L’aeronautica russa riceverà 50 nuovi bombardieri strategici Tu-160 Blackjack

Sputnik 28.05.2015Tupolev_Tu-160_in_1997Il Ministero della Difesa russo acquisterà non meno di 50 nuovi bombardieri strategici Tu-160 quando sarà riavviata la produzione, affermava il comandante dell’Aeronautica russa Colonnello-Generale Viktor Bondarev. “Non meno di 50 aerei saranno acquistati per coprire i costi di produzione“, aveva detto il Colonnello-Generale Bondarev senza specificare quando sarebbe iniziata. Il ministro della Difesa russo Sergej Shojgu aveva annunciato la necessità di rinnovare la produzione dei Tu-160. Bondarev aveva dichiarato che la nuova produzione di Tu-160 non comporta la sospensione del PAK-DA, bombardiere strategico russo di nuova generazione sviluppato dall’ufficio di progettazione Tupolev, dotato delle più recenti armi ad alta precisione. I bombardieri PAK-DA dovevano essere consegnati dal 2020, tuttavia Bondarev ha detto a maggio che l’aeronautica russa inizierà a riceverli dal 2023. Il Tu-160 viene aggiornato sostituendo apparecchiature radar e di navigazione. Il Tu-160 è un bombardiere strategico supersonico con ali a geometria variabile, progettato per ingaggiare bersagli nel globo con armi nucleari e convenzionali.

Riprenderà la produzione del Tu-160M!
Chervonets Andrjukha Fort Russ 28 maggio 2015

Saranno non meno di 50 aerei, recuperando le spese necessarie per riprenderne la produzione“, annunciava il Capo di Stato Maggiore della VVS Colonnello-Generale Bondarev. Ha detto che la decisione di riprendere il Tu-160M è stata già presa e che l’industria “ha confermato la capacità“, cosa “di notevole importanza“. Bondarev non ha detto quando riprenderà esattamente la produzione. I bombardieri attualmente in servizio sono in fase di modernizzazione, con la sostituzione di tutte le apparecchiature radar e navigazione. La VVS riceverà almeno 10 Cigni Bianchi modernizzati entro il 2020. Secondo Shojgu, il Tu-160 è una “macchina unica che ha ancora diversi decenni davanti, e che ancora non viene pienamente sfruttata“. Andava fatto. Sembra che il PAK-DA non volerà ancora per molto e serva qualcosa proprio ora… D’altra parte, la ripresa della produzione del Tu-160 può facilitare lo sviluppo del PAK-DA. Dopo tutto, non abbiamo costruito grandi aerei e motori da tempo. Poi il know-how su produzione e preparazione dei quadri sono aspetti fondamentali dello sviluppo del velivolo. Si potrà acquisire esperienza, sviluppare tecnologie che si potranno vendere o meno… Creando posti di lavoro per lavoratori, scienziati ed ingegneri altamente qualificati. L’aviazione a lungo raggio è un pesante fardello anche per gli Stati Uniti, ma nel loro caso sviluppo e produzione sono opera delle corporation, mentre noi abbiamo l’industria della Difesa che significa che possiamo farlo a minori costi. Shojgu è uno dei pochi della squadra di Putin che agisce sempre correttamente. E il Tu-160 sarà sufficiente per molto! Si può contare sul modernizzato Tu-160, dotato di un carico di missili nucleari raddoppiato, quale misura tampone. Entro il 2016 il Tu-160 riceverà i motori NK-32 modernizzati, che svilupperanno la velocità massima di 2400km/h, praticamente uno spazioplano perché volerà a grandi quote nelle missioni di combattimento, a 35km, fuori dalla portata di qualsiasi caccia, anche il più moderno, e con i motori aggiornati raggiungerà i 40-45 km di quota.1452958La Russia acquisterà tutti i caccia T-50 PAK-FA che saranno prodotti
Sputnik 28.05.2015

I test sono in pieno svolgimento, e il velivolo presenta ottime prestazioni e si prevede superi tutti i rivali, ha detto il comandante dell’aeronautica russa.

L’acquisto di jet russi di quinta generazione T-50 PAK-FA, che sarà prodotto dal 2017, sarà limitata solo dalla capacità produttiva del costruttore, ha detto il comandante dell’Aeronautica russa Colonnello-Generale Viktor Bondarev. Il viceministro della Difesa russo Jurij Borisov aveva detto a marzo che il Ministero avrebbe ridotto l’acquisto di caccia PAK-FA a causa delle “nuove circostanze economiche“. Il progetto iniziale prevedeva l’acquisizione di 10 caccia per i test e la successiva acquisizione, basata sull’adempimento delle prestazioni, di altri 60 T-50. “Il velivolo entrerà in produzione dal 2017. Prenderemo tanti jet quanti l’industria potrà fornirne”, ha detto Bondarev. Ha aggiunto che i caccia PAK-FA sono attualmente in fase di test. “Il test del velivolo è in pieno svolgimento, dimostrando ottime prestazioni e il relativo sistema d’arma opera alla grande, sia al suolo che in volo”. Il comandante dell’aeronautica ha suggerito che il PAK-FA è il jet da combattimento più avanzato esistente oggi. “Sarà superiore agli analoghi negli Stati Uniti F-22 e F-35, superandoli in tutti i parametri“. Il PAK-FA, progettato dall’azienda aeronautica russa Sukhoj, sarà il primo aereo stealth operativo dell’aeronautica russa e avrà avionica avanzata e sistemi di volo completamente digitali.v_vorobyuv_t-50_052_1500Furtività neutralizzata! Il caccia T-50 russo domina i cieli
Sputnik 29/05/2015

Il sistema di difesa attivo dispiegato dal caccia di quinta generazione russo T-50, può anche neutralizzare la capacità di azione furtiva degli aerei nemici”, riferisce RIA Novosti citando il servizio stampa del progettista del sistema Himalaya, il Complesso Tecnico Radioelettronico (KRET). Il caccia Sukhoj PAK FA, conosciuto anche come T-50, è pronto ad entrare in produzione il prossimo anno e vanta una tecnologia innovativa che integra il pilota nel sistema di controllo dell’aereo. “Il PAK FA è già in una certa misura un robot volante, dove l’aviatore svolge la funzione non solo di pilota, ma è anche elemento costitutivo dell’apparato del volo“, ha spiegato Vladimir Mikheev, vicedirettore del KRET, unità della RosTECH Corporation. L’utilizzo di materiali compositi, tecnologie innovative, avionica e motori avanzati assicurano ai T-50 una visibilità radar, ottica e a infrarossi estremamente bassa. Attualmente gli Stati Uniti sono l’unico Paese ad avere aerei di quinta generazione operativi: F-22 Raptor e F-35 Lightning II.
Il KRET ha creato anche il sistema inerziale di navigazione aggiornato BINS-SP2M, del T-50, che elabora autonomamente informazioni su navigazione e volo, determina i parametri di posizione e movimento in assenza di navigazione satellitare, e può integrarsi con il GLONASS, il sistema di navigazione satellitare russo. Il T-50 sostituirà i jet da combattimento di quarta generazione Sukhoi Su-27, entrati in servizio nell’aeronautica sovietica nel 1985, e MiG-29, entrati in servizio nel 1983. Nel dicembre 2014 l’United Aircraft Corporation della Russia annunciava che la produzione del caccia era pronta ad iniziare nel 2016, dopo il completamento della fase dei test. 55 aviogetti PAK-FA saranno consegnati all’Aeronautica Militare russa entro il 2020.t50_pak_fa_fighter_3Un caccia MiG-31 russo abbatte un missile da crociera nelle esercitazioni
Sputnik 28.05.2015

Un caccia-intercettore russo MiG-31 ha abbattuto un missile da crociera lanciato da un bombardiere strategico Tu-95MS sul poligono di Pemboj, nella Russia nord-occidentale, ha detto il servizio stampa de Distretto militare centrale del Ministero della Difesa russo. L’aereo partecipava alle esercitazioni di prontezza al combattimento nella Repubblica di Komi. “Il missile da crociera è stato distrutto a 300 metri di quota da una distanza di 10 chilometri dal bersaglio“.

mikoyan-gurevich_mig-31bm_russia_-_air_force_an2233636Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Piani di evacuazione del governo polacco: perché?

Konrad Stachnio New Eastern Outlook 27/05/2015

image_update_imgPer qualche motivo non specificato, il governo polacco recentemente esegue molti movimenti che suggeriscono stia preparandosi a qualcosa di grosso. Naturalmente, i media continuano a calmare la società perché, come sappiamo, la Polonia è ancora protetta dalla NATO e nulla potrà mai accaderci. Beh, se già qualcosa è veramente accaduto, allora si dovrà andare in guerra e noi (il governo) verremmo evacuati. Non va bene?

I parlamentari polacchi attivati in caso di guerra
A maggio, 50 deputati polacchi ebbero addestramento militare. A marzo Radoslaw Sikorski ne avviò i preparativi, mentre i deputati dovevano addestrarsi a sparare, esercitarsi e anche imparare il pronto soccorso. I rappresentanti dei vari gruppi parteciparono all’esercitazione. “Spero che la loro partecipazione segnalasse ai giovani che era il momento di essere pronti a difendere la Patria”, diceva al Parlamento polacco il maresciallo Radoslaw Sikorski. Nel marzo 2014 i media riferirono di presunti piani di difesa polacchi in caso di aggressione russa. I documenti provengono dalle riunioni dell’ufficio di sicurezza nazionale avvenute tra il 7 e l’11 marzo, quasi 860 pagine. Il documento intitolato “Eagle Guardian – Lift 11” è firmato e timbrato dal capo dell’ufficio della Sicurezza Nazionale generale Stanislaw Koziej (nome in codice “Shogun“), da cui apprendiamo come sarebbe l’evacuazione del governo in caso di guerra con la Russia. Secondo il documento, oggetto di vivace discussione nelle riunioni, è prevista l’evacuazione dei quattordici ministeri. Furono stilate le liste dei funzionari governativi da evacuare insieme ai familiari più stretti. A seconda del ministero l’elenco contiene da 98 persone (Ministero della Cultura) a 168 (ministero dell’Economia). Il Ministero della Difesa ha uno status speciale, in totale l’elenco contiene 3843 nomi, come si legge sul settimanale Nie.

La mobilitazione di riservisti
PX4355196POLAND-TA_3079370k Finora solo coloro con un passato servizio attivo sarebbero richiamati nell’esercito polacco. Ora, dopo la decisione della Prima ministra Ewa Kopacz il governo può mobilitare tutti coloro che possono svolgere servizio militare. Le esercitazioni militari obbligatorie nel 2015 videro 12 mila riservisti impiegare quattro ore per arrivare alle unità militari. La modalità apparentemente immediata significava che, dopo aver ricevuto la chiamata, ci si doveva recare al più presto possibile nel luogo indicato, l’esercito paga tutte le spese di viaggio. Per oltre un anno le strutture locali della Commissione militare hanno cercato di stabilire chi sia coscritto e chi no, e chi doveva partire in caso di conflitto. Come si legge sul sito web dell’Agenzia stampa polacca, per le attività del 2015, il capo dell’ufficio di sicurezza nazionale polacca prevede l’adozione della legge sul sistema di Difesa dello Stato in guerra, e le esercitazioni militari denominate “Country 2015” testeranno il sistema in caso di gestione della crisi del Paese. La dottrina si applica già ad azioni concrete, soldi, persone e strutture. “Questo è un molto specifico e dettagliato piano segreto di azione statale in caso di guerra“, aveva detto il capo dell’ufficio di sicurezza nazionale polacco.
Come si legge sul sito del quotidiano “W polityce“: “Un amico, il consigliere di Czestochowa Artur Sokolowski, mi ha detto che tutti i membri del Consiglio Comunale di sesso maschile hanno ricevuto la lettera del segretariato del Consiglio dei ministri che richiede in risposta di compilare i dati personali per il reclutamento militare. Il capo dell’ufficio di sicurezza nazionale polacco sostiene anche l’inclusione nel sistema nazionale di difesa di tutti i servizi e riconosce “la necessità dell’uso sapiente delle maggiori risorse civiche nella sicurezza sociale, come osservato negli ultimi anni”. A suo parere, le organizzazioni interessate alla difesa potrebbero essere incluse per formare la riserva da mobilitare. Di conseguenza, vi è un numero crescente di polacchi interessati alle esercitazioni paramilitari per ricevere addestramento di base e prepararsi alla difesa del Paese. La maggioranza dei volontari aderirebbe all’associazione dei fucilieri “Strzelec“. Attualmente “Strzelec” collabora con il Ministero della Difesa, in particolare con l’Ufficio della Difesa, e in Polonia è una delle maggiori organizzazioni paramilitari non governative di carattere militare.

629054107I preparativi per la pace
La legge dell’aiuto fraterno. “Senza dubbio, questa legge limita la nostra sovranità. Non si riesce a immaginare una situazione in cui i partner occidentali nell’Unione europea permettano che ufficiali polacchi siano utilizzati per misure coercitive in Paesi stranieri od operare armati a Parigi o Berlino. Con l’entrata in vigore di questa legge, ufficiali stranieri potranno operare legalmente sulle strade polacche, anche utilizzando le armi. I raduni pubblici e le manifestazioni pubbliche interessati, a cui l’atto si riferisce, fanno ritenere soprattutto che il governo, temendo che i cittadini si riuniscano e manifestino in massa, voglia portare forze straniere qui. Se si utilizzasse tale legge per qualche giorno, secondo le possibilità date, diverrebbe un’arma estremamente pericolosa nelle mani del governo per combattere l’opposizione. Il governo ha chiaramente paura delle manifestazioni democratiche e delle riunioni pubbliche. Ha paura dei polacchi, ed è pronto a tenersi al potere importando forze straniere in Polonia e rinunciando alla sovranità dello Stato”, ha detto Jaroslaw Zielinski (PiS). Il noto sociologo polacco professor Janusz Czapinski, ribatte affermando sulle pagine di un quotidiano polacco, “Il radicalismo fondamentalista cresce nelle giovani generazioni polacche. Pregate che emigrino al più presto possibile, in modo da poter proteggere l’ordine”. Date la convergenza delle leggi sui raduni pubblici in Polonia e Ucraina, sono sicuro che i governi di Kiev e Varsavia condividono l’obiettivo comune articolato con chiarezza dal suddetto professore.
Le esercitazioni “Renegade-Privateer“: Come il Comando operativo delle Forze Armate polacche ha riferito, l’esercitazione periodica “Renegade-Kaper” questa volta riguarda la possibilità di attacchi terroristici contro infrastrutture critiche, strutture marine e importanti strutture pubbliche utilizzando velivoli o veicoli. L’esercitazione in alcune regioni del Paese sarà un tentativo per controllare il sistema di allarme presso la popolazione. Il segnale modulato che indica un attacco aereo suonerà per tre minuti.
L’Operazione Country 2015, per valutare le prestazioni in crisi simili a quella dell’Ucraina, nel 2015 in Polonia 10000 soldati dell’alleanza prenderanno parte alle esercitazioni. Il capo del ministero della Difesa nazionale Tomasz Siemoniak ha annunciato che quest’anno l’esercito polacco si addestrerà assai intensamente. A sua volta, il Parlamento lituano il 19 marzo ha deciso di ripristinare con urgenza la coscrizione obbligatoria, che sostituirà l’addestramento militare di 3 mesi esistente. Il ripristino della coscrizione obbligatoria è valida per 5 anni. Sappiamo naturalmente che tutti i preparativi sono solo per divertimento, perché i nostri vicini in Ucraina sicuramente fanno di tutto per mantenere la pace. “L’Ucraina prega per voi e la vostra sopravvivenza. Ci riprenderemo Crimea, Stavropol e Taganrog (anche se i territori di Stavropol e Taganrog sono sempre appartenuti alla Russia). Abbiamo restituito fiducia e fede al popolo ucraino! Siamo in Oriente e non molleremo un solo metro. Ci potete scommettere”, ha detto il deputato della Verkhovna Rada dell’Ucraina e comandante del reggimento “Dnepr-1” Jurij Berjoza. Così, nonostante le attività militari del tutto casuali e indipendenti in Polonia, le manovre, che solo un sostenitore delle teorie cospirative ritene appropriate, per qualche motivo ignoto aumentano la psicosi di guerra, e non solo in Europa orientale ma in tutta Europa. L’ultima volta in cui cercai un posto dove poter vivere parlai con un ragazzo che vive in Islanda. Una delle prime cose che mi chiese fu, “Dove posso andare in caso di guerra? Che dire….?
Spero davvero profondamente che le persone fuggano da qui solo per il disastro economico della Polonia, dalla mentalità di una parte della società polacca, anche dalla stupidità e dal cinismo del governo polacco, ma non dalla guerra.russia-drill-ukraine-operation-.siKonrad Stachnio è un giornalista indipendente polacco, ha ospitato una serie di programmi radiofonici e televisivi per l’edizione polacca di Prison Planet, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook .

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’eliminazione di Mozgovoj rientra nell’operazione per distruggere il Donbas

Roman Nesterenko, KPRF, 25 maggio 2015 – Histoire et Societé1496_1668Una nostra fonte a Kiev, un attivista antifascista vicino allo Stato Maggiore, ha confermato ancora una volta la rilevanza delle informazioni (ad esempio, il nostro articolo del 7 luglio 2014, “Stato Maggiore della Ucraina: siamo sull’orlo del disastro” e del 14 luglio “Dettagli della sconfitta del gruppo meridionale delle truppe ATO“) riferisce che la “liquidazione” di Aleksel Mozgovoj è parte di un piano militare e politico del SBU per garantirsi il successo dell’operazione dal nome in codice “Molot” (martello). L’idea dell’operazione “Molot“, data la creazione di una “nuova realtà politica e militare“, infliggere diversi potenti colpi per dividere il campo nemico ed entro uno/due settimane “risolvere il problema della resistenza organizzata dei terroristi del Donbas“. Creazione di una “nuova realtà politica e militare” significa creare eventi militari e politici per costringere la leadership politica e militare della Russia a rivolgere l’attenzione a un nuovo punto di tensione, impedendone la reazione tempestiva alla ripresa delle ostilità su larga scala, e allo stesso tempo causare un conflitto tra le forze del Ministero della Difesa e della milizia della RPD, da una parte, e cosiddette milizie e cosacchi “selvaggi” dall’altro. Secondo gli strateghi di Kiev l’assassinio di Mozgovoj e vari altri diversivi dovrebbero scatenare la guerra civile nella “presunta RPL”. La fonte ha anche detto che il movimento di mezzi pesanti sul “fronte orientale” non è più nascosto come non si nascondono i tanti consiglieri statunitensi, utilizzati principalmente per l’addestramento dei soldati ucraini inviati in prima linea. Il loro compito è principalmente ricognizione e guerra elettronica. Gli ufficiali dello Stato Maggiore nella loro decisioni hanno studiato l’operazione “Lampo” con cui la Croazia occupò il territorio della Krajina Serba nel 1995, ora alla base dell’operazione “Molot“. L’informatore pensava che l’attenzione della Russia verrebbe deviata sulla Crimea, ma ora è piuttosto incline a pensare che il nuovo punto di tensione sarà in Transnistria, dato che il governo russo è stato messo in una posizione molto difficile con il blocco dei soldati delle forze di pace russe in Transnistria da parte di Kiev, de facto da diversi mesi, e ora de jure da qualche giorno. Queste notizie da Kiev confermano ciò che già si sapeva: Kiev intensifica i preparativi dell’ultima avventura militare, violando gli accordi Minsk. La junta di Kiev è costretta all'”assalto finale in Oriente” da collasso economico, instabilità e pressione della dirigenza statunitense, per cui è assolutamente necessario coinvolgere la Russia in un “guerra calda”.
L’estate sarà calda.

L’intelligence USA sviluppa un piano per liquidare la Transnistria
Mosca si preparando alla difesa attiva in Transnistria
Vladimir Mukhin, Rusvesna, 25 maggio 2015 – Fort Russ

8504663Una fonte del ministero della Difesa russo ha annunciato l’esistenza di un piano per liquidare la Transnistria sviluppato da servizi segreti statunitensi, ucraini, moldavi e romeni. Il Ministero della Difesa russo è preoccupato per la possibilità di una brusca destabilizzazione nella Repubblica moldava di Transnistria (PMR), e si prepara agli scenari più sfavorevoli. Con questo obiettivo, il Gruppo Operativo delle Truppe Russe (OGRV) di stanza nella Repubblica, ha svolto esercitazioni per proteggere le principali strutture militari. Secondo il servizio stampa del distretto militare occidentale, che controlla l’OGRV, 100 soldati del gruppo sono stati messi in allerta. Dopo una marcia di 150 chilometri ai magazzini militari nel villaggio di Kolbasna, sono entrati in formazione operativa contro terroristi immaginari che cercavano d’impossessarsi di armi e munizioni. I militari hanno sottolineato che i combattenti dell’OGRV operavano in condizioni prossime a una battaglia reale. Il personale delle unità anti-terrorismo ha compiuto i compiti con successo: “Durante le esercitazioni per eliminare i terroristi, particolare attenzione è stata prestata al miglioramento della coerenza delle operazioni in combattimento su terreno aperto, nell’ambito di piccole unità e gruppi tattici (di due/tre elementi)“. Scenari simili sono ora svolti non solo dai militari dell’OGRV, ma anche dalle forze di pace russe di stanza nelle zone di conflitto. Tale aumento dell’attività delle truppe russe in Transnistria, spiega a “NG” la fonte di del Ministero della Difesa, non solo rientra nei piani per le esercitazioni estive, ma per le minacce reali che si presentano oggi nella zona. In particolare, “NG” avrebbe informazioni su un piano militare per liquidare la Transnistria presumibilmente ideato dai servizi d’intelligence statunitensi con la partecipazione delle agenzie militari di Ucraina, Moldavia e Romania. Parte del piano è la decisione di Kiev della scorsa settimana di denunciare l’accordo con la Russia sul transito sul territorio ucraino di militari e carichi russi in Transnistria. Inoltre, secondo la fonte di “NG”, nel prossimo futuro terroristi ucraini e romeno-moldavi condurrebbero operazioni di sabotaggio e terrorismo per catturare i depositi di armi nella PMR, custoditi dai soldati russi. Sul territorio della riva sinistra del fiume Nistro, provocazioni su larga scala con omicidi tra popolazione civile avrebbero inizio, per screditare le forze di pace russe. Tali circostanze saranno la scusa per il ritiro ufficiale di Chisinau dall’operazione di mantenimento della pace. Le autorità moldave cercheranno aiuto da Unione Europea e NATO, e a questo punto la sostituzione dei caschi blu russi verrebbe preparata sotto forma di battaglione di peacekeeping moldavo-rumeno. Il ministro della Difesa della Moldova, Viorel Cibotaru ha annunciato ufficialmente la formazione di tale unità il 23 maggio, dopo il suo incontro con l’omologo romeno Mircea Dusa, annunciando che il battaglione in futuro includerà militari di Ucraina e Polonia.
Il Tenente-Generale Jurij Netkachev, che nel 1992 era comandante della 14.ma Armata di stanza in Transnistria, inoltre non esclude la soluzione militare della situazione sul Dnestr. “Danneggia gli interessi geopolitici di Mosca, e sono sicuro che la leadership russa farà tutto il possibile per difendere la propria posizione in questa regione, e non permetterà l’escalation del conflitto” ritiene l’esperto. Netkachev ricorda che Chisinau, quando comandava la 14.ma Armata, con il supporto di volontari e mercenari romeni tentò di conquistare la PMR. “Non funzionò allora e non funzionerà ora, nonostante l’Ucraina cerchi di tagliare l’ossigeno alle nostre truppe“, ha detto Netkachev. E’ d’accordo con il parere del coordinatore dell’ispettorato generale del Ministero della Difesa della Federazione Russa, Generale Jurij Jakubov, che non esclude la possibilità di rifornire i peacekeeper sotto blocco ucraino per via aerea, utilizzando velivoli da trasporto militare. “Naturalmente, non è un grave problema per i nostri aerei sorvolare il territorio ucraino, molto probabilmente la regione di Odessa. Dalle coste sul Mar Nero al confine con la PMR vi sono meno di 100 chilometri. E’ stato segnalato che l’esercito ucraino vi ha schierato sistemi missilistici antiaerei S-300, ma sembra che la difesa aerea ucraina difficilmente deciderà di abbattere i nostri aerei militari che volano a Tiraspol”, ha detto l’esperto.
Mentre la situazione intorno la Transnistria si deteriora, Romania e Stati Uniti hanno iniziato le esercitazioni militari vicino al confine con la regione ucraina di Odessa. A tal fine un cacciatorpediniere lanciamissili degli Stati Uniti, il Ross, è arrivato sul Mar Nero il 23 maggio. Il comunicato stampa della VI flotta degli Stati Unit dichiara che la presenza del Ross nella regione è necessaria per “garantire la sicurezza” e il rafforzamento della “cooperazione nel Mar Nero” per “la pace e la prosperità nella regione“. Il Ross è dotato del sistema di difesa missilistica AEGIS, e le principali armi della nave sono i missili da crociera Tomahawk.moldova_map_v2Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Washington si suicida

F. William Engdahl New Eastern Outlook 24/05/2015yVXAwrNJA55Jf7pe8p4NM2m9AGgxAIzjSono giorni tristi a Washington e Wall Street. L’unica superpotenza una volta incontrastata, dal crollo dell’Unione Sovietica un quarto di secolo fa, perde influenza globale con una rapidità imprevedibile solo sei mesi fa. L’attore chiave che ha catalizzato la sfida globale a Washington quale unica superpotenza è Vladimir Putin, Presidente della Russia. Questo è il contesto reale della visita a sorpresa del segretario di Stato John Kerry a Sochi per incontrare il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov e poi discutere per quattro ore con “Satana” in persona, Putin. Lungi da provare un “reset”, gli sfortunati strateghi geopolitici di Washington cercano disperatamente di trovare il modo migliore per piegare l’Orso russo. Un ritorno al dicembre 2014 è istruttivo per capire il motivo per cui il segretario di Stato degli USA porge apparentemente il ramoscello di olivo alla Russia di Putin in questo frangente. All’epoca Washington sembrava piegare la Russia, con le sue sanzioni finanziarie mirate e l’accordo con l’Arabia Saudita per far crollare i prezzi del petrolio. A metà dicembre il rublo era in caduta libera nei confronti del dollaro. Anche i prezzi del petrolio precipitarono a 45 dollari al barile da 107 di soli sei mesi prima. Poiché la Russia è fortemente dipendente dalle entrate petrolifere e dall’esportazione del gas per le finanze dello Stato, e le compagnie russe avevano enormi obbligazioni del debito in dollari all’estero, la situazione appariva desolante al Cremlino. Qui il destino, per così dire, è intervenuto in modo inaspettato (almeno per gli architetti della guerra finanziaria e del crollo petrolifero degli USA). Inoltre l’accordo di John Kerry con il morente re saudita Abdullah nel settembre 2014 affliggeva le finanze russe, ma minacciava anche l’esplosione dei circa 500 miliardi di dollari di titoli “spazzatura” ad alto rischio, il debito dell’industria dello scisto degli Stati Uniti assunta dalle banche di Wall Street negli ultimi cinque anni per finanziare la tanto vantata rivoluzione del petrolio di scisto degli USA, che brevemente ha sospinto gli Stati Uniti a superare l’Arabia Saudita come maggiore produttore di petrolio del mondo.

I danni collaterali della strategia degli Stati Uniti
Ciò che Kerry non ha notato nel suo intelligente mercato delle vacche saudita, era l’occulta doppia agenda dei monarchi sauditi che avevano già chiarito che non volevano affatto che il loro ruolo di primo produttore di petrolio del mondo e re del mercato venisse offuscato dall’industria del petrolio di scisto dei parvenu statunitensi. Volevano colpire Russia e anche Iran, ma il loro obiettivo principale era uccidere i rivali del petrolio di scisto degli Stati Uniti, i cui progetti si basavano sul petrolio a 100 dollari al barile, di meno di un anno prima. Il prezzo minimo del petrolio per evitare il fallimento, in molti casi era di 65-80 dollari al barile. L’estrazione di petrolio di scisto non è convenzionale ed è più costoso rispetto al petrolio convenzionale. Douglas-Westwood, società di consulenza energetica, stima che quasi la metà dei progetti petroliferi degli Stati Uniti in fase di sviluppo ha bisogno di un prezzo del petrolio superiore ai 120 dollari al barile, per fare cassa. Entro la fine di dicembre una catena di fallimenti del petrolio di scisto minacciava un nuovo tsunami finanziario mentre la carneficina della cartolarizzazione della crisi finanziaria 2007-2008 era tutt’altro che finita. Anche un paio di default di titoli spazzatura di alto profilo del petrolio di scisto scatenerebbe il panico negli Stati Uniti per i 1900 miliardi di dollari di titoli spazzatura sul mercato del debito, senza dubbio scatenando una nuova crisi finanziaria che l’affaticato governo degli Stati Uniti e la Federal Reserve a malapena gestirebbero, così minacciando la fine del dollaro quale valuta di riserva globale. Improvvisamente, nei primi di gennaio, il capo del FMI Lagarde lodava la banca centrale della Russia per la sua gestione di “successo” della crisi del rublo. L’Ufficio del terrorismo finanziario del Tesoro degli Stati Uniti, tranquillamente stilava ulteriori attacchi alla Russia, mentre l’amministrazione Obama fingeva la solita “III Guerra Mondiale” contro Putin. La loro strategia petrolifera aveva inflitto assai più danni agli Stati Uniti che alla Russia.

Fallimento della politica USA verso la Russia
Non solo, la brillante strategia bellica di Washington contro la Russia, avviata nel novembre 2013 a Kiev con il golpe di euromajdan, appare un manifesto fallimento totale creando il peggior incubo geopolitico che Washington possa immaginare. Lungi dal reagire da vittima inerme e rannicchiata dalla paura per gli sforzi degli Stati Uniti nell’isolare la Russia, Putin ha avviato una brillante serie di iniziative economiche, militari e politiche che entro aprile hanno contribuito a piantare il seme di un nuovo ordine monetario globale e del nuovo colosso economico eurasiatico che rivaleggia per l’egemonia con l’unica superpotenza USA. Ha sfidato i fondamenti stessi del sistema del dollaro e il suo ordine globale nel mondo, dall’India al Brasile a Cuba e dalla Grecia alla Turchia. Russia e Cina hanno firmato colossali nuovi accordi energetici che hanno permesso alla Russia di reimpostare la propria strategia energetica dall’ovest, dove UE e Ucraina su forti pressioni di Washington, sabotavano le forniture di gas russo all’Unione europea attraverso l’Ucraina. L’Unione europea, di nuovo su pressione intensa di Washington ha sabotato quindi il progetto di gasdotto della Gazprom, South Stream, per l’Europa meridionale. Piuttosto che essere sulla difensiva, Putin ha scioccato l’UE con la sua visita in Turchia, incontrando il presidente Erdogan e annunciando il 1° dicembre di aver cancellato il progetto South Stream di Gazprom e che avrebbe cercato un accordo con la Turchia per fornire gas russo al confine greco. Da lì, se l’UE vuole il gas, deve finanziare propri gasdotti. Il bluff dell’UE fu scoperto e il suo fabbisogno di gas in futuro sarà più remoto che mai. Le sanzioni dell’UE alla Russia sono fallite con la Russia che si vendica vietando l’importazione di prodotti alimentari dall’UE e rivolgendosi all’autosufficienza. E miliardi di dollari in contratti ed esportazioni per le imprese tedesche, come Siemens, o francesi come Total, si trovano improvvisamente nel limbo. Boeing ha visto annullati i grandi ordini per aeromobili dai vettori russi. La Russia ha annunciato di rivolgersi ai fornitori nazionali per la produzione di componenti cruciali per la Difesa. Poi la Russia è diventata fondatrice “asiatica” della riuscita nuova Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) della Cina, destinata a finanziare l’ambiziosa rete ferroviaria ad alta velocità della Cintura economica della Nuova Via della Seta dall’Eurasia all’UE. Invece che isolare la Russia, la politica statunitense ha fallito miseramente, nonostante le forti pressioni ai fedeli alleati degli Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Francia e Corea del Sud si precipitavano ad aderire alla nuova AIIB. Inoltre, nel vertice di maggio a Mosca, il presidente cinese Xi Jinping e Vladimir Putin annunciavano che la rete ferroviaria della Via della Seta cinese sarà pienamente integrata nell’Unione economica eurasiatica della Russia, una spinta sconcertante, non solo per la Russia, che avvicina l’Eurasia alla Cina, regione con la maggioranza della popolazione mondiale.
In breve, a John Kerry fu detto d’ingoiare il rospo e volare a Sochi, cappello in mano, per offrire una sorta di calumet della pace a Putin, dai circoli dirigenti degli Stati Uniti. Gli oligarchi avevano realizzato che i loro falchi neoconservatori come Victoria “Fottuta UE” Nuland, del dipartimento di Stato, e il segretario alla Difesa Ash Carter, favoriscono la creazione della nuova struttura mondiale alternativa che potrebbe significare la rovina del sistema del dollaro post-Bretton Woods dominato da Washington. Oops. Inoltre, costringendo gli “alleati” europei ad allinearsi agli USA contro Putin, con grave danno degli interessi economici e politici dell’Unione europea, evitando di partecipare al progetto di Cintura economico della Nuova Via della Seta e al boom economico degli investimenti che comporterà, i neo-conservatori di Washington sono riusciti anche ad accelerare il probabile distacco di Germania, Francia e potenze europee continentali da Washington. Infine, il mondo (tra cui anche occidentali anti-atlantisti) vede Putin quale simbolo della resistenza al dominio statunitense. Questa percezione, già emersa con la vicenda di Snowden, s’è consolidata con sanzioni e blocco, tra l’altro giocando un ruolo psicologico significativo nella lotta geopolitica: la presenza di un simbolo che accende nuovi centri di lotta all’egemonia. Per tutte queste ragioni, Kerry fu chiaramente inviato a Sochi per fiutare i possibili punti deboli per un nuovo assalto futuro. Ha detto ai pazzi furiosi sostenuti dagli Stati Uniti a Kiev di raffreddarsi e rispettare gli accordi di cessate il fuoco di Minsk. La richiesta è stata uno shock per Kiev. Il primo ministro, insediato dagli Stati Uniti, Arsenij Jatsenjuk, ha detto alla TV francese, “Sochi non è sicuramente il miglior resort e non è il posto migliore per una chiacchierata con il presidente e il ministro degli Esteri russi“. A questo punto l’unica cosa chiara è che Washington ha finalmente capito la stupidità delle sue provocazioni contro la Russia, in Ucraina e nel mondo. Quale sarà il loro prossimo piano non è ancora chiaro. Ciò che è chiaro è che un drammatico cambio di politica è stato ordinato all’amministrazione Obama dai vertici delle istituzioni statunitensi. Nient’altro può spiegarlo. Se la sanità mentale sostituirà la follia dei neo-con resta da vedere. Resta chiaro che Russia e Cina sono risolute più che mai a non rimanere in balia di una superpotenza irrazionale. Il patetico tentativo di Kerry di un secondo “reset” con la Russia, a Sochi, porterà poco a Washington. L’oligarchia degli Stati Uniti, come dice l’Amleto di Shakespeare “cade nella sua stessa trappola”, come il bombarolo che esplode con la sua bomba.

0508-world-putin-xi_jinping_620_434_100F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica dalla Princeton University è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il capo del GRU accusa Stati Uniti e alleati di aver creato la rete terroristica transnazionale islamista

The Saker 22 maggio 2015

Cari amici,
Vi propongo oggi il discorso del Colonnello-Generale Igor Sergun, capo del Primo Direttorato dell’Intelligence (GRU) dello Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Russia. Dire che l’uomo o il GRU sono segreti, sarebbe un eufemismo. Quasi tutte le informazioni pubblicamente disponibili su Sergun si trovano nella breve biografia alla fine del post. Di regola il GRU non fa dichiarazioni pubbliche, né il suo capo. È quindi interessante che, in una delle pochissime occasioni in cui il Generale Sergun ha accettato di parlare in pubblico, ha scelto di concentrarsi sui rischi del cosiddetto estremismo “islamico”, e che in una relativamente breve presentazione ha indicato per quattro volte che tali terroristi “islamici” sono fondamentalmente una creatura dell’occidente. Si potrebbe essere tentati di dire “niente di nuovo, lo sappiamo tutti”, ma si mancherebbe il punto, e cioè che il capo dell’intelligence militare russa dichiara apertamente che il cosiddetto “terrorismo islamico” non è un fenomeno originale o indigeno, ma uno strumento dell’imperialismo occidentale utilizzato per sovvertire i Paesi che osano opporsi all’egemonia mondiale dell’impero anglo-sionista.

Sakerigor_dmitrievich_sergunTesto presentato dal Direttore del Primo Direttorato dello Stato Maggiore per la IV Conferenza di Mosca sulla Sicurezza Internazionale, dedicata a: “Sicurezza Globale: trasformazione radicale o creazione di nuove regole del gioco?” (16 aprile 2015)
Argomento: ‘Punti caldi’ della lotta globale al terrorismo

Gentili Signore e Signori,
Una delle sfide più pericolose dei tempi attuali è presentata dal terrorismo internazionale, che rapidamente acquista natura politica ed è divenuto una vera e propria forza che cerca di arrivare al potere in alcuni Paesi. Assistiamo a una tendenza costante verso la globalizzazione delle attività delle organizzazioni estremiste. Ciò comprende ampliamento geografico, rafforzamento delle interazioni tra gruppi precedentemente dispersi, nonché rapido adattamento ai cambiamenti della situazione. Tra le organizzazioni terroristiche internazionali, gli islamici radicali avanzano. I loro capi sviluppano una collaborazione e cercano di creare zone di instabilità che non includono solo Paesi, ma intere regioni. L'”Internazionale terrorista” ha l’obiettivo di creare con la forza il “Grande Califfato” comprendente Medio Oriente, Caucaso, Nord Africa e penisola iberica. Una campagna per la formazione del fronte della “Jihad Globale” è stata annunciata con l’obiettivo di condurre la lotta armata contro i “principali nemici dell’Islam”, rappresentati da Stati Uniti, Paesi dell’Europa occidentale, Russia e Paesi musulmani con governi secolari. Attualmente, il terrorismo rappresenta la peggiore minaccia per Iraq, Siria, Libia e Afghanistan, dove “Stato islamico dell’Iraq e del Levante”, “al-Qaida“, “Jabhat al-Nusra“, movimento dei taliban e altri gruppi radicali sono attivi. Al-Qaida “rimane una delle più potenti organizzazioni terroristiche, anche se nelle condizioni attuali s’è ampliata come “bandiera della guerra contro gli infedeli” per gli islamisti, mentre i relativi gruppi regionali operano praticamente in modo indipendente. Ultimamente, lo “Stato islamico dell’Iraq e Levante”, che è riuscito ad imporre il suo controllo su una parte significativa di Iraq e Siria, lotta con successo per occupare la posizione guida delle organizzazioni estremiste. I terroristi hanno dichiarato la costituzione di un ‘califfato islamico’ nei territori occupati e iniziato a creare proprie “istituzioni pubbliche”, tra cui sistemi finanziari e giudiziari. Il controllo centralizzato permanente sui gruppi armati viene organizzato. Il rafforzamento del SIIL ha seriamente destabilizzato l’Africa. Il SIIL fornisce sostanziale assistenza militare e finanziaria agli estremisti locali, invia rinforzi composti da terroristi siriani e iracheni. I gruppi che hanno ricevuto tale sostegno sono ‘Ansar al-Sharia‘, che opera in Nord Africa, e ‘Boko Haram‘, nella parte occidentale del continente, mentre la peggiore minaccia alla stabilità dell’Africa orientale è l’organizzazione terroristica somala ‘Shabab al-Mujahidin’, responsabile di varie gravi azioni. Altrettanto preoccupante è la situazione che si sviluppa in Medio Oriente e in Asia centrale, in cui le organizzazioni estremiste come ‘taliban’, ‘Hizb-ut-Tahrir’ e Movimento Islamico dell’Uzbekistan hanno un alto potenziale operativo. Stimiamo che attualmente, nel solo Afghanistan, circa 5mila militanti combattano. Territori afghani e pakistani ospitano una rete di campi di addestramento dei terroristi, anche per terroristi suicidi. La diffusione attiva di idee radicali islamiche ha un impatto negativo sullo sviluppo della situazione nel sud-est asiatico. In particolare, conseguenze imprevedibili potrebbero essere causate dall’organizzazione estremista ‘Jamaa Islamiya‘, il cui obiettivo principale è creare uno Stato teocratico islamico comprendente Brunei, Indonesia, Malesia, Singapore e le province musulmane di Thailandia e Filippine. Negli ultimi anni, la minaccia terroristica in Europa è aumentata. Ciò è dovuto principalmente agli insorti di ritorno dai “conflitti” e pronti a ricorrere all’esperienza acquisita. Circa 600 jihadisti sono tornati negli ultimi quattro anni nella sola Germania. L’influenza degli estremisti si è diffusa anche in alcune regioni del Sud America. L’area dei tre confini, alla congiunzione tra Argentina, Brasile e Paraguay, è considerata trampolino di lancio dagli estremisti. L’attività coperta di certi Stati volti a realizzare proprie missioni in politica estera attraverso il finanziamento occulto delle strutture islamiche, destabilizza la situazione.
Mentre flirtano con gli estremisti, certi Paesi occidentali sembrano essere sicuri che la cosiddetta politica del caos controllato in regioni lontane, non avrà conseguenze tragiche, almeno nel medio termine, ma credo che tale parere non convinca. Non è un segreto che su istigazione di ‘partner occidentali’, dagli anni ’80 l’estremismo islamico abbia rapidamente guadagnato slancio. Per contrastare le truppe sovietiche in Afghanistan furono pesantemente armati, con i fondi provenienti dagli Stati Uniti d’America e altri Stati della NATO, vari gruppi di jihadisti e mujahidin successivamente fusisi in grandi gruppi e movimenti terroristici. Grazie all’assistenza finanziaria e militare di Washington e alleati, allo scopo di eliminare il regime in Siria, indesiderato dall’occidente, lo ‘Stato Islamico dell’Iraq e Levante’ e ‘Jabhat al-Nusra’ furono creati. L’intervento militare in Libia da parte della NATO ha comportato risultati simili. La disponibilità di fonti stabili di finanziamento degli estremisti è la ragione del grave problema. I canali dei finanziamenti più affidabili comprendono varie organizzazioni non governative e fondazioni. Ad esempio, negli Stati della penisola araba vi sono circa 200 organizzazioni. Una delle principali fonti di reddito è il controllo di produzione e traffico di droga. Tale attività frutta agli islamisti di Medio Oriente e Asia Centrale 500 milioni di dollari l’anno. Succede abbastanza spesso che le azioni di Washington e dell’occidente in generale in varie regioni del mondo, contribuiscano a creare gravi problemi, tra cui traffico di droga, estremismo religioso e terrorismo, dopo che Washington mobilita eroicamente la comunità internazionale per neutralizzare tali problemi. In generale, con lo slogan della lotta per ‘l’Islam puro’, il terrorismo internazionale diventa una forma di criminalità transnazionale. In realtà, è diventato un business lucrativo con circolazione di capitale per miliardi grazie a traffico di droga, sequestri di persone, contrabbando di armi e metalli preziosi. Alla ricerca di ulteriori fonti di finanziamento, i jihadisti sviluppano volutamente legami con organizzazioni nazionaliste, pirati e separatisti.
Quindi, dovremmo aspettarci che, nel breve periodo, le minacce terroristiche nel mondo rimangano elevate. L’avanzata dei gruppi estremisti, tra l’altro su istigazione di Stati Uniti e alleati, in particolare in Medio Oriente e Asia centrale, rappresenta la vera e propria minaccia di diffusione del terrorismo verso Paesi europei, repubbliche della CSI e regione Asia-Pacifico.

Grazie per la vostra attenzione.

Начальник ГРУ ГШ ВС РФ Игорь СергунBiografia di Igor Sergun
Biografia ufficiale del nuovo capo dell’Intelligence militare russa Igor Sergun, sul sito ufficiale del Ministero della Difesa russo. [Fonte]
Igor Sergun è nato a il 28 marzo 1957 e presta servizio nelle forze armate dal 1973, si è laureato alla Scuola Militare Suvorov di Mosca [Fonte] e [Fonte], alla Scuola Militare dell’Alto Comando del Soviet Supremo di Mosca [Fonte], all’Accademia militare diplomatica dell’Esercito sovietico e presso l’Accademia Militare dello Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Federazione Russa [Fonte]. Opera nel servizio segreto militare dal 1984, in varie posizioni nell’ambito del Primo Direttorato dell’Intelligence. Parla diverse lingue straniere ed ha ricevuto attestati di Stato. Nel 1998, da colonnello, è stato addetto militare della FR a Tirana, Albania. In quel periodo ricevette la medaglia quale “partecipante all’Operazione Marcia Fulminea Bosnia-Kosovo 12 giugno 1999″. Nel dicembre 2011, fu nominato a capo del Primo Direttorato dell’Intelligence dello Stato Maggiore Generale russo.
Mark Galeotti nel suo libro Spetsnaz: Forze Speciali russe, scrive che negli anni 2000 l’intelligence militare russa era sull’orlo della completa distruzione causata dalle riforme del Generale Shljakhturov. Tuttavia, fu costretto al pensionamento a fine 2011, e il suo successore, il Tenente- Generale Igor Sergun, si è rivelato un direttore molto più attivo ed efficace. [Fonte]
Nel 2014 Igor Sergun è oggetto delle sanzioni occidentali contro la Russia. “Bruxelles: il Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate della Russia e il relativo capo dell’intelligence militare erano tra le 15 persone oggetto di tutte le sanzioni dell’Unione europea per la crisi in Ucraina. Generale Valerij Gerasimov, capo dell’Esercito e deputato nazionale, 29 aprile 2014“. [Fonte]. Igor Sergun fu preso di mira “per l’attività degli agenti del GRU in Ucraina orientale”, mentre Gerasimov è stato indicato “responsabile del massiccio dispiegamento di truppe russe” lungo il confine tra Ucraina e “mancata de-escalation della situazione“.

Articoli, discorsi e interviste
1. La Russia nomina il nuovo Direttore del GRU [Fonte]
27 dicembre 2011. Il Maggiore-Generale Igor Sergun è stato nominato a capo del Primo Direttorato dell’Intelligence. Sostituisce l’uscente Aleksandr Shljakhturov, per aver raggiunto l’età pensionabile.
2. Il Maggiore-Generale Igor Sergun diventa il capo del GRU [Fonte]
2. Generale russo dice che gli USA sono dietro ogni guerra nel mondo di oggi [Fonte]. Il capo del Primo Direttorato dell’intelligence militare della Russia, Colonnello-Generale Igor Sergun, dice che gli Stati Uniti si preparano a schierare truppe in modo permanente o temporaneo in oltre 100 Paesi in tutto il mondo. Sergun dice gli Stati Uniti sperano di creare in questi Paesi i servizi necessari per “preposizionarvi armi e attrezzature militari necessarie per future operazioni nella zona“.
3. Intervista con il Capo del GRU Igor Sergun: Noi non riveliamo segreti! [Fonte]
4. Agenzia spionistica russa: La crisi globale richiede nuove tattiche [Fonte] 19 gennaio 2012
5. Igor Sergun: “I terroristi sono intenti a prendere il potere in alcuni Stati” [Fonte]
6. In Medio Oriente e Asia centrale i terroristi guadagnano 500Mln di dollari con il narcotraffico [Fonte]
16 aprile 2015. I terroristi in Medio Oriente e Asia Centrale ricevono fino a 500 milioni di dollari tramite produzione e traffico di droghe illecite, ha detto il capo del Primo Direttorato dell’Intelligence dello Stato Maggiore Generale russo.
7. Responsabile del GRU: Il terrorismo è diventato un business multimiliardario [Fonte]
8. La Jihad diventa globale [Fonte]; Andrej Iljashenko, RIR, 23 aprile 2015. “Il terrorismo internazionale è una delle minacce più pericolose per l’umanità ed è divenuto globale. Questa è l’opinione ponderata del Colonnello-Generale Igor Sergun, Direttore del GRU, Primo Direttorato dell’Intelligence dello Stato Maggiore Generale delle Forze armate russe. Parlando a metà aprile alla IV Conferenza sulla Sicurezza presso il Ministero della Difesa di Mosca, Sergun ha fornito un’analisi dettagliata del problema. Dato che non è un personaggio pubblico spesso citato sui media, RIR ha deciso di offrire ai lettori la sintesi più completa delle tesi fondamentali del generale.”
9. Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale 2014 (Parte 2: comitati) [Fonte]
10. Discorso di Igor Sergun alla Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale del 2014 [Fonte]. Il discorso di Igor Sergun è disponibile sul sito della conferenza. Ha osservato che i taliban vedono il ritiro delle forze ISAF come un successo. Si aspettano la vittoria, così non vedono alcuna ragione di preoccuparsi dei negoziati a questo punto. Ha discusso i tre più probabili scenari futuri in Afghanistan, tra cui alcune verosimiglianze con abbastanza particolareggiate percentuali per ogni scenario:
1. Equilibrio delle forze politiche del Paese relativamente invariato, sostenuto da una presenza occidentale limitata. L’Afghanistan rimane fonte di terrorismo, estremismo e narcotraffico per l’Asia centrale. Probabilità del 39 per cento.
2. I taliban prendono il potere in assenza di stranieri. Gli islamisti potrebbero iniziare ad infiltrarsi negli Stati dell’Asia centrale. Probabilità del 27 per cento.
3. L’Afghanistan si disintegra in enclave etniche. Tale scenario porta all’aumento della lotta per l’influenza di potenze locali e regionali. Probabilità del 31 per cento.
Nella seconda parte del discorso, Sergun ha discusso la logistica del ritiro definitivo delle forze ISAF dall’Afghanistan. Data la quantità di materiale presente nella regione, l’analisi ha mostrato che gli Stati occidentali non potranno ritirare il proprio materiale nel lasso di tempo deciso. Ha sostenuto che, mentre i 40000 soldati potrebbero essere ritirati entro la fine del 2014, sarebbe impossibile ritirare tutti i 40000 veicoli e 300 elicotteri prima del 2017. Di conseguenza, ha affermato che Washington dovrà presto avviare una campagna propagandistica per convincere la comunità internazionale che la presenza statunitense nella regione va estesa almeno fino al 2024, al fine di garantire la stabilità regionale. Tuttavia, ciò non muterà la minaccia dei taliban agli Stati dell’Asia centrale.

ГРУ-ГШ-РTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 550 follower