Russia e India verso un’importante svolta commerciale

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 15.04.2018Russia ed India sono partner di lunga data con una ricca storia di cooperazione reciprocamente vantaggiosa. I due Paesi hanno un grande potenziale commerciale. Tuttavia, commercio e cooperazione economica russo-indiani non possono ancora essere definiti molto attivi. Questa situazione non è accettabile ed ora Russia ed India lavorano per sviluppare le relazioni economiche. Per molti anni i due Paesi hanno collaborato in settori cruciali come Industria della Difesa, energia nucleare e tecnologie spaziali. Tuttavia, gli scambi sono ancora relativamente piccoli. Inoltre, negli ultimi anni, il volume degli scambi ha iniziato a diminuire, costringendo la leadership di Russia e India a prestare particolare attenzione al problema. Grazie agli sforzi congiunti nel 2017, una crescita costante è finalmente iniziata. Nel periodo gennaio-novembre 2017, il commercio russo-indiano superava gli 8 miliardi di dollari, oltre il 21% in più degli scambi dello stesso periodo del 2016. Anche il 2018 è iniziato con successo: gli scambi nel gennaio 2018 superavano gli indicatori simili del 2017 del 55 percento. Si prevede che la crescita continui e che nel 2018 il commercio russo-indiano superi i 10 miliardi di dollari. Tuttavia, secondo gli esperti russi e indiani, queste cifre potrebbero essere molto più alte se il potenziale commerciale russo-indiano fosse pienamente realizzato. Nel marzo 2018, i media riferivano dell’incontro tra il Ministro dello Sviluppo Economico russo Maksim Oreshkin e il Ministro del Commercio e dell’Industria indiano Suresh Prabhu. Durante i colloqui, i ministri discussero dei vari ostacoli alla cooperazione economica tra Russia e India. Tali ostacoli furono riscontrati nella sfera finanziaria, nella legislazione doganale e in vari altri settori. Di conseguenza, fu adottato un piano per rimuoverli; col successo dell’attuazione del piano, il commercio russo-indiano potrebbe raggiungere i 30 miliardi di dollari entro il 2025.
Un altro passo importante nello sviluppo delle relazioni commerciali tra Russia e India potrebbe essere la creazione di una zona di libero scambio tra India ed Unione economica eurasiatica (UEE), in cui la Russia svolge un ruolo di primo piano. Nel gennaio 2018 si svolsero consultazioni preliminari tra i rappresentanti dell’UEE e la leadership indiana a Nuova Delhi. Si prevede che entro la fine del 2018 le parti procederanno a negoziati a tutti gli effetti. Mentre la cooperazione su vasta scala su vari beni e servizi tra Russia e India va ancora raggiunta, da tempo è ad alto livello in settori come la tecnologia militare. L’India è da tempo un importante acquirente di equipaggiamento militare russo. Il progetto missilistico russo-indiano BrahMos è un successo. Tra le ultime notizie sulla cooperazione tecnico-militare tra i due Paesi, va notato il desiderio dell’India di acquisire sistemi di difesa aerea russi S-400 Triumf. Si prevede che il contratto sarà firmato entro la fine del 2018. L’India è anche interessata alle tecnologie russe per scopi pacifici. Ad esempio, nel febbraio 2018 fu firmato un memorandum per la cooperazione tra United Shipbuilding Corporation (USC, RF) e la più grande società di costruzioni navali indiane, la Cochin Shipyard Limited. Conformemente al documento, le parti intendono progettare e costruire insieme navi moderne per la navigazione interna e costiera. L’elenco delle navi che le compagnie russe e indiane costruiranno congiuntamente comprende petroliere, navi da carico secco, navi passeggeri e hovercraft. Inoltre, l’USC prenderà parte alla costruzione di infrastrutture per le costruzioni e riparazioni navali nello stato indiano dell’Andhra Pradesh. Inoltre, Russia e India considerano molti altri progetti congiunti relativi ad industria petrolifera, aeronautica, elettronica, farmaceutica e informatica. Una task force sui progetti d’investimento prioritari, creata dalla commissione intergovernativa russo-indiana diversi anni fa, ne discute. La riunione programmata del gruppo si tenne nel settembre 2017. Tra le questioni discusse c’era l’imminente apertura del Centro per la formazione di specialisti nei settori dell’energia e dell’ingegneria pesante, che inizierà i lavori in India nel 2018. La creazione del centro è il risultato del lavoro congiunto tra associazione scientifica e produttiva russa TsNIITMASH e società indiana Heavy Engineering Corporation Ltd. Oltre alla task force per i progetti d’investimento, ci sono anche task force russo-indiani per scienza e tecnologia, prodotti farmaceutici, turismo e cultura, energia, promozione dei pagamenti in valute nazionali e così via.
Nonostante il lavoro dei funzionari, il miglioramento della legislazione e l’impegno degli ambienti economici, il principale problema che ostacola il commercio russo-indiano è il fattore geografico. Russia e India non confinano e tra esse si trovano le distese di Cina ed Asia centrale. La maggior parte (oltre l’80%) del traffico tra i due Paesi avviene lungo la rotta marittima da San Pietroburgo che attraversa il Canale di Suez. È una rotta lunga e difficile che difficilmente permetterà il pieno potenziale commerciale russo-indiano, indipendentemente dalle condizioni favorevoli che i due Paesi creano. Pertanto, un importante passo verso la cooperazione commerciale su vasta scala tra India e Russia include l’istituzione di un corridoio per il trasporto internazionale (ITC) chiamato “Nord-Sud”, sul quale operano Federazione Russa, India, Iran e Azerbaigian. Il progetto ITC prevede la creazione di una vasta rete di strade e ferrovie che collega Russia e Iran. Un ramo va dalla Russia all’Iran attraverso l’Azerbaijan; l’altro termina nel Mar Caspio, nel porto di Astrakhan. Lì, il carico passa al trasporto marittimo seguendo le coste iraniane e quindi continuando su ferrovia. Il terzo ramo passa da Kazakistan, Uzbekistan e Turkmenistan. Passando per l’Iran, queste strade dovrebbero finire sulle rive del Golfo Persico, nel porto di Bandar Abbas, da dove possono raggiungere il più grande porto indiano, Mumbai. Pertanto, l’ITC “Nord-Sud” dovrebbe ridurre al minimo il segmento marittimo della rotta tra Russia e India. Il lavoro sul progetto è già al primo decennio; l’interesse per l’ITC si attenuò e poi riapparve. Ma alla fine, negli ultimi anni, i Paesi partecipanti intensificano gli sforzi e il progetto “Nord-Sud” inizia rapidamente ad avvicinarsi alla realizzazione. Va completandosi il ramo più conveniente dell’ITC dal punto di vista logistico, che attraversa l’Azerbaigian. Dopo il completamento dei restanti 180 km di ferrovia tra Iran e Azerbaigian, sarà istituito un servizio ferroviario diretto tra questi Paesi e la Russia. Ciò significa che le comunicazioni tra Russia e India aumenteranno significativamente.
Si può concludere che Russia e India lavorano seriamente sullo sviluppo della cooperazione economica. Dato l’enorme potenziale per entrambi i Paesi, ci si può aspettare che i lavori portino presto risultati molto tangibili.Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Il Ministro della Difesa cinese mostra agli USA la forza della cooperazione militare tra Cina e Russia

In particolare, dopo che Mattis aveva dichiarato Cina e Russia minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti
Frank Sellers, The Duran 4 aprile 2018Il Ministro della Difesa cinese Wei Fenghi, insieme al Consigliere di Stato e al Ministro degli Esteri Wang Yi, sono attualmente a Mosca per incontrare gli omologhi russi. La visita è una dimostrazione di forza verso Washington per mostrare la vicinanza delle Forze Armate russe e cinesi, nonché mostrare sostegno alla Russia nella 7.ma Conferenza di Mosca sulla Sicurezza Internazionale. RT riportava: “Il Ministro della Difesa cinese Wei Fenghe ha espresso forte sostegno alla Russia nei colloqui con l’omologo russo Sergej Shojgu. Sottolineando “la posizione unita” sulla scena internazionale, il ministro affermava che uno degli obiettivi principali della visita era inviare un messaggio alle potenze occidentali. “La Cina fa sapere agli statunitensi degli stretti legami tra le Forze Armate russe e cinesi”, dichiarava Wei. È il primo viaggio all’estero del Generale Wei da quando è stato nominato a capo del Ministero della Difesa cinese. La scelta della destinazione non è casuale, ma sottolinea il “carattere speciale” della partnership bilaterale, secondo Shojgu. Russia e Cina sono coinvolte in scontri politici ed economici con l’occidente. La Russia è oggetto di diverse sanzioni ultimamente, mentre Russia e Stati Uniti si scontrano sulla crisi siriana, e Washington continua a sostenere che il Cremlino abbia influenzato le elezioni presidenziali statunitensi del 2016 attraverso social media e annunci pagati in rubli, mentre Washington ha espulso decine di diplomatici russi in solidarietà col Regno Unito sul caso Skripal, in cui il governo inglese sostiene che il Cremlino ordinò l’assassinio dell’ex-spia usando gas nervino proibito. Gli Stati Uniti inoltre vendono armi alle nazioni europee ostili alla Russia per contenerla militarmente, presumibilmente per l’annessione della Crimea. Nel frattempo, gli Stati Uniti accusano la Cina di “aggressione economica” e “furto di proprietà intellettuale” di ditte statunitensi per accedere al loro mercato, così come la posizione cinese nel Mar Cinese Meridionale. Tali accuse hanno scatenato una guerra commerciale tra i due partner mentre gli Stati Uniti hanno emesso un pacchetto di dazi doganali sulle merci importate dalla Cina, insieme ad ulteriori dazi della Cina, che probabilmente saranni seguiti da un altro giro del genere, come l’ultimo pacchetto di dazi degli Stati Uniti. L'”aggressione economica” della Cina viene considerata dall’occidente manifestazione della nuova One Road One Initiative cinese, e sarà probabilmente applicata al nuovo mercato dei futures petroliferi cinesi aperto a Shanghai proprio la scorsa settimana.
In particolare, Cina e Russia sono definite minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti nell’ultima Revisione della postura nucleare del Pentagono, e dove i vertici militari esortavano il Congresso degli Stati Uniti a prepararsi alla guerra con le due nazioni. Nel frattempo, l’US Naval Institute documentava la cooperazione militare sino-russa negli anni, e l’anno scorso pubblicava un rapporto incentrato sulle esercitazioni militari Russia-Cina e sulla vendita di armi: “Cina e Russia sono sempre più vicine militarmente attraverso una serie di esercitazioni sempre più complesse e la vendita di armi avanzate che potrebbero creare difficoltà alla sicurezza di Stati Uniti e loro alleati, secondo un nuovo rapporto del governo USA. Il rapporto della Commissione di riesame economico e della sicurezza USA-Cina delinea il modello di cooperazione tra i due rivali internazionali alla sicurezza statunitense che potrebbe esacerbare le tensioni dall’Europa orientale al Mar Cinese Meridionale, un modello di cooperazione che si è visto crescere negli ultimi anni”.
La delegazione potrebbe anche aprire la strada a un incontro tra il Presidente Vladimir Putin e il Presidente Xi Jinping. Putin dovrebbe visitare la Cina per il vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai a Qingdao di giugno. Inoltre, Cina e Russia esprimono l’intenzione di “cooperare strettamente” per risolvere le tensioni nella penisola coreana, riferendosi a un possibile accordo di pace con la Corea democratica.Il Ministro della Difesa cinese dice ai russi di sostenerli contro gli Stati Uniti
Un’inedita dimostrazione del sostegno cinese: “Siamo venuti per mostrare agli statunitensi gli stretti legami tra Russia e Cina. Siamo venuti per supportarvi

Tom O’Connor, News Week 4 aprile 2018

La leadership militare cinese ha promesso sostegno alla Russia, mentre le tensioni tra Mosca e occidente si deteriorano ulteriormente con isolamento diplomatico, sanzioni economiche e duelli di esercitazioni. Nella prima visita in Russia, il nuovo Ministro della Difesa cinese Wei Feng partecipava alla Settima conferenza internazionale sulla sicurezza di Mosca, accompagnato da una delegazione di altri ufficiali. Sottolineando che il viaggio era coordinato direttamente col Presidente Xi Jinping, Wei affermava di avere due messaggi importanti per la Russia in un momento in cui entrambe le nazioni modernizzano le forze armate e rafforzano la presenza negli affari globali nonostante i timori degli Stati Uniti. “Visito la Russia da nuovo Ministro della Difesa della Cina per mostrare al mondo l’alto livello delle nostre relazioni bilaterali e la ferma determinazione delle nostre Forze Armate nel rafforzare la cooperazione strategica“, dichiarava Wei incontrando il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu, secondo l’agenzia TASS. “In secondo luogo, per sostenere la Russia nell’organizzazione della Conferenza internazionale sulla sicurezza di Mosca, la Cina mostra agli statunitensi gli stretti legami tra le Forze Armate di Cina e Russia, specialmente in questa situazione. Siamo venuti per sostenervi“, aggiungeva. “La Cina è pronta ad esprimere alla Russia le nostre preoccupazioni comuni e la posizione comune su importanti problemi internazionali, anche nelle sedi internazionali“. In risposta alla visita di Wei, la controparte russa sottolineava le migliori relazioni tra i due Paesi, che un tempo formavano l’alleanza comunista più grande e potente del mondo prima di decadere negli anni ’60. Con Putin e Xi rieletti il mese scorso, i due presidenti consolidano il potere nei rispettivi Paesi. “Grazie agli sforzi dei leader dei nostri Paesi, i legami tra Russia e Cina raggiungono un livello inedito, divenendo fattore importante per garantire pace e sicurezza internazionale“, dichiarava Shojgu, secondo il Ministero della Difesa russo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Le espulsioni dei diplomatici russi segnalano la grettezza delle intenzioni occidentali

Global Times, 27/3/2018

Il 26 marzo, Stati Uniti, Canada e i Paesi dell’Unione Europea espellevano diplomatici russi da rispettivi ambasciate e consolati per rappresaglia al presunto avvelenamento dell’ex-agente doppio Sergej Skripal e sua figlia. Al momento, 19 Paesi, tra cui 15 Stati membri dell’UE, hanno dimostrato sostegno al Regno Unito applicando tali misure. Il 4 marzo, Skripal e la figlia Julija furono portati in ospedale dopo essere stati trovati svenuti in un parco di Salisbury. In seguito fu riferito che erano entrati in contatto con un oscuro agente nervino. Funzionari del governo inglese dissero che gli Skripal furono attaccati col “Novichok”, potente agente nervino usato dai militari sovietici. Il governo inglese non fornì prove che collegassero la Russia al crimine ma sapeva fin dall’inizio che non ci sarebbe stata altra “spiegazione ragionevole” al tentato omicidio. Il Regno Unito era talmente convinto della propria teoria sulla Russia, che non perse tempo a prendere l’iniziativa imponendo sanzioni al Paese, espellendo diplomatici russi da Londra. Poco dopo, i funzionari della capitale inglese contattarono NATO ed alleati europei che diedero sostegno immediato. Le accuse dei Paesi occidentali alla Russia si basano su ulteriori motivi, simili a ciò che i cinesi dicono con l’espressione “forse è vero” per cogliere l’opportunità desiderata. Da una prospettiva terza, principi e logica diplomatica di tali drastici sforzi sono imperfetti, per non dire che espellere diplomatici russi contemporaneamente è una forma di grossolanità. Tali azioni hanno poco impatto se non aumentare ostilità ed odio tra Russia e controparti occidentali. Il governo inglese dovrebbe condurre un’indagine indipendente sull’avvelenamento degli Skripal da parte di rappresentanti della comunità internazionale. Uno sforzo tale fornirebbe risultati abbastanza forti da consentire a chi segue il caso di decidere su chi va o non va accusato del crimine. Ora, la maggioranza di chi sostiene la conclusione unilaterale del Regno Unito è membro di NATO ed UE, mentre altri si sono schierati col Regno Unito per via di relazioni di vecchia data. Il fatto che le grandi potenze occidentali possano entrare in conflitto e “condannare” un Paese senza seguire le stesse procedure che altri Paesi rispettano e secondo i principi fondamentali del diritto internazionale, è agghiacciante. Durante la Guerra Fredda, alcuna nazione occidentale avrebbe osato tale provocazione, eppure oggi viene portata avanti con disinvoltura. Tali azioni non sono altro che una forma di bullismo occidentale che minaccia pace e giustizia globali.
Negli ultimi anni lo standard internazionale è stato falsificato e manipolato in modi mai visti prima. La ragione fondamentale di tale riduzione degli standard globali è radicata nelle disparità del potere post-guerra fredda. Gli Stati Uniti, e i loro alleati, conficcarono le loro ambizioni negli standard internazionali così che le loro azioni, che dovevano seguire una serie di procedure e protocolli standardizzati, non sono altro che opportunità di approfittare dei piani che avvantaggiavano solo essi stessi. Le nazioni occidentali si sono attivate con piattaforme per la formazione totale dell’opinione pubblica e con agenzie mediatiche per difendere e giustificare tali privilegi. Negli ultimi tempi, altri Paesi sono stati vittime della retorica occidentale e di misure diplomatiche insulse. Alla fine, i leader di queste nazioni furono costretti ad indossare il cappello con slogan come “opprimere la propria gente”, “autoritario” o “pulizia etnica”, indipendentemente dall’innocenza. È oltraggioso come Stati Uniti ed Europa abbiano trattato la Russia. Le loro azioni rappresentano frivolezza e incoscienza arrivate a caratterizzare l’egemonia occidentale che sa solo contaminare le relazioni internazionali. Questo momento è perfetto per le nazioni non occidentali per rafforzare l’unità e la collaborazione tra esse. Queste nazioni devono essere indipendenti dall’influenza occidentale, spezzando le catene delle dichiarazioni monopolizzate e dei pregiudizi, valutando con le proprie capacità di giudizio. È già chiaro che compiere tali sforzi collettivi internazionali è più facile a dirsi che a farsi, poiché richiedono un sostegno fondamentale prima che possa accadere. Fin quando non emergerà una nuova alleanza, le associazioni multinazionali come BRICS o persino Shanghai Cooperation Organization, devono dare valore alle nazioni non occidentali e crearvi attivamente alleanze.
Ciò che la Russia vive ora potrebbe riflettere ciò che le altre nazioni non occidentali potranno aspettarsi in un futuro non troppo lontano. Espellere i diplomatici russi contemporaneamente non scoraggia la Russia. Nel complesso, è una tattica intimidatoria emblematica delle nazioni occidentali e inoltre tali misure non sono supportate dal diritto internazionale e quindi sono ingiustificate. Ancora più importante, la comunità internazionale dovrebbe avere strumenti e mezzi per controbilanciare tali azioni. L’occidente è solo una piccola parte del mondo e non è neanche lontanamente vicina a rappresentarla come una volta pensava essere. Le minoranze silenziate nella comunità internazionale devono rendersene conto e dimostrare quanto profonda sia la loro comprensione dimostrandola al mondo con l’azione. Con il caso Skripal, il grande pubblico non sa la verità, e il governo inglese deve ancora fornire uno straccio di prova che giustifichi le accuse alla Russia. Siamo fermamente convinti che accuse mosse da un Paese all’altro che non siano i risultati finali di un’indagine approfondita e professionale non vadano incoraggiate. Espellere simultaneamente i diplomatici è una forma d’inciviltà che va abolita immediatamente.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Gli USA alzano bandiera bianca, invocando colloqui con la Russia sulle nuove armi nucleari

Gilbert Doctorow, Ph.D., US Foreign Policy, 21 marzo 2018Si può dire con certezza che la presentazione di Vladimir Putin dei nuovi sistemi d’arma della Russia nel discorso all’Assemblea federale del 1 marzo ha finalmente suscitato la risposta desiderata dal suoi interlocutori a Washington, DC. Nella presentazione, Putin parlava di avanzati sistemi d’arma strategici dalla tecnologia, affermava, di un decennio davanti a quella di Stati Uniti ed altri antagonisti. Ha dato un colpo diretto al Pentagono, dove i nostri generali sono rimasti interdetti. Ma, come avviene normalmente, quando questi signori hanno bisogno di tempo per schiarirsi le idee, sentimmo solo una prima smentita: che i russi bluffavano, che non avevano niente pronto, che erano solo progetti, e che gli Stati Uniti li hanno già tutti, ma li tenevano in riserva. Naturalmente, non tutta l’élite politica statunitense se l’è bevuta.
L’8 marzo i senatoru Dianne Feinstein (D-California), Bernie Sanders (I-Vermont) e due meno conosciuti di Massachusetts ed Oregon inviavano una lettera aperta all’allora segretario di stato Rex Tillerson, invitandolo ad inviare una delegazione del controllo degli armamenti, per parlare apertamente ai russi “il più presto possibile”. Era un’iniziativa improbabile che anche i loro sostenitori progressisti, per non parlare dei capi democratici, trovavano difficile da credere. I due senatori erano nemici della Russia e promossero attivamente la fiaba della collusione di Trump con la Russia negli ultimi mesi. Sibilavano alla foto di Jeff Sessions, non ancora procuratore generale, che stringeva la mano e sorrideva con l’Ambasciatore russo Kisljak. Ora chiedevano di ravvivare i colloqui sul controllo degli armamenti con… i russi. Questa storia sparì prima della pubblicazione, tranne che in Russia, dove divenne una notizia di primo piano a poche ore dalla pubblicazione della Lettera. Il pubblico statunitense e mondiale non ne sapeva nulla, anche se la lettera era sulle prime pagine dei siti web dei rispettivi coautori del Senato. Il pubblico statunitense e mondiale non sa nulla oggi, due settimane dopo la pubblicazione, a parte i lettori di Consortium News opportunamente informati al momento. Nel frattempo, la macchina della propaganda degli Stati Uniti entrava in marcia, producendo problemi diversivi per attirare l’attenzione del pubblico da ciò che era il tema del discorso di Putin del 1 marzo. E così si p avuta la saturazione delle notizie sull’attentato Skripal col gas nervino, del presunto attacco cibernetico alla rete energetica ed idrica degli Stati Uniti. Entrambe mere storie di “russi”. E leggiamo del riposizionamento delle forze navali statunitensi nel Mediterraneo a portata missilistica da Damasco per un possibile attacco punitivo in risposta a un attacco chimico ai civili da parte del regime di Assad, non ancora accaduto, e solo con l’intento di umiliare i sostenitori di Assad, i russi. Ora, finalmente, dopo negazione e diversivo, la verità emerge. Lo stesso presidente degli Stati Uniti porta un messaggio che, data l’arroganza statunitense, equivale ad alzare bandiera bianca.
Troviamo quanto segue alla prima pagina del New York Times che descrive le osservazioni di Trump sulla telefonata per congratularsi con Vladimir Putin per la vittoria elettorale: “Abbiamo avuto una conversazione molto buona“, ha detto Trump ai giornalisti, “c’incontreremo probabilmente in un futuro non troppo lontano per discutere della corsa agli armamenti, che sfugge al controllo“. Il Financial Times diceva questo sulla prima pagina: “Donald Trump ha dichiarato di voler incontrare il Presidente Vladimir Putin per discutere della corsa agli armamenti che ‘sfugge al controllo’ e altre questioni su cui i Paesi sono ai ferri corti. ‘Essere in corsa agli armamenti non è una gran cosa’, ha detto il presidente degli Stati Uniti, aggiungendo che probabilmente incontrerà la controparte russa in un “futuro non troppo lontano”.” La reintegrazione della parità strategica russa cogli Stati Uniti sembra farsi sentire, anche se si deve essere esperti di lettura tra le righe per notare dalla dichiarazione di Trump la profonda preoccupazione per il nuovo potenziale militare russo. È un assunto sicuro che a breve inizieranno i colloqui coi russi. Ma il pubblico statunitense dovrebbe essere avvisato che loro scopo sarà sicuramente più ampio del cosiddetto reset di Barack Obama, che favoriva i desideri statunitensi, e non russi, nel ridurre il numero di testate. Questo programma più ampio dovrà tener conto delle preoccupazioni della Russia sul sistema antimissile globale degli Stati Uniti. Dovrebbe esserci un accordo, un cambio d’approccio sul controllo degli armamenti non verrà dalla carità degli statunitensi, ma dalla loro paura.
Donald Trump ha alzato la bandiera bianca e ha chiesto negoziati per capriccio? Si è consultato coi suoi consiglieri militari? Non è affatto credibile che questo presidente sia giunto alla conclusione sulla necessità di fermare la corsa agli armamenti da solo o che abbia osato sollevare un argomento così teso senza il sostegno deciso degli specialisti del Pentagono che hanno valutato razionalmente e con competenza la situazione della sicurezza strategica coi russi. Nessuno lo dirà, ma è inevitabile. Mettendo la situazione attuale nel contesto storico: negli ultimi due anni, Stati Uniti e Russia hanno raggiunto un livello di confronto vicino alla crisi missilistica di Cuba. Quella crisi fu risolta con mutua sospensione del posizionamento di missili nucleari ai confini altrui. La reciprocità della soluzione non fu annunciata al pubblico statunitense che decenni dopo, quando il ritiro dei missili statunitensi dalla Turchia fu pubblico. Questa volta, la reciprocità delle concessioni farà necessariamente parte della presentazione di qualsiasi soluzione raggiunta alla comunità globale. Vladimir Putin non farà la fine di Nikita Krusciov, che ha pagato la sua “concessione” agli statunitensi con un colpo di Stato.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Perché la pseudo-sinistra odia Grover Furr?

Espresso Stalinist, 9 giugno 2016

Grover Furr è un professore e autore statunitense. Ha insegnato alla Montclair State University nel New Jersey per oltre quattro decenni e ha scritto saggi, articoli e libri sulla storia sovietica sia in russo che in inglese. Anche se la sua opera copre una vasta gamma di argomenti, i suoi scritti più famosi riguardano il periodo della storia sovietica sotto Josif Stalin, in particolare le controversie sui processi di Mosca, il “massacro” di Katyn, gli eventi in Polonia nel 1939, l’omicidio di Sergej Kirov, la carestia ucraina e il “discorso segreto” di Khrusciov. Le ricerche di Furr sulla storia del comunismo e sovietica e le falsificazioni storiche contro il socialismo sono alcune delle più straordinarie, rivoluzionarie ed illuminanti del mondo. Usa un approccio molto preciso e ammirevole basato su documenti estremamente preziosi e difficili da trovare altrove. Quest’approccio, non sorprende, gli è valso diversi nemici e critici, non solo a destra ma anche a sinistra. Chi da sinistra attacca Grover Furr è tra i più singolari dei suoi critici. Il Professor Furr esamina le accuse storiche usate per attaccare il socialismo, e nei suoi libri ed articoli si trovano prove oggettive documentate e d’archivio che queste non sono vere o sono ingannevoli. In altre parole, dedica molto tempo e sforzi a contrastare la propaganda borghese sul marxismo-leninismo. Qual è stata la loro risposta? Attaccarlo. Si potrebbe pensare che qualcuno che parli russo, abbia tradotto documenti russi e abbia avuto accesso agli archivi sia d’interesse per chi desidera conoscere la storia del socialismo. Si potrebbe inoltre pensare che una persona sincera che si considera socialista o marxista ringrazi Grover Furr per aver provato che gran parte di ciò che ci viene detto su Stalin e l’Unione Sovietica è una menzogna. Viviamo in un’epoca in cui la maggior parte degli accademici marxisti o progressisti che osano sfidare lo status quo viene licenziata, emarginati, cacciata dal mondo accademico o semplicemente considerata irrilevante. Solo un pazzo fingerebbe che la repressione accademica non sia una realtà. Tuttavia, quando si tratta dei coraggiosi, audaci e stimolanti lavori che Furr ha pubblicato, i razzisti li eliminano universalmente senza rivedere le prove che presenta. Nelle discussioni non li ho mai sentiti dire: “No Professor Furr, non sono d’accordo con la sua tesi, e desidero fare una contro-tesi. Ecco i miei fatti, le mie argomentazioni e le mie fonti a sostegno”. Invece, quello che sento ripetutamente è che il suo lavoro viene definito “assurdo” e “folle”, e Furr stesso etichettato come “pazzo” o “stalinista”, quasi sempre nel tentativo di collegare la sua ricerca all’antisemitismo e ai fascisti, o addirittura definirlo apertamente “negazionista”, paragonando implicitamente la storia sovietica a quella della Germania nazista. Perché i suoi critici si comportano universalmente in questo modo? La risposta è semplice: perché non possono smentire nulla di ciò che dice.
In tutte le ricerche in cui Furr ci ha fatto comprendere la storia sovietica e confutare le menzogne raccontate sulla vita nei Paesi socialisti, i suoi critici e avversari non hanno offerto alcuna significativa smentita delle sue opere o addirittura sfidato le prove in esse contenute. Quando viene spinto a riassumere le sue tesi, presentando le prove per sostenerle, e quindi offrendo contro-prove e confutazioni appropriate, il silenzio irrompe. Pochissimi, se non nessuno dei suoi critici, possono dire con quali punti specifici delle sue opere non sono d’accordo o possono dimostrare false. Spesso affermano cose che sono già state affrontate nell’articolo in questione. Gli oppositori della ricerca di Furr, qualunque siano le loro differenze ideologiche, condividono tutti un filo comune che nel tempo è diventato impossibile perdere. Nonostante il loro biascicare e vaneggiare, nessuno lo sfida direttamente sulle fonti o tenta di confutarne l’argomentazione. C’è una ragione concreta per questo: l’opposizione alla ricerca di Furr viene dall’anticomunismo viscerale. L’infinito veleno della pseudo-sinistra nei confronti del lavoro di Furr è interamente (no, non in parte, o per lo più, ma da ciò che ho visto, interamente) privo di contro-critica, contro-prove, ricerca o impegno contrastanti in qualsiasi modo forma o metodo il lavoro di Furr. Al momento, non ci sono confutazioni accademiche sul lavoro di Grover Furr. Le recensioni ostili, d’altro canto, abbondano. Né mancano critici che recitano “ci dia altre prove”, chiedendo una quantità maggiore di prove per soddisfarli, naturalmente, a un livello impossibile, indipendentemente da quanto ce ne siano. Un altro modello coerente nei suoi critici è che presuppongono che un autore debba provare che il senso della propria ricerca soddisfacendo un critico ostile o scettico, per essere considerato valido. Se l’autore non riesce a portare a termine questo compito, prova che non sa dimostrarla e prova definitivamente che l’intera ricerca è di conseguenza è priva di valore.
Il dibattito su Grover Furr è sempre sulla forma, la persona, il suo stile di scrittura, i suoi presunti motivi, la sua presunta disonestà o mancanza di qualifiche, e mai sul contenuto, le prove presentate, ciò che mostra e se è vero o meno. La pseudo-sinistra infantile risponde alla scienza con provocazioni, ai fatti con l’ostilità, alla ragione con gli insulti, alle domande ideologiche con attacchi personali e alle domande profonde poste dal lavoro di Furr con critiche superficiali. Questo non vuol dire che chiunque abbia criticato il lavoro di Furr si oppone automaticamente al socialismo. Lungi da ciò, la critica è parte essenziale dell’essere marxista-leninista. Ma in generale le critiche a Grover Furr non sono basate su un principio. “Nessuno prende sul serio Grover Furr” è il ritornello. Eppure, John Arch Getty, Robert Thurston, Lars Lih e molti altri ne hanno elogiato il lavoro pur non essendo d’accordo con la sua visione politica. Non è necessario condividere completamente la visione del mondo di Furr per trovare grande valore nei suoi saggi, articoli e libri. In realtà, qualsiasi ricercatore serio, marxista o no, può imparare molto dalle prove che raccoglie per sostenere i propri punti di vista, prove che non vengono quasi mai studiate a fondo da chi le denuncia violentemente. Se l’idea che Furr non sia un accademico serio è una posizione legittima da prendere, allora dovrebbero esserci critiche alla sua borsa di studio. Forse non sorprendentemente, non ho sentito un singolo argomento sul motivo per cui Grover Furr è una fonte inaccettabile di informazioni oltre alle sue opinioni impopolari. Se i suoi argomenti non possono essere affrontati, allora i suoi critici non hanno il diritto di rifiutarne la citazione delle opere. Si punta molto sulle “credenziali accademiche” di Furr, o presunta mancanza, per scrivere sugli argomenti che sceglie. È un professore inglese dicono, e quindi non può essere considerato un’autorità sulla storia. Questi nobili cavalieri dediti alla difesa del “credibile” mondo accademico capitalista che vediamo, devono parlare contro Furr. Eppure, costoro non hanno problemi con le opere di Noam Chomsky, un linguista che scrive una sfilza infinita di libri su una vasta serie di argomenti al di fuori del suo campo, come criticare la politica estera, l’economia, la scienza, l’immigrazione e la Guerra fredda degli Stati Uniti. Chiunque abbia familiarità con le opere di Chomsky sa che i suoi punti di vista sono l’anarchismo piuttosto tradizionale combinato col liberalismo classico dell’illuminismo. Non ama il socialismo e certamente non minaccia per nulla la classe dominante. Parlare contro l’imperialismo di per sé non è un atto particolarmente radicale, specialmente quando non lo si critica da una prospettiva marxista. Molti estremisti e libertari parlano contro la politica estera degli Stati Uniti. Perché tale doppio standard? Qual è la differenza tra Furr e Chomsky? Abbastanza semplice. Chomsky è il rampollo dell’anticomunismo di sinistra, una sinistra “sicura” e abbattuta, privata di tutto ciò che non sia accettabile alla borghesia. Nel frattempo, la ricerca di Furr tenta di confutare la comune propaganda anticomunista invece di accettarla. La pseudo-sinistra preferirebbe sostenere la causa piccolo-borghese che quella proletaria, perché si tratta di “radicali” bloccati in tale forma di pensiero.
È assolutamente indiscutibile che la visione moderna della storia del socialismo sia stata modellata da chi la disprezza, e tuttavia i sinistri fasulli non hanno problemi a sostenere le più vili menzogne contro la storia sovietica, dell’Europa orientale e cinese. In un’atmosfera dove le opere assai discutibili di Robert Conquest e Richard Pipes sono sostenute come dogma e trattate come materiale seriamente impegnato o addirittura inconfutabile, il lavoro di Furr viene tacciato da reazionari e pseudo-sinistra con rigetto e calunnia. Quando negare non basta, vengono inventate accuse generiche, come la pretesa che la sua presentazione della storia sia “teoria della cospirazione”. Si ricorse a ciò anche per descrivere le opere di altri studiosi marxisti-leninisti, come William Bland. Sottolineo ancora che finché non ci sono confutazioni, non si possono accettare tali accuse. Dopo tutto, con la storia delle trame capitaliste che sappiamo, si può accettare seriamente tale argomentazione? I fatti sono veri o no? Le accuse di “stalinista” contro Furr non significano nulla. Se i critici hanno delle contro-prove, si facciano avanti e li presentino. Questa non dovrebbe essere una richiesta irragionevole per un marxista, o per chiunque, davvero. Quando Furr parla di cospirazioni dell’opposizione nell’Unione Sovietica, o di vuoti e falsificazioni nella storia ufficiale di Katyn, viene trattato col massimo scetticismo. L’idea che gli imputati dei processi di Mosca possano essere stati effettivamente coinvolti in cospirazioni terroristiche per rovesciare il governo sovietico ed assassinare funzionari è vista come assurdità. Tuttavia, quando ci vengono presentate storie su una cospirazione atroce che coinvolge Stalin e un considerevole numero di altri alti funzionari, per assassinare Zinoviev, Bukharin e molti altri attraverso mezzi giudiziari, allora tale “teoria del complotto” viene adottata come predefinita posizione corretta. Ne consegue che sia più facile andare d’accordo con la narrativa dominante, cioè quella della borghesia, sulla storia del socialismo, piuttosto che sfidare oggettivamente tali idee. Con la falsa sinistra, la formula non potrebbe essere più semplice: la propaganda da Guerra Fredda degli Stati Uniti la sostiene, la ricerca accademica filo-comunista no. Ogni accusa contro i Paesi socialisti è vera; ogni difesa del socialismo è simile alla negazione dell’Olocausto. Chi è d’accordo, almeno a parole, che la storia dell’Unione Sovietica sia falsificata da studiosi e reazionari capitalisti e che i leader socialisti siano abitualmente sottoposti a calunnie, viene dichiarato “folle”, le loro ricerche o conclusioni “assurde”, o deriso come “pazzo” o “stalinista”. I critici non riesaminano le prove o affrontano la tesi; semplicemente le liquidano. Non presentano contro-prove; l’affermano semplicemente. Gli oppositori della falsa “sinistra” a Furr sostengono che “ha una borsa di studio non credibile”, solo perché non sono d’accordo. Furr è solo un “pazzo” perché non gli piace ciò che dice. Dal loro punto di vista, la ricerca accademica che neutralizza la narrativa della propaganda borghese va messa da parte, messa a tacere, svalutata, delegittimata, nascosta alla visione pubblica ed infine distrutta.
Mi sembra che la “sinistra” debba guardarsi allo specchio e negli occhi e chiedersi: a cosa siamo arrivati se non possiamo confutare queste opere? Cosa significa esattamente, quando l’intera pseudo-sinistra non può confutare un presunto “pazzoide senza credenziali accademiche?” Che cosa dice, quando non può nemmeno definire il contenuto del suo lavoro quando glielo si chiede, eppure l’ha già dichiarato totalmente falso? Cosa significa quando non ha prove per contrastare le affermazioni di Furr, ma punta ad attaccarne la persona? Tutte le accuse secondo cui le sue opere sono “criticabili” sono false. Se sono degne di tale ostilità, allora sono degne di una critica onesta. Se solo controllassimo i fatti e citassimo le fonti come possiamo vedere in Furr, piuttosto che riposare sui nostri pregiudizi e preconcetti, forse la sinistra statunitense non sarebbe così traballante oggi. L’odio della pseudo-sinistra non ha nulla a che fare con l’onestà. Ciò è dovuto all’anticomunismo, non al disaccordo politico, non a differenze ideologiche, non a problemi con la ricerca di Furr o le sue conclusioni, o con i suoi metodi o una critica legittima delle sue prove. È una visione liberale e reazionaria dove tutto ciò che è antisovietico ed antistalinista è vero, mentre qualsiasi cosa che contesti tale visione va attaccata, imbrattata, demonizzata, ridicolizzata e messa a tacere. Quando le prove non sono considerate o sono liquidate, e la persona calunniata, non c’è disaccordo di principio o differenza ideologica, ma odio e pregiudizio. La domanda è la seguente: perché la pseudo-sinistra odia Grover Furr? La risposta è chiara: odia Grover Furr proprio perché le sue opere sfidano l’egemonia del paradigma anticomunista di Trotskij-Khrusciov-Gorbaciov-Guerra Fredda, il paradigma dominante borghese. In altre parole, odia Grover Furr perché è un buon comunista in un’epoca di falsi. Odia Grover Furr perché è un ricercatore onesto in un’epoca colma di propaganda. Odia Grover Furr perché ha le prove delle conclusioni che trae e le presenta apertamente, piuttosto che ricorrere all’emotività. Odia Grover Furr perché sfida la visione borghese anticomunista della storia sovietica. Oggi, la pseudo-sinistra non è solo disonesta e liberale; è dichiaratamente anticomunista.
Traduzione di Alessandro Lattanzio