Il “massacro di luglio” e l’età della paura

Philippe Grasset Dedefensa, 13 luglio 20151130942-schulz_montiIl media online tedesco Deutsche Wirtschafts Nachrichten (DWN), che ha una reputazione di libero tiratore in linea con le buone maniere del sistema-stampa, fa un’analisi della situazione europea dopo il furioso e implacabile golpe della “setta” di questo fine settimana contro la Grecia; colpo di Stato che va considerato in generale come simbolico, titolo di esempio ed allarme implacabile, contro tutti gli Stati membri e con la loro stessa complicità… Ora scrive DWN la paura ha sostituito la fiducia nei rapporti tra i membri dell’UE e “la vita comune in Europa non è più decisa dagli accordi (fiducia), ma dalla legge della giungla“. Martin Schultz, presidente (tedesco) del Parlamento europeo, che ha già espresso forti tendenze a considerare un cambio di regime contro la Grecia, ha detto alla radio tedesca Deutschlandfunk che “Bruxelles è sul filo del rasoio e quindi la zona euro rischia di disintegrarsi”. Schultz ha sottolineato il carattere “complesso” e soprattutto “conflittuale” dei negoziati con la Grecia, nelle riunioni dell’Eurogruppo e dei capi di Stato e di governo. In queste affermazioni appare un uomo che mostra in maniera straordinariamente netta gli impulsi tirannici che animano i personaggi del sistema che si agitano convulsamente sulla scena, la constatazione di questo “confronto” è del tutto ambivalente… Non si creda un secondo che si tratti di un evento classico, con vincitore e amici, e il perdente, come nella politica più brutale, ma un evento simbolico mostruoso, dove anche i carnefici che si pensano padroni di sé, sono avvinti dalla paura di essere vittime del mostro che servono. È un episodio che segna lo scatenarsi del sistema nella sua follia dissolutivo-autodistruttiva, perfettamente e logicamente in linea allo “scatenamento della materia“… dobbiamo incontrare tutte le vittime, frantumate in ogni caso, di questo “massacro di luglio”. Alimentando le varie riflessioni per esprimere al meglio tale sentimento di paura che avanza, si pone la sintesi di Sputnik News del testo di DWN, perché riflette in modo realistico e giusto, a nostro avviso, questo clima di paura ormai prevalente in Europa. (Sputnik.News 13 luglio 2015).
I creditori europei hanno deciso l’accordo con la Grecia, ma l’esistenza dell’unione politica nella sua forma precedente è fuori questione. L’UE è divisa e la frattura definitiva è solo questione di tempo, scrive DWN. Molti osservatori internazionali definisco l’ultimo vertice UE “umiliazione dei greci”. I colloqui più lunghi della storia dell’Unione ha spazzato tutti i valori per cui l’Unione europea sorse, dicono. Secondo DWN, è la fine dell’Unione europea nella sua forma precedente, un’unione politica che coltivava fiducia reciproca e principi democratici. La democrazia diventa un fenomeno marginale. Gli Stati ‘forti” ora danno ultimatum a quelli ‘deboli’, in un modo inaudito prima. (…) Le politiche economiche imposte, tuttavia, distruggeranno l’economia greca. Le banche greche in parte sono crollate, mentre molti risparmiatori perderanno i loro soldi. La politica di austerità non ha funzionato negli ultimi cinque anni e mezzo ed è improbabile funzioni ora, scrive la testata. Le conseguenze per i Paesi della zona euro saranno drammatiche. Il panico bancario greco potrebbe diventare in pochi secondi panico bancario europeo incontrollabile. La solidarietà in Europa si erode con i Paesi che agiscono per i loro interessi egoistici. La crisi dei rifugiati sarà il prossimo fallimento nell’UE, che vedrà i membri agire nel proprio interesse e non dell’Unione, dice l’articolo. Secondo DWN, Angela Merkel e Wolfgang Schauble in una notte hanno trasformato l’UE in un soggetto che non si regge più sulla fiducia, ma solo dalla cruda paura. Con la firma dell’accordo con la Grecia l’incubo per l’Unione europea è cominciato. La vita in Europa non è decisa dagli accordi ma dalla legge della giungla, scrive la testata”.
sondaggi-grecia-germania E’ vero che l’attacco alla Grecia, da tutte le considerazioni tecniche e politiche è un attacco ai principi alla base della vita politica della civiltà, cioè un attacco di inaudita violenza che assomiglia ad una particolare barbarica aggressione a sovranità e legittimità, al principio di identità, all’ontologia, all’essere stesso con cui una nazione è stata notevolmente indebolita, impoverita, ridotta alla miseria, una nazione la cui brillantezza del passato, sole del pensiero alla nascita della tragedia, necessaria alla sopravvivenza degli ultimi residui della nostra povera civiltà, diventata mostruosa “contro-civiltà”. Forma e colore del tradimento, perfetta esecuzione di tradimento, dissoluzione nella violenza destrutturante, cecità da nichilismo furioso e aggressivo, sono fatti significativi e inconfondibili per la mente che sa guardare alla radice delle cose. Infatti trasformano il clima generale in paura dominante… In modo molto significativo non pensiamo che questa paura risparmi (chi) si tenderebbe a designare come carnefice della Grecia. Anche la Germania ha paura, e comunque si renderà conto molto rapidamente che anche essa è soggetta a tale clima di paura. … Come “la gentile Unione Europea” da potente e benevola signora apparsa per promuovere il nostro destino s’è finalmente trasformata in un’orca mostruosa, nostro personaggio preferito per simboleggiare la situazione, che diffonde paura mentre urla? La parola “gentile UE” non sfugge alla derisione rivelandosi tutt’altro che un’invenzione, dato che un personaggio rappresentativo di ciò che di misero e squallido il sistema può produrre, davvero usa tali termini; ciò dimostra la stupidità sorprendente e quasi commovente che abita tale tipo di pensiero quando si tratta di corteggiare il sistema assicurando la propria innocenza, l’ambiguità della parola “innocente” per descrivere l’inquisitore… tale parola, nella trasmissione C dans l’air del 6 luglio, come ci dice Acrimed.org il 13 luglio 2015: “… Jean-Dominique Giuliani, spiega dottamente “Lo sapremo domani con le proposte che farà all’Eurogruppo poiché, in ultima analisi, la gentile Unione europea ancora accetta nuove discussioni“. Infatti, se i personaggi di tal fatta, di tali dimensioni e statura sono spinti ad utilizzare tali termini, è perché le loro psicologie sono così indebolite che tutto è possibile, compresa l’adattamento della gentilezza sul volto indicibile di un’orca, non avendo capito assolutamente niente, lavorando affinché il tradimento si compisse nel fine settimana della “Strage di luglio”, aprendo “l’età della paura” e senza rendersi conto che sarà anche il loro destino inevitabilmente. L’orca mostruosa, di cui si capisce facilmente guidare la logica che ha portato a tale evento informe, potrebbe trasformarsi nel minotauro del disgraziato Kronos. Si potrebbe quindi sostenere che c’è stato qualcosa di irreparabile, irrimediabile, in questi due giorni a Bruxelles, in Europa. Improvvisamente, la nostra “contro-civiltà” ha pubblicamente e spudoratamente mostrato tutto il suo odio, tutti i suoi vizi, tutte le sue perversioni illustrando definitivamente ciò che la condanna agli occhi della metafisica della storia, del destino del mondo e del senso dell’evoluzione. L’eccezionale mediocrità, perfino sublime, di coloro che si sono riuniti per compiere l’atto senza dubbio testimonia che ci avviciniamo alla fine: quando il sublime si segnala nettamente per dimensione della viltà, sigla il mutamento definitivo dell’equilibrio mondiale. Come disse Churchill, anche se in maniera meno certa, la formula può essere riusata qui… “Non è la fine dell’inizio, ma l’inizio della fine“. Beh, la bestia muore.

Angela Merkel e il capogruppo della CDU Volker Kauder

Angela Merkel e il capogruppo della CDU Volker Kauder

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Come distruggere le ONG

Andrew Korybko The Saker 15 giugno 2015Par7796336Le ONG affiliate alle intelligence sono un grave rischio per la sovranità degli Stati multipolari, essendo responsabili della creazione delle infrastrutture sociali e logistiche delle rivoluzioni colorate per il cambio di regime. Dopo la prima (post-sovietica) e la seconda (‘primavera araba’) ondata di rivoluzioni colorate, gli Stati presi di mira finalmente hanno compreso il gioco dell’occidente e attivamente cercano di difendersi da tale innovativa minaccia destabilizzante. La Russia è in prima linea in questo passo ed ha ordinato alle ONG finanziate dall’estero nel Paese di dichiarare lo status di agenti stranieri e registrarsi presso il governo. L’ultima mossa legislativa del Paese dà ai pubblici ministeri il diritto di chiudere le ONG indesiderabili, un passo nella giusta direzione per rafforzare la sovranità statale. Completando il processo per la difesa dello Stato dall’ultima arma asimmetrica statunitense del cambio di regime e spazzare via le forze ostili che cospirano contro il governo, è il momento per la Russia e gli alleati multipolari di avviare una campagna per incentivare gli informatori delle ONG a farsi avanti e rivelare le attività clandestine delle loro organizzazioni. Questo articolo inizia discutendo del carattere strategico delle ONG antigovernative straniere, prima di descrivere il modo in cui si sviluppano così rapidamente nel mondo, e documentare brevemente il loro impiego geometrico che caratterizza le nuove tecniche della guerra ibrida che gli Stati Uniti attuano in Siria e Ucraina. Dopo aver stabilito il pericolo che le ONG pongono alla stabilità globale, il pezzo propone l’approccio completo per combattere tali organizzazioni dall’interno, prima di concludere spiegando come operare in pratica.

Pericolo collegato
Le ONG sono l’avanguardia delle operazioni di cambio di regime, e di solito s’infiltrano nel tessuto sociale dello Stato molto prima della direttiva per avviare il tentativo di colpo di Stato. Spesso non possono operare in modo esplicito come aperta forza antigovernativa, scegliendo invece nomi fuorvianti che associano il loro marchio al lavoro sociale piuttosto che all’agitazione politica. Ciò appare anche dalle loro attività che cercano di diffondere un’atmosfera ‘neutra’, come nutrire disoccupati e dare riparo ai senzatetto. Con tali meccanismi di disarmo, espandono la propria rete di supporto di utili idioti che credono nella natura apolitica delle loro attività. In sé e per sé, non c’è nulla di necessariamente ‘illegale’ in tale processo, non importa quanto immorale sia un’organizzazione politica che si nasconda dietro la patina di attività sociale, ma il problema diventa di primaria importanza quando una tale organizzazione è sotto influenza straniera. Le ONG politiche finanziate dall’estero nascondono chiaramente dietro una maschera sociale secondi fini, e sono le loro intenzioni occulte e connessioni con varie agenzie d’intelligence che preoccupano i capi di Stato. Sanno che un’ampiamente consolidata e ‘rispettabile’ ONG sociale potrebbe già influenzare il pubblico, e se tale organizzazione decidesse improvvisamente di politicizzarsi, è probabile che la maggior parte delle sue reclute e rete di sostenitori la seguano, creando così un consistente movimento politico presuntamente dal ‘nulla’. In realtà, questa è sempre stata l’intenzione, politicizzare una rete di diverse ed apparentemente non collegate ONG sociali, in forza politica unitaria per il cambio di regime: ma se pubblico e responsabili politici non lo sanno, il risultante buco nero del caos sociale può essere abbastanza forte da attrarre altri sostenitori e contemporaneamente far collassare il potere statale.

La metastasi delle rivoluzioni colorate
Tale processo è stato scatenato con devastante successo in Serbia, Georgia, Ucraina e Kirghizistan nella prima ondata, mentre l’intero Medio Oriente è straziato dalle rivoluzioni colorate della ‘primavera araba’, teatro del secondo tsunami di sconvolgimenti. Come testimonia la risultante carneficina distruttiva dell’ultima ondata di turbolenze, la Russia e i suoi decisori hanno finalmente aperto gli occhi sulla superarma della destabilizzazione sociale che gli Stati Uniti avevano costruito proprio sotto il loro naso. Dalla fine della guerra fredda, gli Stati Uniti hanno armeggiato con la militarizzazione dei movimenti sociali per creare una quinta colonna attiva negli Stati presi di mira. Colti dall’ingenuità dei “liberal-democratici” del nuovo ordine mondiale degli anni ’90, molti Stati e loro cittadini erano ignari della manipolazione delle ONG da parte delle agenzie d’intelligence straniere, del lavaggio del cervello con la convinzione che l’etichetta ‘non governativa’ conferisse una sorta di connotazione ‘sacra’ che alcun governo oserebbe violare. Gli Stati Uniti sfruttarono appieno tale ingenuità facendo proliferare le proprie ONG, esteriormente benigne, in quasi ogni angolo del pianeta, appena uscito dalla Guerra Fredda, e sempre preparando scenari per testarne la militarizzazione.

Scatenare la bestia
L’occasione perfetta si ebbe quando la propaganda della CNN statunitense disse retoricamente e ridicolmente nel 1999 che Slobodan Milosevic era ‘il nuovo Adolf Hitler’. Tale evidente dichiarazione dl cambio di regime condizionò la psiche occidentale per farne accettare l’eventuale rimozione, avvenuta illegalmente un anno dopo con la ‘rivoluzione dei Bulldozer’, una sorta di proto-rivoluzione colorata. Dopo aver raccolto ogni dato ed intelligence gestendo tale operazione, gli Stati Uniti decisero di ampliarne la portata direttamente nei territori post-sovietici di Georgia, Ucraina e Kirghizistan, con l’obiettivo di dirigere il cambio di regime contro la stessa Russia. Mentre il piano finale falliva (attualmente neutralizzato e in ritirata), gli Stati Uniti riuscirono a rovesciare i governi di tre Paesi, guadagnando altri dati reali sulla loro nuova superarma. Questo aiutò i tecnici politici a perfezionare la tecnologia del cambio di regime e a gestire su diversi, simultanei ed integrati teatri la rivoluzione colorata popolarmente nota come ‘primavera araba’.

La guerra ibrida occidentale
L’innovazione chiave fu l’inaugurazione della strategia ibrida che utilizza la rivoluzione colorata per scatenare la guerra non convenzionale, come si è visto in Libia e in Siria. La stessa cosa fu tentata in Ucraina poco prima del golpe del febbraio 2014, quando la parte occidentale del Paese era in piena ribellione armata contro Kiev. Gli Stati Uniti già indottrinarono le masse globali ad accettare tale scenario attraverso l’annuncio di Newsweek che l’Ucraina era sull’orlo della guerra civile. Quale doppia innovazione, tuttavia, cecchini furono inviati nella capitale mentre quella parte del Paese si preparava alla rivolta totale, e tale doppia pressione piegò la volontà di Janukovich di resistere all’operazione di cambio di regime. Di conseguenza, capitolò inaspettatamente, ma come nessuno avrebbe potuto prevedere, l”opposizione’ inscenò il colpo di Stato nemmeno 24 ore dopo che l’inchiostro si era asciugato sul trattato di resa di Janukovich. Tale riuscito cambio di regime a sorpresa annullò i piani di guerra non convenzionale per l’Ucraina occidentale, ma va notato che se non fosse stato per i cecchini e l’imprevisto conseguente colpo di Stato, gli Stati Uniti erano pronti a trasformare l’Ucraina nella Siria attuando la guerra ibrida del cambio di regime originariamente capeggiato da ONG antigovernative dai finanziamenti esteri.

L’approccio completo
Di fronte al pericolo che le ONG dai finanziamenti esteri rappresentano per la sicurezza e la stabilità regionale, la Russia ha avviato passi legali che le permettono di combattere con maggiore incisività tale super arma e neutralizzarne la potenza. Da tempo ignorata, la loro importanza risiede nel fatto che la dirigenza russa finalmente riconosce il problema al riguardo e prende provvedimenti decisi nel tentativo di cacciarle. Ciò che ora deve fare, però, è infliggere il finale colpo paralizzante per distruggere tali organizzazioni di cambio di regime sia da dentro che da fuori, e può farlo annunciando una campagna per gli informatori sulle ONG. Le ONG per il cambio di regime sono perfette per istigare insurrezioni sociali asimmetriche contro i propri governi, ma la loro maggiore vulnerabilità è che non possono difendersi dalla medesima strategia. Oggi le autorità reagiscono con le azioni dello Stato sulle ONG o con dinamiche interne-esterne, ma anche annunciando la campagna sugli informatori delle ONG, il governo potrebbe innescare un conflitto interno che distruggerebbe dall’interno le ultime ONG del cambio di regime. In altre parole, lo Stato cerca di provocare una ‘rivoluzione colorata’ nelle organizzazioni rivoluzionarie colorate, mettendole su una posizione per loro quasi impossibile da difendere o da cui reagire.

Ukraine ProtestsUna controrivoluzione colorata
Una rivoluzione colorata in teoria si può definire come campagna ‘interna-esterna’ per cui elementi interni gestiti esternamente si attivano contro la struttura istituzionale per farla crollare. Così s’incentivano gli addetti delle ONG a divenire informatori sulle attività antigovernative illegali delle loro entità, cospirando l’uno contro l’altro e contro la loro amministrazione, proprio come la rivoluzione colorata mette i cittadini l’uno contro l’altro e contro il governo. Le ONG per il cambio di regime dai finanziamenti esteri sono già sotto pressione in Russia per le recenti modifiche legislative, ed inserendo il virus esterno-interno in quelle restanti, si potrebbe molto realisticamente provocarne la completa e definitiva distruzione. Confrontiamo come le ONG avviano le rivoluzioni colorate contro lo Stato alle ‘rivoluzioni colorate’ dello Stato contro le ONG ostili:

Tradimento:
ONG
Le ONG e i loro agenti mettono il popolo contro lo Stato spingendo all’aperto tradimento.

Stato
Lo Stato e i sue sostenitori incoraggiano i seguaci delle ONG dai finanziamenti esteri a tradire i loro padroni e divenire dei patrioti.

Motivazione:
ONG
I sostenitori del cambio di regime sono motivati da ‘avventurismo’ e ‘rischio’, sentimenti instabili glorificati e propagati da Hollywood in modo che l’occidente possa facilmente sfruttare la vulnerabilità della gioventù globale.

Stato
I sostenitori della sovranità statale sono motivati da patriottismo e memoria storica, concetti ispiratori che ringiovaniscono la Russia e il mondo multipolare come armatura asimmetrica contro le rivoluzioni colorate.

Azione:
ONG
Gli agenti delle ONG dai finanziamenti esteri si dedicano ad una rapida attività rivoluzionaria sociale, politica o economica dirette a destabilizzare lo Stato con vari gradi di caos.

Stato
I sostenitori dell’ordine si distinguono per il rafforzamento dei principi democratici che attuano i cambiamenti sociali, politici ed economici, essendo intrinsecamente a favore di pace e stabilità.

Visione:
ONG
Gli individui associati a tali movimenti dai finanziamenti esteri vogliono vedere i loro Paesi trasformarsi in caricature “occidentalizzate”, credendo fermamente che non abbiano nulla di utile da offrire al mondo e debbano di conseguenza sostituire l’identità nazionale con simulacri occidentali.

Stato
Le persone dai principi patriottici vogliono riaffermare le caratteristiche uniche nazionali del proprio Paese e in alcun modo veder imporre modelli stranieri sulla loro società.NulandIn azione
Se la Russia o qualsiasi partner multipolare decide di dare il colpo mortale alle ONG dai finanziamenti esteri e aderisce alla prescrizione politica fi questo articolo, allora la campagna sugli informatori delle ONG potrebbe essere:

Annuncio pubblico
Il governo e i suoi media informano il pubblico sulla nuova politica anticrimine concentrandosi sulle attività illegali delle ONG. I dipendenti delle ONG vengono invitati a presentare prove sulle attività antigovernative o di cambio di regime e violazione della legislazione pertinente. Attraverso attività d’informazione coordinate per sensibilizzare, lo Stato diffonde l’iniziativa tramite TV, radio, web e stampa. Commenti ufficiali di alti funzionari potrebbero essere efficaci per sensibilizzare sulla campagna.

Gestione dell’ordine:
La campagna non è una ‘caccia alle streghe politica’ ma un’iniziativa globale per attuare la legge e quindi l’annuncio pubblico sottolinea i principi giuridici alla base e il rapporto con la sicurezza dei cittadini. Così l’operazione va gestita dalle forze dell’ordine e degli organi di sicurezza dello Stato, per aumentarne l’efficacia e sminuire la retorica dei dissenzienti su presunte motivazioni politiche.

Incentivare gli informatori:
Senza ricompense adeguate per incoraggiare le defezioni dalle ONG, non è probabile che la campagna sia diversa da una retorica riuscita. Si suggerisce quindi che oltre a ricompense finanziarie, gli informatori abbiano l’immunità nel caso siano complici di maggiori attività illegali, a condizione naturalmente che loro testimonianza e prove portino a condanne. Se necessario, gli individui compatibili potranno anche essere inseriti in un programma di protezione dei testimoni per garantirne la sicurezza.

Conclusioni
Le ONG per il cambio di regime dai finanziamenti esteri sono finalmente sulla difensiva per la prima volta e la Russia fa progressi esemplari nella loro neutralizzazione ed eradicazione. La fase finale della controffensiva dello Stato sovrano è mettere ONG e loro dipendenti gli uni contro gli altri attraverso una rivoluzione colorata inversa, infliggendogli un colpo mortale nel prossimo futuro. Tali entità infide avranno metodi per perpetuarne l’esistenza, e mentre lo Stato può eliminarle dallo spazio pubblico, non potrà distruggerle completamente se non vi provoca lotte intestine paranoiche. L’avvio di una campagna sugli informatori delle ONG altamente pubblicizzata è volta proprio a questo, ed è l’ultimo passo per completare la triade della legislazione anti-ONG per identificare (legge sugli agenti stranieri), puntare (legge sulle ONG indesiderabili) e liquidare (campagna sugli informatori) tali reti destabilizzanti. Se la Russia sarà completamente libera dall’influenza delle ONG per il cambio di regime dai finanziamenti esteri, allora potrà creare un precedente liberatorio utile a tutti gli altri Stati multipolari colpiti da tale minaccia interna, comportando l’effetto domino che elimini il pericolo delle ONG militarizzate una volta per tutte.

RUSSIA-NATIONAL-UNITY-DAYTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

SEAL Team 6: storia segreta di omicidi silenziosi e linee confuse

L’unità meglio nota per l’omicidio di Usama bin Ladin è stata convertita in una macchina da caccia all’uomo globale con scarso controllo
Mark Mazzetti, Nicholas Kulish, Christopher Drew, Serge F. Kovaleski, Sean D. Naylor e John Ismay, New York Times, 6 giugno 2015
Matthew Rosenberg e Richard A.Oppel Jr. hanno contribuito alla segnalazione e alla ricerca hanno contributo Kitty Bennet, Alain Delaquérière, Susan Campbell Beachy e William M. Arkin.

Obama e il Generale McChrystal

Obama e il Generale McChrystal

Hanno eseguito missioni mortali da basi segrete nella selvaggia Somalia. In Afghanistan, si sono impegnati in combattimento ravvicinati da cui uscivano coperti di sangue altrui. Nelle incursioni clandestine nel cuore della notte, le loro armi scelte spaziavano dalle carabine personalizzate ai tomahawk primordiali. In tutto il mondo hanno gestito stazioni di spionaggio camuffate da imbarcazioni commerciali, si spacciavano da impiegati di società di copertura e da coppie sotto copertura nelle ambasciate, monitorando chi gli Stati Uniti volevano uccidere o catturare. Tali operazioni fanno parte della storia occulta del Team 6 dei SEAL dell’US Navy, una delle più mitizzate organizzazioni militari più segrete e meno controllate della nazione. Una volta piccolo gruppo riservato a rare missioni specializzate, noto per aver ucciso Usama bin Ladin, fu addestrato per oltre un decennio di combattimenti in macchina per la caccia all’uomo globale. Il ruolo riflette il nuovo tipo di guerra degli USA, in cui il conflitto si distingue non per vittorie e sconfitte sul campo di battaglia, ma dall’uccisione implacabile di sospetti militanti. Quasi tutto ciò che riguarda il Team 6 dei SEAL, indicato come unità per Operazioni Speciali, è avvolto nel mistero, il Pentagono non riconosce pubblicamente neanche quel nome, anche se alcune sue gesta sono emerse in resoconti ampiamente ammirati negli ultimi anni. Ma l’esame dell’evoluzione del Team 6, dovuta a decine di interviste con i membri del team, attuali ed ex, opinioni di altri ufficiali e documenti governativi, si rivela un molto più complesso racconto provocatorio. Mentre si combattevano le guerre di logoramento in Afghanistan e Iraq, il Team 6 effettuò missioni altrove offuscando la separazione tra soldato e spia. L’unità dei cecchini della squadra fu ricostituita per effettuare operazioni d’intelligence clandestine, ed i SEAL si unirono agli agenti della Central Intelligence Agency in un’iniziativa chiamata Programma Omega, che dava carta bianca alla caccia ai nemici. Il Team 6 ha effettuato con successo migliaia di incursioni pericolose che i leader militari ritengono abbiano indebolito le reti militanti, ma le sue attività hanno suscitato preoccupazioni ricorrenti su eccessi omicidi e civili morti. Gli abitanti dei villaggi afgani e un comandante inglese accusano i SEAL di aver ucciso indiscriminatamente in un piccolo villaggio. Nel 2009, i membri del team assieme a CIA e forze paramilitari afghane compì un raid che uccise un gruppo di giovani e infiammò le tensioni tra funzionari afghani e della NATO. Anche un ostaggio statunitense, liberato in un drammatico salvataggio, l’ha messo in discussione perché i SEAL uccisero tutti i suoi rapitori.
seals Quando si ebbero sospetti sulla cattiva condotta, la sorveglianza esterna fu limitata. Il Joint Special Operations Command, che sovrintende alle missioni del Team 6 dei SEAL, condusse delle indagini su oltre mezza dozzina di episodi, ma raramente riferendo agli investigatori dell’US Navy. “Il JSOC indaga il JSOC, e questo è parte del problema“, ha detto un ex-alto ufficiale esperto in operazioni speciali che, come molti altri intervistati per l’articolo, ha parlato sotto anonimato perché le attività del Team 6 sono classificate Anche i sorveglianti civili dei militari non esaminano periodicamente le operazioni dell’unità. “Questo è un settore in cui il Congresso notoriamente non vuole saperne troppo“, ha dichiarato Harold Koh, ex-consigliere superiore legale del dipartimento di Stato, che ha fornito una guida sulla guerra clandestina all’amministrazione Obama. Fiumi di denaro arrivano al Team 6 SEAL dal 2001, consentendogli di espandere significativamente le fila, raggiungendo le 300 truppe d’assalto, chiamati operatori e 1500 personale di supporto, per soddisfare le nuove esigenze. Ma alcuni membri del team si chiedono se il ritmo incessante delle operazioni abbia eroso la cultura d’élite dell’unità e logorato la squadra in missioni di combattimento di poca importanza. Il gruppo è stato inviato in Afghanistan per cacciare i capi di al-Qaida, ma invece ha trascorso anni a condurre battaglie contro taliban di medio e basso livello e altri combattenti nemici. I membri del team 6, ha detto un ex-operatore, erano come “riserve con i fucili”. Il costo era alto: sono morti più membri dell’unità negli ultimi 14 anni che in tutta la storia precedente. Aggressioni ripetute, salti con paracadute, salite scoscese e scoppio di esplosivi hanno lasciato molti malconci, fisicamente e mentalmente. “La guerra non è quella bella cosa che gli Stati Uniti sono arrivati a credere“, ha detto Britt Slabinski, ex-membro del Team 6 e veterano di Afghanistan e Iraq. “E’ emozionante, un essere umano che ne uccide altri a lungo, tirando il peggio fuori di sè, ed anche il meglio di sé“. Il Team 6 e la sua controparte dell’US Army, Delta Force, hanno compiuto azioni così intrepide spingendo i due ultimi presidenti a schierarli sempre più in lontani focolai di crisi, come Siria e Iraq, ora minacciate dallo Stato Islamico, e Afghanistan, Somalia e Yemen, impantanati nel caos. Come la campagna della CIA degli attacchi dei droni, le operazioni speciali offrono ai responsabili politici un’alternativa alle costose guerre di occupazione. Ma il baluardo della segretezza intorno il Team 6 rende impossibile valutare pienamente l’elenco e le conseguenze delle sue azioni, in particolare le vittime civili o il risentimento profondo nei Paesi in cui operano. Le missioni sono entrate nelle operazioni di combattimento statunitensi con poco o senza dibattito pubblico. L’ex-senatore Bob Kerrey, democratico del Nebraska e membro dei SEAL durante la guerra del Vietnam, avvertiva che il Team 6 e le altre forze per Operazioni Speciali sono abusati. “Sono diventati una sorta di numero verde da fare in qualsiasi momento per qualcuno che vuole che qualcosa sia fatto“, ha detto. Ma affidarsi a loro così tanto, ha aggiunto, è inevitabile ogni volta che i capi statunitensi si trovano ad affrontare “una di quelle situazioni in cui la scelta che hai è tra una orribile e una sbagliata, uno di quei casi in cui non si ha altra scelta”. Mentre rifiuta di commentare specificamente sul Team 6 dei SEAL, il Comando Operazioni Speciali degli Stati Uniti ha detto che dall’11 settembre 2001 le sue forze “sono state coinvolte in decine di migliaia di missioni e operazioni in molteplici teatri geografici, e mantenendo coerentemente i più alti standard richiesti dalle Forze Armate degli Stati Uniti“. Il comando ha detto che i suoi operatori sono addestrati ad operare in ambienti complessi e in rapida evoluzione e che ha fiducia in un loro comportamento appropriato. “Le accuse di cattiva condotta sono prese sul serio“, dice la nota, aggiungendo: “Fatti comprovati sono trattati dalle autorità militari o forze dell’ordine“. I fautori dell’unità non hanno dubbi sul valore di tali guerrieri invisibili. “Se vuoi che queste forze facciano cose che a volte violano le regole del diritto internazionale”, ha detto James G. Stavridis, ex-ammiraglio ed ex-comandante supremo alleato nella NATO, con riferimento alle azioni di guerra non dichiarata, “certamente non vuoi che siano pubbliche”, il Team 6 ha aggiunto, “dovrebbe continuare a operare nell’ombra“. Ma altri avvertono la seduzione di una campagna infinita di missioni segrete, lontano dalla vista del pubblico. “Se siete in un inconfessato campo di battaglia“, ha detto William C. Banks, esperto di diritto della sicurezza nazionale presso la Syracuse University, “Non ne siete responsabili“.

Combattimenti ravvicinati
seal-team-6 Durante uno scontro caotico nel marzo 2002 sulla cima del monte Takur Ghar, al confine con il Pakistan, il primo sottufficiale Neil C. Roberts, specialista d’assalto del Team 6 dei SEAL, scese da un elicottero su un terreno tenuto da al-Qaida. I combattenti nemici l’uccisero prima che le truppe statunitensi potessero arrivare, mutilandone il corpo nella neve. Fu la prima grande battaglia del Team 6 in Afghanistan, e il primo membro a morire. Il modo in cui fu ucciso fece rabbrividire la comunità affiatata. La nuova guerra degli Stati Uniti sarebbe stata ravvicinata e brutale. A volte le truppe effettuarono i più orrendi compiti: tagliare dita o pezzi di cuoio capelluto per l’analisi del DNA dai militanti appena uccisi. Dalla campagna del marzo 2002 la maggior parte dei combattenti di Usama bin Ladin fuggirono in Pakistan, e il Team 6 raramente ebbe altri combattimenti in battaglie campali contro la rete terroristica in Afghanistan. Il nemico che si doveva prendere era scomparso. A quel tempo, alla squadra fu vietata la caccia ai taliban ed anche inseguire al-Qaida in Pakistan per la preoccupazione di alienarsi il governo pakistano. Per lo più limitati alla base aerea di Bagram, presso Kabul, i SEAL erano frustrati. La CIA però non aveva restrizioni simili, e il Team 6 alla fine collaborò con l’agenzia di spionaggio e sotto la sua autorità, partecipò a più ampi combattimenti, secondo ex-ufficiali militari e d’intelligence. Le missioni nell Programma Omega, permisero ai SEAL di condurre “operazioni segrete” contro i taliban e altri militanti in Pakistan. Omega era basato sul Programma Phoenix in Vietnam, quando gli ufficiali della CIA e le truppe per Operazioni Speciali conducevano interrogatori ed omicidi per cercare di smantellare la guerriglia Vietcong nel Vietnam del Sud. Ma una vasta campagna di operazioni letali in Pakistan era considerata troppo rischiosa, dicono i funzionari, così il programma Omega si concentrava principalmente sull’impiego dei pashtun afgani per lo spionaggio nelle aree tribali del Pakistan, così come collaborare con le milizie afgane addestrate dalla CIA nei raid notturni in Afghanistan. Un portavoce della CIA ha rifiutato di commentare ciò. L’escalation del conflitto in Iraq attraeva sempre più l’attenzione del Pentagono, richiedendo un continuo accumularsi di truppe, tra cui il Team 6 dei SEAL. Con la relativamente piccola presenza militare statunitense in Afghanistan, le forze taliban si riorganizzarono. Allarmato, il Generale Stanley A. McChrystal, che guidava il Joint Special Operations Command, nel 2006 ordinò a SEAL e truppe di assumere un compito più ampio in Afghanistan: colpire i taliban, portando ad anni di incursioni notturne o scontri del Team 6, scelto come prima forza per le Operazioni Speciali negli anni più violenti di ciò che è la guerra più lunga degli Stati Uniti. L’unità segreta, creata per svolgere le operazioni più rischiose fu invece impegnata in combattimenti pericolosi, ma sempre più di routine. L’ondata di operazioni fu avviata d’estate quando il Team 6 e i Rangers dell’US Army iniziarono a dare la caccia ai taliban di medio livello nella speranza di trovare capi del gruppo nella provincia di Kandahar, il centro dei taliban. Furono usate le tecniche sviluppate dalla Delta Force nelle operazioni uccidi-e-cattura in Iraq. La logica della caccia all’uomo era che le informazioni raccolte da un santuario dei militanti, insieme a quelle raccolte da CIA e National Security Agency, avrebbe portato a una fabbrica di bombe e infine a casa di un comandante dei ribelli. Le truppe per Operazioni Speciali colpirono una serie infinita di obiettivi. Non si hanno dati pubblici sul numero di incursioni che il Team 6 ha effettuato in Afghanistan o il loro prezzo. Gli ufficiali dicono che nessun colpo è stato sparato nella maggior parte dei raid. Ma tra il 2006 e il 2008, gli operatori del Team 6 hanno detto che ci furono intensi periodi in cui, per settimane, la loro unità era coinvolta in 10-15 uccisioni a notte, e talvolta fino a 25. Il ritmo accelerato “fece divenire i ragazzi feroci”, ha detto un ex-ufficiale del Team 6. “Queste stragi erano diventate routine“. I comandanti delle operazioni speciali dicono che i raid smantellarono le reti dei taliban. Ma alcuni membri del Team 6 dubitano fossero di grande utilità. Un ex-membro del SEAL, pressato sui dettagli su una missione, disse, “Era così per molti di questi obiettivi, solo un altro nome. Che fossero fiancheggiatori, subcomandanti, comandanti, finanziatori dei taliban, non era più importante“. Un altro ex-membro del Team 6, un ufficiale, fu ancora più sprezzante su alcune operazioni, “Entro il 2010, i ragazzi divennero dei teppisti di strada“, ha detto. “La forza più altamente qualificata al mondo, seguiva i teppisti di strada“. L’unità fu spinta a compiere operazioni più veloci, silenziose e letali, godendo di un budget gonfiatosi e dei progressi della tecnologia dal 2001, il Team 6 dal blando nome di copertura Gruppo di sviluppo della guerra speciale navale, accennando alla missione ufficiale per sviluppare nuove attrezzature e tattiche per l’organizzazione SEAL, comprendeva anche nove squadre non classificate. Gli armaioli dei SEAL personalizzarono un nuovo fucile di fabbricazione tedesca e dotarono quasi tutte le armi di silenziatori, riducendone suoni e lampi. I laser a infrarossi, che permettono ai SEAL di sparare con maggiore precisione di notte, sono diventati standard, come l’ottica termica per rilevare il calore dei corpi. I SEAL sono dotati di una granata di nuova generazione, un modello termobarico particolarmente efficace nel far crollare gli edifici. Spesso gestiti in gruppi più grandi di quelli tradizionali i SEAL, dotati di armi più letali, lasciano meno nemici fuggire vivi. Alcuni del Team 6 hanno anche usato dei tomahawk realizzati da Daniel Winkler, produttore di coltelli del North Carolina che ha forgiato le lame per il film “L’ultimo dei Mohicani“. Per un periodo, i membri del Team 6, il Red Squadron, con nel logo il volto di un guerriero nativo americano sovrapposto da un tomahawk, ricevettero una scure Winkler nel primo anno in squadra, secondo due membri. In un’intervista, Winkler si rifiutava di discuterne ma ha detto che molti furono pagati da donatori privati. Le armi non sono state solo un ornamento. Diversi ex-membri del Team 6 hanno detto che alcuni uomini andavano in missione con le asce, e almeno uno uccise un combattente nemico con tale arma. Dom Raso, ex-operatore del Team 6, che lasciò l’US Navy nel 2012, ha detto che le accette furono utilizzati “per sfondare porte, manipolare serrature, combattimenti corpo a corpo e altre cose“, aggiungendo che asce e lame furono usate per uccidere quando era nei SEAL. “Qualunque strumento necessario per proteggere te stesso e i tuoi fratelli, se sia una lama o una pistola, viene usata“, ha detto Raso, che ha collaborato con Winkler nella produzione di una lama. Molti operatori SEAL respinsero un qualsiasi uso dei tomahawks dicendo che erano troppo ingombranti per i combattimenti e inefficaci come armi, anche se comprendono il disordine in guerra. “E’ un affare sporco“, ha detto un ex-operatore del Team 6, “Qual è la differenza tra sparargli come mi è stato detto, e tirare fuori un coltello e accoltellarli?”

Dam Neck Annex, la base dei SEAL

Dam Neck Annex, la base dei SEAL

La Cultura
Il quartier generale del Team 6 dei SEAL è un recinto presso il Dam Neck Annex della Naval Air Station Oceana, a sud di Virginia Beach, che ospita una base militare segreta dell’esercito. Lontano dalla vita pubblica, la base ospita non solo i 300 operatori della squadra (che disdegnano il termine “commandos”), i loro ufficiali e comandanti, ma anche piloti, costruttori Seabee, artificieri, ingegneri, medici e un’unità d’intelligence dotata di sofisticati sistemi di sorveglianza e tracciamento globale. I Navy SEAL, acronimo per Sea, Air, Land forces, nascono dai sommozzatori della seconda guerra mondiale. Il Team 6 nacque decenni più tardi, con la fallita missione del 1980 per salvare 53 ostaggi statunitensi sequestrati nell’ambasciata di Teheran. Scarsa pianificazione e errate previsioni costrinsero i comandanti ad abortire la missione, e otto militari morirono quando due aerei entrarono in collisione sul deserto iraniano. L’US Navy poi chiese al comandante Richard Marcinko, un duro veterano del Vietnam, di costituire un’unità SEAL che potesse rispondere rapidamente alle crisi terroristiche. Il nome stesso è un tentativo di disinformazione da guerra fredda: Solo due squadre SEAL erano esistenti al momento, ma il comandante Marcinko chiamò l’unità SEAL Team 6 sperando che gli analisti sovietici sovrastimassero la dimensione della forza. Disattese le regole e favorì l’immagine anticonformista dell’unità. (Anni dopo aver lasciato il comando, fu condannato per frode in un contratto militare). Nella sua autobiografia, “Rogue Warrior“, Marcinko descrive le grandi bevute in solidarietà al Team 6 SEAL; le sue interviste per reclutare spesso erano chiacchiere da ubriachi in un bar. Nel Team 6 vi erano inizialmente due gruppi d’assalto chiamati Blu e Oro, dai colori dell’US Navy. Il Blu della bandiera dei pirati Jolly Roger usata come insegna gli diede subito il soprannome di “Bad Boys in Blue” per la serie di arresti per guida in stato di ubriachezza, tossicodipendenza e incidenti con auto a noleggio nelle esercitazioni, in quasi impunità. I giovani ufficiali a volte furono cacciati dal Team 6 per aver cercato di ripulire ciò che percepivano come cultura dell’incoscienza. L’Ammiraglio William H. McRaven, divenuto capo del Comando Operazioni Speciali e che supervisionò il raid contro Bin Ladin, fu cacciato dal Team 6 e assegnato ad un’altra squadra SEAL quando Marcinko ne era il comandante, dopo le lamentele sulle difficoltà nel mantenere la disciplina delle truppe. Ryan Zinke, ex-ufficiale del Team 6 e ora deputato repubblicano del Montana, ha ricordato un episodio dopo una missione di addestramento della squadra a bordo di una nave da crociera, in preparazione della potenziale liberazione di ostaggi alle Olimpiadi del 1992 a Barcellona, Spagna. Zinke scortò un ammiraglio in un bar nei ponti in basso della nave. “Quando aprimmo la porta, mi sembrò si essere tra i ‘Pirati dei Caraibi‘”, disse Zinke, ricordando che l’ammiraglio era sconvolto da capelli lunghi, barbe e orecchini degli operatori. “La mia Navy?“, l’ammiraglio gli chiese. “Questi tizi sono nella mia Navy?” Fu l’inizio di ciò che Zinke definì “la grande strage”, quando l’US Navy epurò la leadership del Team 6 per professionalizzarla. Attuali ed ex operatori del Team 6 hanno detto che la cultura era diversa da quella di oggi. Ora si è più istruiti, atletici, vecchi e maturi anche se alcuni si spingono ai limiti. “Sono stato buttato fuori dai Boy Scout”, dice un ex-ufficiale. La maggior parte del Team 6 SEAL, ha aggiunto, “era come me“.
I membri della Delta Force, che hanno la reputazione di essere rigidi, spesso iniziano come fanteria regolare per divenire Ranger dell’Esercito ed entrare nelle squadre delle Forze Speciali prima di entrare nei Delta. Ma il Team 6 dei SEAL è isolato dal resto dell’US Navy, con molti degli uomini che passano la brutale trafila dei SEAL esterna a quella militare. Dopo diversi anni nelle squadre regolari SEAL, dai numeri pari in Virginia Beach, dispari a San Diego, e un’unità nelle Hawaii dedita ai mini-sommergibili, i SEAL possono tentare per il Team 6. Molti sono desiderosi di raggiungere l’unità d’élite, ma circa la metà non ci arriva. Gli Ufficiali ruotano nel Team 6, a volte tornando dopo diversi turni, ma i SEAL in genere rimangono molto più a lungo, avendo un’influenza smisurata. “Molti ragazzi arruolati pensano che in realtà daranno spettacolo”, ha detto un ex-membro. “Questo fa parte dello stile Marcinko“. E tendono alla spavalderia, dicono critici e difensori. Mentre le altre squadre SEAL (chiamate “bianche” o “vaniglia” nelle forze armate) compiono attività simili, il Team 6 persegue obiettivi di maggior valore e la liberazione di ostaggi nelle zone di combattimento. Opera di più con la CIA e compie più missioni clandestine fuori dalle zone di guerra. Il Team 6 è l’unica squadra a ricercare le armi nucleari se cadono nelle mani sbagliate. Il ruolo del Team 6 nell’incursione del 2011 contro Bin Ladin ha prodotto un’industria casalinga di libri e documentari, lasciando a denti stretti le Delta Force a roteare gli occhi. I membri del Team 6 sono tenuti a rispettare il silenzio sulle missioni, e molti membri, attuali ed ex, sono arrabbiati dai due che hanno parlato del loro ruolo nella morte del capo di al-Qaida. Matt Bissonnette, autore di due best seller sulla sua permanenza nel Team 6 dei SEAL, e Robert O’Neill, che ha detto in uno special televisivo di aver ucciso Bin Ladin, sono indagati dal Naval Criminal Investigative Service per aver rivelato informazioni classificate. Altri sono stati tranquillamente cacciati per uso di droga o per conflitti d’interesse con aziende militari o lavori collaterali. L’US Navy ha cacciato 11 operatori, nel 2012, per divulgazione su tattiche dei Team 6 o consegna di video classificati per l’addestramento, per promuovere il videogioco “Medal of Honor: Warfighter“. Con diversi schieramenti negli ultimi 13 anni, pochi membri dell’unità sono illesi. Circa tre dozzine di operatori e personale di supporto sono morti in missioni di combattimento, secondo un ex-membro del team, tra cui i 15 membri del Gold Squadron e due artificieri uccisi nel 2011, quando un elicottero con il nominativo Extortion 17 fu abbattuto in Afghanistan, il giorno più devastante della storia del Team 6. Esplosioni per violare edifici nei raid, assalti ripetuti e percosse guidando barche d’assalto ad alta velocità nei salvataggi marittimi o per addestramento, richiedono un prezzo. Alcuni uomini hanno subito lesioni cerebrali traumatiche. “Il mio corpo è finito“, ha detto un operatore da poco in pensione. “Il cervello anche“. “I SEAL sono un po’ come i tizi del NFL, non vogliono mai dire ‘me ne esco’“, ha detto il dottor John Hart, medico direttore scientifico presso il Centro di salute mentale dell’Università del Texas a Dallas, che ha molti pazienti tra i SEAL. “Se rispediscono ragazzi già affetti da commozione cerebrale, non fanno altro che pestare costantemente su una condizione cerebrale già esistente. Il cervello ha bisogno di tempo per guarire“.

Carta bianca per uccidere
seal-team-six-cast-gigandit-rodriguezAll’inizio della guerra in Afghanistan, il Team 6 SEAL fu assegnato a protezione del leader afghano Hamid Karzai; uno fu sfiorato durante un attentato al futuro presidente. Ma negli anni seguenti, Karzai divenne un aspro critico delle truppe per Operazioni Speciali degli Stati Uniti, lamentandosi che abitualmente uccidevano civili nei raid. Considerava l’attività del Team 6 ed altre unità come una manna per il reclutamento dei taliban e infine ha cercato di bloccare del tutto le incursioni notturne. La maggior parte delle missioni non era letale. Diversi membri del Team 6 hanno detto che donne e bambini venivano ammassati insieme e buttavano fuori gli uomini con una spinta o il calcio del fucile, per perquisirne le case. Spesso presero dei prigionieri; numerosi detenuti ebbero il naso rotto dopo che i SEAL li picchiavano per sottometterli, ha detto un ufficiale. Il Team 6 spesso operava sotto gli occhi attenti dei comandanti, ufficiali dei centri operativi d’oltremare e del Dam Neck che di routine sorvegliavano in tempo reale le incursioni con i droni, ma ebbero anche carta bianca. Mentre le truppe per Operazioni Speciali adottano le stesse regole d’ingaggio degli altri militari in Afghanistan, i membri del Team 6 eseguivano missioni notturne, decidendo vita e morte in stanze buie con pochi testimoni e fuori dalla portata di una vieocamera. Gli operatori potevano usare armi silenziate per uccidere tranquillamente i nemici mentre dormivano, un atto che difendono non essere diverso dal far cadere una bomba su una caserma nemica. “Mi intrufolavo nelle case della gente mentre dormiva“, Bissonnette dice nel libro “No Hero“, scritto con lo pseudonimo di Mark Owen. “Se li trovavo con un’arma, li uccidevo, proprio come tutti i ragazzi del commando“. E nelle loro decisioni tendono ad essere netti. Notando che sparano per uccidere, un ex-sottufficiale ha aggiunto che gli operatori sparavano “colpi di sicurezza” su quelli abbattuti, per assicurarsene la morte. (In una missione del 2011 su uno yacht dirottato al largo delle coste africane, un membro del Team 6 accoltellò un pirata 91 volte, secondo un medico legale, dopo che l’uomo e gli altri attaccanti avevano ucciso quattro ostaggi statunitensi. Gli operatori sono addestrati “per tagliare e mutilare tutte le principali arterie“, ha detto un ex-SEAL). Le regole si riducono a questo, ha detto un sottufficiale: “Se nella vostra valutazione vi sentite minacciati, in una frazione di secondo uccidete qualcuno”. Ha descritto come un cecchino dei SEAL uccise tre persone inermi, tra cui una ragazzina, in diversi episodi in Afghanistan, e disse ai superiori che sentiva rappresentare una minaccia. Legalmente ciò bastava. “Ma questo non funziona” nel Team 6, ha detto il sottufficiale. “Bisogna davvero essere minacciati“, aggiungendo che il cecchino fu cacciato dal Team 6. Una mezza dozzina di ex-ufficiali e soldati intervistati ha dichiarato di sapere di civili uccisi dal Team 6. Slabinski, ex-membro del Team 6 dei SEAL, ha detto che ha visto membri del Team 6 uccidere erroneamente civili “probabilmente quattro o cinque volte” durante le sue missioni. Diversi ex-ufficiali hanno detto che gli operatori del Team 6 venivano regolarmente interrogati quando si avevano sospetti su omicidi ingiustificati, ma di solito non ne trovavano chiare prove. “Non c’era alcun incentivo a scavare a fondo”, ha detto un ex-alto ufficiale delle Operazioni Speciali. “Cosa penso quando ci accadono cose brutte?” Chiese un altro ex-ufficiale, “Penso che ci siano state più uccisioni del dovuto? Certo“. “Penso che l’inclinazione naturale era, se si tratta di una minaccia, uccidere e poi controllare. ‘Oh, forse ho esagerato la minaccia’“, ha detto. “Se penso che i ragazzi abbiano intenzionalmente ucciso persone che non lo meritassero? Ho difficoltà a crederlo“. La morte di civili è inevitabile di ogni guerra, ma nei conflitti senza fronti distinti e dove i combattenti nemici sono spesso indistinguibili dai non combattenti, alcuni esperti di diritto militare dicono che le regole tradizionali della guerra sono obsolete e nuovi protocolli per la Convenzione di Ginevra sono necessari. Ma altri sobbalzano all’idea, dicendo che da tempo chiare norme di comportamento dovrebbero governare i torbidi combattimenti moderni. “Sottolineare queste linee e regole diventa ancora più importante quando si combatte un nemico spietato e senza legge“, ha detto Geoffrey S. Corn, ex-esperto di diritto di guerra per l’ufficio del procuratore generale dell’US Army ed ora professore al South Texas College of Law. “Questo è quando l’istinto di vendetta è forte. E la guerra non è vendetta“.
navy-seals-team-6-logo-i12 Verso la fine del dispiegamento afgano del Blue Squadron del Team 6, all’inizio del 2008, degli anziani si lamentarono dal generale inglese le cui forze controllavano la provincia di Helmand. Chiamò subito il capitano Scott Moore, comandante del Team 6 SEAL, dicendo che due anziani avevano riferito che i SEAL avevano ucciso dei civili in un villaggio, secondo un ex-membro del Team 6. Il capitano Moore affrontò i responsabili della missione, che aveva lo scopo di catturare o uccidere una figura dei taliban dal nome in codice Obiettivo Pantera. Quando il capitano Moore chiese cosa fosse successo, il comandante dello squadrone, Peter G. Vasely, negò che gli operatori avessero ucciso dei non combattenti, ma di aver ucciso tutti gli uomini che incontrarono perché erano tutti armati, secondo l’ex-membro del Team 6 e ufficiale. Il capitano Vasely, che ora sovrintende le squadre SEAL regolari della costa orientale, ha rifiutato di commentare. Il capitano Moore chiese al Joint Special Operations Command d’indagare l’episodio. In quel periodo, il comando ebbe rapporti da decine di testimoni su un villaggio in cui le forze statunitensi effettuarono esecuzioni sommarie. Un altro ex-operatore del Team sosteneva che Slabinski, al comando del Blue Squadron, indicò prima della missione che ogni maschio nel mirino doveva essere ucciso. Slabinski l’ha negato dicendo che non c’era una politica del genere. “Non ho mai detto questo ai ragazzi“, ha detto in un’intervista. Disse che nel periodo dell’incursione era turbato dopo aver visto uno degli operatori più giovani tagliare la gola di un talib morto. “Sembrava mutilasse il corpo“, ha dichiarato Slabinski, aggiungendo che subito gridò: “Smettila!” Il Naval Criminal Investigative Service poi concluse che l’operatore potrebbe aver tagliato l’equipaggiamento dal torace del combattente morto. Ma i capi del Team 6 si dissero preoccupati da alcuni operatori fuori controllo, e il protagonista dell’episodio fu rispedito negli Stati Uniti. Slabinski, sospettando che i suoi uomini non avessero seguito le regole d’ingaggio correttamente, li radunò per quello che ha definito un “discorso molto severo“. “Se qualcuno di voi sente il bisogno di punire, mi dovrebbe chiamare“, gli aveva ricordato. “Non c’è nessuno che possa autorizzarlo se non io“, disse che il suo messaggio era volto a comunicare che l’autorizzazione non sarebbe mai arrivata, perché tale comportamento non era appropriato. Ma ammise che forse alcuni dei suoi uomini l’avrebbero frainteso. Il JSOC scagionò lo squadrone dell’operazione Pantera, secondo due ex-membri del team 6. Non è chiaro quanti afghani furono uccisi nel raid o esattamente dove accadde, anche se un ex-ufficiale ha detto di ritenere fosse a sud di Lashkar Gah, capitale della provincia di Helmand. Ma le uccisioni indussero una discussione ad alto livello su come, in un Paese dove molti uomini girano armati, il Team 6 potesse “garantire che siamo solo contro i veri cattivi“, ha detto uno degli ex-capi del team. In altre inchieste, di solito gestite dal JSOC e non da investigatori dell’US Navy, nessuno è stato condannato. In genere, gli uomini venivano rimandati a casa quando preoccupazioni sorgevano; tre per esempio furono rispediti a Dam Neck dopo ilo pestaggio di un detenuto durante un interrogatorio, secondo un ex-ufficiale, così come alcuni membri del team coinvolti in uccisioni dubbi. Più di un anno dopo, un’altra missione creò forti proteste degli afghani. Appena dopo la mezzanotte del 27 dicembre 2009, decine di truppe statunitensi e afghane sbarcarono dagli elicotteri a parecchie miglia dal piccolo villaggio di Ghazi Khan, nella Provincia di Kunar, e camminarono verso i villaggio nel buio. Quando se ne andarono, 10 residenti erano stati uccisi.
Ciò che successe quella notte è ancora discusso. Lo scopo della missione era catturare o uccidere un operativo dei taliban, ma fu subito evidente che nessun capo talib erano presente. La missione si basava su informazioni errate, un problema che ha tormentato le operazioni degli Stati Uniti per anni in Afghanistan. Un ex-governatore della provincia indagò e accusò gli statunitensi di aver ucciso degli studenti. La missione delle Nazioni Unite in Afghanistan rilasciò una dichiarazione dicendo che una prima indagine concluse che “otto delle vittime erano studenti iscritti nelle scuole locali“. Il portavoce militare statunitense inizialmente disse che i morti facevano parte di una cellula di insorti che costruiva ordigni esplosivi improvvisati. Alla fine, abbandonarono tale spiegazione. Ma alcuni militari statunitensi ancora insistono che i giovani erano armati e legati ai taliban. Una dichiarazione della NATO affermò che gli autori del raid “non erano militari”, apparentemente un riferimento alla CIA, a capo dell’operazione. Ma i membri del Team 6 avevano partecipato a quella missione. Nell’ambito del programma segreto Omega, si unirono a una forza d’assalto composta da agenti CIA, paramilitari e soldati afgani addestrati dall’agenzia di spionaggio. Da allora, il programma iniziato con la guerra afghana era cambiato. Le incursioni in Pakistan furono limitate perché difficile operarvi senza essere notati da soldati pakistani e spie, così le missioni furono per lo più limitate alla parte afghana del confine. Nel tempo, il Generale McChrystal, divenuto comandante in capo statunitense in Afghanistan, rispose alle lamentele di Karzai sui morti civili serrando le norme sui raid notturni e ridimensionando il ritmo delle operazioni speciali. Dopo anni di raffinazione delle tecniche per infiltrarsi nelle sedi del nemico, il Team 6 veniva spesso chiamato “per invitare alla resa” prima di attaccare un sito, come lo sceriffo che annuncia con il megafono, “Vieni fuori con le mani in alto“. Slabinski ha detto che le vittime civili si ebbero più spesso durante l'”appello alla resa”, che avrebbe dovuto mitigare proprio tali perdite. I combattenti nemici, ha detto, a volte inviavano i famigliari per poi sparare da dietro di loro, o davano ai civili torce per farsi segnalare posizioni degli statunitensi. O’Neill, ex- membro del Team 6, conveniva che le norme potessero essere frustranti. “Ciò che abbiamo capito era che maggiore è il margine di manovra nei danni collaterali, più efficaci eravamo non perché ce ne avvantaggiavamo, ma sapendo che non ci avremmo ripensato”, ha detto in un’intervista. “Quando c’erano più regole, era più difficile“.

1-93216Missioni di salvataggio
Anni fa, prima dei raid notturni afghani e delle missioni di guerra, il Team 6 dei SEAL si addestrava costantemente nel salvataggio degli ostaggi, missioni pericolose e difficili in cui non ebbero mai la possibilità di esibirsi prima del 2001. Da allora, il gruppo ha tentato almeno 10 salvataggi che furono tra i successi più celebri e i fallimenti più amari. Gli operatori dicono che i salvataggi sono considerati missioni “in cui non si sbaglia”, dove muoversi velocemente ed esporsi a rischi maggiori rispetto a qualsiasi altro tipo di operazione, per proteggere gli ostaggi colpiti o altrimenti feriti. I SEAL spesso finiscono per uccidere la maggior parte dei rapitori. Il primo saavataggio di alto profilo avvenne nel 2003, quando il Team 6 dei SEAL recuperò la soldatessa Jessica Lynch, ferita, catturata e tenuta in un ospedale nei primi giorni della guerra in Iraq. Sei anni più tardi, i membri del Team 6 balzarono da un aereo cargo nell’Oceano Indiano con le loro barche d’assalto appositamente progettate prima della missione di salvataggio di Richard Phillips, il capitano della Maersk Alabama, nave portacontainer dirottata da pirati somali. Gli operatori ripresi da un video mostrato da O’Neill, si paracadutarono con le pinne legate agli stivali dopo aver lanciato le quattro piccole e veloci barche dalle caratteristiche stealth per eludere i radar, legate a più paracaduti. I cecchini dei SEAL infine uccisero tre pirati. Nel 2012, gli operatori si tuffarono dal cielo in Somalia per liberare una cooperante statunitense, Jessica Buchanan, e il collega danese Poul Hagen HALOThisted. Il JSOC considera alte prestazioni come standard per tali missioni. I SEAL usarono una tecnica di paracadutismo a caduta libera chiamata “Haho“, per alta apertura a quota alta con cui, saltando da alta quota e guidati dal vento per molte miglia, si attraversa una frontiera di nascosto, un’azione così rischiosa che negli anni molti uomini sono morti addestrandovisi. Buchanan ha ricordato che quattro dei sequestratori erano a 5 metri da lei, quando il Team 6 si avvicinò col favore delle tenebre. Uccisero i nove rapitori salvando i cooperanti. “Fin quando non si identificarono, non credevo che un salvataggio fosse possibile“, ha detto la signora Buchanan in un’intervista. Nell’ottobre 2010, un membro del Team 6 commise un errore durante il tentativo di salvare Linda Norgrove, cooperante inglese di 36 anni prigioniera dei taliban. Il disastro si ebbe nei primi due minuti dopo che gli operatori erano saltati dagli elicotteri nelle montagne della provincia di Kunar, scivolando giù per 20 metri di corda intrecciata per un ripido pendio, secondo due alti ufficiali. Mentre scendevano nel buio verso la sede dei taliban, il nuovo membro del team si confuse, ha poi detto agli investigatori. La sua arma s’era inceppata. “Pensare a un milione di miglia di un minuto” ha detto, gettò una granata su coloro che credeva fossero dei combattenti nascosti in un fosso. Ma dopo lo scontro a fuoco che uccise diversi taliban, i SEAL trovarono l’ostaggio, con abiti scuri e una sciarpa testa, morta nel fosso. Inizialmente, l’operatore che lanciò la granata e un altro membro dell’unità riferì che Norgrove fu uccisa da un giubbotto esplosivo suicida, ma la storia andò subito a pezzi. Il video di sorveglianza mostra che morì quasi istantaneamente da ferite di frammentazione su testa e schiena causate dall’esplosione della granata, osservava il rapporto investigativo. L’inchiesta congiunta dei governi statunitense ed inglese concluse che l’operatore che aveva gettato la granata aveva violato le procedure per la liberazione di ostaggi. Fu espulso del Team 6, anche se ebbe il permesso di rimanere in un’altra unità SEAL. Un’operazione di salvataggio, due anni dopo, riuscì a liberare un medico statunitense, anche se a caro prezzo. Una notte nel dicembre del 2012, un gruppo di operatori del Team 6 che indossavano occhiali per la visione notturna irruppe in una villetta in Afghanistan, dove i taliban detenevano il dottor Dilip Joseph, che lavorava con un’organizzazione umanitaria. Il primo operatore ad entrare fu abbattuto da un colpo alla testa, gli altri risposero con efficienza brutale, uccidendo tutti e cinque i rapitori. Ma il dottor Joseph e altri ufficiali diedero dei resoconti nettamente diversi sul raid. Il medico ha detto in un’intervista che un 19enne, di nome Wallakah, fu il solo sequestratore a sopravvivere all’assalto. Fu catturato dagli operatori SEAL e si sedette a terra, le mani intorno le ginocchia, la testa in basso, ha ricordato il medico. Wallakah, secondo lui, aveva sparato all’operatore del Team 6. Pochi minuti dopo, in attesa di salire a bordo di un elicottero per la libertà, il dottor Joseph disse a uno dei suoi soccorritori SEAL di riportarlo in casa, dove vide alla luce della luna Wallakah giacere in una pozza di sangue, morto. “Ricordo queste cose chiaramente come il giorno“, ha detto il medico. Ufficiali delle forze armate, parlando solo in base all’operazione classificata, hanno sostenuto che tutti i rapitori furono uccisi subito dopo che la squadra SEAL era entrata e xhw Wallakah non era mai stato fatto prigioniero. Hanno anche detto che il dottor Joseph sembrava disorientato, al momento e non rientrò nella casa, né poteva vedere quello che accadeva nella notte buia. Due anni dopo, il dottor Joseph è grato per il salvataggio e il sacrificio del sottufficiale Nicolas D. Checque, il membro del team ucciso in missione. Ma ancora si chiede cosa sia successo a Wallakah. “Ci misi settimane a venire a patti con l’efficienza del soccorso“, ha detto il dottor Joseph. “Fu così chirurgica“.

new-SEALS-maps-1040Una Forza di Spionaggio Globale
Da una serie di basi lungo il confine con l’Afghanistan, il Team 6 regolarmente invia locali nelle aree tribali del Pakistan per raccogliere informazioni. Il team ha trasformato i grandi e variopinti camion “tintinnanti”, popolari nella regione, in stazioni di spionaggio mobili, nascondendo sofisticate apparecchiature d’intercettazione nei camion, utilizzando dei pashtun per guidarli oltre il confine. Fuori dalle montagne del Pakistan, il team si è anche avventurato nel sud-ovest del deserto del Paese, compresa la regione instabile del Baluchistan. Una missione quasi finì in un disastro quando i militanti spararono una granata a razzo sfondando il tetto della loro villetta e facendo finire la sovrastante squadra di 6 cecchini in mezzo al piccolo gruppo di combattenti, che un cecchino statunitense vicino uccise rapidamente, ha raccontato un ex-operatore. Oltre Afghanistan e Pakistan, i membri del Team 6 Black Squadron sono sparsi in tutto il mondo in missioni di spionaggio. Originariamente l’unità dei cecchini del Team 6, il Black Squadron, fu riconfigurato dopo gli attacchi dell’11 settembre per condurre “operazioni d’avanguardia”, gergo militare per la raccolta di informazioni e altre attività clandestine in preparazione di una missione speciale. Era un concetto particolarmente popolare nel Pentagono dell’ex-segretario alla Difesa Donald H. Rumsfeld. A metà dello scorso decennio, il Generale McChrystal aveva designato il Team 6 a un ruolo più ampio nelle missioni di raccolta a livello mondiale, e gli operatori del Black Squadron sono schierati nelle ambasciate statunitensi dall’Africa sub-sahariana all’America Latina e al Medio Oriente. Il Team 6 dei SEAL usa valigie diplomatiche per inviare regolarmente documenti classificati e altro materiale diplomatico statunitense, e avere le armi per gli operatori del Black Squadron di stanza all’estero, secondo un ex-membro. In Afghanistan, gli operatori del Black Squadron indossano abiti tribali, di nascosto piazzano telecamere e dispositivi di ascolto nei villaggi ed interrogano i residenti nei giorni o settimane precedenti le incursioni notturne, secondo molti ex-membri del Team 6. L’unità adotta società di copertura per gli operatori del Black Squadron in Medio Oriente, e gestisce stazioni di spionaggio galleggianti camuffate da navi mercantili al largo delle coste di Somalia e Yemen. Membri del Black Squadron lavoravano nell’ambasciata statunitense a Sana, capitale yemenita, al centro della caccia ad Anwar al-Awlaqi, il religioso radicale e cittadino statunitense affiliato ad al-Qaida nella penisola arabica. Fu ucciso nel 2011 da un drone della CIA. Un ex-membro del Black Squadron ha detto che in Somalia e Yemen gli operatori non sono autorizzati a sparare, a meno che obiettivi di alto valore siano nel mirino. “Al di fuori di Iraq e Afghanistan non gettiamo alcuna rete“, ha detto l’ex-membro. “Facciamo tutt’altro“. Il Black Squadron ha qualcosa che il resto del Team 6 dei SEAL non ha: le operatrici, donne dell’US Navy ammesse al Black Squadron e inviate all’estero per raccogliere informazioni, di solito nelle ambasciate con controparti maschili. Un ex-ufficiale del Team 6 ha detto che i membri maschili e femminili del Black Squadron spesso lavorano in coppia. Si chiama “profilo d’ammorbidimento”, rendendo la coppia meno sospetta ai servizi segreti ostili o ai gruppi militanti. Il Black Squadron ora ha più di 100 membri, la sua crescita coincide con l’espansione delle minacce percepite nel mondo. Riflette inoltre il cambio tra i responsabili politici statunitensi. Dall’ansioso utilizzo dei guerrieri ombra negli anni seguenti la debacle del 1993, il “Black Hawk Down” di Mogadiscio in Somalia, i funzionari del governo oggi sono disposti a mandare unità come il Team 6 dei SEAL nei conflitti, che gli Stati Uniti ne riconoscano il ruolo o meno. “Quando c’ero io, eravamo sempre a caccia di guerre“, ha dichiarato Zinke, deputato ed ex-operatore del Team 6. “Questi ragazzi le hanno trovate“.

Bing-Map-of-Osama-Compound-Mockup-620x324Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La decennale guerra degli USA contro la Cina

Robert S. Rodvik Rete Voltaire, 13 gennaio 2013

Dopo decenni di azioni segrete destinate a rovesciare il governo comunista della Cina, nel 1989 la CIA lanciò la prima delle sue cosiddette rivoluzioni “colorate” che, fallita, non raggiunse lo scopo, venendo denominata così in un secondo tempo, in Europa orientale e Georgia. L’azione si svolse a Pechino, dove la CIA aveva preparato una consorteria di “studenti” per spodestare il governo.

peaceful-manCon una scoperta fortuita mi è capitato un piccolo articolo sepolto a pagina 20 di The Sun Vancouver del 17 settembre 1992, attribuito all’Associated Press. Fu l’unico pezzo ovviamente sfuggito ai gatekeeper che ci offrono “l’unica notizia adatta alla stampa“. L’articolo era intitolato: “Tiananmen – la reazione dell’uomo della CIA fraintesa, dicono le fonti“. [1] Dimenticate il titolo. Tutti i titoli sono creati da persone diverse dall’autore, e spesso hanno poco senso con il contenuto del pezzo. In questo caso la storia è estremamente indispensabile per la verità, e questa dell’AP è stata una vera rivelazione, per quanto alla verità sia interessata. L’articolo inizia così: “Il capo della stazione della CIA in Cina ha lasciato il Paese due giorni prima che le truppe cinesi attaccassero i manifestanti nella capitale Pechino, nel 1989, dopo la previsione che i militari non avrebbero agito, secondo dei funzionari degli Stati Uniti… La CIA aveva fonti tra i manifestanti, così come nei servizi d’intelligence della Cina con sui è in rapporti dal 1970, hanno detto i funzionari, che parlavano in condizione di anonimato“. Molto più che per le “fonti”, tuttavia, fu per i metodi attuati per rovesciare la leadership comunista del Paese, perseguiti per decenni. L’articolo continua: “Mesi prima dell’attacco contro i manifestanti del 3 giugno, la CIA aveva aiutato gli attivisti a formare il movimento anti-governativo fornendo macchine da scrivere, fax e altre apparecchiature per diffondere i loro messaggi, ha detto un funzionario. La CIA ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni“. Un ulteriore articolo su The Vancouver Sun del 31 maggio 1999 e attribuito al Washington Post [2] apparve poco dopo il bombardamento degli Stati Uniti dell’ambasciata cinese a Belgrado, in Jugoslavia. Fu la risposta ufficiale ai continui commenti anti-cinesi degli USA sulla versione occidentale degli eventi di Tienanmen. L’articolo inizia così: “La Cina ha accusato gli Stati Uniti d’incitare le massicce proteste in piazza Tiananmen, che scossero Pechino un decennio fa nell’ambito di una strategia per promuovere il caos politico in Cina“. Il Washington Post indica ciò che pensa di una simile affermazione, dicendoci che proviene dal “parlamento formale” della Cina. Naturalmente siamo d’accordo che tutto ciò che il Post riporta dalla Cina sicuramente dev’essere delirante, mentre ciò che proviene da Washington è senz’ombra di dubbi. L’articolo del Post continua con tale affermazione sulla fonte parlamentare cinese: “Gli Stati Uniti ‘ebbero un ruolo inglorioso’ nelle proteste del 1989 che ‘diressero e pianificarono consegnando denaro e beni a sostegno dei manifestanti’ afferma la dichiarazione… gli USA diffusero anche ‘voci orribili utilizzando i loro media per ingannare la comunità internazionale’ ha detto”. L’articolo del Post sembra deplorare qualsiasi particella d’informazione proveniente dalla Cina, chiudendo dicendo: “Il governo continua la critica implacabile degli Stati Uniti per il bombardamento dell’ambasciata cinese a Belgrado del 7 maggio, secondo cui aveva lo scopo di destabilizzare la Cina“. [3] Immaginate i cinesi protestare solo perché gli USA hanno bombardato la loro ambasciata e ucciso loro funzionari. Immaginate una situazione al rovescio con la Cina che bombarda l’ambasciata degli Stati Uniti dai qualche parte nel mondo. Quanto pensate passerebbe prima che i bombardieri B2 decollino. Il che mi porta a un’altra scoperta sorprendente, le foto dei veri “studenti” della CIA nelle loro “proteste per la democrazia”, ancora scomparse dalla realtà, e poco dopo la rivista che le ha pubblicate, 028China Review, scomparire del tutto dal mondo della stampa. Il numero del luglio 1989 contiene una serie di fotografie delle violenze dei “pacifici” partecipanti, blindati e autocarri militari demoliti e in rovina; “Studenti” con fucili d’assalto, ecc. A quanto pare l’addestramento della CIA andava oltre i telefax. [4] Si dà il caso che vidi il documentario della PBS Frontline del 2006 dal titolo “Tank Man”. Tra i protagonisti vi era il professor Timothy Brook, docente di Storia cinese presso l’Università della British Columbia di Vancouver. Il professor Brook potrebbe aver lavorato per la CIA per quanto si riferisse agli spregevoli (secondo lui) crimini della Cina del docudrama. Riuscì a telefonare al professore Brook, certificando che parlavo con l’uomo giusto, e gli chiesi se sapeva del coinvolgimento della CIA in tutta la dolorosa vicenda e nella distruzione di molte forze dell’EPL. Il professor Brook affermò che tale incidente accadde. Risposi dicendo che gli avrei spedito copie nel mio materiale, come feci. Fu l’ultima volta che sentì il capo del dipartimento cinese dell’UBC, dimostrando che i divulgatori d’informazione nel sistema universitario sono poco più che propagandisti dell’imperialismo occidentale.

Bombardamento dell’ambasciata cinese
Kineska-ambasada-obr La notte del 7 maggio 1999, tre missili della NATO colpirono un punto critico dell’ambasciata cinese a Belgrado, in Jugoslavia, che ospitava la stanza di raccolta di informazioni elettroniche. In un primo momento l’atrocità fu attribuita dagli Stati Uniti a mappe obsolete che non indicavano l’ambasciata nella posizione corretta. Fu patetico e non convinse nessuna, meno di tutti i cinesi che esplosero con reazione furiosa per i 26 feriti e tre uccisi dell’attacco intenzionale. Risulta che la CIA avesse espressamente scelto il bersaglio che, secondo essa, era puramente accidentale dovuto a mappe obsolete. Fu una “pura coincidenza”, ha detto un anonimo funzionario del Pentagono. “L’errore è dovuto ai dati originali. Erano superati. Credo fosse una mappa del 1992, quando avrebbe dovuto essere una mappa aggiornata“. [5] Ulteriore spiegazione della storia, ovviamente fraudolenta, viene offerta al lettore: “Solo dopo il disastro la CIA svelò due mappe che ponevano nel modo accurato l’ambasciata… Un ultimo backup fallì quando diverse banche dati informatizzate dei siti esclusi dai bombardamenti, come ambasciate, ospedali e chiese, non diede la posizione corrente dell’ambasciata cinese“. [6] E se non credi a ciò che vedo, ho un ponte da venderti. I commenti seguirono una pista diversa in seguito, nell’ottobre 1999, quando The Observer di Londra contestò la versione ufficiale degli Stati Uniti con il titolo: La NATO ha bombardato i cinesi deliberatamente, affermando tra l’altro che: “La NATO ha deliberatamente bombardato l’ambasciata cinese a Belgrado durante la guerra in Kosovo, dopo aver scoperto che trasmetteva comunicazioni dell’esercito jugoslavo. Secondo alte fonti militari e d’intelligence di Europa e Stati Uniti, l’ambasciata cinese fu rimossa dalla lista dei bersagli vietati dopo che l’intelligence elettronica (Elint) della NATO rilevò l’invio di segnali militari alle forze di Milosevic. Un ufficiale del controllo del volo della NATO a Napoli, ci ha anche confermato che la mappa dei “non-obiettivi”: chiese, ospedali e ambasciate, tra cui quella cinese, esisteva. Su tale mappa l’ambasciata cinese era correttamente sul sito attuale, e non dov’era fino al 1996, come sostengono Stati Uniti e NATO“. [7]
chinese-ambulance Se, tuttavia, la banda NATO disponeva di un simile elenco di “non-bersagli”, come già citato, allora perché bombardò ospedali, case di riposo, chiese, scuole e altri luoghi civili? Uno studio storico del terrorismo della NATO ne stabilisce senza ombra di dubbio il disprezzo criminale per i civili, ovunque il suo apparato militare si scateni. Lo stesso giorno in cui l’ambasciata cinese fu colpita, i bombardieri della NATO colpirono anche Nis, la terza città della Jugoslavia, bombardando un ospedale e un mercato all’aperto pieno di civili, “uccidendo 15 persone e ferendone 70”. “I giornalisti furono portati a Nis, città industriale a 195 km a sud-est di Belgrado, per mostrare la devastazione dall’attacco con cluster bomb che colpì un mercato e un complesso ospedaliero… Gli edifici furono crivellati dalle bombe con esplosivi a scoppio ritardato (sganciando piccole bombe che si aprono a ventaglio per uccidere su un ampio raggio, spargendo indiscriminatamente esplosivi e trasformando il suolo colpito in un mostruoso campo di sterminio”. [8] Dopo un lungo studio del bombardamento dell’ambasciata, trovo che il resoconto dell’Observer sul perché la NATO colpì l’ambasciata, sia menzognero. Perché i cinesi passavano le comunicazioni dalla capitale alle truppe jugoslave sul campo? Cosa avevano da guadagnarci? Credo che ci sia una spiegazione più credibile. Il motivo reale dell’attacco era insabbiare i crimini di guerra della NATO che si verificavano quasi ogni giorno, e la postazione d’ascolto cinese situata nell’ambasciata bombardata intercettava gli ordini emessi dalla NATO chiaramente rivelandone i crimini. I cinesi dovevano essere messi a tacere e le loro operazioni chiuse, non importando le conseguenze. Prendete, per esempio, la colonna di profughi albanesi del Kosovo su trattori e carretti. La colonna che Stati Uniti e NATO bombardarono uccidendone a decine. Come il Globe and Mail di Toronto: “Le autorità jugoslave hanno detto che aerei della NATO hanno ucciso più di 60 albanesi kosovari in un attacco contro una colonna di profughi. Una strada disseminata dei corpi di rifugiati è stata mostrata alla televisione serba e giornalisti stranieri sono stati accompagnati sul sito a filmare la carneficina. La televisione serba ha rivelato estratti ciò che ha definito conversazione registrata di un pilota della NATO a cui viene ordinato di attaccare un convoglio civile in Kosovo, nonostante vedesse solo auto e trattori. Ha detto che la conversazione era tra il pilota e un aereo radar di allarme precoce (AWACS). L’estratto ha riguardato il momento critico in cui il pilota individuava il convoglio. Alla domanda se ci fossero dei carri armati nel convoglio, ha detto che vedeva solo auto e trattori. Ma l’altro aereo rispose “E’ un obiettivo militare, un obiettivo militare del tutto legittimo. Distruggere il bersaglio…” [9]. Questo, credo, è il motivo per cui il posto di ascolto venne distrutto. La capacità d’intercettare le comunicazioni della NATO era molto più dannosa per la credibilità della NATO di qualsiasi altro motivo presunto. Gli aerei AWACS guidavano tutti i bombardamenti della NATO e la possibilità di registrare le comunicazioni presentava la grave situazione di criminali di guerra che attivamente attaccavano non-bersagli: ospedali, chiese, mercati, ponti, industrie, stazioni televisive e praticamente ogni bersaglio immaginabile. I cinesi, umiliati per l’incapacità di rispondere, prestarono attenzione e si resero conto che Stati Uniti e satrapi partner avvertivano che la Cina era una tigre di carta senza sostanza, e che era la prossima nella lista degli aggressori imperialisti. Da qui, credo, cominciarono a dedicare seriamente un maggiore bilancio per sviluppare le proprie forze militari. Fu, decisero gli analisti cinesi, il campanello d’allarme che li convinse della necessità di una maggiore reattività, sicuramente comprendendo che senza un esercito efficace, le loro economia e sovranità avrebbero subito un attacco comprendente anche armi nucleari. Con il pivot di Obama verso il Pacifico, credo che sia solo questione di tempo!

Note
[1] The Vancouver Sun, “TIANANMEN – CIA man misread reaction, sources say”, 17 settembre 1992, p.A20.
[2] Michael Laris, “Beijing Blames America For Tiananmen Protests“, The Washington Post, 31 maggio 1999.
[3] The Vancouver Sun, “U.S. had ‘inglorious role’ in 1989 protest, China says“, 31 maggio 1999, p.A2.
[4] China Review, luglio 1989, pp. 31-43.
[5] Il presidente della commissione del Senato USA per l’intelligence Richard Shelby, 10 maggio, spiega perché la Central Intelligence Agency diresse la NATO nel bombardare l’ambasciata cinese a Belgrado uccidendo quattro (?) persone. (Altri resoconti parlano di tre uccisi).
[6] The New York Times, “In Fatal Error, C.I.A. Picked a Bombing Target Only Once: The Chinese Embassy“, 23 luglio 1999, p.A9.
[7] The Observer, “NATO bombed Chinese deliberately“, John Sweeney and Jens Holsoe in Copenhagen and Ed Vulliamy in Washington, 17 Ottobre 1999.
[8] The Globe and Mail, “NATO bombs Chinese embassy“, Julijana Mojsilovic, Reuters News Agency, Belgrade, 8 maggio 1999, p.A1.
[9] The Globe and Mail, “Reports on bombing cloud the picture“, 19 aprile 1999, p.A7

wrong-mapIl massacro di piazza Tiananmen è mitologia
Gregory Clark, Global Research, 7 giugno 2015

TS-crIl 4 giugno 2015 per molti segna il 26° anniversario del massacro di piazza Tiananmen. Ciò che in realtà dovrebbe segnare è l’anniversario di una delle più spettacolari operazioni di disinformazione del Regno Unito, quasi come le mitiche armi di distruzione di massa irachene. La storia originale delle truppe cinesi che nella notte del 3 e 4 giugno 1989 mitragliarono centinaia di innocenti studenti che protestavano nell’iconica piazza Tiananmen a Pechino, fu poi completamente screditata da molti testimoni diretti, tra cui una troupe televisiva spagnola, un corrispondente di Reuters e gli stessi manifestanti che dicono che non fosse successo null’altro che un’unità militare arrivare e chiedere a centinaia di presenti di lasciare la piazza a tarda notte. Eppure tutto ciò non ha impedito che il massacro venga riproposto costantemente, e creduto. Tutto ciò che accadde è che la posizione fu modificata, dalla piazza alle strade che portano alla piazza. La storia originale iniziò con un lungo articolo pubblicato sei giorni dopo dal South China Morning Post di Hong Kong su un presunto manifestante la cui sorte non fu mai accertata (E’ il Buazizi cinese. NdT). Spacciare storie anonime è la tecnica preferita dalla disinformazione inglese, ma non ha impedito che apparisse sulla prima pagina del New York Times del 12 giugno, insieme a foto di veicoli trasporto truppe incendiati seguite dalla foto del tankman, il presunto studente solitario che tentava di non fare entrare nella piazza una fila di carri armati dell’esercito. Il mito della strage, da allora ha messo radici. È vero, nessuno nega che numerosi cittadini e studenti furono uccisi nei pressi della piazza dai soldati, apparentemente fuori controllo. Ma perché? Torniamo a quelle foto dei mezzi incendiati. Il punto di vista popolare è che furono incendiati dai manifestanti arrabbiati dopo la sparatoria. In realtà furono incendiati prima. La prova? Rapporti su cadaveri carbonizzati appesi sotto di cavalcavia (quello fotografato dalla Reuters rimane inedito), e di soldati feriti che cercano rifugio nelle case vicine. I soldati in questo tipo di situazione usano le armi, basta chiedere ai buoni cittadini di Falluja, in Iraq. Per fortuna abbiamo anche i rapporti orari dell’ambasciata statunitense a Pechino, disponibili su Internet, che ci dicono cosa realmente accadde. Svelando che in origine le autorità di Pechino avevano inviato truppe disarmate per cacciare dalla piazza gli ultimi studenti mentre le proteste cominciavano a terminare. Bloccati dalla folla, le truppe furono assediate e questa volta bloccate da una folla armata di bombe molotov, con risultati gravi. Anche così, alcune unità cercarono di trattenere i soldati infuriati. Un rapporto dell’ambasciata parla degli studenti che uccisero un soldato che cercava di entrare nella piazza, spiegando la carneficina nei dintorni.
TS-crSul tankman, sappiamo dal cameraman che lo riprese nella foto ampiamente pubblicizzata, presa dalla finestra dell’albergo il giorno dopo gli scontri, che i carri armati stavano andando via e non entrando nella piazza. Un rapporto dettagliato dall’autorevole Columbia Journalist Review, ‘Il Massacro di Tienanmen è un mito e prezzo della stampa passiva‘ allora prese atto della preferenza dei media per il sangue e storie dell’orrore. Ma niente di tutto ciò sembra aver intaccato la credibilità della storia del massacro di Tiananmen. È vero, parte della colpa è anche di Pechino. Le sue campagne contro i capi della protesta e le accuse su complotti antiregime non fecero buona impressione. Ma aveva le sue ragioni. Frustrati, la lunga protesta iniziò a dissiparsi, alcuni dei capi studenteschi chiesero l’intervento di folle inferocite ancora intorno alla piazza. E come fece quella folle ad avere bombe molotov, arma non utilizzata dai rivoltosi cinesi e ritenuta responsabile della distruzione di oltre 400 veicoli? Il regime aveva tollerato i manifestanti, consentendogli di occupare la piazza centrale per sei settimane. Il segretario generale del partito aveva cercato invano di negoziare, e poi rammaricato dalla mancanza di mezzi di controllo della folla, dovette affidarsi a soldati non addestrati. Poi di nuovo, niente di tutto questo sarebbe successo se il regime non avesse avuto colpe in passato. Le parole del noto scrittore di Taiwan Hou Dejian, che fece lo sciopero della fame in piazza per  solidarietà agli studenti, dicono tutto: “Qualcuno ha detto 200 morti in piazza altri numeri più alti come 2000 morti. Ci furono anche storie di carri armati che schiacciavano gli studenti che cercavano di andare via. Devo dire che non ho visto nulla di tutto questo. Io stesso fui in piazza fino alle 6:30 del mattino. “Continuo a pensare, dobbiamo utilizzare le menzogne per attaccare un nemico che mente?

1076535352Gregory Clark è un ex-diplomatico australiano, lettore di cinese e presidente degli universitari in Giappone.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Pronto G7, qui chiama la Cina

M K Bhadrakumar Indian Punchline 9 giugno 2015Germany_G-7_Summit.JPEG-0becd_s878x585Il tono compiaciuto di Xinhua sull’incontro di Garmisch-Partenkirchen dice tutto. Pechino ha preso atto che i leader dei G7 riuniti in Germania hanno rifiutato di farsi raggirare dall’instancabile primo ministro del Giappone Shinzo Abe e scelto invece di uscirsene con una dichiarazione anodina sulle tensioni nel Mare della Cina del sud. Il G7 ha espresso preoccupazione per le tensioni, ma senza alcuna menzione della Cina, solo riecheggiando la minaccia churchiliana del segretario alla Difesa USA Ashton Carter che “volerà, navigherà e opererà ovunque permesso dal diritto internazionale“, ecc. Certamente il G7 non vi vede un problema tale da imporre sanzioni alla Cina affinché fermi le bonifiche. Beijing può facilmente vivere con “l’impegno del G7 a mantenere un ordine basato su regole marittime e principi del diritto internazionale, in particolare sulla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare“. Ancora, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama partecipava al vertice G7. Come ad aprile, quando Obama era al meglio della retorica nel vertice di Giamaica: “Così la nostra politica è non temere l’avanzata nel Pacifico della Cina. Ci interessiamo della Cina laddove non rispetta le norme internazionali e usa dimensioni e forza per subordinare i Paesi. E la preoccupazione riguarda le questioni marittime. Pensiamo che ciò può essere risolto diplomaticamente, ma solo perché Filippine e Vietnam non sono grandi quanto la Cina non significa che possano essere scacciati”. Ma mamma è la parola a Garmisch-Partenkirchen. Invece, Obama si scaglia sulla Russia e il suo Presidente Vladimir Putin: “Questo è il secondo anno che il G7 s’incontra senza la Russia, altro esempio del suo isolamento, ogni membro del G7 continua a mantenere le sanzioni alla Russia per l’aggressione all’Ucraina… La Russia è in profonda recessione. Così le azioni della Russia in Ucraina colpiscono la Russia e danneggiano il popolo russo. Qui al G7, siamo d’accordo che anche se continueremo a cercare una soluzione diplomatica, le sanzioni alla Russia rimarranno fin quando continua a violare i propri obblighi nell’ambito degli accordi di Minsk. I nostri partner europei hanno ribadito che manterranno le sanzioni alla Russia fin quando gli accordi di Minsk saranno completamente implementati, il che significa estendere le sanzioni mirate dell’UE oltre luglio. E il G7 chiarisce che, se necessario, imporremo ulteriori sanzioni significative alla Russia. In definitiva, sarà un problema per il signor Putin. Deve prendere una decisione: continuare a rovinare l’economia del suo Paese e l’isolamento della Russia nel perseguimento del desiderio sbagliato di ricreare le glorie dell’impero sovietico? O riconosce che la grandezza della Russia non dipende dal violare integrità territoriale e sovranità di altri Paesi?” Obama è riuscito brillantemente ad aggregare agli Stati Uniti i riluttanti alleati europei Germania, Francia e Italia nella posizione comune del G7 di condanna della Russia sull’Ucraina. Ha anche annunciato prima del vertice dell’Unione europea previsto a luglio, che deciderà semplicemente di continuare le sanzioni alla Russia. Obama ha rilevato che discussioni tecniche sono in corso su ulteriori sanzioni alla Russia. In ogni senso è un “vertice operativo” per Obama con l’obiettivo d’isolare ulteriormente la Russia dai suoi partner europei. Ciò spiega il diverso approccio del G7 verso Russia e Cina? In sintesi, il ruolo di Obama al vertice G7 fa la differenza. Ossessionato dalla strategia del contenimento contro la Russia, è ambivalente sulle recenti tensioni sulle attività di bonifica della Cina nel Mar cinese meridionale.
628x471 Avere al centro il Mar Cinese meridionale ha uno scopo per la diplomazia statunitense nel teatro asiatico; gli Stati Uniti sperano di mobilitare i Paesi della regione sotto la loro guida. Ma anche qui è un compito difficile per i diplomatici statunitensi, perché a parte le Filippine, nessun Paese ASEAN vuole scegliere tra USA e Cina. Stranamente, accade così che ciascuno degli Stati rivieraschi compia opere di bonifica nelle isole occupate nel Mar cinese meridionale. L’ASEAN è divisa tra i Paesi con pretese nel Mar cinese meridionale e quelli senza. (Vedasi l’analisi accurata del FT, Gli USA lottano per la strategia per contenere le bonifiche della Cina). Tuttavia, la linea di fondo è che le potenze europee si disinteressano del “pivot” negli Stati Uniti in Asia. Tutte le maggiori potenze europee hanno sfidato il diktat degli Stati Uniti e scelto di aderire alla Banca di investimenti infrastrutturali asiatica della Cina. Il punto è che il mercato cinese è il motore della crescita economica globale e la locomotiva che può trainare le economie europee fuori dalla recessione. In ogni caso, gli europei vedono che gli statunitensi corrono su un binario parallelo coinvolgendo intensamente la Cina a proprio vantaggio. In effetti, Obama è probabilmente cosciente che la settima importante sessione U.S.-China Strategic and Economic Dialogue che si terrà a Washington a fine mese, ha un’agenda che comprende molti problemi economici incidenti sugli sforzi per garantire una ripresa economica duratura negli Stati Uniti. Con il G7 in corso, il Generale Fan Changlong, Vicepresidente della Commissione militare centrale della Cina, sbarcava negli USA per una visita di sei giorni. Con grande spirito ha iniziato la visita con una sosta presso la portaerei USS Ronald Reagan. Fan è secondo solo al Presidente Xi Jinping nella gerarchia della Commissione militare e i suoi discorsi preparano perfettamente il terreno per la visita di Xi negli Stati Uniti a settembre, su invito di Obama. Chiaramente, la stagione del muso duro durerà fino ad autunno.
In tutto ciò si pone un grande domanda: quale sarà l’accordo tra G7 e Cina nell’ordine mondiale emergente? Certo, la Russia non sarà riammessa al G7. Il rancore reciproco persisterà nel futuro immaginabile. Così, in un certo senso, esiste un “posto vacante”, ma sarebbe assurdo suggerire che il G7 contempli l’adesione della Cina per rinascere a nuovo G8. D’altra parte, il G7 è sempre più un’entità inutile che si agita vanamente nel vuoto, senza la gravitas della guerra fredda, una volta che il locus della crescita dell’economia mondiale si è spostato in Asia e l’emergente multipolarità crea nuovi centri di potere. Sicuro, il G7 deve reinventarsi ed è qui che, forse, sulla Cina mente di più. Il G7 non può trascurare l’importanza cruciale di avere la Cina al proprio fianco, mentre l’evanescente influenza nell’indirizzo nella governance economica globale va invertita. Arriva la Cina e vi parteciperà? Un affascinante commento di Xinhua sostiene in modo persuasivo che Cina e G7 possono effettivamente ritrovarsi in una casa in fiamme. Il commento dichiara che le strette relazioni della Cina con la Russia dovranno essere considerate nella giusta prospettiva, semplicemente “volte ad ottimizzare i propri interessi piuttosto che confrontarsi con quelli occidentali“. Al contrario, c’è “maggiore cooperazione tra Cina e nazioni occidentali che differenze nella governance globale“. La Cina e le nazioni del G7 “hanno più interessi comuni che controversie sulla governance globale“. Affidarsi all’ingegnosità diplomatica della Cina anticipandone la presidenza del G20 del prossimo anno, potrebbe fornire una splendida opportunità per armonizzarsi con il G7. Dopo tutto, la futura identità del G7 quale rinata fonte della leadership globale risiede nel maggiore coordinamento con il G20, e potrebbe essere più utile con i leader cinesi che a Pechino ospiteranno il vertice del prossimo anno.

Generale Fan Changlong

Generale Fan Changlong

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.988 follower