Il calo dei prezzi muta la scacchiera geopolitica

Thierry Meyssan Memoriabg, 15/6/2016 – South Frontnorway06Negli ultimi due anni, un colpo di Stato ha avuto luogo sul mercato globale dell’energia. Prima di tutto, vi era una notevole differenza di domanda e offerta. E poi i flussi commerciali cambiroono dopo che il prezzo della benzina crollò. Tali cambiamenti mettono in discussione i principi geopolitici del petrolio.

Il mito della carenza di risorse energetiche
Il declino economico dei Paesi occidentali e di alcuni Paesi in via di sviluppo ha portato alla riduzione della ricerca di risorse energetiche, mentre allo stesso tempo si osservava una crescita negli Stati asiatici. Così, la domanda mondiale ha continuato a crescere. Per le fonti, la produzione non fu ridotta negli Stati produttori, e Paesi come la Cina con notevoli riserve strategiche, riuscivano ad aumentare la loro e, di conseguenza, l’offerta superava la domanda. Questa affermazione, tuttavia, contraddice l’opinione consolidata di scienziati e industriali nel 2000, che la produzione globale raggiunse il picco e il mondo doveva affrontare il deficit energetico, traducendosi nella scomparsa di alcuni Paesi e nell’inizio di guerre per le risorse. Dopo il ritorno alla Casa Bianca nel gennaio 2001, Dick Cheney formò un gruppo di lavoro per lo sviluppo della politica nazionale per l’energia (National Energy Policy Development – NEPD), chiamato dal Washington Post “la società segreta”. In totale segreto i consiglieri della presidenza ascoltarono le relazioni dei capi delle grandi aziende, gli studiosi più importanti e i capi dei servizi speciali, raggiungendo la conclusione che non c’era tempo e la sopravvivenza dell’economia degli Stati Uniti andava garantita dal Pentagono acquisendo le risorse del “grande Medio Oriente”. Non è chiaro chi partecipò a tale gruppo, quali dati usasse e come raggiunse tale conclusione. Tutti i documenti sono stati distrutti e nessuno conosce l’entità dei dati statistici a disposizione del gruppo. In particolare il gruppo raccomandò lo scatenamento delle guerre contro Afghanistan, Iraq, Iran, Siria, Libano, Somalia e Sudan, e la decisione di ciò fu presa da George Bush il 15 settembre 2001, a Camp David. Mi ricordo di aver ascoltato il discorso del segretario generale del gruppo di lavoro della Casa Bianca al Congresso AFPO di Lisbona. Presentò un rapporto per lo studio sui siti aperti e l’inevitabilità del “picco di Hubbert” (terminologia introdotta dal geofisico M. King Hubbert, indicando che la produzione massima globale di petrolio porta all’inevitabile calo della produzione) e sulle misure intraprese negli USA per ridurre il consumo di energia. A quel tempo fui sopraffatto dalla sua valutazione e forza di persuasione. Nonostante questo, con il passare del tempo apparve chiaro che tale analisi era completamente errata e le prime cinque guerre (contro Afghanistan, Iraq, Libano, Libia e Siria) da questo punto di vista sono inutili anche se continuano oggi. Ma tale valutazione della prognosi non dovrebbe sorprendere, perché è conseguenza del “pensatoio”. Un certo gruppo di persone si riunisce intorno a un’idea che nessuno osa mettere in dubbio, col rischio di essere visto come un pazzo. Questa è la legge del conformismo. A questo proposito, i consiglieri della Casa Bianca sembravano essere prigionieri della teoria di Malthus, che nel 19° secolo dominava la cultura anglosassone. Secondo la teoria di Malthus, la popolazione aumenta in progressione geometrica e le risorse in progressione aritmetica. Così nel tempo, le risorse per alcuni diventano insufficienti. Nella sua teoria, Thomas Malthus mirava a confutare la teoria di Adam Smith, secondo cui il libero mercato è un sistema di auto-regolazione. In realtà il pastore Malthus cercava, attraverso la sua teoria indimostrata, la conferma al suo rifiuto di aiutare i poveri della propria parrocchia. Perché nutrire queste persone quando i loro bambini moriranno di fame domani, in ogni caso? E se il petrolio non è una fonte rinnovabile di energia e quindi a un certo punto finisce, nulla c’impedisce di pensare che la fine è vicina. Nel 2001, si parlava solo di petrolio saudita, che sapevano come raffinare. Il petrolio del Venezuela le cui riserve sono sufficienti a coprire il fabbisogno globale per un anno intero, era considerato inadatto alla produzione. In seguito, si concluse che la “teoria del fattore umano come causa del riscaldamento globale” è infondata come la teoria del “picco del petrolio”. Proviene dalla stessa teoria di Malthus e, a parte ciò, permette ai suoi sostenitori di arricchirsi col Climate Exchange di Chicago, le quote di scambio per le emissioni di gas serra. Questa idea è stata spacciata alla popolazione come volta a ridurre il consumo di energia e carbonio nei Paesi occidentali, perciò il mondo sarebbe pronto quando ci sarà meno e più costoso petrolio.

La fine del prezzo artificiale del petrolio
Sembrava che il prezzo superiore a 110 dollari al barile confermasse le conclusioni del gruppo di Dick Cheney, ma l’improvviso calo a 35 dollari al barile ne dimostrava l’inesattezza. Iniziò nel 2008 e accelerò dopo il voto in Europa per le sanzioni anti-russe, disorganizzando il commercio internazionale; spostando capitali e di conseguenza facendo scoppiare la bolla speculativa del petrolio. Questa volta, il prezzo basso viene sostenuto dagli Stati Uniti, videndolo come ulteriore mezzo per rovinare l’economia russa. Il calo dei prezzi accelerò quando l’Arabia Saudita se ne interessò. Per inviare sul mercato il proprio petrolio, Riyadh cominciò ad abbassare il prezzo tra i 20 e i 30 dollari al barile di petrolio ‘leggero saudita’. Questo investimento rese le fonti alternative di energia non redditizie e garantì potere e profitti futuri a Riyadh. L’Arabia Saudita si attivò per convincere i partner dell’OPEC a continuare tale corso. I membri del cartello decisero di risparmiare energia con un piano a lungo termine, anche con la prospettiva di un reddito drasticamente ridotto per diversi anni. Oggi, il basso prezzo della benzina priva questi investimenti di redditività. Di conseguenza, la caduta dei prezzi del petrolio sostenuta da Washington mira a rovinare Mosca. Se i posti di lavoro perduti nell’industria energetica sono stati 250000 negli ultimi due anni, la metà di questi riguarda gli Stati Uniti. Il 78% dei pozzi sono stati chiusi. E anche se il calo di produzione non è così drammatico, non cambia il fatto che gli USA non siano così indipendenti sul piano energetico… Questo non si riferisce solo agli Stati Uniti. L’intero sistema capitalista occidentale ne è stato colpito. Nel 2015 l’azienda Total perse 2,3 miliardi di dollari, Conoco Phillips 4,4, BP 5,2, Shell 13, Exxon 16,2 e Chevron circa 23 miliardi di dollari. Questo ci riporta alla “dottrina Carter” del 1980, quando Washington si concesse il diritto d’intervenire in Medio Oriente per garantirsi l’accesso libero al petrolio. Per attuare tale dottrina, il presidente Reagan creò il Comando Centrale degli USA. Oggi, il petrolio viene estratto con più metodi. Il fittizio “picco di Hubbert” non c’è stato. Ora, il presidente Obama ha ordinato alle truppe del Comando Centrale di trasferirsi nel Pacifico (definito da Obama ‘Pivot in Asia’). Tale piano è stato modificato dopo la concentrazione di forze in Europa occidentale, ma probabilmente ricomincerà se il prezzo del petrolio resta tra i 20 e i 30 dollari al barile. In questo caso, la produzione di alcuni prodotti petroliferi finirà e solo il petrolio ‘saudita leggero’ sarà utilizzato. Ecco perché ancora oggi affrontiamo la domanda per inviare forze in Medio Oriente. Se Washington prende questa strada, cambierà la tattica del Pentagono. Anche se la “teoria del caos” permette il controllo di vasti territori da parte di pochi, richiede anche un lungo periodo per sviluppare ampie risorse, come dimostra l’esperienza in Afghanistan, Iraq e Libia. Forse sarà utile per Washington tornare a una politica più saggia: smettere di sostenere il terrorismo, accettare la pace e iniziare a commerciare con questi Stati, o quel che ne resta.AP9812180876Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’ombra dopo Renzi: Luigi Di Maio, brevi note

Alessandro Lattanzio, 9/6/2016dimaiogrilloIl vicepresidente del gruppo M5S alla Camera, presidente del “Comitato di vigilanza sull’attività di documentazione” e capo del direttorio del M5S Luigi Di Maio, originario di Pomigliano d’Arco, visitava questa primavera Londra, Parigi, Berlino e Strasburgo, incontrando i presidenti delle commissioni affari esteri e finanze dell’assemblea nazionale francese, il segretario per la riforma dello Stato del governo Valls Jean-Vincent Placé, la vicepresidente del Bundestag tedesco Claudia Roth, il sottosegretario del ministero degli Interni tedesco Guenter Krings e Johannes Ludewig, presidente del Nationaler Normenkrontrollrat, organo di controllo normativo del Bundestag. A Londra, Di Maio cercava di “apprendere le buone pratiche” del modello parlamentare inglese e di “portarle in Italia”. Di Maio aveva incontrato parlamentari e funzionari inglesi con l’obiettivo di studiare come “coinvolgere i cittadini in una maggiore democrazia partecipata. I dati sulla partecipazione popolare in Italia sono disarmanti e negli ultimi dieci anni solo tre o quattro petizioni sono state esaminate. Questo crea un problema di credibilità istituzionale, mentre qui a Londra c’è una grande sensibilità verso queste petizioni”, dichiarava Di Maio parlando ai giornalisti dopo i passaggi a Westminster, dove incontrava il leader laburista Jeremy Corbyn e la capogruppo dell’opposizione Rosie Winterton, e al National Audit Office. Di Maio descriveva la sua “missione istituzionale” come volta ad approfondire il tema del controllo parlamentare e a studiare l’attività delle commissioni parlamentari inglesi attraverso strumenti online e il controllo della spesa pubblica, compito proprio del National Audit Office. “La prima buona pratica che hanno qui è quella di verificare che fine facciano le leggi dopo averle approvate. Se funzionano, se raggiungono gli obbiettivi di bilancio, di posti di lavoro, di ritorno degli investimenti che si erano prefissate. Noi invece non abbiamo una struttura predisposta per il controllo parlamentare, mentre dovremmo iniziare a immaginare uffici indipendenti interni alla Camera o esterni, che sono la strada migliore per capire quante leggi ci servono in Italia”. Un secondo punto in cui la Gran Bretagna va presa a modello, secondo Di Maio, è l’Audit Office che controlla la spesa pubblica e “fa un po’ le pulci ai provvedimenti presentati e approvati“, e il coinvolgimento dei cittadini con le leggi d’iniziativa popolare, che qui “viene affrontato con maggiore serietà e questo contribuisce a dare più credibilità al Parlamento”.
Dichiarandosi contro la Brexit e incoerentemente anche contro l’euro, Di Maio osservava che il partito euroscettico UKIP “si fa rispettare, avendo con il referendum portato l’Europa al tavolo negoziale”. Sulla Brexit, Di Maio aveva spiegato di esserne contrario precisando anche che il M5S è “contrario all’eventuale uscita dell’Italia dall’Unione europea, ma non si pronuncia sul destino dei britannici. Anche in questo modo gli inglesi si fanno rispettare”. Nonostante tali elogi, la richiesta di Di Maio d’incontrare il leader dell’UKIP Nigel Farage, l’ex-sindaco di Londra Boris Johnson e l’ex-ministro conservatore thatcheriano Kenneth Clarke veniva rifiutata dagli interessati. Dopo questi mancati appuntamenti, Di Maio affermava “Con l’UKIP abbiamo solo un’alleanza tecnica all’Europarlamento, fondata sulla passione comune per la democrazia diretta”. Di Maio però riusciva ad incontrare il ministro per i Rapporti con il Parlamento Chris Grayling, conservatore eterodosso che aveva incontrato poche settimane prima la ministra Maria Elena Boschi, per parlare della Brexit, l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, sostenuta da Grayling, ma non dal premier inglese Cameron e neanche da Di Maio. Va osservato che poco prima del viaggio a Londra, il direttorio del M5S aveva mostrato apprezzamento verso il premier inglese e la sua azione verso l’Unione Europea. Oltre a Chris Grayling, Di Maio incontrava l’omologo laburista Chris Bryant, che ricopre lo stesso incarico nel cosiddetto “governo ombra” del Labur Party. La sera del 21 aprile, il vicepresidente della Camera incontrava imprenditori e finanzieri della City, ma qui, su tale incontro “economico”, veniva posto un riserbo assoluto, poiché gli imprenditori incontrati “hanno nomi importantissimi ed hanno chiesto discrezione“. E di quell’incontro Di Maio evitava di parlarne in seguito.
La visita a Londra, con decine di incontri, aveva una grande risonanza mediatica, “Neanche per Renzi si erano visti tanti cronisti italiani per una visita”, spiegava un funzionario italiano a Londra. Anche i mass media inglesi, a partire dall’Economist, mostravano crescente interesse per il M5S e i suoi epsonenti, come la candidata a sindaco di Roma Virginia Raggi. In effetti, i viaggi di Di Maio dovrebbero accreditarlo quale personalità politica autorevole italiana, futuro leader del Movimento 5 Stelle che si candida a “responsabilità di governo e a una maggiore visibilità internazionale”. Infatti, a Londra Di Maio bacchettava i senatori italiani che non votavano la sfiducia al governo di Matteo Renzi, “hanno preferito le poltrone alla coerenza”. A fine giugno, Di Maio si recherà in Israele, per incontrare esponenti del governo a Gerusalemme, e a settembre andrà negli USA, invitato dell’università di Harvard, poiché l’influente rivista statunitense Forbes ha inserito Luigi Di Maio tra i 30 giovani politici più influenti d’Europa, assieme agli italiani Jacopo Mele (Cofondatore, Fondazione Homo Ex Machina Onlus), Leonardo Quattrucci (Consulente politico alla Commissione Europea), Anna Ascani (deputata del PD), Brando Benifei (europarlamentare PD) e Giulia Pastorella (Capo relazioni col governo).U43170877541942Il primo cerchio
Luigi Di Maio e Davide Casaleggio costituivano un sodalizio in sostituzione del controllo esercitato dal defunto Gianroberto Gianroberto sul M5S. Davide è il figlio di Gianroberto e della prima moglie inglese; è un manager laureatosi alla Bocconi che ha ereditato la proprietà dell’azienda che possiede i server utilizzati dall’associazione giuridica “MoVimento cinque stelle”, a sua volta intestata a Beppe Grillo, Enrico Grillo, Enrico Maria Nadasi e Gianroberto Casaleggio, che negli ultimi tempi delegava le responsabilità direttive al figlio Davide, comprese anche le più cruciali scelte politiche, trasmesse poi proprio a Di Maio. A quanto pare alla Casaleggio Associati si studierebbe la formazione di un governo ombra da far votare online in vista delle prossime elezioni politiche che, secondo Di Maio, si dovrebbero svolgere nel 2017. Tale governo vedrebbe Di Battista agli Esteri e Toninelli alle riforme.
Nota gossippara, Luigi Di Maio è fidanzato con Silvia Virgulti, ufficialmente assunta da Gianroberto Casaleggio quale “coach TV” per il M5S. Laureata in glottologia ed esperta della cosiddetta “Programmazione neurolinguistica”, Virgulti ha collaborato con le ambasciate di USA e Canada a Roma, e Beppe Grillo l’assunse per organizzare i suoi spettacoli negli Stati Uniti. Infine, il 4 luglio 2014 fu inviata a casa dell’ambasciatore degli USA John Phillips, a Villa Taverna. Nell’estate 2014, Di Maio e Virgulti si fidanzarono e Di Maio la propose a capo della comunicazione del M5S al posto di Ilaria Loquenzi, ma Gianroberto Casaleggio bloccò la mossa. La Virgulti si vendicò dicendo che le elezioni europee del maggio 2014 andarono male per il M5S a causa del “cappellino di Casaleggio”, ed a un convegno del movimento avrebbe incitato a superare l’impasse elettorale del M5S “usando la paura e la rabbia che suscita l’immigrazione negli italiani”.

U43150507832120l0FFonti:
Beppe Grillo
Corriere
Corriere
Corriere
Huffington Post
Il Messaggero
La Stampa
La Stampa
Repubblica

Il segreto del petrodollaro

Tyler Durden, Global Research, 1 giugno 2016

petrodollar2Per decenni, la storia del riciclaggio dei petrodollari dell’Arabia Saudita, vale a dire il finanziamento del deficit degli Stati Uniti con l’acquisto di titoli del Tesoro USA con i proventi delle vendite di petrolio (in gran parte negli Stati Uniti), mentre gli USA addolcivano l’affare fornendo ai sauditi equipaggiamenti militari, era rimasto nel regno della congiura, senza conferme o dichiarazioni ufficiali dal dipartimento del Tesoro statunitense. Ora, questa particolare “teoria” diventa l’ultimo fatto, grazie ad una storia affascinante di Bloomberg che dà sfondo e dettagli all’incontro segreto tra l’allora segretario al Tesoro degli USA William Simon, il suo vice Gerry Parsky e i membri della classe dirigente saudita, delineando come i petrodollari nacquero.
Qui lo sfondo: “Luglio 1974. Una pioggerella prima dell’alba lasciava il posto a un cielo coperto quando William Simon, appena nominato segretario del Tesoro degli USA, e il suo vice, Gerry Parsky, decollarono alle 8:00 dall’Andrews Air Force Base. A bordo, l’atmosfera era tesa. Quell’anno, la crisi petrolifera aveva colpito in patria. L’embargo delle nazioni arabe dell’OPEC, per l’aiuto militare degli Stati Uniti agli israeliani durante la guerra del Kippur, quadruplicava i prezzi del petrolio. L’inflazione saliva, il mercato azionario si schiantava e l’economia degli USA era in tilt. Ufficialmente, il viaggio di due settimane di Simon fu classificato giro diplomatico-economico in Europa e Medio Oriente, completo dei consueti salamelecchi e banchetti serali. Ma la vera missione, conservata nella massima riservatezza dalla cerchia del presidente Richard Nixon, avrebbe avuto luogo durante una sosta di quattro giorni nella città costiera di Jeddah, in Arabia Saudita. L’obiettivo: neutralizzare il petrolio greggio come arma economica e trovare un modo per convincere il regno ostile a finanziare il deficit dilagante degli Stati Uniti con la sua ritrovata ricchezza in petrodollari. E secondo Parsky, Nixon chiarì semplicemente di non tornare a mani vuote. Il fallimento non solo metteva a repentaglio la salute finanziaria degli Stati Uniti, ma poteva anche dare all’Unione Sovietica un varco per ulteriori incursioni nel mondo arabo. “Non era una questione se si potesse fare o no”, ha detto Parsky, uno dei pochi funzionari con Simon ai colloqui sauditi”.
Come notato, il quadro della transazione cercata era semplice: gli Stati Uniti avrebbero comprato petrolio dall’Arabia Saudita e fornito aiuti e materiale militari al regno. In cambio, i sauditi avrebbero raccolto miliardi di petrodollari dalle entrate per spalarli nuovamente al ministero del Tesoro finanziando la spesa degli Stati Uniti. L’uomo che guida il negoziato degli Stati Uniti, il segretario al Tesoro William Simon, era appena stato per un certo periodo lo zar dell’energia di Nixon, e “sembrava poco adatto a tale delicata diplomazia”. Prima di essere usato da Nixon, una serie di fumatori del New Jersey aveva guidato l’ufficio Tesoro al Salomon Brothers. Per i burocrati, l’esuberante affarista di Wall Street, che una volta si paragonò a Gengis Khan, aveva un carattere e un ego smisurato dolorosamente al passo con Washington. Solo una settimana prima di mettere piede in Arabia Saudita, Simon biasimò pubblicamente lo Scià di Persia, stretto alleato regionale al momento, definendolo un “cretino”. “Ma Simon, meglio di chiunque altro, comprese l’appello al debito pubblico degli Stati Uniti e di vendere ai sauditi l’idea che gli USA erano il posto più sicuro per parcheggiare i loro petrodollari. Con tale consapevolezza, l’amministrazione covò un piano kamikaze senza precedenti, che avrebbe influenzato ogni aspetto delle relazioni USA-sauditi nei successivi quarant’anni (Simon è morto nel 2000 a 72 anni)”. All’inizio non fu facile: “Ci sono voluti diversi incontri discreti per appianare tutti i dettagli, dice Parsky. Ma alla fine di mesi di trattative, scrive Bloomberg, rimaneva un piccolo ma fondamentale comma: re Faysal bin Abdulaziz al-Saud chiese che l’acquisto dal Tesoro del Paese rimanesse “strettamente segreto”, secondo un dispaccio diplomatico ottenuto da Bloomberg dagli Archivi Nazionali“. Il segreto resta… fino al 16 maggio, quando il Tesoro degli Stati Uniti per la prima volta rivelava la piena portata dei titoli posseduti dall’Arabia Saudita.TSY hodlings_0Bloomberg aggiunge che una manciata di funzionari del Tesoro e della Federal Reserve ha mantenuto il segreto per più di quarant’anni, finora. “In risposta a una richiesta del Freedom-of-Information-Act presentata da Bloomberg News, il Tesoro ha svelato i titoli posseduti dall’Arabia Saudita, per la prima volta, questo mese, “concludendo di essere in linea con la legge sulla trasparenza e la comunicazione dei dati”, secondo la portavoce Whitney Smith. Il possesso di 117 miliardi di titoli del Tesoro fa del regno uno dei maggiori creditori esteri degli USA“. I dati diffusi lo stesso giorno confermavano la risposta al FOIA. A dire il vero, come osservammo a metà maggio, è molto probabile che la relazione del Tesoro sia incompleta e che i sauditi possiedano centinaia di miliardi di dollari in buoni del Tesoro in custodia presso centri offshore come Euroclear. Dopo tutto, il conteggio corrente rappresenta solo il 20 per cento dei 587 miliardi di dollari di riserve in valuta estera, assai meno dei due terzi che le banche centrali in genere mantengono come attività in dollari. Inoltre, la quarantennale politica d'”interdipendenza” tra Stati Uniti ed Arabia Saudita, nata dall’accordo sul debito di Simon che infine legava le due nazioni condividendo alcuni valori comuni, mostra segni di disfacimento. Gli USA fanno timidi passi verso un riavvicinamento all’Iran, evidenziato dal cruciale accordo nucleare del presidente Barack Obama dello scorso anno. Il boom dello scisto degli Stati Uniti ha anche reso gli USA assai meno dipendenti dal petrolio saudita. Inutile dire che il vero ammontare complessivo dei titoli posseduti dai sauditi alla fine sarà noto, soprattutto se la nazione mediorientale persegue la minaccia di liquidarli, in parte o tutti. Ancor più notevole, tuttavia, è che con la prima divulgazione dei dati sulla nascita dei petrodollari, qualcosa sembra essere cambiato: “L’acquisto di obbligazioni e tutto il resto era una strategia per riciclare petrodollari ancora negli Stati Uniti”, ha detto David Ottaway, esperto sul Medio Oriente del Woodrow Wilson Center di Washington. Ma politicamente, “è sempre stato un rapporto ambiguo e vincolato”.” Una cosa che certamente è cambiata è il mondo in cui le banche centrali comprano voracemente tutto l’altrui (e proprio) debito, la necessità di riciclatori di petrodollari come l’Arabia Saudita non c’è più, ma non è stato sempre così: “Nel 1974, forgiare quel rapporto (e la segretezza che richiese) fu un gioco da ragazzi, secondo Parsky, ora presidente dell’Aurora Capital Group, una società di private equity di Los Angeles. Molti alleati degli Stati Uniti, come Regno Unito e Giappone, fortemente dipendenti dal petrolio saudita, erano in lizza per permettere al regno di reinvestire nelle loro economie. Tutti, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Giappone, cercavano di mettere le mani nelle tasche dei sauditi”, ha detto Gordon S. Brown, funzionario economico del dipartimento di Stato presso l’ambasciata statunitense a Riad nel 1976-1978. Per i sauditi, la politica ebbe un ruolo importante nell’insistenza sul fatto che tutti gli investimenti del Tesoro rimanessero anonimi”.
William E. Simon, former Secretary of the Treasury La dipendenza degli USA dai sauditi per finanziare il deficit, e avere petrolio a buon mercato, fece sì che al regno venisse concesso lo status privilegiato in ogni interazione con gli Stati Uniti. “Le tensioni erano ancora alte 10 mesi dopo la guerra dello Yom Kippur, e in tutto il mondo arabo c’era molta animosità verso gli Stati Uniti per il sostegno ad Israele. Secondo dispacci diplomatici, la peggiore paura di re Faysal era che i petrodollari degli USA venissero percepiti, “direttamente o indirettamente”, come destinati al peggiore nemico, sotto forma di aiuti dagli Stati Uniti. I funzionari del Tesoro risolsero il dilemma lasciando che i sauditi passassero dalla porta sul retro. Nel primo di molti accordi speciali, gli Stati Uniti permisero all’Arabia Saudita di scavalcare il normale processo di offerta competitiva per l’acquisto di titoli del Tesoro, permettendo un “aggiunta”. Tali vendite, escluse dai totali ufficiali delle aste, nascosero le tracce della presenza saudita nel mercato del debito del governo degli Stati Uniti. “Quando arrivai all’ambasciata, mi fu detto che si trattava dei titoli del Tesoro”, ha detto Brown. “Fu tutto gestito privatamente”. Un’altra eccezione fu stralciata per l’Arabia Saudita quando il Tesoro iniziò ad emettere le suddivisioni mensili Paese per Paese della proprietà del debito degli Stati Uniti. Invece di rivelare la partecipazione dell’Arabia Saudita, il Tesoro la raggruppò con 14 altre nazioni, come Quwayt, Emirati Arabi Uniti e Nigeria, con il titolo generico di “esportatori di petrolio”, e la cosa continuò per 41 anni”. Nel frattempo, l’Arabia Saudita proseguì l’acquisto: nel 1977 accumulava circa il 20 per cento di tutti i titoli del Tesoro detenuti all’estero, secondo “La mano nascosta dell’egemonia americana: riciclaggio di petrodollari e mercati internazionali” di David Spiro della Columbia University. L’accordo ha creato varie preoccupazioni: “in una nota interna dell’ottobre 1976, il dettaglio degli Stati Uniti inavvertitamente rivelava che molto più di 800 milioni di dollari si era intenzionati a prendere in prestito con l’asta. Al momento, due banche centrali non identificate si aggiunsero per acquistare ulteriori 400 miliardi in titoli del Tesoro ciascuna. Alla fine, una banca ebbe la sua parte il giorno dopo, per mantenere gli Stati Uniti entro il limite. “La maggior parte di tali manovre e piroette fu messa sotto il tappeto, ed alti funzionari del Tesoro fecero di tutto per mantenere lo status quo e proteggere gli alleati del Medio Oriente divenuti maggiori creditori degli USA. Negli anni, il Tesoro più volte fece ricorso all’International Investment and Trade in Services Survey Act del 1976, proteggendo individui dei Paesi maggiori detentori dei titoli del Tesoro, in quanto prima linea difensiva. La strategia continuò anche dopo che il Government Accountability Office, in un’indagine del 1979, non trovò “alcuna base statistica o giuridica” per tale blackout. Il GAO non aveva il potere di costringere il Tesoro a consegnare i dati, ma concluse che gli Stati Uniti “hanno assunto impegni particolari sulla riservatezza finanziaria con l’Arabia Saudita” ed eventualmente altre nazioni dell’OPEC. Simon, che allora era tornato a Wall Street, riconobbe in una testimonianza al Congresso che “la segnalazione regionale era l’unico modo con cui l’Arabia Saudita avrebbe fatto l’accordo” investendo tramite il sistema dell’aggiunta”.
In definitiva, il dominio saudita sul mercato del Tesoro statunitense significò l’intoccabilità. “Era chiaro che il Tesoro non avrebbe cooperato per nulla“, ha detto Stephen McSpadden, ex-consigliere della sottocommissione del Congresso che sostiene le indagini del GAO. “Fui nella sottocommissione per 17 anni, e non vidi mai niente di simile“. Oggi, Parsky dice che la disposizione segreta con i sauditi andava smantellata anni fa ed era sorpreso che il Tesoro continuasse per così tanto tempo. Ma anche così, non ha rimpianti. L’accordo “fu positivo per gli USA“, dice citato da Bloomberg. E con questo la storia di come il petrodollaro nacque è ora pubblica, cosa di cui l’Arabia Saudita non sarà felice. Per il bene degli Stati Uniti è meglio avere le cose a posto, perché la diffusione di questa storia significa semplicemente che il Tesoro degli Stati Uniti è convinto che non avrà più la necessità strategica del vecchio partner saudita. La Fed, che implicitamente rientra nella presenza saudita, non delude.saudi holdings vs everyone else_0.jpgTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

George Soros è collegato al terrorismo

Soros è un importante sostenitore di Hillary Clinton
Wayne Madsen, Infowars 23 maggio 2016

cia_clandestine_ops_v139_400xIn un’epoca di continue “false flag” terroristiche, un documento Top Secret della Central Intelligence Agency, il National Intelligence Daily del 4 febbraio 1987, suggerisce un legame tra George Soros e un attentato terroristico nell’ex-Cecoslovacchia.
Nel 1986-1987 si videro i primi effetti della glasnost di Mikhail Gorbaciov che entrava in vigore in Europa orientale. George Soros, la cui speculazione monetaria ne fece uno dei pochi vampiri di Wall Street a sfruttare finanziariamente il “crash dell’ottobre 1987”, cominciò ad approfittare della situazione in Europa orientale. Due settimane dopo il “Lunedì nero” del 1987, Soros cortocircuitò il dollaro statunitense col suo Quantum Fund che chiuse con un guadagno del 13 per cento. Soros riciclò il denaro presso dei gruppi in Europa orientale, i cui fondi della CIA erano chiamati “cash kosher”. Soros voleva indebolire i governi comunisti di allora. Uno dei primi obiettivi fu la Cecoslovacchia. Soros, che aveva già legami con la CIA avendo partecipato e finanziato vari gruppi della CIA, tra cui il Council on Foreign Relations, inviò molto contante a gruppi di pressione “pro-democrazia” come Charta 77 in Cecoslovacchia o Solidarnosc, ora noti come null’altro che facciate della CIA. Infatti, la Fondazione Charta 77 ricevette un terzo dei finanziamenti da Soros, e una notevole quantità del finanziamento residuo da enti legati alla CIA come il National Endowment for Democracy (NED). Soros iniziò ad infiltrasi in Europa orientale nel 1984, quando la sua Fondazione di New York firmò un accordo con l’Ungheria per creando la Fondazione Soros di Budapest. Infine, la Fondazione Soros di Budapest si fuse con il fronte della guerra fredda della CIA a Parigi, la filiale francese del Congresso per la libertà della cultura. Il campionario di “rivoluzioni” a tema di Soros con la pratica della piazza “non violenta” ha spesso portato i gruppi di Soros a commettere violenze. Questo s’è visto a Kiev, Tbilisi, Caracas, Cairo, Sana e Damasco. Agenti e soldi di Soros inondarono la Cecoslovacchia a sostegno di Carta 77 e dei capi Vaclav Havel e Karel Schwarzenberg dell’opposizione ceca a Vienna.
Soros alzò la posta contribuendo a finanziare attentati terroristici in Cecoslovacchia? Il rapporto della CIA afferma che “il recente attentato al quartier generale del Partito Comunista cecoslovacco a Ceske Budejovice e i successivi attentati ad edifici del partito in altre città allarmavano le autorità, aumentando la sicurezza delle strutture nel Paese a livelli senza pari (scriveva la fonte delle informazioni della CIA)“. La CIA rivela che l’allora governo di Praga accusò agitatori stranieri che agivano tramite “bande giovanili”. I principali finanziatori dei gruppi di agitazione giovanili contro il governo comunista, all’epoca erano Soros e NED. La domanda resta: George Soros autorizzò atti di terrorismo contro il governo cecoslovacco? Se è così, perché Soros non è in carcere per favoreggiamento del terrorismo in Europa? L’analisi della CIA degli attentati terroristici concluse che le violenze fossero opera di un “gruppo estero”. Ancora una volta, il dito puntava su Soros. Un intero paragrafo della relazione sugli attentati cecoslovacchi è ancora censurato dalla CIA, che riteneva che gli attentati furono attuati per mobilitare la popolazione cecoslovacca “di solito apatica”. La CIA ha una sua sordida storia nel risvegliare le popolazioni apatiche con l’utilizzo di attentati terroristici false flag. Soros è un importante contribuente della campagna di Hillary Clinton. Le possibili attività di Soros nel 1986 e 1987 possono finalmente dimostrare che la campagna di Clinton è finanziata dal cassiere del terrorismo.30634_1Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I 10 motivi per cui l’occidente ha ucciso la Guida libica Muammar Gheddafi

Panafricain 20 maggio 201625304-26tyxxL’ex-leader libico Muammar Gheddafi fu ucciso “perché pensava che l’Africa era matura per sfuggire alla povertà coi propri mezzi, svolgendo il proprio ruolo nella governance globale“, aveva detto il presidente del Ciad Idris Deby, in un’intervista. Secondo il Capo di Stato ciadiano, era essenziale “farlo tacere”, aggiungendo che “la storia registrerà che gli africani non hanno fatto molto. Ci hanno ignorato e non fummo consultati. Gheddafi era sconvolto e imbarazzato“. “Fu lo stesso con Patrice Lumumba, in Congo. Perché l’uccisero? Perché Gheddafi fu ucciso? (…) Siamo fornitori di materie prime. Ma guardate dove siamo? Siamo molto arretrati“, ha detto il leader del Ciad da Abeche, la seconda città del Ciad.
Ecco in 10 punti perché Gheddafi doveva morire:ras1_continental_world1) – Il primo satellite africano RASCOM-1
Fu la Libia di Gheddafi ad offrire la prima vera rivoluzione in Africa dei tempi moderni: assicurando la copertura universale del continente per telefonia, televisione, radio e molte altre applicazioni come telemedicina e istruzione a distanza; per la prima volta, una connessione a basso costo diventava disponibile nel continente, anche nelle zone rurali, con il sistema del ponte radio WMAX. La storia inizia nel 1992, quando 45 Paesi africani crearono la società RASCOM per avere un satellite africano e ridurre i costi di comunicazione nel continente. Le chiamate da e verso l’Africa allora avevano le tariffe più costose del mondo, perché c’era una tassa di 500 milioni di dollari che l’Europa incassava ogni anno dalle conversazioni telefoniche, anche all’interno dei Paesi africani, per il transito dei satelliti europei come Intelsat. Il satellite africano costava solo 400 milioni da pagare una sola volta, senza mai più pagare 500 milioni di affitto all’anno. Quale banchiere non finanzierebbe un progetto del genere, ma l’equazione più difficile fu: come lo schiavo si sbarazza dello sfruttamento servile dal padrone se cerca aiuto da quest’ultimo per raggiungere questo obiettivo? Così, Banca mondiale, Fondo monetario internazionale, Stati Uniti, Unione europea ingannarono questi Paesi per 14 anni. Nel 2006, Gheddafi pose fine all’inutile agonia dell’elemosina dai presunti benefattori occidentali che praticano prestiti a tassi usurari; la Guida libica mise sul tavolo 300 milioni di dollari, la Banca di Sviluppo africana 50 milioni, la Banca per lo Sviluppo dell’Africa occidentale 27 milioni, così l’Africa dal 26 dicembre 2007 ebbe il suo primo satellite per telecomunicazioni della storia. Nel processo, Cina e Russia s’inserivano, questa volta vendendo la loro tecnologia e permettendo il lancio di nuovi satelliti sudafricani, nigeriani, angolani, algerini e anche di un secondo satellite africano, lanciato nel luglio 2010. Ci aspettiamo per il 2020 il primo satellite al 100% tecnologicamente costruito sul suolo africano, in particolare in Algeria. Il satellite competerà con i migliori del mondo, ma a un costo 10 volte inferiore, una vera e propria sfida. Ecco come un piccolo semplice gesto simbolico di 300 milioni può cambiare la vita di un intero continente. La Libia di Gheddafi è costata all’occidente non solo 500 milioni di dollari all’anno, ma miliardi di dollari di debito ed interessi che tale debito avrebbe generato all’infinito e in modo esponenziale, mantenendo il sistema occulto per spogliare l’Africa.rascom-1__12) – Base monetaria dell’Africa, Banca centrale africana, Banca di investimenti africana
I 30 miliardi di dollari sequestrati da Obama appartengono alla Banca centrale libica, previsti dalla Libia per la creazione della federazione africana attraverso tre progetti faro:

3) – Banca di investimenti africana a Sirte, in Libia e creazione nel 2011 del Fondo monetario africano con capitale di 42 miliardi di dollari a Yaounde,

4) – Banca centrale africana ad Abuja, in Nigeria, la cui prima emissione monetaria africana significava la fine del franco CFA attraverso cui Parigi domina alcuni Paesi africani da 50 anni.

5) – E’ comprensibile dunque ancora una volta la rabbia di Parigi contro Gheddafi. Il Fondo monetario africano doveva sostituire eventualmente tutte le attività sul suolo africano con cui il Fondo monetario internazionale, con solo 25 miliardi di dollari di capitale, ha saputo piegare un intero continente con privatizzazioni discutibili, obbligando i Paesi africani a passare dai monopoli pubblici a quelli privati. Sono gli stessi Paesi occidentali che chiesero di divenire membri del Fondo monetario africano e, unanimemente, il 16-17 dicembre 2010 a Yaounde gli africani respinsero tali lussuriosi, decidendo che solo i Paesi africani fossero membri del FMA.

I cinque fattori che motivarono Nicolas Sarkozy a combattere la guerra contro la Libia, secondo David Ignatius del Washington Post, “Blumenthal ricevette le informazioni sulla Libia da un ex-agente della CIA:
6) – Desiderio di una maggiore quota di petrolio libico;
7) – Aumentare l’influenza francese in Nord Africa;
8) – Migliorare la situazione politica interna in Francia;
9) – Offrire all’esercito francese la possibilità di ripristinare la sua posizione nel mondo;
10) – Rispondere alle preoccupazioni dei suoi consiglieri sui piani a lungo termine di Gheddafi per soppiantare la Francia come potenza dominante in Africa occidentale”.
Su quest’ultimo punto, il memorandum menziona l’esistenza del tesoro di Gheddafi, 143 tonnellate d’oro e quasi altrettanto di argento, trasferite da Tripoli a Sabha nel sud della Libia, una quindicina di giorni dopo l’avvio dell’operazione militare. “Quest’oro fu accumulato prima della ribellione e aveva lo scopo di creare della valuta panafricana supportata dal dinaro d’oro libico. Questo piano doveva fornire ai Paesi africani francofoni l’alternativa al franco CFA“.detteTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora