hanno così scarso effetto.

La Russia in confronto al Regno Unito
C’è ovviamente molto da fare nella politica e nell’economia russe, ma l’importante è che il Paese e la sua economia si muovano nella giusta direzione. La ripresa è stata notevole. Se confrontiamo la Russia con il Regno Unito, vediamo:
Un forte risveglio cristiano
Dominio della volontà della grande maggioranza
Forte leadership morale basata sulla famiglia
Incoraggiamento delle piccole imprese
Tasse dirette molto basse
Controllo degli immigrati
Buon investimento di capitale
Buon tasso di risparmio
Buon ritorno sul risparmio
Difesa forte (dai costi molto bassi rispetto agli USA)
Una politica estera di successo
Su tutti questi criteri il Regno Unito fallisce in modo disastroso e sia il governo che l’opposizione ufficiale non sono graditi granché. Molti inglesi potrebbero ben considerare, mentre fuggono da un Paese pesantemente indebitato con perturbazioni interne da migrazioni di massa ed estremismo islamico, che la Russia potrebbe essere in confronto una buona prospettiva!Traduzione di Alessandro Lattanzio