Gli Stati Uniti pagheranno un prezzo molto alto

Ri Hyo Jin, Rodong, 12 agosto 2017

Dopo aver assistito al successo della seconda prova dell’ICBM nella RPDC, gli Stati Uniti sono preda di ansia e terrore, timorosi di quando le armi della Corea del Juche bombarderanno le basi militari dell’aggressione e la loro terraferma. Recentemente si è avuta un’esercitazione per l’evacuazione per far fronte alla “minaccia dei missili balistici” nelle Hawaii degli Stati Uniti, per la prima volta dalla loro fondazione. Scatenando un’atmosfera orribile, Trump ha dichiarato che sarà fatto un passo per garantire la sicurezza della terraferma, dicendo che gli Stati Uniti “non escludono la guerra” e che “se una guerra scoppierà, sarà combattuta nella penisola coreana“. Ecco perché i militari statunitensi fanno rumore sull’introduzione di mezzi strategici nella penisola coreana e sull'”attacco preventivo”.
Dominando nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti hanno preparato una nuova “risoluzione delle sanzioni” facendo pressione sui nostri vicini che vedono il volto degli Stati Uniti, inadatti allo status di grandi potenza. È la tragedia dei comportamenti sconsiderati e isterici che ridurranno la terraferma americana in cenere in qualsiasi momento. È la ferma volontà della grande nazione del Paektusan, dopo il successo del secondo lancio di prove dell’ICBM Hwasong-14, che porrà fine alle ostilità degli Stati Uniti che hanno imposto disgrazie e sofferenze al popolo coreano per più di mezzo secolo ottenendo la vittoria finale nello scontro con l’imperialismo e gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti e loro forze vassalle pagheranno caro le sanzioni e le pressioni provocate e sconsiderate contro la RPDC.La Corea democratica è certa di vincere grazie a un uomo senza pari
Ri Hak Nam, Rodong, 12 agosto 2017

Una serie di riusciti lanci di prova dell’ICBM Hwasong-14 è la vittoria storica decisiva ottenuta dal rispettato leader supremo Kim Jong Un, dalla rara saggezza, coraggio ineguagliabile e leadership straordinaria. I miracoli di oggi furono possibili grazie alla grande devozione e all’impegno di Kim Jong Un, aprendo la via allo sviluppo del nuovo missile ultra-moderno nei siti di lancio, a mezzanotte e all’alba. I grandi cambiamenti storici del Paese mostrano chiaramente di esser sicuri di vincere fin quando saremo sotto la sua eccezionale leadership. L’esercito e il popolo della RPDC sono fiduciosi, guardando al passato quando ottennero vittorie lodevoli. Siamo sicuri di vincere grazie a lui. Questa è una scienza e una verità.
Gli Stati Uniti e loro forze vassalle hanno fatto di tutto per preparare un’altra altra estrema “risoluzione delle sanzioni” contro la RPDC e cercano di fare del male alla RPDC introducendo enormi mezzi strategici nucleari, ma questo non è altro che l’ultimo dei tentativi dei condannati alla rovina. Né la minaccia militare né le sanzioni possono colpire la RPDC. Sotto la guida di Kim Jong Un, comandante senza pari, l’esercito e il popolo della RPDC metteranno fine alle mosse malvagie degli Stati Uniti per isolare e soffocare la RPDC, e costruiranno un potente Paese socialista e grande potenza mondiale senza fallire. Il mondo sarà presto testimone dell’emergere di tale potenza.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il gioco pericoloso sulla penisola coreana rischia una guerra

Global Times, 10/8/2017

Stati Uniti e Corea democratica hanno accentuato la loro minacciosa retorica. Il Pentagono ha preparato piani per i bombardieri strategici B-1B per effettuare attacchi preventivi sui siti missilistici della Corea democratica. Il ministro della Difesa degli USA James Mattis aveva emesso un ultimatum alla Corea democratica affinché “cessasse qualsiasi idea di azione che porterebbe alla fine del regime e alla distruzione del suo popolo“. Nel frattempo, la Corea democratica diffondeva i piani per lanciare quattro missili a portata intermedia a 30-40 chilometri da Guam, sostenendo che avrebbe attuato il piano a metà agosto. Alcuni a Guam sono già in preda al panico per la prima volta dalla fine della guerra fredda. Gli Stati Uniti hanno già avuto la peggio nel confronto con la Corea democratica. Molti credono che la possibilità di guerra sia molto bassa. Se la guerra esplodesse veramente, gli Stati Uniti difficilmente ne potranno trarre vantaggi strategici e la Corea democratica affronterà rischi senza precedenti. La Corea democratica mira a spingere gli Stati Uniti a negoziare, mentre gli Stati Uniti vogliono avvertirla. Né possono raggiungere gli obiettivi, concorrendo ad acuire le tensioni, ma senza prendere l’iniziativa di lanciare la guerra. Il pericolo reale è che un gioco così sconsiderato comporti errori di calcolo e una “guerra” strategica. Cioè, né Washington né Pyongyang vogliono la guerra, ma potrebbe scoppiare comunque perché non hanno esperienza nel controllare tale gioco estremo. Il prossimo futuro sarà molto pericoloso se bombardieri B-1B degli USA sorvolassero la penisola coreana o la Corea democratica lanciasse missili in direzione di Guam. Entrambe le parti dovrebbero innalzare l’allerta al massimo livello. L’incertezza nella penisola coreana cresce.
Pechino non è in grado di persuadere Washington o Pyongyang a ripiegare, in questo momento. Bisogna chiarire la propria posizione ovunque e far capire che se le loro azioni compromettessero gli interessi della Cina, essa risponderà con mano ferma. La Cina dovrebbe anche chiarire che se la Corea democratica lanciasse missili che minaccino il territorio degli Stati Uniti, ed essi reagissero, la Cina rimarrà neutrale. Se Stati Uniti e Corea del Sud attaccassero tentando di rovesciare il regime nordcoreano e cambiare il modello politico della penisola coreana, la Cina glielo impedirà. La Cina si oppone alla proliferazione nucleare e alla guerra nella penisola coreana. Non incoraggerà alcuna parte a suscitare conflitti e si opporrà fermamente a chiunque voglia cambiare lo status quo delle aree che ne riguardano gli interessi. Si spera che Washington e Pyongyang possano limitarsi. Nella penisola coreana convergono gli interessi strategici di tutte le parti e nessuna di esse dovrebbe cercare di dominare in modo assoluto la regione.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Dichiarazione del governo della RPDC sulla crisi con gli USA

Rodong 8 agosto 2017

Il governo della Repubblica popolare democratica di Corea ha rilasciato una dichiarazione su Stati Uniti e altre forze ostili, terrorizzati dalla crescita della forza nucleare dello Stato della RPDC per qualità e quantità, impegnati nelle più severe sanzioni, pressioni e provocazioni contro di essa.
La dichiarazione dice: “Il 6 agosto, gli Stati Uniti hanno introdotto la “risoluzione delle sanzioni” 2371 presso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che si prefigge di bloccare completamente lo sviluppo economico e il miglioramento della vita dei cittadini della Corea democratica, indicando il lancio di prova degli ICBM come “minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali”. Questa “risoluzione delle sanzioni” delle Nazioni Unite, in tutti gli scopi e i fini, è risultata dai tentativi diabolici degli Stati Uniti di isolare e soffocare la RPDC, costituendo una flagrante violazione della sua sovranità e sfida aperta ad essa. L’accesso della RPDC a una maggiore forza nucleare è la misura giusta e legittima per l’autodifesa per proteggere la sovranità del Paese e il diritto della nazione all’esistenza contro le azioni mirate e arbitrarie degli Stati Uniti, perseguendo una politica di estrema ostilità e minaccia nucleare contro la RPDC da ben oltre mezzo secolo. Il riuscito lancio di prova degli ICBM della RPDC sono un grave avvertimento agli Stati Uniti che, essendosi radicati in tutto il Pacifico, guidano una sconvolgente e pericolosa provocazione militare e una sgradevole campagna di sanzioni contro la RPDC. Tuttavia, gli Stati Uniti sono più frenetici e disperati, invece di accettare l’esistenza della RPDC ed imparare a coesistere con essa, cercano di portare la penisola coreana sull’orlo della guerra nucleare, attuando esercitazioni missilistiche contro la RPDC e schierando numerosi sistemi strategici sulla penisola. È in questo contesto che gli Stati Uniti hanno manipolato il Consiglio delle Nazioni Unite per imporre la “risoluzione delle sanzioni” peggiore di sempre, avanzando il divieto totale anche sulle normali attività commerciali e di scambio economico, avvertendo così il mondo della cattiva intenzione di annullare l’ideologia e il sistema della RPDC e sterminarne il popolo. D’altra parte, gli Stati Uniti istigano tale racket infinito per ripulirsi la faccia, facendo osservazioni impudenti nel valutare la cosiddetta opzione militare contro la RPDC. Vi sono Paesi con cui le ridicole minacce degli USA lavorano e Paesi che si prostrano al loro bluff. Gli Stati Uniti, che affermano di essere “l’unica superpotenza del mondo”, e i vicini della RPDC, non inferiori agli Stati Uniti, sono così spaventati da due semplici lanci di prova di ICBM della RPDC che fanno molta scena abbaiando all’unisono. Vederli divenire frenetici inorgoglisce ancora di più la RPDC per la grande potenza nazionale e ribadisce la fede sulla via scelta quale unico modo per sopravvivere e prosperare.
La Corea democratica ha già ottenuto tutto ciò di cui ha bisogno, pur avendo tutto ciò con una lotta difficile sotto il peggiore regime di sanzioni creato dalle numerose “sanzioni” delle Nazioni Unite adottate su iniziativa degli USA negli ultimi decenni. È solo una speranza forzata considerare una qualsiasi probabilità che la RPDC cambi di un centimetro o posizione con tali sanzioni di nuovo tipo imposte da forze ostili. Poiché gli Stati Uniti hanno lanciato provocazioni totali contro la RPDC in tutti i settori della politica, dell’economia e delle forze armate, nulla può alterare la volontà e la risoluzione dell’esercito e del popolo della RPDC rispondendo adottando misure risolutive. Il governo della RPDC ha solennemente dichiarato quanto segue, per affrontare la grave situazione creata dalle frenesie di Stati Uniti e altre forze ostili:
In primo luogo, la RPDC condanna nei termini più netti e rifiuta totalmente la “risoluzione delle sanzioni” della Corea democratica al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che Stati Uniti e altre forze ostili hanno costituito con una grave violazione della sovranità del Paese. La Corea democratica adotta misure per rafforzare la deterrenza nucleare auto-difensiva per contrastare la politica di estrema ostilità e minaccia nucleare dagli Stati Uniti, il più grande Stato dotato di armi nucleari del mondo. La definizione di queste misure “minaccia per la pace e la sicurezza internazionali” è da logica da gangster pensando che il resto del mondo debba diventare una colonia degli USA, per i loro interessi, o vittima della loro aggressività. Il Paese che persegue apertamente l’ambizione di mantenere l’egemonia nucleare permanente attuando la maggior parte delle prove nucleari nel mondo e lanciando ICBM ogni volta che lo desidera, adotta “risoluzioni su sanzioni” illegali per incriminare il rafforzamento della forza nucleare di autodifesa della RPDC, applicando tali sanzioni per una presunta “violazione”. Ciò costituisce il culmine del doppiopesismo sfacciato. Fintanto che la politica ostile e la minaccia nucleare degli Stati Uniti continuano, la RPDC, non importa chi dica cosa, non metterà mai la propria deterrenza nucleare auto-difensiva sul tavolo delle trattative, né indietreggerà di un centimetro dalla via che ha scelto per rafforzare la forza nucleare di Stato.
In secondo luogo, ora che gli Stati Uniti hanno forgiato la “risoluzione delle sanzioni” manipolando l’ONU per eliminare la sovranità e i diritti all’esistenza e allo sviluppo della Corea democratica, la RPDC passerà all’azione decisa per la giustizia, come già chiarito. Gli Stati Uniti agiscono in modo assurdo ricorrendo a sanzioni anacronistiche e pressioni contro la RPDC, invece di apprezzare lo status strategico della RPDC prestando un’attenzione adeguata ai suoi ripetuti avvertimenti. Il comportamento sciocco degli Stati Uniti ne accelererà l’estinzione. Dato che i gangster degli Stati Uniti rimangono immersi nelle spaventose provocazioni mediatiche, la RPDC incrementerà ulteriormente la forza della giustizia per sradicare accuratamente le cause della guerra e dell’aggressione e non cederà mai in questa lotta fino alla fine.
In terzo luogo, la RPDC farà pagare caro agli Stati Uniti i crimini gravi che commettono contro lo Stato e il popolo di questo Paese. Gli Stati Uniti inflissero una guerra tragica che immerse questa terra in un mare di sangue e di fuoco, e non lasciò pietra su pietra per annullare l’ideologia e il sistema della RPDC, il secolo scorso e questo secolo. Gli Stati Uniti s’ingannano tragicamente se pensano la loro terraferma sia un paradiso sicuro dall’altro lato dell’oceano. Quei Paesi che ricevono un “grazie” dagli Stati Uniti come ricompensa per la partecipazione alla cospirazione per inventare tale furiosa “risoluzione delle sanzioni” contro la RPDC, attraverso un accordo dietro le quinte, questa volta non potranno mai eludere le proprie responsabilità nell’acuire le tensioni sulla penisola coreana mettendo in pericolo pace e sicurezza regionali. Se gli Stati Uniti non agiranno con discrezione, persistendo nei tentativi di soffocare la Corea democratica, non esiteremo ad utilizzare qualsiasi mezzo estremo.
La RPDC consolida la linea di sviluppo contemporaneo su due fronti, mantenere la bandiera della difesa della pace e marciare diritto fino alla fine lungo la strada scelta, senza la minima deviazione.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Operazioni dell’Esercito arabo siriano: 1-10 agosto 2017

Alessandro LattanzioIl 1° agosto, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL nelle province di Homs, Hama e Raqqa, presso Humimah, al-Suqanah, Mushayrafah, Jub al-Jarah e al-Rabiyah, infliggendo gravi perdite ai terroristi. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberavano Arhabi, al-Sharidah, Qabli, al-Sabaqah, Qanam al-Ala, Wadi al-Qarar e Sabayat, tra Raqqa e Dair al-Zur, avanzando su Zur Shamir, Abu Salim Hamad, Wadi al-Hama e Huayja Ashraf. Gli aerei da guerra statunitensi uccidevano o ferivano oltre 80 civili ad al-Shuayt, al-Duayar e al-Asharah, ad est di Dair al-Zur. 4 capi del SIIL venivano eliminati dall’Esercito arabo siriano ad al-Salamiyah, tra cui Abu al-Hanaya, liquidato con la distruzione del suo autoveicolo. La SAAF bombardava la base del SIIL tra Salba e Uqayrabat, distruggendola. La SAAF bombardava le posizioni del SIIL presso Salamiyah, a Juruh, Salba, Qulayb al-Thur, Jana al-Albuyi, Daqilah Shamaliyah, Daqilah Janubiyah e al-Azib, distruggendo almeno 5 tecniche. Nella base aerea di Humaymim risultavano schierati 22 velivoli tattici delle VKS: 11 bombardieri tattici Sukhoj Su-24, 3 aerei d’attacco Sukhoj Su-25SM, 3 caccia-intercettori Sukhoj Su-27SM3, 6 caccia-intercettori Sukhoj Su-35, 4 cacciabombardieri Sukhoj Su-30SM e 6 bombardieri tattici Sukhoj Su-34. Il governo russo aveva stipulato un contratto di 49 anni per la gestione della base aerea di Humaymim. Erano presenti anche 1 aereo da ricognizione Iljushin Il-20M e 1 aereo-radar Beriev A-50U. Nel sud-ovest del governatorato di Raqqa, la Quwat al-Nimr avanzava su Madan e il triangolo Bishri, al confine tra Raqqa e Dair al-Zur, mentre a sud di Ithriyah, Quwat al-Nimr, Liwa al-Quds, Dar al-Qalamun, 11.ma Divisione corazzata, NDF e Suqur al-Zuba avanzavano verso Suqanah isolando i terroristi nella regione di Uqayribat, ad est di Hama. Tali terroristi erano all’estremità occidentale di un grande saliente al centro della Siria tra Homs e Hama. Dair al-Zur riceveva rinforzi e rifornimenti da Qamishli, permettendo ai difensori della 104.ma Brigata aeroportata dell’EAS, a Dair al-Zur, un’azione offensiva contro i terroristi. Utilizzando un tunnel, distruggevano una linea dei rifornimenti del SIIL ad al-Maqabar. La Russia dispiegava 400 truppe nei governatorati di Dara e Qunaytra. Gli aerei da guerra degli Stati Uniti bombardavamo Busaraya, al-Qashqiyah, al-Qashma, al-Shuayt, al-Duyir e al-Asharah, tra Raqqa e Dair al-Zur, uccidendo e ferendo 90 civili.
Il 2 agosto, l’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco del SIIL su Dair al-Zur, presso la caserma del 137.mo Reggimento e al-Baqaliyah. L’Esercito arabo siriano respingeva un pesante attacco di Jabhat al-Nusra su Marimin e Qurmus, presso Homs, mentre le unità d’artiglieria dell’EAS bombardavano le basi di Jabhat al-Nusra a Tibah al-Qarbi, Qafr Laha, Taldu e Tal Zahab. La SAAF bombardava le posizioni del ISIL a sud-est di Raqqa, a Madan, al-Qamisah, al-Jabar, Maqala Qabir, Maqala Saqir e Qanam al-Ala distruggendo diversi depositi di armi e munizioni ed eliminando numerosi terroristi. L’Esercito arabo siriano liberava Jabal al-Tunutur, ad ovest di Suqanah, entrando da sud-ovest nella città, catturando diverse fortificazioni del SIIL. Le forze governative siriane hanno liberavano a sud di Raqqah la regione di Sabaqah e i villaggi Huija Shanan, Rahbi, Sabaqah, Jabaliya e Rabiyah, sul fiume Eufrate, eliminando 330 autoveicoli, 3 carri armati, 11 pezzi d’artiglieria, 12 centri di comando e 3 depositi di armi del SIIL.
Il 3 agosto, Esercito arabo siriano e forze curde creavano un centro operativo congiunto per coordinare le operazioni antiterrorismo a Raqqa e Dair al-Zur. Rizan Hadu, politico curdo-siriano, osservava che i colloqui tra il governo siriano e le forze curde, “Avranno un effetto positivo sul coordinamento militare in diversi centri e ci accompagneranno nell’avventurosa avanzata per liberare dal SIIL Raqqa e spezzare l’assedio di Dair al-Zur“. Secondo il giornale “al-Aqbar”, diverse questioni contribuivano all’accordo, come le tensioni con i turchi ad Ifrin e le differenze tra statunitensi e curdi su al-Tanaf. Nel frattempo un altro gruppo del Jaysh Muquir al-Thura dell’esercito libero siriano, si consegnava all’Esercito arabo siriano presso la regione al-Tanaf, a sud di Homs. Le forze siriane attaccavano le posizioni del SIIL presso Dair al-Zur, ad al-Baqaliyah e Tal Alush, distruggendo diverse posizioni ed eliminando numerosi terroristi. Nel frattempo, l’artiglieria dell’Esercito arabo siriano bombardava la base del SIIL nel quartiere al-Rasafah di Dair al-Zur, distruggendola. Alcuni capi del SIIL venivano eliminati da ignoti nel quartiere al-Susah di Dair al-Zur e ad al-Buqamal, tra essi Abu Safiyah al-Qundari e Faysal al-Shamari. I soldati siriani respingevano diversi attacchi del SIIL nei pressi del Jabal al-Shumariyah, ad est di Homs, e nei pressi di Maqsar al-Hasan, Tal Hua e Jub al-Jarah. Le forze armate siriane avanzavano di 30 km lungo le rive meridionali del fiume Eufrate, a sud-est di Raqqa, liberando al-Ziyabiyah, al-Mastahah, Shamarah e Islam. Il gruppo terroristico Jabhat al-Nusra lasciava il Jarud al-Arsal mentre Hebzollah liberava Hasan al-Qarbah, Musharaf, Aqabah Nuh Asanayn e Wadi al-Zahr. L’esercito turco e i gruppi terroristici affiliati attaccavano le SDF a Tal Rafat, Shahba, Samuqah, Tal Maziq, Harbal e Tal Jihan, a nord di Aleppo.
Il 4 agosto, negli scontri tra i terrori del SIIL ad al-Buqamal, a sud-est di Dair al-Zur, venivano eliminati numerosi terroristi, tra cui Abu Shadi al-Jilani, un noto capo del SIIL. 2 capi di Ahrar al-Sham venivano eliminati a sud-ovest di Aleppo, Abu Uthman al-Hamwi e Abu Shuayb al-Hamwi, mentre l’EAS liberava Tal Sanubarat, Tal Mahruqat e al-Amara, presso Aleppo, e distruggeva 2 carri armati dei terroristi presso Tal Bazu, nella periferia sud-occidentale di Aleppo. Le truppe dell’Esercito arabo siriano e la SAAF bombardavano le linee del SIIL a Panorama, al-Umal e al-Ayash, a Dair al-Zur, eliminando decine di terroristi, e liberavano la regione di al-Maqabar, tagliando le linee dei rifornimenti dei terroristi tra Jabal al-Thardah e caserma Junayd. Nel frattempo, l’artiglieria dell’EAS bombardava le posizioni del SIIL nel Wadi al-Thardah, Huayja Saqr, al-Marayah, Tal Alush e al-Baqaliyah, eliminando numerosi terroristi e loro mezzi.
Il 5 agosto, l’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco di Hayat Tahrir al-Sham ed Esercito libero siriano (ELS) su Dahrat al-Aliya, a nord di Hama, distruggeva 1 carro armato e 1 blindato dei terroristi presso Tal Bazam, e bombardava le posizioni dei terroristi presso Man, Muraq e Lahaya. L’Esercito arabo siriano liberava al-Dubaiya e Wadi al-Sut al confine siriano-giordano. Hezbollah annunciava che i terroristi di Hayat Tahrir al-Sham aveva lasciato il Jarud al-Arsal. La SAAF bombardava le posizioni del SIIL a Qatamal e Um Tuayna, ad est di Homs, distruggendo 2 depositi di droni da ricognizione, autoveicoli, armi, carri armati, razzi e proiettili di artiglieria. Le unità dell’EAS respingevano l’attacco del SIIL su al-Maqabar, e bombardavano le fortificazioni dei terroristi a Tal Baruq, al-Qanamat e Tal Alush, a Dair al-Zur. L’Esercito arabo siriano liberava al-Hajanah, ad ovest di al-Suqanah, e bombardava le posizioni del SIIL presso al-Hayl, infliggendo notevoli perdite ai terroristi. I soldati dell’EAS entravano ad al-Suqanah liberando il Jabal al-Tantur, a nord-est della città, il Bazar al-Suqanah e la strada al-Suqnah-Ruz al-Wahash, dopo aver respinto l’attacco del SIIL distruggendo 3 loro autoveicoli. Il capo della sicurezza del SIIL ad Uqayrabat, ad est di Hama, Abu Qays al-Salbui, veniva eliminato da sconosciuti, mentre le truppe dell’Esercito arabo siriano e la Liwa al-Quds avanzavano ad est di al-Salamiyah, eliminando numerosi terroristi, e la SAAF bombardava le fortificazioni del SIIL a Junb al-Albui, Abu Hanaya, Salba e Abu Habilat. L’Esercito arabo siriano avanzava su Ayn Tarma e Jubar, ad est di Damasco, liberando diversi edifici ad est di piazza al-Manashir, mentre la SAAF effettuava 16 attacchi aerei contro le fortificazioni di Faylaq al-Rahman e Hayat Tahrir al-Sham, bombardate anche da più di 60 razzi Burqan, distruggendo diversi tunnel, 1 centro di comando vicino la scuola al-Qansa e 1 deposito di armi dei terroristi. L’Esercito arabo siriano liberava Hardan, Salam al-Hamad, al-Atashana, Maqalat Qabir, Maqalat Saqir e al-Dama, a sud-ovest di Raqqa. L’Esercito arabo siriano e le Forze Nazionali di Difesa liberavano al-Suqanah, mentre la Quwat al-Nimr e le forze tribali governative liberavano Abu Hamad e Salim Hamad sull’Eufrate, a sud di Raqqa. Il 5.to Corpo dell’Esercito arabo siriano era entrato ad al-Suqanah da tre assi, sud, sud-ovest e sud-est, costringendo i terroristi dello Stato islamico a ritirarsi, mentre nei combattimenti veniva eliminato l’emiro del SIIL Muaiya al-Hadirimi al-Zabarjandi, facendo crollare le linee dei terroristi nella città. Nel frattempo gli aviogetti statunitensi effettuavano 44 incursioni su Raqqah, uccidendo almeno 90 civili, mentre le SDF bombardavano i quartieri Hisham ibn Abd al-Maliq, Nazlat al-Shahada e Masqan al-Saqar. el frattempo, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL ad Humimah, infliggendo gravi perdite ai terroristi.
Il 6 agosto, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL a Tal Alush, Tal Baruq, al-Qanamat, al-Maqabar, al-Tabani, al-Shamitiyah, al-Umal e al-Hamidiyah, a Dair al-Zur, eliminando numerosi terroristi e distruggendo 1 deposito di munizioni. Le truppe dell’esercito libanese liberavano diverse colline alla frontiera con la Siria, tra cui Tal Abu Ali e Tal Zalil al-Aqra, a Ras Balbaq, oltre a Tal Najasah e Tal Zanar nel Wadi Shabib. L’esercito libanese bombardava le posizioni del SIIL a Qirbat Davud, Ras al-Qaf, al-Washal, Jabal al-Muqayramah, Shamis al-Ash e Darb al-Arab, nel Ras Balbaq. Le truppe dell’Esercito arabo siriano eliminavano ad est di Hama, numerosi terroristi, tra cui Abu Isa al-Salbui, capo della sicurezza del SIIL di Uqayrabat, e liberavano Marimin, a sud-est di Ithriya. Le forze governative siriane liberavano Tal Abu Qulah, Zuhur Rasm al-Qun e Tul Milih, presso Suqanah.
Il 7 agosto, l’Esercito arabo siriano bombardava le posizioni del SIIL a Dair al-Zur, nelle regioni di al-Maqabar, Panorama, al-Baqaliyah, al-Mamal, Junayd, caserma Tamim, al-Umal, al-Hamidiyah, al-Tabani, al-Shamitiyah e al-Buytiyah, distruggendo un grande deposito di armi del SIIL ad al-Masrab. La SAAF bombardava le posizioni del SIIL ad Um Sahriaj, al-Tibah, Tuaynan e Humimah, al confine delle province di Dair al-Zur ed Homs, distruggendo diversi centri di comando, autoveicoli ed attrezzature dei terroristi. Inoltre, venivano bombardati i concentramenti del SIIL ad al-Qashabiyah, al-Fasadah, Abu Habilat, Jani al-Bui, Daqilah al-Shumali e Salba, ad est di Hama. L’Esercito arabo siriano liberava Sharidah Sharqi e Tishrin 6, sull’Eufrate, e bombardava le posizioni dei terroristi sul Jabal al-Buliyah, a Madan, al-Qamisah, al-Jabar e al-Namisahin, distruggendo diversi centri di comando del SIIL. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberava Manuq, a sud-est della regione di Jub al-Jarah, distruggendo diversi autoveicoli dei terroristi del SIIL. Le truppe dell’Esercito arabo siriano, respingevano gli attacchi del SIIL su Dair al-Zur, infliggendo notevoli perdite ai terroristi presso al-Baqaliyah, al-Maqabar e caserma del 137.mo Reggimento. Nel frattempo, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL nel quartiere al-Sinah, a Tal Alush e al-Jafrah. I gruppi terroristici dell’esercito libero siriano Jaysh al-Asuad al-Sharqi, Jayh Maquir al-Thura, Ahrar al-Sharqi e Jaysh al-Sharqi formavano un comitato che invocava l’attacco su Dair al-Zur da Shadadi, a sud di Hasaqah, e chiedeva agli Stati Uniti di sostenerli in una guerra contro le forze siriane e le Unità di protezione del popolo (YPG) curde. L’Esercito arabo siriano liberava al-Duayqilah, presso la stazione di pompaggio T2 e al-Humimah, nel sud-est della provincia di Dair al-Zur. Il SIIL poche ore dopo la liberazione di al-Suqanah, attaccava la città, ma veniva respinto con perdite pesanti, lasciando all’Esercito arabo siriano il pieno controllo della città. Il 5.to Corpo dell’Esercito arabo siriano avanzava a nord di al-Suqanah, verso al-Qum e Tibah, ed eliminando numerosi terroristi. Nel frattempo, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL a Um Sahrij, Um Tuayinah, Tuyinan e al-Shandaqiyah, distruggendo 1 centro di comando. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberavano 100 kmq nella provincia di Suwayda, tra cui Tal Asadi, Tal Jarin, Tal Rayahin e Bir al-Sabuni, avanzando su Bir al-Sut.
L’8 agosto, diversi terroristi venivano eliminati a Dara dall’esplosione di in un deposito di armi a Qatibah al-Mahjurah. Ad Ayn Tarma e Jubar, ad est di Damasco, il Faylaq al-Rahman attaccava le posizioni di Ahrar al-Sham ed occupava Mudira. Inoltre, Faylaq al-Rahman scacciava Ahrar al-Sham da Irbin e dalle posizioni a Qafr Batayna e Saqaba, oltre ad attaccare le posizioni dell’Hayat Tahrir al-Sham a Qafr Batayna, Hazah e al-Ashari. Il Jaysh al-Islam attaccava le posizioni del Faylaq al-Rahman ad al-Ashari, Bayt Sua e al-Aftaris. Nel frattempo, l’Esercito arabo siriano liberava piazze Manashir e Jaha, a Jubar. Le truppe dell’Esercito arabo siriano a Dair al-Zur distruggevano 2 centri di comando del SIIL nel quartiere al-Qasarat e bombardavano le posizioni del SIIL presso Panorama e nel Wadi al-Thardah. Aerei militari siriani e russi bombardavano le fortificazioni del SIIL ad est di Aqarib, eliminando decine di terroristi, mentre l’EAS respingeva l’attacco dell’Hayat Tahrir al-Sham ad ovest di al-Salamiyah, tra al-Satahiyat e Aydun. 5 autobombe di Jabhat al-Nusra venivano distrutte dall’EAS presso Jurin, a nord-ovest di Hama. L’Esercito arabo siriano accerchiava da ovest e da sud Madan, liberando diverse aziende agricole e insediamenti ad ovest della città, nel sud-est della provincia di Raqqa. Oltre 70 civili venivano uccisi o feriti dagli attacchi aerei degli Stati Uniti nella provincia di Dair al-Zur e a Raqqa.
Il 9 agosto, le truppe dell’Esercito arabo siriano respingevano l’attacco del SIIL sul Badiyah, tra le province di Homs e Dair al-Zur, nella regione di Humimah, distruggendo 11 autoveicoli. Terroristi del Faylaq al-Sham attaccavano le posizioni della liwa al-Huriyah dell’ELS sul Jabal al-Aqrad, a nord-est di Lataqia, uccidendone il capo Ahmad Jasam. Presso Humimah, nell’est della provincia di Hama, le forze siriane respingevano l’attacco del SIIL da tre direzioni su T2, eliminando almeno 80 terroristi ed 11 loro autoveicoli. L’Esercito arabo siriano liberava Qarab al-Qatana, a sud di Ithryia, sempre nell’est della provincia di Hama, eliminando 10 autoveicoli e 30 terroristi del SIIL, e a sud-est di Raqqa, gli aerei da combattimento siriani e russi bombardavano 5 posizioni del SIIL ad al-Suayda e a Madan. L’EAS bombardava le posizioni dei terroristi nei pressi di al-Daqilah, distruggendo 3 autoveicoli del SIIL. Le unità siriane respingevano i terroristi del SIIL da al-Muazafin, Panorama, Maqabar e al-Thardah, a Dair al-Zur, distruggendo le basi della ‘polizia islamica’ ad al-Qasarat e presso il vecchio aeroporto. Nel frattempo, l’artiglieria dell’Esercito arabo siriano bombardava le posizioni del SIIL ad al-Sinah, al-Jabilah e al-Maqabar, eliminando numerosi terroristi. La SAAF bombardava le posizioni del SIIL a Panorama e al-Baqiliyah. L’Esercito arabo siriano liberava Qa al-Sarat, Wadi al-Shab e le caserme della 133.ma, 143.ma e 154.ma Guarnigione, presso la frontiera con la Giordania, avanzando di 57 km nella provincia di Suwayda e quindi liberando l’intero confine Governatorato di Suwayda-Giordania. La base aerea di Jarah, ad est di Aleppo, veniva riattivata dalla SAAF che vi dispiegava gli aerei militari siriani e russi che effettuavano le diverse operazioni contro il SIIL ad est di Hama e a sud di Raqqa. L’Hayat Tahrir al-Sham radunava diverse organizzazioni terroristiche ad Idlib, tra cui Hizb al-Islami al-Turqistani e Suqur al-Sham. Gli attacchi degli aerei da combattimento degli USA uccidevano 36 civili nelle province di Raqqa, Dair al-Zur e Hasaqa. Nel frattempo, i terroristi del SIIL rimasti ad est di Salamiyah, fuggivano per evitare di essere accerchiati dall’Esercito arabo siriano che avanzava nelle province di Homs e di Hama. “Fuggono perché saranno presto senza dubbio circondati dalle nostre forze, che si collegheranno a Rasafah, tagliando le loro linee di rifornimento ad est di Salamiyah“.
Il 10 agosto, le forze armate siriane liberavano 20 isolati a Jubar e bombardavano le posizioni dei terroristi ad Ayn Tarma.

Trump, Israele ed Hezbollah

Wayne Madsen, SCF 08.08.2017Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, avido di due minuti di attenzione, ha dimostrato la totale ignoranza della situazione politica in Libano durante la visita alla Casa Bianca del primo ministro libanese Saad Hariri. Durante la conferenza stampa alla Casa Bianca, Trump osservava a un sorpreso Hariri e al pubblico televisivo libanese: “Il Libano è sul fronte della lotta contro SIIL, al-Qaida e Hezbollah”. Trump aveva ragione sul Libano che combatte Stato islamico e al-Qaida, ma con l’aiuto di Hezbollah, il movimento libanese sciita con cui il governo Hariri mantiene una fragile, ma matura intesa politica. Trump seguitava commentando: “Hezbollah è una minaccia allo Stato libanese, al popolo libanese e all’intera regione. Il gruppo continua ad aumentare l’arsenale e minaccia di avviare un altro conflitto con Israele, combattendo costantemente. Con il sostegno dell’Iran, l’organizzazione alimenta anche la catastrofe umanitaria in Siria. Hezbollah ama ritrarsi come difensore degli interessi libanesi, ma è molto chiaro che i suoi veri interessi sono quelli suoi e dello sponsor, l’Iran”. Dopo la riunione e la conferenza stampa con Trump, Hariri fu costretto a correggerlo per non affrontare la caduta del governo a Beirut. Hariri ha detto: “Combattiamo SIIL e al-Qaida. Hezbollah è al governo, fa parte del parlamento e abbiamo un’intesa”. Non c’è dubbio che Trump, influenzato dagli agenti israeliani come il genero Jared Kushner, non fu informato sul ruolo cruciale di Hezbollah nel sostenere il governo Hariri, volendo causare una crisi politica libanese. Fortunatamente, Hezbollah non è caduto nella trappola e nello scontro indotto dagli israeliani alla Casa Bianca. Ovviamente Kushner aveva informato Trump sulla necessità di attaccare Hezbollah. Subito dopo i commenti di Trump su Hezbollah, il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Tenente-Generale HR McMaster licenziava un membro indesiderato, Ezra Cohen-Watnick, residuo dall’ex-Tenente-Generale Michael Flynn al Consiglio di sicurezza nazionale. Dopo che Flynn fu licenziato da Trump nel febbraio 2017, McMaster tentò di cacciare Cohen-Watnick, che cercava di usare settori dell’Agenzia Centrale d’Intelligence e dell’Agenzia d’Intelligence della Difesa, dove aveva lavorato, per rovesciare il governo dell’Iran. La rete propagandistica israeliana negli Stati Uniti e all’estero iniziò a rilanciare il vecchio slogan dell'”antisemitsimo” per criticare McMaster e chiederne il licenziamento da Trump. Immediatamente, “voci” cominciarono a circolare alla Casa Bianca, provenienti dalla cerchia di Kushner, secondo cui Trump pensava di dimettere McMaster da consigliere della sicurezza nazionale e mandarlo a comandare le truppe statunitensi in Afghanistan, una mossa simile ad Adolf Hitler che inviava i generali tedeschi ribelli sul “fronte russo”. La banda di Kushner aveva anche suggerito che Trump sia stato ingannato sulla situazione in Libano da Hariri, accusato di collusione con Hezbollah, il presidente libanese Michel Aoun, alleato politico di Hezbollah, forze armate libanesi, il direttore della Direzione generale della sicurezza libanese Abas Ibrahim e le organizzazioni di lobbying libanesi a Washington DC, cercando di “vendere” un’“agenda pro-iraniana” in Libano e Siria. Solo i cabalisti esperti che compongono la lobby israeliana, dalla ricca tradizione di cospirazioni autentiche, potevano inventarsi tale complessa teoria della cospirazione fittizia per completare la loro retorica isterica sul Libano.
Con Cohen-Watnick fuori al Consiglio di Sicurezza Nazionale e il nuovo capo dello staff di Trump, l’ex-Generale dei Marines John Kelly, che cerca di limitare l’accesso di Kushner all’ufficio ovale e il suo coinvolgimento nelle decisioni politiche sul Medio Oriente, forse Trump potrà essere istruito sul documentato sostegno militare, logistico e d’intelligence d’Israele ai gruppi sunniti jihadisti in Siria che combattono contro i militari siriani e i volontari di Hezbollah e Iran. Tuttavia, Trump odia ascoltare consigli da chiunque ne sappia di più di lui sugli affari internazionali, ovvero chiunque possieda una laurea in scienze politiche o storia. La vicenda di Trump con Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti sulle sanzioni contro il Qatar, ideate ad Abu Dhabi piratando i computer della Qatar News Agency, ne è un esempio. L’intera vicenda sembra essere stata ideata da Kushner, irritato dopo che il Qatar respinse la sua richiesta di un investimento da 500 milioni di dollari per il suo centro direzionale al 666 Fifth Avenue di Manhattan, e dall’ambasciatore filo-israeliano e anti-Qatar degli EAU a Washington Yusif al-Utayba. Trump preferiva seguire i consigli di Kushner, dei sauditi e degli emiroti che quelli di McMaster e del segretario di Stato Rex Tillerson. Trump ovviamente agiva da vecchio playbook neocon incontrando Hariri. È vero, Hariri è da tempo considerato un politico sunnita filo-saudita, a Beirut. Ma Hariri è primo ministro grazie a un accordo di condivisione del potere negoziato accuratamente, che ha visto Aoun diventare presidente, Hariri primo ministro e Hezbollah sostenere l’accordo di unità nazionale. Mentre Trump non ha la minima cognizione seria della politica internazionale, lo stesso non è vero per agenti come Kushner ed alleati nella Casa Bianca. È probabile che tali elementi filo-israeliani cercassero una crisi politica in Libano, per favorire Israele. Hezbollah, che ha avuto impressionanti successi militari contro le forze militari israeliane e che è riuscito ad indurire i propri sistemi di telecomunicazioni dall’aggressione israeliana, non ha abboccato all’esca di Kushner. Hariri ha pubblicamente riconosciuto e lodato il ruolo di Hezbollah nella sconfitta militare di al-Qaida e delle forze jihadiste dello Stato islamico sul confine settentrionale del Libano, definendolo “un grande successo”. Hariri dichiarava: “Abbiamo il nostro parere ed Hezbollah ha il suo, ma alla fine abbiamo un consenso col popolo libanese nell’economia, la sicurezza e la stabilità”. Il leader di Hezbollah, Nasrallah, evitava la trappola israeliana e wahhabita. Piuttosto che denunciare Trump per i commenti mal informati su Hezbollah, Nasrallah ha semplicemente detto che l’avrebbe evitato per non danneggiare Hariri e il suo entourage. Le parole di Hariri e il “no comment” di Nasrallah irritavano gli israeliani e i loro alleati wahhabiti a Riyad e Abu Dhabi, speranzosi di sconvolgere il quadro politico a Beirut.
Da anni israeliani e sauditi tentano d’imporre un governo radicale sunnita in Libano. I servizi d’intelligence di entrambi i Paesi sono coinvolti nell’assassinio con un’autobomba a Beirut, nel novembre 2005, del padre di Hariri, l’ex-primo ministro Rafiq Hariri. Ciò fu confermato da un comitato delle Nazioni Unite guidato dall’ex-procuratore canadese Daniel Bellemare, che concluse che Rafiq Hariri fu assassinato da una “rete criminale”, non dall’intelligence siriana o da Hezbollah, come spacciato dalla propaganda neocon attiva a Washington DC e Gerusalemme. Infatti, l’intelligence libanese accertò che l’assassinio di Hariri e altre 22 persone fu opera di agenti siriani, drusi e palestinesi attivi in Libano agli ordini del servizio d’intelligence israeliano del Mossad. L’intera operazione fu progettata per attaccare Hezbollah, Siria ed alleati cristiani libanesi. Gli israeliani cercavano un casus belli per giustificare l’attacco occidentale alla Siria. La guerra con la Siria fu sospesa fino alla decisione errata dell’amministrazione Obama di sostenere le rivolte “arabe” in tutto il mondo arabo secolare. Trump, scientemente o inconsapevolmente, ha tentato di lanciare una bomba a tempo politica in Libano con i suoi commenti su Hezbollah. La politica libanese è maturata notevolmente dal 2005 ed Hezbollah, Hariri, Aoun e altre legittime voci politiche libanesi non cadranno mai nella trappola tesa da Gerusalemme, Riyadh e think tank israeliani a Washington.

Ezra Cohen-Watnick

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora